Imprese e occupazione in provincia di Bergamo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Imprese e occupazione in provincia di Bergamo 2008-2011"

Transcript

1 Imprese e occupazione in provincia di Bergamo Imprese e unità locali, addetti e dipendenti nei registri statistici e amministrativi e nelle stime campionarie Servizio Documentazione economica della Camera di Commercio di Bergamo 23 gennaio 2012

2 In vista dei risultati dell indagine sulla congiuntura economica nell ultimo trimestre del 2011 che saranno oggetto di una nota all inizio di febbraio e per documentare il contesto in cui si collocano le previsioni sulla domanda di lavoro del primo trimestre 2012 pubblicate di recente, presentiamo una ricognizione statistica su imprese e occupazione in provincia di Bergamo nel periodo Si tratta di un quadro inevitabilmente disorganico e parziale nel quale trovano posto elementi eterogenei di una prima base informativa pubblica che riguardi non solo le imprese, oggetto di sistematica attenzione da parte della Camera di Commercio, ma anche i potenziali occupazionali che da esse dipendono. Il lavoro proseguirà nei prossimi mesi in collaborazione con la Provincia di Bergamo e verrà completato dai risultati del IX Censimento generale dell Industria e dei Servizi e delle Istituzioni, comprese quelle Non profit, le cui attività saranno coordinate a Bergamo dalla Camera di Commercio nel corso del

3 L aggravarsi della crisi nell area Euro e in Italia solleva diversi interrogativi sulla tenuta e le prospettive del sistema economico e occupazionale della provincia. Le informazioni di cui disponiamo per un monitoraggio tempestivo della crisi in ambito locale sono però limitate ai dati amministrativi sulle imprese (il Registro Imprese dal quale deriva il Movimprese) e ai risultati delle indagini campionarie (l Indagine trimestrale sulla congiuntura o la rilevazione sulle forze lavoro di Istat da cui derivano con un ritardo di oltre un anno stime molto approssimative su occupati e disoccupati in provincia) 1. Altre informazioni, sui temi di cruciale importanza del mercato del lavoro, riguardano in genere dati di flusso (avviamenti, iscrizioni alle liste di mobilità, aperture di situazioni di crisi aziendale, ) senza riferimento agli stock, cioè ai livelli da cui proviene e verso cui si sta muovendo, in cerca di un nuovo equilibrio, la struttura produttiva locale. In questo documento viene abbozzata, senza alcuna pretesa di imporre continuità e coerenza a informazioni necessariamente eterogenee, una ricognizione statistica della struttura del sistema produttivo (lo stock di imprese e occupazione) in provincia di Bergamo sulla base di: - dati non tempestivi ma certi e pienamente affidabili da un punto di vista statistico su imprese, unità locali e relativi addetti (derivano dall Archivio Statistico delle Imprese Attive e delle Unità locali ASIA di Istat aggiornato con dati medi annui al 2009); - informazioni di fonte amministrativa (INPS) molto dettagliate sui dipendenti che lavorano in provincia di Bergamo (Osservatorio INPS sui lavoratori dipendenti, aggiornato al 2010) e una parte del lavoro autonomo o parasubordinato (INPS, 2010); - stime parziali sul 2011 formulate a partire dai dati e dalle indagini della CCIAA di Bergamo (indagini congiunturali; indagine Excelsior sulla domanda di lavoro) e da informazioni varie disponibili, anche per ambiti territoriali più ampi della provincia, all inizio del La grande recessione del 2009 L impatto sulla struttura produttiva di Bergamo dell anno orribile della crisi emerge con precisione dal registro statistico di imprese e unità locali (ASIA) che Istat costruisce incrociando tutte le fonti amministrative sulle imprese e le sue stesse indagini, in base a criteri definiti a livello Eurostat. E la base dati più importante e accurata, anche perché consente di osservare il sistema produttivo locale (al netto dell agricoltura e del settore pubblico ma con l inclusione dei liberi professionisti) dal duplice punto di vista delle unità giuridiche - le imprese alla cui sede principale possono far capo filiali e dipendenti sparsi in tutta Italia (non all estero però) e delle unità locali. Queste ultime sono le unità produttive fisicamente presenti nel territorio: i loro addetti corrispondono ai posti di lavoro effettivamente disponibili in provincia anche quando occupati da persone residenti altrove. Sono definite attive in ASIA le imprese e relative unità locali che esercitano effettivamente un attività economica per almeno 6 mesi nell anno e impiegano almeno un addetto (dipendente o indipendente). 1 I report sono disponibili in Informazione economica; studi e pubblicazioni 3

4 Se raffrontiamo i dati medi annui, le imprese (Riq.1) attive con sede principale a Bergamo che erano ancora in crescita nel 2008 (86.891) rispetto al 2007 (86.514) diminuiscono nel 2009 a In un anno se ne perdono 330 (-0,4%). La perdita in termini di unità locali è ancora più netta: da unità operative sul territorio della provincia nel 2008 si passa a : in un anno 718 in meno, pari al -0,8%. La crisi ha dunque comportato la scomparsa di un numero significativo di imprese bergamasche e una più che proporzionale riduzione di unità locali, facenti capo a imprese di Bergamo o con sede in altre province d Italia. Dal punto di vista dell occupazione complessiva, gli addetti delle imprese con sede principale a Bergamo (compresi quindi i lavoratori di eventuali filiali fuori provincia) scendono da nel 2008 a , con un saldo negativo di unità (in stragrande maggioranza dipendenti), pari al -2,3%. La diminuzione dei posti di lavoro sul territorio è solo di poco meno intensa: dai addetti alle unità locali del 2008 si passa a nel 2009,con un saldo negativo di unità pari al- 2,1%. Per gli addetti alle unità locali non è disponibile la disaggregazione per posizione nella professione, ma in analogia con il dato delle imprese, si può stimare che i dipendenti siano all incirca tre su quattro. Riquadro 1 Veniamo ai settori economici, limitandoci al dato delle unità locali e relativi addetti che risente meno della volatilità dovuta ai possibili trasferimenti giuridici delle sedi di impresa da una provincia all altra, rilevanti soprattutto quando si tratta di grandi imprese con molti addetti. (Riq.2 e tab. 2 dell allegato) 4

5 La recessione nel 2009 ha colpito pesantemente tre settori: le attività manifatturiere, l edilizia e i servizi di trasporto e magazzinaggio che insieme perdono oltre 12mila addetti. Le attività manifatturiere hanno perso in un anno 577 unità locali (-4,6%) e addetti (-4,4%), il settore dell edilizia 512 unità locali (-2,6%) e addetti (-6,3%), i trasporti e magazzinaggio 69 unità locali (-2,4%) e addetti (-7,8%). Per quanto riguarda il settore dei servizi di supporto alle imprese, in lieve calo di addetti, va ricordato che esso comprende anche le agenzie di somministrazione e quindi i lavoratori interinali che da esse dipendono. Riquadro 2 Nel settore del commercio (all ingrosso, al dettaglio e agenti e intermediari) alla riduzione delle unità locali (315 in meno pari al -1,5%) non ha corrisposto una perdita dell occupazione che è di poco aumentata (+367 addetti pari al +0,6%). Il che si spiega, come si vedrà nel seguito, con la differente dinamica dei piccoli esercizi e dei lavoratori autonomi del commercio rispetto alla tenuta occupazionale della grande distribuzione. Negli altri settori dei servizi l occupazione cresce anche nel 2009, in particolare nelle altre attività di servizi (+653 addetti pari al +8,4%), nelle attività finanziarie e assicurative (+863 addetti pari al +7,5%), nella sanità e assistenza sociale (+739 5

6 pari al +6%) e in misura apprezzabile anche nelle attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento. Cresce moltissimo anche il settore delle utilities (fornitura di energia elettrica, gas, acqua, gestione rifiuti) sia con riguardo alle non moltissime unità locali che per il tasso di variazione degli addetti. I servizi di ristorazione e alloggio sono pressoché invariati così come le attività immobiliari e quelle di noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese Nel confronto con unità locali e addetti a livello regionale e nazionale (Riq. 3 e tab.3 dell allegato) si osserva che: - la diminuzione delle unità locali a Bergamo (-0,8%) è allineata con il dato della Lombardia (-0,7%) e migliore del dato Italia (-1,3%); - il calo degli addetti, nel complesso simile alla media regionale e nazionale, è più marcato a Bergamo nel trasporto e magazzinaggio e nelle costruzioni ; - la contrazione degli addetti della manifattura è analoga alla media lombarda e migliore rispetto al dato nazionale; - nei servizi l occupazione cresce a Bergamo, più che in Lombardia e in Italia, nella finanza e assicurazioni, nella sanità e assistenza sociale e anche nelle attività artistiche, dello spettacolo, sport e intrattenimento e nelle attività professionali, scientifiche e tecniche. Migliori risultati per Bergamo anche nelle altre attività dei servizi. Riquadro 3 Dei molti spunti di analisi suggeriti dai dati dei registri statistici, meritano di essere sottolineati quelli riguardanti le caratteristiche dimensionali in termini di dipendenti - delle imprese e i contributi occupazionali della nati-mortalità netta d impresa e della variazione delle imprese esistenti. Nel 2009 le imprese senza dipendenti sono pari al 64,6% sul totale di La loro quota in termini di addetti (in questo caso si tratta solo di lavoratori 6

7 indipendenti) è inferiore al 17%. Le imprese con dipendenti fino a un massimo di 10 sono poco meno del 30% e occupano il 26,7% degli addetti.. Meno di 6 imprese su 100 impiegano più di 10 dipendenti ma danno lavoro a ben due terzi degli addetti totali: oltre 83mila in imprese tra 10 e 50 dipendenti, 67mila tra 50 e 250 e poco meno di 79mila nelle imprese di dimensione maggiore (Riq. 4). Riquadro 4 La variazione tra 2008 e 2009 degli addetti alle imprese (-9.555) è negativa nelle dimensioni intermedie, soprattutto nelle imprese tra 10 e 250 dipendenti che calano del -5,9% in termini di addetti. E marginalmente positiva (+0,2%) nelle imprese senza dipendenti, cioè con soli lavoratori autonomi, ma con dinamiche opposte tra servizi di commercio e ristorazione (-536, pari al -2,7%) e gli altri servizi. Gli addetti crescono poi nelle grandi imprese, tranne che nella manifattura. (Riq. 5 e Tab. 5) 7

8 Riquadro 5 La scomposizione del saldo complessivo degli addetti dovuto alle imprese nate/cessate 2 e a quelle compresenti e attive nel 2008 e 2009 (Riq. 6), evidenzia che il grosso del calo occupazionale ( addetti, -1,8%) è attribuibile alla riduzione dell occupazione di quelle in attività, ma è rilevante anche l occupazione persa ( , pari al -0,5%) nel saldo tra imprese nuove entrate e uscite, soprattutto nell edilizia dove la metà della riduzione degli addetti è dovuta alla nati-mortalità negativa e nel commercio e ristorazione dove il saldo occupazionale negativo della nati-mortalità (-731) è compensato dall aumento occupazionale (+797) delle imprese compresenti e in particolare delle più grandi. Riquadro 6 2 Le imprese (o unità locali) nate e cessate sono in realtà una stima approssimata per eccesso in base a posizioni con codici identificativi non più presenti nell anno successivo o non ancora presenti nell anno precedente che possono includere anche trasformazioni giuridiche o subentri senza interruzione effettiva della continuità aziendale. 8

9 Nel 2008 la variazione complessiva annua degli addetti delle imprese era stata già lievemente negativa (-877, pari al 0,2%) ma con un contributo positivo delle imprese compresenti (+454 pari al +0,1%) e un saldo negativo della nati-mortalità ( pari al -0,3%). Un elaborazione specifica (Riquadro 6 bis) è stata realizzata sulle posizioni delle unità locali attive in provincia nel 2008 e nel 2009 e consente, in analogia a quanto appena visto per le imprese, una stima del contributo occupazionale delle unità locali compresenti (poco meno di 5mila addetti in meno) e dei flussi netti della natimortalità (negativi per addetti). Riquadro 6 bis Le posizioni compresenti sono state classificate anche in base alla variazione (positiva, negativa o nulla) degli addetti tra 2008 e Si osserva che: - una quota molto elevata (oltre il 55%) delle unità locali non registra alcuna variazione nel numero di addetti; si tratta in larga misura di posizioni di lavoro 9

10 autonomo, con uno o pochi addetti in prevalenza indipendenti e quindi con scarsa o nulla elasticità occupazionale -, presenti soprattutto nelle attività dei servizi e dell edilizia; nell industria in senso lato la quota delle posizioni con occupazione invariata scende al 32,8 per cento; - la riduzione complessiva dell occupazione nelle unità locali presenti sia nel 2008 che nel 2009 deriva da un saldo negativo tra posizioni con calo di addetti (il 16,4 per cento delle unità locali che determina una perdita di oltre 30mila addetti) e un numero comunque considerevole di unità locali (il 15,6 per cento del totale) che, anche nell anno più nero della crisi, aumentano l occupazione creando oltre 25mila posti di lavoro, un contributo peraltro insufficiente a sostenere l occupazione complessiva intaccata in modo consistente anche dal saldo della nati-mortalità che distrugge altri 2mila posti di lavoro nell industria e più di 2mila nell edilizia; - nell industria in senso lato i movimenti di contrazione ed espansione nel pieno della crisi sono significativamente ampi: aziende perdono oltre 10mila posti di lavoro (che si aggiungono ai 2mila del saldo negativo tra imprese che aprono e imprese che chiudono) ma ve ne sono 3mila che generano poco meno di 7mila nuovi posti di lavoro nel corso del 2009, un dato importante per stimare, anche se in modo parziale e su un arco di tempo limitato, i flussi di lavoratori che si muovono nell ambito del manifatturiero anche in una fase di massima flessione del ciclo. - Anche nei servizi, pur in presenza di una maggioranza di (micro)imprese con occupazione invariata, le unità in crescita di addetti sono una quota significativa (17,5% nel commercio e turismo e intorno al 12% nei restanti servizi) e superiore a quella delle posizioni in calo di addetti; nei servizi alle imprese la riduzione di addetti è complessivamente superiore alla crescita occupazionale. 10

11 Gli ambiti sub provinciali Per quanto riguarda unità locali e addetti si osservano dinamiche differenziate negli ambiti sub provinciali (Cartografie alle pagine seguenti e Tab.7-8 nell allegato), significative in termini di addetti, cioè di posti di lavoro presenti sul territorio, piuttosto che di unità locali. La riduzione degli addetti è abbastanza generalizzata. Fanno eccezione: l area del capoluogo (comprendente anche Orio, Grassobbio, Alzano, Nembro, Curno ), che tiene (+0,2) grazie ad una compensazione tra posti di lavoro persi tra industria ed edilizia e aumento dei servizi, e alcuni ambiti delle Valli (Brembilla, Val di Scalve, ambiti di Ardesio e di Averara). Perdite cospicue, relative e in assoluto, si registrano nell Isola ( pari al -4,1%), nell ambito di Treviglio ( pari al -3,6%), in quello di Romano ( pari al - 7,8%) e nell ambito Albino Leffe (-867 pari al -4%). In termini relativi la flessione più marcata avviene nell ambito di Serina ma cali importanti, intorno al 4%, riguardano anche gli ambiti di Sarnico, Valle Calepio, Endine e Lovere. Nel sottoinsieme delle attività manifatturiere, perdite occupazionali rilevanti si registrano nell area Albino- Leffe (-1.155, pari al -10,7%), nell ambito di San Pellegrino e in molte altre aree pedecollinari e della pianura. Nell edilizia spicca la riduzione degli addetti nell area di Romano (-18,3). Mediamente le perdite sono più accentuate in pianura mentre in diversi ambiti delle Valli gli addetti edili sono in aumento. Nei servizi di commercio, alloggio e ristorazione si notano le divergenze territoriali più marcate. Ad una buona crescita occupazionale nell ambito di Bergamo e dintorni (+2%) e nelle zone dell Isola e di Calcio si contrappongono riduzioni sia in aree della montagna che della pianura. I servizi alle imprese (aggregazione eterogenea di attività che vanno dalle immobiliari alla finanza, dai trasporti alle agenzie interinali, servizi di pulizia, ict, ecc.) registrano spunti interessanti nell ambito Albino e Leffe (+9%) e nell area di Bergamo che aumenta di oltre mille addetti. Riduzioni notevoli, che possono anche essere dovute a singole dismissioni o trasferimenti, emergono negli ambiti di Serina e dell Isola. Negli altri servizi (sanità e assistenza sociale, istruzione e altri servizi alle persone) si concentra la maggior parte della crescita occupazionale con variazioni assolute di spicco a Bariano, Treviglio, Endine e Val Calepio. 11

