MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF"

Transcript

1 MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF Questo programma di calcolo per impianti di depurazione a fanghi attivi ad ossidazione totale, è stato realizzato per aiutare il tecnico a progettare velocemente impianti con utenza che variano da circa 5 a 500 abitanti equivalenti; tuttavia non è escluso l utilizzo del programma per impianti di dimensioni più grandi, purché tale utilizzo sia supportato da una conoscenza approfondita della tecnica di depurazione; nel struttura di calcolo si è pensato di assistere tutti i parametri con l help. Di seguito riportiamo brevi note sul funzionamento di un impianto di depurazione a fanghi attivi ad ossidazione totale che costituiscono la base per l utilizzo corretto del programma e sono state prese per linee guida nella realizzazione del manuale. 1

2 I depuratori a fanghi attivi, ad ossidazione totale, sono costituiti da un reattore biologico aerato artificialmente, caratterizzati per essere composti da una vasca di ossidazione e da una di sedimentazione; l agente biologico preposto alla depurazione delle acque è in forma di fiocco di fango ( fango attivo) in libera sospensione nella massa del liquame (3-6 kg solidi/m 3 ) formatasi a seguito di aerazione artificiale, nella vasca di ossidazione ed all interno del quale vive un enorme numero di microrganismi, soprattutto batteri, che si nutrono e si riproducono a spese della sostanza organica apportata dal liquame. Contestualmente si verificano fenomeni di adsorbimento e bioflocculazione con conseguente rimozione per azione del fango attivo, delle sostanze colloidali e sospese. Al termine del processo di aerazione, il liquame passa alla sedimentazione finale dove i fiocchi di fango separati dal liquame e, in parte riciclati a monte per sfruttare l attività biologica degli stessi sul nuovo liquame in arrivo; quando la concentrazione del fango, nella vasca di ossidazione aumenta, parte di tale fango viene allontanato, come fango di supero. Pertanto lo schema classico di un impianto biologicoossidativo a fanghi attivi si può sintetizzare: Vasca di Vasca di Affluente Ossidazione sedimentazione Effluente Fango di ricircolo Fango di supero 2

3 L impianto a fanghi attivi si definisce a stabilizzazione completa del fango se si assume come carico del fango, un valore uguale o inferiore a 0,08 kg BOD 5 /kg SS x giorno, e si ottiene per via aerobica. La vasca di ossidazione è nello stesso tempo vasca di digestione dei fanghi ed il sistema prende il nome di impianto a fanghi attivi ad ossidazione totale. Tale sistema richiede maggiori quantitativi di ossigeno con tempi di esposizione all aria più lunghi e quindi vasche più grandi. Per contro il vantaggio è quello appunto di unificare in un unico processo e quindi in un unico manufatto il trattamento del liquame e del fango. Il sistema è valido solo per piccoli impianti e non per quelli grandi. L ossidazione totale prevede il trattamento del liquame grezzo (senza sedimentazione primaria, ma con un pretrattamento ). Per contro è necessario dimensionare molto largamente (4 6 ore di permanenza sulla portata media) la sedimentazione finale, date le caratteristiche di parte dei fanghi, in fiocco molto piccolo, detti a testa di spillo, di difficile sedimentazione. Le acque in uscita dagli impianti danno un notevole abbattimento del BOD 5. Il dimensionamento della vasca di ossidazione Il carico di fango attivo C f rappresenta il rapporto tra il carico organico volumetrico C ov ( espresso in kg BOD 5 /m 3 di vasca x giorno) ed il contenuto di sostanze secche del fango ( espresso in kf SS/m 3 di vasca): C f = C ov / kg BOD 5 /kg SS x giorno Il fango di supero F s è, per ciascun valore del carico del fango, il quantitativo in eccesso di sostanza secca per 3

4 corrispondente quantità di BOD 5 eliminato F s kg SS / kg BOD 5 eliminato Può essere espresso come kg di sostanze secche per giorno con: F ss = (Q g x E x x F s ) : 1000 kg SS / giorno Essendo: Qg E la portata giornaliera (m3/giorno) la forza del liquame (mg BOD 5 / litro) La portata del fango di supero Q fs o la portata di supero è il quantitativo di liquame che, dalla vasca di decantazione finale, viene avviato sulle aree di essiccamento o rimosso con altri sistemi. Il suo valore non supera normalmente il 3% della portata in arrivo ed è dato dalla seguente espressione: Q fs = F ss / (1000 x f) m 3 /giorno Essendo f = 0,5 2% il contenuto di sostanze secche del fango di ritorno. La portata di ricircolo Qr è la parte di liquame in arrivo che viene avviata dalla vasca di decantazione alla vasca di ossidazione ed è funzione della quantità di fango della vasca di ossidazione () e del contenuto di sostanze secche del fango (f). La percentuale di fango di ricircolo () è data dall espressione = 100 x / f - % da cui il ricircolo è Q r = Q s 4

5 L età del fango, espressa in giorni, esprime la qualità del fango che può essere totalmente o parzialmente stabilizzata. Essa rappresenta il rapporto Quantità di fango complessivamente presente nella vasca di digestione aerobica = Quantità di fango di supero mediamente prodotta ogni giorno Il volume di ossidazione V si può determinare in funzione del tempo di aerazione T, una volta stabilito il tipo di impianto che si vuole dimensionare, e della portata giornaliera Qg V = T x Q p m 3 Wuhrman, ha determinato una curva di abbattimento del BOD5 in funzione del carico del fango. 5

6 La correlazione fra i vari parametri sono date dalle seguenti espressioni: = 1 / ( 1 + 0,2 C f ) ; Cf= / 0,04 2 ; V = Q g x E / ( x 0,2 / 1 - ) 2 Fabbisogno di ossigeno Perché nella vasca di ossidazione possa avvenire il processo biologico con l azione di metabolismo funzione dell età e della velocità di crescita batterica in particolare del catabolismo di respirazione attiva e di respirazione endogena, occorre somministrare al liquame, in funzione del suo BOD 5, una certa quantità di ossigeno, che è contenuto nell aria e quindi bisogna somministrare una certa quantità di aria. In condizioni medie di pressione e temperatura, il peso specifico dell aria è di 1250 g/m 3 ed il suo contenuto di ossigeno di 280 grammi. Il consumo giornaliero di ossigeno (kg/d) può essere stabilito utilizzando la seguente formula: O 2 = z BOD 5rim/d + r e SS tot dove per liquami domestici: z è il coefficiente di respirazione attiva = 0,5; BOD 5rim/d è l ossigeno rimosso/giorno; r e è il coefficiente di respirazione endogena (d -1 ) = 0,1; SS tot solidi sospesi in aerazione. La somministrazione dell aria può essere effettuata tramite insufflatori d aria con diffusori a bolle fini, medie, grosse, utilizzando pompe soffianti, oppure con pompe sommerse 6

7 munite di tubo venturi o con serbatoi in pressione di ossigeno puro. L insufflazione dell aria avviene tramite tubazioni, nella massa liquida a mezzo di ossigenatori, disposti a diverse profondità, costituiti da strutture di diverso materiale (acciaio inox, plastica, ceramica), munite di fori, opportunamente disposti o di fenditure in modo che l aria proveniente dalla soffiante si possa frazionare in bolle di dimensioni diverse e quindi possa interessare tutta la massa del liquame od anche tramite tubo venturi. Naturalmente non tutto l ossigeno dell aria viene utilizzato, ma solo una parte di esso. Ogni ditta produttrice di tali ossigenatori dà i propri rendimenti di utilizzazione e le quantità di ossigeno che effettivamente si trasferiscono alla massa liquida del liquame. Naturalmente più tali diffusori sono profondi più aumenta la capacità di far assorbire dal liquame l ossigeno che risale verso la superficie aumentando quindi la resa d ossigeno. Di seguito riportiamo la tabella di alcuni ossigenatori più diffusi: Sistema di aerazione Aerazione a bolle fini ( < 1 mm ) Aerazione a bolle fini ( 1,5 3 mm ) Aerazione a bolle fini ( > 4 mm ) Ossigeno dell aria utilizzato ,5 7

8 L immissione di quantità di ossigeno all interno della vasca deve essere superiore a quella teorica richiesta biologicamente per tener conto delle punte di carico, del tenore di O2 disciolto in vasca, della variazione di temperatura del liquame e dell efficienza del sistema di ossigenazione. Le prestazioni delle apparecchiature commerciali sono in genere riferite a condizioni standard di temperatura, pressione, concentrazione di ossigeno all arrivo. Tra i vari sistemi di aerazione uno è quello classico di cui sopra abbiamo riportato la tabella e riguarda la diffusione dell ossigeno a bolle fine, medie e grosse. La seconda riguarda l immissione attraverso l agitazione con mezzi meccanici mediante turbine verticali o rotori orizzontali. Abitante equivalente Per dimensionare un impianto di depurazione, tra i dati fondamentali che si devono introdurre è quello dell inquinamento prodotto; tale dato, per insediamenti con scarico di natura domestica o ad essa assimilata, deriva dal carico organico unitario pari a 60 g di BOD 5, per il numero di abitanti equivalenti presenti nell insediamento. - Per abitante equivalente si intende una persona che risiede nell insediamento, ovvero svolge tutte quelle funzioni proprie del vivere umano. - Per carico organico unitario di una sostanza inquinante si intende la quantità di ossigeno che bisogna ad essa somministrare per eliminare l inquinamento; tale dato rappresenta quindi la quantità di ossigeno che bisogno fornire al liquame per trasformare le sostanze organiche putrescibili in sostanze inorganiche imputrescibili. L unità di misura utilizzata è il BOD 5 8

9 - che rappresenta quindi la domanda biologica di ossigeno ovvero la quantità di ossigeno necessaria a degradare per ossidazione batterica le sostanze organiche presenti nel liquame. L indice 5 a fianco della sigla BOD significa che un liquame convenientemente aerato vede diminuire col tempo la - domanda di ossigeno per ridurre l inquinamento per i fenomeni suesposti; dopo 5 giorni tale riduzione è pari al 68,4% di quello calcolato a 20 gg ed a 20 C. La misura del BOD costituisce uno dei metodi più efficaci per identificare il grado di inquinamento di un liquame; essa rappresenta inoltre la misura finale del livello di depurazione conseguito con un impianto di trattamento. La legge 152/99 fissa il livello di inquinamento allo scarico per un impianto di trattamento pari a 40 o 20 mg di secondo BOD 5 a secondo che si tratti di scarichi in corpo ricettore o sul suolo. Abitante equivalente Casa di civile abitazione: 1 A.E. per ogni camera da letto con superficie inferiore a 14 mq; 2 A.E. per ogni camera superiore a 14 mq. Albergo o complesso ricettivo: come per le case di civile abitazione; aggiungere 1 A.E. ogni qual volta la superficie di una stanza aumenta di 6 mq oltre i 14 mq. Per le case di vacanza o per case in cui l utilizzo stagionale consente forti densità abitative, è opportuno riferirsi alla potenzialità massima effettiva prevedibile. Industrie o Laboratori artigiani: 1 A.E. ogni 2 dipendenti fissi o stagionali, durante la massima attività. 9

10 Uffici Commerciali: 1 A.E. ogni 3 dipendenti fissi o stagionali, durante la massima attività. Ristoranti e Trattorie: per il calcolo degli A.E. è necessario quantificare la massima capacità ricettiva delle sale considerando che una persona occupa circa 1,2 mq. Oppure calcolare il numero di coperti giornalieri se l attività è esistente. Al numero di clienti si deve sommare il personale dipendente. Ad ogni 3 persone risultanti dalla somma di cui sopra corrisponde 1 A.E.. Bar e Circoli Privati: come il punto precedente ma calcolando 1 A.E. ogni 7 persone. Cinema, Stadi e Teatri: ogni 30 utenti corrisponde 1 A.E.. Scuole: ad ogni 19 alunni, calcolati sulla massima potenzialità, corrisponde 1 A.E.. Consumi d acqua Nella progettazione di un impianto di depurazione, il secondo dato fondamentale, oltre quello dell inquinamento prodotto, è la conoscenza della quantità di acqua che viene utilizzata dal singolo abitante. Tali consumi idrici sono: Città con oltre abitanti 350 litri/ab. Città con meno di abitanti 250 litri/ab. Periferie urbane e campagna 10

11 I consumi idrici variano da paese e paese e per lo stesso paese da stagione a stagione; inoltre non tutta la quantità d acqua assunta viene rinviata alla fognatura,, una parte viene dispersa ed in genere si può considerare statisticamente che l 80% del consumo idrico procapite costituisce la portata di arrivo alla fognatura. Bisognerà poi tener conto che non tutti i quantitativi di liquame avviati alla fognatura sono immessi in quantità costanti; essi variano nell arco della giornata determinando una portata di punta che bisogna quantificare per un corretto proporzionamento dell impianto. Coefficiente di portata di punta La portata di punta è funzione del numero di abitanti e del tipo di fognatura utilizzata a secondo se la rete è mista o separativa ovvero se nella rete fognaria sono immesse anche le acque meteoriche o solo le nere. Rete separativa : La portata di punta o di progetto viene calcolata con la seguente formula: Q p = (Q g /24) x K m 3 /h Dove : Qg portata giornaliera K coefficiente di punta K = 3 per impianti fino a ab. (la distribuzione della portata avviene nelle 8 ore ovvero Qp = Qg) K = 2,4 per impianti fino a ab. distr. nelle 10 ore K = 2,0 per impianti fino a ab. distr. nelle 12 ore 11

12 K = 1,7 per impianti fino a ab. distr. nelle 14 ore K = 1,5 per impianti fino a ab. distr. nelle 16 ore K = 1,3 per impianti fino a ab. distr. nelle 18 ore K = 1,2 per impianti oltre i ab. distr. nelle 20 ore Rete mista : La portata di punta o di progetto viene calcolata con la seguente formula: Q p = (Q g /24) x K + 0,5 (Q g /24) m 3 /h Dove i coefficienti considerati hanno lo stesso significato di cui sopra. Carico organico volumetrico è il rapporto tra il carico organico giornaliero Co ed il volume della vasca di ossidazione. In genere per piccoli impianti tale valore risulta costante e pari a: C ov = C o /V oss = 0.37 kg BOD 5 /m 3 x d Dove C o è il carico organico (unitario) per numero di AB. Eq. ovvero: Co = 60 x AB.Eq./ 1000 Attivazione del programma di calcolo Per avviare il programma dopo aver inserito il CD nell apposito vassoio occorre portarsi su Risorse del Computer e cliccare index; segue Installazione del programma DEF da cui si apre Download file ; a seguire: Esegui l applicazione da installazione corrente cliccare su OK 12

13 cliccare su SI A questo punto si apre Installazione DEF Facendo clic sul pulsante sottostante si ha Installazione completata. La parola chiave è del tipo: 31jkwe4-2ttjy2dfr40-xxzyy Una volta inserita fare clic su OK e confermare alla schermata successiva. Riavviare il programma Nella finestra principale la dizione Registrazione scompare Procedere al riavvio del programma cliccando su Def dal menù programmi e facendo quindi comparire la pagina Ingegneria Ambientale ; cliccando su Registrazione comparirà: La registrazione del prodotto viene fatta telefonando al n oppure per Con la registrazione viene data una parola chiave che rende operative le funzioni: Salva, Stampa, Copia (sugli appunti). Per ottenere la parola chiave è necessario fornire il numero di codice del prodotto e del contratto; fornita la parola chiave premere OK e si avvia il programma. Nella pagina di apertura del programma compaiono una serie di pulsanti di apertura nuovo calcolo ed in particolare 13

14 è di rilevante importanza il pulsante Manutenzione che serve a ripristinare le funzioni di partenza anche quando si sbaglia a digitare. La successiva videata che appare è la finestra di trasmissione dati per il dimensionamento. Il programma ha una serie di dati preimpostati dove l utente può immettere solo il numero di abitanti equivalenti, la larghezza dell ossidazione e del decantatore e l eventuale altezza del decantatore. Il calcolo dell impianto prevede in basso a destra l eventuale introduzione della dimensione della lunghezza del modulo prefabbricato. Nel caso che la vasca di ossidazione e di sedimentazione debba essere costruita in opera la lunghezza del modulo può essere modificata rendendola uguale a quella che compare azionando Calcolo Def e quindi Mostra i risultati, sul finire della pagina. 14

15 15

16 Nel calcolo compare il messaggio di proporzionare la portata della soffiante e tale dato viene fornito azionando Calcolo Def. Altro parametro importante per il corretto funzionamento dell impianto è il Tempo di stazionamento del liquame nel sedimentatore; da tale valore dipende la dimensione del sedimentatore poiché il tempo di permanenza del liquame può variare da 1,2 a 5 (dato che determina anche la velocità di risalita del liquame importante perché questa non deve superare il valore compreso tra 0,8 e 1,5 m/h). Tutte le finestre sono assistite dall help, cliccando con il pulsante destro si guida il progettista nella scelta dei valori e/o altrimenti si possono lasciare quelli scelti di base La finestra successiva illustra un esempio del funzionamento dell help. In questa figura è illustrata la videata completa dei parametri utilizzati pigiando il pulsante Altri Controlli: 16

17 Nel seguire la videata con tutti i controlli a disposizione il tecnico arriva a determinare l altezza del decantatore prima e successivamente l altezza dell ossidazione. In quest ultimo caso digitare un valore diverso da quello memorizzato fa comparire una finestra con la dicitura Aggiorna i valori ( Resa d ossigeno) e (Prevalenza soffiante). La resa d ossigeno è chiaramente dipendente dal modo di aerazione del liquame, dalla portata d aria per ossigenatore, dall altezza della colonna d acqua che sovrasta l ossigenatore. Chiaramente più è alta detta colonna e maggiore è la resa d ossigeno, come si può verificare con il pulsante dell help; per motivi fisici le micro-bollicine dovendo compiere un maggior tragitto all interno del liquor hanno maggior possibilità di essere assorbite. Il secondo parametro che si dovrà andare a modificare è la prevalenza della soffiante; chiaramente aumentando la 17

18 profondità dell ossigenazione dovrà essere maggiore la forza che la stessa soffiante dovrà compiere per spingere l aria all interno della massa liquida. Nel caso in cui saranno lasciati immutati tutti gli altri parametri, cliccando sul pulsante Calcola Def il programma esegue operazione di calcolo le quali porteranno alla verifica totale dell impianto oppure si potrebbe aprire una finestra in cui si legge: - La velocità di risalita del liquame è troppo alta> 1,2 m 3 /m 2 x h aumentare il tempo di stazionamento nel decantatore Tale problematica comporta come conseguenza un aumento del volume del decantatore in virtù dell aumento del tempo di stazionamento oppure il progettista può ritornare al parametro Altezza del decantatore per ripetere di nuovo tutto il calcolo. Nella prima ipotesi (aumentare il tempo di stazionamento) compare il pulsante Ricalcola. Se i parametri sono stati accettati comparirà una maschera dove sono illustrati oltre la larghezza, altezza e lunghezza della vasca di ossidazione, il valore di BOD 5 ed infine la Portata d aria necessaria Qtot. Tale valore dovrà essere verificato con quello che compare nella videata al penultimo pulsante sulla destra Portata d aria soffiante e nel caso sostituito con quello riportato digitando il nuovo valore. A questo punto Calcola Def attiverà un nuovo pulsante Mostra i risultati dove scorrendo con il cursore di destra saranno illustrati tutti i dati di calcolo ed i relativi risultati. 18

19 Nella sezione Dimensionamento di impianti sono riportate la relazioni generale (colonna sinistra C:\ PROGRAMMI\DEF\dati\relazione) e la relazione di calcolo di impianti tipo da 5 ab. eq. fino a 500. Tutti i dimensionamenti sono supportati da disegno grafico esportabile in Autocad. 19

20 COSTRUIRE UN IMPIANTO IN OPERA O AVVALENDOSI DI PREFABBRICATI IN COMMERCIO. Nella realizzazione di un progetto di impianto di depurazione si utilizzano nell ambito del programma, vari parametri geometri ; per questi, nel programma, sono stati standardizzati valori di base che possono essere modificati principalmente per adeguare la progettazione a spazi a disposizioni o a manufatti che si trovano in commercio. Tali valori sono: Larghezza ossidazione /decant. Altezza decantazione Altezza ossidazione e nell ultima riga Lunghezza modulo Nel programma sono stati inseriti valori di riferimento. 20

21 Il calcolo si esegue variando i parametri geometrici e tenendo conto che questi impianti sono di tipo compatto, hanno, cioè, la larghezza dell ossidazione e del decantatore uguali, variano invece nella misura dell altezza del ossidazione e del decantatore; tale ultimo parametro è importante poiché la sua modifica porta, insieme o separatamente al tempo di stazionamento, ad una riduzione della velocità di risalita del liquame; i due valori producono anche l effetto di un aumento del sedimentatore (come detto precedentemente). Alla definizione di detti parametri segue la fase di calcolo, che qualora sarà stata eseguita correttamente farà apparire in basso sulla destra (Lunghezza modulo - 2) il 2 rappresenta la lunghezza di un modulo prefabbricato di 2 m e di Larghezza delle dimensioni stabilite nella seconda casella in alto a sinistra con la voce (Larghezza ossi/decant). Da CALCOLA DEF compare la videata centrale 21

22 RISULTATI VOLUME DI OSSIDAZIONE - cliccando ora su OK si attiverà la casella VISUALIZZA RISULTATI. L attivazione della nuova pagina consentirà di verificare tutti i risultati ed in particolare a fine pagina risulteranno, prendendo ad esempio le dimensioni di un impianto da 10 ab/equiv.: Dimensionamento Impianto Altezza H2O reattore hh2o ossig. 1,90 m Larghezza OSSID/DECANT. loss/dec 1,10 m Larghezza MONOBLOCCO l monobloc 1,20 m Altezza Monoblocco h monobloc 2,20 m Lunghezza Ossid/Decant Ltot 1,20 m Lunghezza modulo Lmod 2,00 m Manufatti n. 0,6 BOD5 Uscita Impianto D 16,06 mg/l Ovvero il manufatto scelto delle dimensioni utili 1,10 x 2,00 non sarà utilizzato che per il 60% (Manufatti 0,6) ; tale risultato potrà essere modificato tornando al programma di calcolo e sostituendo nell ultima casella dove compare la voce Lunghezza modulo, le dimensioni effettive pari a quelle ottenute sopra alla voce Dimensionamento impianto Lunghezza Ossid/Dec. che nel ns caso è pari a 1,2 m. Alla nuova richiesta Mostra i risultati alla voce Manufatti comparirà n. 1. La tecnica del calcolo consente quindi di adattare manufatti in commercio che potranno essere utilizzati modificando le altezze dell ossidazione e del decantatore. 22

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONE 1 (Prof. Ing. Giordano Urbini; Ing. Cristiana Morosini) EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE (BASI TEORICHE ESEMPIO DI CALCOLO) 1. OBIETTIVI E CAMPI

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE)

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) popolazione servita (max.) ab.eq. 45.000,00 dotazione idrica l/ab/d 350,00 coeff. di afflusso 0,80 tipo di fognatura mista portata di

Dettagli

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50.

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. 1 IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. UTENTI: 330 RELAZIONE TECNICA 1. Principi fondamentali del trattamento a

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia Romagna n. 1053/03 - Regolamento Comunale per gli scarichi in

Dettagli

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA 1. APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Fonte: Acquedotto Pozzo privato Estremi dell autorizzazione o della denuncia Altro

Dettagli

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA 11 12 DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Premesse

Dettagli

*********************************

********************************* FILTRO PERCOLATORE AEROBICO (FPAL N 9000 NR) USCITA BASSA SCARICO SU SUOLO/SUBIRRIGAZIONE ********************************* RELAZIONE, SCHEDA TECNICA E MANUALE D USO E MANUTENZIONE Voce di Capitolato Fornitura

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI GENERALITÁ Il tipo di trattamento detto a fanghi attivi che utilizza una flora batterica prevalentemente aerobica è quello più utilizzato per il trattamento dei reflui civili in quanto consente uno scarico

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE

1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE 1 DIMENSIONAMENTO CICLO ACQUE 1.1 NUOVA SEZIONE DI IMPIANTO Si espongono i dati in ingresso alle nuove due linee di impianto commisurate alla potenzialità complessiva di 16.000 A.E. in periodo estivo e

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna. Relatore: Geol. Fabio Bussetti

Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna. Relatore: Geol. Fabio Bussetti Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna Relatore: Geol. Fabio Bussetti Riferimen6 Norma6vi Testo Unico 152/06 Delibera 1053/03 della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto:

PREMESSA. I dati di progetto sono stati trasmessi da AIGO S.r.l. e si basano sui seguenti valori tratti dalle utenze dell acquedotto: PREMESSA Il nuovo collettore fognario ed il depuratore a servizio delle frazioni Roccia, Villaretto e Pranovo rientrano tra le opere previste a compensazione dell impianto idroelettrico proposto sul Rio

Dettagli

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE Domanda autorizzazione scarichi urbani D.Lgs. 152/06 Marca da Bollo Al Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Frosinone Via Brighindi 03100 F R O S I N O N E Il sottoscritto. Nato a il..residente

Dettagli

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA 5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMESIOAMEO DELLA SEZIOE BIOLOGICA 5.3.1 CODIZIOI ESIE ( 20 C Dati di progetto Carichi idraulici Portata idraulica giornaliera m 3 /d 12 500 Portata idraulica oraria M24 m 3

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

17. Il processo di inquinamento

17. Il processo di inquinamento 17. Il processo di inquinamento Gli inquinanti emessi da una sorgente vengono immessi nell'ambiente dove si propagano con velocità e per distanze che dipendono dal tipo d'inquinante e dal tipo di flusso,

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE

TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE TRATTAMENTO PRIMARIO Nei TRATTAMENTI PRIMARI sono predominanti le forze fisiche. Essi hanno lo scopo di pre-trattare il refluo e di rimuovere gli elementi grossolani

Dettagli

Sommario. Degrassatori e dissabbiatori. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01

Sommario. Degrassatori e dissabbiatori. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01 Soario Degrassatori e dissabbiatori Degrassatori e dissabbiatori 11 Degrassatori e dissabbiatori Caratteristiche tecniche La degrassatura è un pretrattamento fisico di rimozione degli oli, delle schiume,

Dettagli

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori oario 41 Caratteristiche tecniche Il filtro percolatore è un reattore biologico all interno del quale i microrganismi, che svolgono la depurazione del refluo, si sviluppano sulla superficie di appositi

Dettagli

Impianti idrici domestici

Impianti idrici domestici Impianti idrici domestici Angelo GALLIZIO Impianti sanitari Ed. Hoepli, ottava edizione Vito Giorgio COLAIANNI Impianti tecnici dell edilizia Ed. Franco Angeli, Girolamo IPPOLITO Appunti di costruzioni

Dettagli

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA L'impianto descritto è composto da un reattore biologico a fanghi attivi accoppiato con sistema

Dettagli

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE Scheda 1 Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE A B C 4 D 1 - degrassatore - sedimentatore 2 -

Dettagli

Depurazione delle acque 1 Parametri generali

Depurazione delle acque 1 Parametri generali Depurazione delle acque 1 Parametri generali Le colonie di batteri che formano il fango contengono un elevato numero di microrganismi diversi ognuno con proprie caratteristiche (tempo di generazione, fabbisogno

Dettagli

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Facoltà di Ingegneria Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale a.a. 2010/2011 Corso di Gestione dei Servizi e delle Tecnologie Ambientali 6 CFU Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Ing.

Dettagli

N Impianto Specifiche Tecniche

N Impianto Specifiche Tecniche N Impianto Specifiche Tecniche 1 DEGRASSATORE Il volume interno utile espresso in metri cubi risulta individuato dal prodotto del numero degli abitanti equivalenti moltiplicato per il fattore 0,07, Volume

Dettagli

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 4 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 5 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 6 5 REALIZZAZIONE DI

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO

AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO Cavo di sollevamento Motoriduttore Tubazione d aria Struttura di sostegno Flangia Corpo miscelatore a iperboloide Distributore dell aria ad anello Basamento HYPERDIVE La struttura

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene Depurazione acque reflue Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene : sistemi prefabbricati in polietilene per la depurazione delle acque reflue ISEA è stata la prima azienda in Italia a progettare

Dettagli

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME)

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) L impianto di depurazione a fanghi attivi di Mili, a servizio della fognatura del comune di Messina, sito in località Barone, ha attualmente una potenzialità

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

Con il patrocinio di. Relatore: dr. Giorgio Serra, Gruppo Gestione Processi, PIAVE SERVIZI www.pianeta-acqua.com

Con il patrocinio di. Relatore: dr. Giorgio Serra, Gruppo Gestione Processi, PIAVE SERVIZI www.pianeta-acqua.com Con il patrocinio di Affidataria del Servizio Idrico Integrato dall A.A.T.O. VENETO ORIENTALE. Società interamente partecipata da 39 Enti Locali tra le Provincie di Venezia e Treviso, composta dalla fusione

Dettagli

Sostenibilità nell uso della risorsa idrica in ambito domestico e residenziale

Sostenibilità nell uso della risorsa idrica in ambito domestico e residenziale Sostenibilità nell uso della risorsa idrica in ambito domestico e residenziale Venerdì 18 giugno 2010 Ordine degli Ingegneri di Siracusa Via Arsenale, 41/44 D SIRACUSA Il corretto smaltimento delle acque

Dettagli

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASC SETTIC SETTIC BICAMERALI TRICAMERALI A FANGI ATTIVI VASC SETTIC VASC BIOLOGIC TIPO IMOFF VASC SETTIC Divisione Depurazione 33 Degrassatore Tricamerali 1. SETTIC 2. BICAMERALI 3. TRICAMERALI 34 Divisione

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI

DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI INTRODUZIONE La depurazione delle acque di scarico costituisce uno dei problemi ambientali più rilevanti. Gran parte dei rifiuti delle attività umane, siano esse domestiche

Dettagli

RACCOLTA E TRATTAMENTO ACQUA

RACCOLTA E TRATTAMENTO ACQUA www.nicoll.it RACCOLTA E SERBATOI, FOSSE IMHOFF E DEGRASSATORI COLLEGAMENTI MULTIMEDIALI Materiale Video Documentazione tecnica 183 Sistemi di raccolta e trattamento acqua TRATTAMENTO PRIMARIO DELLE ACQUE

Dettagli

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA In questa sede presentiamo i nostri depuratori biologici a biomassa sospesa progettati specificatamente per il trattamento di acque reflue

Dettagli

INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE

INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DATI A BASE PROGETTO... 2 3. CALCOLO DELLE FORNITURE D ARIA AL PROCESSO BIOLOGICO... 3 3.1. Metodologie per il calcolo dei sistemi di fornitura dell aria... 3 3.1.1. Metodologia

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

Capitolo 6. 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali.

Capitolo 6. 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali. Capitolo 6 GESTIONE DEI DATI 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali. Figura 86. Tabella Totali Si vuole sapere

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

NEL CASO SUSSUSTA SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMPILARE LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA PAG. 4 A PAG. 7

NEL CASO SUSSUSTA SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMPILARE LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA PAG. 4 A PAG. 7 ALLEGATI TECNICI NECESSARI ALL ISTANZA AUA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN FALDA (acque derivanti dal lavaggio e dalla lavorazione degli inerti naturali in falda) Lo scarico in falda potrà essere esercitato

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA Bollo Protocollo Al Sindaco del Comune di Russi DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia

Dettagli

IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per "CASALE il BARONETTO" dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm.

IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per CASALE il BARONETTO dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm. Tipologia depurativa IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per "CASALE il BARONETTO" dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm. La configurazione impiantistica prescelta è capace di ottenere il aggiungimento

Dettagli

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle 141-368 committenza PAN SYSTEM SRL Via F. Meninni, 283 70024

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI NELLA PUBBLICA FOGNATURA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI NELLA PUBBLICA FOGNATURA SEZIONE PROVINCIALE DI BOLOGNA SERVIZIO TERRITORIALE DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI NELLA PUBBLICA FOGNATURA Maggio 2007 1 DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

- grigliatura grossolana a pulizia automatica tramite pettini montati su catenario; - grigliatura fine a pulizia automatica a tamburo rotante;

- grigliatura grossolana a pulizia automatica tramite pettini montati su catenario; - grigliatura fine a pulizia automatica a tamburo rotante; -RELAZIONE TECNICA PROGETTUALE- DIMENSIONAMENTO DEL NUOVO DEPURATORE COMUNALE DI NONANTOLA (MO) - LOC. CAMPAZZO (2.500 A.E.) PREMESSA Le opere progettate nel presente elaborato riguarderanno sostanzialmente

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

(Modello A) Il sottoscritto/a. nato/aa il. residente a via. tel. e-mail. codice fiscale. in qualità di: (titolo di possesso) dell immobile posta in

(Modello A) Il sottoscritto/a. nato/aa il. residente a via. tel. e-mail. codice fiscale. in qualità di: (titolo di possesso) dell immobile posta in Settore Gestione del Territorio Servizio Edilizia Privata COMUNE DI GROSSETO SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA (Modello A) Protocollo num. del: DOMANDA PER IL NULLA OSTA PREVENTIVO

Dettagli

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DATI DI PROGETTO... 3 3. EFFICIENZA DEPURATIVA... 5 4. DESCRIZIONE E DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 LINEA LIQUAMI... 5 4.1.1 Sollevamento ed accumulo acque di prima

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

DEG DIS DEP IDE BIO IMH AMPP ICH. Degrassatori. Disoleatori. Depuratori. Impianti di Depurazione. Fosse. Biologiche. Fosse. Imhoff.

DEG DIS DEP IDE BIO IMH AMPP ICH. Degrassatori. Disoleatori. Depuratori. Impianti di Depurazione. Fosse. Biologiche. Fosse. Imhoff. DEG Degrassatori DIS Disoleatori DEP Depuratori IDE Impianti di Depurazione BIO Fosse Biologiche IMH Fosse Imhoff AMPP Impianti Prima Pioggia ICH Impianti Chiarificatori IMPIANTI PER IL TRATTAMENTO DELLE

Dettagli

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. fanghi attivi. Impianti a. Impianti a fanghi attivi

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. fanghi attivi. Impianti a. Impianti a fanghi attivi Soario 33 Caratteristiche tecniche Gli impianti a sono sistemi di trattamento secondario che sfruttano l azione di colonie batteriche che rimanendo in sospensione nel liquame consumano il materiale organico

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione 44 Divisione Depurazione FILTRI PERCOLATORI ACCEORI DEOLIATORI TRATTAMENTI ECONDARI PINTI INDICAZIONI UB-IRRIGAZIONE VAOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA TAZIONI DI OLLEVAMENTO POZZETTI filtri

Dettagli

Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana

Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana RELAZIONE TECNICA PER RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO

RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÁ DI SCIENZE MM. FF. NN. CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO TUTOR UNIVERSITARIO: Prof.

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate Francesca Pizza Processi e Controlli analitici Vettabbia S.c.a r.l. f.pizza@vettabbia.it Workshop «L acido peracetico nella disinfezione

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

Acque. n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma

Acque. n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma Acque Impianti di depurazione autostradali: problematiche gestionali e soluzioni n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma Gli impianti di depurazione acque reflue

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPI IDRICI SUPERFICIALI - SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO

MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPI IDRICI SUPERFICIALI - SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO Marca da bollo Spett.le PROVINCIA DI PAVIA Divisione Agro-Ambientale Settore Tutela Ambientale Viale Taramelli, 2 27100 PAVIA MODELLO C PRIVATI/PERSONE FICHE-DITTE CON ATTIVITA REDENZIALE MODULO PER LA

Dettagli

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE PER AUTOLAVAGGI FANGI ATTIVI VASCE SETTICE VASCE BIOLOGICE TIPO IMOFF 81 1. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA 2. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN CORSO D ACQUA SUPERFICIALE

Dettagli

FLOTTAZIONE AD ARIA DISSOLTA MACCHINE MODERNE, PREFABBRICATE E COMPATTE

FLOTTAZIONE AD ARIA DISSOLTA MACCHINE MODERNE, PREFABBRICATE E COMPATTE FLOTTAZIONE AD ARIA DISSOLTA MACCHINE MODERNE, PREFABBRICATE E COMPATTE AD ALTO RENDIMENTO NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE PRIMARIE, REFLUE CIVILI ED INDUSTRIALI introduzione I processi di flottazione sono

Dettagli

MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 5 aprile 2006 - n. 8/2318

MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 5 aprile 2006 - n. 8/2318 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVI - N. 83 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

A.R.P.A. Regione Piemonte

A.R.P.A. Regione Piemonte Al Signor Sindaco del Comune di Corio Pagina 1/5 Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche o ad esse assimilabili in ricettore diverso dalla pubblica fognatura (ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

IMPIANTI AUTOLAVAGGI

IMPIANTI AUTOLAVAGGI GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI AUTOLAVAGGI 2014 Impianto per autolavaggio 2 Rototec Impianti autolavaggi - 2014 Il crescente interesse verso la tutela e la salvaguardia dell ambiente si sta focalizzando sempre

Dettagli

Livelli di inquinamento delle acque reflue

Livelli di inquinamento delle acque reflue 1 agosto 2007 Livelli di inquinamento delle acque reflue Anno 2005 Con riferimento all anno 2005, l Istat diffonde le prime stime a carattere sperimentale dei livelli di inquinamento delle acque reflue

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli