ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE. Via Domizia Lucilla. Sezione ad indirizzo ALBERGHIERO. Roma - via C. Lombroso, 118. Esami di Stato a.s.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE. Via Domizia Lucilla. Sezione ad indirizzo ALBERGHIERO. Roma - via C. Lombroso, 118. Esami di Stato a.s."

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Sezione ad indirizzo ALBERGHIERO Roma - via C. Lombroso, 118 Esami di Stato a.s Documento del Consiglio di Classe V sez. B Indirizzo: Accoglienza Turistica Affisso il 15/05/2015 Il Dirigente Scolastico Professoressa Ida Paladino

2 Componenti del Consiglio di Classe Materia Docente Firma Italiano Storia Inglese Francese Tedesco Economia e tecnica dell azienda turistica Matematica Tecn.com.e rel. Iannuzzo Ada Iannuzzo Ada Turchi Roberta Lombardi Anna Bagnoli Rita Chiavarone Gabriella Migliaccio Gabriella Galeazzi Marina Scienze Alimenti Religione Ed. Fisica degli De Paola Loredana Palizzi Daniela Michelangeli Graziano Tecnica dei serv. e pratica operativa Sostegno Bindo Nicoletta Ceneviva Maurizio 1

3 Elenco degli alunni Alunni 1 Bruni Martina 2 Cagnizi Erica 3 Cerquaglia Giuliano 4 Chiffi Chiara 5 Emruli Fazile 6 Falconi Marta 7 Gallucci Gabriele 8 Hutter Sgandurra Pascal 9 Lombardi Camilla 10 Maisto Saela 11 Mennuni Giulia 12 Moretti Sara 13 Pascu Diana Elena 2

4 1. Presentazione della scuola La scuola è nata nell'anno scolastico 1995/96, come succursale del I I.P.S.S.A.R. di Via di Tor Carbone 53, nella sede dell'ex Liceo Scientifico Castelnuovo, con cinque classi. Dall'anno scolastico 2000/2001 essa si è definita come Istituto Professionale ad indirizzo agro-ambientale ed alberghiero che riunisce due entità scolastiche distinte: la sezione agraria in Via Domizia Lucilla, 76 e la sezione ad indirizzo alberghiero in via Cesare Lombroso 118, con sede distaccata in via Vinci. La sezione alberghiera è attualmente dotata di: - 3 laboratori per le esercitazioni di Sala-Bar, - 3 laboratori per le esercitazioni di Cucina, - 1 laboratorio di pasticceria - 1 laboratorio per le esercitazioni di Accoglienza nella sede centrale e 1 laboratorio a Via Vinci, - 2 laboratori di Informatica, - 2 palestre - 1 aula magna - 1 aula multimediale - 1 biblioteca - Laboratorio linguistico utilizzati per l'attività didattica delle classi che vi operano Organizzazione dei corsi A partire dall anno scolastico 2010/2011 è entrata in vigore la Riforma Gelmini che prevede l articolazione del corso di studi in due bienni e un monoennio finale. Al terzo anno, previo accordo con la Regione Lazio, è previsto l esame di qualifica professionale negli indirizzi di: - Enogastronomia (cucina + pasticceria) - Servizi di sala e di vendita - Accoglienza turistica Nell'Istituto sono attivi i corsi biennali post-qualifica per Tecnico dell attività enogastronomica, tecnico dell attività di sala e vendita e Tecnico dell attività di accoglienza turistica al termine dei quali si sostengono gli Esami di Stato. Il monoennio finale è così strutturato: - 15 ore settimanali di lezione di materie comuni ai tre indirizzi - 17 ore settimanali di lezione di materie specifiche per ciascuno dei tre indirizzi L attività didattica curriculare è arricchita dall esperienza pratica acquisita durante un periodo di tre settimane di stage presso aziende ristorative, strutture ricettive e agenzie di viaggio. Di seguito è riportata la distribuzione oraria delle diverse discipline del biennio post-qualifica per Tecnico di accoglienza turistica. 3

5 Tabella 1: Quadro orario del quarto e quinto anno (accoglienza turistica) Quarto e Quinto anno Tecnico dell accoglienza turistica Area comune Area di indirizzo Materie Ore Italiano 4 Storia 2 Lingua straniera (inglese) 3 Matematica ed informatica 3 Educazione fisica 2 Religione (facoltativa) 1 2^ lingua straniera (francese o tedesco ) 3 Diritto e Tecniche amministrative 5 Scienze e Cultura dell Alimentazione 3 Laboratorio settore Accoglienza Turistica 4 Tecnica di comunicazione e relazione 2 Monte ore settimanali Profilo professionale Il Tecnico dell accoglienza turistica è il responsabile delle attività di turismo nelle varie componenti in cui essa si articola, in rapporto anche alla specifica struttura turistica in cui opera. Egli dovrà, pertanto, avere specifiche competenze nel campo dell'azienda turistica, sia quelle riguardanti il ricevimento che la gestione di una azienda turistica di vario genere. Attraverso le attività di stage, gli allievi devono dimostrare un adeguata capacità professionale acquisita mediante preparazione teorica e tecnico-pratica. 2. Profilo della classe 2.1. Composizione La classe è composta da 13 elementi, 10 ragazze e 03 ragazzi, provenienti dalla stessa scuola classe 4B accoglienza,. In linea di massima tutto il gruppo classe appartiene allo stesso ambiente socio-culturale Frequenza La frequenza degli alunni non è stata sempre regolare 4

6 2.3. Rapporti scuola-famiglia Le famiglie sono state convocate a dicembre e ad aprile per le consuete riunioni scuolafamiglia; la partecipazione dei genitori è stata scarsa, eccetto pochi casi, quasi mai hanno partecipato ai suddetti colloqui pomeridiani, né si sono presentati a quelli antimeridiani Stabilità dei docenti Nel corso del biennio post-qualifica la continuità didattica non è stata garantita in tutte le discipline, la classe ha cambiato, in questo quinto anno, alcuni, come si evidenzia nella tabella. Tabella 2: Stabilità dei docenti Materia IV anno V anno Italiano X X Storia X X Inglese X X Francese Tedesco X X X Y Diritto e tecniche X Y amministrative Matematica X X Scienze e Cultura X X dell Alimentazione Laboratorio settore X X Accoglienza turistica Tecnica com.rel. X Y Religione X X Ed.Fisica X X 2.5. Riflessioni conclusive sulla classe La classe ha sempre avuto un comportamento vivace, ma corretto e rispettoso. Ha partecipato al dialogo educativo in modo discontinuo e frammentario. Per quanto riguarda il profitto si possono distinguere tre fasce: - una prima fascia formata da studenti volenterosi che grazie a uno studio regolare ha raggiunto risultati discreti in tutte le discipline; - una seconda fascia costituita da studenti capaci ma molto discontinui e approssimativi nell impegno raggiunge risultati complessivamente sufficienti in quasi tutte le discipline. - un ultima fascia di studenti che a causa di uno scarso e saltuario impegno non ha colmato le lacune pregresse in alcune discipline, pertanto i risultati sono complessivamente mediocri. 5

7 3. Obiettivi e organizzazione delle attività Il Consiglio di Classe ha prefissato, all inizio dell anno, gli obiettivi educativo-didattici generali e trasversali; sulla base di essi gli alunni sono stati, quindi, stimolati a: - acquisire una maggiore fiducia in se stessi, - partecipare attivamente al proprio processo formativo, - impegnarsi in modo costante, - tendere ad una un equilibrata maturazione della coscienza di sé in un dialettico rapporto con il mondo esterno - sviluppare un metodo di studio efficace che permetta di cogliere i collegamenti fra le varie discipline, - favorire il potenziamento delle capacità logiche, espressive e critiche al fine di affrontare idee, argomenti e contenuti in maniera personale e autonoma - saper analizzare e produrre varie tipologie testuali - acquisire un adeguata conoscenza della realtà complessa e articolata nella quale dovranno vivere e operare, alla luce anche dell esperienza maturata nell area professionalizzante Le attività curriculari e la didattica sono state svolte seguendo sia le procedure tradizionali che quelle modulari. Durante l anno, gli studenti hanno aderito alle iniziative proposte dalla scuola e dai singoli docenti, come si può vedere in dettaglio nella tabella. Tabella 3: Attività integrative STAGE -Attività di ricevimento presso strutture alberghiere e agenzie di viaggi situate a Roma nel mese di dicembre 2014 (dal 01 al 19) ATTIVITÀ CULTURALI - La classe, coinvolta nel progetto intercultura, ha partecipato con grande interesse a conferenze iniziative, incontri e dibattiti inerenti al progetto. Ha lavorato con impegno alla preparazione delle seguenti iniziative: giornata dei Diritti Umani, giornata della Memoria, visita alla Moschea di Roma, corsa di Miguel. Ha seguito incontri presso la Biblioteca Basaglia di Roma. Partecipazioni a seminari della provincia di Roma, e ad attività di orientamento al lavoro PROGETTI CONCORSI -La classe è stata coinvolta nel seminario sulla formazione del lavoro, con il Comune di Roma a Porta Futuro, ha partecipato al progetto Youth Guarantee patrocinato dalla comunità europea, dalla camera del commercio di Roma, dall agenzia obiettivo 6

8 SPORT lavoro, seguendo lezioni frontali, workshop, e simulazioni di colloqui aziendali -partecipazione ai tornei di calcio e pallavolo interni ed esterni alla scuola CORSI DI RECUPERO - In itinere e durante la pausa didattica 4. Tipologia delle attività formative Le attività sono state svolte attraverso tipologie diverse: lezioni frontali, guidate, per problemi, discussioni su temi di interesse particolare, uso del laboratorio informatico e di sala multimediale. Nel corso dell anno sono state svolte, in preparazione all'esame di Stato, simulazioni della I prova, della II prova e della III prova; in queste ultime sono stati utilizzati sia quesiti a risposta aperta che chiusa. Maggiori dettagli su tali simulazioni sono riportati nell'ultima parte del Documento. 5. Valutazione 5.1. Strumenti Gli strumenti per le valutazioni iniziali sono stati diversi per le singole discipline: prove strutturate, a risposte aperte e/o chiuse e verifiche orali. Anche le verifiche intermedie sono state diversificate per le singole discipline come risulta dalla Tabella 4. 7

9 Tabella 4: Strumenti di valutazione Prove a Prove a Saggi Analisi Relazio Soluz. Di Verifi risposte risposta Temi del ni problemi che sia aperte aperta che chiuse testo orali Italiano X X X X X Storia X X Inglese X X X X X Francese X X X X X Geografia X X X Econ.Aziendale X X X X X Storia dell Arte X X X X Matematica X X X Tecnica X X X com.rel. Religione X Ed.Fisica Prove pratiche X 5.2. Criteri Per i criteri di valutazione nelle verifiche orali si è considerato il livello di partenza, i progressi registrati, il raggiungimento degli obiettivi prefissati (quelli generali e quelli relativi alle singole discipline), l applicazione e la partecipazione,secondo la tabella del POF Criteri di Valutazione del processo di apprendimento. Tabella 5: Criteri di valutazione del processo di apprendimento VOTO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA 1-3 Nessuna Nessuna nessuna 4 Molto frammentaria e inadeguata Non sa applicare principi, regole e procedure studiate Non sa risolvere problemi semplici e non ha coscienza delle proprie possibilità 5 Frammentaria e superficiale Applica principi, regole e procedure in modo occasionale e parziale Sa risolvere problemi semplici 8

10 6 Generica con conseguimento degli obiettivi minimi Sa applicare le conoscenze anche se a volte commette errori Sa fare semplici connessioni logiche 7 Completa ma non sempre approfondita Sa applicare le conoscenze anche se con qualche incertezza Sa analizzare e sintetizzare se guidato 8 Completa e approfondita Sa applicare con precisione le conoscenze acquisite Sa analizzare e sintetizzare in maniera autonoma 9 Completa, approfondita e articolata Sa applicare le conoscenze anche in situazioni nuove Sa organizzare in modo completo conoscenze e procedure 10 Completa, approfondita, ricca di spunti personali Sa applicare le conoscenze in situazioni nuove e sa proporre soluzioni alternative Sa organizzare in modo completo e personale conoscenze e procedure 6. Obiettivi raggiunti Per la maggior parte degli alunni sono stati raggiunti gli obiettivi didattici generali delle varie discipline, grazie anche alla capacità di apprendimento sostanzialmente accettabile, per quasi tutti gli alunni. Alcuni componenti della classe, già dallo scorso anno scolastico, hanno acquisito esperienza professionale nel settore turistico, in quanto hanno affiancato allo studio l impegno lavorativo. In dettaglio gli studenti hanno raggiunto, nella maggioranza dei casi e con profitto differenziato, i seguenti obiettivi: conoscono i contenuti generali delle varie discipline; sono in grado di orientarsi nell'ambito di una tematica proposta dimostrando capacità di risolvere semplici situazioni hanno acquisito capacità logico-espressive dimostrano relative capacità di rielaborazione personale e di autonomia nell'interpretazione o nel giudizio. Inoltre la classe ha partecipato sempre con entusiasmo a tutte le attività proposte nel Progetto Intercultura, partecipando a discussioni e a tavole rotonde, dimostrando di possedere maturità e coscienza nei riguardi di certe problematiche che coinvolgono persone socialmente più deboli. 9

11 7. Simulazioni delle prove di Esame 7.1. Prima prova scritta: Italiano Date: 1 : ; Obiettivi: La prova è intesa ad accertare le conoscenze, la padronanza della lingua, nonché le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato, consentendo la libera espressione della personale creatività. I testi utilizzati per le simulazioni sono stati elaborati secondo le indicazioni del Ministero della Pubblica Istruzione per gli Esami di Stato 7.2. Seconda prova scritta: Economia e tecnica dell azienda turistica. Date: 1 : ; Obiettivi: La prova ha lo scopo di accertare il possesso delle conoscenze specifiche della materia da esprimere in modo corretto, completo e con adeguata proprietà di linguaggio. I testi sono allegati al documento 7.3 Terza prova scritta Prima simulazione Data: Tipologia: mista b + c :domande a risposta aperta (due) e domande a risposta chiusa (cinque). Discipline: Inglese- Laboratorio settore accoglienza turistica.- Francese/ Tedesco- Scienze e Cultura dell Alimentazione 10

12 seconda simulazione Data : Tipologia:mista b + c: domande a risposta aperta (due) e domande a risposta chiusa (cinque). Tipologia: mista b+c: domande a risposta aperta (due) a risposta chiusa (cinque). Discipline: Inglese- Laboratorio settore accoglienza turistica.- Francese/ Tedesco- Scienze e Cultura dell Alimentazione Obiettivi: La prova tende ad evidenziare le conoscenze, competenze e capacità acquisite dagli alunni in relazione alle materie dell'ultimo anno di corso I testi delle prove sono allegati al documento Tempo concesso: h

13 ELENCO ALLEGATI: All. A: All. B: All. C: All. D: All. E: Griglie di valutazione Testi delle simulazioni delle prove scritte di Esame Programmi delle singole discipline Relazione lezioni Alternanza Scuola/Lavoro Relazione attività di stage 12

14 Griglia di valutazione Prima Prova Candidato..classe.. Indicatori 1) Padronanza della lingua,capacità espressive e logico linguistiche Punteggio massimo 6 Livello di valore valutazione o Scarso o Mediocre o Sufficiente o Discreto o Buono/Ottimo Punteggio corrispondente Voto attribuito 2) Conoscenza specifica degli argomenti richiesti (aderenza alla traccia) 3) Capacità di organizzare un testo 3 3 o Scarso o Mediocre o Sufficiente o Discreto o Buono/Ottimo o Scarso o Mediocre o Sufficiente o Discreto o Buono/Ottimo 1 1,5 2 2, ,5 2 2,5 3 4) Capacità di elaborazione critica originalità e/o creatività. 3 o Scarso o Mediocre o Sufficiente o Discreto o Buono/Ottimo 1 1,5 2 2,5 3 TOTALE MAX 15 Punteggio complessivo attribuito alla prova: / 15 ( la sufficienza corrisponde al punteggio di 10/15 ) 13

15 Griglia di valutazione seconda prova Candidato Classe Indicatori Comprensione del testo e conoscenza specifica degli argomenti richiesti Uso di lessico ricco ed articolato anche dal punto di vista tecnico e capacità di lavorare in modo autonomo Completezza, analisi e organicità nello sviluppo delle tematiche Punteggi TOTALE PUNTEGGIO EQUIVALENZA IN PRESTAZIONI : Gravemente insufficiente 1-5 Insufficiente 6-9 Sufficiente 10 Più che sufficiente Buono Ottimo 15 14

16 Griglia di valutazione terza prova Candidato.Classe La valutazione della prova di ogni singola disciplina è in quindicesimi. Un punto per ogni risposta a scelta multipla esatta, cinque punti per ogni quesito a risposta singola esatta. Assegnata la valutazione in quindicesimi alla prova di ogni disciplina si fa la media aritmetica dei risultati parziali. Tabella valutazione prima risposta aperta Punteggio massimo Conoscenza 2 Argomenti Approfondimento 2 Capacità di sintesi Uso corretto della 1 Terminologia TOTALE 5 FRANCESE TEDESCO ALIMENTAZIONE ACCOGLIENZA TURISTICA INGLESE Tabella valutazione seconda risposta aperta Punteggio massimo Conoscenza 2 Argomenti Approfondimento 2 Capacità di sintesi Uso corretto della 1 Terminologia TOTALE 5 FRANCESE TEDESCO ALIMENTAZIONE ACCOGLIENZA TURISTICA INGLESE Tabella valutazione risposte chiuse Punteggio massimo FRANCESE TEDESCO ALIMENTAZIONE ACCOGLIENZA TURISTICA INGLESE Risposte chiuse esatte Valutazione totale per disciplina 5 PUNTEGGIO ASSEGNATO../15 15

17 Indice - COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE ELENCO DEGLI ALUNNI PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA ORGANIZZAZIONE DEI CORSI PROFILO PROFESSIONALE PROFILO DELLA CLASSE COMPOSIZIONE FREQUENZA RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA STABILITÀ DEI DOCENTI RIFLESSIONI CONCLUSIVE SULLA CLASSE OBIETTIVI E ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ RELATIVE TIPOLOGIA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE VALUTAZIONE STRUMENTI CRITERI OBIETTIVI RAGGIUNTI SIMULAZIONI DELLE PROVE DI ESAME PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO SECONDA PROVA SCRITTA: ECONOMIA E TECNICA DELL'AZIENDA TURISTICA TERZA PROVA SCRITTA ELENCO ALLEGATI: ALL. A: GRIGLIE DI VALUTAZIONE... ALL. B: TESTI DELLE SIMULAZIONI DELLE PROVE SCRITTE DI ESAME... ALL. C: PROGRAMMI DELLE SINGOLE DISCIPLINE ALL. D: ALL. E: RELAZIONE DI ATTIVITA ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO RELAZIONE DELL ATTIVITA DI STAGE.. 16

18 I.I.S.S. "Via Domizia Lucilla" Via Cesare Lombroso, Roma Prof. Palizzi Daniela Insegnante di Religione Classe VB accoglienza Anno Scolastico Programma didattico 1) La vita come progetto: verso la maturità A) La vita come impegno e costruzione del futuro B) La religione come ispirazione di progetti sociali C) I caratteri distintivi della religione D) Le ipotesi sulle origini della religione 2) Abramo padre delle tre religioni monoteiste A) L'Ebraismo B) Il testo Sacro: L'Esodo con riferimento alla terra d'israele C) La Shoàh 3) La bioetica: A) La dignità della persona umana B) La coscienza etico-religiosa 4) Cristianesimo e impegno sociale I principi fondamentali della dottrina sociale A) Il principio di solidarietà B) Il principio del bene comune 5) Ecumenismo e religioni non cristiane Cultura della tolleranza e dialogo interreligioso 6) I diritti umani 7) Il rapporto della chiesa con il mondo contemporaneo: accenni ai totalitarismi del novecento e al loro crollo, alla globalizzazione e migrazione dei popoli, alle nuove forme di comunicazione.

19 I.I.S.S. DOMIZIA LUCILLA Via Cesare Lombroso 118 ROMA Anno scolastico Classe 5 A Accoglienza Turistica Classe 5 B Accoglienza Turistica PROGRAMMA DI LIN GUA FRANCESE La géographie touristique La France politique Savoir présenter une ville Venise : Rome : la situation géographique, l histoire, les monuments et les manifestations, la gastronomie.excursions. la situation géographique, les vestiges romains, la Renaissance, le Baroque. Manifestations culturelles Savoir présenter une région Provence-Alpes-Cote d Azur : Bretagne Alsace Trentin Haut Adige Sicile la situation géographique, l histoire, les attraits touristiques, les manifestations culturelles,l économie, l artisanat, les villes. La situation géographique, l histoire, les chateaux, les villes les traditions et les manifestations culturelles, l économie. La situation géographique, l histoire, l économie, les villes, manifestations culturelles, la»route des vins» La situation geographique,les attraits, les Dolomites La situation géographique, l histoire, les attraits touristiques, manifestations culturelles et les achats, la gastronomie. Excursions. Voyages dans le monde Martinique et Guadeloupe : la situation géographique, le climat, l histoire, la population, la langue et la religion, l économie, les attraits touristiques. Organisation de circuits touristiques et itinéraires dans une région et dans une ville GLI STUDENTI IL DOCENTE Prof. Anna Lombardi

20

21 I.I.S. VIA DOMIZIA LUCILLA PROGRAMMA DI TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE Docente: Marina Galeazzi Anno scolastico Classe 5 B accoglienza Modulo 1: La comunicazione efficace Intelligenza emotiva ed assertività, l'ascolto attivo, il modello ecologico di comunicazione. Modulo 2: La comunicazione sociale Le caratteristiche della comunicazione di massa Comunicazione interpersonale, comunicazione di massa e new media Il linguaggio dei media. Modulo 3: Le comunicazioni efficaci in azienda I vettori della comunicazione aziendale Le comunicazioni interne Le pubbliche relazioni e l'atmosfera tecnologica aziendale. Modulo 4: Il linguaggio del marketing L'evoluzione del concetto di marketing Il maketing relazionale, la costumer satisfaction e la fidelizzazione del cliente L'immagine aziendale, la marca o brand L'anali swot, la mission, il piano marketing e le sue strategie La segmentazione del mercato, il positioning, la qualità del prodotto e il packging Il ciclo di vita di un prodotto. Modulo 5: La comunicazione pubblicitaria Il linguaggio pubblicitario: scopi, limiti e strategie Trasferire agli oggetti la personalità del target L'efficacia comunicativa di un messaggio pubblicitario La retorica del linguaggio pubblicitario.

22 I.I.S. Domizia Lucilla Via Cesare Lombroso 118 Roma DIPARTIMENTO DI LABORATORIO DI SERVIZI DI ACCOGLIENZA TURISTICA Disciplina Laboratorio di servizi di accoglienza turistica CLASSE QUINTA B Area d indirizzo - LABORATORIO DEI SER- VIZI DI ACCOGLIENZA TURISTICA DOCENTE: Bindo Nicoletta A.S. 2014/2015 BLOCCI TEMATICI ARGOMENTI/TEMATICHE CONOSCENZE COMPETENZE E ABILITA METODOLOGIA E STRU- MENTI DI VERIFICA L ALBERGO E IL MARKE- Concetto di marketing, mar-analizzarketing il marketing TING mix e il ciclo di vita mix di una struttura ricet- Il marketing Il web marketing Il piano di marketing del prodotto tiva Impostare una campagna Il marketing applicato al settore ricettivo L uso di internet come strumento di marketing Struttura e contenuti del piano di marketing di web marketing Impostare un piano di marketing Lezione frontale Didattica laboratoriale Cooperative learning Problem solving Simulazione di casi Verifiche orali Relazioni LA VENDITA DEI SERVIZI ALBERGHIERI La comunicazione Il pricing alberghiero L intermediazione on line La comunicazione d impresa Promuovere i servizi della struttura ricettiva utilizzando appropriate tecni- Le tecniche di tariffazione dei servizi alberghieri che comunicative I servizi di intermediazione Cogliere gli aspetti salienti sul web delle politiche tariffarie e di revenue management Individuare e valorizzare le migliori strategie di vendita sul web Lezione frontale Didattica laboratoriale Problem solving Verifiche orali Relazioni

23 L ALBERGATORE E LE SUE LEGGI Apertura e cessazione di un attività ricettiva Regolamentazione dei rapporti con il cliente La classificazione alberghiera Le procedure di comunica-adempierzione gli obblighi Lezione frontale di inizio e fine attività burocratici richiesti per Didattica laboratoriale avviare, trasformare o Cooperative learning I diritti e i doveri cessare un attività ricetti-probleva solving dell albergatore in ogni fase del ciclo cliente Simulazione Verifiche orali di casi Gestire i rapporti con i Relazioni Lo stato dell arte della clienti nel rispetto della classificazione alberghiera e normativa attinente al l Italy Stars & Rating settore turistico-ricettivo Valutare le caratteristiche e i servizi di una struttura alberghiera al fine della sua classificazione secondo il sistema delle stelle LA DIREZIONE La formazione del direttore Interpretare al meglio il Lezione frontale DELL ALBERGO La professione del direttore d albergo proprio ruolo all interno Didattica laboratoriale dell azienda in cui si lavo-cooperative learning d albergo Le mansioni del direttore ra Apprendimento con La gestione delle risorse d albergo Valutare le politiche del rinforzo umane personale adottate dalle Problem solving Principi chiave della corretta imprese Simulazione di casi (role gestione del personale Relazionarsi in modo posi-playingtivo con i colleghi di lavo-esercitazioni speciali L outsourcing nel comparto ro alberghiero Verifiche orali Relazioni Gli alunni il docente

24 Istituto Professionale Alberghiero Domizia Lucilla Via Cesare Lombroso 118 Roma Programma di Matematica A.S. 2014/2015 Classe 5 B indirizzo accoglienza Prof.ssa Gabriella Migliaccio MODULO 1 FUNZIONI E DIAGRAMMI MODULO 2 NOZIONI DI TOPOLOGIA SU R MODULO 3 LIMITI DI FUNZIONI Funzioni o applicazioni. Funzioni suriettive, iniettive e biiettive. Richiami sulle disequazioni algebriche Le funzioni algebriche razionali intere, razionali fratte, irrazionali intere e fratte. Funzioni pari e dispari Funzioni crescenti o decrescenti Richiami sui numeri reali. Intervalli. Estremo superiore e estremo inferiore di un insieme limitato di numeri reali. Intorno di un numero o di un punto. Numeri o punti di accumulazione. Punti interni, esterni, isolati Premessa alla teoria del limite di una funzione. Concetto di limite di una funzione. Limite finito quando x tende ad un numero finito. Limite finito quando x tende ad infinito. Limite infinito quando x tende ad un numero finito. Limite infinito quando x tende ad infinito. Forme indeterminate: Forma 0 λ 0 + ; 0 Asintoti verticali Asintoti orizzontali MODULO 5

25 FUNZIONI CONTINUE Funzioni continue in un punto. MODULO 6 DERIVATE DELLE FUNZIONI MODULO 7- STUDIO DI UNA FUNZIONE ( razionale intera e fratta e irrazionale intera e fratta) Rapporto incrementale di una funzione Definizione di derivata Calcolo della derivata di una funzione in un punto, applicando la definizione Significato geometrico della derivata Derivata di alcune funzioni elementari: D(c); D(x); D(x n ). Derivata di una somma, di un prodotto e di un quoziente Punti di massimo e minimi relativi di una funzione Studio del massimo e del minimo delle funzioni a mezzo della derivata prima Determinazione del Campo di Esistenza o Dominio Eventuali simmetrie rispetto all asse y o all origine degli assi coordinati Eventuali intersezioni della curva con gli assi coordinati Studio della positività della funzione Ricerca degli eventuali asintoti della curva Calcolo di f (x) per lo studio dei massimi e minimi Grafico della funzione Roma /05/2015 ALUNNI DOCENTE

26 PROGRAMMA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s. 2014/2015 CLASSE V SEZ. B accoglienza I.I.S. DOMIZIA LUCILLA 1) Potenziamento fisico e stretching 2) Giochi di squadra 3) Studio del cuore e circolazione sanguigna 4) Esercitazioni competitive 5) Tecniche di arbitraggio 6) Esercizi a carico naturale e con sovraccarico Roma 04/05/2015 Prof. Graziano Michelangeli

27 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Domizia Lucilla Programma di Tedesco A.S INDIRIZZO: Accoglienza CLASSE: V B Primo Quadrimestre Argomenti Titolo Durata Ore 1 Riepilogo Corrispondenza Turistica: definizioni e funzioni 12 2 Presentazione: Frankfurt am Main 10 3 Tipologia di Anzeige per Alberghi e/o Ostelli. 10 Verifiche Scritte effettuate il 22 Ottobre 2014 e 14 Gennaio 2015 Totale delle ore effettuate Primo Quadrimestre (escluso attività di stage) 32 Secondo Quadrimestre Argomenti Titolo Durata Ore 1 Riepilogo Argomenti e Pausa Didattica 6 2 Approfondimenti e Verifiche 8 3 Presentazione: München in Bayern 6 4 Presentazione: Wien in Österreich 5 5 Presentazione: die Schweiz 5 Verifiche Scritte effettuate il 13 Marzo e 29 Aprile 2015 Totale delle ore effettuate Secondo Quadrimestre 30 Roma, 9 Maggio 2015 Rita Bagnoli

28 n AJA 06/10024 RELAZIONE ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO MODULO ORIENTAMENTO AL LAVORO Nel corso degli anni scolastici 2013/2014 e 2014/2015 si sono svolte le attività relative al Modulo Orientamento al lavoro per la classe V B dell Istituto Statale Alberghiero Domizia Lucilla indirizzo accoglienza turistica che si sono concluse il giorno mercoledì 24 Febbraio Le attività si sono svolte secondo il calendario concordato con il tutor scolastico durante le attività di informazione e di sensibilizzazione. Durante i 3 incontri sono stati sviluppati i seguenti contenuti: 1.1 Il Bilancio delle competenze 1.2 La ricerca del lavoro: strategie e canali per trovare lavoro 1.3 Il Curriculum Vitae: contenuti e struttura Durante le ore di attività frontale ciascuno studente ha redatto il proprio bilancio delle competenze definendo le proprie aree del sapere, saper fare e saper essere.ogni studente ha quindi successivamente redatto il proprio Curriculum Vitae in formato europeo che è stato sottoposto, dai consulenti della ISM, alle aziende per valutare le opportunità di inserimento professionale. Gli studenti attraverso lo svolgimento delle attività frontali hanno: - definito il proprio bilancio delle competenze - redatto il proprio Curriculum Vitae in formato europeo Questi incontri si sono svolti all interno dell Istituto con i consulenti aziendali della società Impresa Sviluppo & Management. Roma 10/05/2015

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE. Via Domizia Lucilla. Sezione ad indirizzo ALBERGHIERO. Roma - via C. Lombroso, 118. Esami di Stato a.s.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE. Via Domizia Lucilla. Sezione ad indirizzo ALBERGHIERO. Roma - via C. Lombroso, 118. Esami di Stato a.s. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Sezione ad indirizzo ALBERGHIERO Roma - via C. Lombroso, 118 Esami di Stato a.s. 2014-2015 Documento del Consiglio di Classe V sez. A Indirizzo: Accoglienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Maffeo Pantaleoni Frascati

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Maffeo Pantaleoni Frascati Maffeo Pantaleoni Frascati DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZ. F Anno scolastico 2010-2011 INDIRIZZO: TECNICO DEI SERVIZI SOCIALI DIRIGENTE SCOLASTICO: Prof.ssa Maddalena Venditti INDICE 1.

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I ISIS Guido Tassinari Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe IV sezione I è costituita da un gruppo di 21 allievi

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI Laboratorio di Accoglienza Turistica Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSI 1e -

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE Prof. Materia: L.O.G.S.R. Classe 5 RISTORAZIONE sez. Anno scolastico: 2011/2012 SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE Conoscenze n. Competenze / Capacità n. Espressione

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione DALLA SCUOLA AL LAVORO (ALTERNANZA) Compito prodotto Realizzare una relazione tecnica sulla ALTERNANZA Competenze mirate assi culturali cittadinanza professionali Asse dei linguaggi -Individuare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 7 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA INDIRIZZO AFM, RIM, SIA CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alemagna, Bartalotta, Bergamaschi, Mangione NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE I

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 4^BCAT Costruzioni Ambiente Territorio IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe collaborativa e nel complesso disciplinata. La classe

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

Profilo dell'istituto e della sua offerta formativa

Profilo dell'istituto e della sua offerta formativa 1 Profilo dell'istituto e della sua offerta formativa L'Istituto svolge la sua azione formativa in un contesto socio-economico-culturale ove si avverte la necessità di una figura di settore adeguatamente

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V sez. B corso Odontotecnico Redatto il 10/05/2013 Anno scolastico 2012/2013 1 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIALI GALILEO GALILEI DI ORISTANO CLASSE 5 A ODONTOTECNICO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA RANIERI ANTONELLI COSTAGGINI RIETI

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA RANIERI ANTONELLI COSTAGGINI RIETI ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA RANIERI ANTONELLI COSTAGGINI RIETI Data: DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ED EDUCATIVE ESAME

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI ISTITUTO DI ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA CAVALESE (TN) INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI REDATTO A.S. 2012-2013 PREMESSA Ai sensi

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE. a.s. 2014 2015

GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE. a.s. 2014 2015 GUIDA ALL ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE a.s. 2014 2015 La seguente guida è un attento resoconto del documento fornito dalla Regione, prot. N 4128 del 28/04/2015 Gli esami di qualifica si articolano

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI Laboratorio di Accoglienza Turistica Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE 5 - Servizi

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2015/2016 Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI IL COORDINATORE DELLA CLASSE

Dettagli

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE Via Bisceglie s.n.c. 76123 - Andria (BT) PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 elaborato secondo le indicazioni

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE: QUARTA

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

a.s. 2015/2016 Prof.ssa MARIA GRAZIA SCIABICA

a.s. 2015/2016 Prof.ssa MARIA GRAZIA SCIABICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATEMATICA 1 a B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING a.s. 2015/2016 Prof.ssa MARIA GRAZIA SCIABICA FINALITA' L'insegnamento della Matematica nel primo biennio degli Istituti Tecnici

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 4BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE «Ranieri Mario COSSAR - Leonardo da VINCI» Settori: Servizi - Industria e Artigianato Istruzione e Formazione Professionale 34170 GORIZIA sede legale Viale Virgilio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 1

UNITA DI APPRENDIMENTO 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate assi culturali professionali cittadinanza A TUTTA BIRRA Guida a un uso consapevole delle bevande alcoliche Realizzazione di una guida alle

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 5 26/01/2015 14.12 PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ QUINTO ANNO TCNICO PR IL TURISMO 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Discipline turistiche e aziendali DOCNTI: Claudia Paccagnella Competenze da conseguire

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

FONDAZIONE IKAROS Via Avis Aido, 24054 CALCIO (BG) Anno scolastico 2014-2015 ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

FONDAZIONE IKAROS Via Avis Aido, 24054 CALCIO (BG) Anno scolastico 2014-2015 ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE FONDAZIONE IKAROS Via Avis Aido, 24054 CALCIO (BG) Anno scolastico 2014-2015 ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SERVIZI COMMERCIALI INDICE PREMESSA pag. 4 1 PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LA NOSTRA IDENTITÀ Liceo Linguistico Regina Mundi Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti Siamo impegnati a verificare

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "OSCAR ROMERO" Viale Papa Giovanni XXIII n. 25-10098 RIVOLI -Tel. 0119586761-0119589358 fax n. 0119561160 Sito web:www.romero.it E-mail didattica@.romero.it / amministrativa@romero.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PIANO PER ASSI COLTURALI CLASSE SECONDA

PIANO PER ASSI COLTURALI CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI "G. MARCONI" PENNE (PE) PIANO PER ASSI COLTURALI CLASSE SECONDA A.S. 2014 2015 Consiglio della classe Indirizzo 2^ A Amministrazione Finanza e Marketing

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANTONELLA TERRASI CLASSE: 2 C TURISTICO A.S.: 2014/2015 DATA: 24/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Coordinatore di classe: LUISE CARMELA Presentazione sintetica della classe 1) Storia del triennio 2) Attività di recupero 3) Profilo

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Classe 3 Sez D Materia : Matematica Docente: Angelini Antonella Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-2010 Contratto Formativo Individuale 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze

Dettagli

Indirizzo Economico Aziendale

Indirizzo Economico Aziendale Indirizzo Economico Aziendale esperienze professionalizzanti L istituto in breve la sua storia L istituto d Istruzione Superiore L. da Vinci di Umbertide è l unico, nel vasto territorio dell Alta Umbria,

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

BIENNIO POST-QUALIFICA (classe quarta e quinta) DIPLOMA DI MATURITA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI RISTORATIVI

BIENNIO POST-QUALIFICA (classe quarta e quinta) DIPLOMA DI MATURITA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI RISTORATIVI BIENNIO POST-QUALIFICA (classe quarta e quinta) Il nuovo corso post-qualifica è finalizzato alla specializzazione nel settore e si integra con il sistema di formazione professionale regionale. La terza

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

CONSIGLIO di CLASSE 1^ SEZ L

CONSIGLIO di CLASSE 1^ SEZ L A. S. 2014/2015 SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE SProgCdc PEC CONSIGLIO di CLASSE 1^ SEZ L MATERIA DOCENTE firma 1 Lingua e Lett. Italiana Grimoldi Maria 2 Lingua Latina Grimoldi Maria

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: TRIMBOLI SILVIA Classe: 4 Indirizzo: Istituto Tecnico per il Turismo orientamento sportivo Ore di insegnamento

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G. GALILEI" - MACERATA a.s. 2014-2015. Contratto formativo

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI - MACERATA a.s. 2014-2015. Contratto formativo LICEO SCIENTIFICO STATALE "G. GALILEI" - MACERATA a.s. 2014-2015 Prof.: ANGELO ANGELETTI Disciplina: MATEMATICA Classe: 3M Contratto formativo 1. Analisi della classe Una prova d ingresso svolta all inizio

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli