Luci ed ombre del Texas Hold em

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luci ed ombre del Texas Hold em"

Transcript

1 Luci ed ombre del Texas Hold em Il cosiddetto poker sportivo sta popolando in tutta Italia, pur in assenza di un chiaro quadro normativo, che ha comportato atteggiamenti difformi da parte delle Questure. Con il contributo dell avv. Marcello Ferrari Chazelat andiamo a proporre una prima lettura del fenomeno sul piano giuridico e regolamentare 65 n tutta franchezza, mai I avremmo pensato che un giorno, su queste pagine, ci saremmo trovati a parlare di poker come gioco non d azzardo ed addirittura come disciplina sportiva autorizzata e organizzata. Almeno non così presto, essendo ancora nell aria gli echi dei dibattiti di sfondo etico-giuridico che hanno accompagnato la lunga (e non ancora conclusa) battaglia contro il videopoker, non solo come oggetto ma anche come concetto. Ciò non toglie che, anticipando i contenuti dello studio condotto dall avv. Marcello Ferrari Chazelat che andiamo di seguito a proporre, vi sia ancora un forte disallineamento fra la norma giuridica e gli assunti propri di chi sta cercando di imporre il Texas Hold em come sport della mente alla pari del bridge o degli scacchi. Tant è vero che da parte delle questure che sono gli organismi preposti al rilascio delle autorizzazioni per i tornei gli atteggiamenti nei riguardi del gioco sono difformi. Occorre ricordare che in assenza di norme specifiche, la Questura di Bari, circa un anno fa, si rivolse al Ministero degli Interni per ottenere dei requisiti di liceità che poi sarebbero stati oggetto di una nota informativa inviata ai Comandi di Polizia Municipale della provincia (vedi pag.69). Ebbene, mentre molte questure hanno applicato tale regolamentazione inserendola nella tabella dei giochi proibiti da ultimo, la Questura di Trento altre hanno applicato ulteriori restrizioni (come quelle di Ancona e Pescara), ed altre ancora hanno invece imposto il divieto assoluto. Così il Questore di Aosta, che ha emesso un ordinanza con la quale vieta in tutta la regione Val d Aosta il Texas Hold em, sostenendo che il gioco in questione, caratterizzato da una forte componente casuale, è riconducibile ai giochi tipicamente d azzardo. Analogo provvedimento è stato adottato dai Questori di Torino e Campobasso. Come qualcuno, a livello di federazione sportiva, ha fatto osservare, l inserimento del Texas Hol- RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report

2 RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report 2008 MAGGIO-GIUGNO MAY-JUNE 66 d em poker nella tabella dei giochi proibiti non significa necessariamente che questo sia considerato d azzardo. Infatti, il Tulps dà facoltà al questore di inserire nella tabella anche quei giochi non d azzardo che però ritenga opportuno, per motivi di pubblico interesse, proibire. D altro canto, sempre secondo la federazione, il fatto che il Texas Hold em poker sia inserito nella tabella dei giochi proibiti va accolto positivamente, in quanto in tal modo è ipotizzabile il ricorso al Tar o l impugnazione dell ammenda penale che dovesse essere emessa ai sensi dell articolo 723 del codice penale contro chi contravviene alla tabella. Disquisizioni che non ci competono, ma che danno l idea del disagio che il mondo del poker sportivo sta provando in assenza di una specifica previsione di legge. Comunque, al di là delle più o meno legittime aspettative dei promotori del gioco che vorrebbero farlo diventare disciplina associata al Coni e addirittura olimpica qui è necessario procedere con la cautela e con la massima rigidità, onde evitare la creazione di nuove ed incontrollabili sacche di illegalità. In altri termini, se da un lato appare condivisibile l assunto per cui se un gioco è autorizzato nell applicazione telematica (ricordiamo infatti che quanto previsto dalla Finanziaria 2007 art. 1 comma 93 sui tornei di carte andava ad emendare le disposizioni del decreto Bersani sul gioco a distanza), esso dovrebbe avere il via libera anche nel formato off-line e quindi con giocatori che si affrontano de visu, dall altro emerge il problema della sorvegliabilità dei tornei, assicurabile al 100% (o quasi) quando si disputano in rete, molto di meno quando hanno luogo in circoli privati o location analoghe. In ultima analisi, resta il problema, ancora eventuale, di una applicazione coin-op del Texas Hold em. In mancanza di codifiche, il termine videopoker accomuna tutte le versioni del gioco e tutte le possibili modalità di svolgimento, e come tale sarebbe vietato. Ma se, come sembra chiaro, i terminali per gli skill games (ovvero i totem) dovessero andare a proporre anche questa tipologia di gioco, ne conseguirebbe un attrito forte e probabilmente insanabile. Normativa e orientamenti La posizione della Questura di Brescia a cura di avv. Marcello Ferrari Chazelat a recente diffusione via-cavo dei tornei mondiali di Po- L ker e Texas Hold em ha riportato in auge l annosa questione gioco d azzardo sì o no. A tal proposito bisogna innanzitutto dire che: in Italia il gioco d azzardo e la gestione di case da gioco sono tuttora vietati dal codice penale: infatti, dei quattro casinò che esistono sul territorio della nostra nazione, tre operano grazie a leggi speciali anteriori alla seconda guerra mondiale (VENEZIA R.D.L. 1404/ 36, CAMPIONE R.D.L. 201/ 33, SANREMO R.D.L. 2248/ 27) mentre il quarto, SAINT VINCENT, è stato autorizzato nel dopoguerra da un provvedimento della Regione Val d Aosta, quasi a voler regolarizzare una situazione di fatto. Il codice penale, agli artt. dal 718 al 722, ed insieme all art. 110 del Tulps reprime il gioco d azzardo nelle case da gioco, inteso ogni luogo di convegno, anche privato, destinato al gioco d azzardo, anche se lo scopo del gioco è sotto qualsiasi forma dissimulato (art. 721 c.p.). La nozione di gioco d azzardo è fornita dall art. 721 c.p. il quale richiede perché un gioco possa definirsi in tal senso la presenza di due elementi: il fine di lucro e anche parzialmente la aleatorietà della vincita o della perdita. È pacifico che la valutazione dell aleatorietà deve essere effettuata sulla base della natura e delle regole del gioco, considerate non solo nella loro astrattezza, ma anche nella concreta applicazione (vedasi ad esempio nel caso del Poker Texas Hold em le varie regole del re-buy). Vale a dire che la vincita o la perdita deve dipendere interamente dalla sorte e non già dalla perizia del giocatore. Peraltro una simile definizione può creare uno iato fra teoria e pratica, dato che anche nei giochi ritenuti di mera sorte vi è sempre una qualche influenza, anche se minima, esercitata dall abilità, dall accortezza o dal calcolo personale del singolo; come, al contrario, nei giochi di abilità c è sempre un margine di fortuità che incide sulla perizia dei partecipanti. È opportuna quindi l estensione della definizione normativa anche all ipotesi della vincita o della perdita quasi interamente aleatoria, in quanto, perché un gioco sia d azzardo, si richiede che l esito dipenda interamente o quasi dalla sorte; così facendo il legislatore ha inteso riferirsi anche ai giochi nei quali quest ultima abbia, se non un influenza esclusiva, di certo una componente poco meno che decisiva. Occorre, dunque, prescindere dall inseparabilità del caso dalla abilità, e considerare, invece, l uno e l altra come causa unica apparente dell esito, per convincersi che vi sono giochi in cui il risultato non lascia spazio alla fortuna (gioco degli scacchi), mentre ve ne sono diversi ove tutto dipende dal caso: si pensi alla roulette, alle lotterie, alla tombola o alla riffa. Sussistono infine giochi ove l abilità del giocatore si combina in vario modo con la sorte. L aleatorietà del gioco deve, in sintesi, fondarsi su criteri obiettivi, e nella individuazione del rapporto abilità-sorte la prima non esclude il carattere di gioco d azzardo allorché la vincita o la perdita dipende in modo rilevante (gioco delle tre carte) dalla capacità di individuare l elemento vincente, non in conseguenza di una particolare bravura intellettuale o fisica, ma di mere sensazioni, tanto più fallaci e fortunose quanto più rilevante è la destrezza del tenutario del gioco.

3 L accertamento dell aleatorietà di un gioco dà luogo in definitiva a un indagine di fatto da eseguirsi caso per caso, tenendo conto delle regole di esso e delle sue combinazioni, per mettere nella giusta luce la rilevanza del fortuito. Detta indagine sarà senz altro più complessa per i giochi in cui la vincita o la perdita dipendono parzialmente dall abilità del giocatore: si tratterà allora di valutare l efficienza causale dell abilità, che deve essere pari, superiore o almeno non notevolmente inferiore a quella del fortuito perché si possa escludere l aleatorietà del gioco. Ad un esito opposto si dovrà pervenire quando oltre a mettere a repentaglio le sostanze personali del singolo e della sua famiglia. Per la sussistenza del lucro è importante dunque la valutazione dell entità della posta, che, quando è minima, esclude di norma un tal fine, sia che la vincita vada a beneficio dei giocatori o venga destinata al pagamento di piccole spese di gioco, sia che serva per modiche consumazioni. Concludendo, anche l accertamento del fine di lucro, come per l aleatorietà, deve avvenire per caso, apprezzando attentamente e globalmente la tenuità della posta, le condizioni economiche dei giocatori ed ogni altra utile circostanza. l efficacia della sorte rende del tutto trascurabile la bravura del giocatore. Quanto al secondo requisito richiesto per la sussistenza del gioco d azzardo, il lucro, ricorre ogni volta in cui il gioco è praticato per conseguire vantaggi economicamente valutabili in denaro od in altra qualsiasi utilità. È bene subito sottolineare che il lucro non necessariamente deve essere conseguito, dato che la legge colpisce l intenzione di conseguire un vantaggio economico piuttosto che il risultato. Per quanto concerne l esiguità della posta questo è un concetto relativo, che deve essere sempre rapportato a tutte le modalità e circostanze attinenti così al gioco come alle persone e in specie alle loro condizioni economiche: ne consegue che una posta particolarmente esigua, se ripetuta più volte, conduce a un complesso di poste la cui somma non può ritenersi irrilevante o indifferente (pensiamo al caso del re-buy nel Texas Hold em, oltre alla quota iniziale di iscrizione). Il fine di lucro deve essere escluso quando le vincite siano in via preventiva destinate a coprire le spese relative, salva la responsabilità del tenutario, di chi lo agevola o vi partecipa, sempre che si tratti di esborsi notevoli altrimenti mancherebbe un vantaggio economico ovvero allorché le vincite abbiano come originaria destinazione l acquisto di cibi o di bevande da consumarsi insieme. Ma anche in tale ipotesi è necessario valutare attentamente l entità degli acquisti, poiché se il fine in questione può essere escluso per cibarie o bevande di modesto valore, non altrettanto può sostenersi se, ad esempio, le poste sono destinate a coprire le spese di un banchetto per tutti i giocatori. La legge, è chiaro, tende a colpire e punire solo coloro che interpretano il gioco come fonte, seppur occasionale, di un qualsiasi vantaggio economico, cioè di un guadagno, e che rappresentano quindi fattori di potenziale turbativa per la tranquillità e sicurezza pubblica, Venendo alla fattispecie in esame il Texas Hold em è opportuno sottolineare come la spinta dei media stia influendo notevolmente sugli usi e costumi anche del nostro Paese. Con la comparsa delle trasmissioni televisive dedicate a questa particolare forma di Poker, in Italia abbiamo visto nascere due federazioni di detta specialità (FITH e FIGP oggi fuse nella Federazione Italiana Poker) e numerosi circoli più o meno affiliati. Lo scopo, perlomeno dichiarato di dette federazioni, è ottenere il riconoscimento di associazione sportiva dilettantistica, in modo da poter essere riconosciute dal Coni e organizzare così tornei e competizioni di ogni tipo, nella legalità più assoluta. Prima di affrontare l applicazione e la diffusione sul territorio bresciano del Texas Hold em è bene svolgere una precisazione sul decreto legge Bersani n 223/06 (convertito in L. n 248/06), che all art. 38, con una serie di interventi, tende a regolarizzare il gioco a distanza, ovvero online, consentendo alle società anche estere di poter gestire siti ad hoc. Con riferimento al gioco delle carte, invece è la legge Finanziaria n 296/06 che interviene e modifica detto decreto Bersani, introducendo alla lettera b) art. 38 le seguenti parole: i giochi di carte di 67 RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report

4 RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report 2008 MAGGIO-GIUGNO MAY-JUNE 68 qualsiasi tipo, qualora siano organizzati sotto forma di torneo e nel caso in cui la posta di gioco sia costituita esclusivamente dalla sola quota di iscrizione, sono considerati giochi di abilità. Detta modifica ha indotto gli appassionati del Texas Hold em a ritenere che, essendo lecito ogni gioco di carte, fosse possibile anche la divulgazione del Texas con l applicazione di tutto il suo regolamento, che ahimé presenta delle regole in forte contrasto con la nostra disciplina codicistica penale. Infatti, come si è potuto appurare nelle varie modalità di gioco di fatto applicate in detti tornei, oltre alla quota d ingresso necessaria all acquisizione di una consistente quantità di fiches, nell arco della partita sono previsti più momenti (re-buy), gestiti dal responsabile del tavolo, ove il giocatore può acquistare nuovamente una quota di fiches, e ciò si può verificare più volte, anche all infinito. Ma non è finita qui: generalmente dopo la prima ora di gioco viene sancita una sosta, sempre a discrezione del Direttore di gara, e in detta occasione i giocatori possono acquisire nuove fiches (add-one). Queste modalità rientrano a Come funziona il Texas Hold em Il gioco si svolge in sei fasi principali: 1. Puntate obbligatorie: il primo giocatore alla sinistra del mazziere (dealer) paga il piccolo buio [small blind], il secondo paga il grande buio ( Contro Buio big blind). Il grande buio corrisponde alla puntata minima per partecipare al gioco ed è pari al doppio del piccolo buio. 2. Pre-flop: il mazziere distribuisce due carte coperte a tutti i giocatori, a cominciare da quello alla sua sinistra, quindi si fa il primo giro di puntate a partire dal giocatore seduto alla sinistra del giocatore che ha pagato il grande buio. 3. Flop: il mazziere brucia (ossia scarta) una carta e scopre tre carte sul tavolo; queste community cards possono essere utilizzate da tutti giocatori per comporre e migliorare il proprio punto. Una volta girate le tre carte si fa un altro giro di puntate, a partire dal giocatore alla sinistra del mazziere. pieno titolo nel concetto di lucro e di alea come sopra argomentato e pertanto in costanza di esse non si potrà che ravvisare che un gioco d azzardo, tant è che sono all ordine del giorno sequestri di circoli, sale da biliardo e denunce per gioco d azzardo. Come ultimo esempio in ordine di tempo valgano le operazioni condotte dalle Questure di Vicenza, Milano (con il sequestro del Platinum Club ) e di Torino, dove si è arrivati all emanazione dell ordinanza del Questore Stefano Berrettoni, che ha inserito il Poker Texas Hold em nell elenco dei gioco d azzardo ex art. 110 Tulps. Nella città di Brescia, con un paio di uscite spot, si è potuto constatare quanto segue. In un caso (locale di recente apertura) l attività del club sembrerebbe in fase di sviluppo, ed è stato trovato chiuso in alcune occasioni; da informazioni assunte in loco, dagli esercenti vicini, non ha ancora incominciato con il Texas Hold em; all interno vi sono alcune slot; la frequentazione per ora è prevalentemente femminile. Nell altro caso, sempre in città, presso una sala da biliardo, si è appurato che si pratica il gioco delle carte (varie forme di gioco tra cui anche scala quaranta) con puntate nell ordine di 50/100 euro; i proventi maggiori sembrano deriva- 4. Turn (o fourth street): il mazziere brucia una carta e ne scopre un altra. Anche questa può essere utilizzata, come le precedenti, insieme alla propria mano e alle altre tre del flop. Si fa un altro giro di puntate e si passa al giro di puntate successivo. 5. River (o fifth street): il mazziere brucia una carta, scopre l ultima community card e i giocatori fanno l ultimo giro di puntate. A questo punto, sul tavolo, ci sono cinque carte scoperte, utilizzabili da tutti, e ogni giocatore possiede le sue due carte coperte. Il punto del giocatore è dato dalla migliore combinazione possibile scegliendo cinque carte delle sette a disposizione. 6. Showdown: Il giocatore che ha effettuato l ultima puntata (e non ci fossero state puntate nell ultimo giro tocca al giocatore alla sinistra del bottone) mostra le proprie carte; gli altri partecipanti che hanno visto la sua puntata possono a turno, secondo l ordine del giro fare altrettanto. Il giocatore che ha scoperto il punto più alto vince l intero piatto. In caso di punti equivalenti si aggiudica il piatto il giocatore che possiede la carta o le carte più alte esterne al punto (kicker). Se neanche così si ottenesse uno scarto fra due o più giocatori, questi dividerebbero la posta in parti uguali (split pot).

5 re dalla somministrazione di bevande agli avventori del locale stesso e a quelli dell adiacente locale di lap-dance. La Questura di Brescia, sollecitata in merito alla propria posizione nei confronti di detti tornei e dei locali ove si presterebbe detta attività di gioco, sottolinea come non conceda autorizzazioni in particolare per l apertura dei locali (le licenze sono concesse dalle amministrazioni comunali con riferimento all utilizzazione, destinazione, numero di dipendenti, di slot, rispetto della normativa prevista dall Asl) e per la disputa negli stessi di detti tornei, ma precisa che la propria attività di controllo la porta a porre attenzione a quella che è l applicazione in concreto del gioco nel suo complesso, al fine di poter ravvisare se vi sia o meno stato aggiramento della normativa: la quota di iscrizione, le varie modalità di rebuy, l add-one, ma anche i montepremi che vengono istituiti, essendoci in molti casi premi di elevato valore anche in denaro. Si è in sostanza provveduto a informare i vari Comuni di quelle che sono le indicazioni del Ministero degli Interni, che si rifanno unicamente alla normativa vigente in tema di gioco d azzardo, e di quelle che sono le modalità con cui normalmente detti tornei vengono espletati. Dal canto suo il Comune di Brescia, con riferimento all apertura di sale da gioco, anche nella forma di circoli/club, afferma che la sua autorità è solo riferita alle condizioni dettate dall Asl per l utilizzo dei locali da parte di un certo numero di persone e per la somministrazione di bevande quando prevista. In definitiva, il Comune rilascia permessi e licenze per la somministrazione con conseguente attività ispettiva volta ad evidenziare irregolarità nell espletamento di detti servizi. Praticamente, allo stato, il gioco di per sé non è vietato, basta che ci si attenga a quelle regole, ferree, che non permettono all alea e al lucro di prendere il sopravvento, creando così il reato. Si potrebbe quindi pensare di ipotizzare la creazione di situazioni di Texas Hold em, ma privandolo delle varie forme di rebuy e add-one, contenendo l iscrizione al torneo in una quota nell ordine di 50,00 e prevedendo premi, principalmente in natura, che non si discostino troppo come valore dalla quota di iscrizione. È chiaro che snaturando questo gioco, privandolo delle particolari regole che creano eccitazione e pathos, si va incontro a una flessione drastica dell intrinseco interesse per lo stesso; d altro canto a Le disposizioni della Questura di Bari In riferimento alle note del prot. n.2800 P.M. e n 2922 P.M del 9/05/2007, si comunica che i tornei di Texas Hold em sportivo, promossi dall associazione in oggetto e affiliata alla F.l.G.P. svolti secondo le regole indicate dai regolamenti nazionali della stessa F.I.G.P., sono stati oggetto di valutazione da parte del Ministero dell Interno, che ne ha determinato i requisiti di liceità. In particolare le manifestazioni in argomento, aventi ad oggetto gare di poker, potranno ritenersi consentite soltanto qualora abbiano come esclusivo scopo quello di sviluppare l attività sportivo-ricreativa. A tal fine le regole del gioco dovranno rispettare le seguenti condizioni: la quota di iscrizione alle gare, predeterminata, non deve essere superiore a 50,00, al fine di evitare esposizioni pregiudizievoli; l associazione che organizza i tornei in argomento, potrà chiedere ai soci-giocatori oltre alla quota di iscrizione anche un proporzionale contributo, non superiore al 10% della quota d iscrizione, per sostenere le effettive spese di organizzazione e per i servizi offerti agli associati nel corso dello svolgimento delle gare, significando che deve ritenersi esclusa ogni forma di lucro; i proventi del gioco, prestabiliti e costituiti dalla esclusiva iscrizione, devono essere destinati in maniera esclusiva all acquisto di premi da distribuire ai vincitori; assoluto divieto di pagare premi in denaro; il valore economico dei premi assegnati ai giocatori risultanti vincitori deve essere equivalente al montepremi costituito dalle quote di iscrizione; è fatto divieto, nel corso del gioco, di incrementare la raccolta del denaro attraverso l acquisito ad es. di ulteriori fiches; assenza dell elemento dell aleatorietà della perdita, nel senso che ciascun socio-giocatore deve conoscere con esattezza quanto può vincere e quanto può perdere. Ciò premesso, considerato che dall esame della documentazione inerente le modalità del gioco che l associazione intende promuovere tra i propri iscritti, si evince l impegno ad attenersi alle condizioni sopra descritte, non si rinvengono elementi ostativi allo svolgimento delle preannunciate attività del sodalizio. Per ultimo, si rappresenta che alla luce delle recenti innovazioni normative introdotte dall art. 1 comma 93 della Legge Finanziaria 2006, e delle summenzionate direttive impartite dal Ministero dell Interno, i tornei di Texas Hold em sportivo, svolti in conformità alle disposizioni sopra descritte, non appaiono in conflitto con il divieto di praticare il gioco del poker ex art. 110 di cui alla tabella dei giochi 1 comma Tulps, adottata in data 6 febbraio Il Questore 69 RIVISTA ITALIANA DELL AUTOMATICO report

6 2008 MAGGIO-GIUGNO MAY-JUNE 70 chi interesserebbero i tornei pubblicizzati in televisione se non fossero previsti ingenti premi di denaro per i vincitori? Ma è altrettando chiaro che qualsiasi altra applicazione a oggi configurerebbe senz altro il reato di gioco d azzardo. Concludendo, è vero che lo Stato è intervenuto cercando di regolarizzare una situazione legislativa carente e forse superata dai tempi; è vero che lo stesso ha in alcuni casi favorito il gioco, anche se d azzardo, monopolizzandone la commercializzazione e giustificando il proprio operato con l intento di controllare il rischioso fenomeno sociale, ma è altresì vero che la norma penale non è stata modificata, mentre tutti questi giochi sono interessanti in quanto vi è la convinzione di poter andare incontro a una forte vincita. Il fenomeno del Texas Hold em è in continua evoluzione, le pressioni sono costanti e gli appassionati aumentano di giorno in giorno così come i circoli/club (oltre a varie situazioni nella città di Brescia, si registrano infatti aperture di detti locali anche in provincia, come a Montichiari). È presumibile che da qui a qualche anno si giunga, sotto la spinta congiunta dei molteplici interessi in gioco, a un ulteriore revisione della normativa in essere, anche se occorrerà monitorare a lungo gli effetti sociali che le autorizzazioni ai giochi online porteranno nei prossimi mesi e anni, tenendo conto che in Francia e in altri paesi europei è già forte l allarme sociale verso queste nuove forme di giochi. Riassumendo, se si volesse introdurre nelle proprie attività il gioco del Poker Texas Hold em, occorrerà fare molta attenzione alla sua effettiva applicazione, concentrandosi su due aspetti fondamentali tali da evitare la sussistenza del lucro e dell alea: 1) quote di iscrizione accessibili e premi contenuti, in particolare premi prettamente in natura, ma anche di modico valore tale che possano essere ricoperti dalle suddette quote; 2) modalità di gioco con eliminazione di quelle regole (re-buy e add-one) che portano inevitabilmente, se applicate, a configurare il reato di gioco d azzardo.

REGOLAMENTO DI GIOCO POKER TEXAS HOLD'EM

REGOLAMENTO DI GIOCO POKER TEXAS HOLD'EM REGOLAMENTO DI GIOCO POKER TEXAS HOLD'EM Scopo del gioco La vittoria nei tornei è conseguita da chi riesce ad accumulare tutte le fiches degli altri partecipanti ovvero, nel caso di attribuzione di più

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Pokerclub Texas Hold em modalità torneo

Pokerclub Texas Hold em modalità torneo Regole di gioco Pokerclub Texas Hold em modalità torneo Scopo del gioco Lo scopo del gioco Pokerclub Texas Hold em è riuscire a tenere per sé tutte le chips. Man mano che i giocatori finiscono le chips

Dettagli

Il nuovo Poker. The Next Generation. Special Compendium

Il nuovo Poker. The Next Generation. Special Compendium Il nuovo Poker The Next Generation Special Compendium Prefazione Tutti conoscono il gioco del poker, magari anche solo di nome, pochi sanno che da poco tempo ne esiste una nuova versione. Per gli amanti

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Regolamento di gioco di PokerClub

Regolamento di gioco di PokerClub Regolamento di gioco di PokerClub Obiettivo del gioco Lo scopo del poker Texas Holdem è avere la migliore mano con cinque carte, usando la combinazione delle due carte coperte personali e le cinque carte

Dettagli

1. Floormen (FL) Nelle decisioni dei Floormen (FL), la considerazione del buon senso, della correttezza e la migliore soluzione riguardo allo

1. Floormen (FL) Nelle decisioni dei Floormen (FL), la considerazione del buon senso, della correttezza e la migliore soluzione riguardo allo 1. Floormen (FL) Nelle decisioni dei Floormen (FL), la considerazione del buon senso, della correttezza e la migliore soluzione riguardo allo svolgimento del gioco stesso sono criteri prioritari. Come

Dettagli

Comando Provinciale di Arezzo

Comando Provinciale di Arezzo GIOCO D AZZARDO Legislazione sul gioco d azzardo Auditorium Ospedale San Donato Arezzo, 09 maggio 2009 ASPETTI NORMATIVI La normativa di riferimento innanzitutto è il codice penale capo II sezione 1 artt.

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno

IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno QUANTO è TASSATA LA FORTUNA? Nell attuale periodo di incertezza

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Allegato 1 LETTERA CIRCOLARE Roma, 1 dicembre 2004 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L'ATTIVITA ISPETTIVA Ai Direttori delle Direzioni Regionali del Lavoro LORO SEDI

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 29 luglio 2014 n.126 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visti l articolo 2, comma 10 e l articolo 10, comma 3, della Legge 25 luglio

Dettagli

Regole di base Poker

Regole di base Poker Regole di base Poker Modalità Torneo Nel poker organizzato in forma di torneo i partecipanti hanno in dotazione un monte Chips che costituisce lo Stack di partenza uguale per tutti. Queste chips hanno

Dettagli

Pokerclub Texas Hold em Cash Game

Pokerclub Texas Hold em Cash Game Regole di gioco Pokerclub Texas Hold em Cash Game Scopo del gioco Il gioco Pokerclub Texas Hold em è offerto, nella modalità di gioco Tavoli Cash, nel quale le vincite sono assegnate sulla base dei risultati

Dettagli

Tipologia degli esercizi Numero massimo degli apparecchi installabili

Tipologia degli esercizi Numero massimo degli apparecchi installabili Informativa E.P. CITTÀ DI TORINO DIVISIONE COMMERCIO SETTORE ATTIVITÀ ECONOMICHE E DI SERVIZIO Con questo scritto il Settore intende fornire le informazioni essenziali che riguardano l installazione di

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI COMUNE DI VEROLENGO Via Rimembranza, 4 CAP 10038 P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel. 011.91.49.102 / 011.91.49.135 Fax 011.91.49.397 Cod. Fisc. 82500370018 P.I. 01716930019 NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna *****

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO COORDINAMENTO ORDINANZA SINDACALE n. 11 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI DI APERTURA E DI ESERCIZIO DELLE

Dettagli

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 UNICO FINE: PROFITTO Situazione attuale: Il contrasto al crimine

Dettagli

REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN

REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN Descrizione della fase iniziale Lo scopo del gioco Hold Em Showdown è quello di scegliere la parte (Banco o Avversario) che otterrà una mano di cinque carte contenente una

Dettagli

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO CITTÀ DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO APPROVATO CON ATTO C.C. N. 38 DEL 07/07/2008 Il presente Regolamento è entrato in vigore il 07/07/2008 INDICE Art. 1 Definizione

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto. dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI

Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto. dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI Forte Village 21-22 settembre 2007 ANACAM, la principale associazione di categoria

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

CONCORSO A PREMI GRAN GALA DEL POKER A SAN SIRO PROMOSSO DALLA SOCIETA COGETECH SPA CL 115/13

CONCORSO A PREMI GRAN GALA DEL POKER A SAN SIRO PROMOSSO DALLA SOCIETA COGETECH SPA CL 115/13 CONCORSO A PREMI GRAN GALA DEL POKER A SAN SIRO PROMOSSO DALLA SOCIETA COGETECH SPA CL 115/13 SOGGETTO PROMOTORE: Cogetech S.p.A., P.za della Repubblica 32, 20124 Milano AREA: Milano presso lo stadio Meazza

Dettagli

Poker tradizionale a 5 carte

Poker tradizionale a 5 carte Poker tradizionale a 5 carte Il poker tradizionale anche denominato poker a 5 carte o 5 card draw è la variante del gioco di carte più conosciuta e diffusa. Le regole e le modalità di gioco variano a seconda

Dettagli

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO

SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SPAMMING: E ILLECITO INVIARE E-MAIL COMMERCIALI SENZA CONSENSO SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Primo periodo: opting out; 3. Primi provvedimenti: passaggio all opting in; 4. li provvedimento del Garante per

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli

IMPARARE A GESTIRE LE COPPIE. Quando ci viene servita una coppia di carte uguali dal dealer. è sempre un bel momento, ma non sempre si è in grado di

IMPARARE A GESTIRE LE COPPIE. Quando ci viene servita una coppia di carte uguali dal dealer. è sempre un bel momento, ma non sempre si è in grado di IMPARARE A GESTIRE LE COPPIE Quando ci viene servita una coppia di carte uguali dal dealer è sempre un bel momento, ma non sempre si è in grado di dare il giusto valore alle carte in nostro possesso, tendendo

Dettagli

Indice. Le origini del gioco 6. Texas Hold em High 14. Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte.

Indice. Le origini del gioco 6. Texas Hold em High 14. Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte. Come giocare Poker Indice Le origini del gioco 6 Ad ogni gioco le sue chips 7 Il Poker si gioca in base a dieci diverse combinazioni di carte. 8 High card (carta più alta) 8 One pair (coppia) 9 Two pairs

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO COMUNE DI SAREZZO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Commercio tel. 030/802021 DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

Registro Ufficiale n. 0019453 del 6 3 2014. e, p.c. Alle Direzioni centrali

Registro Ufficiale n. 0019453 del 6 3 2014. e, p.c. Alle Direzioni centrali Direzione Centrale Accertamento e Riscossione Area Monopoli Registro Ufficiale n. 0019453 del 6 3 2014 Alle Direzioni Territoriali e Sezioni distaccate Area Monopoli e, p.c. Alle Direzioni centrali - Coordinamento

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16)

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16) SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Maggio 2016 Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande Dom.15 (termine differito a lunedì 16) Iva Registrazione Termine ultimo per l annotazione delle

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 Oggetto: DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI ESERCIZIO PER LE ATTIVITA DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, COMMERCIO SU AREA PUBBLICA, SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

CIRCOLARE n. 1 / 2006

CIRCOLARE n. 1 / 2006 CIRCOLARE n. 1 / 2006 PROT. n 326 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DC Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare. Ulteriori chiarimenti per la corretta attuazione dell art. 1, comma 336, della

Dettagli

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Nel giudicare l equità del trasferimento di risorse implicito nel finanziamento pubblico degli atenei va considerato

Dettagli

Molti centri sportivi si

Molti centri sportivi si il consulente del club di Luca Mattonai Molti centri sportivi si domandano se possono fare la pubblicità alla propria struttura o ai corsi che istituiscono, ma ad oggi nessun chiarimento è mai giunto da

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza -

R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - R.D. 773 del 18/06/1931 - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza - Art. 110. 1. In tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di Pagamento diretto dei subappaltatori e anticipazione su fattura: due novità che faranno discutere di Massimo Gentile 1. In attuazione di quanto disposto dall articolo 25, comma 3, della Legge 18 aprile

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati:

La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 28/2014/SRCPIE/VSGF La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Dott. Giancarlo

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno a cura dell Avv. Valentina Stefutti Il Ministero dell Interno, con nota circolare prot. 1795 del

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

13/06/13 BANCA DATI CNI

13/06/13 BANCA DATI CNI 13/06/13 BANCA DATI CNI Stampa bancadati@cni-online.it Rif. DV10968 Documento Fonte Tipo Documento 30/07/2012 CIRCOLARE - XVIII SESSIONE CNI CIRCOLARE Numero 104 Data 30/07/2012 Riferimento PROT. CNI N.

Dettagli

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004).

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Sono pervenute allo scrivente Servizio molteplici richieste

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

Prot. 2009/ 44059 /Giochi Ltt

Prot. 2009/ 44059 /Giochi Ltt Prot. 2009/ 44059 /Giochi Ltt INDIZIONE E MODALITÀ TECNICHE DI SVOLGIMENTO DELLA LOTTERIA AD ESTRAZIONE ISTANTANEA CON PARTECIPAZIONE A DISTANZA DENOMINATA NUOVO FAI SCOPA ON LINE IL DIRETTORE GENERALE

Dettagli

Roma, 6-3- 2007, prot. 2409 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura 60124 ANCONA

Roma, 6-3- 2007, prot. 2409 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura 60124 ANCONA Roma, 6-3- 2007, prot. 2409 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura 60124 ANCONA Oggetto: elenchi dei protesti - Sanzionabilità ufficiali levatori da parte delle Camere di commercio per

Dettagli

Piatti/showdown : 13. Side pot

Piatti/showdown : 13. Side pot REGOLAMENTO TORNEI POKER CASINO DI VENEZIA - POKER HOUR CONCETTI GENERALI: Premessa: I tornei di Tekas Hold'em Poker che si svolgono al Casinò Municipale di Venezia, sono disciplinati dal "Codice di Gara"

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI

REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina l attività di sponsorizzazione, da parte di soggetti terzi, di eventi, progetti, iniziative e attività promossi,

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

PAOLA FOSSATI. Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE

PAOLA FOSSATI. Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE PAOLA FOSSATI Università degli Studi di Milano ASPETTI GIURIDICI E REGOLAMENTAZIONE EUROPEA DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE La nuova sensibilità nei confronti degli animali non umani e il progredire delle

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

giuridiche legittimate dall Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato l acquisizione di una concessione a gestire il mercato del gioco pubblico

giuridiche legittimate dall Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato l acquisizione di una concessione a gestire il mercato del gioco pubblico Poker nei Circoli VISTA la relazione del 19 settembre 2008, pervenuta il 22 settembre successivo, con la quale il Ministero dell interno Dipartimento della pubblica sicurezza ha chiesto il parere sul quesito

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n.

Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n. Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n. 219 del 2006 1 Per effetto della modifica costituzionale del 2001, riguardante

Dettagli

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale:

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale: Accertamento e Verifiche di Thomas Tassani Il principio di specialità nelle sanzioni tributarie, amministrative e penali il caso dell indebita compensazione dei crediti e dell infedele dichiarazione Rapporti

Dettagli

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale COMUNE DI SIENA Direzione Generale CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) 1) Natura e finalità della valutazione La valutazione del merito consiste in un

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94

L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94 L attività di accertamento e contestazione degli organi di vigilanza: princìpi essenziali del d.lvo 758/94 Dott. Luca Poniz Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano Parma 19 febbraio 2007

Dettagli

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella

Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Società cooperative e studi di settore di Sara Armella Un tema spesso controverso e dibattuto, che ogni anno torna di grande attualità con la presentazione della dichiarazione dei redditi, è quello dell

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche CIRCOLARE A.F. N. 141 del 20 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche Gentile cliente, desideriamo informarla

Dettagli

L'esonero contributivo triennale per l'assunzione. a tempo indeterminato;

L'esonero contributivo triennale per l'assunzione. a tempo indeterminato; MAP L'esonero contributivo triennale per l'assunzione A cura di Luca Furfaro Consulente del lavoro in Torino Analizzeremo l esonero contributivo triennale per le assunzioni a tempo indeterminato, effettuate

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

RISOLUZIONE N. 8 /DPF

RISOLUZIONE N. 8 /DPF RISOLUZIONE N. 8 /DPF Roma, 21 marzo 2008 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Prot. n. 4991-2008/DPF/UFF OGGETTO: Art. 29 del d. l.

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. MNUC REG. UFF. 0064213 30/7/2014 U Agenzia delle Dogane e dei Monopoli IL VICEDIRETTORE Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Il sottoscritto (Cognome e nome): Luogo e data di nascita / / Residente in alla Via n Codice Fiscale TEL

Il sottoscritto (Cognome e nome): Luogo e data di nascita / / Residente in alla Via n Codice Fiscale TEL COMUNE DI CAROVIGNO (BR) PROV. BRINDISI Settore Gestione del Territorio Urbanistica LL. PP. Sezione Attività Produttive SUAP Polizia Amministrativa Commercio AVVERTENZA: la presente segnalazione certificata

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE. Ord. n. 10 Data, 26 febbraio 2010 IL SINDACO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE UFFICIO SEGRETERIA - COMMERCIO VIA ROMA N. 46 33037 PASIAN DI PRATO - TEL. 0432/645953 FAX 0432/645918 E-MAIL: segreteria@comune.pasiandiprato.ud.it Ord. n.

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1

FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI. di Avv. Luca Giacopuzzi 1 FIDELITY CARD E TUTELA DELLA PRIVACY: INDICAZIONI OPERATIVE PER EVITARE SANZIONI di Avv. Luca Giacopuzzi 1 I programmi di fidelizzazione a favore della clientela costituiscono, essenzialmente, un operazione

Dettagli

- il materiale frangibile per evitare danni in caso di impatto (specie in centro urbano);

- il materiale frangibile per evitare danni in caso di impatto (specie in centro urbano); IL DISSUASORE A CABINA : ASPETTI GIURIDICI Il Dissuasore a Cabina (conosciuto con il nome commerciale di Speed Check o di Velo OK ) dal punto di vista giuridico altro non è che un box contenitore di apparecchiatura

Dettagli

PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Malgrado che nel linguaggio comune accade sovente che l associazione viene identificata con la società e viceversa, con un uso

Dettagli