F.I.L.O.S. Formazione Istruzione Lavoro Orientamento per la Scelta Progetto finanziato dalla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F.I.L.O.S. Formazione Istruzione Lavoro Orientamento per la Scelta Progetto finanziato dalla"

Transcript

1 F.I.L.O.S. Formazione Istruzione Lavoro Orientamento per la Scelta Progetto finanziato dalla REGIONE LAZIO Assessorato Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI INNOVATIVI DI ORIENTAMENTO ALLO STUDIO E AL LAVORO DEGLI STUDENTI POR F.S.E. Obiettivo 2 Competitività regionale e Occupazione ASSE II OCCUPABILITÀ ASSE IV CAPITALE UMANO Progetto Gestito da Associazione Temporanea di Imprese Soggetto mandatario TIVOLIFORMA S.r.l. Società Unipersonale Soggetto mandante Giunti O.S. Organizzazioni Speciali S.r.l. Soggetto mandante S.I.O. Società Italiana per l Orientamento Soggetto mandante A.N.P. Associazione Nazionale Dirigenti e alte Professionalità della Scuola 1 Abstract Progetto F.I.L.O.S a cura di M. Pinto Esperto redazione e produzione materiali informativi

2 Obiettivi generali Il progetto F.I.L.O.S. - Formazione Istruzione Lavoro Orientamento per le Scelte si rivolge agli alunni iscritti al 2 e/o 3 anno delle scuole secondarie di 1 grado e si pone l obiettivo di sostenere gli studenti, ed indirettamente le loro famiglie, nelle fasi di scelta dei percorsi scolastici/formativi/professionali successivi alla c.d. 3 Media. Difatti è proprio in questa peculiare fase di transizione che intervengono numerosi fattori di criticità spesso legati alla difficoltà per i ragazzi e i loro genitori, oltre che di accedere ad informazioni, pareri ed indicazioni in prospettiva, anche di comprendere, soppesare e valutare tali indicazioni in funzione della scelta. E a tali necessità che mira a rispondere il progetto che nasce dalla condivisione di background maturati da soggetti diversi intenzionati (partner costituenda ATS), a condividere le proprie esperienze per elaborare ed implementare un modello d azione per l orientamento assolutamente replicabile, trasferibile e rivolto ad un significativo numero di destinatari. I Partner del progetto assicurano un elevato standard qualitativo: il capofila CFP Tivoli Forma srl, con 3 sedi e 31 anni d esperienza, nella formazione è oggi la più grande realtà formativa della Valle dell Aniene; la Giunti O.S. è leader europeo nel settore dell'assessment psicologico sviluppa test e strumenti per la valutazione e diagnosi nel campo della psicologia, dell orientamento e del counselling; la SIO (Società Italiana per l Orientamento) riunisce docenti, ricercatori universitari e professionisti operanti nel campo dell orientamento; l Associazione Nazionale dei dirigenti e delle alte Professionalità della scuola A.N.P. rappresenta la maggioranza dei presidi delle scuole italiane. Elementi di coerenza del progetto rispetto all avviso nonché suoi punti di forza sono: ll progetto prevede interventi su tutte le cinque provincie del Lazio, coinvolgerà / alunni pari al 40-42% della popolazione studentesca che nell anno 2012/2013 frequenterà il 2 o il 3 anno delle secondarie di I grado (dati rapporto USR Lazio), nonché loro genitori, ed almeno 200 insegnanti; prevedrà l attivazione di 10 presidi di orientamento territoriali (P.O.T.), realizzati nelle 10 scuole Polo già firmatarie di protocolli di collaborazione in tal senso. Per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi progettuali ci si avvarrà di strumenti, metodologie e strategie di seguito sinteticamente delineate: Organizzazione e gestione del portale F.I.L.O.S. funzionale all erogazione di informazioni e all accesso a strumenti per l autovalutazione, strumenti la cui messa a punto sarà realizzata dal partner Giunti OS. a tale scopo verrà utilizzato il sistema di testing Magellano che è una batteria di orientamento alla scelta della scuola secondaria di II grado. Lo strumento pone particolare enfasi alla riuscita scolastica, favorendo preferenze e scelte o l esclusione di possibilità. In tutto ciò, il successo in matematica, più che in altre discipline scolastiche, e la capacità di comprensione di testi di studio 2 Abstract Progetto F.I.L.O.S a cura di M. Pinto Esperto redazione e produzione materiali informativi

3 sembrano ricoprire un ruolo particolarmente importante. Alla valutazione del possesso di queste competenze si affianca quello di dimensioni trasversali (abilità di studio, interessi, capacità di problem-solving). Tutte le informazioni raccolte saranno incrociate/confrontate e ne emergerà un REPORT (profilo di orientamento) che, in modo grafico e descrittivo, si concluderà con una sintesi dei punti di forza dello studente ed un consiglio di orientamento complessivo. E previsto inoltre per garantire pari opportunità l utilizzo dello strumento ASTRID-OR. rivolto a soggetti diversamente abili. Lo strumento è finalizzato all'inserimento professionale, che ha particolare rilevanza per l'apporto che il lavoro deve fornire all'innalzamento dei livelli di autonomia delle persone con menomazioni e all'incremento della soddisfazione di vita, ASTRID-or prende in considerazione le rappresentazioni che i disabili hanno dei concetti del lavoro, il proprio senso di autoefficacia professionale, le capacità di problem-solving e decision-making, gli interessi e gli atteggiamenti verso il proprio futuro lavorativo. Tramite il portale F.I.L.O.S. si potrà inoltre accedere a schede informative riferite alle opportunità di prosecuzione degli studi nel secondo ciclo della scuola secondaria e sia le opportunità per conseguire una qualifica di formazione professionale. Si potrà inoltre accedere alle schede dei profili professionali, agli sbocchi professionali degli indirizzi scolastici, all elenco completo delle sedi scolastiche e formative, alle loro pagine web. Saranno messi on line i dati occupazionali e le loro previsioni a medio termine. Una serie di video con i testimoni privilegiati completerà la parte riferita al lavoro. Organizzazione e gestione di P.O.T. presidi d orientamento territoriali. il progetto prevede l istituzione di 10 P.O.T. 1 per ogni scuola Polo. Questi avranno una forte valenza metodologica, ed orientativa oltre che una importante contestualizzazione. Gli orientatori che opereranno all interno dei presidi sono professionisti dell orientamento con un adeguata esperienza e formazione alcuni dei quali accreditati presso la SIO (Società Italiana per l Orientamento). Gli Orientatori operanti nei POT dovranno realizzare incontri con i genitori, essere in grado di rispondere a dubbi, incertezze in merito alle scelte, sosterranno gli utenti nella fruizione dei test on line, formazione di gruppo, e counseling orientativo nonché di supporto agli insegnanti. Usufruendo dei contenuti del portale FILOS potranno aiutare gli studenti a conoscere le professionalità dei diversi indirizzi di studio, le richieste del mercato del lavoro, le previsioni occupazionali provinciali. formazione orientativa rivolta ad almeno 200 insegnanti delle scuole aderenti al progetto. Docenti che usufruiranno di due incontri per ogni realtà territoriale a garanzia dell equità e territorialità di accesso. L obiettivo sarà quello di introdurre i docenti all uso degli strumenti contenuti nel portale F.I.L.O.S., (schede informative, test di autovalutazione, forum, etc.) condividendone potenzialità, 3 Abstract Progetto F.I.L.O.S a cura di M. Pinto Esperto redazione e produzione materiali informativi

4 modalità di accesso ed utilizzo. L idea portante è quella di coinvolgere i docenti attribuendo loro il ruolo di facilitatore per l accesso dei ragazzi frequentanti gli Istituti di loro pertinenza, alle attività di autovalutazione, propedeutiche all orientamento. Tale coinvolgimento oltre che garantire la diffusione di informazioni e metodologie ad un rilevante numero di docenti, (minimo 200) potrà consentire grazie ad un processo a cascata, la possibilità di rivolgersi ad un numero rilevante di ragazzi sostenendo contestualmente la replicabilità dell esperienza. Metodologie di intervento Il progetto FILOS utilizza metodologie estremamente innovative perché sono digitali, multimediali, perché si avvale di un portale creato appositamente; perché consente di raggiungere un elevato numero di studenti; perché prevede la possibilità di informazioni aggiornate sull intero territorio regionale; perché garantisce un accesso equo di orientamento e autovalutazione con particolare attenzione ai ragazzi diversamente abili; perché istituisce 10 presidi di orientamento territoriale (POT) con orientatori professionisti e operatori riconosciuti dalla SIO (Società Italiana per l Orientamento), formazione agli insegnanti referenti dell orientamento, informazione e formazione ai genitori degli allievi, utilizzo di strumenti orientativi di elevato livello scientifico. Il portale F.I.L.O.S. consentirà l accesso alle schede informative riferite alle opportunità di prosecuzione degli studi nel secondo ciclo della scuola secondaria e sia le opportunità per conseguire una qualifica di formazione professionale. Si potrà inoltre accedere sia alle schede dei 21 profili professionali che agli sbocchi professionali degli indirizzi scolastici. Si potrà accedere all elenco completo delle sedi scolastiche e formative, alle loro pagine web. Saranno messi on line i dati occupazionali e le loro previsioni a medio termine. Una serie di video con i testimoni privilegiati completerà la parte riferita al lavoro. L obiettivo è quello di avere un portale che riunisca e migliori la frammentazione delle informazioni rendendole uniche precise e puntuali. Sarà possibile scaricare un piccolo vademecum su come si sceglie, dove a disposizione dei genitori, insegnanti e allievi verranno indicate modalità di scelta utili a ridurre il rischio di errore. Il portale conterrà l area orientamento on line dove si potrà accedere a magellano junior e Astrid-or proprio per rispondere alle esigenze da parte delle scuole di avere uno strumento dalla validità altamente scientifica, che si propone di aiutare studenti e famiglie per una scelta maggiormente consapevole dell indirizzo di studio della scuola superiore di II grado. Per questo è stata prevista l utilizzazione di uno strumento opportunamente messo a punto ed adeguato al progetto FILOS. Magellano junior: una batteria di 8 test messa a punto da un gruppo di ricercatori coordinati dal Prof. Soresi dell Università di Padova, in collaborazione con Giunti O.S. 4 Abstract Progetto F.I.L.O.S a cura di M. Pinto Esperto redazione e produzione materiali informativi

5 Il test è completamente on line e veloce nell elaborazione del Profilo finale che integra in un unico report tutti i risultati dei test. La batteria di orientamento, finalizzata alla scelta della scuola secondaria di II grado è rivolta agli studenti della terza media. Attenzione è data ad un elemento come la riuscita scolastica che assume un peso rilevante nell'ambito dell'orientamento favorendo, in caso di esiti positivi, preferenze e scelte o, in caso di risultati considerati negativi, l'esclusione di possibilità. Gli 8 test si articolano tra: credenze di efficacia in matematica, abilità matematiche, abilità di comprensione testi, abilità di studio, interessi professionali, credenze di efficacia nelle proprie capacità di studiare quanto necessario per svolgere specifiche attività professionali, propensioni professionali, strategie di problem-solving. Allo studente viene richiesto anche di riflettere in termini di presa di decisione, dichiarando se ha già deciso cosa fare dopo la scuola secondaria di II grado (andare a lavorare il prima possibile, continuare a studiare per un paio di anni, per 3-5 anni, per più di 5 anni) oppure no. Segue quindi l'invito a scegliere il settore professionale all'interno del quale gli piacerebbe inserirsi. Queste informazioni, ed altre di autovalutazione del proprio successo scolastico e dell'interesse che ha per le materie fino a ora studiate, sono confrontate con i risultati delle varie prove, al fine di generare un profilo di orientamento. Si avrà quindi una sintesi dei punti di forza dello studente, un consiglio di orientamento complessivo ed uno schema che riporta, per ogni settore professionale, le competenze (abilità matematiche, di studio, interessi, ecc.) che una persona dovrebbe possedere per svolgere con successo e soddisfazione personale una professione attinente a quel settore. Nel report, infine, vi è anche una parte dedicata a 'Quale lavoro, quale scuola?', che riporterà per ogni singolo settore lavorativo esempi di professioni associandole a tipi e indirizzi di scuola superiore in base alla recente riforma. ASTRID-OR raccoglie strumenti messi a punto dal Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca Handicap, Disabilità e Riabilitazione dell'università di Padova e sperimentati in attività di counseling e orientamento in numerosi servizi. Finalizzato all'inserimento professionale, che ha particolare rilevanza per l'apporto che il lavoro deve fornire all'innalzamento dei livelli di autonomia delle persone con menomazioni e all'incremento della soddisfazione di vita, ASTRID-or prende in considerazione le rappresentazioni che i disabili hanno dei concetti del lavoro, il proprio senso di autoefficacia professionale, le capacità di problem-solving e decision-making, gli interessi e gli atteggiamenti verso il proprio futuro lavorativo. La possibilità di operare con strumenti multimediali, come i test d orientamento on line, darà la possibilità di raggiungere un numero rilevante di alunni, circa , di offrire loro uno strumento di autoconoscenza e autovalutazione, nello stesso tempo di familiarizzare con il portale FILOS sempre 5 Abstract Progetto F.I.L.O.S a cura di M. Pinto Esperto redazione e produzione materiali informativi

6 utilizzando modalità interattive e multimediali molto più vicine al loro modo di apprendere. Potranno inoltre usufruire delle competenze di orientatori che li accompagneranno durante tutte le fasi del progetto. La realizzazione di incontri informativi con i docenti in tutte le province laziali a garanzia dell equità di informazione, incontri finalizzati alla condivisione delle potenzialità progettuali nonché al coinvolgimento dei docenti nel ruolo di facilitatori per le attività di autovalutazione, propedeutiche all orientamento. Tale coinvolgimento oltre che garantire la diffusione di informazioni e metodologie ad un rilevante numero di docenti, (minimo 200) potrà consentire grazie ad un processo a cascata, la possibilità di rivolgersi ad un numero rilevante di destinatari di primo livello (almeno ragazzi), sostenendo contestualmente la replicabilità dell esperienza. La realizzazione di incontri informativi con i genitori: finalizzati alla presentazione ex ante del percorso d orientamento e successivamente ex post per la corretta interpretazione del test. Su richiesta potranno essere organizzati altri incontri sia per aspetti informativi che di consulenza individuale o di piccoli gruppi. L attivazione e gestione di Presidi d orientamento territoriali (POT) che avranno una forte valenza metodologica, ed orientativa. Gli orientatori che opereranno all interno dei presidi sono professionisti dell orientamento con un adeguata esperienza e formazione alcuni dei quali accreditati presso la SIO (società italiana per l orientamento) dovranno curare gli incontri con i genitori, essere in grado di rispondere a dubbi, incertezze in merito alle scelte, potranno aiutare e affiancare gli utenti nella fruizione dei test on line, formazione di gruppo, e counseling orientativo nonché di supporto agli insegnanti. Usufruendo dei contenuti del portale FILOS potranno aiutare gli studenti a conoscere le professionalità dei diversi indirizzi di studio, le richieste del mercato del lavoro, le previsioni occupazionali provinciali. Ad ulteriore garanzia di qualità, di adeguatezza degli interventi i presidi territoriali d orientamento saranno coordinati da un responsabile operante presso Tivoli Forma. I Partner del progetto assicurano un elevato standard qualitativo: il Capofila CFP Tivoli Forma srl, accreditato Regione Lazio e certificato vision 2000, con tre sedi è oggi la più grande realtà formativa della Valle dell Aniene, con 31 anni d esperienza, vanta un offerta formativa completa, la Giunti OS agenzia formativa accreditata Regione Toscana; è azienda certificata UNI EN ISO 9001:2008 per la formazione, per l orientamento, valutazione e selezione e ricerca del personale; è provider ECM per la formazione in aula e FAD.come leader europeo nel settore dell'assessment psicologico sviluppa test e strumenti per la valutazione e diagnosi nel campo della psicologia, dell orientamento e del counselling, SIO (Società Italiana per l Orientamento) con il suo presidente: Prof. Giorgio Ernesto Sangiorgi, e il Prof. Salvatore Soresi, dell'università degli Studi di Padova riunisce docenti, ricercatori universitari e professionisti operanti nel campo dell orientamento. Associazione nazionale dei dirigenti e delle alte 6 Abstract Progetto F.I.L.O.S a cura di M. Pinto Esperto redazione e produzione materiali informativi

7 professionalità della scuola A.N.P. è l'associazione maggioritaria della categoria dei dirigenti delle istituzioni scolastiche. Il coinvolgimento e la collaborazione già definita oltre che con le 10 scuole polo, anche con La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed intervento per l orientamento alle scelte Università degli Studi di Padova - Collaborazione che si sostanzierà prioritariamente nell opportunità di analizzare, verificare e confrontare dati derivanti dal progetto F.I.L.O.S. con altri dati emersi o in corso di raccolta legati ai progetti Orientarsi con Magellano Junior realizzati dalla Provincia di Roma in questi ultimi anni. Tale opportunità potrà inoltre sostenere attività di monitoraggio ex post al progetto, finalizzate alla valutazione delle coerenze tra consigli di orientamento e scelte reali effettuate in termini di iscrizioni scolastiche e/o presso CFP. Descrizione di massima e sintetica dei risultati attesi. Gli esiti attesi con la realizzazione del progetto F.I.L.O.S. in termini di copertura delle scuole, degli studenti raggiunti dall intervento e dei territori provinciali sono: Realizzazione di attività di orientamento tramite i servizi erogati dai P.O.T. (Presidi di Orientamento Territoriale) in tutte le 5 province laziali. con una maggiore concentrazione di attività nell ambito della Provincia di Roma dove maggiore sarà la presenza di ragazzi frequentanti il 3 anno della scuola secondaria di primo grado ( si stimano infatti per la sola provincia di Roma circa ragazzi a fronte di circa ragazzi complessivi per gli altri territori provinciali). Istituzione di 10 P.O.T. Presidi di Orientamento Territoriale, nelle seguenti scuole Polo e negli istituti ad essi collegati : Istituto Comprensivo G. RODARI Via Niobe Roma Scuola Media Statale P. LEVI Via Palaverta, Marino RM; Istituto Comprensivo L. DA VINCI Viale Kennedy Ciampino RM Scuola Media Statale Majorana Piazza Minucciano Roma; Istituto Comprensivo Alfieri/Lante Della Rovere via Salaria, 159 / Via Tevere ; Scuola Secondaria di I Grado VINCENZO PACIFICI Via Della Leonina, Tivoli - RM; Scuola Media S.M. L. PIETROBONO FROSINONE Via G. Puccini Frosinone; Istituto Comprensivo Roccasinibalda Via Roma Rocca Sinibalda (RI); Istituto Comprensivo P. Vanni Via C. Cattaneo Viterbo; 7 Abstract Progetto F.I.L.O.S a cura di M. Pinto Esperto redazione e produzione materiali informativi

8 Scuola Media Statale Volta Via Botticelle Latina (LT). Informazione ed aggiornamento di almeno 200 docenti per un complessivo di minimo 400 presenze (somma partecipazione ai 2 incontri previsti nell azione 2 ), operanti nelle 5 diverse realtà provinciali della Regione Lazio ed individuati nell ambito delle scuole polo aderenti al progetto, in scuole ad esse collegate, nonché in altri Istituti scolastici interessati. Attività di autovalutazione mediante accesso a portale F.I.L.O.S. a TEST Magellano Junior e ASTRID OR di / ragazzi frequentanti le scuole polo ed istituti ad essi collegati, pari al 40-42% della popolazione studentesca che nell anno 2012/2013 frequenterà il 2 /3 anno delle scuole secondarie di primo grado (dati rapporto USR Lazio I dati del sistema scolastico nel Lazio MIUR). Il coinvolgimento dei destinatari di primo livello (alunni), terrà conto della popolazione studentesca provinciale in uscita dalla c.d. 3 media, pertanto si prevede la realizzazione di attività di autovalutazione ed orientamento rivolte a : un numero di destinatari compresi tra / ragazzi frequentanti scuole con sede nella Provincia di Roma pari al 40-42% circa, dell universo provinciale di riferimento. un numero di destinatari compresi tra 2.000/2.200 ragazzi frequentanti scuole con sede nella Provincia di Frosinone pari al 44-46% circa, dell universo provinciale di riferimento. un numero di destinatari compresi tra 600/800 ragazzi frequentanti scuole con sede nella Provincia di Rieti pari al 52-55% circa, dell universo provinciale di riferimento. un numero di destinatari compresi tra 1.200/1.400 ragazzi frequentanti scuole con sede nella Provincia di Viterbo pari al 48-52% circa, dell universo provinciale di riferimento. un numero di destinatari compresi tra 2.000/2.200 ragazzi frequentanti scuole con sede nella Provincia di Latina pari al 40-42% circa, dell universo provinciale di riferimento. - (Dati rapporto USR Lazio I dati del sistema scolastico nel Lazio MIUR ). 8 Abstract Progetto F.I.L.O.S a cura di M. Pinto Esperto redazione e produzione materiali informativi

Sintesi e presentazione delle finalità progettuali

Sintesi e presentazione delle finalità progettuali Progetto finanziato dalla REGIONE LAZIO - Assessorato Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI INNOVATIVI DI ORIENTAMENTO ALLO STUDIO E AL LAVORO DEGLI STUDENTI POR F.S.E.

Dettagli

Sostegno alla scelta Iniziative di informazione rivolte ai docenti

Sostegno alla scelta Iniziative di informazione rivolte ai docenti REGIONE LAZIO - Assessorato Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI INNOVATIVI DI ORIENTAMENTO ALLO STUDIO E AL LAVORO DEGLI STUDENTI POR F.S.E. Obiettivo 2 Competitività

Dettagli

Progetto ORIENTA. www.calabriaorienta.it. Comitato Tecnico di monitoraggio. 20 luglio 2012

Progetto ORIENTA. www.calabriaorienta.it. Comitato Tecnico di monitoraggio. 20 luglio 2012 Progetto ORIENTA www.calabriaorienta.it Comitato Tecnico di monitoraggio 20 luglio 2012 progetto Orienta, Comitato Tecnico di monitoraggio, sda al 20.07.12 - pag. 1/5 IL CONTESTO PROGETTUALE "L orientamento

Dettagli

Junior ORIENTAMENTO ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Junior ORIENTAMENTO ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Junior ORIENTAMENTO ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Junior Orientamento alla scelta COS E MagellanoJunior è una batteria di 8 test messa a punto da un gruppo di ricercatori dell Università

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PIANO DI LAVORO RELATIVO ALLA ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO DELL TECNOLOGICO E DEL LICEO SCIENTIFICO DELL I.I.S.S. G. Salvemini a.s. 2014-15 L'attività di orientamento ha

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

Marina Battistin Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co.

Marina Battistin Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co. Dirigente Scolastico di IC 16 Bologna Capofila Rete A. Mi. Co. Descrivere la propria scuola sulla base di dati attendibili Attribuirsi11 voti, motivati, sulle dimensioni principali del funzionamento della

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio II MIURAOODGOS prot. n. 10140

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti di italiano e matematica nelle classi II e V della scuola primaria.

Rilevazione degli apprendimenti di italiano e matematica nelle classi II e V della scuola primaria. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Papa Giovanni Paolo II, 2/4-20013 MAGENTA (MI) SCUOLA PRIMARIA STATALE Alla D.S. Istituto

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che organizza, in diversi

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013 Promozione percorsi sperimentali di Alternanza scuola-lavoro (art.4, Legge 28 marzo 2003, n.53) D.D.G. n. 640 del 30/01/2012 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 9^ edizione a.s. 2012-2013 Istituto: I.I.S.S.

Dettagli

MIURAOODRVEUff.4/n.15315_C23d Venezia, 25 novembre 2014

MIURAOODRVEUff.4/n.15315_C23d Venezia, 25 novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA MIURAOODRVEUff.4/n.15315_C23d Venezia,

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE DI II GRADO PER LA REALIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA Bando per la presentazione di progetti finalizzati alla realizzazione in ambito scolastico di strategie didattiche, metodologiche e valutative nei confronti degli studenti

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 7 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità L Istituto Aniene Srl si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PIANO REGIONALE DI ORIENTAMENTO 2012-2013 PIANO REGIONALE DI ORIENTAMENTO AZIONI NEL PASSAGGIO SCUOLA SECONDARIA I GRADO - SCUOLA SECONDARIA II GRADO 1. MODULI FORMATIVI PER DIRIGENTI SCOLASTICI E DOCENTI

Dettagli

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo Autismo a Bergamo 2001 2013 "Il punto di vista del mondo scolastico: come si è attrezzata la scuola negli ultimi dieci anni per dare risposte adeguate ai bisogni speciali degli alunni con autismo" intervento

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

Bando di concorso INNOVADIDATTICA. Progetti di innovazione didattica a sostegno dell obbligo di istruzione

Bando di concorso INNOVADIDATTICA. Progetti di innovazione didattica a sostegno dell obbligo di istruzione Bando di concorso INNOVADIDATTICA Progetti di innovazione didattica a sostegno dell obbligo di istruzione In relazione alle linee guida trasmesse alle istituzioni scolastiche del primo e secondo ciclo

Dettagli

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità Premessa Il Contesto culturale. Da molti anni l Istituto Martini, pone al centro della sua azione formativa, l attenzione allo studente e alle famiglie coniugando metodologie di apprendimento moderne a

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

IIS GIULIO COMUNICATI INTERNI AI DOCENTI COMUNICATO N. 240

IIS GIULIO COMUNICATI INTERNI AI DOCENTI COMUNICATO N. 240 Documentazione SGQ IIS GIULIO Rev. 1 del 19/11/2010 COMUNICATI INTERNI SALA DOCENTI SEDE SALA DOCENTI JUVARRA SERALE CTP AI DOCENTI COMUNICATO N. 240 In riferimento alla circolare regionale n. 68 del 26/02/2013

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

La Borsa del Lavoro costituisce uno dei pilastri della Riforma Biagi del mercato del lavoro (Legge 30/03, Decreto legislativo 276/03).

La Borsa del Lavoro costituisce uno dei pilastri della Riforma Biagi del mercato del lavoro (Legge 30/03, Decreto legislativo 276/03). PROGETTO : BORSA - LAVORO 1. Informazioni sulla BCNL 2. Progetto dell ITIS FERMI 3. Attività da realizzare 4. Punto Borsa Informativo 5. Siti utili 1. Informazioni sulla BCNL La Borsa Continua Nazionale

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI Formazione del Personale Scolastico e Innovazione Tecnologica nelle

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Via Lecce, 17 03100 FROSINONE - ITALIA Tel. 0775 210531 Fax 0775 210531 E-mail: formazione@sanasrl.it ALLEGATO II.1 CARTA DELLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA ELEMENTI MINIMI LIVELLO STRATEGICO POLITICA

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

"VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE"

VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE "VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE" Obiettivo del progetto Il progetto intende rispondere all esigenza di rendere accessibili

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

Progetto orientamento

Progetto orientamento Progetto orientamento INGEGNERIA A.A. 2010-2011 Orientamento in Entrata La Facoltà di Ingegneria dallo scorso anno ha deciso di intraprendere un percorso formativo in collaborazione con le scuole volto

Dettagli

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti;

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti; Allegato n. 2 Linee Guida per la redazione della Relazione Annuale della Commissione Paritetica Docenti- Studenti Le Commissioni Didattiche Paritetiche, così come specificato nel Documento di Autovalutazione,

Dettagli

ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE

ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE SEMINARIO USR LOMBARDIA 2015 ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE Theofanis Vervelacis FORMAZIONE COME.. Vivere l organizzazione nel quotidiano agire Estraniarsi all organizzazione guardarla

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

L Orientamento Scolastico Professionale

L Orientamento Scolastico Professionale Istituto Comprensivo di Cappella Maggiore anno scolastico 2013-2014 L Orientamento Scolastico Professionale una proposta Finalità dell incontro Condividere i modelli di Orientamento Scolastico Professionale

Dettagli

OGGETTO: Piano Formazione Nazionale del Polo Qualità- Scadenza iscrizione 27 febbraio

OGGETTO: Piano Formazione Nazionale del Polo Qualità- Scadenza iscrizione 27 febbraio ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia - di Scuola Primaria e di Scuola Secondaria I grado ad Indirizzo Musicale A N I E L L O C A L C A R A M A R C I A N I S E Prot. n. 1064 C/2 MARCIANISE

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia BANDO DI CONCORSO Centri di promozione della legalità Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Concorso regionale per la creazione di Centri di promozione della legalità, ai quali saranno assegnati

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE FEDERICO CAFFÈ (CON SEZIONI ASSOCIATE : I.T.C.G. FEDERICO CAFFE - I.T.I.S.

Dettagli

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! OBIETTIVI GENERALI Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale volto a contrastare la dispersione scolastica che si connota come fenomeno complesso investendo

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

PIANO FORMATIVO 2014/2015

PIANO FORMATIVO 2014/2015 PIANO FORMATIVO 2014/2015 Il CFP Francesco d Assisi La Cooperativa "Francesco d'assisi" gestisce da più di otto anni un Centro di Formazione Professionale accreditato presso la Regione Veneto, rivolto

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE pagina 1 di 9 Corso Lucca Ospitale 2009LU0083-89 Il Progetto denominato LUC.OS. - Lucca Ospitale è stato realizzato e gestito dal soggetto capofila SO.GE.SE.TER. Srl, che ha sede a Lucca in via Fillungo

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

2012 Le Nuove Indicazioni

2012 Le Nuove Indicazioni REPORT CONCLUSIVO DELL ATTIVITA DI RICERCA-AZIONE: 2012-Le Nuove Indicazioni ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERNOLE (LE) 2012 Le Nuove Indicazioni RESTITUZIONE FINALE CONDIVISIONE DEI PERCORSI DIDATTICI EFFETTUATI

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G.Rodari Via Aquileia, 1 20021 Baranzate (MI) Tel/fax 02-3561839 Cod. Fiscale 80126410150 Cod. meccanografico MIIC8A900C

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena soggetto richiedente con..,.. codice fiscale:, rappresentato da:.

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Progetto Monitoraggio sull utilizzo dei fondi previsti dalla Legge 440/97

Progetto Monitoraggio sull utilizzo dei fondi previsti dalla Legge 440/97 Progetto Monitoraggio sull utilizzo dei fondi previsti dalla Legge 440/97 Individuazione degli interventi prioritari e criteri generali per la ripartizione delle somme, le indicazioni sul monitoraggio,

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO PREMESSA PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO Partire per un periodo di studio all estero è una forte esperienza di formazione interculturale. Il soggiorno di studio

Dettagli

Importante, nella legge, è anche l attenzione alla valutazione degli esiti delle attività professionali dei dirigenti e dei docenti: la

Importante, nella legge, è anche l attenzione alla valutazione degli esiti delle attività professionali dei dirigenti e dei docenti: la VERBALE N. Il giorno 1 settembre dell anno 2015 (duemilaquindici), alle ore 8.30, presso la sala riunioni della sede di viale Italia 409, Sesto S.Giovanni (Mi), sotto la Presidenza del Dirigente Scolastico,

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE

STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE ISTITUTO SILONE San Ferdinando di Puglia STRATEGIE E METODI PER L INNOVAZIONE DIDATTICA E TERRITORIALE REPORT FINALE DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Progetto di Ricerca finanziato da: REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE FEDERIGO ENRIQUES Livorno

LICEO SCIENTIFICO STATALE FEDERIGO ENRIQUES Livorno Prot.n, 3905 G/1 Livorno, 27/05/2013 Oggetto: Bando di concorso per tutor a distanza sulla sicurezza per ciascuna delle seguenti province: Livorno-Lucca- Massa-Pisa IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il Decreto

Dettagli

SINTESI PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (ex art. 1 comma 14 Legge 107/2015)

SINTESI PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (ex art. 1 comma 14 Legge 107/2015) Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 - VIA BACHELET VIA BACHELET, 5-04100 LATINA (LT) Tel. 0773620905 Fax. 0773629059

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 La nostra scuola è dotata di Dipartimenti Disciplinari intesi come articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione

Dettagli