L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE Commento Fabrizio Onida Roma, 17 luglio 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2006-2007. Commento Fabrizio Onida Roma, 17 luglio 2007"

Transcript

1 L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE Commento Fabrizio Onida Roma, 17 luglio

2 Globalizzazione e competitività Although globalisation benefits economies as a whole, the gains are unevenly distributed ( ) globalisation may generate highly visible costs for clearly identifiable groups of people, while some benefits may only come later and are widely diffused across society Industrialised economies can only grow by inventing new technology, by innovations in products and processes, and by designing new management methods OECD, Staying competitive in the global economy. Moving up the value chain, 2007, p

3 1. Il modello di specializzazione dell Italia: motore immobile? 2. Delocalizzare non fa male 3. Qualche linee d azione per le TPOs 3

4 1. Il modello di specializzazione dell Italia: motore immobile? 4

5 Il modello di specializzazione inter-industriale tende a consolidarsi, anzi che a diversificarsi negli anni recenti Se osserviamo i consueti indici di vantaggio comparato dell Italia ad un livello non elevato di disaggregazione settoriale (20-30 settori manifatturieri), negli ultimi due decenni il modello di specializzazione dell Italia si è tendenzialmente accentuato, con: a) stabili o crescenti vantaggi nei settori più tradizionali come TAC, mobilio, prodotti di metallo, ceramica e materiali da costruzione, gomma e plastica, meccanica strumentale; b) persistenti svantaggi nei settori a prevalenti economie di scala e medio-alti livelli di innovazione tecnologica, come alimentari, elettromeccanica, chimica-farmaceutica, informatica, TLC, autoveicoli, aerei. In pochi casi (alimentari, metallurgia, carta) gli anni più recenti vedono un lieve recupero dei propri indici di svantaggio comparato (ICE 2006, cap. 6, Lanza-Stanca 2006) 5

6 6

7 Ma il sistema si muove all interno dei settori Osservando i gruppi di prodotti all interno dei settori e misurando indici di somiglianza-dissomiglianza qualitativa dagli altri concorrenti più o meno avanzati (valori medi unitari) emerge un notevole dinamismo nel posizionamento competitivo dell Italia (De Benedictis 2005, Amighini-Chiarlone 2005, Bugamelli 2007, Basile-De Nardis et al 2007). Inoltre, con eccezione dell Abbigliamento, sembra calare negli anni 90 la dipendenza dal prezzo della competitività delle esportazioni italiane (upgrading, premium price, marchi, reti distributive ecc.) (Lanza- Stanca 2006, Lanza-Quintieri 2007) 7

8 Eterogeneità e selezione delle imprese La crescente disponibilità di dati micro (a livello di impresa, non solo di settore) consente di evidenziare una grande eterogeneità di comportamento delle imprese. La dinamica positiva o negativa del settore dipende in misura determinante dalla tipologia di uscita delle imprese meno efficienti ed entrata di nuove imprese (Bugamelli-Rosolia 2006). Virtù della schumpeteriana distruzione creatrice Resta il nodo del tendenziale nanismo, cioè la scarsa propensione alla crescita dimensionale oltre la soglia gestibile dall impresa a controllo e gestione familiare. 8

9 ISTAT e Banca d Italia: eterogeneità delle imprese ISTAT 2007 (cap. 2: Il sistema delle imprese) da un lato richiama il permanere di un equilibrio vulnerabile, basato su un tessuto frammentato, in cui micro-imprese individuali e piccole imprese a controllo familiare perseguono obiettivi di redditività immediata prima che di produttività e crescita (p. 63). Ma con dati panel su imprese si evidenzia come la produttività del lavoro cresca all interno dei medesimi settori in funzione di dimensione, intensità di capitale fisso e di conoscenza, outsourcing di servizi, attività di offshoring, minor rapporto di indebitamento. 9

10 E la Relazione annuale della Banca d Italia 2007 (cap. 9), dopo aver notato segnali di ripresa nel tasso di crescita della TFP dell industria in senso stretto negli ultimi tre anni, rileva mutamenti qualitativi nel tessuto produttivo attraverso l indagine su oltre 4000 imprese industriali e di servizi nel : rinnovamento nella gamma di prodotti, investimenti nel marchio, investimenti diretti all estero, accordi collaborativi con imprese estere, ricambio generazionale accresciuta quota di laureati fra gli imprenditori, diffusione di sistemi gestionali. 10

11 Cresce il ruolo dei fattori diversi dal prezzo nella competitività Le quote di mercato mondiale dei paesi esportatori continuano a riflettere nel breve-medio periodo fattori di competitività-costi e prezzi (tasso di cambio reale), a parità di peso dei settori e dei mercati più o meno dinamici. Ma nel medio-lungo periodo conta assai di più, in particolare per un paese a salari medio-alti come l Italia, la capacità delle imprese di far crescere qualità intrinseca e percepita (da cui marchi e reputazione ) e contenuto tecnologico dei prodotti, controllo della rete distributiva, assistenza post-vendita ai clienti, vicinanza al mercato (da cui l importanza degli investimenti diretti di radicamento sui mercati, superando la logica della pura esportazione). 11

12 Conta cioè in modo cruciale il contenuto di servizi nei prodotti. Ciò si applica a tutti i settori: da quelli dei tradizionali beni finali di consumo ( made in Italy ) all ampia gamma dei macchinari e attrezzature e dei beni intermedi (parti, componenti, motori ecc.) che danno il maggiore contributo (spesso trascurato dai media) alla bilancia commerciale italiana. Da ciò discende l importanza crescente delle specializzazioni per comparti e gruppi di prodotti all interno degli stessi settori (commercio intraindustriale). Tra il 60 e il 90% del commercio manifatturiero della maggioranza dei paesi avanzati nel è costituito da commercio intraindustriale (OECD 2007, p. 34) 12

13 L Italia come produttore specializzato su misura (custom) di beni finali e intermedi I beni intermedi cioè non finali per l utilizzatore (materiali, parti, componenti) pesano più della metà del commercio mondiale, e per l Italia rappresentano un area vasta e molto importante di vantaggi competitivi: es. pelli conciate, fibre filati e tessuti, gomma e plastica, ausiliari chimici per l industria e l agricoltura, principi attivi farmaceutici, prodotti siderurgici, materiali per l edilizia, motori, valvolame, parti e componenti meccaniche, componenti autoveicoli, parti di aeromobili ) 13

14 La forbice VMU export-prezzi alla produzione La forbice è troppo accentuata e prolungata nel tempo, specie nei settori del made in Italy per poter essere attribuita solo a politiche di extra-profitti all export. La forbice rivela sensibili miglioramenti di qualità dei prodotti e upgrading del mix di prodotti esportati, confermando il progresso verso una specializzazione intra-industriale verticale di qualità 14

15 15

16 16

17 17

18 Basile et al (2007) sulle politiche di prezzo degli esportatori italiani confermano, con dati di impresa, l evidenza empirica già emersa in De Nardis-Pensa (2004), Bugamelli-Tedeschi (2005) e De Nardis- Traù (2005) circa comportamenti di pricing che riflettono qualche potere di mercato, anche nei settori tradizionali. E integrano tali risultati con una analisi delle determinanti microeconomiche di tali comportamenti: ad es. il potere di mercato cresce con la dimensione d impresa, la percentuale di fatturato esportato, il ciclo espansivo della domanda estera. 18

19 2. Delocalizzare non fa male 19

20 Le perdite di quota export dell Italia discendono principalmente dall erosione della produttività relativa dell Italia in presenza di un cambio non più debole, non tanto dalla delocalizzazione verso paesi a basso costo del lavoro di lavorazioni intensive in manodopera poco qualificata ovvero IDE verticali. La competitività del prodotto finale può anzi avvantaggiarsi dal risparmio di costi e generare così maggiori volumi di esportazione. Inoltre la delocalizzazione di fasi produttive a basso valore aggiunto induce l impresa a coltivare funzioni a più alto impiego di capitale umano qualificato. Gli IDE orizzontali che penetrano e si radicano sui mercati sono poi assai più complementi che sostituti delle esportazioni (ampia letteratura econometrica), come testimonia il numero crescente delle nostre multinazionali tascabili 20

21 Outsourcing e delocalizzazione internazionale possono rafforzare la capacità competitiva del sistema produttivo Molte produzioni tradizionali possono rilanciarsi tramite intelligenti strategie di delocalizzazione verticale e orizzontale, rafforzando le funzioni terziarie (es. Onida 2005 sull Europa allargata). Piccoli e medi fornitori specializzati potenziano il proprio business spesso seguendo da vicino il loro cliente principale che già produce o si insedia nei vari mercati (es. automotive, termomeccanica, materiali da costruzione, impiantistica ) 21

22 Un recente studio di Banca d Italia (Federico-Minerva 2007), con dati di impresa su 12 settori manifatturieri in 103 provincie italiane, stima che maggiori investimenti diretti all estero si accompagnano a maggiore (non minore!) crescita degli occupati in Italia, anche nelle PMI. Dati dell ultima indagine ISAE su 3800 imprese (riquadro cap. 8 ICE 2007) mostrano che nel gli addetti delle imprese con capacità produttiva all estero è diminuita (-4.7%) meno delle imprese non delocalizzatrici (-9.4%). Tra le imprese delocalizzatrici, la tendenza a cambiare fornitori è maggiore per le imprese più grandi e orientate a produrre su mercati più lontani. 22

23 ISTAT (2007) analizza imprese con 1,8 milioni di addetti (64% del totale manifatturiero): oltre il 50% promuove attività di outsourcing offshoring (importazione di beni intermedi), di cui il 10% da proprie affiliate estere. Le imprese offshorer sono mediamente più grandi e produttive, più profittevoli, più presenti nei settori ad alta intensità tecnologica, più dotate di capitale fisso, meno verticalmente integrate. 23

24 Uno studio sul settore calzaturiero nelle Marche (Conti- Cucculeli-Paradisi 2007) mette il luce la grande eterogeneità di risposta delle imprese distrettuali alla sfida competitiva. La delocalizzazione di alcune fasi (taglio, orlatura) si accompagna al mantenimento nel distretto d origine delle fasi sia a monte (modelleria, prototipi) che a valle della filiera produttiva (montaggio,finissaggio,confezionamento). Inoltre le imprese delocalizzatrici hanno registrato più elevati margini unitari (utili/va) negli anni 2000 rispetto alle altre imprese del settore. 24

25 3. Qualche linee d azione per le TPOs 25

26 Piccolo non basta Su imprese esportatrici censite da ISTAT- ICE nel 2006, circa un terzo sono puri traders. Più di tre quarti del totale ( ) fatturano all esportazione non più di euro all anno e complessivamente generano meno del 2.5% delle esportazioni totali di merci. Quasi il 90% del valore esportato origina da meno di imprese che fatturano almeno 2,5 mil. Euro. La percentuale di addetti indipendenti (lavoro autonomo) dell industria manifatturiera in Italia nel 2004 è 16.6% contro 5.5% in Spagna, 3.4% nel Regno Unito, 2.2% in Francia e Germania]. 26

27 L assistenza tecnica alle imprese conta più della promozione collettiva Una survey su 978 SMEs di paesi OECD e APEC trova che le più importanti barriere percepite alla penetrazione dei mercati esteri (3,3 punti su 5) sono: - obtaining reliable foreign representation - identifying foreign business opportunities - limited information to locate/analyse markets - inability to contact potential overseas customers - maintaining control over foreign middlemen (OECD 2007, p. 40) 27

28 Una (non abbondante) letteratura sull operato delle TPO nei diversi paesi in risposta alla domanda da parte delle imprese (es. ITC 2000) sottolinea l importanza di azioni mirate, al di là della trade promotion tradizionale e delle missioni commerciali, a: - fornire servizi personalizzati alle imprese in cerca di informazioni specifiche e di contatti sul posto - offrire una advocacy istituzionale tramite la rete diplomatico-consolare in stretto contatto con l organizzazione della TPO (che spesso dipende da altri Ministeri) - coltivare rapporti con imprese con elevato potenziale di esportazione e investimento all estero - tariffare i servizi personalizzati così da creare una compartecipazione finanziaria delle imprese ai servizi richiesti, cercando al tempo stesso di alleviare i costi della consulenza privatistica - favorire sinergie di azioni tra le PMI 28

29 Riferimenti bibliografici AIP-Associazione Italiana della Produzione, a cura di (2005), L impresa nell Europa allargata (coordinatore F.Onida), Il Sole 24Ore, Milano. Amighini A.-Chiarlone S. (2005) Basile R.-de Nardis S.-Girardi A.-Pappalardo C. (2007), Le politiche di prezzo degli esportatori italiani: un analisi su dati d impresa, in Lanza-Quintieri (2007) Borin A.- Quintieri B. (2007), Prezzi più alti o qualità migliore? Le esportazioni italiane di calzature, in Lanza- Quintieri (2007) Bugamelli M. (2007(, Prezzi delle esportazioni, qualità di prodotti e caratteristiche d impresa: un analisi su un campione di imprese italiane, in Lanza-Quintieri (2007). Bugamelli M.- Rosolia (2006) 29

30 Conti G.-Cucculeli M.-Paradisi M (2007), Internazionalizzazione e strategie delle imprese nei settori tradizionali, L Industria, gennaio-marzo. De Benedictis (2005) De Nardis S.- Traù F. (2005) De Nardis S.-Pensa (2004) Federico S.- Minerva G.A.(2007), Outward FDI and local employment growth in Italy, Temi di discussione del Servizio Studi, Banca d Italia, N.613, February. ITC- International Trade Centre (2000), Redefining trade promotion. The need for a strategic response, Geneva. Lanza A.-Quintieri B.,a cura di (2007), L export italiano alla sfida della qualità, Fondazione M.Masi, Rubbettino, Roma. Lanza A.-Stanca L. (2006), Segnali di riposizionamento nelle strategie degli esportatori italiani, Imprese e Territorio, SanPaoloIMI, 1, novembre. OECD, Staying competitive in the global economy. 30 Moving up the value chain, 2007.

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Fernando G. Alberti Professore Associato di Strategie Imprenditoriali, LIUC - Università Cattaneo Affiliate Faculty of Microeconomics of Competitiveness, Harvard

Dettagli

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia 18 giugno 2013 le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia Alessandra Lanza Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi. MARCEL

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it 1 RIFLESSIONI GENERALI 2 Internazionalizzazione e dimensione di impresa Tradizionalmente,

Dettagli

Determinanti dell eterogeneità nei comportamenti delle imprese nella fase di recupero dei livelli delle esportazioni pre-crisi

Determinanti dell eterogeneità nei comportamenti delle imprese nella fase di recupero dei livelli delle esportazioni pre-crisi Determinanti dell eterogeneità nei comportamenti delle imprese nella fase di recupero dei livelli delle esportazioni pre-crisi Filippo Oropallo L analisi dei dati di impresa per la conoscenza del sistema

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Dentro l azienda, per l azienda.

Dentro l azienda, per l azienda. Dentro l azienda, per l azienda. Chi è Empeiria Network di professionisti di consolidata esperienza manageriale Dotati di elevate competenze multidisciplinari in settori diversificati, sono in grado di

Dettagli

STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA

STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA STRUTTURA DELL ECONOMIA ITALIANA: IL LATO DELL OFFERTA Il Pil pro capite Per meglio misurare il tenore di vita. Per rendere confrontabili le dimensioni relative in termini di reddito effettivo e grado

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

IL SISTEMA PRODUTTIVO: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE CAPITOLO 3

IL SISTEMA PRODUTTIVO: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE CAPITOLO 3 IL SISTEMA PRODUTTIVO: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE CAPITOLO 3 3 3. Il sistema produttivo: competitività e performance QUADRO D INSIEME La crisi non ha modificato le caratteristiche strutturali del sistema

Dettagli

Discussione di quattro articoli su Attrattività e investimenti dall estero in Italia

Discussione di quattro articoli su Attrattività e investimenti dall estero in Italia Discussione di quattro articoli su Attrattività e investimenti dall estero in Italia Giorgia Giovannetti Sessione 3: Internazionalizzazione, istituzioni, finanza e sostegno pubblico Roma, Banca d Italia,

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

AGGREGAZIONI D IMPRESE E CONTRATTO DI RETE: UNO STRUMENTO PER AFFRONTARE I MERCATI ESTERI

AGGREGAZIONI D IMPRESE E CONTRATTO DI RETE: UNO STRUMENTO PER AFFRONTARE I MERCATI ESTERI AGGREGAZIONI D IMPRESE E CONTRATTO DI RETE: UNO STRUMENTO PER AFFRONTARE I MERCATI ESTERI Nel dibattito sulla competitività del sistema industriale italiano la ridotta dimensione viene spesso considerata

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Ciclo di direzione e Gestione Strategica Strategia globale Strategia competitiva Ciclo di direzione 2 1 Strategie di sviluppo e settori

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

I modelli tradizionali del commercio internazionale

I modelli tradizionali del commercio internazionale I modelli tradizionali del commercio internazionale Il commercio internazionale segue i VC (Ricardo e neoclassico) Risultati I VC sono determinati dalle dotazioni fattoriali (HO) L integrazione commerciale

Dettagli

Politiche di sostegno all internazionalizzazione

Politiche di sostegno all internazionalizzazione Politiche di sostegno all internazionalizzazione Conferenza Internazionalizzazione delle imprese italiane Banca d Italia Roma, 27 febbraio 2014 Discussant: Fabrizio Onida Università Bocconi 1 Premessa

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Torino, 3 luglio 2014 Agenda 1 L identikit delle imprese

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Produttività e Cambiamento nell Industria Italiana Indagini quantitative

Produttività e Cambiamento nell Industria Italiana Indagini quantitative Produttività e Cambiamento nell Industria Italiana Indagini quantitative A cura di Laura Rondi e Francesco Silva Scuola Superiore S.Anna e Pisa, 5 Novembre 2009 Sintesi Indagine sull aggiustamento reale

Dettagli

Struttura e performance delle esportazioni: Italia e Germania a confronto. Servizio Studi e Ricerche Luglio 2011

Struttura e performance delle esportazioni: Italia e Germania a confronto. Servizio Studi e Ricerche Luglio 2011 Struttura e performance delle esportazioni: Italia e Germania a confronto Servizio Studi e Ricerche Luglio 2011 Struttura e performance delle esportazioni: Italia e Germania a confronto 1 Giovanni Foresti

Dettagli

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina

Dettagli

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro.

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro. Denis Pantini e Paolo Bono, Nomisma Wine Monitor denis.pantini@nomisma.it paolo.bono@nomisma.it Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Delocalizzazione internazionale e domanda di trasporto nei sistemi produttivi locali del Made in Italy

Delocalizzazione internazionale e domanda di trasporto nei sistemi produttivi locali del Made in Italy Delocalizzazione internazionale e domanda di trasporto nei sistemi produttivi locali del Made in Italy Giancarlo Corò e Mario Volpe (Dipartimento di Scienze Economiche, Università Ca Foscari di Venezia)

Dettagli

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono Economia e Servizi Delocalizzazione e occupazione: il caso delle medie imprese nel Nord-Est Claudio Gagliardi Direttore Centro Studi Unioncamere Nazionale Un interessante studio di Unioncamere testimonia

Dettagli

Il rinascimento industriale e le PMI: come raggiungere l obiettivo del 20% del PIL entro il 2020

Il rinascimento industriale e le PMI: come raggiungere l obiettivo del 20% del PIL entro il 2020 Il rinascimento industriale e le PMI: come raggiungere l obiettivo del 20% del PIL entro il 2020 FULVIO COLTORTI, Direttore emerito Area Studi Mediobanca Roma, Senato della Repubblica; Riunione dei Presidenti

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane

Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane Le decisioni di struttura finanziaria delle imprese italiane Un quadro dell evidenza empirica Cosenza 20 ottobre 2003 1 rilevanza e attualità del tema tra le 10 questioni irrisolte della finanza moderna

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia

Il mercato dell involucro edilizio in Italia Commissione Studi Economici Uncsaal UX-BILANCI Relazione Annuale - marzo 2006 Il mercato dell involucro edilizio in Italia Serramenti Metallici Facciate Continue Anno 2005 Scenari 2006 Coordinatore Carmine

Dettagli

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino La situazione economica in Provincia di Treviso (sintesi del Rapporto Annuale 2010 della CCIAA) e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino 1. STRUTTURA DEMOGRAFICA DELLA POVINCIA: Al 01.01.2010,

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi Capitolo 1 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi rapporto sulla competitività dei settori produttivi Internazionalizzazione delle imprese e PERFORMANCE ISBN 978-88-458-1739-7 13 Istituto

Dettagli

IL RILANCIO COMPETITIVO DELL INDUSTRIA ITALIANA

IL RILANCIO COMPETITIVO DELL INDUSTRIA ITALIANA IL RILANCIO COMPETITIVO DELL INDUSTRIA ITALIANA Il ruolo della manifattura, la sua evoluzione e i fattori chiave di successo Fondazione Aldini Valeriani Bologna, 19 marzo 2015 1 L INDUSTRIA ITALIANA E

Dettagli

IL SISTEMA DELLE IMPRESE EFFETTI DELLA CRISI E POTENZIALITÀ DI CRESCITA CAPITOLO 2

IL SISTEMA DELLE IMPRESE EFFETTI DELLA CRISI E POTENZIALITÀ DI CRESCITA CAPITOLO 2 IL SISTEMA DELLE IMPRESE EFFETTI DELLA CRISI E POTENZIALITÀ DI CRESCITA CAPITOLO 2 2 2. Il sistema delle imprese: effetti della crisi e potenzialità di crescita QUADRO D INSIEME Il dibattito sulla capacità

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo Cina: il dare e l avere con il resto del mondo ECONOMIA di Stefano Chiarlone e Francesco Giordano Circolano troppi luoghi comuni sulla potente locomotiva asiatica. Ci sono Paesi ad alta specializzazione

Dettagli

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ 7 novembre 13 ASSETTI STRUTTURALI E FATTORI DI COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE ITALIANE: MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ UN SISTEMA CHE COMPETE SU PIÙ MERCATI La maggior parte delle imprese

Dettagli

Tavola Rotonda sulla Didattica

Tavola Rotonda sulla Didattica 34 Congresso Nazionale Società Chimica Italiana Divisione di Chimica Fisica Siena, 22 giugno 2005 Tavola Rotonda sulla Didattica Intervento di Vittorio Maglia Direzione Centrale Analisi Economiche - Internazionalizzazione

Dettagli

CGIL PIEMONTE. Schema per un rapporto sulla contrattazione nell industria in Piemonte. A cura di Ires CGIL Lucia Morosini.

CGIL PIEMONTE. Schema per un rapporto sulla contrattazione nell industria in Piemonte. A cura di Ires CGIL Lucia Morosini. CGIL PIEMONTE Schema per un rapporto sulla nell industria in Piemonte A cura di Ires CGIL Lucia Morosini 15 Settembre 2004 Sintesi della situazione economica del Piemonte 1. Andamento dell economia. L

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

sviluppo dell umbria

sviluppo dell umbria L internet economy e il suo contributo allo sviluppo dell umbria Mauro Casavecchia l internet economy crea valore e occupazione Contributo diretto di Internet al PIL 2009 Contributo di Internet alla crescita

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

L integrazione commerciale europea e le nuove teorie sul commercio internazionale

L integrazione commerciale europea e le nuove teorie sul commercio internazionale ISTITUTO DI RICERCA SULL'IMPRESA E LO SVILUPPO Via Real Collegio, 30-10024 Moncalieri Italy. L integrazione commerciale europea e le nuove teorie sul commercio internazionale a cura di G.Vitali Appunti

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

I soggetti economici dello sviluppo

I soggetti economici dello sviluppo I soggetti economici dello sviluppo (pp. 435 515 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Deindustrializzazione competitiva per guardare oltre la crisi

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI M.FANNO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE TESI DI LAUREA I MODELLI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Marco Saladini. Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Marco Saladini. Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Marco Saladini Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Impatto sull'economia italiana del commercio estero e degli investimenti diretti esteri Roma,

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014 Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Roma, 10 aprile 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani RAPPORTO 2014 7,3 6,3 4,7 5,5 4,3 27,0 33,6 21,0 32,0 31,7 23,3 46,4 34,2 27,0 26,6 37,6 12,3

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Medie imprese italiane: quando e come crescono

Medie imprese italiane: quando e come crescono Medie imprese italiane: quando e come crescono Una strada per la crescita della media impresa italiana Fulvio Coltorti (Area Studi Mediobanca) 11 Novembre 2013 Quarto capitalismo: peso in termini di VA

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI. Sintesi dei risultati

Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI. Sintesi dei risultati Direzione Artigianato e Commercio STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA DEI GIOVANI IMPRENDITORI ARTIGIANI Sintesi dei risultati Dicembre 2001 1 Giovani artigiani e giovani imprese: un viaggio nell artigianato

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA

ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA Le medie imprese industriali del Nord-Est: ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Reggio Emilia, 27 gennaio 2006 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI E GLI ORIENTAMENTI

Dettagli

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano. Con l occasione, oltre alle consuete

Dettagli

I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri

I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri Giovanni Foresti Direzione Studi e Ricerche Guidizzolo, 25 novembre

Dettagli

Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA

Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA Linee Direttrici per gli interventi della SIMEST SpA 2008-2010 Linee Direttrici per gli Interventi della SIMEST SpA 2008-2010 1 Indice Prefazione 3 SCENARI E TENDENZE: INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI ED ECONOMIA

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Attività di sostegno all'internazionalizzazione. Un confronto internazionale

Attività di sostegno all'internazionalizzazione. Un confronto internazionale Attività di sostegno all'internazionalizzazione. Un confronto internazionale Riassunto della tesi di Alessandra Vittiglio Introduzione Soprattutto in un periodo di crisi economica come quello che stiamo

Dettagli

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate

1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate III 1 L esposizione al ciclo economico e alla congiuntura delle imprese quotate Le maggiori società quotate non finanziarie dei principali paesi europei si caratterizzano per una esposizione al ciclo economico

Dettagli

La piccola e media impresa

La piccola e media impresa Lezione 11 La piccola e media impresa Censimento industriale 1991 In Italia piccola impresa (

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!!

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!! benvenuti Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere Benvenuti!! 1 in diversi casi l attività agricola mezzadrile precedentemente condotta dalle famiglie

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli