Piano dell Offerta Formativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell Offerta Formativa 2014-2015"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MACERATA Piano dell Offerta Formativa Itinerari operativi 1

2 Indice Progetti d Istituto L italiano per amico pag. 3 Il corpo in gioco pag. 4 Continuità e integrazione pag. 6 Istruzione domiciliare pag. 7 Progetti Scuola dell Infanzia Via F.lli Cervi Il calore dell amicizia pag. 8 La mia scuola per la pace pag. 9 Un libro tira l altro pag. 10 Progetti Scuola dell Infanzia Via Spalato Hai un amico in me pag. 11 E lessero felici e contenti pag. 12 La mia scuola per la pace pag. 14 Suoniamoci su pag. 15 Progetti Scuola Primaria Via F.lli Cervi Orto in condotta pag. 17 Un nuovo Natale pag. 18 Ridi e gioca insieme a noi pag. 19 Un aquilone che vola alto pag. 21 Storie in vetrina pag. 22 Sperimentare l handicap pag.23 Impariamo insieme divertendoci pag. 24 Progetti Scuola Primaria IV Novembre A scuola con Arcobaleno pag. 25 Storie da leggere, storie da gustare pag. 26 A Natale: aggiungi un posto a tavola pag. 27 Orto in condotta pag. 28 Sperimentare l handicap pag. 29 Progetti Scuola Secondaria di 1 grado Orientamento scolastico pag. 30 Continuità educativa e accoglienza pag. 31 Psicologo in classe pag. 33 Ben-essere: educare per crescere, crescere per vivere pag. 34 Giochi d autunno pag. 35 Poteri e le magie delle parole pag. 36 Ed. scientifica ambientale pag. 37 Percorsi della memoria pag. 38 Certificazione inglese KET-PET pag. 40 Soggiorno studio nel Regno Unito pag. 41 Lettorato lingua inglese pag. 42 Certificazione spagnolo DELE pag. 43 Lettorato lingua spagnola pag. 44 Certificazione francese DELF pag. 45 Lettorato lingua francese pag. 46 Soggiorno studio in Francia pag. 47 Scuola di voci pag. 48 La mia scuola per la pace pag. 49 Progetto lettura pag. 50 Cucinare senza fuochi si può pag. 51 Ri-creando pag. 52 Attività sportive scolastiche pag. 53 Progetto recupero pag. 54 Certificazione tedesco FIT 1 pag. 56 Certificazione tedesco FIT 2 pag. 57 2

3 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI ISTITUTO Primaria IV Novembre Primaria Fratelli Cervi Secondaria di primo grado Dante Alighieri didattico integrativo del curricolo in orario scolastico L Italiano per Amico Carletti Floriana Bianchini Francesca, Di Tullio Caterina, Fiorillo Angela, Giglia Angela, Ercoli Romina, Ilari Giuseppina, Monachesi Palma Rosa, Ramadù Oreana, Tartuferi Roberta. Provincia di Macerata, Associazioni di Immigrati, Centro territoriale dei servizi sociali del Comune di Macerata, Famiglie di nazionalità non italiana degli alunni delle scuole dell Istituto Comprensivo, Comune di Macerata. Famiglie e alunni di nazionalità non italiana frequentanti le scuole dell Istituto Comprensivo. Docenti e alunni delle scuole dell Istituto. Tempi: Inizio previsto : settembre 2014 Conclusione prevista: giugno 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Facilitare l integrazione degli alunni di nazionalità non italiana nel tessuto scolastico e sociale. Fornire un alfabetizzazione e/o un consolidamento degli apprendimenti della lingua italiana come L2. Aprirsi alla ricchezza, alla dignità e alla diversità di cui ciascuno è portatore, senza alcuna percezione di minaccia alla propria identità culturale. Facilitare ai genitori e agli alunni di nazionalità non italiana la conoscenza della nuova scuola, dei suoi principi e della sua organizzazione. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Stabilire una comunicazione efficace e produttiva con la scuola. Integrazione positiva di tutti gli alunni coinvolti nel progetto e delle loro famiglie. Fornire una prima alfabetizzazione e favorire la conoscenza delle funzioni linguistico-comunicative principali agli alunni iscritti nelle scuole dell Istituto. Fornire una prima alfabetizzazione e poi favorire la conoscenza delle funzioni linguistiche e comunicative principali alle mamme degli alunni iscritti nelle scuole dell Istituto. 3

4 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI ISTITUTO Scuola Primaria "Via F.lli Cervi" - Scuola Primaria "IV Novembre" didattico integrativo del curricolo in orario scolastico didattico integrativo del curricolo in orario scolastico ed extrascolastico Il corpo in gioco Matè Caterina (docente referente attività motoria). Insegnanti di educazione fisica delle classi di Scuola Primaria (18 in totale). Istruttori (2 in totale) della A.S. Volley-Lube e del CONI che affiancano i docenti della Scuola Primaria durante l attività motoria. Istruttori della A.S. Volley-Lube che, al pomeriggio, in orario extrascolastico, propongono unità di lavoro di gioco-sport. A.S. Volley-Lube (convenzione). Provincia e Comune di Macerata - CONI (convenzione). Gli alunni delle Scuole Primarie in orario scolastico (444 in totale). Gli alunni di Scuola Primaria che frequentano i corsi facoltativi di motoria e minivolley in orario extrascolastico. Tempi: Inizio previsto: 20 ottobre 2014 Conclusione prevista: ultima settimana di maggio

5 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Il movimento per gli alunni è condizione per i futuri apprendimenti e per l acquisizione di abilità e capacità motorie che intervengono sulla corretta integrazione tra individuo e ambiente. L educazione al movimento non solo favorisce un idoneo sviluppo fisico degli schemi motori di base e posturali, delle capacità motorio-gestuali e dei diversi organi e apparati, ma assicura negli individui una migliore e più completa strutturazione dell immagine di sé (AUTOSTIMA). La collaborazione, tra insegnanti e consulenti esperti in scienze motorie, nello svolgimento dell attività motoria, determina una formazione in progress per tutti i docenti. Il corretto uso della bicicletta (rivolto agli alunni delle classi 4ˆe 5ˆ delle Scuole Primarie) e dei suoi molteplici utilizzi favorisce la padronanza dello schema corporeo, la coordinazione dinamica generale e l approccio ad importanti temi di carattere sociale, quali: - la conoscenza delle norme di educazione stradale; - la conoscenza e il rispetto dell ambiente; - l apprendimento di corretti stili di vita. I corsi in orario extrascolastico favoriscono una funzionale organizzazione del tempo libero degli alunni. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Coerentemente con le indicazioni curricolari di educazione fisica, le attività motorie e sportive promuovono esperienze cognitive, sociali, culturali ed affettive. Sul piano delle finalità si evidenziano valori etici che sono alla base della convivenza civile, quali: rispetto delle regole, rispetto di sé e degli altri; condivisione; cooperazione; responsabilità. Nell attuazione del progetto, l attività motoria/sportiva si configura anche come canale per facilitare l integrazione degli alunni di cittadinanza non italiana, in quanto contesto privilegiato dove ciascuno impara a relazionarsi con gli altri e per gli stessi motivi facilita l integrazione degli alunni diversamente abili. 5

6 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI ISTITUTO Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di 1 grado didattico integrativo del curricolo in orario scolastico didattico integrativo del curricolo in orario scolastico ed extrascolastico Continuità integrazione Floriana Carletti Le insegnanti dell Istituto impegnate nelle sezioni dei cinque anni (scuola infanzia), nelle classi quinte (scuola primaria) e nelle classi prime e terze della Scuola Secondaria di 1 grado. Scuole Secondarie di 1 grado presso le quali si iscriveranno gli alunni Gli alunni delle attuali sezioni dei cinque anni, delle classi quinte e della classe prima della scuola secondaria di primo grado, specialmente quelli diversamente abili. Tempi: Inizio previsto : giugno 2015 Conclusione prevista: ottobre 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Favorire l inserimento di tutti gli alunni in un nuovo contesto di apprendimento, in particolar modo dei bambini diversamente abili. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Avere la sicurezza che i propri figli siano accompagnati nella nuova scuola Creare un ambiente sereno e motivante per gli alunni diversamente abili che iniziano un nuovo percorso didattico ed educativo. 6

7 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI ISTITUTO Istituto comprensivo D. Alighieri didattico integrativo del curricolo in orario scolastico extracurricolare Istruzione domiciliare Piccioni Lucia Ara Vasta 9 e Servizi Sociali del Comune di Macerata Alunni eventualmente interessati Tempi: Inizio previsto : novembre 2014 Conclusione prevista: maggio 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Evitare lacune nell apprendimento. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Motivi di salute che impediscono una regolare frequenza scolastica. Reinserimento in sezione/classe senza difficoltà e in coerenza con il lavoro svolto in sezione/classe. 7

8 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola dell Infanzia Via F.lli Cervi didattico integrativo del curricolo in orario scolastico Il calore dell amicizia Simona Cedrone N. ins. 13 Antinori Fiorella, Cedrone Simona, Cervigni Carla, Cignali Silvana, Corneli Isabella, Giacci Elisabetta, Mengoni Daniela, Morbiducci Sabrina, Pasquali Marisa, Pesci Rita, Picchio Tiziana, Vincenzetti Marta, Tombesi Franca. Numero b. 124 scuola dell infanzia plesso F.lli Cervi. Genitori. Nuovi iscritti per l anno scolastico Tempi: Inizio previsto: settembre 2013 Conclusione prevista: giugno 2014 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Far sentire il bambino sereno e a proprio agio attraverso la predisposizione di un ambiente scuola accogliente. Favorire l inserimento dei nuovi iscritti. Agevolare la relazione tra i bambini delle tre fasce di età grazie ad attività di inter-sezione. Promuovere, attraverso visite programmate, l esplorazione dell ambiente scuola da parte dei bambini iscritti per l anno scolastico Far vivere con serenità il passaggio alla scuola primaria da parte dei bambini frequentanti l ultimo anno di scuola materna. Coinvolgere e rendere più consapevoli i genitori alla vita scolastica. Creare una continuità con le esperienze educative pregresse. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Favorire l inserimento scolastico dei bambini superando ansie, timori e paure. Promuovere un graduale distacco del bambino dalle figure parentali. Esplorare con curiosità i materiali didattici e di gioco. Muoversi nello spazio-sezione con sicurezza. Frequenza scolastica serena e costante da parte dei bambini. Relazione positiva tra bambini di età diverse. Partecipazione dei genitori alle attività proposte nell ambito scolastico. 8

9 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO/ISTITUTO Scuola dell Infanzia Via F.lli Cervi didattico integrativo del curricolo in orario scolastico didattico integrativo del curricolo in orario extrascolastico didattico integrativo del curricolo in orario scolastico ed extrascolastico extracurricolare LA MIA SCUOLA PER LA PACE Marta Vincenzetti N Antinori Fiorella, Cedrone Simona, Cervigni Carla, Cignali Silvana, Corneli Isabella, Giacci Elisabetta, Pasquali Marisa, Pesci Rita, Picchio Tiziana, Tombesi Franca, Mengoni Daniela Comune di Macerata Tutti i bambini del plesso (124) Sezione 3 anni, sezione 4 anni, sezione 5 anni Tempi: Inizio previsto : febbraio 2015 Conclusione prevista: maggio 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del In questo momento di crisi e conflitti, i bambini hanno bisogno di capire che un altro mondo è possibile, grazie alla partecipazione di tutti. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Accettare l'altro, come diverso da me Giocare insieme senza escludere nessuno Condividere il materiale Comunicare con gli altri, senza urlare o picchiare 9

10 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola dell Infanzia Via F.lli Cervi didattico integrativo del curricolo in orario scolastico didattico integrativo del curricolo in orario extrascolastico didattico integrativo del curricolo in orario scolastico ed extrascolastico extracurricolare Un libro tira l'altro Ins. Giacci Elisabetta Antinori Fiorella, Cedrone Simona, Cervigni Carla, Cignali Silvana, Corneli Isabella, Giacci Elisabetta, Mengoni Daniela, Morbiducci Sabrina, Pasquali Marisa, Pesci Rita, Picchio Tiziana, Tombesi Franca, Vincenzetti Marta Librerie Giunti al Punto, iniziativa Aiutaci a crescere. Regalaci un libro Tutti i bambini del plesso (124) Tempi: Inizio previsto: ottobre 2014 Conclusione prevista: maggio 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Sensibilizzare i bambini al piacere della lettura e al rispetto del libro Favorire l uso del libro come strumento per stimolare la fantasia dei bambini ed arricchire le proprie conoscenze Migliorare l'attenzione all'ascolto di racconti di vario genere Sottolineare la valenza affettiva della lettura adulto-bambino esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: manifestazioni di consenso da parte degli alunni e delle famiglie A livello curricolare: Incrementare i tempi di ascolto ed attenzione Comprendere la sequenzialità delle fasi di una storia Rielaborare una storia con diversi linguaggi Saper esprimere gusti e preferenze Condividere la lettura di libri personali con i compagni di sezione Tenere in ordine i libri della sezione Aumentare il numero del prestito libri : (almeno 3 libri ogni bambino.) Rispetto delle regole del prestito dei libri della biblioteca scolastica 10

11 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola dell Infanzia Via Spalato didattico integrativo del curricolo in orario scolastico didattico integrativo del curricolo in orario scolastico ed extrascolastico Progetto Accoglienza,integrazione e continuità Hai un amico in me Rampichini Simona Assunta Team Docenti del Costarelli Oriana,Rossiello Rossella,Spè Maria Stella,Zaffrani Patrizia,Mozzicafreddo Annalisa,Ortenzi Monica,Santoncini Rosanna,Piangatelli Chiara,Censi Alessia,Torresi Laura,Rampichini Simona Assunta. Asilo nido e Scuola Primaria IV novembre 127 bambini di anni. Nuovi iscritti per l a. s Tempi: Inizio previsto : Conclusione prevista: Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del 1)Favorire l inserimento a scuola degli iscritti per l a.s ) facilitare l ingresso alla scuola primaria dei bambini del gruppo dei 5 anni 3)promuovere: -L inserimento e l integrazione dei bimbi di 3 anni,dei nuovi iscritti e dei bambini già frequentanti; -Il consolidamento dei rapporti dei bambini già frequentanti; -La collaborazione con le famiglie,per costruire un alleanza educativa proficua e generare legami partecipativi trasversali; -il rapporto di fiducia e la comunicazione con le insegnanti; 4)Avviare e consolidare l apprendimento delle regole del vivere in una comunità; 5)Favorire lo sviluppo psicofisico e co9gnitivo di tutti i bambini nell ottica della prevenzione del disagio e del recupero veloce; 6)valorizzare la specificità in modo particolare dei bambini con bisogni educativi speciali; 7)Formare nel bambino la capacità di confronto, di ascolto,di adattamento a nuove realtà,apportando contributi personali; 8)Promuovere la formazione integrale della personalità dell alunno diversamente abile e la piena integrazione dello stesso nella scuola. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: -Inserimento sereno -promuovere il processo di socializzazione -superamento sereno del distacco familiare(90%) -partecipazione attiva delle famiglie alla vita della scuola(90%) -evitare la dispersione scolastica(10%) -partecipazione attiva del bambino(90%) 11

12 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola dell Infanzia Via Spalato didattico integrativo del curricolo in orario scolastico didattico integrativo del curricolo in orario scolastico ed extrascolastico E LESSERO FELICI E CONTENTI INS. ORTENZI MONICA TUTTE LE INSEGNANTI DEL PLESSO: N. 12 Censi Alessia, Costarelli Oriana, Morbiducci Sabrina, Mozzicafreddo Annalisa, Piangatelli Chiara, Rampichini Simona Assunta, Rossiello Rossella, Santoncini Rosanna, Spè Stella Maria, Torresi Laura, Zaffrani Patrizia. PROGETTO NATI PER LEGGERE DI MACERATA, BIBLIOTECA MOZZI BORGETTI DI MACERATA TUTTI I BAMBINI DELLE 3 SEZIONI DEL PLESSO: TOTALE N. 127 Tempi: Inizio previsto : ottobre 2014 Conclusione prevista: maggio 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Promuovere la conoscenza del libro come strumento educativo sia per i bambini che per gli adulti. Favorire l uso precoce del libro come mezzo per stimolare la fantasia dei bambini ed arricchire le loro conoscenze del mondo e della realtà. Sottolineare la valenza affettiva dei momenti di lettura insieme nei contesti insegnante/alunni, genitori/figli, bambini/bambini, a rafforzamento di un rapporto che si va costruendo e può essere continuamente arricchito. Sviluppare un crescente interesse verso la scoperta del libro ed una ricerca personale del sapere. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: - Allestimento degli spazi in modo che ogni sezione sia provvista di un angolo lettura dotato di libri adatti alle diverse fasce di età e collocati in angoli accessibili e piacevolmente morbidi - Almeno il 50% dei bambini porta un libro da casa per guardarlo insieme ai compagni - Coinvolgimento delle famiglie relativamente alla tematica, la totalità delle famiglie dei nuovi iscritti riceverà un breve depliant informativo 12

13 sull importanza della lettura ad alta voce ai bambini, su come e quando leggere, - Cura dei rapporti con la biblioteca comunale e/o con il Progetto Nati per Leggere di Macerata attraverso attività di promozione delle iniziative cittadine e invito di lettori volontari NPL all interno della scuola - Incremento della consuetudine nel racconto di fiabe e filastrocche prevedendo tempi appositamente dedicati e allestimento degli spazi: in sezione, momento di accoglienza del mattino in intersezione, sabato in intersezione, dopomensa, - Costruzione individuale di libriccini monografici: 2 per almeno il 95% dei bambini della sezione di cinque anni, 1 per almeno il 95% dei bambini della sezione di tre e quattro anni - Fruizione del prestito bibliotecario con cadenza quindicinale nei mesi gennaio/maggio per almeno il 98% dei bambini in orario scolastico - Creazione di elaborati grafico-pittorici da verbalizzare con l insegnante relativo ad ogni libro scelto in biblioteca per almeno il 95% dei bambini della sezione di 5 anni - Invenzione di storie attraverso l utilizzo di flash card per almeno il 95% dei bambini della sezione di cinque anni - Incremento della dotazione libraria attraverso un dono da parte di almeno il 70% dei bambini della sezione di 5 anni di un libro da lasciare alla scuola con dedica - Realizzazione di un lavoro inerente ad una storia scelta da animare in occasione dell apertura/chiusura del Progetto Lettura e della festa di accoglienza dei futuri bambini di 3 anni - Eventuale uscita didattica alla legatoria Il Sentiero per i bambini della sezione di quattro anni - Eventuale uscita didattica alla Biblioteca Comunale Mozzi-Borgetti per i bambini della sezione di cinque anni. 13

14 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola dell'infanzia Via Spalato didattico integrativo del curricolo in orario scolastico LA MIA SCUOLA PER LA PACE Oriana Costarelli Le insegnanti del plesso (n.10): Censi Alessia, Costarelli Oriana, Ortenzi Monica, Piangatelli Chiara, Rampichini Simona Assunta, Rossiello Rossella, Santoncini Rosanna, Spè Stella Maria, Torresi Laura, Zaffrani Patrizia Comune di Macerata Possibili collaborazioni con Associazioni proposte dal Comune di Macerata Tutti i bambini (n. 126) frequentanti la scuola dell infanzia Via Spalato. Tempi: Inizio previsto: Novembre 2014 Conclusione prevista: Maggio 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Far vivere ai bambini esperienze collettive volte a scoprire l importanza della legalità attraverso attività laboratoriali e di progettazione partecipata condotte in intersezione. Stimolare nel bambino la coscienza della necessità di seguire norme di comportamento indispensabili per la democratica convivenza civile. Aiutare i bambini a capire ciò che è giusto fare e ciò che è giusto richiedere ed ottenere per soddisfare i propri bisogni e diritti inviolabili. Formare personalità forti, autonome, rispettose di sé e degli altri. Stimolare la capacità di discutere, affrontare problemi, indicare soluzioni. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Alla data odierna non è possibile fare previsioni attendibili in quanto il progetto viene proposto dall Amministrazione comunale che ne determina tematica e fasi progettuali. Le insegnanti del plesso provvederanno ad adeguare gli itinerari operativi più idonei alla fascia di età dei bambini per lo sviluppo della proposta progettuale. Sarà favorita la fruizione di laboratori e collaborazioni con Associazioni del territorio, generalmente proposte dal Comune di Macerata, per l approfondimento e l interiorizzazione delle tematiche. Il progetto si concluderà con la partecipazione alla mostra finale presso gli Antichi Forni dove saranno esposti elaborati e manufatti realizzati dai bambini. 14

15 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola dell'infanzia Via Spalato didattico integrativo del curricolo in orario scolastico SUONIAMOCI SU! Insegnante Costarelli Oriana Le insegnanti del plesso (n.10): Censi Alessia, Costarelli Oriana, Ortenzi Monica, Piangatelli Chiara, Rampichini Simona Assunta, Rossiello Rossella, Santoncini Rosanna, Spè Stella Maria, Torresi Laura, Zaffrani Patrizia. Docente Celeste Carboni, insegnante presso la Scuola Civica di Musica Scodanibbio e del Progetto El Sistema Nucleo Macerata Tutti i bambini del Plesso Scuola dell Infanzia Via Spalato n. 127 Tempi: Inizio previsto: Gennaio 2015 Conclusione prevista: Maggio lezioni settimanali Appuntamenti: festa di carnevale, festa di primavera, festa di fine anno Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del - Necessità di una formazione musicale specifica per le insegnanti: l attivazione del presente progetto sarà utile all acquisizione di pratiche specialistiche da parte delle docenti che turneranno nell assistere alle lezioni. - Necessità di sviluppare e integrare la crescita culturale e specificatamente sonoro/musicale degli alunni, attraverso attività musicali che tengano conto delle competenze di base (fisiche, culturali, affettive) dei bambini quali l educazione all orecchio, l educazione ritmica, vocale, melodica, strumentale. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Il 98% dei bambini che fruiranno con continuità delle attività didattiche, ovviamente in modo adeguato all età e considerando pienamente l importanza dell aspetto ludico, arriveranno ai seguenti obiettivi di tipo cognitivo, affettivo, corporeo: Obiettivi cognitivi: - capire il suono e la musica - saper operare discriminazioni sonore (momento percettivo) - saper individuare alcuni caratteri fondamentali del suono - saper produrre piccole sequenze musicali, sulla base di logiche scelte del materiale sonoro Obiettivi affettivi: 15

16 - autocontrollo ed autodisciplina nell ascolto e nelle attività conseguenti - saper accettare un valore (messaggio emotivo) - acquisire comportamenti aperti alla collaborazione con gli altri (socializzazione) Obiettivi psicomotori: - avviare un interazione tra suono-movimento-suono, nel più ampio rapporto uomo-suono - sollecitare ordinatamente ed in modo coerente (senza malintesi ed empirici spontaneismi) comportamenti di comunicazione non verbale, intesi all uso armonico del gesto e del mimo (in relazione al suono e alla musica) - saper impugnare e suonare con disinvoltura e adeguato rapporto ritmicotimbrico strumenti a percussione - riproduzione del suono attraverso la voce (intervalli, canti) - coordinazione suono-gesto (mente-occhio-voce-suono) 16

17 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola Primaria Via F.lli Cervi didattico integrativo del curricolo in orario scolastico ORTO IN CONDOTTA BIANCHINI FRANCESCA Giglia Angela, Puccetti Antonella, Katia Rossetti, Catia Meschini, Maria Grazia Caproli, Matè Caterina. Comune di Macerata, Slow Food, Alunni delle classi 5 (23 alunni) e 5B (24 alunni) Alunni delle classi 4 A ( 19 alunni) e 4B ( 21 alunni) Alunni delle classi 3 A ( 23 alunni) e 3B ( 23 alunni) Alunni della classe 2 A (23 alunni) e 2B (22 alunni) Alunni delle classi 1 A ( 22 alunni) e 1B (23 alunni) Tempi: Inizio previsto : ottobre novembre 2014 Conclusione prevista: maggio/giugno 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Educare gli alunni al rispetto della natura e di tutte le creature viventi; cambiare le abitudini alimentari quotidiane per avviarli ai concetti di buono e sano ; avvicinarli alla terra attraverso la coltivazione biologica e biodinamica. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: necessità di un educazione alimentare che porti il bambino a scegliere cibi più adeguati alla crescita e alla salute. -si predilige piantare colture a ciclo breve, in modo da poter osservare il ciclo intero dal seme al raccolto all interno dell anno scolastico. -ad orto già avviato gli insegnanti si preparano ad attività di educazione ambientale da elaborare in classe e da mettere in pratica all aperto. -si preparano inoltre ad insegnare ai bambini il significato della ciclicità delle stagioni. - si cerca di avvicinare i bambini ad un approccio sano e corretto all alimentazione 17

18 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola Primaria Via F.lli Cervi didattico integrativo del curricolo in orario scolastico UN NUOVO NATALE! Rossetti Katia Cicala, Del Giudice, Rossetti, Monteverde, Giglia, Matè, Picchio, Corvatta, Carletti Le insegnanti del plesso. I genitori degli alunni. Tutte le classi del plesso F.lli Cervi. Tempi: Inizio previsto : ottobre 2014 Conclusione prevista: dicembre 2014 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Incrementare negli alunni il senso di condivisione e solidarietà propri del Natale. Sollecitare il lavoro di gruppo con i compagni e gli insegnanti. Favorire comportamenti di inclusione sociale verso ogni provenienza culturale. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Dedicare dei momenti interamente dedicati ai valori e alle tradizioni che si legano alla festa del Natale. Consapevolezza dei diversi significati del Natale, attraverso la costruzione di testi, manufatti e l'esecuzione di musiche. Condivisione delle esperienze costruite in classe con tutti i bambini del plesso. Imparare a stare insieme e ad accogliere tutti. Riscoprire la festa del Natale come rinascita e novità. 18

19 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola Primaria Via F.lli Cervi didattico integrativo del curricolo in orario scolastico Ridi&Gioca insieme a noi! Giorgia Foresi Insegnanti di classe e di sostegno della 1 B / Alunni della classe 1 B (20 bambini) Tempi: Inizio previsto : Ottobre 2014 Conclusione prevista: Giugno 2015 Il Lunedì dalle alle Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del Il progetto integra, con attività giocose e trasversali, i contenuti relativi ai principi basilari delle competenze sociali e civiche. Obiettivi generali Ha cura e rispetto di sé, come presupposto di un sano e corretto stile di vita. Assimila il senso e la necessità del rispetto della convivenza civile.( ) Competenze sociali e civiche: Rispetta regole e norme comuni. Rispetta le consegne ricevute. Spirito di iniziativa e imprenditorialità Manifesta i propri interessi ed è motivato ad apprendere. Motivazioni specifiche del - Maturare un atteggiamento positivo nei confronti della scuola e vivere serenamente la nuova esperienza nella scuola primaria; - incrementare i processi di socializzazione e di integrazione degli alunni diversamente abili, creando relazioni significative attraverso il gioco e le risate insieme; - creare e potenziare la dimensione del gruppo classe, attivando dinamiche basate su comunicazione empatica, collaborazione e aiuto reciproco; - favorire lo sviluppo emotivo, sviluppando l autostima e imparando a gestire meglio lo stress e le emozioni negative; - sostenere i processi di apprendimento e migliorare le prestazioni scolastiche attraverso la sollecitazione della creatività; - favorire l espressività corporea e migliorare la consapevolezza sulla respirazione. 19

20 esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: Supportare l esperienza scolastica appena iniziata stimolando l entusiasmo e creando occasioni per giocare insieme in modo creativo. Favorire l espressività piena del bambino, agendo a livello emotivo, fisico e cognitivo. Potenziare l attenzione, la concentrazione, la creatività e di riflesso - gli apprendimenti. 20

21 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola Primaria Via F.lli Cervi didattico integrativo del curricolo in orario scolastico Un aquilone che vola in alto -Progetto Continuità-Accoglienza Picchio Stefania - Giglia Angela Picchio Stefania - Giglia Angela Matè Caterina Damiani Monica Guardati Silvia Insegnanti Scuola Infanzia plesso F.lli Cervi sez. 5 anni alunni sezione 5 anni scuola Infanzia del plesso alunni classi IV A e B scuola Primaria del plesso Tempi: Inizio previsto : ottobre/novembre 2014 Conclusione prevista: settembre 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del - Favorire il passaggio degli alunni dalla scuola dell Infanzia alla scuola Primaria in maniera serena e positiva. - Stimolare l integrazione dei bambini nel gruppo. - Favorire la comunicazione interpersonale e la costruzione di nuove relazioni. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: - Conoscere i nuovi ambienti, gli spazi, l organizzazione e il personale di riferimento. - Passaggio al successivo ordine di scuola senza ansie, con una buona conoscenza del nuovo ambiente, un approccio alla nuova organizzazione e una prima conoscenza del personale di riferimento. 21

22 SCHEDA DI PROGETTAZIONE DI PLESSO Scuola Primaria Via Fratelli Cervi didattico integrativo del curricolo in orario scolastico Storie in vetrina Torresi Noemi Cicala Carla, Del giudice Giuliana, Bianchini Francesca, Polci Marco, Monteverde Sabrina, Picchio Stefania, Matè Caterina, Caproli Maria Grazia. Incontri con autori o illustratori. Tutti gli alunni del plesso. Tempi: Inizio previsto : ottobre 2014 Conclusione prevista: maggio 2015 Motivazioni, bisogni, esigenze che hanno determinato la scelta del -infondere nei bambini il piacere del leggere, inteso come stimolo della fantasia e della creatività; -far comprendere agli alunni che la lettura è uno stimolo culturale alla crescita emotiva e intellettiva personale; - facilitare la socializzazione dei ragazzi in un ambito prettamente culturale, utilizzando la bancarella per il baratto dei libri che si presenta come un momento di condivisione e di confronto su ciò che si è letto o si vorrebbe leggere. esigenze espresse direttamente da alunni e/o genitori: - Per soddisfare il desiderio di molti alunni di poter leggere più libri si è deciso di predisporre una biblioteca in classe, rendendo così possibile un frequente prestito dei libri. Lettura, da parte d ogni alunno, di un considerevole numero di libri. 22

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli