Standard Joint Commission International per l'accreditamento degli Ospedali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Standard Joint Commission International per l'accreditamento degli Ospedali"

Transcript

1 Data di entrata in vigore 1 Aprile 2014 Standard Joint Commission International per l'accreditamento degli Ospedali Italian Inclusi gli Standard per Centri Medici Ospedalieri Universitari Quinta Edizione

2 Joint Commission International Una divisione di Joint Commission Resources, Inc. La missione di Joint Commission International (JCI) è migliorare la sicurezza e la qualità dell'assistenza sanitaria in ambito internazionale, fornendo pubblicazioni e servizi di formazione, consulenza e valutazione. I programmi di formazione e le pubblicazioni di Joint Commission Resources sono di supporto, ma costituiscono risorse separate e distinte dalle attività di accreditamento di Joint Commission International. Frequentare i programmi di formazione e acquistare le pubblicazioni di Joint Commission Resources non dà luogo a trattamenti privilegiati o all'accesso a informazioni riservate in relazione al processo di accreditamento Joint Commission International Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, in qualunque forma o con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta dell'editore. Stampata negli Stati Uniti Le richieste di autorizzazione alla copia di qualsiasi parte della presente pubblicazione devono essere inviate a: Permissions Editor Department of Publications Joint Commission Resources One Renaissance Boulevard Oakbrook Terrace, Illinois USA ISBN: Per ulteriori informazioni su Joint Commission Resources, visitare il sito Web Per ulteriori informazioni su Joint Commission International, visitare il sito Web

3 Sommario Prefazione... v Panel di Esperti degli standard... vii Introduzione... 1 Requisiti generali di idoneità... 7 Sezione I: Requisiti di Partecipazione all'accreditamento... 9 Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR) Sezione II: Standard Centrati sul Paziente Obiettivi Internazionali per la Sicurezza del Paziente (IPSG) Accesso all Assistenza e Continuità delle Cure (ACC) Diritti del Paziente e dei Familiari (PFR) Valutazione del Paziente (AOP) Cura del Paziente (COP) Trattamento Anestesiologico e Chirurgico (ASC) Gestione e Utilizzo dei Farmaci (MMU) Educazione del Paziente e dei Familiari (PFE) Sezione III: Requisiti di gestione dell'organizzazione sanitaria Miglioramento della Qualità e Sicurezza del Paziente (QPS) Prevenzione e Controllo delle Infezioni (PCI) Governance, Leadership e Indirizzamento (GLD) Sicurezza e gestione delle Infrastrutture (FMS) Educazione e Qualifiche del Personale (SQE) Gestione delle Informazioni (MOI) Sezione IV: Standard per centri medici ospedalieri universitari Educazione dei Professionisti Medici (MPE) Programmi di Ricerca con Soggetti Umani (HRP) iii

4 STANDARD JOINT COMMISSION INTERNATIONAL PER L'ACCREDITAMENTO DEGLI OSPEDALI, QUINTA EDIZIONE Riepilogo delle principali politiche di accreditamento Glossario Indice iv

5 Prefazione Joint Commission International (JCI) è molto lieta di presentare la quinta edizione degli standard internazionali per gli ospedali. I nostri clienti hanno indicato ripetutamente e senza ombra di dubbio che vogliono standard che siano impegnativi ma raggiungibili e che siano mirati a garantire la sicurezza e la qualità dell'assistenza fornita ai pazienti. Abbiamo quindi sviluppato questi standard che riteniamo rispondano a tali esigenze. Questa edizione include un numero inferiore di standard e requisiti rispetto a quelli definiti nella seconda edizione degli standard, pubblicata nel Abbiamo infatti aggregato i requisiti simili, eliminato alcuni requisiti che non ritenevamo essenziali per assicurare risultati migliori e riorganizzato il contenuto tra i capitoli per garantire una presentazione più logica e fluida dei requisiti. Abbiamo inoltre fornito più esempi di conformità agli intenti degli standard per chiarire il significato dei requisiti. Abbiamo infine aggiunto due capitoli sugli standard per centri medici ospedalieri universitari, consolidando e centralizzando tutti i requisiti per le organizzazioni ospedaliere. Per tutti i suggerimenti e i commenti forniti, siamo riconoscenti al nostro stimato Panel di Esperti degli standard, che ha esaminato gli standard e ci ha consigliato e guidato nella loro stesura. Siamo anche grati ai nostri clienti, che hanno partecipato numerosi alle nostre revisioni sul campo, e hanno confermato che gli standard da noi proposti stanno dando i risultati desiderati, ma ci hanno anche spinto a porre maggiore enfasi e approfondire altri requisiti, spronandoci a produrre standard migliori e maggiormente incentrati sui pazienti. Speriamo che l'impegno dedicato alla creazione di questa edizione degli standard sia apprezzato. Come sempre, siamo lieti di ricevere commenti, che contribuiscono alla stesura di questi documenti. Paula Wilson Presidente e CEO Joint Commission International e Joint Commission Resources v

6 Panel di Esperti degli standard Dana Alexander, RN, MBA, MSN, FHIMSS, FAAN Colorado Springs, Colorado, USA Heleno Costa Jr., RN Rio de Janeiro, Brasile Brigit Devolder, MS Leuven, Belgio Samer Ellahham, MD, FACP, FACC, FAHA, FCCP, ASHCSH Abu Dhabi, EAU Hossam E.M. Ghoneim, MB, BCh, MSc, MD, FRCOG, HMD Jeddah, Regno di Arabia Saudita Paul B. Hofmann, DrPH, FACHE Moraga, California, USA Annette Jolly Kilkenny, Irlanda Stanley S. Kent, MS, RPh, FASHP Evanston, Illinois, USA Tamra Minnier, RN, MSN, FACHE (presidente) Pittsburgh, Pennsylvania, USA Kim Montague, AIA, EDAC, LEED BD+C, NCARB Novi, Michigan, USA Angela Norton, MA, PGCE, RHV, RM, RN Cheshire, Inghilterra, Regno Unito Voo Yau Onn, MBBS, MMed(PH), FAMS Singapore Chung-Liang Shih, MD, PhD Taipei, Taiwan Paula Vallejo, PhD Madrid, Spagna Jorge Augusto Vasco Varanda Lisbona, Portogallo Joint Commission International ringrazia inoltre Ana Tereza Cavalcanti de Miranda, MD, PhD, MBA, Rio de Janeiro, Brasile, per il suo contributo al Panel di Esperti degli standard. vii

7 Introduzione La quinta edizione del manuale degli Standard Joint Commission International per l'accreditamento degli Ospedali contiene gli standard, gli intenti, i fattori misurabili, un riepilogo delle principali modifiche apportate nella presente edizione degli standard Joint Commission International (JCI), un riepilogo delle principali politiche e procedure per l'accreditamento, un glossario dei termini chiave e un indice. Lo scopo di questa Introduzione è fornire informazioni relative a: Le origini degli standard La logica con cui gli standard sono organizzati Le modalità di utilizzo del manuale degli standard Le novità della presente edizione del manuale Se, dopo aver consultato il manuale, fossero necessari chiarimenti sugli standard o sul processo di accreditamento, è possibile contattare JCI ai seguenti recapiti: Come sono stati sviluppati e perfezionati gli standard per la quinta edizione? Un panel di 13 esperti degli standard, costituito da medici, infermieri, amministratori e professionisti nella stesura di politiche pubbliche di grande esperienza, ha guidato lo sviluppo e la revisione degli standard di accreditamento JCI. I membri del panel provengono dalle principali aree geografiche e il loro lavoro viene perfezionato mediante: Gruppi mirati costituiti da organizzazioni leader con accreditamento JCI e altri esperti nel settore sanitario di 16 paesi Una revisione internazionale sul campo degli standard Indicazioni di esperti e altre persone competenti nelle singole materie Continue ricerche nelle pubblicazioni di settore per determinare le predominanti pratiche sanitarie Come sono organizzati gli standard? Gli standard sono organizzati attorno alle funzioni importanti comuni a tutte le organizzazioni sanitarie. L'organizzazione degli standard in base alle funzioni è quella al momento più ampiamente utilizzata in tutto il mondo ed è stata convalidata da studi scientifici, sperimentazioni e applicazioni. Gli standard sono raggruppati per funzioni in relazione all'erogazione dell'assistenza sanitaria: quelli pertinenti alla sicurezza, all'efficacia e alla buona gestione dell'organizzazione, e, limitatamente ai centri medici ospedalieri universitari, quelli pertinenti all'educazione dei professionisti medici e ai programmi di ricerca con soggetti umani. Gli standard si applicano sia all'intera organizzazione, che ai singoli reparti, unità operative o servizi al suo interno. Durante la visita di accreditamento vengono raccolte informazioni sulla conformità agli standard in tutta l'organizzazione e la decisione di accreditamento si basa sul livello complessivo di conformità riscontrato all'interno dell'organizzazione. 1

8 STANDARD JOINT COMMISSION INTERNATIONAL PER L'ACCREDITAMENTO DEGLI OSPEDALI, QUINTA EDIZIONE Cosa sono gli standard su Educazione dei Professionisti Medici e Programmi di Ricerca con Soggetti Umani e per quali organizzazioni sono applicabili? Gli standard su Educazione dei Professionisti Medici (MPE) e Programmi di Ricerca con Soggetti Umani (HRP) per centri medici ospedalieri universitari sono stati sviluppati e pubblicati per la prima volta nel 2012 in riconoscimento della specificità di questi centri per l'educazione dei professionisti sanitari e per la ricerca su soggetti umani nelle varie comunità e paesi. Questi standard offrono anche un quadro di riferimento per integrare l'educazione di professionisti medici e la ricerca su soggetti umani nelle attività volte a garantire la sicurezza e la qualità di assistenza dei pazienti all'interno di centri medici ospedalieri universitari. Se non incluse deliberatamente nel quadro di riferimento qualitativo, le attività didattiche e di ricerca spesso passano inosservate quando si conducono controlli allo scopo di migliorare la qualità dell'assistenza fornita ai pazienti. Gli standard sono suddivisi in due capitoli, in quanto l'educazione dei professionisti medici e la ricerca clinica di solito sono organizzate e amministrate separatamente all'interno dei centri medici didattici. Tutti gli ospedali che soddisfano i criteri di idoneità e sono conformi ai requisiti esposti in questi due capitoli, oltre che agli altri requisiti descritti nella quinta edizione del manuale, riceveranno l'accreditamento in base agli standard JCI per i centri medici ospedalieri universitari. Le organizzazioni con domande relative alla propria idoneità per l'accreditamento per centri medici ospedalieri universitari possono contattare l'ufficio centrale responsabile dell'accreditamento JCI all'indirizzo Gli standard sono a disposizione della comunità internazionale? Sì. Questi standard sono disponibili al pubblico internazionale per l'utilizzo da parte di singole organizzazioni sanitarie e di agenzie pubbliche per il miglioramento della qualità dell'assistenza fornita ai pazienti. È possibile scaricare gratuitamente l'elenco degli standard dal sito Web di JCI per valutarne l'adattabilità alle esigenze dei singoli paesi. La traduzione e l'utilizzo del manuale degli standard così come pubblicato da JCI necessitano dell'autorizzazione di JCI. Come regolarsi nel caso in cui esistano leggi nazionali o locali correlabili a uno standard? Nei casi in cui una legge o una normativa trattino argomenti regolati anche da uno standard, viene considerato applicabile, tra legge e standard, quello tra i due che stabilisce i requisiti più stringenti. Ad esempio, se uno standard JCI sulla documentazione dei servizi nella cartella clinica è più stringente rispetto a uno standard nazionale del ospedali, viene applicato lo standard JCI. Come si utilizza questo manuale? Il manuale degli standard internazionali può essere utilizzato per: guidare la gestione efficiente ed efficace di un'organizzazione sanitaria; guidare l'organizzazione e l'erogazione dei servizi sanitari e le iniziative di miglioramento della qualità e dell'efficienza di tali servizi; riesaminare le funzioni importanti di un'organizzazione sanitaria; imparare a conoscere gli standard che tutte le organizzazioni devono soddisfare per essere accreditate da JCI; 2

9 INTRODUZIONE rivedere le aspettative di conformità degli standard e i requisiti aggiuntivi che si trovano nel relativo intento; conoscere le politiche e le procedure di accreditamento e il processo di accreditamento; acquisire familiarità con la terminologia utilizzata nel manuale. Di seguito sono descritti in dettaglio i requisiti JCI per ogni categoria. In questo manuale sono riepilogate anche le politiche e le procedure JCI. Tenere presente che non viene fornito l'elenco completo delle politiche, né tutti i dettagli relativi a ciascuna politica. Le politiche JCI correnti sono pubblicate sul sito Web pubblico di JCI all'indirizzo Dopo i capitoli sugli standard sono riportati un glossario dei termini più importanti e un indice dettagliato. Categorie dei requisiti di JCI I requisiti di JCI sono descritti in queste categorie: Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR) Standard Intenti Fattori misurabili (ME) Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR) La sezione Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR), introdotta in questa edizione del manuale JCI, illustra i requisiti specifici per la partecipazione al processo di accreditamento e per il mantenimento dell'accreditamento. Gli ospedali devono essere sempre conformi ai requisiti elencati in questa sezione durante il processo di accreditamento. I Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR) non vengono però valutati come gli standard durante la visita di accreditamento in situ e gli ospedali risultano semplicemente conformi o meno agli APR. Se un ospedale non risulta conforme a un requisito APR specifico, dovrà conformarsi o rischierà di perdere l'accreditamento. Standard Gli standard JCI definiscono le prestazioni previste, le strutture e le funzioni che devono far parte della realtà dell'ospedale che desidera ottenere l'accreditamento JCI. Gli Obiettivi Internazionali per la Sicurezza del Paziente (IPSG) di JCI sono considerati degli standard e vengono valutati come tali nella visita di accreditamento in situ. Intenti L'intento dello standard illustra il significato completo dello standard. L'intento descrive lo scopo e la logica dello standard, illustrando come lo standard si inserisce nel programma generale, come stabilisce i parametri per i requisiti e come "dipinge un quadro" dei requisiti e degli obiettivi. Fattori misurabili (ME) I fattori misurabili (ME) di uno standard indicano ciò che viene esaminato e ciò a cui viene assegnato un punteggio durante il processo della visita di accreditamento in situ. I fattori misurabili relativi a ogni standard identificano i requisiti per la piena conformità allo standard. I fattori misurabili sono utilizzati per chiarire maggiormente gli standard e per aiutare l'organizzazione a comprendere totalmente i requisiti, per supportare l'educazione dei leader e degli operatori sanitari sugli standard e per guidare l'organizzazione nella preparazione all'accreditamento. Quali sono le novità introdotte nella quinta edizione del manuale? Poiché sono state apportate molte modifiche alla quinta edizione del manuale degli standard per ospedali, si consiglia di esaminarlo nella sua interezza. Come nota generale, all'inizio di ogni capitolo che descrive una categoria di standard sono elencate in una tabella tutte le modifiche significative, ossia quelle variazioni che, 3

10 STANDARD JOINT COMMISSION INTERNATIONAL PER L'ACCREDITAMENTO DEGLI OSPEDALI, QUINTA EDIZIONE nell'opinione di JCI, degli esperti e dei clienti che hanno contribuito a sviluppare gli standard, innalzano il livello dei requisiti di conformità. Oltre alle modifiche apportate ai requisiti, JCI ha rielaborato quasi tutto il testo per renderlo più chiaro rispetto alla quarta edizione. È quindi importante confrontare attentamente queste due edizioni per essere sicuri di aver compreso appieno i nuovi requisiti. In risposta all'indicazione ricevuta dalle organizzazioni di eliminare tutti i requisiti di accreditamento non essenziali, JCI in questa edizione ha ridotto di oltre il 10% il numero totale degli standard e di oltre il 5% i fattori misurabili. Altre modifiche includono: Una tabella all'inizio di ogni capitolo che descrive le principali modifiche apportate al capitolo in questa edizione, rispetto agli standard inclusi nella quarta edizione. Se uno standard non è elencato nella tabella, significa che non è stato modificato rispetto agli standard della quarta edizione. Le modifiche sono classificate in quattro tipi: o Nessuna modifica significativa - Il testo è stato modificato per maggiore chiarezza, ma i requisiti dello standard non sono cambiati. o Nuova numerazione - Lo standard è stato spostato da un altro punto all'interno dello stesso capitolo o da un altro capitolo, e quindi la numerazione è cambiata. o Modifica di requisiti - È stato modificato uno o più fattori misurabili, con conseguente cambiamento del processo di valutazione delle organizzazioni. o Nuovo standard - Un nuovo requisito che non era presente negli standard della quarta edizione. A supporto degli standard nuovi e assodati che si ritiene siano più difficili da soddisfare sul campo vengono fornite prove scientifiche di efficacia. Con questa pratica, JCI ha iniziato a raccogliere prove scientifiche di efficacia degli standard che non solo offrono testimonianze cliniche significative, ma aiutano anche a ottenere la conformità. I riferimenti di vario tipo, da ricerche cliniche a linee guida pratiche, sono citati nel testo che descrive l'intento dello standard ed elencati al termine del relativo capitolo. La nuova sezione Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR). Vedere Categorie dei requisiti JCI per ulteriori informazioni. Alcuni standard richiedono che gli ospedali dispongano di una politica o procedura scritta per determinati processi. Tali standard sono contrassegnati dall'icona dopo il testo descrittivo. Nelle precedenti edizioni ciascuna politica o procedura richiesta era descritta tra i propri fattori misurabili, mentre in questa edizione tutte le politiche e procedure sono raggruppate nelle sezioni da MOI.9 a MOI.9.1. Nella maggior parte degli intenti degli standard vengono forniti esempi che ne illustrano la conformità. Per evidenziare gli esempi viene usata la dicitura ad esempio in grassetto. Le politiche e le procedure di JCI sono riepilogate e sono state spostate dall'inizio del manuale alla posizione attuale. Questa modifica è stata apportata in seguito ai commenti ricevuti dai clienti che indicano che sebbene le politiche e le procedure siano importanti, ricoprono un ruolo secondario rispetto agli standard, agli intenti e ai fattori misurabili di JCI. A partire dalla fine del 2013, le politiche di JCI saranno pubblicate sul sito Web pubblico di JCI all'indirizzo Nel manuale sono ora inclusi gli standard Educazione dei Professionisti Medici (MPE) e Programmi di Ricerca con Soggetti Umani (HRP) per centri medici ospedalieri universitari. La valutazione dei centri medici ospedalieri universitari viene effettuata in base a tutti i requisiti di JCI per gli ospedali, oltre che ai requisiti MPE e HRP. Agli ospedali che non ricevono visite di accreditamento per centri medici ospedalieri universitari non è richiesta la conformità ai requisiti MPE e HRP. Il capitolo "Gestione della Comunicazione e delle Informazioni (MCI)" dell'edizione precedente è stato sostituito dal capitolo "Gestione delle Informazioni (MOI)". Molti requisiti simili relativi alle comunicazioni sono stati consolidati nei capitoli Accesso all Assistenza e Continuità delle Cure (ACC), Governance, Leadership e Indirizzamento (GLD)" e Miglioramento della Qualità e Sicurezza del Paziente (QPS). 4

11 INTRODUZIONE Sono state create o aggiornate le definizioni dei termini chiave utilizzati nel manuale e il testo descrittivo è stato esaminato e revisionato per garantire la precisione e la chiarezza della terminologia. Molti termini sono definiti all'interno della descrizione degli intenti e indicati in corsivo (ad esempio, leadership). Tutti i termini chiave sono definiti nel Glossario alla fine del manuale. Nelle precedenti edizioni era presente una panoramica per tutti i capitoli, mentre ora è inclusa solo quando necessaria, ossia per il capitolo GLD e la sezione APR. Modifiche globali del testo per migliorarne la chiarezza, tra cui la frequente sostituzione del termine programma al posto di piano o processo. Nelle precedenti edizioni i requisiti di JCI indicavano che gli ospedali dovevano disporre di un piano o processo per molte situazioni e problematiche cliniche. Nel corso dello sviluppo di questi standard, è stato notato che la definizione di piano e di processo creava una certa confusione, mentre i clienti trovavano l'uso del termine programma più specifico e chiaro. Con quale frequenza sono aggiornati gli standard? Le informazioni e le esperienze relative agli standard saranno raccolte su base continua. Qualora uno standard non dovesse più riflettere la pratica clinica contemporanea, le tecnologie comunemente a disposizione, le pratiche di gestione della qualità e così via, diverrà oggetto di revisione o di epurazione. Al momento attuale si prevede che gli standard saranno aggiornati e ripubblicati circa ogni tre anni. Che cosa significa la data di entrata in vigore riportata sulla copertina di questa quinta edizione del manuale degli standard? La data di entrata in vigore riportata sulla copertina comporta quanto segue: Per gli ospedali già accreditati in base alla quarta edizione degli standard, rappresenta la data entro la quale devono essere già pienamente conformi a tutti gli standard della quinta edizione. Gli standard vengono pubblicati almeno sei mesi prima della data di entrata in vigore per dare alle organizzazioni il tempo necessario per raggiungere la piena conformità agli standard aggiornati entro tale data. Per gli ospedali che intendono accreditarsi per la prima volta, indica la data dopo la quale tutte le visite e le decisioni di accreditamento saranno basate sugli standard della quinta edizione. Tutte le visite e le decisioni di accreditamento effettuate prima della data di entrata in vigore saranno basate sugli standard della quarta edizione. 5

Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL

Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL In un precedente articolo ho affrontato l importanza del tema della certificazione ISO 9001 per una struttura sanitaria

Dettagli

L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia

L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia Giuseppe Ettore ARNAS Garibaldi Catania Dipartimento Materno Infantile 1 Definizione del governo clinico sistema attraverso il quale le organizzazioni

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009 Incontro di aggiornamento SINCERT - UNI riservato agli Organismi accreditati e agli Ispettori SINCERT LA NUOVA UNI EN ISO 9001:2008. SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA REQUISITI Le principali novità della

Dettagli

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Principio guida...1 Le persone sono fondamentali per il raggiungimento della nostra missione...1

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

Riepilogo delle modifiche di PA-DSS dalla versione 2.0 alla 3.0

Riepilogo delle modifiche di PA-DSS dalla versione 2.0 alla 3.0 Settore delle carte di pagamento (PCI) Standard di protezione dei dati per le applicazioni di pagamento () Riepilogo delle modifiche di dalla versione 2.0 alla 3.0 Novembre 2013 Introduzione Il presente

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DELLE AZIONI CORRETTIVE E DELLE AZIONI PREVENTIVE

PROCEDURA GESTIONE DELLE AZIONI CORRETTIVE E DELLE AZIONI PREVENTIVE originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura definisce le modalità e le responsabilità con cui ogni UO/Servizio dovrà gestire le

Dettagli

Informazioni sulla FSMA. (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi

Informazioni sulla FSMA. (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi Riepilogo/sommario Il 26 luglio 2013 la FDA ha pubblicato una proposta

Dettagli

Appendice III. Competenza e definizione della competenza

Appendice III. Competenza e definizione della competenza Appendice III. Competenza e definizione della competenza Competenze degli psicologi Lo scopo complessivo dell esercizio della professione di psicologo è di sviluppare e applicare i principi, le conoscenze,

Dettagli

Sistema di qualifica dei fornitori (Supplier Qualification System, SQS)

Sistema di qualifica dei fornitori (Supplier Qualification System, SQS) Sistema di qualifica dei fornitori (Supplier Qualification System, SQS) per una visibilità dei fornitori Shell a livello globale www.shell.com/supplier/qualification Sistema di qualifica dei fornitori

Dettagli

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 La riduzione del rischio

Dettagli

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004. Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ISO 14001 ISO 14001:1996 ISO 14001:2004 Guida al confronto SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE La ISO 14001 è una norma internazionale, che stabilisce i requisiti per definire, attuare e gestire un Sistema

Dettagli

Corso Risk Management e Qualità, Dir. Sanitaria A.O. Macchi (VA). Dr. Dario Seghezzi

Corso Risk Management e Qualità, Dir. Sanitaria A.O. Macchi (VA). Dr. Dario Seghezzi Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organizations (JCAHO) nasce nel 1951 con lo scopo di migliorare la qualità dell'assistenza sanitaria. Ad oggi JCAHO, agenzia indipendente non governativa

Dettagli

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca Comunicato stampa L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa: stato dell arte delle politiche educative e della ricerca Migliorare l efficacia dell insegnamento delle scienze e la capacità di

Dettagli

Esperienza del network JCI

Esperienza del network JCI Esperienza del network JCI Dr. Massimiliano Raponi 19 novembre 2011 2 IL SECOLO XIX 1! 3 L Attività dell OPBG 4 Sedi 11 Dipartimenti 607 posti letto 30.344 Ricoveri Ordinari/anno 101.980 Accessi DH/anno

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria VII^ Legislatura Progetto di legge Istituzione della dirigenza e dei Servizi delle Professioni Sanitarie Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecnico-Sanitarie

Dettagli

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA Essere sempre aggiornati sulla medicina e la salute, con informazioni di qualità e in tempo reale. Oggi è possibile. Costruiamo progetti informativi, culturali

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS)

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE Le componenti: DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA: 1. modalità di erogazione dell'assistenza (care

Dettagli

RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C

RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C METODO NAZIONALE STANDARD ALGORITMO MINIMO DI PROVA RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C VSOP 5 Emesso dalla Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no: 5 Data di

Dettagli

IBM Lotus Connections 2.0 offre software sociale per imprese

IBM Lotus Connections 2.0 offre software sociale per imprese Annuncio IBM Europe Software ZP08-0277, 10 giugno 2008 IBM Lotus Connections 2.0 offre software sociale per imprese Indice In sintesi Panoramica Descrizione In sintesi Informazioni di riferimento Disponibilità

Dettagli

L evoluzione della Qualità nei Laboratori Analisi, tra certificazione e accreditamento d eccellenza

L evoluzione della Qualità nei Laboratori Analisi, tra certificazione e accreditamento d eccellenza L evoluzione della Qualità nei Laboratori Analisi, tra certificazione e accreditamento d eccellenza Panicale (PG) 1-2 : 29-30 Settembre 2005 A cura del dott. Luciano Ciccarone 1 Negli anni 90, il percorso

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

La rete per la promozione della salute in Lombardia

La rete per la promozione della salute in Lombardia La differenza che vale Gli ospedali di ANDREA: amici del bambino e della sua famiglia Bosisio Parini (LC) - 12-14 Novembre 2009 - IRCCS E. MEDEA La rete per la promozione della salute in Lombardia Giancarlo

Dettagli

Master in selezione del personale

Master in selezione del personale Master in selezione del personale Il Centro Formativo Provinciale Zanardelli,, in collaborazione con Seleform e Centro Scuole Athena, organizza un corso di formazione specialistica nell ambito della ricerca

Dettagli

d. Sono state inserite le fattispecie di cause di sospensione e revoca dell accreditamento Forma.Temp.

d. Sono state inserite le fattispecie di cause di sospensione e revoca dell accreditamento Forma.Temp. FAQ Dispositivo di Accreditamento Forma.Temp Novità Dispositivo di Accreditamento Forma.Temp Domande e Rinnovo Accreditamento Criterio A - Capacità gestionali e logistiche Criterio C - Competenze Professionali

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Ufficio per la Cittadinanza europea, il Mercato interno e gli Affari generali Servizio II Mercato interno I REGIME GENERALE DI

Dettagli

Dichiarazione sulla tutela della riservatezza dei dati online

Dichiarazione sulla tutela della riservatezza dei dati online Dichiarazione sulla tutela della riservatezza dei dati online Western Union International Bank GmbH, filiale italiana Data di entrata in vigore: 10 Apr 2015 In Italia i servizi vengono forniti da Western

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» ESPERTO DI ECO-CERTIFICAZIONI GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE DI CONTESTO E LEGAME CON I CONCETTI DI ECO-INNOVAZIONE Le cosiddette certificazioni

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi

Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la discussione dei casi MODULO DI PRESENTAZIONE per la valutazione e l accreditamento di progetti di AUDIT CLINICO GENERALITÀ Titolo del Miglioramento continuo dell assistenza infermieristica in ambito chirurgico attraverso la

Dettagli

La Registrazione EMAS: l applicazione del nuovo Regolamento nella Pubblica Amministrazione

La Registrazione EMAS: l applicazione del nuovo Regolamento nella Pubblica Amministrazione La Registrazione EMAS: l applicazione del nuovo Regolamento nella Pubblica Amministrazione Ing. Mara D Amico Bologna 27 maggio 2010 Sommario Motivazioni che hanno portato alla revisione del Regolamento

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa

Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa Contributi Dr. Philipp Stalder Hauptbibliothek Universität Zürich Responsabile del progetto Competenza Informativa presso e-lib.ch Nadja

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione

Novità. Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC S&A. Servizi e. amministrazione Documentazione dell apprendimento e delle prestazioni Impiegata/impiegato di commercio AFC Novità S&A Servizi e amministrazione Sommario Panoramica In breve 1 Introduzione 2 Impiegata/impiegato di commercio

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

Gestione dell account AdWords di Google Guida pratica

Gestione dell account AdWords di Google Guida pratica Gestione dell account AdWords di Google Guida pratica Benvenuti in AdWords di Google Questa guida fornisce una panoramica del Centro di controllo gestionale AdWords, l interfaccia per la gestione e il

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Ispettorato Generale di Finanza MANUALE UTENTE P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl Versione 1.0 INDICE

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Pubblicazione Metodi e strumenti per un approccio strategico alla sicurezza urbana

Pubblicazione Metodi e strumenti per un approccio strategico alla sicurezza urbana European Forum for Urban Security Pubblicazione Metodi e strumenti per un approccio strategico alla sicurezza urbana Introduzione >>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Una visione chiara e precisa del fenomeno della criminalità

Dettagli

PER UNA CULTURA DEL RISCHIO. Risk management e rischio clinico nelle organizzazioni sanitarie

PER UNA CULTURA DEL RISCHIO. Risk management e rischio clinico nelle organizzazioni sanitarie PER UNA CULTURA DEL RISCHIO Risk management e rischio clinico nelle organizzazioni sanitarie Milano, 1-2-15-16 aprile 2008 Programma La gestione del rischio: esperienze europee International Patient Safety

Dettagli

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management 1 Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - V. Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici INTERNATIONAL STANDARD ISO 21500 Peculiarità della

Dettagli

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved.

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved. ISO/IEC 2700:2013 Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione ISO/IEC 27001 La norma ISO/IEC 27001, Information technology - Security techniques - Information security management systems

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI

GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI GRUPPO DASSAULT SYSTÈMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI DEI CANDIDATI Nello svolgimento delle proprie attività, Dassault Systèmes e le sue controllate (collettivamente 3DS ) raccolgono i Dati Personali

Dettagli

La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia. Direzione Generale Sanità

La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia. Direzione Generale Sanità 14 gennaio 2010 Direzione Generale Sanità La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia Direzione Generale Sanità 1 Il problema 10% pazienti ospedalizzati incorre in un evento avverso (UK,

Dettagli

Informativa sulla privacy

Informativa sulla privacy Informativa sulla privacy Data di inizio validità: 1 Maggio 2013 La presente informativa sulla privacy descrive il trattamento dei dati personali immessi o raccolti sui siti nei quali la stessa è pubblicata.

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE?

PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE? PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE? Nel presente capitolo sono illustrate alcune esperienze del passato che possono fornire un aiuto per organizzare il progetto

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Ascent Capture: Operazioni con Capio

Ascent Capture: Operazioni con Capio Ascent Capture: Operazioni con Capio Versione 1.5 Note di rilascio 10001390-000 Revisione A 24 marzo 2005 Copyright Copyright 2005 Kofax Image Products, Inc. Tutti i diritti riservati. Stampato negli USA.

Dettagli

POTENZIALE AZIENDALE

POTENZIALE AZIENDALE Ampliate il vostro portafoglio di prodotti e fate crescere la vostra impresa con un marchio GLOBALE leader del settore. ESPLORATE IL VOSTRO POTENZIALE AZIENDALE Unitevi ai 128 concessionari in tutto il

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

UNI EN ISO 19011: 2012. Elementi principali di cambiamento

UNI EN ISO 19011: 2012. Elementi principali di cambiamento UNI EN ISO 19011: 2012 Elementi principali di cambiamento 1 ISO 19011 è normalmente intesa come una guida per Audit interni Audit esterni Audit di 1 parte Audit di 2 parte Audit di 3 parte -Certificazione

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio.

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Dott. Andrea Bruschi, Dott. Andrea Celentano 1. INTRODUZIONE Il quadro normativo per la caratterizzazione

Dettagli

Linee guida per la presentazione, l'approvazione e il sostegno dei progetti ITALIA

Linee guida per la presentazione, l'approvazione e il sostegno dei progetti ITALIA FAIB Fondazione aiutare i bambini Via Ronchi 17, 20134 Milano tel: 02 70 60 35 30 fax: 02 70 60 52 44 info@aiutareibambini.it www.aiutareibambini.it Linee Guida Presentazione MOD 27/B PRO 06.05 bis Rev.

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali 4.3.3.1.2. Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali (SUP-LA) del 10 giugno 1999 1. Statuto La formazione in linguistica applicata di livello

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Pagina: 1 di 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.0 SCOPO DELLA SEZIONE Illustrare la struttura del Sistema di Gestione Qualità SGQ dell Istituto. Per gli aspetti di dettaglio, la Procedura di riferimento

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Linee guida per la presentazione, l'approvazione e il sostegno dei progetti all ESTERO

Linee guida per la presentazione, l'approvazione e il sostegno dei progetti all ESTERO FAIB Fondazione aiutare i bambini Via Ronchi 17, 20134 Milano tel: 02 70 60 35 30 fax: 02 70 60 52 44 info@aiutareibambini.it www.aiutareibambini.it Linee Guida Presentazione MOD 27/A PRO 06.05 bis Rev.

Dettagli

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Premessa La valutazione del grado di soddisfazione degli utenti rappresenta un importante aspetto nella gestione di qualsiasi organizzazione,

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

TRASMISSIONE VERTICALE DI HCV

TRASMISSIONE VERTICALE DI HCV METODO NAZIONALE STANDARD ALGORITMO MINIMO DI PROVA VSOP 8 Emesso da Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no: 1 Data di revisione: 21.11.07 Emesso da: Standards

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (AISLEC) P.zza della Chiesa 7, 27010 San Genesio ed Uniti (PV) Fax.: 0382-523203 Cell.

Dettagli

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM SEDE DI HANOI Iniziativa SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM - Missione di formulazione TERMINI DI RIFERIMENTO I. Informazioni generali

Dettagli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli POLITICA AZIENDALE SCELTE E PROSPETTIVE Il Percorso continua e si sviluppa Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA Necessità di risorse Coinvolgimento singoli 2.2 Il controllo della Qualità

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

PAZIENTE IN GRAVIDANZA A CONTATTO CON MALATTIA ESANTEMATICA

PAZIENTE IN GRAVIDANZA A CONTATTO CON MALATTIA ESANTEMATICA METODO NAZIONALE STANDARD ALGORITMO MINIMO DI PROVA PAZIENTE IN GRAVIDANZA A CONTATTO CON MALATTIA ESANTEMATICA VSOP 33 Emesso dalla Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Specialist and

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli