Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezioni di economia degli intermediari finanziari"

Transcript

1 Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, a.a La struttura finanziaria dell economia 1

2 La struttura finanziaria dell economia Nell'ottica finanziaria, il comportamento dei singoli operatori economici può essere definito sulla base delle seguenti grandezze-flusso Reddito = Y = flussi finanziari in entrata Consumo = c = flussi finanziari in uscita Generalmente, ma non necessariamente si ha che : Y>c Prof. Alessandro Berti 3 La struttura finanziaria dell economia (segue) Si ha pertanto che (y-c) = s = risparmio il risparmio s serve a sostenere il processo di investimento = i per somma algebrica fra s ed i nasce il saldo finanziario Prof. Alessandro Berti 4 2

3 La struttura finanziaria dell economia (segue) A livello di ogni singolo operatore si verificano due situazioni alternative 1. S>i = surplus finanziario, situazione che caratterizza i datori di fondi 2. S<i = deficit finanziario, situazione che caratterizza i prenditori di fondi Prof. Alessandro Berti 5 La struttura finanziaria dell economia (segue) Il riequilibrio, ossia l'impiego del surplus o il finanziamento del deficit, viene effettuato agendo sullo stock di strumenti finanziari a disposizione. Esigenza di riequilibrio = necessità di operare un trasferimento Prof. Alessandro Berti 6 3

4 Pertanto: La struttura finanziaria dell economia (segue) chi si trova nella posizione di deficit (prenditori di fondi) offre strumenti finanziari e richiede risorse finanziarie; chi si trova nella posizione di surplus (datori di fondi) richiede strumenti finanziari ed offre risorse finanziarie. Prof. Alessandro Berti 7 Strumento finanziario Il trasferimento che soddisfa queste opposte esigenze si concretizza nella creazione di uno strumento finanziario ossia di uno strumento tecnico-giuridico che specifica le condizioni del trasferimento stesso e precisa diritti e doveri delle controparti (es. azioni, BOT, obbligazioni). Prof. Alessandro Berti 8 4

5 Strumento finanziario Lo strumento finanziario per il soggetto in surplus rappresenta un'attività finanziaria, poiché rappresenta un credito; per il soggetto in deficit costituisce una passività finanziaria, poiché rappresenta un debito. Prof. Alessandro Berti 9 Destinazione dei flussi tutti i flussi vanno ad accrescere o a diminuire lo stock esistente di investimenti (reali e/o finanziari) o di debiti; tuttavia i saldi finanziari indicano la distribuzione dei flussi fra gli operatori ma non chiariscono i processi di riallocazione della ricchezza finanziaria esistente; occorre perciò misurare i fabbisogni di trasferimento. Prof. Alessandro Berti 10 5

6 Fabbisogni di trasferimento I fabbisogni di trasferimento possono essere: collegati agli aggiustamenti di portafoglio; connessi alla copertura di investimenti reali. Prof. Alessandro Berti 11 Fabbisogni di trasferimento Il trasferimento delle risorse è reso difficile dalle opposte preferenze dei soggetti che si trovano nell'esigenza di aggiustare il proprio portafoglio o di acquisire risorse addizionali. Prof. Alessandro Berti 12 6

7 Principali problemi del trasferimento: individuazione della controparte; individuazione della controparte avente esigenze uguali e contrapposte per dimensione dell'operazione e termini di esecuzione; nel caso di trasferimento nel tempo di saldi finanziari, l'incertezza sull esecuzione da parte del debitore (fattore di rischio proprio di tale genere di operazioni). Prof. Alessandro Berti 13 Si ha pertanto il sorgere: 1. dei mercati, ossia di sistemi organizzati di incontro; 2. degli intermediari, ossia di soggetti in grado di frapporsi professionalmente fra datori e prenditori di fondi, conciliandone le opposte esigenze; 3. di strumenti contrattuali atti a proteggere i diritti dei datori di fondi e a definire i doveri dei prenditori. Prof. Alessandro Berti 14 7

8 Elementi per l'interpretazione della struttura dei sistemi finanziari modalità di trasferimento, diretto ed indiretto; esistenza di mercati organizzati; tipologia di intermediari finanziari e loro compiti; strumenti tecnico-giuridici disponibili; quadro normativo. Prof. Alessandro Berti 15 Canali di trasferimento delle risorse finanziarie CANALE DIRETTO Unità in surplus SF > 0 S > I Intermediario creditizio CANALE INDIRETTO Flussi di risorse finanziarie Unità in deficit SF < 0 S < I Prof. Alessandro Berti 16 8

9 Trasferimento diretto ed indiretto La scelta fra le due alternative viene effettuata sulla base dei seguenti fattori: grado di visibilità reciproca; compatibilità delle proprie esigenze con quelle della controparte; simmetrie (o asimmetrie) informative; grado di fiducia circa i prenditori di fondi. Prof. Alessandro Berti 17 Trasferimento diretto ed indiretto ove tutte queste condizioni siano soddisfatte il sistema tenderebbe ad essere imperniato sul trasferimento diretto; al contrario, in assenza di una o più di queste condizioni, il sistema viene ad appoggiarsi sull'attività di intermediari, ossia sul trasferimento indiretto. Prof. Alessandro Berti 18 9

10 I mercati Non sorgono come istituzioni spontanee ma richiedono: strutture, operatori, regole di funzionamento, organismi di controllo, tanto più complessi in presenza di numerosi venditori e compratori e differenziazione degli oggetti di scambio. Prof. Alessandro Berti 19 Gli intermediari gli intermediari assumono su di sé alcuni ruoli, con costi e rischi conseguenti, per ridurre le barriere che ostacolano il trasferimento diretto; dall assunzione di tale posizione derivano alcune importanti conseguenze Prof. Alessandro Berti 20 10

11 ossia: Gli intermediari l'interposizione e la specializzazione rendono possibile la visibilità delle controparti e riducono le asimmetrie informative; la trasformazione dei rischi, dei tassi e delle scadenze rende possibile la conclusione dei contratti e la negoziazione degli strumenti; la specializzazione degli intermediari implica la differenziazione degli stessi (ad esempio, specializzazione per scadenze). Prof. Alessandro Berti 21 Gli strumenti tecnico-giuridici Si differenziano in base a: modalità del trasferimento, ossia per la scadenza, la determinazione del tasso, le clausole di salvaguardia; nonché in base a: standardizzazione; innovazione. Prof. Alessandro Berti 22 11

12 Gli strumenti tecnico-giuridici la standardizzazione: facilita la negoziazione; agevola la protezione giuridica (gli strumenti sono indifferenziati e impersonali); l'innovazione: agevola la possibilità di trasferimento, venendo incontro ad esigenze sempre più differenziate. Prof. Alessandro Berti 23 I sistemi finanziari 12

13 Il sistema finanziario Il sistema finanziario è definito da un insieme di relazioni caratterizzate da: normativa che le regola; tipologia di strumenti utilizzati; modalità di esecuzione. Tali relazioni sono intrattenute fra operatori che procedono al regolamento degli scambi o all'effettuazione di transazioni di natura creditizia. Prof. Alessandro Berti 25 Il sistema finanziario La struttura di un sistema finanziario è influenzata da: disponibilità di informazioni; esistenza di mezzi di comunicazione; tecnologie di trasferimento; atteggiamento delle autorità; accordi di scambio; assetti competitivi. Prof. Alessandro Berti 26 13

14 Il sistema finanziario Sinteticamente, si può affermare che un sistema finanziario è costituito dall'insieme di: mercati intermediari strumenti coinvolti nel processo di mobilizzazione ed allocazione delle risorse finanziarie. Prof. Alessandro Berti 27 I mercati I mercati possono essere definiti come l'insieme delle strutture nelle quali si svolge il trasferimento delle risorse finanziarie i mercati rendono quindi possibile l incontro fra soggetti in surplus e soggetti in deficit. Prof. Alessandro Berti 28 14

15 I mercati Sotto l aspetto funzionale i mercati si distinguono in: mercati mobiliari quando il trasferimento avviene tramite strumenti standardizzati e impersonali, distribuiti e scambiati secondo regole prefissate (circuito o mercato diretto) mercati creditizi il rapporto fra le unità in surplus e quelle in disavanzo avviene tramite un intermediario (circuito o mercato indiretto) Prof. Alessandro Berti 29 Mercati diretti I mercati diretti sono caratterizzati da ricerca diretta della controparte, rapporti personali, importanza della forza contrattuale. Esempi: mercati dei depositi bancari, dei prestiti bancari a b.t., dei mutui, etc.... Prof. Alessandro Berti 30 15

16 Assetto dei mercati mobiliari in Italia (ante luglio 2005) Borsa Italiana S.p.A. Montetitoli Covered warrant SeDeX Azionario Reddito fisso Derivati Cassa di compensazione e garanzia (Borsa) MTA Nuovo Mercato MOT/ EuroMOT IDEM MIF Prof. Alessandro Berti 31 Nuovo assetto dei mercati mobiliari (delibera Consob 5 luglio 2005) Borsa Italiana S.p.A. Montetitoli Covered warrant SeDeX Azionario Reddito fisso Derivati Cassa di compensazione e garanzia (Borsa) MTA -blue chip -Star -Standard Dal 19 sett 05 MTAX -blue chip -Star -Standard Dal 7 nov 05 MOT: -DomesticMOT -EuroMOT IDEM MIF Prof. Alessandro Berti 32 16

17 Nuovo assetto dei mercati mobiliari in Italia (segue) A seguito di tale delibera: il Nuovo Mercato è stato ridenominato MTAX ed il suo regolamento è stato integrato in quello dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana; conseguentemente, il TAHnm è stato ridenominato TAHX; Prof. Alessandro Berti 33 Nuovo assetto dei mercati mobiliari in Italia (segue) è stata prevista l omologazione funzionale dei mercati MOT ed EuroMOT, con chiusura di quest ultimo e segmentazione del MOT in: DomesticMOT (per gli strumenti finanziari liquidati presso il sistema di liquidazione nazionale); EuroMOT (per gli strumenti finanziari liquidati sui sistemi di liquidazione esteri). Prof. Alessandro Berti 34 17

18 Mercati indiretti Nei mercati organizzati o indiretti (open markets) vengono scambiati impersonalmente titoli standardizzati secondo regole prefissate, (c.d. indirect securities). Esempi caratteristici: i mercati dei titoli azionari ed obbligazionari. I mercati organizzati o aperti: racchiudono la totalità degli scambi; sono regolati da norme predefinite, valide per tutti i partecipanti. Prof. Alessandro Berti 35 Mercati indiretti Possono essere suddivisi in: mercati primari o mercati delle nuove emissioni, la cui funzione è fornire nuove risorse alle unità in deficit (funzione di finanziamento); mercati secondari o mercati dove vengono scambiati titoli già emessi, la cui funzione è consentire aggiustamenti di portafoglio su attività finanziarie già accumulate (garantire la liquidità). Prof. Alessandro Berti 36 18

19 I mercati In base alla tipologia di contrattazione si parla infatti di: mercato primario luogo di distribuzione di titoli di prima emissione (asta dei BOT, offerte pubbliche iniziali di vendita etc. ); mercato secondario luogo di scambio dei titoli esistenti (M.O.T., Borsa etc. ) Come è agevole intuire, l una tipologia di mercato non può esistere senza l altra. Prof. Alessandro Berti 37 I mercati primari Offerte Pubbliche Iniziali sulla Borsa Italiana dal 1985 al 2004: Rielaborazione dati Borsa Italiana SpA Offerte Pubbliche Iniziali in Italia MTA Nuovo Mercato Mercato Ristretto/Expandi Prof. Alessandro Berti 38 19

20 I mercati In base ad un criterio temporale si parla di: mercati monetari: luogo di scambio di titoli a scadenza ridotta, entro 12/18 mesi (BOT, certificati di deposito a un anno, etc.); mercati finanziari: luogo di scambio di titoli a scadenza protratta (mercato azionario ed obbligazionario). Prof. Alessandro Berti 39 Mercati secondari I principali mercati secondari: 1. il mercato monetario 2. il mercato finanziario 3. il mercato dei cambi 4. il mercato internazionale dei capitali Prof. Alessandro Berti 40 20

21 Mercati secondari il mercato monetario negoziazione di attività finanziarie a brevissima scadenza e caratterizzate da basso rischio di controparte (mercato di riferimento per gli operatori che intendono aggiustare la propria posizione di liquidità); il mercato finanziario negoziazione di titoli a lungo termine quali azioni, titoli di stato, obbligazioni: si impernia sulla borsa valori. Prof. Alessandro Berti 41 Mercati secondari il mercato dei cambi luogo delle operazioni commerciali e finanziarie compiute fra soggetti appartenenti a paesi diversi; il mercato internazionale intermedia crediti bancari, spesso syndicated loans, (eurocrediti o crediti in valuta verso non residenti) e obbligazioni internazionali. Prof. Alessandro Berti 42 21

22 Mercato dei capitali Mercato finanziario Mercato monetario Mercato mobiliare Mercato creditizio Mercato dei titoli a breve Mercato azionario Mercato obbligazionario Mercato dei derivati Mercato del credito a breve termine Mercato del credito a medio-lungo termine Mercato interbancario Prof. Alessandro Berti 43 Il mercato monetario è l insieme delle transazioni su titoli a breve scadenza; in una accezione funzionale è l insieme delle negoziazioni di attività finanziarie che agevolano l aggiustamento delle posizioni di liquidità dei diversi operatori; Prof. Alessandro Berti 44 22

23 Il mercato monetario la presenza di un efficiente mercato monetario consente di minimizzare i costi-opportunità della detenzione di riserve di liquidità; per assolvere a tale compito è necessario che le attività negoziate su questo mercato abbiano le seguenti caratteristiche: breve scadenza nominale; alta negoziabilità sul mercato secondario; impersonalità dei rapporti tra emittenti e sottoscrittori. Prof. Alessandro Berti 45 I mercati finanziari e le condizioni di efficienza i mercati svolgono in modo efficiente le loro funzioni quando la produttività marginale del capitale è la medesima per tutte le forme di impiego selezionate (efficienza allocativa); perché ciò accada è necessario che ogni operatore agisca in modo razionale e che i richiedenti fondi ricerchino una struttura finanziaria ottimale; Prof. Alessandro Berti 46 23

24 Le condizioni di efficienza dei mercati finanziari è inoltre necessario che l allocazione avvenga attraverso un meccanismo dei prezzi che non consenta extraprofitti ad alcuno. Ciò si basa sulla piena e generalizzata disponibilità di informazioni in assenza del fenomeno della razionalità limitata (efficienza informativa in forma debole, semi-forte e forte. Cfr.E.Fama). Prof. Alessandro Berti 47 Le condizioni di efficienza dei mercati finanziari Sotto un altro profilo, l efficiente allocazione delle risorse è favorita dall efficienza operativa (tecnica e funzionale). Ciò si ottiene facendo sì che i mercati raggiungano elevati livelli di spessore, ampiezza ed elasticità. Prof. Alessandro Berti 48 24

25 L'organizzazione dei mercati Qualunque analisi circa il tipo di organizzazione dei mercati non può che prendere le mosse dalla constatazione della strumentalità dell organizzazione rispetto all efficienza. L'efficienza complessiva di un mercato è strettamente legata alle modalità con cui avviene il processo di formazione del prezzo. Prof. Alessandro Berti 49 L'organizzazione dei mercati Tutti i mercati adottano un sistema di asta, ma seguendo procedure diverse, con intervento diverso degli intermediari: In base al tipo di intermediario coinvolto: mercati di brokers mercati di dealers In base alle modalità di trattazione: trattazione a chiamata trattazione continua Prof. Alessandro Berti 50 25

26 L'organizzazione dei mercati Mercati di brokers: tipicamente borsa (anche nella versione online) e cambi; i brokers agiscono solo per eseguire gli ordini della clientela; lo scambio vede l intervento dell intermediario in veste meramente tecnica. Prof. Alessandro Berti 51 L'organizzazione dei mercati Mercati di dealers: tipicamente il mercato monetario ed il secondario dei titoli pubblici; i dealers assumono posizioni in proprio, divenendo market makers qualora si impegnino ad effettuare in via continuativa un determinato volume di contrattazioni. Prof. Alessandro Berti 52 26

27 Gli intermediari Sono i soggetti che permettono o facilitano il trasferimento e possono distinguersi in base ad un criterio "produttivo" in: intermediari creditizi insieme delle istituzioni coinvolte nel circuito indiretto dei trasferimenti delle risorse intermediari mobiliari insieme delle istituzioni coinvolte nel circuito diretto dei trasferimenti delle risorse istituzioni assicurative intermediari la cui attività è volta alla gestione ed al fronteggiamento del rischio Prof. Alessandro Berti 53 Modalità di svolgimento dell attività Le attività degli intermediari finanziari possono essere svolte attraverso: negoziazione in proprio; negoziazione delegata (con diversa ampiezza: esecuzione di ordini, gestione per conto, progettazione/ organizzazione /collocamento di emissioni di valori mobiliari). Prof. Alessandro Berti 54 27

28 Modalità di svolgimento dell attività Le suddette modalità si differenziano: per il rischio assunto dall intermediario; per la diversa focalizzazione sul cliente; per la diversa evidenza contabile. Prof. Alessandro Berti 55 Concorrenza/complementarietà tra intermediari e mercati Volume degli scambi finanziari 1 Grado di intensità dell intermediazione 0 Intermediati Intermediari creditizi Assistiti Intermediari mobiliari Diretti Autonomi Intermediari finanziari Mercati mobiliari Frontiera Y Frontiera X Prof. Alessandro Berti 56 28

29 Rischio ed intermediari In base al rischio assunto, si distinguono: intermediari creditizi (le banche); intermediari mobiliari (fondi comuni, fondi pensione ed altri investitori istituzionali); dealers e market makers (intermediari attivi nei mercati mobiliari che assumono posizioni in proprio, a differenza dei semplici broker). Prof. Alessandro Berti 57 Le banche Rischio e intermediari intermediari con passivo nominale si caratterizzano per: raccolta presso il pubblico; selezione ed impiego di attività finanziarie con assunzione dei rischi conseguenti; obbligo di rimborso delle passività emesse al loro valore nominale. Prof. Alessandro Berti 58 29

30 Rischio e intermediari Fondi comuni e investitori istituzionali intermediari con passivo di mercato raccolgono risparmio presso il pubblico ed impiegano il proprio portafoglio in vista della massimizzazione del rendimento, ma hanno un passivo di mercato, poiché le oscillazioni di valore degli investimenti si riflettono sul prezzo di liquidazione/rimborso delle passività. Prof. Alessandro Berti 59 Rischio e intermediari I dealers e market makers effettuano operazioni per conto proprio e per conto terzi, assicurando la continuità degli scambi e la formazione di prezzi significativi (es. specialisti per il segmento STAR, sponsors per i titoli quotati al MTAX etc. ). Prof. Alessandro Berti 60 30

31 Gli intermediari e i sistemi finanziari Infine, in base al grado di specializzazione degli intermediari, si distinguono: sistemi finanziari di tipo universale nei quali gli intermediari svolgono insieme attività creditizia e mobiliare (modello di riferimento: banca universale); sistemi finanziari specializzati nei quali gli intermediari svolgono attività creditizia o mobiliare (modello di riferimento: banca specializzata). Prof. Alessandro Berti 61 Conseguenze sull attività di intermediazione Commercial bank: attività prevalentemente creditizia al dettaglio con diffusa e capillare rete territoriale; Investment bank: attività di intermediazione mobiliare ad ampio raggio e ad elevata personalizzazione per conto di una clientela di taglio mediamente elevato, con rete distributiva non capillare. Prof. Alessandro Berti 62 31

32 Conseguenze sull attività di intermediazione Merchant bank: attività specialistica di acquisizione temporanea di partecipazione nel capitale di rischio di imprese non finanziarie ed attività connesse; Banca mista: attività di partecipazione permanente nel capitale di imprese non finanziarie accanto ad attività prettamente creditizie (Hausbank tedesche). Prof. Alessandro Berti 63 Attività di investment banking Credito: financial advisory, consulenza per l acquisizione di linee di credito, project financing. Corporate finance: attività di originating, underwriting e placement di titoli, consulenza ad operazioni di mergers and acquisition, leveraged buy out, corporate restructuring, definizioni di sistemi di corporate governance, assunzione temporanea di partecipazioni, organizzazione di fondi chiusi (collegamento con attività di venture capital). Capital markets: attività di broker e dealer, cash management. Asset management: gestione dei patrimoni della clientela. Prof. Alessandro Berti 64 32

33 Gli strumenti Rappresentano i mezzi attraverso i quali avviene l'effettivo trasferimento di risorse. In base ad un criterio funzionale, si parla di: strumenti creditizi strumenti mobiliari strumenti per il pagamento strumenti per la gestione del rischio Prof. Alessandro Berti 65 Gli strumenti In base alla diversa attitudine ad essere utilizzati come mezzo di pagamento, gli strumenti si distinguono per il loro grado di liquidità. Il grado di liquidità può essere definito come: la capacità dello strumento di essere convertito prontamente in moneta legale e senza costi. Esso è pertanto connesso a: tempo costi necessari per la conversione in moneta Prof. Alessandro Berti 66 33

34 Le funzioni dei sistemi finanziari Funzioni del sistema finanziario 1. amministrare il sistema dei pagamenti; 2. realizzare il collegamento fra le diverse sedi degli operatori economici e degli intermediari finanziari; 3. trasmettere gli impulsi di politica monetaria ed economica. Prof. Alessandro Berti 68 34

35 Il sistema dei pagamenti Complesso di accordi per l'assolvimento delle obbligazioni assunte dagli operatori economici quando acquisiscono diritti su risorse reali o finanziarie. Prof. Alessandro Berti 69 Il sistema dei pagamenti Pagamento elemento caratterizzante una economia di scambio; atto mediante il quale un operatore si libera di un'obbligazione relativa all'acquisizione di un bene o di un servizio; pertanto il pagamento è un atto finale. Prof. Alessandro Berti 70 35

36 Il sistema dei pagamenti N.B. : la moneta bancaria ha natura fiduciaria ed il pagamento avviene in tempi e luoghi diversi da quelli in cui si compie lo scambio dei beni (a seguito dell'ordine impartito ad un intermediario di pagare al creditore, a valere sul conto presso questo intrattenuto); il sistema dei pagamenti investe perciò problemi di equilibrio microeconomico e di interesse pubblico. Prof. Alessandro Berti 71 Il sistema dei pagamenti Gli strumenti del sistema dei pagamenti devono possedere i requisiti di: sicurezza rapidità accessibilità Prof. Alessandro Berti 72 36

37 Il sistema dei pagamenti È importante distinguere fra: momento dello scambio dello strumento, su base fiduciaria, e momento del regolamento che perfeziona l'operazione (float). Prof. Alessandro Berti 73 Il sistema dei pagamenti Ogni operazione di pagamento è un complesso di registrazioni, cioè di informazioni fra i soggetti interessati. Ne deriva che gestire il sistema dei pagamenti significa gestire delle informazioni, al fine di ridurre o evitare rischi, soprattutto di regolamento. Prof. Alessandro Berti 74 37

38 La funzione creditizia e l'intermediazione finanziaria il sistema finanziario si colloca fra le unità in surplus e quelle in deficit, tramite il circuito diretto e quello indiretto. tuttavia, anche nei sistemi orientati ai mercati (U.S.A. e U.K.), è evidente la presenza di numerosi intermediari, che non vengono meno anche in presenza di trasferimenti imperniati sul circuito diretto. Prof. Alessandro Berti 75 Problema: Si pone allora una questione: quale ragion d'essere per gli intermediari, stante che se tutti i rapporti passassero attraverso i mercati l'efficienza sarebbe massima, in assenza di costi di intermediazione = profitti per gli intermediari? Prof. Alessandro Berti 76 38

39 Risposta: consiste nel fatto che gli intermediari realizzano la trasformazione dei rischi e delle scadenze (c.d. mismatching), per la diversa composizione delle attività finanziarie delle unità in surplus e delle passività finanziarie delle unità in deficit (impediscono la paralisi degli scambi e risolvono il problema della diversità di preferenze). Prof. Alessandro Berti 77 La funzione creditizia e l'allocazione delle risorse attraverso il credito le decisioni di spesa di un singolo operatore possono risultare indipendenti dalle risorse finanziarie a disposizione di questi. in altre parole, la moneta messa a disposizione di un imprenditore per acquisire attività reali e/o finanziarie non serve a sostituire moneta legale, ma ad aumentare il livello di reddito disponibile, rendendo possibili nuove transazioni. Prof. Alessandro Berti 78 39

40 La funzione creditizia e l'allocazione delle risorse È bene, infine, ricordare che non sono le banche il motore dello sviluppo ma che da esse dipende la possibilità che il risparmio si indirizzi verso impieghi meritevoli. Prof. Alessandro Berti 79 Controllo monetario e vigilanza sui sistemi finanziari 40

41 Controllo monetario e vigilanza sui sistemi finanziari Premessa La necessità di controlli è patrimonio comune di tutti gli studi sulla materia, ma occorre individuare 1. i presupposti dei controlli 2. in base alla rilevanza degli obiettivi perseguiti Prof. Alessandro Berti 81 Gli obiettivi perseguiti Consistono nel controllo di: moneta credito tassi di interesse ma anche nella verifica: delle condizioni di efficienza degli intermediari e del sistema (cfr. art. 5 T.u.b.) nella ricerca della stabilità delle condizioni gestionali degli intermediari e del sistema Prof. Alessandro Berti 82 41

42 Gli obiettivi perseguiti Si può affermare che: il controllo della moneta, del credito, dei tassi di interesse, la ricerca dell'efficienza e della stabilità, rappresentano le finalità ultime della regolamentazione del sistema finanziario in generale e di quello bancario in particolare. Prof. Alessandro Berti 83 Il controllo monetario Quanto alla creazione di moneta, essa influisce sull'equilibrio economico generale e sul volume delle attività finanziarie attraverso il c.d. "moltiplicatore" Il controllo dell'offerta di moneta si basa perciò sulla capacità-potere della banca centrale di influenzare le scelte di portafoglio delle banche. Prof. Alessandro Berti 84 42

43 Il controllo monetario A tale scopo uno degli strumenti più utilizzati in passato (ed oramai inutilizzato) era quello della riserva obbligatoria, che vincolava le banche a detenere all'attivo un quantitativo minimo di moneta legale. Prof. Alessandro Berti 85 Il controllo monetario Il compimento della fase finale dell euro ha di fatto svuotato di significato tale strumento (la competenza della politica monetaria è passata alla BCE), lasciando alla sola manovra sui tassi di interesse l esercizio del potere di controllo monetario. Prof. Alessandro Berti 86 43

44 Quadro istituzionale europeo Sistema europeo di banche centrali SEBC è composto da: Banche centrali europee degli Stati membri dell Unione europea (BCN) Banca centrale europea (BCE) è governato dal Consiglio direttivo, composto da: Governatori delle BCN Membri del Comitato esecutivo della BCE compito principale: definire la politica monetaria unica Prof. Alessandro Berti 87 Efficienza Tre nozioni di efficienza rilevanti ai fini dei controlli: efficienza allocativa destinazione del credito effettuata in base alla combinazione ottimale fra rendimenti attesi e rischio. efficienza operativa svolgimento in condizioni ottimali della funzione produttiva degli intermediari = minimizzare i costi a parità di prodotto. efficienza/funzionalità svolgimento efficace della funzione di trasmissione degli impulsi di politica economica e monetaria. Prof. Alessandro Berti 88 44

45 Stabilità E' strettamente collegata all efficienza, evidenziando un trade-off con questa. Il perseguimento di condizioni di efficienza, infatti, non deve mai mettere in pericolo la stabilità, ossia la capacità dei singoli intermediari di far fronte agli impegni assunti (diversamente si verifica il rischio di contagio sistemico). Prof. Alessandro Berti 89 Stabilità La stabilità viene ottenuta per mezzo di: regole volte a contenere il rischio assumibile, a controllare liquidità e solvibilità degli intermediari (coefficienti patrimoniali); controlli preventivi e procedure di risanamento nelle situazioni di crisi. Prof. Alessandro Berti 90 45

46 Efficienza e stabilità Il trade-off fra efficienza e stabilità viene di volta in volta modificato secondo gli obiettivi ricercati dagli organi di controllo. Esso muta, pertanto, in relazione alle esigenze della politica monetaria. Prof. Alessandro Berti 91 Efficienza e stabilità In relazione a tali obiettivi si distinguono: Controlli di politica monetaria e creditizia intervento della banca centrale su moneta, credito, tassi di interesse. Controlli di regolamentazione e vigilanza in senso stretto misure volte ad incidere sulle prerogative e l'attività degli intermediari e dei mercati organizzati, quali barriere all'entrata, requisiti patrimoniali, vincoli alla composizione del passivo, limitazioni operative, controllo ed informazione sui prezzi. Prof. Alessandro Berti 92 46

47 Controlli di regolamentazione e vigilanza Argomento strettamente connesso alla questione dell efficienza e stabilità dei mercati, alle tematiche inerenti la tutela degli investitori e, recentemente, all importanza dell indipendenza degli organismi di controllo, sono le Offerte Pubbliche di Acquisto o di Scambio soprattutto quando hanno ad oggetto il controllo di istituti bancari quotati in Borsa. Prof. Alessandro Berti 93 Offerta Pubblica di Acquisto o di Scambio disciplina contenuta negli artt. 102 e seguenti del T.U.F; riguarda l acquisto di partecipazioni di controllo in società quotate; menzionata sui quotidiani come scalata (spesso ostile) o take over. Prof. Alessandro Berti 94 47

48 OPA o OPSc L Offerta Pubblica è denominata: di acquisto, se è finanziata con liquidità; di scambio, se è finanziata con titoli. Poiché è rivolta al pubblico indistinto dei risparmiatori, occorre garantire la parità di trattamento degli investitori. È predisposto e diffuso un prospetto informativo ed è necessaria l autorizzazione della Consob. Prof. Alessandro Berti 95 OPA o OPSc Quando l acquisizione di partecipazioni ha per oggetto un istituto bancario (ed in generale comporta il possesso di più del 5% del capitale, o comunque il controllo della banca) è necessaria la preventiva autorizzazione della Banca d Italia per le valutazioni di sana e prudente gestione (art. 19 T.U.B.) e l autorizzazione dell Autorità garante della concorrenza e del mercato ovvero il nulla osta della stessa a seguito delle valutazioni relative all assetto concorrenziale del mercato. (L. 28 dicembre 2005, n. 262, art. 19) Prof. Alessandro Berti 96 48

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli