Il mondo dei robot. Alessandro Negrini C L. 5 D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mondo dei robot. Alessandro Negrini C L. 5 D"

Transcript

1 Il mondo dei robot A. S C L. 5 D I t i s E n e a M a t t e i ( S O ) C o r s o : I n f o r m a t i c a Alessandro Negrini Rapida anteprima sul mondo dei robot, dalla loro nascita al loro sviluppo e al loro impiego nella società contemporanea.

2 Three laws of robotics A robot may not injure a human being or, through inaction, allow a human being to come to harm. ( see page 12 ) A robot must obey any orders given to it by human beings, except where such orders would conflict with the First Law. A robot must protect its own existence as long as such protection does not conflict with the First or Second Law. Isaac Asimov ( ) Premessa In occasione dell esame di maturità ho voluto infondere in poche righe la passione che ho per la robotica e per la tecnologia in generale. 1

3 Già da piccolo ero molto interessato all argomento e quando ho cominciato a frequentare la scuola in cui mi trovo adesso, ho potuto capire il significato di tutte quelle grandi città all interno dei computer e cosa realmente trasportassero tutti quei fili colorati. Spero di poter continuare a maturare questa passione, e perciò vorrei ringraziare i miei professori per avermela fatta conoscere e amare, nonostante qualche insuccesso iniziale. La tesina tratta di un vasto argomento, appunto quello dalla robotica, e in poche pagine ho cercato di riassumere al meglio l essenziale per poter immergersi in questo meraviglioso mondo. Parlerò della robotica in generale e del legame di questa con ciascuno di noi, partendo dall origine del termine fino all impiego quotidiano, anche con qualche esempio grafico. In questo lavoro ho anche inserito alcune immagini, perché ritengo che in certe circostanze queste possano spiegare un concetto in maniera più chiara rispetto alle parole. Successivamente, visto che la tesina in sé potrebbe essere anche noiosa, ho voluto completarla con un progetto pratico, la costruzione di un braccio robotico. Il braccio ha diverse funzioni e speriamo che in un prossimo futuro gli impieghi di questo robottino possano moltiplicarsi, nonostante la sua struttura artigianale. Il braccio è stato costruito completamenti in casa nel senso che è stato utilizzato in prevalenza materiale d occasione. In questa circostanza devo ringraziare con cuore il professore G.B Turchi perché mi ha sempre assistito nella realizzazione del progetto e si è anche impegnato nella costruzione di alcuni pezzi meccanici del manipolatore in officina. Vorrei anche ringraziare i miei compagni di classe e amici perché sono sempre stati disposti a dare aiuti o consigli. Infine, un ringraziamento speciale va anche alla mia famiglia e alla mia fidanzata che sono sempre stati pronti a incoraggiarmi ogni qualvolta c era qualcosa di sbagliato o di non funzionante. 2

4 Alessandro Negrini Sommario 1. Che cos è la robotica Origine del termine robot Cosa sono i robot? Breve storia dei robot Curiosità: il giocatore a scacchi di Maelzel I robot di prima generazione I robot di seconda generazione I robot di terza generazione I robot di quarta generazione 1.4 Robotica e letteratura Isaac Asimov His writings First Law 12 3

5 2. Etica e robot Campi di applicazione 2.2 I robot industriali I robot militari I robot a Fukushima I robot e le competizioni I robot in medicina Approfondimento : il manipolatore Struttura dei manipolatori Manipolatore cartesiano Manipolatore a portale Manipolatore cilindrico Manipolatore sferico Manipolatore SCARA Manipolatore antropomorfo Unità di controllo e programmazione I robot e la fisica: la cinematica 28 4

6 3.3.1 La cinematica diretta La cinematica inversa Altre operazioni Robarman: il braccio made in ITIS 30 Il mondo dei robot 1. Che cos è la Robotica? La robotica è una scienza che studia i comportamenti degli esseri intelligenti e che cerca di sviluppare delle metodologie che permettano ad una macchina, chiamata robot, dotata di opportuni dispositivi adatti a percepire l'ambiente circostante ed a interagire con esso (sensori e attuatori), di eseguire dei compiti specifici. Rappresenta la soluzione a vari problemi per gli umani, che possono liberarsi di compiti troppo noiosi, lunghi, pericolosi, faticosi, veloci o precisi. La disciplina nasce dal desiderio degli uomini di realizzare dispositivi artificiali e autonomi dotati di intelligenza artificiale. La Robotica non è importante soltanto per imparare a costruire e ad usare i robot, ma anche per imparare un metodo di ragionamento e sperimentazione, infatti raccoglie molti studi interdisciplinari, quali ad esempio la meccanica, l elettronica, l informatica, la sensoristica, l intelligenza artificiale e la matematica. 5

7 1.1 Origine del termine robot La parola robot nasce vicino a Praga nel Il termine proviene quindi dal ceco robota, dove ha il significato di lavoro pesante o lavoro forzato. Questo termine è stato introdotto dallo scrittore ceco Karel Čapek nel suo dramma teatrale R.U.R. (Rossum's Universal Robots ovvero I robot universali di Rossum ). In verità il vero ideatore del termine è stato il fratello Josef, che già aveva adoperato la parola automat (automa) in un suo racconto intitolato Opilec ( L ubriacone ) nel Robot rimanda anche alla parola russa rabotat (che significa lavorare ) da cui deriva rabotjàga ovvero lavoratore instancabile. L anno 1920 è anche l anno in cui nasce Isaac Asimov e il termine inglese derivato robotics ossia robotica, compare per la prima volta in un racconto di fantascienza dello stesso scrittore, intitolato Bugiardo del Lo stesso Asimov è l inventore delle Tre Leggi della Robotica (precedentemente elencate) enunciate interamente nel racconto Circolo Vizioso del Successivamente le Leggi della Robotica diventano quattro, con l introduzione 6

8 della Legge Zero che afferma che un robot non può causare danno all'umanità o permettere che a causa della sua inazione l'umanità subisca danno. 1.2 Cosa sono i robot? Nel 1979 l istituto americano dei Robot dà una definizione di robot, ossia uno strumento programmabile e multifunzionale progettato per spostare materiali, componenti o attrezzi, attraverso vari movimenti programmati. A vent anni di distanza, questa definizione potrebbe essere considerata incompleta, dato che al giorno d oggi un robot è visto come uno strumento utilizzato (nella scienza) in campo scientifico e nell industria per prendere il posto di un essere umano. Esso potrebbe, oppure no, assomigliare a un essere umano e svolgere, oppure no, i suoi compiti come un uomo. Non si limita più allo spostamento di attrezzi come affermava la definizione del 1979, ma compie determinate azioni in base ai comandi che gli vengono dati e alle sue funzioni, sia in base ad una supervisione diretta dell'uomo, sia autonomamente basandosi su linee guida generali, magari usando processi di intelligenza artificiale; questi compiti dovrebbero essere performanti al fine di sostituire o coadiuvare l attività dell'uomo. Non sempre è facile distinguere un robot da una macchina puramente automatizzata, perciò bisogna anche porre il limite che un vero robot deve avere capacità decisionali, deve poter fronteggiare situazioni impreviste che neppure il suo creatore può immaginare a priori, per esempio grazie a sensori e attuatori, altrimenti sarebbe semplicemente un automatismo. E per questo che, ad esempio un orologio, non può essere considerato un robot. Caratteristiche di un robot : Programmabilità: capacità di elaborazione che il progettista può combinare come desidera; Mobilità: possibilità di interagire fisicamente con l ambiente; Flessibilità: capacità di esibire un comportamento adatto alla situazione; Autonomia: possibilità di svolgere le proprie funzioni senza ingerenze o condizionamenti da parte di altri membri. 7

9 Sensore: dispositivo che trasforma una grandezza fisica che si vuole misurare, in un segnale di natura diversa (tipicamente elettrico) più facilmente misurabile o memorizzabile. Attuatore: dispositivo che converte dell'energia da una forma ad un'altra, in modo che questa agisca nell'ambiente fisico al posto dell'uomo. Ossia qualsiasi dispositivo utilizzato per azionare organi meccanici o per intervenire su circuiti idraulici in seguito a comandi ad esso inviati per mezzo di un sistema di controllo elettronico. 1.3 Breve storia dei robot La costruzione di dispositivi automatizzati risale ai tempi antichi, infatti già tra il a.c. il greco Archita di Taranto costruisce una colomba volante messa in moto da un getto di vapore. Nel 200 d.c. cominciano ad essere costruiti i primi esemplari rudimentali di automi: Roger Bacon crea una testa parlante. Ciò significa che l idea di costruire un individuo artificiale, dotato di movimento e autonomia nelle proprie azioni, non è quindi degli ultimi secoli, né una conseguenza dello sviluppo dell informatica e della robotica. Il termine stesso, automa, è proprio una parola greca dal significato di colui che si muove da solo. Il Rinascimento è un autentico fiorire di studi e progetti di meccanica e meccanismi. Il massimo esponente è senza dubbio Leonardo da Vinci, che con il suo leone meccanico semovente (1515), incantava le rappresentazioni teatrali alla corte di Francesco I. Tra l altro il leone di Leonardo è stato recentemente ricostruito ed è conservato nel castello di Close Luce, nella valle della Loira in Francia. Una svolta significativa si ha con l invenzione della prima macchina a vapore da parte dell inglese Thomas Newcomen nel 1705, poi perfezionata dallo scozzese James Watt. Questa invenzione dà all uomo la possibilità di creare i primi dispositivi autonomi. Il successo è immediato, soprattutto in campo industriale: non è più 8

10 necessaria la presenza di corsi d acqua o di vento per produrre lavoro meccanico, infatti la semplice espansione di vapore acqueo surriscaldato aziona uno stantuffo che produce la potenza necessaria. A partire dal XVIII nascono moltissimi tipi di automi e molti dei quali vanno oltre ai semplici movimenti; cominciano a nascere i primi tentativi di automi che giocano a scacchi. In un primo momento queste macchine sono costituite da una scatola al cui interno c è un umano vero e proprio, poi con il passare del tempo vengono comandati a distanza, elettricamente. Inoltre, è proprio in questo periodo, il periodo della rivoluzione industriale ( ) che l uomo comincia a sviluppare l idea che l utilizzo delle macchine potesse andare a sostituire alcuni lavori, magari troppi lunghi o faticosi. Gli imprenditori, quindi, pensano che le macchine siano meglio dell uomo. Tali macchine, essendo robotizzate, fanno molto più lavoro dell'uomo, quindi sono più efficienti e produttive. Successivamente i robot industriali vengono impiegati anche per la costruzione di nuovi mezzi di trasporto, per esempio l automobile. Man mano che la produzione delle fabbriche e delle industrie sale, senza l'ausilio dell'uomo, i robot sostituiscono quasi definitivamente la manodopera umana che diventa perciò disponibile per altri lavori comuni; e con il crescere della società di massa cominciano anche a nascere i primi robot di svago, per esempio pupazzetti di legno o di plastica che battono le mani o fingono di suonare uno strumento. La robotica vera e propria nasce solamente a partire dagli anni 40 dello scorso secolo, anche se i robot inizialmente sono destinati solo ad un uso industriale, con lo sviluppo graduale di teorie per il controllo del movimento e l incremento dei gradi di libertà acquisiscono una sempre maggiore complessità, fino alla costruzione dei cosiddetti bracci manipolatori che hanno invaso il settore produttivo mondiale. A partire dagli anni 70 comincia a diffondersi parallelamente anche il l informatica, importantissima per lo sviluppo dei robot successivi, sempre più complessi. Nel 1956 si comincia a parlare di intelligenza artificiale (AI) perché i ricercatori iniziano a porsi l obiettivo di creare una struttura basata su hardware e software. Il termine viene coniato da un matematico americano McCarthy, il quale vuole trovare un nome a quell' abilità di un computer di svolgere funzioni e ragionamenti tipici della mente umana. Sostanzialmente lo sviluppo della Robotica mondiale è andato di pari passo con il progresso dell Information Technology (Informatica) e dell AI, infatti l evolversi del sistema di programmazione del software ha influito notevolmente sui metodi di lavoro 9

11 degli elaboratori, seppur con linguaggi di programmazione a basso livello. Negli ultimi anni è cresciuto esponenzialmente l utilizzo di questi strumenti in ambito medico, soprattutto nelle sale operatorie, per fare ad esempio trapianti d anca, operazioni alle costole o altro ancora. Fig.1 : densità di unità robotiche nel mondo giocatore a scacchi di Maelzel Curiosità: il Come accennato precedentemente, i primi creatori di automi hanno voluto superarsi creando macchine che giocassero a scacchi in maniera autonoma: peccato che non sempre il risultato era quello sperato. Il primo e il più celebre fu costruito nel 1770 da un nobile ungherese Wolfgang von Kempelen, e presentato alla corte dell'imperatrice Maria Teresa d'austria. Esso raffigurava un uomo avvolto in abiti orientali, seduto dietro una specie di scrivania chiusa sul davanti da tre sportelli, con due cassetti in fondo; per il suo aspetto e il turbante che portava in testa era conosciuto come "il Turco". Prima di ogni partita, l'inventore apriva gli sportelli ad uno ad uno, mostrando agli spettatori un complesso di ingranaggi, rotelle, fili di ogni genere veramente impressionante. In seguito alla morte di von Kempelen, avvenuta nel 1784, i figli vendettero l'automa a Johann 10

12 Maelzel, celebre inventore del metronomo, il quale proseguì le esibizioni in tutta Europa. Per l'astronomica cifra di 30 mila franchi, nel 1811 un principe acquistò "il Turco". Deluso dalla reale natura dell'oggetto, il principe lo ricedette per la stessa somma a Maelzel. L'automa, infatti, non era affatto un miracolo di tecnologia, bensì una truffa molto ben congegnata: era semplicemente azionato nell'interno da un uomo di piccola statura, che si occultava abilmente dietro gli ingranaggi, spostandosi a destra o a sinistra a seconda dello sportello che veniva aperto. I movimenti dei pezzi sul tavolo, durante la partita, gli venivano segnalati da piccoli magneti posti al di sotto, in modo che il giocatore potesse riprodurre le mosse su una scacchiera tascabile, e rispondere, poi, manovrando il braccio mobile del turco. A lungo si nascose all'interno dell'automa un polacco di nome Worowski, che aveva perso le sue gambe in guerra. Nel 1825 Maelzel si imbarcò per gli Stati Uniti portando con sé l'automa. Negli USA l' automa fu studiato da Edgar Allen Poe, che in un giornale locale rivelò "The spoof of the Turk", la truffa del Turco. Indebitatosi anche negli Stati Uniti, Maelzel fu costretto a vendere l'automa per 400 dollari a John F. Ohl, che dopo alcuni anni lo cedette al museo di Philadelphia. Qui venne distrutto dall'incendio che devastò la città il 5 luglio I robot di prima generazione I robot che caratterizzano la prima generazione, che ha inizio nel 1970, sono i bracci robotici. Macchine programmabili senza possibilità di controllo delle modalità reali di esecuzione e senza interazione con l ambiente esterno. I robot della prima generazione sono apparecchi di bassa tecnologia, infatti non operano sotto servocontrolli. Per questo motivo sono chiamati Robot fracassoni a causa del rumore prodotto dall urto tra il braccio stesso e i fermi meccanici utilizzati per limitarne il movimento. L impiego di questi tipi di robot è prevalentemente industriale, infatti in quegli anni venivano utilizzati per operazioni di carico e scarico di merci o per effettuare semplici spostamenti di materiali I robot di seconda generazione 11

13 La catena di montaggio invece fa parte della seconda generazione dei robot. E costituita da macchine programmabili con possibilità di riconoscimento dell ambiente esterno. La tecnologia impiegata è di media qualità, e a differenza dei bracci robotici di prima generazione sono dotati di servocontrolli, e possono essere programmati per spostamenti da punto a punto. Il controllo di questi avveniva tramite regolari regolatori logici programmabili o minicomputer ed erano anche programmabili. Essi dispongono di software specifici dedicati ad applicazioni specifiche. Quindi, se il robot era destinato a svolgere un determinato compito, come ad esempio il carico di una macchina, era molto difficile impiegarlo per un altra operazione come per esempio la saldatura. Per poterlo fare bisognava cambiare il sistema di controllo. Questo genere di macchine dispongono di scarse capacità diagnostiche e perciò spetta all utente risalire alle effettive cause di una eventuale avaria I robot di terza generazione Sono macchine auto programmabili e hanno la possibilità di interagire con l ambiente esterno e l operatore esterno in modo complesso (visione, voce, ecc.) in grado di auto istruirsi per l esecuzione di un compito assegnato. La tecnologia impiegata è di alto livello e la programmazione può avvenire online per mezzo di una tastiera prensile oppure offline attraverso un videoterminale. I linguaggi di programmazione non lavorano a basso livello come quelli di seconda generazione. Possono essere interfacciati con una banca dati CAD o in qualche modo con un calcolatore host per il carico/scarico di dati. Sono anche capaci e di mandare messaggi all operatore per descrivere la natura e l ubicazione delle eventuali avarie. L utilizzo contemporaneo di questo genere di robot è per compiere compiti intelligenti. La terza generazione (fine anni Ottanta) si è ormai evoluta al punto di riuscire a svolgere operazioni altamente sofisticate come le ispezioni spaziali (fig. 2), la saldatura ad arco adattiva e le operazioni di assemblaggio. Fig. 2 Rover Spirit 12

14 1.3.5 I robot di quarta generazione I robot della quarta generazione sono considerati i robot del futuro. Questi robot sono chiamati androidi o umanoidi, ovvero automi con sembianze umane che imitano azioni e funzioni umane. Qui lo studio si è diviso in due: da un lato gli studiosi si sono concentrati sui sorprendenti umanoidi, simili a manichini con visi di silicone, truccati e vestiti. Dall altro lato invece si sono sviluppati i cosiddetti bipedi, con forme umane ma simili ai robot dei cartoni animati, dotati anche di capacità di apprendimento e di muoversi sfruttando una vasta gamma di movimenti. Non sono più solo robot industriali, ma anche sociali e a volte sono impiegati per indagare l interazione sociale degli umani. 1.4 La robotica e la letteratura Molto tempo prima che esistessero i computer, o conoscenze dell elettronica, l uomo era già attratto dall idea di creare intelligenza all esterno del corpo umano. Uno dei primi modi con cui si cerca di mettere in opera questo progetto è legato alla immaginazione utilizzando le parole. Per esempio nelle opere di Jules Verne, non solo si trovano dei veri e propri androidi ma anche macchine che assumono qualità umane. Il racconto più famoso è senza dubbio Frankeinstein (1818) di Mery Shelley in cui viene creato un mostro utilizzando l energia elettrica. La letteratura può considerarsi il mezzo con cui la robotica ha avuto inizio e infatti il termine robot compare per la prima volta in un romanzo di Karel Capek scritto nel 1923, Rossum s Universal Robots. Il tema principale di questi tipi di racconti è la rivolta dei robot contro l uomo, fino all arrivo di Isaac Asimov, il quale ne cambia totalmente l immagine; il robot diventa un amico, un collaboratore, una creatura da capire con molti doveri e anche qualche diritto. Dopo Asimov, dai robot si passa agli androidi e la situazione si ribalta di nuovo, si comincia a parlare della libertà dei robot e dell essere riconosciuti come esseri umani. 13

15 L argomento dei robot-androidi è stato visto dalla fantascienza a 360, tanto che con il tempo l interesse si è andato spostando verso i cyborg, un incrocio tra uomo e macchina. In ambito letterario nasce il Cyberpunk, che ha caratterizzato gli anni ottanta. Il nuovo spazio da esplorare, dopo quello esterno tra le stelle e quello interiore della psiche, è quello virtuale delle tecnologie informatiche e di telecomunicazione. L opera più significativa di questo movimento è la trilogia di William Gibson, composta dai romanzi Neuromante, Giù nel ciberspazio e Monna Lisa Cyberpunk. In questi romanzi Gibson precorre le odierne tecnologie, anticipa la rete e la realtà virtuale, in particolare conia il termine ciberspazio indicante uno spazio oggettivo in cui si entra usando la tastiera del proprio computer. Perciò i suoi personaggi si muovono all interno dei network informatici. Oggi il cyberpunk è ufficialmente morto, ma ha lasciato una serie di concetti molto importanti che sono utilizzati ancora ai giorni nostri Isaac Asimov Isaac Asimov was born in Petrovichi ( Russia ) in At the age of three years he followed his parents who emigrate to the United States. He is of Jewish origin, and he grew up in New York, in Brooklyn district, where his father ran a confectionery store for many years. He graduated in Chemistry and in Biology and he taught at the prestigious Boston University School of Medicine. In 1939 he stopped teaching and in 1950 he became a full-time writer. He spent almost all of his time at the typewriter, this is a proof of his immense production over 53 years includes some 450 publications. 14

16 It is interesting to see how a man who imagined a journey through space humanity in time of immense distances, did not like travelling and was terrified by the airplane. Of course with his mind he has ranged far beyond the physical and mental limits of the common man. Then he had two children and he married for the second time with a psychiatrist Janet Jeppson. In 1992 Asimov died in Manhattan His writings Asimov is considered one of the greatest writers of science fiction. He was undeniably the first to make this kind of narrative content of private consumption typical of so-called pulp magazines in literature class. Asimov's popularity is even greater in many European countries, including Spain and Italy, where it is considered science fiction writer par excellence and is often the only one to be known among his colleagues. His first story, Shipwreck off of Vesta, which was published in 1939, was written when Asimov was just 18 years. One of his most famous writings is the Cycle of the foundations, written between 1942 and 1949 and published on the magazine of John Campbell, the author of Astounding Science Fiction. This story is about the fall of the Galactic empire. Then, the works on the robot collected in four gathering: I Robot, The Rest of the Robots, The Bicentennial Man and Other Stories and The Complete Robot. Here Asimov enunciated the Three Laws of Robotics. In some of his later stories he added a more general law, the Act Zero : A robot may not harm humanity, and can not afford that, because of its lack of action taken to harm humanity After, Asimov wrote other stories, like The Cycle of the robots or The cycle of the Empire. 15

17 1.4.3 First Law Mike Donovan looked at his empty beer mug, felt bored, and decided he had listened long enough. He said, loudly, "If we're going to talk about unusual robots, I once knew one that disobeyed the First Law." And since that was completely impossible, everyone stopped talking and turned to look at Donovan. Donovan regretted his big mouth at once and changed the subject. "I heard a good one yesterday," he said, conversationally, "about-" MacFarlane in the chair next to Donovan's said, "You mean you knew a robot that harmed a human being?" That was what disobedience to First Law meant, of course. "In a way," said Donovan. "I say I heard one about-" "Tell us about it," ordered MacFarlane. Some of the others banged their beer mugs on the table. Donovan made the best of it. "It happened on Titan about ten years ago," he said, thinking rapidly. "Yes, it was in twenty-five. We had just recently received a shipment of three new-model robots, specially designed for Titan. They were the first of the MA models. We called them Emma One, Two and Three." He snapped his fingers for another beer and stared earnestly after the waiter. Let's see, what came next? MacFarlane said, "I've been in robotics half my life, Mike. I never heard of an MA serial order." "That's because they took the MA's off the assembly lines immediately after-after what I'm going to tell you. Don't you remember?" "No." Donovan continued hastily. "We put the robots to work at once. You see, until then, the Base had been entirely useless during the stormy season, which lasts eighty percent of Titan's revolution about Saturn. During the terrific snows, you couldn't find the Base if it were only a hundred yards away. Compasses aren't any use, because Titan hasn't any magnetic field. "The virtue of these MA robots, however, was that they were equipped with vibrodetectors of a new design so that they could make a beeline for the Base through anything, and that meant mining could become a through-the-revolution affair. And don't say a word, Mac. The vibro-detectors were taken off the market also, and that's why you haven't heard of them." Donovan coughed. "Military secret, you understand." 16

18 He went on. "The robots worked fine during the first stormy season, then at the start of the calm season, Emma Two began acting up. She kept wandering off into corners and under bales and had to be coaxed out. Finally she wandered off Base altogether and didn't come back. We decided there had been a flaw in her manufacture and got along with the other two. Still, it meant we were shorthanded, or short-roboted anyway, so when toward the end of the calm season, someone had to go to Kornsk, I volunteered to chance it without a robot. It seemed safe enough; the storms weren't due for two days and I'd be back in twenty hours at the outside. "I was on the way back-a good ten miles from Base-when the wind started blowing and the air thickening. I landed my air car immediately before the wind could smash it, pointed myself toward the Base and started running. I could run the distance in the low gravity all right, but could I run a straight line? That was the question. My air supply was ample and my suit heat coils were satisfactory, but ten miles in a Titanian storm is infinity. "Then, when the snow streams changed everything to a dark, gooey twilight, with even Saturn dimmed out and the sun only a pale pimple, I stopped short and leaned against the wind. There was a little dark object right ahead of me. I could barely make it out but I knew what it was. It was a storm pup; the only living thing that could stand a Titanian storm, and the most vicious living thing anywhere. I knew my space suit wouldn't protect me, once it made for me, and in the bad light, I had to wait for a pointblank aim or I didn't dare shoot. One miss and he would be at me. "I backed away slowly and the shadow followed. It closed in and I was raising my blaster, with a prayer, when a bigger shadow loomed over me suddenly, and I yodeled with relief. It was Emma Two, the missing MA robot. I never stopped to wonder what had happened to it or worry why it had. I just howled, 'Emma, baby, get that storm pup; and then get me back to Base.' "It just looked at me as if it hadn't heard and called out, 'Master, don't shoot. Don't shoot.' "It made for that storm pup at a dead run. " 'Get that damned pup, Emma,' I shouted. It got the pup, all right. It scooped it right up and kept on going. I yelled myself hoarse but it never came back. It left me to die in the storm." Donovan paused dramatically, "Of course, you know the First Law: A robot may not injure a human being, or through inaction, allow a human being to come to harm! Well, Emma Two just ran off with that storm pup and left me to die. It broke First Law. "Luckily, I pulled through safely. Half an hour later, the storm died down. It had been a premature gust, and a temporary one. That happens sometimes. I hotfooted it for Base and the storms really broke next day. Emma Two returned two 17

19 hours after I did, and, of course, the mystery was then explained and the MA models were taken off the market immediately." "And just what," demanded MacFarlane, "was the explanation?" Donovan regarded him seriously. "It's true I was a human being in danger of death, Mac, but to that robot there was something else that came first, even before me, before the First Law. Don't forget these robots were of the MA series and this particular MA robot had been searching out private nooks for some time before disappearing. It was as though it expected something special-and private-to happen to it. Apparently, something special had." Donovan's eyes turned upward reverently and his voice trembled. "That storm pup was no storm pup. We named it Emma Junior when Emma Two brought it back. Emma Two had to protect it from my gun. What is even First Law compared with the holy ties of mother love?" 2. Etica e robot Fino a che punto siamo disposti a convivere con i robot, ad affidarci a loro nella vita quotidiana, nell accudimento e nelle cure? 18

20 Gli Stati Uniti sono all avanguardia ( si pensi per esempio all esplorazione di Marte), ma è il Giappone il paese che più di ogni altro ha investito nel settore. Per quanto riguarda invece l Italia, il centro della ricerca robotica è Genova, noto per le ricerche sulla visione e sul coordinamento senso-motorio. Il numero di robot sta diventando sempre più elevato, e nei prossimi anni si avrà a che fare sempre più spesso con i robot, perciò è necessario riflettere sulle regole che si dovranno tenere per gestire il nostro rapporto con essi in modo da prevenire situazioni pericolose o dannose per le persone. Nel 2006 un convegno di robotica tenutosi a Palermo ha anticipato alcuni punti che dovranno essere rispettati nei rapporti con i vari robot. La stesura del documento è stato regolato dalla Scuola di Robotica di Genova con l aiuto di filosofi, giuristi, psicologi e sessuologi. Si può parlare di conflitto, quello che c è tra la uomo e macchina; esse devono obbedire alla nostra programmazione, e la loro autonomia potrebbe indurli a decisioni nocive nei nostri confronti. Questi sono i problemi che aveva in mente Asimov quando formula le Tre leggi della robotica, le quali vietano ai robot di compiere azioni dannose per gli essere umani. In Giappone si può toccare con mano quanto possa diventare reale il rapporto uomorobot quando per esempio il robot diventa un (o una) badante con sembianze umane oppure quando il robot diventa una specie di animale domestico ( il robot cane della Sony, che per anni ha svolto la funzione di animale da compagnia). Questa tecnologia sempre più invasiva e onnipresente non può non avere effetti profondi sull immagine che abbiamo di noi stessi e specchiandoci in quello straniante alter ego che sta diventando il robot, forse riusciremo a capire qualcosa di più di noi stessi. Ritornando però alla questione principale, l uso massiccio dei robot potrebbe cambiare la società probabilmente in modo simile a come hanno fatto le automobili e gli aeroplani e in effetti ha già cambiato la società, basti pensare ai robot industriali che sono un fattore importante rispetto alla crescente disoccupazione in Europa; ma allo stesso tempo può portare al lavoratore un aiuto molto importante perché può sostituirlo professioni troppo pericolose e insicure, oppure in lavori troppi noiosi o umilianti. Un utilizzo altrettanto massiccio invece è rappresentato dai robot impiegati in campo sociale, ma anche in questa circostanza ci sono pro e contro. I pro sono interpretati 19

21 dai robot a disposizione di anziani o disabili, aiutati nelle loro azioni quotidiane. Molto singolare e contemporaneamente molto interessante è il caso di Kaspar, un bambino robot sviluppato nell'ambito del progetto europeo Interactive Robotic Social Mediators as Companions (IROMEC) che promette di incoraggiare le interazioni sociali nei soggetti autistici, isolati da una scarsa consapevolezza della propria persona e dei propri sentimenti. Esso è messo a punto appositamente per insegnare ai bambini autistici a relazionarsi socialmente. I contro invece sono rappresentati dai tanti utilizzi dei robot da parte di persone che li acquistano solamente per la pigrizia di non tagliare l erba del giardino oppure passare l aspirapolvere in salotto. Sono robot che vanno ad aggiungere pigrizia alla pigrizia e sicuramente non portano il contributo che la robotica dovrebbe dare all umanità. 2.1 Campi di applicazione La scienza robotica, proprio in virtù della sua natura interdisciplinare, trova applicazioni in molteplici contesti e questo ha fatto sì che nascessero varie sottodiscipline fra le quali però raramente esiste una netta linea di demarcazione. Arte robotica: robotica utilizzata sia per creare nuove forme di espressione artistica sia per imitare e riprodurre le forme artistiche già esistenti come i robot progettati per dipingere o per suonare uno strumento musicale analizzando in tempo reale uno spartito; Robotica biomedicale: robotica applicata in campo medico; si va dai robot capaci di assistere il medico durante le operazioni chirurgiche alla radioterapia che, tramite tecnologie di telepresenza, permettono al medico di operare a distanza. Rientrano nella categoria anche le sofisticate apparecchiature per analisi biologiche utilizzate nei laboratori ; Domotica: scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli ambienti antropizzati; Microrobotica: si occupa dello studio e della diffusione di piccoli robot a basso costo utilizzati per scopi educativi o ludici ( che riguardano il gioco) ; Robotica industriale: il campo industriale è sicuramente quello in cui i robot hanno trovato maggiore diffusione: il loro impiego nelle catene di 20

22 montaggio ha permesso alle aziende di abbattere notevolmente i costi accelerando e migliorando la produzione. Fra i robot più utilizzati dall'industria vi è il braccio robotico o robot manipolatore, costruito a imitazione del braccio umano ma spesso dotato di più gradi di libertà: è una macchina molto versatile che si presta a svariate mansioni tra cui verniciatura, saldatura o montaggio. Interessante notare come questa tipologia di macchine sia spesso utilizzata per produrre altri robot simili rendendo le speculazioni fatte dalla fantascienza sulle macchine autoreplicanti un discorso molto più vicino alla nostra quotidianità; Robotica militare: robot utilizzati in ambito militare. Questi tipi di robot sono utilizzati più che altro con scopi di ricognizione e vigilanza fra i quali troviamo ad esempio gli aerei privi di equipaggio detti droni. Questo tipo di veicoli è sì controllato a distanza da personale apposito ma in caso di emergenza può anche compiere diversi compiti in totale autonomia permettendo la ricognizione di teatri di guerra pesantemente difesi senza mettere a repentaglio vite umane. Altro esempio di robotica militare sono i robot artificieri che sono in grado, grazie al numeroso set di strumenti di cui sono muniti, di compiere analisi su un ordigno esplosivo ed eventualmente neutralizzarlo a distanza riducendo drasticamente i rischi per gli artificieri; Robotica spaziale: anche se sviluppa tecnologie e metodiche destinate all'impiego di robot fuori dall'atmosfera terrestre, questo settore della robotica ha raggiunto dei risultati utili anche in campi che esulano dalla ricerca spaziale. Esempi di questi robot sono le sonde esplorative impiegate in diverse missioni sui pianeti del sistema solare, ma anche robot più tradizionali come il famoso braccio manipolatore dello Space Shuttle o quello con sembianze umane destinato alla ISS e che verrà utilizzato in sostituzione degli astronauti nelle attività extraveicolari; Robotica sociale: cerca di sviluppare tecnologie che rendano i robot sempre più capaci di interagire e comunicare con gli esseri umani in modo autonomo. 2.2 Robot industriali 21

23 L automazione industriale è l insieme delle tecnologie rivolte ad utilizzare sistemi meccanici, elettronici, informatici per il controllo e la produzione nell industria, in modo da sostituire l operatore umano, non solo per l esecuzione materiale delle operazione, ma anche per l elaborazione intelligente delle informazioni. L automazione industriale si divide in automazione rigida, impiegata per elevatissimi ritmi di produzione e caratterizzata da una scarsa o nulla possibilità di riprogrammazione, automazione programmabile, rappresentata da piccoli e medi volumi di produzione e possibilità di riprogrammazione, automazione flessibile che comprende macchinari che possono essere utilizzati in diverse lavorazioni con modesti cambiamenti. Il robot industriale si compone di una struttura meccanica con attuatori e sensori e un unità di governo. Esempi di impiego della robotica industriale: Da: Introduzione alla Robotica industriale Politecnico di Milano 22

24 2.3 Robot militari Il settore militare è uno dei settori con maggior investimento in tutto il mondo. Vi sono ricerche avanzate sugli eserciti del futuro dove i robot avranno parte da protagonista. Ma non bisogna pensare a una guerra fra robot, perché l impiego dei robot in ambito militare è legato soprattutto ad azioni di ricognizione e sorveglianza, soprattutto il luoghi ostili o pericolosi per l uomo. Di seguito alcuni esempi di robot militari: Big Dog: sembrerà una stupidaggine ma riuscire a far camminare una macchina, che riesca a tenersi in equilibrio e che possa essere usata in ogni tipo di terreno è, attualmente, uno dei maggiori scogli da superare per la robotica. Ecco allora Big Dog, un robot a disposizione della Marina Militare Americana, un quadrupede dinamico e stabile in grado di camminare su qualsiasi superficie, ed è anche in grado di stare in equilibrio a seguito di violenti scontri o urti. Per il movimento BigDog utilizza quattro gambe, che gli permettono di muoversi su superfici sulle quali le ruote non potrebbero andare. Le gambe sono dotate di molti sensori, tra i quali quelli per la posizione e quelli per il contatto con il terreno. BigDog è anche dotato di un giroscopio laser e di un sistema di visione stereoscopica. È attualmente in grado di attraversare terreni difficili a 5,3 km orari, trasportare un carico di 154 kg, procedendo in salita su pendii con 35 gradi di inclinazione. Video completo : 23

25 Drone: è un robot con limitate capacità decisionali ma che può anche essere comandato a distanza. Questi velivoli vengono utilizzati con scopi prettamente bellici di pattugliamento ed incursione aerea a corto, medio e lungo raggio. I droni possono essere pilotati a distanza o programmati per l'esecuzione di missioni di tipo semplice. Robot artificieri: un esempio è il robot Wheelbarrow Mk8 plus, il cui nome in inglese vuol dire «carriola». È il robot usato dagli artificieri italiani in Afghanistan per disinnescare le bombe. E più che una carriola, somiglia a un minuscolo carro armato, dotato di grandi cingoli per avanzare, due telecamere al posto degli occhi e due pinze usate come mani. I soldati lo controllano a distanza di sicurezza con un radiocomando. Il robot può prendere le bombe, trasportarle in un luogo sicuro dove poi verranno fatte saltare, oppure, con le sue pinze, tagliarne i fili in modo da disattivarle. Video : eature=related I robot a Fukushima 24

26 Sarebbe troppo pericoloso per l uomo andare a effettuare rilevazioni ai reattori danneggiati dallo tsunami dello scorso marzo nella centrale di Fukushima, per questo sono entrati in azione una serie di robot messi a disposizione dagli Stati Uniti. Il primo ad essere impiegato è stato un drone, che ha sorvolato la centrale. Il velivolo,dotato di camera infrarossi, ha dato importanti aiuti ai tecnici per capire cosa realmente fosse successo all interno dei reattori danneggiati. Altri due robot impiegati sono stati Warrior 710 e Packbot 510. Quest ultimo può percepire la temperatura, la radiazione gamma, la presenza di gas e vapori esplosivi, di sostanze tossiche, e può inviare dati in tempo reale. Warrior 710 e più corpulento e può spostare ammassi di macerie, può sollevare pesi anche di 90 chili e può prendersi a cavalcioni Packbot 510 per aiutarlo in alcune operazioni. Il Warrior 710 può anche portare degli idranti per contribuire al raffreddamento dei reattori. 2.4 I robot in medicina Per chirurgiche. chirurgia robotica s intende una serie di macchinari che attualmente sono sviluppati per supportare una vasta gamma di procedure 25

27 I robot impiegati in ambito medico si distinguono principalmente in tre categorie principali: tecnologie per l assistenza : robot e macchine che migliorano la qualità della vita delle persone diversamente abili aumentandone l indipendenza. A loro volta si dividono in : Protesi: FES (Functional Electro-Stimulation) Stimulation): Aiuti per la mobilità/manipolabilità: 26

28 Assistenza remota: 27

29 robotica chirurgica: utilizzata per esempio nelle sale operatorie o per la diagnosi; 28

30 robotica riabilitativa: robot e strumenti meccatronici per la riabilitazione neuromotoria; 29

31 2.5 I robot e le competizioni Le competizioni robotiche sono una forma di spettacolo in cui robot del tutto autonomi o, in alcuni casi, dei dispositivi telecomandati si affrontano in diversi tipi di combattimento. Sono diffuse a molti livelli: dalle fiere e dagli istituti scolastici di elettronica fino a trasmissioni televisive dedicate e competizioni a livello nazionale o internazionale. Nel mondo piuttosto eterogeneo delle competizioni robotiche si possono identificare una certo insieme di "stili" particolarmente noti e diffusi: robot war è una gara in cui lo scopo è la distruzione dell'avversario; minisumo come nell'omonima disciplina giapponese, i robot (che devono rispettare precise regole relative a ingombro e peso) sono posti in un ring circolare con lo scopo di spingere fuori l'avversario; explorer dove in un labirinto il robot deve trovare delle fonti di suono, luce e gas; line follower seguire una linea sembra facile, ma la velocità è tutto; R.T.C. Robo Tolomeo Cup, la nuova gara robotica che sta prendendo forma in Italia, dove un esploratore evoluto deve raggiungere una posizione con uno scarto di pochi mm evitando ostacoli e avvalendosi di odometria e PID, tornando poi indietro al punto di partenza; RoboCup, un vero e proprio torneo di calcio in cui i giocatori sono dei robot autonomi. Rappresenta un tipo di competizione molto diffuso, soprattutto negli ultimi anni. Il mondo delle competizioni robotiche ha un proprio pubblico di appassionati che danno vita a comunità (virtuali e non). L'autocostruzione dei dispositivi è pratica molto diffusa e lo scambio di informazioni molto frequente. L'alto livello di fair play rende queste competizioni molto piacevoli sia per chi partecipa sia per gli spettatori, che spesso si ritrovano coinvolti come giudici e cronometristi. 30

32 3. Approfondimento: il braccio meccanico Il braccio meccanico, o manipolatore, rappresenta un esempio di macchina industriale, utilizzata per moltissime attività, quali ad esempio la saldatura, l assemblaggio e il carico/scarico di merci. E multifunzionale e riprogrammabile, progettato per muovere materiali, parti, attrezzi o dispositivi specialistici attraverso movimenti programmati variabili, per l esecuzione di una varietà di compiti. Il manipolatore è costituito da : una struttura meccanica che consiste in una serie di corpi rigidi ( bracci ) interconnessi tra loro per mezzo di articolazioni ( giunti ); nel manipolatore si individuano una struttura portante che ne assicura la mobilità, un polso, che conferisce destrezza e un organo terminale(o end effector) che esegue il compito per cui il robot è utilizzato ( pinze per lo spostamento di oggetti, saldatore per effettuare operazioni di saldatura, ecc ); attuatori che imprimono al manipolatore il movimento attraverso l azionamento dei giunti; solitamente si utilizzano motori elettrici, idraulici e talvolta pneumatici; sensori che misurano lo stato del manipolatore ( sensori propriocettivi ) ed eventualmente lo stato dell ambiente ( sensori eterocettivi ); una unità di governo (calcolatore) con funzioni di controllo e supervisione dei movimenti del manipolatore. Uno dei tanti vantaggi dei manipolatori è rappresentato dalla vasta gamma di applicazioni d impiego, infatti è possibile utilizzarlo in operazione di : paletizzazione ( disposizione di oggetti in maniera preordinata su un opportuno supporto raccoglitore ) carico e scarico di magazzini carico e scarico di macchine operatrici e macchine utensili selezione e smistamento di parti confezionamento di merci saldatura ad arco e a punti 31

33 verniciatura a spruzzo fresatura e trapanatura taglio laser e a getto d acqua cablaggio avvitatura collaudo dimensionale individuazione di difetti di fabbrica e altri ancora 3.1 Struttura dei manipolatori Oltre alle parti precedentemente descritte, in un braccio meccanico si possono anche distinguere : o una struttura meccanica a catena cinematica aperta o a catena cinematica chiusa; o dei gradi di libertà ( descrizione di un compito ); o dei gradi di movimento (giunti prismatici o rotoidali ); o uno spazio di lavoro ( porzione dell ambiente circostante a cui può accedere l organo terminale) Schematizzazione manipolatore industriale con i relativi termini tecnici, a sette gradi di movimento: 32

34 3.1.1 Manipolatore cartesiano Il manipolatore cartesiano è caratterizzato da : tre giunti prismatici ad ogni grado di mobilità corrisponde un grado di libertà ottime caratteristiche di rigidezza meccanica precisione di posizionamento del polso costante nello spazio di lavoro operazioni di trasporto e assemblaggio azionamento elettrici talvolta pneumatici 33

35 3.1.2 Manipolatore a portale Il manipolatore a portale si presenta con una struttura simile e quella a fianco. L impiego principale di questo genere di macchinari è quello dello manipolazione di oggetti di dimensioni e peso rilevanti Manipolatore cilindrico Il manipolatore cilindrico è caratterizzato da: un giunto rotoidale e due prismatici ad ogni grado di libertà corrisponde un grado di mobilità ( in coordinate cilindriche ) buona rigidezza meccanica la precisione di posizionamento del polso si riduce al crescere dello sbraccio orizzontale impiegato per operazioni di trasporto di oggetti anche di peso rilevante e anche per azionamenti idraulici o elettrici 34

36 3.1.4 Manipolatore sferico Il manipolatore sferico è caratterizzato da: due giunti rotoidali e uno prismatico ad ogni grado di mobilità corrisponde un grado di libertà ( in coordinate sferiche ) discreta rigidezza meccanica precisione di posizionamento del polso si riduce al crescere dello sbraccio radiale azionamenti elettrici Manipolatore SCARA Il braccio meccanico con tecnologia SCARA è contraddistinto da : due giunti rotoidali e uno prismatico elevata rigidezza a carichi verticali e cedevolezza a carichi orizzontali la precisione di posizionamento del polso si riduce al crescere della distanza del polso stesso dall asse del primo giunto manipolazione di piccoli oggetti azionamenti elettrici 35

37 3.1.5 Manipolatore antropomorfo Il termine antropomorfo deriva dal fatto che la sua struttura è molto simile a quella di un braccio umano. E caratterizzato da : tre giunti rotoidali spalla e gomito che connettono il braccio all avambraccio 3.2 Unità di controllo e programmazione L unità di controllo è un sistema elettronico - informatico complesso e sofisticato. Tra le principali funzioni di un sistema di controllo troviamo: Interfaccia con l operatore (MMI) Programmazione dei compiti Pianificazione delle traiettorie Controllo in tempo reale del moto dei giunti Archivio ed elaborazione dati Gestione dell interazione con altre macchine Diagnostiche, gestione malfunzionamenti Queste specifiche sono relative al software, ma molto importanti sono anche quelle dell hardware. Ciò che contraddistingue l unità di controllo rispetto ai semplici elaboratori dal punto di vista dell architettura sono : 36

38 unità di controllo ed elaborazione potentissime ( multi microprocessori) elettronica di potenza Ci sono poi anche caratteristiche comuni quali ad esempio dispositivi di I/O e comunicazione e sistemi di interfaccia uomo macchina. Normalmente i robot vengono programmati mediante linguaggi di programmazione simili a quelli usati per i computer. In questo caso i linguaggi di programmazione sono propri dei costruttori ( per esempio la COMAU ha sviluppato il linguaggio PDL2 ). Per facilitare la programmazione nei sistemi è integrato l ambiente di programmazione teaching by doing. L operatore fa muovere il manipolatore, o giunto per giunto o secondo le direzioni cartesiane e man mano vengono memorizzate le posizioni che poi saranno raccordate dal software di generazione della traettoria. A seguire un esempio di programma, in cui un robot prende un pezzo dal nastro trasportatore e lo trasferisce o su una tavola o in un contenitore di scarto a seconda di $DIN(2). PROGRAM pezzo VAR riposo, trasp, tavola, scarto : POSITION BEING CYCLE MOVE TO riposo OPEN HAND 1 WAIT FOR $DIN(1)=ON //aspetta finchè il trasportatore è pronto MOVE TO trasp CLOSE HAND 1 IF $DIN(2)=OFF THEN //se il pezzo è buono MOVE TO tavola ELSE MOVE TO scarico ENDIF OPEN HAND 1 //depone il pezzo su tavolo o nello scarico END pezzo 37

39 3.3 I robot e la fisica: la cinematica La cinematica è quel ramo della fisica che si occupa di descrivere quantitativamente il moto dei corpi, senza porsi il problema di prevedere il moto futuro a partire da grandezze note. In ambito industriale, la cinematica studia la relazione tra le posizioni dei giunti e le posizioni oni e l orientamento dell organo terminale, chiamato anche end effector La cinematica diretta Il problema cinematico diretto consiste nel determinare la posizione e l orientamento dell end effector del manipolatore (indicato con x), a partire dalle coordinate di giunto q. Quindi dobbiamo trovare una funzione che metta in relazione x e q: Esempio: 38

40 * * trigonometria * proprietà La cinematica inversa Il problema cinematico inverso consiste nel determinare le coordinate di giunto q corrispondenti a una data posizione e a un dato orientamento dell end effector (x) del manipolatore. Quindi dobbiamo trovare una funzione che metta in relazione x e q: In generale può non esistere soluzione, possono esisterne infinite o, come di norma accade, esisterne in numero finito Altre operazioni Cinematica differenziale: studia il legame tra le velocità dei giunti e la velocità dell organo terminale. Il legame è espresso da una matrice, detta Jacobiano del manipolatore. 39

41 Statica : esprime il legame tra un vettore di forze F applicate all end effector e il corrispondente vettore di coppie generalizzate τ che tiene in equilibrio il sistema. Pianificazione della traettoria: con la pianificazione della traiettoria s intende stabilire la modalità con cui si vuole che evolva il movimento del manipolatore, da una postura iniziale ad una postura finale. Si tratta di definire sia il percorso geometrico sia la legge di moto da realizzare. 4. Robarman: il braccio made in ITIS Rapida anteprima Il nome Robarman è costituito a sua volta da due termini : Rob e Barman. Il primo fa capire come lo strumento sia un dispositivo robotico, in particolare un braccio robotico. 40

42 Mentre il secondo è la traduzione inglese della parola barista, ossia colui che per professione versa le bevande al cliente. L idea di questo nome nasce dal fatto che, nella fase iniziale della progettazione, lo si era costruito appunto per versare le bevande. Solamente in fase di realizzazione, i campi di applicazione sono andati aumentando ed è per questo che attualmente Robarman può essere comandato tramite la tastiera di un semplice computer, può memorizzare la sequenza di mosse e riprodurle, può vedere ( nel senso che è dotato di una webcam a bordo ), può sentire ( perché è comandabile con comandi vocali), può essere comandato da remoto attraverso tecnologia TCP e può giocare al gioco Forza 4 contro un avversario umano. Non si escludono ulteriori miglioramenti e aumento delle sue funzioni. Il sistema è costituito da tre parti: la parte meccanica, costituita dai servomotori per permettere il movimento al braccio, e la struttura di metallo; la parte dell intelligenza, rappresentata dal computer in cui risiede il software specifico; un dispositivo che fa da tramite tra computer e la struttura meccanica, ovvero il microcontrollore Arduino, che trasforma i segnali che gli arrivano dal computer in segnali elettrici che vanno direttamente al circuito azionando adeguatamente i vari servomotori. Arduino: si tratta di una scheda dotata di un microcontrollore della Atmel (ATmega168 a 16 MHz), con quattordici I/O digitali e sei input analogici. E un hardware "open source" nel senso che le specifiche hardware sono aperte e liberamente riutilizzabili, si collega al computer tramite una porta USB da cui ricava l'alimentazione, è dotato di una piattaforma di programmazione GUI compatibile PC/MAC/Linux, e si programma in "C" in modo molto semplice. L interfaccia GUI è programmata con linguaggio Java. Schema del sistema: 41

43 Il software sul computer : Il software è stato scritto in linguaggio Microsoft C#. Può effettuare tre operazioni principalmente, la gestione del braccio da locale, da remoto con architettura client- server e connessione TCP e infine il gioco di Forza 4. Poi, all interno di ogni sezione ci sono le varie modalità di comando vocale o di riproduzione delle sequenze, ecc. Il software si presenta con la seguente interfaccia iniziale: Sul lato destro si possono effettuare le sistema. varie modalità di utilizzo del Stop registrazione: Start registrazione: ferma la il braccio memorizza memorizzazione la sequenza di Il mondo dei robot. Gestione braccio delle mosse robotica tramite mosse PC e Arduino 42

44 Modalita di gestione locale: Avvio webcam: apre un nuovo form che attiva la webcam a bordo del braccio Riproduce le mosse registrate Elimina la registrazione precedente Avvia il riconoscimento vocale. Modalità di gestione remota: Client nt: è colui che decide le mosse da far comandi fare al braccio, aiutandosi anche con la webcam e una videochiamata Skype con il server. Server: è colui che ricevendo i dal client deve trasferirli all Arduino per far muovere i servomotori in maniera adeguata 43

45 Modalità Forza 4 : Grazie alla webcam del computer, mettendo la griglia di gioco nel riquadro, alla pressione del tasto Passa il turno il software analizza i colori dei pixel in posizione predefinita e passa la matrice al programma di intelligenza artificiale che mi restituisce il numero colonna, che a sua volta va comunicata al braccio meccanico tramite Arduino. L IDE Arduino : L'IDE di Arduino è un'applicazione multipiattaforma scritta in Java, ed è derivata dall'ide creato per il linguaggio di programmazione Processing. 44

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Elenco dialoghi sia in italiano che in inglese

Elenco dialoghi sia in italiano che in inglese by Lewis Baker 44 Elenco dialoghi sia in italiano che in inglese 1. Present Simple (4 dialogues) Pagina 45 2. Past Simple (4 dialogues) Pagina 47 3. Present Continuous (4 dialogues) Pagina 49 4. Present

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Che Cos'e'? Introduzione

Che Cos'e'? Introduzione Level 3 Che Cos'e'? Introduzione Un oggetto casuale e' disegnato sulla lavagna in modo distorto. Devi indovinare che cos'e' facendo click sull'immagine corretta sotto la lavagna. Piu' veloce sarai piu'

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE LL RICERC DI UN DIDTTIC LTERNTIV THE SQURE VISUL LERNING PROGETTO VINCITORE LBEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMZIONE L utilizzo di: mappe concettuali intelligenti evita la frammentazione, gli incastri illogici

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI MODAL VERBS PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI ----------------------------------------------- 3 2 di 15 1 Verbi modali: aspetti grammaticali e pragmatici

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli