Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti"

Transcript

1 Primi passi con Jamio Composer Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti

2 Comporre una nuova soluzione applicativa Jamio Composer è l ambiente di modellazione della piattaforma Jamio. Le soluzioni applicative modellate con Jamio Composer orchestrano tra loro dati eterogenei e complessi e sono compatibili con ogni tipo di piattaforma desktop e mobile. Familiarizzare con l interfaccia di Jamio Composer Avviate Jamio Composer e selezionate il tasto Crea. E conveniente predisporre una directory esclusiva per ciascuna soluzione che si modella con Jamio, cartella nella quale Jamio Composer salverà tutti i file relativi alla soluzione stessa. Create quindi una cartella con il nome più opportuno per la vostra prima soluzione. Dopo aver selezionato Crea, aver specificato il nome della soluzione e aver indicato la cartella di lavoro appena creata, Jamio Composer rende attiva la sua interfaccia. L area operativa si divide in: una sezione di progettazione principale che consente di modellare le diverse componenti della soluzione (etichetta 3 in Figura 1); un menu orizzontale a schede, che mostra le azioni possibili, divise per categorie funzionali, in modo contestuale alla pagina di progettazione mostrata nella finestra centrale (1); una barra laterale sinistra che consente di navigare velocemente all interno della soluzione e ne riporta la sua composizione, aggiornata in tempo reale (2). Figura 1 L interfaccia operativa di Jamio Composer Modellare le entità La realizzazione di una soluzione applicativa Jamio ha inizio con la modellazione della realtà applicativa da implementare. Consideriamo nel nostro esempio una soluzione per la gestione di clienti e dei relativi contratti stipulati. Inizieremo quindi la definizione delle entità Contratto e Cliente. Selezionate il tasto Aggiungi modello nel menu Soluzione, e scegliete la voce Dati nel menu Tipo. Così facendo aggiungerete alla soluzione il primo modello di entità Dati che definirà la Primi passi con Jamio Composer - v.1 2/12

3 struttura informativa, il comportamento e il layout delle risorse create a partire da questo modello. Il modello creato è stato aggiunto alla cartella Tipo, al cui fianco appare il numero 1 tra parentesi, nella sezione dell interfaccia denominata Modelli. Espandete la cartella Tipo, aprite la finestra di definizione del modello con un doppio click su Dati e rinominate Contratto il modello appena creato. La finestra di definizione si divide in sezioni: la sezione Definizione consente la descrizione della struttura delle informazioni. Definite per il Contratto i campi seguenti: Nome: Oggetto; Tipo: Testo breve Nome: Tipo; Tipo: Testo breve Nome: DataInizio; Tipo: Data e orario Nome: DataFine; Tipo: Data e orario Nome: Cliente; Tipo: Collegamento Al termine, il modello Contratto vi apparirà come in Figura 2. Oltre al tipo Dati, finalizzato alla gestione delle informazioni, Jamio Composer consente di creare modelli di Identità, utili per gestire anagrafiche che possano avere accesso al sistema, Documento, per trattare informazioni composite per le quali è necessario mantenere diverse versioni, Processo, Attività ed Evento per modellare flussi di orchestrazione di sistemi e persone. Figura 2 - Definizione del modello Contratto E possibile inoltre estendere i tipi di dati elementari a disposizione creando modelli di Dati strutturati, riutilizzabili all interno della soluzione. Selezionate nuovamente il menu Soluzione e, seguendo la medesima procedura descritta per il modello Contratto, create un nuovo modello di Dato strutturato e rinominatelo Indirizzo. L obiettivo è di creare un insieme di informazioni strutturate da utilizzare per definire un campo complesso. Per il modello Indirizzo definite la seguente struttura dati: Nome: Via; Tipo: Testo breve Nome: NumeroCivico; Tipo: Testo breve Nome: Cap; Tipo: Testo breve Nome: Città; Tipo: Testo breve Nome: Provincia; Tipo: Testo breve Primi passi con Jamio Composer - v.1 3/12

4 Il modello di Dato strutturato appena introdotto è un tipo che non può essere utilizzato in modo indipendente da un altro: esso è sempre parte integrante un altro modello. Per tale motivo è indicato da un icona di colore grigio. Aggiungete poi alla soluzione un modello di tipo Identità, rinominatelo Cliente, e definite i seguenti campi: Nome: Nome; Tipo: Testo breve Nome: Cognome; Tipo: Testo breve Nome: Attività; Tipo: Testo breve Nome: RecapitoTelefonico; Tipo: Testo breve Nome: DettaglioIndirizzo; Tipo: Indirizzo Figura 3 - Definizione del modello Cliente Al termine della definizione, questo modello appare come mostrato in Figura 3. Definite adesso un modello di catalogo al fine di istruire Jamio sulle modalità di visualizzazione in elenco delle risorse che verranno create a partire dai modelli di Contratto e Cliente. Con Jamio Composer è possibile definire differenti modalità di consultazione, attraverso cataloghi configurabili in termini di informazioni visualizzate e di criteri di ricerca. Selezionate dunque dall elenco dei modelli la voce Catalogo e aprite il modello di catalogo creato nella finestra centrale dell interfaccia. Rinominate il catalogo Clienti e selezionate dal menu a schede la procedura di Composizione automatica. Si attiva una finestra che contiene un controllo di tipo combobox dal quale si può selezionare il modello da usare per la creazione del catalogo. Selezionate il modello Cliente; la procedura riporterà in elenco, come colonne del catalogo, i campi della sua definizione. Figura 4 - Definizione del modello Clienti Eliminate dall elenco i campi non desiderati mediante il tasto Rimuovi posto ai piedi dell elenco sino a raggiungere la situazione mostrata in Figura 4. Primi passi con Jamio Composer - v.1 4/12

5 Durante l esecuzione dell applicazione, il catalogo Clienti conterrà tutte le risorse generate a partire dal modello Cliente, e di ciascuna istanza riporterà la valorizzazione dei campi contenuti nelle colonne del catalogo. Create con lo stesso procedimento un modello di catalogo Contratti attivando la funzione di Composizione automatica in riferimento al modello Contratto. Definire il comportamento La definizione del comportamento consente di stabilire le business rules che governano le modalità di elaborazione delle informazioni. Il comportamento viene espresso sotto forma di regole, in una modalità molto vicina al linguaggio naturale; si possono introdurre: regole semplici, costituite cioè da un solo fatto; esso può essere di tipo Asserzione, che associa una caratteristica ad uno o più soggetti (es.: Oggetto di Contratto è modificabile ); di tipo Validazione, che consiste nella valutazione booleana di una affermazione (es.: Cognome di Cliente è non nullo ); di tipo Assegnazione, che associa un valore ad una proprietà del soggetto scelto (es.: Assegna a DataFine di Contratto il valore di DataInizio di Contratto ); regola binaria: basata su una struttura quando-allora, è costituita da una premessa, formulata attraverso una o più regole semplici, che, se verificata, rende applicabile un insieme di regole; regola ternaria: basata sulla struttura quando-allora-altrimenti, è costituita da una premessa e da due insiemi di regole semplici, se la premessa è vera allora è applicabile il primo insieme di regole, se non è vera è applicabile il secondo insieme di regole; Inserite ora alcune regole nel comportamento del modello Contratto. Visualizzate il modello Contratto e aprite la sezione Comportamento: verrà visualizzato il Jamio Notation Editor che consente la definizione delle regole di comportamento. Aggiungete una regola di Validazione attraverso il relativo comando posto in basso a sinistra dell editor. Tutte le regole sono espresse nella forma Soggetto-Predicato o nella forma Soggetto-Predicato-Complemento; nella sezione di input posta nella parte alta selezionate i campi Oggetto, Tipo e Cliente come soggetto della regola, e mantenete il predicato predefinito è non nullo. La regola di validazione così costruita verificherà, in fase di esecuzione, che sia stata effettuata la valorizzazione dei campi Oggetto, Tipo e Cliente prima del salvataggio di ogni risorsa creata a partire dal modello Contratto. Viene inserita nell elenco delle regole nella forma Oggetto di Figura 5 - Definizione del comportamento Contratto, Tipo di Contratto, Cliente di Contratto deve essere non nullo Primi passi con Jamio Composer - v.1 5/12

6 Inserite adesso una regola di validazione per verificare che il valore attribuito al campo Tipo sia uno tra Manutenzione, Licenza o Servizi professionali e condizionate la visualizzazione dei campi Data Inizio e Data Fine al valore assegnato al campo Tipo. Aggiungete una nuova regola di Validazione e selezionate il campo Tipo come soggetto, il predicato appartiene alla lista e, come complemento, la lista di valori così formulata: { Manutenzione, Licenza, Servizi professionali }. Aggiungete una Asserzione, selezionate i campi DataInizio e DataFine e scegliete la proprietà Nascosto. L asserzione verrà aggiunta nella forma DataInizio di Contratto, DataFine di Contratto è nascosto Aggiungete poi una espressione condizionale del tipo Quando... Allora. Selezionate la riga Quando e aggiungete una condizione strutturata così formulata Tipo di Contratto è uguale a Manutenzione. Selezionate la riga Allora e aggiungete una Asserzione così formulata DataInizio di Contratto, DataFine di Contratto è visibile. Il comportamento sin qui definito apparirà come in Figura 5. Ciascuna risorsa è identificata da un campo Name predefinito nella sua struttura. Questo campo deve essere necessariamente valorizzato. Inserite dunque delle regole di assegnazione nel comportamento dei modelli Cliente e Contratto per far sì che tale campo abbia sempre un valore. Ad esempio, nel comportamento del modello Cliente aggiungete una Assegnazione. Selezionate il campo Name di Cliente e assegnate a questo campo il valore Cognome di Cliente scegliendo la modalità Seleziona dal menu che appare facendo click sul simbolo f(x) e poi scegliendo questo campo tra quelli inclusi sotto il nodo Cliente all interno della finestra di selezione. Aggiungete poi una regola analoga per valorizzare il campo Name nel comportamento del modello Contratto. Risorse e alias Jamio è una piattaforma Resource Oriented. Questo vuol dire che qualunque istanza generata a partire da un modello viene considerata una risorsa all interno della piattaforma e, in quanto tale, ha un indirizzo univoco permanente utilizzabile per referenziarla. Il tipo base Collegamento è destinato a questo scopo: memorizzare un riferimento ad una qualunque risorsa. E di questo tipo, ad esempio, il campo Cliente definito nel modello Contratto: esso è destinato ad essere valorizzato con un riferimento alla risorsa di tipo Cliente cui la risorsa Contratto si riferisce. Pur essendo valorizzabile con l indirizzo di una risorsa di qualsiasi tipo, è possibile indicare da quale tipo di elenco e da quale archivio tale risorsa debba essere selezionata. Inserite a tale scopo una regola per indicare l elenco da cui selezionare il riferimento al Cliente. Aggiungete una nuova Validazione, selezionate il campo Cliente e, facendo click sul predicato predefinito è non nullo, selezionate dal menu la voce..., poi la voce Resource e infine il predicato è selezionabile da un catalogo di tipo. Per formulare correttamente questa regola, il complemento deve essere selezionato scegliendo la modalità Risorsa, attivabile dal menu che compare facendo click sul simbolo f(x) a destra della casella di input del complemento stesso. Cliccando poi sul tasto con il simbolo... viene visualizzata una finestra di scelta dei modelli inclusi nella soluzione dalla quale scegliere il modello di catalogo prescelto, nel nostro caso Clienti. Primi passi con Jamio Composer - v.1 6/12

7 Non sempre però è possibile determinare il complemento di una regola al momento della progettazione. L indicazione dell archivio dal quale selezionare la risorsa Cliente ne è un esempio. L archivio è un informazione che dipende dall ambiente di runtime nel quale la soluzione applicativa prenderà vita e potrà essere determinato solo all atto della pubblicazione della soluzione. In fase di modellazione è possibile identificare concettualmente questo archivio mediante un alias, un segnaposto che viene definito come elemento di modellazione alla stregua dei modelli. Attivate dunque la finestra di definizione degli Alias mediante il relativo tasto nel menu Soluzione e inserite una nuova risorsa. Rinominatela Archivio Clienti e selezionate il tipo Archivio identità per rappresentare l archivio dal quale verranno selezionate le risorse di tipo Cliente al momento dell esecuzione (Figura 6). Definite inoltre una risorsa di tipo Archivio Dati, che sarà utile nel prosieguo della modellazione, e rinominatela Archivio Contratti. Adesso potete aggiungere l ultima regola di validazione nel comportamento del modello Contratto per definire l appartenenza della risorsa selezionata all archivio di identità. La regola è così formulata: Cliente di Contratto appartiene all archivio Archivio Clienti. Anche in questo caso il complemento deve essere Figura 6 - Definizione Alias selezionato con la modalità Risorsa come nel caso della regola precedente. Definire il layout Il passo successivo è la definizione dell aspetto che si intende dare alle informazioni modellate, in altre parole il modo in cui esse debbano essere visualizzate. Questo è possibile tramite la definizione del Layout che rappresenta la disposizione e la rappresentazione grafica di tutti i campi informativi per i quali è prevista un interazione da parte dell utente. Visualizzate il modello Contratto e create un nuovo Layout agendo sul tasto omonimo in alto a destra: verrà visualizzato l editor grafico del layout. Nel menu Disegno selezionare l opzione Creazione automatica per lanciare la procedura che automaticamente associa un controllo grafico ad ogni campo informativo del modello. E possibile modificare poi manualmente il layout generato, sia nella scelta dei controlli che nella loro disposizione. Disponete ad esempio i controlli relativi ai campi DataInizio e DataFine in modo che siano affiancati. Modificate poi le loro etichette in modo da inserire uno spazio dopo la parola Data. Modificate poi il controllo associato al Figura 7 - Definizione di layout alternativi campo Tipo selezionando il campo stesso Primi passi con Jamio Composer - v.1 7/12

8 e scegliendo il tipo di controllo Combobox dal tasto Cambia del menu Selezione. Effettuate la stessa operazione sul controllo associato al campo Cliente scegliendo il controllo di tipo Reference. Ad ogni modello è possibile associare più di un Layout (Figura 7), ed a ciascuno di essi è possibile associare un etichetta (tag): per esempio un Layout etichettato con phone oppure tablet sarà visualizzato quando la form viene richiesta da un dispositivo mobile. In questo modo è possibile ottimizzare il disegno per dispositivi in cui vi è un livello di interazione limitato per motivi di spazio. Con le stesse modalità utilizzate per il layout del modello Contratto, definite ora il layout del modello Cliente. Definire le relazioni Nella definizione di un modello di Tipo, è possibile indicare quali informazioni correlate devono essere visualizzate in corrispondenza di ciascuna risorsa. Ad esempio, in corrispondenza di ciascun Cliente è possibile visualizzare l elenco di tutti i Contratti ad esso relativi. In termini di modellazione questa relazione si traduce nella definizione di un catalogo correlato. Visualizzate il modello Cliente, attivate la sezione Cataloghi che elenca tutti i cataloghi correlati alle risorse di tipo Cliente e aggiungete un nuovo catalogo mediante il tasto in basso a Figura 8 - Definizione dei cataloghi correlati sinistra dell editor. Denominatelo I contratti e scegliete come Modello di catalogo il modello Contratti precedentemente introdotto nella soluzione. Impostate poi l Archivio Contratti, Alias già introdotto in precedenza, come archivio dal quale le risorse verranno prelevate ed infine impostate il filtro che determina in che modo ciascun Cliente deve essere messo in relazione con i Contratti. A questo scopo selezionate il tasto con il simbolo... (etichetta 1 in Figura 8 ) e utilizzate il Jamio Notation Editor per impostare la seguente regola: Cliente di Contratto referenzia Cliente. Tale regola istruisce Jamio a prendere in considerazione nell elenco solo le risorse Contratto il cui campo collegamento Cliente contiene un riferimento al Cliente visualizzato. Impostare la connessione al dominio Salvate i file della soluzione premendo il tasto Salva tutti i file nel menu Soluzione. Primi passi con Jamio Composer - v.1 8/12

9 La soluzione così modellata deve essere ora pubblicata sul dominio applicativo Jamio affinché i servizi vengano opportunamente configurati secondo le direttive definite. Primo passo da affrontare è la configurazione della connessione al gateway del dominio, la porta di ingresso ai servizi applicativi. L ambiente pre-configurato a disposizione per l esecuzione delle soluzioni applicative è raggiungibile attraverso un URL o indirizzo web Figura 9 - Attivazione pannello Elementi online presentando opportune credenziali. L insieme di queste informazioni viene fornito all atto della richiesta di un ambiente di esecuzione dedicato. Figura 10 - Definizione della connessione Attivate il pannello Elementi online attraverso il tasto presente nel menu Soluzione in Jamio Composer (Figura 9). Verrà visualizzata una finestra dalla quale è possibile impostare la connessione e navigare all interno dell ambiente di esecuzione. Scegliete la voce Gestione connessioni dal menu Settings e premete il tasto Aggiungi (etichetta 1 in Figura 10). Inserite poi le seguenti informazioni: il nome della connessione, scelto a piacere, che identificherà la connessione in tutte le finestre di Jamio Composer ove questa è richiesta; l URL del dominio (fornito all atto della richiesta di un ambiente di esecuzione dedicato); Il repository di autenticazione da utilizzare per effettuare l accesso al dominio (fornito assieme all URL); Il nome utente con cui accedere (fornito assieme all URL); la colonna status dà indicazione dello stato di accesso, online oppure offline. Chiudete la finestra di gestione delle connessioni, tornate al pannello degli Elementi online e selezionate Aggiorna dal menù Settings. Se le operazioni sono andate a buon fine, il pannello visualizza la connessione appena definita. La connessione potrà essere rimossa in caso di errore utilizzando il tasto Rimuovi (2) Attivate ora il pannello Proprietà della soluzione accessibile dal menu File e aggiungete un piano di pubblicazione con il tasto + dopo aver selezionato nella lista la connessione creata al passo precedente (etichetta 1 in Figura 11). Il piano di pubblicazione comparirà nell elenco. Un segno di spunta ne indicherà l attivazione (2). Selezionate ora il menu Soluzione e aggiungete una configurazione dal menu che compare Figura 11 - Definizione del piano di pubblicazione Primi passi con Jamio Composer - v.1 9/12

10 premendo il tasto Piani di configurazione. Il server elenca le configurazioni disponibili in relazione alla connessione definita. E sempre presente la configurazione denominata Default. Selezionate quest ultima. Pubblicare la soluzione applicativa Come ultimo passo prima dell esecuzione della soluzione applicativa, la pubblicazione necessita di alcune semplici impostazioni preliminari. Visualizzate l editor del piano di configurazione Default selezionando il piano dalla lista dei Piani di configurazione. L editor si compone di una serie di sezioni (Modellazione Esecuzione Dati Alias Navigazione Autorizzazioni) nelle quali indicare le informazioni necessarie alla pubblicazione di ciascun modello e di ciascuna risorsa della soluzione sul dominio scelto; in particolare, è necessario indicare gli archivi di destinazione per tutti gli elementi modellati nella soluzione. Attivate la sezione Modellazione e poi visualizzate il pannello degli Elementi online attraverso l apposito tasto nel menu Soluzione. Navigate all interno della connessione definita in precedenza, individuate l archivio Modelli, il cui nome è della forma <nome_ambiente_esecuzione> - Model, e trascinatelo nel campo Repository di default collocato in alto nella sezione Modellazione dell editor della configurazione (Figura 12). Tutti i modelli verranno così salvati nell archivio Figura 12 - Definizione del Piano di configurazione - Modellazione indicato. Attivate poi la sezione Esecuzione nella quale sono riportati tutti i modelli istanziabili della soluzione; in corrispondenza di ciascuno di essi è necessario indicare quale archivio dovrà essere utilizzato per memorizzare le risorse che verranno create a partire da ciascun modello. Questa scelta è vincolata dal tipo di modello: un modello di tipo Dati, ad esempio, può generare risorse solo in un archivio di Dati, un modello di tipo Identità può generarle solo in un archivio di Identità, e così via. Individuate quindi nel pannello Elementi online l archivio Dati, il cui nome è nella forma <nome_ambiente_esecuzione> - Data, e trascinatelo sulle righe della tabella riguardanti i modelli Contratto e Contratti. Effettuate la stessa operazione con l archivio Identità, il cui nome è uguale al nome del vostro ambiente di esecuzione, sulle righe che si riferiscono ai modelli Cliente e Clienti. Figura 13 - Definizione opzioni di Navigazione Nella sezione Alias indicate a quali archivi si riferiscono gli Alias definiti in precedenza: trascinate l archivio Dati sull alias Archivio Contratti e l archivio Identità sull alias Archivio Clienti. Primi passi con Jamio Composer - v.1 10/12

11 Infine, nella sezione Navigazione, definite con quali nomi visualizzare le risorse nell ambiente di esecuzione e in quale raggruppamento (Categoria) disporle nel sistema di navigazione (Figura 13). Siete ora pronti ad inviare la vostra prima soluzione al server applicativo Jamio. Selezionate il tasto Esegui nel menu Azioni. Al termine dell operazione un messaggio segnalerà l esito della pubblicazione. Utilizzare la soluzione con Jamio On Stage Jamio On Stage è il front-end universale mediante il quale operare immediatamente con la soluzione applicativa modellata in Jamio Composer. Attraverso un qualunque browser web collegatevi all indirizzo che vi è stato fornito assieme alle credenziali di accesso ed inserite quelle stesse credenziali nella pagina di login che vi si presenterà. Il front-end presenta Figura 14 - Il Front-End universale Jamio On Stage un interfaccia di navigazione standard nella quale vengono visualizzati i cataloghi definiti nella soluzione, raggruppati nella sezione corrispondente alla Categoria indicata in Jamio Composer (Figura 14). A partire da un catalogo è possibile creare nuove risorse che verranno poi visualizzate nei rispettivi elenchi. Inserite una risorsa di tipo Cliente selezionando il primo tasto in alto a sinistra nella toolbar visualizzata in cima al catalogo Clienti. Inserite Carlo Verdi come Nome e Cognome del nuovo cliente. Al termine dell immissione salvate la risorsa, selezionate il catalogo Contratti e, allo stesso modo, create una risorsa di tipo Contratto, associandolo al cliente appena creato. Salvate e selezionate nuovamente il catalogo Clienti. Aprite ora la scheda del cliente Carlo Verdi. I suoi dati verranno visualizzati nel layout precedentemente disegnato in Jamio Composer e le Figura 15 - La scheda Cliente e i Contratti correlati Primi passi con Jamio Composer - v.1 11/12

12 informazioni relative ai contratti a lui relativi verranno visualizzati in un elenco in calce alla scheda (Figura 15). La vostra prima soluzione è dunque realizzata ed immediatamente operativa. Primi passi con Jamio Composer - v.1 12/12

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Questo manuale illustra le operazioni più comuni per la manutenzione e aggiornamento del sito web http://terremoti.ingv.it/ultimi eventi/ tramite l interfaccia

Dettagli

In caso un ordine sia già stato importato, sarà visualizzato in grigio chiaro, e non sarà selezionato in automatico per l importazione.

In caso un ordine sia già stato importato, sarà visualizzato in grigio chiaro, e non sarà selezionato in automatico per l importazione. CARICO ORDINI (disponibile solo in applicazioni SERVER) Con la funzione Ordini si potranno consultare e caricare i file ordini ricevuti tramite e-mail o scaricabili dal sito del fornitore, in modo da visualizzare

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12)

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12) Manuale utente per l ordine online del materiale pubblicitario e modulistica, biglietti da visita e timbri Versione 1.0 del 18/6/12 Login Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

I manuali completi delle procedure sono presenti nel pannello principale dei Fiscali Web 2011 nella cartella Documenti > Manuali di utilizzo

I manuali completi delle procedure sono presenti nel pannello principale dei Fiscali Web 2011 nella cartella Documenti > Manuali di utilizzo Roma lì 01/04/2011 Fiscali Web 2011 - Istruzioni per l installazione Requisiti 1. Personal computer con sistema operativo Windows e una connessione Internet; 2. Browser Internet Google Chrome; 3. Adobe

Dettagli

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE PREMESSA La presente guida è da considerarsi come aiuto per l utente per l installazione e configurazione di Atollo Backup. La guida non vuole approfondire

Dettagli

TFR On Line PREMESSA

TFR On Line PREMESSA PREMESSA Argo TFR on Line è un applicazione, finalizzata alla gestione del trattamento di fine rapporto, progettata e realizzata per operare sul WEB utilizzando la rete INTERNET pubblica ed il BROWSER

Dettagli

h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica

h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica h t t p : / / w w w. e p - s u i t e. i t C o r s o d i P o s ta Elettronica 1 S O M M A R I O CORSO DI POSTA ELETTRONICA...1 SOMMARIO...2 1 COS È L E-MAIL...3 2 I CLIENT DI POSTA...4 3 OUTLOOK EXPRESS...5

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Indice generale. Il BACK-END...3 COME CONFIGURARE JOOMLA...4 Sito...4 Locale...5 Contenuti...5

Indice generale. Il BACK-END...3 COME CONFIGURARE JOOMLA...4 Sito...4 Locale...5 Contenuti...5 Guida a Joomla Indice generale Il BACK-END...3 COME CONFIGURARE JOOMLA...4 Sito...4 Locale...5 Contenuti...5 Il BACK-END La gestione di un sito Joomla ha luogo attraverso il pannello di amministrazione

Dettagli

PHONEWEB PHONE: RUBRICA TELEFONICA AGENDA: AGENDA APPUNTAMENTI PHONEPRO: PHONE + AGENDA INTEGRATI PHONEWEB

PHONEWEB PHONE: RUBRICA TELEFONICA AGENDA: AGENDA APPUNTAMENTI PHONEPRO: PHONE + AGENDA INTEGRATI PHONEWEB PHONEWEB PROGRAMMA DI CONVERSIONE ARCHIVI PER IL SITO INTERNET WEB PERSONALIZZATO http://????.rubricaweb.it I nostri programmi PHONE: RUBRICA TELEFONICA AGENDA: AGENDA APPUNTAMENTI PHONEPRO: PHONE + AGENDA

Dettagli

Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB

Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB 30/04/2013 Guida per l aggiornamento del software del dispositivo USB Pagina 1 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3

Dettagli

Ubiquity getting started

Ubiquity getting started Introduzione Il documento descrive I passi fondamentali per il setup completo di una installazione Ubiquity Installazione dei componenti Creazione del dominio Associazione dei dispositivi al dominio Versione

Dettagli

Posta Elettronica Certificata Manuale di amministrazione semplificata del servizio PEC di TI Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argoment nti 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche

Dettagli

Posta Elettronica Certificata. Manuale di utilizzo del servizio Webmail Light di Telecom Italia Trust Technologies

Posta Elettronica Certificata. Manuale di utilizzo del servizio Webmail Light di Telecom Italia Trust Technologies Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail Light di Telecom Italia Trust Technologies Documento Interno Pag. 1 di 28 Indice degli argomenti Indice degli argomenti... 2 1 Introduzione...

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Guida all amministrazione del servizio MINIMANU.IT.DMPS1400 002 Posta Elettronica Certificata Manuale di amministrazione del servizio PEC di Telecom Italia Trust Technologies

Dettagli

Cos è GIOELCOTT. Modalità d uso del software

Cos è GIOELCOTT. Modalità d uso del software Giornale Elettronico dei Lavori e Gestione delle Planimetrie con l uso di Coni Ottici GIOELAV + GIOELCOTT (Versione 2.0.0) Cos è GIOELAV? E una piattaforma software, residente in cloud, per la registrazione

Dettagli

Sistema Informativo Alice

Sistema Informativo Alice Sistema Informativo Alice Urbanistica MANUALE UTENTE MODULO PROFESSIONISTI WEB settembre 2007 INDICE 1. INTRODUZIONE...2 1.1. Cos è MPWEB?... 2 1.2. Conoscenze richieste... 2 1.3. Modalità di utilizzo...

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I

Sistemi operativi I: Windows. Lezione I Sistemi operativi I: Windows Lezione I Scopo della lezione Richiamare le principali funzionalità di un sistema operativo Esemplificarle descrivendo la loro implementazione in Windows Introdurre alcuni

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Manuale per la connessione alla rete WiFi Legali-in-WiFi

Manuale per la connessione alla rete WiFi Legali-in-WiFi Manuale per la connessione alla rete WiFi Legali-in-WiFi (Per Windows VISTA) La presente guida spiega le modalità di connessione alla rete internet a tutti gli utenti che abbiano effettuato la regolare

Dettagli

RE Registro Elettronico SISSIWEB

RE Registro Elettronico SISSIWEB RE Registro Elettronico e SISSIWEB Guida per le Famiglie Copyright 2013, Axios Italia 1 SOMMARIO SOMMARIO... 2 Novità di questa versione... 3 Novità versione precedente... 4 Piattaforma Web di Axios...

Dettagli

Progetto SOLE Sanità OnLinE

Progetto SOLE Sanità OnLinE Progetto SOLE Sanità OnLinE Rete integrata ospedale-territorio nelle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna: I medici di famiglia e gli specialisti Online (DGR 1686/2002) console - Manuale utente

Dettagli

Modalità d uso del software

Modalità d uso del software Giornale Elettronico dei Lavori e Gestione delle Planimetrie con l uso di Coni Ottici GIOELAV + GIOEMAP (Versione 2.0.1) Cos è GIOELAV? E una piattaforma software, residente in cloud, per la registrazione

Dettagli

Corso di Archivistica

Corso di Archivistica Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le tabelle Lezione 6 Creare un data base Introduzione La presente è la prima di una serie di lezioni finalizzate alla creazione

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Pagina 1 di 29 Versione Emissione Approvazione Modifiche Apportate Autore Data Autore Data 1 Maggini 01/03/06 - - Prima emissione. Pagina 2 di

Dettagli

SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI

SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI AVVIO ATTIVITA GESTIONE DIDATTICA GESTIONE OPERATIVA 1 Amministrazione...3 1.1 Profili utente...3 1.2 Profilazione...4 1.3 Utenti...5 2 Sezione Anagrafica delle Imprese...7

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI

ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI SISTEMA DISTRIBUZIONE SCHEDE OnDemand GUIDA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI un servizio Avviso agli utenti Il prodotto è concesso in licenza come singolo prodotto e le parti che lo compongono

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

Corso BusinessObjects SUPERVISOR

Corso BusinessObjects SUPERVISOR Corso BusinessObjects SUPERVISOR Il modulo SUPERVISOR permette di: impostare e gestire un ambiente protetto per prodotti Business Objects distribuire le informazioni che tutti gli utenti dovranno condividere

Dettagli

RE Registro Elettronico SISSIWEB

RE Registro Elettronico SISSIWEB RE Registro Elettronico e SISSIWEB Guida per le Famiglie Copyright 2013, Axios Italia 1 SOMMARIO SOMMARIO... 2 Novità di questa versione... 3 Piattaforma Web di Axios... 4 Premessa... 4 Avvertenze... 5

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

Objectway ActivTrack

Objectway ActivTrack Objectway ActivTrack Manuale Utente Gruppo ObjectWay Guida OW ActivTrack 1.0.docx 22-01-2012 Pag. 1 di 13 Indice 1. Che cosa è Ow ActivTrack... 3 1.1. Le caratteristiche principali di Ow ActivTrack...

Dettagli

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET MANUALE OPERATORE CMS ASMENET 2.0 Pag. 1 di 46 INDICE Termini e definizioni... pag. 3 Introduzione... pag. 4 Descrizione generale e accesso al back office... pag. 5 1 Gestione della pagina... pag. 6 1.1

Dettagli

Dipartimento Politiche Sociali e della Salute OSSERVATORIO SOCIALE SULLA CONCERTAZIONE TERRITORIALE. Manuale del software Utente Lettore Vers. 4.

Dipartimento Politiche Sociali e della Salute OSSERVATORIO SOCIALE SULLA CONCERTAZIONE TERRITORIALE. Manuale del software Utente Lettore Vers. 4. Dipartimento Politiche Sociali e della Salute OSSERVATORIO SOCIALE SULLA CONCERTAZIONE TERRITORIALE Manuale del software Utente Lettore Vers. 4.1 Aprile 2014 Indice Tre passaggi per entrare nel programma...

Dettagli

Manuale utente 3CX VOIP client / Telefono software Versione 6.0

Manuale utente 3CX VOIP client / Telefono software Versione 6.0 Manuale utente 3CX VOIP client / Telefono software Versione 6.0 Copyright 2006-2008, 3CX ltd. http:// E-mail: info@3cx.com Le Informazioni in questo documento sono soggette a variazioni senza preavviso.

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Sistema inoltro telematico domande di nulla osta, ricongiungimento e conversioni Manuale utente Versione 2 Data creazione 02/11/2007 12.14.00

Dettagli

filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27

filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27 filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27 Sommario Introduzione... 3 Download dell applicazione Desktop... 4 Scelta della versione da installare... 5 Installazione... 6 Installazione

Dettagli

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved Versione 2014 Installazione GSL Copyright 2014 All Rights Reserved Indice Indice... 2 Installazione del programma... 3 Licenza d'uso del software... 3 Requisiti minimi postazione lavoro... 3 Requisiti

Dettagli

THEMIX. Gestione del laboratorio analisi. Manuale d uso. VERSIONE 2.0 BETA release

THEMIX. Gestione del laboratorio analisi. Manuale d uso. VERSIONE 2.0 BETA release THEMIX WLAB Gestione del laboratorio analisi Manuale d uso VERSIONE 2.0 BETA release CONFIGURAZIONI GENERALI DEL PROGRAMMA 3 Configurazione degli esami 4 Inserimento nuovi esami 5 Configurazione dei test

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

SOSEBI PAPERMAP2 MANUALE DELL UTENTE

SOSEBI PAPERMAP2 MANUALE DELL UTENTE SOSEBI PAPERMAP2 MANUALE DELL UTENTE S O. S E. B I. P R O D O T T I E S E R V I Z I P E R L E B I B L I O T E C H E So.Se.Bi. s.r.l. - via dell Artigianato, 9-09122 Cagliari Tel. 070 / 2110311 - Fax 070

Dettagli

Manuale per la connessione alla rete WiFi Legal-in-WiFi - (Per Windows XP) www.widesolution.com

Manuale per la connessione alla rete WiFi Legal-in-WiFi - (Per Windows XP) www.widesolution.com Manuale per la connessione alla rete WiFi Legali-in-WiFi (Per Windows XP) La presente guida spiega le modalità di connessione alla rete internet a tutti gli utenti che abbiano effettuato la regolare registrazione

Dettagli

Moodle per docenti. Indice:

Moodle per docenti. Indice: Abc Moodle per docenti Indice: 1. 2. 3. 4. ACCEDERE ALL INTERNO DELLA PIATTAFORMA MOODLE. pag 1 INSERIRE UN FILE (es. Piano di lavoro e Programmi finali)... pag 4 ORGANIZZARE UN CORSO DISCIPLINARE (inserire

Dettagli

TFR On Line PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5

TFR On Line PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5 PREMESSA...3 ACCESSO AD ARGO TFR ON LINE...5 AVVIO RAPIDO...7 SELEZIONE DEL DIPENDENTE...8 LEGGIMI...8 MANUALE...8 GUIDA INVIO FILE...9 CERCA DIPENDENTE...9 INSERIMENTO DEI DATI DI SERVIZIO...11 ELABORAZIONE

Dettagli

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione

Dettagli

CLAROLINE. Manuale d'uso. Area Docenti

CLAROLINE. Manuale d'uso. Area Docenti CLAROLINE Manuale d'uso Area Docenti ELEARNING SYSTEM 2 Introduzione Claroline è un sistema Web di gestione di percorsi formativi a distanza. Permette a docenti, relatori, ecc. di generare ed amministrare

Dettagli

1. INTRODUZIONE... - 3 - 2. ACCESSO E LOGIN... - 3 - 3. HOME PAGE CLIENS FATTURA PA... - 4 - 5. CREA FATTURA ELETTRONICA PA...

1. INTRODUZIONE... - 3 - 2. ACCESSO E LOGIN... - 3 - 3. HOME PAGE CLIENS FATTURA PA... - 4 - 5. CREA FATTURA ELETTRONICA PA... Manuale d uso Sommario 1. INTRODUZIONE... - 3-2. ACCESSO E LOGIN... - 3-3. HOME PAGE CLIENS FATTURA PA... - 4-4. ANAGRAFICA UTENTE. - 5-5. CREA FATTURA ELETTRONICA PA... - 6-6. GESTIONE DOCUMENTI\NOTIFICHE...

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2015 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

USER GUIDE. Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1

USER GUIDE. Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1 USER GUIDE Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1 SOMMARIO Introduzione... 3 Sensore BioHarness... 3 OVERVIEW BIOHARNESS 3.0 BT/ECHO... 4 OVERVIEW

Dettagli

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015]

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Premessa... 2 Fase di Login... 2 Menù principale... 2 Anagrafica clienti...

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE v. 1.0-31/01/2014 INDICE 1 INTRODUZIONE...3 2 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...3 3 CONSULTAZIONE E AGGIORNAMENTO CATALOGO...4

Dettagli

Manuale Utente 1 Ultimo aggiornamento: 2015/12/22 ifatt

Manuale Utente 1 Ultimo aggiornamento: 2015/12/22 ifatt Manuale Utente 1 Ultimo aggiornamento: 2015/12/22 ifatt Indice Introduzione... 1 Interfaccia... 2 Introduzione La fatturazione cambia volto. Semplice, certa, elettronica ifatt cambia il modo di gestire

Dettagli

Axios RE App. Installazione. ios. Android

Axios RE App. Installazione. ios. Android Axios RE App Installazione ios È possibile scaricare ed installare la app direttamente dallo store ufficiale App Store, dove verrà pubblicato ogni successivo aggiornamento. Android È possibile scaricare

Dettagli

Guida a Gmail UNITO v 02 2

Guida a Gmail UNITO v 02 2 MANUALE D USO GOOGLE APPS EDU versione 1.0 10/12/2014 Guida a Gmail UNITO v 02 2 1. COME ACCEDERE AL SERVIZIO DI POSTA SU GOOGLE APPS EDU... 3 1.1. 1.2. 1.3. Operazioni preliminari all utilizzo della casella

Dettagli

LICEO STATALE CARLO PORTA ERBA

LICEO STATALE CARLO PORTA ERBA LICEO STATALE CARLO PORTA ERBA MANUALE PROCEDURE DI UTILIZZAZIONE REGISTRO ELETTRONICO MESSAGGISTICA INTERNA (aggiornamento del 28 ottobre 2014) REGISTRO ELETTRONICO ACCESSO Da scuola: cliccare sull icona

Dettagli

Formazione sistema editoriale CMS

Formazione sistema editoriale CMS Ufficio Società dell'informazione Nome del Progetto Acronimo del Progetto Formazione sistema editoriale CMS Documento Data di stesura Maggio 2010 Versione 1.2 Sommario 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione...

Dettagli

GidasViewer Manuale utente Aggiornamento 24/09/2015

GidasViewer Manuale utente Aggiornamento 24/09/2015 GidasViewer Manuale utente Aggiornamento 24/09/2015 Cod. SWUM_00389_it Sommario 1. Introduzione... 4 2. Requisiti del sistema... 4 3. Creazione del database Gidas... 5 3.1. SQL Server... 5 3.2. Utilizzo

Dettagli

Provincia di Siena UFFICIO TURISMO. Invio telematico delle comunicazioni relative alle Agenzie di Viaggio

Provincia di Siena UFFICIO TURISMO. Invio telematico delle comunicazioni relative alle Agenzie di Viaggio Provincia di Siena UFFICIO TURISMO Invio telematico delle comunicazioni relative alle Agenzie di Viaggio Per informazioni contattare: - Annalisa Pannini 0577.241.263 pannini@provincia.siena.it - Alessandra

Dettagli

2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl. Tutti i diritti riservati.

2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl. Tutti i diritti riservati. 2010 Ing. Punzenberger COPA-DATA Srl Tutti i diritti riservati. Tutti i diritti riservati la distribuzione e la copia - indifferentemente dal metodo - può essere consentita esclusivamente dalla dittacopa-data.

Dettagli

Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata)

Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata) Creazione Account PEC (Posta Elettronica Certificata) Come già specificato, il software è stato realizzato per la gestione di account PEC (Posta Elettronica Certificata), ma consente di configurare anche

Dettagli

Accesso e-mail tramite Internet

Accesso e-mail tramite Internet IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed.01 Rev.B/29-07-2005 ATTENZIONE I documenti sono disponibili in copia magnetica originale sul Server della rete interna. Ogni copia cartacea si ritiene copia non controllata.

Dettagli

Notifica sul Copyright

Notifica sul Copyright Parallels Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 1. Menù generale Inseriti i dati di configurazione in maniera completa, il sistema presenta una schermata d approccio all applicazione

Dettagli

SOSEBI PAPERMAP2 MODULO WEB MANUALE DELL UTENTE

SOSEBI PAPERMAP2 MODULO WEB MANUALE DELL UTENTE SOSEBI PAPERMAP2 MODULO WEB MANUALE DELL UTENTE S O. S E. B I. P R O D O T T I E S E R V I Z I P E R I B E N I C U L T U R A L I So.Se.Bi. s.r.l. - via dell Artigianato, 9-09122 Cagliari Tel. 070 / 2110311

Dettagli

Reingegnerizzazione ed evoluzione degli applicativi del settore civile della Giustizia finalizzata al Processo Telematico

Reingegnerizzazione ed evoluzione degli applicativi del settore civile della Giustizia finalizzata al Processo Telematico Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATI Reingegnerizzazione ed evoluzione degli applicativi

Dettagli

Archiflow 8. guida utente WEB

Archiflow 8. guida utente WEB Archiflow 8 guida utente WEB 1 Introduzione Il modulo ArchiflowWEB permette l accesso al database di Archiflow, quindi ai documenti archiviati, ed agli altri moduli utilizzati, tramite browser. L applicazione,

Dettagli

Breve visione d insieme

Breve visione d insieme Breve visione d insieme Per accedere occorre semplicemente collegarsi alla pagina http://wm.infocom.it/ ed inserire il proprio indirizzo e-mail e password. Inserimento delle Vostre credenziali Multilingua

Dettagli

Guida alla registrazione on-line di un NovaSun Log

Guida alla registrazione on-line di un NovaSun Log Guida alla registrazione on-line di un NovaSun Log Revisione 4.1 23/04/2012 pag. 1 di 16 Contenuti Il presente documento è una guida all accesso e all utilizzo del pannello di controllo web dell area clienti

Dettagli

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro.

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro. 18 Le macro Le macro rappresentano una soluzione interessante per automatizzare e velocizzare l esecuzione di operazioni ripetitive. Le macro, di fatto, sono porzioni di codice VBA (Visual Basic for Applications)

Dettagli

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Il programma Gestione Negozi permette la gestione del materiale presso i clienti Benetton tramite le sue funzionalità di gestione anagrafica

Dettagli

1. Il Client Skype for Business

1. Il Client Skype for Business 1. Il Client Skype for Business 2. Configurare una Periferica Audio 3. Personalizzare una Periferica Audio 4. Gestire gli Stati di Presenza 5. Tabella Stati di Presenza 6. Iniziare una Chiamata 7. Iniziare

Dettagli

Pannello controllo Web www.smsdaweb.com. Il Manuale

Pannello controllo Web www.smsdaweb.com. Il Manuale Pannello controllo Web www.smsdaweb.com Il Manuale Accesso alla piattaforma Accesso all area di spedizione del programma smsdaweb.com avviene tramite ingresso nel sistema via web come se una qualsiasi

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE GESTIONE PRESENZE MANUALE Gestione archivi La prima operazione da effettuare, per poter utilizzare gestione presenze, è la creazione dell archivio dove saranno memorizzati tutti i dati riconducibili ad

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

Sistema Gestione Turni. Istruzioni Operative per il Gestore

Sistema Gestione Turni. Istruzioni Operative per il Gestore Sistema Gestione Turni Istruzioni Operative per il Gestore Antares 3000 S.r.l.s. - Sistema Gestione Turni Istruzioni Operative per il Gestore Pagina 1 Sommario Premessa... 3 Presentazione iniziale... 4

Dettagli

Firma digitale e PEC Come%accedere!al#corso#online!!

Firma digitale e PEC Come%accedere!al#corso#online!! Firma digitale e PEC Come%accedereal#corso#online 1. Accesso(al(portale(web( Accademia(d Impresa( Comunità(Online ( Si accede al portale Accademia d Impresa Comunità Online dall indirizzo https://ai.comunitaonline.unitn.it/cciaa.aspx

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Guida alla personalizzazione dei documenti in formato Open Document (ODT)

Guida alla personalizzazione dei documenti in formato Open Document (ODT) Guida alla personalizzazione dei documenti in formato Open Document (ODT) La procedura di personalizzazione in formato ODT affianca la gestione in HTML e non sovrascrive i documenti già personalizzati.

Dettagli

Faber System è certificata Manuale Operativo

Faber System è certificata Manuale Operativo Manuale Operativo Sommario 1. INTRODUZIONE... - 3-2. ACCESSO E LOGIN... - 3-3. HOME PAGE CLIENS FATTURAPA... - 4-4. DATAENTRY FATTURA ELETTRONICA PA... - 5-5. GESTIONE DOCUMENTI\NOTIFICHE... - 9-6. ABILITA

Dettagli

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10

Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 MANCA COPERTINA INDICE Il Programma... 3 I moduli... 3 Installazione... 3 La finestra di Login... 4 La suite dei programmi... 6 Pannello voci... 10 epico! è distribuito nelle seguenti versioni: epico!

Dettagli

Gestione servizio SuperSite Versione 7

Gestione servizio SuperSite Versione 7 Gestione servizio SuperSite Versione 7 Il servizio SuperSite di Aruba, grazie ai vari strumenti messi a disposizione dell utente, consente di creare un sito web personalizzato, in modo facile e veloce.

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba

Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba Centro Servizi Informatici Importare/esportare la rubrica di Webmail Uniba La presente guida ha la finalità di fornire le indicazioni per: Esportare/Importare la rubrica Webmail di Horde pg.2 Rimuovere

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

SMS MANUALE D USO DELLA PIATTAFORMA WEB

SMS MANUALE D USO DELLA PIATTAFORMA WEB SMS MANUALE D USO DELLA PIATTAFORMA WEB INDICE 1. Accesso al sistema 1.1 Barra di controllo 1.2 Configurazione Account 1.3 Prezzi & Copertura 2. Utility & Strumenti 3. Messaggistica 3.1 Quick SMS 3.2 Professional

Dettagli