12 12

13 13

14 La ripresa senza occupazione del 2010 La ripresa del ciclo economico si avverte nell industria secondo le indagini congiunturali - a partire dalla seconda metà del 2009 ma non si traduce in occupazione. Le imprese, soprattutto quelle manifatturiere, hanno affrontato la caduta della domanda del 2008/2009 bloccando, rinviando o riducendo al minimo le assunzioni e/o facendo largo uso della Cassa integrazione, anche in deroga, o, nei casi più critici, ricorrendo alla messa in mobilità dei lavoratori. L osservatorio sui lavoratori dipendenti dell INPS consente di valutare come è variato, su base mensile e annuale, lo stock dei lavoratori a libro paga dipendenti nei settori economici privati non agricoli assicurati presso l INPS e il cui luogo di lavoro è in provincia di Bergamo. E di recente pubblicazione (www.inps.it) l aggiornamento per gli anni L unità statistica è rappresentata dal lavoratore che ha avuto almeno un versamento contributivo per lavoro dipendente nel corso del mese (per la Sezione lavoratori dipendenti nel mese) o dell anno 3 (per la Sezione lavoratori dipendenti, retribuzioni e periodi retribuiti nell anno). La fonte dei dati è l archivio amministrativo delle denunce retributive mensili (Emens). Rispetto ai dati di Istat è diverso non solo il campo di osservazione ma anche l unità di riferimento 4. In compenso l informazione INPS è molto ricca in termini di caratteristiche personali e tipologie contrattuali e di scansione temporale, anche se non priva di incongruenze di origine amministrativa. Lo stock di dipendenti che lavorano in provincia di Bergamo,dopo essere aumentato di circa 12mila unità dal 2006 al 2008 è tornato poco al di sotto dei livelli del 2006, con 337mila dipendenti che hanno lavorato nel corso del 2010 (Riq.7). La perdita occupazionale lorda ( , un saldo lontano dalla più affidabile stima dei registri statistici a causa della enfatizzazione anagrafica delle singole unità di lavoro) è concentrata nel 2009, mentre il 2010 è stato complessivamente un anno di stagnazione dell occupazione dipendente. In termini di giornate retribuite nell anno, una misura approssimativa dell input di lavoro dipendente, la caduta del 2009 è ancora più accentuata (-5,6%) così come lievemente più marcata la ripresa del 2010 (+0,4%). 3 Il numero dei lavoratori è la somma delle unità statistiche (indica le teste indipendentemente dal tipo di contratto e dalla sua durata, cioè tutti i lavoratori che abbiano avuto almeno un versamento contributivo per lavoro dipendente nel corso del mese o dell anno di riferimento). Lo stock nel mese diverge pertanto da quello, più ampio, conteggiato nell intero anno. In Lombardia, ad esempio, i lavoratori dipendenti assicurati INPS sono pari a nel mese di dicembre 2010 e nell anno La differenza, ad esempio, dei saldi occupazionali del 2009 tra Asia Unità Locali di Istat e Inps è dovuta al fatto che Inps non solo limita l osservazione ai lavoratori dipendenti ma anche conteggia le persone indipendentemente dalla durata del rapporto di lavoro mentre Istat calcola il numero medio annuo di addetti. Pertanto quattro diversi dipendenti assunti in ciascun trimestre dell anno con contratto di tre mesi contano 4 per INPS e 1 per Istat. 14

15 Riquadro 7 L invarianza del saldo complessivo dei dipendenti INPS del 2010 (+77) risulta da dinamiche fortemente contrapposte a livello settoriale e di tipologia contrattuale. (Riq. 8 e 9) Anche nel 2010 sono diminuiti i dipendenti dell industria (-3.946) e delle costruzioni (-1.673) mentre sono aumentati in tutti i comparti dei servizi, esclusa l istruzione (settore peraltro in cui nomine annuali e supplenze rendono poco definibile il dato di stock). I lavoratori con contratto a tempo indeterminato sono diminuiti ( nel 2010, dimezzando la perdita dell anno precedente) mentre sono aumentati ( ) i lavoratori con contratto a tempo determinato, il cui livello (46.628) si è riportato sui valori pre-crisi. 15

16 Riquadro 8 16

17 Riquadro 9 17

18 Nel confronto con le altre aree territoriali (Riq.10), la stazionarietà degli addetti a Bergamo nel 2010 è comunque un risultato migliore rispetto ai cali a Milano, a Brescia e in genere in Lombardia (-0,6%) e in Italia (-0,3%), dopo un risultato nel 2009 nettamente peggiore (-3,6%) rispetto alla media regionale (-2,4%) e nazionale (- 1,3%). Riquadro 10 L impatto occupazionale della crisi è stato settorialmente specifico (industria ed edilizia) e concentrato sui lavoratori dipendenti giovani, più presenti (un quinto circa dei lavoratori con meno di 30 anni) nelle tipologie contrattuali del tempo determinato, le più colpite dal blocco o dal rinvio delle assunzioni. Lo stock dei dipendenti con meno di 30 anni si è ridotto del 3,8% già nel 2008, del 11,4% nel 2009 e ancora nel 2010 la riduzione seppur meno intensa è proseguita (-3,7%). Tra 2006 e 2010 i lavoratori giovani si riducono di oltre 16mila unità. Anche per effetto dello scorrimento delle coorti demografiche, la riduzione delle classi di età più giovani, compresa quella dei trentenni, si accompagna a un ampliamento delle classi di età più anziane, soprattutto degli ultracinquantenni che tra 2006 e 2010 aumenta di oltre 13mila unità. (Riq. 11) L invecchiamento progressivo della popolazione dei lavoratori dipendenti è una tendenza strutturalmente presente anche nei dati medi regionale e nazionale. La risalita nel 2010 dei contratti a tempo determinato si accompagna ad un aumento (+11%) dei giovani non ancora trentenni assunti con questa tipologia di rapporto di lavoro mentre tra i lavoratori standard, cioè a tempo indeterminato i giovani continuano a diminuire anche nel

19 Riquadro 11 I dipendenti maschi hanno pagato la crisi del 2009 (-4,7%) più che le donne (-2%) e diminuiscono di poco (-0,3%) anche nel 2010 mentre le dipendenti femmine crescono di mezzo punto percentuale. (Riq 12 e Tab. 14 dell allegato) Dopo una battuta d arresto nel 2009, il 2010 ha registrato un aumento del lavoro a part-time fino a interessare, forse più per necessità che per scelta, il 21,3% dei dipendenti totali ma ben il 41,9% tra le donne. 19

20 Riquadro 12 20

21 La dinamica mensile dei lavoratori dipendenti La sezione dell Osservatorio INPS sui lavoratori dipendenti nel mese (con valori medi inferiori al dato annuale per le modalità di calcolo pro capite già ricordate) illustra con nitidezza l andamento del ciclo economico e i tempi di reazione dell occupazione ai suoi punti di svolta. La caduta dell occupazione dipendente a Bergamo è iniziata nell estate 2008 (Riq. 13). Dopo aver raggiunto un picco ( dipendenti) nel mese di giugno, si osserva una flessione stagionale (che tipicamente raggiunge il suo minimo ad agosto) più pronunciata del solito ma non il rimbalzo, altrettanto consueto, dei mesi di settembre e ottobre. Da lì in poi lo stock dei dipendenti si contrae fino a toccare il punto di minima ( dipendenti medi nel mese) ad agosto Nell arco di poco più di un anno i dipendenti (calcolati anagraficamente ) si riducono tra i punti di massima e minima di 23mila unità. Negli ultimi mesi del 2009 la caduta dell occupazione si arresta e si mette in moto un recupero di circa 10mila unità. A fine 2010, ultimo dato disponibile, lo stock medio mensile si porta a unità, 5mila in più sul dicembre 2009, 7mila in meno sul dicembre 2008, 10mila circa in meno rispetto a dicembre Nelle attività manifatturiere, dove l occupazione dipendente era cresciuta moderatamente fino a toccare il massimo ( dipendenti) a giugno 2008, la successiva caduta dell occupazione si protrae fino all inizio del 2010 (il minimo di dipendenti viene toccato a marzo 2010) per poi accennare una debole risalita fino ai dipendenti a dicembre Riquadro 13 21

22 La ripresa nel corso del 2010 ha interessato più prontamente i rapporti di lavoro a tempo determinato che a fine 2010 si sono riportati ai livelli pre-crisi, mentre lo stock dei lavoratori a tempo indeterminato si stabilizza nel corso del 2010 e accenna un recupero a fine anno. (Riq 14) Riquadro 14 22

23 I dati INPS consentono anche di quantificare gli stock delle componenti di lavoro domestico, lavoro parasubordinato, del lavoro autonomo di artigiani e commercianti e dei lavoratori agricoli (operai e lavoratori autonomi). Riquadro 15 I lavoratori domestici aumentano o, per meglio dire, emergono nel 2009 grazie alla regolarizzazione degli stranieri che ne costituiscono la stragrande maggioranza. Nel 2009 lo stock quasi raddoppia rispetto al 2008 con iscritti alla gestione INPS. Di questi (l 88%) sono cittadini stranieri e in prevalenza donne. Nel 2010 si osserva invece una loro riduzione, a poco meno di 13mila. (Riq. 15) In provincia di Bergamo i lavoratori parasubordinati (filtrati sui soli collaboratori esclusivi, cioè non titolari di altro lavoro o contribuzione) aumentano di poco tra 2009 e 2010: da a (+1,5% contro un aumento del 6,1% in Lombardia e un calo in Italia del -1,9), ma con una ricomposizione tra le due categorie più numerose: gli amministratori in calo del 4,3%, i collaboratori a progetto in aumento del 4,1% (molto meno che in Lombardia dove l incremento è stato del 12% e poco meno che in Italia). Aumentano significativamente anche gli associati in partecipazione (Riq. 16 e Tab 15 nell allegato) 23

24 Riquadro 16 Nell area del lavoro autonomo (Riq. 17), andamenti differenziati tra artigiani (da due anni consecutivi i titolari diminuiscono a Bergamo, anche se meno che in Lombardia e in Italia) e commercianti (titolari in aumento del +1,3% nel 2010 dopo un semplice rallentamento al +0,6% nel 2009). Riquadro 17 24

25 I collaboratori familiari si riducono costantemente tra gli artigiani, mentre tra i commercianti risultano ancora nel 2010 in lieve aumento. Nel lavoro in agricoltura (Riq 18 e tab 16 nell allegato), prosegue anche a Bergamo la tendenza a un ridimensionamento del lavoro autonomo che scende persone nel 2010 e ad un lento ma progressivo incremento dei salariati (2.591 operai nel 2010) Riquadro 18 25

26 L archivio SMAIL - integrazione tra dati INPS e Registro Imprese L archivio statistico SMAIL Sistema di monitoraggio annuale delle imprese e del lavoro integra i dati INPS con le posizioni attive nel registro imprese (agricoltura compresa). Nel risultante campo di osservazione vengono distinte le posizioni di lavoro interinale e ridimensionate le consistenze di lavoro dipendente in alcuni settori (come ad esempio l istruzione e le attività immobiliari). Ci si avvicina dunque ad una stima dei posti di lavoro dipendente (invece che dei singoli lavoratori con almeno un versamento contributivo per lavoro dipendente conteggiati da INPS) attribuibili alle unità locali d impresa operanti in provincia. Le stime di SMAIL per Bergamo confermano in linea di massima l entità dei saldi del lavoro dipendente pubblicati da INPS, pur riducendone la ridondanza e correggendo la dimensione dello stock di dipendenti in alcuni settori. In particolare si conferma nel triennio una perdita in provincia di circa 10mila dipendenti nell industria e oltre 6mila nell edilizia, con un recupero occupazionale nei servizi, più vivace nei servizi alle imprese e nella sanità e assistenza sociale. Riquadro 19 26

27 Le incognite del 2011 Per il 2011 i dati sono incompleti e parziali. L inizio dell anno nonostante il perdurare di molte situazioni critiche - è promettente. Nell industria esportatrice ci sono segnali positivi, in molti casi la Cassa integrazione viene riassorbita e le assunzioni, sotto forma di interinali e contratti a tempo determinato, sembrano prendere quota. Le indagini campionarie sulla congiuntura di industria, artigianato, commercio e servizi nei primi tre trimestri del 2011 (Riq. 20) descrivono dinamiche occupazionali (che prescindono dalla componente della nati mortalità d impresa) diversificate : - nell industria la tendenza dell occupazione nei primi tre trimestri è ancora positiva; - nell artigianato manifatturiero la tendenza, in recupero con qualche oscillazione, è ancora in territorio negativo; - nel commercio si delinea un rallentamento progressivo e un saldo negativo nell ultimo trimestre - nei servizi i dati sono piuttosto altalenanti, con un inversione in negativo della tendenza nell ultimo trimestre. Riquadro 20 Le previsioni delle stesse imprese sull evoluzione dei loro addetti nel trimestre successivo sono espresse in modo più approssimativo dai saldi tra attese di aumento e di diminuzione. (Riq. 20bis) Il deterioramento dell andamento previsto dell occupazione è percepibile nel industria e nell artigianato di produzione. 27

28 Nel commercio tendono a ridursi le attese (peraltro non confermate dai dati a consuntivo) di incremento egli addetti. Anche nei servizi la tendenza, pur positiva, si è ridimensionata nel corso degli ultimi trimestri. Riquadro 20 bis 28

29 Cassa integrazione e liste di mobilità Rispetto ai picchi raggiunti a cavallo tra 2009 e 2010, le ore richieste e autorizzate di Cassa integrazione guadagni hanno iniziato a scendere già nel corso del 2010 e la tendenza al ridimensionamento è proseguita nella prima metà del Nella seconda parte del 2011 tuttavia la tendenza al ribasso si è interrotta, soprattutto perché gli interventi straordinari, rivolti ad aziende in crisi o in fase di ristrutturazione, hanno ripreso a crescere, così come hanno fatto nell ultimo periodo anche le richieste di cassa in deroga, destinate alle piccole imprese o a quelle che hanno esaurito i periodi di cassa utilizzati in precedenza. E inoltre probabilmente ripartito un ciclo di richieste di cassa ordinaria da parte di aziende che avevano completato il periodo massimo di cassa straordinaria. Si nota che il livello della Cassa integrazione autorizzata resta elevato nel confronto con il periodo antecedente la crisi e che la componente non ordinaria resta elevata. Da un punto di vista settoriale, la richiesta di Cassa integrazione resta massiccia soprattutto nell insieme della metalmeccanica. Riquadro Ore autorizzate di Cassa integrazione ORDINARIA STRAORDINARIA IN DEROGA TOTALE I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV CCIAA BG su dati Inps 29

30 Riquadro 22 30

31 Riquadro 23 Che il riassorbimento dei lavoratori sospesi e il recupero di capacità produttiva non proceda al meglio viene confermato anche dalle iscrizioni nelle liste di mobilità, cioè dai licenziamenti. Nel 2011 i licenziamenti a Bergamo sono aumentati (+4,9% sul 2010) superando la soglia di 7mila. Mentre per le imprese maggiori, con più di 15 dipendenti, i licenziamenti diminuiscono (-22% in un anno), la situazione si aggrava nelle aziende minori, con meno di 15 dipendenti. Riquadro 24 31

32 La previsione Excelsior 5 sulla domanda di lavoro da parte delle imprese bergamasche (formulata intorno ad aprile) è per l intero anno 2011 di un saldo tra ingressi e uscite ancora negativo ma inferiore a quelli (di oltre 5mila addetti) previsti negli anni precedenti. Si tratterebbe comunque di un calo di circa 2mila addetti nel La quantificazione delle previsioni Excelsior è da prendere con cautela. Guardando ai dati INPS, sembra più vicina alla dinamica dei contratti a tempo indeterminato del solo settore manifatturiero (che, anche per motivi dimensionali, è in effetti più in grado di altri comparti di fornire stime fondate sui movimenti futuri della forza lavoro). E non va dimenticato, come emerge dai dati ASIA 2009, che l incidenza sull occupazione della nati-mortalità d impresa (non considerata da Excelsior) è significativa. Riquadro 25 Riquadro 26 5 Per la previsione sul I trimestre 2012 a Bergamo vedi: La domanda di lavoro delle imprese nel primo trimestre

33 I dati delle Casse edili confermano una situazione ancora critica nelle costruzioni. Le ditte attive iscritte alle Casse edili sono a fine settembre 2011, 376 in meno rispetto a dicembre 2010 e oltre un migliaio in meno rispetto ai livelli massimi del I lavoratori attivi scendono a a settembre 2011, quasi 2mila in meno dall inizio dell anno. Riquadro 27 33

34 Il lavoro in somministrazione è in ripresa a Bergamo dalla metà del 2009 (Riq 28). A metà del 2011 gli interinali, in termini di occupati equivalenti a tempo pieno risalgono al di sopra delle 7mila unità, non molto distanti dai livelli pre-crisi, ma nel terzo trimestre si profila un calo, con una diminuzione, dopo diversi trimestri di ininterrotta crescita, nell industria (Riq. 29). Riquadro 28 Riquadro 29 34

35 La dinamica del lavoro interinale a Bergamo non si discosta significativamente dalle medie di riferimento, se non per una più accentuata contrazione dovuta alla specializzazione industriale nella fase più critica. La flessione nell ultimo trimestre è simile per Bergamo e Lombardia(Riq 30) Riquadro 30 Fin qui i dati certi, ancorché parziali, del 2011 in provincia di Bergamo. Nell allegato sono riportate le informazioni più recenti (al terzo trimestre 2011) sulle forze di lavoro in Lombardia e il dato provvisorio nazionale a novembre su occupati e disoccupati. Nel terzo trimestre del 2011 gli occupati in Lombardia sono diminuiti per il terzo trimestre consecutivo (la variazione rispetto alla fine del 2010 è del -1,1%) e trascinano al ribasso anche il tasso di occupazione. Il tasso di disoccupazione oscilla invece in modo irregolare nell ultimo periodo ma senza una tendenza all aumento. E tuttavia significativo l incremento delle persone che cercano lavoro non attivamente o senza disponibilità immediata al lavoro cioè dell offerta potenziale di lavoro riconducibile alla più ampia categorizzazione della disoccupazione allargata e della stessa area della inattività e delle non forze di lavoro. Sempre nell allegato sono incluse, oltre alla tavole di maggior dettaglio citate in questo rapporto, informazioni statistiche di vario genere (INPS, Regione Lombardia ) sulle politiche del lavoro, le comunicazioni obbligatorie di avviamenti e cessazioni, gli esami congiunti di interventi di Cassa integrazione straordinaria e alcune rielaborazioni dei dati medi annuali ( ) sulle forze lavoro nei Sistemi Locali del Lavoro, con evidenziazione dei Sistemi sovrapponibili o vicini al territorio della provincia di Bergamo 23 gennaio 2012 Servizio Documentazione economica della Camera di Commercio I.A.A. di Bergamo 35

36 ALLEGATO STATISTICO Tab. 1 Tab. 2 36

37 Tab. 3 37

38 Tab. 4 38

39 Tab 5 Tab. 6 39

40 Tab. 7 40

41 Tab. 8 41

42 Tab. 9 42

43 Tab 9 bis 43

44 Tab

45 Tab

46 Tab. 12 CCIAA BG su dati INPS (il dato di Lodi risente di anomalie, probabilmente di origine amministrativa) 46

47 Tab

48 Tab. 14 Tab. 14 bis 48

49 Tab

50 Tab

51 Tab

52 Tab. 18. Osservatorio sulle politiche del lavoro (INPS) 52

53 Tab. 19/20. Osservatorio Regionale del Mercato del Lavoro (ARIFL Regione Lombardia) 53

54 54

55 Tab. 21. Osservatorio Regionale del Mercato del Lavoro (ARIFL Regione Lombardia) 55

56 Tab. 22 (1/3) CIGS: esami congiunti in Lombardia. Gen/Novembre 2011 (ARIFL Regione Lombardia) 56

57 Tab. 23 (1/3) Forze Lavoro ISTAT

58 Tab 24 Tab 25. Forze Lavoro in Lombardia al III trimestre

59 Tab 26. Occupati in Lombardia al III trimestre 2011 CCIAA BG su dati Istat 59

60 Graf. 27 (1/3). Forze Lavoro (dati regionali trimestrali) al III trim

61 Graf. 28/29. Occupati e disoccupati (ITALIA) dati provvisori mensili (novembre 2011) 61

62 Tab 30. I Sistemi Locali del Lavoro 62

63 Tab 31 63

64 Tab 32 64

65 Cartogr

66 Graf 34 Le fonti excelsior.unioncamere.net 66

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica OSSERVATORIO SULLE IMPRESE Anno 2013 Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica Note e avvertenze Le imprese registrate comprendono oltre alle imprese attive anche le posizioni

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Variazioni tendenziali e congiunturali del lavoro in somministrazione in Italia nel mese di dicembre 2009 secondo l Osservatorio nazionale Ebitemp - Formatemp Cassa Integrazione nelle province lombarde

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO. Premessa

MERCATO DEL LAVORO. Premessa MERCATO DEL LAVORO L Ufficio Studi della Camera di Commercio di Rimini predispone da diversi anni una serie di approfondimenti (al 31 dicembre di ogni anno) sulle principali caratteristiche mercato del

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

FOCUS ECONOMIA UMBRIA

FOCUS ECONOMIA UMBRIA FOCUS ECONOMIA UMBRIA UMBRIA Occupazione residente Avviamenti Mobilità Cassa Integrazione Guadagni Produzione Industriale Consumi Export Demografia d impresa Credito CGIL UMBRIA FOCUS ECONOMIA 2 2013 UMBRIA

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa CNA Toscana RAPPORTO CONGIUNTURALE CONSUNTIVO 2014 TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana PROVINCIA

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-12 BERGAMO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo

Dettagli

I I I programmi occupazionali delle imprese rilevati da da da Unioncamere. Parte I Le Imprese e la domanda di lavoro aggregata nel 2013

I I I programmi occupazionali delle imprese rilevati da da da Unioncamere. Parte I Le Imprese e la domanda di lavoro aggregata nel 2013 Excelsior Informa I I I programmi occupazionali delle imprese rilevati da da da Unioncamere I fabbisogni occupazionali delle imprese dell industria e dei servizi Anno 213 Sistema Informativo Excelsior

Dettagli

IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA

IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA QUESTA PAGINA È STATA INTENZIONALMENTE LASCIATA BIANCA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA La pubblicazione

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015 IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI DEL VENETO: BILANCIO 2014 E PREVISIONI 2015 2008-2014. In sei anni perso oltre un quarto del mercato, che nella nuova costruzione ha perduto il -50% degli investimenti. Tiene

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013

RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013 RAPPORTO ECONOMICO SULLA PROVINCIA DI MODENA NELL ANNO 2013 Modena, aprile 2014 La struttura del sistema produttivo modenese Lo stock di imprese L aggregato delle imprese nella provincia di Modena nel

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

2 OSSERVATORIO SULLA STRUTTURA OCCUPAZIONALE NELLA PROVINCIA DI VENEZIA

2 OSSERVATORIO SULLA STRUTTURA OCCUPAZIONALE NELLA PROVINCIA DI VENEZIA 2 OSSERVATORIO SULLA STRUTTURA OCCUPAZIONALE NELLA PROVINCIA DI VENEZIA A cura di Via San Donà, 14-30174 Mestre Venezia - t. 041 2697811 - f. 041 5369405 www.centrostudisintesi.com - info@centrostudisintesi.com

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

Il turismo in provincia di Varese: analisi strutturale e congiunturale

Il turismo in provincia di Varese: analisi strutturale e congiunturale Il turismo in provincia di Varese: analisi strutturale e congiunturale 27 novembre 2007 Pietro Aimetti TEMI DELLA PRESENTAZIONE RICETTIVITA E ATTRATTIVITA Consistenza e tipologia delle strutture ricettive:

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

I VOUCHER FORMATIVI NELLA PROVINCIA DI LIVORNO

I VOUCHER FORMATIVI NELLA PROVINCIA DI LIVORNO Unione Europea Fondo Sociale Europeo I VOUCHER FORMATIVI NELLA PROVINCIA DI LIVORNO NOTE DI APPROFONDIMENTO novembre 2013 PROVINCIA DI LIVORNO 3 I VOUCHER FORMATIVI DELLA PROVINCIA DI LIVORNO L accrescimento

Dettagli

GIURIA DELLA CONGIUNTURA

GIURIA DELLA CONGIUNTURA GIURIA DELLA CONGIUNTURA Indagine trimestrale dell Unione Regionale CCIAA delle Marche Sintesi dell anno 2014 A cura di RICCARDO GIULIETTI Centro Studi Unioncamere Marche Nota Bene: le informazioni statistiche

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Premessa La valutazione economica del volontariato richiede una precisa definizione del fenomeno e una chiara identificazione dell unità di

Dettagli

Nazionale Lombardia Milano Milano, 1 giugno 2006

Nazionale Lombardia Milano Milano, 1 giugno 2006 Nazionale Lombardia Milano Milano, 1 giugno 2006 Quadro economico, mercato del lavoro e precarietà (a cura dell ufficio economico della Fiom) Quadro economico L economia internazionale conferma per il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov.

La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov. L ECONOMIA BOLOGNESE TRA IL 2008 E IL 2012 RIFLESSIONI E PROSPETTIVE La relazione e la completa documentazione statistica relativa sono disponibili sul sito della Camera di commercio di Bologna, www.bo.camcom.gov.it

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE S OMMARIO : IL CONTESTO CONGIUNTURALE 3 C ENNI 3 IL I 1 TRIMESTRE 2015 SULLA CONGIUNTURA ECONOMICA MERCATO DEL LAVORO 4

Dettagli

LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL

LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 cell. 335/6413321. Comunicati www.mi.camcom.it La ricerca: Il lavoro dei laureati in tempo di crisi LAUREATI, CRESCE IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE: DAL 7% AL 12%

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8 Sommario 1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale.... 8 Demografie delle imprese... 8 Le imprese artigiane in Sardegna... 9 La situazione economica e finanziaria delle imprese...

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie Indagine sulle imprese industriali e dei servizi Anno di riferimento 2010 Nuova serie Anno XXI - 28 Luglio 2011 Numero 37 INDICE Introduzione...

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE 1 TRIMESTRE 2014 SOMMARIO: 1 IL CONTESTO CONGIUNTURALE 3 CENNI SULLA CONGIUNTURA ECONOMICA 3 IL MERCATO DEL LAVORO 4 LA

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia dell'umbria Aggiornamento congiunturale Perugia novembre 2014 2 0 1 4 32 Economie regionali L economia dell Umbria Aggiornamento congiunturale Numero 32 - novembre 2014 La

Dettagli

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Conferenza stampa LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Bologna, 5 dicembre 2014 Relazione di Gian Primo Quagliano, Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor Questa

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro

Salute e sicurezza sul lavoro Salute e sicurezza sul lavoro II trimestre 2007 29 Dicembre 2008 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014

Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Osservatorio Impresa Indagine Congiunturale I semestre 2014 Roma, dicembre 2014 Premessa La CONFAPI - Confederazione della Piccola e Media Industria privata, ha promosso un'indagine a campione rivolta

Dettagli

Situazione economica 1) consumo cemento

Situazione economica 1) consumo cemento Situazione economica 1) consumo cemento Dopo lo storico rallentamento del primo trimestre del 2012, causato anche da forti anomalie meteorologiche intervenute in particolare nel mese di febbraio, il mercato

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

1 Rapporto Trimestrale 2010. Zona Valdarno

1 Rapporto Trimestrale 2010. Zona Valdarno 1 Rapporto Trimestrale 2010 Zona Valdarno 1 In base alla Rilevazione sulle forze di lavoro dell Istat nel quarto trimestre del 2009 l occupazione si è ridotta per il sesto trimestre consecutivo (-0,2 per

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO ECONOMIC0

RELAZIONE SULL ANDAMENTO ECONOMIC0 RELAZIONE SULL ANDAMENTO ECONOMIC0 D E L L A P R O V I N C I A D I S O N D R I O 2 0 1 3 Relazione sull andamento economico della provincia di Sondrio 2013 Camera di Commercio di Sondrio Studi ed Analisi

Dettagli

2 L Area Malpensa come definita dalla L.R. 10/1999 comprende i comuni di: Arsago Seprio, Busto Arsizio, Cardano al

2 L Area Malpensa come definita dalla L.R. 10/1999 comprende i comuni di: Arsago Seprio, Busto Arsizio, Cardano al Crisi d Area Malpensa Approfondimento su imprese e occupazione 1 Quadro di riferimento La presenza di un aeroporto internazionale delle dimensioni dell hub di Malpensa incide fortemente sullo sviluppo

Dettagli

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA

INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Terni INDICATORI DELL ECONOMIA TERNANA Situazione al 30/06/2012 n. 4/2013 INDICE Sintesi 3 1. La realtà produttiva 5

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale

Economie regionali. L'economia dell'umbria. Aggiornamento congiunturale Economie regionali L'economia dell'umbria Aggiornamento congiunturale Perugia novembre 2015 2 0 1 5 32 Economie regionali L economia dell Umbria Aggiornamento congiunturale Numero 32 - novembre 2015 La

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Atlante di Roma e del Lazio Settori e Territori nel confronto europeo. Rainbow MagicLand, 15 marzo 2011

Atlante di Roma e del Lazio Settori e Territori nel confronto europeo. Rainbow MagicLand, 15 marzo 2011 Atlante di Roma e del Lazio Settori e Territori nel confronto europeo Rainbow MagicLand, 15 marzo 2011 PRESENTAZIONE L Atlante di Roma e del Lazio si sviluppa in continuità con il percorso di ricerca

Dettagli