Leadership e potere mafioso: l élite di Cosa nostra * di Attilio Scaglione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leadership e potere mafioso: l élite di Cosa nostra * di Attilio Scaglione"

Transcript

1 Leadership e potere mafioso: l élite di Cosa nostra * di Attilio Scaglione 1. Le dimensioni del potere mafioso Tra le finalità dei mafiosi, come è noto, non vi è unicamente l accumulazione del denaro attraverso l uso della violenza o la minaccia del suo utilizzo, ma anche e soprattutto la gestione del potere all interno del proprio territorio di competenza [Catanzaro 1988, 2010; Gambetta 1992; Santino 2006; Sciarrone 2006, 2009]. L esercizio dell autorit{ da parte delle famiglie mafiose non può essere osservato in maniera unidimensionale. Il potere dei mafiosi presenta molteplici sfaccettature che qui possiamo solo accennare. Una delle modalità più tipiche è costituita dalla riscossione del pizzo che costituisce probabilmente il segno più tangibile della «signoria territoriale» mafiosa e un fattore di legittimazione dell iniziativa criminale. Non a caso, il racket delle estorsioni è stato spesso considerato alla stregua del pagamento di una tassa che ciascun individuo corrisponde volente o nolente allo Stato-mafia. Un altro elemento caratteristico dell iniziativa politica di Cosa nostra è rappresentato dalla capacità di interrelazione dei singoli esponenti mafiosi con la politica. Nelle zone in cui operano, forti di un controllo pressoché assoluto del territorio, i mafiosi riescono ad intercettare una parte considerevole dei finanziamenti pubblici, instaurando scambi collusivi con esponenti delle istituzioni e della politica, in cambio della promessa di sostegno elettorale e/o di altri benefici. Il controllo di ingenti quantità di risorse economiche consente inoltre ai rappresentanti delle cosche di rivestire un importante funzione di mediazione tra domanda e offerta di lavoro. La distribuzione di posti e di risorse accresce e consolida il prestigio e il consenso sociale dei mafiosi tra gli strati meno abbienti della popolazione. Il meccanismo clientelare si traduce, a sua volta, nella possibilità di orientare il voto di una massa considerevole di individui, la cui preferenza sarà destinata a quei soggetti previamente indicati dagli esponenti del sodalizio criminale [Sciarrone 2011]. In tutti questi casi, tra le componenti più rilevanti del potere mafioso possiamo dunque includere le risorse relazionali possedute dai membri della consorteria. Adoperando un concetto sociologico, Sciarrone ha evidenziato come ciascun mafioso possieda una dotazione di capitale sociale che impiega per perseguire i propri obiettivi. Il reticolo relazionale di un mafioso è generalmente piuttosto complesso. Esso si compone sia di legami forti, che mettono in collegamento i mafiosi uniti dal vincolo associativo, sia di legami deboli che connettono gli stessi agli esponenti della cosiddetta zona grigia [ibidem]. Un tipo di legami particolari, che per certi aspetti potremmo definire ibridi rispetto alla dicotomia granovetteriana, perché non pienamente forti né completamente deboli, sono quelli che collegano i mafiosi di una cosca qualsiasi agli esponenti delle altre cosche di Cosa nostra. Questi legami risultano molto utili per il consolidamento del potere all interno della propria famiglia di riferimento ma anche per l accrescimento della leadership nel contesto organizzativo criminale più generale. In questo lavoro, concentreremo l attenzione proprio sulle dinamiche che caratterizzano le relazioni tra le famiglie di Cosa nostra. L organizzazione mafiosa siciliana, e in modo particolare quella palermitana, si presenta come un oggetto di ricerca privilegiato per la peculiarità della sua articolazione. L intero sodalizio può essere, infatti, rappresentato come una federazione di singole cosche formalmente autonome, che operano in maniera esclusiva su un determinato territorio, generalmente un quartiere o un paese, stabilendovi quello che potremmo definire un vero e proprio monopolio della violenza illegittimo. Tali cosche, ed è questo l elemento che distingue la mafia siciliana delle altre organizzazioni criminali italiane come la camorra e l ndrangheta, sono tenute insieme da un vincolo di appartenenza che ne * Stesura preliminare e provvisoria. Si prega di citare solo con il consenso dell autore.

2 rilassa i rapporti attenuandone i potenziali conflitti, cui fa riscontro un medesimo meccanismo di solidarietà reciproca, che pur non entrando in azione in maniera automatica si rivela il più delle volte efficace per il superamento delle diverse criticità. Ricostruire, anche solo parzialmente, il sistema relazionale che connette queste famiglie potrebbe fornire, a nostro avviso, un valido contributo per lo studio del potere mafioso. Studiare il potere in Cosa nostra significa analizzare i meccanismi relazionali che conducono le famiglie alla sua conquista. Nel prosieguo di questo lavoro, approfondiremo l analisi del potere come concetto relazionale, soffermandoci in particolare sui legami che si stabiliscono tra le famiglie mafiose palermitane. Un interessante spunto di riflessione è dato dalle risultanze dell operazione antimafia Perseo del dicembre L indagine ha infatti rivelato il tentativo da parte dei principali leader della provincia di Palermo di ricostituire la commissione provinciale di Cosa nostra. La vicenda è interessante perché da sempre la storia della commissione, detta anche cupola, come vedremo nel prossimo paragrafo, è collegata a quella della conquista del potere. Potendo contare su un materiale giudiziario ricco di informazioni ed elementi utili alla ricostruzione dei legami e dei rapporti che collegano i mafiosi, quale quello che scaturisce dall operazione Perseo, si rende dunque possibile tracciare il network relazionale complessivo delle organizzazioni mafiose della provincia di Palermo. A tal fine, nel terzo paragrafo, saranno impiegate le tecniche di analisi delle reti. Lo studio delle dinamiche relazionali messe in atto dai mafiosi per la conquista del potere si concentrer{ sia sull osservazione dell intero reticolo, sia sulle singole figure dei leader delle famiglie palermitane. 2. La commissione di Cosa nostra In questo lavoro, come detto, concentriamo l attenzione sulla capacità di networking delle cosche mafiose. L idea alla base della nostra riflessione è che le risorse relazionali dei mafiosi costituiscano un elemento fondamentale per l acquisizione del potere e la legittimazione dello stesso agli occhi dei gruppi rivali. Dire che i legami tra le cosche costituiscono una componente della leadership mafiosa significa innanzitutto ripercorrere la storia dei rapporti tra le famiglie partendo dalle vicende che hanno portato alla costituzione dell organo collegiale di Cosa nostra: la commissione provinciale di Palermo. Se infatti il potere è un concetto relazionale, la sua conquista passa attraverso delle vere e proprie strategie relazionali (alleanze ma anche conflitti) tra le famiglie mafiose e questa considerazione ci ricorda come tali rapporti siano stati spesso regolati attraverso l organismo della commissione. La cupola viene istituita per la prima volta sul finire degli anni Cinquanta del secolo scorso, nel febbraio del 1958, dopo una serie di incontri tra boss della mafia americana e siciliana tenuti all Hotel delle Palme di Palermo. L istituzione di un simile organismo, composto dai rappresentanti dei mandamenti, risponde all esigenza di regolare i rapporti tra le famiglie e di porre fine ai conflitti endemici che periodicamente mettono a rischio la sopravvivenza di Cosa nostra. Il rappresentante della commissione, per enfatizzarne la natura collegiale, e la qualità di primus inter pares, assume inizialmente la qualifica di segretario. L esperienza della commissione è brevissima. L organismo viene sciolto nel 1963 in seguito alla prima guerra di mafia, che ne sancisce il fallimento per l incapacità di assolvere alla sua funzione nel momento in cui entrano in gioco interessi grandi come quelli sottesi al traffico di stupefacenti che contrappongono la famiglia La Barbera a quella dei Greco. La cupola viene ricostituita su basi nuove che ne modificano parzialmente la struttura all incirca dieci anni più tardi, nel Al vertice si colloca un triumvirato, composto da Gaetano Badalamenti, Stefano Bontade e Luciano Liggio, che riproduce i rapporti di potere allora esistenti. La nuova cupola svuotata delle sue funzioni residuali di coordinamento finisce così per conformarsi ai criteri di gestione

3 della triade mafiosa. All inizio degli anni Ottanta, durante la seconda guerra di mafia, nella quale viene assassinato Stefano Bontate e il rappresentante della cupola sulla carta è Michele Greco, il processo di trasformazione della Commissione giunge a compimento. Il potere ormai incontrastato dei corleonesi ne stravolge la natura collegiale e apparentemente democratica. La Cupola viene trasformata in organo esecutivo e centro di direzione strategica, e al suo vertice si pone Salvatore Riina che diviene di fatto il capo indiscusso dell intera organizzazione. Con l arresto di Riina, avvenuto nel 1993, la commissione, ormai decapitata, cessa di funzionare, pur sopravvivendo nella struttura ordinamentale dell organizzazione siciliana, le cui regole, almeno nella forma, non hanno perso vigore. In assenza di Riina, il ruolo di vertice dell associazione mafiosa è assunto da Bernardo Provenzano, il quale tuttavia, non avendo mai goduto di un investitura formale da parte dei capi mandamento, nei tredici anni che lo separarono dalla sua cattura (2006), adotta uno stile di gestione prudente che si addice più alla figura del consulente che a quella del capo. In realt{, l anziano boss corleonese, in un momento di crisi e di sfaldatura di una parte consistente di Cosa nostra, è pienamente consapevole di non essere in grado di governare e per questa stessa ragione si limita a distribuire consigli e a mantenere un atteggiamento di neutralità o di ambiguità. È il caso ad esempio della risoluzione delle controversie più scottanti, come quella che riguarda il ritorno degli scappati, le famiglie perdenti della seconda guerra di mafia, dagli Stati Uniti, nei cui confronti Provenzano preferisce non prendere una posizione netta. La prudenza del boss corleonese è dovuta al fatto che la questione rientrava nella competenza della commissione, che gi{ aveva deliberato l esilio dei perdenti. Decisione questa che non può essere modificata stante lo stato di detenzione dei suoi componenti. L ultima tappa della storia della commissione ci riporta all indagine oggetto di questo studio. Facciamo riferimento all operazione antimafia denominata Perseo eseguita dai carabinieri il 16 dicembre del 2008, che ha portato all arresto di circa un centinaio di uomini d onore tra boss e gregari. L indagine, che si è avvalsa dell utilizzo di intercettazioni telefoniche e ambientali, oltre che della collaborazione di alcuni testimoni di giustizia, ha infatti permesso di interrompere il tentativo di ricostituzione della commissione da parte delle famiglie palermitane di Cosa nostra. A pianificare la rinascita della cupola vi erano capimafia anziani e giovani ventenni. Dalla lettura delle carte emergono due gruppi antagonisti. Da un lato, si distingue lo schieramento capeggiato dai Capizzi del mandamento di Santa Maria del Gesù, il cui anziano boss aspirava a rivestire la carica di rappresentante provinciale del nascente organo collegiale. La commissione, secondo i programmi di Benedetto Capizzi, del figlio Sandro, e di altri esponenti delle cosche del capoluogo, avrebbe avuto una funzione di coordinamento e di raccordo, ma avrebbe dovuto anche servire per «cose gravi», per stabilire ad esempio l esecuzione di un omicidio. A questo gruppo di mafiosi, si contrapponeva il fronte degli oppositori, il cui leader era Gaetano Lo Presti, boss di Palermo centro, il quale contestava la legittimità della nomina di Benedetto Capizzi. La vicenda, ripercorsa attraverso le intercettazioni effettuate anche all interno dei locali dove si riunivano gli esponenti mafiosi, ha consentito di ricostruire con una straordinaria precisione gli assetti organizzativi, le alleanze, i rapporti gerarchici delle famiglie mafiose dell intera provincia palermitana. Sullo sfondo dell operazione si intravedono anche la figura di Matteo Messina Denaro, latitante di Castelvetrano, e di Totò Riina, tirati in ballo dai mafiosi quali presunti coordinatori, supervisori, dell operazione-commissione. A conclusione di questo breve excursus storico-temporale, sarà abbastanza evidente come dietro l istituzione della commissione sia possibile scorgere una lotta feroce per la conquista e il controllo del potere. L esito di questo scontro ha avuto conseguenze di volta in volta diverse per la struttura organizzativa di Cosa nostra, che ha attraversato periodi caratterizzati da una forte centralizzazione del potere e altri invece in cui è prevalso un modello organizzativo

4 pluralistico. Se dunque dalla lettura delle vicende dell operazione Perseo si ripropone la questione della conquista del potere in Cosa nostra, collegata al tentativo poi fallito di ripristinare l antica commissione, può essere senza dubbio interessante approfondire il modello relazionale che emerge dall interazione dei principali esponenti delle famiglie mafiose palermitane. 3. L analisi del reticolo Per osservare le dinamiche relazionali delle famiglie mafiose sono state dunque applicate le tecniche della social network analysis ad uno studio di caso, tratto da una recente attività investigativa delle forze dell ordine, la già citata operazione Perseo, la cui analisi appare rivelare aspetti di notevole interesse sociologico. Per ricostruirne il reticolo relazionale è stata utilizzata l ordinanza di custodia cautelare redatta dai pubblici ministeri. Nel documento di oltre pagine sono contenute le trascrizioni integrali di svariate centinaia di intercettazioni ambientali e telefoniche. L analisi delle conversazioni ha consentito di identificare 202 attori, appartenenti a 28 differenti famiglie mafiose, articolate in 13 mandamenti, dei quali 8 sono presenti sul territorio della città di Palermo (Boccadifalco, Brancaccio, Noce-Cruillas, Pagliarelli, Palermo Centro, Resuttana, San Lorenzo e Santa Maria del Gesù), mentre i restanti 5 (Bagheria, Belmonte Mezzagno, Corleone, San Giuseppe Jato e San Mauro Castelverde) sono attivi in provincia. La lettura degli atti giudiziari ha inoltre consentito di identificare con precisione l incarico ricoperto dalla maggior parte degli oltre 200 attori individuati. In molti casi, sono gli stessi mafiosi intercettati a svelare l organigramma delle cariche più rilevanti dell intera organizzazione. È stato possibile individuare le seguenti categorie: capo-mandamento, vice capo-mandamento, capo famiglia, reggente, gregario. Per motivi di privacy, tenuto conto del fatto che il processo non è ancora passato in giudicato, ogni riferimento a nomi e cognomi è stato tolto e sostituito con una sigla convenzionale applicata secondo un ordine numerico progressivo (N1, N2 N*). Restano invece i riferimenti ai territori, ai mandamenti, alle famiglie mafiose. La prima dimensione della nostra analisi è basata sulla struttura dell intero reticolo. A tale livello è possibile osservare le dinamiche relazionali dei diversi gruppi di potere (i mandamenti mafiosi), che possono essere concepiti come attori collettivi che interagiscono reciprocamente. L attenzione è rivolta alla distribuzione dei legami, che sono alla base dei meccanismi di conquista e di mantenimento del potere e che costituiscono parte di strategie che mirano al rafforzamento o all indebolimento del gruppo. Gli strumenti di misurazione che possiamo adoperare si basano sulle propriet{ generali della rete. L intento che ci proponiamo a tale livello è di avanzare ipotesi sul funzionamento complessivo del reticolo e sulle interazioni tra gli attori collettivi. Il network relazionale che unisce gli attori dei diversi mandamenti palermitani rappresentato in figura 1 si compone di legami. Per ricostruire il reticolo sono state prese in considerazione relazioni di tipo parentale, di appartenenza (tra esponenti della stessa famiglia) e di cooperazione (tra esponenti di famiglie differenti). I rapporti tra gli attori sono stati individuati sia direttamente, secondo quanto emerso dalle attività di indagine, sia indirettamente, secondo quanto riportato e raccontato dagli stessi soggetti.

5 Tab. 1 Proprietà del reticolo Proprietà Valore Legami Densità 0.04 Grado medio 7,6 Distanza media 3,1 Diametro 6 Centralizzazione di grado 19,2% Centralizzazione di betweenness 0,28% L immagine risulta utile per descrivere i principali gruppi mafiosi e i rapporti di forza presenti in Cosa nostra alla fine del Se analizziamo infatti in maniera più approfondita il reticolo possiamo individuare altre caratteristiche morfologiche. Attraverso il ricorso ad una procedura di analisi dei sotto gruppi abbiamo individuato le caratteristiche relazionali dei singoli mandamenti. Le proprietà reticolari dei sotto gruppi rapportate a quelle complessive della rete sono risultate nella gran parte dei casi considerati significativamente più alte della media. Tali valori confermano la suddivisione morfologica in mandamenti ma individuano alcune specificità di cui terremo conto nel prosieguo di questo paragrafo. Tab. 2 Proprietà reticolari dei mandamenti Mandamento External-Internal Index SMI Cohesion Index Density Bagheria 0,564 0,879 7,734 0,429 Belmonte Mezzagno -0,566 0,947 18,393 0,2 Boccadifalco 0,707 0,861 6,72 0,4 Brancaccio 0,683 0,802 4,552 0,278 Corleone 0 0,98 49,25 0,5 Noce-Cruillas 0,767 0,791 4,292 0,333 Pagliarelli 0,152 0,84 5,698 0,217 Palermo Centro -0,28 0,888 8,423 0,163 Resuttana 0,667 0,903 9,85 0,2 San Giuseppe Jato 0,059 0,919 11,873 0,229 San Lorenzo 0,54 0,732 3,236 0,19 San Mauro Castelverde 0,778 0,923 12,438 0,333 Santa Maria del Gesù 0,344 0,684 2,677 0,145 La consorteria siciliana si caratterizza per l assenza di un leader riconosciuto. Con l arresto di Bernardo Provenzano e quelli successivi di Nino Rotolo, Antonino Cinà e poi ancora dei Lo Piccolo, sembra mancare un punto di riferimento in grado di raccogliere attorno a sé le famiglie mafiose. Non vi è un soggetto di notevole spessore criminale che possa assolvere una funzione di coordinamento tra tutti i mandamenti, ma esclusivamente personaggi autorevoli per una parte dell organizzazione. Cosa nostra conserva senza dubbio, come si evince dal reticolo, una struttura unitaria. Le famiglie mafiose si riconoscono reciprocamente e sono interrelate fra loro in molti casi attraverso una ragnatela di legami. Si rivelano tuttavia, come diremo, alcune linee di frattura e contrapposizioni anche di un certo rilievo che, in un fase storica confusa quale quella attuale rendono lo scenario palermitano particolarmente instabile e fluido.

6 Fig. 1 Reticolo relazionale degli attori dell operazione Perseo Da un punto di vista generale, il reticolo ha una struttura complessa caratterizzata dalla presenza di numerosi attori con un livello medio di centralit{. Nell immagine è possibile visualizzare un nucleo principale di attori leggermente decentrato sulla destra, composto dalla maggior parte dei rappresentanti delle famiglie mafiose palermitane oggetto dell indagine. Qui troviamo anche i protagonisti del processo di rinascita della cupola. Fautori di questo progetto sono in particolare i rappresentanti dei mandamenti di Santa Maria del Gesù. Dello schieramento favorevole alla rinascita della commissione fanno parte anche i mandamenti di Bagheria e di Belmonte Mezzagno. A questa triade si aggiungono poi anche tutta una serie di esponenti delle famiglie dello Zen, di Cruillas, di Pallavicino, Partanna, Resuttana e San Lorenzo. Vedremo meglio più avanti come si dispongono questi attori collettivi nel reticolo relazionale. Nell intenzione dei suoi sostenitori, la commissione avrà il compito di regolamentare i rapporti tra le diverse famiglie mafiose, «all ultimo ci sediamo e cerchiamo di fare una specie di commissione all antica». L organismo collegiale servirà soprattutto per far sì che le decisioni fondamentali che riguardano l intera organizzazione siano prese da «cinque, sei, sette, otto cristiani come si faceva una volta» e quindi «la responsabilità se dobbiamo fare una cosa ce l assumiamo tutti». Il ripristino della commissione si rende necessario per scongiurare il rischio di una involuzione del modello organizzativo sulla falsariga di quello della camorra napoletana «ma se noi facciamo ognuno per conto nostro, come sono i napoletani, se noi altri facciamo come fanno loro non altri non abbiamo dove andare, quindi stiamoci ognuno per la nostra casa e ci guardiamo la nostra casa». Il fine ultimo non è certo quello di istituire un organismo per coordinare i rapporti tra le famiglie. Dietro l iniziativa si nasconde il tentativo, nemmeno troppo celato, di ascesa al potere da parte del mandamento di Santa Maria del Gesù, in un momento di forte disorientamento caratterizzato dalla cattura dei Lo Piccolo. Le finalità

7 di N19 e N182 e dei loro alleati non sfuggono ai boss degli altri mandamenti palermitani che si coalizzano attorno alla figura di N67, boss di Palermo Centro, per opporsi al progetto di rinascita della cupola: «si fottono i soldi di chiunque! hanno travagghi nei paesi! Dovunque, si fottono i soldi! perchè vuoi sapere i nostri fatti! come tu ci hai a sapere i nostri fatti! e neanche te lo voglio dire, e neanche te lo voglio fare sapere a te!». L opposizione di N67, che non ha alcuna intenzione a riconoscere la designazione di N19 come capo della commissione, non passa inosservata all interno dello schieramento favorevole alla ricostituzione dell organismo collegiale, che cerca di trovare una mediazione con il boss di Porta Nuova. La rappresentazione grafica del reticolo ci consente di individuare con una certa precisione la collocazione spaziale della quasi totalità dei mandamenti mafiosi della provincia di Palermo e di osservarne gli elementi di tensione e le contrapposizioni più evidenti. Il mandamento di Palermo Centro, contrario alla creazione di un organismo sovra-locale, occupa uno spazio relazionale ben delineato e delimitato dal resto del network. La fazione rappresentata dal N67 è infatti compatta nell esprimere la propria contrariet{ alla nomina di N19 quale rappresentante di Palermo: «chi lo ha fatto a lui capo della provincia! cioè scusa! ma a noi altri ci è arrivata comunicazione che questo è capo della provincia?». L assoluta contrarietà degli esponenti del mandamento mafioso di Palermo Centro, di non aderire al progetto di ricostituzione della commissione emerge in numerose conversazioni: «che ci sediamo! gli ho detto ma con chi mi deve sedere! io non mi siedo con nessuno! io non voglio conoscere a nessuno! gli ho detto quando è stato ieri! a me mi devi mollare! a me mi devi lasciare in pace! a me non me lo deve dire questo! a me mi interessa che invece i cristiani che non devono avere guai! basta! non mi interessa più niente»; «gli ho detto appuntamento io non ne faccio con nessuno ( ) noi altri! ci siamo parlati tutti tra noi altri e allora né quelli di sopra! e né quelli di sotto! non riconosciamo nessun capo del ( )noi non riconosciamo nessun altro al di fuori di noi stessi, noi altri qua possiamo stare ( ) non venire più per questo discorso! noi altri dobbiamo stare per i fatti nostri». Nel corso delle conversazioni emerge persino l eventualità di opporsi con la violenza al progetto d riorganizzazione: «a noi la pace ci piace, ma la guerra non ci dispiace». La configurazione interna del mandamento di Palermo Centro presenta invece una maggiore differenziazione e una bassa densità interna e una polarizzazione riconducibile alla lotta interna per la leadership nel mandamento. Alcuni esponenti della famiglia di Porta Nuova contestano la legittimità della carica formale di N67, «Sì ma a Tanino chi lo ha messo?». Gli esponenti di Santa Maria del Gesù, come detto, cercano di sfruttare la situazione sponsorizzando la figura di un anziano boss, N72, quale nuovo referente della famiglia mafiosa. N72 è favorevole alla strategia di N19 ma si trova in una situazione di difficoltà perché alcuni esponenti del mandamento di Porta Nuova si oppongono alla nomina di N19 come capo della Commisione: «Mi ha detto materialmente dice accanto ho un poco di astio. Noi di fuori siamo qua perché per noi qua c è lei nella situazione attuale per noi è lei perciò se ha bisogno di aiuto. Dice io ho bisogno di altri purtroppo qua dentro dice fate quello che ritenete opportuno e sapete che sono con voi». N67 è un leader del reticolo. La sua posizione di autorit{ è evidente anche dall analisi delle misure di centralit{. N67 non è certamente un leader globale, la sua leadership è limitata a una porzione ristretta del network (centralità di grado 17%) ed assolve soltanto parzialmente ad una funzione di broker (13%) per il mandamento da lui diretto, stante i contatti che intercorrono fra esponenti di Porta Nuova e esponenti di altri mandamenti favorevoli alla commissione. E tuttavia N67 è sicuramente una figura di maggior spessore dell intero reticolo, la cui posizione non viene intaccata e anzi si rafforza in seguito ai tentativi di destituzione.

8 Fig. 2 Reticolo Palermo Centro Dal punto di vista morfologico, il mandamento di Belmonte Mezzagno presenta dei confini netti e precisi che lo separano quasi del tutto dal resto del network. Il sotto gruppo è collegato all intero reticolo da un unico attore che ne è anche il capo-mandamento. N17, il cui padre già boss mafioso era uomo di fiducia di Bernardo Provenzano, è tra gli alleati più forti ed autorevoli dei Capizzi e può contare sul sostegno di altre cinquanta famiglie mafiose: «Subito uscendo di qua a salire ha tutto l appoggio di tutti quindi i paesi sono tutti rappresentati devi fare conto che ci sono altre cinquanta famiglie». N17 riveste nella vicenda una vera e propria funzione di brokeraggio (29%). È un gatekeeper in quanto fa da tramite per gli esponenti del suo mandamento, ma è anche un elemento di contatto, un liason in quanto è incaricato per espressa volontà dei suoi capi di rappresentare la famiglia di San Giuseppe Jato e la famiglia di Corleone. Anche N17 è un leader locale, ma gode di stima e fiducia da parte degli stessi esponenti dello schieramento avverso alla rinascita della commissione. N67 ad esempio lo reclama come mediatore nei rapporti con Santa Maria del Gesù. Secondo quanto riferito da N182, l appuntamento questa volta era stato richiesto proprio dal N67 che, intimorito dal silenzio degli altri «questo silenzio a quanto pare non è piaciuto un granché, forse hanno capito pure qualcosa nell aria che c era in movimento», aveva richiesto che fosse presente in qualità di garante N17. L incontro sarebbe quindi dovuto avvenire nel territorio di competenza di N17 e cioè a Misilmeri o a Belmonte Mezzagno, anche perché la zona di Villagrazia era considerata poco sicura in quanto «è pieno di sbirri». Il sotto reticolo di Belmonte Mezzagno presenta una articolazione gerarchica e una ulteriore suddivisione in due gruppi, dovuta all esistenza di attriti all interno del mandamento di Belmonte, che tuttavia non mettono in discussione la posizione di rilievo di N17.

9 Fig. 3 Reticolo Belmonte Mezzagno Sulla cornice esterna del reticolo trovano collocazione anche i due restanti mandamenti della zona interna della provincia di Palermo vicini al sodalizio di Belmonte Mezzagno, ovvero San Giuseppe Jato e Corleone. Nelle vicende affrontate i due mandamenti occupano uno spazio secondario. Il mandamento di Corleone ricopre un ruolo marginale. Il gruppo capeggiato da N159 ha delegato N17 di rappresentare la propria famiglia nei rapporti con le altre consorterie: «Allora, Corleone c è lo zio N159 Lo zio che è sano e pieno di vita persona è stato messo lì da loro a rappresentare l{ ( ) Gli è stato posto il discorso di riprendere a dialogare con tutti. N159 mi ha detto: tu vai avanti per tutto quello che tu fai a fine di pace, perché stiamo parlando ai fini di pace( ) vai e tu sei la mia voce quando tu hai di bisogno mi vieni a prendere e io con te vado in cima al mondo da parte mia tu vai avanti per la mia voce stiamo parlando di Corleone». Più controversa appare invece l analisi del sotto gruppo del mandamento di San Giuseppe Jato, la cui distribuzione mantiene comunque un basso livello di dispersione. Non è casuale che sia in quest ultimo caso che nel precedente, le principali misure di centralità non rilevino la presenza di nodi significativi. Entrambi i mandamenti sono infatti rappresentati, come detto, dal boss di Belmonte Mezzagno. Il sodalizio di San Giuseppe Jato inoltre è interessato da un processo di ristrutturazione che ha portato all individuazione di nuovi referenti e ad una ridefinizione della composizione delle unità organizzative. In una posizione diametralmente opposta ai due sodalizi appena trattati, si colloca il mandamento palermitano di Pagliarelli, la cui estensione è limitata ad una porzione del reticolo in prossimità del mandamento di Palermo Centro e di quello di Santa Maria del Gesù. Tale vicinanza non è affatto casuale, stante l opposizione di una parte dei suoi esponenti al progetto di rinascita della commissione, e la subalternità della parte restante ai propositi di N19. Gli esponenti di Pagliarelli non sono infatti coesi e compatti al pari di quanto osservato

10 per Palermo Centro. Il mandamento risulta frammentato nella sua sotto articolazione in famiglie e la stessa leadership è contesa da diversi boss. Il momento di difficoltà è ben sintetizzato dalle parole di Capizzi che si propone di destituire l attuale reggente: «a N148 gli verrà comunicato da noi, tutti assieme, che lui è fuori. I motivi gli saranno comunicati là, perché quello che ha combinato è una cosa incredibile. Anche la famiglia di Pagliarelli sarebbe stata affidata non più al N148 bensì a due persone perfettamente capaci di gestirla: il latitante N87 e N96. Nell intenzione di Capizzi, le famiglie di Pagliarelli, Molara e Corso Calatafimi, che insieme completano il mandamento di Pagliarelli per andare fuori dal proprio territorio avrebbero dovuto avere l autorizzazione del mandamento di Santa Maria del Gesù: «Pagliarelli, Molara e Corso Calatafimi si devono venire a stricare [stare vicini] a noi per andare fuori, per le cose interne loro se la fottono loro, per le altre cose non si devono muovere». Il mandamento di Santa Maria del Gesù occupa una ampia area del reticolo che si estende dal nucleo alla cornice più esterna del semicerchio inferiore. Il sotto gruppo può essere diviso in due ulteriori componenti. La parte centrale è occupata dagli esponenti della famiglia di Villagrazia, promotori del progetto di rinascita della commissione, la parte inferiore raccoglie invece per la quasi totalità appartenenti alla famiglia di Monreale. N182 è il capo mandamento di Santa Maria del Gesù ed anche il soggetto con il più alto livello di centralità di grado dell intero reticolo. La sua posizione è pressoché allineata al nucleo del reticolo: «che il picciotto, questo Sandro! lo sapete come è ngazzatu [addentrato] nei discorsi! ma a livello! a livello di!» Capizzi è tra i principali protagonisti della vicenda. La sua capacità di relazionarsi è notevole ed è accresciuta dalla autorevolezza della figura del padre che ne guida i movimenti nel periodo in cui si trova incarcerato. La fitta trama di relazioni che i due insieme riescono a tessere raggiunge la quasi totalità dei boss mafiosi. Anche la figura del boss di Monreale ricade all interno del nucleo, ma la sua posizione si ferma a ridosso della cornice esterna. Il suo coinvolgimento nelle vicende è solo marginale. Nei confronti del boss di Monrelae vi sono forti diffidenze da parte della famiglia di Villagrazia: «Monreale a Palermo non ha che venirci a fare, loro già hanno sbagliato che li hanno ricevuti perché le regole sono regole per tutte». Del resto, nel processo di riorganizzazione di Cosa nostra portato avanti dai Capizzi, la famiglia di Monreale sarebbe stata annessa al mandamento di San Giuseppe Jato: «Sì, ma a me di lui non mi interessa, a me hanno detto che qua Monreale viene assorbita di nuovo per com era all antica, che cosa vuole dire lui con questo discorso». N11 è di certo un leader locale in grado di esercitare il controllo del proprio territorio: «gli unici, gli unici che gli possiamo fare il falò siamo noialtri e questo desiderio non dovrebbe averlo nessuno di fare un gesto del genere».

11 Fig. 4 Reticolo Santa Maria del Gesù Seppur ricostruito soltanto parzialmente nella sua composizione complessiva, il mandamento di Bagheria rappresentato dalla figura di N116, riveste una funzione strategica estremamente rilevante. Il boss del grosso centro urbano della provincia di Palermo è un personaggio anziano, a conoscenza degli equilibri esistenti nei vari mandamenti mafiosi, la cui autorevolezza è ampiamente riconosciuta dalla maggior parte degli esponenti di Cosa nostra. N116 è un representative in grado di mediare per conto di N19 e N182 con i boss contrari al progetto di ricostituzione della commissione: «Prima che tu parli, io ieri mi sono incontrato con tutti loro, abbiamo fatto tanti discorsi l altra volta ve l ho mandato a dire vedi che vogliono l appuntamento con me ed io l ho mandato a dire e voi: ci dice che non va da nessuna parte invece io ci sono andato perché è giusto che io ci vado anche per sentire parlare i cristiani e vedere questa situazione come meglio potere se troviamo un punto di incontro perché non è buono per nessuno fare discorsi tinti per me». N116, pur approvando le linee sostanziali del progetto del N182 ma, al contempo, condividendo la necessità della predetta formale autorizzazione, ritiene che, in assenza di quest ultima, l unica soluzione possibile sia quella di creare una commissione leggera «noi non possiamo fare commissione perché non siamo nessuno autorizzati almeno io non sono autorizzato da nessuno poi se qua ci siete persone autorizzate e potete disporre di fare una commissione gli ho detto: la facciamo Noi possiamo fare semmai se ci mettiamo tutti d accordo che dobbiamo essere tutti d accordo prendiamo quattro cinque cristiani grandi o più piccoli o chi o come una specie una cosa di consiglio fra noi per cose gravi se dobbiamo fare cose gravi responsabilità credo non ne possiamo prendere nessuno salvo se c è uno una persona di l{ dentro che conosciamo tutti e manda a dire attraverso persone no una sola a diverse persone lo deve mandare a dire: rivolgetevi a questo facciamo una specie di commissione così per le cose gravi per le situazioni e restiamo tutti amici».

12 Più confusa appare invece la rappresentazione degli altri mandamenti. Gli esponenti del mandamento di San Lorenzo e di Brancaccio sembrano gravitare attorno al nucleo centrale, ma la loro posizione testimonia la perduta centralit{ delle due cosche in seguito all arresto dei Lo Piccolo che avevano esteso il proprio potere in tutta la parte occidentale di Palermo e nella zona industriale di Brancaccio. Lo smantellamento del mandamento ha creato un pericoloso vuoto di potere che ha portato all ascesa di nuove figure. I cugini N30 e N31, in particolare, sfruttando la situazione di crsi del sodalizio di San Lorenzo decimato dai numerosi e recenti arresti, hanno tentato di acquisire posizioni di leadership vantando una presunta autorizzazione fornitagli da Matteo Messina Denaro, convinti che questa loro affermazione non potesse essere confutata da alcuno: «è stato che dei ragazzi si sono arrampicati sugli specchi, siccome dice là è sicuro che non ci arriva nessuno». Il loro tentativo è stato tuttavia vanificato dall intervento di N116 e di N19 e N182. In posizione subordinata rispetto a Santa Maria del Gesù e marginale si trovano infine i mandamenti di Boccadifalco, Resuttana e San Mauro Castelverde. Tab. 3 Primi venti attori del reticolo per le misure di centralità Cod. Degree Centrality Closeness Betweenness N2 9% 44% 3% N3 10% 42% 3% N11 16% 42% 11% N17 15% 48% 29% N19 13% 43% 5% N27 10% 44% 3% N48 12% 39% 4% N50 5% 41% 1% N67 17% 45% 13% N77 9% 42% 2% N87 14% 42% 5% N96 9% 42% 4% N105 4% 41% 1% N114 11% 40% 3% N116 18% 47% 11% N161 10% 43% 4% N173 14% 45% 7% N182 23% 48% 16% N183 9% 41% 1% N191 11% 42% 5% 4. Conclusioni Al termine di questo lavoro, qual è dunque il modello reticolare che emerge dai risultati della nostra analisi. Proviamo a sintetizzare i dati fin qui emersi. Gli attori della rete sono interconnessi fra loro in un unica struttura organizzativa, che seppur segnata da alcune linee di frattura, consente a ciascun contatto di raggiungere con una certa rapidità tutti i punti della rete. I leader della rete sono locali di medie dimensioni, nei migliori casi non raggiungono più del 20% dei contatti, cosicché anche i soggetti con più alto valore non sono in grado di monopolizzare il potere. Per accrescere la propria posizione di leadership gli attori centrali cercano di stabilire nuovi legami e di attivare meccanismi di cooperazione. Il ricorso al conflitto è solo minacciato ma mai attuato. Le numerose sovrapposizioni tra mandamenti

13 favoriscono la comunicazione e scoraggiano la contrapposizione e la chiusura dei sotto gruppi. Le figure degli intermediari sono poco rilevanti, tranne che in un unico caso che però si rivela favorevole al dialogo anche se potenzialmente instabile. Complessivamente, pur di fronte al fallimento del tentativo di concentrazione del potere nelle mani di pochi soggetti, il reticolo mafioso sembra possedere un buon livello di resilienza e una discreta elasticità che ne preservano l integrit{ o quantomeno la sopravvivenza dagli attacchi delle forze dell ordine. Prima di rispondere alla domanda che ci siamo posti all inizio di quest ultimo paragrafo, occorre introdurre un ultima distinzione. Per i nostri fini, è possibile riadattare la tipologia di reti proposta da Richard Locke, all inizio degli anni Novanta, in uno studio sull evoluzione della governance. L aspetto rilevante della sua proposta risiede nel tentativo di spiegare, attraverso la rappresentazione dei reticoli socio-politici locali, le differenti performance economiche conseguite dalle aree urbane. L idea alla base del ragionamento di Locke è, infatti, che la configurazione complessiva assunta dalla rete sociale, costituita dai principali protagonisti di quella determinata realtà territoriale, sia in grado di spiegare i differenziali economici conseguiti a livello di sistema e i diversi standard qualitativi raggiunti [Locke 1995; Barbera, Negri 2008]. Lo studioso americano per fornire una chiave interpretativa del diverso rendimento delle realtà osservate, identifica tre possibili strutture sociali idealtipiche: il reticolo policentrico, il reticolo polarizzato, e il reticolo gerarchico. Per descrivere i tre idealtipi possiamo utilizzare le parole di Barbera. Il reticolo policentrico è «formato da organizzazioni ed attori legati da legami orizzontali, con ampia possibilità di comunicazione, di gestione del conflitto e di continuazione del dialogo anche in presenza di rottura tra le parti (grazie alla presenza di terzi o leader che collegano i diversi campi). Le organizzazioni sono aperte ed inclusive di interessi diversi. I legami orizzontali sono più numerosi di quelli che collegano gli attori attraverso legami verticali»; Il reticolo polarizzato caratterizza invece uno scenario con «poche organizzazioni divise in campi contrapposti e con poche occasioni di comunicazione. In presenza di giochi a somma zero, il conflitto è letale e l assenza di figure di mediazione rende molto difficile riparare i legami spezzati. Inoltre, i legami verticali che collegano i livelli sono molto più rilevanti dei pochi legami orizzontali». Il reticolo gerarchico infine si distingue per «un elevato numero di attori, collegati tra loro da legami verticali e con il livello macro. L informazione non circola liberamente tra i diversi attori, piuttosto nei legami scorrono risorse di potere che, in caso di conflitto, possono servire a riattivare il processo» [Barbera 2006b: ]. Fig. 5 Tre idealtipi di reticolo Fonte: Locke [1995]

14 A questo punto possiamo definire con maggiore certezza la forma del reticolo organizzativo mafioso. La valutazione delle misure di centralità degli attori del network e le considerazioni sull articolazione morfologica che abbiamo formulato in precedenza ci spingono a ritenere l ipotesi policentrica la più attendibile. L analisi relazionale ha infatti rivelato l esistenza di uno «stratum politico» [Dahl 1961] del fenomeno mafioso, una rete di legami di comunicazione rapida ed estesa che, pur in assenza di una commissione formalmente istituita, connette i soggetti più autorevoli di Cosa nostra facilitando la comunicazione, lo scambio d informazioni, e talvolta di risorse, il consolidamento dei valori e la risoluzione delle controversie territoriali tra un mandamento e l altro. La presenza di un numero così elevato di soggetti all interno del nucleo organizzativo tuttavia non sempre favorisce il processo decisionale e può anzi esplodere in pericolosi dualismi. La rete potrebbe gradualmente polarizzarsi accentuando le già esistenti linee di frattura territoriale. Il tentativo fallito da parte dei Lo Piccolo prima e dei Capizzi dopo di accrescere il proprio potere su larga parte della città di Palermo a scapito delle altre famiglie ha sicuramente accentuato le divisioni tra le famiglie e aumentato il livello di diffidenza generale. Da questo punto di vista, l intervento delle forze dell ordine potrebbe puntare a favorire la disgregazione di Cosa nostra in gruppi separati, mirando ai connettori, ai broker dell organizzazione. L esistenza di un tessuto policentrico costituisce uno degli elementi che favoriscono la persistenza e la riproduzione nel tempo di Cosa nostra. Si potrebbe obiettare a questo punto che in Campania l assenza di un tessuto di clan reciprocamente interconnessi non ha portato a un esaurimento del fenomeno camorrista. A questa osservazione si potrebbe rispondere, osservando come i clan napoletani hanno dovuto soffrire un maggior numero di perdite umane per riprodursi nel corso del tempo, mentre le famiglie mafiose hanno gestito in maniera meno dispendiosa le situazioni di tensione. Fig. 6 Reticolo relazionale (centralità di grado)

15 Fig. 7 Reticolo relazionale (closeness) Fig. 8 Reticolo relazionale (betweenness)

16 Bibliografia Barbera F. (2006b), Il caso di Torino, in F. Ramella e C. Trigilia (a cura di), Reti sociali e innovazione. I sistemi locali delle tecnologie dell informazione, Firenze University Press, Firenze, pp Barbera F., Negri N. (2008), Mercati, reti sociali e istituzioni. Una mappa per la sociologia economica, Il Mulino, Bologna. Catanzaro R. (1988), Il delitto come impresa. Storia sociale della mafia, Liviana, Padova. Catanzaro R. (2010), La mafia e la responsabilità della politica, in «Il Mulino», 6. Chiesi A. (1999), L analisi dei reticoli, Angeli, Milano. Dahl, R. A. (1961). Who governs: Power in an American city. New Haven, CT: Yale University Press. Freeman L. C. (1979), Centrality in Social Networks: Conceptual Clarification, in Social Networks, 1: Gambetta D. (1992), La mafia siciliana. Un industria della protezione privata, Einaudi, Torino. Knoke D. (1994), Networks of élite structure and decision making in Wasserman S. e Galaskiewicz J., Advances in social network analysis. Research in social and behavioral sciences, Sage, London. Locke R. (1995), Remaking the Italian Economy, Cornell University Press, Ithaca. Lupo, S. (1996), Storia della mafia dalle origini ai giorni nostri, Donzelli, Roma. Mills C. W. (1959), La élite del potere, Feltrinelli, Milano. Nye J.S. (2009) Leadership e potere, Hard, soft, smart power, Laterza, Roma-Bari. Pepino L., Nebiolo M. (2006), Mafia e potere, EGA Editore, Torino. Popitz H. (1990), Fenomenologia del potere, Il Mulino, Bologna. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, Fermo di indiziati di delitto n /08, 14 dicembre 2008, Palermo Santino U. (2006), Dalla mafia alle mafie. Scienze sociali e crimine organizzato, Rubettino, Soveria Mannelli. Sciarrone R. (2006), Mafia e potere: processi di legittimazione e costruzione del consenso, in «Stato e Mercato», 3. Sciarrone R. (2009), Mafie vecchie mafie nuove. Radicamento ed espansione, II ed., Donzelli, Roma. Sciarrone R. (a cura di) (2011), Alleanze nell ombra. Mafie ed economie locali in Sicilia e nel Mezzogiorno, Donzelli, Roma. Vannucci A. (2001), Istituzioni, costi di transazione e organizzazioni mafiose, in «Polis», 3. Wasserman S. e Faust K. (1994), Social network analysis: methods and application, Cambridge University Press, Cambridge. Weber M. (1922), Economia e società, Edizioni di Comunità, Milano, 1999.

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Leonardo Orlando Barcellona La famiglia mafiosa dei Barcellonesi, fin dai primi anni

Leonardo Orlando Barcellona La famiglia mafiosa dei Barcellonesi, fin dai primi anni Domenica 4 Gennaio 2015 BARCELLONA, IERI DEPOSITATI I VERBALI CON LE CLAMOROSE DICHIARAZIONI DEL PENTITO CARMELO D AMICO: C ERA UN PATTO TRA MAFIA E MASSONERIA. GLI INTRECCI E I NOMI SVELATI DAL COLLABORATORE

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli