PROCESSO DI ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE DELL SPT.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCESSO DI ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE DELL SPT."

Transcript

1 PROCESSO DI ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE DELL SPT. a cura di Elena Dott.ssa DOVETTA PT, MSc (UNITO), OMPT, SPT (UNIGE) Past-President GIS Sport, Tesoriere Nazionale GIS Sport

2 PROCESSO DI ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE DELL SPT. Descrizione delle Tappe del Processo politico, socioenomico e scientifico-culturale che ha determinato una situazione favorente lo sviluppo dei presupposti per cui si potesse verificare il riconoscimento internazionale del SPT ad opera dell IFSPT. Questo Processo ha portato alla creazione di un Registro Internazionale degli SPT (RISPT) dei 7 Paesi Membri Accreditati, che per ora conta 71 colleghi. L Italia a breve inizierà una fase sperimentale di Accreditamento Nazionale, ed entro il 2015 dovrebbe completarsi anche il Percorso di Accreditamento dei Paesi Membri IFSPT; l Italia diventerà così l 8 Paese Membro dell IFSPT ad ottenere l Accreditamento, e questo consentirà gli SPT Italiani di effettuare la Registrazione Individuale. a cura di Elena Dott.ssa DOVETTA PT, MSc (UNITO), OMPT, SPT (UNIGE) Past-President GIS Sport, Tesoriere Nazionale GIS Sport

3 POLITICHE PROPEDEUTICHE POLITICHE UE POLITICHE ER- WCPT POLITICHE IFSPT

4 LE POLITICHE EUROPEE SULLA FORMAZIONE SUPERIORE Dalla Dichiarazione della Sorbona alla Dichiarazione di Copenaghen

5 POLITICHE UE SORBONA 1998 VIII Centenario Università Parigi Visione dell Europa del Sapere BOLOGNA 19/6/1999 Dichiarazione 29 Ministri Istruzione Superiore (» attualmente 47) Spazio Europeo Istruzione Superiore (2010) COPENAGHEN 2002 Recepimento Concilio Lisbona (2000) Formazione Superiore come Strategia UE

6 PROCESSO DI BOLOGNA Dichiarazione Congiunta della Conferenza dei Ministri dell Istruzione Superiore (29): Titoli di semplice lettura e comparazione con il Sistema dei Cicli (titoli unificati su 3 livelli): BSc, MSc, PhD Sistema Europeo di Crediti Unificato: ECTS (Eur Cred Transf&Accumul Syst) Creazione dello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore, inaugurato simbolicamente nel marzo del 2010 Obiettivi: Facilitazione della mobilitazione degli Studenti e della Cooperazione Interateneo Rafforzamento della Competitività della piazza Formativa Europea

7 CONCILIO EUROPEO DI LISBONA Nel marzo 2002 l UE riconosce l importanza della Formazione come parte integrante delle politiche socio-economiche, come strumento di rinforzo della competitività Europea Vs il resto del Mondo. Obiettivo strategico per l UE è diventare l economia basata sulle conoscenze più dinamica al mondo; lo sviluppo di Formazione Professionale di Alto Livello risulta cruciale per questa strategia, soprattutto nell ottica della promozione dell inclusione sociale, della coesione, della mobilità, della spendibilità lavorativa e della competitività. The Copenaghen Declaration, 2002

8 LE POLITICHE ER-WCPT SU COMPETENZE E STANDARD PT Standard e Core Competence in PT

9 BENCHMARK STATEMENT PT Iniziativa intrapresa sotto l Egida del Quality Assurance Agency (UK) per descrivere la natura e le caratteristiche dei Programmi di Formazione Superiore in una specifica materia. La Dichiarazione degli Standard della Fisioterapia è sviluppato in comune con numerose altre Professioni Sanitarie (Infermieristiche, della Riabilitazione e Tecniche Preventive) in occasione dell Education Workshop di Cyprus del La stesura finale viene adottata in occasione del GM Straordinario dell ER-WCPT di Madrid, il 4 giugno [European Benchmark Statement ER-WCPT, Barcelona, 4 giugno 2003]

10 STANDARD

11 LE POLITICHE IFSPT SU ACCREDITAMENTO SPT Dallo SPA Project al RISPT

12 POLITICHE IFSPT NASCITA SPA PROJECT COMPETENZE & STANDARD PORTFOLIO AUDIT TOOLKIT QSAS_Master_Prog I Gruppo di Paesi interessati all SPT: riunione nel 1998 ad Estoril, promossa da Italia, Portogallo e Francia IFSP: nasce venerdì 8 dicembre 2000, ad Utrecht

13 P.O. Box 302, NL AH Arnhem 19 December 2000 PRESS RELEASE: International Federation for Sports Physiotherapy (IFSP) established On Friday 8 December 2000 the IFSP was established in Utrecht. IFSP stands for International Federation for Sports Physiotherapy. The IFSP represents all registered sports physiotherapists associated with their national professional organisation. In 2003, the IFSP will be recognised as a subgroup of the Word Confederation for Physical Therapy, the WCPT. Customer based The IFSP is a customer-oriented organisation, for whom the sportsman or woman is central. For this purpose, the IFSP aims to provide professionalism in sports physiotherapy world-wide recognition and improve evidence based quality and in view of best practice. Education and registration are important arguments for establishing the IFSP. The need for an international standard is great. For sports physiotherapists, the IFSP provides concrete advantages such as an increase and international harmonisation of scientific research, job rotation, international rules of conduct concerning drugs, teacher and student exchange programmes between universities, an international scientific journal, international conferences, regulation of responsibility for training teams abroad and a Web site such as body of knowledge. Associate members 14 countries are currently represented in the IFSP. Each country has one vote. The professional organisations of the following countries are represented in the IFSP: the United States, Canada, Australia, Luxembourg*, Austria, Portugal, Spain, Italy, Hungary*, the United Kingdom (Great Britain, Northern Ireland* and Scotland), Turkey, Germany, Denmark, and the Netherlands. (*under condition) The Council The setting up of the IFSP is the result of the efforts of those who formed the first council. These are: Chairperson Ms Laetitia Dekker (the Netherlands), vice Chairperson José Antonio Martin Urrialde (Spain), Secretary Mike L. Voight (USA), Treasurer José Esteves (Portugal) and Council members Ms Vibecke Bechtold (Denmark), Ms Gül Baltaci (Turkey), Jan Smith (Australia) and Mark de Carlo (USA). The IFSP will operate from the Netherlands.

14 IFSPT Oggi conta 24 stati membri su 5 continenti: 1 nelle Americhe, 1 in Africa, 2 in Asia, 2 in Oceania 2 in Europa extra-ue SUI USA UE TUR HKG JPN NZL AUS ZAF [ISO alpha-3]

15 IFSPT Unione Europea: 16 Nazioni aderenti/24 IFSPT (66,67%) con circa 310 milioni di abitanti

16 INQUADRAMENTO-INTERNAZIONALE IFSPT 2003: Riconoscimento ufficiale da parte della WCPT come Sottogruppo (Barcellona); Obiettivi: Promuovere a livello mondiale l SPT e l interesse per essa Perfezionare la qualità della professione dell SPT migliorando le conoscenze, le capacità e la responsabilità dei professionisti SPT Rendere più accessibile per gli SPT la possibilità di fare Ricerca Incoraggiare la comunicazione e lo scambio delle informazioni formative e professionali attraverso diversi mediums Promuovere un armonizzazione internazionale degli SPT allo scopo di raggiungere la mission prioritaria dell IFSPT [http://www.wcpt.org/ifspt, updated Mon 20 Aug 2012; Maria Costantinou, Sept 2012]

17 DOMANDA LAVORO SPT IN EUROPA Stile di vita attivo ricadute economiche positive: aumento della produttività sul lavoro, riduzione assenteismo sul lavoro (WHO, 2003) aumento della traumatologia sportiva (Petridou, 2001) Numeri annuali della Traumatologia Sportiva in UE: ,000 H 60/1000 traumi Priorità: prevenzione e trattamenti basati sulle migliori evidenze (Petridou, 2001)

18 POLITICHE IFSPT NASCITA SPA PROJECT COMPETENZE & STANDARD PORTFOLIO AUDIT TOOLKIT QSAS_Master_Prog

19 Sport Physiotherapy for all Gennaio Dicembre 2006 L IFSPT è il Partner Fondatore dello SPA-Project, Progetto nato all interno del Programma Leonardo da Vinci, realizzato grazie all impiego di Fondi dell Unione Europea L italia partecipa attraverso l Università di Genova (Facoltà di Medicina e Chirurgia, Facoltà di Scienze della Formazione) L IFSPT ha la responsabilità di dimostrare che i risultati dello SPA-Project verranno utilizzati in modo efficiente fino al 2017 [http://ifspt.org/wp-content/uploads/2012/04/sptcompetenciesstandards-final-draft.pdf; C Bulley, updated Mon 20 Aug M Costantinou, Sept 2012]

20 Sport Physiotherapy for all Gennaio Dicembre 2006 Nascono così, ad Oslo nel 2005, le 11 Competenze dell SPT ed uno strumento di (auto)valutazione denominato Audit Toolkit al fine di consentire a chiunque di individuare, partendo dal proprio curriculum, quali di queste Competenze sono soddisfatte e quali no e, per queste ultime, gli aspetti carenti da integrare. [http://ifspt.org/wp-content/uploads/2012/04/sptcompetenciesstandards-final-draft.pdf; C Bulley, updated Mon 20 Aug M Costantinou, Sept 2012]

21 POLITICHE IFSPT NASCITA SPA PROJECT COMPETENZE & STANDARD PORTFOLIO AUDIT TOOLKIT QSAS_Master_Prog

22 STANDARD E COMPETENZE SPT 1) Le Competenze includono abilità professionali, conoscenze (generali e specifiche), attitudini degli SPT, in situazioni reali di lavoro e nello sviluppo professionale e/o personale, descrivono specifiche abilità e comportamenti dell SPT in un contesto definito. (Glossario multilingue CEDEFOP 2004; Il CEDEFOP è il Centro Europeo per lo sviluppo della formazione professionale, ha sede in Grecia e rappresenta l unica agenzia europea che si occupa istituzionalmente di questo specifico settore) [Ministry for Education, Culture and Science; Netherlands, 2002; SNAQ 2011; European Region -WCPT, 2003; LTSN, 2004; QAA, 2004a, 2) Gli Standard sono i criteri della performance; definiscono il livello minimo al quale ci si aspetta che lavori il professionista [ER-WCPT, 2003a; LTSN, 2004; QAA, 2004a,

23 AREE COMPETENZE SPT NEL MODELLO PT MSc Bulley, C., Donaghy, M., Coppoolse, R., Bizzini, M., van Cingel, R., DeCarlo, M., Dekker, L., Grant, M., Meeusen, R., Phillips, N., & Risberg, M.(2004) Sports Physiotherapy Competencies and Standards. GUIDA PROFESSIONALE 6. Life Long Learning 7. Professionalità e Gestione del Cliente GUIDA PROFESSIONALE/ CONSULENTE 11. Promozione Fair Play e Pratiche Anti-Doping INNOVATORE/ GUIDA PROFESSIONALE 9. Disseminazione della miglior pratica INNOVATORE 8. Coinvolgimento nella Ricerca MANAGER DEL PZ/CLIENTE 1. Prevenzione 2. Trattamento Fase Acuta 3. Riabilitazione 4. Miglioramento Performance CONSULENTE 5. Stile di vita attivo e sicuro INNOVATORE/ CONSULENTE 10. Estensione della pratica attraverso l innovazione

24 POLITICHE IFSPT NASCITA SPA PROJECT COMPETENZE & STANDARD PORTFOLIO AUDIT TOOLKIT QSAS_Master_Prog

25 AUDIT TOOLKIT (AT) E uno strumento che misura e valuta in modo sistematico le Competenze e gli Standarddell SPT; non mira ad rilevare una negligenza nella pratica clinica, ma ad incentivare lo sviluppo professionale ed a facilitare gli SPT nell erogare I più alti standard terapeutici Consente agli SPT di fornire delle prove in merito alle competenze, per fare un autovalutazione della propria performance individuale e per identificare gli eventuali bisogni formativi ( CPD, LLL) Valuta l apprendimento individuale sia formale che informale (Colletta 1996) comparandolo con gli standard minimi richiesti per ogni singola Competenza; garantisce il raggiungimento degli standard attraverso l analisi degli obiettivi formativi sia in un Programma Universitario Post- Laurea (Master, Alta Formazione. PhD) che in Corsi Accreditati (ECM) Può essere utilizzato anche nel Processo di Registrazione Individuale SPT Barneveld, B. van, Coppoolse, R. (2006) Sports Physiotherapy Audit Toolkit. Sports Physiotherapy For All Project [online] Available at:

26 PORTFOLIO La valutazione dei Percorsi Formativi non Universitari può avvenire attraverso il Portfolio; la documentazione richiesta nel Portfolio include la progettazione degli obiettivi formativi e del loro raggiungimento, attraverso la produzione delle seguenti evidenze: Video di un trattamento fisioterapico per uno specifico sport Riflessione personale Feedback di colleghi SPT feedback del Paziente Report di un Caso clinico Sviluppo di una LG di Pratica Clinica (CPGL); Articolo scientifico per una Rivista Professionale Piano di Supervisione Piano Qualitativo per il Caso Piano d azione per incoraggiare lo scambio interprofessionale

27 QSAS-Master Program Obiettivi del Programma di Studio Obiettivi formativi (Competenze e Standard SPA) Programma di Studio (Requisiti del Master, Relazione fra obiettivi e contenuti del programma di studio, coerenza del programma di studio, Carico di Studio, modalità di Ammissione, durata, compatibilità tra forma e contenuto, modalità di valutazione Dispiego di Personale (Requisiti, quantità, qualità dello Staff Tecnico- Didattico) Facilitazioni Strutturali e Didattiche (Strutture & Attrezzature, Consulenza studenti) Assicurazione della Qualità Interna (analisi dei risultati, misure di implementazione, coinvolgimento di staff e student) Risultati (livello acquisito, percentuale di successo, garanzia del titolo)

28 PANORAMA RISPT Ad oggi

29 ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE STATI MEMBRI ACCREDITATI: 7, di cui 4 in Europa, 1 nelle Americhe e 2 in Oceania UE 57% USA 14% AUS & NZL29%

30 ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE UK 1. Dr. Osman Ahmed, BSc (Hons), PGDip (Sports Physiotherapy), PhD UK 2. Brian Downey UK 3. Barry Edwards, PT United Kingdom 4. Oliver Finlay, PT, MSc (Sports Physiotherapy), MSc (Ex Physiology), NSCA CSCS, AACP, SMA, NCBTMB United Kingdom 5. Colin Paterson, PT United Kingdom 6. Nicola Phillips, PhD, MSc, FCSP United Kingdom IFSPT Chair Denmark 1. Bente Annie Sørine Andersen Denmark 2. Morten Høgh Denmark 3. Connie Linnebjerg Denmark 4. Anne Dorthe Madsen Denmark 5. Dorte Nielsen Denmark 6. Kristian Thorborg Denmark 7. John Verner Denmark Irlanda 1. Lara Coyne, B.Physio (hons) MSc Sports Physiotherapy Ireland 2. Scott Murphy Ireland 3. David Ukich Ireland Australia 1. Lucy Beumer Australia 2. Mark Brown, B.App.Sc(Phty); MHSc; MBA; FASMF; FAIM Australia 3. Maria Constantinou, MPhtySt(Sports), BPhty GradCertEd, APA Sports Physiotherapist, FASMF Australia IFSPT Secretary 4. John Fitzgerald Australia 5. Jane Grey Australia 6. Marina Trina Korina Lat, APA Titled Sports Physiotherapist Australia 7. Dr. Jan Naughton, PhD Australia 8. Bhaumic Patel, PT Australia 9. Raphael Rinaldi, PT, M Phty (Sports) Australia 10. Harmeet Singh Sethi, PT Australia 11. Nicholas Stepkovich, PT Australia 12. Michael Vadiveloo, PT Australia 13. Donna White Australia 14. Kellie Wilkie Australia 15. Brendan Wilson Australia 16. James Wiltshire Australia 17. Phoebe Cheuk WL, MSports PT, Bsc PT, DAcup, APA Sports Physiotherapist Hong Kong, Australia Nuova Zelanda 1. Anthony Schneiders, Dip Phty, PGCertTertT, PGDipManipTh, MSc, PhD New Zealand USA 1. JC Andersen, PT, SCS United States 2. Steven Blum United States 3. Richard C. Clark, PT, DSc, SCS United States 4. Christopher K. Costello, PT, DPT, SCS, CSCS*D United States 5. Alan Crothers, PT, SCS United States 6. George J. Davies, PT, DPT, Med, PT, SCS, LAT, CSCS, FAPTA United States 7. Mark S. De Carlo, PT, DPT, MHA, SCS, ATC United States 8. Amber Donaldson, DPT, MPhysio (Manip), SCS, CSCS United States 9. W. Gordon Eiland, PT, SCS, ATC United States IFSPT Treasurer 10. Chana Frommer, PT, DPT, OCS, SCS, CCI United States 11. Cassie Gibson, PT, DPT, SCS United States 12. Samantha Gubka PT, DPT, CI/CCCE, OCS, SCS, PES, FAAOMPT USA 13. Nicholas Hagen, PT, DPT, SCS, CSCS United States 14. Rachel Heyl PT, MEd, ATC, SCS United States 15. Christopher Hunt, PT, SCS United States 16. Michael Jennings, PT, MHS, SCS United States 17. Paul Johnson United States 18. Alice B. Kahl, PT, SCS, CFMT, ATC, TPI-MP3, TPI-JR3 United States 19. James Koo, PT, DPT, OCS, SCS United States 20. Edward J. Lacerte, PT, ATC, SCS, CSCS United States 21. Ryan Leaver, PT, DPT, SCS United States (Canada) 22. Kathryn Lucas, PT, SCS United States 23. Chris Margallo, DPT, SCS, CGFI-MP2, CKTP United States 24. Floyd F. Mechling, III, PT, SCS, ATC United States 25. Joe Miller, PT, DSc, OCS, SCS, CSCS United States 26. James Nussbaum, PT, PhD, MSPT, SCS, EMT United States 27. Emily Ohlin, PT, SCS United States 28. Luis Prato, PT, SCS, OCS, CSCS United States 29. Mark F. Reinking, PT, PhD, SCS, ATC United States 30. Jonathan Sams, PT, DPT, SCS, OCS, CSCS United States 31. Danny Smith United States 32. Barbara Springer, PT, PhD, OCS, SCS Chair, ABPTS Sports Council USA 33. Jessica Tidswell, PT, DPT, SCS, ATC/L, CSCS*D United States 34. Kent E. Timm, PT, PhD, SCS United States 35. Michael Voight, PT, DHSc, OCS, SCS, ATC, FAPTA United States 36. Whitney Welsch, PT, DPT, OCS, SCS United States 37. Natasha Darbar-Woodland, PT, SCS United States Singoli SPT nei Paesi Membri Accreditati

31 ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ACCREDITAMENTO DEL SINGOLO SPT Attualmente (22/02/2015) nel Registro SPT dell IFSPT ci sono 71 SPT così suddivisi: 37 in USA (su 300 milioni di abitanti) 17 in Australia 55 RISPT (su 331 milioni di abitanti) 1 in Nuova Zelanda 77,5% del totale RISPT Totale in Oceania: 18 RISPT (su 31 milioni di abitanti) 7 in Danimarca 6 in UK 3 in Irlanda 0 in Paesi Bassi Totale in Unione Europea: 16 RISPT (su 331 milioni di abitanti) 22,5% del totale RISPT

32 STATISTICHE IFSPT-UNIONE EUROPEA Paesi IFSPT:16/24 : 66,67% Membri Accreditati: 4/7: 57% Popolazione: 310 milioni Abitanti (= USA, 10 volte Oceania) RISPT: 16/71: 22,5% SPA-Project: Fondi UE

33 PANORAMA ITALIANO Ad oggi

34 INQUADRAMENTO-NAZIONALE Rientro IFSPT 2008 GM Madrid (ESP), ottobre 2008 Delegati: Presidente E. Dovetta Ref. IFSPT A. Fusco GM Amsterdam (HOL), giugno 2011 Delegati: Presidente E. Dovetta Ref. IFSPT A. Fusco South Africa 2013 Madrid 2008 Amsterdam 2011 (WCPT & IFSPT GM) GM Johannesburgh (SAF) luglio 2013 Delegati: Presidente C. S. Ramponi Ref. IFSPT L. Francini

35 INQUADRAMENTO-NAZIONALE Traduzione Competenze Traduzione QSAS_M_P [http://www.wcpt.org/ifspt, updated Mon 20 Aug 2012; Maria Costantinou, Sept 2012]

36 STATO DELL ARTE IN ITALIA Sperimentazione Interna RISPT Fase Sperimentale dal 2 maggio 2015

37 STATO DELL ARTE IN ITALIA Commissione Domanda IFSPT RISPT Creazione Commissione ad hoc (marzo 2015: Dovetta, Francini, Ramponi) Riunione Programmazione Processo Richiesta Accreditamento Internazionale Condivisione Documento di Riferimento, Traduzione cross-culturale Compilazione del Documento (giugno 2015) Traduzione del Documento Compilato Invio del Documento alla Commissione IFSPT (agosto 2015) Presunta ricezione-risposta: ottobre 2015 NOVITA in occasione del Congresso GIS Sport AIFI Novembre 2015

38 Grazie per l attenzione A presto!!!

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Distribuzione digitale

Distribuzione digitale Distribuzione digitale Amazon Kindle Store La più grande libreria on line al mondo, con il Kindle ha fatto esplodere le vendite di ebook in America. Il Kinde Store è presente in Italia dal Novembre 2011.

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa?

Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Editoriale n. 6 del 18/5/2009 Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno Cuneo contributivo e contrattazione rigida del lavoro: Quanto ci son costate e quanto peseranno sulla ripresa? Dai dati del Taxing wages

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE

1. I FONDAMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI QUALIFICHE DEI TECNICI SPORTIVI E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. I FONDAMENTI DEL E I SUOI RAPPORTI CON LE POLITICHE EUROPEE DEL SETTORE 2. CHE COSA È IL 3. QUALIFICHE E COMPETENZE DEGLI OPERATORI SPORTIVI 4. I QUATTRO LIVELLI DI QUALIFICA DEI

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

Tuning Educational Structures in Europe

Tuning Educational Structures in Europe Un introduzione a Tuning Educational Structures in Europe Il contributo delle Università al Processo di Bologna 1 CONTENUTO 1. INTRODUZIONE 2. LA METODOLOGIA TUNING 3. COMPETENZE NEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand

Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand Case Study Texas Motor Speedway Più potenza al brand 80543940, Chris Graythen/Getty Images. Jimmie Johnson, driver of the #48 Lowe s Chevrolet, leads Kyle Busch, driver of the #18 Interstate Batteries

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo Quali strategie possono essere applicate con successo nel Life Long Learning, tenendo conto degli scenari attuali? Emerge

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli