Economic Overview. CRIF Rating Agency HIGHLIGHTS. SCENARIO NAZIONALE Le dinamiche complessive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economic Overview. CRIF Rating Agency HIGHLIGHTS. SCENARIO NAZIONALE Le dinamiche complessive"

Transcript

1 CRIF Rating Agency Economic Overview HIGHLIGHTS Nella seconda parte del 2014 si assiste ad un andamento ancora incerto e deludente dell economia italiana che, nel rallentamento del Pil degli ultimi trimestri esprime ancora una volta grandi difficoltà ad uscire dalla crisi. Rimangono irrisolti i rischi di deflazione e si protrae la restrizione creditizia. Anche il sistema imprenditoriale continua a mostrare segnali di difficoltà, evidenti nel peggioramento della rischiosità. Elementi positivi osservati come il deprezzamento del cambio dell euro, la decisa contrazione del prezzo del petrolio e l abbassamento dei tassi di interesse potranno essere di stimolo alla domanda. Il ruolo della politica fiscale interna e di quella monetaria, già da tempo espansiva, è fondamentale per un progressivo recupero dei consumi e della fiducia. Nel secondo e terzo trimestre del 2014 il tasso di variazione del Pil peggiora e inverte la tendenza al recupero. I consumi segnano dinamiche lievemente positive mentre gli investimenti continuano a calare. L indice della produzione industriale mostra andamenti discontinui registrando un lieve miglioramento a novembre Il tasso di default sulle imprese mostra a settembre 2014 un lieve aumento attestandosi al 5.9% rispetto al 5.5% del trimestre precedente: il commercio al dettaglio si conferma il segmento più rischioso. I prestiti alle famiglie e alle imprese mostrano cali meno consistenti. L inflazione torna a zero a fine anno dopo cenni di variazioni positive, a causa dell ulteriore calo dei beni energetici. Il tasso di inflazione medio annuo per il 2014 è pari a +0,2. Rimane critica la situazione del mercato del lavoro dove nei mesi autunnali gli occupati registrano un nuovo calo. A livello internazionale si segnala una ripresa alquanto debole dei paesi europei mentre gli Stati Uniti tornano ai livelli precrisi. SCENARIO NAZIONALE Le dinamiche complessive Tasso di variazione tendenziale, valori concatenati Nel II e III trimestre 2014 si è interrotto il trend di ripresa osservato nei periodi precedenti. Il Pil registra a settembre 2014 una contrazione del -0.5%. La variazione complessiva acquisita per il 2014 è pari a -0,4%. L andamento del Pil è frutto di variazioni minimali dei consumi e di una protratta contrazione degli investimenti, mentre un contributo positivo viene espresso ancora una volta dalla bilancia commerciale. In un contesto di complessiva stabilità dei consumi, nel III trimestre 2014 emerge la dinamica positiva del segmento dei durevoli e semidurevoli che rispetto al periodo precedente crescono rispettivamente del +1.9% e +1.1%; al contrario la componente dei servizi e dei beni non durevoli rimane stabile (-0.1 rispetto al II trimestre). Per quanto riguarda gli investimenti si continua ad osservare un trend complessivamente negativo, ma con importanti differenze nelle varie componenti. Gli investimenti in mezzi di trasporto registrano un aumento significativo nel II trimestre 2014 sul trimestre precedente del +3.3%, ma un drastico peggioramento nel III trimestre con una variazione negativa del - 4.9%. Gli investimenti in costruzioni e la componente dei macchinari continuano a registrare un ulteriore calo (rispettivamente -0.5 e -0.9), senza differenziarsi dunque dai periodi precedenti. Le esportazioni si confermano ancora una volta la componente che offre il maggior contributo al Pil con un aumento tendenziale del +1.3%; contestualmente le importazioni subiscono un lieve calo pari al -0.7% a dimostrazione della debolezza della domanda interna. Sul finire del 2014 si assiste ad una nuova diminuzione dell inflazione che nei mesi Economic Overview Copying prohibited 1 of 11 <26 January 2015>

2 PIL e component di spesa - Variazioni percentuali sul trimestre precedente PIL Cons umi finali Investim enti fissi lordi Export Import 13 I -0,9-0, ,1 II -0,2-0,4 0,1 0,3-0,9 III -0,0-0,2-0, IV 0,1 0, ,6 14 I -0,1 0,0-1,1 0,2-0.7 II -0,2 0, III -0,1 0,0-1,0 0,2-0.3 Dati destagionalizzati e corretti per effetti di calendario, valori concatenati autunnali mostrava cenni di ripresa, sia come effetto della debolezza dei consumi che per il calo rilevante del prezzo del petrolio, continuando a sostenere il rischio di deflazione. Si annulla il divario tra le varie componenti in termini di frequenza di acquisto. Il tasso di inflazione medio annuo per il 2014 è pari a +0,2%, in rallentamento di un punto percentuale rispetto al 2013 (+1,2%). Il dato dell occupazione continua a peggiorare registrando a novembre 2014 un calo degli occupati di circa 90 mila unità rispetto al giugno precedente. Il tasso di disoccupazione risulta in crescita, attestandosi al 13.4%. Inoltre la sua composizione mostra come la condizione di disoccupato coinvolga tutti adulti capofamiglia, istruiti, residenti al Nord e abbia raggiunto dimensioni drammatiche per i giovani (si ricorda il problema dei Neet1). Una perdita così consistente di lavoro va ad aggiungersi ai ritardi strutturali in termini di bassa partecipazione al mercato del lavoro delle donne e nel Mezzogiorno. Il mercato del lavoro rappresenta ancora il punto debole di una possibile ripresa: l incertezza sulle prospettive limita gli investimenti e dunque l offerta di lavoro da parte delle imprese. La riforma attuata con l approvazione del Job Act, darà origine a nuovi provvedimenti dall esito sull occupazione ancora non prevedibile. Le vendite al dettaglio pur continuando a risentire della debolezza del mercato interno, mostrano qualche segnale di recupero nella seconda metà del 2014 sia per le vendite nelle piccole superfici sia per la grande distribuzione. Tuttavia la variazione complessiva tendenziale del 2014 (gennaio-ottobre) risulta negativa e rispettivamente pari a -1.9% e -0.5%. Per quanto riguarda le famiglie consumatrici, il potere di acquisto, tenuto conto dell'inflazione, nel terzo trimestre del 2014 è aumentato dell'1,9% rispetto al trimestre precedente e dell'1,5% rispetto al terzo trimestre del 2013 mentre la propensione al risparmio è risultata in aumento e pari al 10.8%. Sul reddito reale disponibile hanno avuto un impatto positivo le misure contenute nella Legge di stabilità dedicate alle famiglie a basso reddito. Il clima di fiducia mostra un trend in lieve ma progressiva contrazione da maggio Il peggioramento del sentiment dei consumatori è certamente legato al deludente andamento dell economia e in particolare del mercato del lavoro che mostra prospettive ancora negative. Rimane il grave problema del debito pubblico, che a novembre 2014 toccava quota miliardi. con un rapporto sul Pil pari al 132%. Source: Istat IL SISTEMA PRODUTTIVO Nella seconda metà del 2014 la produzione industriale ha registrato un andamento ancora instabile e altalenante. Complessivamente nell arco di tempo gennaio-novembre 2014 in media d anno si è avuto un calo di circa l 1%, che riflette dinamiche settoriali differenti. In particolare nei primi 11 mesi del 2014 le variazioni negative maggiori rispetto allo stesso periodo del sono state registrate per il settore delle apparecchiature elettriche ed apparecchiature (-10%), coke e prodotti petroliferi (- 6.4%), chimico-farmaceutico (-1%) mentre i maggiori incrementi appartengono al prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+2.2%) e ai mezzi di trasporto (+3.6%). L andamento degli ordinativi mostra un trend in lieve peggioramento per la componente estera negli ultimi mesi osservati mentre rimane stazionaria la componente interna. Il clima di fiducia delle imprese a novembre 2014 risulta essere in ripresa soltanto nel settore del commercio, stabile in quello manifatturiero e in calo nelle costruzioni e nei servizi. L andamento delle immatricolazioni è risultato in netto miglioramento rispetto al I dati di chiusura del 2014 mostrano una crescita del totale degli autoveicoli del +5% 1 NEET (Not engaged - in Education, Employment or Training): individui che non sono impegnati nel ricevere un'istruzione o non stanno partecipando a corsi di formazione, che non hanno un impiego e non lo stanno cercando pur non essendo impegnati in altre attività assimilabili (ad esempio tirocini o lavori domestici). 2 Dati corretti per gli effetti di calendario Economic Overview Copying prohibited 2 of 11 <26 January 2015>

3 (+4,2% per le sole autovetture) invertendo la tendenza alla contrazione che si osservava ormai da diversi anni. Fonte: Istat Il mercato immobiliare italiano nel III trimestre 2014 registra una variazione positiva delle compravendite con un tasso tendenziale del 3.6% complessivo e una crescita del 4.1% per il solo segmento delle abitazioni, in un contesto di prezzi ancora in lieve contrazione (fonte Agenzia del Territorio). Nonostante questi segnali positivi, l andamento ancora incerto del mercato è legato non solo a condizioni reddituali e occupazionali deboli ma anche alla normativa fiscale che negli ultimi tempi ha subito numerose variazioni generando incertezza sulla tassazione degli immobili. IL MERCATO DEL CREDITO La lentezza e fragilità della ripresa condiziona la politica monetaria della Bce che è nuovamente intervenuta a settembre con una ulteriore riduzione del tasso di riferimento allo 0.05% (l abbassamento precedente era stato fatto a giugno 2014). La ripresa dei finanziamenti per il sostegno all economia reale risulta ancora un elemento cruciale dopo oltre due anni di tassi di crescita negativi dello stock, generati da politiche di offerta particolarmente restrittive e da una domanda di credito debole. I prestiti alle imprese a Novembre 2014 subiscono ancora una variazione negativa, seppure in attenuazione, pari al -2.6% mentre i prestiti alle famiglie registrano un calo del -0.5 %. Per quanto riguarda il credito alle famiglie l attività di erogazione (nuovi finanziamenti) di credito al consumo nei primi 9 mesi del 2014 torna a mostrare un evoluzione positiva, dopo cinque anni di flessione. Tasso di crescita tendenziale corretto per le cartolarizzazioni Fonte: Banca d Italia I flussi finanziati risultano infatti in aumento del +1.2% rispetto allo stesso periodo del La ripresa è stata trainata dai finanziamenti finalizzati all acquisto di autoveicoli e motocicli (+6.8%). I finanziamenti finalizzati all acquisto di altri beni/servizi (appartenenti a settori quali arredo, elettronica ed elettrodomestici, e altri beni e servizi finanziabili, tra i quali viaggi, spese mediche, palestre) continuano invece a mostrare un calo del -6.9%. I prestiti personali confermano anche nei primi 9 mesi del 2014 una contrazione dei flussi (-1.5%). Si sottolinea il miglioramento nel segmento dei mutui immobiliari che crescono del 5.3%, con un deciso aumento delle surroghe, grazie alle migliori condizioni dell offerta. La competizione tra operatori è stata giocata soprattutto sulla convenienza del tasso variabile, dovuta alla riduzione dei costi di raccolta e dal basso livello dei tassi Euribor. Fonte: Banca d Italia I tassi di interesse sulle nuove erogazioni continuano a ridursi leggermente sia per i privati che per le famiglie produttrici. Ad Aprile 2014 il tasso sui mutui è stabile al 3.5% mentre a novembre scende al 2.9% circa così come per il tasso relativo al credito al consumo che nello stesso periodo passa dal 7.8% circa al 7.4%. Nel corso del 2014 il rischio di credito nel segmento retail si è mantenuto sostanzialmente stabile, con un lieve rientro dei tassi di default a settembre 2014, riflettendo sia la prudenza della domanda che la selettività dell offerta di credito. Per i mutui il tasso di default scende all 1.8% a settembre 2014 e per il credito al consumo si posiziona al 2.5%. Il tasso di default sulle imprese mostra invece in questo autunno un lieve aumento attestandosi al 5.9%, rispetto al 5.5% del trimestre precedente, invertendo la tendenza alla contrazione che si manifestava dalla metà del Entrando nello specifico dei singoli macro settori, si nota come il commercio al dettaglio, con il 6.4%, abbia un tasso di default lievemente più alto degli altri comparti considerati. Nei servizi, invece, la dinamica del rischio segue il trend di crescita mantenendo il tasso di default sostanzialmente in linea con la media nazionale. Fonte: CRIF Rating Agency Anche la parte manifatturiera del paese mostra un peggioramento e, seppure nella variabilità delle diverse specializzazioni, esprime complessivamente un tasso di default in aumento e pari al 6.1%, rispetto al 5.6% del trimestre precedente. Economic Overview Copying prohibited 3 of 11 <26 January 2015>

4 LE PREVISIONI GDP growth rate Italy IMF Jan Confindustria Dec EU Commission Nov OECD Nov La lentezza e l esiguità della ripresa condizionano anche le previsioni per l anno in corso che sono state riviste al ribasso da diversi istituti. Viene infatti confermato il calo del Pil per il 2014 e una dinamica positiva nel 2015 che si consoliderà nel 2016 quando si assisterà ad una effettiva ripresa delle componenti dell economia nazionale. A gennaio 2015 il Fondo Monetario Internazionale prevede che il Pil italiano crescerà quest'anno dello 0,4%, ovvero 0,5 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di ottobre, per poi accelerare nel 2016 a +0,8% (-0,5 punti). IL CONTESTO INTERNAZIONALE Anche nell Area Euro la ripresa risulta debole nel corso del 2014 e per la chiusura d anno viene prevista una crescita ancora contenuta. Tuttavia ci sono segnali di recupero nei vari paesi e nelle diverse componenti del Pil, che per l intera Area cresce nel terzo trimestre 2014 del +0.8% in ragione d anno. Le difficoltà dell Unione Europea si sono manifestate nell andamento deludente delle principali economie come quella tedesca che per la prima volta dopo due anni, arretra a partire dal secondo trimestre. La Germania si conferma comunque la principale economia dell area Euro con una previsione di crescita annua per il 2014 del +1.5%, rivista al ribasso dopo il rallentamento osservato nei mesi centrali dell anno. Il II e III trimestre del 2014 hanno infatti registrato una frenata delle principali componenti del Pil, in particolare degli investimenti, mostrando un indebolimento complessivo dell economia tedesca. Fonte: Eurostat, tasso di crescita tendenziale Nel terzo trimestre del 2014 il Pil della Germania, è cresciuto dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e del 1.2% annuo, come sintesi di una migliore performance dei consumi privati che sono aumentati dello 0.7% rispetto al II trimestre 2014, di esportazioni in recupero con una crescita congiunturale del +1.9% e del contributo negativo proviene dagli investimenti che registrano un ulteriore calo del -0.9%. Le principali difficoltà dell economia tedesca sono visibili anche nel calo della produzione industriale.il tasso di disoccupazione si mantiene comunque costante al 6.7%. Nel III trimestre l economia francese sorprende positivamente per una crescita del Pil sopra le attese e pari al +0.3% sul trimestre precedente e a +1.6% in ragione d anno. A trainare sono i consumi delle famiglie (+0,2%) e quelli del settore pubblico (+0,5%) nonché le esportazioni che crescono del +0.5% a livello congiunturale. Nel trimestre precedente l economia aveva visto una discesa del -0,1%. Risultano in miglioramento i conti della Spagna che nel terzo trimestre registra un Pil in crescita dello 0.5% sul trimestre precedente e del +1.9% in ragione d anno, confermando la ripresa già osservata nei mesi precedenti e determinando l uscita dalla recessione. Anche il mercato del lavoro mostra un andamento positivo con il tasso di disoccupazione che scende al 23.7% a settembre 2014 (era al 26.1% un anno prima). Il recupero economico in generale è dovuto soprattutto all aumento dei consumi privati, a una forte fiducia da parte dei consumatori, a una ripresa degli investimenti delle imprese e della produzione industriale. Tutto questo si inserisce in un quadro di riforme strutturali che hanno riguardato prevalentemente il mercato del lavoro e i tagli alla spesa pubblica. Indice armonizzato, tasso di crescita tendenziale Fonte: Eurostat L inflazione nell area Euro si è progressivamente ridotta toccando il -0.2% a dicembre 2014, generato dal calo dei prezzi dei beni energetici. Il rischio deflazione rimane dunque presente nelle principali economie europee e condiziona la politica monetaria della Bce che rinnova il suo impegno a mantenere i tassi sui livelli minimi e ad intervenire con strumenti di sostegno alla ripresa e di controllo dell inflazione. In settembre e in dicembre 2014 sono state attuate due operazioni di rifinanziamento a lungo termine che hanno avuto effetti molto modesti sui prezzi al consumo e sul credito. In questo mese di gennaio la BCE è nuovamente intervenuta attraverso il Quantitative Easing, una delle ultime frecce all arco della politica monetaria, immettendo liquidità nel sistema fino al 2016 per riportare i livelli dell inflazione al 2% e per rilanciare l economia dell eurozona. La dinamica dei prestiti si è mantenuta negativa nella media dell Area Euro. Secondo un dettaglio territoriale a fine 2014 i prestiti alle imprese hanno registrato tassi di crescita dello stock positivi soltanto nell Europa settentrionale, come in Germania (+1.5%) e in Francia (+2.3%), mentre permangono dinamiche negative nei paesi del Mediterraneo come ad esempio la Spagna che a novembre registra un calo dello stock del -9.1%. Nel segmento dei prestiti alle famiglie, nella media dell Area l andamento registra ancora tassi di crescita negativi (-0.4% a novembre 2014) con cali più accentuati per Spagna e Francia (-3.9% e -1.4% rispettivamente a novembre 2014). Gli Stati Uniti hanno visibilmente accelerato la propria corsa registrando una crescita del 5% nel terzo trimestre del 2014 rispetto al trimestre precedente (+2.7% in ragione Economic Overview Copying prohibited 4 of 11 <26 January 2015>

5 d anno). L accelerazione era già visibile a giugno 2014 quando il Pil aveva mostrato una crescita del 4.6%. Tale andamento è frutto delle buone performance delle sue componenti, quali i consumi che crescono a livello congiunturale del 3.2%, degli investimenti (+7.2%), delle esportazioni (+4.5%). Risultano invece in rallentamento le importazioni. Il percorso di crescita degli Stati Uniti è stato affiancato dalla ripresa del mercato immobiliare in cui i prezzi sono tornati a salire, da una politica energetica in cui si è progressivamente ridotta la dipendenza dal petrolio, e da un livello di produzione industriale che è tornata sui livelli pre-crisi. Tasso di crescita tendenziale Fonte: Bureau of Economic Analysis Tra gli altri fattori positivi che sostengono la ripresa dell economia americana si evidenzia il miglioramento della condizione economica delle famiglie che hanno attuato un lungo processo di deleveraging, sceso di 27 punti percentuali dalla fine del 2007 (al 105 per cento). Nel corso del 2014 si è progressivamente ridotto il piano di stimolo all'economia Usa; a ottobre 2014 la Fed ha comunicato di voler concludere il Quantitative Easing iniziato nel I tassi di riferimento vengono mantenuti al minimo storico tra lo 0 e lo 0,25%. Per quanto riguarda l andamento degli impieghi si assiste ad una dinamica instabile e in lieve rallentamento negli ultimi trimestri soprattutto per il segmento corporate che è tornato a crescere dal Nel terzo trimestre del 2014 gli impieghi sono cresciuti complessivamente del 5.2% per le imprese e del 2.7%% per le famiglie. Negli Stati Uniti il rischio di credito continua lentamente a scendere nel corso del 2013 sia per i prestiti al consumo che per i mutui. Le principali economie emergenti hanno mostrato nel 2014 trend in lieve peggioramento. Tasso di crescita tendenziale, destagionalizzato Fonte: Federal Reserve Per quanto riguarda la Cina, il terzo trimestre ha mostrato segnali di indebolimento della crescita che sembra proseguire anche in chiusura d anno. La crescita del Pil a livello tendenziale del +7.3% nel terzo trimestre (+7.5% nel II trimestre), è risultata comunque superiore alle aspettative. Per il 2015 è prevista una crescita del 7%. La produzione industriale risulta in calo così come gli investimenti, prevalentemente a causa del forte rallentamento del mercato immobiliare che ha avuto ripercussioni su tutta la filiera generando un aumento della disoccupazione. Sono state introdotte misure straordinarie per arginare gli effetti della crisi immobiliare: la banca centrale ha ridotto i tassi di riferimento e anche quelli sui mutui per incentivare la domanda. Tuttavia rimangono dubbi sull efficacia delle misure adottate e sulla crescita futura della Cina, oggi sostenuta soprattutto dalla domanda estera. In India il terzo trimestre del 2014 registra una crescita del 5.3% cento su base annua. Nello stesso periodo l economia del Brasile ristagna con un Pil risultato in aumento rispetto al trimestre precedente dello 0,2%, a causa della debolezza degli investimenti e in generale della domanda interna, generando un calo rilevante della produzione industriale. Ciò conferma le previsioni pessimiste di inizio anno. Risulta ancora in rallentamento l economia russa, dove il Pil decelera anche nel terzo trimestre (+0,7% in ragione d anno). Numerosi sono i fattori che incidono su tale andamento. Tra i principali si rileva il crollo del rublo e del prezzo del petrolio, le sanzioni imposte per la questione Ucraina. I fattori di incertezza legati alla situazione geopolitica hanno causato una consistente fuga di capitali nel corso del Nonostante l andamento economico sia risultato sopra le attese, le prospettive continuano ad essere negative visto che la domanda domestica e gli investimenti dovrebbero rallentare ulteriormente. Tasso di crescita tendenziale, destagionalizzato Source: National Statistics Analysts Daniela Bastianelli, Senior Analyst Tel.: Economic Overview Copying prohibited 5 of 11 <26 January 2015>

6 STATISTICHE - ITALIA Consumi Investimenti Source: ISTAT Import - Export Commercio al dettaglio Source: ISTAT Prezzi alla produzione - indice Costo del lavoro per unità Source: ISTAT Economic Overview Copying prohibited 6 of 11 <26 January 2015>

7 Occupazione Immatricolazioni Source: ISTAT Source: ANFIA tasso di crescita Tasso di default - Mutui Tasso di default Credito al consumo Source: CRIF Tasso di default 90past due totale imprese Tasso di default 90 past due - imprese Source: CRIF Rating Agency Economic Overview Copying prohibited 7 of 11 <26 January 2015>

8 STATISTICHE - ESTERO Pil principali paesi europei Euro Area - inflazione Fonte: Eurostat tasso di crescita tendenziale Tasso di riferimento - BCE Euribor Fonte: BCE Euro Area prestiti alle famiglie Euro Area prestiti alle imprese Fonte: Eurostat - tasso di crescita tendenziale Economic Overview Copying prohibited 8 of 11 <26 January 2015>

9 USA - Consumi USA - Investimenti Fonte: Bureau of Economic Analysis - tasso di crescita tendenziale USA - Import - Export USA Tasso di disoccupazione Fonte: Bureau of Economic Analysis - tasso di crescita tendenziale Fonte: Bureau of Labor Statistics USA Delinquency Rate Prezzo del petrolio - $ Fonte: Federal Reserve Fonte: Eurostat Prezzo al barile Economic Overview Copying prohibited 9 of 11 <26 January 2015>

10 FORECAST INTERNATIONAL MONETARY FUND Overview of the World Economic Outlook Projections (January 2015) (Percent change) Year over Year Projections World Output 1/ Advanced Economies United States Euro Area Germany France Italy Spain Japan United Kingdom Emerging Market and Developing Economies 1/ Russia China India Brazil Mexico Commodity Prices (U.S. dollars) Oil Nonfuel (average based on world commodity export weights) Economic Overview Copying prohibited 10 of 11 <26 January 2015>

11 FONTI INFORMATIVE CONSULTATE ISTAT (Italian Institute of Statistics): Land registry office CRIF Federal Reserve ECB Bureau of Economic Analysis Eurostat International Monetary Fund Bureau of Labor Statistics Economic Overview Copying prohibited 11 of 11 <26 January 2015>

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE A Ugo che ci ha insegnato con competenza e passione ad apprezzare ogni riga del Rapporto RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE Il presente rapporto è stato redatto

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA SALUTE ISTRUZIONE E FORMAZIONE LAVORO E CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA BENESSERE ECONOMICO RELAZIONI SOCIALI POLITICA E ISTITUZIONI SICUREZZA BENESSERE SOGGETTIVO

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013 collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014 INEA 2014 RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014

Dettagli

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI Sommario Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI BANCA MPS Area Rischi di Gruppo e Ristrutturazioni Performance di bilancio e prospettive economiche

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Relazione e bilancio di Cassa di Risparmio del Veneto dell esercizio 2011

Relazione e bilancio di Cassa di Risparmio del Veneto dell esercizio 2011 Bilancio 2011 Relazione e bilancio di Cassa di Risparmio del Veneto dell esercizio 2011 Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A. Sede Legale: Corso Garibaldi n.22/26 35122 Padova Capitale Sociale: Euro 781.169.000

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2012-2013

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2012-2013 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2012-2013 1 ottobre 2013 Il lavoro è stato svolto da un gruppo di lavoro REF Ricerche sulla base delle indicazioni e sotto la

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA CONCETTO PAOLO VINCI * 1. Introduzione Sebbene si possa obiettare che è ancora troppo presto per formulare un giudizio su alcune misure in particolare

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.3.2015 SWD(2015) 31 final/2 CORRIGENDUM This document corrects document SWD(2015) 31 final of 26.02.2015 Corrections of clerical errors in the text The text shall read

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana

Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell economia italiana di Riccardo Faini (Università di Roma Tor Vergata e CEPR) e André Sapir (Université Libre de Bruxelles e CEPR) Maggio 2005 Questo

Dettagli

Lo scorso 1 ottobre è stata presentata l edizione 2012-

Lo scorso 1 ottobre è stata presentata l edizione 2012- II Ufficio di supporto agli Organi collegiali N o t i z i a r i o s u l M e r c a t o d e l L a v o r o nuova serie, n. 4 - ottobre 2013 - notiziario on-line Presentazione del rapporto CNEL 2012-2013 sul

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta. DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura

DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta. DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura DIREZIONE E COORDINAMENTO Simone Cola Paolo Pisciotta DIREZIONE E COORDINAMENTO CRESME Lorenzo Bellicini e Antonio Mura GRUPPO DI LAVORO CRESME Lorenzo Bellicini Antonio Mura Antonello Mostacci Giuseppe

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli