IV ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IV ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella A.S. 2011-2012"

Transcript

1 IV ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella A.S

2 Attività dei Consigli di Classe (CC) Il Consiglio di Classe (CC) si riunisce secondo il Piano delle attività comunicato dal DS a settembre allo scopo di: approvare il verbale della riunione precedente integrando eventuali mancanze rilevate dal DS nella sua attività di controllo periodico verificare il regolare avanzamento dell attività didattica sulla base delle rilevazioni dei docenti verificare l andamento del processo formativo in modo individuale per i singoli alunni ed in modo generalizzato per la classe concordare gli interventi compensativi di recupero e/o sviluppo che si rendono necessari per gli alunni concordare per ogni alunno delle classi terze il consiglio orientativo concordare modalità e finalità delle gite di istruzione e/o uscite didattiche programmare le attività propedeutiche interdisciplinari per preparare la classe all attività proposta (gite di istruzione e/o uscite didattiche) relazionare ai genitori rappresentanti sull andamento della classe discutere eventuali proposte dei genitori e/o rispondere alle loro osservazioni. Il CC, in base alla scelta operata dal Collegio Docenti (CD) sulla suddivisione dell attività didattica in trimestri o quadrimestri, è responsabile delle valutazioni intermedie e di quella finale degli alunni. Per procedere alla valutazione intermedia degli alunni, il CC: approva le valutazioni per discipline proposte dai docenti concorda la valutazione del livello globale di maturazione dei singoli alunni sulla base degli indicatori stabiliti dal Collegio Docenti e definisce il voto di condotta con le relative motivazioni. compila la scheda di valutazione (che sarà consegnata, tramite gli alunni, ai genitori dal DS o dal coordinatore di classe) Le schede di valutazione controfirmate dalle famiglie, raccolte a cura dei Coordinatori di classe, sono consegnate alla segreteria per il controllo dell avvenuta resa, l eventuale sollecito e l archiviazione. 2

3 Nell eventualità dell adozione, da parte del Collegio Docenti, dei quadrimestri, il Consiglio di Classe compila il foglio informativo di metà quadrimestre (novembre ed aprile) sulla base degli indicatori deliberati dal Collegio docenti, consegnato tramite gli alunni ai genitori, i quali devono restituirlo controfirmato con la medesima procedura della scheda di valutazione. Per procedere alla valutazione finale degli alunni, il Consiglio di Classe (CC): approva le valutazioni per discipline proposte dai docenti concorda la valutazione del livello globale di maturazione dei singoli alunni sulla base degli indicatori stabiliti da Collegio Docenti e stabilisce il voto di condotta effettua le operazioni di scrutinio finale con votazione a maggioranza per l ammissione degli alunni alla classe successiva formula le motivazioni nei casi di non ammissione o di ammissione alla classe successiva o all esame di stato, sulla base dei criteri stabiliti dal CD. compila la scheda di valutazione, che sarà consegnata direttamente dai docenti ai genitori, nella data stabilita dal DS nel piano delle attività, o ritirata in altra data presso la segreteria completa il tabellone, consegnato dalla segreteria su modello prestampato, dove sono indicati gli esiti dello scrutinio finale, e questo viene firmato dal DS e dai docenti componenti il Consiglio di Classe. Il Segretario del Consiglio di Classe stende il verbale di ogni riunione del CC sull apposito libro dei verbali, che viene conservato presso la Presidenza e sottoposto a DS per il controllo periodico. 3

4 Compiti e funzioni del docente coordinatore di classe Il docente coordinatore : è responsabile in modo particolare degli studenti della classe, cerca di favorirne la coesione interna e si tiene regolarmente informato sul loro profitto tramite frequenti contatti con gli altri docenti del C. di Cl ; informa gli studenti delle decisioni prese dal consiglio di classe; sollecita gli allievi alla buona tenuta dell aula in collaborazione con i colleghi, affinché maturi in ciascuno il rispetto per gli ambienti scolastici e per i materiali didattici; illustra i punti del Patto del Corresponsabilità agli alunni e ai genitori e promuove idonee azioni educative- didattiche volte a favorire un interiorizzazione degli impegni da parte degli alunni; all interno della classe costituisce il punto di riferimento per i nuovi insegnanti circa tutti i problemi specifici del Consiglio di classe, fatte salve le competenze del D. S.; informa il D. S. sugli avvenimenti più significativi della classe, riportando i problemi rimasti insoluti; mantiene il contatto con i genitori, fornendo informazioni globali sul profitto, sull interesse e sulla partecipazione degli studenti nei momenti istituzionali e ogniqualvolta il Consiglio di classe lo ritenga necessario; fornisce specifici suggerimenti in collaborazione con gli altri docenti della classe; accoglie i genitori con la presenza di almeno un altro collega in occasione della restituzione del 1 e 2 foglio informativo e delle schede personali quadrimestrali e fornisce chiarimenti ai genitori con la collaborazione dei colleghi. Consegna alla segreteria i documenti; controlla settimanalmente che tutte le circolari interne siano notificate alle famiglie, siano registrate e controfirmate dal docente di turno nel giornale di classe e verifica che non sia stata programmata più di una prova scritta nello stesso giorno; 4

5 consegna all assistente amministrativa, in Segreteria, ogni certificato medico per assenze prolungate o per esonero dalle attività motorie; distribuisce e raccoglie i moduli e le autorizzazioni dei genitori per le richieste di visite guidate e/o viaggi di istruzione relativi, consegnandoli almeno cinque giorni prima in segreteria; concorda, con il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi, le quote relative al mezzo di trasporto usato, l entrata ai musei e/o alle mostre, il costo delle guide ed ogni altro aspetto economico, che comporti pagamenti, i quali dovranno essere versati, tramite conto corrente, intestato alla scuola; segue le attività dei consigli di classe, in particolare: - dà la parola ai colleghi e coordina i singoli interventi, moderando i tempi; - raccoglie le informazioni da parte dei genitori, degli interlocutori vari su problemi disciplinari o di inserimento degli alunni normodotati, svantaggiati e stranieri ; - cura la raccolta di ogni documento da allegare al registro dei verbali dei consigli di classe e la stesura della programmazione interdisciplinare; - illustra ai genitori eletti nei consigli di classe l andamento generale della classe e risponde con i colleghi ad eventuali domande; - verifica con il segretario verbalizzante che il verbale sia redatto in modo coerente all ordine del giorno e alle problematiche emerse durante la discussione, quindi, lo sottoscrive; - predispone la relazione interdisciplinare finale per le classi prime e seconde e di presentazione agli esami degli alunni delle classi terze, secondo i parametri concordati nell ambito del collegio. 5

6 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1^ grado G. ZANELLA - Padova GRIGLIA PER LA STESURA DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE Composizione della classe (n alunni, ripetenti, alunni stranieri, alunni diversamente abili, eventuali attività didattiche aggiuntive) Situazione di partenza (fasce di livello in base alle prove d ingresso e alle osservazione sistematiche) Obiettivi educativi e didattici Modalità di intervento per attività di recupero, di potenziamento e di sostegno Metodo di lavoro ( principi condivisi lezioni, coinvolgimento degli alunni) Attività di orientamento Criteri di valutazione (valutazione formativa e sommativa) Attività programmate (percorsi individualizzati, progetti, cineforum, teatro, attività di Vivipadova, partecipazione a concorsi, laboratori ) Uscite (visite a musei, mostre, aziende ) Visita di istruzione Rapporti con le famiglie 6

7 Obiettivi educativi e obiettivi cognitivi trasversali Classe prima Indicatore Obiettivi educativi intermedi Obiettivi operativi 1. Conoscenza e accettazione di sè 1.1 Avere cura del proprio corpo 1.2 Avere consapevolezza delle motivazioni dei propri comportamenti 1.3 Sapere utilizzare le proprie capacità Socializzazione 2. Disponibilità 2.1 Lavorare e collaborare con compagni ed Insegnanti 2.2 Aiutare gli altri 2.3 Ascoltare ed avere rispetto per idee ed opinioni altrui 2.4 Rispettare i ritmi di ciascuno 1. Rispetto dell ambiente scolastico 1.1 Rispettare cose e persone Responsabilità Autonomia 2. Rispetto delle regole di comportamento 3. Autocontrollo 3. Partecipazione all attività scolastica e interesse 1. Organizzazione del lavoro scolastico 2.1 Alzare la mano per chiedere la parola 2.2 Aspettare il proprio turno 2.3 Non interrompere 2.4 Eseguire con regolarità i lavori assegnati 2.5 Adempiere agli impegni presi 2.6 Rispettare gli orari 3.1 Comprendere ed accettare i richiami 3.2 Tenere un comportamento corretto 3.3 Sapersi controllare anche nelle attività di gioco 3.1 Ascoltare con attenzione 3.2 Intervenire in maniera appropriata 3.3 Chiedere delucidazioni agli insegnanti 1.1 Usare opportunamente il diario e il libretto personale 1.2 Tenere in ordine il materiale scolastico 1.3 Portare il materiale occorrente Indicatore Ascoltare e comprendere Parlare esporre e interagire Leggere e comprendere Scrivere, operare e rielaborare Usare procedure, modelli, strutture Avviare l acquisizione di un metodo di studio Obiettivo cognitivo trasversale Comprensione globale e inferenziale dei messaggi nei diversi registri, codici e contesti di comunicazioni Avvio a chiarezza, scioltezza, correttezza, coerenza ed efficacia espressiva nei vari contesti di comunicazione Comprensione delle varie tipologie testuali, grafiche, visive ed espressive Scrittura e rielaborazione di testi semplici chiari e corretti, rappresentazione di contenuti e dati anche attraverso i linguaggi specifici delle discipline, originalità e creatività nell interpretazione dei codici espressivi Riconoscimento di situazioni problematiche, interiorizzazioni e applicazione dei procedimenti, elaborazione di strategie risolutive Autonomia nell organizzazione del proprio lavoro e capacità di rielaborare informazioni e conoscenze 7

8 Classe seconda Indicatore Obiettivi educativi intermedi Obiettivi operativi 1. Conoscenza e accettazione di sé 1.1 Avere una conoscenza realistica di sé 1.2 Avere la capacità di esprimere sensazioni, idee e immagini del proprio vissuto 1.3 Avere cura del proprio corpo Socializzazione 2. Disponibilità 2.1 Lavorare e collaborare con compagni ed Insegnanti 2.2 Stabilire legami di fiducia 2.3 Ascoltare ed avere rispetto per idee ed opinioni altrui pur se diverse dalle proprie 2.4 Rispettare i ritmi di ciascuno 1. Rispetto dell ambiente scolastico 1.1 Rispettare cose e persone Responsabilità Autonomia 2. Rispetto delle regole di comportamento 3. Autocontrollo 3. Partecipazione all attività scolastica e interesse 4. Essere in grado di esprimere giudizi 2. Organizzazione del lavoro scolastico 2.2 Aspettare il proprio turno 2.3 Non interrompere 2.4 Eseguire con regolarità i lavori assegnati 2.5 Adempiere agli impegni presi 2.6 Rispettare gli orari 3.1 Comprendere ed accettare i richiami 3.2 Tenere un comportamento corretto 3.3 Sapersi controllare anche in assenza di interventi esterni 3.1 Ascoltare con attenzione 3.2 Intervenire in maniera appropriata 3.3 Chiedere delucidazioni agli insegnanti 4.1 Esprimere giudizi sul proprio modo di operare 2.1 Usare opportunamente il diario e il libretto personale 2.2 Tenere in ordine il materiale scolastico 2.3 Portare il materiale occorrente Indicatore Ascoltare e comprendere Parlare esporre e interagire Leggere e comprendere Scrivere, operare e rielaborare Usare procedure, modelli, strutture Acquisire un metodo di studio Obiettivo cognitivo trasversale Comprensione globale e inferenziale dei messaggi nei diversi registri, codici e contesti e varietà di comunicazioni chiarezza, scioltezza, correttezza, coerenza ed efficacia espressiva nei vari contesti di comunicazione Comprensione delle varie tipologie testuali, grafiche, visive ed espressive Scrittura e rielaborazione di testi chiari e corretti, rappresentazione di contenuti e dati anche attraverso i linguaggi specifici delle discipline, originalità e creatività nell interpretazione dei codici espressivi Riconoscimento di situazioni problematiche, interiorizzazioni e applicazione dei procedimenti ed elaborazione di strategie risolutive Autonomia nell organizzazione del proprio lavoro e capacità di rielaborare informazioni e conoscenze, capacità di evidenziare pregi e limiti delle proprie prestazioni. 8

9 Classe terza Indicatore Obiettivi educativi intermedi Obiettivi operativi Socializzazione 1. Conoscenza e accettazione di sé, degli altri, del mondo 2. Disponibilità 3. Tolleranza 1.1 Avere una conoscenza realistica di sé 1.2 Avere consapevolezza dei propri cambiamenti 1.3 Avere capacità autocritica del proprio vissuto e capacità di auto-accettazione 1.4 Saper accettare le persone nelle loro specificità 1.5 Saper cogliere le occasioni per migliorare le capacità decisionali e di scelta 1.6 Essere sensibili verso i valori universali dell uomo 2.1 Lavorare e collaborare con coetanei e adulti 2.2 Stabilire legami di fiducia 2.3 Costruire intese 2.2 Aiutare gli altri 3.1 Adottare un atteggiamento equilibrato e rispettoso nei confronti delle idee e delle opinioni altrui anche se diverse delle proprie 3.2 Rispettare i ritmi di ciascuno 1. Rispetto dell ambiente scolastico 1.1 Rispettare cose e persone Responsabilità 2. Rispetto delle regole di comportamento 3. Autocontrollo 4. Partecipazione all attività scolastica e interesse 5. Essere in grado di esprimere giudizi 6. Orientamento 2.1 Imparare a risolvere ogni contrasto attraverso un dialogo costruttivo 2.2 Aspettare il proprio turno senza interrompere il lavoro altrui 2.3 Eseguire con regolarità i lavori assegnati per casa e in classe 2.5 Adempiere agli impegni presi a breve e a lunga scadenza 3.1 Avere consapevolezza di ruolo e funzioni 3.2 Comprendere consigli, suggerimenti e richiami e utilizzarli nel proprio percorso formativo 3.2 Attenersi ai comportamenti idonei richiesti dalle circostanze anche in assenza di interventi esterni 3.3 Prevedere le conseguenze dei propri comportamenti 4.1 Ascoltare e partecipare alle attività con attenzione e interesse 4.2 Intervenire in modo appropriato e responsabile 4.3 Dimostrare motivazione al miglioramento delle prestazioni 5.1 Esprimere giudizi obiettivi sul proprio modo di operare e di relazionarsi 5.2 Esprimere considerazioni argomentate sul mondo che ci circonda 5.3 Considerare fatti e problemi da più punti di vista 6.1 Riflettere sulle proprie capacità, competenze, abilità e sulle proprie aspirazioni per essere in grado di effettuare una scelta consapevole 9

10 Autonomia 3. Organizzazione del lavoro scolastico 3.1 Saper organizzare il proprio lavoro in classe e a casa 3.2 Portare il materiale occorrente Indicatore Obiettivo cognitivo trasversale Ascoltare e comprendere Parlare esporre e interagire Leggere e comprendere Scrivere, operare e rielaborare Usare procedure, modelli, strutture Consolidare un metodo di studio Comprensione globale e inferenziale dei messaggi nei diversi registri, codici e contesti e varietà di comunicazioni Avvio a chiarezza, scioltezza, correttezza, coerenza ed efficacia espressiva nei vari contesti di comunicazione, capacità di astrazione e valutazione critica personale Comprensione delle varie tipologie testuali, grafiche, visive ed espressive e delle relazioni tra i diversi linguaggi di comunicazione Scrittura e rielaborazione di testi semplici chiari e corretti, rappresentazione di contenuti e dati anche attraverso i linguaggi specifici delle discipline, originalità e creatività nell interpretazione dei codici espressivi Riconoscimento di situazioni problematiche, interiorizzazioni e applicazione dei procedimenti, confronto ed elaborazione di strategie risolutive Autonomia nell organizzazione del proprio lavoro, efficacia nel metodo di studio, capacità di evidenziare pregi e limiti delle proprie prestazioni, consapevolezza dei motivi che hanno condizionano il risultato. 10

11 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella Padova GRIGLIA PROVE D INGRESSO A.S /201 Alunni classe./sez. Compr. testo Prova gramm. Matem Inglese Franc/ Spa/ Ted (per la 2 / 3 classe) MEDIA IN CENTESIMI N.B. Contrassegnare con un asterisco i nominativi degli alunni stranieri in Italia da sei mesi ad un anno 11

12 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado G. Zanella Padova GRIGLIA PROVE DI USCITA A.S /201 Alunni classe./sez. Compr. testo Prova gramm. Matem Inglese Franc/ Spa/ Ted (per la 2 / 3 classe) MEDIA IN CENTESIMI N.B. Contrassegnare con un asterisco i nominativi degli alunni stranieri in Italia da sei mesi ad un anno 12

13 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado "G. ZANELLA" - Padova FOGLIO INFORMATIVO 1 QUADRIMESTRE a.s. 201 /201 Classe prima ALUNNO classe Sez. AREA COGNITIVA Possiede ed applica le conoscenze con una certa sicurezza Possiede le conoscenze fondamentali Possiede solo in parte le conoscenze di base Italiano Storia Geografia Inglese 2 lingua comunitaria Francese Tedesco Spagnolo Matematica Scienze Tecnologia Musica Arte e immagine Sc. Mot. sportive Religione / A.A. Padova Rev.1/ data PARTECIPAZIONE (attenzione- interventi) 1. Interviene e partecipa costruttivamente 2. Partecipa in modo abbastanza attivo 3. Segue, ma interviene solo se stimolato 4. Segue in modo discontinuo ed interviene poco 5. Non è quasi mai attento, né partecipa ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Lavora in modo: 1. Autonomo e produttivo 2. Regolare ed abbastanza efficace 3. Regolare, ma non sempre efficace 4. Discontinuo 5. Disordinato e dispersivo COMPORTAMENTO (sociale) 1. Corretto 2. Vivace, ma capace di autocontrollo 3. Non sempre controllato 4. Poco controllato e poco responsabile 5. Scorretto Annotazioni: Si fa riferimento alla programmazione individualizzata Si fa riferimento alla programmazione della classe IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Rocco Bello firma del genitore 13

14 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado "G. ZANELLA" - Padova FOGLIO INFORMATIVO 1 QUADRIMESTRE a.s. 201 /201 Classi seconda e terza ALUNNO classe Sez. AREA COGNITIVA Italiano Storia Geografia Inglese 2 lingua comunitaria Francese Tedesco Spagnolo Matematica Scienze Tecnologia Musica Arte e immagine Sc. Mot. sportive Religione / A.A. Padova Rev.1/ data PARTECIPAZIONE (attenzione- interventi) 6. Interviene e partecipa costruttivamente 7. Partecipa in modo abbastanza attivo 8. Segue, ma interviene solo se stimolato 9. Segue in modo discontinuo ed interviene poco 10. Non è quasi mai attento, né partecipa Possiede ed applica le conoscenze in modo sicuro Possiede ed applica le conoscenze Possiede le conoscenze fondamentali Possiede solo in parte le conoscenze di base Presenta carenze diffuse nelle conoscenze di base Annotazioni: Si fa riferimento alla programmazione individualizzata ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Lavora in modo: 6. Autonomo e produttivo 7. Regolare ed abbastanza efficace 8. Regolare, ma non sempre efficace 9. Discontinuo 10. Disordinato e dispersivo COMPORTAMENTO (sociale) 6. Corretto 7. Vivace, ma capace di autocontrollo 8. Non sempre controllato 9. Poco controllato e poco responsabile 10. Scorretto Si fa riferimento alla programmazione della classe IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Rocco Bello (firma del genitore) 14

15 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1 grado "G. ZANELLA" - Padova FOGLIO INFORMATIVO 2 QUADRIMESTRE a.s. 201 /201 Rev.1/ data ALUNNO classe Sez. Italiano Storia Geografia Inglese Francese Tedesco 2 lingua comunitaria DISCIPLINE Spagnolo Matematica Scienze Tecnologia Musica Arte e immagine Sc. Mot. sportive Esiti delle prove di verifica e delle osservazioni sistematiche PARTECIPAZIONE (attenzione- interventi) 1. Interviene e partecipa costruttivamente 2. Partecipa in modo abbastanza attivo 3. Segue, ma interviene solo se stimolato 4. Segue in modo discontinuo ed interviene poco 5. Non è quasi mai attento, né partecipa ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Lavora in modo: 1. Autonomo e produttivo 2. Regolare ed abbastanza efficace 3. Regolare, ma non sempre efficace 4. Discontinuo 5. Disordinato e dispersivo COMPORTAMENTO (sociale) 1. Corretto 2. Vivace, ma capace di autocontrollo 3. Non sempre controllato 4. Poco controllato e poco responsabile 5. Scorretto Annotazioni: Si fa riferimento alla programmazione individualizzata Si fa riferimento alla programmazione della classe IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Rocco Bello Padova firma del genitore 15

16 Rev.2/data IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1^ grado G. ZANELLA Padova TRACCIA PER LA VERBALIZZAZIONE DI ALUNNI CON SITUAZIONE PROBLEMATICHE in corso d anno CLASSE ) Situazione di partenza L alunno/a ha evidenziato una situazione di partenza 2) Interesse, partecipazione e impegno Dimostra interesse e partecipazione E si impegna in modo gravemente lacunosa / lacunosa / incerta/ insicura saltuari/ alterni/ settoriali/ superficiali discontinuo/ settoriale/ superficiale 3) Organizzazione del lavoro (classe 1 ) Non sa ancora organizzare il proprio lavoro. Incontra qualche difficoltà nell organizzare il proprio lavoro. Va ancora guidato nell organizzazione del proprio lavoro. Sta imparando ad organizzare il proprio lavoro. 3) Metodo di studio (classi 2-3 ) Non possiede ancora un metodo di studio E avviato /a all acquisizione di un metodo di studio 4) Rendimento scolastico Risultano insufficienti / gravemente insufficienti le seguenti discipline. 5) Strategie di miglioramento Esercizi aggiuntivi individualizzati Utilizzo dello sportello didattico Frequenza dei corsi di recupero Consiglio di frequenza di attività di studio guidato presso agenzie extrascolastico 6) Comportamento (da trascrivere nell apposito riquadro della scheda) Eventuali segnalazioni di problemi disciplinari. 16

17 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO "G. ZANELLA- PADOVA TABELLA RIASSUNTIVA RISULTATI QUADRIMESTRALI Rev.1/data QUADRIMESTRE 2 QUADRIMESTRE ANNO SCOLASTICO 201../201.. CLASSE.SEZ.. ITALIANO STORIA GEOGRAF. INGLESE FRANC./TED. SPAGN. MATEMAT. SCIENZE TECNOLOG. MUSICA ARTE IMMAG SCIENZE MOT. RELIGIONE/ AA CONDOTTA ITALIANO STORIA GEOGRAF. INGLESE FRANC./TED. SPAGN. MATEMAT. SCIENZE TECNOLOG. MUSICA ARTE IMMAG SCIENZE MOT. RELIGIONE/ AA CONDOTTA

18 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1^ grado G. ZANELLA - Padova GRIGLIA PER LA STESURA DELLA RELAZIONE INTERDISCIPLINARE FINALE (classi prime e seconde) Rev.1/data Composizione della classe (n alunni- maschi femmine - nuovi inserimenti- partecipazione alle attività facoltative opzionali-) Situazione di partenza, in base alle prove d ingresso e alle osservazioni sistematiche Obiettivi educativi Obiettivi trasversali, fissati dal Consiglio di Classe Interventi programmati per il raggiungimento degli obiettivi educativi e cognitivi (attività di recupero.. ). Attività interdisciplinari: gite, visite d istruzione, partecipazione a concorsi,laboratori, cineforum, rappresentazioni teatrali, lezioni concerto. Orientamento:letture, questionari, discussioni finalizzati alla conoscenza di sé Livello di preparazione raggiunto dagli alunni. Rapporti con le famiglie 18

19 IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Secondaria di 1^ grado G. ZANELLA - Padova VERIFICHE E VALUTAZIONE Rev.1/data Costituiscono oggetto della valutazione, secondo l attuale quadro normativo, e sono competenze del gruppo docente responsabile delle classi: la verifica degli apprendimenti la valutazione del comportamento la rilevazione delle competenze a) L accertamento degli apprendimenti disciplinari si effettua mediante verifiche in itinere nel corso dell attività didattica e sommative a conclusione di ogni percorso didattico. Questi strumenti di valutazione sono di vario tipo e, a seconda della disciplina interessata, possono essere scritte, orali, operative, grafiche e informatiche. Esse, inoltre, hanno sia carattere oggettivo (questionari a risposta chiusa, completamenti, correlazioni, problemi, ecc.) sia soggettivo (temi, relazioni, questionari a risposta aperta, schematizzazioni ). È previsto un congruo numero di prove a seconda della disciplina interessata. b) Verifiche scritte: gli esercizi saranno strutturati a livelli di difficoltà graduati, onde permettere agli alunni di rispondere secondo le loro possibilità. Prove diversificate saranno somministrate agli alunni con certificazione di handicap o svantaggio debitamene e tempestivamente documentate. c) Verifiche orali: sarà riservata una particolare attenzione alle interrogazioni e alle relazioni orali, perché si ritiene che la capacità di parlare costituisca non solo un obiettivo didattico (imparare a parlare favorisce la capacità di scrivere), ma anche un obiettivo educativo (imparare a parlare in pubblico incrementa la stima di sé, dà sicurezza, favorisce l articolazione del pensiero ). La valutazione delle interrogazioni (vicino alla cattedra) sarà motivata e comunicata tempestivamente sia agli alunni (per favorire il processo di autovalutazione) sia alle famiglie. L impreparazione, non giustificabile oggettivamente, sarà valutata negativamente, per sottolineare la necessità dell impegno costante nello studio. Gli alunni registreranno gli esiti delle verifiche scritte e orali in una tabella sintetica appositamente predisposta e inserita nel libretto personale. d) La valutazione del comportamento scolastico: le osservazioni sistematiche permettono di conoscere e verificare le modalità di apprendimento di ogni singolo alunno e concorrono alla verifica degli apprendimenti. Sono considerate osservazioni sistematiche quelle riferite alla partecipazione con interventi dal posto, richiesti durante il normale svolgimento delle 19

20 lezioni e/o durante la correzione dei compiti per casa. Importante, rispetto alla situazione di partenza, sarà la valutazione delle modalità di approccio ai contenuti, dei tempi di attenzione, di concentrazione, del grado di partecipazione e interesse. Per mantenere vivo l interesse si valorizzeranno le conoscenze degli alunni tramite domande, richieste di precisazioni e chiarimenti nel corso di svolgimento della normale attività didattica. Criteri collegiali di valutazione: 1. Criteri di valutazione delle singole prove orali o scritte voto criterio 10-9 Conseguimento organico e sicuro di tutti gli obiettivi, con eventuale rielaborazione personale 8 Conseguimento sicuro di tutti gli obiettivi 7 Conseguimento abbastanza sicuro di quasi tutti gli obiettivi 6 Acquisizione delle abilità e conoscenze fondamentali 5 Raggiungimento incompleto delle abilità e conoscenze fondamentali 4 Gravi lacune negli apprendimenti 3 Impreparazione 2. Criteri della valutazione sommativa di fine quadrimestre Ai fini dell espressione del voto sintetico disciplinare di fine quadrimestre il singolo docente e il consiglio di classe tengono conto dei seguenti criteri: esiti di apprendimento raggiunti rispetto agli standard attesi; impegno manifestato in termini di personale partecipazione e regolarità nello studio; progresso conseguito rispetto alla situazione di partenza; impiego pieno o parziale delle potenzialità personali; organizzazione del lavoro (autonomia e metodo di studio); equità rispetto alla distribuzione dei giudizi nel gruppo classe. 3. Criteri per l espressione del voto relativo al comportamento. Si considerano in particolare: 1. rispetto delle persone, degli ambienti e delle strutture; 2. rispetto delle regole 3. partecipazione attiva alla vita della classe e a tutte le attività scolastiche 4. disponibilità ad apprendere 5. relazioni positive 6. costanza dell impegno Rispetto a questi criteri generali la corrispondenza voti- comportamento fa riferimento alla seguente descrizione: votazione 10 Rispetto pieno dei punti 1,2,3,4,5,6 9 Rispetto pieno dei punti 1,2,3,4,6 8 Rispetto pieno dei punti 1,2,4 7 Rispetto parziale del punto 2 6 Rispetto parziale dei punti 1 e 2 5 comportamento 20

21 4. Modalità generali di svolgimento delle prove e delle registrazioni Nello svolgimento delle prove e nelle relative annotazioni nel registro si farà riferimento fondamentalmente ai seguenti criteri: annotazioni degli esiti registrati, con riferimento alle competenze disciplinari o, secondo le decisioni del docente, a specifici obiettivi di apprendimento; complessivamente non meno di tre registrazioni per disciplina, per quadrimestre, ricavate da prove orali o scritte, grafiche, operative o di altro tipo; le registrazioni dovranno essere distribuite nell arco temporale del quadrimestre; tutte concorrono alla definizione del voto quadrimestrale; nel registro sono annotate, con legenda esplicitata dall insegnante, anche le osservazioni sistematiche sul processo di apprendimento, le quali concorrono alla determinazione del voto quadrimestrale. 5. Modalità di coinvolgimento e responsabilizzazione degli alunni. Gli alunni vengono coinvolti nel processo valutativo, affinché la valutazione sostenga, orienti e promuova l impegno verso la piena realizzazione della personalità. In questo senso i docenti del consiglio di classe: informano gli alunni circa le competenze e gli obiettivi di apprendimento attesi all inizio delle unità di apprendimento; informano anticipatamente gli alunni circa gli obiettivi di apprendimento oggetto di verifica scritta o colloquio orale, le modalità generali di svolgimento del colloquio o della verifica, i criteri per la valutazione degli esiti; informano gli alunni circa i risultati delle prove e definiscono tempi dedicati a una riflessione individuale e/o collegiale. 6. Modalità di comunicazione alla famiglia. Gli esiti delle prove di verifica, orali o scritte, sono comunicati alle famiglie attraverso il libretto personale dell alunno e i colloqui individuali. È possibile prendere visione delle prove ed essere informati degli esiti delle verifiche orali nei colloqui individuali. Al fine di fornire un informazione completa circa l esito delle verifiche, anche orali, viene inserita nel libretto personale una tabella riassuntiva, nella quale sono indicati: disciplina, data, tipo di prova, esito della prova, firma del docente, firma del genitore. 21

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli