DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5CP TECNICO DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 VICENZA, 15 MAGGIO 2009 Accreditato dalla Regione Veneto per la Formazione Superiore Aut. n. A0410 D. n. 221 del 05/06/2006 Via Mora, Vicenza

2 ANNO SCOLASTICO 2008/2009 ISTITUTO PROF. LE DI STATO PER I SERVIZI SOCIALI B. MONTAGNA VI CLASSE 5CP TECNICO DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA N. ORE DESCRIZIONE DOCENTE 3 ITALIANO ANASTASIA ANGELA 2 STORIA ANASTASIA ANGELA 3 LINGUA STRANIERA INGLESE FLORENTINO MARCO 3 MATEMATICA GRECO ANNALISA 4 PROGETTAZIONE GRAFICA IANNELLO GIUSEPPE 3 PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA BERLANGIERI RAFFAELE 3 STORIA DELLE ARTI VISIVE ZANUTTINI MARTA 2 PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE DE GIORGIO LUCIANO 2 TECNICA FOTOGRAFICA FERRARA MARIO 2 EDUCAZIONE FISICA PAVAN NICOLETTA 1 RELIGIONE ZANUSO GIOVANNI TOTALE ORE: 28 COORDINATORE: ANASTASIA ANGELA SEGRETARIO: BERLANGIERI RAFFAELE ALUNNI: ZUCCOLLO SUSANNA BORGA SILVIA

3 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Elenco generale degli alunni della classe 5^C P Anno scolastico 2008/09 Alunno 1BERTOLDO MARTINA 2BORGA ELENA 3BORGA SILVIA 4BORGO LEONARDO 5BRAGAGNOLO ALESSIA 6BRAZZALE JESSICA 7CINGANO MATTEO 8DAL PONTE MATTEO 9FACCO ELETTRA 10FRAMARIN RICCARDO 11FRANZAN MIRIAM 12GRENDENE MICAELA 13GRIGOLETTO GIOVANNI 14ILIJEVSKA ALEKSANDRA 15NOARO BRUNO 16PERETTI BISWOKARMA SUNITA 17REPELE DARIO 18SACCOZZA SILVIA 19SEGALA NICOLE 20VALENTINO GIULIA 21ZANONATO DEVIS 22ZATTERA MARINA 23ZIVOJINOVIC NIKOLA 24ZUCCOLLO SUSANNA

4 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art. 5) Sistema Gestione Qualità D2-11 Revisione n.1 CLASSE 5^C INDIRIZZO Grafico Pubblicitario ANNO SCOLASTICO 2008/09 Coordinatore di Classe Prof. Marco Florentino 1) Presentazione sintetica della classe Storia del biennio conclusivo del corso di studi La classe 4^C TGP dell anno scolastico 2007/08 era costituita dalla ex 3^D e da 5 studenti della ex 3^C con l'aggiunta di una studentessa di ritorno a scuola dopo un anno di esperienza lavorativa. Allo scrutinio finale14 alunni hanno avuto una sospensione di giudizio. Dopo le prove di verifica di settembre 2008 sono stati tutti promossi in quinta, anche se per 6 alunni si è dovuto ricorrere al voto di consiglio. L'attuale 5^C ha visto l'inserimento di uno studente proveniente dalla 5^B dell'anno scorso e si configura quindi come classe di 24 allievi di cui 15 femmine e 9 maschi. Continuità didattica nel biennio Nel biennio post-qualifica vi è stata continuità didattica nelle seguenti discipline: Lingua Inglese, Pianificazione Pubblicitaria, Tecnica Fotografica, Matematica e Religione. Sono cambiati, invece, i docenti di: Italiano e Storia, Psicologia della Comunicazione, Progettazione Grafica, Storia delle Arti Visive ed Educazione Fisica. Situazione di partenza della classe nell anno scolastico in corso L'elevato numero di allievi promossi in quinta dopo la sospensione del giudizio e l'assolvimento spesso sofferto dei debiti, come testimoniato dal ricorso al voto di consiglio, ha delineato un quadro di partenza non propriamente soddisfacente dal punto di vista dei prerequisiti disciplinari. A questa fragilità cognitiva si sono aggiunti una motivazione ed un impegno di studio discontinui e non adeguati in diversi allievi. In altri casi l'impegno è stato selettivo a scapito del profitto in alcune discipline volutamente trascurate. La frequenza scolastica non è stata per tutti regolare. Oltre alle numerose assenze di qualche alunno si è registrata una tendenza, per alcuni, ad assentarsi in occasione di verifiche o ad entrare alle seconda ora. Questo insieme di fattori ha influenzato decisamente il profitto della classe: allo scrutinio del primo periodo solo due alunni hanno conseguito la sufficienza in tutte le discipline. All'analisi delle schede di metà secondo periodo la situazione si conferma problematica con la presenza di solo 6 alunni sufficienti in tutte le materie ed altri con diffuse e/o gravi insufficienze. 3 alunni non hanno saldato i debiti di primo termine. A questo riguardo si rimanda alla decisione del Collegio dei Docenti che, in situazione di perdurante incertezza normativa, ha deliberato che la sufficienza al termine dell anno scolastico assolve automaticamente il debito preesistente. Alla luce di tali risultati, alcuni docenti hanno dovuto riadattare la programmazione didattica in termini di contenuto e metodo.

5 Il comportamento è stato generalmente corretto nei confronti dei docenti e non si registrano note disciplinari di rilievo per comportamenti inadeguati. L'interesse e la partecipazione sono stati diversificati e hanno seguito motivazioni e le dinamiche individuali. Modalità di recupero Il consiglio di classe ha individuato nel recupero curricolare e nell'offerta di un servizio di sportello a richiesta degli studenti le forme più adeguate di recupero disciplinare. Inoltre i docenti di Lingua Inglese e Psicologia della Comunicazione hanno sospeso la programmazione didattica per un periodo di due settimane dopo gli scrutini di primo termine per dedicarsi intensivamente alle attività di recupero. E' stata effettuata una attività di tutoraggio (peer education) da parte degli alunni più bravi che hanno prestato aiuto ai compagni bisognosi di recupero nelle discipline di Italiano, Storia e Matematica. I risultati sono stati soddisfacenti. 2) Obiettivi generali (Educativi e formativi) La maggior parte degli alunni ha raggiunto gli obiettivi comportamentali fissati: collaborare attivamente al processo di insegnamento-apprendimento essere tolleranti accettando gli altri utilizzare con cura ambienti, strumenti e materiali scolastici usare la lingua italiana nelle relazioni interdisciplinari con i docenti utilizzare un linguaggio consono all ambiente scolastico mantenere un rapporto corretto con i docenti Pochi alunni hanno raggiunto i seguenti obiettivi: sviluppare la capacità di svolgere il proprio lavoro in modo responsabile rispettare orari e regole della vita comunitaria essere flessibili nell affrontare situazioni nuove, adattandosi ai cambiamenti anche attraverso percorsi di auto apprendimento Gli obiettivi formativi finalizzati al conseguimento delle capacità sotto indicate sono stati conseguiti in misura diversa dagli allievi: leggere, capire e riassumere testi relativi alle diverse discipline lavorare con metodo lavorare in gruppo relazionare su interventi ed attività discutendo un argomento con sufficiente chiarezza espositiva e corretto utilizzo della terminologia specifica individuare sequenze logiche operando collegamenti, confronti ed astrazioni semplici all interno di una stessa disciplina o tra discipline diverse 3) Conoscenze, competenze e capacità Area Comune Conoscenze Le conoscenze raggiungono un livello complessivo appena sufficiente.

6 Competenze Gli alunni sono generalmente in grado di relazionare, a volte con qualche difficoltà, sugli argomenti affrontati. L espressione scritta risente di lacune, soprattutto sintattiche, nella rielaborazione delle diverse tipologie testuali. usare linguaggi sufficientemente pertinenti in relazione alle diverse discipline e ai diversi livelli di conoscenze acquisite Capacità Gli alunni, a volte guidati, sono in grado di effettuare collegamenti tra argomenti ed ambiti disciplinari differenti e mostrano un diverso grado di autonomia nelle varie fasi del lavoro e della rielaborazione. Area di indirizzo Sono stati conseguiti, a diversi livelli, i seguenti obiettivi di indirizzo: Conoscenze Possiedono una sufficiente conoscenza delle tematiche trattate nel corso dell anno. Conoscono il linguaggio tecnico specifico in modo complessivamente sufficiente. Conoscono sufficientemente il metodo di elaborazione progettuale. Competenze leggono ed analizzano il sistema della comunicazione nei vari ambiti disciplinari, da un punto di vista iconico e testuale, con strumenti storici, culturali, linguistici e metodologici: affiancano all uso della strumentazione tradizionale una buona competenza nel campo informatico Possiedono complessivamente gli strumenti idonei all analisi dei fenomeni della comunicazione visiva. Capacità Utilizzano in misura diversa le competenze trasversali nelle situazioni di progetto dei messaggi visivi. 4) Attività extra, para, inter curricolari 5) Visite guidate Il Consiglio di Classe ha deciso, in sede di programmazione, di non effettuare visite/ uscite didattiche oltre l orario scolastico. La classe non è quindi andata in viaggio di istruzione. In deroga è stata consentita una visita guidata alla mostra di Robert Capa e a quella sul Futurismo a Milano. Attività sportive di Istituto Tornei di calcetto e pallavolo. Partecipazione a Vicenza che corre. Campestre d'istituto. Atletica.

7 Altre attività Realizzazione di una simulazione di brochure per la stagione artistica 2009del teatro Astra di Vicenza e conseguente partecipazione agli spettacoli in cartellone con produzione di recensioni critiche. Partecipazione di tre allievi alla fase d'istituto delle Olimpiadi della Matematica Partecipazione di quattro allievi al Progetto Lettura Terza Area (vedi allegato B) Durante il biennio conclusivo gli studenti hanno frequentato corsi regionali professionalizzanti finalizzati al conseguimento della qualifica di Esperto delle tecnologie grafiche ed informatiche evolute. I docenti, esperti del settore, hanno effettuato un percorso di 360 ore di lezione in aula che è stato completato da un esperienza di stage aziendale di 240 ore che si è tenuto nell estate 2008 per una durata complessiva di 600 ore. Durante lo stage gli alunni sono stati inseriti in ambiti lavorativi diversi (agenzie e studi di pubblicità, studi fotografici,tipografie, legatorie). Nel marzo 2009 la classe ha partecipato ad uno stage di quattro giorni presso l'istituto San Zeno di Verona. Orientamento Incontro aziende- studenti : la fiera sul 4 dicembre Tutta la classe lavoro e la formazione, presso la Fiera di Vicenza Comune di Vicenza, incontro sul volontariato 23 gennaio Tutta la classe Accademia dell artigianato di Este 23 gennaio Tutta la classe NABA (Nuova Accademia di Belle Arti) di 23 gennaio Tutta la classe Milano Istituto d arte applicata e design di Torino 23 gennaio Tutta la classe Istituto Europeo di design, Milano 24 gennaio Tutta la classe Istituto Superiore di Fotografia e Arti Visive, 24 gennaio Tutta la classe Padova Scuola di Design, Padova 24 gennaio Tutta la classe Scuola Comics, Padova 24 gennaio Tutta la classe Incontro di orientamento informativo con 6 maggio Tutta la classe Università Padova Percorso formativo finalizzato alla preparazione degli alunni ai test d ammissione universitari di Padova e dello IUAV di Venezia (Progetto Cariverona) Progetto di orientamento tra Istituto Montagna- Università IUAV di Venezia (Progetto Cariverona): il corso prevede 24 ore di lezione, di cui 12 all Università e 12 in sede, con esame finale e riconoscimento di crediti scolastici e universitari. Titolo: DESIGN DELLA COMUNICAZIONE 1, dal Corso di laurea in Design industriale con applicazione al progetto di semplici artefatti grafici (laboratorio) 11 maggio 12 maggio 19 maggio Alunni interessati 24 aprile-15 maggio Borga Silvia Dal Ponte Facco Zivojinovic

8 Criteri e strumenti della misurazione e della valutazione approvati dal Consiglio di Classe In generale nel valutare si è tenuto conto soprattutto dei seguenti criteri: l impegno dimostrato progressi riscontrati rispetto alla situazione di partenza capacità di analisi e di sintesi dei contenuti grado di autonomia raggiunto nell organizzazione del lavoro conoscenze generali relative ai contenuti disciplinari Per le prove strutturate e semi strutturate i docenti dell istituto hanno utilizzato la seguente tabella di conversione: Punteggio % Voto in decimi Voto in quindicesimi (solo per classi IV e V) 0% 2 1 <31% % - 37% 3,5 5 38% - 44% % - 50% 4,5 7 51% - 56% % - 61% 5,5 9 62% - 66% % - 71% 6, % - 76% % - 80% 7,5 (12,5) 81% - 84% % - 88% 8,5 (13,5) 89% - 92% % - 96% 9,5 (14,5) 97% - 100% (Si ricorda che in sede di Esame di Stato e relative simulazioni la valutazione in quindicesimi non ammette i mezzi voti che devono essere adeguatamente arrotondati per difetto o per eccesso) Per tutte le altre prove ed i quesiti a risposta singola vengono utilizzate le griglie di valutazione e le tabelle di conversione proposte dai singoli Dipartimenti. Per definire il livello di valutazione del profitto si utilizza la seguente tabella di Istituto: DESCRITTORE 2 Nessun elemento significativo per poter formulare un giudizio Scarsissima conoscenza anche degli argomenti fondamentali. 3 Assenza di comprensione o incapacità di applicazione delle conoscenze acquisite.

9 Gravi e numerosi errori e confusione nella comunicazione scritta e orale. Conoscenza carente o frammentaria degli argomenti significativi, difficoltà di esposizione. 4 Comprensione limitata o difficoltà evidente nella applicazione degli argomenti fondamentali. Numerosi errori nella comunicazione scritta e orale. Conoscenza incompleta o superficiale, esposizione impacciata degli argomenti fondamentali. 5 Comprensione parziale con incertezze o limitata autonomia nell applicazione degli argomenti appresi. Errori nella comunicazione scritta e orale. Conoscenza sostanziale degli argomenti fondamentali anche se esposti con qualche inesattezza. 6 Capacità di cogliere gli aspetti essenziali degli argomenti trattati. Comprensione o applicazione corretta dei contenuti fondamentali Conoscenza abbastanza sicura degli argomenti ed esposizione chiara e corretta. 7 Capacità di cogliere le relazioni tra i contenuti trattati. Comprensione ed applicazione corretta degli argomenti richiesti. Conoscenza approfondita degli argomenti ed esposizione chiara, corretta, appropriata e personale. 8 Capacità di cogliere in maniera organica le relazioni tra i contenuti trattati. Comprensione e applicazione corretta ed autonoma degli argomenti richiesti. Conoscenza approfondita degli argomenti ed esposizione chiara, corretta, appropriata e personale. 9 Capacità di padroneggiare argomenti e problematiche complesse e di organizzare le conoscenze sapendo operare gli opportuni collegamenti interdisciplinari. 10 Livelli e capacità del descrittore precedente con caratteristiche di eccezionalità. Per definire il livello di valutazione della condotta si rinvia alla tabella in allegato Durante l'anno scolastico gli alunni sono stati sottoposti a simulazioni in tutte le tipologie della prima prova scritta d'esame. Due simulazioni di seconda prova scritta in data: 21/01/2009 e 09/03/2009 Tre simulazioni di terza prova in data: 26/11/2008: Storia dell Arte, Pianificazione Pubblicitaria, Tecnica Fotografica, Inglese, Psicologia Tipologia B+C 10/03/2009: Storia dell Arte, Matematica, Psicologia, Inglese. Tipologia B 20/04/2009: Tecnica Fotografica, Pianificazione Pubblicitaria, Storia, Inglese. Tipologia B+C Sarà effettuata una simulazione del colloquio d esame in data 28/05/2009 Vicenza, 08/05/2009 Firma del coordinatore Firma del Preside

10 In allegato: n. 11 All. A n. 1 All. B Elenco alunni Elenco docenti del C.d.C.

11 AREA PROFESSIONALIZZANTE

12 Esperto nelle tecnologie grafiche ed informatiche evolute svolge la funzione di organizzatore e coordinatore nelle varie fasi del processo produttivo; conosce, all interno dell azienda grafica editoriale, l uso di tecniche e attrezzature ad alto contenuto tecnologico aggiornato ed evoluto nel settore della stampa costituisce un valido supporto nella scelta delle tecniche più opportune in relazione al prodotto sa gestire un flusso operativo di tipo digitale ed individua all interno dello stesso fattori di criticità. Opera in aziende di prestampa e stampa (sia di tipo tradizionale che digitale), in particolare off-set, studi grafici; aziende di finitura e allestimento, agenzie di produzione web e multimediale, case editrici specializzate.. Articolazione del percorso I annualità del biennio: aree disciplinari Ore 1 Sistemi di stampa 33 2 Sistemi di controllo e calibrazione colore 8 3 Allestimento e legatoria 15 4 Organizzazione aziendale - Legislazione e inserimento nel mondo del lavoro 16 5 Prodotto e progettazione Informatica di base Gestione e sistemi di stampa digitale CSM 12 8 Grafica e impaginazione 1 40 II annualità del biennio: aree disciplinari 9 Prevenzione e sicurezza in ambiente di lavoro Impianti e tecniche di stampa Allestimento e legatoria Qualità Prodotto e progettazione Informatica di base Grafica e impaginazione Analisi economica e preventivazione Prove finali 12 Stage 240 totale 600

13 Esperto della comunicazione visiva: Sa interloquire con le figure di processo per produrre, con la tecnica più adeguata, proposte di progetti da sottoporre alle scelte successive e definitive Sa eseguire i prodotti grafici progettati con applicativi informatici adeguati Sa raccordarsi con la produzione al fine di preventivare e ottimizzare i costi Conosce e utilizza in modo appropriato i software di: trattamento testi creazione e trattamento immagini impaginazione per la stampa costruzione di pagine web Opera in agenzie a servizio completo e studi di pubblicità, presso fornitori di servizi web, fotografi industriali, aziende di pre-stampa e stampa, aziende commerciali e manifatturiere con strutture di comunicazione interna. Articolazione del percorso I annualità del biennio: aree disciplinari Ore 1 Informatica di base Comunicazione e informazione visiva 16 3 Tecnologia grafica L'immagine fotografica 22 5 Progetto grafico 62 6 Organizzazione aziendale legislazione e inserimento nel mondo del lavoro II annualità del biennio: aree disciplinari 16 7 Informatica di base Nuove tecnologie di riproduzione 36 9 Fotografia digitale Il linguaggio dell'informazione per il web Progetto grafico per il web Prevenzione e sicurezza in ambiente di lavoro Qualità 16 Prova d'esame finale 12 Stage 240 totale 600

14 ALLEGATO A RELAZIONE DEI DOCENTI E PROGRAMMI SVOLTI

15 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Sistema Gestione Qualità D2-11/a Revisione n.1 ALL. A MATERIA ITALIANO Prof. ANASTASIA ANGELA classe e indirizzo 5 C TGP anno scolastico 2008/2009 CONOSCENZE Il livello delle conoscenze, delle competenze e delle capacità raggiunte dai 24 alunni della VC TGP è vario e diversificato, ma complessivamente sufficiente. Un piccolo gruppo di studenti ha evidenziato motivazione ad apprendere e senso di responsabilità, altri hanno aggiunto doti di applicazione e di rielaborazione autonome. Alcuni studenti non sempre hanno frequentato le lezioni con un adeguata partecipazione e applicazione. Pochi alunni sono apparsi scarsamente motivati e poco inclini ad uno studio continuo ed attento. L attività di tutoraggio, da me proposta, ha contribuito comunque a ridurre le difficoltà e ha consentito a quasi tutti gli studenti di sanare il debito in italiano. Tutti gli alunni hanno avuto nei miei confronti un comportamento rispettoso e disciplinato. COMPETENZE In varia misura la classe ha conseguito: - Un adeguata correttezza nell uso delle strutture linguistiche, in particolare per quanto riguarda la forma scritta. possiede generalmente un lessico semplice ma appropriato; coglie la collocazione contestuale di un autore e/o di un movimento; è in grado di sostenere un argomentazione abbastanza fluida e consequenziale; effettua collegamenti tra la letteratura ed altre discipline del curricolo (storia, storia dell arte, psicologia). CAPACITÀ La maggior parte degli alunni è in grado di: eseguire analisi testuali in prosa e poesia; individuare in maniera chiara il significato generale di un testo letterario; rielaborare con sufficiente autonomia testi di media difficoltà; riconoscere lo stile e la poetica di un autore studiato.

16 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER Unità didattiche e/o Moduli e/o Percorsi formativi ed Eventuali approfondimenti U.D. Modulo Percorso Formativo - approfondimento Periodo 1. TITOLO: Dall età del Realismo al Decadentismo. a) Positivismo. Naturalismo. Verismo. SETTEMBRE/OTTOBRE LETTURE: C. R. Darwin, L uomo è il risultato di un evoluzione ( da L origine dell uomo) E. Zola, Gervasia all Assommoir (da L Assommoir) G. Verga, La Lupa (da Vita dei campi) L arrivo e l addio di Ntoni (da I Malavoglia) Malaria e La Roba (da Novelle rusticane) La morte di Gesualdo (da Mastro-don Gesualdo) b) Crisi della ragione e relativismo Decadentismo. NOVEMBRE/DICEMBRE LETTURE: C. Baudelaire, L Albatro (da I fiori del male) F. Nietzche, Dio è morto (da La gaia scienza) F. T. Marinetti, Aggressività, Audacia, Dinamismo (da Manifesto del Futurismo) S. Freud, Sogni: Nuova Frontiera (da Introduzione alla psicoanalisi) 2. TITOLO: La narrativa della crisi: il romanzo del Novecento. GENNAIO LETTURE: A. Fogazzaro, Malombra (un brano a scelta) G. D Annunzio, Una guarigione incerta (da Il piacere) L. Pirandello, Cambio treno (da Il fu Mattia Pascal) F. Kafka, Uno sconcertante risveglio (da Il processo) J. Joyce, L insonnia di Molly (da Ulisse) 3. TITOLO: La poesia tra le due guerre. FEBBRAIO LETTURE: E. Montale, Non chiederci la parola (da Ossi di seppia) S. Quasimodo, Alle fronde dei salici (da Giorno dopo giorno) U. Saba (da Il Canzoniere) 4. TITOLO: Incontro con l autore: G. Pascoli MARZO/APRILE LETTURE: Lavandaie X Agosto (da Myricae) Il gelsomino notturno (da Canti di Castelvecchio) E dentro di noi un fanciullino (da Il fanciullino) 5. TITOLO: Incontro con l opera: La coscienza di Zeno MARZO/APRILE LETTURE: Una particolare seduta spiritica Il funerale di un altro Una catastrofe inaudita

17 6. TITOLO: La letteratura italiana e straniera tra Ottocento e Novecento APRILE/MAGGIO LETTURE: due romanzi a scelta dello studente (classe V) tre romanzi letti nel triennio (cfr. elenco) 7. TITOLO: Modulo tematico pluridisciplinare: Il viaggio MAGGIO LETTURE: D. Alighieri, Canto XXVI (da Inferno) U. Saba, Ulisse (da Il Canzoniere) scheda di approfondimento di autori vari sul tema del viaggio Ore effettivamente svolte dal docente nell intero anno scolastico 83 METODOLOGIE (lezione frontale, gruppi di lavoro, processi individualizzati, attività di recuperosostegno e integrazione, ecc.): lezione frontale esercitazioni in classe assegnazione di lavoro individuale domestico richiesta di interventi dal posto lavoro di gruppo lezione con schematizzazioni e mappe concettuali Molti argomenti di letteratura sono stati svolti in parallelo e in compresenza con la docente di storia dell arte. MATERIALI DIDATTICI (Testo adottato, orario settimanale di laboratorio, attrezzature, spazi, biblioteca, tecnologie audiovisive e/o multimediali, ecc.): Libro di testo : M.Sambugar G.Salà LIEM; volume 1 e 2 ed. Nuova Italia Lavagna Appunti TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Specificare: (prove scritte, verifiche orali, test oggettivi, prove grafiche, prove di laboratorio, ecc.): Compiti Interrogazioni Questionari Prove strutturate Simulazioni di prove d esame Sono agli atti i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate

18 Compito scritto tip. A Compito scritto tip. B Compito scritto tip. C Compito scritto tip. D Prova strutturata di letteratura 8 maggio 2009 Firma del docente Angela Anastasia Documento di proprietà dell I.P.S.S.. Bartolomeo Montagna di Vicenza.Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati.

19 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Sistema Gestione Qualità D2-11/a Revisione n.1 ALL. A MATERIA STORIA Prof. ANASTASIA ANGELA classe e indirizzo 5 C TGP anno scolastico 2008/2009 CONOSCENZE La classe ha conseguito mediamente una conoscenza sufficiente dei contenuti proposti. Ha manifestato una partecipazione più consapevole nella seconda parte dell anno scolastico, anche se alcuni alunni possiedono una preparazione disorganica e non rielaborata. Il progetto Tutor ha contribuito anche in storia a ridurre le carenze e a far superare il debito alla quasi totalità degli studenti. COMPETENZE In varia misura la classe ha conseguito competenze in ordine al: Individuare relazioni in senso diacronico e sincronico tra le conoscenze; Riconoscere la problematicità dell esperienza storica; Possedere un lessico specifico CAPACITÀ La maggior parte degli alunni è in grado di: Contestualizzare un evento storico; Classificare gli eventi secondo categorie spazio-temporali e causali; Riferire con chiarezza i contenuti acquisiti. CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER Unità didattiche e/o Moduli e/o Percorsi formativi ed Eventuali approfondimenti

20 U.D. Modulo Percorso Formativo - approfondimento Periodo 8. TITOLO: La seconda Rivoluzione industriale e l età dell Imperialismo. SETT/OTT. 9. TITOLO: L età giolittiana NOVEMBRE 10. TITOLO: La prima guerra mondiale e il difficile dopoguerra DIC./GENN. 11. TITOLO: L età dei totalitarismi FEBB./MARZO 12. TITOLO: La seconda guerra mondiale APRILE 13. TITOLO: Il sistema bipolare - l epoca della guerra fredda (concetti chiave) MAGGIO 14. TITOLO: L Italia del dopoguerra il miracolo economico (concetti chiave) MAGGIO 15. TITOLO: La contestazione giovanile del 68 MAGGIO Ore effettivamente svolte dal docente nell intero anno scolastico 63 METODOLOGIE (lezione frontale, gruppi di lavoro, processi individualizzati, attività di recuperosostegno e integrazione, ecc.): lezione frontale esercitazioni in classe assegnazione di lavoro individuale domestico richiesta di interventi dal posto lavoro di gruppo lezione con schematizzazioni e mappe concettuali lezione con supporti audiovisivi per approfondimenti e sintesi dei moduli svolti MATERIALI DIDATTICI (Testo adottato, orario settimanale di laboratorio, attrezzature, spazi, biblioteca, tecnologie audiovisive e/o multimediali, ecc.): Libro di testo : Brancati - Pagliarani, Dialogo con la storia, voll. 2-3 Lavagna Appunti TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Specificare: (prove scritte, verifiche orali, test oggettivi, prove grafiche, prove di laboratorio, ecc.): Compiti

21 Interrogazioni Questionari Prove strutturate Simulazioni di prove d esame Sono agli atti i seguenti esempi delle prove e delle verifiche effettuate Compito scritto tip. C Simulazione della terza prova sul tema della città tip.b Prova strutturata 8 maggio 2009 Firma del docente Angela Anastasia Documento di proprietà dell I.P.S.S.. Bartolomeo Montagna di Vicenza.Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati.

22 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Sistema Gestione Qualità D2-11/a Revisione n.1 ALL. A MATERIA Lingua e civiltà Inglese Prof. Marco Florentino classe e indirizzo 5^C TGP anno scolastico 2008/09 CONOSCENZE Gli alunni conoscono gli elementi linguistici di base funzionali ad una comprensione generale del testo ed a una produzione essenziale. Conoscono gli aspetti della cultura e civiltà di lingua anglosassone connessi alla programmazione svolta su nuclei tematici. Conoscono gli argomenti relativi alla comunicazione pubblicitaria e gli elementi specifici del linguaggio pubblicitario relativi alla programmazione svolta. COMPETENZE Nel complesso gli alunni sanno comprendere un testo scritto di livello intermedio e riescono a rispondere a quesiti, sia in forma orale che scritta, sul contenuto e su elementi linguistici di particolare importanza. Sanno riferire in modo semplice su argomenti attinenti ai programmi di civiltà e microlingua, con diversi livelli di autonomia linguistica. Parte degli studenti hanno particolare bisogno di essere guidati nella comunicazione linguistica. Sono in grado di recepire comunicazioni verbali non elaborate e di rispondere in modo pertinente, pur commettendo a volte errori formali che, generalmente, non compromettono la comprensibilità della comunicazione. CAPACITÀ Complessivamente gli alunni sono in grado di collegare i contenuti appresi nella materia ad ambiti disciplinari diversi con differenti livelli di autonomia critica ed espressiva.

23 1.CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: Unità didattiche e/o Moduli e/o Percorsi formativi ed Eventuali approfondimenti U.D. Modulo Percorso Formativo - approfondimento Modulo 1 Technical English for Graphic Design and Advertising. Periodo: settembre/maggio Unità didattiche: da Click on Design Unit 1 What is Graphic Design? Definition Origins Principles and Elements of Graphic Design Graphics and Design AA for Advertising Agency Welcome to Apex Unit 2 Communication Definition Types of communication Elements of communication Why? The Communicative Functions Text messaging AA for Advertising Agency Meeting a new client Unit 4 The tools of Graphic Design: Page layout Definition Layout Elements The Grid Planning the grid Blogging

24 AA for Advertising Agency Briefing Unit 5 Pre-press and desktop publishing Pre-press Desktop publishing Unit 6 Marketing and Advertising Graphics and advertising Marketing Advertising Advertising Campaigns Unit 7 Marketing Literature Art Nouveau Art Nouveau's Artists Bauhaus Unit 8 Graphics in Marketing Literature Display Typography Posters Brochures,Folders, Flyers Modulo 2 Periodo Unità didattiche The Rebel febbraio John Milton Paradise Lost Satan's Speech Jim Morrison An American Prayer, The End R. Lacayo If everyone is hip...anyone is hip 'Time' August 1994 Modulo 3 Periodo Unità didattiche The Town marzo-aprile W. Blake London E. Pound Vorticism 'In a station of the metro'

25 Modulo 4 The Journey Periodo Unità didattiche aprile-maggio The Journey Intro R. Byron Road to Oxiana extracts J. Conrad Heart of Darkness extracts Modulo 5 Periodo MODULO A MODULO B Lingua: struttura, funzioni, vocabolario settembre- aprile Titolo: Money Matters Obiettivi specifici: fare deduzioni; descrivere luoghi; parlare di abilità passate; parlare di azioni in svolgimento nel passato; parlare della vita passata e presente; parlare di soldi e risparmi; parlare di azioni non terminate; parlare delle proprie abilità; scegliere un lavoro; descrivere fatti e processi. Unità didattiche: Units 20, 21, 22, 23, 24. Titolo: Mind, Body and Spirit. Obiettivi specifici: parlare di salute e fitness; di abitudini nel passato; comparare le abilità personali; chiedere e dare consigli; parlare di malattie; immaginare situazioni differenti; esprimere desideri. Unità didattiche: Units 25, 26, 27, 28, 29. Ore effettivamente svolte dal docente al 06/05/ METODOLOGIE Lezione frontale, discussione, ascolto, approfondimento individuale. Punto centrale dell attività didattica è stato il lavoro di comprensione ed analisi dei testi. Questi sono stati sempre letti in classe direttamente o come revisione di compiti da svolgere a casa. La verifica della comprensione è stata svolta, sia in forma scritta che orale, attraverso domande sul testo, chiuse o aperte, ed esercizi di vocabulary. La parte più specificamente orale, partendo generalmente da attività di pre-reading, ha cercato di evidenziare i contenuti significativi del testo con l aiuto di domande mirate e, in un secondo momento, di sviluppare una capacità di esposizione in lingua lineare ed efficace. Le attività di recupero sono state svolte durante le ore curricolari, con un costante ripasso delle strutture linguistiche incontrate e con particolare attenzione agli allievi bisognosi di supporto specifico. E' stata sospesa per due settimane la programmazione didattica dopo gli scrutini di primo termine per attività intensive di recupero. Le verifiche orali sono state sempre intese come momento di consolidamento per tutta la classe della conoscenza degli argomenti trattati.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli