GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA"

Transcript

1 GRANDI CARNIVORI IN LOMBARDIA Meriggi A., Milanesi P., Crotti C., Mazzoleni L. Dipartimento di Biologia Animale Università degli Studi Pavia

2 Classe: Mammiferi Ordine: Carnivori Famiglia Canidi Ursidi Felidi Genere Canis Ursus Lynx Specie lupus arctos lynx

3 Canis lupus ( L ) Ursus arctos ( L ) Lynx lynx ( L )

4 Distribuzione italiana dei grandi predatori : LUPO LINCE ORSO

5 INTRODUZIONE Espansione delle popolazioni di Grandi Carnivori in Europa Incremento numerico delle popolazioni in Europa e nei Paesi Mediterranei Espansione degli areali nelle Apli Centrali in Italia

6 Concause dell ESPANSIONE Tutela Progetti re-introduzione ( Lince, Orso ) Incremento / immissioni ungulati selvatici Ripresa allevamento bestiame Tecniche allevamento diverse dal passato Maggiore COSCIENZA NATURALISTICA Abbandono aree montane Incremento naturalità dell ambiente montano

7 Funzioni dei modelli predittivi modelli LOCALIZAZIONE DELLE AREE DI ESPANSIONE DELLE POPOLAZIONI Verifica cambiamenti delle aree di distribuzione e trend delle popolazioni PREVENZIONE DANNI/PREDAZIONI Pianificazione di sistemi di aree protette

8 Area di Studio

9 Area di Studio Altitudine Uso del suolo

10 Materiali e Metodi RACCOLTA DATI Segni di presenza delle specie raccolti occasionalmente ( ) Unitàdi campionamento (UC) 25 km 2 (N = 1118) Segni di presenza dei Grandi Carnivori raccolti su transetti standardizzati ( )

11 Materiali e Metodi Variabili Ambientali Uso del suolo (N = 14) Pendenza (N = 8) Esposizione (N = 9) Altitudine (N = 20)

12 Multi-model Inference Information Theoretic Approach Non-correlated variables subset (N=98) (Pearson bivariate parametric correlation P > 0.05) Binary Logistic Regression Analysis (BLRA), enter method Aims : - Testing the goodness of predictive models - Identifying the model that best explain variability - Identifying the most important predictor variables (Akaike Information Criterion, Akaike 1973): AIC = n ln (σ 2 ) + 2k AICc = AIC + 2k (k+1) / (n-k-1) => n/k < 40 # Best model AICc min (n = sample; σ = RSS; k = Sig.var) # Ranking models AICc i = AICc - AICc min wi # Relative importance of predictor variables: - Number of models in which the variable entered - (wi) of models in which each variable entered - Weighted µ of the standardized partial regression coefficients

13 Maximum Entropy algorithm MaxEnt Entropy Maximum Entropy Lagrange moltiplicator Maximum Entropy values

14 Ecological Niche Factor Analysis ENFA

15 VALIDAZIONE dei MODELLI CROSS - VALIDATION Sottocampioni casuali (K = 2) (Boyce et al. 2002) Riformulazione dei modelli Curva ROC (Receiver Operating Characteristic ) Correlazione bivariata non parametrica di Spearman (SBNPC)

16 Risultati

17 Risultati ORSO Presenza UC ( N = 54 ) Segni di presenza ( N = 194 ) LUPO Presenza UC ( N = 32 ) Segni di presenza ( N = 165 )

18 Risultati Orso

19 Risultati Lupo

20 Risultati Areali ORSO LUPO

21 Risultati Orso AICc multi-model inference Mod Variabili R 2 2 LL AIC c Δ AIC c w Classificazioni corrette (%) 0 1 tot Area ROC (P) 1 Pend 0, m s.l.m. 0,86 37,29 41,41 0 0,44 92,6 96,3 94,4 0,96 (P<0,001) m s.l.m. 0,85 38,96 43,08 1,67 0,19 92,6 96,3 94,4 0,97 (P<0,001) m s.l.m., m s.l.m. 0,85 38,99 43,08 1,67 0,19 92,6 96,3 94,4 0,97 (P<0,001) Variabili wi β β SE Intervallo di Confidenza al 95% di β Lim. Inf. Lim. Sup. Pendenza 0 0,44-3,34 0,81-4,93-1, m s.l.m. 0,38-2,71 1,22-5,09-0,31

22 Risultati Lupo AICc multi-model inference Mod Variabili R 2 2 LL AIC c Δ AIC c w Classificazioni corrette (%) 0 1 tot Area ROC (P) 1 Pendenza 0, Acque e formazioni fluviali 0,86 56,84 63,23 0 0,21 59,4 93,8 76,6 0,86 (P < 0,001) m s.l.m. 0,85 59,16 63,37 0,13 0,19 56,3 96,9 76,6 0,77 (P < 0,001) m s.l.m., m s.l.m. 0,85 59,16 63,37 0,13 0,19 92,6 96,3 94,4 0,77 (P < 0,001) Variabili wi β β SE Intervallo di Confidenza al 95% di β Lim. Inf. Lim. Sup m s.l.m. 0,38-2,24 0,79-3,81-0,68 Pendenza 0 0,21-1,18 0,48-2,14-0,22 Acque e formazioni fluviali 0,21-0,88 0,87-2,59 0,82

23 Risultati Orso MaxEnt

24 Risultati Lupo MaxEnt

25 Risultati Orso ENFA Variabili Marginalità (53%) Spec. 1 (18%) Spec. 2 (5%) Spec. 3 (3%) Aree Urbane Corsi d acqua Ghiacciai Coltivi Boschi di latifolgie m a.s.l m a.s.l m a.s.l m a.s.l m a.s.l m a.s.l m a.s.l m a.s.l m a.s.l m a.s.l m a.s.l Pendenza

26 Risultati Lupo ENFA Variabili Marginalità (59%) Spec. 1 (16%) Spec. 2 (4%) Spec. 3 (2%) Incolti Rocce Urbano Prato pascoli Coltivi m s.l.m m s.l.m m s.l.m m s.l.m m s.l.m m s.l.m m s.l.m

27 Probabilità di presenza dell orso bruno in Lombardia Logistic Models MaxEnt ENFA

28 Probabilità di presenza del lupo in Lombardia Logistic Models MaxEnt ENFA

29 Aree idonee alla presenza dell orso bruno in Lombardia Logistic Models MaxEnt 49.6 % 8.9 % ENFA 38.9 %

30 Aree idonee alla presenza del lupo in Lombardia Logistic Models MaxEnt 44.2 % 3.9 % ENFA 33.8 %

31 Probabilità di presenza ed aree idonee alla presenza della lince in Lombardia %

32 MODELS VALIDATION CROSS VALIDATION Orso Model ROC curve Spearman ρ BLRA 1 ( I sample ) (P < 0.001) (P < 0.001) BLRA 1 ( II sample ) (P < 0.001) 0,999 (P < 0.001) BLRA 2 ( I sample ) (P < 0.001) (P < 0.001) BLRA 2 ( II sample ) (P < 0.001) (P < 0.001) BLRA 3 ( I sample ) (P < 0.001) (P < 0.001) BLRA 3 ( II sample ) (P < 0.001) (P < 0.001) MaxEnt ( I sample ) (P < 0.001) (P = 0.003) MaxEnt ( II sample ) (P < 0.001) (P < 0.001) ENFA ( I sample ) (P < 0.001) (P < 0.001) ENFA ( II sample ) (P < 0.001) (P < 0.001)

33 MODELS VALIDATION CROSS VALIDATION Lupo Model ROC curve Spearman ρ BLRA 1 ( I sample ) 0,891 (P < 0,001) 0,798 (P < 0,001) BLRA 1 ( II sample ) 0,816 (P < 0,001) 0,861 (P < 0,001) BLRA 2 ( I sample ) 0,781 (P < 0,001) 0,798 (P < 0,001) BLRA 2 ( II sample ) 0,754 (P < 0,001) 0,164 (P = 0,650) BLRA 3 ( I sample ) 0,781 (P < 0,001) 0,798 (P < 0,001) BLRA 3 ( II sample ) 0,754 (P < 0,001) 0,164 (P = 0,650) MaxEnt ( I sample ) 0,943 (P < 0,001) 0,944 (P < 0,001) MaxEnt ( II sample ) 0,897 (P < 0,001) 0,939 (P < 0,001) ENFA ( I sample ) 0,911 (P < 0,001) 0,861 (P < 0,001) ENFA ( II sample ) 0,877 (P < 0,001) 0,957 (P < 0,001)

34 MODELS VALIDATION CROSS VALIDATION Orso Model Spearman ρ Sig. BLRA P < BLRA P < BLRA P < MaxEnt P < ENFA P < 0.001

35 MODELS VALIDATION CROSS VALIDATION Lupo Model Spearman ρ Sig. BLRA 1 0,818 P < 0,001 BLRA 2 0,516 P = 0,02 BLRA 3 0,516 P = 0,02 MaxEnt 0,756 P < 0,001 ENFA 0,819 P < 0,001

36 Distribuzione potenziale cumulativa ( models)

37 Aree idonee all orso bruno (cumulative)

38 Aree idonee al lupo (cumulative)

39 Probabilità di presenza dell orso bruno in Lombardia Comuni Aree Protette S.I.C. Z.P.S.

40 Probabilità di presenza del lupo in Lombardia Comuni Aree Protette S.I.C. Z.P.S.

41 Probabilità di presenza della lince in Lombardia Comuni Aree Protette S.I.C. Z.P.S.

42 Allevatore: constatazione della predazione e/o danno Amministrazione provinciale Veterinario ASL Esperto incaricato Sopralluogo congiunto Regione

43 Conclusioni MONITORAGGIO STANDARDIZZATO e CONTINUATIVO PERSONALE ESPERTO E QUALIFICATO DATI ROBUSTI -> RISULTATI ROBUSTI

44 Ringraziamenti Laboratorio di genetica (I.S.P.R.A.) Parco Regionale delle Orobie Bergamasche Polizia Provinciale di Brescia

Dipartimento di Biologia Animale Università degli Studi di Pavia

Dipartimento di Biologia Animale Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Biologia Animale Università degli Studi di Pavia INDAGINE SUI DANNEGGIAMENTI DA CINGHIALE (SUS SCROFA) NEL PARCO NAZIONALE DELL ARCIPELAGO TOSCANO E SULL EFFICACIA DEI METODI DI CONTROLLO

Dettagli

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero 27 FRATELLO LUPO L interazione fra l uomo e gli animali selvatici La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

Dettagli

Dipartimento Ambiente

Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente Arenzano, 20 marzo2015 Così come altrove, il ritorno del lupo in Liguria ha suscitato opinioni e sentimenti contrastanti. Da un lato soddisfazione e dall altro preoccupazione degli

Dettagli

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI

D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI D I C H I A R A Z I O N E D INTENTI E PROGRAMMA DI AZIONE P E R L A R E A L I Z Z A Z I O N E D I A T T I V I T À F I N A L I Z Z A T E A L L A C O N S E R V A Z I O N E D I O R S O L U P O L I N C E (Ursus

Dettagli

Grazie al contributo di. Ente capofila. Graphic by in2design.it

Grazie al contributo di. Ente capofila. Graphic by in2design.it Grazie al contributo di Ente capofila Graphic by in2design.it 1 2 I PARCHI E LE AREE PROTETTE Cos è un PARCO? IL RITORNO DEI GRANDI CARNIVORI SULLE ALPI Spesso si associa questo termine ai giardini, agli

Dettagli

Stupizza - Pulfero (UD) 28 Giugno, 4 Luglio 2010

Stupizza - Pulfero (UD) 28 Giugno, 4 Luglio 2010 Dipartimento di Scienze Animali dell Università degli Studi di Udine Associazione In collaborazione con il Comune di Pulfero Stupizza - Pulfero (UD) 28 Giugno, 4 Luglio 2010 Foto:. DIAN Graph 2 OBIETTIVI

Dettagli

Curriculum Vitae et studiorum Fausto Quattrociocchi

Curriculum Vitae et studiorum Fausto Quattrociocchi Curriculum Vitae et studiorum Fausto Quattrociocchi Esperienze professionali Dicembre 2013-Settembre 2014 incarico di prestazione professionale per il monitoraggio del camoscio appenninico nel territorio

Dettagli

STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA

STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA Regione Liguria Parco Naturale Regionale dell Antola Dipartimento di Biologia Animale Università di Pavia STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA DICEMBRE 2009 1 A CURA DI ALBERTO MERIGGI PIETRO

Dettagli

Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza

Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza BIOLOGIA E CONSERVAZIONE DELLA FAUNA Volume 115 Anno 2005 A CURA DI PAOLO CIUCCI, CORRADO TEOFILI, LUIGI BOITANI Grandi Carnivori e Zootecnia tra conflitto e coesistenza ATTI DEL CONVEGNO PESCASSEROLI,

Dettagli

NORME PER LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO

NORME PER LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO NORME PER LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO Legge regionale n. 26 del 4 febbraio 2005 (Tutela del patrimonio zootecnico soggetto a predazione). Due tipologie di intervento: contributi per la realizzazione

Dettagli

Date Aprile 2014 febbraio 2015 Contratto di Collaborazione a Progetto nell ambito del progetto life IBRIWOLF nel

Date Aprile 2014 febbraio 2015 Contratto di Collaborazione a Progetto nell ambito del progetto life IBRIWOLF nel Curriculum Vitae Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Davide Pagliaroli Occupazione attuale Date Ottobre 2014 novembre 2015 Contratto di Collaborazione a Coordinata e Continuativa del progetto Monitoraggio

Dettagli

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI Silvano Toso ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI L Istituto Superiore per Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) è un ente pubblico di ricerca

Dettagli

STATUS ED ECOLOGIA DEL LUPO IN LIGURIA DICEMBRE 2013 DAL MONITORAGGIO ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI

STATUS ED ECOLOGIA DEL LUPO IN LIGURIA DICEMBRE 2013 DAL MONITORAGGIO ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI DICEMBRE 2013 STATUS ED ECOLOGIA DEL LUPO IN LIGURIA DAL MONITORAGGIO ALLA GESTIONE DEI CONFLITTI Regione Liguria Parco Naturale Regionale dell Antola Dipartimento di Scienze dell Ambiente e della Terra

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria REGIONE LIGURIA Dipartimento Pianificazione Territoriale Giovanni Diviacco e Piero Ferrari La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria Genova, Marzo 2009 SETTORE VALUTAZIONE

Dettagli

Curriculum Vitae. Davide Pagliaroli. Occupazione attuale. Esperienza professionale. Nome Cognome. Date Aprile 2014-febbraio 2015

Curriculum Vitae. Davide Pagliaroli. Occupazione attuale. Esperienza professionale. Nome Cognome. Date Aprile 2014-febbraio 2015 Curriculum Vitae Nome Cognome Davide Pagliaroli Occupazione attuale Date Aprile 2014-febbraio 2015 Contratto di Collaborazione a Progetto nell ambito del progetto life IBRIWOLF nel territorio della provincia

Dettagli

Daniele Valfrè Guardiaparco, Riserva Naturale Montagne della Duchessa

Daniele Valfrè Guardiaparco, Riserva Naturale Montagne della Duchessa Lo scorso mese di maggio una delegazione della Regione Lazio, composta da dirigenti, naturalisti e guardiaparco, si è recata in visita ufficiale presso alcuni Parchi Nazionali ucraini, nell area dei Carpazi,

Dettagli

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci Presidente: Giovanni Ialongo Direttore: Giuseppe Marzano Responsabile del Servizio Naturalistico, studi e ricerche e tutela della biodiversità: Lucio De Filippis

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Al MAGNIFICO RETTORE SEDE Iniziative di Internazionalizzazione di Ateneo Anno 2011 Scheda per la presentazione del progetto La sottoscritta Dr Ursula Thun Hohenstein chiede l assegnazione di un contributo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MORETTI FRANCESCA VIA LAGASTRELLO 12, 42030 FRAZ. MISCOSO, COMUNE DI RAMISETO (RE) Telefono 0522892197-3467536674

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA RICOLONIZZAZIONE DEL LUPO IN LOMBARDIA

MONITORAGGIO DELLA RICOLONIZZAZIONE DEL LUPO IN LOMBARDIA MONITORAGGIO DELLA RICOLONIZZAZIONE DEL LUPO IN LOMBARDIA Linee guida per il rilevamento della specie 2006 MONITORAGGIO DELLA RICOLONIZZAZIONE DEL LUPO IN LOMBARDIA Indice degli autori Introduzione al

Dettagli

APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO

APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO Ernesto Pascotto, Elisa Peressin, Paola Beraldo Sezione di Biologia e Patologia Animale Dipartimento di Scienze Animali FACOLTÀ DI

Dettagli

METODI DI MONITORAGGIO GENETICO DEI

METODI DI MONITORAGGIO GENETICO DEI METODI DI MONITORAGGIO GENETICO DEI CARNIVORI Ettore Randi, Romolo Caniglia, Francesca Davoli, Elena Fabbri Marco Galaverni, Claudia Greco Laboratorio di genetica ISPRA Ozzano Emilia (BO) OLTRE I CONFLITTI

Dettagli

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO

ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE PRIORITÀ D INTERVENTO ALLEGATO A: LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DELLE D INTERVENTO PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO MARSICANO Riduzione degli impatti legati alle attività antropiche (rif. azioni A1, A3, A4 e A5 del PATOM)

Dettagli

BENESSERE E SALUTE DEGLI ANIMALI APPARTENENTI ALLE SPECIE SELVATICHE AUTOCTONE A VITA LIBERA REALTA IN AMBIENTE URBANO ED EXTRA-URBANO

BENESSERE E SALUTE DEGLI ANIMALI APPARTENENTI ALLE SPECIE SELVATICHE AUTOCTONE A VITA LIBERA REALTA IN AMBIENTE URBANO ED EXTRA-URBANO DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio

Dettagli

ASPETTI AMMINISTRATIVI DI GESTIONE DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BRESCIA

ASPETTI AMMINISTRATIVI DI GESTIONE DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BRESCIA Provincia di Brescia Assessorato Caccia e Pesca Sport e Associazioni Assessore Alessandro Sala relatore: Pier Alberto Cucchi ASPETTI AMMINISTRATIVI DI GESTIONE DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BRESCIA Il

Dettagli

Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi

Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi Protocollo di attività per gli interventi di reintroduzione Umberto Bressan Protocolli di attività per gli

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

ricerca, monitoraggio e problematiche gestionali

ricerca, monitoraggio e problematiche gestionali Il ritorno del Lupo sulle Alpi Occidentali: ricerca, monitoraggio e problematiche gestionali WORKSHOP Oltre i Conflitti : lo stato di conservazione del lupo e degli altri carnivori nell Appennino Centrale

Dettagli

Modelli per variabili dipendenti qualitative

Modelli per variabili dipendenti qualitative SEMINARIO GRUPPO TEMATICO METODI e TECNICHE La valutazione degli incentivi industriali: aspetti metodologici Università di Brescia, 17 gennaio 2012 Modelli per variabili dipendenti qualitative Paola Zuccolotto

Dettagli

Conferenza Nazionale LA BIODIVERSITÀ IN ITALIA Stato di conservazione e monitoraggio. Mammiferi

Conferenza Nazionale LA BIODIVERSITÀ IN ITALIA Stato di conservazione e monitoraggio. Mammiferi Conferenza Nazionale LA BIODIVERSITÀ IN ITALIA Stato di conservazione e monitoraggio Mammiferi Status, criticità e potenzialità emersi dal 3 Rapporto Direttiva Habitat Adriano Martinoli1,2, Daniele Paoloni1

Dettagli

FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani

FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani Il mondo degli animali è molto complesso ed affascinante ed offre

Dettagli

Allegato B CRITERI PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI DA PREDAZIONE AL BESTIAME DOMESTICO AD OPERA DI CANIDI PER L ANNO 2010

Allegato B CRITERI PER IL RISARCIMENTO DEI DANNI DA PREDAZIONE AL BESTIAME DOMESTICO AD OPERA DI CANIDI PER L ANNO 2010 AllegatoB CRITERIPERILRISARCIMENTODEIDANNIDAPREDAZIONEALBESTIAME DOMESTICOADOPERADICANIDIPERL ANNO2010 1) La monticazione degli animali in alpeggio rappresenta una risorsa fondamentale per l economiamontanaeperilmantenimentodelletradizionistoricoculturali,erappresenta

Dettagli

1. PROGETTO DI EDUCAZIONE, DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE CONOSCI L ORSO BRUNO (Art. 5)

1. PROGETTO DI EDUCAZIONE, DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE CONOSCI L ORSO BRUNO (Art. 5) PARTE SECONDA PROGETTO DI EDUCAZIONE, DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE CONOSCI L ORSO BRUNO 1 1. PROGETTO DI EDUCAZIONE, DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE CONOSCI L ORSO BRUNO (Art. 5) 1.1. ATTRIBUZIONE DI UN INCARICO

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C ALLEGATO 2 REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C SCHEDA DI CANDIDATURA DELL'INTERVENTO Ente proponente Consorzio del Parco del Trebbia Area protetta Parco Regionale

Dettagli

Biologia, ecologia, storia del lupo

Biologia, ecologia, storia del lupo Biologia, ecologia, storia del lupo LIFE08 NAT IT/000325 WOLFNET Development of coordinated protection measures for Wolf in Apennines Sviluppo di misure coordinate di protezione per il lupo in Appennino

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

Grandi. carnivori. educare. conoscenza. convivenza. diffondere. la per. alla

Grandi. carnivori. educare. conoscenza. convivenza. diffondere. la per. alla Grandi carnivori diffondere conoscenza la per educare alla convivenza lupo Diffondere la conoscenza per educare alla convivenza Il ritorno dei predatori nell arco alpino non è un fatto inatteso, ma l esito

Dettagli

il ritorno del lupo in liguria

il ritorno del lupo in liguria il ritorno del lupo in liguria PERCHE UN LIBRO SUL LUPO IN LIGURIA? Le motivazioni alla base della realizzazione di questo volume risiedono nelle risposte alle due domande che seguono: - Perché è importante

Dettagli

GRANDI CARNIVORI E SPAZIO ALPINO

GRANDI CARNIVORI E SPAZIO ALPINO Pro Natura Report N. 1/2011 GRANDI CARNIVORI E SPAZIO ALPINO Il rapporto con le comunità locali al centro della strategia di conservazione Federazione Nazionale Pro Natura Progetto, testi e realizzazione:

Dettagli

Grandi. carnivori. educare. conoscenza. convivenza. diffondere. la per. alla

Grandi. carnivori. educare. conoscenza. convivenza. diffondere. la per. alla Grandi carnivori diffondere conoscenza la per educare alla convivenza lupo Diffondere la conoscenza per educare alla convivenza Il ritorno dei predatori nell arco alpino non è un fatto inatteso, ma l esito

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento. Provincia Autonoma di Bolzano ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA

Provincia Autonoma di Trento. Provincia Autonoma di Bolzano ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Bolzano ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA II PIANO D AZIONE INTERREGIONALE PER LA CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO SULLE ALPI CENTROORIENTALI (PACOBACE

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

ATTIVITA PRINCIPALI DI QUELLA CHE ERA L ASSOCIAZIONE CANE DA GREGGE ABRUZZESE, OGGI, CENTRO INTERNAZIONAZIONE DI RICERCA SUL CANE DA LAVORO

ATTIVITA PRINCIPALI DI QUELLA CHE ERA L ASSOCIAZIONE CANE DA GREGGE ABRUZZESE, OGGI, CENTRO INTERNAZIONAZIONE DI RICERCA SUL CANE DA LAVORO ATTIVITA PRINCIPALI DI QUELLA CHE ERA L ASSOCIAZIONE CANE DA GREGGE ABRUZZESE, OGGI, CENTRO INTERNAZIONAZIONE DI RICERCA SUL CANE DA LAVORO L associazione, è nata nel 2005, ma le persone cardine di tale

Dettagli

Pubblica Amministrazione - Settore Caccia Pesca e Sport

Pubblica Amministrazione - Settore Caccia Pesca e Sport FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità Italiana Luogo - di nascita Bergamo - 12/10/1982 ALBI PROFESSIONALI Albo collaboratori Azienda Bergamasca di Formazione - A.B.F.:

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella

Dipartimento Biologia e Biotecnologie. Luigi Boitani. Il monitoraggio della biodiversità nella Dipartimento Biologia e Biotecnologie Luigi Boitani Il monitoraggio della biodiversità nella rete N2000 dell Emilia Romagna Biodiversità in Italia Roma 25 26 Febbraio 2014 Biodiversità in regione Emilia-Romagna

Dettagli

PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi

PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi PUBBLICO INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI DI SVILUPPO TURISTICO ( dgr 5255/2007) ALLEGATO 1 ALLA PROPOSTA DI PST SCHEDA TIPO per la descrizione degli interventi SISTEMA TURISTICO LOCALIZZAZIONE COMUNE/I:

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

PROVINCIA DI PARMA BOZZA 1 CONVENZIONE

PROVINCIA DI PARMA BOZZA 1 CONVENZIONE PROVINCIA DI PARMA BOZZA 1 CONVENZIONE Oggetto: soccorso, recupero, rieducazione e reinserimento in natura di specie di fauna selvatica autoctona, sia protette che soggette a prelievo venatorio, rinvenute

Dettagli

ESPERIENZA DI TIROCINIO IN CROAZIA.

ESPERIENZA DI TIROCINIO IN CROAZIA. APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO: ESPERIENZA DI TIROCINIO IN CROAZIA. dott.ssa Elisa Peressin Tirocinante post-laurea - Sez. di Biologia e Patologia Animale Dipartimento

Dettagli

Limited Dependent Variable Models

Limited Dependent Variable Models Limited Dependent Variable Models Logit Tobit Probit Modelli Logit e Probit Latent variable models for binary choice Models for descrete dependent variable Traducendo Spesso vogliamo studiare (le determinanti

Dettagli

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE RIGUARDANTE LO SMALTIMENTO DELLE CARCASSE DI ANIMALI MORTI NELLE AZIENDE ZOOTECNICHE. IL SINDACO

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE RIGUARDANTE LO SMALTIMENTO DELLE CARCASSE DI ANIMALI MORTI NELLE AZIENDE ZOOTECNICHE. IL SINDACO COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ Tel.070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 Ordinanza n.18 del 27/08/2013 OGGETTO: ORDINANZA

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014. RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche

Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014. RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014 RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche 1 Sezione Parchi Biodiversità Programmazione Silvopastorale..

Dettagli

Regressione Logistica

Regressione Logistica Regressione Logistica Esercizio Data set: Nel data set heart.txt (o heart.sav) sono contenute informazioni riguardo 302 pazienti che hanno avuto infarto e 60 che non hanno avuto infarto in uno studio retrospettivo

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa Analisi multivariata dei dati Teoria e procedimento con SPSS ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt

Dettagli

proposta di legge n. 376

proposta di legge n. 376 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 376 a iniziativa del Consigliere Solazzi presentata in data 25 novembre 2013 TUTELA DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO SOGGETTO A PREDAZIONE pdl 376 REGIONE

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

La sensibilità e l'attenzione verso la vigilanza ambientale e territoriale ha sviluppato in provincia di Trento un sistema di controlli capillare e

La sensibilità e l'attenzione verso la vigilanza ambientale e territoriale ha sviluppato in provincia di Trento un sistema di controlli capillare e La sensibilità e l'attenzione verso la vigilanza ambientale e territoriale ha sviluppato in provincia di Trento un sistema di controlli capillare e coordinato. PARTE TERZA RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE

Dettagli

Grandi carnivori: Diffondere la conoscenza per Educare alla convivenza

Grandi carnivori: Diffondere la conoscenza per Educare alla convivenza Grandi carnivori: Diffondere la conoscenza per Educare alla convivenza TUTELA DEI GRANDI CARNIVORI SULLE ALPI PROGETTO CANDIDATO AL BANDO 2009 DELLA FONDAZIONE CARIPLO Sistematizzare e diffondere la conoscenza

Dettagli

Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia

Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia Modelli statistici per l analisi dei dati e la valutazione d efficacia Il caso del Comune di Perugia Alessandra Pelliccia Matteo Cataldi Matteo Filippo Donadi 0 AGENDA Fonti Descrizione dei dati Variabili

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

Indirizzo 22, via Frassinelli e Mulini, 90046, Monreale, Italia. Telefono 333-9857449 Fax E-mail giovanbattistapola@virgilio.it

Indirizzo 22, via Frassinelli e Mulini, 90046, Monreale, Italia. Telefono 333-9857449 Fax E-mail giovanbattistapola@virgilio.it Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Giovan Battista Pola Indirizzo 22, via Frassinelli e Mulini, 90046, Monreale, Italia. Telefono 333-9857449 Fax E-mail giovanbattistapola@virgilio.it

Dettagli

APPLICAZIONI E MODELLI GIS IN CAMPO ECOLOGICO

APPLICAZIONI E MODELLI GIS IN CAMPO ECOLOGICO APPLICAZIONI E MODELLI IN CAMPO ECOLOGICO Marcella ALIBRANDO (*), Massimiliano CARRINO (*), Luciano CRUA (**), Massimiliano FERRARATO (**), Barbara LORUSSO (*), Davide VIETTI (**) (*) ARPA Piemonte Centro

Dettagli

Metodi statistici e probabilistici per l ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Civile A.A. 2009-10. Facoltà di Ingegneria. Università di Padova

Metodi statistici e probabilistici per l ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Civile A.A. 2009-10. Facoltà di Ingegneria. Università di Padova Metodi statistici e probabilistici per l ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile A.A. 29- Facoltà di Ingegneria Università di Padova Docente: Dott. L. Corain ESERCIZIO (TEST AD UN CAMPIONE) Un

Dettagli

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA NEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI Approvato con DCD 49/02 e s.m.i. (ultima modifica con D.C.D. n. 37 del 03/07/2015) TITOLO

Dettagli

Misure urgenti per la lotta al randagismo canino nel territorio del Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise - Protocollo operativo

Misure urgenti per la lotta al randagismo canino nel territorio del Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise - Protocollo operativo Misure urgenti per la lotta al randagismo canino nel territorio del Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise - Protocollo operativo Premessa La conservazione delle popolazioni di selvatici, alcuni dei

Dettagli

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti Le ultime due stagioni Il modello gestionale in uso LEPRE E ZRC Provenienza

Dettagli

infosede@parcoforestecasentinesi.it

infosede@parcoforestecasentinesi.it 1 Europass curriculum vitae Informazioni personali Cognome e nome E-mail BOSCAGLI Giorgio infosede@parcoforestecasentinesi.it Telefono 0575 50301 Nazionalità/e italiana Data di nascita 06.10.1952 Sesso

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

NEWS DAL PROGETTO LIFE

NEWS DAL PROGETTO LIFE N. 5 Ottobre 2014 NEWS DAL PROGETTO LIFE Prosegue il Progetto Life Ibriwolf che prevede l attuazione di azioni pilota per la salvaguardia del patrimonio genetico del lupo nell Italia centrale e per la

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali - BiGeA Scuola di Scienze

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali - BiGeA Scuola di Scienze Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali - BiGeA Scuola di Scienze Corso di Laurea in Scienze Naturali Classe L-32 Scienze e Tecnologie per

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

GRUPPO DI RICERCA E CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO S TAND UN PARCO PER L ORSO

GRUPPO DI RICERCA E CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO S TAND UN PARCO PER L ORSO GRUPPO DI RICERCA E CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO S TAND UN PARCO PER L ORSO aprile 2006 1. INDICE Stand Un parco per l orso...1 1. Indice...2 2. Introduzione...3 3. Materiale espositivo...3 2.1 Pannelli...4

Dettagli

PRG C. Città di Rivoli. Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino

PRG C. Città di Rivoli. Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art 17, comma 8- LR 56/77 sm e i Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante)

Dettagli

RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE. Sondrio 27 settembre 2oo6

RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE. Sondrio 27 settembre 2oo6 RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE Sondrio 27 settembre 2oo6 Riferimenti normativi L.R. 10/98 Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

Corso per Operatori Faunistici Volontari CONTROLLO NUMERICO DEL CINGHIALE NEL PARCO DELL ADAMELLO. a cura di Michela Giacomelli

Corso per Operatori Faunistici Volontari CONTROLLO NUMERICO DEL CINGHIALE NEL PARCO DELL ADAMELLO. a cura di Michela Giacomelli Corso per Operatori Faunistici Volontari CONTROLLO NUMERICO DEL CINGHIALE NEL PARCO DELL ADAMELLO a cura di Michela Giacomelli controllo numerico nelle aree protette Il controllo numerico rappresenta solo

Dettagli

I modelli di proiezione della mortalità

I modelli di proiezione della mortalità Giornata degli attuari delle pensioni Gruppo di lavoro dei percettori pensioni/rendite I modelli di proiezione della mortalità Susanna Levantesi Sapienza Università di Roma susanna.levantesi@uniroma1.it

Dettagli

ATTIVITA MEDICO VETERINARIA DEL PARCO CAMPO DI VOLONTARIATO

ATTIVITA MEDICO VETERINARIA DEL PARCO CAMPO DI VOLONTARIATO ENTE PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA ATTIVITA MEDICO VETERINARIA DEL PARCO CAMPO DI VOLONTARIATO DESCRIZIONE PROGETTO Le attività di collaborazione e del volontario saranno svolte sotto il coordinamento

Dettagli

Progetto Lupo - Regione Piemonte

Progetto Lupo - Regione Piemonte Assessorato Ambiente, Parchi e Aree protette, Energia, Risorse idriche, Acque minerali e termali Progetto Lupo - Regione Piemonte Il lupo in Piemonte: azioni per la conoscenza e la conservazione della

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Il consumo alimentare nelle famiglie milanesi: motivazioni alla scelta, aspettative e decisioni

Il consumo alimentare nelle famiglie milanesi: motivazioni alla scelta, aspettative e decisioni Il consumo alimentare nelle famiglie milanesi: motivazioni alla scelta, aspettative e decisioni Vincenzo Russo Università IULM 29 Marzo 2012 - Milano Le aree indagate Caratteristiche anagrafiche e sociodemografiche

Dettagli

Layman s Report. Il presente documento costituisce il Layman s Report redatto nell ambito del:

Layman s Report. Il presente documento costituisce il Layman s Report redatto nell ambito del: Layman s Report Il presente documento costituisce il Layman s Report redatto nell ambito del: PROGETTO LIFE CO-OP NATURA CRITERI PER LA CREAZIONE DI UNA METAPOPOLAZIONE ALPINA DI ORSO BRUNO LIFE2003NAT/CP/IT/000003

Dettagli

Ricerca scientifica e strategie per la conservazione del lupo (Canis lupus) in Italia

Ricerca scientifica e strategie per la conservazione del lupo (Canis lupus) in Italia Ricerca scientifica e strategie per la conservazione del lupo (Canis lupus) in Italia MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE A cura di Romolo Caniglia, Elena Fabbri, Claudia Greco

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

Esperienze di ricerca e gestione della lepre

Esperienze di ricerca e gestione della lepre Esperienze di ricerca e gestione della lepre Prof. Alessandro Poli Dipartimento di Patologia Animale, Profilassi ed Igiene degli Alimenti Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Pisa Collaborazione

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Condivisione dati territoriali e TMP

Condivisione dati territoriali e TMP Uno strumento di supporto alle decisioni. Il SIIG - Sistema Informativo Integrato Globale Condivisione dati territoriali e TMP Giuseppe Pastorelli Politecnico di Milano Condivisione di dati territoriali

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE Progetto Ideazione e realizzazione di un modello di gestione integrata delle acque dei bacini Lago di Varese, Lago di Comabbio e Palude Brabbia QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE La

Dettagli

CATALOGO CORSI BASE MINITAB

CATALOGO CORSI BASE MINITAB CATALOGO CORSI BASE MINITAB Corsi di formazione per professionisti che lavorano nel settore della qualità e del miglioramento dei processi. GMSL è certificata quale Certified Trainer per corsi Minitab,

Dettagli

Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi

Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi San Vittore di Genga 17 settembre 2010 Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi Gabriele Angeletti ** Romina Angeli**

Dettagli

L ACCERTAMENTO DEI DANNI AL BESTIAME DA PREDATORI

L ACCERTAMENTO DEI DANNI AL BESTIAME DA PREDATORI 1 Corso di Formazione intensivo Teorico Pratico L ACCERTAMENTO DEI DANNI AL BESTIAME DA PREDATORI PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO TOSCO-EMILIANO 18-19-20 MAGGIO 2011 Centro Visitatori del CFS Riserva naturale

Dettagli

LA/IL TECNICO FAUNISTICO

LA/IL TECNICO FAUNISTICO LA/IL TECNICO FAUNISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?... 7 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti lavorativi...

Dettagli

Metodi di analisi dei dati in MINITAB

Metodi di analisi dei dati in MINITAB Metodi di analisi dei dati in MINITAB 73 Metodi di analisi dei dati in MINITAB 4.1 Introduzione ai metodi di analisi dei dati con MINITAB MINITAB dispone di diverse tipologie di comandi per l analisi grafica

Dettagli

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni All. alla del. N 12/2012 TESTO COORDINATO REGOLAMENTO 1 Regolamento per le procedure relative all indennizzo dei danni da fauna selvatica alle colture agro-forestali ed al patrimonio zootecniche ricadenti

Dettagli