Documento del 15 maggio del Consiglio della. Classe V^ Sez B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 maggio 2014. del Consiglio della. Classe V^ Sez B"

Transcript

1 Istituto Paritario L. Einaudi di Scafati IISTIITUTO tteeccniicco ccommeerrcciiallee Documento del 15 maggio 2014 del Consiglio della Classe V^ Sez B 1

2 INDICE 1-PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 2-QUADRO ORARIO 3-COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 4-ELENCO DEI CANDIDATI 5-PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 6-PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE :FINALITÀ,OBIETTIVI, COMPETENZE,CAPACITA,METODOLOGIA DI LAVORO COMUNI,CRITERI DI VALUTAZIONE COMUNI,STRUMENTI DI VERIFICA,GRIGLIA DI VALUTAZIONE,ATTIVITA DI SOSTEGNO,CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO. 7-LAVORO SVOLTO: ATTIVITÀ CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI INTEGRATIVE(PROGETTI,PIANI DI LAVORO DISCIPLINARI,ATTIVITA,VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE) 8-GRIGLIE DI VALUTAZIONE : PRIMA PROVA SCRITTA. GRIGLIE DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA GRIGLIE DI VALUTAZIONE TERZA PROVA SCRITTA.. CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA PROVA ORALE. 9-ALLEGATI: RISULTATI TERZE PROVE E PROGRAMMI DELLE SINGOLE DISCIPLINE 2

3 Presentazione dell Istituto L Istituto L. Einaudi è sito in Scafati (SA) alla Via Passanti (traversa Vulcano) a poche centinaia di metri dalla stazione della circumvesuviana. Esso opera in un contesto sociale ed ambientale che incide sensibilmente sulla formazione degli allievi. Il territorio, fortemente urbanizzato, appare alquanto degradato dal punto di vista della vivibilità in quanto, per la carenza della cultura della legalità, la maggior parte dei cittadini non percepisce tutto ciò che è pubblico come importante ed insostituibile patrimonio da tutelare. Gli allievi appartengono a famiglie per la maggior parte di tipo medio, impegnate nel terziario o nelle libere attività professionali, e su cui spesso pesa la crisi del mondo del lavoro e lo spettro della disoccupazione. Vivono in un contesto familiare nel complesso stabile, in famiglie nucleari che, in genere, seguono i figli con una certa attenzione, anche se in molti casi permane una utilitaristica concezione del titolo di studio. Molto spesso la cultura del contesto sociale prevale sull educazione familiare per cui notevole è lo sforzo per trasmettere i valori del vivere civile e dell etica. Il luogo d incontro, che per i giovani è spesso la strada, il pub o il bar, è visto solo come occasione di aggregazione, non di confronto e di crescita. I linguaggi espressivi sono spesso poveri di contenuti e di stile, e diffusa è la tendenza all omologazione delle scelte. Tutti i fattori individuati determinano pertanto una forte richiesta da parte delle famiglie di una scuola che si ponga come modello di cultura, luogo d incontro di lunga durata e di interesse, e che proponga i valori della legalità e dell etica. L edificio, nato come scuola nel 1980, è moderno, confortevole e strutturato in maniera rispondente agli standard europei di sicurezza. E, infatti, dotato di un sistema d allarme centralizzato, cui sono collegate tutte le aule speciali; è, inoltre, fornito d impianto di riscaldamento e scala di sicurezza. Su due piani si dispongono: Un numero sufficiente di aule, spaziose e luminose; Un laboratorio informatico, fornito di attrezzature multimediali complete di stampanti e collegamento ad Internet; Una sala video e sala conferenze; Un laboratorio di chimica e fisica; Una biblioteca, ricca di circa 1000 volumi e numerosi CD didattici; 3

4 Due palestre, di cui una coperta con attrezzatura per tennis da tavolo, basket e pallavolo, ed una scoperta con campo di calcetto. Al piano terra sono ubicati: la Presidenza, una sala docenti, la vice-presidenza e gli uffici amministrativi, che garantiscono trasparenza, celerità di procedure e contenuti tempi d attesa. Ad esempio è garantito l aiuto, per coloro che non ci riuscissero, nel procedimento di iscrizione online alle classi prime. L informazione ai potenziali iscritti viene assicurata, oltre che attraverso i normali mezzi d informazione, anche con visite del referente per l orientamento presso le scuole medie di provenienza, al fine di distribuire agli interessati adeguato materiale informativo. I moduli d iscrizione alle classi intermedie sono distribuiti a vista, previo adeguato avviso con circolare interna. Il rilascio dei certificati è effettuato entro tre giorni lavorativi dalla richiesta. Gli orari di apertura al pubblico sono permanentemente affissi su sito web, all albo e nelle bacheche destinate alle diverse componenti della comunità scolastica. Albi e bacheche sono collocati al piano terra ed esternamente all edificio. Quadro orario MATERIE Ore settimanali Italiano 3 Storia 2 Inglese 3 Francese 3 Diritto 2 Geografia economica 3 Matematica 3 Scienza delle finanze 2 Economia aziendale 7 Educazione fisica 2 Totale ore settimanali 31 4

5 COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE FUNZIONE NOME E COGNOME FIRMA DIRIGENTE SCOLASTICO DOCENTE DI ITALIANO/ STORIA Danila Scognamiglio Rossella Milo DOCENTE DI FRANCESE Grazia Esposito DOCENTE DI INGLESE Lorella Granata DOCENTE DI MATEMATICA DOCENTE DI ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE DI GEOGRAFIA DOCENTE DI DIRITTO DOCENTE DI SCIENZA DELLE FINANZE DOCENTE DI EDUCAZIONE FISICA Domenico Pagano Davide D Aniello Antonio Milone Paola Celentano Paola Celentano Gaspare Vitiello 5

6 1. Abate Vincenzo 2. D Acunzo Tania 3. Di Martino Francesco 4. Faraso Rosaria 5. Ferraiuolo Daniela 6. Giordano Mariarosaria 7. Izzo Mariarosaria 8. Sicignano Francesco 9. Staiano Nicola Elenco dei candidati 10. Szczesniak Lukasz 6

7 Presentazione della classe Numero complessivo allievi frequentanti = 10 Maschi = 5 Femmine = 5 La classe si è dimostrata disponibile al dialogo educativo, malgrado il livello non omogeneo dei suoi componenti; ciò ha consentito a quasi tutti gli allievi di maturare una seria attitudine al lavoro scolastico, con un impegno sufficientemente continuo in quasi tutte le discipline. Il processo educativo si è svolto con ritmi lenti ma risultati complessivamente sufficienti. Talvolta gli studenti hanno lamentato difficoltà dovute a lacune di base e mancanza di metodologia ed autonomia di studio. I docenti, di conseguenza, hanno cercato di distribuire al meglio, nei limiti del possibile, gli impegni di studio nelle varie materie, coordinando l intervento didattico in maniera più efficace e puntando soprattutto allo sviluppo delle abilità comunicative essenziali ed a formare un adeguato metodo di lavoro. Si è inoltre ritenuto di dare spazio ad attività di gruppo con conseguenti discussioni e dibattiti, specie su temi di attualità mutuati dalla lettura dei quotidiani effettuata in classe in occasione di eventi rilevanti e comunque culturalmente significativi, anche allo scopo di rendere gli insegnamenti vicini alla vita quotidiana. I programmi sono stati svolti preferendo consolidare l approfondimento di alcuni argomenti particolarmente rilevanti per un futuro inserimento nel mondo del lavoro e per rendere i discenti consapevoli delle diversita culturali che, comunque, non dividono ma aggregano. Si ritiene opportuno sottolineare la necessita di aver dovuto ridimensionare quanto inizialmente previsto dalle programmazioni delle singole discipline a causa delle eccessive assenze, seppure giustificate e motivate, da parte di alcuni discenti e delle difficolta di apprendimento evidenziate da altri. Tuttavia il livello di preparazione della classe è discreto.

8 6- PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE FINALITA : Il consiglio di classe, coerentemente con il Piano dell Offerta Formativa, ha seguito, per l attuazione della propria azione didattico-educativa, le seguenti linee operative generali. Il consiglio di classe, nella propria programmazione, ha provveduto, qualora necessario, alla personalizzazione dei percorsi formativi in base alle necessità dei singoli studenti. OBIETTIVI COMUNI TRASVERSALI: Gli obiettivi trasversali comuni sono stati coerenti con le finalità educative e formative generali e gli obiettivi delle diverse discipline. Il Consiglio di classe si è quindi proposto di: - Far acquisire consapevolezza del ruolo e dell incidenza delle diverse discipline nella cultura e società contemporanea; - Migliorare l uso del linguaggio specialistico,adeguato alla comprensione ed alla comunicazione di dati tecnici e non,in modo che lo studente possa fruire pienamente e criticamente dei diversi canali di informazione; - Far acquisire la consapevolezza della complessità delle problematiche sociali,giuridiche,economiche ed ambientali,nonché del ruolo dell uomo nel promuovere e progettare ipotesi di sviluppo razionali e responsabili; - Sviluppare le attività operative e tecniche necessarie per supportare una più adeguata lettura ed interpretazione dei fenomeni. COMPETENZE COMUNI: Le competenze comuni che il Consiglio di classe ha inteso fornire,sono coerenti con le finalità educative e formative generali e tutte le discipline hanno concorso,con modalità diverse,al loro conseguimento. Le competenze comuni perseguite,sono le seguenti: - Possesso di una accettabile padronanza lessicale; - Utilizzo di metodi e strumenti adeguati per l interpretazione dei testi; - Produzione di testi nelle varie discipline secondo modalità e richieste diverse - Approccio di argomenti nuovi,applicando le proprie conoscenze; - Utilizzo corretto degli strumenti e delle nuove tecnologie. - CAPACITA COMUNI: Il Consiglio di classe ha inteso promuovere lo sviluppo delle seguenti capacità:

9 - organizzazione autonoma ed efficace del lavoro, - sintesi di argomenti operando gli opportuni collegamenti interdisciplinari; - riflessione personale e critica su tematiche conosciute; - padronanza consapevole del linguaggio e del lessico disciplinare specifico METOLODOGIA DI LAVORO COMUNI : La metodologia di lavoro ha favorito la partecipazione attiva degli allievi al processo educativo e completato lo sviluppo della loro autonomia operativa. Il metodo induttivo, la riflessione sull esperienza diretta, le discussioni costruttive seguite dalla sistematizzazione delle conoscenze, sono stati realizzati con:

10 Lezione Lezione Problem Metodo Ricerche e Lezione Lavoro Lezione frontale e multimedia solving dialogate le e uso di strumenti audiovisivi induttivo approfondi menti personali con esperti di gruppo Pratica,lettu ra di articoli e documenti Italiano X X X X X X Inglese X X X X Storia X X X X Geografia economic a X X X Economia X X X X X aziendale Diritto X X X X x Matemati ca Scienza delle finanze X X X X X X X X X x Francese X X X X X Ed. Fisica X X X X

11 CRITERI DI VALUTAZIONE COMUNI: Le prove scritte, orali e pratiche sono state valutate in decimi, secondo la griglia di seguito riportata. La valutazione finale assegnata all allievo al termine di ogni quadrimestre è risultata essere l espressione sintetica di un giudizio alla cui formazione hanno concorso, oltre alla preparazione di base, anche diversi altri aspetti, tra i quali: attenzione in classe, impegno e rispetto delle scadenze, partecipazione alle attività in classe e progresso rispetto ai livelli iniziali. Il voto finale è quindi scaturito da una media ponderata dei suddetti elementi e non solo dalla semplice media aritmetica dei voti, in considerazione degli Indicatori di valutazione elaborati in coerenza con il Pof ed in ottemperanza della O.M. n. 98/12 e DPR n.122/09 STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZATI Oltre alla consueta strumentazione didattica, costituita dai testi in adozione, appunti e mappe concettuali approntati dai docenti, materiale cartaceo ad integrazione dei testi in uso, gli studenti hanno potuto fruire della Biblioteca dell Istituto. Inoltre alcune discipline hanno fatto abitualmente o occasionalmente ricorso agli strumenti multimediali. L attività didattica è stata svolta, oltre che nelle aule tradizionali, nei luoghi specificamente attrezzati dei quali l Istituto dispone: laboratorio di informatica, aula video, palestra. La verifica dell apprendimento è stata condotta attraverso i seguenti strumenti: Modalità di verifica nelle singole discipline COLLO INTERB PROVA PROBL TEST QUESTIO ESERCIZ PROVA QUIO REVE LAB. MULTIM ED. EM SOLVI NG STRUTT. SEMI STRUTT. NARIO I E TEMI PRATIC A Italiano x x x X x Francese x x X x X x Inglese x x x x

12 Storia x x x x Diritto x x X x x Scienza delle finanze Economia Aziendale x x x x X x x x x X X Geografia x x x x x economica Matematic x x x X X a Ed. Fisica x x X X

13 Griglia valutazione per le verifiche orali Indicatori Ha raggiunto eccellenti obiettivi, con padronanza dei contenuti e delle abilità di trasferirli e rielaborarli autonomamente in un ottica interdisciplinare: completa, approfondita e personale conoscenza degli argomenti; acquisizione piena delle competenze previste; Voto in decimi 10 uso sempre corretto dei linguaggi specifici e sicura padronanza degli strumenti. Ha raggiunto obiettivi completi con un autonoma capacità di rielaborazione delle conoscenze : n q conoscenza completa ed approfondita degli argomenti; acquisizione sicura delle competenze richieste; 9 uso corretto dei linguaggi specifici e degli strumenti. Ha raggiunto tutti gli obiettivi. In particolare: conoscenza sicura degli argomenti; acquisizione delle competenze richieste; 8 uso generalmente corretto dei linguaggi specifici e degli strumenti Ha sostanzialmente raggiunto gli obiettivi e una capacità di rielaborazione delle conoscenze abbastanza sicura: conoscenza discreta degli argomenti; 7 acquisizione delle competenze fondamentali richieste;

14 talvolta incertezze nell uso dei linguaggi specifici e degli strumenti. Ha raggiunto gli obiettivi essenziali richiesti: conoscenza superficiale degli argomenti; acquisizione delle competenze minime richieste; 6 uso del linguaggio corretto anche se con qualche imprecisione nell uso dei linguaggi specifici. Ha raggiunto parzialmente gli obiettivi essenziali, in particolare: conoscenza limitata o non adeguata degli argomenti; acquisizione non adeguata delle competenze richieste; 5 difficoltà nell uso dei linguaggi e degli strumenti specifici. Non ha raggiunto gli obiettivi minimi: frammentarie e/o non adeguate conoscenze; del tutto inadeguata acquisizione delle competenze richieste; 3-4 limitato uso dei linguaggi specifici e degli strumenti. ATTIVITA DI SOSTEGNO:Gli insegnanti si sono resi disponibili per attività di recupero in itinere, sia in funzione del recupero sia del consolidamento e dell approfondimento. CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO: CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO (a.s. 2013/2014) In base a quanto indicato nel D.M. n 42 del 22/05/2007, integrato dal D.M. n 99 del 16/12/2009, O.M.37/14,il credito scolastico viene attribuito dal Consiglio di classe in sede di scrutinio finale agli alunni delle classi III, IV e V nell ambito delle bande di oscillazione previste dal Ministero ed indicate nella seguente tabella:

15 TABELLA A CANDIDATI INTERNI (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) Media dei voti Credito Scolastico Credito Scolastico Credito Scolastico (punti) (punti) (punti) Classe III Classe IV Classe V M = < M < M < M < M Si ricorda che: Ai fini dell ammissione alla classe successiva e all Esame di Stato, nessun voto (compreso quello di comportamento) può essere inferiore a sei decimi. Per il calcolo della media M, il voto di comportamento concorre nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina. Il credito scolastico va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l assiduità della frequenza scolastica, l interesse e l impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti. Il Collegio dei docenti ha stabilito i seguenti criteri per l attribuzione del punteggio minimo o massimo indicato nella tabella A: a) il Consiglio di Classe potrà attribuire il punteggio massimo di ciascuna banda di oscillazione se lo studente riporterà elementi positivi in almeno due delle voci seguenti: 1. parte decimale della media dei voti uguale o superiore a 5;

16 2. assiduità della frequenza scolastica punteggio 0,34 3. impegno e interesse nella partecipazione attiva al dialogo educativo-punteggio 0, partecipazione ad attività complementari ed integrative realizzate dall istituzione scolastica-punteggio 0,33 ; 5. credito formativo: partecipazione ad attività di volontariato, culturali e sportive, attestate attraverso certificato che ne dichiari la continuità durante l'anno, soggiorni all'estero con certificazione di frequenza del livello corrispondente all'anno scolastico frequentato. Certificazioni internazionali di Enti legalmente riconosciuti attestanti un livello linguistico pari o superiore rispetto alla classe di appartenenza-punteggio 0,15(max 1 attività valutabile) 6. altre attività di e/o di benemerenza valutate come credito formativo dal Consiglio di classe. Per gli alunni per i quali, nello scrutinio di giugno, si decidesse per la sospensione del giudizio, il Consiglio di Classe, nel successivo scrutinio finale, fermo restando quanto espresso nel punto a), potrà attribuire il punteggio massimo della banda di oscillazione solo se l alunno avrà riportato una valutazione pienamente sufficiente in tutte le prove di recupero. TABELLA B - CANDIDATI ESTERNI ESAMI DI IDONEITA (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) CREDITO SCOLASTICO Media dei voti a seguito degli esami di idoneità Credito scolastico (Punti) M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti agli esami di idoneità (nessun voto può essere inferiore a sei decimi). Il punteggio, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate nella presente tabella, va moltiplicato per 2 in caso di esami di idoneità relativi a 2 anni di corso in un unica sessione. Esso va espresso in numero intero. Per quanto concerne

17 l'ultimo anno il punteggio è attribuito nella misura ottenuta per il penultimo anno. TABELLA C CANDIDATI ESTERNI PROVE PRELIMINARI (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) CREDITO SCOLASTICO Media dei voti delle prove preliminari Credito scolastico (Punti) M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti nelle prove preliminari (nessun voto può essere inferiore a sei decimi). Il punteggio, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate nella presente tabella, va moltiplicato per 2 o per 3 in caso di prove preliminari relative, rispettivamente, a 2 o a 3 anni di corso. Esso va espresso in numero intero. CREDITO FORMATIVO Il credito formativo viene riconosciuto allo studente che si sia distinto per assiduità, interesse e impegno nella partecipazione del dialogo educativo e/o che abbia maturato qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso di studio cui si riferisce l esame di Stato, oppure inerenti ad attività culturali, artistiche e ricreative promosse da enti pubblici o privati di durata significativa oppure ancora in attività inerenti la protezione dell ambiente, il volontariato, la solidarietà,la cooperazione, lo sport. Nessuno credito formativo verrà comunque riconosciuto allo studente che non abbia mantenuto un comportamento rispettoso dell istituzione scolastica nel suo complesso e per cui abbia conseguito, anche in un solo quadrimestre un voto di condotta inferiore a nove decimi. Si ribadisce, infine che il credito formativo, non dà diritto ad alcuna attribuzione di punteggio, ma concorre solamente all aumento del credito scolastico fino al valore massimo previsto all interno di ciascuna fascia determinata dalla media dei voti. Concorrono, pertanto al credito formativo:

18 1. assiduità della frequenza scolastica e/o impegno e interesse nella partecipazione attiva al dialogo educativo. 2. frequenza agli stages estivi (soggiorni studio all estero)con assiduità e risultati soddisfacenti. 3. partecipazione attiva e responsabile agli Organi Collegiali scolastici. 4. partecipazione ad attività complementari ed integrative realizzate dall Istituzione scolastica ed espressi nel POF. 5. certificazioni internazionali di Enti legalmente riconosciuti attestanti un livello linguistico pari o superiore rispetto alla classe di appartenenza. 6. credito formativo maturato in seguito alla partecipazione ad attività di volontariato, culturali e sportive, attestate attraverso certificato che ne dichiari la continuità durante l'anno, soggiorni all'estero con certificazione di frequenza del livello corrispondente all'anno scolastico frequentato. 7. Altre attività di e/o di benemerenza valutate come credito formativo dal Consiglio di classe.

19 7 - LAVORO SVOLTO A) SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA D ESAME: Sono state effettuate tre simulazioni della terza prova scritta d esame nelle seguenti date: , adottando le tipologie di cui all art. 2 del DM n. 429/2000 ed invero: 1) per la I prova simulata è stata scelta la tipologia C (quesiti a risposta multipla) anche per le lingue, da svolgersi in 75 muniti; 2)per la II prova, tipologia B ( 3 quesiti a risposta aperta/singola ) per le lingue e tipologia C per tutte le altre discipline, da svolgersi in 90 minuti; 3)per la III prova tipologia B ( 3 quesiti a risposta aperta ) per le lingue e tipologia C per tutti le altre discipline coinvolte, da svolgersi in 90 minuti. Le materie coinvolte sono state le seguenti: diritto, scienza delle finanze, matematica, inglese, francese, geografia, storia. La somministrazione delle simulazione ha avuto lo scopo di consentire agli allievi di familiarizzare con la tipologia stessa delle prove in oggetto. In merito ai predetti criteri, visto il DM 429/2000, il Consiglio di classe ha deliberato all unanimità di adottare la tipologia di cui alla lettera B ( per le lingue) e C dell art. 2 del citato decreto ministeriale per le altre discipline, cioè quesiti a risposta aperta/singola tipo B) e quesiti a risposta multipla tipo C). Sarà attribuito alle domande a risposta multipla corrette un punteggio di 0,30 o di 0 se errate. Alle domande a risposta aperta sarà attribuito un punteggio da 0 a 1 con intervalli di 0,25 punti nel caso di correttezza parziale. Ai sensi del comma 2 dell art.3 del predetto DM, la terza prova,che coinvolgerà non più di 5 discipline deve prevedere: a) non più di 5 argomenti per la trattazione sintetica b) non più di 15 quesiti a risposta singola, con un minimo di 10 c) non più di 40 quesiti a risposta multipla,con un minimo di 30 La commissione avrà a disposizione non meno di 15 punti a prova.

20 Pertanto, sarà attribuito alle domande a risposta multipla corrette un punteggio di 0,30 se esatte o di 0 se errate. Alle domande a risposta aperta sarà attribuito un punteggio da 0 a 1 con intervalli di 0,25 punti nel casso di correttezza parziale. B) PIANI DI LAVORO DISCIPLINARI: I Piani di lavoro annuali sono forniti in allegato, per ogni materia, dagli insegnanti del Consiglio di classe.

21 8-GRIGLIE DI VALUTAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE - PRIMA PROVA SCRITTA

22 OBIETTIVI DESCRITTORI PUNTI MAX.15 RISPONDENZA ALLA TRACCIA o Risponde pienamente alla traccia assegnata o Risponde alla traccia assegnata solo parzialmente 2 1 POSSESSO DI ADEGUATE CONOSCENZE RELATIVE ALL ARGOMENTO SCELTO E AL QUADRO DI RIFERIMENTO GENERALE A CUI ESSO SI RIFERISCE o Padroneggia gli argomenti scelti e li svolge in modo esauriente o Dimostra di conoscere gli argomenti individuandone gli elementi essenziali o Conosce gli argomenti trattati in modo parziale o Conosce gli argomenti trattati in modo frammentario e superficiale CORRETTEZZA E PROPRIETA NELL USO DELLA LINGUA o Linguaggio corretto, scorrevole ed appropriato. o Presenta qualche improprietà lessicale, morfosintattica ed ortografica. o Presenta errori diffusi lessicali, morfosintattici ed ortografici 3 2 1

23 ATTITUDINI ALLA COSTRUZIONE DI UN DISCORSO ORGANICO E o Argomenta in modo logico e coerente 2 COERENTE o Argomenta in modo parzialmente coerente 1 ATTITUDINE ALLA RIELABORAZIONE CRITICA Rielabora in modo ampiamente documentato e critico Rielabora in modo documentato e critico 4 3 Rielabora in modo sufficiente Rielabora in modo parziale 2 1

24 TOTALE PUNTI /15 GRIGLIA DI VALUTAZIONE- SECONDA PROVA SCRITTA OBIETTIVI DESCRITTORI PUNTI o Li sa individuare correttamente 3 CONOSCENZE DELLE REGOLE E DEI PRINCIPI o o o Li sa individuare adeguatamente Ne sa individuare pochi 2 1 CAPACITÀ DI APPLICARE LE REGOLE E PRINCIPI AL CASO SPECIFICO o o o Li sa applicare tutti Li sa applicare adeguatamente Li sa applicare parzialmente 3 2 1

25 COMPLETEZZA E CORRETTEZZA NELL ESECUZIONE o o Completa e precisa Adeguata e completa 3 2 o Incompleta e lacunosa 1 CAPACITA ESPOSITIVA o o o o Adeguata Sufficiente Incerta Insoddisfacente CONOSCENZA E o Adeguata 3 UTILIZZO DI TERMINOLOGIA E SIMBOLOGIA CORRETTA o o o Sufficiente Incerta Insoddisfacente 2 1,5 1

26 GRIGLIA DI VALUTAZIONE - TERZA PROVA SCRITTA Tipologia Mista B per le lingue Tipologia C per le altre discipline (5 materie coinvolte) CRITERI DI VALUTAZIONE Tipologia: Domande a risposta multipla 0,3 0 Risposta esatta 0 Risposta errata o non data 0 Risposta non data o non pertinente Tipologia: Domande a risposta singola 0,2 5 0,5 0 0,7 5 1 La risposta contiene solo elementi essenziali, non sempre appropriato Parzialmente attinente alla traccia, lessico non sempre appropriato Parzialmente attinente alla traccia data, lessico specifico appropriato Attinente alla traccia data, lessico specifico appropriato rielaborazione personale CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO

27 Indicatori Punteggi Descrittori Conoscenza dei contenuti 1 Inesistente 2 Quasi inesistente 3 Lacunosa e confusa 4 Frammentaria, parziale 5 Generica e alquanto superficiale 6 Essenziale, me sicura 7 Ampia 8 Ampia e approfondita 9 Ampia, approfondita e critica 1 si esprime in modo confuso e contorto 2 espone in modo poco coerente e si esprime con una certa difficoltà Competen ze linguistich e 3 4 Il can did ato articola i contenuti con incertezza e si esprime in modo non sempre chiaro e corretto articola i contenuti in modo semplice, lineare e si esprime in modo generalmente corretto 5 organizza i contenuti in modo coerente e si esprime con proprietà di linguaggio 6 1 organizza i contenuti in modo efficace e si esprime con elevata proprietà di linguaggio non espone alcun dato 2 enumera qualche dato, senza molto ordine Capacità di analisi e di sintesi 3 enumera diversi dati, senza fornire alcuna analisi 4 5 Il can did ato guidato, individua parzialmente i concetti-chiave guidato, individua i concetti-chiave 6 individua i concetti-chiave e stabilisce opportune relazioni 7 evidenzia capacità di organizzare i contenuti 8 evidenzia capacità di analisi e sintetizza in modo efficace, con validi

28 collegamenti 9 rielabora con sicurezza, individuando ottime relazioni disciplinari e pluridisciplinari 1 presenta un percorso poco originale che denota limitate capacità di elaborazione ed esposizione Percorso scelto dal candidato 2 Il can did ato presenta un percorso non particolarmente originale, ma che denota conoscenze abbastanza ampie e approfondite con discreta padronanza di linguaggio 3 presenta un percorso originale che denota conoscenze ampie, approfondite e buone capacità espositive 1 Autocorrezione superficiale Prove scritte 2 Autocorrezione sufficiente 3 Autocorrezione consapevole ed esaustiva in tutte le prove In base a quanto previsto,dalla O.M. n.37/14, è possibile l integrazione del punteggio complessivo conseguito dal candidato,precisamente: Bonus di 5 punti,può essere assegnato dalla Commissione in aggiunta al voto finale a condizione che il candidato abbia un credito scolastico di almeno 15 punti ed il risultato nelle prove di esame di almeno 70 punti; Lode:ai candidati che nell esame finale avranno conseguito un punteggio massimo di 100 punti senza fruire del bonus integrativo di 5 punti.

29 9-ALLEGATI: A)RISULTATI TERZE PROVE SIMULATE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE "L. EINAUDI" 1 PROVA STRUTTURATA CLASSE V SEZ. B - data 20,01,2014 NOME GEOGRAFIA MATEMATICA FRANCESE DIRITTO INGLESE TOTALE ABATE VINCENZO 3,00 1,50 1,80 2,10 2,40 10,80 FARASO ROSARIA 2,40 0,90 2,10 2,10 2,10 9,60 FERRAIUOLO DANIELA 2,40 0,60 2,10 2,70 1,80 9,60 IZZO MARIA R. 3,00 1,50 1,50 2,10 2,40 10,50 SICIGNANO FRANCESCO 3,00 1,20 2,10 2,10 2,10 10,50 SZCZESNIAK LUKASZ 3,00 1,80 1,80 2,40 2,40 11,40

30 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE "L. EINAUDI" 2 PROVA STRUTTURATA CLASSE V SEZ. B - data NOME GEOGRAFIA STORIA FRANCESE S.FINANZE INGLESE TOTALE ABATE VINCENZO 3,00 3,00 2,50 3,00 1,00 12,50 FARASO ROSARIA 3,00 2,70 2,50 3,00 0,50 11,70 FERRAIUOLO DANIELA 2,70 3,00 2,50 3,00 1,00 12,20 GIORDANO M.ROSARIA 3,00 1,80 2,00 3,00 1,00 10,80 SICIGNANO FRANCESCO 2,40 0,90 2,00 3,00 0,00 8,30 SZCZESNIAK LUKASZ 3,00 3,00 2,50 2,40 1,50 12,40

31 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE "L. EINAUDI" 3 PROVA STRUTTURATA CLASSE V SEZ. B - data NOME MATEMATICA STORIA FRANCESE DIRITTO INGLESE TOTALE ABATE VINCENZO 1,20 3,00 2,00 2,40 1,00 9,60 FARASO ROSARIA 0,90 3,00 2,00 2,10 2,00 10,00 FERRAIUOLO DANIELA 1,80 3,00 2,00 2,40 1,50 10,70 IZZO MARIAROSARIA 0,90 3,00 2,00 2,50 1,00 9,40 SICIGNANO FRANCESCO 1,80 2,70 2,00 2,40 1,00 9,90 SZCZESNIAK LUKASZ 0,90 3,00 2,00 2,10 1,50 9,50 D'ACUNZO TANIA 0,60 3,00 1,00 2,10 2,50 9,20

32 ISTITUTO PARITARIO EINAUDI SCAFATI PROGRAMMA DI ITALIANO Classe V sez. B I.T.C a.s Docente: Rossella Milo CONTENUTI / PERIODO DI RIFERIMENTO Analisi delle opere Il Realismo; Positivismo; Il Verismo; differerenze tra naturalismo francese e verismo italiano; G. Verga; Poetica; Opere: Decadentismo: genesi storica Estetismo, panismo, simbolismo G. D annunzio: Vita, Poetica, Opere Da Alcyone: La pioggia nel pineto G.Pascoli: Vita, Opere, Poetica da Myricae : X Agosto

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON www.liceonewton.gov.it Via Paleologi, 22-10034 CHIVASSO tel. 011/9109663 fax 011/9102732 - E-mail: TOPS190009@istruzione.it C.M. TOPS190009 - C.F. e P.IVA

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Classe: 2^B E Docente: Maurizio Verrina

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Classe: 2^B E Docente: Maurizio Verrina SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Classe: 2^B E Docente: Maurizio Verrina ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La Classe si presenta disomogenea

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BRAGAGLIA Via Casale Ricci, s.n.c. 03100 FROSINONE (FR) Tel. 0775-9100

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING

P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING docenti: Prof.ssa Prof. PERAZZOLO ANNAMARIA COSTA NATALE Anno Scolastico 2014/2015

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

E S A M E D I S T A T O

E S A M E D I S T A T O 96012 AVOLA (SR) Via Labriola, 1 Tel Fax 0931831970 // Tel Fax 0931832231 C.F. 92021320897 E_mail istituzionale: sris02300a@istruzione.it Posta certificata: sris02300a@pec.istruzione.it E S A M E D I S

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

Fascicolo Esami. Classe 3. Anno scolastico

Fascicolo Esami. Classe 3. Anno scolastico Relazione Finale Globale della Classe Terza sez. Situazione comportamentale e disciplinare della classe Situazione didattica La situazione di partenza Durante il corso del secondo anno Nel terzo anno Rispetto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO:

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: ALL.1 e ALL..2 D.M. N 139 del 22/08/2007 D.P.R. N 122 art. 8 del 22/06/ 2009

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione LA DIDATTICA PER COMPETENZE: NUOVI STRUMENTI PER L ACQUISIZIONE, LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Liceo Artistico "G. Sello" - Udine Anno scolastico 2014/2015 UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 ECONOMIA AZIENDALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO LIA BONELLI L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO La scuola secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline.

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. 1 Griglie di valutazione della I prova scritta ANALISI DEL TESTO più che

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Vania Minichiello Materia Psicologia Classe IV Sez. Lsu Testo adottato M. Bernardi, A. Condolf, Psicologia, Clitt Data presentazione

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 205/6 CLASSE 2ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico tecnologico Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: ITALIANO DOCENTE: IRENE SOMÀ CLASSE III SEZ. SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 2.1 OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA Pag. 1 di 11 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIPARTIMENTO DI INDIRIZZO RIM SPAGNOLO CLASSE BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 10 settembre 2015 Orario di inizio 9,00 orario di conclusione 11.00 PRESENTI : Prof.ssa

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

COMPETENZE PROFESSIONALI

COMPETENZE PROFESSIONALI Pagina 1 di 13 ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE MASOCH MONICA ECONOMIA AZIENDALE e GEOPOLITICA V C RIM OBBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico DOCUMENTO DI DIPARTIMENTO Disegno e storia dell arte - Storia dell arte Liceo classico (storia dell arte) scientifico e scienze applicate (disegno

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA LA VALUTAZIONE SCOLASTICA Si attua sistematicamente durante l anno scolastico e alla fine dei Quadrimestri, attraverso prove di verifica strutturate e/o semi-strutturate, elaborati, osservazioni sistematiche,

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Classe I Sez D Materia : Geografia Docente: Fabio IONNI 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze Comportamento

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli