Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III"

Transcript

1 Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III ai sensi delle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (circolare n. 263 del 27 dicembre 2006) 30 giugno

2 SOMMARIO SOMMARIO... 2 INTRODUZIONE... 3 PREMESSA... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 5 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA... 7 TAVOLA 4 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE TAVOLA 6 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI RELATIVE AI PORTAFOGLI ASSOGGETTATI AL METODO STANDARDIZZATO E ALLE ESPOSIZIONI CREDITIZIE SPECIALIZZATE ED IN STRUMENTI DI CAPITALE NELL AMBITO DEI METODI IRB TAVOLA 8 TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO TAVOLA 9 RISCHIO DI CONTROPARTE TAVOLA 10 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE TAVOLA 13 ESPOSIZIONI IN STRUMENTI DI CAPITALE: INFORMAZIONI SULLE POSIZIONI INCLUSE NEL PORTAFOGLIO BANCARIO TAVOLA 14 RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE SULLE POSIZIONI INCLUSE NEL PORTAFOGLIO BANCARIO DICHIARAZIONE DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI GLOSSARIO

3 INTRODUZIONE La Circolare n. 263 emanata da Banca d Italia il 27 dicembre 2006 riguardante le Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche ha introdotto, tra l altro, l obbligo di pubblicazione delle informazioni attinenti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali rischi. Banca Etruria utilizza le seguenti metodologie di calcolo dei requisiti attribuiti al Rischio di Credito e di Controparte, di Mercato ed Operativo: Metodologie di calcolo dei requisiti patrimoniali Rischio di Credito Rischio di Controparte Rischi di Mercato Rischio Operativo Metodo Metodologia Standardizzata Standardizzato Derivati OTC : Metodo del Valore Corrente Operazioni SFT 1 : Metodo Semplificato Metodo Standardizzato in combinazione con il Metodo Base Con riferimento alla illustrata metodologia di calcolo, Banca Etruria non è obbligata alla pubblicazione infrannuale richiesta dalla normativa per le banche autorizzate ad utilizzare i sistemi interni per il calcolo dei requisiti patrimoniali sui rischi di credito od operativi. Tuttavia, ai fini di una disclosure informativa a beneficio degli stakeholders, Banca Etruria ha ritenuto comunque di procedere alla presente pubblicazione infrannuale, con la quale si fornisce un aggiornamento delle informazioni di natura quantitativa. Per una più completa disamina degli aspetti qualitativi si rimanda al documento integrale pubblicato (www.bancaetruria.it) con riferimento al 31 dicembre Il presente documento è articolato dalle tavole illustrate nella Circolare 263 Titolo IV Capitolo 1 Sezione III e fornisce evidenza delle informative quantitative descritte dalla normativa. Banca Etruria, Capogruppo del Gruppo Banca Etruria, nel rispetto della normativa vigente e nell adempimento delle funzioni di coordinamento e controllo attribuitegli, adempie agli obblighi di trasparenza informativa mediante il presente documento. Compito della Capogruppo è la valutazione dell adeguatezza anche in termini di modalità e frequenza della diffusione delle informazioni assicurandone la completezza, la correttezza e la veridicità. Il Consiglio d Amministrazione della Capogruppo ha formalizzato le strategie e le procedure volte ad assicurare il rispetto dei requisiti d informativa. La Banca d Italia verifica l esistenza di presidi organizzativi idonei a garantire l affidabilità dei processi di produzione, elaborazione e diffusione delle informazioni. Il Gruppo Banca Etruria pubblica l informativa al pubblico ed i successivi aggiornamenti sul proprio sito Internet all indirizzo: nella apposita sezione dedicata nella parte Per gli Investitori. Nota Metodologica 1. Tutti gli importi, se non specificatamente indicato, sono da intendere in migliaia di euro. 2. Le informazioni sono riferite all area di consolidamento prudenziale. 3. I dati al 30 giugno 2009 la cui fonte deriva da segnalazione prudenziale consolidata sono riferiti alla situazione compilata a fini della produzione della relazione semestrale di bilancio. In base alla vigente normativa di vigilanza l invio delle segnalazioni prudenziali è previsto per il 25 ottobre 2009, pertanto i dati illustrati potrebbero essere suscettibili di aggiustamenti. 1 Operazioni SFT (Securities Financing Transactions): comprendono le operazioni pronti contro termine attive e passive su titoli o merci, le operazioni di concessione o assunzione di titoli o merci in prestito ed i finanziamenti connessi con titoli. 3

4 PREMESSA Contenuti della presente informativa 2 Tavola 2 Ambito di applicazione Descrive la composizione del gruppo bancario cui si applicano gli obblighi di informativa, esplicitando pure le differenze nelle aree di consolidamento rilevanti per fini prudenziali e di bilancio. Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza Informa sulle principali caratteristiche degli elementi patrimoniali e rende noto l ammontare del patrimonio di base, del patrimonio supplementare e di terzo livello, del patrimonio di vigilanza e degli elementi negativi di quest ultimo. Tavola 4 Adeguatezza patrimoniale Illustra la misura del requisito patrimoniale a fronte del rischio di credito relativo a ciascun segmento regolamentare d attività e del requisito patrimoniale a fronte dei rischi di mercato inerenti le attività del portafoglio di negoziazione a fini di vigilanza e le altre attività. Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Fornisce ulteriori informazioni sul rischio di credito e di diluizione, oltre a dati quantitativi inerenti le esposizioni creditizie lorde totali distinte per tipologia di esposizione e controparte, la distribuzione delle esposizioni per aree geografiche e per settore economico o tipo di controparte, la distribuzione dell intero portafoglio per vita residua, le esposizioni deteriorate e le rettifiche di valore, la dinamica di queste ultime. Tavola 6 Rischio di credito: informazioni relative ai portafogli assoggettati al metodo standardizzato e alle esposizioni creditizie specializzate e in strumenti di capitale nell ambito dei metodi IRB ( IRB ) Fornisce per ciascuna classe regolamentare di attività i valori delle esposizioni associati alle varie classi di merito e di quelle dedotte dal patrimonio di vigilanza. Tavola 8 Tecniche di attenuazione del rischio Fornisce per ciascun segmento regolamentare di attività il valore delle esposizioni coperte da garanzie reali finanziarie e da altre garanzie reali e di quelle coperte da garanzie personali. Tavola 9 Rischio di controparte Fornisce informazioni quantitative sui derivati, quali il fair value ( fair value ) lordo dei contratti, le garanzie reali detenute, il fair value positivo al netto degli accordi di compensazione. Tavola 10 Operazioni di Cartolarizzazione Illustra sinteticamente le operazioni di cartolarizzazione poste in essere e le politiche contabili che vengono seguite. Tavola 13 Esposizioni in strumenti di capitale: informazioni sulle posizioni incluse nel portafoglio bancario Fornisce il valore di bilancio e fair value degli strumenti in parola e gli importi delle esposizioni, distinguendo tra le varie tipologie. Tavola 14 - Rischio di tasso di interesse sulle posizioni incluse nel portafoglio bancario Fornisce misura dell aumento/diminuzione degli utili o del capitale economico (o di altri indicatori rilevanti) nell ipotesi di uno shock dei tassi verso l alto o verso il basso. 2 Le tavole 7 Rischio di credito: informativa sui portafogli cui si applicano gli approcci IRB e 11 Rischi di mercato: informazioni per le banche che utilizzano il metodo dei modelli interni per il rischio di posizione, per il rischio di cambio e per il rischio di posizione in merci ( IMA ) non sono fornite perché da ritenersi non pertinenti in considerazione dell operatività del Gruppo. 4

5 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE Informazione qualitativa La presente informativa è riferita al Gruppo bancario Banca Etruria, di cui Banca Etruria è la Capogruppo. Il Gruppo Bancario è composto dalle seguenti Società: Comparto Bancario 1) Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Società Cooperativa, Capogruppo del Gruppo Banca Etruria (BE): 2) Banca Federico Del Vecchio S.p.A. (BFDV) 3) Banca Popolare Lecchese S.p.A. (BPL) Comparto del Leasing 4) Etruria Leasing S.p.A. (EL) Comparto Immobiliare 5) Etruria Immobili e Servizi S.p.A. (EIS) Comparto Informatico 6)Etruria Informatica S.r.l. (EI) Comparto dei servizi finanziari 7) ConEtruria S.p.A. (ex EuroEtruria Servizi Finanziari S.p.A.) (ConE) 8) Etruria Fund Management Company S.A. (EFMC) 9) Mecenate S.r.l. (Mecenate) La Capogruppo e le altre controllate soggette a requisiti aziendali, non presentando il Gruppo deficienze patrimoniali a livello consolidato, riducono il proprio requisito individuale del 25%, ai sensi delle disposizioni di vigilanza in vigore. Nel perimetro di consolidamento e quindi nell accezione più estesa del perimetro di Gruppo Banca Etruria rientrano anche le Compagnie Assicurative BancAssurance Popolari (BAP) BancAssurance Danni (BAP Danni). Sono dedotti dal patrimonio di vigilanza il valore delle partecipazioni detenute in società di assicurazione in misura pari o superiori al 20% e in società finanziarie in misura pari o superiori al 10%; specularmente la somma di detti valori non viene considerata tra le attività di rischio ponderate. L area di consolidamento ai fini prudenziali e di Bilancio include tutte le società controllate, prescindendo dalla forma giuridica, dallo status di società in attività o in liquidazione o dal fatto che l investimento sia costituito da un operazione di merchant banking, comprese quelle che, in precedenza, in applicazione dei Principi contabili nazionali, erano state escluse sulla base di attività dissimili. Sono escluse dal consolidamento alcune società considerate non significative in conformità a quanto previsto nel Quadro sistematico per la preparazione e presentazione del Bilancio dei principi contabili internazionali (Framework). Per quanto concerne i metodi di consolidamento, le partecipazioni controllate sono consolidate con il metodo integrale secondo quanto stabilito dallo IAS 27, mentre le interessenze nelle quali il Gruppo esercita un influenza notevole sono consolidate con il metodo del patrimonio netto, così come disposto dallo IAS 28. All interno del Gruppo non vi sono impedimenti che ostacolino il rapido trasferimento di risorse patrimoniali o di fondi. Non esistono controllate non consolidate. 5

6 Tabella Gruppo Banca Etruria Livello di Consolidamento denominazione Sede Tipo di Rapporto Metodologia di Consolidamento IAS Consolidato di Vigilanza Rapporto di Partecipazione Impresa Partecipante Quota % Settore di attività Gruppo Bancario BFDV Firenze 1 Integrale Integrale BE 100 Settore Bancario BL Lecco 1 Integrale (solo Elementi Patrimonio netto BE 53,89 Settore Bancario Patrimoniali) ConE Arezzo 1 Integrale Integrale BE 100 Settore Finanziario EFMC Lussemburgo 1 Integrale Integrale BE/BAP 99,98/0,02 Settore Finanziario EIS Arezzo 1 Integrale Integrale BE Società Strumentali EI Arezzo 1 Integrale Integrale BE 100 Società Strumentali EL Firenze 1 Integrale Integrale BE 100 Settore Finanziario Mecenate Arezzo 1 Integrale Integrale * BE/ ConE 90/5 Settore Finanziario Società Altre società non finanziarie Collegata Etruria Co 3 Patrimonio netto Patrimonio netto BE 33,33 Deduzione dal Settore Assicurativo BAP Arezzo 1 Integrale Patrimonio di Vigilanza BE 90 Società Deduzione dal Settore Assicurativo controllata non BAP Danni Arezzo 1 Integrale Patrimonio di Vigilanza BE/BAP 51/49 del gruppo Inclusione attivo a Altre società non finanziarie Oro Arezzo 1 Integrale rischio BE 100 Società controllata indiretta Assieme Arezzo 2 Patrimonio netto Deduzione dal Patrimonio di Vigilanza BAP 51 Fonte: elaborazione interna Note: * non considerata ai fini del calcolo dei requisiti di rischio operativo conformemente a quanto previsto dalla normativa di riferimento Legenda BAP = BancAssurance Popolari S.p.A. BAP Danni = BancAssurance Danni S.p.A. Etruria Co = EtruriaCo S.r.l. Oro = Oro Italia Tradng S.p.A. Tipo di rapporto 1= maggioranza dei diritti di voto nell assemblea ordinaria 2= influenza dominante nell assemblea ordinaria 3= accordi con altri soci 4= altre forme di controllo 5= direzione unitaria ex. Art 26, comma 1, del Dlgs 87/92 6= direzione unitaria ex. Art 26, comma 2 del Dlgs 87/92 7= controllo congiunto Settore Assicurativo 6

7 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA Informazione quantitativa Di seguito è presentata la composizione del Patrimonio di Vigilanza suddivisa per i vari elementi del patrimonio base, del patrimonio supplementare e del patrimonio di terzo livello che lo compongono. Tabella 3.1 Patrimonio Vigilanza PATRIMONIO DI BASE (TIER 1) GRUPPO BANCARIO Valore complessivo ELEMENTI POSITIVI DEL PATRIMONIO DI BASE 1 Capitale Sovrapprezzi di emissione Riserve Utile del periodo TOTALE DEGLI ELEMENTI POSITIVI DEL PATRIMONIO DI BASE ELEMENTI NEGATIVI DEL PATRIMONIO DI BASE 12 Azioni o quote proprie Avviamento Altre immobilizzazioni immateriali FILTRI PRUDENZIALI DEDUZIONI DAL PATRIMONIO DI BASE 18 Fair value option: variazioni del proprio merito creditizio Altri filtri negativi TOTALE DEGLI ELEMENTI NEGATIVI DEL PATRIMONIO DI BASE PATRIMONIO DI BASE AL LORDO DEGLI ELEMENTI DA DEDURRE 25 Valore positivo Valore negativo - ELEMENTI DA DEDURRE DAL PATRIMONIO DI BASE 42 Partecipazioni Deduzioni derivanti da cartolarizzazioni Totale elementi da dedurre TOTALE PATRIMONIO DI BASE PATRIMONIO SUPPLEMENTARE (TIER 2) ELEMENTI POSITIVI DEL PATRIMONIO SUPPLEMENTARE Riserve da valutazione: A attività materiali: 50 leggi speciali di rivalutazione b titoli disponibili per la vendita: 52 titoli di capitale e quote di O.I.C.R titoli di debito Strumenti ibridi di patrimonializzazione Passività subordinate di 2 livello TOTALE DEGLI ELEMENTI POSITIVI DEL PATRIMONIO SUPPLEMENTARE Altri elementi negativi FILTRI PRUDENZIALI: DEDUZIONI DAL PATRIMONIO SUPPLEMENTARE Quota non computabile delle riserve positive su titoli disponibili per la vendita: 69 titoli di capitale e quote di O.I.C.R

8 70 titoli di debito Totale degli elementi negativi del patrimonio supplementare PATRIMONIO SUPPLEMENTARE AL LORDO DEGLI ELEMENTI DA DEDURRE 75 Valore positivo Valore positivo ammesso Valore negativo - ELEMENTI DA DEDURRE DAL PATRIMONIO SUPPLEMENTARE Partecipazioni in società di assicurazione: 94 Partecipazioni Deduzioni derivanti da cartolarizzazioni Totale elementi da dedurre TOTALE PATRIMONIO SUPPLEMENTARE ELEMENTI DA DEDURRE DAL PATRIMONIO DI BASE E DAL PATRIMONIO SUPPLEMENTARE Partecipazioni in società di assicurazione: 102 Partecipazioni Totale elementi da dedurre dal patrimonio di base e dal patrimonio supplementare PATRIMONIO DI VIGILANZA PATRIMONIO DI TERZO LIVELLO (TIER 3) ELEMENTI POSITIVI DEL PATRIMONIO DI TERZO LIVELLO 108 Passività subordinate di terzo livello Totale degli elementi positivi del patrimonio di terzo livello Valore positivo Eccedenza rispetto all ammontare computabile Valore positivo ammesso PATRIMONIO DI VIGILANZA INCLUSO IL PATRIMONIO DI TERZO LIVELLO ALTRE INFORMAZIONI 118 Prestiti subordinati di terzo livello non computabili nel patrimonio di terzo livello Fonte: elaborazione interna Patrimonio di Base La Banca non ha in essere alcuno strumento innovativo o non innovativo di capitale. Patrimonio supplementare Nella tabella di seguito riportata sono illustrate le principali caratteristiche degli strumenti obbligazionari subordinati che entrano nel calcolo del patrimonio supplementare e di terzo livello. 8

9 Tabella 3.2 Strumenti obbligazionari subordinati Titoli in circolazione : titoli subordinati Tipologie/Voci (valori in migliaia di euro) Data di emissione Data di scadenza Divisa Tasso Valore nominale all emissione Apporto al patrimonio di vigilanza (30/6/2009) Prestito subordinato tipo Lower Tier II lug-06 lug-16 Euro Variabile Prestito Subordinato di Terzo Livello giu-07 dic-09 Euro Variabile Prestito subordinato tipo Upper Tier II set-07 dic-17 Euro Variabile Prestito subordinato tipo Upper Tier II mag-08 mag-18 Euro Variabile TOTALE Prestito subordinato tipo Lower Tier II dic-02 dic-12 Euro 5,35% Prestito subordinato tipo Lower Tier II ott-06 ott-16 Euro 3,75% Prestito subordinato tipo Lower Tier II dic-07 dic-17 Euro 4,50% TOTALE Fonte: da Bilancio di Esercizio 31 dicembre 2008 ed elaborazione interna per aggiornamento al 30 giugno

10 TAVOLA 4 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Informazione quantitativa Tabella Requisiti Patrimoniali importi in migliaia di euro Requisito Patrimoniale RISCHIO DI CREDITO E CONTROPARTE Metodologia standard esposizioni verso o garantite da amministrazioni e banche centrali esposizioni verso o garantite da enti territoriali esposizioni verso o garantite da enti senza scopo di lucro ed enti del settore pubblico esposizioni verso o garantite da banche multilaterali di sviluppo esposizioni verso o garantite da intermediari vigilati esposizioni verso o garantite da imprese esposizioni al dettaglio esposizioni garantite da immobili esposizioni scadute esposizioni appartenenti a categorie ad alto rischio esposizioni verso organismi di investimento collettivo del risparmio altre esposizioni TOTALE RISCHIO DI CREDITO E DI CONTROPARTE (*) RIDUZIONE DEI REQUISITI PER RAPPORTI INFRAGRUPPO RISCHI DI MERCATO Metodologia standard rischio di posizione generico (titoli di debito e di capitale) rischio di posizione specifico (titoli di debito e di capitale) rischio di posizione OICR 336 opzioni 254 rischio di cambio - rischio di posizione in merci - TOTALE RISCHI DI MERCATO RISCHIO OPERATIVO metodologia base Metodologia standardizzata TOTALE RISCHI OPERATIVI ALTRI REQUISITI REQUISITO PATRIMONIALE COMPLESSIVO (*) La quota computabile a rischio di controparte risulta pari a euro fonte base segnaletica '1' Voce sottovoci tipo importo 03 (importo ponderato) con percentuale applicata 8% base segnaletica '1' Voce sottovoci base segnaletica '1' Voce sottovoci base segnaletica '1' Voce sottovoce 00 base segnaletica '1' Voce sottovoce 02 10

11 Coefficienti Patrimoniali Le banche devono costantemente mantenere un ammontare minimo di patrimonio di vigilanza pari all'8% del complesso delle attività ponderate in relazione ai rischi di perdita per inadempimento dei debitori (rischio creditizio). Nel 2002 è stato richiesto di mantenere un rapporto tra patrimonio di base ed attività ponderate per il rischio pari ad almeno il 6%, nonché un rapporto tra patrimonio di vigilanza ed attività ponderate per il rischio di credito pari almeno il 10%. Nella tabella che segue i coefficienti patrimoniali sono calcolati tenendo conto dei suddetti requisiti specifici: Tabella 4.2 Coefficienti patrimoniali COEFFICIENTI PATRIMONIALI AL 30 GIUGNO 2009 Patrimonio di base /Attività di rischio ponderate (Tier 1 Ratio) 6,3% Patrimonio di vigilanza /Attività di rischio ponderate (Total Capital Ratio) 9,0% Al fine di rendere omogenei e confrontabili i ratios patrimoniali individuali e consolidati, nonché per renderli comparabili con quelli degli altri intermediari, le attività di rischio e coefficienti di vigilanza sono stati riclassificati a fini gestionali al netto dei requisiti specifici sopra descritti, come illustrato nella seguente tabella: Tabella 4.3 Coefficienti patrimoniali al netto dei requisiti specifici Informazioni di natura quantitativa (dati riclassificati a fini gestionali) al 30/06/2009 Importi ponderati/requisiti (valori in euro /1000) C. ATTIVITA' DI RISCHIO E COEFFICIENTI DI VIGILANZA C.1 Attività di rischio ponderate C.2 Patrimonio di base/attività di rischio ponderate (Tier 1 capital ratio) 7,7% C.3 Patrimonio di vigilanza/attività di rischio ponderate (Total capital ratio) 11,1% 11

12 TAVOLA 5 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI TUTTE LE BANCHE Informazione quantitativa Le tabelle riportate in questa sezione, salvo diversamente indicato, sono state elaborate dalle procedure interne ai fini della redazione della Relazione Finanziaria Semestrale consolidata al 30 giugno Solo alcune delle tabelle illustrate sono anche presenti nella citata Relazione. Tutti i valori ivi indicati sono espressi in migliaia di euro, salvo diversamente specificato. Esposizioni creditizie lorde totali distinte per tipologie di esposizione e di controparte Tabella 5.1 A.1.1 Distribuzione delle attività finanziarie per portafogli di appartenenza e per qualità creditizia (valori di bilancio) Gruppo bancario Altre imprese Portafogli/qualità Sofferenze Incagli Esposizioni ristrutturate Esposizioni scadute Rischio Paese Altre attività 1. Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute sino alla scadenza Crediti verso banche Crediti verso clientela Attività finanziarie valutate al fair value Attività finanziarie in corso di dismissione Derivati di copertura Totale al 30/06/ Totale al 31/12/ Deteriorate Altre Totale Tabella 5.2 A.1.3 Esposizioni per cassa e fuori bilancio verso banche: valori lordi e netti Tipologia esposizione/valori Rettifiche di valore specifiche Rettifiche di valore di portafoglio A. ESPOSIZIONI PER CASSA A.1 Gruppo Bancario a) Sofferenze b) Incagli c) Esposizioni ristrutturate d) Esposizioni scadute e) Rischio Paese 71 - (21) 50 f) Altre attività Totale A (21) A.2 Altre imprese a) Deteriorate b) Altre Totale A B. ESPOSIZIONI FUORI BILANCIO TOTALE A (21)

13 B.1 Gruppo Bancario a) Deteriorate b) Altre Totale B B.2 Altre imprese - a) Deteriorate b) Altre Totale B TOTALE B Tabella 5.3 A.1.6 Esposizioni per cassa e fuori bilancio verso clientela: valori lordi e netti Tipologia esposizione/valori Rettifiche di valore specifiche Rettifiche di valore di portafoglio A. ESPOSIZIONI PER CASSA A.1 Gruppo Bancario a) Sofferenze ( ) b) Incagli (23.819) c) Esposizioni ristrutturate (1.130) d) Esposizioni scadute (4.416) e) Rischio Paese f) Altre attività (42.903) Totale A ( ) (42.903) A.2 Altre imprese a) Deteriorate b) Altre Totale A B. ESPOSIZIONI FUORI BILANCIO TOTALE A ( ) (42.903) B.1 Gruppo Bancario a) Deteriorate (19) b) Altre (2.005) Totale B (19) (2.005) B.2 Altre imprese a) Deteriorate b) Altre Totale B TOTALE B (19) (2.005)

14 Distribuzione delle esposizioni per aree geografiche significative Tabella 5.4 B.3 Distribuzione territoriale delle esposizioni per cassa e "fuori bilancio" verso clientela Italia Altri Paesi europei America Asia Resto del mondo Esposizioni/Aree geografiche Espos. A. Esposizioni per cassa A.1 Sofferenze A.2 Incagli A.3 Esposizioni ristrutturate A.4 Esposizioni scadute A.5 Altre esposizioni Totale A B. Esposizioni "fuori bilancio" B.1 Sofferenze B.2 Incagli B.3 Altre attività deteriorate B.4 Altre esposizioni Totale B Totale (A+B) Tabella 5.5 B.4 Distribuzione territoriale delle esposizioni per cassa e "fuori bilancio" verso banche Italia Altri Paesi europei America Asia Resto del mondo Esposizioni/Aree geografiche A. Esposizioni per cassa A.1 Sofferenze A.2 Incagli A.3 Esposizioni ristrutturate A.4 Esposizioni scadute A.5 Altre esposizioni Totale A B. Esposizioni "fuori bilancio" B.1 Sofferenze B.2 Incagli B.3 Altre attività deteriorate B.4 Altre esposizioni Totale B Totale (A+B)

15 Distribuzione delle esposizioni per settore economico Tabella 5.6 B.1 Distribuzione settoriale delle esposizioni per cassa e "fuori bilancio" verso clientela Governi e banche centrali Altri enti pubblici Società finanziarie Imprese di assicurazione Imprese non finanziarie Altri soggetti Esposizioni/Controparti Rettifiche valore specifiche Rettifiche valore di portafoglio Rettifiche valore specifiche Rettifiche valore di portafoglio Rettifiche valore specifiche Rettifiche valore di portafoglio Rettifiche valore specifiche Rettifiche valore di portafoglio Rettifiche valore specifiche Rettifiche valore di portafoglio Rettifiche valore specifiche Rettifiche valore di portafoglio A. Esposizioni per cassa A.1 Sofferenze A.2 Incagli ristrutturate A.4 Esposizioni scadute A.5 Altre esposizioni Totale A B. Esposizioni "fuori bilancio" B.1 Sofferenze B.2 Incagli B.3 Altre attività B.4 Altre esposizioni Totale B Totale (A+B)

16 Distribuzione del portafoglio per vita residua contrattuale TABELLA 5.7 Voci/Scaglioni temporali a vista da oltre 1 giorno a 7 giorni da oltre 7 giorni a 15 giorni da oltre 15 giorni a 1 mese da oltre 1 mese fino a 3 mesi da oltre 3 mesi fino a 6 mesi da oltre 6 mesi fino a 1 anno da oltre 1 anno fino a 5 anni Oltre 5 anni Durata Indetermina ta Attività per cassa A.1 Titoli di Stato A.2 Titoli di debito quotati A.3 Altri titoli di debito A.4 Quote O.I.C.R A.5 Finanziamenti banche clientela Passività per cassa B.1 Depositi banche clientela B.2 Titoli di debito B.3 Altre passività Operazioni "fuori bilancio" C.1 Derivati finanziari con scambio di capitale posizioni lunghe posizioni corte C.2 Depositi e finanziamenti da ricevere posizioni lunghe posizioni corte C.3 Impegni irrevocabili a erogare fondi posizioni lunghe posizioni corte

17 Distribuzione per settore tipo di controparte di esposizioni deteriorate e scadute e rettifiche di valore complessive Tabella 5.8 A.1.5 Esposizioni per cassa verso banche: dinamica delle rettifiche di valore complessive Causali/Categorie Sofferenze Incagli Esposizion i ristrutturat e Esposizion i scadute Rischio Paese A. Rettifiche complessive iniziali di cui: esposizioni cedute non cancellate B. Variazioni in aumento - B.1 rettifiche di valore B.2 trasferimenti da altre categorie di esposizioni B.3 altre variazioni in aumento C. Variazioni in diminuzione C.1 riprese di valore da valutazione C.2 riprese di valore da incasso C.3 cancellazioni C.4 trasferimenti ad altre categorie di esposizioni C.5 altre variazioni in diminuzione D. Rettifiche complessive finali di cui: esposizioni cedute non cancellate Tabella 5.9 A.1.8 Esposizioni per cassa verso clientela: dinamica delle rettifiche di valore complessive Causali/Categorie Sofferenze Incagli Esposizioni Esposizioni Rischio ristrutturate scadute Paese A. Rettifiche complessive iniziali di cui: esposizioni cedute non cancellate B. Variazioni in aumento B.1 rettifiche di valore B.2 trasferimenti da altre categorie di esposizioni deteriorate B.3 altre variazioni in aumento C. Variazioni in diminuzione C.1 riprese di valore da valutazione C. 2 riprese di valore da incasso C.3 cancellazioni C.4 trasferimenti ad altre categorie di esposizioni deteriorate C.5 altre variazioni in diminuzione D. Rettifiche complessive finali di cui: esposizioni cedute non cancellate Non sono state rilevate posizioni deteriorate verso controparti bancarie. 17

18 TAVOLA 6 RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI RELATIVE AI PORTAFOGLI ASSOGGETTATI AL METODO STANDARDIZZATO E ALLE ESPOSIZIONI CREDITIZIE SPECIALIZZATE ED IN STRUMENTI DI CAPITALE NELL AMBITO DEI METODI IRB Informazione quantitativa La tabella di seguito riportata illustra la distribuzione delle esposizioni soggette a rischio di credito e controparte sulla base dei fattori di ponderazione, secondo le regole di compilazione delle segnalazioni di vigilanza definite dalla vigente normativa in materia. Tabella 6.2 Distribuzione delle esposizioni soggette a rischio di credito e controparte RISCHIO DI CREDITO E DI CONTROPARTE importi in migliaia di euro Metodologia Standard Fattore di ponderazione altre 0% 20% 35% 50% 75% 100% 150% 200% ponderazioni dal PV esposizioni verso o garantite da amministrazioni e banche centrali esposizioni verso o garantite da enti territoriali esposizioni verso o garantite da enti senza scopo di lucro ed enti del settore pubblico esposizioni verso o garantite da banche multilaterali di sviluppo esposizioni verso o garantite da intermediari vigilati esposizioni verso o garantite da imprese esposizioni al dettaglio esposizioni garantite da immobili esposizioni scadute esposizioni appartenenti a categorie ad alto rischio 841 esposizioni verso organismi di investimento collettivo del risparmio altre esposizioni TOTALE RISCHIO DI CREDITO E DI CONTROPARTE Fonte: Base segnaletica 1 Voce Sottovoci Tipo importo 82 ( valore corretto per l esposizione) e 83 (equivalente creditizio garanzie e impegni) Campo (fattore di ponderazione) Non vengono riportati in tabella le esposizioni che hanno rischio basso il cui fattore di conversione è pari a 0%. 18

19 TAVOLA 8 TECNICHE DI ATTENUAZIONE DEL RISCHIO Informativa quantitativa Nella tabella di seguito riportata sono illustrate per ciascuna classe di esposizione le posizioni coperte da garanzie reali finanziarie e garanzie personali, determinate secondo le regole di vigilanza prudenziale. Tali esposizioni garantite ricomprendono solo le garanzie ammissibili ai fini della mitigazione del rischio e non anche tutte le altre garanzie rilasciate comunque dalla clientela. Tabella Rischio di credito e di controparte: distribuzione delle esposizioni coperte da garanzie reali e personali per classi regolamentari di attività RISCHIO DI CREDITO E CONTROPARTE garanzie reali garanzie TOTALE Metodologia standard importi in migliaia di euro finanziarie personali esposizioni verso o garantite da amministrazioni e banche centrali esposizioni verso o garantite da enti territoriali esposizioni verso o garantite da enti senza scopo di lucro ed enti del settore pubblico esposizioni verso o garantite da banche multilaterali di sviluppo esposizioni verso o garantite da intermediari vigilati esposizioni verso o garantite da imprese esposizioni al dettaglio esposizioni garantite da immobili esposizioni scadute esposizioni appartenenti a categorie ad alto rischio esposizioni verso organismi di investimento collettivo del risparmio altre esposizioni TOTALE RISCHIO DI CREDITO E DI CONTROPARTE TOTALE RISCHIO DI CREDITO E DI CONTROPARTE Fonte: base segnaletica 1 Voce sottovoci tipo garanzia 58 (garanzie reali finanziarie) 59 (garanzia personale) campo (portafogli SA) e tipo importo 86 ( valore di garanzia personale e reale metodo semplificato) Il valore riportato nella voce altre esposizioni è relativo ai pronti contro termine utilizzati come garanzie reali. 19

20 TAVOLA 9 RISCHIO DI CONTROPARTE Informativa quantitativa Nella tabella che segue è illustrato il dettaglio delle operazioni in derivati in essere al 30 giugno 2009: Tabella 9.1 Dettaglio delle operazioni in derivati al 30 giugno 2009 TIPO OPERAZIONE TIPO DERIVATO VALORE NOZIONALE Copertura Cap Collar Currency swap & outright (gamba corta) Currency swap & outright (gamba lunga) Forex Options Irs opzione su fondo Copertura totale Trading CDS Forex Options irs Trading totale Totale Complessivo Fonte: elaborazione interna. Valori in euro La Capogruppo detiene tre posizioni aperte in Credit Default Swap (CDS) in qualità di venditore di protezione su un emittente bancario italiano. Una delle controparti swap è Lehman Brothers verso cui Banca Etruria deteneva, al momento del default della stessa, una posizione creditoria relativa ai due CDS di circa euro. L esposizione complessiva nei confronti di Lehman Brothers comprende anche un interest rate collar per il quale, tuttavia, Banca Etruria, al momento del default, aveva una posizione debitoria stimata in euro. La restante posizione in CDS ha un nozionale di 5 milioni di euro ed una scadenza nel primo semestre del Non ci sono esposizioni riconducibili alle altre società del Gruppo. Banca Popolare Lecchese e Banca Federico del Vecchio detengono posizioni residuali in strumenti derivati ad esclusiva finalità di copertura delle proprie emissioni obbligazionarie o di equivalenti posizioni con clienti; normalmente con controparte istituzionale Banca Etruria. Tabella 9.2 Rischio di controparte: strumenti derivati derivati su crediti B.1 Derivati su crediti: valori nozionali di fine periodo e medi (valori in migliaia di euro) Portafoglio di negoziazione di vigilanza* Altre operazioni* Categorie di operazioni su un singolo su più soggetti su un singolo su più soggetti soggetto (basket) soggetto (basket) valore nozionale valore nozionale valore nozionale valore nozionale 1. Acquisti di protezione 1.1 Con scambio di capitali (con indicazione specifica delle forme contrattuali) Senza scambio di capitali (con indicazione specifica delle forme contrattuali) /06/ Totale al 31/12/ Valori medi Vendite di protezione 2.1 Con scambio di capitali (con indicazione specifica delle forme contrattuali) Senza scambio di capitali (con indicazione specifica delle forme contrattuali) /06/ Totale al 31/12/ Valori medi * I dati sono a livello aggregato e non per singola posizione. 20

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 30 settembre 2013 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Analisi della performance degli intermediari creditizi

Analisi della performance degli intermediari creditizi Analisi della performance degli intermediari creditizi Lezione 4 L analisi dei rischi e del patrimonio di vigilanza: il Terzo Pilastro di Basilea 2 Università di Bologna Facoltà di Economia, Forlì 11 dicembre

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III ai sensi delle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (circolare n. 263 del 27 dicembre 2006) 31 dicembre

Dettagli

Alba Leasing S.p.A. Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012. Milano, 6 maggio 2013. Servizio Risk e Compliance

Alba Leasing S.p.A. Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012. Milano, 6 maggio 2013. Servizio Risk e Compliance Alba Leasing S.p.A Informativa al Pubblico III PILASTRO BASILEA 2 31.12.2012 Milano, 6 maggio 2013 Servizio Risk e Compliance INDICE 1. PREMESSA... 3 2. TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2.1. INFORMATIVA

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 Informativa al pubblico al 30 settembre 2014 INDICE DEL DOCUMENTO PREMESSA... 3 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 1.1 INFORMAZIONE QUALITATIVA...

Dettagli

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012

Informativa al Pubblico. Basilea 2 Terzo Pilastro. 31 dicembre 2012 Informativa al Pubblico Basilea 2 Terzo Pilastro 31 dicembre 2012 1 Indice Introduzione...3 Tavola 1 Requisito informativo generale...4 Tavola 3 Composizione del patrimonio di vigilanza......12 Tavola

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA

Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 28 dicembre 2011 Modifiche al Regolamento del 24 ottobre 2007 in materia di vigilanza prudenziale per le SIM LA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 30 giugno 2014 Banca Nazionale del Lavoro SpA - Iscritta all Albo delle banche e capogruppo del gruppo bancario BNL iscritto all Albo dei gruppi bancari

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014 Informativa al Pubblico Pillar III Report Pillar III Report Informativa al Pubblico Situazione al 31 Dicembre 2014 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico 1 Informativa al Pubblico Pillar 3 Informazioni al 31 Dicembre 2010 2 MPS Gestione Crediti Banca S.p.A. Sede Sociale in Siena, Piazza Salimbeni 3, www.mpsgestionecreditibanca.it Iscritta al Registro Imprese

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE (CIRC. N. 216 DEL 5 AGOSTO 1996) PILLAR III Situazione al 31/12/2013 Sommario

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE I0717_1 COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE Tipo intermediario B Indicazioni per la predisposizione dell input Il pannello-guida delle scelte aziendali per la soluzione Basilea3 Il pannello-guida delle scelte

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 PREMESSA Per quanto riguarda il presente bilancio di Banca Carige SpA si ricorda che nell anno

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e 4 Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e consociate, il Gruppo Banca Etruria ).

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO

INFORMATIVA AL PUBBLICO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2 Dati al 31 dicembre 2013 2 INFORMAZIONI GENERALI Denominazione e forma giuridica: Cooperfidi S. C. - Cooperativa Provinciale Garanzia Fidi Società

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 Il presente documento è stato redatto ai sensi della Circolare di Banca d Italia 216/96, Capitolo V, Sezione XII COOPFIDI Confidi unitario per l artigianato e la

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 340 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/11 30/09/11 31/12/10

Dettagli

Informativa al pubblico Pillar 3

Informativa al pubblico Pillar 3 Informativa al pubblico Pillar 3 Situazione al 31-12-2012 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI... 9 3. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 Indice TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...3 TAVOLA 4 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...5 TAVOLA 5 RISCHIO

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008

Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 dicembre 2008 1 Indice Introduzione 3 Requisito informativo generale 4 Ambito di applicazione.11 Composizione del Patrimonio di Vigilanza..12 Adeguatezza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2012 Sommario Introduzione... 3 Tavola 1 Requisito informativo generale... 4 Tavola 2 Ambito di applicazione... 5 Tavola 3 Composizione

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - Attivo Voci dell'attivo 31.12.2010 31.12.2009 10. Cassa e disponibilità liquide 1.571.436 1.723.258 20. Attività finanziarie detenute per la negoziazione 563.381 482.816 40. Attività

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO 2013 (ai sensi della Circolare 216/1996 7 aggiornamento, Capitolo V, Sezione XII di Banca d Italia) Fidialtaitalia Società Cooperativa per Azioni Via Rovereto, 31 21052 Busto Arsizio

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Gruppo Banco Desio Informativa al Pubblico Basilea 2 3 Pilastro

Gruppo Banco Desio Informativa al Pubblico Basilea 2 3 Pilastro INTRODUZIONE La Banca d Italia, al fine di rafforzare la disciplina di mercato, ha introdotto attraverso la Circolare n. 263 del 27 dicembre 2006, titolo IV, obblighi di pubblicazione periodica relativamente

Dettagli

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA

III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA III PILASTRO Informativa al pubblico al 31.12.2012 CONFIDI LOMBARDIA INDICE Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza patrimoniale... 5 Informativa qualitativa... 5 Informativa quantitativa... 9 Tavola 2: Rischio

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

BASILEA 2 - TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2010

BASILEA 2 - TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2010 BASILEA 2 - TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2010 1 Sommario INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA QUALITATIVA... 4 INFORMATIVA QUANTITATIVA... 6 TAVOLA

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE

SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE NOTA DI SINTESI SEZIONE A INTRODUZIONE E AVVERTENZE Elemento Imformazioni Obbligatorie A.1 Introduzione: La Nota di Sintesi è costituita da una serie di informazioni denominate gli Elementi. Tali elementi

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione sull andamento della gestione 465 Dati di sintesi e indicatori alternativi di performance di Intesa Sanpaolo Commissioni nette Dati economici Interessi

Dettagli

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE LA BANCA

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Sommario L intero esercizio COMUNICATO STAMPA 2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Proposto all Assemblea un dividendo di 0,37 euro per azione. Incremento

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

2015 Gruppo Dexia CreDiop

2015 Gruppo Dexia CreDiop 015 Informativa al Pubblico Basilea 3 - Pillar 3 Situazione al 30 giugno 2015 Gruppo Dexia Crediop Indice Introduzione... 3 3. Composizione dei Fondi Propri... 4 4. Adeguatezza Patrimoniale... 7 Dichiarazione

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013

BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013 BASILEA 2 TERZO PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2013 INDICE TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMAZIONE QUALITATIVA... 4 INFORMAZIONE QUANTITATIVA... 6 TAVOLA 2 RISCHIO DI CREDITO : INFORMAZIONI

Dettagli

Tavola 4 - Tecniche di attenuazione del rischio... 23. Tavola 5 - Operazioni di cartolarizzazione... 25

Tavola 4 - Tecniche di attenuazione del rischio... 23. Tavola 5 - Operazioni di cartolarizzazione... 25 Informativa Terzo pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2013 2012 Iveco Finanziaria S.p.A. Lungo Stura Lazio 49, 10156 Torino, Italia Tel. +39 011 00.78078 Fax +39 011 00.76815 Sede

Dettagli

Informativa al Pubblico Pillar III

Informativa al Pubblico Pillar III ai sensi delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche Circolare Banca d Italia n. 263 del 27 dicembre 2006 e successive modifiche 31 dicembre 2012 Banca Popolare dell Etruria e del

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. al 31 Dicembre 2014. (Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 18/06/2015)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. al 31 Dicembre 2014. (Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 18/06/2015) INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 Dicembre 2014 (Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 18/06/2015) Indice Premessa... 3 Tavola 1: Adeguatezza Patrimoniale... 4 Informazione qualitativa... 4 a) Adeguatezza

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 DIPARTIMENTO INFORMATICA Servizio Rilevazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 55 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune indicazioni di dettaglio al fine di facilitare

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2012-2013

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE 2012-2013 Società cooperativa per azioni Sede sociale e Direzione Generale in Corso Cavour 19, 70122 Bari Partita IVA, Cod. Fiscale e iscrizione al Registro imprese di Bari n. 00254030729 Albo aziende creditizie

Dettagli

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 263/2006 TITOLO IV CAPITOLO 1

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 263/2006 TITOLO IV CAPITOLO 1 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 263/2006 TITOLO IV CAPITOLO 1 INDICE 1 PREMESSA... 4 2 TAVOLA 1: REQUISITO INFORMATIVO GENERALE...

Dettagli

Informativa al pubblico - pillar 3. Dati riferiti al 31 Dicembre 2010

Informativa al pubblico - pillar 3. Dati riferiti al 31 Dicembre 2010 Informativa al pubblico - pillar 3 Dati riferiti al 31 Dicembre 2010 1 Sommario Introduzione... 3 Requisito informativo generale... 4 Organizzazione delle Funzioni di Gestione dei Rischi... 5 La Funzione

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico al 30 giugno 2012

Terzo Pilastro di Basilea 2. Informativa al pubblico al 30 giugno 2012 Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico al 30 giugno 2012 Questo documento contiene previsioni e stime che riflettono le attuali opinioni del management Intesa Sanpaolo in merito ad eventi

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO. relativa all offerta del Prestito Obbligazionario Subordinato di euro 3.000.000,00 denominato:

SCHEDA PRODOTTO. relativa all offerta del Prestito Obbligazionario Subordinato di euro 3.000.000,00 denominato: Banca di Credito Cooperativo di Marcon-Venezia S.c. Piazza Municipio 22-30020 Marcon (Venezia) Codice ABI 08689 Tel. 041.5986111 - Fax 041.5952770 www.bccmarconvenezia.it e-mail: info@bccmarconvenezia.it

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli