Per questo motivo disprezziamo e rispediamo al mittente le dichiarazioni di certi rampolli dell'alta società italica che pretendono di venire a darci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per questo motivo disprezziamo e rispediamo al mittente le dichiarazioni di certi rampolli dell'alta società italica che pretendono di venire a darci"

Transcript

1 Ringrazio il Magnifico Rettore per la parola concessami. Colleghi studenti, signori Professori e ricercatori, signori del personale tecnico amministrativo, illustri ospiti, autorità. Vorrei iniziare questo mio intervento a nome di tutti gli studenti della Statale portando alla vostra attenzione alcuni dati fortemente significativi della situazione nazionale per poi svolgere un'analisi seguita da alcune riflessioni. Nel suo bollettino mensile, la Banca Centrale Europea ha posizionato il nostro paese tra gli ultimi posti, insieme a Spagna e Grecia, della classifica che misura il tasso di disoccupazione giovanile, ormai giunta a percentuali ben oltre il 40%. Ad inizio mese è inoltre stato pubblicata l indagine statistica noi Italia dell'istat. La ricerca indica in 2 milioni il numero dei NEET, cioè quei giovani italiani che non sono né inseriti in un percorso formativo, né in uno lavorativo, con disuguaglianze di genere e di appartenenza geografica, valori tra i più alti d'europa. Infine, negli ultimi giorni apprendiamo da diversi articoli di giornale che nell'ultimo decennio il sistema universitario nazionale italiano ha avuto, in media, 8mila matricole in meno ogni anno accademico. A calare non è solo il numero dei laureati, ma anche il numero degli studenti delle superiori, che non si iscrivono più all'università preferendo, i più fortunati, entrare fin da subito nel mondo del lavoro mentre gli altri vanno ad ingrossare le fila dei giovani NEET. E questo ci ha fatto guadagnare l'ennesimo triste primato: quello del minor numero di laureati d'europa tra i 30 e i 34 anni in rapporto alla popolazione nazionale. Molte delle cause del contesto appena fotografato risiedono nel fatto che l'istruzione, non solo universitaria, non è più vista oggi come il principale ascensore sociale del paese, non è più ritenuta essere l'investimento, individuale e collettivo, per un futuro, personale e dell'intera società, migliore. È stato affermato da qualcuno che con la Cultura non si mangia : un buon esempio di quanto in basso sia caduta la nostra società. Intervengo su questi temi oggi perché è necessario combattere questo nuovo e distruttivo pensiero egemonico nella società e perché non c'è circostanza migliore di oggi per farlo. Penso all'inaugurazione dell'anno accademico di un Università, luogo che fa dell'istruzione

2 e della formazione la sua vocazione e missione quotidiana, come l'occasione migliore per svolgere un'analisi e una riflessione che abbraccino le problematiche che investono la nostra comunità, che, ricordo, non è composta solo da noi studenti. E' dunque necessario che tutti coloro che vivono, a vario titolo, l'accademia si interroghino sulle difficoltà che stiamo affrontando. Consideriamo innanzitutto il welfare studentesco e i finanziamenti statali: da questo palco ci avete sentiti parlare della situazione del Diritto allo Studio Universitario, portando alla vostra attenzione le numerose criticità. Vorrei prima sottolineare una nota positiva che riguarda la scelta dell Amministrazione della nostra Università per questo Anno Accademico di destinare fondi propri alla copertura delle borse di studio non assegnate per mancanza di finanziamenti : è sicuramente un segnale forte verso questi studenti e queste famiglie il garantire il sostegno economico per il proseguo degli studi, un segnale che abbiamo chiesto fosse dato e che apprezziamo davvero sia stato ascoltato e accolto. Non possono però essere i singoli Atenei a stringere le cinture dei loro bilanci per colmare le falle di un sistema costantemente e progressivamente sempre più sottofinanziato! Deve essere lo Stato, attraverso le Regioni, a rendersi garante di un diritto sancito costituzionalmente promuovendo un sistema integrato di strumenti e servizi per favorire la più ampia partecipazione agli studi universitari sul territorio nazionale e ricercando mezzi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano l'uguaglianza dei cittadini nell'accesso all'istruzione superiore. Negli ultimi anni queste legittime aspettative sono state invece continuamente disattese. Disattese dallo Stato, che mette in ginocchio gli Atenei con tagli al Fondo di Finanziamento Ordinario e con interventi che mirano ad una ripartizione premiale di una crescente quota dell FFO, andando in realtà a indebolire ulteriormente gli Atenei stessi: in un sistema sottofinanziato e a somma zero le Università, in una logica tutt altro che premiale, si ritrovano a spartirsi le poche risorse disponibili entrando in palese concorrenza, con criteri di ripartizione poco indicativi delle reali condizioni e delle esigenze degli atenei, e parametri sbilanciati su una discutibile valutazione della ricerca a scapito della didattica, dell offerta formativa e dei servizi agli studenti. E una finta idea di premialità che si nasconde dietro la retorica del merito producendo di fatto differenze enormi tra gli Atenei in un ottica punitiva e non incentivante

3 Le aspettative sono state disattese dalla nostra Regione. Nell anno 2012/2013 si è arrivati ad una copertura delle borse dell 85%, ma questo è da attribuirsi quasi esclusivamente all aumento della tassa regionale, pagata dagli studenti, che ha portato ad un incremento dei fondi di 8 miliardi e mezzo circa, mentre solo di fondi regionali sono andati ad aumentare i finanziamenti in questo settore. Non può essere che il sistema del diritto allo studio veda come principale voce di finanziamento le tasse studentesche e non è legittimo sbandierare l aumento della copertura delle borse come un obiettivo politico raggiunto. Per quanto riguarda l anno in corso le risorse regionali sono sostanzialmente confermate: ci saranno quindi ancora idonei non assegnatari, insicurezza nella garanzia della borsa, percorsi di studio irregolari per potersi mantenere e studenti che sceglieranno di abbandonare l Università perché nessuno li può sostenere. Noi chiediamo che tutto ciò non accada: noi esigiamo un forte cambio di rotta! Alla nostra Regione perché investi nell Università una percentuale del proprio PIL, il più alto d Italia, almeno pari alle altre regioni italiane. Perché, oltre che locomotiva economica del paese, diventi anche esempio virtuoso di politiche sull istruzione. Lo chiediamo allo Stato e al nuovo governo che lo guiderà: si delinei un percorso chiaro e coraggioso per i prossimi anni. Senza ricorrere a stratagemmi come l inasprimento dei criteri di accesso al diritto allo studio, o un sostegno economico erogato attraverso i prestiti d onore che è per noi assolutamente inaccettabile, o politiche che tendano a creare atenei di serie A e di serie B in base ai finanziamenti ricevuti, aumentando di fatto le disuguaglianze e le ingiustizie. Lo chiediamo al nostro Rettore e all intera CRUI, le cui denunce e prese di posizione sono troppe volte risultate tardive. Chiediamo loro di farsi carico di rappresentare puntualmente le istanze degli studenti nelle sedi regionali e statali, con impegno e determinazione. Investire nelle borse di studio però non è sufficiente. I dati sulla disoccupazione si aggravano nelle fasce più povere e deboli della società. L accesso all istruzione superiore dipende ancora fortemente dalla famiglia di partenza, e l abbandono scolastico riguarda principalmente chi proviene dalle fasce più povere In Italia, quindi, la selezione è ancora di censo e si è creato un sistema che, con la giustificazione della meritocrazia, di fatto discrimina i più deboli della società.

4 Per questo motivo disprezziamo e rispediamo al mittente le dichiarazioni di certi rampolli dell'alta società italica che pretendono di venire a darci lezioni di meritocrazia senza aver altro merito se non quello di essere nati in famiglie ricche della borghesia industriale e finanziaria. A causa di questi, di taluni politici e di molti media, il termine meritocrazia ha ormai assunto in Italia un valore simbolico, la soluzione miracolosa per tutti i mali, per rendere più efficienti, e possibilmente più economici, tutti i settori, dall amministrazione pubblica all università, per rilanciare l economia del Paese, abbattere la disoccupazione e garantire un futuro di prosperità e pace sociale. Ma non si può parlare di meritocrazia se si dimentica la difesa dell uguaglianza. Invece oggi è dato per acquisito il senso positivo della parola meritocrazia, quando in molti casi serve solo a giustificare furbescamente il familismo e a nascondere l immobilità sociale e le disuguaglianze. La meritocrazia intesa come ideologia fornisce persino una dimensione etica della sconfitta di chi non si afferma nella vita, con un accettazione quasi fatalista del proprio insuccesso sociale e della condizione migliore degli altri. Ma troppo continua a dipendere dalle enormi disparità sociali. Certo è giusto promuovere la competenza e anche premiare l impegno e il merito individuali, ma questa premialità non può essere costruita su un sistema che si basi sulla discriminazione di tutti gli altri, di coloro che non fanno parte della categoria dei migliori. Da una parte deve cambiare il mondo dell'istruzione, al quale non manca tanto un sistema di monitoraggio della preparazione degli studenti quanto la garanzia di un sistema di relazioni e di rapporti tra docenti e discenti che chiarisca ai ragazzi perché e come devono sapere determinati concetti, che cosa effettivamente possano farci, e che si adegui per quanto possibile alle doti e alle peculiarità dei giovani offrendo a tutti l accesso a un novero sempre più ampio e complesso di conoscenze, a prescindere dal punto di partenza. In caso contrario la scuola rimarrà la mera cancelleria di un ufficio pubblico, atta ad approvare il risultato del mio studio apponendo sulla mia preparazione un timbro, quello del voto. Dall'altro lato, perché l istruzione possa realmente assurgere al ruolo di ascensore sociale, è necessario eliminare le profonde disuguaglianze sociali e contrastare le selezioni a priori, come i test d'ingresso, basate su criteri di selezione discutibili, che costituiscono l'ennesima e vigliacca ingiustizia. L esempio virtuoso al quale abbiamo il dovere di ispirarci è quello dei paesi scandinavi, in

5 testa alle classifiche di mobilità sociale perché capaci di porre un limite forte alle diseguaglianze e di scegliere l'istruzione e l'università come elemento sul quale investire per trainare il paese fuori dalla crisi. Certo, questo sarà possibile anche quando cesseranno le campagne di discredito e falsa informazione sul sistema universitario e sui giovani. É stato detto che i laureati in Italia sono troppi, che i poli universitari sono un numero esagerato, che l'università costa poco o nulla, che gli Atenei non gestiscono bene le risorse, che gli universitari sono tutti mantenuti fuori corso, che il pubblico è sinonimo di spreco e fannullaggine, che la ricerca universitaria è costosa e inefficiente. E questo è troppo spesso stato detto da chi chi è stato chiamato a governare il nostro Paese, tra i quali figuravano anche docenti e rettori universitari. È necessario che l'intera comunità accademica ricominci a parlare alla politica e alla società, demistificando le tante falsità e facendosi promotrice di esigenze di cambiamento e miglioramento del sistema, dal livello comunale fino a quello nazionale. È poi irrinunciabile, da parte del governo e delle amministrazioni, il coinvolgimento di tutte le componenti, anche quella studentesca, nei tavoli che gestiscono e governano il processo di trasformazione dell'università: dagli organi d'ateneo, alle commissioni regionali, agli organi ministeriali. Coinvolgimento che deve essere continuo, attivo e reale, e non sbandierato senza fondamento o ricercato solo dopo che un tribunale ha dato ragione all'altra parte o dopo che i problemi sono stati denunciati pubblicamente. Perché la nostra Università possa poi attrarre nuovamente i giovani e venga riconosciuta come uno strumento di formazione efficace, ne vanno modificate e ripensate alcune caratteristiche. Ne cito solo alcune: la didattica, per la quale vanno riviste e modernizzate le modalità di erogazione, integrandola, dove possibile, con metodologie non formali e sperimentali; i programmi, le integrazioni dei corsi e la possibilità di personalizzare la propria formazione; l'internazionalizzazione, che non può essere semplicemente uno slogan rappresentato con cartelli e manifesti di dubbio gusto! La possibilità di una formazione all'estero

6 deve essere garantita agli studenti di tutti i corsi di laurea, abbandonando presuntuose logiche secondo le quali altri Atenei non garantiscono una formazione di pari livello. È inoltre necessario rivedere e migliorare il meccanismo delle equipollenze rendendole note a priori e non lasciandole sempre e comunque alla discrezione del docente, spesso post erasmus; i tirocini professionalizzanti e gli stage... È un sistema che va ripensato nella sua totalità, partendo e mettendo al centro gli studenti, le valutazioni che essi danno del sistema e le loro aspettative e ambizioni. Non si possono più fare scelte sulla base degli interessi del privato che nel sistema investe, degli interessi e dei poteri delle cattedre, della necessità di pubblicità verso l'esterno. L'Università deve ritrovare il suo spirito originario. Dobbiamo riscoprire la nostra vocazione iniziale che era innanzitutto formare la classe dirigente del futuro e far progredire la società verso la conoscenza universale. Infine, l'università non deve essere al servizio del mercato. Ad oggi il sistema industriale italiano non investe sufficientemente in ricerca e sviluppo e questo determina il mancato assorbimento delle competenze e delle abilità che l'università trasmette agli studenti, futuri lavoratori. La realtà attuale di un sistema di piccole-medie imprese che non possono e non vogliono puntare su questi settori limita di fatto la possibilità di spendere un titolo di studio faticosamente conquistato, e quindi fa venir meno l'importanza di una formazione universitaria. Perché dovrei perdere tempo in un'istruzione universitaria superiore quando nemmeno questa mi garantisce un futuro? Questo sistema però non regge il confronto con il mercato e la competizione globale e crolla d innanzi a chi produce a costi più bassi e in tempi più brevi. Solo investendo fortemente in ricerca e innovazione, sostenendo realmente quanti dedicano la loro vita allo sviluppo delle conoscenze, modificando il sistema industriale perché possa assorbire le nuove competenze sviluppate, potremo forse risollevarci da questa crisi economica profonda e tornare a guardare con fiducia al futuro. Oggi il termine futuro genera nei giovani inquietudine e senso dell'incertezza, derivanti dalla consapevolezza che il loro avvenire, in termini di opportunità lavorative, benessere e

7 previdenza sociale, sarà con ogni probabilità meno roseo di quello dei propri genitori. È quindi giunto il momento di politiche coraggiose, di abbandonare l'idea che tutto sia imprescindibile e inevitabile, di un impegno collettivo per trovare soluzioni condivise e comunitarie. Bisogna ripartire dall'università e dalla ricerca pubblica, elementi imprescindibili per la vitalità economica, civile e culturale del Paese. Il mancato guadagno derivante dalle politiche di disinvestimento adottate negli ultimi anni per questo settore si è fatto sentire gravemente acuendo le ferite di un Paese in gravi difficoltà. Concludo con una frase di Pepe Mujica, presidente dell'uruguay, paese dell'anno secondo l'economist: Investiamo prima di tutto in educazione, secondariamente nell'educazione, e in terzo luogo in educazione. Un popolo istruito ha le migliori aspettative di vita, ed è molto difficile che venga imbrogliato dai corrotti e dai bugiardi. Oltre a vedere nell investimento nell istruzione, nella formazione e nell innovazione una politica lungimirante, dobbiamo ritenerlo giusto e un valore in sè. Oltre a produrre un progresso culturale e sociale, che va al di là dei misuratori economici, risponde alla necessità dell uomo di investigare i campi della conoscenza che più lo affascinano e realizzano la sua felicità Grazie.

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna CERIMONIA DI APERTURA DEI CORSI E DI CONSEGNA DEI DIPLOMI Anno Accademico 2010 / 2011 Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna Pisa, 4 dicembre 2010 1 Autorità, Rettori,

Dettagli

BOZZA DI DECRETO LEGGE SUL MERITO

BOZZA DI DECRETO LEGGE SUL MERITO BOZZA DI DECRETO LEGGE SUL MERITO Recentemente siamo venuti a conoscenza della volontà del governo di presentare un disegno di legge sul merito che andrà presto in discussione alle Camere. Abbiamo analizzato

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

È la laurea un buon investimento?

È la laurea un buon investimento? È la laurea un buon investimento? di Alberto Bisin e Andrea Moro Le tasse universitarie sono aumentate considerevolmente negli ultimi anni. Ciononostante, laurearsi rimane ancora un ottimo investimento.

Dettagli

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI.

Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Agli Studenti Unione degli Universitari UDU Oggetto: risposta al comunicato stampa della campagna UDU denominata #CHIUSIFUORI. Gentili Studenti di UDU, come sapete, abbiamo iniziato già da qualche tempo

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO.

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. Paolo Gianni, Università di Pisa Chi fosse interessato ad un quadro chiaro ed esaustivo di cosa significhi valore legale di un titolo di studio, e della evoluzione

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Invertire la rotta. Un intervento urgente per l università italiana.

Invertire la rotta. Un intervento urgente per l università italiana. Invertire la rotta. Un intervento urgente per l università italiana. Nelle ultime settimane, dopo aver adottato una serie per l equità e la crescita rivolte in particolare al Mezzogiorno, il governo ha

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2012-2013. Intervento del Sig. Tommaso Ercoli. Presidente del Consiglio degli Studenti

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2012-2013. Intervento del Sig. Tommaso Ercoli. Presidente del Consiglio degli Studenti 3 INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2012-2013 Intervento del Sig. Tommaso Ercoli Presidente del Consiglio degli Studenti Vorrei iniziare ringraziando l Università Pubblica che, seppure con grande difficoltà,

Dettagli

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza*

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* I Manager didattici hanno il principale obiettivo di facilitare

Dettagli

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma Appena concluso l Esame di Stato 2015, i loro curricula sono già nella banca dati AlmaDiploma, lo strumento on line di valorizzazione dei

Dettagli

Regolamento di Ateneo per gli studenti

Regolamento di Ateneo per gli studenti Regolamento di Ateneo per gli studenti Art. 1 - Premessa Il presente regolamento, in applicazione del Regolamento didattico di Ateneo, contiene le norme organizzative e amministrative alla cui osservanza

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Consiglio Universitario Nazionale

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Consiglio Universitario Nazionale Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Consiglio Universitario Nazionale Audizione presso la VII Commissione della Camera dei Deputati 14 marzo 2012 Schema di decreto legislativo recante:

Dettagli

SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE

SETTORE UFFICIO STUDI E DOCUMENTAZIONE Settore Ufficio Studi e Documentazione A cura di Antonio Di Martino Francesco Fantaci ANALISI E COMMENTI 0.1 / 2015 «RIPARTIZIONE FFO 2015 Analisi, commenti e considerazioni sulla illegittimità della «pseudo-rottamazione»

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000

5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 5. Il Finanziamento ministeriale e gli effetti del processo di riequilibrio dal 1995 al 2000 La legge collegata alla manovra finanziaria del 1994 (legge 24 dicembre 1993, n.537) ha avviato il processo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 29 ottobre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 29 ottobre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 29 ottobre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Scuola 24 Le tre proposte concrete per salvare il diritto allo studio 2-3 Università

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI DOMANDA FORMATIVA Indagiine conosciitiiva sugllii iimmatriicollatii aii corsii dii llaurea triiennalle dellll Uniiversiità dell

Dettagli

Ministero de Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ITALIA 2020 SINTESI

Ministero de Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ITALIA 2020 SINTESI Ministero de Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca ITALIA 2020 Piano di azione per l occupabilitá dei giovani attraverso l integrazione tra

Dettagli

Responsabile Nazionale Medici in Formazione Specifica MG:

Responsabile Nazionale Medici in Formazione Specifica MG: MEDICI IN FORMAZIONE SPECIFICA IN MG Si tratta di Medici che frequentano i Corsi Triennali di Formazione Specifica in Medicina Generale, requisito indispensabile per accedere all area della Continuità

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI ALLEGATO 2B CONVENZIONE TRIENNALE PER GLI ESERCIZI 2006-2008 LEGGE REGIONALE N. 26/1996 ART. 26 RAPPORTI TRA LA REGIONE E LE UNIVERSITA DELLA SARDEGNA PIANO DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO GUGLIELMO MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Cari Allieve e Allievi del Politecnico di Milano, In questi giorni ho ricevuto molti messaggi da parte Vostra. In essi vi sono domande volte a cercare di comprendere

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA

CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 ECONOMIA SICILIANA Si pubblica l intervento del Ministro per la coesione territoriale, Carlo Trigilia, in occasione

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione PREMESSA I risultati della ricerca compiuta presentano due caratteristiche di particolare rilevanza nel panorama degli studi e delle analisi dedicati ad approfondire le peculiarità della mobilità internazionale

Dettagli

Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie

Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie Analisi tecnica dello schema di decreto legislativo recante la valorizzazione dell'efficienza delle università

Dettagli

Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado.

Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado. Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado. Walter Moro L abbandono precoce della scuola che si registra nell obbligo d istruzione, in particolare

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna Andrea Cammelli A dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna e ad otto dall avvio della riforma universitaria nel nostro paese, è possibile

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro.

Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Anche noi, con l Europa, investiamo nel vostro futuro. Il nuovo programma dell'ue per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. 2014-2020 Obiettivi Azione chiave 1 dell'apprendimento: - mobilità

Dettagli

#IOVOGLIOINSEGNARE. Controguida all accesso all insegnamento

#IOVOGLIOINSEGNARE. Controguida all accesso all insegnamento #IOVOGLIOINSEGNARE Controguida all accesso all insegnamento Questa non è la Buona Scuola. La Buona Scuola del Governo Renzi presenta profonde criticità in tutto il suo complesso: va a scardinare tutti

Dettagli

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011 Bruxelles, 26 gennaio 2011 DISCORSO DI MERCEDES BRESSO, PRESIDENTE DEL COMITATO DELLE REGIONI Fa fede solo il discorso pronunciato

Dettagli

Diritto allo studio (& finanziamenti)

Diritto allo studio (& finanziamenti) Diritto allo studio (& finanziamenti) Si sente spesso parlare di diritto allo studio. È un espressione che anche noi del MSAC utilizziamo spesso. Per esempio, quando è uscito il Rapporto La buona scuola,

Dettagli

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014]

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014] 2014 A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia Paolo Genco [ Saluti e discorso introduttivo 2014] Acireale 29 novembre Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Raspanti, vescovo di Acireale 2 Gentili Signore

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs 4 dicembre 2014 Un cordiale buongiorno a tutti i presenti. Grazie, innanzitutto,

Dettagli

Domande frequenti sui Progetti di mobilità UNIROMATRAINING e UNIGRADUATE

Domande frequenti sui Progetti di mobilità UNIROMATRAINING e UNIGRADUATE Domande frequenti sui Progetti di mobilità UNIROMATRAINING e UNIGRADUATE Questo documento si propone di dare risposte alle domande più frequenti che gli studenti pongono relativamente ai progetti di mobilità

Dettagli

LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA

LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA PERCHE' IL PROGETTO DAL TALENTO AL LAVORO - L'Università italiana soffre di un tasso di abbandono elevato (18%

Dettagli

Decreto criteri di Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) delle Università per l'anno 2010.

Decreto criteri di Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) delle Università per l'anno 2010. Decreto Ministeriale 21 dicembre 2010 n. 655 Decreto criteri di Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) delle Università per l'anno 2010. VISTO lo stanziamento disponibile sul cap. 1694

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO -

PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO - Bando per l assegnazione di contributi per stage all estero A.A. 2014-2015 PROGETTO CAMPUSWORLD STAGE ALL ESTERO - Per l'a.a. 2014-2015 è indetta la selezione, riservata a studenti e neolaureati dell Università

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà SETTIMANA ZERO 2013 GUIDA ALL UNIVPM

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà SETTIMANA ZERO 2013 GUIDA ALL UNIVPM Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà SETTIMANA ZERO 2013 GUIDA ALL UNIVPM IMMATRICOLAZIONE Deve essere effettuata mediante l utilizzo della procedura on-line. Coloro che si siano

Dettagli

L INSEGNANTE DI SOSTEGNO

L INSEGNANTE DI SOSTEGNO L INSEGNANTE DI SOSTEGNO 1. La formazione Con l avvio dell integrazione generalizzata furono istituiti dei corsi di specializzazione della durata biennale e di tipo monovalente, limitati quindi alla formazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'A.F.A.M. E PER LA RICERCA Direzione Generale per l'università, lo studente e il diritto allo studio universitario Mobilità per un migliore apprendimento. Strategia sulla

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della dispersione e dell insuccesso scolastico. - Rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione

Dettagli

Analisi della Bozza Decreto D.S.U.

Analisi della Bozza Decreto D.S.U. Analisi della Bozza Decreto D.S.U. Analizziamo in questo documento la bozza dello Schema di Decreto Ministeriale Determinazione dei livelli essenziali e requisiti di eleggibilità delle prestazioni per

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi)

IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi) IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi) Che cosa è il Programma Erasmus+? L'Erasmus+ è il programma di mobilità voluto e finanziato dall Unione

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

Specifiche relative al bando di Ateneo per la Scuola di Architettura Civile

Specifiche relative al bando di Ateneo per la Scuola di Architettura Civile Scuola di Architettura Civile Presidenza LLP / ERASMUS 2012-2013 Specifiche relative al bando di Ateneo per la Scuola di Architettura Civile Studiare all'estero Riassegnazione posti disponibili Nell'ambito

Dettagli

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale.

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale. SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento di MANAGEMENT E MARKETING - Parte normativa- Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

I laureati e lo studio

I laureati e lo studio 28 aprile 2006 I laureati e lo studio Inserimento professionale dei laureati Indagine 2004 Informazioni e chiarimenti: Servizio Popolazione, istruzione e cultura Viale Liegi, 13-00198 Roma Paola Ungaro

Dettagli

LA SCELTA UNIVERSITARIA 14 FEBBRAIO 2013 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA

LA SCELTA UNIVERSITARIA 14 FEBBRAIO 2013 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA LA SCELTA UNIVERSITARIA 14 FEBBRAIO 2013 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA PERCHE' IL PROGETTO DAL TALENTO AL LAVORO!"#$%&'()%*!+%*,-%,$,+).//('+0%1 2+3$+*,)).+0%+,44,$0.$.+'-'&,*.+5678+$'-+9::;

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

Intervento di Stefano Cuzzilla

Intervento di Stefano Cuzzilla Desenzano sul Garda, 25 marzo 2013 Intervento di Stefano Cuzzilla PRESIDENTE FASI Sono molto fiero di partecipare oggi a questo incontro perché qui, a Desenzano, abbiamo realizzato uno degli obiettivi

Dettagli

Giovedì 14 settembre 2006 UNA LAUREA PER GLI AGRICOLTORI ALL UNIVERSITÀ DI TERAMO: ECCO IL PROGETTO (ASTRA) - 13 set - Pescara Un corso di laurea ad hoc per gli agricoltori. E un progetto che l Università

Dettagli

ISTRUZIONE: INVESTIRE IN CAPITALE UMANO

ISTRUZIONE: INVESTIRE IN CAPITALE UMANO ISTRUZIONE: INVESTIRE IN CAPITALE UMANO Le proposte di Confindustria Le analisi comparative a livello internazionale indicano che uno dei fattori che più rallentano l innovazione e la crescita in Italia

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL PROGRAMMA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL PROGRAMMA REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL PROGRAMMA Lifelong Learning /ERASMUS Titolo I Finalità ed organismi Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, in accordo con lo Statuto d Ateneo,

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2010/2011 Immatricolati Anno Accademico 2011/2012 (febbraio 2012) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

Depliant informativo

Depliant informativo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA SINDACATO AUTONOMO DI POLIZIA SEGRETERIA GENERALE Corso di Laurea Telematico in FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2007/2008

Dettagli

ERASMUS PLUS STUDIO DIPARTIMENTO DI LETTERE E FILOSOFIA

ERASMUS PLUS STUDIO DIPARTIMENTO DI LETTERE E FILOSOFIA LINEE GUIDA STUDENTI ERASMUS PLUS STUDIO DIPARTIMENTO DI LETTERE E FILOSOFIA Sommario 1 Partecipazione... 3 2 Bando e candidatura... 3 3 Selezione e graduatoria... 3 4 Rinunce... 3 5 Adempimenti degli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN POLITICHE E SISTEMI SOCIOSANITARI: ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E COORDINAMENTO

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 13. Gli adulti all università La riforma universitaria ha allargato soprattutto nei primi anni di applicazione - la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. I laureati immatricolati

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM)

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) Di seguito sono riportati i principali risultati emersi dalla compilazione del percorso AlmaOrièntati che ha coinvolto 97 studenti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA PRINCIPALE E PIÙ OCCULTATA CAUSA DELL AUMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

Programma Lifelong Learning sotto programma Erasmus. borse di mobilità per soggiorni di studio all estero

Programma Lifelong Learning sotto programma Erasmus. borse di mobilità per soggiorni di studio all estero Settore Unità Relazioni Internazionali Programma Lifelong Learning sotto programma Erasmus borse di mobilità per soggiorni di studio all estero bando delle borse e criteri di selezione anno accademico

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. VISTO lo stanziamento disponibile sul cap. 1694 dello stato di previsione della spesa di questo Ministero per l esercizio finanziario 2013 pari ad 6.694.686.504, comprensivo dei seguenti finanziamenti:

Dettagli

LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA

LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA Cos è la Garanzia Giovani? La Garanzia Giovani è un iniziativa dell Unione Europea per diminuire la disoccupazione giovanile, nei paesi membri in cui questa è al di sopra

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MOBILITA STUDENTESCHE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MOBILITA STUDENTESCHE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MOBILITA STUDENTESCHE (Emanato con D.R. n. 629 2015, prot. n. 13678 I/3 del 29.05.2015) I termini relativi a persone che, nel presente Regolamento, compaiono solo al maschile

Dettagli

*** NORMATTIVA -Stampa ***

*** NORMATTIVA -Stampa *** *** NORMATTIVA -Stampa *** Page 1 of 6 DECRETO 21 luglio 1997, n. 245 Regolamento recante norme in materia di accessi all'istruzione universitaria e di connesse attivita' di orientamento. Vigente al: 10-11-2015

Dettagli

FORUM ASSOCIAZIONI FAMILIARI Audizione presso la VII Commissione permanente Cultura della Camera dei Deputati

FORUM ASSOCIAZIONI FAMILIARI Audizione presso la VII Commissione permanente Cultura della Camera dei Deputati FORUM ASSOCIAZIONI FAMILIARI della Camera dei Deputati Il Forum delle Associazioni Familiari vuole innanzitutto esprime il ringraziamento alla Commissione Cultura della Camera per le audizioni che sta

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli