IV ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IV ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella A.S. 2011-2012"

Transcript

1 IV ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella A.S

2 Attività dei Consigli di Classe (CC) Il Consiglio di Classe (CC) si riunisce secondo il Piano delle attività comunicato dal DS a settembre allo scopo di: approvare il verbale della riunione precedente integrando eventuali mancanze rilevate dal DS nella sua attività di controllo periodico verificare il regolare avanzamento dell attività didattica sulla base delle rilevazioni dei docenti verificare l andamento del processo formativo in modo individuale per i singoli alunni ed in modo generalizzato per la classe concordare gli interventi compensativi di recupero e/o sviluppo che si rendono necessari per gli alunni concordare per ogni alunno delle classi terze il consiglio orientativo concordare modalità e finalità delle gite di istruzione e/o uscite didattiche programmare le attività propedeutiche interdisciplinari per preparare la classe all attività proposta (gite di istruzione e/o uscite didattiche) relazionare ai genitori rappresentanti sull andamento della classe discutere eventuali proposte dei genitori e/o rispondere alle loro osservazioni. Il CC, in base alla scelta operata dal Collegio Docenti (CD) sulla suddivisione dell attività didattica in trimestri o quadrimestri, è responsabile delle valutazioni intermedie e di quella finale degli alunni. Per procedere alla valutazione intermedia degli alunni, il CC: approva le valutazioni per discipline proposte dai docenti concorda la valutazione del livello globale di maturazione dei singoli alunni sulla base degli indicatori stabiliti dal Collegio Docenti e definisce il voto di condotta con le relative motivazioni. compila la scheda di valutazione (che sarà consegnata, tramite gli alunni, ai genitori dal DS o dal coordinatore di classe) Le schede di valutazione controfirmate dalle famiglie, raccolte a cura dei Coordinatori di classe, sono consegnate alla segreteria per il controllo dell avvenuta resa, l eventuale sollecito e l archiviazione. 2

3 Nell eventualità dell adozione, da parte del Collegio Docenti, dei quadrimestri, il Consiglio di Classe compila il foglio informativo di metà quadrimestre (novembre ed aprile) sulla base degli indicatori deliberati dal Collegio docenti, consegnato tramite gli alunni ai genitori, i quali devono restituirlo controfirmato con la medesima procedura della scheda di valutazione. Per procedere alla valutazione finale degli alunni, il Consiglio di Classe (CC): approva le valutazioni per discipline proposte dai docenti concorda la valutazione del livello globale di maturazione dei singoli alunni sulla base degli indicatori stabiliti da Collegio Docenti e stabilisce il voto di condotta effettua le operazioni di scrutinio finale con votazione a maggioranza per l ammissione degli alunni alla classe successiva formula le motivazioni nei casi di non ammissione o di ammissione alla classe successiva o all esame di stato, sulla base dei criteri stabiliti dal CD. compila la scheda di valutazione, che sarà consegnata direttamente dai docenti ai genitori, nella data stabilita dal DS nel piano delle attività, o ritirata in altra data presso la segreteria completa il tabellone, consegnato dalla segreteria su modello prestampato, dove sono indicati gli esiti dello scrutinio finale, e questo viene firmato dal DS e dai docenti componenti il Consiglio di Classe. Il Segretario del Consiglio di Classe stende il verbale di ogni riunione del CC sull apposito libro dei verbali, che viene conservato presso la Presidenza e sottoposto a DS per il controllo periodico. 3

4 Compiti e funzioni del docente coordinatore di classe Il docente coordinatore : è responsabile in modo particolare degli studenti della classe, cerca di favorirne la coesione interna e si tiene regolarmente informato sul loro profitto tramite frequenti contatti con gli altri docenti del C. di Cl ; informa gli studenti delle decisioni prese dal consiglio di classe; sollecita gli allievi alla buona tenuta dell aula in collaborazione con i colleghi, affinché maturi in ciascuno il rispetto per gli ambienti scolastici e per i materiali didattici; illustra i punti del Patto del Corresponsabilità agli alunni e ai genitori e promuove idonee azioni educative- didattiche volte a favorire un interiorizzazione degli impegni da parte degli alunni; all interno della classe costituisce il punto di riferimento per i nuovi insegnanti circa tutti i problemi specifici del Consiglio di classe, fatte salve le competenze del D. S.; informa il D. S. sugli avvenimenti più significativi della classe, riportando i problemi rimasti insoluti; mantiene il contatto con i genitori, fornendo informazioni globali sul profitto, sull interesse e sulla partecipazione degli studenti nei momenti istituzionali e ogniqualvolta il Consiglio di classe lo ritenga necessario; fornisce specifici suggerimenti in collaborazione con gli altri docenti della classe; accoglie i genitori con la presenza di almeno un altro collega in occasione della restituzione del 1 e 2 foglio informativo e delle schede personali quadrimestrali e fornisce chiarimenti ai genitori con la collaborazione dei colleghi. Consegna alla segreteria i documenti; controlla settimanalmente che tutte le circolari interne siano notificate alle famiglie, siano registrate e controfirmate dal docente di turno nel giornale di classe e verifica che non sia stata programmata più di una prova scritta nello stesso giorno; 4

5 consegna all assistente amministrativa, in Segreteria, ogni certificato medico per assenze prolungate o per esonero dalle attività motorie; distribuisce e raccoglie i moduli e le autorizzazioni dei genitori per le richieste di visite guidate e/o viaggi di istruzione relativi, consegnandoli almeno cinque giorni prima in segreteria; concorda, con il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi, le quote relative al mezzo di trasporto usato, l entrata ai musei e/o alle mostre, il costo delle guide ed ogni altro aspetto economico, che comporti pagamenti, i quali dovranno essere versati, tramite conto corrente, intestato alla scuola; segue le attività dei consigli di classe, in particolare: - dà la parola ai colleghi e coordina i singoli interventi, moderando i tempi; - raccoglie le informazioni da parte dei genitori, degli interlocutori vari su problemi disciplinari o di inserimento degli alunni normodotati, svantaggiati e stranieri ; - cura la raccolta di ogni documento da allegare al registro dei verbali dei consigli di classe e la stesura della programmazione interdisciplinare; - illustra ai genitori eletti nei consigli di classe l andamento generale della classe e risponde con i colleghi ad eventuali domande; - verifica con il segretario verbalizzante che il verbale sia redatto in modo coerente all ordine del giorno e alle problematiche emerse durante la discussione, quindi, lo sottoscrive; - predispone la relazione interdisciplinare finale per le classi prime e seconde e di presentazione agli esami degli alunni delle classi terze, secondo i parametri concordati nell ambito del collegio. 5

6 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1^ grado G. ZANELLA - Padova GRIGLIA PER LA STESURA DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE Composizione della classe (n alunni, ripetenti, alunni stranieri, alunni diversamente abili, eventuali attività didattiche aggiuntive) Situazione di partenza (fasce di livello in base alle prove d ingresso e alle osservazione sistematiche) Obiettivi educativi e didattici Modalità di intervento per attività di recupero, di potenziamento e di sostegno Metodo di lavoro ( principi condivisi lezioni, coinvolgimento degli alunni) Attività di orientamento Criteri di valutazione (valutazione formativa e sommativa) Attività programmate (percorsi individualizzati, progetti, cineforum, teatro, attività di Vivipadova, partecipazione a concorsi, laboratori ) Uscite (visite a musei, mostre, aziende ) Visita di istruzione Rapporti con le famiglie 6

7 Obiettivi educativi e obiettivi cognitivi trasversali Classe prima Indicatore Obiettivi educativi intermedi Obiettivi operativi 1. Conoscenza e accettazione di sè 1.1 Avere cura del proprio corpo 1.2 Avere consapevolezza delle motivazioni dei propri comportamenti 1.3 Sapere utilizzare le proprie capacità Socializzazione 2. Disponibilità 2.1 Lavorare e collaborare con compagni ed Insegnanti 2.2 Aiutare gli altri 2.3 Ascoltare ed avere rispetto per idee ed opinioni altrui 2.4 Rispettare i ritmi di ciascuno 1. Rispetto dell ambiente scolastico 1.1 Rispettare cose e persone Responsabilità Autonomia 2. Rispetto delle regole di comportamento 3. Autocontrollo 3. Partecipazione all attività scolastica e interesse 1. Organizzazione del lavoro scolastico 2.1 Alzare la mano per chiedere la parola 2.2 Aspettare il proprio turno 2.3 Non interrompere 2.4 Eseguire con regolarità i lavori assegnati 2.5 Adempiere agli impegni presi 2.6 Rispettare gli orari 3.1 Comprendere ed accettare i richiami 3.2 Tenere un comportamento corretto 3.3 Sapersi controllare anche nelle attività di gioco 3.1 Ascoltare con attenzione 3.2 Intervenire in maniera appropriata 3.3 Chiedere delucidazioni agli insegnanti 1.1 Usare opportunamente il diario e il libretto personale 1.2 Tenere in ordine il materiale scolastico 1.3 Portare il materiale occorrente Indicatore Ascoltare e comprendere Parlare esporre e interagire Leggere e comprendere Scrivere, operare e rielaborare Usare procedure, modelli, strutture Avviare l acquisizione di un metodo di studio Obiettivo cognitivo trasversale Comprensione globale e inferenziale dei messaggi nei diversi registri, codici e contesti di comunicazioni Avvio a chiarezza, scioltezza, correttezza, coerenza ed efficacia espressiva nei vari contesti di comunicazione Comprensione delle varie tipologie testuali, grafiche, visive ed espressive Scrittura e rielaborazione di testi semplici chiari e corretti, rappresentazione di contenuti e dati anche attraverso i linguaggi specifici delle discipline, originalità e creatività nell interpretazione dei codici espressivi Riconoscimento di situazioni problematiche, interiorizzazioni e applicazione dei procedimenti, elaborazione di strategie risolutive Autonomia nell organizzazione del proprio lavoro e capacità di rielaborare informazioni e conoscenze 7

8 Classe seconda Indicatore Obiettivi educativi intermedi Obiettivi operativi 1. Conoscenza e accettazione di sé 1.1 Avere una conoscenza realistica di sé 1.2 Avere la capacità di esprimere sensazioni, idee e immagini del proprio vissuto 1.3 Avere cura del proprio corpo Socializzazione 2. Disponibilità 2.1 Lavorare e collaborare con compagni ed Insegnanti 2.2 Stabilire legami di fiducia 2.3 Ascoltare ed avere rispetto per idee ed opinioni altrui pur se diverse dalle proprie 2.4 Rispettare i ritmi di ciascuno 1. Rispetto dell ambiente scolastico 1.1 Rispettare cose e persone Responsabilità Autonomia 2. Rispetto delle regole di comportamento 3. Autocontrollo 3. Partecipazione all attività scolastica e interesse 4. Essere in grado di esprimere giudizi 2. Organizzazione del lavoro scolastico 2.2 Aspettare il proprio turno 2.3 Non interrompere 2.4 Eseguire con regolarità i lavori assegnati 2.5 Adempiere agli impegni presi 2.6 Rispettare gli orari 3.1 Comprendere ed accettare i richiami 3.2 Tenere un comportamento corretto 3.3 Sapersi controllare anche in assenza di interventi esterni 3.1 Ascoltare con attenzione 3.2 Intervenire in maniera appropriata 3.3 Chiedere delucidazioni agli insegnanti 4.1 Esprimere giudizi sul proprio modo di operare 2.1 Usare opportunamente il diario e il libretto personale 2.2 Tenere in ordine il materiale scolastico 2.3 Portare il materiale occorrente Indicatore Ascoltare e comprendere Parlare esporre e interagire Leggere e comprendere Scrivere, operare e rielaborare Usare procedure, modelli, strutture Acquisire un metodo di studio Obiettivo cognitivo trasversale Comprensione globale e inferenziale dei messaggi nei diversi registri, codici e contesti e varietà di comunicazioni chiarezza, scioltezza, correttezza, coerenza ed efficacia espressiva nei vari contesti di comunicazione Comprensione delle varie tipologie testuali, grafiche, visive ed espressive Scrittura e rielaborazione di testi chiari e corretti, rappresentazione di contenuti e dati anche attraverso i linguaggi specifici delle discipline, originalità e creatività nell interpretazione dei codici espressivi Riconoscimento di situazioni problematiche, interiorizzazioni e applicazione dei procedimenti ed elaborazione di strategie risolutive Autonomia nell organizzazione del proprio lavoro e capacità di rielaborare informazioni e conoscenze, capacità di evidenziare pregi e limiti delle proprie prestazioni. 8

9 Classe terza Indicatore Obiettivi educativi intermedi Obiettivi operativi Socializzazione 1. Conoscenza e accettazione di sé, degli altri, del mondo 2. Disponibilità 3. Tolleranza 1.1 Avere una conoscenza realistica di sé 1.2 Avere consapevolezza dei propri cambiamenti 1.3 Avere capacità autocritica del proprio vissuto e capacità di auto-accettazione 1.4 Saper accettare le persone nelle loro specificità 1.5 Saper cogliere le occasioni per migliorare le capacità decisionali e di scelta 1.6 Essere sensibili verso i valori universali dell uomo 2.1 Lavorare e collaborare con coetanei e adulti 2.2 Stabilire legami di fiducia 2.3 Costruire intese 2.2 Aiutare gli altri 3.1 Adottare un atteggiamento equilibrato e rispettoso nei confronti delle idee e delle opinioni altrui anche se diverse delle proprie 3.2 Rispettare i ritmi di ciascuno 1. Rispetto dell ambiente scolastico 1.1 Rispettare cose e persone Responsabilità 2. Rispetto delle regole di comportamento 3. Autocontrollo 4. Partecipazione all attività scolastica e interesse 5. Essere in grado di esprimere giudizi 6. Orientamento 2.1 Imparare a risolvere ogni contrasto attraverso un dialogo costruttivo 2.2 Aspettare il proprio turno senza interrompere il lavoro altrui 2.3 Eseguire con regolarità i lavori assegnati per casa e in classe 2.5 Adempiere agli impegni presi a breve e a lunga scadenza 3.1 Avere consapevolezza di ruolo e funzioni 3.2 Comprendere consigli, suggerimenti e richiami e utilizzarli nel proprio percorso formativo 3.2 Attenersi ai comportamenti idonei richiesti dalle circostanze anche in assenza di interventi esterni 3.3 Prevedere le conseguenze dei propri comportamenti 4.1 Ascoltare e partecipare alle attività con attenzione e interesse 4.2 Intervenire in modo appropriato e responsabile 4.3 Dimostrare motivazione al miglioramento delle prestazioni 5.1 Esprimere giudizi obiettivi sul proprio modo di operare e di relazionarsi 5.2 Esprimere considerazioni argomentate sul mondo che ci circonda 5.3 Considerare fatti e problemi da più punti di vista 6.1 Riflettere sulle proprie capacità, competenze, abilità e sulle proprie aspirazioni per essere in grado di effettuare una scelta consapevole 9

10 Autonomia 3. Organizzazione del lavoro scolastico 3.1 Saper organizzare il proprio lavoro in classe e a casa 3.2 Portare il materiale occorrente Indicatore Obiettivo cognitivo trasversale Ascoltare e comprendere Parlare esporre e interagire Leggere e comprendere Scrivere, operare e rielaborare Usare procedure, modelli, strutture Consolidare un metodo di studio Comprensione globale e inferenziale dei messaggi nei diversi registri, codici e contesti e varietà di comunicazioni Avvio a chiarezza, scioltezza, correttezza, coerenza ed efficacia espressiva nei vari contesti di comunicazione, capacità di astrazione e valutazione critica personale Comprensione delle varie tipologie testuali, grafiche, visive ed espressive e delle relazioni tra i diversi linguaggi di comunicazione Scrittura e rielaborazione di testi semplici chiari e corretti, rappresentazione di contenuti e dati anche attraverso i linguaggi specifici delle discipline, originalità e creatività nell interpretazione dei codici espressivi Riconoscimento di situazioni problematiche, interiorizzazioni e applicazione dei procedimenti, confronto ed elaborazione di strategie risolutive Autonomia nell organizzazione del proprio lavoro, efficacia nel metodo di studio, capacità di evidenziare pregi e limiti delle proprie prestazioni, consapevolezza dei motivi che hanno condizionano il risultato. 10

11 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella Padova GRIGLIA PROVE D INGRESSO A.S /201 Alunni classe./sez. Compr. testo Prova gramm. Matem Inglese Franc/ Spa/ Ted (per la 2 / 3 classe) MEDIA IN CENTESIMI N.B. Contrassegnare con un asterisco i nominativi degli alunni stranieri in Italia da sei mesi ad un anno 11

12 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella Padova GRIGLIA PROVE DI USCITA A.S /201 Alunni classe./sez. Compr. testo Prova gramm. Matem Inglese Franc/ Spa/ Ted (per la 2 / 3 classe) MEDIA IN CENTESIMI N.B. Contrassegnare con un asterisco i nominativi degli alunni stranieri in Italia da sei mesi ad un anno 12

13 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado "G. ZANELLA" - Padova FOGLIO INFORMATIVO 1 QUADRIMESTRE a.s. 201 /201 Classe prima ALUNNO classe Sez. AREA COGNITIVA Possiede ed applica le conoscenze con una certa sicurezza Possiede le conoscenze fondamentali Possiede solo in parte le conoscenze di base Italiano Storia Geografia Inglese 2 lingua comunitaria Francese Tedesco Spagnolo Matematica Scienze Tecnologia Musica Arte e immagine Sc. Mot. sportive Religione / A.A. Padova Rev.1/ data PARTECIPAZIONE (attenzione- interventi) 1. Interviene e partecipa costruttivamente 2. Partecipa in modo abbastanza attivo 3. Segue, ma interviene solo se stimolato 4. Segue in modo discontinuo ed interviene poco 5. Non è quasi mai attento, né partecipa ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Lavora in modo: 1. Autonomo e produttivo 2. Regolare ed abbastanza efficace 3. Regolare, ma non sempre efficace 4. Discontinuo 5. Disordinato e dispersivo COMPORTAMENTO (sociale) 1. Corretto 2. Vivace, ma capace di autocontrollo 3. Non sempre controllato 4. Poco controllato e poco responsabile 5. Scorretto Annotazioni: Si fa riferimento alla programmazione individualizzata Si fa riferimento alla programmazione della classe IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Rocco Bello firma del genitore 13

14 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado "G. ZANELLA" - Padova FOGLIO INFORMATIVO 1 QUADRIMESTRE a.s. 201 /201 Classi seconda e terza ALUNNO classe Sez. AREA COGNITIVA Italiano Storia Geografia Inglese 2 lingua comunitaria Francese Tedesco Spagnolo Matematica Scienze Tecnologia Musica Arte e immagine Sc. Mot. sportive Religione / A.A. Padova Rev.1/ data PARTECIPAZIONE (attenzione- interventi) 6. Interviene e partecipa costruttivamente 7. Partecipa in modo abbastanza attivo 8. Segue, ma interviene solo se stimolato 9. Segue in modo discontinuo ed interviene poco 10. Non è quasi mai attento, né partecipa Possiede ed applica le conoscenze in modo sicuro Possiede ed applica le conoscenze Possiede le conoscenze fondamentali Possiede solo in parte le conoscenze di base Presenta carenze diffuse nelle conoscenze di base Annotazioni: Si fa riferimento alla programmazione individualizzata ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Lavora in modo: 6. Autonomo e produttivo 7. Regolare ed abbastanza efficace 8. Regolare, ma non sempre efficace 9. Discontinuo 10. Disordinato e dispersivo COMPORTAMENTO (sociale) 6. Corretto 7. Vivace, ma capace di autocontrollo 8. Non sempre controllato 9. Poco controllato e poco responsabile 10. Scorretto Si fa riferimento alla programmazione della classe IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Rocco Bello (firma del genitore) 14

15 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado "G. ZANELLA" - Padova FOGLIO INFORMATIVO 2 QUADRIMESTRE a.s. 201 /201 Rev.1/ data ALUNNO classe Sez. Italiano Storia Geografia Inglese Francese Tedesco 2 lingua comunitaria DISCIPLINE Spagnolo Matematica Scienze Tecnologia Musica Arte e immagine Sc. Mot. sportive Esiti delle prove di verifica e delle osservazioni sistematiche PARTECIPAZIONE (attenzione- interventi) 1. Interviene e partecipa costruttivamente 2. Partecipa in modo abbastanza attivo 3. Segue, ma interviene solo se stimolato 4. Segue in modo discontinuo ed interviene poco 5. Non è quasi mai attento, né partecipa ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Lavora in modo: 1. Autonomo e produttivo 2. Regolare ed abbastanza efficace 3. Regolare, ma non sempre efficace 4. Discontinuo 5. Disordinato e dispersivo COMPORTAMENTO (sociale) 1. Corretto 2. Vivace, ma capace di autocontrollo 3. Non sempre controllato 4. Poco controllato e poco responsabile 5. Scorretto Annotazioni: Si fa riferimento alla programmazione individualizzata Si fa riferimento alla programmazione della classe IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Rocco Bello Padova firma del genitore 15

16 Rev.2/data IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1^ grado G. ZANELLA Padova TRACCIA PER LA VERBALIZZAZIONE DI ALUNNI CON SITUAZIONE PROBLEMATICHE in corso d anno CLASSE ) Situazione di partenza L alunno/a ha evidenziato una situazione di partenza 2) Interesse, partecipazione e impegno Dimostra interesse e partecipazione E si impegna in modo gravemente lacunosa / lacunosa / incerta/ insicura saltuari/ alterni/ settoriali/ superficiali discontinuo/ settoriale/ superficiale 3) Organizzazione del lavoro (classe 1 ) Non sa ancora organizzare il proprio lavoro. Incontra qualche difficoltà nell organizzare il proprio lavoro. Va ancora guidato nell organizzazione del proprio lavoro. Sta imparando ad organizzare il proprio lavoro. 3) Metodo di studio (classi 2-3 ) Non possiede ancora un metodo di studio E avviato /a all acquisizione di un metodo di studio 4) Rendimento scolastico Risultano insufficienti / gravemente insufficienti le seguenti discipline. 5) Strategie di miglioramento Esercizi aggiuntivi individualizzati Utilizzo dello sportello didattico Frequenza dei corsi di recupero Consiglio di frequenza di attività di studio guidato presso agenzie extrascolastico 6) Comportamento (da trascrivere nell apposito riquadro della scheda) Eventuali segnalazioni di problemi disciplinari. 16

17 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO "G. ZANELLA- PADOVA TABELLA RIASSUNTIVA RISULTATI QUADRIMESTRALI Rev.1/data QUADRIMESTRE 2 QUADRIMESTRE ANNO SCOLASTICO 201../201.. CLASSE.SEZ.. ITALIANO STORIA GEOGRAF. INGLESE FRANC./TED. SPAGN. MATEMAT. SCIENZE TECNOLOG. MUSICA ARTE IMMAG SCIENZE MOT. RELIGIONE/ AA CONDOTTA ITALIANO STORIA GEOGRAF. INGLESE FRANC./TED. SPAGN. MATEMAT. SCIENZE TECNOLOG. MUSICA ARTE IMMAG SCIENZE MOT. RELIGIONE/ AA CONDOTTA

18 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1^ grado G. ZANELLA - Padova GRIGLIA PER LA STESURA DELLA RELAZIONE INTERDISCIPLINARE FINALE (classi prime e seconde) Rev.1/data Composizione della classe (n alunni- maschi femmine - nuovi inserimenti- partecipazione alle attività facoltative opzionali-) Situazione di partenza, in base alle prove d ingresso e alle osservazioni sistematiche Obiettivi educativi Obiettivi trasversali, fissati dal Consiglio di Classe Interventi programmati per il raggiungimento degli obiettivi educativi e cognitivi (attività di recupero.. ). Attività interdisciplinari: gite, visite d istruzione, partecipazione a concorsi,laboratori, cineforum, rappresentazioni teatrali, lezioni concerto. Orientamento:letture, questionari, discussioni finalizzati alla conoscenza di sé Livello di preparazione raggiunto dagli alunni. Rapporti con le famiglie 18

19 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1^ grado G. ZANELLA - Padova VERIFICHE E VALUTAZIONE Rev.1/data Costituiscono oggetto della valutazione, secondo l attuale quadro normativo, e sono competenze del gruppo docente responsabile delle classi: la verifica degli apprendimenti la valutazione del comportamento la rilevazione delle competenze a) L accertamento degli apprendimenti disciplinari si effettua mediante verifiche in itinere nel corso dell attività didattica e sommative a conclusione di ogni percorso didattico. Questi strumenti di valutazione sono di vario tipo e, a seconda della disciplina interessata, possono essere scritte, orali, operative, grafiche e informatiche. Esse, inoltre, hanno sia carattere oggettivo (questionari a risposta chiusa, completamenti, correlazioni, problemi, ecc.) sia soggettivo (temi, relazioni, questionari a risposta aperta, schematizzazioni ). È previsto un congruo numero di prove a seconda della disciplina interessata. b) Verifiche scritte: gli esercizi saranno strutturati a livelli di difficoltà graduati, onde permettere agli alunni di rispondere secondo le loro possibilità. Prove diversificate saranno somministrate agli alunni con certificazione di handicap o svantaggio debitamene e tempestivamente documentate. c) Verifiche orali: sarà riservata una particolare attenzione alle interrogazioni e alle relazioni orali, perché si ritiene che la capacità di parlare costituisca non solo un obiettivo didattico (imparare a parlare favorisce la capacità di scrivere), ma anche un obiettivo educativo (imparare a parlare in pubblico incrementa la stima di sé, dà sicurezza, favorisce l articolazione del pensiero ). La valutazione delle interrogazioni (vicino alla cattedra) sarà motivata e comunicata tempestivamente sia agli alunni (per favorire il processo di autovalutazione) sia alle famiglie. L impreparazione, non giustificabile oggettivamente, sarà valutata negativamente, per sottolineare la necessità dell impegno costante nello studio. Gli alunni registreranno gli esiti delle verifiche scritte e orali in una tabella sintetica appositamente predisposta e inserita nel libretto personale. d) La valutazione del comportamento scolastico: le osservazioni sistematiche permettono di conoscere e verificare le modalità di apprendimento di ogni singolo alunno e concorrono alla verifica degli apprendimenti. Sono considerate osservazioni sistematiche quelle riferite alla partecipazione con interventi dal posto, richiesti durante il normale svolgimento delle 19

20 lezioni e/o durante la correzione dei compiti per casa. Importante, rispetto alla situazione di partenza, sarà la valutazione delle modalità di approccio ai contenuti, dei tempi di attenzione, di concentrazione, del grado di partecipazione e interesse. Per mantenere vivo l interesse si valorizzeranno le conoscenze degli alunni tramite domande, richieste di precisazioni e chiarimenti nel corso di svolgimento della normale attività didattica. Criteri collegiali di valutazione: 1. Criteri di valutazione delle singole prove orali o scritte voto criterio 10-9 Conseguimento organico e sicuro di tutti gli obiettivi, con eventuale rielaborazione personale 8 Conseguimento sicuro di tutti gli obiettivi 7 Conseguimento abbastanza sicuro di quasi tutti gli obiettivi 6 Acquisizione delle abilità e conoscenze fondamentali 5 Raggiungimento incompleto delle abilità e conoscenze fondamentali 4 Gravi lacune negli apprendimenti 3 Impreparazione 2. Criteri della valutazione sommativa di fine quadrimestre Ai fini dell espressione del voto sintetico disciplinare di fine quadrimestre il singolo docente e il consiglio di classe tengono conto dei seguenti criteri: esiti di apprendimento raggiunti rispetto agli standard attesi; impegno manifestato in termini di personale partecipazione e regolarità nello studio; progresso conseguito rispetto alla situazione di partenza; impiego pieno o parziale delle potenzialità personali; organizzazione del lavoro (autonomia e metodo di studio); equità rispetto alla distribuzione dei giudizi nel gruppo classe. 3. Criteri per l espressione del voto relativo al comportamento. Si considerano in particolare: 1. rispetto delle persone, degli ambienti e delle strutture; 2. rispetto delle regole 3. partecipazione attiva alla vita della classe e a tutte le attività scolastiche 4. disponibilità ad apprendere 5. relazioni positive 6. costanza dell impegno Rispetto a questi criteri generali la corrispondenza voti- comportamento fa riferimento alla seguente descrizione: votazione 10 Rispetto pieno dei punti 1,2,3,4,5,6 9 Rispetto pieno dei punti 1,2,3,4,6 8 Rispetto pieno dei punti 1,2,4 7 Rispetto parziale del punto 2 6 Rispetto parziale dei punti 1 e 2 5 comportamento 20

21 4. Modalità generali di svolgimento delle prove e delle registrazioni Nello svolgimento delle prove e nelle relative annotazioni nel registro si farà riferimento fondamentalmente ai seguenti criteri: annotazioni degli esiti registrati, con riferimento alle competenze disciplinari o, secondo le decisioni del docente, a specifici obiettivi di apprendimento; complessivamente non meno di tre registrazioni per disciplina, per quadrimestre, ricavate da prove orali o scritte, grafiche, operative o di altro tipo; le registrazioni dovranno essere distribuite nell arco temporale del quadrimestre; tutte concorrono alla definizione del voto quadrimestrale; nel registro sono annotate, con legenda esplicitata dall insegnante, anche le osservazioni sistematiche sul processo di apprendimento, le quali concorrono alla determinazione del voto quadrimestrale. 5. Modalità di coinvolgimento e responsabilizzazione degli alunni. Gli alunni vengono coinvolti nel processo valutativo, affinché la valutazione sostenga, orienti e promuova l impegno verso la piena realizzazione della personalità. In questo senso i docenti del consiglio di classe: informano gli alunni circa le competenze e gli obiettivi di apprendimento attesi all inizio delle unità di apprendimento; informano anticipatamente gli alunni circa gli obiettivi di apprendimento oggetto di verifica scritta o colloquio orale, le modalità generali di svolgimento del colloquio o della verifica, i criteri per la valutazione degli esiti; informano gli alunni circa i risultati delle prove e definiscono tempi dedicati a una riflessione individuale e/o collegiale. 6. Modalità di comunicazione alla famiglia. Gli esiti delle prove di verifica, orali o scritte, sono comunicati alle famiglie attraverso il libretto personale dell alunno e i colloqui individuali. È possibile prendere visione delle prove ed essere informati degli esiti delle verifiche orali nei colloqui individuali. Al fine di fornire un informazione completa circa l esito delle verifiche, anche orali, viene inserita nel libretto personale una tabella riassuntiva, nella quale sono indicati: disciplina, data, tipo di prova, esito della prova, firma del docente, firma del genitore. 21

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES. - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti:

RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES. - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti: RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: A.S. ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti: Evoluzione della classe rispetto ai livelli individuati

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006 ISTITUTO TECNICO STATALE GEOMETRI BLAISE PASCAL AD INDIRIZZO SPERIMENTALE (B.U.S.-T.C.S.) Via Makallè, 12 42100 Reggio Emilia - codice fiscale: 91008310350 Telefono: 0522 512351 - Fax: 0522 516741 E-mail:

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

METODI E STRATEGIE DIDATTICHE

METODI E STRATEGIE DIDATTICHE METODI E STRATEGIE DIDATTICHE METODOLOGIA Nel nostro modello progettuale l analisi di partenza viene assunta come ipotesi. Essa si fonda sul triangolo paritario della scuola alunno/insegnante/saperi. La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

La valutazione degli alunni nella scuola secondaria di I grado

La valutazione degli alunni nella scuola secondaria di I grado La valutazione degli alunni nella scuola secondaria di I grado Valutazione in ingresso La valutazione diagnostica, attraverso la somministrazione di test d ingresso, permette di individuare il livello

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

Rappresentano le finalità educative di ogni disciplina

Rappresentano le finalità educative di ogni disciplina Il documento di valutazione o pagella Nella pagella che viene consegnata alle famiglie alla fine del primo e del secondo quadrimestre, sono specificati tre parametri, che indicano i passaggi fondamentale

Dettagli

DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE

DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE Il Collegio Docenti al fine di garantire omogeneità nelle decisioni dei Consigli di Classe, relativamente alle operazioni

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA primaria e secondaria Via G. Pascoli,10 42023 Cadelbosco Sopra (RE) PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA Adattamento indicazioni operative a cura della Commissione

Dettagli

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15 Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado Maria Cassani

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina:Educazione fisica Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. A.S.2014-2015 Docente:CARLOTTO MONICA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 1^A è numerosa, vivace e partecipe anche

Dettagli

Ai Docenti. 3. La lettera per assegnazione corsi di recupero/giudizio sospeso e le lettera per segnalazione aiuto/i. (All.1 e 2)

Ai Docenti. 3. La lettera per assegnazione corsi di recupero/giudizio sospeso e le lettera per segnalazione aiuto/i. (All.1 e 2) Scuola Paritaria D.D. 29.12.2000 legge 62/2000 Circolare n. 113 del 20 maggio 2011 Oggetto: Scrutini secondo quadrimestre Ai Docenti Nei prossimi giorni saranno in distribuzione ai referenti di classe

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

ALLEGATO III SISTEMA DI VALUTAZIONE LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI DELL APPRENDIMENTO - PERCORSI VALUTATIVI SPECIFICI DEI TRE ORDINI DI SCUOLA

ALLEGATO III SISTEMA DI VALUTAZIONE LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI DELL APPRENDIMENTO - PERCORSI VALUTATIVI SPECIFICI DEI TRE ORDINI DI SCUOLA ALLEGATO III SISTEMA DI VALUTAZIONE MODALITA E CRITERI PER ASSICURARE OMOGENEITÀ, EQUITÀ E TRASPARENZA DELLA VALUTAZIONE ù L Istituto Comprensivo di Talamona nel rispetto di quanto previsto dal DPR n 122

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

CONSIGLIO di CLASSE 1^ SEZ L

CONSIGLIO di CLASSE 1^ SEZ L A. S. 2014/2015 SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE SProgCdc PEC CONSIGLIO di CLASSE 1^ SEZ L MATERIA DOCENTE firma 1 Lingua e Lett. Italiana Grimoldi Maria 2 Lingua Latina Grimoldi Maria

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO FRANCESCO D ESTE MASSA LOMBARDA RA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO FRANCESCO D ESTE MASSA LOMBARDA RA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO FRANCESCO D ESTE MASSA LOMBARDA RA P iano O fferta F ormativa ALLEGATI A.S. 2012 2013 SOMMARIO ALLEGATO A Schemi di Progettazione A1 Schema Progettazione iniziale della classe

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012)

Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012) Programmazione didattica del Collegio docenti (approvata nella seduta del CD del 24/09/2012) Nella terza sezione del P.O.F. Programmazione del lavoro didattico' sono delineati i principi generali delle

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

Capitolo 4 La funzione docente

Capitolo 4 La funzione docente Capitolo 4 La funzione docente La funzione docente, che ha nell insegnamento il suo fondamento, si articola in ulteriori azioni complementari: la valutazione: cosa, perché, chi e come si valuta; i criteri

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 013-14 SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE madrelingua COMPETENZE DISCIPLINARI Interagisce oralmente nella lingua italiana

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 1

UNITA DI APPRENDIMENTO 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate assi culturali professionali cittadinanza A TUTTA BIRRA Guida a un uso consapevole delle bevande alcoliche Realizzazione di una guida alle

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1 I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014 Verbale n. 1 Il presente verbale è frutto del lavoro comune svolto dai docenti del gruppo linguistico dei singoli dipartimenti dell I.I.S. Telesi@: LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO

CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO La valutazione è parte integrante del processo di insegnamento/apprendimento. Essa deve essere trasparente e condivisa, nei fini e nelle procedure, da tutti coloro

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

Pianificazione ed erogazione delle attività educative e didattiche

Pianificazione ed erogazione delle attività educative e didattiche Pag. 1 di 17 SOMMARIO Pag. 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Applicabilità 2 3. Riferimenti 2 4. Termini e definizioni 2 5. Modalità operative 3 5.1 Generalità 3 6 - Documentazione 16 7 - Indicatori

Dettagli

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Francesco De Sarlo Via Sant Antuono 192-0973/21034 - C.F. 83000510764 PZIS001007 85042 - LAGONEGRO PZ PZPM00101P IST. MAG. LAGONEGRO - PZPS00101N LIC. SC. LAGONEGRO

Dettagli

LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA

LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA Protocollo di valutazione delle competenze Scuola Primaria a.s. 2012/13 1 LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA PROTOCOLLO DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Area 6 Ins. Stanislao Carmen Area 1 Ins. Lampitelli

Dettagli

AMBITI DELLA VALUTAZIONE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI ESITI FORMATIVI

AMBITI DELLA VALUTAZIONE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI ESITI FORMATIVI AMBITI DELLA VALUTAZIONE MODALITÀ DI VALUTAZIONE DEGLI ESITI FORMATIVI La valutazione degli esiti formativi dell alunno costituisce uno degli aspetti più significativi del processo di insegnamento - apprendimento,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 9 04/12/2013 105 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: RELAZIONI INTERNAZIONALI MODINA DOCENTI:

Dettagli

Collezione Scuola 2013-2014. L unica a COLORI ECONOMICA di FACILE COMPILAZIONE che RISPETTA L AMBIENTE

Collezione Scuola 2013-2014. L unica a COLORI ECONOMICA di FACILE COMPILAZIONE che RISPETTA L AMBIENTE Collezione Scuola 2013-2014 L unica a COLORI ECONOMICA di FACILE COMPILAZIONE che RISPETTA L AMBIENTE scuola dell infanzia / giornale dei docenti Modello 301/R10 Formato cm 24x33, pp. 32 + copertina stampato

Dettagli

MODALITA' E STRUMENTI DI VALUTAZIONE DELL'OFFERTA E DEI RISULTATI OTTENUTI

MODALITA' E STRUMENTI DI VALUTAZIONE DELL'OFFERTA E DEI RISULTATI OTTENUTI MODALITA' E STRUMENTI DI VALUTAZIONE DELL'OFFERTA E DEI RISULTATI OTTENUTI 1. Valutazione del processo di apprendimento e formazione degli allievi Avviene a diversi livelli, individuali e collegiali, in

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANTONELLA TERRASI CLASSE: 2 C TURISTICO A.S.: 2014/2015 DATA: 24/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E L apprendimento di due lingue comunitarie permette

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE PROFESSORE: ERNESTO PINO CLASSE: II A TUR A.S.: 2013/2014 DATA: 28.10.2013 SOMMARIO 1.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale

Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Consiglio della classe 3A Piano di lavoro annuale a.s. 2014-2015 Presentazione della classe La classe 3 A è composta da

Dettagli

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: 1 di 8 21/11/2013 10.41 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA INFORMATICA DOCENTI : ANDREELLA TERESA,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015 Disciplina: Informatica, applicazioni gestionali Classe: 1A A.S 2014/2015 Docente: Prof. Renata Ambrosi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 27alunni; 5 maschi e 22 femmine.

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso a.s. 2013-14

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso a.s. 2013-14 DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE Istituto Comprensivo di Quinto di Treviso a.s. 2013-14 1 LA VALUTAZIONE... 4 FUNZIONI E FINALITA DELLA VALUTAZIONE... 4 CHE COSA SI VALUTA... 6 FASI DELLA VALUTAZIONE... 6 DIFFERENZA

Dettagli

Al personale docente Atti Albo sito web

Al personale docente Atti Albo sito web ISTITUTO SUPERIORE BRUNO MUNARI ACERRA (NA) Codice: NAIS069007 ISA Munari ACERRA Via Diaz Armando, 43-80011 ACERRA (Napoli)) Codice: NASD069014 LIC. SOCIOPS. Munari ACERRA Via Campanella, 80011 ACERRA

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli