Luci ed ombre del Texas Hold em

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luci ed ombre del Texas Hold em"

Transcript

1 Luci ed ombre del Texas Hold em Il cosiddetto poker sportivo sta popolando in tutta Italia, pur in assenza di un chiaro quadro normativo, che ha comportato atteggiamenti difformi da parte delle Questure. Con il contributo dell avv. Marcello Ferrari Chazelat andiamo a proporre una prima lettura del fenomeno sul piano giuridico e regolamentare 65 n tutta franchezza, mai I avremmo pensato che un giorno, su queste pagine, ci saremmo trovati a parlare di poker come gioco non d azzardo ed addirittura come disciplina sportiva autorizzata e organizzata. Almeno non così presto, essendo ancora nell aria gli echi dei dibattiti di sfondo etico-giuridico che hanno accompagnato la lunga (e non ancora conclusa) battaglia contro il videopoker, non solo come oggetto ma anche come concetto. Ciò non toglie che, anticipando i contenuti dello studio condotto dall avv. Marcello Ferrari Chazelat che andiamo di seguito a proporre, vi sia ancora un forte disallineamento fra la norma giuridica e gli assunti propri di chi sta cercando di imporre il Texas Hold em come sport della mente alla pari del bridge o degli scacchi. Tant è vero che da parte delle questure che sono gli organismi preposti al rilascio delle autorizzazioni per i tornei gli atteggiamenti nei riguardi del gioco sono difformi. Occorre ricordare che in assenza di norme specifiche, la Questura di Bari, circa un anno fa, si rivolse al Ministero degli Interni per ottenere dei requisiti di liceità che poi sarebbero stati oggetto di una nota informativa inviata ai Comandi di Polizia Municipale della provincia (vedi pag.69). Ebbene, mentre molte questure hanno applicato tale regolamentazione inserendola nella tabella dei giochi proibiti da ultimo, la Questura di Trento altre hanno applicato ulteriori restrizioni (come quelle di Ancona e Pescara), ed altre ancora hanno invece imposto il divieto assoluto. Così il Questore di Aosta, che ha emesso un ordinanza con la quale vieta in tutta la regione Val d Aosta il Texas Hold em, sostenendo che il gioco in questione, caratterizzato da una forte componente casuale, è riconducibile ai giochi tipicamente d azzardo. Analogo provvedimento è stato adottato dai Questori di Torino e Campobasso. Come qualcuno, a livello di federazione sportiva, ha fatto osservare, l inserimento del Texas Hol- RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report

2 RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report 2008 MAGGIO-GIUGNO MAY-JUNE 66 d em poker nella tabella dei giochi proibiti non significa necessariamente che questo sia considerato d azzardo. Infatti, il Tulps dà facoltà al questore di inserire nella tabella anche quei giochi non d azzardo che però ritenga opportuno, per motivi di pubblico interesse, proibire. D altro canto, sempre secondo la federazione, il fatto che il Texas Hold em poker sia inserito nella tabella dei giochi proibiti va accolto positivamente, in quanto in tal modo è ipotizzabile il ricorso al Tar o l impugnazione dell ammenda penale che dovesse essere emessa ai sensi dell articolo 723 del codice penale contro chi contravviene alla tabella. Disquisizioni che non ci competono, ma che danno l idea del disagio che il mondo del poker sportivo sta provando in assenza di una specifica previsione di legge. Comunque, al di là delle più o meno legittime aspettative dei promotori del gioco che vorrebbero farlo diventare disciplina associata al Coni e addirittura olimpica qui è necessario procedere con la cautela e con la massima rigidità, onde evitare la creazione di nuove ed incontrollabili sacche di illegalità. In altri termini, se da un lato appare condivisibile l assunto per cui se un gioco è autorizzato nell applicazione telematica (ricordiamo infatti che quanto previsto dalla Finanziaria 2007 art. 1 comma 93 sui tornei di carte andava ad emendare le disposizioni del decreto Bersani sul gioco a distanza), esso dovrebbe avere il via libera anche nel formato off-line e quindi con giocatori che si affrontano de visu, dall altro emerge il problema della sorvegliabilità dei tornei, assicurabile al 100% (o quasi) quando si disputano in rete, molto di meno quando hanno luogo in circoli privati o location analoghe. In ultima analisi, resta il problema, ancora eventuale, di una applicazione coin-op del Texas Hold em. In mancanza di codifiche, il termine videopoker accomuna tutte le versioni del gioco e tutte le possibili modalità di svolgimento, e come tale sarebbe vietato. Ma se, come sembra chiaro, i terminali per gli skill games (ovvero i totem) dovessero andare a proporre anche questa tipologia di gioco, ne conseguirebbe un attrito forte e probabilmente insanabile. Normativa e orientamenti La posizione della Questura di Brescia a cura di avv. Marcello Ferrari Chazelat a recente diffusione via-cavo dei tornei mondiali di Po- L ker e Texas Hold em ha riportato in auge l annosa questione gioco d azzardo sì o no. A tal proposito bisogna innanzitutto dire che: in Italia il gioco d azzardo e la gestione di case da gioco sono tuttora vietati dal codice penale: infatti, dei quattro casinò che esistono sul territorio della nostra nazione, tre operano grazie a leggi speciali anteriori alla seconda guerra mondiale (VENEZIA R.D.L. 1404/ 36, CAMPIONE R.D.L. 201/ 33, SANREMO R.D.L. 2248/ 27) mentre il quarto, SAINT VINCENT, è stato autorizzato nel dopoguerra da un provvedimento della Regione Val d Aosta, quasi a voler regolarizzare una situazione di fatto. Il codice penale, agli artt. dal 718 al 722, ed insieme all art. 110 del Tulps reprime il gioco d azzardo nelle case da gioco, inteso ogni luogo di convegno, anche privato, destinato al gioco d azzardo, anche se lo scopo del gioco è sotto qualsiasi forma dissimulato (art. 721 c.p.). La nozione di gioco d azzardo è fornita dall art. 721 c.p. il quale richiede perché un gioco possa definirsi in tal senso la presenza di due elementi: il fine di lucro e anche parzialmente la aleatorietà della vincita o della perdita. È pacifico che la valutazione dell aleatorietà deve essere effettuata sulla base della natura e delle regole del gioco, considerate non solo nella loro astrattezza, ma anche nella concreta applicazione (vedasi ad esempio nel caso del Poker Texas Hold em le varie regole del re-buy). Vale a dire che la vincita o la perdita deve dipendere interamente dalla sorte e non già dalla perizia del giocatore. Peraltro una simile definizione può creare uno iato fra teoria e pratica, dato che anche nei giochi ritenuti di mera sorte vi è sempre una qualche influenza, anche se minima, esercitata dall abilità, dall accortezza o dal calcolo personale del singolo; come, al contrario, nei giochi di abilità c è sempre un margine di fortuità che incide sulla perizia dei partecipanti. È opportuna quindi l estensione della definizione normativa anche all ipotesi della vincita o della perdita quasi interamente aleatoria, in quanto, perché un gioco sia d azzardo, si richiede che l esito dipenda interamente o quasi dalla sorte; così facendo il legislatore ha inteso riferirsi anche ai giochi nei quali quest ultima abbia, se non un influenza esclusiva, di certo una componente poco meno che decisiva. Occorre, dunque, prescindere dall inseparabilità del caso dalla abilità, e considerare, invece, l uno e l altra come causa unica apparente dell esito, per convincersi che vi sono giochi in cui il risultato non lascia spazio alla fortuna (gioco degli scacchi), mentre ve ne sono diversi ove tutto dipende dal caso: si pensi alla roulette, alle lotterie, alla tombola o alla riffa. Sussistono infine giochi ove l abilità del giocatore si combina in vario modo con la sorte. L aleatorietà del gioco deve, in sintesi, fondarsi su criteri obiettivi, e nella individuazione del rapporto abilità-sorte la prima non esclude il carattere di gioco d azzardo allorché la vincita o la perdita dipende in modo rilevante (gioco delle tre carte) dalla capacità di individuare l elemento vincente, non in conseguenza di una particolare bravura intellettuale o fisica, ma di mere sensazioni, tanto più fallaci e fortunose quanto più rilevante è la destrezza del tenutario del gioco.

3 L accertamento dell aleatorietà di un gioco dà luogo in definitiva a un indagine di fatto da eseguirsi caso per caso, tenendo conto delle regole di esso e delle sue combinazioni, per mettere nella giusta luce la rilevanza del fortuito. Detta indagine sarà senz altro più complessa per i giochi in cui la vincita o la perdita dipendono parzialmente dall abilità del giocatore: si tratterà allora di valutare l efficienza causale dell abilità, che deve essere pari, superiore o almeno non notevolmente inferiore a quella del fortuito perché si possa escludere l aleatorietà del gioco. Ad un esito opposto si dovrà pervenire quando oltre a mettere a repentaglio le sostanze personali del singolo e della sua famiglia. Per la sussistenza del lucro è importante dunque la valutazione dell entità della posta, che, quando è minima, esclude di norma un tal fine, sia che la vincita vada a beneficio dei giocatori o venga destinata al pagamento di piccole spese di gioco, sia che serva per modiche consumazioni. Concludendo, anche l accertamento del fine di lucro, come per l aleatorietà, deve avvenire per caso, apprezzando attentamente e globalmente la tenuità della posta, le condizioni economiche dei giocatori ed ogni altra utile circostanza. l efficacia della sorte rende del tutto trascurabile la bravura del giocatore. Quanto al secondo requisito richiesto per la sussistenza del gioco d azzardo, il lucro, ricorre ogni volta in cui il gioco è praticato per conseguire vantaggi economicamente valutabili in denaro od in altra qualsiasi utilità. È bene subito sottolineare che il lucro non necessariamente deve essere conseguito, dato che la legge colpisce l intenzione di conseguire un vantaggio economico piuttosto che il risultato. Per quanto concerne l esiguità della posta questo è un concetto relativo, che deve essere sempre rapportato a tutte le modalità e circostanze attinenti così al gioco come alle persone e in specie alle loro condizioni economiche: ne consegue che una posta particolarmente esigua, se ripetuta più volte, conduce a un complesso di poste la cui somma non può ritenersi irrilevante o indifferente (pensiamo al caso del re-buy nel Texas Hold em, oltre alla quota iniziale di iscrizione). Il fine di lucro deve essere escluso quando le vincite siano in via preventiva destinate a coprire le spese relative, salva la responsabilità del tenutario, di chi lo agevola o vi partecipa, sempre che si tratti di esborsi notevoli altrimenti mancherebbe un vantaggio economico ovvero allorché le vincite abbiano come originaria destinazione l acquisto di cibi o di bevande da consumarsi insieme. Ma anche in tale ipotesi è necessario valutare attentamente l entità degli acquisti, poiché se il fine in questione può essere escluso per cibarie o bevande di modesto valore, non altrettanto può sostenersi se, ad esempio, le poste sono destinate a coprire le spese di un banchetto per tutti i giocatori. La legge, è chiaro, tende a colpire e punire solo coloro che interpretano il gioco come fonte, seppur occasionale, di un qualsiasi vantaggio economico, cioè di un guadagno, e che rappresentano quindi fattori di potenziale turbativa per la tranquillità e sicurezza pubblica, Venendo alla fattispecie in esame il Texas Hold em è opportuno sottolineare come la spinta dei media stia influendo notevolmente sugli usi e costumi anche del nostro Paese. Con la comparsa delle trasmissioni televisive dedicate a questa particolare forma di Poker, in Italia abbiamo visto nascere due federazioni di detta specialità (FITH e FIGP oggi fuse nella Federazione Italiana Poker) e numerosi circoli più o meno affiliati. Lo scopo, perlomeno dichiarato di dette federazioni, è ottenere il riconoscimento di associazione sportiva dilettantistica, in modo da poter essere riconosciute dal Coni e organizzare così tornei e competizioni di ogni tipo, nella legalità più assoluta. Prima di affrontare l applicazione e la diffusione sul territorio bresciano del Texas Hold em è bene svolgere una precisazione sul decreto legge Bersani n 223/06 (convertito in L. n 248/06), che all art. 38, con una serie di interventi, tende a regolarizzare il gioco a distanza, ovvero online, consentendo alle società anche estere di poter gestire siti ad hoc. Con riferimento al gioco delle carte, invece è la legge Finanziaria n 296/06 che interviene e modifica detto decreto Bersani, introducendo alla lettera b) art. 38 le seguenti parole: i giochi di carte di 67 RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report

4 RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report 2008 MAGGIO-GIUGNO MAY-JUNE 68 qualsiasi tipo, qualora siano organizzati sotto forma di torneo e nel caso in cui la posta di gioco sia costituita esclusivamente dalla sola quota di iscrizione, sono considerati giochi di abilità. Detta modifica ha indotto gli appassionati del Texas Hold em a ritenere che, essendo lecito ogni gioco di carte, fosse possibile anche la divulgazione del Texas con l applicazione di tutto il suo regolamento, che ahimé presenta delle regole in forte contrasto con la nostra disciplina codicistica penale. Infatti, come si è potuto appurare nelle varie modalità di gioco di fatto applicate in detti tornei, oltre alla quota d ingresso necessaria all acquisizione di una consistente quantità di fiches, nell arco della partita sono previsti più momenti (re-buy), gestiti dal responsabile del tavolo, ove il giocatore può acquistare nuovamente una quota di fiches, e ciò si può verificare più volte, anche all infinito. Ma non è finita qui: generalmente dopo la prima ora di gioco viene sancita una sosta, sempre a discrezione del Direttore di gara, e in detta occasione i giocatori possono acquisire nuove fiches (add-one). Queste modalità rientrano a Come funziona il Texas Hold em Il gioco si svolge in sei fasi principali: 1. Puntate obbligatorie: il primo giocatore alla sinistra del mazziere (dealer) paga il piccolo buio [small blind], il secondo paga il grande buio ( Contro Buio big blind). Il grande buio corrisponde alla puntata minima per partecipare al gioco ed è pari al doppio del piccolo buio. 2. Pre-flop: il mazziere distribuisce due carte coperte a tutti i giocatori, a cominciare da quello alla sua sinistra, quindi si fa il primo giro di puntate a partire dal giocatore seduto alla sinistra del giocatore che ha pagato il grande buio. 3. Flop: il mazziere brucia (ossia scarta) una carta e scopre tre carte sul tavolo; queste community cards possono essere utilizzate da tutti giocatori per comporre e migliorare il proprio punto. Una volta girate le tre carte si fa un altro giro di puntate, a partire dal giocatore alla sinistra del mazziere. pieno titolo nel concetto di lucro e di alea come sopra argomentato e pertanto in costanza di esse non si potrà che ravvisare che un gioco d azzardo, tant è che sono all ordine del giorno sequestri di circoli, sale da biliardo e denunce per gioco d azzardo. Come ultimo esempio in ordine di tempo valgano le operazioni condotte dalle Questure di Vicenza, Milano (con il sequestro del Platinum Club ) e di Torino, dove si è arrivati all emanazione dell ordinanza del Questore Stefano Berrettoni, che ha inserito il Poker Texas Hold em nell elenco dei gioco d azzardo ex art. 110 Tulps. Nella città di Brescia, con un paio di uscite spot, si è potuto constatare quanto segue. In un caso (locale di recente apertura) l attività del club sembrerebbe in fase di sviluppo, ed è stato trovato chiuso in alcune occasioni; da informazioni assunte in loco, dagli esercenti vicini, non ha ancora incominciato con il Texas Hold em; all interno vi sono alcune slot; la frequentazione per ora è prevalentemente femminile. Nell altro caso, sempre in città, presso una sala da biliardo, si è appurato che si pratica il gioco delle carte (varie forme di gioco tra cui anche scala quaranta) con puntate nell ordine di 50/100 euro; i proventi maggiori sembrano deriva- 4. Turn (o fourth street): il mazziere brucia una carta e ne scopre un altra. Anche questa può essere utilizzata, come le precedenti, insieme alla propria mano e alle altre tre del flop. Si fa un altro giro di puntate e si passa al giro di puntate successivo. 5. River (o fifth street): il mazziere brucia una carta, scopre l ultima community card e i giocatori fanno l ultimo giro di puntate. A questo punto, sul tavolo, ci sono cinque carte scoperte, utilizzabili da tutti, e ogni giocatore possiede le sue due carte coperte. Il punto del giocatore è dato dalla migliore combinazione possibile scegliendo cinque carte delle sette a disposizione. 6. Showdown: Il giocatore che ha effettuato l ultima puntata (e non ci fossero state puntate nell ultimo giro tocca al giocatore alla sinistra del bottone) mostra le proprie carte; gli altri partecipanti che hanno visto la sua puntata possono a turno, secondo l ordine del giro fare altrettanto. Il giocatore che ha scoperto il punto più alto vince l intero piatto. In caso di punti equivalenti si aggiudica il piatto il giocatore che possiede la carta o le carte più alte esterne al punto (kicker). Se neanche così si ottenesse uno scarto fra due o più giocatori, questi dividerebbero la posta in parti uguali (split pot).

5 re dalla somministrazione di bevande agli avventori del locale stesso e a quelli dell adiacente locale di lap-dance. La Questura di Brescia, sollecitata in merito alla propria posizione nei confronti di detti tornei e dei locali ove si presterebbe detta attività di gioco, sottolinea come non conceda autorizzazioni in particolare per l apertura dei locali (le licenze sono concesse dalle amministrazioni comunali con riferimento all utilizzazione, destinazione, numero di dipendenti, di slot, rispetto della normativa prevista dall Asl) e per la disputa negli stessi di detti tornei, ma precisa che la propria attività di controllo la porta a porre attenzione a quella che è l applicazione in concreto del gioco nel suo complesso, al fine di poter ravvisare se vi sia o meno stato aggiramento della normativa: la quota di iscrizione, le varie modalità di rebuy, l add-one, ma anche i montepremi che vengono istituiti, essendoci in molti casi premi di elevato valore anche in denaro. Si è in sostanza provveduto a informare i vari Comuni di quelle che sono le indicazioni del Ministero degli Interni, che si rifanno unicamente alla normativa vigente in tema di gioco d azzardo, e di quelle che sono le modalità con cui normalmente detti tornei vengono espletati. Dal canto suo il Comune di Brescia, con riferimento all apertura di sale da gioco, anche nella forma di circoli/club, afferma che la sua autorità è solo riferita alle condizioni dettate dall Asl per l utilizzo dei locali da parte di un certo numero di persone e per la somministrazione di bevande quando prevista. In definitiva, il Comune rilascia permessi e licenze per la somministrazione con conseguente attività ispettiva volta ad evidenziare irregolarità nell espletamento di detti servizi. Praticamente, allo stato, il gioco di per sé non è vietato, basta che ci si attenga a quelle regole, ferree, che non permettono all alea e al lucro di prendere il sopravvento, creando così il reato. Si potrebbe quindi pensare di ipotizzare la creazione di situazioni di Texas Hold em, ma privandolo delle varie forme di rebuy e add-one, contenendo l iscrizione al torneo in una quota nell ordine di 50,00 e prevedendo premi, principalmente in natura, che non si discostino troppo come valore dalla quota di iscrizione. È chiaro che snaturando questo gioco, privandolo delle particolari regole che creano eccitazione e pathos, si va incontro a una flessione drastica dell intrinseco interesse per lo stesso; d altro canto a Le disposizioni della Questura di Bari In riferimento alle note del prot. n.2800 P.M. e n 2922 P.M del 9/05/2007, si comunica che i tornei di Texas Hold em sportivo, promossi dall associazione in oggetto e affiliata alla F.l.G.P. svolti secondo le regole indicate dai regolamenti nazionali della stessa F.I.G.P., sono stati oggetto di valutazione da parte del Ministero dell Interno, che ne ha determinato i requisiti di liceità. In particolare le manifestazioni in argomento, aventi ad oggetto gare di poker, potranno ritenersi consentite soltanto qualora abbiano come esclusivo scopo quello di sviluppare l attività sportivo-ricreativa. A tal fine le regole del gioco dovranno rispettare le seguenti condizioni: la quota di iscrizione alle gare, predeterminata, non deve essere superiore a 50,00, al fine di evitare esposizioni pregiudizievoli; l associazione che organizza i tornei in argomento, potrà chiedere ai soci-giocatori oltre alla quota di iscrizione anche un proporzionale contributo, non superiore al 10% della quota d iscrizione, per sostenere le effettive spese di organizzazione e per i servizi offerti agli associati nel corso dello svolgimento delle gare, significando che deve ritenersi esclusa ogni forma di lucro; i proventi del gioco, prestabiliti e costituiti dalla esclusiva iscrizione, devono essere destinati in maniera esclusiva all acquisto di premi da distribuire ai vincitori; assoluto divieto di pagare premi in denaro; il valore economico dei premi assegnati ai giocatori risultanti vincitori deve essere equivalente al montepremi costituito dalle quote di iscrizione; è fatto divieto, nel corso del gioco, di incrementare la raccolta del denaro attraverso l acquisito ad es. di ulteriori fiches; assenza dell elemento dell aleatorietà della perdita, nel senso che ciascun socio-giocatore deve conoscere con esattezza quanto può vincere e quanto può perdere. Ciò premesso, considerato che dall esame della documentazione inerente le modalità del gioco che l associazione intende promuovere tra i propri iscritti, si evince l impegno ad attenersi alle condizioni sopra descritte, non si rinvengono elementi ostativi allo svolgimento delle preannunciate attività del sodalizio. Per ultimo, si rappresenta che alla luce delle recenti innovazioni normative introdotte dall art. 1 comma 93 della Legge Finanziaria 2006, e delle summenzionate direttive impartite dal Ministero dell Interno, i tornei di Texas Hold em sportivo, svolti in conformità alle disposizioni sopra descritte, non appaiono in conflitto con il divieto di praticare il gioco del poker ex art. 110 di cui alla tabella dei giochi 1 comma Tulps, adottata in data 6 febbraio Il Questore 69 RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report

6 2008 MAGGIO-GIUGNO MAY-JUNE 70 chi interesserebbero i tornei pubblicizzati in televisione se non fossero previsti ingenti premi di denaro per i vincitori? Ma è altrettando chiaro che qualsiasi altra applicazione a oggi configurerebbe senz altro il reato di gioco d azzardo. Concludendo, è vero che lo Stato è intervenuto cercando di regolarizzare una situazione legislativa carente e forse superata dai tempi; è vero che lo stesso ha in alcuni casi favorito il gioco, anche se d azzardo, monopolizzandone la commercializzazione e giustificando il proprio operato con l intento di controllare il rischioso fenomeno sociale, ma è altresì vero che la norma penale non è stata modificata, mentre tutti questi giochi sono interessanti in quanto vi è la convinzione di poter andare incontro a una forte vincita. Il fenomeno del Texas Hold em è in continua evoluzione, le pressioni sono costanti e gli appassionati aumentano di giorno in giorno così come i circoli/club (oltre a varie situazioni nella città di Brescia, si registrano infatti aperture di detti locali anche in provincia, come a Montichiari). È presumibile che da qui a qualche anno si giunga, sotto la spinta congiunta dei molteplici interessi in gioco, a un ulteriore revisione della normativa in essere, anche se occorrerà monitorare a lungo gli effetti sociali che le autorizzazioni ai giochi online porteranno nei prossimi mesi e anni, tenendo conto che in Francia e in altri paesi europei è già forte l allarme sociale verso queste nuove forme di giochi. Riassumendo, se si volesse introdurre nelle proprie attività il gioco del Poker Texas Hold em, occorrerà fare molta attenzione alla sua effettiva applicazione, concentrandosi su due aspetti fondamentali tali da evitare la sussistenza del lucro e dell alea: 1) quote di iscrizione accessibili e premi contenuti, in particolare premi prettamente in natura, ma anche di modico valore tale che possano essere ricoperti dalle suddette quote; 2) modalità di gioco con eliminazione di quelle regole (re-buy e add-one) che portano inevitabilmente, se applicate, a configurare il reato di gioco d azzardo.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

CARIBBEAN POKER. Come si gioca

CARIBBEAN POKER. Come si gioca CARIBBEAN POKER INDICE Caribbean Poker 2 Il tavolo da gioco 3 Le carte da gioco 4 Il Gioco 5 Jackpot Progressive 13 Pagamenti 14 Pagamenti con Jackpot 16 Combinazioni 18 Regole generali 24 CARIBBEAN POKER

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 -- selezioni nazionali per il Sziget Festival 2015 di Budapest (HU) e per l Home Festival 2015 di Treviso -- La selezione denominata SZIGET

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli