Economic Overview. CRIF Rating Agency HIGHLIGHTS. SCENARIO NAZIONALE Le dinamiche complessive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economic Overview. CRIF Rating Agency HIGHLIGHTS. SCENARIO NAZIONALE Le dinamiche complessive"

Transcript

1 CRIF Rating Agency Economic Overview HIGHLIGHTS Nella seconda parte del 2014 si assiste ad un andamento ancora incerto e deludente dell economia italiana che, nel rallentamento del Pil degli ultimi trimestri esprime ancora una volta grandi difficoltà ad uscire dalla crisi. Rimangono irrisolti i rischi di deflazione e si protrae la restrizione creditizia. Anche il sistema imprenditoriale continua a mostrare segnali di difficoltà, evidenti nel peggioramento della rischiosità. Elementi positivi osservati come il deprezzamento del cambio dell euro, la decisa contrazione del prezzo del petrolio e l abbassamento dei tassi di interesse potranno essere di stimolo alla domanda. Il ruolo della politica fiscale interna e di quella monetaria, già da tempo espansiva, è fondamentale per un progressivo recupero dei consumi e della fiducia. Nel secondo e terzo trimestre del 2014 il tasso di variazione del Pil peggiora e inverte la tendenza al recupero. I consumi segnano dinamiche lievemente positive mentre gli investimenti continuano a calare. L indice della produzione industriale mostra andamenti discontinui registrando un lieve miglioramento a novembre Il tasso di default sulle imprese mostra a settembre 2014 un lieve aumento attestandosi al 5.9% rispetto al 5.5% del trimestre precedente: il commercio al dettaglio si conferma il segmento più rischioso. I prestiti alle famiglie e alle imprese mostrano cali meno consistenti. L inflazione torna a zero a fine anno dopo cenni di variazioni positive, a causa dell ulteriore calo dei beni energetici. Il tasso di inflazione medio annuo per il 2014 è pari a +0,2. Rimane critica la situazione del mercato del lavoro dove nei mesi autunnali gli occupati registrano un nuovo calo. A livello internazionale si segnala una ripresa alquanto debole dei paesi europei mentre gli Stati Uniti tornano ai livelli precrisi. SCENARIO NAZIONALE Le dinamiche complessive Tasso di variazione tendenziale, valori concatenati Nel II e III trimestre 2014 si è interrotto il trend di ripresa osservato nei periodi precedenti. Il Pil registra a settembre 2014 una contrazione del -0.5%. La variazione complessiva acquisita per il 2014 è pari a -0,4%. L andamento del Pil è frutto di variazioni minimali dei consumi e di una protratta contrazione degli investimenti, mentre un contributo positivo viene espresso ancora una volta dalla bilancia commerciale. In un contesto di complessiva stabilità dei consumi, nel III trimestre 2014 emerge la dinamica positiva del segmento dei durevoli e semidurevoli che rispetto al periodo precedente crescono rispettivamente del +1.9% e +1.1%; al contrario la componente dei servizi e dei beni non durevoli rimane stabile (-0.1 rispetto al II trimestre). Per quanto riguarda gli investimenti si continua ad osservare un trend complessivamente negativo, ma con importanti differenze nelle varie componenti. Gli investimenti in mezzi di trasporto registrano un aumento significativo nel II trimestre 2014 sul trimestre precedente del +3.3%, ma un drastico peggioramento nel III trimestre con una variazione negativa del - 4.9%. Gli investimenti in costruzioni e la componente dei macchinari continuano a registrare un ulteriore calo (rispettivamente -0.5 e -0.9), senza differenziarsi dunque dai periodi precedenti. Le esportazioni si confermano ancora una volta la componente che offre il maggior contributo al Pil con un aumento tendenziale del +1.3%; contestualmente le importazioni subiscono un lieve calo pari al -0.7% a dimostrazione della debolezza della domanda interna. Sul finire del 2014 si assiste ad una nuova diminuzione dell inflazione che nei mesi Economic Overview Copying prohibited 1 of 11 <26 January 2015>

2 PIL e component di spesa - Variazioni percentuali sul trimestre precedente PIL Cons umi finali Investim enti fissi lordi Export Import 13 I -0,9-0, ,1 II -0,2-0,4 0,1 0,3-0,9 III -0,0-0,2-0, IV 0,1 0, ,6 14 I -0,1 0,0-1,1 0,2-0.7 II -0,2 0, III -0,1 0,0-1,0 0,2-0.3 Dati destagionalizzati e corretti per effetti di calendario, valori concatenati autunnali mostrava cenni di ripresa, sia come effetto della debolezza dei consumi che per il calo rilevante del prezzo del petrolio, continuando a sostenere il rischio di deflazione. Si annulla il divario tra le varie componenti in termini di frequenza di acquisto. Il tasso di inflazione medio annuo per il 2014 è pari a +0,2%, in rallentamento di un punto percentuale rispetto al 2013 (+1,2%). Il dato dell occupazione continua a peggiorare registrando a novembre 2014 un calo degli occupati di circa 90 mila unità rispetto al giugno precedente. Il tasso di disoccupazione risulta in crescita, attestandosi al 13.4%. Inoltre la sua composizione mostra come la condizione di disoccupato coinvolga tutti adulti capofamiglia, istruiti, residenti al Nord e abbia raggiunto dimensioni drammatiche per i giovani (si ricorda il problema dei Neet1). Una perdita così consistente di lavoro va ad aggiungersi ai ritardi strutturali in termini di bassa partecipazione al mercato del lavoro delle donne e nel Mezzogiorno. Il mercato del lavoro rappresenta ancora il punto debole di una possibile ripresa: l incertezza sulle prospettive limita gli investimenti e dunque l offerta di lavoro da parte delle imprese. La riforma attuata con l approvazione del Job Act, darà origine a nuovi provvedimenti dall esito sull occupazione ancora non prevedibile. Le vendite al dettaglio pur continuando a risentire della debolezza del mercato interno, mostrano qualche segnale di recupero nella seconda metà del 2014 sia per le vendite nelle piccole superfici sia per la grande distribuzione. Tuttavia la variazione complessiva tendenziale del 2014 (gennaio-ottobre) risulta negativa e rispettivamente pari a -1.9% e -0.5%. Per quanto riguarda le famiglie consumatrici, il potere di acquisto, tenuto conto dell'inflazione, nel terzo trimestre del 2014 è aumentato dell'1,9% rispetto al trimestre precedente e dell'1,5% rispetto al terzo trimestre del 2013 mentre la propensione al risparmio è risultata in aumento e pari al 10.8%. Sul reddito reale disponibile hanno avuto un impatto positivo le misure contenute nella Legge di stabilità dedicate alle famiglie a basso reddito. Il clima di fiducia mostra un trend in lieve ma progressiva contrazione da maggio Il peggioramento del sentiment dei consumatori è certamente legato al deludente andamento dell economia e in particolare del mercato del lavoro che mostra prospettive ancora negative. Rimane il grave problema del debito pubblico, che a novembre 2014 toccava quota miliardi. con un rapporto sul Pil pari al 132%. Source: Istat IL SISTEMA PRODUTTIVO Nella seconda metà del 2014 la produzione industriale ha registrato un andamento ancora instabile e altalenante. Complessivamente nell arco di tempo gennaio-novembre 2014 in media d anno si è avuto un calo di circa l 1%, che riflette dinamiche settoriali differenti. In particolare nei primi 11 mesi del 2014 le variazioni negative maggiori rispetto allo stesso periodo del sono state registrate per il settore delle apparecchiature elettriche ed apparecchiature (-10%), coke e prodotti petroliferi (- 6.4%), chimico-farmaceutico (-1%) mentre i maggiori incrementi appartengono al prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+2.2%) e ai mezzi di trasporto (+3.6%). L andamento degli ordinativi mostra un trend in lieve peggioramento per la componente estera negli ultimi mesi osservati mentre rimane stazionaria la componente interna. Il clima di fiducia delle imprese a novembre 2014 risulta essere in ripresa soltanto nel settore del commercio, stabile in quello manifatturiero e in calo nelle costruzioni e nei servizi. L andamento delle immatricolazioni è risultato in netto miglioramento rispetto al I dati di chiusura del 2014 mostrano una crescita del totale degli autoveicoli del +5% 1 NEET (Not engaged - in Education, Employment or Training): individui che non sono impegnati nel ricevere un'istruzione o non stanno partecipando a corsi di formazione, che non hanno un impiego e non lo stanno cercando pur non essendo impegnati in altre attività assimilabili (ad esempio tirocini o lavori domestici). 2 Dati corretti per gli effetti di calendario Economic Overview Copying prohibited 2 of 11 <26 January 2015>

3 (+4,2% per le sole autovetture) invertendo la tendenza alla contrazione che si osservava ormai da diversi anni. Fonte: Istat Il mercato immobiliare italiano nel III trimestre 2014 registra una variazione positiva delle compravendite con un tasso tendenziale del 3.6% complessivo e una crescita del 4.1% per il solo segmento delle abitazioni, in un contesto di prezzi ancora in lieve contrazione (fonte Agenzia del Territorio). Nonostante questi segnali positivi, l andamento ancora incerto del mercato è legato non solo a condizioni reddituali e occupazionali deboli ma anche alla normativa fiscale che negli ultimi tempi ha subito numerose variazioni generando incertezza sulla tassazione degli immobili. IL MERCATO DEL CREDITO La lentezza e fragilità della ripresa condiziona la politica monetaria della Bce che è nuovamente intervenuta a settembre con una ulteriore riduzione del tasso di riferimento allo 0.05% (l abbassamento precedente era stato fatto a giugno 2014). La ripresa dei finanziamenti per il sostegno all economia reale risulta ancora un elemento cruciale dopo oltre due anni di tassi di crescita negativi dello stock, generati da politiche di offerta particolarmente restrittive e da una domanda di credito debole. I prestiti alle imprese a Novembre 2014 subiscono ancora una variazione negativa, seppure in attenuazione, pari al -2.6% mentre i prestiti alle famiglie registrano un calo del -0.5 %. Per quanto riguarda il credito alle famiglie l attività di erogazione (nuovi finanziamenti) di credito al consumo nei primi 9 mesi del 2014 torna a mostrare un evoluzione positiva, dopo cinque anni di flessione. Tasso di crescita tendenziale corretto per le cartolarizzazioni Fonte: Banca d Italia I flussi finanziati risultano infatti in aumento del +1.2% rispetto allo stesso periodo del La ripresa è stata trainata dai finanziamenti finalizzati all acquisto di autoveicoli e motocicli (+6.8%). I finanziamenti finalizzati all acquisto di altri beni/servizi (appartenenti a settori quali arredo, elettronica ed elettrodomestici, e altri beni e servizi finanziabili, tra i quali viaggi, spese mediche, palestre) continuano invece a mostrare un calo del -6.9%. I prestiti personali confermano anche nei primi 9 mesi del 2014 una contrazione dei flussi (-1.5%). Si sottolinea il miglioramento nel segmento dei mutui immobiliari che crescono del 5.3%, con un deciso aumento delle surroghe, grazie alle migliori condizioni dell offerta. La competizione tra operatori è stata giocata soprattutto sulla convenienza del tasso variabile, dovuta alla riduzione dei costi di raccolta e dal basso livello dei tassi Euribor. Fonte: Banca d Italia I tassi di interesse sulle nuove erogazioni continuano a ridursi leggermente sia per i privati che per le famiglie produttrici. Ad Aprile 2014 il tasso sui mutui è stabile al 3.5% mentre a novembre scende al 2.9% circa così come per il tasso relativo al credito al consumo che nello stesso periodo passa dal 7.8% circa al 7.4%. Nel corso del 2014 il rischio di credito nel segmento retail si è mantenuto sostanzialmente stabile, con un lieve rientro dei tassi di default a settembre 2014, riflettendo sia la prudenza della domanda che la selettività dell offerta di credito. Per i mutui il tasso di default scende all 1.8% a settembre 2014 e per il credito al consumo si posiziona al 2.5%. Il tasso di default sulle imprese mostra invece in questo autunno un lieve aumento attestandosi al 5.9%, rispetto al 5.5% del trimestre precedente, invertendo la tendenza alla contrazione che si manifestava dalla metà del Entrando nello specifico dei singoli macro settori, si nota come il commercio al dettaglio, con il 6.4%, abbia un tasso di default lievemente più alto degli altri comparti considerati. Nei servizi, invece, la dinamica del rischio segue il trend di crescita mantenendo il tasso di default sostanzialmente in linea con la media nazionale. Fonte: CRIF Rating Agency Anche la parte manifatturiera del paese mostra un peggioramento e, seppure nella variabilità delle diverse specializzazioni, esprime complessivamente un tasso di default in aumento e pari al 6.1%, rispetto al 5.6% del trimestre precedente. Economic Overview Copying prohibited 3 of 11 <26 January 2015>

4 LE PREVISIONI GDP growth rate Italy IMF Jan Confindustria Dec EU Commission Nov OECD Nov La lentezza e l esiguità della ripresa condizionano anche le previsioni per l anno in corso che sono state riviste al ribasso da diversi istituti. Viene infatti confermato il calo del Pil per il 2014 e una dinamica positiva nel 2015 che si consoliderà nel 2016 quando si assisterà ad una effettiva ripresa delle componenti dell economia nazionale. A gennaio 2015 il Fondo Monetario Internazionale prevede che il Pil italiano crescerà quest'anno dello 0,4%, ovvero 0,5 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di ottobre, per poi accelerare nel 2016 a +0,8% (-0,5 punti). IL CONTESTO INTERNAZIONALE Anche nell Area Euro la ripresa risulta debole nel corso del 2014 e per la chiusura d anno viene prevista una crescita ancora contenuta. Tuttavia ci sono segnali di recupero nei vari paesi e nelle diverse componenti del Pil, che per l intera Area cresce nel terzo trimestre 2014 del +0.8% in ragione d anno. Le difficoltà dell Unione Europea si sono manifestate nell andamento deludente delle principali economie come quella tedesca che per la prima volta dopo due anni, arretra a partire dal secondo trimestre. La Germania si conferma comunque la principale economia dell area Euro con una previsione di crescita annua per il 2014 del +1.5%, rivista al ribasso dopo il rallentamento osservato nei mesi centrali dell anno. Il II e III trimestre del 2014 hanno infatti registrato una frenata delle principali componenti del Pil, in particolare degli investimenti, mostrando un indebolimento complessivo dell economia tedesca. Fonte: Eurostat, tasso di crescita tendenziale Nel terzo trimestre del 2014 il Pil della Germania, è cresciuto dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e del 1.2% annuo, come sintesi di una migliore performance dei consumi privati che sono aumentati dello 0.7% rispetto al II trimestre 2014, di esportazioni in recupero con una crescita congiunturale del +1.9% e del contributo negativo proviene dagli investimenti che registrano un ulteriore calo del -0.9%. Le principali difficoltà dell economia tedesca sono visibili anche nel calo della produzione industriale.il tasso di disoccupazione si mantiene comunque costante al 6.7%. Nel III trimestre l economia francese sorprende positivamente per una crescita del Pil sopra le attese e pari al +0.3% sul trimestre precedente e a +1.6% in ragione d anno. A trainare sono i consumi delle famiglie (+0,2%) e quelli del settore pubblico (+0,5%) nonché le esportazioni che crescono del +0.5% a livello congiunturale. Nel trimestre precedente l economia aveva visto una discesa del -0,1%. Risultano in miglioramento i conti della Spagna che nel terzo trimestre registra un Pil in crescita dello 0.5% sul trimestre precedente e del +1.9% in ragione d anno, confermando la ripresa già osservata nei mesi precedenti e determinando l uscita dalla recessione. Anche il mercato del lavoro mostra un andamento positivo con il tasso di disoccupazione che scende al 23.7% a settembre 2014 (era al 26.1% un anno prima). Il recupero economico in generale è dovuto soprattutto all aumento dei consumi privati, a una forte fiducia da parte dei consumatori, a una ripresa degli investimenti delle imprese e della produzione industriale. Tutto questo si inserisce in un quadro di riforme strutturali che hanno riguardato prevalentemente il mercato del lavoro e i tagli alla spesa pubblica. Indice armonizzato, tasso di crescita tendenziale Fonte: Eurostat L inflazione nell area Euro si è progressivamente ridotta toccando il -0.2% a dicembre 2014, generato dal calo dei prezzi dei beni energetici. Il rischio deflazione rimane dunque presente nelle principali economie europee e condiziona la politica monetaria della Bce che rinnova il suo impegno a mantenere i tassi sui livelli minimi e ad intervenire con strumenti di sostegno alla ripresa e di controllo dell inflazione. In settembre e in dicembre 2014 sono state attuate due operazioni di rifinanziamento a lungo termine che hanno avuto effetti molto modesti sui prezzi al consumo e sul credito. In questo mese di gennaio la BCE è nuovamente intervenuta attraverso il Quantitative Easing, una delle ultime frecce all arco della politica monetaria, immettendo liquidità nel sistema fino al 2016 per riportare i livelli dell inflazione al 2% e per rilanciare l economia dell eurozona. La dinamica dei prestiti si è mantenuta negativa nella media dell Area Euro. Secondo un dettaglio territoriale a fine 2014 i prestiti alle imprese hanno registrato tassi di crescita dello stock positivi soltanto nell Europa settentrionale, come in Germania (+1.5%) e in Francia (+2.3%), mentre permangono dinamiche negative nei paesi del Mediterraneo come ad esempio la Spagna che a novembre registra un calo dello stock del -9.1%. Nel segmento dei prestiti alle famiglie, nella media dell Area l andamento registra ancora tassi di crescita negativi (-0.4% a novembre 2014) con cali più accentuati per Spagna e Francia (-3.9% e -1.4% rispettivamente a novembre 2014). Gli Stati Uniti hanno visibilmente accelerato la propria corsa registrando una crescita del 5% nel terzo trimestre del 2014 rispetto al trimestre precedente (+2.7% in ragione Economic Overview Copying prohibited 4 of 11 <26 January 2015>

5 d anno). L accelerazione era già visibile a giugno 2014 quando il Pil aveva mostrato una crescita del 4.6%. Tale andamento è frutto delle buone performance delle sue componenti, quali i consumi che crescono a livello congiunturale del 3.2%, degli investimenti (+7.2%), delle esportazioni (+4.5%). Risultano invece in rallentamento le importazioni. Il percorso di crescita degli Stati Uniti è stato affiancato dalla ripresa del mercato immobiliare in cui i prezzi sono tornati a salire, da una politica energetica in cui si è progressivamente ridotta la dipendenza dal petrolio, e da un livello di produzione industriale che è tornata sui livelli pre-crisi. Tasso di crescita tendenziale Fonte: Bureau of Economic Analysis Tra gli altri fattori positivi che sostengono la ripresa dell economia americana si evidenzia il miglioramento della condizione economica delle famiglie che hanno attuato un lungo processo di deleveraging, sceso di 27 punti percentuali dalla fine del 2007 (al 105 per cento). Nel corso del 2014 si è progressivamente ridotto il piano di stimolo all'economia Usa; a ottobre 2014 la Fed ha comunicato di voler concludere il Quantitative Easing iniziato nel I tassi di riferimento vengono mantenuti al minimo storico tra lo 0 e lo 0,25%. Per quanto riguarda l andamento degli impieghi si assiste ad una dinamica instabile e in lieve rallentamento negli ultimi trimestri soprattutto per il segmento corporate che è tornato a crescere dal Nel terzo trimestre del 2014 gli impieghi sono cresciuti complessivamente del 5.2% per le imprese e del 2.7%% per le famiglie. Negli Stati Uniti il rischio di credito continua lentamente a scendere nel corso del 2013 sia per i prestiti al consumo che per i mutui. Le principali economie emergenti hanno mostrato nel 2014 trend in lieve peggioramento. Tasso di crescita tendenziale, destagionalizzato Fonte: Federal Reserve Per quanto riguarda la Cina, il terzo trimestre ha mostrato segnali di indebolimento della crescita che sembra proseguire anche in chiusura d anno. La crescita del Pil a livello tendenziale del +7.3% nel terzo trimestre (+7.5% nel II trimestre), è risultata comunque superiore alle aspettative. Per il 2015 è prevista una crescita del 7%. La produzione industriale risulta in calo così come gli investimenti, prevalentemente a causa del forte rallentamento del mercato immobiliare che ha avuto ripercussioni su tutta la filiera generando un aumento della disoccupazione. Sono state introdotte misure straordinarie per arginare gli effetti della crisi immobiliare: la banca centrale ha ridotto i tassi di riferimento e anche quelli sui mutui per incentivare la domanda. Tuttavia rimangono dubbi sull efficacia delle misure adottate e sulla crescita futura della Cina, oggi sostenuta soprattutto dalla domanda estera. In India il terzo trimestre del 2014 registra una crescita del 5.3% cento su base annua. Nello stesso periodo l economia del Brasile ristagna con un Pil risultato in aumento rispetto al trimestre precedente dello 0,2%, a causa della debolezza degli investimenti e in generale della domanda interna, generando un calo rilevante della produzione industriale. Ciò conferma le previsioni pessimiste di inizio anno. Risulta ancora in rallentamento l economia russa, dove il Pil decelera anche nel terzo trimestre (+0,7% in ragione d anno). Numerosi sono i fattori che incidono su tale andamento. Tra i principali si rileva il crollo del rublo e del prezzo del petrolio, le sanzioni imposte per la questione Ucraina. I fattori di incertezza legati alla situazione geopolitica hanno causato una consistente fuga di capitali nel corso del Nonostante l andamento economico sia risultato sopra le attese, le prospettive continuano ad essere negative visto che la domanda domestica e gli investimenti dovrebbero rallentare ulteriormente. Tasso di crescita tendenziale, destagionalizzato Source: National Statistics Analysts Daniela Bastianelli, Senior Analyst Tel.: Economic Overview Copying prohibited 5 of 11 <26 January 2015>

6 STATISTICHE - ITALIA Consumi Investimenti Source: ISTAT Import - Export Commercio al dettaglio Source: ISTAT Prezzi alla produzione - indice Costo del lavoro per unità Source: ISTAT Economic Overview Copying prohibited 6 of 11 <26 January 2015>

7 Occupazione Immatricolazioni Source: ISTAT Source: ANFIA tasso di crescita Tasso di default - Mutui Tasso di default Credito al consumo Source: CRIF Tasso di default 90past due totale imprese Tasso di default 90 past due - imprese Source: CRIF Rating Agency Economic Overview Copying prohibited 7 of 11 <26 January 2015>

8 STATISTICHE - ESTERO Pil principali paesi europei Euro Area - inflazione Fonte: Eurostat tasso di crescita tendenziale Tasso di riferimento - BCE Euribor Fonte: BCE Euro Area prestiti alle famiglie Euro Area prestiti alle imprese Fonte: Eurostat - tasso di crescita tendenziale Economic Overview Copying prohibited 8 of 11 <26 January 2015>

9 USA - Consumi USA - Investimenti Fonte: Bureau of Economic Analysis - tasso di crescita tendenziale USA - Import - Export USA Tasso di disoccupazione Fonte: Bureau of Economic Analysis - tasso di crescita tendenziale Fonte: Bureau of Labor Statistics USA Delinquency Rate Prezzo del petrolio - $ Fonte: Federal Reserve Fonte: Eurostat Prezzo al barile Economic Overview Copying prohibited 9 of 11 <26 January 2015>

10 FORECAST INTERNATIONAL MONETARY FUND Overview of the World Economic Outlook Projections (January 2015) (Percent change) Year over Year Projections World Output 1/ Advanced Economies United States Euro Area Germany France Italy Spain Japan United Kingdom Emerging Market and Developing Economies 1/ Russia China India Brazil Mexico Commodity Prices (U.S. dollars) Oil Nonfuel (average based on world commodity export weights) Economic Overview Copying prohibited 10 of 11 <26 January 2015>

11 FONTI INFORMATIVE CONSULTATE ISTAT (Italian Institute of Statistics): Land registry office CRIF Federal Reserve ECB Bureau of Economic Analysis Eurostat International Monetary Fund Bureau of Labor Statistics Economic Overview Copying prohibited 11 of 11 <26 January 2015>

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 1 1. L evoluzione dell economia italiana: aspetti macroeconomici QUADRO D INSIEME Nel 213 la crescita economica internazionale è rimasta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

LA CONGIUNTURA INTERNAZIONALE E L OUTLOOK PER IL 2015/2016

LA CONGIUNTURA INTERNAZIONALE E L OUTLOOK PER IL 2015/2016 LO SCENARIO ECONOMICO SOMMARIO Dopo un 2014 interlocutorio sia dal punto di vista congiunturale che occupazionale, la convergenza di politiche monetarie espansive, il basso costo del denaro e dei prodotti

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Gregorio De Felice Chief economist Milano, 25 settembre 2014 Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

1. Il quadro congiunturale internazionale

1. Il quadro congiunturale internazionale 1. Il quadro congiunturale internazionale di Cesare Benzi 1. Premessa Quello che ci siamo lasciati alle spalle è stato un anno contraddistinto da un quadro di grande incertezza, nel corso del quale, come

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Italia: ultima chiamata per la crescita

Italia: ultima chiamata per la crescita Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Italia: ultima chiamata per la crescita Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2 Italia in lento recupero, ma solo dal 2015 1 Le previsioni per

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Documento di Economia e Finanza 2014. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Documento di Economia e Finanza 2014. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Documento di Economia e Finanza 2014 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione "Bilancio, tesoro e programmazione"

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5 5 MAGGIO 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 L economia italiana va meglio dell atteso. È indispensabile cogliere l opportunità di innalzare il potenziale

Dettagli

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino?

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? Ambrosetti Club Economic Indicator Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? 3 settembre 2015 I primi sei mesi del 2015 si chiudono con un Prodotto Interno Lordo che torna finalmente col segno più (+0,3%),

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Clima sempre cauto: SI al bonus lettura per rilanciare la cultura del Paese. NO all esplosione dei costi energetici. Il deprezzamento

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Daniela Fantozzi e Claudio Vicarelli fantozzi@istat.it cvicarelli@istat.it Forum PA, Roma 28 Maggio 2015 Indice 1. Il monitoraggio

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - prometeia OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2008 NUMERO VENTICINQUE INDICE DEL VOLUME COMPLETO pag.9 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 11 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 15

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

osservatorio sul credito al dettaglio dicembre 2013

osservatorio sul credito al dettaglio dicembre 2013 osservatorio sul credito al dettaglio dicembre 2013 numero trentacinque Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN CRIF Prometeia Alla sua elaborazione hanno partecipato: Alessandra Bettocchi,

Dettagli

osservatorio sul credito al dettaglio giugno 2012

osservatorio sul credito al dettaglio giugno 2012 osservatorio sul credito al dettaglio giugno 2012 numero trentadue Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN CRIF Prometeia Alla sua elaborazione hanno partecipato: Alessandra Bettocchi,

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la QUADRO CONGIUNTURALE DEL SETTORE MANIFATTURIERO, DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Primo semestre 2007 1. La congiuntura economica internazionale In questo primo semestre del

Dettagli

osservatorio sul credito al dettaglio dicembre 2011

osservatorio sul credito al dettaglio dicembre 2011 osservatorio sul credito al dettaglio dicembre 2011 numero trentuno Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN CRIF Prometeia Alla sua elaborazione hanno partecipato: Sara Emiliani, Roberto

Dettagli

Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale

Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale Ruggero de Rossi Partner, Chief Investment Officer Tandem Global Partners, New York Master SAFE Roma, 27 Gennaio 2012 Cause della

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario

Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario Banking Summit 213 «Le banche che si rinnovano, fare banca per la crescita» Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario Gregorio De Felice Chief Economist Milano, 26

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Indagine Giugno 2015. Dati rilevati nel mese di Maggio 2015

Indagine Giugno 2015. Dati rilevati nel mese di Maggio 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Giugno 2015 Dati rilevati nel mese di Maggio 2015 La sintesi dei trend Confronto

Dettagli

Volume mondiale Esportazioni

Volume mondiale Esportazioni Italia - l auto in cifre Italia La mobilità globale delle merci e il ruolo della strada Dati, proiezioni e considerazioni sul Commercio Estero Mondiale, e sulle valutazioni tradizionali delle varie modalità

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

credito al dettaglio osservatorio giugno numero 38

credito al dettaglio osservatorio giugno numero 38 osservatorio credito al dettaglio 15 numero 38 giugno 2 osservatorio sul credito al dettaglio Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN CRIF Prometeia Alla sua elaborazione hanno partecipato:

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015 a cura della Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci 112 110 108 106 104 102 100 Roma 15 giugno 2015

Dettagli

DASHBOARD N 6. Dicembre 2013. (documento aggiornato con dati disponibili al 26.11.2013) Dicembre 2013

DASHBOARD N 6. Dicembre 2013. (documento aggiornato con dati disponibili al 26.11.2013) Dicembre 2013 DASHBOARD N 6 (documento aggiornato con dati disponibili al 26.11.2013) Indice 1. SOMMARIO DEL TRIMESTRE pag. 3 2. QUADRO MACROECONOMICO TRIMESTRALE pag. 5 3. SCENARIO PREVISIONALE pag. 7 4. DEBITO PUBBLICO

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Presentazione del Rapporto

Presentazione del Rapporto Presentazione del Rapporto Cremona, 5 giugno 5 L economia della Lombardia Paola Rossi Banca d Italia Sede di Milano Divisione Analisi e Ricerca economica territoriale Camera di Commercio di Cremona L economia

Dettagli

I trends dell economia mondiale

I trends dell economia mondiale I trends dell economia mondiale Professor Lucrezia Reichlin London Business School e Now-casting economics Assemblea UPA Milano 1 luglio 2015 Disconoscimento aimer Il mondo di una volta Globalizzazione

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi Macro: Cina & India Pag.8 - Analisi del Rischio Pag.11

Dettagli

La dinamica dei valori medi unitari e dei volumi delle esportazioni italiane per settore. (anno 2007; var. % a/a) 10 7,9 6,3 5 3,6 3,1 1,0 -2,2 -5,8

La dinamica dei valori medi unitari e dei volumi delle esportazioni italiane per settore. (anno 2007; var. % a/a) 10 7,9 6,3 5 3,6 3,1 1,0 -2,2 -5,8 La dinamica dei valori medi unitari e dei volumi delle esportazioni italiane per settore (anno 27; var. % a/a) 1 7,9 1,6 9,7 2,1 3,3 3,6 3,1 1, 2,3 6,3 4,7 3,8 4,4 -,1 - -1-2,2 -,8 Valori medi unitari

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING 2014 RAPPORTO SUL LEASING 2014 RAPPORTO SUL LEASING chiuso per la stampa il 16 aprile 2015 edito da Assilea Servizi S.u.r.l. realizzato da Alessandro Nisi con la collaborazione di: Francesco Alfani Julia

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Documento di Economia e Finanza 2014. Audizione del Presidente f.f. dell Istituto nazionale di statistica Antonio Golini

VERSIONE PROVVISORIA. Documento di Economia e Finanza 2014. Audizione del Presidente f.f. dell Istituto nazionale di statistica Antonio Golini VERSIONE PROVVISORIA Documento di Economia e Finanza 2014 Audizione del Presidente f.f. dell Istituto nazionale di statistica Antonio Golini Commissioni riunite V Commissione "Bilancio, tesoro e programmazione"

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE UNA RIPRESA DI CRISTALLO SETTEMBRE 2014 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

2. Il contesto di mercato

2. Il contesto di mercato 2. Il contesto di mercato 2.1. SCENARIO MACROECONOMICO DI RIFERIMENTO Nel corso del 2013 la crescita del PIL mondiale è stata positiva (+3,0%), sebbene in lieve rallentamento rispetto al 2012 (+3,1%).

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Sommario. A cura del Servizio analisi macroeconomica; nota completata con le informazioni disponibili al 28 07 2015.

Sommario. A cura del Servizio analisi macroeconomica; nota completata con le informazioni disponibili al 28 07 2015. Sommario Questa nota esamina la situazione congiunturale alla luce dei dati di contabilità nazionale del primo trimestre e delle informazioni disponibili per i mesi successivi. Tali indicatori segnalano

Dettagli

Relazione Annuale di Esecuzione 2012

Relazione Annuale di Esecuzione 2012 Approvato con Decisione Comunitaria n. 735 del 18/02/2008 Decisione Comunitaria (C2009) n.10542 del 18/12/2009 Decisione Comunitaria (C2012) n. 5008 del 18/07/2012 Decisione Comunitaria (C2012) n. 9760

Dettagli

Divergenze P. Gautry, capo economista

Divergenze P. Gautry, capo economista 2015 Divergenze P. Gautry, capo economista Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com www.ubp.com La crescita

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico

Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 4 aprile 2013 Agenda 1 Alla ricerca

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o C R E D I T O 1 S e c o n d o i dati elaborati da Bankitalia per local i z z a z i o - ne della clientela, a fine giugno 2004 è stata registrata in provincia una crescita tendenziale degli impieghi 1 pari

Dettagli