Salute e Sicurezza sul lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salute e Sicurezza sul lavoro"

Transcript

1 Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n Salute e Sicurezza sul lavoro

2

3 Indice Presentazione 5 Introduzione 6 Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) 7 Sistema delle regole 9 Contesto 10 Distribuzione degli addetti e delle aziende 12 Gli infortuni sul lavoro 15 Indici di incidenza 16 Indice di incidenza infortuni gravi 21 Le malattie professionali a Reggio Emilia 24 Obiettivi specifici e attività dei Servizi di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro 28

4 Indice Agricoltura 30 Edilizia - Grandi Opere (Treno Alta Velocità) 31 Metalmeccanica LegnoSistema delle regole 33 Altri comparti 35 Rischio chimico e cangerogeno 36 Prevenzione patologie muscoloscheletriche 37 Attività sanitarie 38 Informazione - formazione utenza 38 Risultati 39 In futuro 42 Testimonianze - esperienze positive 43 Riferimenti - Sedi 44

5 Salute e Sicurezza sul lavoro 5 Presentazione La Collana divulgativa Salute è Sapere, prodotta del Dipartimento di Sanità Pubblica, nasce con l intento di approfondire alcuni temi di interesse generale per la cittadinanza, affrontando problemi di salute trasversali a varie categorie di popolazione. Infatti l esperienza redazionale di questi anni ci ha suggerito la necessità di non ritenere esaustiva l informazione fornita con la Relazione Annuale di Dipartimento, ma di utilizzare altri strumenti divulgativi per sviluppare alcuni temi complessi e di grande interesse. Pertanto, nel 2008 sono stati prodotti due Rapporti che dettagliano risultati e problemi connessi alla situazione provinciale della Salute e della Sicurezza negli ambienti di lavoro e sullo stato di Igiene, Sicurezza ed Assistenza nelle Strutture Sanitarie e Socio-assistenziali. La Collana ha come titolo Salute è sapere per sottolineare che fondamentale componente della salute individuale è la conoscenza dei fenomeni e delle misure di prevenzione che occorre attuare per ottenere lo stato di benessere psico-fisico, e ha come sottotitolo Azioni di Prevenzione per concentrare l attenzione della comunicazione sulle azioni concrete che il Dipartimento attua per contribuire alla salute della comunità. La Collana cercherà, nei nostri intenti, di affrontare ogni anno alcuni tra i temi di salute che maggiormente possano interessare larghi strati della popolazione o determinate fasce di essa. La diffusione della Collana verrà effettuata sia a mezzo di opuscoli stampati e inviati al target di popolazione di riferimento rispetto al tema trattato, sia con pubblicazione sul sito Internet aziendale (www.ausl.re.it) per la sua più ampia diffusione. Il Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Reggio Emilia Carlo Veronesi A cura di: dr.ssa Giuseppina Venturi (SPSAL), dr.ssa Giorgia Collini (Epidemiologia), p.i. Lia Gallinari (Staff Comunicazione DSP), ing. Carlo Veronesi (SPSAL)

6 6 Salute e Sicurezza sul lavoro Introduzione Il Dipartimento di Sanità Pubblica, all interno dell Azienda USL, è la struttura preposta all analisi e valutazione delle condizioni di salute della collettività ed alla proposizione di misure atte al loro miglioramento, privilegiando, nell azione e nell impegno di risorse, i problemi a maggior diffusione, gravità e percezione sociale. Il Dipartimento di Sanità Pubblica partecipa inoltre alla sorveglianza e prevenzione delle patologie ad alta prevalenza e fornisce il proprio contributo alle risposte dovute all Utenza sui temi della cronicità, del disagio,delle dipendenze, nei quali la promozione di comportamenti corretti e sani e i modelli di lavoro interprofessionali sono considerati quelli a maggiore efficacia. Questo per offrire alla collettività nel suo insieme ed ai singoli individui, la garanzia di una visione globale di obiettivo di salute che renda coerenti e concordanti i processi di prevenzione, cura e assistenza. Igiene degli alimenti e della nutrizione, Sanità pubblica veterinaria, Prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro, Sicurezza Impiantistica-antinfortunistica, Epidemiologia e comunicazione del rischio, Medicina legale A ciascun Servizio è affidata la gestione tecnico specialistica dei temi di sanità pubblica di cui ha competenza e referenza, con il mandato di esercitarla ispirandosi ai valori di equità dell offerta e qualità ed omogeneità di risposta. I Servizi che compongono il Dipartimento di Sanità Pubblica sono: Igiene e sanità pubblica,

7 Salute e Sicurezza sul lavoro 7 Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) Il mandato istituzionale del Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL), è coerente con l obiettivo ambizioso di ottenere il miglioramento delle condizioni di benessere psico-fisico dei lavoratori in tutti gli ambienti di lavoro, favorendo la riduzione dell incidenza degli infortuni e delle malattie professionali, anche attraverso un azione sinergica con gli altri Soggetti, interni ed esterni all AUSL, coinvolti nel controllo delle numerose variabili che ne inducono l accadimento. Concertazione Il SPSAL considera strategico e necessario il confronto con tutti i soggetti sociali e istituzionali per stringere alleanze e definire in modo concertato la rete comune di azioni indispensabile ad incrementare nel tempo la cultura della sicurezza, lo strumento più efficace ed affidabile per migliorare le condizioni di lavoro. Il rapporto di collaborazione si estende a tutti gli Enti Pubblici e Privati che partecipano al Comitato Provinciale di Concertazione sulla Sicurezza nei luoghi di Lavoro: INAIL, ISPESL, Direzione Provinciale del Lavoro, INPS, Vigili del Fuoco, Associazioni Imprenditoriali, Organizzazioni Sindacali. L impegno è consistente in termini di tempo e di risorse, ma si considera questa scelta indispensabile per favorire la partecipazione consapevole di aziende e lavoratori al processo di miglioramento da mettere in atto. Funzioni Attività Sedi SPSAL Il SPSAL esercita la sua funzione principalmente attraverso: attività di vigilanza, per la verifica del rispetto delle norme sulla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori in tutti gli ambienti di lavoro; attività di assistenza a imprese, lavoratori e forze sociali per la interpretazione della normativa e la realizzazione delle misure di prevenzione; attività di informazione, formazione, promozione della salute rivolte ai singoli utenti o a collettività, con l intento di aumentare la conoscenza dei problemi di sicurezza, delle loro possibili soluzioni e di rendere trasparenti i criteri che guidano gli interventi di controllo nei luoghi di lavoro.

8 8 Salute e Sicurezza sul lavoro Sul territorio provinciale il Servizio è dislocato in sei sedi: Reggio Emilia Centro unica sede; Reggio Emilia Nord: Guastalla e Correggio; Reggio Emilia Sud: Montecchio, Scandiano e Castelnovo ne Monti. Vi lavorano operatori con diverse professionalità: tecnici con specializzazione chimica, meccanica, elettrotecnica, chimici, ingegneri, medici, infermieri, assistenti sanitari, personale amministrativo, organizzati nei seguenti settori: Sicurezza sul lavoro: posti di lavoro e ambiente, macchine, attrezzature, impianti. Igiene del lavoro: inquinamento dell ambiente di lavoro da agenti chimici, fisici, biologici. Medicina del lavoro: tutela della salute di lavoratori esposti a rischi professionali, lavoratrici madri, apprendisti e minori. La complessità della realtà produttiva e la valutazione delle soluzioni preventive da proporre spesso rendono necessari interventi multidisciplinari, trasversali ai 3 settori e comportano la formazione di gruppi di intervento anche provinciali che, sebbene comportino qualche sforzo organizzativo, costituiscono per gli Utenti una garanzia di competenza e di omogeneità di comportamenti, in modo particolare nel corso dell attività di vigilanza. Nella pagina finale è possibile rintracciare riferimenti territoriali, indirizzi e numeri telefonici delle varie sedi distrettuali.

9 Salute e Sicurezza sul lavoro 9 Sistema delle regole L equità è uno dei valori fondanti dell Azienda USL di Reggio Emilia. Questo valore per il Servizio si traduce in una forte attenzione alle procedure da utilizzare durante l importante attività di vigilanza. L attenzione è al sistema delle regole per ridurre la soggettività a favore di una concreta omogeneità di comportamento durante l attività ispettiva. Tale omogeneità è garantita da quattro elementi: la condivisa interpretazione delle norme; la definizione a priori, per ciascun piano di lavoro, di quali misure di prevenzione considerare essenziali in azienda e sulle quali quindi non transigere in vigilanza; l adozione di liste di controllo e relativi strumenti interpretativi che guidino gli operatori alla valutazione delle reali situazioni di rischio utilizzando gli stessi criteri; la costante verifica dell applicazione concreta, da parte degli operatori, delle procedure di lavoro condivise e degli strumenti informativi mirati. Grazie all importanza attribuita ai valori di equità, trasparenza, omogeneità di valutazione, si cerca di realizzare, nel tempo, un processo di miglioramento continuo dell attività che permetta di individuare sempre meglio quali provvedimenti abbiano una diretta correlazione con la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, per poter definire e migliorare sia l appropriatezza degli interventi che la loro efficacia preventiva. Agisce come guida, in questo processo, l attenzione alla Prevenzione basata su prove di efficacia attraverso il preciso suggerimento di sottoporre ad analisi e revisione continua metodologie e procedure in atto, per meglio finalizzarle ad obiettivi concreti di sanità pubblica.

10 10 Salute e Sicurezza sul lavoro Contesto Si ritiene utile fornire alcune indicazioni su vari fattori rilevanti, quali la popolazione lavorativa (Tab. 1), le dimensioni aziendali (Tab. 2), i comparti produttivi del territorio in cui il SPSAL agisce e dare una visione complessiva degli eventi dannosi (infortuni sul lavoro e malattie professionali), anche per rendere più comprensibili le scelte di programmazione operativa del Servizio. Sul sito internet aziendale (www.ausl.re.it) servizi territoriali sanità pubblica pubblicazioni) è inoltre messo a disposizione, per un approfondimento su questi temi, un report dettagliato dei dati su infortuni e malattie professionali del territorio provinciale, ricco di informazioni anche sulla realtà regionale e a volte nazionale, in grado di consentire specifici confronti e quindi di connotare la situazione reggiana nel contesto più ampio in cui è inserita. a Reggio Emilia, altre 8 province. La popolazione residente e la quota di occupati nella fascia d età lavorativa (15-64 anni) nella provincia di Reggio Emilia, nella Regione Emilia-Romagna e in Italia sono illustrate in Tabella 1. La quota di occupati rispetto ai residenti, a Reggio Emilia, è pari al 78,5% nei maschi e al 59,8% nelle femmine; in Regione, i valori si discostano poco da quelli di Reggio Emilia (= = 1-2%), mentre in Italia si registrano valori decisamente inferiori (69,9% nei maschi e 46,0% nelle femmine). Popolazione lavorativa Il territorio della provincia di Reggio Emilia è suddiviso in 45 Comuni, raggruppati in 6 Distretti. La regione Emilia-Romagna (RE-R) comprende, oltre

11 Salute e Sicurezza sul lavoro 11 Tab. 1 - Residenti e occupati per genere nella provincia di Reggio Emilia, nella regione Emilia-Romagna e in Italia. Età anni compresi. Anno 2006 Maschi Residenti Femmine Totale Maschi % maschi occ/maschi res Occupati Femmine % femm occ/femm res Totale % Tot. occ/res Reggio Emilia , , ,3 RER , , ,8 Italia , , ,0 Fonte Residenti: ISTAT "Demografia in cifre" rilevazione al 1/01/2007 Fonte Occupati: Sistema Informativo Lavoro dell'emilia-romagna - SILER I dati presentati di seguito sono elaborazioni da fonte INAIL: Bancadati (http://bancadati.inail.it/prevenzionale ultimo aggiornamento al 30/10/07) e Nuovi Flussi Informativi (NFI) INAIL-ISPESL-Regioni ed

12 12 Salute e Sicurezza sul lavoro Distribuzione degli addetti e delle aziende Per fornire un indicazione sulle dimensioni aziendali presenti sul territorio provinciale (Tab. 2), sono state individuate due classi di addetti selezionate in base a riferimenti tratti dalla nuova normativa sulla sicurezza ed igiene sul lavoro (D. Lgs. 81/08) e raggruppate per il settore produttivo di appartenenza (industria, commercio, servizi). La classe di addetti >15 è la più ampia, comprendendo una distribuzione di addetti che va da poche decine a centinaia per ciascuna azienda. Le aziende sono state identificate sulla base delle loro 1 Posizioni Assicurative Territoriali (PAT1), per la cui definizione è opportuno consultare la nota a piè di pagina. Le considerazioni e i commenti relativi alle PAT, presentati nelle tabelle e nel testo, sono leggibili come riferiti alle aziende del gruppo di appartenenza, pur non coincidendo puntualmente con esse. Si nota che le aziende di piccole dimensioni (fino a 15 addetti) nei tre settori produttivi rappresentano rispettivamente il 96,5% il 97,3% e il 94,7% del totale delle PAT. La distribuzione percentuale degli addetti nell industria è molto simile tra piccole e grandi aziende, mentre nei servizi si ha una maggiore concentrazione degli addetti (61,7%) nelle aziende di grandi dimensioni. Nel calcolo degli addetti sono compresi i cosiddetti addetti speciali (addetti di aziende con polizza speciale, ad esempio di cooperative di facchinaggio, di pulizia, etc.). 1 PAT: Posizione Assicurativa Territoriale; è una codifica INAIL correlata ai rischi assicurativi. In una stessa Unità Locale (stabilimento di produzione e/o azienda) possono coesistere più PAT (ad esempio per impiegati ed operai), quindi spesso non esiste coincidenza tra PAT e Unità Locale. Le PAT, a loro volta, compongono Grandi Gruppi (GG) produttivi, in relazione ai rischi assicurati (es. il GG 6 comprende il gruppo Lavorazione del metallo e Macchine ). Gli indicatori di danno (es frequenza, gravità degli infortuni) illustrati nelle tabelle rappresentano in modo attendibile la situazione reale del GG di appartenenza dell azienda (GG= comparto produttivo).

13 Salute e Sicurezza sul lavoro 13 Tab. 2 - Numero addetti e PAT nella provincia di Reggio Emilia per classe di numerosità degli addetti e per settore produttivo. Gestione Industria, Commercio e Servizi. Anno 2005 Anno 2005 Industria Commercio Servizi Classe Addetti PAT % PAT Addetti % Addetti PAT % PAT Addetti % Addetti PAT % PAT Addetti % Addetti 15 addetti , , , , , ,3 > 15 addetti 889 3, , , , , ,7 Totale , , , , , ,0 Fonte: NFI INAIL-ISPESL-Regioni ed. 2007

14 14 Salute e Sicurezza sul lavoro La tabella 3 mostra la distribuzione delle PAT e degli addetti nell anno 2005 nei vari comparti (=GG INAIL) produttivi della provincia di Reggio Emilia. Sono stati evidenziati i gruppi più rilevanti ai fini della valutazione del rischio infortunistico. Tra questi le Costruzioni edili (gruppo 31) mostrano la percentuale più elevata di PAT (23,7%) e una percentuale di occupati del 7,5%, a riprova della presenza sul territorio di un rilevante numero di microimprese. Interessante notare, al contrario, che il gruppo Lavorazione del metallo pur mostrando anch esso una percentuale di occupati del 7,5% presenta una distribuzione di PAT del 5,0%. Tab. 3 - Numero addetti e PAT nella provincia di Reggio Emilia per GG INAIL. Gestione Industria, Commercio e Servizi. Anno 2005 TOT. GG1 Lav. agricole alimenti TOT. GG2 Chimica carta cuoio TOT. GG3 Costruzioni impianti di cui gruppo 31 Costruzioni edili TOT. GG4 Energia comunicazioni TOT. GG5 Legno affini di cui gruppo 52 Lavoraz. Legno TOT. GG6 Metalli macchine di cui gruppo 62 Lavoraz. Metallo di cui gruppo 63 Macchine TOT. GG7 Geologia minerali di cui gruppo 72 Ceramica TOT. GG8 Tessile confezione TOT. GG9 Trasporti magazzino TOT. GG0 Servizi non determinati TOTALI Addetti % Addetti PAT % PAT 2,9 4,2 11,6 7,4 0,6 1,4 1,2 19,2 7,5 6,0 3,5 3,4 3,1 4,1 48,3 1,1 100, ,9 2,1 29,3 23,7 0,0 1,9 1,7 11,6 5,0 2,4 1,1 0,9 4,1 5,6 40,2 1,3 100,00 Fonte: NFI INAIL-ISPESL-Regioni ed. 2007

15 Salute e Sicurezza sul lavoro 15 Gli infortuni sul lavoro In tabella 4 sono riportati gli infortuni sul lavoro, nella gestione Industria, Commercio e Servizi e nella gestione Agricoltura. Si può osservare che dal 2000 al 2006 gli infortuni denunciati e, di conseguenza, quelli indennizzati sono in diminuzione: denunciati -15,7%; indennizzati -17,8%. Le forme permanenti degli infortuni indennizzati hanno un andamento altalenante, ma rimangono sostanzialmente costanti negli anni considerati. Aumenta, però, il peso percentuale che hanno sul totale degli infortuni indennizzati dal 2000 al Se nel 2000 rappresentavano circa il 4,1% dei casi definiti, nel 2006 tale percentuale raggiunge il 5,8%. Tab. 4 Infortuni denunciati e infortuni indennizzati (compresi gli infortuni stradali, in itinere ed accaduti agli apprendisti) per tipologia nella provincia di Reggio Emilia. Gestione Industria, Commercio e Servizi e Gestione Agricoltura. Anni Inabilità temporanea Inabilità permanente Totale indennizzati Variazione % rispetto al ,7-8,0-9,9-11,8-15,6-17,8-18,5 Totale denunciati Variazione % rispetto al ,6-1,4-7,0-8,3-13,0-15,7-17,8 %Indennizzati/Denunciati 57,1% 55,3% 53,3% 55,3% 54,9% 55,4% 55,7% 56,6% Fonte: Banca dati INAIL aggiornamento ottobre 2008.

16 16 Salute e Sicurezza sul lavoro Gli infortuni mortali presentano un andamento discontinuo anche influenzato dagli eventi che avvengono su strada; nessuno degli anni considerati tuttavia, può considerarsi esente da morti sul lavoro (Tab. 5). Tab. 5 Infortuni mortali stradali e accaduti nei luoghi di lavoro nella provincia di Reggio Emilia. Anni Inf. mortali stradali* Inf. mortali in luoghi di lavoro Infortuni mortali totali Fonte: Servizio PSAL- INAIL. * dato non definitivo Indici di incidenza Per poter capire la reale diffusione del fenomeno infortunistico in comparti a diverso numero di occupati e a diversa intensità di rischio, è necessario introdurre un indice che tenga conto della numerosità degli addetti. Uno dei più comunemente usati è l Indice di Incidenza (II) che è il rapporto tra il numero di infortuni 2 accaduti e il numero degli addetti considerati (n infortuni definiti/n addetti x 100 ). Nella tabella successiva (Tab. 6) sono illustrati il numero degli infortuni e l II degli infortuni totali nelle due classi di addetti prese in considerazione. L indice infortunistico nell anno 2005 per il settore Industria risulta essere 4,1 nella classe a minore numerosità di addetti ( 15), mentre nelle aziende che occupano più di 15 addetti è pari a 2 Gli addetti INAIL sono unità di lavoro-anno calcolate facendo, per ciascuna Posizione Assicurativa, il rapporto tra l'ammontare complessivo delle retribuzioni corrisposte nell'anno e 300 volte la retribuzione media giornaliera dei casi di infortunio verificatisi (e indennizzati) nelle aziende operanti nella stessa provincia ed appartenenti al grande gruppo di tariffa in cui è classificata la posizione assicurativa considerata (fonte: Banca dati INAIL).

17 Salute e Sicurezza sul lavoro 17 5,7 su 100 occupati. Non essendo l II influenzato dal numero di lavoratori esposti al rischio nella classe considerata, è corretto ritenere che le aziende di maggiori dimensioni siano quelle in cui il fenomeno infortunistico ha maggiore rilevanza e diffusione (nello specifico caso considerato la differenza tra 4,1 e 5,7 corrisponde a circa 800 infortuni nell anno considerato che si sono verificati in più nella classe >15 addetti). Tab. 6 - Numero di infortuni (esclusi gli infortuni stradali, in itinere ed accaduti agli apprendisti) e II nella provincia di Reggio Emilia per classe di numerosità degli addetti e per settore produttivo (Indice x100). Anno 2005 Anno 2005 Industria Commercio Servizi Classe Addetti Infortuni II Inf totali Infortuni II Inf totali Infortuni II Inf totali 15 addetti , , ,2 > 15 addetti , , ,5 Totale , , ,4 Fonte: NFI INAIL-ISPESL-Regioni ed. 2007

18 18 Salute e Sicurezza sul lavoro Di seguito si rappresentano (Tab. 7) il numero addetti, gli infortuni e gli II nei vari comparti produttivi per l anno Per valutare l andamento degli infortuni nel tempo, si rimanda all illustrazione dei progetti di comparto nel capitolo dedicato all attività del SPSAL. Tab. 7- Numero addetti, infortuni (esclusi gli infortuni stradali, in itinere ed accaduti agli apprendisti) e II nella provincia di Reggio Emilia per GG INAIL. Gestione Industria, Commercio e Servizi. Anno 2005 TOT. GG1 Lav. agricole alimenti TOT. GG2 Chimica carta cuoio TOT. GG3 Costruzioni impianti di cui gruppo 31 Costruzioni edili TOT. GG4 Energia comunicazioni TOT. GG5 Legno affini di cui gruppo 52 Lavoraz. Legno TOT. GG6 Metalli macchine di cui gruppo 62 Lavoraz. Metallo di cui gruppo 63 Macchine TOT. GG7 Geologia minerali di cui gruppo 72 Ceramica TOT. GG8 Tessile confezione TOT. GG9 Trasporti magazzino TOT. GG0 Servizi non determinati TOTALI Fonte: NFI INAIL-ISPESL-Regioni ed Addetti % Addetti Inf. totali % Inf 2,9 4,2 11,6 7,4 0,6 1,4 1,2 19,2 7,5 6,0 3,5 3,4 3,1 4,1 48,3 1,1 100, ,2 5,7 15,9 9,9 0,5 3,0 2,3 32,2 13,8 9,3 8,2 7,7 1,1 4,0 21,6 2,7 100,00 II Inf. totali 5,7 4,2 4,4 4,3 2,5 6,8 6,3 5,4 5,9 5,0 7,4 7,3 1,1 3,1 1,4 7,5 3,2

19 Salute e Sicurezza sul lavoro 19 L Indice di Incidenza rende confrontabili le frequenze infortunistiche nelle varie province dell Emilia-Romagna. Esaminando l Indice di Incidenza totale del periodo di tutte le province della RE-R (Tab. 8), si nota un trend complessivamente decrescente sia a livello regionale che a livello delle singole province. Nel 2007 l indice di Reggio Emilia rimane tra i più bassi (4,3) insieme a quello di Bologna (4,0) Tab. 8 - Andamento dell II degli infortuni totali (compresi gli infortuni stradali, in itinere ed accaduti agli apprendisti) nelle province dell Emilia-Romagna (Indice x100). Anni BO FE FC MO PR PC RA RE RN RER 4,61 4,39 4,26 4,03 3,91 3,85 4,19 3,97 4,97 4,97 5,57 5,27 5,13 5,07 4,96 4,87 6,80 6,81 6,76 5,96 5,57 5,15 5,12 4,93 5,67 5,52 5,30 4,89 4,84 4,75 4,79 4,79 6,59 5,88 5,21 5,11 5,24 5,06 5,00 4,73 5,38 4,78 4,70 4,62 4,40 4,48 4,73 4,57 6,58 5,89 6,12 5,65 5,55 5,64 5,34 5,34 5,99 5,32 5,16 4,89 4,68 4,27 4,43 4,31 6,74 6,20 6,13 5,71 6,03 5,63 5,91 5,44 5,68 5,33 5,21 4,89 4,79 4,64 4,76 4,60 Fonte: Banca Dati INAIL aggiornamento 2008

20 20 Salute e Sicurezza sul lavoro Grafico della Tab. 8 - Andamento dell II degli infortuni totali (compresi gli infortuni stradali, in itinere ed accaduti agli apprendisti) nelle province dell Emilia-Romagna (Indice x100). Anni Informazione - formazione utenza BO FE FC MO PR PC RA RE RN RER

21 Salute e Sicurezza sul lavoro 21 Gli indici di incidenza delle diverse province della RE-R possono essere efficacemente illustrati anche tramite una visualizzazione grafica (Fig. 1). Figura 1. Mappa degli Indici di Incidenza degli infortuni totali nelle province della RE-R. Anno 2006 Piacenza LEGENDA 4,19 4,62 4,63 5,05 5,06 5,48 5,49+ Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Ravenna Forlì-Cesena Rimini Indici di incidenza infortuni gravi Un altro indicatore utile per la corretta valutazione dell andamento infortunistico è costituito dalla percentuale e dall II degli infortuni gravi (rappresentati dagli eventi mortali, da quelli che hanno causato una invalidità permanente 6% o una inabilità temporanea maggiore di 40 giorni) per classe di numerosità degli addetti. Si può osservare (Tab. 9) che l incidenza degli infortuni mostra un andamento diverso in relazione alle dimensioni aziendali. Mentre gli infortuni gravi risultano più elevati nelle aziende a minore numerosità di addetti ( 15), con un indice di incidenza (II) di 9,4 rispetto alle aziende con più di 15 addetti dove l II è 8,1, questo non vale per gli infortuni totali, dove l incidenza è più elevata nelle grandi aziende (5,7 contro 4,1). Ciò depone a favore di una sottonotifica degli infortuni più lievi (che rappresentano la maggior parte dei totali) nelle aziende più piccole.

22 22 Salute e Sicurezza sul lavoro Tab. 9 Numero di infortuni gravi (esclusi gli infortuni stradali, in itinere ed accaduti agli apprendisti) e II totali (Indice x100) e gravi (Indice x 1000) nella provincia di Reggio Emilia per classe di numerosità degli addetti e per settore produttivo. Anno 2005 Classe addetti 15 addetti > 15 addetti Totale 15 addetti > 15 addetti Totale 15 addetti > 15 addetti Totale Inf. gravi % Inf. gravi* Industria 22,8 14,2 17,9 commercio 15,8 14,4 15,1 servizi 21,5 17,6 18,9 II Inf. totali Fonte: NFI INAIL-ISPESL-Regioni ed *calcolata sul totale infortuni per classe di addetti 4,1 5,7 4,9 1,8 2,0 1,9 1,2 1,5 1,4 II Inf. gravi 9,4 8,1 8,7 2,8 2,9 2,9 2,5 2,6 2,6

23 Salute e Sicurezza sul lavoro 23 La tabella 10 e i grafici seguenti (Graff. 1 e 2) mostrano, per i settori produttivi di maggior rilievo, la distribuzione nel 2005 dell indice di incidenza degli infortuni totali e di quelli gravi (eventi con inabilità permanente e mortali). I comparti dove si concentra il maggior rischio infortunistico (ovvero maggiore incidenza di infortuni gravi) sono, in ordine decrescente di II, le Costruzioni edili, la Ceramica, la Lavorazione del legno, la Lavorazione del metallo e il gruppo Macchine. Tab. 10 II degli infortuni totali e gravi (esclusi gli infortuni stradali, in itinere ed accaduti agli apprendisti) nella provincia di Reggio Emilia Gestione Industria, Commercio e Servizi (Indice x 100 nei totali, indice x 1000 nei gravi). Anno 2005 TOT. GG1 Lav. agricole alimenti TOT. GG2 Chimica carta cuoio TOT. GG3 Costruzioni impianti di cui gruppo 31 Costruzioni edili TOT. GG4 Energia comunicazioni TOT. GG5 Legno affini di cui gruppo 52 Lavoraz. Legno TOT. GG6 Metalli macchine di cui gruppo 62 Lavoraz. Metallo di cui gruppo 63 Macchine TOT. GG7 Geologia minerali di cui gruppo 72 Ceramica TOT. GG8 Tessile confezione TOT. GG9 Trasporti magazzino TOT. GG0 Servizi non determinati TOTALI Inf. gravi % Inf. gravi II Inf. totali II Inf. gravi 18,9 15,4 23,8 26,2 16, , ,7 15, ,7 22,7 19,9 12,5 18 5,7 4,2 4,4 4,3 2,5 6,8 6,3 5,4 5,9 5,0 7,4 7,3 1,1 3,1 1,4 7,5 3,2 10,7 6,5 10,4 11,2 4,1 10,9 9,4 7,7 9,4 5,3 11,7 10,9 2,9 7,1 2,8 9,4 5,7 Fonte: NFI INAIL-ISPESL-Regioni ed. 2007

24 24 Salute e Sicurezza sul lavoro Graff. 1 e 2 - II degli infortuni totali e gravi (esclusi gli infortuni stradali, in itinere ed accaduti agli apprendisti) nella provincia di Reggio Emilia. Gestione Industria, Commercio e Servizi (Indice x 100 nei totali, indice x 1000 nei gravi). Anno 2005 Graf. 1- II degli infortuni totali Graf. 2 - II degli infortuni gravi 8,00 12,00 7,00 6,00 5,00 10,00 8,00 4,00 6,00 3,00 2,00 1,00 4,00 2,00 0,00 31 Costruz. edili 63 Macchine 62 Lavoraz. metallo 52 Lavoraz. legno 72 Ceramica 0,00 63 Macchine 52 Lavoraz. 62 Lavoraz. legno metallo 72 Ceramica 31 Costruz. edili Le malattie professionali a Reggio Emilia Le informazioni sulle malattie occupazionali presentano ancora oggi numerose lacune, anche per una non completa possibilità di attribuzione e volontà di segnalazione. È certo che il numero di decessi legato all insorgenza di queste patologie è in aumento. Nei paesi sviluppati l incremento delle malattie professionali è anche, probabilmente, da mettere in relazione con l affinamento delle metodologie diagnostiche di questa tipologia di patologie e con l adozione di alcuni sistemi di sorveglianza epidemiologica dei danni da lavoro.

25 Salute e Sicurezza sul lavoro 25 3 Distribuzione delle malattie professionali manifestatesi per le gestioni Agricoltura e Industria nel periodo Le tecnopatie denunciate nella provincia di Reggio Emilia sono andate via via aumentando negli ultimi 7 anni (Tab. 11), passando da 504 nel 2000 a 553 nel 2006 con un picco nel 2004 di 640. L aumento medio percentuale nei vari anni, rispetto al 2000, è stato a Reggio Emilia del 12,8% circa (range 9,3 27,0%). I dati della provincia di Reggio Emilia riferiti al complesso delle malattie riconosciute, comprensive oltre che di quelle indennizzate (casi con inabilità di grado >10%) anche dei casi definiti con inabilità di grado 1-10%, sono tendenzialmente in aumento (Tab. 11): dalle 226 del 2001 (per il 2000 non è disponibile la quota di MP riconosciute) alle 296 del picco dell anno 2004, alle 230 del L aumento medio rispetto al 2001 è pari al 7,1% (con valori piuttosto altalenanti che vanno dal -9,7 al 31,0%). Tab Malattie professionali denunciate e riconosciute a Reggio Emilia. Gestione Industria, Commercio e Servizi e Gestione Agricoltura. Periodo Totale Totale RICONOSCIUTE ND* Totale DENUNCIATE % Riconosciute/Denunciate - 39,3% 42,7% 39,2% 46,3% 42,8% 41,6% 45,5% 42,7%** * (per l anno 2000 ND il dato per MP riconosciute) ** rapporto calcolato sul periodo per la non disponibilità della quota di MP riconosciute nel 2000 Fonte: Dati , Rapporti Annuali INAIL ; dati : Banca dati INAIL Apr 2008 per Gestione Industria, Rapporto Annuale INAIL 2006 per gestione Agricoltura. Dati 2007 Banca dati INAIL Ott 2008 per Gestione Industria, Rapporto Annuale INAIL 2007 per gestione Agricoltura. 3 Industria = Gestione Industria, Commercio e Servizi

Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. Comitato di Programma 17 dicembre 2007

Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. Comitato di Programma 17 dicembre 2007 Programma di azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro Comitato di Programma 17 dicembre 2007 OBIETTIVI DI UN PROGRAMMA DEL PIANO PER LA SALUTE - migliorare la salute del gruppo di popolazione a cui il

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

PREVENZIONE INFORTUNI IN EDILIZIA E VIGILANZA Sintesi dei gruppi di lavori di area vasta A. Giannini

PREVENZIONE INFORTUNI IN EDILIZIA E VIGILANZA Sintesi dei gruppi di lavori di area vasta A. Giannini Quale EBP nei Dipartimenti di Sanità Pubblica. Analizzare, condividere, sperimentare attività efficaci. Proposte e prospettive per condividere attività efficaci Bologna 16 giugno 2008 PREVENZIONE INFORTUNI

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

Esperienze di di intervento partecipato e definizione di di buone pratiche per la prevenzione dei dei WMSDs nella lavorazione del Parmigiano-Reggiano

Esperienze di di intervento partecipato e definizione di di buone pratiche per la prevenzione dei dei WMSDs nella lavorazione del Parmigiano-Reggiano DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Gruppo Caseifici di Area Vasta delle Province di Reggio Emilia, Modena, Parma e Piacenza Quarto Seminario Internazionale La prevenzione e gestione del rischio da sovraccarico

Dettagli

Rendicontazione attività del Comitato Regionale di Coordinamento ex articolo 7 decreto legislativo 81/08. Regione Emilia-Romagna

Rendicontazione attività del Comitato Regionale di Coordinamento ex articolo 7 decreto legislativo 81/08. Regione Emilia-Romagna ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE Rendicontazione attività del Comitato Regionale di Coordinamento ex articolo 7 decreto legislativo 81/08 Regione Emilia-Romagna ANNO 2012 2 INDICE ORGANIZZAZIONE DEL

Dettagli

Il comparto delle fonderie. E storicamente comparto ad alto rischio di infortuni e malattie professionali

Il comparto delle fonderie. E storicamente comparto ad alto rischio di infortuni e malattie professionali Il comparto delle fonderie E storicamente comparto ad alto rischio di infortuni e malattie professionali Codici di Tariffa Inail Inabilità Permanente (x 1.000) indici 2011-13 1100 Lavorazioni meccanico-agricole

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro.

Dettagli

Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza

Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza Fonte: Nuovi Flussi Informativi www.inail.it sezione Flussi informativi Periodo di studio: 2008 2013 La Figura 1 mostra la distribuzione percentuale

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI IN EMILIA-ROMAGNA

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI IN EMILIA-ROMAGNA ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI IN EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale di Coordinamento (D.P.C.M. 21 dicembre 2007) Anno 2010 Volume 3 2 Infortuni e malattie

Dettagli

ULSS 6 VICENZA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI NELL ANNO 2014: SALTARE SUL TRENO DELLA RIPRESA SENZA FARSI MALE

ULSS 6 VICENZA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI NELL ANNO 2014: SALTARE SUL TRENO DELLA RIPRESA SENZA FARSI MALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Cod. ipa AUV Tel. 0444 753111

Dettagli

Infortuni sul Lavoro e Malattie Professionali nella provincia di Viterbo. Dati di attività U.O.C. PISLL

Infortuni sul Lavoro e Malattie Professionali nella provincia di Viterbo. Dati di attività U.O.C. PISLL REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO Osservatorio Epidemiologico Provinciale degli Infortuni sul Lavoro e delle Malattie Professionali REPORT 2 SEMESTRE ANNO 2009 Infortuni sul Lavoro e Malattie

Dettagli

Gruppo di lavoro Profili professionali. Documento n. 1

Gruppo di lavoro Profili professionali. Documento n. 1 Gruppo di lavoro Profili professionali Documento n. 1 1. Introduzione. 2. Profilo professionale del tecnico del Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro della ASL. 3. Profilo professionale

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008 Regione: Lazio Titolo del progetto: Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Referente: Elisa Romeo Negli ultimi

Dettagli

LE MALATTIE PROFESSIONALI A BERGAMO 2008-2012

LE MALATTIE PROFESSIONALI A BERGAMO 2008-2012 LE MALATTIE PROFESSIONALI A BERGAMO 2008-2012 BERGAMO Premessa L INAIL, acronimo di Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni Lavoro, assicura non solo gli infortuni sul lavoro, ma anche contro le malattie

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

PRODOTTI FITOSANITARI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI I Parte

PRODOTTI FITOSANITARI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI I Parte U.o.c. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro PRODOTTI FITOSANITARI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI I Parte Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Tecnici della

Dettagli

ORIGINE DEI DATI DESCRIZIONE DEI DATI

ORIGINE DEI DATI DESCRIZIONE DEI DATI Abstract I Servizi o Unità operative Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti Lavoro (PSAL) e le Unità Operative Impiantistiche Antinfortunistiche (UOIA), operanti nel Dipartimento di Sanità Pubblica delle

Dettagli

IL QUADRO DERIVANTE DAI DATI CONCLUSIVI DEL PROGETTO DI MONITORAGGIO SULL APPLICAZIONE DEL D.L.GS 626/94 NELLA REGIONE MARCHE

IL QUADRO DERIVANTE DAI DATI CONCLUSIVI DEL PROGETTO DI MONITORAGGIO SULL APPLICAZIONE DEL D.L.GS 626/94 NELLA REGIONE MARCHE IL QUADRO DERIVANTE DAI DATI CONCLUSIVI DEL PROGETTO DI MONITORAGGIO SULL APPLICAZIONE DEL D.L.GS 626/94 NELLA REGIONE MARCHE Relazione di: Catia Pieroni Iesi 26 febbraio 2004 Alla fine del 2002 si è concluso

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA

PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA REGIONE MARCHE PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA a cura del Gruppo Tecnico Regionale Edilizia 1 LINEE GUIDA PER GLI INTERVENTI DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI IN EDILIZIA PREMESSA Gli infortuni

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PIANO REGIONALE PREVENZIONE Progetto Piano di Prevenzione infortuni sul lavoro

REGIONE ABRUZZO PIANO REGIONALE PREVENZIONE Progetto Piano di Prevenzione infortuni sul lavoro A- PREMESSE 1-EPIDEMIOLOGIA REGIONE ABRUZZO PIANO REGIONALE PREVENZIONE Progetto Piano di Prevenzione infortuni sul lavoro La regione Abruzzo nel 2004 presentava 479.000 occupati con un lieve incremento

Dettagli

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa Rapporto Sicurezza 2008 Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa 17 Aprile 2009 Premessa Questa breve presentazione ha l obiettivo di illustrare in anteprima i principali dati del 1 Rapporto

Dettagli

S. Sanna A. Messineo, G.Borzacchi, L.Dimitri, A.Quercia, L.Taddei

S. Sanna A. Messineo, G.Borzacchi, L.Dimitri, A.Quercia, L.Taddei Efficacia delle azioni di promozione e controllo sull appropriatezza delle misure di prevenzione adottate nelle aziende agricole. La sorveglianza sanitaria, le indagini sui danni associati al rischio S.

Dettagli

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi federico.ricci@unimore.it Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni

Dettagli

NUOVI FATTORI di RISCHIO nel SETTORE TRASPORTI

NUOVI FATTORI di RISCHIO nel SETTORE TRASPORTI CONVEGNO Il PROGETTO ALCOL E LAVORO DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA: tra promozione di sani stili di vita e applicazione della normativa NUOVI FATTORI di RISCHIO nel SETTORE TRASPORTI Dr.ssa Elena CHIESA

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1 EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1 PREMESSA Il comparto della ceramica per piastrelle rappresenta, da vari decenni, una delle realtà industriali di maggiore rilievo della nostra

Dettagli

Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro SEDE DI MANTOVA

Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro SEDE DI MANTOVA Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro SEDE DI MANTOVA INVESTIRE IN SICUREZZA. L INFORTUNIO COSTA Intervento al convegno La sicurezza partecipata nell Artigianato. Ruolo

Dettagli

RSPP / ASPP - MODULO A Nuove nomine - Programma

RSPP / ASPP - MODULO A Nuove nomine - Programma Reggio E., 21.12.2012 Prot. / AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI OGGETTO: Programma Corsi di formazione per RSPP, ASPP e RLS In prosecuzione al programma di formazione dello scorso anno, il Dipartimento

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

4. La tutela assicurativa INAIL

4. La tutela assicurativa INAIL 4. La tutela assicurativa INAIL L infortunio sul lavoro Che cos è l infortunio sul lavoro: l evento lesivo che produce danno al lavoratore la cui causa, sia violenta, cioè acuta, di forza efficiente e

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA. Risultati del Piano Regionale per la Prevenzione 2010-2013 e prospettive future CONVEGNO REGIONALE

SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA. Risultati del Piano Regionale per la Prevenzione 2010-2013 e prospettive future CONVEGNO REGIONALE CONVEGNO REGIONALE SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA PIANO REGIONALE PREVENZIONE 2010 2013 PROGETTO: CONTRASTO DEL RISCHIO DI INFORTUNI MORTALI ED INVALIDANTI IN AGRICOLTURA RISULTATI E PROSPETTIVE FUTURE

Dettagli

Cosa deve fare il SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE COMPITI

Cosa deve fare il SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE COMPITI Rappresenta lo spazio organizzativo che all interno dell impresa agricola deve occuparsi della gestione della sicurezza. Il responsabile del SPP viene nominato dal datore di lavoro tra i propri dipendenti

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO?

Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? Organismo Provinciale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro Seminario SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: UNA SPESA O UN RISPARMIO? La sorveglianza epidemiologica e la ricerca attiva delle malattie muscoloscheletriche

Dettagli

PIANI REGIONALI DELLA PREVENZIONE Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Regione VENETO Epidemiologia degli infortuni nei luoghi di lavoro ( sist. COREO) Obiettivi: promuovere

Dettagli

P r o v i n c i a d i P i s t o i a

P r o v i n c i a d i P i s t o i a P r o v i n c i a d i P i s t o i a COMUNICATO STAMPA SI PRESENTA IL RAPPORTO ANNUALE DELL OSSERVATORIO SICUREZZA LAVORO: DATI 2008 DIMINUISCE IL NUMERO DEGLI INFORTUNI INDENNIZZATI Viene presentato oggi,

Dettagli

Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili

Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili L idoneità tecnico professionale imprese e lavoratori autonomi Dott. Martini Stefano smartini@ausl.pr.it tel. 0521/865173 tel. 0521/865399 SPSAL - DISTRETTO SUD-EST

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 ---

PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 --- Allegato n.1 PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 --- DI RICERCA IN MATERIA DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA DENOMINATO Rilevazione Delle Malattie Professionali nelle aree Del Fucino e Valle Peligna ALLEGATO

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO Valutazione dei rischi 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Lo scopo di questa procedura è di descrivere i criteri, le modalità operative e le responsabilità per: effettuare la valutazione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Annarita Castrucci Medico del Lavoro U.O.C. PISLL AUSL Viterbo

Annarita Castrucci Medico del Lavoro U.O.C. PISLL AUSL Viterbo CEFAS GIORNATE DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (ai sensi dell allegato XIV del D.lgs 81/2008 - edizione 2013) LA GESTIONE DEI PROTOCOLLI

Dettagli

Dott. Maria Grazia Roselli U.O. Igiene e Salute nei Luoghi di Lavoro Az. USL 2 - Lucca

Dott. Maria Grazia Roselli U.O. Igiene e Salute nei Luoghi di Lavoro Az. USL 2 - Lucca La sorveglianza epidemiologica e la ricerca attiva delle malattie muscoloscheletriche e dei tumori in Provincia di Lucca: indicazioni per la prevenzione Dott. Maria Grazia Roselli U.O. Igiene e Salute

Dettagli

NORMATIVA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

NORMATIVA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NORMATIVA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DLGS81/08 D.LGS Ultime novità legislative IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione

Dettagli

MALATTIE PROFESSIONALI

MALATTIE PROFESSIONALI MALATTIE PROFESSIONALI L Informazione aiuta la Prevenzione Il lavoro è parte della tua vita, non la tua malattia. Lavorare bene ti fa bene! Malattie Professionali Lesione dovuta a causa lenta che produce

Dettagli

La Legge di Riforma Sanitaria

La Legge di Riforma Sanitaria La Legge di Riforma Sanitaria La Riforma Sanitaria introdotta con la Legge 23 dicembre 1978 n 833 ha stabilito, nell art. 20, che i compiti dei Servizi di Prevenzione della A.S.L. sono: La Legge di Riforma

Dettagli

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN DOCUMENTO Pagina 1di 12 Redatto da Verificato Approvato Rev. Ines Magnani Malvolti Daniela firma firma Carlo Veronesi FIGURA ORE DOCUMENTI LEGGE CONTENUTI della FORMAZIONE Datore di Lavoro autonominato

Dettagli

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 IL DIRETTORE GENERALE DELL ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Dott. Luigi Gianola Convegno del 14 Luglio 2010 Sala

Dettagli

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato:

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato: La pianificazione regionale 2005-2009 1) Obiettivi iniziali del progetto In Veneto le attività di prevenzione negli ambienti di lavoro sono state pianificate tenendo conto dello scenario nazionale e regionale

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L.

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L. Ruolo dell organo di vigilanza nel sistema della prevenzione Santo Alfonzo Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 GLI ATTORI DELLA PREVENZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO S OGGETTI O BBLIGATI DATORI DI LAVORO, DIRIGENTI,

Dettagli

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali

Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Indicazioni operative per i RLS aziendali in caso di infortuni e malattie professionali Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, in base al D.Lgs 81/08 riceve le informazioni e la documentazione

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore

La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore La formazione alla sicurezza come proposta di qualificazione del settore Scuola Edile di Reggio Emilia Ente di Formazione Professionale Edile Claudio Cigarini Alberto Zanni Formare alla sicurezza I presupposti

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI.

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI. LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI. Convegno CUP del 16 Maggio 2009 relazione prof. ing. Guido Cassella Esse Ti Esse - Padova e Treviso Slide 1 SOGGETTI

Dettagli

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro Servizi BrainCare S.r.l., opera anche nel settore Medicina del Lavoro offrendo alle Aziende Clienti, i suoi servizi

Dettagli

La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate

La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate Gli interventi di prevenzione della ASL RM H Dr. Sandro Sanna Velletri 14 novembre 2008 Salute e sicurezza in agricoltura Principali problematiche

Dettagli

Corso di aggiornamento per RSPP/ASPP Novembre-dicembre 2012

Corso di aggiornamento per RSPP/ASPP Novembre-dicembre 2012 Giorgio Zecchi SPSAL Reggio Emilia Corso di aggiornamento per RSPP/ASPP Novembre-dicembre 2012 VALUTAZIONE DEI RISCHI E REDAZIONE DEL DOCUMENTO: METODO - CONTENUTI - FOCALITA SU ALCUNI RISCHI SPECIFICI

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

IL PIANO PER LA SALUTE NEL COMUNE DI MODENA

IL PIANO PER LA SALUTE NEL COMUNE DI MODENA Comune di Modena IL PIANO PER LA SALUTE NEL COMUNE DI MODENA Programma di Azioni sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro Validità 2003-2007 Paolo Tori Gruppo di Coordinamento Piano per la Salute La salute

Dettagli

Fare sicurezza nelle «manifestazioni temporanee»: il project work promosso dalla ASL di Milano

Fare sicurezza nelle «manifestazioni temporanee»: il project work promosso dalla ASL di Milano Fare sicurezza nelle «manifestazioni temporanee»: il project work promosso dalla ASL di Milano Milano, 21 ottobre 2013 Perché un progetto ad hoc? Perché un progetto ad hoc? Le fasi e il metodo del

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013

AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013 AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 203 sviluppare sensibilità e competenze per accrescere la sicurezza in azienda Cerform è ente accreditato dalla Regione Emilia Romagna ed è certificato CORSI PER ASPP RSPP

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

268ª Seduta (antimerid.) Assemblea - Allegato A DOCUMENTO

268ª Seduta (antimerid.) Assemblea - Allegato A DOCUMENTO 47 Allegato A DOCUMENTO Relazione intermedia sull attività della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche" (Doc.

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

CONFCOOPERATIVE Reggio Emilia Largo M.Gerra, 1 42100 Reggio Emilia Tel. 0522/546111

CONFCOOPERATIVE Reggio Emilia Largo M.Gerra, 1 42100 Reggio Emilia Tel. 0522/546111 CATALOGO CORSI SICUREZZA - CORSO PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI D.LGS. 81/2008, D.M. 10/03/98 - CORSO PER ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO D.LGS. 81/2008 - D.M. 388/2003 - CORSO PER RAPPRESENTANTE DEI

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Il progetto MODS. 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale

Il progetto MODS. 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale Il progetto MODS Concluso lo studio pilota multicentrico caso-controllo di popolazione. Casi di STC selezionati dalle SDO (cod. ICD IX

Dettagli

L ambiente come elemento di rischio

L ambiente come elemento di rischio 13 marzo 2013 L ambiente come elemento di rischio Giorgio Zecchi Servizio PSAL Azienda USL di Reggio Emilia L ambiente come elemento di rischio - postazioni di lavoro non ergonomiche - spazi liberi di

Dettagli

Compiti organismi paritetici

Compiti organismi paritetici Compiti organismi paritetici Art. 2 D.lgs 81/2008 - definizioni: organismi paritetici: organismi costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Divisione Formazione Corso di formazione per COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (120 ore) ai sensi del D.Lgs 81/08, art.98 Gennaio febbraio 2011 1 giornata 9.00 12.30 La legislazione

Dettagli

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Franco Sarto, Michela Veronese, Sara Roberti COREO Armando Olivieri, Luca Benacchio, Spisal ULSS 15 Le fonti

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI

RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI Chi Siamo? RLS E GESTIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE PAZIENTI Siamo dipendenti pubblici che lavorano nella Fondazione Ca Granda Ospedale Policlinico di Milano in Clinica del Lavoro Dipartimento di Medicina

Dettagli

2. ASPETTI LEGISLATIVI

2. ASPETTI LEGISLATIVI 2. ASPETTI LEGISLATIVI Il legislatore ha risposto alla gravità di un siffatto fenomeno infortunistico con una trattazione specifica del problema nel corpus del d.lgs. 81/08, agli artt. 66 e 121 e all allegato

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager ALLEGATO A Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager tra: Regione Toscana, INAIL Toscana, Università degli Studi di Firenze, Pisa e Siena, Confindustria

Dettagli

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno 2012. Nel 2012 si è avuto

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 )

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 ) EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 ) Epidemiologia degli Infortuni lavorativi nella Ulss 12 Veneziana

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI DEGLI SPISAL ULSS VICENZA 14 settembre 2009 MANUELA PERUZZI TESTO UNICO SPISAL ULSS 20 VERONA - 1 ARGOMENTI DELLA GIORNATA 1.

Dettagli

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: - 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : htpp://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

L'obbligo di formazione dei lavoratori ai sensi del D.lgs. 81/08

L'obbligo di formazione dei lavoratori ai sensi del D.lgs. 81/08 L'obbligo di formazione dei lavoratori ai sensi del D.lgs. 81/08 1 Norme D. lgs. 81/08: Tutela salute e sicurezza lavoratori/trici Accordi Stato Regioni: formazione lavoratori, preposti, dirigenti, datori

Dettagli

AREA DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

AREA DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO AREA DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Profili di salute 1. Imprese e addetti totali in provincia di BG 2. Infortuni

Dettagli

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di

LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO 81/2008. T. U. "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro".

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli