Documento del 15 maggio del Consiglio della. Classe V^ Sez B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 maggio 2014. del Consiglio della. Classe V^ Sez B"

Transcript

1 Istituto Paritario L. Einaudi di Scafati IISTIITUTO tteeccniicco ccommeerrcciiallee Documento del 15 maggio 2014 del Consiglio della Classe V^ Sez B 1

2 INDICE 1-PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 2-QUADRO ORARIO 3-COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 4-ELENCO DEI CANDIDATI 5-PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 6-PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE :FINALITÀ,OBIETTIVI, COMPETENZE,CAPACITA,METODOLOGIA DI LAVORO COMUNI,CRITERI DI VALUTAZIONE COMUNI,STRUMENTI DI VERIFICA,GRIGLIA DI VALUTAZIONE,ATTIVITA DI SOSTEGNO,CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO. 7-LAVORO SVOLTO: ATTIVITÀ CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI INTEGRATIVE(PROGETTI,PIANI DI LAVORO DISCIPLINARI,ATTIVITA,VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE) 8-GRIGLIE DI VALUTAZIONE : PRIMA PROVA SCRITTA. GRIGLIE DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA GRIGLIE DI VALUTAZIONE TERZA PROVA SCRITTA.. CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA PROVA ORALE. 9-ALLEGATI: RISULTATI TERZE PROVE E PROGRAMMI DELLE SINGOLE DISCIPLINE 2

3 Presentazione dell Istituto L Istituto L. Einaudi è sito in Scafati (SA) alla Via Passanti (traversa Vulcano) a poche centinaia di metri dalla stazione della circumvesuviana. Esso opera in un contesto sociale ed ambientale che incide sensibilmente sulla formazione degli allievi. Il territorio, fortemente urbanizzato, appare alquanto degradato dal punto di vista della vivibilità in quanto, per la carenza della cultura della legalità, la maggior parte dei cittadini non percepisce tutto ciò che è pubblico come importante ed insostituibile patrimonio da tutelare. Gli allievi appartengono a famiglie per la maggior parte di tipo medio, impegnate nel terziario o nelle libere attività professionali, e su cui spesso pesa la crisi del mondo del lavoro e lo spettro della disoccupazione. Vivono in un contesto familiare nel complesso stabile, in famiglie nucleari che, in genere, seguono i figli con una certa attenzione, anche se in molti casi permane una utilitaristica concezione del titolo di studio. Molto spesso la cultura del contesto sociale prevale sull educazione familiare per cui notevole è lo sforzo per trasmettere i valori del vivere civile e dell etica. Il luogo d incontro, che per i giovani è spesso la strada, il pub o il bar, è visto solo come occasione di aggregazione, non di confronto e di crescita. I linguaggi espressivi sono spesso poveri di contenuti e di stile, e diffusa è la tendenza all omologazione delle scelte. Tutti i fattori individuati determinano pertanto una forte richiesta da parte delle famiglie di una scuola che si ponga come modello di cultura, luogo d incontro di lunga durata e di interesse, e che proponga i valori della legalità e dell etica. L edificio, nato come scuola nel 1980, è moderno, confortevole e strutturato in maniera rispondente agli standard europei di sicurezza. E, infatti, dotato di un sistema d allarme centralizzato, cui sono collegate tutte le aule speciali; è, inoltre, fornito d impianto di riscaldamento e scala di sicurezza. Su due piani si dispongono: Un numero sufficiente di aule, spaziose e luminose; Un laboratorio informatico, fornito di attrezzature multimediali complete di stampanti e collegamento ad Internet; Una sala video e sala conferenze; Un laboratorio di chimica e fisica; Una biblioteca, ricca di circa 1000 volumi e numerosi CD didattici; 3

4 Due palestre, di cui una coperta con attrezzatura per tennis da tavolo, basket e pallavolo, ed una scoperta con campo di calcetto. Al piano terra sono ubicati: la Presidenza, una sala docenti, la vice-presidenza e gli uffici amministrativi, che garantiscono trasparenza, celerità di procedure e contenuti tempi d attesa. Ad esempio è garantito l aiuto, per coloro che non ci riuscissero, nel procedimento di iscrizione online alle classi prime. L informazione ai potenziali iscritti viene assicurata, oltre che attraverso i normali mezzi d informazione, anche con visite del referente per l orientamento presso le scuole medie di provenienza, al fine di distribuire agli interessati adeguato materiale informativo. I moduli d iscrizione alle classi intermedie sono distribuiti a vista, previo adeguato avviso con circolare interna. Il rilascio dei certificati è effettuato entro tre giorni lavorativi dalla richiesta. Gli orari di apertura al pubblico sono permanentemente affissi su sito web, all albo e nelle bacheche destinate alle diverse componenti della comunità scolastica. Albi e bacheche sono collocati al piano terra ed esternamente all edificio. Quadro orario MATERIE Ore settimanali Italiano 3 Storia 2 Inglese 3 Francese 3 Diritto 2 Geografia economica 3 Matematica 3 Scienza delle finanze 2 Economia aziendale 7 Educazione fisica 2 Totale ore settimanali 31 4

5 COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE FUNZIONE NOME E COGNOME FIRMA DIRIGENTE SCOLASTICO DOCENTE DI ITALIANO/ STORIA Danila Scognamiglio Rossella Milo DOCENTE DI FRANCESE Grazia Esposito DOCENTE DI INGLESE Lorella Granata DOCENTE DI MATEMATICA DOCENTE DI ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE DI GEOGRAFIA DOCENTE DI DIRITTO DOCENTE DI SCIENZA DELLE FINANZE DOCENTE DI EDUCAZIONE FISICA Domenico Pagano Davide D Aniello Antonio Milone Paola Celentano Paola Celentano Gaspare Vitiello 5

6 1. Abate Vincenzo 2. D Acunzo Tania 3. Di Martino Francesco 4. Faraso Rosaria 5. Ferraiuolo Daniela 6. Giordano Mariarosaria 7. Izzo Mariarosaria 8. Sicignano Francesco 9. Staiano Nicola Elenco dei candidati 10. Szczesniak Lukasz 6

7 Presentazione della classe Numero complessivo allievi frequentanti = 10 Maschi = 5 Femmine = 5 La classe si è dimostrata disponibile al dialogo educativo, malgrado il livello non omogeneo dei suoi componenti; ciò ha consentito a quasi tutti gli allievi di maturare una seria attitudine al lavoro scolastico, con un impegno sufficientemente continuo in quasi tutte le discipline. Il processo educativo si è svolto con ritmi lenti ma risultati complessivamente sufficienti. Talvolta gli studenti hanno lamentato difficoltà dovute a lacune di base e mancanza di metodologia ed autonomia di studio. I docenti, di conseguenza, hanno cercato di distribuire al meglio, nei limiti del possibile, gli impegni di studio nelle varie materie, coordinando l intervento didattico in maniera più efficace e puntando soprattutto allo sviluppo delle abilità comunicative essenziali ed a formare un adeguato metodo di lavoro. Si è inoltre ritenuto di dare spazio ad attività di gruppo con conseguenti discussioni e dibattiti, specie su temi di attualità mutuati dalla lettura dei quotidiani effettuata in classe in occasione di eventi rilevanti e comunque culturalmente significativi, anche allo scopo di rendere gli insegnamenti vicini alla vita quotidiana. I programmi sono stati svolti preferendo consolidare l approfondimento di alcuni argomenti particolarmente rilevanti per un futuro inserimento nel mondo del lavoro e per rendere i discenti consapevoli delle diversita culturali che, comunque, non dividono ma aggregano. Si ritiene opportuno sottolineare la necessita di aver dovuto ridimensionare quanto inizialmente previsto dalle programmazioni delle singole discipline a causa delle eccessive assenze, seppure giustificate e motivate, da parte di alcuni discenti e delle difficolta di apprendimento evidenziate da altri. Tuttavia il livello di preparazione della classe è discreto.

8 6- PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE FINALITA : Il consiglio di classe, coerentemente con il Piano dell Offerta Formativa, ha seguito, per l attuazione della propria azione didattico-educativa, le seguenti linee operative generali. Il consiglio di classe, nella propria programmazione, ha provveduto, qualora necessario, alla personalizzazione dei percorsi formativi in base alle necessità dei singoli studenti. OBIETTIVI COMUNI TRASVERSALI: Gli obiettivi trasversali comuni sono stati coerenti con le finalità educative e formative generali e gli obiettivi delle diverse discipline. Il Consiglio di classe si è quindi proposto di: - Far acquisire consapevolezza del ruolo e dell incidenza delle diverse discipline nella cultura e società contemporanea; - Migliorare l uso del linguaggio specialistico,adeguato alla comprensione ed alla comunicazione di dati tecnici e non,in modo che lo studente possa fruire pienamente e criticamente dei diversi canali di informazione; - Far acquisire la consapevolezza della complessità delle problematiche sociali,giuridiche,economiche ed ambientali,nonché del ruolo dell uomo nel promuovere e progettare ipotesi di sviluppo razionali e responsabili; - Sviluppare le attività operative e tecniche necessarie per supportare una più adeguata lettura ed interpretazione dei fenomeni. COMPETENZE COMUNI: Le competenze comuni che il Consiglio di classe ha inteso fornire,sono coerenti con le finalità educative e formative generali e tutte le discipline hanno concorso,con modalità diverse,al loro conseguimento. Le competenze comuni perseguite,sono le seguenti: - Possesso di una accettabile padronanza lessicale; - Utilizzo di metodi e strumenti adeguati per l interpretazione dei testi; - Produzione di testi nelle varie discipline secondo modalità e richieste diverse - Approccio di argomenti nuovi,applicando le proprie conoscenze; - Utilizzo corretto degli strumenti e delle nuove tecnologie. - CAPACITA COMUNI: Il Consiglio di classe ha inteso promuovere lo sviluppo delle seguenti capacità:

9 - organizzazione autonoma ed efficace del lavoro, - sintesi di argomenti operando gli opportuni collegamenti interdisciplinari; - riflessione personale e critica su tematiche conosciute; - padronanza consapevole del linguaggio e del lessico disciplinare specifico METOLODOGIA DI LAVORO COMUNI : La metodologia di lavoro ha favorito la partecipazione attiva degli allievi al processo educativo e completato lo sviluppo della loro autonomia operativa. Il metodo induttivo, la riflessione sull esperienza diretta, le discussioni costruttive seguite dalla sistematizzazione delle conoscenze, sono stati realizzati con:

10 Lezione Lezione Problem Metodo Ricerche e Lezione Lavoro Lezione frontale e multimedia solving dialogate le e uso di strumenti audiovisivi induttivo approfondi menti personali con esperti di gruppo Pratica,lettu ra di articoli e documenti Italiano X X X X X X Inglese X X X X Storia X X X X Geografia economic a X X X Economia X X X X X aziendale Diritto X X X X x Matemati ca Scienza delle finanze X X X X X X X X X x Francese X X X X X Ed. Fisica X X X X

11 CRITERI DI VALUTAZIONE COMUNI: Le prove scritte, orali e pratiche sono state valutate in decimi, secondo la griglia di seguito riportata. La valutazione finale assegnata all allievo al termine di ogni quadrimestre è risultata essere l espressione sintetica di un giudizio alla cui formazione hanno concorso, oltre alla preparazione di base, anche diversi altri aspetti, tra i quali: attenzione in classe, impegno e rispetto delle scadenze, partecipazione alle attività in classe e progresso rispetto ai livelli iniziali. Il voto finale è quindi scaturito da una media ponderata dei suddetti elementi e non solo dalla semplice media aritmetica dei voti, in considerazione degli Indicatori di valutazione elaborati in coerenza con il Pof ed in ottemperanza della O.M. n. 98/12 e DPR n.122/09 STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZATI Oltre alla consueta strumentazione didattica, costituita dai testi in adozione, appunti e mappe concettuali approntati dai docenti, materiale cartaceo ad integrazione dei testi in uso, gli studenti hanno potuto fruire della Biblioteca dell Istituto. Inoltre alcune discipline hanno fatto abitualmente o occasionalmente ricorso agli strumenti multimediali. L attività didattica è stata svolta, oltre che nelle aule tradizionali, nei luoghi specificamente attrezzati dei quali l Istituto dispone: laboratorio di informatica, aula video, palestra. La verifica dell apprendimento è stata condotta attraverso i seguenti strumenti: Modalità di verifica nelle singole discipline COLLO INTERB PROVA PROBL TEST QUESTIO ESERCIZ PROVA QUIO REVE LAB. MULTIM ED. EM SOLVI NG STRUTT. SEMI STRUTT. NARIO I E TEMI PRATIC A Italiano x x x X x Francese x x X x X x Inglese x x x x

12 Storia x x x x Diritto x x X x x Scienza delle finanze Economia Aziendale x x x x X x x x x X X Geografia x x x x x economica Matematic x x x X X a Ed. Fisica x x X X

13 Griglia valutazione per le verifiche orali Indicatori Ha raggiunto eccellenti obiettivi, con padronanza dei contenuti e delle abilità di trasferirli e rielaborarli autonomamente in un ottica interdisciplinare: completa, approfondita e personale conoscenza degli argomenti; acquisizione piena delle competenze previste; Voto in decimi 10 uso sempre corretto dei linguaggi specifici e sicura padronanza degli strumenti. Ha raggiunto obiettivi completi con un autonoma capacità di rielaborazione delle conoscenze : n q conoscenza completa ed approfondita degli argomenti; acquisizione sicura delle competenze richieste; 9 uso corretto dei linguaggi specifici e degli strumenti. Ha raggiunto tutti gli obiettivi. In particolare: conoscenza sicura degli argomenti; acquisizione delle competenze richieste; 8 uso generalmente corretto dei linguaggi specifici e degli strumenti Ha sostanzialmente raggiunto gli obiettivi e una capacità di rielaborazione delle conoscenze abbastanza sicura: conoscenza discreta degli argomenti; 7 acquisizione delle competenze fondamentali richieste;

14 talvolta incertezze nell uso dei linguaggi specifici e degli strumenti. Ha raggiunto gli obiettivi essenziali richiesti: conoscenza superficiale degli argomenti; acquisizione delle competenze minime richieste; 6 uso del linguaggio corretto anche se con qualche imprecisione nell uso dei linguaggi specifici. Ha raggiunto parzialmente gli obiettivi essenziali, in particolare: conoscenza limitata o non adeguata degli argomenti; acquisizione non adeguata delle competenze richieste; 5 difficoltà nell uso dei linguaggi e degli strumenti specifici. Non ha raggiunto gli obiettivi minimi: frammentarie e/o non adeguate conoscenze; del tutto inadeguata acquisizione delle competenze richieste; 3-4 limitato uso dei linguaggi specifici e degli strumenti. ATTIVITA DI SOSTEGNO:Gli insegnanti si sono resi disponibili per attività di recupero in itinere, sia in funzione del recupero sia del consolidamento e dell approfondimento. CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO: CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO (a.s. 2013/2014) In base a quanto indicato nel D.M. n 42 del 22/05/2007, integrato dal D.M. n 99 del 16/12/2009, O.M.37/14,il credito scolastico viene attribuito dal Consiglio di classe in sede di scrutinio finale agli alunni delle classi III, IV e V nell ambito delle bande di oscillazione previste dal Ministero ed indicate nella seguente tabella:

15 TABELLA A CANDIDATI INTERNI (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) Media dei voti Credito Scolastico Credito Scolastico Credito Scolastico (punti) (punti) (punti) Classe III Classe IV Classe V M = < M < M < M < M Si ricorda che: Ai fini dell ammissione alla classe successiva e all Esame di Stato, nessun voto (compreso quello di comportamento) può essere inferiore a sei decimi. Per il calcolo della media M, il voto di comportamento concorre nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina. Il credito scolastico va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l assiduità della frequenza scolastica, l interesse e l impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti. Il Collegio dei docenti ha stabilito i seguenti criteri per l attribuzione del punteggio minimo o massimo indicato nella tabella A: a) il Consiglio di Classe potrà attribuire il punteggio massimo di ciascuna banda di oscillazione se lo studente riporterà elementi positivi in almeno due delle voci seguenti: 1. parte decimale della media dei voti uguale o superiore a 5;

16 2. assiduità della frequenza scolastica punteggio 0,34 3. impegno e interesse nella partecipazione attiva al dialogo educativo-punteggio 0, partecipazione ad attività complementari ed integrative realizzate dall istituzione scolastica-punteggio 0,33 ; 5. credito formativo: partecipazione ad attività di volontariato, culturali e sportive, attestate attraverso certificato che ne dichiari la continuità durante l'anno, soggiorni all'estero con certificazione di frequenza del livello corrispondente all'anno scolastico frequentato. Certificazioni internazionali di Enti legalmente riconosciuti attestanti un livello linguistico pari o superiore rispetto alla classe di appartenenza-punteggio 0,15(max 1 attività valutabile) 6. altre attività di e/o di benemerenza valutate come credito formativo dal Consiglio di classe. Per gli alunni per i quali, nello scrutinio di giugno, si decidesse per la sospensione del giudizio, il Consiglio di Classe, nel successivo scrutinio finale, fermo restando quanto espresso nel punto a), potrà attribuire il punteggio massimo della banda di oscillazione solo se l alunno avrà riportato una valutazione pienamente sufficiente in tutte le prove di recupero. TABELLA B - CANDIDATI ESTERNI ESAMI DI IDONEITA (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) CREDITO SCOLASTICO Media dei voti a seguito degli esami di idoneità Credito scolastico (Punti) M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti agli esami di idoneità (nessun voto può essere inferiore a sei decimi). Il punteggio, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate nella presente tabella, va moltiplicato per 2 in caso di esami di idoneità relativi a 2 anni di corso in un unica sessione. Esso va espresso in numero intero. Per quanto concerne

17 l'ultimo anno il punteggio è attribuito nella misura ottenuta per il penultimo anno. TABELLA C CANDIDATI ESTERNI PROVE PRELIMINARI (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 42/2007) CREDITO SCOLASTICO Media dei voti delle prove preliminari Credito scolastico (Punti) M = < M < M < M < M NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti nelle prove preliminari (nessun voto può essere inferiore a sei decimi). Il punteggio, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate nella presente tabella, va moltiplicato per 2 o per 3 in caso di prove preliminari relative, rispettivamente, a 2 o a 3 anni di corso. Esso va espresso in numero intero. CREDITO FORMATIVO Il credito formativo viene riconosciuto allo studente che si sia distinto per assiduità, interesse e impegno nella partecipazione del dialogo educativo e/o che abbia maturato qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso di studio cui si riferisce l esame di Stato, oppure inerenti ad attività culturali, artistiche e ricreative promosse da enti pubblici o privati di durata significativa oppure ancora in attività inerenti la protezione dell ambiente, il volontariato, la solidarietà,la cooperazione, lo sport. Nessuno credito formativo verrà comunque riconosciuto allo studente che non abbia mantenuto un comportamento rispettoso dell istituzione scolastica nel suo complesso e per cui abbia conseguito, anche in un solo quadrimestre un voto di condotta inferiore a nove decimi. Si ribadisce, infine che il credito formativo, non dà diritto ad alcuna attribuzione di punteggio, ma concorre solamente all aumento del credito scolastico fino al valore massimo previsto all interno di ciascuna fascia determinata dalla media dei voti. Concorrono, pertanto al credito formativo:

18 1. assiduità della frequenza scolastica e/o impegno e interesse nella partecipazione attiva al dialogo educativo. 2. frequenza agli stages estivi (soggiorni studio all estero)con assiduità e risultati soddisfacenti. 3. partecipazione attiva e responsabile agli Organi Collegiali scolastici. 4. partecipazione ad attività complementari ed integrative realizzate dall Istituzione scolastica ed espressi nel POF. 5. certificazioni internazionali di Enti legalmente riconosciuti attestanti un livello linguistico pari o superiore rispetto alla classe di appartenenza. 6. credito formativo maturato in seguito alla partecipazione ad attività di volontariato, culturali e sportive, attestate attraverso certificato che ne dichiari la continuità durante l'anno, soggiorni all'estero con certificazione di frequenza del livello corrispondente all'anno scolastico frequentato. 7. Altre attività di e/o di benemerenza valutate come credito formativo dal Consiglio di classe.

19 7 - LAVORO SVOLTO A) SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA D ESAME: Sono state effettuate tre simulazioni della terza prova scritta d esame nelle seguenti date: , adottando le tipologie di cui all art. 2 del DM n. 429/2000 ed invero: 1) per la I prova simulata è stata scelta la tipologia C (quesiti a risposta multipla) anche per le lingue, da svolgersi in 75 muniti; 2)per la II prova, tipologia B ( 3 quesiti a risposta aperta/singola ) per le lingue e tipologia C per tutte le altre discipline, da svolgersi in 90 minuti; 3)per la III prova tipologia B ( 3 quesiti a risposta aperta ) per le lingue e tipologia C per tutti le altre discipline coinvolte, da svolgersi in 90 minuti. Le materie coinvolte sono state le seguenti: diritto, scienza delle finanze, matematica, inglese, francese, geografia, storia. La somministrazione delle simulazione ha avuto lo scopo di consentire agli allievi di familiarizzare con la tipologia stessa delle prove in oggetto. In merito ai predetti criteri, visto il DM 429/2000, il Consiglio di classe ha deliberato all unanimità di adottare la tipologia di cui alla lettera B ( per le lingue) e C dell art. 2 del citato decreto ministeriale per le altre discipline, cioè quesiti a risposta aperta/singola tipo B) e quesiti a risposta multipla tipo C). Sarà attribuito alle domande a risposta multipla corrette un punteggio di 0,30 o di 0 se errate. Alle domande a risposta aperta sarà attribuito un punteggio da 0 a 1 con intervalli di 0,25 punti nel caso di correttezza parziale. Ai sensi del comma 2 dell art.3 del predetto DM, la terza prova,che coinvolgerà non più di 5 discipline deve prevedere: a) non più di 5 argomenti per la trattazione sintetica b) non più di 15 quesiti a risposta singola, con un minimo di 10 c) non più di 40 quesiti a risposta multipla,con un minimo di 30 La commissione avrà a disposizione non meno di 15 punti a prova.

20 Pertanto, sarà attribuito alle domande a risposta multipla corrette un punteggio di 0,30 se esatte o di 0 se errate. Alle domande a risposta aperta sarà attribuito un punteggio da 0 a 1 con intervalli di 0,25 punti nel casso di correttezza parziale. B) PIANI DI LAVORO DISCIPLINARI: I Piani di lavoro annuali sono forniti in allegato, per ogni materia, dagli insegnanti del Consiglio di classe.

21 8-GRIGLIE DI VALUTAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE - PRIMA PROVA SCRITTA

22 OBIETTIVI DESCRITTORI PUNTI MAX.15 RISPONDENZA ALLA TRACCIA o Risponde pienamente alla traccia assegnata o Risponde alla traccia assegnata solo parzialmente 2 1 POSSESSO DI ADEGUATE CONOSCENZE RELATIVE ALL ARGOMENTO SCELTO E AL QUADRO DI RIFERIMENTO GENERALE A CUI ESSO SI RIFERISCE o Padroneggia gli argomenti scelti e li svolge in modo esauriente o Dimostra di conoscere gli argomenti individuandone gli elementi essenziali o Conosce gli argomenti trattati in modo parziale o Conosce gli argomenti trattati in modo frammentario e superficiale CORRETTEZZA E PROPRIETA NELL USO DELLA LINGUA o Linguaggio corretto, scorrevole ed appropriato. o Presenta qualche improprietà lessicale, morfosintattica ed ortografica. o Presenta errori diffusi lessicali, morfosintattici ed ortografici 3 2 1

23 ATTITUDINI ALLA COSTRUZIONE DI UN DISCORSO ORGANICO E o Argomenta in modo logico e coerente 2 COERENTE o Argomenta in modo parzialmente coerente 1 ATTITUDINE ALLA RIELABORAZIONE CRITICA Rielabora in modo ampiamente documentato e critico Rielabora in modo documentato e critico 4 3 Rielabora in modo sufficiente Rielabora in modo parziale 2 1

24 TOTALE PUNTI /15 GRIGLIA DI VALUTAZIONE- SECONDA PROVA SCRITTA OBIETTIVI DESCRITTORI PUNTI o Li sa individuare correttamente 3 CONOSCENZE DELLE REGOLE E DEI PRINCIPI o o o Li sa individuare adeguatamente Ne sa individuare pochi 2 1 CAPACITÀ DI APPLICARE LE REGOLE E PRINCIPI AL CASO SPECIFICO o o o Li sa applicare tutti Li sa applicare adeguatamente Li sa applicare parzialmente 3 2 1

25 COMPLETEZZA E CORRETTEZZA NELL ESECUZIONE o o Completa e precisa Adeguata e completa 3 2 o Incompleta e lacunosa 1 CAPACITA ESPOSITIVA o o o o Adeguata Sufficiente Incerta Insoddisfacente CONOSCENZA E o Adeguata 3 UTILIZZO DI TERMINOLOGIA E SIMBOLOGIA CORRETTA o o o Sufficiente Incerta Insoddisfacente 2 1,5 1

26 GRIGLIA DI VALUTAZIONE - TERZA PROVA SCRITTA Tipologia Mista B per le lingue Tipologia C per le altre discipline (5 materie coinvolte) CRITERI DI VALUTAZIONE Tipologia: Domande a risposta multipla 0,3 0 Risposta esatta 0 Risposta errata o non data 0 Risposta non data o non pertinente Tipologia: Domande a risposta singola 0,2 5 0,5 0 0,7 5 1 La risposta contiene solo elementi essenziali, non sempre appropriato Parzialmente attinente alla traccia, lessico non sempre appropriato Parzialmente attinente alla traccia data, lessico specifico appropriato Attinente alla traccia data, lessico specifico appropriato rielaborazione personale CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO

27 Indicatori Punteggi Descrittori Conoscenza dei contenuti 1 Inesistente 2 Quasi inesistente 3 Lacunosa e confusa 4 Frammentaria, parziale 5 Generica e alquanto superficiale 6 Essenziale, me sicura 7 Ampia 8 Ampia e approfondita 9 Ampia, approfondita e critica 1 si esprime in modo confuso e contorto 2 espone in modo poco coerente e si esprime con una certa difficoltà Competen ze linguistich e 3 4 Il can did ato articola i contenuti con incertezza e si esprime in modo non sempre chiaro e corretto articola i contenuti in modo semplice, lineare e si esprime in modo generalmente corretto 5 organizza i contenuti in modo coerente e si esprime con proprietà di linguaggio 6 1 organizza i contenuti in modo efficace e si esprime con elevata proprietà di linguaggio non espone alcun dato 2 enumera qualche dato, senza molto ordine Capacità di analisi e di sintesi 3 enumera diversi dati, senza fornire alcuna analisi 4 5 Il can did ato guidato, individua parzialmente i concetti-chiave guidato, individua i concetti-chiave 6 individua i concetti-chiave e stabilisce opportune relazioni 7 evidenzia capacità di organizzare i contenuti 8 evidenzia capacità di analisi e sintetizza in modo efficace, con validi

28 collegamenti 9 rielabora con sicurezza, individuando ottime relazioni disciplinari e pluridisciplinari 1 presenta un percorso poco originale che denota limitate capacità di elaborazione ed esposizione Percorso scelto dal candidato 2 Il can did ato presenta un percorso non particolarmente originale, ma che denota conoscenze abbastanza ampie e approfondite con discreta padronanza di linguaggio 3 presenta un percorso originale che denota conoscenze ampie, approfondite e buone capacità espositive 1 Autocorrezione superficiale Prove scritte 2 Autocorrezione sufficiente 3 Autocorrezione consapevole ed esaustiva in tutte le prove In base a quanto previsto,dalla O.M. n.37/14, è possibile l integrazione del punteggio complessivo conseguito dal candidato,precisamente: Bonus di 5 punti,può essere assegnato dalla Commissione in aggiunta al voto finale a condizione che il candidato abbia un credito scolastico di almeno 15 punti ed il risultato nelle prove di esame di almeno 70 punti; Lode:ai candidati che nell esame finale avranno conseguito un punteggio massimo di 100 punti senza fruire del bonus integrativo di 5 punti.

29 9-ALLEGATI: A)RISULTATI TERZE PROVE SIMULATE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE "L. EINAUDI" 1 PROVA STRUTTURATA CLASSE V SEZ. B - data 20,01,2014 NOME GEOGRAFIA MATEMATICA FRANCESE DIRITTO INGLESE TOTALE ABATE VINCENZO 3,00 1,50 1,80 2,10 2,40 10,80 FARASO ROSARIA 2,40 0,90 2,10 2,10 2,10 9,60 FERRAIUOLO DANIELA 2,40 0,60 2,10 2,70 1,80 9,60 IZZO MARIA R. 3,00 1,50 1,50 2,10 2,40 10,50 SICIGNANO FRANCESCO 3,00 1,20 2,10 2,10 2,10 10,50 SZCZESNIAK LUKASZ 3,00 1,80 1,80 2,40 2,40 11,40

30 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE "L. EINAUDI" 2 PROVA STRUTTURATA CLASSE V SEZ. B - data NOME GEOGRAFIA STORIA FRANCESE S.FINANZE INGLESE TOTALE ABATE VINCENZO 3,00 3,00 2,50 3,00 1,00 12,50 FARASO ROSARIA 3,00 2,70 2,50 3,00 0,50 11,70 FERRAIUOLO DANIELA 2,70 3,00 2,50 3,00 1,00 12,20 GIORDANO M.ROSARIA 3,00 1,80 2,00 3,00 1,00 10,80 SICIGNANO FRANCESCO 2,40 0,90 2,00 3,00 0,00 8,30 SZCZESNIAK LUKASZ 3,00 3,00 2,50 2,40 1,50 12,40

31 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE "L. EINAUDI" 3 PROVA STRUTTURATA CLASSE V SEZ. B - data NOME MATEMATICA STORIA FRANCESE DIRITTO INGLESE TOTALE ABATE VINCENZO 1,20 3,00 2,00 2,40 1,00 9,60 FARASO ROSARIA 0,90 3,00 2,00 2,10 2,00 10,00 FERRAIUOLO DANIELA 1,80 3,00 2,00 2,40 1,50 10,70 IZZO MARIAROSARIA 0,90 3,00 2,00 2,50 1,00 9,40 SICIGNANO FRANCESCO 1,80 2,70 2,00 2,40 1,00 9,90 SZCZESNIAK LUKASZ 0,90 3,00 2,00 2,10 1,50 9,50 D'ACUNZO TANIA 0,60 3,00 1,00 2,10 2,50 9,20

32 ISTITUTO PARITARIO EINAUDI SCAFATI PROGRAMMA DI ITALIANO Classe V sez. B I.T.C a.s Docente: Rossella Milo CONTENUTI / PERIODO DI RIFERIMENTO Analisi delle opere Il Realismo; Positivismo; Il Verismo; differerenze tra naturalismo francese e verismo italiano; G. Verga; Poetica; Opere: Decadentismo: genesi storica Estetismo, panismo, simbolismo G. D annunzio: Vita, Poetica, Opere Da Alcyone: La pioggia nel pineto G.Pascoli: Vita, Opere, Poetica da Myricae : X Agosto

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli