MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF"

Transcript

1 MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF Questo programma di calcolo per impianti di depurazione a fanghi attivi ad ossidazione totale, è stato realizzato per aiutare il tecnico a progettare velocemente impianti con utenza che variano da circa 5 a 500 abitanti equivalenti; tuttavia non è escluso l utilizzo del programma per impianti di dimensioni più grandi, purché tale utilizzo sia supportato da una conoscenza approfondita della tecnica di depurazione; nel struttura di calcolo si è pensato di assistere tutti i parametri con l help. Di seguito riportiamo brevi note sul funzionamento di un impianto di depurazione a fanghi attivi ad ossidazione totale che costituiscono la base per l utilizzo corretto del programma e sono state prese per linee guida nella realizzazione del manuale. 1

2 I depuratori a fanghi attivi, ad ossidazione totale, sono costituiti da un reattore biologico aerato artificialmente, caratterizzati per essere composti da una vasca di ossidazione e da una di sedimentazione; l agente biologico preposto alla depurazione delle acque è in forma di fiocco di fango ( fango attivo) in libera sospensione nella massa del liquame (3-6 kg solidi/m 3 ) formatasi a seguito di aerazione artificiale, nella vasca di ossidazione ed all interno del quale vive un enorme numero di microrganismi, soprattutto batteri, che si nutrono e si riproducono a spese della sostanza organica apportata dal liquame. Contestualmente si verificano fenomeni di adsorbimento e bioflocculazione con conseguente rimozione per azione del fango attivo, delle sostanze colloidali e sospese. Al termine del processo di aerazione, il liquame passa alla sedimentazione finale dove i fiocchi di fango separati dal liquame e, in parte riciclati a monte per sfruttare l attività biologica degli stessi sul nuovo liquame in arrivo; quando la concentrazione del fango, nella vasca di ossidazione aumenta, parte di tale fango viene allontanato, come fango di supero. Pertanto lo schema classico di un impianto biologicoossidativo a fanghi attivi si può sintetizzare: Vasca di Vasca di Affluente Ossidazione sedimentazione Effluente Fango di ricircolo Fango di supero 2

3 L impianto a fanghi attivi si definisce a stabilizzazione completa del fango se si assume come carico del fango, un valore uguale o inferiore a 0,08 kg BOD 5 /kg SS x giorno, e si ottiene per via aerobica. La vasca di ossidazione è nello stesso tempo vasca di digestione dei fanghi ed il sistema prende il nome di impianto a fanghi attivi ad ossidazione totale. Tale sistema richiede maggiori quantitativi di ossigeno con tempi di esposizione all aria più lunghi e quindi vasche più grandi. Per contro il vantaggio è quello appunto di unificare in un unico processo e quindi in un unico manufatto il trattamento del liquame e del fango. Il sistema è valido solo per piccoli impianti e non per quelli grandi. L ossidazione totale prevede il trattamento del liquame grezzo (senza sedimentazione primaria, ma con un pretrattamento ). Per contro è necessario dimensionare molto largamente (4 6 ore di permanenza sulla portata media) la sedimentazione finale, date le caratteristiche di parte dei fanghi, in fiocco molto piccolo, detti a testa di spillo, di difficile sedimentazione. Le acque in uscita dagli impianti danno un notevole abbattimento del BOD 5. Il dimensionamento della vasca di ossidazione Il carico di fango attivo C f rappresenta il rapporto tra il carico organico volumetrico C ov ( espresso in kg BOD 5 /m 3 di vasca x giorno) ed il contenuto di sostanze secche del fango ( espresso in kf SS/m 3 di vasca): C f = C ov / kg BOD 5 /kg SS x giorno Il fango di supero F s è, per ciascun valore del carico del fango, il quantitativo in eccesso di sostanza secca per 3

4 corrispondente quantità di BOD 5 eliminato F s kg SS / kg BOD 5 eliminato Può essere espresso come kg di sostanze secche per giorno con: F ss = (Q g x E x x F s ) : 1000 kg SS / giorno Essendo: Qg E la portata giornaliera (m3/giorno) la forza del liquame (mg BOD 5 / litro) La portata del fango di supero Q fs o la portata di supero è il quantitativo di liquame che, dalla vasca di decantazione finale, viene avviato sulle aree di essiccamento o rimosso con altri sistemi. Il suo valore non supera normalmente il 3% della portata in arrivo ed è dato dalla seguente espressione: Q fs = F ss / (1000 x f) m 3 /giorno Essendo f = 0,5 2% il contenuto di sostanze secche del fango di ritorno. La portata di ricircolo Qr è la parte di liquame in arrivo che viene avviata dalla vasca di decantazione alla vasca di ossidazione ed è funzione della quantità di fango della vasca di ossidazione () e del contenuto di sostanze secche del fango (f). La percentuale di fango di ricircolo () è data dall espressione = 100 x / f - % da cui il ricircolo è Q r = Q s 4

5 L età del fango, espressa in giorni, esprime la qualità del fango che può essere totalmente o parzialmente stabilizzata. Essa rappresenta il rapporto Quantità di fango complessivamente presente nella vasca di digestione aerobica = Quantità di fango di supero mediamente prodotta ogni giorno Il volume di ossidazione V si può determinare in funzione del tempo di aerazione T, una volta stabilito il tipo di impianto che si vuole dimensionare, e della portata giornaliera Qg V = T x Q p m 3 Wuhrman, ha determinato una curva di abbattimento del BOD5 in funzione del carico del fango. 5

6 La correlazione fra i vari parametri sono date dalle seguenti espressioni: = 1 / ( 1 + 0,2 C f ) ; Cf= / 0,04 2 ; V = Q g x E / ( x 0,2 / 1 - ) 2 Fabbisogno di ossigeno Perché nella vasca di ossidazione possa avvenire il processo biologico con l azione di metabolismo funzione dell età e della velocità di crescita batterica in particolare del catabolismo di respirazione attiva e di respirazione endogena, occorre somministrare al liquame, in funzione del suo BOD 5, una certa quantità di ossigeno, che è contenuto nell aria e quindi bisogna somministrare una certa quantità di aria. In condizioni medie di pressione e temperatura, il peso specifico dell aria è di 1250 g/m 3 ed il suo contenuto di ossigeno di 280 grammi. Il consumo giornaliero di ossigeno (kg/d) può essere stabilito utilizzando la seguente formula: O 2 = z BOD 5rim/d + r e SS tot dove per liquami domestici: z è il coefficiente di respirazione attiva = 0,5; BOD 5rim/d è l ossigeno rimosso/giorno; r e è il coefficiente di respirazione endogena (d -1 ) = 0,1; SS tot solidi sospesi in aerazione. La somministrazione dell aria può essere effettuata tramite insufflatori d aria con diffusori a bolle fini, medie, grosse, utilizzando pompe soffianti, oppure con pompe sommerse 6

7 munite di tubo venturi o con serbatoi in pressione di ossigeno puro. L insufflazione dell aria avviene tramite tubazioni, nella massa liquida a mezzo di ossigenatori, disposti a diverse profondità, costituiti da strutture di diverso materiale (acciaio inox, plastica, ceramica), munite di fori, opportunamente disposti o di fenditure in modo che l aria proveniente dalla soffiante si possa frazionare in bolle di dimensioni diverse e quindi possa interessare tutta la massa del liquame od anche tramite tubo venturi. Naturalmente non tutto l ossigeno dell aria viene utilizzato, ma solo una parte di esso. Ogni ditta produttrice di tali ossigenatori dà i propri rendimenti di utilizzazione e le quantità di ossigeno che effettivamente si trasferiscono alla massa liquida del liquame. Naturalmente più tali diffusori sono profondi più aumenta la capacità di far assorbire dal liquame l ossigeno che risale verso la superficie aumentando quindi la resa d ossigeno. Di seguito riportiamo la tabella di alcuni ossigenatori più diffusi: Sistema di aerazione Aerazione a bolle fini ( < 1 mm ) Aerazione a bolle fini ( 1,5 3 mm ) Aerazione a bolle fini ( > 4 mm ) Ossigeno dell aria utilizzato ,5 7

8 L immissione di quantità di ossigeno all interno della vasca deve essere superiore a quella teorica richiesta biologicamente per tener conto delle punte di carico, del tenore di O2 disciolto in vasca, della variazione di temperatura del liquame e dell efficienza del sistema di ossigenazione. Le prestazioni delle apparecchiature commerciali sono in genere riferite a condizioni standard di temperatura, pressione, concentrazione di ossigeno all arrivo. Tra i vari sistemi di aerazione uno è quello classico di cui sopra abbiamo riportato la tabella e riguarda la diffusione dell ossigeno a bolle fine, medie e grosse. La seconda riguarda l immissione attraverso l agitazione con mezzi meccanici mediante turbine verticali o rotori orizzontali. Abitante equivalente Per dimensionare un impianto di depurazione, tra i dati fondamentali che si devono introdurre è quello dell inquinamento prodotto; tale dato, per insediamenti con scarico di natura domestica o ad essa assimilata, deriva dal carico organico unitario pari a 60 g di BOD 5, per il numero di abitanti equivalenti presenti nell insediamento. - Per abitante equivalente si intende una persona che risiede nell insediamento, ovvero svolge tutte quelle funzioni proprie del vivere umano. - Per carico organico unitario di una sostanza inquinante si intende la quantità di ossigeno che bisogna ad essa somministrare per eliminare l inquinamento; tale dato rappresenta quindi la quantità di ossigeno che bisogno fornire al liquame per trasformare le sostanze organiche putrescibili in sostanze inorganiche imputrescibili. L unità di misura utilizzata è il BOD 5 8

9 - che rappresenta quindi la domanda biologica di ossigeno ovvero la quantità di ossigeno necessaria a degradare per ossidazione batterica le sostanze organiche presenti nel liquame. L indice 5 a fianco della sigla BOD significa che un liquame convenientemente aerato vede diminuire col tempo la - domanda di ossigeno per ridurre l inquinamento per i fenomeni suesposti; dopo 5 giorni tale riduzione è pari al 68,4% di quello calcolato a 20 gg ed a 20 C. La misura del BOD costituisce uno dei metodi più efficaci per identificare il grado di inquinamento di un liquame; essa rappresenta inoltre la misura finale del livello di depurazione conseguito con un impianto di trattamento. La legge 152/99 fissa il livello di inquinamento allo scarico per un impianto di trattamento pari a 40 o 20 mg di secondo BOD 5 a secondo che si tratti di scarichi in corpo ricettore o sul suolo. Abitante equivalente Casa di civile abitazione: 1 A.E. per ogni camera da letto con superficie inferiore a 14 mq; 2 A.E. per ogni camera superiore a 14 mq. Albergo o complesso ricettivo: come per le case di civile abitazione; aggiungere 1 A.E. ogni qual volta la superficie di una stanza aumenta di 6 mq oltre i 14 mq. Per le case di vacanza o per case in cui l utilizzo stagionale consente forti densità abitative, è opportuno riferirsi alla potenzialità massima effettiva prevedibile. Industrie o Laboratori artigiani: 1 A.E. ogni 2 dipendenti fissi o stagionali, durante la massima attività. 9

10 Uffici Commerciali: 1 A.E. ogni 3 dipendenti fissi o stagionali, durante la massima attività. Ristoranti e Trattorie: per il calcolo degli A.E. è necessario quantificare la massima capacità ricettiva delle sale considerando che una persona occupa circa 1,2 mq. Oppure calcolare il numero di coperti giornalieri se l attività è esistente. Al numero di clienti si deve sommare il personale dipendente. Ad ogni 3 persone risultanti dalla somma di cui sopra corrisponde 1 A.E.. Bar e Circoli Privati: come il punto precedente ma calcolando 1 A.E. ogni 7 persone. Cinema, Stadi e Teatri: ogni 30 utenti corrisponde 1 A.E.. Scuole: ad ogni 19 alunni, calcolati sulla massima potenzialità, corrisponde 1 A.E.. Consumi d acqua Nella progettazione di un impianto di depurazione, il secondo dato fondamentale, oltre quello dell inquinamento prodotto, è la conoscenza della quantità di acqua che viene utilizzata dal singolo abitante. Tali consumi idrici sono: Città con oltre abitanti 350 litri/ab. Città con meno di abitanti 250 litri/ab. Periferie urbane e campagna 10

11 I consumi idrici variano da paese e paese e per lo stesso paese da stagione a stagione; inoltre non tutta la quantità d acqua assunta viene rinviata alla fognatura,, una parte viene dispersa ed in genere si può considerare statisticamente che l 80% del consumo idrico procapite costituisce la portata di arrivo alla fognatura. Bisognerà poi tener conto che non tutti i quantitativi di liquame avviati alla fognatura sono immessi in quantità costanti; essi variano nell arco della giornata determinando una portata di punta che bisogna quantificare per un corretto proporzionamento dell impianto. Coefficiente di portata di punta La portata di punta è funzione del numero di abitanti e del tipo di fognatura utilizzata a secondo se la rete è mista o separativa ovvero se nella rete fognaria sono immesse anche le acque meteoriche o solo le nere. Rete separativa : La portata di punta o di progetto viene calcolata con la seguente formula: Q p = (Q g /24) x K m 3 /h Dove : Qg portata giornaliera K coefficiente di punta K = 3 per impianti fino a ab. (la distribuzione della portata avviene nelle 8 ore ovvero Qp = Qg) K = 2,4 per impianti fino a ab. distr. nelle 10 ore K = 2,0 per impianti fino a ab. distr. nelle 12 ore 11

12 K = 1,7 per impianti fino a ab. distr. nelle 14 ore K = 1,5 per impianti fino a ab. distr. nelle 16 ore K = 1,3 per impianti fino a ab. distr. nelle 18 ore K = 1,2 per impianti oltre i ab. distr. nelle 20 ore Rete mista : La portata di punta o di progetto viene calcolata con la seguente formula: Q p = (Q g /24) x K + 0,5 (Q g /24) m 3 /h Dove i coefficienti considerati hanno lo stesso significato di cui sopra. Carico organico volumetrico è il rapporto tra il carico organico giornaliero Co ed il volume della vasca di ossidazione. In genere per piccoli impianti tale valore risulta costante e pari a: C ov = C o /V oss = 0.37 kg BOD 5 /m 3 x d Dove C o è il carico organico (unitario) per numero di AB. Eq. ovvero: Co = 60 x AB.Eq./ 1000 Attivazione del programma di calcolo Per avviare il programma dopo aver inserito il CD nell apposito vassoio occorre portarsi su Risorse del Computer e cliccare index; segue Installazione del programma DEF da cui si apre Download file ; a seguire: Esegui l applicazione da installazione corrente cliccare su OK 12

13 cliccare su SI A questo punto si apre Installazione DEF Facendo clic sul pulsante sottostante si ha Installazione completata. La parola chiave è del tipo: 31jkwe4-2ttjy2dfr40-xxzyy Una volta inserita fare clic su OK e confermare alla schermata successiva. Riavviare il programma Nella finestra principale la dizione Registrazione scompare Procedere al riavvio del programma cliccando su Def dal menù programmi e facendo quindi comparire la pagina Ingegneria Ambientale ; cliccando su Registrazione comparirà: La registrazione del prodotto viene fatta telefonando al n oppure per Con la registrazione viene data una parola chiave che rende operative le funzioni: Salva, Stampa, Copia (sugli appunti). Per ottenere la parola chiave è necessario fornire il numero di codice del prodotto e del contratto; fornita la parola chiave premere OK e si avvia il programma. Nella pagina di apertura del programma compaiono una serie di pulsanti di apertura nuovo calcolo ed in particolare 13

14 è di rilevante importanza il pulsante Manutenzione che serve a ripristinare le funzioni di partenza anche quando si sbaglia a digitare. La successiva videata che appare è la finestra di trasmissione dati per il dimensionamento. Il programma ha una serie di dati preimpostati dove l utente può immettere solo il numero di abitanti equivalenti, la larghezza dell ossidazione e del decantatore e l eventuale altezza del decantatore. Il calcolo dell impianto prevede in basso a destra l eventuale introduzione della dimensione della lunghezza del modulo prefabbricato. Nel caso che la vasca di ossidazione e di sedimentazione debba essere costruita in opera la lunghezza del modulo può essere modificata rendendola uguale a quella che compare azionando Calcolo Def e quindi Mostra i risultati, sul finire della pagina. 14

15 15

16 Nel calcolo compare il messaggio di proporzionare la portata della soffiante e tale dato viene fornito azionando Calcolo Def. Altro parametro importante per il corretto funzionamento dell impianto è il Tempo di stazionamento del liquame nel sedimentatore; da tale valore dipende la dimensione del sedimentatore poiché il tempo di permanenza del liquame può variare da 1,2 a 5 (dato che determina anche la velocità di risalita del liquame importante perché questa non deve superare il valore compreso tra 0,8 e 1,5 m/h). Tutte le finestre sono assistite dall help, cliccando con il pulsante destro si guida il progettista nella scelta dei valori e/o altrimenti si possono lasciare quelli scelti di base La finestra successiva illustra un esempio del funzionamento dell help. In questa figura è illustrata la videata completa dei parametri utilizzati pigiando il pulsante Altri Controlli: 16

17 Nel seguire la videata con tutti i controlli a disposizione il tecnico arriva a determinare l altezza del decantatore prima e successivamente l altezza dell ossidazione. In quest ultimo caso digitare un valore diverso da quello memorizzato fa comparire una finestra con la dicitura Aggiorna i valori ( Resa d ossigeno) e (Prevalenza soffiante). La resa d ossigeno è chiaramente dipendente dal modo di aerazione del liquame, dalla portata d aria per ossigenatore, dall altezza della colonna d acqua che sovrasta l ossigenatore. Chiaramente più è alta detta colonna e maggiore è la resa d ossigeno, come si può verificare con il pulsante dell help; per motivi fisici le micro-bollicine dovendo compiere un maggior tragitto all interno del liquor hanno maggior possibilità di essere assorbite. Il secondo parametro che si dovrà andare a modificare è la prevalenza della soffiante; chiaramente aumentando la 17

18 profondità dell ossigenazione dovrà essere maggiore la forza che la stessa soffiante dovrà compiere per spingere l aria all interno della massa liquida. Nel caso in cui saranno lasciati immutati tutti gli altri parametri, cliccando sul pulsante Calcola Def il programma esegue operazione di calcolo le quali porteranno alla verifica totale dell impianto oppure si potrebbe aprire una finestra in cui si legge: - La velocità di risalita del liquame è troppo alta> 1,2 m 3 /m 2 x h aumentare il tempo di stazionamento nel decantatore Tale problematica comporta come conseguenza un aumento del volume del decantatore in virtù dell aumento del tempo di stazionamento oppure il progettista può ritornare al parametro Altezza del decantatore per ripetere di nuovo tutto il calcolo. Nella prima ipotesi (aumentare il tempo di stazionamento) compare il pulsante Ricalcola. Se i parametri sono stati accettati comparirà una maschera dove sono illustrati oltre la larghezza, altezza e lunghezza della vasca di ossidazione, il valore di BOD 5 ed infine la Portata d aria necessaria Qtot. Tale valore dovrà essere verificato con quello che compare nella videata al penultimo pulsante sulla destra Portata d aria soffiante e nel caso sostituito con quello riportato digitando il nuovo valore. A questo punto Calcola Def attiverà un nuovo pulsante Mostra i risultati dove scorrendo con il cursore di destra saranno illustrati tutti i dati di calcolo ed i relativi risultati. 18

19 Nella sezione Dimensionamento di impianti sono riportate la relazioni generale (colonna sinistra C:\ PROGRAMMI\DEF\dati\relazione) e la relazione di calcolo di impianti tipo da 5 ab. eq. fino a 500. Tutti i dimensionamenti sono supportati da disegno grafico esportabile in Autocad. 19

20 COSTRUIRE UN IMPIANTO IN OPERA O AVVALENDOSI DI PREFABBRICATI IN COMMERCIO. Nella realizzazione di un progetto di impianto di depurazione si utilizzano nell ambito del programma, vari parametri geometri ; per questi, nel programma, sono stati standardizzati valori di base che possono essere modificati principalmente per adeguare la progettazione a spazi a disposizioni o a manufatti che si trovano in commercio. Tali valori sono: Larghezza ossidazione /decant. Altezza decantazione Altezza ossidazione e nell ultima riga Lunghezza modulo Nel programma sono stati inseriti valori di riferimento. 20

21 Il calcolo si esegue variando i parametri geometrici e tenendo conto che questi impianti sono di tipo compatto, hanno, cioè, la larghezza dell ossidazione e del decantatore uguali, variano invece nella misura dell altezza del ossidazione e del decantatore; tale ultimo parametro è importante poiché la sua modifica porta, insieme o separatamente al tempo di stazionamento, ad una riduzione della velocità di risalita del liquame; i due valori producono anche l effetto di un aumento del sedimentatore (come detto precedentemente). Alla definizione di detti parametri segue la fase di calcolo, che qualora sarà stata eseguita correttamente farà apparire in basso sulla destra (Lunghezza modulo - 2) il 2 rappresenta la lunghezza di un modulo prefabbricato di 2 m e di Larghezza delle dimensioni stabilite nella seconda casella in alto a sinistra con la voce (Larghezza ossi/decant). Da CALCOLA DEF compare la videata centrale 21

22 RISULTATI VOLUME DI OSSIDAZIONE - cliccando ora su OK si attiverà la casella VISUALIZZA RISULTATI. L attivazione della nuova pagina consentirà di verificare tutti i risultati ed in particolare a fine pagina risulteranno, prendendo ad esempio le dimensioni di un impianto da 10 ab/equiv.: Dimensionamento Impianto Altezza H2O reattore hh2o ossig. 1,90 m Larghezza OSSID/DECANT. loss/dec 1,10 m Larghezza MONOBLOCCO l monobloc 1,20 m Altezza Monoblocco h monobloc 2,20 m Lunghezza Ossid/Decant Ltot 1,20 m Lunghezza modulo Lmod 2,00 m Manufatti n. 0,6 BOD5 Uscita Impianto D 16,06 mg/l Ovvero il manufatto scelto delle dimensioni utili 1,10 x 2,00 non sarà utilizzato che per il 60% (Manufatti 0,6) ; tale risultato potrà essere modificato tornando al programma di calcolo e sostituendo nell ultima casella dove compare la voce Lunghezza modulo, le dimensioni effettive pari a quelle ottenute sopra alla voce Dimensionamento impianto Lunghezza Ossid/Dec. che nel ns caso è pari a 1,2 m. Alla nuova richiesta Mostra i risultati alla voce Manufatti comparirà n. 1. La tecnica del calcolo consente quindi di adattare manufatti in commercio che potranno essere utilizzati modificando le altezze dell ossidazione e del decantatore. 22

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

Primi passi con ChemGes

Primi passi con ChemGes Descrizione Primi passi con ChemGes DR Software Version 40.0 Sommario Introduzione... 1 Start del programma... 1 Ricercare e visualizzare delle sostanze... 1 Immissione di materie prime... 4 Immissione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26

REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 36170 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 195 del 16-12-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 12 dicembre 2011, n. 26 Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI

CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE TESI DI LAUREA SPECIALISTICA CONTROLLO DI UN PROCESSO DI DEPURAZIONE BIOLOGICO

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1. Dotazioni informatiche minime: Pc con accesso ad internet Contratto Telemaco

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php.

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. MASTERCOM La piattaforma MASTERCOM funziona con Mozilla Firefox. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. Tramite l indirizzo https://82.185.224.202/registro/index.php

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi ottobre-novembre 2008 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE Prof. Ing.. Maria Laura MASTELLONE Docente di Impianti

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Outlook Express. Dalla barra del menu in alto, selezionare STRUMENTI e successivamente ACCOUNT :

Outlook Express. Dalla barra del menu in alto, selezionare STRUMENTI e successivamente ACCOUNT : OutlookExpress Dallabarradelmenuinalto,selezionare STRUMENTI esuccessivamente ACCOUNT : Siapriràfinestra ACCOUNTINTERNET. Sceglierelascheda POSTAELETTRONICA. Cliccaresulpulsante AGGIUNGI quindilavoce POSTAELETTRONICA

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Istruzioni per il rilevamento delle cifre di tiratura (per donatori / stampa associazione)

Istruzioni per il rilevamento delle cifre di tiratura (per donatori / stampa associazione) Istruzioni per il rilevamento delle cifre di tiratura (per donatori / stampa associazione) 1. Aprite Internet Explorer (accesso a internet) e digitate il seguente link: https://auflagen-tirage.wemf.ch/

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli