La classificazione di Ljubljana delle lesioni iperplastiche dell epitelio laringeo: valutazione morfometrica del pleomorfismo nucleare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La classificazione di Ljubljana delle lesioni iperplastiche dell epitelio laringeo: valutazione morfometrica del pleomorfismo nucleare"

Transcript

1 Pathologica (2002) 94: Springer-Verlag 2002 ARTICOLO ORIGINALE G. Serio N. Gale A. Pennella A.M. Dalena C. Giardina T. Valente T. Lettini R. Ricco L. Resta La classificazione di Ljubljana delle lesioni iperplastiche dell epitelio laringeo: valutazione morfometrica del pleomorfismo nucleare The Ljubljana classification of epithelial hyperplastic laryngeal lesions: a morphometric evaluation of nuclear pleomorphism Riassunto Le lesioni epiteliali iperplastiche del laringe possono essere definite come condizioni patologiche in cui l epitelio ha un rischio variabile di trasformazione in carcinoma invasivo. Numerose classificazioni sono state proposte per definirle ma nessuna accettata concordemente. La classificazione di Ljubljana (1999) propone il seguente grading: iperplasia semplice, anomala e atipica e carcinoma in situ (CIS). Le iperplasie semplice e anomala sono considerate lesioni benigne in quanto prive di atipie cellulari; l iperplasia atipica è la lesione con rischio epiteliale in cui l epitelio presenta moderate atipie ma senza le alterazioni citomorfologiche (ipercromatismo nucleare, nucleoli evidenti, incremento del rapporto N/C, etc.) ed architetturali (alterazione della stratificazione, dell orientamento, della maturazione, etc.) tipiche delle cellule carcinomatose. Nel grading proposto, tra i parametri istologici considerati, il polimorfismo nucleare gioca un ruolo importante. Con procedure morfometriche abbiamo valutato il polimorfismo dei nuclei basali delle lesioni iperplastiche laringee al fine di validare l importanza di questo parametro nella formulazione del citato schema classificativo. Con il software SAM (Shape Analytical Morphometry), 8 casi di iperplasia semplice, 10 di anomala e 10 di atipica e 8 di G. Serio ( ) A.M. Dalena C. Giardina T. Valente R. Ricco L.Resta Dipartimento di Anatomia Patologica e di Genetica, Policlinico Universitario, Piazza G. Cesare 11, I Bari, Italia Tel.: Fax: N. Gale Istituto di Anatomia Patologica, Università di Ljubliana, Slovenia A. Pennella Servizio di Anatomia Patologica, Università di Foggia, Italia T. Lettini Consorzio di Ricerca DIGAMMA, Bari, Italia CIS sono stati valutati morfometricamente; i risultati sono stati elaborati con analisi statistica univariata. Un incremento significativo delle dimensioni nucleari (diametro massimo, perimetro, area) è stato osservato dalla iperplasia semplice all atipica al CIS; l iperplasia atipica ha mostrato i valori medi più bassi. Nessuna differenza significativa è emersa tra i nuclei dell iperplasia atipica e del CIS. Le maggiori irregolarità della forma sono state osservate nei nuclei dell iperplasia anomala. In conclusione, i nuclei basali dell iperplasia atipica e del CIS sono morfologicamente simili. Le caratteristiche nucleari dell iperplasia anomala confermerebbero trattarsi di una classe proliferante di lesioni benigne del laringe e, diversamente, l iperplasia semplice di una classe stabile di lesione benigna di tipo irritativo dello stesso epitelio. Parole chiave Laringe Iperplasia Lesioni precancerose Morfometria Key words Larynx Hyperplasia Precancerous lesions Morphometry Introduzione Le lesioni iperplastiche del laringe sono definite da un insieme di alterazioni istomorfologiche caratterizzate da iperplasia dell epitelio, talora con associati disordini citoarchitetturali e, spesso accompagnate da diversi tipi di modificazioni reattive dello stroma come l infiltrato infiammatorio, la neovascolarizzazione e la deposizione di matrice proteica extracellulare [1-3]. Da un punto di vista eziologico, esse condividono gli stessi fattori di rischio del carcinoma laringeo [4-10] e pertanto è opinione comune che esse possano rappresentare la fase iniziale del fenomeno trasformativo neoplastico [12-17]. Esiste una grande confusione terminologica e classificativa in merito. Infatti, vari Autori [18-21] descrivono identiche lesioni cliniche ed istologiche con nomi diversi e spesso ter-

2 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico 291 mini clinici come leucoplachia, eritroplachia, pachidermia, cheratosi, discheratosi, epidermizzazione, iperplasia squamosa, sono impropriamente usati per la diagnosi istologica. Sono state proposte più di 20 diverse classificazioni spesso simili tra loro, la cui peculiarità in base alle caratteristiche istomorfologiche (cheratinizzazione dello strato epiteliale superficiale, iperplasia epiteliale e grado di atipia citoarchitetturale) è rappresentata dal tentativo di identificare gruppi specifici: (1) lesioni senza rischio epiteliale di progressione maligna e (2) lesioni con rischio epiteliale di progressione, le cosiddette precancerosi [12, 16-17, 21-24]. Quest ultimo gruppo di lesioni mostra, inoltre, rischi differenti di evoluzione a cui è associata una prognosi diversa. Infatti, nelle precancerosi il rischio di sviluppare un carcinoma invasivo è particolarmente elevato, ma variabile, tanto da richiedere trattamenti clinico-chirurgici differenziati [12, 13, 20]. Ad oggi, nessuna delle classificazioni proposte è concordemente accettata in quanto la confusione terminologica e i criteri di volta in volta utilizzati sottolineano la difficoltà dei patologi nel descrivere e correlare le caratteristiche istomorfologiche con il comportamento biologico. È da sottolineare ancora, che le maggiori controversie riguardano proprio quelle lesioni con rischio più elevato di progressione maligna e che spesso disorientano il clinico circa le modalità terapeutiche da applicare per un migliore risultato. Nelle varie classificazioni una variabile costante cui viene attribuito un certo peso prognostico è rappresentata dalle atipie cellulari. La recente classificazione di Ljubjana (1999) proposta da Kambic e Gale considera l architettura dell epitelio, l iperplasia cellulare e il grado di atipia nucleare e cellulare come i criteri morfologici più importanti e meglio correlabili con il rischio di trasformazione maligna. La cheratinizzazione della superficie epiteliale, già di interpretazione discutibile, si confermerebbe un parametro poco significativo. Le lesioni istomorfologiche vengono divise in 4 gradi: iperplasia semplice (simple hyperplasia SH) e iperplasia anomala (abnormal hyperplasia ABH), che insieme rappresentano un gruppo di lesioni benigne; iperplasia atipica (atypical hyperplasia ATH), considerato un gruppo potenzialmente maligno, e carcinoma in situ (CIS), lesione già maligna. Poiché la percentuale di pazienti con iperplasia atipica che sviluppa un carcinoma invasivo non è elevata (14%), viene suggerito di sostituire il termine di precancerosi abitualmente in uso, con il termine di rischio epiteliale [1, 2, 25]. Il sistema di grading proposto così formulato risponderebbe ai seguenti requisiti: semplice applicabilità, alta riproducibilità, rilevante utilità clinica e obiettiva accuratezza scientifica. In pratica lo schema classificativo risulterebbe facilmente comprensibile. Iperplasia semplice Si tratta di una lesione istologicamente caratterizzata da un ispessimento dello strato spinoso (acantosi), da uno strato Fig. 1 Iperplasia semplice: evidente l ispessimento dello strato spinoso; assenza di atipie cellulari (EE) basale regolare con mitosi regolari e dall assenza di atipie cellulari (Fig.1). Iperplasia anomala La lesione è caratterizzata da un ispessimento dell epitelio per incremento delle cellule dello strato basale e parabasale. Tali elementi cellulari mostrano nuclei moderatamente aumentati di volume con cromatina distribuita uniformemente. Regolari le mitosi nello strato basale o nelle imme- Fig. 2 Iperplasia anomala: incremento delle cellule basali e parabasali; assenti le alterazioni citoarchitetturali (EE)

3 292 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico diate vicinanze. La parte superiore dell epitelio è costituita da cellule spinose mature prive di alterazioni citoarchitetturali (Fig. 2). Meno del 5% delle cellule epiteliali può presentare caratteristiche di discheratosi. Iperplasia atipica È una lesione potenzialmente maligna caratterizzata da alterazioni delle cellule epiteliali capaci di ulteriore evoluzione ma prive di quelle caratteristiche tipiche delle cellule carcinomatose. Istologicamente la stratificazione epiteliale è preservata. Le cellule epiteliali sono ben orientate rispetto alla membrana basale, i nuclei mostrano gradi lievi o moderati di atipia, sono aumentati di volume, mostrano contorno irregolare e sono frequentemente ipercromatici. I nucleoli sono evidenti. Il rapporto N/C è generalmente aumentato. Queste cellule con tali caratteristiche nucleari occupano lo strato basale dell epitelio ma possono essere presenti nell intero spessore Fig. 4 Iperplasia atipica ( basal cell type ): aumento dello spessore cellulare con incremento del rapporto nucleo/citoplasma. Le cellule sono allineate perpendicolarmente alla membrana basale (EE) allineate perpendicolarmente alla membrana basale (Fig. 4). La seconda è caratterizzata dalla presenza di cellule spinose con citoplasma più ampio e spiccatamente eosinofilo e con cellule allineate orizzontalmente alla membrana basale. Carcinoma in situ Si tratta di una lesione in cui l epitelio mostra le stesse caratteristiche istologiche del carcinoma invasivo. Le atipie cellulari e l elevato numero di mitosi, spesso bizzare, rappresentano gli aspetti più importanti di questa lesione (Fig. 5, 6). La precoce cheratinizzazione delle cellule indica una maturazione intraepiteliale disordinata e contribuisce all alterazione dell architettura. Fig. 3 Iperplasia atipica ( spinous cell type ): sono presenti moderate atipie cellulari; evidenti l eosinofilia citoplasmatica e le mitosi tipiche (EE) dello stesso. L indice mitotico è discretamente aumentato e le mitosi presenti soprattutto negli strati basali e parabasali solo occasionalmente sono osservabili in superficie. Rare le mitosi atipiche. Cellule in apoptosi possono essere presenti. La discheratosi è frequentemente osservabile (Fig. 3). Si riconoscono due varianti di iperplasia atipica: basal cell type e spinous cell type. La prima forma è caratterizzata da un incremento di cellule basaloidi prive di spine intercellulari e di eosinofilia citoplasmatica. Le cellule sono Obiettivo principale della classificazione di Ljubljana è quello di riconoscere le lesioni potenzialmente maligne (Iperplasia atipica) e di distinguerle dal carcinoma in situ. È noto, infatti, che in molti sistemi di grading correnti non è operata la distinzione tra carcinoma in situ e displasia severa [24]; diversamente la classificazione di Ljubljana [1, 2] sottolinea l importanza e la necessità di separare una condizione in cui la malignità è già sicuramente presente anche se non invasiva (carcinoma in situ), da una in cui questa caratteristica non è ancora un dato morfologico ben evidente (iperplasia atipica). La diversità clinico-morfologica di queste lesioni supportata da anni di esperienza degli Autori in Ljubljana, dall analisi quantitativa e morfometrica e dall accurato follow-

4 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico 293 up dei pazienti può permettere un approccio terapeutico più razionale e meno invalidante [1, 2, 16, 26-28]. Va comunque ricordato che, poiché la diagnosi, la prognosi e la scelta del trattamento chirurgico dipendono interamente dalle caratteristiche dell epitelio di rivestimento, occorrono prelievi bioptici rappresentativi, idoneamente processati e, infine, una adeguata esperienza del patologo. L inserimento e la valutazione nei sistemi di grading di un numero sempre maggiore di parametri morfometrici rappresentano il tentativo operato dai patologi per rendere più oggettivo possibile un grading. Studi morfometrici sono stati eseguiti anche sull epitelio squamoso del laringe al fine di individuare parametri oggettivi e statisticamente significativi in grado di rendere più agevole il grading sia di lesioni carcinomatose che preneoplastiche [29-40]. Tuttavia, i risultati presenti in letteratura, non sempre soddisfacenti, non fanno che confermare, indipendentemente dal tipo di classificazione adottata, le difficoltà incontrate dai patologi nel definire queste lesioni. Scopo della morfometria analitica [29, 33-36, 38] non è solo quello di fornire parametri di valutazione oggettiva della forma, ma anche quella di fornire valutazioni interpretative della biologia delle cellule di cui la forma è la naturale espressione. Questo concetto è ancora più evidente nello studio delle cellule basali di un epitelio di rivestimento di cui esse rappresentano il comparto staminale. Per tale motivo l analisi morfometrica è stata applicata solo alle cellule basali dell epitelio laringeo suddiviso nelle quattro classi proposte dalla classificazione di Ljubljana. Fig. 5 CIS: aumentata stratificazione cellulare con marcate atipie nell intero spessore dell epitelio (EE) Fig. 6 CIS: particolare della figura precedente. Marcate atipie cellulari e numerose mitosi (EE) Materiali e metodi In accordo con i criteri proposti dalla classificazione di Ljubljana e su casi forniti dall archivio di Anatomia Patologica dell Università di Ljubljana, in 8 casi di iperplasia semplice, 10 casi di iperplasia anomala, 10 casi di iperplasia atipica e 8 casi di CIS del laringe sono state applicate procedure di morfometria analitica. Il materiale bioptico di tutti i casi selezionati per la ricerca era fissato in formalina tamponata al 10% e incluso in paraffina secondo la tecnica tradizionale. Le sezioni istologiche, dello spessore di 3-4 µm erano colorate con ematossilina-eosina (Figg. 1-6). Lo studio morfometrico è stato applicato solo sui nuclei dello strato basale che, osservati al microscopio (Zeiss) ad un ingrandimento di 1000 con obiettivo ad immersione, sono stati successivamente fotografati. Un numero totale di 756 nuclei (21 per caso) è stato analizzato. Nella selezione dei nuclei sono state accuratamente rispettate le seguenti caratteristiche: (1) posizione basale e (2) presenza di un contorno ben evidente. I 756 nuclei acquisiti e registrati come file di punti e coordinate note (Fig. 7) sono stati sottoposti allo studio morfometrico con il sistema software SAM (Shape Analytical Morphometry), che dispone di una sezione tradizionale per lo studio delle dimensioni e di una sezione del tutto originale per lo studio della forma [33, 34, 41, 42]. Per le valutazioni dimensionali sono stati considerati solo 3 parametri primari: area, perimetro e diametro massimo. Prima dell applicazione della procedura analitica tutti i nuclei sono stati normalizzati sul più piccolo valore di area e standardizzati per la posizione al fine di valutare la forma indipendentemente dalle dimensioni.

5 294 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico Fig. 7a Esempio di nucleo selezionato. b Curva originale (CO) e sovrapposizione della CO e della curva fondamentale (CF) dello stesso nucleo dopo procedura di normalizzazione. c Spettro di Fourier delle prime 20 armoniche. d Fitting parabolico: situazione di massima asimmetria La procedura analitica, dettagliatamente descritta in precedenti lavori [33, 34, 41, 42], consiste di tre tappe ognuna delle quali fornisce parametri indipendenti e di significato deterministico descrittivi delle caratteristiche di forma: a) irregolarità del profilo nucleare calcolate mediante il confronto tra la curva originale (CO) e la curva di funzione (CF) ed espresse dai parametri 5-8 in Tabella 1; b) fini irregolarità del contorno nucleare valutate mediante l analisi armonica di Fourier, parametri 9-12 in Tabella 1; c) asimmetria nucleare (fitting parabolico) parametri in Tabella 1. Dopo la valutazione della distribuzione normale dei valori, è stata effettuata l analisi statistica univariata (test t di Student). Risultati Nella Tabella 1 sono riportati i valori medi (M) e le relative deviazioni standard (DS) dei parametri dimensionali ed analitici considerati per ogni tipo di lesione. La Tabella 2 mostra la significatività statistica (p) ottenuta dal confronto per coppie di lesioni degli stessi parametri. Valori medi crescenti di area, perimetro e diametro massimo si osservano a partire dalla iperplasia semplice, all i- perplasia atipica, al carcinoma in situ. In queste ultime due categorie di lesioni i valori medi sono risultati pressoché sovrapponibili. Al contrario l iperplasia anomala presenta valori medi più bassi. Le differenze statistiche tra i gruppi sono risultate altamente significative (p<0.001) per tutti i parametri tranne nel confronto iperplasia atipica/carcinoma in situ. Dall analisi dei parametri estratti dal confronto tra curva originale (CO) e curva fondamentale (CF) e quelli ottenuti dall analisi armonica di Fourier, descrittivi delle irregolarità del contorno, si evince che valori medi più elevati sono presenti nelle popolazioni nucleari appartenenti all iperplasia anomala. Il confronto statistico tra questo grado di lesione e le altre è risultato significativo (Tab. 2). Infine, dalla quantificazione delle asimmetrie nucleari si può osservare che le maggiori distorsioni sono presenti nell iperplasia anomala e atipica; tuttavia le differenze statistiche con le altre classi non sono risultate significative. Discussione La formulazione di un grading accurato delle lesioni epiteliali iperplastiche del laringe nasce dall esigenza di fornire al clinico informazioni decisive per la sua condotta terapeutica.

6 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico 295 Tabella 1 Media (M) e deviazione standard (DS) dei gruppi di lesioni Iperplasia semplice Iperplasia anomala Iperplasia atipica Carcinoma in situ M DS M DS M DS M DS Parametri dimensionali 1. Diametro massimo Perimetro Area Confronto tra curva originale e curva di funzione 4. Percentuale dei punti ripetuti Radice quadrata dell errore quadratico medio 6. Media dei rapporti in x/y Indice delle ripetizioni in x/y Analisi armonica di Fourier 8. Somma delle armoniche Valore medio delle armoniche Valore assoluto dell armonica di ampiezza maggiore 11. Valore percentuale dell armonica di ampiezza maggiore Analisi di simmetria (SAE) 12. Valore massimo Valore medio Percentuale di area allometrica Tabella 2 Test t di Student SH/AH SH/ATH SH/CIS AH/ATH AH/CIS ATH/CIS Parametri dimensionali 1. Diametro massimo p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns 2. Perimetro p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns 3. Area p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns Confronto tra curva originale e curva di funzione 4. Percentuale dei punti ripetuti p<0.001 ns ns ns p<0.001 ns 5. Radice quadrata dell errore quadratico medio p<0.001 ns ns p<0.001 p<0.001 ns 6. Media dei rapporti in x/y p>0.1 ns ns p<0.001 p>0.05 ns 7. Indice delle ripetizioni in x/y ns p<0.001 ns p>0.01 ns ns Analisi armonica di Fourier 8. Somma delle armoniche p<0.001 p>0.1 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns 9. Valore medio delle armoniche p<0.001 p>0.1 ns p<0.001 p<0.001 ns 10. Valore assoluto dell armonica di ampiezza maggiore p>0.1 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 ns 11. Valore percentuale dell armonica di ampiezza maggiore ns p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 p<0.001 Analisi di simmetria (SAE) 12. Valore massimo ns ns ns ns ns ns 13. Valore medio ns p>0.01 p>0.05 ns ns ns 14. Percentuale di area allometrica ns ns ns ns ns ns SH, iperplasia semplice; AH, iperplasia anomala; ATH, iperplasia atipica; CIS, carcinoma in situ; ns, non significativo

7 296 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico L obiettivo della classificazione di Ljubljana [1, 2] è quello di evitare precoci interventi chirurgici demolitivi o di sottoporre ad inutili follow-up pazienti con lesioni prive di rischio evolutivo. Secondo tale classificazione infatti, i pazienti con iperplasia semplice e anomala non sarebbero da sottoporre a follow-up dopo un accurata escissione bioptica delle lesioni. Diversamente, in tutti i casi in cui sono presenti atipie, si renderebbe necessario il follow-up con ripetizione della biopsia. Per cui, gold standard di questa classificazione è il riconoscimento delle iperplasie con rischio epiteliale di progressione in cancro invasivo (le vere precancerosi, ovvero le iperplasie atipiche) e la loro differenziazione dal carcinoma in situ. Dall esperienza degli Autori, studi quantitativi morfometrici indicano che l area nucleare e il perimetro sono parametri determinanti (valori maggiori nel CIS) nell indicare che si tratterebbe di classi differenti di lesioni. Il tutto verrebbe poi ulteriormente avvalorato dalla valutazione semiquantitativa dell indice mitotico, dell intero polimorfismo cellulare e di tutti quegli altri parametri considerati determinanti nella classificazione proposta [26, 28]. Abbiamo ritenuto di dover limitare la nostra indagine morfometrica ai soli nuclei dello strato basale, in quanto questi ultimi sono dimensionalmente confrontabili nelle varie classi di lesioni perché più omogenei non avendo subito la differenziazione squamosa con conseguente picnosi nucleare. D altra parte i nuclei basali sono quelli che biologicamente risultano più esposti agli stimoli proliferativi, soprattutto nelle fasi iniziali del processo di cancerogenesi, sicché le modificazioni dimensionali e di forma possono essere indicative dei cambiamenti biologici che li coinvolgono. Questa limitazione, però, rende poco confrontabili i nostri risultati con quelli riportati in letteratura, che considerano le variazioni di queste caratteristiche nei nuclei di tutti i livelli dell epitelio [26, 28, 31]. Dalla nostra esperienza si evince che l analisi quantitativa delle dimensioni e del polimorfismo nucleare delle cellule appartenenti allo strato basale consentono di operare una distinzione netta tra iperplasie a basso rischio (semplici e anomale) con quelle ad alto rischio (atipiche) e con il CIS. Al contrario, i nuclei basali appartenenti alle classi di lesioni caratterizzate da iperplasia con rischio e da modificazioni morfologiche tipiche già di carcinoma in situ non presentano differenze statisticamente significative né di dimensione né di forma. Differenze importanti si osservano, invece, nei nuclei delle lesioni definite come iperplasia anomala. In pratica, il polimorfismo nucleare sembrerebbe caratterizzare in maniera decisiva l iperplasia anomala. In altre parole, le minori dimensioni dei nuclei si accorderebbero con una maggiore spinta proliferativa cellulare (affollamento cellulare dello strato basale e parabasale) accompagnata da un aumento delle irregolarità e della asimmetria nucleare. Pertanto, se si considera solo il parametro polimorfismo nei nuclei basali, l iperplasia anomala sembrerebbe rappresentare la lesione epiteliale più sensibile allo stimolo di tipo proliferativo. Al contrario, le caratteristiche nucleari della iperplasia semplice sembrerebbero suggerire una natura irritativa ma stabile delle lesione. La mancanza di significatività statistica dei parametri descrittivi della forma nell iperplasia atipica e nel carcinoma in situ potrebbe essere spiegata considerando che, in accordo con la logica del sistema SAM [33, 34, 41, 42], tutte le informazioni inerenti la forma nucleare vengono descritte dai singoli parametri in maniera estremamente dettagliata per cui, quando le differenze non sono eccessive, può essere difficile differenziarle. Riteniamo, pertanto, che la discriminazione tra una iperplasia con rischio epiteliale e un carcinoma in situ non si può basare solo sulla configurazione (ovvero atipie) dei nuclei dello strato basale, ma necessita della valutazione anche degli altri parametri morfologici (totale assenza di polarità maturativa, presenza di cellule atipiche sino agli strati più superficiali dell epitelio e aumentato indice mitotico) ed architetturali non compresi nell indagine da noi effettuata e che evidentemente hanno un peso determinante nella formulazione del grading così proposto dagli Autori. Tuttavia, il dato che i nuclei dello strato basale presentino le stesse caratteristiche citometriche nelle classi suddette rafforzerebbe l idea che entrambe siano correlate con cellule decisamente deviate verso un pericolo attuale di progressione neoplastica invasiva. In conclusione, i risultati morfometrici sottolineano la scarsa utilità del polimorfismo nella discriminazione delle lesioni di alto grado, ma offrono la possibilità di riconoscere lesioni stabili senza cioè capacità proliferante, lesioni proliferanti benigne e lesioni proliferanti con rischio di progressione maligna. Summary Epithelial hyperplastic laryngeal lesions (EHLL) are associated, with a varying degree of epithelial risk to develop invasive carcinoma. Several classifications have been proposed but none has received a total agreement. The 1999 Ljubljana classification distinguished four grades: simple, abnormal and atypical hyperplasia and in situ carcinoma (ISC). The first two grades are considered benign lesions; the ISC is the malignant lesion, while the atypical hyperplasia is considered a risky lesion. This is characterized by alterations of epithelial cells towards malignancy, but not to the extent to be found in carcinoma cells. Such characteristics refer to cytomorphological (e.g., nuclear hyperchromatism, nucleoli, increased nuclear/cytoplasmic ratio) and architectural (e.g., stratification, orientation, maturation) features. In the Ljubljana scheme, nuclear pleomorphism is one of the most important features. We wanted to improve the importance of nuclear pleomorphism in the basal cells layer in different classes of EHLL using morphometrical analysis. We studied 8 cases of simple hyperplasia,

8 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico of abnormal hyperplasia, 10 of atypical hyperplasia and 8 of ISC using the software SAM (Shape Analytical Morphometry). The results were submitted to univariate statistical analysis. Nuclear dimensions (maximum diameter, perimeter and area) showed a progressive increase from simple to atypical hyperplasias to ISC, while abnormal hyperplasia showed the lowest values. On the contrary, analytical parameters related to nuclear contour irregularities and asymmetries showed their highest values in abnormal hyperplasia nuclei. There were no significant differences between atypical hyperplasia and ISC, while it was possible to differentiate abnormal hyperplasia from the others. In conclusion basal nuclei of atypical hyperplasia and ISC are similar so that other cytological and morphological architectural parameters are necessary to distinguish the two lesions. Abnormal hyperplasia seems to be the biological category of proliferative benign laryngeal epithelium; simple hyperplasia refers to stable irritative epithelium. Bibliografia 1. Kambi V, Gale N, Fischinger J (1994) Local immune response in hyperplastic lesions of the larynx. ORL 56: Zidar N, Gale N, Kambic V, Fischinger J (2001) Expression of tenascin and fibronectin in epithelial hyperplastic lesions and squamous carcinoma of the larynx. Anticancer Res 21: Gale N, Kambi V, Michaels L et al (2000). The Ljubljana classification: a practical strategy for the diagnosis of laryngeal precancerous lesions. Adv Anat Pathol 4: Auerbach O, Hammond EC, Garfinkel L (1970) Histologic changes in the larynx in relation to smoking habit. Cancer 25: Bosatra A (1975) Precancerous lesions of the larynx. Acta Otolaryngol 344: Glanz H, Kleinsasser O (1976) Chronische laryngitis und carcinom. Oto-Rhino-Laryngol 212: Burch DJ, Howe GR, Miller AB, Semenciw R (1981) Tobacco, alcohol, asbestos, and nickel in the etiology of cancer of the larynx: a case-control study. JNCI 67: Brownson RC, Chang JC (1987) Exposure to alcohol and tobacco and the risk of laryngeal cancer. Arch Environ Health 42: Cowles SR (1983) Cancer of the larynx: occupational and environmental associations. South Med J 76: De Stefani E, Correa P, Oreggia F et al (1987) Risk factors for laryngeal cancer. Cancer 60: Kambic V, Gale N, Rott T, Zargi M (1992) Influence of asbestos fibers on the respiratory system in esperimental animals. Zdrav Vestn Friedman I, Ferlito A (1993) Precursors of squamous cell carcinoma. In: Ferlito A (ed) Neoplasms of the larynx. Churchill Livingstone, Edimburgh, London, Madrid, Melbourne, New York, Tokyo, pp Friedmann I (1996) Precursors of squamous cell hyperplasia. In: Ferlito A (ed) Surgical pathology of laringeal neoplasms. Chapman & Hall, London, pp Helquist H, Lundgren J, Olofsson J (1982) Hyperplasia, keratosis, dysplasia and carcinoma in situ of the vocal cords a follow-up study. Clin Otolaryngol 7: Hojslet PE, Nielsen VM, Palvio D (1989) Premalignant lesions of the larynx. Acta Otolaryngol 107: Kambic V, Gale N (1995) Epithelial hyperplastic lesions of the larynx. In: Epithelial hyperplastic lesions of the larynx. Eds Elsevier Science, BV, pp Lubsen H, Olde Kalter P (1992) Premalignant laryngeal lesions. Acta Otorhinolaryngol Belg 46: Fechner RE (1974) Laryngeal keratosis and atypia. Can J Otolaryngol 34: Goodman ML (1984) Keratosis (leukoplakia) of the larynx. Otolaryngol Clin N Am 17: Kambic V (1978) Difficulties in management of vocal cord precancerous lesions. J Laryngol Otol 92: Kleinsasser O (1991) Variations in histopathogenesis of squamous cell carcinoma of the upper aerodigestive tract. In: Pfaltz CR, Arnold W, Kleinsasser O (eds) Bearing of basic research on clinical otolaryngology. Adv Otorhinolaryngol Karger, Basel 46: Crissman JD (1982) Laryngeal keratosis preceding laryngeal carcinoma. Arch Otolaryngol 108: Crissman JD, Zarbo RJ (1989) Dysplasia, in situ carcinoma, and progression to invasive squamous cell carcinoma of the upper aerodigestive tract. Am J Surg Pathol 13: Shanmugaratnam K et al (1991) Histological typing of tumours of the upper respiratory tract and ear (WHO). Springer Vergal, Berlin Heidelberg New York, pp Michaelis L (1997) The Kambi-Gale method of assessment of epithelial lesions of the larynx in comparison with the dysplasia grade method. Acta Otorinolayngol (Stockh) 19 [Suppl 527]: Cor A, Gale N, Kambic V (1997) Quantitative pathology of laryngeal epithelial hyperplastic lesions. Acta Otolaryngol (Stockh) 19 [Suppl 527]: Kambic V, Gale N (1986) Significance of keratosis and dyskeratosis for classifying hyperplastic aberrations of laryngeal mucosa. Am J Otolaryngol 7: Vodvnik A, Gale N, Kambi V, Luzar B (1997) Correlation of histomorphological criteria used in different classifications of epithelial hyperplastic lesions of the larynx. Acta Otolaryngol (Stockh) 19 [Suppl 527]: Giardina C, Serio G, Caniglia DM et al (1994) Nuclear morphology and histological grading of oral squamous cell carcinoma (OSCC). A morphometric study. J Biol Res LXX: Olde Kalter P (1986) Morphometry and squamous cell hyperplasia of the larynx. Dissertation. Vrije Universiteit te Amsterdam Olde Kalter P, Delemarre JFM, Alons CL et al (1986) The clinical relevance of classification of squamous cell hyperplasia of the larynx by morphometry. Acta Otolaryngol 101: Olde Kalter P, Lubsen H, Delemarre JFM et al (1985) Quantitative morphometry of squamous cell hyperplasia of the larynx. J Clin Pathol 38: Pesce Delfino V, Lettini T, Potente F et al (1990) Shape evaluation in medical image analysis. Eur J Microsc Anal 7: Pesce Delfino V, Lettini T, Vacca E et al (1992) Biological image analysis for microscopical diagnosis: the work-station S.A.M. (Shape Analytical Morphometry). Path Res Pract 188:

9 298 G. Serio et al.: Lesioni epiteliali iperplastiche del larige. Studio morfometrico 35. Ricco R, Serio G, Caniglia DM et al (1994) Size and shape evaluation of astrocytoma nuclei with the Shape Analytical Morphometry software system. Anal Quant Cytol Histol 16: Resta L, Colucci GA, Troia M et al (1992) Laryngeal intraepithelial neoplasia (LIN). An analytical morphometric approach. Path Res Pract 188: Shabana AHM, Gel-Labban N, Lee KW (1987) Mophometric analysis of basal cell layer in oral premalignant white lesions and squamous cell carcinoma. J Clin Pathol 40: Serio G, Giardina C, Valente T et al (2002) Quantitative morphometrical investigation of basal cell layer in laryngeal premalignant lesions. J Exp Clin Cancer Res (in press) 39. Stell PM, Gregory I, Watt J (1978) Morfometry of the epitelial lining of the human larynx. I. The glottis. Clin Otolaryngol 3: Stenkvist B, Westman-Naeser S, Holmquist J et al (1978) Computerized nuclear morphometry as an objective method for characterizing human cancer cell populations. Cancer Res 38: Pesce Delfino V, Ricco R (1983) Remarks on analytical morphometry in biology: procedure and software illustration. Acta Stereol 12: Pesce Delfino V, Lettini T, Vacca E (1997) The heuristic adequacy of Fourier descriptors: methodological aspects and morphological applications. In: Morphology Fourier descriptors and their applications in biology. Ed. Lestrel PE, Cambridge University, pp

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA

PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA Quaderni di dermatologia, Anno 7, n. 1, Giugno 2002 7 PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA DAVIDE DE LORENZI Medico Veterinario, Specialista in Clinica e Patologia degli Animali da Affezione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD)

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Autore_Valerio Bini, Italia Fig. 1_Smile designer e face aesthetic medical team. _Introduzione È oggi possibile stare al passo

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni Cenƒsthesis... dalla Ricerca Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni A. Luciano, G. Zoppi, F. Bressani I Cattedra di Pediatria Università di Verona 8 Più di 40.000 soggetti sono

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

Luca Lussardi - Universit` a Cattolica del Sacro Cuore Dalla citt` a ideale alle cellule: l ubiquit` a della matematica

Luca Lussardi - Universit` a Cattolica del Sacro Cuore Dalla citt` a ideale alle cellule: l ubiquit` a della matematica Lo studio della matematica costituisce un educazione formativa della mente. La matematica sviluppa tutte le facoltà dell ingegno, affina in particolare le facoltà logiche, educa e rende più retta l intuizione,

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Linee Guida per lo Screening Mammografico

Linee Guida per lo Screening Mammografico Istituto Oncologico Veneto Centro Regionale di Riferimento - Registro Tumori del Veneto Gruppo Regionale Patologi Linee Guida per lo Screening Mammografico Padova, maggio 2006 INDICE Presentazione 4 Introduzione

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris

Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Comunicazioni obbligatorie e altri archivi amministrativi: dati e indicatori sul buon lavoro Luigi Fabbris Università di Padova Comstat Schema della presentazione 1. Il progetto PLUG_IN 2. Il buon lavoro

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Era considerato insuperabile. Ora lo abbiamo reso ancora migliore. MIGLIORE IN OGNI PARTICOLARE, IMBATTIBILE

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli