La classificazione di Ljubljana delle lesioni iperplastiche dell epitelio laringeo: valutazione morfometrica del pleomorfismo nucleare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La classificazione di Ljubljana delle lesioni iperplastiche dell epitelio laringeo: valutazione morfometrica del pleomorfismo nucleare"

Transcript

1 Pathologica (2002) 94: Springer-Verlag 2002 ARTICOLO ORIGINALE G. Serio N. Gale A. Pennella A.M. Dalena C. Giardina T. Valente T. Lettini R. Ricco L. Resta La classificazione di Ljubljana delle lesioni iperplastiche dell epitelio laringeo: valutazione morfometrica del pleomorfismo nucleare The Ljubljana classification of epithelial hyperplastic laryngeal lesions: a morphometric evaluation of nuclear pleomorphism Riassunto Le lesioni epiteliali iperplastiche del laringe possono essere definite come condizioni patologiche in cui l epitelio ha un rischio variabile di trasformazione in carcinoma invasivo. Numerose classificazioni sono state proposte per definirle ma nessuna accettata concordemente. La classificazione di Ljubljana (1999) propone il seguente grading: iperplasia semplice, anomala e atipica e carcinoma in situ (CIS). Le iperplasie semplice e anomala sono considerate lesioni benigne in quanto prive di atipie cellulari; l iperplasia atipica è la lesione con rischio epiteliale in cui l epitelio presenta moderate atipie ma senza le alterazioni citomorfologiche (ipercromatismo nucleare, nucleoli evidenti, incremento del rapporto N/C, etc.) ed architetturali (alterazione della stratificazione, dell orientamento, della maturazione, etc.) tipiche delle cellule carcinomatose. Nel grading proposto, tra i parametri istologici considerati, il polimorfismo nucleare gioca un ruolo importante. Con procedure morfometriche abbiamo valutato il polimorfismo dei nuclei basali delle lesioni iperplastiche laringee al fine di validare l importanza di questo parametro nella formulazione del citato schema classificativo. Con il software SAM (Shape Analytical Morphometry), 8 casi di iperplasia semplice, 10 di anomala e 10 di atipica e 8 di G. Serio ( ) A.M. Dalena C. Giardina T. Valente R. Ricco L.Resta Dipartimento di Anatomia Patologica e di Genetica, Policlinico Universitario, Piazza G. Cesare 11, I Bari, Italia Tel.: Fax: N. Gale Istituto di Anatomia Patologica, Università di Ljubliana, Slovenia A. Pennella Servizio di Anatomia Patologica, Università di Foggia, Italia T. Lettini Consorzio di Ricerca DIGAMMA, Bari, Italia CIS sono stati valutati morfometricamente; i risultati sono stati elaborati con analisi statistica univariata. Un incremento significativo delle dimensioni nucleari (diametro massimo, perimetro, area) è stato osservato dalla iperplasia semplice all atipica al CIS; l iperplasia atipica ha mostrato i valori medi più bassi. Nessuna differenza significativa è emersa tra i nuclei dell iperplasia atipica e del CIS. Le maggiori irregolarità della forma sono state osservate nei nuclei dell iperplasia anomala. In conclusione, i nuclei basali dell iperplasia atipica e del CIS sono morfologicamente simili. Le caratteristiche nucleari dell iperplasia anomala confermerebbero trattarsi di una classe proliferante di lesioni benigne del laringe e, diversamente, l iperplasia semplice di una classe stabile di lesione benigna di tipo irritativo dello stesso epitelio. Parole chiave Laringe Iperplasia Lesioni precancerose Morfometria Key words Larynx Hyperplasia Precancerous lesions Morphometry Introduzione Le lesioni iperplastiche del laringe sono definite da un insieme di alterazioni istomorfologiche caratterizzate da iperplasia dell epitelio, talora con associati disordini citoarchitetturali e, spesso accompagnate da diversi tipi di modificazioni reattive dello stroma come l infiltrato infiammatorio, la neovascolarizzazione e la deposizione di matrice proteica extracellulare [1-3]. Da un punto di vista eziologico, esse condividono gli stessi fattori di rischio del carcinoma laringeo [4-10] e pertanto è opinione comune che esse possano rappresentare la fase iniziale del fenomeno trasformativo neoplastico [12-17]. Esiste una grande confusione terminologica e classificativa in merito. Infatti, vari Autori [18-21] descrivono identiche lesioni cliniche ed istologiche con nomi diversi e spesso ter-

2 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico 291 mini clinici come leucoplachia, eritroplachia, pachidermia, cheratosi, discheratosi, epidermizzazione, iperplasia squamosa, sono impropriamente usati per la diagnosi istologica. Sono state proposte più di 20 diverse classificazioni spesso simili tra loro, la cui peculiarità in base alle caratteristiche istomorfologiche (cheratinizzazione dello strato epiteliale superficiale, iperplasia epiteliale e grado di atipia citoarchitetturale) è rappresentata dal tentativo di identificare gruppi specifici: (1) lesioni senza rischio epiteliale di progressione maligna e (2) lesioni con rischio epiteliale di progressione, le cosiddette precancerosi [12, 16-17, 21-24]. Quest ultimo gruppo di lesioni mostra, inoltre, rischi differenti di evoluzione a cui è associata una prognosi diversa. Infatti, nelle precancerosi il rischio di sviluppare un carcinoma invasivo è particolarmente elevato, ma variabile, tanto da richiedere trattamenti clinico-chirurgici differenziati [12, 13, 20]. Ad oggi, nessuna delle classificazioni proposte è concordemente accettata in quanto la confusione terminologica e i criteri di volta in volta utilizzati sottolineano la difficoltà dei patologi nel descrivere e correlare le caratteristiche istomorfologiche con il comportamento biologico. È da sottolineare ancora, che le maggiori controversie riguardano proprio quelle lesioni con rischio più elevato di progressione maligna e che spesso disorientano il clinico circa le modalità terapeutiche da applicare per un migliore risultato. Nelle varie classificazioni una variabile costante cui viene attribuito un certo peso prognostico è rappresentata dalle atipie cellulari. La recente classificazione di Ljubjana (1999) proposta da Kambic e Gale considera l architettura dell epitelio, l iperplasia cellulare e il grado di atipia nucleare e cellulare come i criteri morfologici più importanti e meglio correlabili con il rischio di trasformazione maligna. La cheratinizzazione della superficie epiteliale, già di interpretazione discutibile, si confermerebbe un parametro poco significativo. Le lesioni istomorfologiche vengono divise in 4 gradi: iperplasia semplice (simple hyperplasia SH) e iperplasia anomala (abnormal hyperplasia ABH), che insieme rappresentano un gruppo di lesioni benigne; iperplasia atipica (atypical hyperplasia ATH), considerato un gruppo potenzialmente maligno, e carcinoma in situ (CIS), lesione già maligna. Poiché la percentuale di pazienti con iperplasia atipica che sviluppa un carcinoma invasivo non è elevata (14%), viene suggerito di sostituire il termine di precancerosi abitualmente in uso, con il termine di rischio epiteliale [1, 2, 25]. Il sistema di grading proposto così formulato risponderebbe ai seguenti requisiti: semplice applicabilità, alta riproducibilità, rilevante utilità clinica e obiettiva accuratezza scientifica. In pratica lo schema classificativo risulterebbe facilmente comprensibile. Iperplasia semplice Si tratta di una lesione istologicamente caratterizzata da un ispessimento dello strato spinoso (acantosi), da uno strato Fig. 1 Iperplasia semplice: evidente l ispessimento dello strato spinoso; assenza di atipie cellulari (EE) basale regolare con mitosi regolari e dall assenza di atipie cellulari (Fig.1). Iperplasia anomala La lesione è caratterizzata da un ispessimento dell epitelio per incremento delle cellule dello strato basale e parabasale. Tali elementi cellulari mostrano nuclei moderatamente aumentati di volume con cromatina distribuita uniformemente. Regolari le mitosi nello strato basale o nelle imme- Fig. 2 Iperplasia anomala: incremento delle cellule basali e parabasali; assenti le alterazioni citoarchitetturali (EE)

3 292 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico diate vicinanze. La parte superiore dell epitelio è costituita da cellule spinose mature prive di alterazioni citoarchitetturali (Fig. 2). Meno del 5% delle cellule epiteliali può presentare caratteristiche di discheratosi. Iperplasia atipica È una lesione potenzialmente maligna caratterizzata da alterazioni delle cellule epiteliali capaci di ulteriore evoluzione ma prive di quelle caratteristiche tipiche delle cellule carcinomatose. Istologicamente la stratificazione epiteliale è preservata. Le cellule epiteliali sono ben orientate rispetto alla membrana basale, i nuclei mostrano gradi lievi o moderati di atipia, sono aumentati di volume, mostrano contorno irregolare e sono frequentemente ipercromatici. I nucleoli sono evidenti. Il rapporto N/C è generalmente aumentato. Queste cellule con tali caratteristiche nucleari occupano lo strato basale dell epitelio ma possono essere presenti nell intero spessore Fig. 4 Iperplasia atipica ( basal cell type ): aumento dello spessore cellulare con incremento del rapporto nucleo/citoplasma. Le cellule sono allineate perpendicolarmente alla membrana basale (EE) allineate perpendicolarmente alla membrana basale (Fig. 4). La seconda è caratterizzata dalla presenza di cellule spinose con citoplasma più ampio e spiccatamente eosinofilo e con cellule allineate orizzontalmente alla membrana basale. Carcinoma in situ Si tratta di una lesione in cui l epitelio mostra le stesse caratteristiche istologiche del carcinoma invasivo. Le atipie cellulari e l elevato numero di mitosi, spesso bizzare, rappresentano gli aspetti più importanti di questa lesione (Fig. 5, 6). La precoce cheratinizzazione delle cellule indica una maturazione intraepiteliale disordinata e contribuisce all alterazione dell architettura. Fig. 3 Iperplasia atipica ( spinous cell type ): sono presenti moderate atipie cellulari; evidenti l eosinofilia citoplasmatica e le mitosi tipiche (EE) dello stesso. L indice mitotico è discretamente aumentato e le mitosi presenti soprattutto negli strati basali e parabasali solo occasionalmente sono osservabili in superficie. Rare le mitosi atipiche. Cellule in apoptosi possono essere presenti. La discheratosi è frequentemente osservabile (Fig. 3). Si riconoscono due varianti di iperplasia atipica: basal cell type e spinous cell type. La prima forma è caratterizzata da un incremento di cellule basaloidi prive di spine intercellulari e di eosinofilia citoplasmatica. Le cellule sono Obiettivo principale della classificazione di Ljubljana è quello di riconoscere le lesioni potenzialmente maligne (Iperplasia atipica) e di distinguerle dal carcinoma in situ. È noto, infatti, che in molti sistemi di grading correnti non è operata la distinzione tra carcinoma in situ e displasia severa [24]; diversamente la classificazione di Ljubljana [1, 2] sottolinea l importanza e la necessità di separare una condizione in cui la malignità è già sicuramente presente anche se non invasiva (carcinoma in situ), da una in cui questa caratteristica non è ancora un dato morfologico ben evidente (iperplasia atipica). La diversità clinico-morfologica di queste lesioni supportata da anni di esperienza degli Autori in Ljubljana, dall analisi quantitativa e morfometrica e dall accurato follow-

4 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico 293 up dei pazienti può permettere un approccio terapeutico più razionale e meno invalidante [1, 2, 16, 26-28]. Va comunque ricordato che, poiché la diagnosi, la prognosi e la scelta del trattamento chirurgico dipendono interamente dalle caratteristiche dell epitelio di rivestimento, occorrono prelievi bioptici rappresentativi, idoneamente processati e, infine, una adeguata esperienza del patologo. L inserimento e la valutazione nei sistemi di grading di un numero sempre maggiore di parametri morfometrici rappresentano il tentativo operato dai patologi per rendere più oggettivo possibile un grading. Studi morfometrici sono stati eseguiti anche sull epitelio squamoso del laringe al fine di individuare parametri oggettivi e statisticamente significativi in grado di rendere più agevole il grading sia di lesioni carcinomatose che preneoplastiche [29-40]. Tuttavia, i risultati presenti in letteratura, non sempre soddisfacenti, non fanno che confermare, indipendentemente dal tipo di classificazione adottata, le difficoltà incontrate dai patologi nel definire queste lesioni. Scopo della morfometria analitica [29, 33-36, 38] non è solo quello di fornire parametri di valutazione oggettiva della forma, ma anche quella di fornire valutazioni interpretative della biologia delle cellule di cui la forma è la naturale espressione. Questo concetto è ancora più evidente nello studio delle cellule basali di un epitelio di rivestimento di cui esse rappresentano il comparto staminale. Per tale motivo l analisi morfometrica è stata applicata solo alle cellule basali dell epitelio laringeo suddiviso nelle quattro classi proposte dalla classificazione di Ljubljana. Fig. 5 CIS: aumentata stratificazione cellulare con marcate atipie nell intero spessore dell epitelio (EE) Fig. 6 CIS: particolare della figura precedente. Marcate atipie cellulari e numerose mitosi (EE) Materiali e metodi In accordo con i criteri proposti dalla classificazione di Ljubljana e su casi forniti dall archivio di Anatomia Patologica dell Università di Ljubljana, in 8 casi di iperplasia semplice, 10 casi di iperplasia anomala, 10 casi di iperplasia atipica e 8 casi di CIS del laringe sono state applicate procedure di morfometria analitica. Il materiale bioptico di tutti i casi selezionati per la ricerca era fissato in formalina tamponata al 10% e incluso in paraffina secondo la tecnica tradizionale. Le sezioni istologiche, dello spessore di 3-4 µm erano colorate con ematossilina-eosina (Figg. 1-6). Lo studio morfometrico è stato applicato solo sui nuclei dello strato basale che, osservati al microscopio (Zeiss) ad un ingrandimento di 1000 con obiettivo ad immersione, sono stati successivamente fotografati. Un numero totale di 756 nuclei (21 per caso) è stato analizzato. Nella selezione dei nuclei sono state accuratamente rispettate le seguenti caratteristiche: (1) posizione basale e (2) presenza di un contorno ben evidente. I 756 nuclei acquisiti e registrati come file di punti e coordinate note (Fig. 7) sono stati sottoposti allo studio morfometrico con il sistema software SAM (Shape Analytical Morphometry), che dispone di una sezione tradizionale per lo studio delle dimensioni e di una sezione del tutto originale per lo studio della forma [33, 34, 41, 42]. Per le valutazioni dimensionali sono stati considerati solo 3 parametri primari: area, perimetro e diametro massimo. Prima dell applicazione della procedura analitica tutti i nuclei sono stati normalizzati sul più piccolo valore di area e standardizzati per la posizione al fine di valutare la forma indipendentemente dalle dimensioni.

5 294 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico Fig. 7a Esempio di nucleo selezionato. b Curva originale (CO) e sovrapposizione della CO e della curva fondamentale (CF) dello stesso nucleo dopo procedura di normalizzazione. c Spettro di Fourier delle prime 20 armoniche. d Fitting parabolico: situazione di massima asimmetria La procedura analitica, dettagliatamente descritta in precedenti lavori [33, 34, 41, 42], consiste di tre tappe ognuna delle quali fornisce parametri indipendenti e di significato deterministico descrittivi delle caratteristiche di forma: a) irregolarità del profilo nucleare calcolate mediante il confronto tra la curva originale (CO) e la curva di funzione (CF) ed espresse dai parametri 5-8 in Tabella 1; b) fini irregolarità del contorno nucleare valutate mediante l analisi armonica di Fourier, parametri 9-12 in Tabella 1; c) asimmetria nucleare (fitting parabolico) parametri in Tabella 1. Dopo la valutazione della distribuzione normale dei valori, è stata effettuata l analisi statistica univariata (test t di Student). Risultati Nella Tabella 1 sono riportati i valori medi (M) e le relative deviazioni standard (DS) dei parametri dimensionali ed analitici considerati per ogni tipo di lesione. La Tabella 2 mostra la significatività statistica (p) ottenuta dal confronto per coppie di lesioni degli stessi parametri. Valori medi crescenti di area, perimetro e diametro massimo si osservano a partire dalla iperplasia semplice, all i- perplasia atipica, al carcinoma in situ. In queste ultime due categorie di lesioni i valori medi sono risultati pressoché sovrapponibili. Al contrario l iperplasia anomala presenta valori medi più bassi. Le differenze statistiche tra i gruppi sono risultate altamente significative (p<0.001) per tutti i parametri tranne nel confronto iperplasia atipica/carcinoma in situ. Dall analisi dei parametri estratti dal confronto tra curva originale (CO) e curva fondamentale (CF) e quelli ottenuti dall analisi armonica di Fourier, descrittivi delle irregolarità del contorno, si evince che valori medi più elevati sono presenti nelle popolazioni nucleari appartenenti all iperplasia anomala. Il confronto statistico tra questo grado di lesione e le altre è risultato significativo (Tab. 2). Infine, dalla quantificazione delle asimmetrie nucleari si può osservare che le maggiori distorsioni sono presenti nell iperplasia anomala e atipica; tuttavia le differenze statistiche con le altre classi non sono risultate significative. Discussione La formulazione di un grading accurato delle lesioni epiteliali iperplastiche del laringe nasce dall esigenza di fornire al clinico informazioni decisive per la sua condotta terapeutica.

6 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico 295 Tabella 1 Media (M) e deviazione standard (DS) dei gruppi di lesioni Iperplasia semplice Iperplasia anomala Iperplasia atipica Carcinoma in situ M DS M DS M DS M DS Parametri dimensionali 1. Diametro massimo Perimetro Area Confronto tra curva originale e curva di funzione 4. Percentuale dei punti ripetuti Radice quadrata dell errore quadratico medio 6. Media dei rapporti in x/y Indice delle ripetizioni in x/y Analisi armonica di Fourier 8. Somma delle armoniche Valore medio delle armoniche Valore assoluto dell armonica di ampiezza maggiore 11. Valore percentuale dell armonica di ampiezza maggiore Analisi di simmetria (SAE) 12. Valore massimo Valore medio Percentuale di area allometrica Tabella 2 Test t di Student SH/AH SH/ATH SH/CIS AH/ATH AH/CIS ATH/CIS Parametri dimensionali 1. Diametro massimo p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns 2. Perimetro p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns 3. Area p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns Confronto tra curva originale e curva di funzione 4. Percentuale dei punti ripetuti p<0.001 ns ns ns p<0.001 ns 5. Radice quadrata dell errore quadratico medio p<0.001 ns ns p<0.001 p<0.001 ns 6. Media dei rapporti in x/y p>0.1 ns ns p<0.001 p>0.05 ns 7. Indice delle ripetizioni in x/y ns p<0.001 ns p>0.01 ns ns Analisi armonica di Fourier 8. Somma delle armoniche p<0.001 p>0.1 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns 9. Valore medio delle armoniche p<0.001 p>0.1 ns p<0.001 p<0.001 ns 10. Valore assoluto dell armonica di ampiezza maggiore p>0.1 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns 11. Valore percentuale dell armonica di ampiezza maggiore ns p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 Analisi di simmetria (SAE) 12. Valore massimo ns ns ns ns ns ns 13. Valore medio ns p>0.01 p>0.05 ns ns ns 14. Percentuale di area allometrica ns ns ns ns ns ns SH, iperplasia semplice; AH, iperplasia anomala; ATH, iperplasia atipica; CIS, carcinoma in situ; ns, non significativo

7 296 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico L obiettivo della classificazione di Ljubljana [1, 2] è quello di evitare precoci interventi chirurgici demolitivi o di sottoporre ad inutili follow-up pazienti con lesioni prive di rischio evolutivo. Secondo tale classificazione infatti, i pazienti con iperplasia semplice e anomala non sarebbero da sottoporre a follow-up dopo un accurata escissione bioptica delle lesioni. Diversamente, in tutti i casi in cui sono presenti atipie, si renderebbe necessario il follow-up con ripetizione della biopsia. Per cui, gold standard di questa classificazione è il riconoscimento delle iperplasie con rischio epiteliale di progressione in cancro invasivo (le vere precancerosi, ovvero le iperplasie atipiche) e la loro differenziazione dal carcinoma in situ. Dall esperienza degli Autori, studi quantitativi morfometrici indicano che l area nucleare e il perimetro sono parametri determinanti (valori maggiori nel CIS) nell indicare che si tratterebbe di classi differenti di lesioni. Il tutto verrebbe poi ulteriormente avvalorato dalla valutazione semiquantitativa dell indice mitotico, dell intero polimorfismo cellulare e di tutti quegli altri parametri considerati determinanti nella classificazione proposta [26, 28]. Abbiamo ritenuto di dover limitare la nostra indagine morfometrica ai soli nuclei dello strato basale, in quanto questi ultimi sono dimensionalmente confrontabili nelle varie classi di lesioni perché più omogenei non avendo subito la differenziazione squamosa con conseguente picnosi nucleare. D altra parte i nuclei basali sono quelli che biologicamente risultano più esposti agli stimoli proliferativi, soprattutto nelle fasi iniziali del processo di cancerogenesi, sicché le modificazioni dimensionali e di forma possono essere indicative dei cambiamenti biologici che li coinvolgono. Questa limitazione, però, rende poco confrontabili i nostri risultati con quelli riportati in letteratura, che considerano le variazioni di queste caratteristiche nei nuclei di tutti i livelli dell epitelio [26, 28, 31]. Dalla nostra esperienza si evince che l analisi quantitativa delle dimensioni e del polimorfismo nucleare delle cellule appartenenti allo strato basale consentono di operare una distinzione netta tra iperplasie a basso rischio (semplici e anomale) con quelle ad alto rischio (atipiche) e con il CIS. Al contrario, i nuclei basali appartenenti alle classi di lesioni caratterizzate da iperplasia con rischio e da modificazioni morfologiche tipiche già di carcinoma in situ non presentano differenze statisticamente significative né di dimensione né di forma. Differenze importanti si osservano, invece, nei nuclei delle lesioni definite come iperplasia anomala. In pratica, il polimorfismo nucleare sembrerebbe caratterizzare in maniera decisiva l iperplasia anomala. In altre parole, le minori dimensioni dei nuclei si accorderebbero con una maggiore spinta proliferativa cellulare (affollamento cellulare dello strato basale e parabasale) accompagnata da un aumento delle irregolarità e della asimmetria nucleare. Pertanto, se si considera solo il parametro polimorfismo nei nuclei basali, l iperplasia anomala sembrerebbe rappresentare la lesione epiteliale più sensibile allo stimolo di tipo proliferativo. Al contrario, le caratteristiche nucleari della iperplasia semplice sembrerebbero suggerire una natura irritativa ma stabile delle lesione. La mancanza di significatività statistica dei parametri descrittivi della forma nell iperplasia atipica e nel carcinoma in situ potrebbe essere spiegata considerando che, in accordo con la logica del sistema SAM [33, 34, 41, 42], tutte le informazioni inerenti la forma nucleare vengono descritte dai singoli parametri in maniera estremamente dettagliata per cui, quando le differenze non sono eccessive, può essere difficile differenziarle. Riteniamo, pertanto, che la discriminazione tra una iperplasia con rischio epiteliale e un carcinoma in situ non si può basare solo sulla configurazione (ovvero atipie) dei nuclei dello strato basale, ma necessita della valutazione anche degli altri parametri morfologici (totale assenza di polarità maturativa, presenza di cellule atipiche sino agli strati più superficiali dell epitelio e aumentato indice mitotico) ed architetturali non compresi nell indagine da noi effettuata e che evidentemente hanno un peso determinante nella formulazione del grading così proposto dagli Autori. Tuttavia, il dato che i nuclei dello strato basale presentino le stesse caratteristiche citometriche nelle classi suddette rafforzerebbe l idea che entrambe siano correlate con cellule decisamente deviate verso un pericolo attuale di progressione neoplastica invasiva. In conclusione, i risultati morfometrici sottolineano la scarsa utilità del polimorfismo nella discriminazione delle lesioni di alto grado, ma offrono la possibilità di riconoscere lesioni stabili senza cioè capacità proliferante, lesioni proliferanti benigne e lesioni proliferanti con rischio di progressione maligna. Summary Epithelial hyperplastic laryngeal lesions (EHLL) are associated, with a varying degree of epithelial risk to develop invasive carcinoma. Several classifications have been proposed but none has received a total agreement. The 1999 Ljubljana classification distinguished four grades: simple, abnormal and atypical hyperplasia and in situ carcinoma (ISC). The first two grades are considered benign lesions; the ISC is the malignant lesion, while the atypical hyperplasia is considered a risky lesion. This is characterized by alterations of epithelial cells towards malignancy, but not to the extent to be found in carcinoma cells. Such characteristics refer to cytomorphological (e.g., nuclear hyperchromatism, nucleoli, increased nuclear/cytoplasmic ratio) and architectural (e.g., stratification, orientation, maturation) features. In the Ljubljana scheme, nuclear pleomorphism is one of the most important features. We wanted to improve the importance of nuclear pleomorphism in the basal cells layer in different classes of EHLL using morphometrical analysis. We studied 8 cases of simple hyperplasia,

8 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico of abnormal hyperplasia, 10 of atypical hyperplasia and 8 of ISC using the software SAM (Shape Analytical Morphometry). The results were submitted to univariate statistical analysis. Nuclear dimensions (maximum diameter, perimeter and area) showed a progressive increase from simple to atypical hyperplasias to ISC, while abnormal hyperplasia showed the lowest values. On the contrary, analytical parameters related to nuclear contour irregularities and asymmetries showed their highest values in abnormal hyperplasia nuclei. There were no significant differences between atypical hyperplasia and ISC, while it was possible to differentiate abnormal hyperplasia from the others. In conclusion basal nuclei of atypical hyperplasia and ISC are similar so that other cytological and morphological architectural parameters are necessary to distinguish the two lesions. Abnormal hyperplasia seems to be the biological category of proliferative benign laryngeal epithelium; simple hyperplasia refers to stable irritative epithelium. Bibliografia 1. Kambi V, Gale N, Fischinger J (1994) Local immune response in hyperplastic lesions of the larynx. ORL 56: Zidar N, Gale N, Kambic V, Fischinger J (2001) Expression of tenascin and fibronectin in epithelial hyperplastic lesions and squamous carcinoma of the larynx. Anticancer Res 21: Gale N, Kambi V, Michaels L et al (2000). The Ljubljana classification: a practical strategy for the diagnosis of laryngeal precancerous lesions. Adv Anat Pathol 4: Auerbach O, Hammond EC, Garfinkel L (1970) Histologic changes in the larynx in relation to smoking habit. Cancer 25: Bosatra A (1975) Precancerous lesions of the larynx. Acta Otolaryngol 344: Glanz H, Kleinsasser O (1976) Chronische laryngitis und carcinom. Oto-Rhino-Laryngol 212: Burch DJ, Howe GR, Miller AB, Semenciw R (1981) Tobacco, alcohol, asbestos, and nickel in the etiology of cancer of the larynx: a case-control study. JNCI 67: Brownson RC, Chang JC (1987) Exposure to alcohol and tobacco and the risk of laryngeal cancer. Arch Environ Health 42: Cowles SR (1983) Cancer of the larynx: occupational and environmental associations. South Med J 76: De Stefani E, Correa P, Oreggia F et al (1987) Risk factors for laryngeal cancer. Cancer 60: Kambic V, Gale N, Rott T, Zargi M (1992) Influence of asbestos fibers on the respiratory system in esperimental animals. Zdrav Vestn Friedman I, Ferlito A (1993) Precursors of squamous cell carcinoma. In: Ferlito A (ed) Neoplasms of the larynx. Churchill Livingstone, Edimburgh, London, Madrid, Melbourne, New York, Tokyo, pp Friedmann I (1996) Precursors of squamous cell hyperplasia. In: Ferlito A (ed) Surgical pathology of laringeal neoplasms. Chapman & Hall, London, pp Helquist H, Lundgren J, Olofsson J (1982) Hyperplasia, keratosis, dysplasia and carcinoma in situ of the vocal cords a follow-up study. Clin Otolaryngol 7: Hojslet PE, Nielsen VM, Palvio D (1989) Premalignant lesions of the larynx. Acta Otolaryngol 107: Kambic V, Gale N (1995) Epithelial hyperplastic lesions of the larynx. In: Epithelial hyperplastic lesions of the larynx. Eds Elsevier Science, BV, pp Lubsen H, Olde Kalter P (1992) Premalignant laryngeal lesions. Acta Otorhinolaryngol Belg 46: Fechner RE (1974) Laryngeal keratosis and atypia. Can J Otolaryngol 34: Goodman ML (1984) Keratosis (leukoplakia) of the larynx. Otolaryngol Clin N Am 17: Kambic V (1978) Difficulties in management of vocal cord precancerous lesions. J Laryngol Otol 92: Kleinsasser O (1991) Variations in histopathogenesis of squamous cell carcinoma of the upper aerodigestive tract. In: Pfaltz CR, Arnold W, Kleinsasser O (eds) Bearing of basic research on clinical otolaryngology. Adv Otorhinolaryngol Karger, Basel 46: Crissman JD (1982) Laryngeal keratosis preceding laryngeal carcinoma. Arch Otolaryngol 108: Crissman JD, Zarbo RJ (1989) Dysplasia, in situ carcinoma, and progression to invasive squamous cell carcinoma of the upper aerodigestive tract. Am J Surg Pathol 13: Shanmugaratnam K et al (1991) Histological typing of tumours of the upper respiratory tract and ear (WHO). Springer Vergal, Berlin Heidelberg New York, pp Michaelis L (1997) The Kambi-Gale method of assessment of epithelial lesions of the larynx in comparison with the dysplasia grade method. Acta Otorinolayngol (Stockh) 19 [Suppl 527]: Cor A, Gale N, Kambic V (1997) Quantitative pathology of laryngeal epithelial hyperplastic lesions. Acta Otolaryngol (Stockh) 19 [Suppl 527]: Kambic V, Gale N (1986) Significance of keratosis and dyskeratosis for classifying hyperplastic aberrations of laryngeal mucosa. Am J Otolaryngol 7: Vodvnik A, Gale N, Kambi V, Luzar B (1997) Correlation of histomorphological criteria used in different classifications of epithelial hyperplastic lesions of the larynx. Acta Otolaryngol (Stockh) 19 [Suppl 527]: Giardina C, Serio G, Caniglia DM et al (1994) Nuclear morphology and histological grading of oral squamous cell carcinoma (OSCC). A morphometric study. J Biol Res LXX: Olde Kalter P (1986) Morphometry and squamous cell hyperplasia of the larynx. Dissertation. Vrije Universiteit te Amsterdam Olde Kalter P, Delemarre JFM, Alons CL et al (1986) The clinical relevance of classification of squamous cell hyperplasia of the larynx by morphometry. Acta Otolaryngol 101: Olde Kalter P, Lubsen H, Delemarre JFM et al (1985) Quantitative morphometry of squamous cell hyperplasia of the larynx. J Clin Pathol 38: Pesce Delfino V, Lettini T, Potente F et al (1990) Shape evaluation in medical image analysis. Eur J Microsc Anal 7: Pesce Delfino V, Lettini T, Vacca E et al (1992) Biological image analysis for microscopical diagnosis: the work-station S.A.M. (Shape Analytical Morphometry). Path Res Pract 188:

9 298 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico 35. Ricco R, Serio G, Caniglia DM et al (1994) Size and shape evaluation of astrocytoma nuclei with the Shape Analytical Morphometry software system. Anal Quant Cytol Histol 16: Resta L, Colucci GA, Troia M et al (1992) Laryngeal intraepithelial neoplasia (LIN). An analytical morphometric approach. Path Res Pract 188: Shabana AHM, Gel-Labban N, Lee KW (1987) Mophometric analysis of basal cell layer in oral premalignant white lesions and squamous cell carcinoma. J Clin Pathol 40: Serio G, Giardina C, Valente T et al (2002) Quantitative morphometrical investigation of basal cell layer in laryngeal premalignant lesions. J Exp Clin Cancer Res (in press) 39. Stell PM, Gregory I, Watt J (1978) Morfometry of the epitelial lining of the human larynx. I. The glottis. Clin Otolaryngol 3: Stenkvist B, Westman-Naeser S, Holmquist J et al (1978) Computerized nuclear morphometry as an objective method for characterizing human cancer cell populations. Cancer Res 38: Pesce Delfino V, Ricco R (1983) Remarks on analytical morphometry in biology: procedure and software illustration. Acta Stereol 12: Pesce Delfino V, Lettini T, Vacca E (1997) The heuristic adequacy of Fourier descriptors: methodological aspects and morphological applications. In: Morphology Fourier descriptors and their applications in biology. Ed. Lestrel PE, Cambridge University, pp

LUCA SARAGONI AUSL ROMAGNA (FORLI ) CRITERI DIAGNOSTICI PER LESIONI DI ALTO GRADO E INFILTRANTI IN CAMPIONI BIOPTICI

LUCA SARAGONI AUSL ROMAGNA (FORLI ) CRITERI DIAGNOSTICI PER LESIONI DI ALTO GRADO E INFILTRANTI IN CAMPIONI BIOPTICI LUCA SARAGONI AUSL ROMAGNA (FORLI ) CRITERI DIAGNOSTICI PER LESIONI DI ALTO GRADO E INFILTRANTI IN CAMPIONI BIOPTICI LESIONE SQUAMOSA INTRA- EPITELIALE DI ALTO GRADO DEFINIZIONE Una lesione squamosa intraepiteliale

Dettagli

Dalle lesioni intraepiteliali alle lesioni invasive: problematiche in citologia SONIA PRANDI

Dalle lesioni intraepiteliali alle lesioni invasive: problematiche in citologia SONIA PRANDI Dalle lesioni intraepiteliali alle lesioni invasive: problematiche in citologia SONIA PRANDI CITOLOGIA MORFOLOGIA Lesioni squamose Lesioni ghiandolari Lesioni squamose LESIONI SQUAMOSE INTRAEPITELIALI

Dettagli

Lesioni ghiandolari in campioni bioptici. Giovanni Negri Bolzano

Lesioni ghiandolari in campioni bioptici. Giovanni Negri Bolzano Lesioni ghiandolari in campioni bioptici Giovanni Negri Bolzano Pap test di invio con lesione ghiandolare in 40% dei casi AIS puro in 50.6% dei coni Colposcopia negativa in 24% dei casi Biopsia negativa

Dettagli

Dr. Massimo Confortini Direttore SC Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze

Dr. Massimo Confortini Direttore SC Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Roma, 19 Novembre 2014 Centro Formazione Ordine Nazionale dei Biologi Viale della Piramide Cestia,1 Dr. Massimo Confortini Direttore SC Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Dr.ssa Daniela Butera

Dettagli

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI

ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI ESOFAGO: RAPPORTI ANATOMICI Esofago Giunzione gastro-esofagea: endoscopicamente è definita come il punto di svasatura tra l esofago tubulare ed il limite prossimale della plicatura gastrica. Linea Z (giunzione

Dettagli

L.A.S.T.: terminologia unica istologica per il basso tratto genitale

L.A.S.T.: terminologia unica istologica per il basso tratto genitale L.A.S.T.: terminologia unica istologica per il basso tratto genitale Bruno Ghiringhello* e Francesca Maletta. Anatomia e Istologia Patologica Città della Salute e della Scienza. *P.O. OIRM-S.ANNA - P.O.

Dettagli

ESPERIENZA SULLE BIOPSIE VACUUM-ASSISTED ASSISTED E LORO INDICAZIONI

ESPERIENZA SULLE BIOPSIE VACUUM-ASSISTED ASSISTED E LORO INDICAZIONI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE MEDICO-CHIRURGICHE SEZIONE DI RADIODIAGNOSTICA CATTEDRA DI RADIOLOGIA DIRETTORE: PROF. G. GANDINI RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING

Dettagli

CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI. Prof. Paola Maiolino

CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI. Prof. Paola Maiolino CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI Prof. Paola Maiolino L indagine citologica dei tumori mammari è poco applicata in medicina veterinaria e da molti è considerata poco attendibile. Ciò è legato: alla notevole

Dettagli

Classificazione e cenni istopatologici. Dr.ssa Paola Re

Classificazione e cenni istopatologici. Dr.ssa Paola Re Classificazione e cenni istopatologici Dr.ssa Paola Re Laringite cronica iperplastica Leucoplachia (cheratosi) Iperplasia pseudoepiteliomatosa Iperplasia verrucosa laringea Displasia lieve, moderata,

Dettagli

Le zone grigie della citologia tiroidea.

Le zone grigie della citologia tiroidea. Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow-up Bologna 21 marzo 2009 Le zone grigie della citologia tiroidea. Cosa deve dire il patologo Gian Piero Casadei Anatomia Patologica Ospedale

Dettagli

Le lesioni ghiandolari: inquadramento morfologico e criticità

Le lesioni ghiandolari: inquadramento morfologico e criticità Le lesioni ghiandolari: inquadramento morfologico e criticità Roma, 19 Novembre 2014 Centro Formazione Ordine Nazionale dei Biologi Viale della Piramide Cestia,, 1 Dr.ssa Marzia Matucci Pap-Test: prelievo

Dettagli

Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita):

Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita): Tumore (gonfiore) o neoplasia (nuova crescita): *popolazione cellulare di nuova formazione che ha preso origine quasi sempre da una sola cellula somatica dell organismo, colpita da una serie sequenziale

Dettagli

INFEZIONE DA HPV E CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA.

INFEZIONE DA HPV E CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA. INFEZIONE DA HPV E CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA www.fisiokinesiterapia.biz Cenni di anatomia Il collo dell utero è suddivisibile in due distretti: Esocervice (la parte esterna che si continua con la

Dettagli

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Nelle forme avanzate della malattia compaiono alterazioni epiteliali precancerose -DISPLASIA: : Variazioni di dimensioni, forma e orientamento delle

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Neoplasie polmonari: macroscopia e classificazione. Classificazione WHO 2004

Neoplasie polmonari: macroscopia e classificazione. Classificazione WHO 2004 Neoplasie polmonari: macroscopia e classificazione Classificazione WHO 2004 Tumori mesenchimali Tumori epiteliali maligni Carcinoma squamocellulare Carcinoma a piccole cellule Adenocarcinoma Carcinoma

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

www.gisci.it LE SIGLE DELLO SCREENING

www.gisci.it LE SIGLE DELLO SCREENING www.gisci.it A cura di Anna Iossa ISPO Firenze Debora Canuti AUSL Romagna Con il contributo di: Francesca Maria Carozzi ISPO Firenze Massimo Confortini Firenze Annarosa Del Mistro Istituto Oncologico Veneto

Dettagli

Oncologia. Lo studio dei tumori

Oncologia. Lo studio dei tumori Oncologia Lo studio dei tumori Cause di morte nel mondo nel 2000 1. Malattie cardiache 2. Cancro 3. Malattie cerebrovascolari 4. Malattie respiratorie croniche 5. Incidenti 6. Diabete 7. Influenza e polmonite

Dettagli

Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale

Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale p16ink4a Un Biomarcatore per lo Screening e la Diagnosi del Carcinoma Cervicale 16 Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione 21-05-2009 Pietro Fiorentino Overview dell azienda mtm laboratories

Dettagli

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz I TUMORI DELLA CUTE www.fisiokinesiterapia.biz Ghiandole sebacee Ghiandole sudoripare Annessi cutanei I TUMORI DELLA CUTE 1) DERIVATI DALLE STRUTTURE EPITELIALI 1) BENIGNI (CHERATOSI SEBORROICA) 2) EPITELIOMA

Dettagli

A new sub-staging system in patients with stage T1 bladder cancer

A new sub-staging system in patients with stage T1 bladder cancer C. Luchini 1, V. De Marco 2, M.A. Cerruto 2, C. D Elia 2,3, M. Brunelli 1, O.Otte 2, G. Novella 2, S. Cavalleri 2, G. Martignoni 1 and W. Artibani 1 A new sub-staging system in patients with stage T1 bladder

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013. Torino 7 novembre 2013. Anatomia Patologica. Isabella Castellano

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013. Torino 7 novembre 2013. Anatomia Patologica. Isabella Castellano PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013 Torino 7 novembre 2013 Anatomia Patologica Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Anatomia

Dettagli

Lesioni ghiandolari: il punto di vista molecolare. Giovanni Negri, Bolzano

Lesioni ghiandolari: il punto di vista molecolare. Giovanni Negri, Bolzano Lesioni ghiandolari: il punto di vista molecolare Giovanni Negri, Bolzano GiSCI, Firenze 2014 Lesioni ghiandolari: il punto di vista molecolare Quali sono i problemi maggiori nella diagnostica delle lesioni

Dettagli

INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE

INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE Silvio ABATI - Università degli Studi di Milano Alessandra MAIORANA - Università degli Studi di Brescia Centro di Collaborazione

Dettagli

CORSO PRATICO DI CITOLOGIA DIAGNOSTICA AGOASPIRATIVA DELLE GHIANDOLE SALIVARI. Gargnano 15-16 aprile 2011 Sergio Fiaccavento. Caso n.

CORSO PRATICO DI CITOLOGIA DIAGNOSTICA AGOASPIRATIVA DELLE GHIANDOLE SALIVARI. Gargnano 15-16 aprile 2011 Sergio Fiaccavento. Caso n. CORSO PRATICO DI CITOLOGIA DIAGNOSTICA AGOASPIRATIVA DELLE GHIANDOLE SALIVARI Gargnano 15-16 aprile 2011 Sergio Fiaccavento Caso n. 10 Dati clinici : In un uomo di 49 la valutazione ecografica di una neoformazione

Dettagli

Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina

Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina Il Melanoma Il melanoma rappresenta una neoplasia maligna che origina dai melanociti, le cellule produttrici di melanina Il melanoma cutaneo è un tumore ad elevata aggressività Crescita di incidenza negli

Dettagli

Dott.ssa Rosangela Trezzi ESAME MACROSCOPICO

Dott.ssa Rosangela Trezzi ESAME MACROSCOPICO Dott.ssa Rosangela Trezzi ESAME MACROSCOPICO DESCRIZIONE MACROSCOPICA Accurata e Completa Succinta Ben organizzata Standardizzata Importanza INFORMAZIONI ESSENZIALI ALLA DIAGNOSI DOCUMENTAZIONE INTERPRETAZIONE

Dettagli

Ambulatorio di diagnostica cutanea

Ambulatorio di diagnostica cutanea Ambulatorio di diagnostica cutanea Il melanoma e i diversi tumori della cute sono facilmente curabili quando la loro diagnosi è precoce. L ambulatorio di diagnostica cutanea allo IEO è attrezzato con le

Dettagli

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione primaria : agisce sulla causa del tumore (HPV alto rischio) e sui cofattori (stile di vita) Interviene su tutta la popolazione indistintamente

Dettagli

"Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple VIII Incontro-Convegno A.C.A.R 2006-2016: DIECI ANNI DI A.C.A.R. Montecatini Terme (PT), 16 Aprile 2016 A.C.A.R "Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Dettagli

Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro. M. Cadei

Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro. M. Cadei Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro M. Cadei Sezione di Anatomia Patologica Dipartimento Medicina Molecolare e Traslazionale (DMMT) Università degli Studi di Brescia TAVOLA

Dettagli

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Risultati del test e commenti Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Menu caratteristiche dei casi risultati del test criteri 2007 vs. 2005 commenti commenti commenti Dati richiesti all applicativo

Dettagli

MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004

MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004 MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004 Giovanni Profeta*, Giuseppe Ambrosio*, Roberto Monaco**, Giuseppina Ianniciello*,

Dettagli

PARAMETRI CHE MODIFICANO L IMPREDIVIBILITA DEL M.M.

PARAMETRI CHE MODIFICANO L IMPREDIVIBILITA DEL M.M. FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR IL MELANOMA: UNA MALATTIA ANCORA IMPREVEDIBILE? Torino, 21 Marzo 2013 Prof. Mario Pippione PARAMETRI CHE MODIFICANO L IMPREDIVIBILITA DEL M.M. Domanda introduttiva:il melanoma

Dettagli

Capitolo 7. Esame istologico: la biopsia mirata ed il cono cervicale. P. dalla Palma, S. Privitera, B. Ghiringhello

Capitolo 7. Esame istologico: la biopsia mirata ed il cono cervicale. P. dalla Palma, S. Privitera, B. Ghiringhello Capitolo 7 Esame istologico: la biopsia mirata ed il cono cervicale P. dalla Palma, S. Privitera, B. Ghiringhello Problema CIN 2 Classificazione in 3 gradi MIB 1 e p16 M.M. aa 38 Giu 2007: escissione polipo

Dettagli

Classificazione istologica dei polipi epiteliali del colon retto

Classificazione istologica dei polipi epiteliali del colon retto Classificazione istologica dei polipi epiteliali del colon retto natura tipo sindrome poliposa sconosciuta polipo iperplastico poliposi iperplastica neoplastica adenoma tubulare FAP adenoma villoso s.

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 29-Analisi della potenza statistica vers. 1.0 (12 dicembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ENDOSCOPIA DIGESTIVA AD ALTA TECNOLOGIA Responsabile dott. Giorgio Battaglia PROTOCOLLO INFORMATIVO: L

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2012

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2012 PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2012 III SESSIONE NOVITA E AGGIORNAMENTI DAL CONVEGNO GI SMa E DALLA LETTERATURA: Anatomia Patologica Isabella Castellano Anatomia

Dettagli

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Department of Human Anatomy and Physiology Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione

Dettagli

Center for Reconstructive Urethral Surgery. Guido Barbagli. Centro di Chirurgia Ricostruttiva dell Uretra. Arezzo

Center for Reconstructive Urethral Surgery. Guido Barbagli. Centro di Chirurgia Ricostruttiva dell Uretra. Arezzo Guido Barbagli Centro di Chirurgia Ricostruttiva dell Uretra Arezzo E-mail: guido@rdn.it Sito web: www.urethralcenter.it Sessione congiunta Società Italiana Urologia Territoriale (SIUT) Urologi Ospedalità

Dettagli

Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze

Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze Management del materiale diagnostico: indicazioni fondamentali per la corretta inclusione taglio e colorazione di lesioni cutanee Lucia Baggiani Anatomia Patologica AOUC, Firenze Il prelievo del campione

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

AGGIORNAMENTI UROLOGICI PER IL MEDICO DI MG DATA E SEDE

AGGIORNAMENTI UROLOGICI PER IL MEDICO DI MG DATA E SEDE SEZIONE PROVINCIALE BARI AGGIORNAMENTI UROLOGICI PER IL MEDICO DI MG DATA E SEDE 09 Febbraio 2013 HOTEL SHERATON ROMA Viale del Pattinaggio, 100 00144 ROMA PROGRAMMA ORE 08,00 REGISTRAZIONE DEI PARTECIPANTI

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato

LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato 19 marzo-2 aprile 2011 INTRODUZIONE Il carcinoma papillare ed il carcinoma follicolare della tiroide, definiti carcinomi

Dettagli

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre 2014 IL PAP TEST NEI DIVERSI SCENARI: SIMILITUDINI E DIFFERENZE Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Bertozzi

Dettagli

SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE

SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE CASO N 1 STORIA CLINICA SINTESI ANAMNESTICA: maschio, 69 aa., follow-up in paziente con diagnosi di neoplasia uroteliale papillare a basso grado di malignità.

Dettagli

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Dott. Antonio Conti 3000 2500 2013 Campioni urinari 2000 1500 1000 500 Positivi pz Ambulatoriali : 19.4 % Positivi

Dettagli

CORSO DI STATISTICA La Misurazione, Scale di Misura, Errori di Misura

CORSO DI STATISTICA La Misurazione, Scale di Misura, Errori di Misura CORSO DI STATISTICA La Misurazione, Scale di Misura, Errori di Misura Bruno Mario Cesana Bruno M. Cesana 1 MISURAZIONE La figura 1.1 è tratta da: Bossi A. et al.: Introduzione alla Statistica Medica A

Dettagli

Classificazione WHO 1999 neoplasie della vescica 1998 neoplasie della pelvi e dell uretere*

Classificazione WHO 1999 neoplasie della vescica 1998 neoplasie della pelvi e dell uretere* Classificazione WHO 1999 neoplasie della vescica 1998 neoplasie della pelvi e dell uretere* Tumori primitivi e metastasi Istogenesi Morfologia * Le neoplasie che originano dalla pelvi renale e dall uretere

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

esame citomorfologico cervico vaginale in un contesto clinico e di triage (II livello)

esame citomorfologico cervico vaginale in un contesto clinico e di triage (II livello) PreSentAzIone esame citomorfologico cervico vaginale IntroduzIone: Il recente Health technology Assessment on HPVdnA Based Screening for Cervical Cancer Precursors, pubblicato da epidemiol Prev 2012,36

Dettagli

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino FATTORI PROGNOSTICI MELANOMA Dr.ssa Rossana Tiberio Dr.ssa Benedetta Miglino UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE "A. AVOGADRO" FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - NOVARA CLINICA DERMATOLOGICA

Dettagli

XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009. R. Sunseri 2,N. Romano 2.

XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009. R. Sunseri 2,N. Romano 2. XIII RIUNIONE ANNUALE ASSOCIAZIONE ITALIANA REGISTRI TUMORI - AIRTUM Siracusa, 6/8 Maggio 2009 Sottotipi di carcinoma della mammella identificati con markers immunoistochimici: dati del Registro Tumori

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

CRITERI RADIOLOGICI DI VALUTAZIONE DELLA RISPOSTA ALLA TERAPIA ONCOLOGICA Radiologia Ferrara CRITERI RECIST Response Evaluation Criteria In Solid Tumor CRITERI RECIST Sono un gruppo di regole atte ad identificare

Dettagli

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali:

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: la sensibilità diagnostica o clinica, la specificità diagnostica o clinica, l incidenza

Dettagli

Linee guida europee dello screening del carcinoma colorettale. Che impatto per i programmi di screening italiani? La diagnosi patologica

Linee guida europee dello screening del carcinoma colorettale. Che impatto per i programmi di screening italiani? La diagnosi patologica Linee guida europee dello screening del carcinoma colorettale. Che impatto per i programmi di screening italiani? La diagnosi patologica Giovanni Lanza Anatomia Patologica Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché?

Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché? Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché? Dott. Giannantonio Spena Neurochirurgo Clinica Neurochirurgica Spedali Civili e Università di Brescia

Dettagli

Tumori della vescica. E ora di allinearci alla nomenclatura WHO 2016

Tumori della vescica. E ora di allinearci alla nomenclatura WHO 2016 Tumori della vescica. E ora di allinearci alla nomenclatura WHO 2016 Stefania Freguia Istituto cantonale di patologia, Locarno Nuova classificazione WHO (2016) dei tumori dell apparato urinario e degli

Dettagli

Un po di statistica. Christian Ferrari. Laboratorio di Matematica

Un po di statistica. Christian Ferrari. Laboratorio di Matematica Un po di statistica Christian Ferrari Laboratorio di Matematica 1 Introduzione La statistica è una parte della matematica applicata che si occupa della raccolta, dell analisi e dell interpretazione di

Dettagli

Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria

Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria Antonio Carminato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie acarminato@izsvenezie.it Percorso oncologico Mestre Diagnosi di linfoma:

Dettagli

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA Prof. Giuseppe Martorana Clinica Urologica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Convegno medico UniSalute Appropriatezza ed efficacia degli screening Bologna,

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

Corso di laurea in Scienze della formazione primaria LO SVILUPPO COGNITIVO E I NUMERI

Corso di laurea in Scienze della formazione primaria LO SVILUPPO COGNITIVO E I NUMERI Corso di laurea in Scienze della formazione primaria Corso di Elementi di psicometria applicati alla didattica LO SVILUPPO COGNITIVO E I NUMERI Prof. ssa: Eleonora Bilotta Studentessa: Manuela Russo Matr.

Dettagli

NEUROENDOCRINI GENERICI

NEUROENDOCRINI GENERICI L indagine immunoistochimica richiesta prevede l utilizzo di marcatori neuroendocrini generici NEUROENDOCRINI GENERICI Enolasi Neurono-Specifica (NSE) Sinaptofisina (SYN) Cromogranina generalmente di tipo

Dettagli

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE A.A. 2014-2015 Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE Utilizzare gli strumenti epidemiologici e statistici appropriati per ridurre l'area dell'incertezza nella rilevazione

Dettagli

Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV

Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV Clinica'di'Mala*e'Infe*ve'' Azienda'Ospedaliera'di'Perugia' 31/10/2014' ' Dr.'Claudio'Sfara' Dr.ssa'Laura'Bernini' Carcinoma anale 2.5% delle neoplasie

Dettagli

vaginali Coordinatori studio R. Volante, E. Mancini, S. Privitera, G. Ronco

vaginali Coordinatori studio R. Volante, E. Mancini, S. Privitera, G. Ronco II riunione del Gruppo di Studio del Programma di Screening regione Piemonte- coordinamento CPO- sul monitoraggio effetti collaterali e complicanze della terapia miniinvasiva delle neoplasie intraepiteliali

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 12-Il t-test per campioni appaiati vers. 1.2 (7 novembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

DIAGNOSI ANATOMO-PATOLOGICA NEGLI SCREENING DEL CARCINOMA COLO-RETTALE: INDICAZIONI

DIAGNOSI ANATOMO-PATOLOGICA NEGLI SCREENING DEL CARCINOMA COLO-RETTALE: INDICAZIONI DIAGNOSI ANATOMO-PATOLOGICA NEGLI SCREENING DEL CARCINOMA COLO-RETTALE: INDICAZIONI PRESUPPOSTI GENERALI 1) La diagnosi istopatologica in corso di screening è atto medico derivante da intervento di sanità

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Tiroide. laterali uniti da un segmento. continua con una propaggine. laringe. circa40mmeilpesointornoai20. ad età e fattori geografici

Tiroide. laterali uniti da un segmento. continua con una propaggine. laringe. circa40mmeilpesointornoai20. ad età e fattori geografici Tiroide La tiroide è formata da due lobi laterali uniti da un segmento trasversale (istmo) che si continua con una propaggine (lobo piramidale) aderente alla laringe L altezza media della tiroide è di

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo. "Diagnostica Citologica"

Il Nodulo Tiroideo. Diagnostica Citologica Il Nodulo Tiroideo "Diagnostica Citologica" FNAC Con il termine di FNAC (Fine Needle Aspiration Cytology) si intende un prelievo citologico eseguito mediante un ago definito sottile (a partire da 22G ),

Dettagli

I metodi per la misura della diagnosi

I metodi per la misura della diagnosi C.I. di Metodologia clinica I metodi per la misura della diagnosi Obiettivo Conoscere ed utilizzare i principali strumenti per interpretare l'attendibilità e la rilevanza dei test diagnostici ai fini della

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO Pasquale Iandolo Laboratorio analisi ASL 4 Chiavarese, Lavagna (GE) 42 Congresso Nazionale SIBioC Roma

Dettagli

Caso cito 1 e istologico 4

Caso cito 1 e istologico 4 Caso cito 1 e istologico 4 Dott.ssa Licia LAURINO Dott.ssa Matilde CACCIATORE TREVISO AGGREGATI TRIDIMENSIONALI Storia clinica RN, data di nascita 23-01-1959 Marzo 2009: esame citologico nodulo QSC

Dettagli

RCU: Moderni Orientamenti di Cura Displasia e Cancro Stefano Gobbo Anatomia Patologica. Cdc Pederzoli Peschiera del Garda

RCU: Moderni Orientamenti di Cura Displasia e Cancro Stefano Gobbo Anatomia Patologica. Cdc Pederzoli Peschiera del Garda RCU: Moderni Orientamenti di Cura Displasia e Cancro Stefano Gobbo Anatomia Patologica Cdc Pederzoli Peschiera del Garda Cancro del Colon in RCU 2001: La prima Meta-analisi: 116 studies RISCHIO CUMULATIVO

Dettagli

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata.

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Georgios Papanikolaou va in soffitta? Sergio Schettini ONCOLOGICI Regione Basilicata Dipartimento Sicurezza e Solidarietà Sociale

Dettagli

Esperienza con il sistema Aklides

Esperienza con il sistema Aklides Evoluzione tecnologica del metodo di immunofluorescenza indiretta: i sistemi esperti per la lettura del test ANA Esperienza con il sistema Aklides Elio Tonutti Immunopatologia e Allergologia - Udine Il

Dettagli

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site:

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: CASI CLINICI Dr.ssa Paola Baccarini, U.O. Anatomia Patologica

Dettagli

Sensibilità, specificità, falsi positivi e falsi negativi

Sensibilità, specificità, falsi positivi e falsi negativi Sensibilità, specificità, falsi positivi e falsi negativi Veri Positivi, Veri Negativi, Falsi Positivi e Falsi Negativi In una situazione ideale ci si aspetta che un test sia in grado di discriminare perfettamente

Dettagli

AGGEI TWO 2 Campus Nazionale AGGEI 6-8 giugno, Imola

AGGEI TWO 2 Campus Nazionale AGGEI 6-8 giugno, Imola AGGEI TWO 2 Campus Nazionale AGGEI 6-8 giugno, Imola FOLLOW-UP NELLE PATOLOGIE NEOPLASTICHE DEL COLON Felice Cosentino PRINCIPALI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI J Bond, Polyp Guideline, The Am J of Gastroent.,

Dettagli

La chemioterapia può servire? M. Terenziani S.C di Pediatria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

La chemioterapia può servire? M. Terenziani S.C di Pediatria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori La chemioterapia può servire? M. Terenziani S.C di Pediatria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Le varie sub-entità patologiche dei Tumori a Cellule Germinali condividono una unica cellula

Dettagli

Neoplasie mesenchimali

Neoplasie mesenchimali Neoplasie mesenchimali Nicoletta Ravarino S.C. di ANATOMIA PATOLOGICA Direttore B.Torchio A.O ORDINE MAURIZIANO TORINO TUMORI MESENCHIMALI Derivazione dal mesenchima del corpo: stroma endometriale, muscolatura

Dettagli

Le regioni di interesse (ROI) e le curve

Le regioni di interesse (ROI) e le curve Le regioni di interesse (ROI) e le curve UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura della Dott.ssa Michela Lecchi Immagine digitale Immagine analogica: la variabile rappresentata è continua

Dettagli

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis Francesca Pepe learning and development - consultancy

Dettagli

PROCEDURE - GENERALITA

PROCEDURE - GENERALITA PROCEDURE - GENERALITA Le PROCEDURE sono regole scritte, utili strumenti di buona qualità organizzativa, con le quali lo svolgimento delle attività viene reso il più possibile oggettivo, sistematico, verificabile,

Dettagli

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC G Ital Nefrol 2011; 28 (6): 642-647 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

Dettagli

DIAGNOSI CITO-ISTOLOGICA PRE-OPERATORIA. Isabella Castellano Anatomia-patologica Città della Salute e della Scienza di Torino

DIAGNOSI CITO-ISTOLOGICA PRE-OPERATORIA. Isabella Castellano Anatomia-patologica Città della Salute e della Scienza di Torino DIAGNOSI CITO-ISTOLOGICA PRE-OPERATORIA Isabella Castellano Anatomia-patologica Città della Salute e della Scienza di Torino Manifesto on Optimal Pathology EUSOMA The need for optimal pathology in breast

Dettagli

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano L inizio della storia... Perou CM et al. Molecular portraits of human breast tumors. Nature

Dettagli

Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena

Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena INDICATORI BIOLOGICI DI PREGRESSA ESPOSIZIONE AD ASBESTO Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena Le indagini

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione?

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? RILEVAZIONI Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? I risultati da un indagine condotta in Puglia su un campione di medici di base Francesca Di Serio * I dati raccolti negli

Dettagli

corso di citologia tiroidea

corso di citologia tiroidea PreSentAzIone IntroduzIone: L introduzione della citologia per aspirazione con ago sottile ha rappresentato un notevole progresso nella diagnostica delle lesioni tiroidee. Infatti, benché le innovazioni

Dettagli