Leadership e potere mafioso: l élite di Cosa nostra * di Attilio Scaglione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leadership e potere mafioso: l élite di Cosa nostra * di Attilio Scaglione"

Transcript

1 Leadership e potere mafioso: l élite di Cosa nostra * di Attilio Scaglione 1. Le dimensioni del potere mafioso Tra le finalità dei mafiosi, come è noto, non vi è unicamente l accumulazione del denaro attraverso l uso della violenza o la minaccia del suo utilizzo, ma anche e soprattutto la gestione del potere all interno del proprio territorio di competenza [Catanzaro 1988, 2010; Gambetta 1992; Santino 2006; Sciarrone 2006, 2009]. L esercizio dell autorit{ da parte delle famiglie mafiose non può essere osservato in maniera unidimensionale. Il potere dei mafiosi presenta molteplici sfaccettature che qui possiamo solo accennare. Una delle modalità più tipiche è costituita dalla riscossione del pizzo che costituisce probabilmente il segno più tangibile della «signoria territoriale» mafiosa e un fattore di legittimazione dell iniziativa criminale. Non a caso, il racket delle estorsioni è stato spesso considerato alla stregua del pagamento di una tassa che ciascun individuo corrisponde volente o nolente allo Stato-mafia. Un altro elemento caratteristico dell iniziativa politica di Cosa nostra è rappresentato dalla capacità di interrelazione dei singoli esponenti mafiosi con la politica. Nelle zone in cui operano, forti di un controllo pressoché assoluto del territorio, i mafiosi riescono ad intercettare una parte considerevole dei finanziamenti pubblici, instaurando scambi collusivi con esponenti delle istituzioni e della politica, in cambio della promessa di sostegno elettorale e/o di altri benefici. Il controllo di ingenti quantità di risorse economiche consente inoltre ai rappresentanti delle cosche di rivestire un importante funzione di mediazione tra domanda e offerta di lavoro. La distribuzione di posti e di risorse accresce e consolida il prestigio e il consenso sociale dei mafiosi tra gli strati meno abbienti della popolazione. Il meccanismo clientelare si traduce, a sua volta, nella possibilità di orientare il voto di una massa considerevole di individui, la cui preferenza sarà destinata a quei soggetti previamente indicati dagli esponenti del sodalizio criminale [Sciarrone 2011]. In tutti questi casi, tra le componenti più rilevanti del potere mafioso possiamo dunque includere le risorse relazionali possedute dai membri della consorteria. Adoperando un concetto sociologico, Sciarrone ha evidenziato come ciascun mafioso possieda una dotazione di capitale sociale che impiega per perseguire i propri obiettivi. Il reticolo relazionale di un mafioso è generalmente piuttosto complesso. Esso si compone sia di legami forti, che mettono in collegamento i mafiosi uniti dal vincolo associativo, sia di legami deboli che connettono gli stessi agli esponenti della cosiddetta zona grigia [ibidem]. Un tipo di legami particolari, che per certi aspetti potremmo definire ibridi rispetto alla dicotomia granovetteriana, perché non pienamente forti né completamente deboli, sono quelli che collegano i mafiosi di una cosca qualsiasi agli esponenti delle altre cosche di Cosa nostra. Questi legami risultano molto utili per il consolidamento del potere all interno della propria famiglia di riferimento ma anche per l accrescimento della leadership nel contesto organizzativo criminale più generale. In questo lavoro, concentreremo l attenzione proprio sulle dinamiche che caratterizzano le relazioni tra le famiglie di Cosa nostra. L organizzazione mafiosa siciliana, e in modo particolare quella palermitana, si presenta come un oggetto di ricerca privilegiato per la peculiarità della sua articolazione. L intero sodalizio può essere, infatti, rappresentato come una federazione di singole cosche formalmente autonome, che operano in maniera esclusiva su un determinato territorio, generalmente un quartiere o un paese, stabilendovi quello che potremmo definire un vero e proprio monopolio della violenza illegittimo. Tali cosche, ed è questo l elemento che distingue la mafia siciliana delle altre organizzazioni criminali italiane come la camorra e l ndrangheta, sono tenute insieme da un vincolo di appartenenza che ne * Stesura preliminare e provvisoria. Si prega di citare solo con il consenso dell autore.

2 rilassa i rapporti attenuandone i potenziali conflitti, cui fa riscontro un medesimo meccanismo di solidarietà reciproca, che pur non entrando in azione in maniera automatica si rivela il più delle volte efficace per il superamento delle diverse criticità. Ricostruire, anche solo parzialmente, il sistema relazionale che connette queste famiglie potrebbe fornire, a nostro avviso, un valido contributo per lo studio del potere mafioso. Studiare il potere in Cosa nostra significa analizzare i meccanismi relazionali che conducono le famiglie alla sua conquista. Nel prosieguo di questo lavoro, approfondiremo l analisi del potere come concetto relazionale, soffermandoci in particolare sui legami che si stabiliscono tra le famiglie mafiose palermitane. Un interessante spunto di riflessione è dato dalle risultanze dell operazione antimafia Perseo del dicembre L indagine ha infatti rivelato il tentativo da parte dei principali leader della provincia di Palermo di ricostituire la commissione provinciale di Cosa nostra. La vicenda è interessante perché da sempre la storia della commissione, detta anche cupola, come vedremo nel prossimo paragrafo, è collegata a quella della conquista del potere. Potendo contare su un materiale giudiziario ricco di informazioni ed elementi utili alla ricostruzione dei legami e dei rapporti che collegano i mafiosi, quale quello che scaturisce dall operazione Perseo, si rende dunque possibile tracciare il network relazionale complessivo delle organizzazioni mafiose della provincia di Palermo. A tal fine, nel terzo paragrafo, saranno impiegate le tecniche di analisi delle reti. Lo studio delle dinamiche relazionali messe in atto dai mafiosi per la conquista del potere si concentrer{ sia sull osservazione dell intero reticolo, sia sulle singole figure dei leader delle famiglie palermitane. 2. La commissione di Cosa nostra In questo lavoro, come detto, concentriamo l attenzione sulla capacità di networking delle cosche mafiose. L idea alla base della nostra riflessione è che le risorse relazionali dei mafiosi costituiscano un elemento fondamentale per l acquisizione del potere e la legittimazione dello stesso agli occhi dei gruppi rivali. Dire che i legami tra le cosche costituiscono una componente della leadership mafiosa significa innanzitutto ripercorrere la storia dei rapporti tra le famiglie partendo dalle vicende che hanno portato alla costituzione dell organo collegiale di Cosa nostra: la commissione provinciale di Palermo. Se infatti il potere è un concetto relazionale, la sua conquista passa attraverso delle vere e proprie strategie relazionali (alleanze ma anche conflitti) tra le famiglie mafiose e questa considerazione ci ricorda come tali rapporti siano stati spesso regolati attraverso l organismo della commissione. La cupola viene istituita per la prima volta sul finire degli anni Cinquanta del secolo scorso, nel febbraio del 1958, dopo una serie di incontri tra boss della mafia americana e siciliana tenuti all Hotel delle Palme di Palermo. L istituzione di un simile organismo, composto dai rappresentanti dei mandamenti, risponde all esigenza di regolare i rapporti tra le famiglie e di porre fine ai conflitti endemici che periodicamente mettono a rischio la sopravvivenza di Cosa nostra. Il rappresentante della commissione, per enfatizzarne la natura collegiale, e la qualità di primus inter pares, assume inizialmente la qualifica di segretario. L esperienza della commissione è brevissima. L organismo viene sciolto nel 1963 in seguito alla prima guerra di mafia, che ne sancisce il fallimento per l incapacità di assolvere alla sua funzione nel momento in cui entrano in gioco interessi grandi come quelli sottesi al traffico di stupefacenti che contrappongono la famiglia La Barbera a quella dei Greco. La cupola viene ricostituita su basi nuove che ne modificano parzialmente la struttura all incirca dieci anni più tardi, nel Al vertice si colloca un triumvirato, composto da Gaetano Badalamenti, Stefano Bontade e Luciano Liggio, che riproduce i rapporti di potere allora esistenti. La nuova cupola svuotata delle sue funzioni residuali di coordinamento finisce così per conformarsi ai criteri di gestione

3 della triade mafiosa. All inizio degli anni Ottanta, durante la seconda guerra di mafia, nella quale viene assassinato Stefano Bontate e il rappresentante della cupola sulla carta è Michele Greco, il processo di trasformazione della Commissione giunge a compimento. Il potere ormai incontrastato dei corleonesi ne stravolge la natura collegiale e apparentemente democratica. La Cupola viene trasformata in organo esecutivo e centro di direzione strategica, e al suo vertice si pone Salvatore Riina che diviene di fatto il capo indiscusso dell intera organizzazione. Con l arresto di Riina, avvenuto nel 1993, la commissione, ormai decapitata, cessa di funzionare, pur sopravvivendo nella struttura ordinamentale dell organizzazione siciliana, le cui regole, almeno nella forma, non hanno perso vigore. In assenza di Riina, il ruolo di vertice dell associazione mafiosa è assunto da Bernardo Provenzano, il quale tuttavia, non avendo mai goduto di un investitura formale da parte dei capi mandamento, nei tredici anni che lo separarono dalla sua cattura (2006), adotta uno stile di gestione prudente che si addice più alla figura del consulente che a quella del capo. In realt{, l anziano boss corleonese, in un momento di crisi e di sfaldatura di una parte consistente di Cosa nostra, è pienamente consapevole di non essere in grado di governare e per questa stessa ragione si limita a distribuire consigli e a mantenere un atteggiamento di neutralità o di ambiguità. È il caso ad esempio della risoluzione delle controversie più scottanti, come quella che riguarda il ritorno degli scappati, le famiglie perdenti della seconda guerra di mafia, dagli Stati Uniti, nei cui confronti Provenzano preferisce non prendere una posizione netta. La prudenza del boss corleonese è dovuta al fatto che la questione rientrava nella competenza della commissione, che gi{ aveva deliberato l esilio dei perdenti. Decisione questa che non può essere modificata stante lo stato di detenzione dei suoi componenti. L ultima tappa della storia della commissione ci riporta all indagine oggetto di questo studio. Facciamo riferimento all operazione antimafia denominata Perseo eseguita dai carabinieri il 16 dicembre del 2008, che ha portato all arresto di circa un centinaio di uomini d onore tra boss e gregari. L indagine, che si è avvalsa dell utilizzo di intercettazioni telefoniche e ambientali, oltre che della collaborazione di alcuni testimoni di giustizia, ha infatti permesso di interrompere il tentativo di ricostituzione della commissione da parte delle famiglie palermitane di Cosa nostra. A pianificare la rinascita della cupola vi erano capimafia anziani e giovani ventenni. Dalla lettura delle carte emergono due gruppi antagonisti. Da un lato, si distingue lo schieramento capeggiato dai Capizzi del mandamento di Santa Maria del Gesù, il cui anziano boss aspirava a rivestire la carica di rappresentante provinciale del nascente organo collegiale. La commissione, secondo i programmi di Benedetto Capizzi, del figlio Sandro, e di altri esponenti delle cosche del capoluogo, avrebbe avuto una funzione di coordinamento e di raccordo, ma avrebbe dovuto anche servire per «cose gravi», per stabilire ad esempio l esecuzione di un omicidio. A questo gruppo di mafiosi, si contrapponeva il fronte degli oppositori, il cui leader era Gaetano Lo Presti, boss di Palermo centro, il quale contestava la legittimità della nomina di Benedetto Capizzi. La vicenda, ripercorsa attraverso le intercettazioni effettuate anche all interno dei locali dove si riunivano gli esponenti mafiosi, ha consentito di ricostruire con una straordinaria precisione gli assetti organizzativi, le alleanze, i rapporti gerarchici delle famiglie mafiose dell intera provincia palermitana. Sullo sfondo dell operazione si intravedono anche la figura di Matteo Messina Denaro, latitante di Castelvetrano, e di Totò Riina, tirati in ballo dai mafiosi quali presunti coordinatori, supervisori, dell operazione-commissione. A conclusione di questo breve excursus storico-temporale, sarà abbastanza evidente come dietro l istituzione della commissione sia possibile scorgere una lotta feroce per la conquista e il controllo del potere. L esito di questo scontro ha avuto conseguenze di volta in volta diverse per la struttura organizzativa di Cosa nostra, che ha attraversato periodi caratterizzati da una forte centralizzazione del potere e altri invece in cui è prevalso un modello organizzativo

4 pluralistico. Se dunque dalla lettura delle vicende dell operazione Perseo si ripropone la questione della conquista del potere in Cosa nostra, collegata al tentativo poi fallito di ripristinare l antica commissione, può essere senza dubbio interessante approfondire il modello relazionale che emerge dall interazione dei principali esponenti delle famiglie mafiose palermitane. 3. L analisi del reticolo Per osservare le dinamiche relazionali delle famiglie mafiose sono state dunque applicate le tecniche della social network analysis ad uno studio di caso, tratto da una recente attività investigativa delle forze dell ordine, la già citata operazione Perseo, la cui analisi appare rivelare aspetti di notevole interesse sociologico. Per ricostruirne il reticolo relazionale è stata utilizzata l ordinanza di custodia cautelare redatta dai pubblici ministeri. Nel documento di oltre pagine sono contenute le trascrizioni integrali di svariate centinaia di intercettazioni ambientali e telefoniche. L analisi delle conversazioni ha consentito di identificare 202 attori, appartenenti a 28 differenti famiglie mafiose, articolate in 13 mandamenti, dei quali 8 sono presenti sul territorio della città di Palermo (Boccadifalco, Brancaccio, Noce-Cruillas, Pagliarelli, Palermo Centro, Resuttana, San Lorenzo e Santa Maria del Gesù), mentre i restanti 5 (Bagheria, Belmonte Mezzagno, Corleone, San Giuseppe Jato e San Mauro Castelverde) sono attivi in provincia. La lettura degli atti giudiziari ha inoltre consentito di identificare con precisione l incarico ricoperto dalla maggior parte degli oltre 200 attori individuati. In molti casi, sono gli stessi mafiosi intercettati a svelare l organigramma delle cariche più rilevanti dell intera organizzazione. È stato possibile individuare le seguenti categorie: capo-mandamento, vice capo-mandamento, capo famiglia, reggente, gregario. Per motivi di privacy, tenuto conto del fatto che il processo non è ancora passato in giudicato, ogni riferimento a nomi e cognomi è stato tolto e sostituito con una sigla convenzionale applicata secondo un ordine numerico progressivo (N1, N2 N*). Restano invece i riferimenti ai territori, ai mandamenti, alle famiglie mafiose. La prima dimensione della nostra analisi è basata sulla struttura dell intero reticolo. A tale livello è possibile osservare le dinamiche relazionali dei diversi gruppi di potere (i mandamenti mafiosi), che possono essere concepiti come attori collettivi che interagiscono reciprocamente. L attenzione è rivolta alla distribuzione dei legami, che sono alla base dei meccanismi di conquista e di mantenimento del potere e che costituiscono parte di strategie che mirano al rafforzamento o all indebolimento del gruppo. Gli strumenti di misurazione che possiamo adoperare si basano sulle propriet{ generali della rete. L intento che ci proponiamo a tale livello è di avanzare ipotesi sul funzionamento complessivo del reticolo e sulle interazioni tra gli attori collettivi. Il network relazionale che unisce gli attori dei diversi mandamenti palermitani rappresentato in figura 1 si compone di legami. Per ricostruire il reticolo sono state prese in considerazione relazioni di tipo parentale, di appartenenza (tra esponenti della stessa famiglia) e di cooperazione (tra esponenti di famiglie differenti). I rapporti tra gli attori sono stati individuati sia direttamente, secondo quanto emerso dalle attività di indagine, sia indirettamente, secondo quanto riportato e raccontato dagli stessi soggetti.

5 Tab. 1 Proprietà del reticolo Proprietà Valore Legami Densità 0.04 Grado medio 7,6 Distanza media 3,1 Diametro 6 Centralizzazione di grado 19,2% Centralizzazione di betweenness 0,28% L immagine risulta utile per descrivere i principali gruppi mafiosi e i rapporti di forza presenti in Cosa nostra alla fine del Se analizziamo infatti in maniera più approfondita il reticolo possiamo individuare altre caratteristiche morfologiche. Attraverso il ricorso ad una procedura di analisi dei sotto gruppi abbiamo individuato le caratteristiche relazionali dei singoli mandamenti. Le proprietà reticolari dei sotto gruppi rapportate a quelle complessive della rete sono risultate nella gran parte dei casi considerati significativamente più alte della media. Tali valori confermano la suddivisione morfologica in mandamenti ma individuano alcune specificità di cui terremo conto nel prosieguo di questo paragrafo. Tab. 2 Proprietà reticolari dei mandamenti Mandamento External-Internal Index SMI Cohesion Index Density Bagheria 0,564 0,879 7,734 0,429 Belmonte Mezzagno -0,566 0,947 18,393 0,2 Boccadifalco 0,707 0,861 6,72 0,4 Brancaccio 0,683 0,802 4,552 0,278 Corleone 0 0,98 49,25 0,5 Noce-Cruillas 0,767 0,791 4,292 0,333 Pagliarelli 0,152 0,84 5,698 0,217 Palermo Centro -0,28 0,888 8,423 0,163 Resuttana 0,667 0,903 9,85 0,2 San Giuseppe Jato 0,059 0,919 11,873 0,229 San Lorenzo 0,54 0,732 3,236 0,19 San Mauro Castelverde 0,778 0,923 12,438 0,333 Santa Maria del Gesù 0,344 0,684 2,677 0,145 La consorteria siciliana si caratterizza per l assenza di un leader riconosciuto. Con l arresto di Bernardo Provenzano e quelli successivi di Nino Rotolo, Antonino Cinà e poi ancora dei Lo Piccolo, sembra mancare un punto di riferimento in grado di raccogliere attorno a sé le famiglie mafiose. Non vi è un soggetto di notevole spessore criminale che possa assolvere una funzione di coordinamento tra tutti i mandamenti, ma esclusivamente personaggi autorevoli per una parte dell organizzazione. Cosa nostra conserva senza dubbio, come si evince dal reticolo, una struttura unitaria. Le famiglie mafiose si riconoscono reciprocamente e sono interrelate fra loro in molti casi attraverso una ragnatela di legami. Si rivelano tuttavia, come diremo, alcune linee di frattura e contrapposizioni anche di un certo rilievo che, in un fase storica confusa quale quella attuale rendono lo scenario palermitano particolarmente instabile e fluido.

6 Fig. 1 Reticolo relazionale degli attori dell operazione Perseo Da un punto di vista generale, il reticolo ha una struttura complessa caratterizzata dalla presenza di numerosi attori con un livello medio di centralit{. Nell immagine è possibile visualizzare un nucleo principale di attori leggermente decentrato sulla destra, composto dalla maggior parte dei rappresentanti delle famiglie mafiose palermitane oggetto dell indagine. Qui troviamo anche i protagonisti del processo di rinascita della cupola. Fautori di questo progetto sono in particolare i rappresentanti dei mandamenti di Santa Maria del Gesù. Dello schieramento favorevole alla rinascita della commissione fanno parte anche i mandamenti di Bagheria e di Belmonte Mezzagno. A questa triade si aggiungono poi anche tutta una serie di esponenti delle famiglie dello Zen, di Cruillas, di Pallavicino, Partanna, Resuttana e San Lorenzo. Vedremo meglio più avanti come si dispongono questi attori collettivi nel reticolo relazionale. Nell intenzione dei suoi sostenitori, la commissione avrà il compito di regolamentare i rapporti tra le diverse famiglie mafiose, «all ultimo ci sediamo e cerchiamo di fare una specie di commissione all antica». L organismo collegiale servirà soprattutto per far sì che le decisioni fondamentali che riguardano l intera organizzazione siano prese da «cinque, sei, sette, otto cristiani come si faceva una volta» e quindi «la responsabilità se dobbiamo fare una cosa ce l assumiamo tutti». Il ripristino della commissione si rende necessario per scongiurare il rischio di una involuzione del modello organizzativo sulla falsariga di quello della camorra napoletana «ma se noi facciamo ognuno per conto nostro, come sono i napoletani, se noi altri facciamo come fanno loro non altri non abbiamo dove andare, quindi stiamoci ognuno per la nostra casa e ci guardiamo la nostra casa». Il fine ultimo non è certo quello di istituire un organismo per coordinare i rapporti tra le famiglie. Dietro l iniziativa si nasconde il tentativo, nemmeno troppo celato, di ascesa al potere da parte del mandamento di Santa Maria del Gesù, in un momento di forte disorientamento caratterizzato dalla cattura dei Lo Piccolo. Le finalità

7 di N19 e N182 e dei loro alleati non sfuggono ai boss degli altri mandamenti palermitani che si coalizzano attorno alla figura di N67, boss di Palermo Centro, per opporsi al progetto di rinascita della cupola: «si fottono i soldi di chiunque! hanno travagghi nei paesi! Dovunque, si fottono i soldi! perchè vuoi sapere i nostri fatti! come tu ci hai a sapere i nostri fatti! e neanche te lo voglio dire, e neanche te lo voglio fare sapere a te!». L opposizione di N67, che non ha alcuna intenzione a riconoscere la designazione di N19 come capo della commissione, non passa inosservata all interno dello schieramento favorevole alla ricostituzione dell organismo collegiale, che cerca di trovare una mediazione con il boss di Porta Nuova. La rappresentazione grafica del reticolo ci consente di individuare con una certa precisione la collocazione spaziale della quasi totalità dei mandamenti mafiosi della provincia di Palermo e di osservarne gli elementi di tensione e le contrapposizioni più evidenti. Il mandamento di Palermo Centro, contrario alla creazione di un organismo sovra-locale, occupa uno spazio relazionale ben delineato e delimitato dal resto del network. La fazione rappresentata dal N67 è infatti compatta nell esprimere la propria contrariet{ alla nomina di N19 quale rappresentante di Palermo: «chi lo ha fatto a lui capo della provincia! cioè scusa! ma a noi altri ci è arrivata comunicazione che questo è capo della provincia?». L assoluta contrarietà degli esponenti del mandamento mafioso di Palermo Centro, di non aderire al progetto di ricostituzione della commissione emerge in numerose conversazioni: «che ci sediamo! gli ho detto ma con chi mi deve sedere! io non mi siedo con nessuno! io non voglio conoscere a nessuno! gli ho detto quando è stato ieri! a me mi devi mollare! a me mi devi lasciare in pace! a me non me lo deve dire questo! a me mi interessa che invece i cristiani che non devono avere guai! basta! non mi interessa più niente»; «gli ho detto appuntamento io non ne faccio con nessuno ( ) noi altri! ci siamo parlati tutti tra noi altri e allora né quelli di sopra! e né quelli di sotto! non riconosciamo nessun capo del ( )noi non riconosciamo nessun altro al di fuori di noi stessi, noi altri qua possiamo stare ( ) non venire più per questo discorso! noi altri dobbiamo stare per i fatti nostri». Nel corso delle conversazioni emerge persino l eventualità di opporsi con la violenza al progetto d riorganizzazione: «a noi la pace ci piace, ma la guerra non ci dispiace». La configurazione interna del mandamento di Palermo Centro presenta invece una maggiore differenziazione e una bassa densità interna e una polarizzazione riconducibile alla lotta interna per la leadership nel mandamento. Alcuni esponenti della famiglia di Porta Nuova contestano la legittimità della carica formale di N67, «Sì ma a Tanino chi lo ha messo?». Gli esponenti di Santa Maria del Gesù, come detto, cercano di sfruttare la situazione sponsorizzando la figura di un anziano boss, N72, quale nuovo referente della famiglia mafiosa. N72 è favorevole alla strategia di N19 ma si trova in una situazione di difficoltà perché alcuni esponenti del mandamento di Porta Nuova si oppongono alla nomina di N19 come capo della Commisione: «Mi ha detto materialmente dice accanto ho un poco di astio. Noi di fuori siamo qua perché per noi qua c è lei nella situazione attuale per noi è lei perciò se ha bisogno di aiuto. Dice io ho bisogno di altri purtroppo qua dentro dice fate quello che ritenete opportuno e sapete che sono con voi». N67 è un leader del reticolo. La sua posizione di autorit{ è evidente anche dall analisi delle misure di centralit{. N67 non è certamente un leader globale, la sua leadership è limitata a una porzione ristretta del network (centralità di grado 17%) ed assolve soltanto parzialmente ad una funzione di broker (13%) per il mandamento da lui diretto, stante i contatti che intercorrono fra esponenti di Porta Nuova e esponenti di altri mandamenti favorevoli alla commissione. E tuttavia N67 è sicuramente una figura di maggior spessore dell intero reticolo, la cui posizione non viene intaccata e anzi si rafforza in seguito ai tentativi di destituzione.

8 Fig. 2 Reticolo Palermo Centro Dal punto di vista morfologico, il mandamento di Belmonte Mezzagno presenta dei confini netti e precisi che lo separano quasi del tutto dal resto del network. Il sotto gruppo è collegato all intero reticolo da un unico attore che ne è anche il capo-mandamento. N17, il cui padre già boss mafioso era uomo di fiducia di Bernardo Provenzano, è tra gli alleati più forti ed autorevoli dei Capizzi e può contare sul sostegno di altre cinquanta famiglie mafiose: «Subito uscendo di qua a salire ha tutto l appoggio di tutti quindi i paesi sono tutti rappresentati devi fare conto che ci sono altre cinquanta famiglie». N17 riveste nella vicenda una vera e propria funzione di brokeraggio (29%). È un gatekeeper in quanto fa da tramite per gli esponenti del suo mandamento, ma è anche un elemento di contatto, un liason in quanto è incaricato per espressa volontà dei suoi capi di rappresentare la famiglia di San Giuseppe Jato e la famiglia di Corleone. Anche N17 è un leader locale, ma gode di stima e fiducia da parte degli stessi esponenti dello schieramento avverso alla rinascita della commissione. N67 ad esempio lo reclama come mediatore nei rapporti con Santa Maria del Gesù. Secondo quanto riferito da N182, l appuntamento questa volta era stato richiesto proprio dal N67 che, intimorito dal silenzio degli altri «questo silenzio a quanto pare non è piaciuto un granché, forse hanno capito pure qualcosa nell aria che c era in movimento», aveva richiesto che fosse presente in qualità di garante N17. L incontro sarebbe quindi dovuto avvenire nel territorio di competenza di N17 e cioè a Misilmeri o a Belmonte Mezzagno, anche perché la zona di Villagrazia era considerata poco sicura in quanto «è pieno di sbirri». Il sotto reticolo di Belmonte Mezzagno presenta una articolazione gerarchica e una ulteriore suddivisione in due gruppi, dovuta all esistenza di attriti all interno del mandamento di Belmonte, che tuttavia non mettono in discussione la posizione di rilievo di N17.

9 Fig. 3 Reticolo Belmonte Mezzagno Sulla cornice esterna del reticolo trovano collocazione anche i due restanti mandamenti della zona interna della provincia di Palermo vicini al sodalizio di Belmonte Mezzagno, ovvero San Giuseppe Jato e Corleone. Nelle vicende affrontate i due mandamenti occupano uno spazio secondario. Il mandamento di Corleone ricopre un ruolo marginale. Il gruppo capeggiato da N159 ha delegato N17 di rappresentare la propria famiglia nei rapporti con le altre consorterie: «Allora, Corleone c è lo zio N159 Lo zio che è sano e pieno di vita persona è stato messo lì da loro a rappresentare l{ ( ) Gli è stato posto il discorso di riprendere a dialogare con tutti. N159 mi ha detto: tu vai avanti per tutto quello che tu fai a fine di pace, perché stiamo parlando ai fini di pace( ) vai e tu sei la mia voce quando tu hai di bisogno mi vieni a prendere e io con te vado in cima al mondo da parte mia tu vai avanti per la mia voce stiamo parlando di Corleone». Più controversa appare invece l analisi del sotto gruppo del mandamento di San Giuseppe Jato, la cui distribuzione mantiene comunque un basso livello di dispersione. Non è casuale che sia in quest ultimo caso che nel precedente, le principali misure di centralità non rilevino la presenza di nodi significativi. Entrambi i mandamenti sono infatti rappresentati, come detto, dal boss di Belmonte Mezzagno. Il sodalizio di San Giuseppe Jato inoltre è interessato da un processo di ristrutturazione che ha portato all individuazione di nuovi referenti e ad una ridefinizione della composizione delle unità organizzative. In una posizione diametralmente opposta ai due sodalizi appena trattati, si colloca il mandamento palermitano di Pagliarelli, la cui estensione è limitata ad una porzione del reticolo in prossimità del mandamento di Palermo Centro e di quello di Santa Maria del Gesù. Tale vicinanza non è affatto casuale, stante l opposizione di una parte dei suoi esponenti al progetto di rinascita della commissione, e la subalternità della parte restante ai propositi di N19. Gli esponenti di Pagliarelli non sono infatti coesi e compatti al pari di quanto osservato

10 per Palermo Centro. Il mandamento risulta frammentato nella sua sotto articolazione in famiglie e la stessa leadership è contesa da diversi boss. Il momento di difficoltà è ben sintetizzato dalle parole di Capizzi che si propone di destituire l attuale reggente: «a N148 gli verrà comunicato da noi, tutti assieme, che lui è fuori. I motivi gli saranno comunicati là, perché quello che ha combinato è una cosa incredibile. Anche la famiglia di Pagliarelli sarebbe stata affidata non più al N148 bensì a due persone perfettamente capaci di gestirla: il latitante N87 e N96. Nell intenzione di Capizzi, le famiglie di Pagliarelli, Molara e Corso Calatafimi, che insieme completano il mandamento di Pagliarelli per andare fuori dal proprio territorio avrebbero dovuto avere l autorizzazione del mandamento di Santa Maria del Gesù: «Pagliarelli, Molara e Corso Calatafimi si devono venire a stricare [stare vicini] a noi per andare fuori, per le cose interne loro se la fottono loro, per le altre cose non si devono muovere». Il mandamento di Santa Maria del Gesù occupa una ampia area del reticolo che si estende dal nucleo alla cornice più esterna del semicerchio inferiore. Il sotto gruppo può essere diviso in due ulteriori componenti. La parte centrale è occupata dagli esponenti della famiglia di Villagrazia, promotori del progetto di rinascita della commissione, la parte inferiore raccoglie invece per la quasi totalità appartenenti alla famiglia di Monreale. N182 è il capo mandamento di Santa Maria del Gesù ed anche il soggetto con il più alto livello di centralità di grado dell intero reticolo. La sua posizione è pressoché allineata al nucleo del reticolo: «che il picciotto, questo Sandro! lo sapete come è ngazzatu [addentrato] nei discorsi! ma a livello! a livello di!» Capizzi è tra i principali protagonisti della vicenda. La sua capacità di relazionarsi è notevole ed è accresciuta dalla autorevolezza della figura del padre che ne guida i movimenti nel periodo in cui si trova incarcerato. La fitta trama di relazioni che i due insieme riescono a tessere raggiunge la quasi totalità dei boss mafiosi. Anche la figura del boss di Monreale ricade all interno del nucleo, ma la sua posizione si ferma a ridosso della cornice esterna. Il suo coinvolgimento nelle vicende è solo marginale. Nei confronti del boss di Monrelae vi sono forti diffidenze da parte della famiglia di Villagrazia: «Monreale a Palermo non ha che venirci a fare, loro già hanno sbagliato che li hanno ricevuti perché le regole sono regole per tutte». Del resto, nel processo di riorganizzazione di Cosa nostra portato avanti dai Capizzi, la famiglia di Monreale sarebbe stata annessa al mandamento di San Giuseppe Jato: «Sì, ma a me di lui non mi interessa, a me hanno detto che qua Monreale viene assorbita di nuovo per com era all antica, che cosa vuole dire lui con questo discorso». N11 è di certo un leader locale in grado di esercitare il controllo del proprio territorio: «gli unici, gli unici che gli possiamo fare il falò siamo noialtri e questo desiderio non dovrebbe averlo nessuno di fare un gesto del genere».

11 Fig. 4 Reticolo Santa Maria del Gesù Seppur ricostruito soltanto parzialmente nella sua composizione complessiva, il mandamento di Bagheria rappresentato dalla figura di N116, riveste una funzione strategica estremamente rilevante. Il boss del grosso centro urbano della provincia di Palermo è un personaggio anziano, a conoscenza degli equilibri esistenti nei vari mandamenti mafiosi, la cui autorevolezza è ampiamente riconosciuta dalla maggior parte degli esponenti di Cosa nostra. N116 è un representative in grado di mediare per conto di N19 e N182 con i boss contrari al progetto di ricostituzione della commissione: «Prima che tu parli, io ieri mi sono incontrato con tutti loro, abbiamo fatto tanti discorsi l altra volta ve l ho mandato a dire vedi che vogliono l appuntamento con me ed io l ho mandato a dire e voi: ci dice che non va da nessuna parte invece io ci sono andato perché è giusto che io ci vado anche per sentire parlare i cristiani e vedere questa situazione come meglio potere se troviamo un punto di incontro perché non è buono per nessuno fare discorsi tinti per me». N116, pur approvando le linee sostanziali del progetto del N182 ma, al contempo, condividendo la necessità della predetta formale autorizzazione, ritiene che, in assenza di quest ultima, l unica soluzione possibile sia quella di creare una commissione leggera «noi non possiamo fare commissione perché non siamo nessuno autorizzati almeno io non sono autorizzato da nessuno poi se qua ci siete persone autorizzate e potete disporre di fare una commissione gli ho detto: la facciamo Noi possiamo fare semmai se ci mettiamo tutti d accordo che dobbiamo essere tutti d accordo prendiamo quattro cinque cristiani grandi o più piccoli o chi o come una specie una cosa di consiglio fra noi per cose gravi se dobbiamo fare cose gravi responsabilità credo non ne possiamo prendere nessuno salvo se c è uno una persona di l{ dentro che conosciamo tutti e manda a dire attraverso persone no una sola a diverse persone lo deve mandare a dire: rivolgetevi a questo facciamo una specie di commissione così per le cose gravi per le situazioni e restiamo tutti amici».

12 Più confusa appare invece la rappresentazione degli altri mandamenti. Gli esponenti del mandamento di San Lorenzo e di Brancaccio sembrano gravitare attorno al nucleo centrale, ma la loro posizione testimonia la perduta centralit{ delle due cosche in seguito all arresto dei Lo Piccolo che avevano esteso il proprio potere in tutta la parte occidentale di Palermo e nella zona industriale di Brancaccio. Lo smantellamento del mandamento ha creato un pericoloso vuoto di potere che ha portato all ascesa di nuove figure. I cugini N30 e N31, in particolare, sfruttando la situazione di crsi del sodalizio di San Lorenzo decimato dai numerosi e recenti arresti, hanno tentato di acquisire posizioni di leadership vantando una presunta autorizzazione fornitagli da Matteo Messina Denaro, convinti che questa loro affermazione non potesse essere confutata da alcuno: «è stato che dei ragazzi si sono arrampicati sugli specchi, siccome dice là è sicuro che non ci arriva nessuno». Il loro tentativo è stato tuttavia vanificato dall intervento di N116 e di N19 e N182. In posizione subordinata rispetto a Santa Maria del Gesù e marginale si trovano infine i mandamenti di Boccadifalco, Resuttana e San Mauro Castelverde. Tab. 3 Primi venti attori del reticolo per le misure di centralità Cod. Degree Centrality Closeness Betweenness N2 9% 44% 3% N3 10% 42% 3% N11 16% 42% 11% N17 15% 48% 29% N19 13% 43% 5% N27 10% 44% 3% N48 12% 39% 4% N50 5% 41% 1% N67 17% 45% 13% N77 9% 42% 2% N87 14% 42% 5% N96 9% 42% 4% N105 4% 41% 1% N114 11% 40% 3% N116 18% 47% 11% N161 10% 43% 4% N173 14% 45% 7% N182 23% 48% 16% N183 9% 41% 1% N191 11% 42% 5% 4. Conclusioni Al termine di questo lavoro, qual è dunque il modello reticolare che emerge dai risultati della nostra analisi. Proviamo a sintetizzare i dati fin qui emersi. Gli attori della rete sono interconnessi fra loro in un unica struttura organizzativa, che seppur segnata da alcune linee di frattura, consente a ciascun contatto di raggiungere con una certa rapidità tutti i punti della rete. I leader della rete sono locali di medie dimensioni, nei migliori casi non raggiungono più del 20% dei contatti, cosicché anche i soggetti con più alto valore non sono in grado di monopolizzare il potere. Per accrescere la propria posizione di leadership gli attori centrali cercano di stabilire nuovi legami e di attivare meccanismi di cooperazione. Il ricorso al conflitto è solo minacciato ma mai attuato. Le numerose sovrapposizioni tra mandamenti

13 favoriscono la comunicazione e scoraggiano la contrapposizione e la chiusura dei sotto gruppi. Le figure degli intermediari sono poco rilevanti, tranne che in un unico caso che però si rivela favorevole al dialogo anche se potenzialmente instabile. Complessivamente, pur di fronte al fallimento del tentativo di concentrazione del potere nelle mani di pochi soggetti, il reticolo mafioso sembra possedere un buon livello di resilienza e una discreta elasticità che ne preservano l integrit{ o quantomeno la sopravvivenza dagli attacchi delle forze dell ordine. Prima di rispondere alla domanda che ci siamo posti all inizio di quest ultimo paragrafo, occorre introdurre un ultima distinzione. Per i nostri fini, è possibile riadattare la tipologia di reti proposta da Richard Locke, all inizio degli anni Novanta, in uno studio sull evoluzione della governance. L aspetto rilevante della sua proposta risiede nel tentativo di spiegare, attraverso la rappresentazione dei reticoli socio-politici locali, le differenti performance economiche conseguite dalle aree urbane. L idea alla base del ragionamento di Locke è, infatti, che la configurazione complessiva assunta dalla rete sociale, costituita dai principali protagonisti di quella determinata realtà territoriale, sia in grado di spiegare i differenziali economici conseguiti a livello di sistema e i diversi standard qualitativi raggiunti [Locke 1995; Barbera, Negri 2008]. Lo studioso americano per fornire una chiave interpretativa del diverso rendimento delle realtà osservate, identifica tre possibili strutture sociali idealtipiche: il reticolo policentrico, il reticolo polarizzato, e il reticolo gerarchico. Per descrivere i tre idealtipi possiamo utilizzare le parole di Barbera. Il reticolo policentrico è «formato da organizzazioni ed attori legati da legami orizzontali, con ampia possibilità di comunicazione, di gestione del conflitto e di continuazione del dialogo anche in presenza di rottura tra le parti (grazie alla presenza di terzi o leader che collegano i diversi campi). Le organizzazioni sono aperte ed inclusive di interessi diversi. I legami orizzontali sono più numerosi di quelli che collegano gli attori attraverso legami verticali»; Il reticolo polarizzato caratterizza invece uno scenario con «poche organizzazioni divise in campi contrapposti e con poche occasioni di comunicazione. In presenza di giochi a somma zero, il conflitto è letale e l assenza di figure di mediazione rende molto difficile riparare i legami spezzati. Inoltre, i legami verticali che collegano i livelli sono molto più rilevanti dei pochi legami orizzontali». Il reticolo gerarchico infine si distingue per «un elevato numero di attori, collegati tra loro da legami verticali e con il livello macro. L informazione non circola liberamente tra i diversi attori, piuttosto nei legami scorrono risorse di potere che, in caso di conflitto, possono servire a riattivare il processo» [Barbera 2006b: ]. Fig. 5 Tre idealtipi di reticolo Fonte: Locke [1995]

14 A questo punto possiamo definire con maggiore certezza la forma del reticolo organizzativo mafioso. La valutazione delle misure di centralità degli attori del network e le considerazioni sull articolazione morfologica che abbiamo formulato in precedenza ci spingono a ritenere l ipotesi policentrica la più attendibile. L analisi relazionale ha infatti rivelato l esistenza di uno «stratum politico» [Dahl 1961] del fenomeno mafioso, una rete di legami di comunicazione rapida ed estesa che, pur in assenza di una commissione formalmente istituita, connette i soggetti più autorevoli di Cosa nostra facilitando la comunicazione, lo scambio d informazioni, e talvolta di risorse, il consolidamento dei valori e la risoluzione delle controversie territoriali tra un mandamento e l altro. La presenza di un numero così elevato di soggetti all interno del nucleo organizzativo tuttavia non sempre favorisce il processo decisionale e può anzi esplodere in pericolosi dualismi. La rete potrebbe gradualmente polarizzarsi accentuando le già esistenti linee di frattura territoriale. Il tentativo fallito da parte dei Lo Piccolo prima e dei Capizzi dopo di accrescere il proprio potere su larga parte della città di Palermo a scapito delle altre famiglie ha sicuramente accentuato le divisioni tra le famiglie e aumentato il livello di diffidenza generale. Da questo punto di vista, l intervento delle forze dell ordine potrebbe puntare a favorire la disgregazione di Cosa nostra in gruppi separati, mirando ai connettori, ai broker dell organizzazione. L esistenza di un tessuto policentrico costituisce uno degli elementi che favoriscono la persistenza e la riproduzione nel tempo di Cosa nostra. Si potrebbe obiettare a questo punto che in Campania l assenza di un tessuto di clan reciprocamente interconnessi non ha portato a un esaurimento del fenomeno camorrista. A questa osservazione si potrebbe rispondere, osservando come i clan napoletani hanno dovuto soffrire un maggior numero di perdite umane per riprodursi nel corso del tempo, mentre le famiglie mafiose hanno gestito in maniera meno dispendiosa le situazioni di tensione. Fig. 6 Reticolo relazionale (centralità di grado)

15 Fig. 7 Reticolo relazionale (closeness) Fig. 8 Reticolo relazionale (betweenness)

16 Bibliografia Barbera F. (2006b), Il caso di Torino, in F. Ramella e C. Trigilia (a cura di), Reti sociali e innovazione. I sistemi locali delle tecnologie dell informazione, Firenze University Press, Firenze, pp Barbera F., Negri N. (2008), Mercati, reti sociali e istituzioni. Una mappa per la sociologia economica, Il Mulino, Bologna. Catanzaro R. (1988), Il delitto come impresa. Storia sociale della mafia, Liviana, Padova. Catanzaro R. (2010), La mafia e la responsabilità della politica, in «Il Mulino», 6. Chiesi A. (1999), L analisi dei reticoli, Angeli, Milano. Dahl, R. A. (1961). Who governs: Power in an American city. New Haven, CT: Yale University Press. Freeman L. C. (1979), Centrality in Social Networks: Conceptual Clarification, in Social Networks, 1: Gambetta D. (1992), La mafia siciliana. Un industria della protezione privata, Einaudi, Torino. Knoke D. (1994), Networks of élite structure and decision making in Wasserman S. e Galaskiewicz J., Advances in social network analysis. Research in social and behavioral sciences, Sage, London. Locke R. (1995), Remaking the Italian Economy, Cornell University Press, Ithaca. Lupo, S. (1996), Storia della mafia dalle origini ai giorni nostri, Donzelli, Roma. Mills C. W. (1959), La élite del potere, Feltrinelli, Milano. Nye J.S. (2009) Leadership e potere, Hard, soft, smart power, Laterza, Roma-Bari. Pepino L., Nebiolo M. (2006), Mafia e potere, EGA Editore, Torino. Popitz H. (1990), Fenomenologia del potere, Il Mulino, Bologna. Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, Fermo di indiziati di delitto n /08, 14 dicembre 2008, Palermo Santino U. (2006), Dalla mafia alle mafie. Scienze sociali e crimine organizzato, Rubettino, Soveria Mannelli. Sciarrone R. (2006), Mafia e potere: processi di legittimazione e costruzione del consenso, in «Stato e Mercato», 3. Sciarrone R. (2009), Mafie vecchie mafie nuove. Radicamento ed espansione, II ed., Donzelli, Roma. Sciarrone R. (a cura di) (2011), Alleanze nell ombra. Mafie ed economie locali in Sicilia e nel Mezzogiorno, Donzelli, Roma. Vannucci A. (2001), Istituzioni, costi di transazione e organizzazioni mafiose, in «Polis», 3. Wasserman S. e Faust K. (1994), Social network analysis: methods and application, Cambridge University Press, Cambridge. Weber M. (1922), Economia e società, Edizioni di Comunità, Milano, 1999.

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 NOTE CONCLUSIVE Fausto Marchionni Gli intermediari assicurativi svolgono un ruolo centrale nella

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

LANCIAMO UN DADO PER DECIDERE CHI DEVE INIZIARE IL GIOCO. PARTIRA IL NUMERO PIU ALTO

LANCIAMO UN DADO PER DECIDERE CHI DEVE INIZIARE IL GIOCO. PARTIRA IL NUMERO PIU ALTO IL GIOCO DEL CALCIO I bimbi della sezione 5 anni sono molto appassionati al gioco del calcio. Utilizzo questo interesse per costruire e proporre un gioco con i dadi che assomigli ad una partita di calcio.

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

«Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria»

«Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria» «Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria» (J. W. Goethe) LILIA ANDREA TERUGGI Leggere e scrivere attraverso il curriculo Trasversalità della lingua nei diversi ambiti disciplinari

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Indice. pagina 2 di 10

Indice. pagina 2 di 10 LEZIONE PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA---------------------------------------------------------------------------------------- 3 LA STRUTTURA

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano PROGETTO EDUCATIVO 2008-2011 TERRITORIO La lettura continua di ciò che ci circonda e la ricerca di relazioni significative sul territorio, costituisce un valore per la Comunità Capi del Verona 8. È ormai

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida

IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida IL PROGETTO JOB-CLUB Presentazione e linee guida 1. PRESENTAZIONE: COS È UN JOB CLUB Un Job Club è un gruppo spontaneo e gratuito di mutuo sostegno tra persone che si accompagnano e si aiutano reciprocamente

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx xxxxxxxxx xxxxxxxxxx La rete territoriale nel gambling e possibili integrazioni A cura di Arezzo, 11 maggio 2007 1 Obiettivi del contributo fornire alcuni elementi generali sulle reti sociali introdurre

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli