Standard Joint Commission International per l'accreditamento degli Ospedali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Standard Joint Commission International per l'accreditamento degli Ospedali"

Transcript

1 Data di entrata in vigore 1 Aprile 2014 Standard Joint Commission International per l'accreditamento degli Ospedali Italian Inclusi gli Standard per Centri Medici Ospedalieri Universitari Quinta Edizione

2 Joint Commission International Una divisione di Joint Commission Resources, Inc. La missione di Joint Commission International (JCI) è migliorare la sicurezza e la qualità dell'assistenza sanitaria in ambito internazionale, fornendo pubblicazioni e servizi di formazione, consulenza e valutazione. I programmi di formazione e le pubblicazioni di Joint Commission Resources sono di supporto, ma costituiscono risorse separate e distinte dalle attività di accreditamento di Joint Commission International. Frequentare i programmi di formazione e acquistare le pubblicazioni di Joint Commission Resources non dà luogo a trattamenti privilegiati o all'accesso a informazioni riservate in relazione al processo di accreditamento Joint Commission International Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, in qualunque forma o con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta dell'editore. Stampata negli Stati Uniti Le richieste di autorizzazione alla copia di qualsiasi parte della presente pubblicazione devono essere inviate a: Permissions Editor Department of Publications Joint Commission Resources One Renaissance Boulevard Oakbrook Terrace, Illinois USA ISBN: Per ulteriori informazioni su Joint Commission Resources, visitare il sito Web Per ulteriori informazioni su Joint Commission International, visitare il sito Web

3 Sommario Prefazione... v Panel di Esperti degli standard... vii Introduzione... 1 Requisiti generali di idoneità... 7 Sezione I: Requisiti di Partecipazione all'accreditamento... 9 Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR) Sezione II: Standard Centrati sul Paziente Obiettivi Internazionali per la Sicurezza del Paziente (IPSG) Accesso all Assistenza e Continuità delle Cure (ACC) Diritti del Paziente e dei Familiari (PFR) Valutazione del Paziente (AOP) Cura del Paziente (COP) Trattamento Anestesiologico e Chirurgico (ASC) Gestione e Utilizzo dei Farmaci (MMU) Educazione del Paziente e dei Familiari (PFE) Sezione III: Requisiti di gestione dell'organizzazione sanitaria Miglioramento della Qualità e Sicurezza del Paziente (QPS) Prevenzione e Controllo delle Infezioni (PCI) Governance, Leadership e Indirizzamento (GLD) Sicurezza e gestione delle Infrastrutture (FMS) Educazione e Qualifiche del Personale (SQE) Gestione delle Informazioni (MOI) Sezione IV: Standard per centri medici ospedalieri universitari Educazione dei Professionisti Medici (MPE) Programmi di Ricerca con Soggetti Umani (HRP) iii

4 STANDARD JOINT COMMISSION INTERNATIONAL PER L'ACCREDITAMENTO DEGLI OSPEDALI, QUINTA EDIZIONE Riepilogo delle principali politiche di accreditamento Glossario Indice iv

5 Prefazione Joint Commission International (JCI) è molto lieta di presentare la quinta edizione degli standard internazionali per gli ospedali. I nostri clienti hanno indicato ripetutamente e senza ombra di dubbio che vogliono standard che siano impegnativi ma raggiungibili e che siano mirati a garantire la sicurezza e la qualità dell'assistenza fornita ai pazienti. Abbiamo quindi sviluppato questi standard che riteniamo rispondano a tali esigenze. Questa edizione include un numero inferiore di standard e requisiti rispetto a quelli definiti nella seconda edizione degli standard, pubblicata nel Abbiamo infatti aggregato i requisiti simili, eliminato alcuni requisiti che non ritenevamo essenziali per assicurare risultati migliori e riorganizzato il contenuto tra i capitoli per garantire una presentazione più logica e fluida dei requisiti. Abbiamo inoltre fornito più esempi di conformità agli intenti degli standard per chiarire il significato dei requisiti. Abbiamo infine aggiunto due capitoli sugli standard per centri medici ospedalieri universitari, consolidando e centralizzando tutti i requisiti per le organizzazioni ospedaliere. Per tutti i suggerimenti e i commenti forniti, siamo riconoscenti al nostro stimato Panel di Esperti degli standard, che ha esaminato gli standard e ci ha consigliato e guidato nella loro stesura. Siamo anche grati ai nostri clienti, che hanno partecipato numerosi alle nostre revisioni sul campo, e hanno confermato che gli standard da noi proposti stanno dando i risultati desiderati, ma ci hanno anche spinto a porre maggiore enfasi e approfondire altri requisiti, spronandoci a produrre standard migliori e maggiormente incentrati sui pazienti. Speriamo che l'impegno dedicato alla creazione di questa edizione degli standard sia apprezzato. Come sempre, siamo lieti di ricevere commenti, che contribuiscono alla stesura di questi documenti. Paula Wilson Presidente e CEO Joint Commission International e Joint Commission Resources v

6 Panel di Esperti degli standard Dana Alexander, RN, MBA, MSN, FHIMSS, FAAN Colorado Springs, Colorado, USA Heleno Costa Jr., RN Rio de Janeiro, Brasile Brigit Devolder, MS Leuven, Belgio Samer Ellahham, MD, FACP, FACC, FAHA, FCCP, ASHCSH Abu Dhabi, EAU Hossam E.M. Ghoneim, MB, BCh, MSc, MD, FRCOG, HMD Jeddah, Regno di Arabia Saudita Paul B. Hofmann, DrPH, FACHE Moraga, California, USA Annette Jolly Kilkenny, Irlanda Stanley S. Kent, MS, RPh, FASHP Evanston, Illinois, USA Tamra Minnier, RN, MSN, FACHE (presidente) Pittsburgh, Pennsylvania, USA Kim Montague, AIA, EDAC, LEED BD+C, NCARB Novi, Michigan, USA Angela Norton, MA, PGCE, RHV, RM, RN Cheshire, Inghilterra, Regno Unito Voo Yau Onn, MBBS, MMed(PH), FAMS Singapore Chung-Liang Shih, MD, PhD Taipei, Taiwan Paula Vallejo, PhD Madrid, Spagna Jorge Augusto Vasco Varanda Lisbona, Portogallo Joint Commission International ringrazia inoltre Ana Tereza Cavalcanti de Miranda, MD, PhD, MBA, Rio de Janeiro, Brasile, per il suo contributo al Panel di Esperti degli standard. vii

7 Introduzione La quinta edizione del manuale degli Standard Joint Commission International per l'accreditamento degli Ospedali contiene gli standard, gli intenti, i fattori misurabili, un riepilogo delle principali modifiche apportate nella presente edizione degli standard Joint Commission International (JCI), un riepilogo delle principali politiche e procedure per l'accreditamento, un glossario dei termini chiave e un indice. Lo scopo di questa Introduzione è fornire informazioni relative a: Le origini degli standard La logica con cui gli standard sono organizzati Le modalità di utilizzo del manuale degli standard Le novità della presente edizione del manuale Se, dopo aver consultato il manuale, fossero necessari chiarimenti sugli standard o sul processo di accreditamento, è possibile contattare JCI ai seguenti recapiti: Come sono stati sviluppati e perfezionati gli standard per la quinta edizione? Un panel di 13 esperti degli standard, costituito da medici, infermieri, amministratori e professionisti nella stesura di politiche pubbliche di grande esperienza, ha guidato lo sviluppo e la revisione degli standard di accreditamento JCI. I membri del panel provengono dalle principali aree geografiche e il loro lavoro viene perfezionato mediante: Gruppi mirati costituiti da organizzazioni leader con accreditamento JCI e altri esperti nel settore sanitario di 16 paesi Una revisione internazionale sul campo degli standard Indicazioni di esperti e altre persone competenti nelle singole materie Continue ricerche nelle pubblicazioni di settore per determinare le predominanti pratiche sanitarie Come sono organizzati gli standard? Gli standard sono organizzati attorno alle funzioni importanti comuni a tutte le organizzazioni sanitarie. L'organizzazione degli standard in base alle funzioni è quella al momento più ampiamente utilizzata in tutto il mondo ed è stata convalidata da studi scientifici, sperimentazioni e applicazioni. Gli standard sono raggruppati per funzioni in relazione all'erogazione dell'assistenza sanitaria: quelli pertinenti alla sicurezza, all'efficacia e alla buona gestione dell'organizzazione, e, limitatamente ai centri medici ospedalieri universitari, quelli pertinenti all'educazione dei professionisti medici e ai programmi di ricerca con soggetti umani. Gli standard si applicano sia all'intera organizzazione, che ai singoli reparti, unità operative o servizi al suo interno. Durante la visita di accreditamento vengono raccolte informazioni sulla conformità agli standard in tutta l'organizzazione e la decisione di accreditamento si basa sul livello complessivo di conformità riscontrato all'interno dell'organizzazione. 1

8 STANDARD JOINT COMMISSION INTERNATIONAL PER L'ACCREDITAMENTO DEGLI OSPEDALI, QUINTA EDIZIONE Cosa sono gli standard su Educazione dei Professionisti Medici e Programmi di Ricerca con Soggetti Umani e per quali organizzazioni sono applicabili? Gli standard su Educazione dei Professionisti Medici (MPE) e Programmi di Ricerca con Soggetti Umani (HRP) per centri medici ospedalieri universitari sono stati sviluppati e pubblicati per la prima volta nel 2012 in riconoscimento della specificità di questi centri per l'educazione dei professionisti sanitari e per la ricerca su soggetti umani nelle varie comunità e paesi. Questi standard offrono anche un quadro di riferimento per integrare l'educazione di professionisti medici e la ricerca su soggetti umani nelle attività volte a garantire la sicurezza e la qualità di assistenza dei pazienti all'interno di centri medici ospedalieri universitari. Se non incluse deliberatamente nel quadro di riferimento qualitativo, le attività didattiche e di ricerca spesso passano inosservate quando si conducono controlli allo scopo di migliorare la qualità dell'assistenza fornita ai pazienti. Gli standard sono suddivisi in due capitoli, in quanto l'educazione dei professionisti medici e la ricerca clinica di solito sono organizzate e amministrate separatamente all'interno dei centri medici didattici. Tutti gli ospedali che soddisfano i criteri di idoneità e sono conformi ai requisiti esposti in questi due capitoli, oltre che agli altri requisiti descritti nella quinta edizione del manuale, riceveranno l'accreditamento in base agli standard JCI per i centri medici ospedalieri universitari. Le organizzazioni con domande relative alla propria idoneità per l'accreditamento per centri medici ospedalieri universitari possono contattare l'ufficio centrale responsabile dell'accreditamento JCI all'indirizzo Gli standard sono a disposizione della comunità internazionale? Sì. Questi standard sono disponibili al pubblico internazionale per l'utilizzo da parte di singole organizzazioni sanitarie e di agenzie pubbliche per il miglioramento della qualità dell'assistenza fornita ai pazienti. È possibile scaricare gratuitamente l'elenco degli standard dal sito Web di JCI per valutarne l'adattabilità alle esigenze dei singoli paesi. La traduzione e l'utilizzo del manuale degli standard così come pubblicato da JCI necessitano dell'autorizzazione di JCI. Come regolarsi nel caso in cui esistano leggi nazionali o locali correlabili a uno standard? Nei casi in cui una legge o una normativa trattino argomenti regolati anche da uno standard, viene considerato applicabile, tra legge e standard, quello tra i due che stabilisce i requisiti più stringenti. Ad esempio, se uno standard JCI sulla documentazione dei servizi nella cartella clinica è più stringente rispetto a uno standard nazionale del ospedali, viene applicato lo standard JCI. Come si utilizza questo manuale? Il manuale degli standard internazionali può essere utilizzato per: guidare la gestione efficiente ed efficace di un'organizzazione sanitaria; guidare l'organizzazione e l'erogazione dei servizi sanitari e le iniziative di miglioramento della qualità e dell'efficienza di tali servizi; riesaminare le funzioni importanti di un'organizzazione sanitaria; imparare a conoscere gli standard che tutte le organizzazioni devono soddisfare per essere accreditate da JCI; 2

9 INTRODUZIONE rivedere le aspettative di conformità degli standard e i requisiti aggiuntivi che si trovano nel relativo intento; conoscere le politiche e le procedure di accreditamento e il processo di accreditamento; acquisire familiarità con la terminologia utilizzata nel manuale. Di seguito sono descritti in dettaglio i requisiti JCI per ogni categoria. In questo manuale sono riepilogate anche le politiche e le procedure JCI. Tenere presente che non viene fornito l'elenco completo delle politiche, né tutti i dettagli relativi a ciascuna politica. Le politiche JCI correnti sono pubblicate sul sito Web pubblico di JCI all'indirizzo Dopo i capitoli sugli standard sono riportati un glossario dei termini più importanti e un indice dettagliato. Categorie dei requisiti di JCI I requisiti di JCI sono descritti in queste categorie: Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR) Standard Intenti Fattori misurabili (ME) Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR) La sezione Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR), introdotta in questa edizione del manuale JCI, illustra i requisiti specifici per la partecipazione al processo di accreditamento e per il mantenimento dell'accreditamento. Gli ospedali devono essere sempre conformi ai requisiti elencati in questa sezione durante il processo di accreditamento. I Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR) non vengono però valutati come gli standard durante la visita di accreditamento in situ e gli ospedali risultano semplicemente conformi o meno agli APR. Se un ospedale non risulta conforme a un requisito APR specifico, dovrà conformarsi o rischierà di perdere l'accreditamento. Standard Gli standard JCI definiscono le prestazioni previste, le strutture e le funzioni che devono far parte della realtà dell'ospedale che desidera ottenere l'accreditamento JCI. Gli Obiettivi Internazionali per la Sicurezza del Paziente (IPSG) di JCI sono considerati degli standard e vengono valutati come tali nella visita di accreditamento in situ. Intenti L'intento dello standard illustra il significato completo dello standard. L'intento descrive lo scopo e la logica dello standard, illustrando come lo standard si inserisce nel programma generale, come stabilisce i parametri per i requisiti e come "dipinge un quadro" dei requisiti e degli obiettivi. Fattori misurabili (ME) I fattori misurabili (ME) di uno standard indicano ciò che viene esaminato e ciò a cui viene assegnato un punteggio durante il processo della visita di accreditamento in situ. I fattori misurabili relativi a ogni standard identificano i requisiti per la piena conformità allo standard. I fattori misurabili sono utilizzati per chiarire maggiormente gli standard e per aiutare l'organizzazione a comprendere totalmente i requisiti, per supportare l'educazione dei leader e degli operatori sanitari sugli standard e per guidare l'organizzazione nella preparazione all'accreditamento. Quali sono le novità introdotte nella quinta edizione del manuale? Poiché sono state apportate molte modifiche alla quinta edizione del manuale degli standard per ospedali, si consiglia di esaminarlo nella sua interezza. Come nota generale, all'inizio di ogni capitolo che descrive una categoria di standard sono elencate in una tabella tutte le modifiche significative, ossia quelle variazioni che, 3

10 STANDARD JOINT COMMISSION INTERNATIONAL PER L'ACCREDITAMENTO DEGLI OSPEDALI, QUINTA EDIZIONE nell'opinione di JCI, degli esperti e dei clienti che hanno contribuito a sviluppare gli standard, innalzano il livello dei requisiti di conformità. Oltre alle modifiche apportate ai requisiti, JCI ha rielaborato quasi tutto il testo per renderlo più chiaro rispetto alla quarta edizione. È quindi importante confrontare attentamente queste due edizioni per essere sicuri di aver compreso appieno i nuovi requisiti. In risposta all'indicazione ricevuta dalle organizzazioni di eliminare tutti i requisiti di accreditamento non essenziali, JCI in questa edizione ha ridotto di oltre il 10% il numero totale degli standard e di oltre il 5% i fattori misurabili. Altre modifiche includono: Una tabella all'inizio di ogni capitolo che descrive le principali modifiche apportate al capitolo in questa edizione, rispetto agli standard inclusi nella quarta edizione. Se uno standard non è elencato nella tabella, significa che non è stato modificato rispetto agli standard della quarta edizione. Le modifiche sono classificate in quattro tipi: o Nessuna modifica significativa - Il testo è stato modificato per maggiore chiarezza, ma i requisiti dello standard non sono cambiati. o Nuova numerazione - Lo standard è stato spostato da un altro punto all'interno dello stesso capitolo o da un altro capitolo, e quindi la numerazione è cambiata. o Modifica di requisiti - È stato modificato uno o più fattori misurabili, con conseguente cambiamento del processo di valutazione delle organizzazioni. o Nuovo standard - Un nuovo requisito che non era presente negli standard della quarta edizione. A supporto degli standard nuovi e assodati che si ritiene siano più difficili da soddisfare sul campo vengono fornite prove scientifiche di efficacia. Con questa pratica, JCI ha iniziato a raccogliere prove scientifiche di efficacia degli standard che non solo offrono testimonianze cliniche significative, ma aiutano anche a ottenere la conformità. I riferimenti di vario tipo, da ricerche cliniche a linee guida pratiche, sono citati nel testo che descrive l'intento dello standard ed elencati al termine del relativo capitolo. La nuova sezione Requisiti di Partecipazione all'accreditamento (APR). Vedere Categorie dei requisiti JCI per ulteriori informazioni. Alcuni standard richiedono che gli ospedali dispongano di una politica o procedura scritta per determinati processi. Tali standard sono contrassegnati dall'icona dopo il testo descrittivo. Nelle precedenti edizioni ciascuna politica o procedura richiesta era descritta tra i propri fattori misurabili, mentre in questa edizione tutte le politiche e procedure sono raggruppate nelle sezioni da MOI.9 a MOI.9.1. Nella maggior parte degli intenti degli standard vengono forniti esempi che ne illustrano la conformità. Per evidenziare gli esempi viene usata la dicitura ad esempio in grassetto. Le politiche e le procedure di JCI sono riepilogate e sono state spostate dall'inizio del manuale alla posizione attuale. Questa modifica è stata apportata in seguito ai commenti ricevuti dai clienti che indicano che sebbene le politiche e le procedure siano importanti, ricoprono un ruolo secondario rispetto agli standard, agli intenti e ai fattori misurabili di JCI. A partire dalla fine del 2013, le politiche di JCI saranno pubblicate sul sito Web pubblico di JCI all'indirizzo Nel manuale sono ora inclusi gli standard Educazione dei Professionisti Medici (MPE) e Programmi di Ricerca con Soggetti Umani (HRP) per centri medici ospedalieri universitari. La valutazione dei centri medici ospedalieri universitari viene effettuata in base a tutti i requisiti di JCI per gli ospedali, oltre che ai requisiti MPE e HRP. Agli ospedali che non ricevono visite di accreditamento per centri medici ospedalieri universitari non è richiesta la conformità ai requisiti MPE e HRP. Il capitolo "Gestione della Comunicazione e delle Informazioni (MCI)" dell'edizione precedente è stato sostituito dal capitolo "Gestione delle Informazioni (MOI)". Molti requisiti simili relativi alle comunicazioni sono stati consolidati nei capitoli Accesso all Assistenza e Continuità delle Cure (ACC), Governance, Leadership e Indirizzamento (GLD)" e Miglioramento della Qualità e Sicurezza del Paziente (QPS). 4

11 INTRODUZIONE Sono state create o aggiornate le definizioni dei termini chiave utilizzati nel manuale e il testo descrittivo è stato esaminato e revisionato per garantire la precisione e la chiarezza della terminologia. Molti termini sono definiti all'interno della descrizione degli intenti e indicati in corsivo (ad esempio, leadership). Tutti i termini chiave sono definiti nel Glossario alla fine del manuale. Nelle precedenti edizioni era presente una panoramica per tutti i capitoli, mentre ora è inclusa solo quando necessaria, ossia per il capitolo GLD e la sezione APR. Modifiche globali del testo per migliorarne la chiarezza, tra cui la frequente sostituzione del termine programma al posto di piano o processo. Nelle precedenti edizioni i requisiti di JCI indicavano che gli ospedali dovevano disporre di un piano o processo per molte situazioni e problematiche cliniche. Nel corso dello sviluppo di questi standard, è stato notato che la definizione di piano e di processo creava una certa confusione, mentre i clienti trovavano l'uso del termine programma più specifico e chiaro. Con quale frequenza sono aggiornati gli standard? Le informazioni e le esperienze relative agli standard saranno raccolte su base continua. Qualora uno standard non dovesse più riflettere la pratica clinica contemporanea, le tecnologie comunemente a disposizione, le pratiche di gestione della qualità e così via, diverrà oggetto di revisione o di epurazione. Al momento attuale si prevede che gli standard saranno aggiornati e ripubblicati circa ogni tre anni. Che cosa significa la data di entrata in vigore riportata sulla copertina di questa quinta edizione del manuale degli standard? La data di entrata in vigore riportata sulla copertina comporta quanto segue: Per gli ospedali già accreditati in base alla quarta edizione degli standard, rappresenta la data entro la quale devono essere già pienamente conformi a tutti gli standard della quinta edizione. Gli standard vengono pubblicati almeno sei mesi prima della data di entrata in vigore per dare alle organizzazioni il tempo necessario per raggiungere la piena conformità agli standard aggiornati entro tale data. Per gli ospedali che intendono accreditarsi per la prima volta, indica la data dopo la quale tutte le visite e le decisioni di accreditamento saranno basate sugli standard della quinta edizione. Tutte le visite e le decisioni di accreditamento effettuate prima della data di entrata in vigore saranno basate sugli standard della quarta edizione. 5

Corso Risk Management e Qualità, Dir. Sanitaria A.O. Macchi (VA). Dr. Dario Seghezzi

Corso Risk Management e Qualità, Dir. Sanitaria A.O. Macchi (VA). Dr. Dario Seghezzi Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organizations (JCAHO) nasce nel 1951 con lo scopo di migliorare la qualità dell'assistenza sanitaria. Ad oggi JCAHO, agenzia indipendente non governativa

Dettagli

L evoluzione della Qualità nei Laboratori Analisi, tra certificazione e accreditamento d eccellenza

L evoluzione della Qualità nei Laboratori Analisi, tra certificazione e accreditamento d eccellenza L evoluzione della Qualità nei Laboratori Analisi, tra certificazione e accreditamento d eccellenza Panicale (PG) 1-2 : 29-30 Settembre 2005 A cura del dott. Luciano Ciccarone 1 Negli anni 90, il percorso

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

GESTIONE DOCUMENTAZIONE SANITARIA E STANDARD JOINT COMMISSION

GESTIONE DOCUMENTAZIONE SANITARIA E STANDARD JOINT COMMISSION 1 Scopo e campo di applicazione Il presente protocollo ha lo scopo di illustrare le modalità operative ed i criteri stabiliti per I ottemperanza agli standard JCI di Joint Commission International applicabili

Dettagli

ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI PER IL PROGETTO 2012-2013 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE

ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI PER IL PROGETTO 2012-2013 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE PATIENT SAFETY Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI PER IL PROGETTO 2012-2013 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE Indice 1. Sintesi del progetto...

Dettagli

L ACCREDITAMENTO VOLONTARIO DI ECCELLENZA

L ACCREDITAMENTO VOLONTARIO DI ECCELLENZA L ACCREDITAMENTO VOLONTARIO DI ECCELLENZA Il tema della valutazione della qualità dei servizi sanitari si è sviluppato in Italia molto più tardi che in altri paesi ed acquista, all'interno della politica

Dettagli

Report della visita di accreditamento per la Certificazione di Eccellenza del Gruppo Data Medica

Report della visita di accreditamento per la Certificazione di Eccellenza del Gruppo Data Medica Accreditation Canada Report della visita di accreditamento per la Certificazione di Eccellenza del Gruppo Data Medica ACCREDITATION CANADA AGRÉMENT CANADA Driving Quality Health Services Force motrice

Dettagli

PATIENT SAFETY 2012/2013. Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER TUTTI GLI OSPEDALI

PATIENT SAFETY 2012/2013. Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER TUTTI GLI OSPEDALI PATIENT SAFETY 2012/2013 Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER TUTTI GLI OSPEDALI INDICE Gli standard del progetto Patient Safety 2012/2013...

Dettagli

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 La riduzione del rischio

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria VII^ Legislatura Progetto di legge Istituzione della dirigenza e dei Servizi delle Professioni Sanitarie Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecnico-Sanitarie

Dettagli

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 U.O. per la Qualità e Rischio Clinico Via S. Sofia

Dettagli

PER UNA CULTURA DEL RISCHIO. Risk management e rischio clinico nelle organizzazioni sanitarie

PER UNA CULTURA DEL RISCHIO. Risk management e rischio clinico nelle organizzazioni sanitarie PER UNA CULTURA DEL RISCHIO Risk management e rischio clinico nelle organizzazioni sanitarie Milano, 1-2-15-16 aprile 2008 Programma La gestione del rischio: esperienze europee International Patient Safety

Dettagli

terapia intensiva Ottimizzazione in termini di sicurezza, protezione ed efficienza operativa

terapia intensiva Ottimizzazione in termini di sicurezza, protezione ed efficienza operativa terapia intensiva Ottimizzazione in termini di sicurezza, protezione ed efficienza operativa Gestione DELLA FILIERA di fornitura e delle dotazioni medico-sanitarie Soluzioni per lo stoccaggio di Scan Modul

Dettagli

CIGNA INTERNATIONAL EXPATRIATE BENEFITS. MBA : Medical Benefits Abroad. (Prestazioni mediche all estero) Importanti Documenti di viaggio

CIGNA INTERNATIONAL EXPATRIATE BENEFITS. MBA : Medical Benefits Abroad. (Prestazioni mediche all estero) Importanti Documenti di viaggio CIGNA INTERNATIONAL EXPATRIATE BENEFITS MBA : Medical Benefits Abroad (Prestazioni mediche all estero) Importanti Documenti di viaggio Scheda contatti Numero verde: +1.800.243.1348 Fax gratuito: +1.800.243.6998

Dettagli

L accreditamento di eccellenza: l esperienza della Joint Commission negli USA

L accreditamento di eccellenza: l esperienza della Joint Commission negli USA L accreditamento di eccellenza: l esperienza della Joint Commission negli USA di Marco Elefanti * e Antonello Zangrandi ** 1. Premessa Il tema della ricerca della qualità nella sanità è tema al centro

Dettagli

L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa

L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa Direzione Generale Istruzione e Cultura L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa Commissione europea L assicurazione di qualità nella formazione degli insegnanti in Europa

Dettagli

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009 Incontro di aggiornamento SINCERT - UNI riservato agli Organismi accreditati e agli Ispettori SINCERT LA NUOVA UNI EN ISO 9001:2008. SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA REQUISITI Le principali novità della

Dettagli

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa

L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa Direzione generale Istruzione e Cultura L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa Politiche e ricerca Commissione Europea L insegnamento delle scienze nelle scuole in Europa Politiche e ricerca

Dettagli

SALUS COLLANA DI SCIENZE DELLA SALUTE

SALUS COLLANA DI SCIENZE DELLA SALUTE SALUS COLLANA DI SCIENZE DELLA SALUTE 8 Direttore Rossana ALLONI Università Campus Bio Medico di Roma Comitato scientifico Paola BINETTI Università Campus Bio Medico di Roma Laura DE GARA Università Campus

Dettagli

La rete per la promozione della salute in Lombardia

La rete per la promozione della salute in Lombardia La differenza che vale Gli ospedali di ANDREA: amici del bambino e della sua famiglia Bosisio Parini (LC) - 12-14 Novembre 2009 - IRCCS E. MEDEA La rete per la promozione della salute in Lombardia Giancarlo

Dettagli

Riepilogo delle modifiche di PA-DSS dalla versione 2.0 alla 3.0

Riepilogo delle modifiche di PA-DSS dalla versione 2.0 alla 3.0 Settore delle carte di pagamento (PCI) Standard di protezione dei dati per le applicazioni di pagamento () Riepilogo delle modifiche di dalla versione 2.0 alla 3.0 Novembre 2013 Introduzione Il presente

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Norme vincolanti d'impresa sulla privacy di Johnson Controls

Norme vincolanti d'impresa sulla privacy di Johnson Controls Norme vincolanti d'impresa sulla privacy di Johnson Controls Indice 1. Introduzione 2. Ambito e applicazione 3. Trasparenza e segnalazione 4. Correttezza e limitazione delle finalità 5. Qualità dei dati

Dettagli

GOVERNANCE DEGLI ACCESSI E DELLE IDENTITÀ BASATA SUL BUSINESS: PERCHÉ QUESTO NUOVO APPROCCIO È IMPORTANTE

GOVERNANCE DEGLI ACCESSI E DELLE IDENTITÀ BASATA SUL BUSINESS: PERCHÉ QUESTO NUOVO APPROCCIO È IMPORTANTE GOVERNANCE DEGLI ACCESSI E DELLE IDENTITÀ BASATA SUL BUSINESS: PERCHÉ QUESTO NUOVO APPROCCIO È IMPORTANTE ABSTRACT Per anni i responsabili della sicurezza delle informazioni e delle LOB hanno intuito che

Dettagli

ENTRATA IN VIGORE 28 aprile 2006

ENTRATA IN VIGORE 28 aprile 2006 Informativa sulla privacy dei dati INFORMATIVA Charles River rispetta la privacy dei suoi dipendenti, dei suoi clienti e dei visitatori del suo sito Web e si impegna a proteggere i dati personali (definiti

Dettagli

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009 SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009 1. Selezionata Toronto, Ontario, Canada quale luogo della Convention Internazionale

Dettagli

UNI EN ISO 19011: 2012. Elementi principali di cambiamento

UNI EN ISO 19011: 2012. Elementi principali di cambiamento UNI EN ISO 19011: 2012 Elementi principali di cambiamento 1 ISO 19011 è normalmente intesa come una guida per Audit interni Audit esterni Audit di 1 parte Audit di 2 parte Audit di 3 parte -Certificazione

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N.19 DI ADRIA MIGLIORARE LA QUALITA' DELL'ACCOGLIENZA INFERMIERISTICA IN OSPEDALE

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N.19 DI ADRIA MIGLIORARE LA QUALITA' DELL'ACCOGLIENZA INFERMIERISTICA IN OSPEDALE REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N.19 DI ADRIA MIGLIORARE LA QUALITA' DELL'ACCOGLIENZA INFERMIERISTICA IN OSPEDALE SINTESI del PROGETTO INTRODUZIONE Nell Azienda ULSS 19, la qualità all accoglienza

Dettagli

APPREZZAMENTO E RUOLO DEL GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA: L OPINIONE DEI LETTORI

APPREZZAMENTO E RUOLO DEL GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA: L OPINIONE DEI LETTORI p. 242-247 Baraldo:Ravani 6-03-2008 10:39 Pagina 242 GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA / ANNO 25 N. 2, 2008 / PP. 242-247 PROFESSIONE NEFROLOGO APPREZZAMENTO E RUOLO DEL GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA:

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1727

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1727 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1727 Introduzione della figura dell'infermiere di famiglia e disposizioni in materia di assistenza infermieristica domiciliare 18/08/2015-02:49 Indice 1. DDL

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Novell Teaming 2.0. Novell. 29 luglio 2009. Riferimento rapido. Avvio di Novell Teaming

Novell Teaming 2.0. Novell. 29 luglio 2009. Riferimento rapido. Avvio di Novell Teaming Novell Teaming 2.0 29 luglio 2009 Novell Riferimento rapido Quando si inizia a utilizzare Novell Teaming, è innanzitutto necessario configurare lo spazio di lavoro personale e creare uno spazio di lavoro

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

MODELLO DI MIGLIOR PRATICA per I SERVIZI DI COORDINAMENTO PER LA FRATTURA

MODELLO DI MIGLIOR PRATICA per I SERVIZI DI COORDINAMENTO PER LA FRATTURA IOF CAPTURE the FRACTURE MODELLO DI MIGLIOR PRATICA per I SERVIZI DI COORDINAMENTO PER LA FRATTURA Determinazione dello standard Gli studi mostrano che i modelli dei Servizi di Coordinamento per la Frattura

Dettagli

AZIONE CORRETTIVA URGENTE PER DISPOSITIVI MEDICI AVVISO DI SICUREZZA URGENTE

AZIONE CORRETTIVA URGENTE PER DISPOSITIVI MEDICI AVVISO DI SICUREZZA URGENTE Oggetto: Denominazione commerciale del prodotto interessato: Riferimento/identificativo FSCA: Data della notifica: Tipo di intervento: La punta dell'ago di plastica può separarsi dal corpo dell'ago. GM11007560

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DELLE AZIONI CORRETTIVE E DELLE AZIONI PREVENTIVE

PROCEDURA GESTIONE DELLE AZIONI CORRETTIVE E DELLE AZIONI PREVENTIVE originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura definisce le modalità e le responsabilità con cui ogni UO/Servizio dovrà gestire le

Dettagli

MATRIX NEWS 1.0. Bollettino informativo pubblicato dal gruppo di gestione "DOSsier SANitario" (DOSSAN) della FCTSA. Il Chapter DOSSAN, luglio 2014 1

MATRIX NEWS 1.0. Bollettino informativo pubblicato dal gruppo di gestione DOSsier SANitario (DOSSAN) della FCTSA. Il Chapter DOSSAN, luglio 2014 1 MATRIX NEWS 1.0 Bollettino informativo pubblicato dal gruppo di gestione "DOSsier SANitario" (DOSSAN) della FCTSA Il Chapter DOSSAN, luglio 2014 1 Introduzione (di Roberto Cianella) Durante il percorso

Dettagli

IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI

IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI dalle risposte al quesito alla rete Eurydice Luglio 2004 A cura dell AUSTRIA Non esiste in Austria un esperienza di portfolio analoga a quella italiana.

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

GESTIONE DEI FASCICOLI DEL PERSONALE

GESTIONE DEI FASCICOLI DEL PERSONALE LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori Dipartimenti Responsabili Settori Amministrativi Direttori UU.OO. Rev. Causale Redazione Verifica Approvazione DG 01 Prima stesura -U.O. Qualità-

Dettagli

Data Warehouse: una sola lingua. Iolanda Salinari

Data Warehouse: una sola lingua. Iolanda Salinari Data Warehouse: una sola lingua Iolanda Salinari 2 Il Glossario: uno strumento prezioso Uno dei fattori critici per la realizzazione del data warehouse è costituito dalle difficoltà che si incontrano per

Dettagli

Sondaggio dei dirigenti IT e dei CEO

Sondaggio dei dirigenti IT e dei CEO Tendenze e percezioni della consumerizzazione mobile Sondaggio dei dirigenti IT e dei CEO RAPPORTO FINALE CONFRONTI: BATTERIE 1 E 2 REDATTO PER: TREND MICRO, INC. DA: DECISIVE ANALYTICS, LLC Cheryl Harris,

Dettagli

ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI

ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI ANALISI DEL BREVETTO ITALIANO. DATI STATISTICI E TRENDS DEGLI ULTIMI ANNI INTRODUZIONE Il brevetto italiano è stato oggetto, in anni recenti, di un radicale mutamento procedurale che ne ha accresciuto

Dettagli

Resource planning for hospitals

Resource planning for hospitals Resource planning for hospitals G. G. van Merode et al. Enterprise resource planning for hospitals International Journal of Medical Informatics (2004) 73, 493 501 Resource planning for hospitals Gli ospedali

Dettagli

Competere creando valore: la prospettiva della Qualità. Manuela Brusoni- MSc, MBA SDA Bocconi Professor

Competere creando valore: la prospettiva della Qualità. Manuela Brusoni- MSc, MBA SDA Bocconi Professor Competere creando valore: la prospettiva della Qualità Manuela Brusoni- MSc, MBA SDA Bocconi Professor La creazione del valore per i servizi sanitari Fornire prestazioni migliori, in modo più efficiente,

Dettagli

VALUTARE PER MIGLIORARE. LICEO SCIENTIFICO E. FERMI 4 maggio 2015

VALUTARE PER MIGLIORARE. LICEO SCIENTIFICO E. FERMI 4 maggio 2015 VALUTARE PER MIGLIORARE LICEO SCIENTIFICO E. FERMI 4 maggio 2015 T.Montefusco - 2015 1 PERCHÉ VALUTARE OCSE 34 Paesi sviluppati Economia di mercato Regimi democratici T.Montefusco - 2015 2 PERCHÉ VALUTARE

Dettagli

L.R. n. 15/2009 Disciplina dei rapporti tra la Regione e le

L.R. n. 15/2009 Disciplina dei rapporti tra la Regione e le L.R. n. 15/2009 Disciplina dei rapporti tra la Regione e le Università della Lombardia sedi di Facoltà di Medicina e Chirurgia per lo svolgimento delle attività assistenziali, formative e della ricerca

Dettagli

Bur n. 66 del 12/08/2008

Bur n. 66 del 12/08/2008 Bur n. 66 del 12/08/2008 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1831 del 01 luglio 2008 Attuazione della D.G.R. n. 4445 del 28.12.2006. Adozione del modello organizzativo per

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Fondazione Operation Smile Italia Onlus Via Panama 52-00198 Roma www.operationsmile.it Tel. 00+39 06 85305318 - Fax. 06 8551456 -

Fondazione Operation Smile Italia Onlus Via Panama 52-00198 Roma www.operationsmile.it Tel. 00+39 06 85305318 - Fax. 06 8551456 - 1 Fondazione Operation Smile Italia Onlus Via Panama 52-00198 Roma www.operationsmile.it Tel. 00+39 06 85305318 - Fax. 06 8551456 - info@operationsmile.it Codice Fiscale : 97175550587 1982: nasce Operation

Dettagli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli POLITICA AZIENDALE SCELTE E PROSPETTIVE Il Percorso continua e si sviluppa Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA Necessità di risorse Coinvolgimento singoli 2.2 Il controllo della Qualità

Dettagli

Evoluzione della qualità

Evoluzione della qualità SOMMARIO Evoluzione della qualità ISO 9000 L evoluzione delle norme ISO 9000 (Vision 2000) Il Manuale della qualità secondo le ISO 9000 Il ciclo PDCA I punti del Sistema Qualità La Certificazione e i Marchi

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

è Conoscenza più Servizio più Prodotti

è Conoscenza più Servizio più Prodotti è Conoscenza più Servizio più Prodotti Regolazione e controllo del vapore e dei fluidi industriali CONOSCENZA Quasi un secolo di esperienza a disposizione dei clienti 35 centri di formazione ed addestramento

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

LINEE GUIDA PER ORGANIZZAZIONE DI EVENTI DURANTE LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE VIVA! 14-20 OTTOBRE 2013

LINEE GUIDA PER ORGANIZZAZIONE DI EVENTI DURANTE LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE VIVA! 14-20 OTTOBRE 2013 LINEE GUIDA PER ORGANIZZAZIONE DI EVENTI DURANTE LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE VIVA! 14-20 OTTOBRE 2013 Introduzione La seguente linea guida vuole essere una traccia per descrivere,

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 quali novità?

UNI EN ISO 9001:2008 quali novità? Anteprima Sistemi di Gestione per la Qualità: la nuova norma UNI EN ISO 9001:2008 UNI EN ISO 9001:2008 quali novità? Roma 18 dicembre 2008 Nicola GIGANTE - TQ-SERVICE srl Commissione Gestione per la Qualità

Dettagli

Osservazioni al testo Rete territoriale. I principi per la definizione degli assetti organizzativi delle ASL 7 aprile 2015

Osservazioni al testo Rete territoriale. I principi per la definizione degli assetti organizzativi delle ASL 7 aprile 2015 Ai fini di dare i riscontri utili per lo sviluppo del nostro SSR procediamo nell'analisi del documento identificando, sulla base delle ipotesi da noi formulate, quali proposte possono essere d'interesse

Dettagli

Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico

Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico Analisi report Questionario conoscitivo rischio clinico Il questionario conoscitivo rischio clinico è stato somministrato, nel corso dell anno 2006, a tutti i dipendenti dell Azienda Ospedaliera Ospedale

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Maria Giovanna Pellegrino Via Venere 5-95042 Grammichele (CT) - Italia Telefono 3356005889-093339631 Fax 0933 23037 E-mail

Dettagli

- dal dicembre 2005 sono stata infermiera presso i reparti di Rianimazione e Anestesia Pediatrica;

- dal dicembre 2005 sono stata infermiera presso i reparti di Rianimazione e Anestesia Pediatrica; F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome VISANI SARA E-mail sara.visani71@gmail.com Nazionalità italiana Data di nascita 11/10/1971 Luogo di nascita Brescia) Codice Fiscale

Dettagli

LIONS, BAMBINI AL CENTRO. Guida al Programma delle Attività

LIONS, BAMBINI AL CENTRO. Guida al Programma delle Attività LIONS, BAMBINI AL CENTRO Guida al Programma delle Attività INTRODUZIONE Grazie, Lions, per la vostra dedizione e per il vostro impegno nel migliorare la vita dei bambini...uno per uno. Ogni giorno i Lions

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Fernando De Benedetto Chieti. La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro?

Fernando De Benedetto Chieti. La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro? Fernando De Benedetto Chieti La pneumologia nel contesto della programmazione sanitaria: quale futuro? L incremento Delle Cronicità La programmazione sanitaria nei paesi sviluppati è condizionata dall

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli. I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.it e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere

Dettagli

Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian

Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian Assistenza medica programmata in Europa per i residenti del Lothian Introduzione Il presente opuscolo spiega a quale finanziamento potreste avere diritto se siete normalmente residenti nella regione del

Dettagli

Storage Networking. Storage Networking. Soluzioni Tecnologiche per le aziende. Seminario on line

Storage Networking. Storage Networking. Soluzioni Tecnologiche per le aziende. Seminario on line Storage Networking Storage Networking Soluzioni Tecnologiche per le aziende Seminario on line 1 Seminario on line Storage Networking Seminario sulle Soluzioni Tecnologiche per le aziende 3. Benvenuto 4.

Dettagli

7,5 segnali che rivelano la necessità di un nuovo sistema di gestione dei documenti

7,5 segnali che rivelano la necessità di un nuovo sistema di gestione dei documenti Report gratuito 7,5 segnali che rivelano la necessità di un nuovo sistema di gestione dei documenti Il volume di informazioni da gestire cresce a un ritmo esponenziale. Senza un efficace sistema di gestione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 24.6.2009 COM(2009) 282 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO sull applicazione del regolamento (CEE) n. 259/93

Dettagli

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Mostra Dettagli Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Il sistema sanitario è un sistema complesso in cui interagiscono molteplici fattori

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

Unità Operativa di Chirurgia

Unità Operativa di Chirurgia Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

PROCEDURA Compilazione, tenuta e conservazione, archiviazione del Registro Operatorio

PROCEDURA Compilazione, tenuta e conservazione, archiviazione del Registro Operatorio originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura definisce la modalità della Compilazione, Tenuta, Conservazione e Archiviazione del

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA'

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA' RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA' Abbiamo deciso di organizzare questo convegno per fare alcune considerazioni e valutazioni sul sistema socio sanitario

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23.3.2011 COM(2011) 138 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Seconda

Dettagli

GESTIONE DELLA CORRETTA

GESTIONE DELLA CORRETTA 1 Premessa Gli interventi chirurgici in siti sbagliati, con procedure errate e su pazienti sbagliati sono eventi comuni che allarmano le organizzazioni di assistenza sanitaria. Nonostante non si disponga

Dettagli

quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario

quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario Sicurezza dei pazienti e qualità: quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario La cornice per la Qualità Coinvolgimento dei pazienti e della popolazione avversi

Dettagli

Azienda Ospedaliera G. Salvini Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitavo Aziendale

Azienda Ospedaliera G. Salvini Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitavo Aziendale Azienda Ospedaliera G. Salvini Servizio Infermieristico Tecnico Riabilitavo Aziendale Il referente delle documentazione assistenziale integrata nell organizzazione dipartimentale per aree omogenee e/o

Dettagli

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE Overview Education Policy Analysis Analisi delle politiche educative Le note di sintesi sono degli stralci di pubblicazioni dell OCSE. Sono disponibili

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FIDUCIA ISTITUZIONALE IN ICANN [Revisionato: settembre 2008]

MIGLIORAMENTO DELLA FIDUCIA ISTITUZIONALE IN ICANN [Revisionato: settembre 2008] MIGLIORAMENTO DELLA FIDUCIA ISTITUZIONALE IN ICANN [Revisionato: settembre 2008] IT Background Da oltre due anni il Comitato Strategico del Presidente (PSC) ha avviato una serie di consultazioni con l'obiettivo

Dettagli

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica Alberto Giangrande, Divisione di Nefrologia e Dialisi, Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo

Dettagli

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico

Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Prescrizioni inappropriate: contestazioni della ASL e difese del medico Servizio Sanitario Nazionale e limitatezza delle risorse Con l istituzione nel 1978 del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) si sottolineava

Dettagli

Comunicazioni e informazioni

Comunicazioni e informazioni Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 150 A Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 58 o anno 7 maggio 2015 Sommario V Avvisi PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Ufficio europeo di selezione

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Spam Manager. Guida per l'amministratore di quarantena

Spam Manager. Guida per l'amministratore di quarantena Spam Manager Guida per l'amministratore di quarantena Guida per l'amministratore di quarantena di Spam Manager Versione di Documentazione: 1.0 Informativa legale Informativa di carattere legale. Copyright

Dettagli

Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre 2013

Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre 2013 Direzione Sanitaria di Presidio U.O.S. Risk Management e valorizzazione SDO (Responsabile : Dott. Alberto Firenze) Attività condotte dall U.O Risk Management e Valorizzazione SDO dal 01 gennaio al 31 Dicembre

Dettagli

L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici

L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici CPOE (Computerized Physician Order Entry). E inoltre disponibile e un Repository strutturato per la gestione di

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Corsi di inglese per le professioni sanitarie Studi in una facoltà medica o ti sei appena laureato?

Corsi di inglese per le professioni sanitarie Studi in una facoltà medica o ti sei appena laureato? info@businessenglishlondon.com Corsi di inglese per le professioni sanitarie Studi in una facoltà medica o ti sei appena laureato? Consolida il tuo inglese professionale con un soggiorno studio a Oxford

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE PROCEDURE

ISTRUZIONI PER LE PROCEDURE Regolamento per la gestione dei Defibrillatori Automatici Esterni in ambito preospedaliero DGRV 4282/09 ISTRUZIONI PER LE PROCEDURE 1 Accreditamento e certificazione 1.1 Accreditamento dei corsi di formazione

Dettagli

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 2/994326 Fax 2/9943278 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

Informazioni sulla FSMA. (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi

Informazioni sulla FSMA. (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Proposta di legge sull accreditamento di auditor terzi Riepilogo/sommario Il 26 luglio 2013 la FDA ha pubblicato una proposta

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1447 del 05/12/2014 OGGETTO: Attività di guardia in forma protetta del medico in formazione specialistica: Regolamento-attuativo

Dettagli