Banche, è rivoluzione retail

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banche, è rivoluzione retail"

Transcript

1 finanza/ banche Banche, è rivoluzione retail Uno studio di A.T. Kearney rivela il cambiamento in atto in questi anni nel retail bancario europeo. Una razionalizzazione che nel 2013 ha portato alla chiusura di quasi filiali. Ecco come si prospetta lo scenario futuro di questo comparto, tra le insidie/opportunità del digitale e una maggiore flessibilità nei processi. Continua la fase di stabilizzazione per il retail bancario europeo. I margini si sono ridotti, il costo del personale è nel migliore dei casi stabile mentre aumenta la quota di capitale proprio necessaria e il costo della raccolta indiretta. Tuttavia il retail rimane la componente potenzialmente più stabile nel revenue mix soprattutto in un Paese come la Svizzera esposto a rischi regolatori. Come ogni anno, anche per il 2014 la società internazionale di consulenza manageriale A.T Kearney ha realizzato uno studio - Retail Banking Radar - che fa il punto sull andamento congiunturale e sulle dinamiche caratterizzanti questo settore. Lo studio ha analizzato 104 istituti bancari in 24 differenti Paesi europei: un campione che ha coperto 115mila filiali (in alcuni stati quasi l 80% sul totale del mercato retail) per circa mezzo miliardo di clienti serviti. Il report eseguito dalla società di consulenza prende in considerazione differenti indicatori di performance, tra cui: fatturato per cliente, fatturato per impiegato, ricavo per cliente, rapporto costi operativi/margine di intermediazione, margine di interesse rispetto ai ricavi totali, fondi rischio in rapporto alle entrate totali. Lo studio mette in luce il momento critico, fatto di riorganizzazione e ridimensionamento, che sta attraversando il servizio sulla via di una lenta e faticosa ripresa (in Europa come del resto anche in molti altri Paesi al mondo); e lo fa non solo presentando numeri e statistiche, bensì anche provando a tracciare un quadro sulla situazione generale del retail, comprensivo di una previsione sulle possibili tendenze (e strategie) che coinvolgeranno molte delle realtà bancarie da qui al prossimo futuro. Il peggio è passato, verrebbe da dire confrontando questi dati con quelli di due anni fa, eppure il vento di cambiamento che sta investendo il settore non lascia certo tranquilli gli addetti ai lavori, che dovranno farsi trovare pronti a interpretare i nuovi equilibri, i nuovi scenari di sviluppo che si stanno via via delineando. Passando in rassegna i risultati di questa ricerca possono emergere alcune interessanti considerazioni, proprio a partire dall osservazione delle grandezze prese in esame nello studio americano. Anzitutto i volumi dei prestiti bancari sono calati sensibilmente e questo spiega in parte perché le entrate medie per cliente retail siano rimaste stabili nel corso del 2013: da 667 a 668 euro. Francia e il Benelux hanno registrato le performance migliori. Per quel che riguarda invece il giro d affari per dipendente, la media è di circa 218mila euro; è uno dei pochi indicatori a registrare miglioramenti sia nel 2012, sia nell ultimo anno, nonché forse l unico a poter tornare presto sui livelli pre-crisi; naturalmente, il risultato è dovuto perlopiù alle riduzioni di personale effettuate nei vari gruppi bancari europei (-1,5% nel 2013); non è un caso, quindi, che i Paesi che hanno effettuato le più grandi ristrutturazioni interne (quelli nella fascia mediterranea) abbianno ottenuto gli incrementi più rilevanti. Il margine di interesse netto in rapporto al ricavo totale è sceso di circa mezzo punto percentuale, raggiungendo così il valore di 70%. Bassi interessi e una crescita limitata nei mutui e nel mercato dei prestiti continuano a gravare sugli utili derivanti dagli interessi. Tutto questo, unito a nuove regolamentazioni che limitano tra gli altri i tassi di prestito e di commissione interbancaria, stanno impattando negativamente sulla possibilità delle banche retail del vecchio continente di disporre di più fonti di revenue (entrate). Un altro valore considerato nello studio 94 TM Settembre 2014

2 Da sinistra, Alberto Crugnola, responsabile clientela privata di Banca Migros Ticino; Fabrizio Cieslakiewicz, responsabile Area retail e aziendale di Banca Stato; e Romano Massera, responsabile Media relations e direttore sede Svizzera Italiana di Banca Raiffeisen. è stato il cost to income ratio (rapporto costi operativi/margine di intermediazione, indice di efficienza gestionale della banca); che dal 2008 si mantiene entro una fascia percentuale costante (tra il 60 e il 62%) e che nel 2013 ha segnato il 61%; un lievissimo decremento, insomma, nonostante gli ingenti sforzi di ristrutturazione condotti dal comparto. In questo senso, il team di Kearney ha osservato come una riduzione dell organico non si traduca automaticamente sempre in diminuzione dei costi e aumento delle entrate totali. Il ricavo per cliente si mantiene, invece, su valori positivi; cresce infatti la redditività dell indicatore, portandosi su una media di 127 euro per cliente. La ripresa in questo caso si è fatta sentire, pur faticando a raggiungere i livelli pre-crisi. È, probabilmente, intorno a questo valore che si riscontrano le più grosse disparità: le banche nei Paesi nordici e in Svizzera registrano infatti 260 euro a cliente, mentre in e l Italia i margini sono negativi (rispettivamente -160 e -279 euro). Infine, i fondi a rischio in rapporto alle entrate totali: l ultimo indicatore selezionato da Kearney, dopo il picco del 24% toccato nel 2012, sta lentamente decrescendo: anche in questo caso i livelli precrisi (10%) sono ben lontani, tuttavia gli analisti di A.T. Kearney ritengono che il 2015 possa essere l anno giusto per assistere a un abbassamento sensibile dei livelli di copertura del rischio fino al 16%. Tuttavia, le difficoltà economiche e gli alti tassi di disoccupazione in tutto il continente suggeriscono una certa cautela. Numeri che sembrano non sorprendere affatto analisti, banchieri e operatori finanziari. L opinione ricorrente è che, con i dovuti distinguo: «Il settore retail risenta dell andamento negativo dell economia degli ultimi anni, seppur differenziato da Paese a Paese», sostiene Romano Massera, responsabile relazione coi media di Banca Raiffeisen Ticino; e ancora: «sono lo specchio reale della situazione nel retail banking», spiega Alberto Crugnola, responsabile clientela privata di Banca Migros Ticino, «volumi in crescita ma ricavi da interessi che in percentuale non aumentano di pari passo a causa dei tassi ai minimi storici». Ciononostante, lo vedremo più avanti, il settore ha ampi margini di miglioramento, grandi chance di sviluppo e ha le carte in regola per fare un salto di qualità, attirando l interesse e gli investimenti anche di altri settori di attività bancaria, quali il private banking (decisamente più in crisi rispetto al retail): «Si può prevedere che pure le banche che hanno una forte attività nel private banking si indirizzeranno per forza di cose al mercato interno in maniera più pronunciata», prevede Massera. Quattro zone climatiche diverse. I numeri non possono però essere generalizzati ed estesi indistintamente a tutti i Paesi europei, ma vanno analizzati caso per caso, zona per zona, poiché nelle diverse nazioni del vecchio continente i trend si differenziano anche in maniera piuttosto marcata. I dati che compaiono nello studio sono infatti perlopiù medie aritmetiche, che non fanno emergere le diversità, anche clamorose, tra i vari stati. Per una visione onnicomprensiva, insomma, sarebbe auspicabile esaminare ogni singola situazione. A.T. Kearney traccia quattro macroaree, o per meglio dire quattro zone climatiche distinte: blocchi di Stati che viaggiano a velocità differenti in termini di sviluppo e risultati di performance per quanto concerne i sei indicatori presi in esame. Differenze regionali rilevanti riguardano ad esempio il blocco delle nazioni scandinave e la Svizzera (unica zona soleggiata attualmente), che sembra aver interpretato al meglio il momento di cambiamento che sta investendo il settore e dove, non a caso, i livelli di entrate, redditività e profitto degli istituti risultano nettamente più elevati rispetto che negli altri Stati. «Non bisogna poi dimenticare», precisa Crugnola di Banca Migros, «che nei periodi di grandi turbolenze economiche, la clientela domestica medio piccola ha consentito alle nostre banche di sopperire alle forti perdite registrate nel settore dell investment banking, molto legato all evoluzione dei mercati internazionali». Un comparto che ha certamente futuro nella Confederazione, anche perché «il 95% della popolazione è potenzialmente clientela retail», come ricorda Massera di Banca Raiffeisen, «certo, qui gli attori sul mercato sono molti e altri se ne aggiungeranno, per cui la concorrenza si inasprirà e ad avere la meglio saranno le istituzioni che potranno godere di un marchio forte, rico- TM Settembre

3 nosciuto, attrattivo e ben definito». Inoltre, altro punto debole del settore, il retail in Svizzera «è confrontato a margini commerciali in diminuzione che portano gli istituti bancari a dover continuamente ridurre i costi operativi», aggiunge Fabrizio Cieslakiewicz, responsabile area retail di Banca Stato. In ogni caso, continua Cieslakiewicz, è altrettanto vero che «la diminuzione dei margini commerciali è stata compensata dall importante aumento dei volumi, in particolare nell erogazione di crediti ipotecari e dal contenimento dei costi ottenuto grazie alla revisione dei processi di lavoro, delle strutture organizzative e dei supporti di gestione. Situazione opposta invece per i Paesi del blocco mediterraneo (in primis, Spagna e Italia), per i quali si prospettano ancora tempi difficili, con misure drastiche che prevederanno nuovi tagli ai costi, chiusura di filiali e pulizia dei bilanci di esercizio societari per cercare di recuperare tutta la redditività e gli utili perduti in questi anni. Il retail banking dell Europa centro-occidentale non se la passa tanto meglio: crescita rallentata, margini di profitto sempre più bassi e, non bastasse, una serrata concorrenza da parte di alcuni nuovi player che piano piano hanno conquistato quote di mercato significative, le challenger banks (perlopiù banche online e piattaforme peer-to-peer); queste ultime, come vedremo più avanti, rappresentano una delle minacce principali del settore commerciale in questo momento. Se è vero che la cautela nell esprimere considerazioni d insieme è d obbligo, poiché ogni Paese ha il suo passo di marcia e i singoli istituti creditizi vivono momenti di sviluppo e crescita differenti, è però indubbio che un cambiamento e un ripensamento radicale della fascia retail sia già in corso. Una rivoluzione globale, sospinta dai venti di una concorrenza ormai a tutto campo, dalla continua ricerca di flessibilità e snellimento delle funzioni interne e, in definitiva, dal contenimento dei costi di gestione. In particolare, potremmo individuare tre concause responsabili di alimentare questa rivoluzione retail: la nuova minaccia rappresentata dai challenger : banche più piccole, non-banche e in generale dall automatizzazione dei processi e degli strumenti e l introduzione del digitale (internet e mobile banking). Le challenger banks sfidano le grandi. Nonostante il periodo critico vissuto dal Le filiali che hanno chiuso nel periodo Spagna Scandinavia Italia Europa centrale Benelux Austria Sud Europa Gran Bretagna Polonia Germania -14% -7% -6%-6% -8% Retail Banking Radar (per Paese nel 2013) Fatturato per cliente ( ) 102 Turchia Svizzera Utile per dipendente (in migliaia di ) Sud europa Scandinavia Costi operativi/margine intermediazione (%) Sud Europa Profitto per cliente ( ) -279 Italia -1% -2%-2% -3%-3% -4% Nel grafico in alto, i dati aggiornati relativi alla chiusura delle filiali in Europa tra il 2012 e il 2013, dal quale emerge subito quanto il trend interessi perlopiù le regioni del blocco meridionale (Italia, Spagna e ). In basso, un resoconto sulle performance registrate dai paesi presi in esame nello studio A.T. Kearney. In base alle sei grandezze considerate, salta subito all occhio la situazione svizzera: il comparto commerciale, nella Confederazione, è in testa in ben 3 indicatori su Svizzera Copertura rischi / ricavi totali (%) Scandinavia 6 Svizzera Margine di interesse/ricavi totali (%) 79 Gran Bretagna Valore negativo Media europea Valore positivo retail banking, il settore risulta essere ancora piuttosto attrattivo per molti nuovi entranti, che sembrano intravedere nel lungo periodo delle grosse potenzialità soprattutto per quanto riguarda l offerta di servizi finanziari e che per giunta, approfittando del disincanto e della scarsa fiducia che prova in questo momento il consumatore medio verso gli istituti tradizionali, vorrebbero poter cogliere la ghiotta opportunità di una rapida ascesa nel mercato bancario. Questi rampanti nuovi attori sono definiti, challenger bank ; sebbene un definizione precisa di questi nuovi soggetti sia impossibile, si tratta perlopiù di startup nell ambito creditizio e finanziario che, attraverso modelli operativi nuovi, economicamente sostenibili o canali distributivi innovativi (piattaforme peer to peer, sistemi multimediali), riescono a erodere la base clienti oltre che il vantaggio competitivo dei grandi gruppi retail. Il fenomeno delle challenger bank è ben visibile specialmente in Gran Bretagna, dove realtà come Tesco e Metro Bank hanno già lanciato il guanto di sfida ai giganti del settore, le cosiddette Big Four: Hsbc, Royal Bank of Scotland, Barclays e Lloyds. Altri esempi di challenger banks potrebbero essere, in un certo senso, PayPal, Google e perfino Facebook, che ha fatto sapere di voler debuttare molto presto nei servizi bancari e di trading. Nello specifico ticinese, una minaccia proviene anche da una possibile conversione al retail banking da parte delle banche precedentemente votate al private banking, come indica Crugnola di Banca Migros: «Siamo convinti che anche in futuro il retail banking saprà essere una fonte predominante del margine di utile sulla piazza finanziaria svizzera e ticinese. Per questo non sarà da escludere un interessamento delle banche tipicamente private banking al mercato retail, che porterebbe inevitabilmente a un forte aumento della concorrenza». Automazione allo sportello. Negli ultimi sei anni i tagli del personale nel settore commerciale hanno toccato le 250mila unità (-1,5% la diminuzione registrata negli organici solo nell ultimo anno); del resto oggi le banche sono molto più automatizzate rispetto a un tempo: l avvento di nuove tecnologie, l incessante tentativo di razionalizzare i costi di gestione, forse anche il risultato di un cambiamento nelle modalità di fruizione da parte del consu- 96 TM Settembre 2014

4 00_retail banking radar.qxp_digital :55 Pagina 97 matore (molto più diversificate). In Inghilterra, 37 filiali della Barclays hanno installato sportelli elettronici, del tutto automatizzati; il cliente entra in banca strisciando la tessera del proprio bancomat, un impiegato lo accoglie con un tablet in mano e gli indica verso quale sportello automatico indirizzarsi, in base al tipo di operazione che ha da compiere. Anche in Italia alcune banche hanno abbracciato la logica degli sportelli elettronici attivi 24 ore su 24: Cariparma ed Unicredit, ad esempio, hanno iniziato ad adottare queste nuove tecnologie di servizio. Unicredit in particolare, tramite il programma Open, intende automatizzare ben 1200 filiali entro il 2016 (un operazione da circa 350milioni di euro). Non è dato sapere ora in che modo in futuro questi nuovi sistemi impatteranno sulle strategie e sulle politiche di organico delle banche, è evidente che essi potranno portare benefici da un lato agli istituti retail (minori costi del personale) e dall altro al cliente privato, che potrà evitare le lunghe code agli sportelli, risparmiare tempo, e non aver pressoché alcuna limitazione sull orario di accesso. Guardare con fiducia al progresso, anche in questo campo, è importante per poter innovare processi e servizi e per competere, tuttavia esso non deve andare a discapito del contatto umano, un fattore ancora fondamentale nel ramo bancario, come ricorda il responsabile retail di Banca Stato, Cieslakiewicz: «credo che le nuove tecnologie applicate al mondo bancario saranno sempre strumenti e in quanto tali non potranno mai sostituire le persone - in primis i consulenti - in quegli ambiti dove il contatto personale con il cliente si rivela e si rivelerà sempre un valore aggiunto indispensabile». Internet banking e digitale. Ben prima dello sportello fisico ma elettronico si è sviluppato lo sportello virtuale. «Le applicazioni di Internet banking, anche quelle per dispositivi mobili, sono sempre più richieste e costituiscono ormai un importante caratteristica dell offerta complessiva di un istituto», nota Cieslakiewicz di Banca Stato. In questa evoluzione la banca forse perde il suo lato più umano, certo, ma asseconda i nuovi bisogni della clientela La fascia retail sta portando avanti da anni una svolta digitale votata all innovazione, in grado di facilitare la vita ai propri consumatori, innanzitutto attraverso l introduzione di piattaforme di internet ed home banking. L e-banking è forse la più grande rivoluzione di questi ultimi anni, il sistema con cui il cliente può effettuare una connessione remota (da casa o in mobilità, grazie a device di ultima generazione) con la propria banca ed effettuare pressoché ogni tipo di operazione: visione dell estratto conto, bonifici e pagamenti, operazioni di ricarica del cellulare e persino operazioni di trading online. Un grande vantaggio sia per la banca, che ha potuto estendere più facilmente i servizi anche alla clientela estera, ma soprattutto per i consumatori, che possono così beneficiare di una maggiore comodità nell accesso e di un costo molto più limi- FLB Arredamenti sostenibilità e innovazione Con noi il mobile assume aspetti che lo rendono unico, perchè ogni elemento puó essere personalizzato. FLB Arredamenti Via Industrie Bedano Tel

5 00_retail banking radar.qxp_digital :55 Pagina 98 tato rispetto alle operazioni eseguite offline, soggette a commissioni. La contrapposizione consulenza reale/consulenza virtuale che il nuovo scenario fa emergere non va vissuta alla pari di uno scontro, tuttavia, come ricorda Romano Massera di Banca Raiffeisen, «è importante mantenere un equilibrio assoluto fra presenza stazionaria e internet banking, seguendo l evoluzione con flessibilità e senso dell innovazione visto che chi saprà trovare il giusto equilibrio nei diversi modelli di consulenza potrà giocare un ruolo di primo piano fra gli attori nel retail banking», dichiara Alberto Crugnola di Banca Migros Ticino. Gettando un occhio sulla situazione italiana, Abi (Associazione Bancari Italiani) ha condotto un indagine sull argomento internet e mobile banking e ha riscontrato che ormai, nella Penisola, quasi il 96% degli istituti mette a disposizione una app proprietaria per poter entrare nei servizi bancari. Un buon 20% di italiani compie regolarmente operazioni di vario tipo dal proprio smartphone, e nel 2015 si stima che la percentuale possa salire fino addirittura al 50%. Un mercato su cui le banche intendono puntare: quasi il 70% delle società bancarie, infatti, hanno intenzione di incrementare gli investimenti dedicati al mobile banking nel budget del prossimo anno. Ma come dovrebbero attrezzarsi le banche in vista di questo cambio di rotta generalizzato? Quali saranno i driver su cui impostare la propria strategia organizzativa futura? Il team di A.T. Kearney ha individuato proprio quattro strategici obiettivi d intervento che consentirebbero agli istituti bancari di superare quest ardua congiuntura e inaugurare così una nuova fase di crescita e sviluppo. Ripensare l efficienza dei costi. Nonostante la crescita frenata e le forti pressioni regolatrici, la gestione dei costi rimane un fattore chiave nel miglioramento della performance. Il potenziale di crescita della performance, per le banche analizzate nello studio, è ancora notevole la media del rapporto costi operativi/margine d intermediazione, per i gruppi leader tra quelli esaminati, oscilla infatti tra il 37 e il 45%. Non sarà facile, per molte realtà del retail, riuscire a raggiungere una base contabile sostenibile, ciononostante, con l adozione di una visione olistica, che riesca ad includere sia una considerazione sui costi che sull intero modello di business societario, 98 TM Settembre 2014 Il complesso del Franklin Center di Chicago, headquarter dell agenzia di consulenza manageriale A.T. Kearney. sarà possibile ottenere vantaggi competitivi interessanti. Low cost non si traduce per forza in servizio scadente o in scarsa soddisfazione da parte della clientela. Tradotto in pratica, per le banche questa rivalutazione dei costi potrebbe voler dire ad esempio ridurre funzionalità o servizi sotto-utilizzati, semplificare prodotti, processi e sistemi, affiancarsi ad altre attività e ridimensionare i format delle filiali, in poche parole: instillare una cultura e un approccio al low cost nel personale in organico. Nel corso del 2013 sono state chiuse circa filiali: in media, oggi una filiale serve 750 clienti in più rispetto al 2008 (+18%). Certo la chiusura delle filiali, e il relativo taglio di personale, è uno scotto che il retail banking si trova a pagare ormai da tempo, nel tentativo di razionalizzare le spese complessive di gestione. Si andrà inevitabilmente verso realtà più ridotte, ma allo stesso tempo più digitalizzate, più veloci e in grado di gestire un ambiente multi-canale. Ampliare offerta e canali distributivi. Come descritto poco fa, la progressiva quanto inarrestabile chiusura di filiali è un trend comune alle società bancarie di molte nazioni, sia in quelle più colpite dalla crisi (area mediterranea) così come in quelle del nord Europa. Le filiali del sono snelle, piccole, specializzate principalmente su attività di consulenza e di rafforzamento dell immagine del brand; verranno sperimentate anche alcune filiali mobili, in grado di testare le opportunità offerte da diverse location e mercati. Oppure ancora sportelli senza personale per alcuni specifici servizi o transazioni. La trasformazione non sarà immediata, chiaramente, ma le nuove tecnologie (soprattutto quelle video) agevoleranno il processo. La riduzione delle dimensioni renderà flessibilità, comprensione e l anticipazione dei bisogni della clientela, capacità previsionali sul traffico, possibilità di interpellare degli esperti (esterni) su temi specifici. Le risorse umane dovranno essere in possesso di competenze specialistiche chiave per poter rispondere a queste nuove esigenze del retail. La logica e gli obiettivi del recruiting cambieranno sensibilmente: le figure da ricercare dovranno essere empatiche, abili nel costruire relazioni e in possesso di una mentalità intraprendente e imprenditoriale. I collaboratori che opereranno nelle filiali del prossimo futuro, a contatto con la clientela, dovranno abituarsi a lavorare mantenendo un approccio cross-mediale. Oggigiorno infatti il cliente utilizza canali differenti per accedere ai servizi del retail: raccoglie informazioni online, richiede aggiornamenti sul conto corrente via sms, manda i documenti via e si presenta magari di persona in filiale per ricevere informazioni di diverso tipo. La necessità è quella di assecondare tutto questo, per far sì che il cliente si fidelizzi e sia motivato a restare; e in questo compito, il contatto umano di una filiale fisica gioca ancora un ruolo vitale. Aperti alle tecnologie digitali. Si parla tanto di digitalizzazione in questi ultimi Ha Il r del ava

6 00_retail banking radar.qxp_digital :55 Pagina 99 anni. Anche per il settore retail, come per tanti altri, il passaggio al digitale ha pian piano rivoluzionato le attività e i processi. Non si tratta solo di un plus, una semplice funzionalità implementabile sui prodotti e i servizi esistenti, è piuttosto una vera e propria modalità gestionale innovativa, che le società stanno cominciando ad applicare, in tutti i servizi, sia nei rapporti esterni con la clientela sia nell organizzazione interna. Il digital banking combina i benefici del mondo reale con quello della rete, aumentando la customer experience e dando la possibilità al cliente di fruire di una serie di vantaggi: ad esempio prezzi più equi, grazie alla possibilità di comparare facilmente le offerte, transazioni sicure e in tempo reale, accesso alle informazioni su prodotti e servizi personalizzati (comprese consulenze finanziarie ed opportunità di investimento). Proprio la personalizzazione della consulenza sarà un punto cruciale per la strategia futura delle banche: «l obiettivo, per gli istituti di credito, sarà quello di concentrare il proprio personale su una consulenza più specialistica», dichiara Alberto Crugnola di Banca Migros. Anzi, su questo aspetto è in discussione un progetto di legge sui servizi finanziari (ora in consultazione) che chiederà agli istituti una maggiore specializzazione dei consulenti alla clientela: «attualmente nel segmento retail i consulenti sono piuttosto dei generalisti che si occupano del cliente a 360 gradi», precisa Crugnola: «Qualora il testo proposto diventasse legge a tutti gli effetti, potremmo anche assistere alla riorganizzazione delle banche in segmenti per prodotti e non per patrimoni in gestione». Naturalmente, tutto ciò implicherà una struttura It e un back-end di supporto all avanguardia, veloce e reattivo. Il digitale in ogni caso non è solo un mezzo per contrastare la concorrenza sfrenata dei nuovi entranti (challenger bank), ma è anche una preziosa fonte di reddito da cui poter attingere, visti peraltro i passi da gigante che l Ict sta compiendo in tutti gli ambiti di business. In definitiva, le banche dovranno dimostrarsi sempre più aperte all innovazione e alle relazioni con la clientela, nonché due elementi chiave che rafforzeranno M use o d Ar te Riva Cac cia 5 L u g an o questo atteggiamento saranno, da una parte, l analisi accurata dei dati dei clienti, dall altra la capacità di pensare in prospettiva, una grande lungimiranza insomma. Conoscere la redditività della clientela. Come il comparto assicurativo ha già capito da tempo, non tutti i clienti sono eguali e la tradizionale divisione fra retail e affluent aiuta solo fino a un certo punto. Alcuni clienti retail generano un utile 4 volte superiore rispetto ad altri. Occorre quindi un approccio segmentato e personalizzato così come fondamentale sarà conoscere quanto più nel dettaglio possibile i singoli livelli di redditività, l estrazione sociale, l occupazione e altri dati etnografici relativi alla propria clientela di riferimento. La suddivisione in segmenti di mercato (oltre alla successiva gestione degli stessi) è un attività che andrà sempre più curata, affinata, poiché farà la differenza, rivelandosi un valore aggiunto notevole per mantenere una relazione duratura e fidata con i clienti. 31 A go osto 23 Novembre 2014 Corrado Frey www. mda. lugano. ch Lugano Ar te Cultura Hans Richter Il ritmo dell avanguardia

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

ATM: strategie ed innovazioni

ATM: strategie ed innovazioni ATM: strategie ed innovazioni Business e tecnologie Gli investimenti delle banche in tecnologia e nello sviluppo del canale Atm devono andare in direzione non solo dell efficienza e del cost saving, ma

Dettagli

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti 1 FORUM HR 2015 Roma, 9/10 giugno 2015 Le nuove professioni in Banca La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti ripercussioni, oltreché a livello sociale, sulla redditività

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012. Comunicato stampa. I pagamenti si effettuano con una fotografia

Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012. Comunicato stampa. I pagamenti si effettuano con una fotografia Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012 Comunicato stampa I pagamenti si effettuano con una fotografia I pagamenti si fanno con smartphone e tablet Effettuare i propri pagamenti dallo smartphone o tablet,

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione

Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione Pagina 1 Crisi del mercato immobiliare: tra realtà e percezione Stefano Lascar Secondo le previsioni di Nomisma, il 2011 dovrebbe essersi concluso con un ulteriore flessione delle compravendite del 6%

Dettagli

LE SFIDE PER IL 2015

LE SFIDE PER IL 2015 MERCATO & COMPAGNIE LE SFIDE PER IL 2015 di LAURA SERVIDIO L ATTESA CRESCITA, PER IL PROSSIMO ANNO, SARÀ LENTA. MA PER IL SETTORE ASSICURATIVO NON MANCANO LE OPPORTUNITÀ. TRA QUESTE, L EVOLUZIONE DEL MODELLO

Dettagli

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Il seguente report è stato realizzato da Physeon, sintetizzando i rapporti cinesi che ci sono pervenuti in lingua inglese ed è da considerarsi

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD ,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD La capacità di crescere e creare valore per le banche nell ambito della new economy passa attraverso una serie di scelte strategiche

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti

Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti Un riferimento strutturato alle attività del lavaggio auto Il car wash in Italia, problematiche e prospettive. Premessa Il mondo dell autolavaggio riveste un importanza

Dettagli

La rivoluzione digitale nel rapporto banca - impresa

La rivoluzione digitale nel rapporto banca - impresa La rivoluzione digitale nel rapporto banca - impresa Agenda 1 PRINCIPALI TREND DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA Molti gli elementi che hanno contribuito a modificare

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

Digitalizzazione e Multicanalità per un modello innovativo di Banca Territoriale

Digitalizzazione e Multicanalità per un modello innovativo di Banca Territoriale Digitalizzazione e Multicanalità per un modello innovativo di Territoriale Roberto Manini, Responsabile Gestione Clienti e Sviluppo Commerciale 23 ottobre, ABI Costi & Business 2013 1 AGENDA Digitalizzazione

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%)

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi. Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab

Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi. Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab CARTE 2012 Roma, 15 novembre 2012 La multicanalità Fonte: Elaborazioni ABI su dati sull Osservatorio di Customer

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA Giorgio Munari, d.g. di Arca Vita e Arca Assicurazioni Una rete di agenzie per Arca di Maria Rosa Alaggio Da sempre attiva nella distribuzione di prodotti vita e danni attraverso il canale bancario, oggi

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione

Dettagli

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL INCONTRO DI KICK-OFF E PRIMO TAVOLO DI RICERCA: IL CONTRIBUTO DI EQUITEAM-FINALTA Milano, CeTIF 18.06.2008 AGENDA 1

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Il comparto delle costruzioni 4 Le aziende del comparto dell involucro edilizio 6 SERRAMENTISTI 7 COSTRUTTORI DI FACCIATE 9 L andamento del mercato 2011 SERRAMENTISTI

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671 Format-Confcommercio: il web cambia gli acquisti, anche quelli tradizionali Il web chiama al cambiamento anche i negozi tradizionali, che dovranno imparare a coinvolgere i clienti creando una esperienza

Dettagli

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM L obiettivo dell overview è quello di fornire agli operatori un quadro d insieme sui principali cambiamenti avvenuti nel settore dei viaggi d

Dettagli

Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei. a cura di Alessandra Graziani

Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei. a cura di Alessandra Graziani Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO 13 Resoconto dell Osservatorio Materiali Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei a cura di Alessandra Graziani Lucca, 26 marzo

Dettagli

Comunicato stampa. Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile

Comunicato stampa. Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile Comunicato stampa Media Relations communication@axa-winterthur.ch Winterthur, 18 febbraio 2010 Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile Nel 2009 AXA Winterthur ha conseguito

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Indagine ABI-Università di Parma sull evoluzione dei modelli di servizio

Indagine ABI-Università di Parma sull evoluzione dei modelli di servizio L ABI, in collaborazione con l Università di Parma, ha realizzato un indagine presso le banche finalizzata a cogliere le iniziative, presenti e future, volte a innovare il modello di servizio, soprattutto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Le Organizzazioni di Volontariato in Italia. Tra performances economiche, caratteri strutturali e questioni di credito

Le Organizzazioni di Volontariato in Italia. Tra performances economiche, caratteri strutturali e questioni di credito Le Organizzazioni di Volontariato in Italia Tra performances economiche, caratteri strutturali e questioni di credito A cura di: Riccardo Guidi Fondazione Volontariato e Partecipazione Funzione Studi Banco

Dettagli

L equipaggio giusto per navigare lungo le rotte del commercio online. Venditori online per il B2B

L equipaggio giusto per navigare lungo le rotte del commercio online. Venditori online per il B2B L equipaggio giusto per navigare lungo le rotte del commercio online Venditori online per il B2B Indietro non si torna Secondo alcune autorevoli fonti, le Aziende non sono sempre state come le conosciamo

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

PRIVATE. FinancialTechnology.it. Dossier Private Banking. Scenario. AIFIn. Banca MPS. Banca Cesare Ponti

PRIVATE. FinancialTechnology.it. Dossier Private Banking. Scenario. AIFIn. Banca MPS. Banca Cesare Ponti FinancialTechnology.it Dossier PRIVATE Torbz - Fotolia.com Scenario Più margini ed efficienza: così la multicanalità si fa strada nel AIFIn Personalizzare il servizio attraverso la multicanalità Banca

Dettagli

Organizzazione e gestione strategica delle banche. Luca Sartirana

Organizzazione e gestione strategica delle banche. Luca Sartirana Organizzazione e gestione strategica delle banche Luca Sartirana Indice Evoluzione del sistema bancario Aspetti organizzativi Processo strategico Veste giuridica e governance Obiettivi della gestione Classificazione

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER Sabato 17 ottobre 2009 - TBOX, Padiglione C2. Ore 16.15 17.00 Relatori - Tim Gunstone, managing director Eyefortravel - Enrico Bertoldo, direttore

Dettagli

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza di Fabrizio Masinelli (*) Spesso, nonostante il periodo di crisi, la pianificazione finanziaria viene considerata unicamente nel

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO AGGIORNAMENTO 2012 Si tratta di un Rapporto riservato. Nessuna parte di esso

Dettagli

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0?

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? A) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI: LA RICERCA E IL TARGET 1. Il campione analizzato La ricerca, svolta

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Dossier. La grande avventura del c-tailing. Attenzione al cliente: un must! Vendere e fidelizzare grazie al mobile e alle soluzioni c-tailing

Dossier. La grande avventura del c-tailing. Attenzione al cliente: un must! Vendere e fidelizzare grazie al mobile e alle soluzioni c-tailing Dossier La grande avventura del c-tailing Attenzione al cliente: un must! Vendere e fidelizzare grazie al mobile e alle soluzioni c-tailing ESCLUSIVO La tecnologia influenza lo shopping Ecco due studi

Dettagli

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN Radiocor - Il cda di Poste Italiane ha chiuso i nove mesi con un utile pari a 622 milioni di euro, quasi raddoppiato rispetto ai 333 milioni

Dettagli

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo

Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER SUCCESS STORY Nordea risparmia 3,5 milioni di euro grazie a una migliore gestione del proprio portafoglio applicativo CUSTOMER PROFILE Settore: servizi finanziari Azienda: Nordea Bank Dipendenti:

Dettagli

Cessione del quinto: potenzialità future e domande aperte

Cessione del quinto: potenzialità future e domande aperte Cessione del quinto: potenzialità future e domande aperte Convegno ABI - Assofin Credito alle famiglie 2007 Il nuovo mercato dei mutui e dei prestiti Roma, 30 ottobre 2007 Ing. Massimo Minnucci Amministratore

Dettagli

Argomenti principali. 1. Trend e mercato. 2. Samsung: contenuti e soluzioni. 3. Evoluzione del mondo finanziario

Argomenti principali. 1. Trend e mercato. 2. Samsung: contenuti e soluzioni. 3. Evoluzione del mondo finanziario Argomenti principali 1. Trend e mercato 2. Samsung: contenuti e soluzioni 3. Evoluzione del mondo finanziario 1 I principali trend della nuova societa MOBILE DEMATERIALIZZAZIONE BIG DATA COMUNICAZIONE

Dettagli

Approvati i risultati al 31 marzo 2015

Approvati i risultati al 31 marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati al 31 marzo 2015 UTILE NETTO: 47,8 milioni ( 36,9 milioni al 31 marzo 2014, +29,4%) Ricavi totali: 137 milioni ( 113 milioni al 31 marzo 2014, +20,9%) Cost/Income

Dettagli