Sportelli e reti telematiche nella distribuzione dei servizi bancari di Emilia Bonaccorsi di Patti, Giorgio Gobbi e Paolo Emilio Mistrulli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sportelli e reti telematiche nella distribuzione dei servizi bancari di Emilia Bonaccorsi di Patti, Giorgio Gobbi e Paolo Emilio Mistrulli"

Transcript

1 Sportelli e reti telematiche nella distribuzione dei servizi bancari di Emilia Bonaccorsi di Patti, Giorgio Gobbi e Paolo Emilio Mistrulli Banca d'italia, Servizio Studi pubblicato in BANCA IMPRESA SOCIETA, ANNO XXII, N.2, 2003

2 2 1. Introduzione 1 Durante lo scorso decennio i progressi nel campo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione hanno profondamente cambiato il modo con cui prodotti e servizi vengono distribuiti in numerosi settori di attività economica. Nell industria bancaria le nuove tecnologie sono state applicate inizialmente alla distribuzione di servizi di pagamento al dettaglio tramite la rete di ATM e PoS, e, in misura molto limitata, di servizi di home e di corporate banking attraverso reti private. L offerta di servizi bancari a distanza si è estesa a operazioni più complesse (e-finance ed e-banking) soltanto con la diffusione della rete pubblica Internet che si è dimostrato un veicolo molto più efficace, rispetto alle reti private sperimentate in passato, per la maggiore flessibilità operativa e capillarità che essa consente. La possibilità per i clienti di effettuare transazioni a distanza utilizzando il personal computer ha rappresentato una delle innovazioni principali degli ultimi anni, in grado di incidere più profondamente sulla operatività degli intermediari bancari di quanto sperimentato con la diffusione degli ATM e dei PoS (Christiansen, 2001). Le banche hanno adottato strategie organizzative differenziate combinando in varia misura la distribuzione elettronica con i canali basati sul contatto diretto con i clienti in risposta alle convenienze in termini di costo e alle caratteristiche della domanda. Dal lato dell offerta, la distribuzione di servizi per via elettronica comporta costi marginali notevolmente inferiori rispetto a quella effettuata tramite gli sportelli. Le informazioni disponibili, che si basano solitamente su analisi di un numero limitato di casi e quindi non hanno grande solidità statistica, indicano che i costi variabili unitari per le transazioni effettuate attraverso il computer sono di un ordine di grandezza inferiore rispetto a quello allo sportello (Sato e Hawkins, 2001). Conseguentemente, i costi medi dipendono dagli elevati investimenti iniziali in capitale ad avanzato contenuto tecnologico e dalle spese promozionali, anch esse aventi natura di costo fisso. Queste caratteristiche, unitamente a fattori legati alla reputazione, rendono l e-finance un attività con forti economie di scala. 1 Questo lavoro riporta parte delle conclusioni di una ricerca sulle nuove tecnologie in banca avviata nel Gli autori hanno tratto beneficio dalla discussione dei risultati intermedi in Banca d Italia, al V Congress on the Economics of Telecommunications and Information Technogies a Madrid, all Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano, al XIII World Congress della International Economic Association a Lisbona. Un ringraziamento particolare va a Pietro Franchini per la consulenza nell interpretazione dei dati, il quale non è ovviamente responsabile degli eventuali errori rimasti. Le opinioni espresse nel lavoro e le conclusioni non impegnano in alcun modo la responsabilità dell'istituto di appartenenza. Nella citazione dei temi e delle argomentazioni espresse non è corretto, dunque, riferirne i contenuti alla Banca d Italia o ai suoi Vertici.

3 3 Dal lato della domanda i punti di offerta tradizionali, gli sportelli, consentono al cliente di accedere a una molteplicità di servizi, per alcuni dei quali l interazione diretta con il cliente rimane una caratteristica essenziale. Anche per i servizi di pagamento o di investimento vi è evidenza diffusa, anche se non sistematica, che la possibilità di effettuare operazioni per via elettronica sia stata percepita dai consumatori come una significativa integrazione alle modalità tradizionali, ma non come un canale completamente alternativo. Inoltre, in diversi paesi, tra cui l Italia, la diffusione dei servizi di e-banking trova un freno naturale in quella dell alfabetizzazione informatica necessaria per accedere ad essi (Banca d'italia, 2002a). I fattori legati alla struttura dei costi hanno guidato le strategie delle banche virtuali, ossia di intermediari che affidano la distribuzione dei loro servizi unicamente ai canali telematici, sorte in tutti paesi industrializzati nella seconda metà degli anni novanta. Per raggiungere volumi di transazioni sufficienti a rendere sostenibile la loro attività, le banche virtuali hanno adottato politiche di prezzo particolarmente aggressive, consentite dai bassi costi marginali, associandole a massicce campagne promozionali (DeYoung, 2001; Petrella e Vandone, 2002). La risposta delle banche tradizionali alla pressione concorrenziale proveniente dalle banche virtuali è stata quella di affiancare esse stesse il canale elettronico agli sportelli. Facendo leva sulla base di clientela già servita attraverso la rete distributiva tradizionale, queste banche hanno potuto sostenere gli investimenti iniziali e sussidiare internamente le attività di e-banking nel quadro delle loro strategie di espansione. La sovrapposizione dei canali elettronico e tradizionale è stata razionalizzata sulla base dell assunto che si tratta di modalità complementari per offrire gli stessi servizi (JP Morgan, 2001). Le difficoltà che hanno incontrato le banche virtuali a consolidare i risultati ottenuti nella fase iniziale e la diffusione capillare dell offerta di servizi di e-banking tra le banche tradizionali, anche tra quelle di più piccole dimensioni, vengono spesso indicate a conferma della validità del modello organizzativo multicanale integrato (click and mortar). La validità del modello organizzativo click and mortar richiede il verificarsi di due condizioni. La prima è che vi sia solo una parziale sostituibilità del canale telematico rispetto agli sportelli. La sovrapposizione di diversi canali distributivi necessita che le caratteristiche e la gamma dei prodotti offerti siano, almeno in parte, differenziate per canale distributivo. E plausibile infatti che per diversi servizi, che possono essere standardizzati in misura molto

4 4 limitata, come ad esempio i prestiti, l interazione diretta con il personale della banca rimanga insostituibile, mentre in altri casi, come per i servizi di pagamento e di investimento, una transazione compiuta attraverso il computer sostituisce interamente un viaggio allo sportello. Il grado di sostituibilità tra canali rappresenta pertanto un fattore cruciale nel determinare la misura in cui si richiedono interventi di riorganizzazione della struttura tradizionale di distribuzione. In alcuni paesi dove lo sviluppo dell e-banking è più avanzato, come in quelli dell area scandinava, gli intermediari hanno cominciato a ridurre la rete distributiva tradizionale (Banca Centrale Europea, 2002; Associazione Bancaria Italiana, 2002). La seconda condizione è che i clienti traggano vantaggi dal rivolgersi a uno stesso intermediario per l intera gamma di servizi bancari. Altrimenti, si osserverebbe una tendenza verso una configurazione dell industria bancaria caratterizzata dalla presenza di intermediari con strutture distributive specializzate. Le due condizioni agiscono sia sulla struttura dell offerta che su quella dei ricavi e fanno si che l integrazione delle modalità di distribuzione possa generare un volume addizionale di ricavi tale da coprire le maggiori spese di investimento in hardware e in software. Flussi addizionali di ricavi possono derivare da un aumento dei ricavi unitari (per cliente) oppure da un aumento del numero dei clienti. Siccome il costo marginale per la banca di un operazione completata per via telematica è più basso rispetto a quello sostenuto per effettuare la stessa operazione allo sportello, è plausibile che la concorrenza porti a una riduzione dei prezzi, nell ipotesi che i prodotti collocati tramite canali alternativi siano omogenei. A prezzi più bassi corrisponde verosimilmente una domanda più elevata (maggior numero di transazioni per dato cliente) e quindi l effetto netto dell affiancamento dei due canali sui ricavi ottenuti dalla clientela già servita dalla banca è a priori incerto. Per quanto riguarda l espansione del numero dei clienti, occorre distinguere tra gli effetti a livello di singola banca, rilevanti ai fini delle dinamiche concorrenziali, e quelli che interessano il settore nel suo complesso. Da un lato, se lo stimolo fornito dai canali elettronici può influenzare in modo significativo l espansione della domanda globale di servizi finanziari nel lungo periodo, soprattutto nei paesi in via di sviluppo (Claessens et al., 2000), dall altro, le conseguenze di medio termine nei paesi industrializzati sono molto più incerte. Generalmente le famiglie che non utilizzano servizi bancari appartengono a fasce sociali con caratteristiche molto distanti da quelle che utilizzano Internet per compiere operazioni finanziarie (Banca d Italia, 2002a). In un orizzonte temporale limitato è pertanto ragionevole

5 5 ipotizzare che la fonte principale per espandere i ricavi dell industria bancaria attraverso l offerta di servizi tramite il canale telematico sia costituito dalla clientela che già utilizza i canali tradizionali. In questo studio vengono analizzati i temi dell integrazione tra sportelli e canali telematici e dell impatto della diffusione di questi ultimi sui ricavi delle banche utilizzando i dati raccolti dalla Banca d'italia sul numero dei clienti delle banche italiane che compiono transazioni bancarie attraverso reti telematiche e relativi al quadriennio Il lavoro contribuisce a integrare le informazioni finora disponibili, principalmente basate su singole esperienze e sui resoconti degli addetti ai lavori, fornendo un analisi di natura statistica. Sfruttando la dimensione territoriale delle informazioni disponibili a livello di singola banca, con un primo esercizio statistico, stimiamo una relazione tra densità degli sportelli e numerosità di clienti che hanno utilizzano il canale distributivo elettronico. Una correlazione di segno positivo può essere interpretata come una indicazione di una stretta integrazione tra i due canali; al contrario, una correlazione negativa indica che il canale telematico tende a sostituire quello tradizionale. I risultati ottenuti evidenziano che, in media, le banche hanno un numero più elevato di clienti che utilizzano il canale elettronico (clienti remoti) in quei mercati locali dove hanno una densità di sportelli più bassa. Con un secondo esercizio statistico abbiamo valutato se, per dato numero di clienti, un aumento della quota di quelli che utilizzano il canale telematico comporta una crescita o una riduzione dei ricavi per cliente. Le stime indicano che, a parità di altre condizioni, una maggiore quota di clienti remoti tende a comprimere i ricavi delle banche. L effetto negativo dovuto alla riduzione dei prezzi appare prevalente rispetto a quello espansivo dovuto all aumento delle transazioni. Nel complesso, i risultati ottenuti suggeriscono che l integrazione dei canali distributivi compiuta dalle banche tradizionali potrebbe generare pressioni verso più ampi processi di riorganizzazione volti a limitare le sovrapposizioni. Le indicazioni ricavate dall analisi sono coerenti con i piani di ristrutturazione annunciati da numerose banche europee che prevedono un sostanziale ridimensionamento della rete degli sportelli (ABI, 2002). Gli effetti sull organizzazione produttiva delle banche derivanti dall introduzione dei canali elettronici potrebbero, pertanto, essere molto più ampi di quelli osservati finora. Nell interpretazione delle stime econometriche occorre tuttavia cautela per due ragioni. La prima è dovuta al fatto che i dati utilizzati si riferiscono alla fase di avvio dell attività di e-

6 6 banking in Italia e quindi risentono di situazioni di disequilibrio e di aggiustamento parziale. La seconda deriva dall insieme di servizi offerti attraverso il canale telematico nel periodo esaminato, ristretto essenzialmente al trading on line e ai servizi di pagamento. Queste cautele sono particolarmente importanti in quanto l analisi di un fenomeno in rapida evoluzione, non ultimo per il progresso tecnologico, presenta un elevato rischio di obsolescenza. Nondimeno riteniamo che la nostra analisi possa offrire elementi utili per caratterizzare la fase di avvio dell'e-banking nel nostro paese e per inquadrare i problemi di sviluppo in un quadro analitico di natura quantitativa. Il lavoro si articola in tre sezioni oltre alla presente introduzione. La sezione 2 richiama le caratteristiche salienti della diffusione dell e-banking in Italia tra il 1998 e il Nella sezione 3, dopo una breve discussione dei problemi analitici che pone lo studio della diffusione dei canali elettronici, sono illustrati gli esercizi statistici che costituiscono il contributo originale del saggio e si fornisce un interpretazione dei risultati principali; gli aspetti più tecnici sono confinati in Appendice. La sezione 4, infine, conclude. 2. I servizi di e-banking alle famiglie in Italia Le Banca d Italia, nell ambito delle segnalazioni di vigilanza, rileva informazioni sui canali distributivi telematici e telefonici a partire dal In particolare, con frequenza annuale, sono rilevati per ciascuna banca il numero di clienti che hanno la possibilità di ottenere informazioni o compiere transazioni per via remota. Le informazioni presentano un articolazione molto ricca in quanto sono disaggregate a livello geografico (provincia di residenza del cliente), di settore di attività economica (famiglie da un lato e imprese e altri enti dall altro), di tipo di servizio (informativo o transattivo). Fino al 1999, dato lo scarso sviluppo del fenomeno, i dati relativi ai collegamenti telematici non erano distinti per tipologia di rete utilizzata; dal 2000 in poi sono invece previste anche informazioni specifiche sul numero di clienti che utilizzano la rete Internet per effettuare operazioni bancarie 2. In questo lavoro ci limitiamo a considerare i rapporti delle banche con le famiglie, trascurando quelli con le imprese. La ragione principale è che uno degli obiettivi della nostra 2 Dati aggregati sono pubblicati sul Bollettino Statistico della Banca d'italia, disponibile sul sito A partire dai dati relativi al 2002 (disponibili nel 2003) le rilevazioni della Banca d Italia sui canali distributivi saranno ulteriormente integrata con informazioni sui volumi di transazioni effettuate utilizzando i canali telematici.

7 7 indagine è l interazione tra la rete territoriale e il canale elettronico. Gli sportelli assumono rilevanza nella strategia delle banche soltanto per la distribuzione al dettaglio e quindi per le famiglie e per le piccole imprese. Le informazioni a nostra disposizione non consentono tuttavia di distinguere le imprese in base alla dimensione, e quindi ci limitiamo alle famiglie 3. Le tavole 1 e 2 forniscono un quadro d insieme dell evoluzione dei canali distributivi remoti utilizzati dalle famiglie in Italia a partire dal Il numero di banche che offrono servizi attraverso connessioni con il computer è aumentato notevolmente nel triennio in esame. Se si escludono le filiali di banche estere, ben 529 delle 770 banche in attività in Italia nel 2001 erano attive nell e-banking (tavola 1). Molto più contenuto appare il numero di intermediari che offrono servizi di phone-banking, sebbene il numero dei clienti sia prossimo a quello dell e-banking. Gli utilizzatori di servizi di e-banking fino al 1999 rappresentavano meno dell 1 per cento dei clienti per tutte le categorie di banche, con quote leggermente superiori per quelle più grandi. Nel 2000, anche in seguito all affermazione di un numero ristretto di banche specializzate che hanno fatto della rete Internet il veicolo privilegiato, benché non esclusivo, per la distribuzione dei loro prodotti (incluse nella categoria altre piccole nelle tavola 2) e costituite spesso all interno dei gruppi, la quota dei clienti dell e-banking è cresciuta al 3 per cento. La quota si è consolidata ed estesa nel 2001 quando ha raggiunto mediamente l 8 per cento della clientela bancaria. I dati desumibili dalle statistiche di vigilanza, pur essendo molto dettagliati riguardo alla diffusione territoriale e precisi nella definizione dei fenomeni, non consentono una valutazione del volume di affari connesso con le attività di e-banking. Informazioni aggiuntive al riguardo sono disponibili da altre fonti. In particolare, sempre la Banca d Italia conduce indagini periodiche volte a cogliere informazioni sul numero delle transazioni, i volumi, i ricavi e l articolazione dei processi produttivi (Banca d Italia, 2001 e 2002b). Osservatori specifici sono stati istituiti da istituzioni accademiche (ad esempio Università Cattolica del Sacro Cuore, 2002) e da operatori (ad esempio, KPMG, 2002). Da queste fonti si desumono alcuni fatti stilizzati che possono essere riassunti come segue. In primo luogo, al rapido sviluppo del numero dei clienti non corrisponderebbe una altrettanto rapida crescita 3 Una ragione non meno cogente è che i rapporti tra le banche e le imprese, anche quelli attraverso le reti telematiche, sono molto complessi e richiedono un analisi a sé stante. Si veda ad esempio Banca d Italia

8 8 sia del numero delle transazioni sia del volume dei ricavi. Sulla base dei dati riportati in Banca d Italia (2001, 2002b) si può stimare che nel 2000 i proventi da transazioni concluse attraverso la rete Internet non superassero lo 0,7 per cento dei ricavi da servizi; questa quota sarebbe salita a circa il 3 per cento nel Più contenuto sarebbe il volume di attività svolto attraverso il phone banking, sia per numero che per valore dei fondi movimentati e quindi per ricavi generati. In secondo luogo, gran parte delle transazioni ha finora interessato due tipi di attività: servizi di trading e di investimento, ai quali ha fatto capo circa l 80 per cento dei fondi movimentati nel 2001 (Banca d Italia, 2002b), e servizi di incasso e pagamento (circa il 14 per cento). Infine, riguardo ai prezzi dei servizi offerti on-line le indicazioni fornite dalle diverse indagini hanno natura prevalentemente qualitativa. Secondo i dati riportati in Banca d Italia (2001) 9 banche su 10 hanno indicato di praticare su alcuni (o tutti) dei servizi forniti attraverso Internet prezzi inferiori a quelli di servizi analoghi distribuiti allo sportello. Un quinto delle banche ha anche dichiarato che l introduzione dell e-banking ha comportato una revisione al ribasso dei prezzi allo sportello. Il più contenuto livello dei prezzi per i servizi di e-banking riflette sia costi marginali più bassi sia politiche di mercato aggressive per espandere la base della clientela. Secondo l Osservatorio dell Università Cattolica quest ultima componente, tuttavia, avrebbe ridotto notevolmente il suo peso nel La ragione appare dovuta al fatto che per le banche multicanale una quota crescente di utilizzatori di servizi di e-banking è costituita da clienti già serviti attraverso la rete territoriale (si veda anche KPMG, 2002). 3. Sportelli e computers: un analisi empirica 3.1 L integrazione tra i canali distributivi Gli studi sulle modalità di accesso ai servizi bancari hanno individuato tre componenti principali che concorrono a determinare i costi per il cliente: la distanza dal punto di offerta (costi di trasporto), il tempo necessario per compiere la transazione (costo di attesa) e il prezzo dell operazione (Evanoff, 1988). Se i servizi che vengono offerti attraverso i canali elettronici sono omogenei a quelli forniti attraverso gli sportelli, l ebanking, in via di principio, modifica tutte queste componenti di costo e può avere ampie ripercussioni sulla struttura dei mercati. La distanza e il tempo di attesa diventano quasi (2002b).

9 9 irrilevanti, mentre i prezzi dovrebbero beneficiare dell abbattimento dei costi marginali di produzione. A parità di altre condizioni, ne dovrebbe quindi scaturire un aumento della concorrenza nei mercati locali in quanto i bassi costi di entrata dovrebbero favorire l ampliamento di intermediari accessibili (Mishkin e Strahan, 1999). Di contro, se i servizi forniti attraverso la rete elettronica differiscono qualitativamente da quelli offerti presso gli sportelli, le implicazioni sulla struttura dei mercati diventano molto meno cogenti. Vi sono due motivi che possono indurre differenze nella qualità dei servizi correlata con il canale distributivo. Il primo è che, per ragioni tecnologiche, legali, di sicurezza o legate alla complessità dei contratti, attraverso il canale telematico può essere effettuato soltanto un sottoinsieme ristretto della gamma di operazioni che vengono effettuate presso uno sportello bancario. Nel valutare i benefici che ricava da un servizio bancario il cliente tiene conto di tutto il paniere di servizi al quale ha accesso presso una banca (economie di consumo congiunto). In questo caso, a parità di prezzo, i servizi offerti on-line da un intermediario con cui il cliente non intrattiene rapporti allo sportello risultano di qualità inferiore rispetto agli stessi servizi acquistati dalla banca dalla quale acquista anche i servizi allo sportello. L esistenza di economie di consumo congiunto di prodotti bancari è stata studiata da Berger, Pulley e Humphrey (1996) con riferimento ai depositi e ai prestiti. A nostra conoscenza nessun lavoro ha finora esteso questo schema interpretativo all analisi dei canali distributivi. Se il consumo congiunto di più servizi bancari presso un unico intermediario genera un vantaggio per il cliente, allora la banca può appropriarsi di parte del surplus generato dalla riduzione dei costi di trasporto, dalla riduzione dei tempi di attesa e dall abbattimento dei costi marginali di distribuzione generati dall e-banking. L erosione dei confini dei mercati locali resa possibile dalla distribuzione dei servizi bancari per via telematica dipende dall intensità delle economie di consumo congiunto e dalla gamma di prodotti che possono essere distribuiti soltanto con il contatto fisico. Il secondo motivo è che le banche possono differenziare il prodotto a seconda del canale in ragione delle diverse caratteristiche della clientela che li usa. L accesso ai servizi on-line presuppone familiarità con l uso del computer, la capacità di utilizzare in modo appropriato l applicazione informatica necessaria a compiere le transazioni. Se queste caratteristiche della clientela sono correlate con le loro preferenze riguardo alla qualità dei servizi bancari, le banche possono segmentare il mercato offrendo servizi differenziati a

10 10 seconda del canale distributivo. Una forma estrema di segmentazione, quella in cui i servizi vengono personalizzati secondo le esigenze di ciascun cliente nota come tailoring è stata spesso indicata come un possibile sbocco del commercio elettronico. Sull effettiva diffusione di questa pratica in generale, e nell offerta di servizi finanziari in particolare, l evidenza è tuttavia limitata. Dall intensità delle economie di consumo congiunto e della differenziazione del prodotto dipende l intensità del legame tra sportello e offerta tramite e-banking. Se i clienti valutano comunque la presenza dello sportello rilevante anche quando effettuano transazioni on-line, oppure se queste ultime riguardano servizi del tutto diversi da quelli forniti allo sportello e dalle altre banche, la banca può appropriarsi di parte del surplus che deriva dall abbattimento della distanza, dei tempi di attesa e costi di produzione. Le pressioni verso processi di ristrutturazione di ampia portata nell intera rete distributiva risultano pertanto piuttosto deboli e l impatto dell e-banking e dell e-finance sulla struttura dei mercati locali potrebbe altresì essere limitato anche in prospettiva. La questione è essenzialmente empirica e richiede indagini di natura statistica. Utilizzando i dati a livello territoriale sui clienti che ricorrono al canale elettronico per effettuare transazioni abbiamo cercato di valutare se esista un nesso tra diffusione dell ebanking e rete tradizionale degli sportelli. L idea alla base del test econometrico che abbiamo costruito è che una banca decide dove insediare gli sportelli, ma ha pochi strumenti per attrarre un cliente di una determinata provincia a operare attraverso il proprio sito Internet, se non la presenza stessa della rete fisica. In altre parole le strategie di e-banking non possono essere differenziate tra i diversi mercati locali. Ad esempio il prezzo per effettuare un bonifico on-line dovrebbe essere il medesimo qualunque sia la residenza del cliente. La banca può tuttavia promuovere i propri servizi di e-banking attraverso gli sportelli. Sulla base di questo assunto abbiamo preso in considerazione tre possibili ipotesi che possono essere sottoposte a verifica econometrica. La prima è un ipotesi di integrazione tra sportelli e e-banking, ossia che la domanda di servizi on-line rivolta a una determinata banca che ha scelto di affiancare il canale elettronico alla rete tradizionale sia più elevata in quei mercati dove è maggiore la presenza di dipendenze delle banca in questione. La seconda ipotesi è che invece l e-banking sia percepito dai clienti come sostituto dello sportello. In questo caso l e-banking estende effettivamente la capacità di penetrazione della banca in mercati locali dove è scarsamente

11 11 presente con gli sportelli e quindi dovremmo osservare una relazione negativa tra numero di dipendenze e numero di clienti on-line. Infine la terza ipotesi è che i canali elettronici si rivolgono a un segmento di clientela del tutto diverso da quello servito attraverso gli sportelli (segmentazione). Formalmente, data una relazione tra il numero di clienti che utilizzano i servizi dispositivi di e-banking di una banca i in una provincia j (NCE ij ) e il numero degli sportelli che quella banca ha in quella provincia (NSP ij ) del tipo: (1) NCE ij = f(nsp ij, B i, X j ) dove B i identifica le caratteristiche specifiche di ciascuna banca, X j è un vettore di variabili di controllo delle condizioni di domanda a livello di mercato, l ipotesi di integrazione tra canali implica che NCE ij / NSP ij >0, l ipotesi di sostituibilità che NCE ij / NSP ij <0 e l ipotesi di segmentazione che NCE ij / NSP ij = 0. La specificazione e la stima di una relazione econometrica quale la (1) richiede di tenere conto dell effetto di scala dovuto al fatto che in un mercato dove una banca ha molti sportelli essa ha anche molti clienti; se una proporzione anche molto bassa di questi utilizza il canale elettronico si ha comunque una correlazione positiva tra le due variabili di interesse. L equazione stimata è pertanto del tipo: (2) NCE ij = g(nct ij, NSP ij, B i, X j ) dove NCT ij è il numero totale di clienti della banca della provincia. L equazione 2 così formulata non può essere stimata con i minimi quadrati ordinari in quanto NCT ij è a sua volta influenzato dagli sportelli e potenzialmente anche dalla domanda specifica di servizi e-banking. Un nuovo cliente dei servizi di e-banking che in precedenza non aveva rapporti con la banca fa infatti aumentare sia NCE ij, sia NCT 4 ij. La soluzione adottata è quella di ricorrere al metodo dei minimi quadrati a due stadi stimando simultaneamente alla (2) un equazione in cui la variabile dipendente è il numero totale dei clienti. La procedura è descritta in dettaglio in Appendice. 4 Per questa ragione non possiamo utilizzare come variabile dipendente nella stima semplicemente il rapporto tra i clienti on-line e il numero dei clienti totali.

12 12 Nella stima sono stati utilizzati dati relativi al quadriennio Per tenere conto delle diverse caratteristiche delle banche (B i ) abbiamo inserito una insieme di dummies. Per quando riguarda le variabili rilevanti per l espansione dell e-banking a livello di mercato (X j ) abbiamo considerato due tipologie di indicatori per misurare, rispettivamente, la propensione ad utilizzare tecnologie informatiche e i costi di trasporto per accedere agli sportelli 5. Come variabili atte a cogliere la propensione all utilizzo di tecnologie avanzate nell accesso ai servizi bancari sono state scelte il numero di PoS (Points of Sales) presenti nella distribuzione commerciale della provincia in rapporto alla popolazione (POSPC), il livello di istruzione medio nella provincia (ISTRUZIONE) misurato dal numero dei diplomati in rapporto al totale della popolazione e la quota di famiglie che nel 2000 disponevano di un computer nella regione in cui si trova la provincia (COMPUTER). I costi di mobilità della clientela sono stati approssimati dalla quota degli abitanti della provincia residenti nel capoluogo nel 1998 (CAPOLUOGO), dai chilometri di strade per abitante (STRADE) e dalla quota di popolazione della provincia residente in comuni con altitudine superiore ai 600 metri, sempre nel 1998 (PMONTAGNA). Nelle stime, la variabile di sinistra (NCE), il numero di clienti totali (NCT), il numero di sportelli (NSPO) sono espressi in logaritmo. Si è inserito anche il quadrato del (logaritmo del) numero degli sportelli per cogliere eventuali effetti non lineari. Infine, per le variabili NSPO e POSPC, si sono utilizzati i valori ritardati di un anno per evitare problemi di simultaneità. I risultati delle stime sono riportati in Appendice (tav. A1). I coefficienti rilevanti per il nostro test sono quelli relativi al numero degli sportelli. Il termine lineare ha un coefficiente negativo (-2,30) mentre quello quadratico positivo (0,47), entrambi statisticamente diversi da zero. Questo significa che l elasticità dei clienti di e-banking rispetto agli sportelli non è costante, ma tende ad aumentare con il numero degli sportelli. In più dell 85 per cento delle osservazioni utilizzate nella stima (osservazioni banca-mercatoanno), il termine lineare prevale su quello quadratico, quindi la relazione tra numero di clienti e-banking e numero degli sportelli è negativa. Soltanto quando una banca in un dato mercato ha un numero di sportelli relativamente elevato, superiore a 11, la presenza fisica 5 Nel nostro modello altre variabili, quali il reddito e la ricchezza pro-capite, influenzano il numero dei clienti e-banking attraverso il numero complessivo dei clienti bancari. Per una discussione delle ipotesi identificative

13 13 riesce ad attrarre anche clienti on-line. Questo risultato può essere interpretato in diversi modi. In primo luogo può riflettere il fatto che economie di consumo congiunto sono rilevanti soltanto laddove i costi per raggiungere gli sportelli sono contenuti, e quindi dove la loro densità è elevata per ciascuna banca. In secondo luogo esso può riflettere politiche di promozione dell attività di e-banking attraverso gli sportelli, tanto più efficaci quanto la banca è presente capillarmente. Infine esso può riflettere caratteristiche legate alla qualità dei prodotti non interamente colte dalle dummy per banca. Le altre variabili esplicative hanno il segno atteso. La diffusione dei PC, il livello di istruzione e la densità dei PoS hanno coefficienti positivi e statisticamente diversi da zero agli usuali livelli. La densità delle rete viaria nella provincia ha invece un effetto negativo, mentre i coefficienti delle altre variabili sono stimati in misura meno precisa. Complessivamente i nostri risultati sembrano indicare che in generale nella prima fase di sviluppo dell attività dell e-banking per le banche multicanale il legame con lo sportello non sia stato molto intenso. La nostra evidenza è coerente con alcune indicazioni sulla composizione dei clienti on-line delle principali banche. KPMG consulting (2002), ad esempio, indica in circa il 40 per cento la quota media dei clienti di e-banking che non avevano conti allo sportello prima dell accesso al canale elettronico. 3.2 Gli effetti sui ricavi Gli studi, non numerosi, sul contributo fornito dalle attività di e-banking alla crescita della redditività complessiva delle banche forniscono un quadro variegato dal quale emerge che i risultati finora non sono stati all altezza delle aspettative. Per quanto riguarda gli Stati Uniti Sullivan (2000), analizzando gli indicatori di bilancio delle banche del 10 distretto, rileva che sia i costi sia i ricavi degli intermediari che offrono servizi attraverso Internet sono più alti di quelli delle altre banche, mentre i margini netti di profittabilità sono simili tra i due gruppi di banche. Il confronto, tuttavia, non è del tutto corretto perché vi possono essere sostanziali differenze antecedenti alle decisioni di utilizzare Internet (Furst, Lang e Nolle, 2000). Le indicazioni derivanti dalla più omogenea comparazione tra le banche neocostituite che utilizzano diversi canali sono univoche nell individuare una redditività molto più bassa per le banche virtuali, che operano esclusivamente attraverso Internet, rispetto a quelle con sportelli (DeYoung, 2001). del modello si rimanda all Appendice.

14 14 In Europa, dopo aver esaminato la struttura dei canali distributivi nei paesi dell Unione, la Banca Centrale Europea è giunta alla conclusione che non è chiaro se Internet sia attualmente redditizio per le banche europee (BCE, 2002, pag. 33). L indagine ad hoc condotta dalla Banca d'italia ha portato a conclusioni più nette riguardo alle banche italiane: [P]ur con [alcune] limitazioni si può affermare che, nella maggior parte dei casi, i canali Internet e banca telefonica non hanno ancora raggiunto l equilibrio economico (Banca d Italia, 2002b, pag. 28). I bassi livelli di redditività sperimentati finora dalle attività di e-banking, non necessariamente sono un valido indicatore delle loro prospettive di sviluppo. DeYoung (2001) argomenta che per le banche neocostituite operanti soltanto attraverso Internet il tempo necessario per raggiungere un assetto finanziario equilibrato è notevolmente più lungo che per le altre banche. Il confronto tra costi e ricavi può, inoltre, risentire delle economie di scala generate dai costi fissi. Andamenti congiunturali o shocks di varia natura potrebbero avere rallentato la crescita dei volumi di attività ben al disotto dei valori di equilibrio. Per le banche multicanale il problema è ulteriormente complicato dalla connessione tra le diverse modalità di distribuzione che può generare sussidi incrociati di varia natura. Se da un lato, è plausibile che i costi unitari dell e-banking (per cliente, per connessione, per transazione, etc.) di produzione declinino con lo sviluppo dei volumi, dall altro, molto più incerto è l effetto sui costi medi complessivi, dove il concetto di costo medio rilevante in questo contesto è quello riferito al cliente. In particolare, se il mantenimento di una struttura di distribuzione territoriale molto articolata consente alle banche di attenuare la concorrenza nel segmento dell e-banking, gli incentivi a razionalizzare le strutture di offerta e a eliminare le sovrapposizione potrebbero essere piuttosto deboli. L intensità di questi incentivi dipende dall andamento dei ricavi, sempre in termini unitari, conseguente allo sviluppo dei canali distributivi a distanza. Se prevale la differenziazione dei servizi a seconda del canale distributivo (tailoring) o se vi sono economie di consumo congiunto dei servizi di e-banking e di servizi allo sportello presso la stessa azienda, allora la banca è in grado di appropriarsi di parte del surplus del consumatore e quindi è possibile che i ricavi medi (per cliente) crescano (o non decrescano) con la diffusione dei canali remoti. Di contro anche se la concorrenza spinge i prezzi dei servizi acquistati on-line verso il loro costo marginale è possibile che i ricavi per cliente aumentino se la domanda di questi servizi è molto elastica.

15 15 Per verificare empiricamente l andamento dei ricavi unitari al variare della proporzione dei clienti che operano per via remota abbiamo stimato un modello econometrico atto a cogliere in maniera molto stilizzata una parte del conto economico delle banche. In particolare, abbiamo ipotizzato che le aree di attività delle banche maggiormente interessate dall introduzione dei canali remoti siano i servizi di trading e di gestione del risparmio e quelli di pagamento. Abbiamo inoltre assunto che i ricavi generati da queste attività possano essere analizzati separatamente dagli altri. Formalmente il modello appartiene alla famiglia delle rappresentazioni duali dell attività dell impresa e in particolare alle funzioni di ricavo (revenue function). Una generica revenue function esprime i ricavi di una impresa in funzione dei prezzi e delle quantità degli fattori della produzione. Nel caso in cui non sia legittimo assumere i prezzi come esogeni, si può ricorrere a una formulazione alternativa in cui nella funzione sono considerate le quantità prodotte anziché i prezzi (Berger, Pulley e Humphrey, 1996). Abbiamo seguito questa formulazione in quanto più rispondente ai dati e al fenomeno economico da rappresentare. Formalmente: (3) RIC = r(q,i,f) dove RIC sono i ricavi potenzialmente influenzati dai canali distributivi remoti, Q è un vettore di quantità di outputs, I un vettore di quantità di inputs e F un vettore di caratteristiche del processo produttivo e distributivo. RIC è stato costruito come somma dei proventi netti da servizi di gestione del risparmio (commissioni nette per acquisto e vendite di titoli in conto terzi, per servizi di custodia e amministrazione e per gestioni patrimoniali), delle commissioni nette di incasso e pagamento e del rendimento imputato ai conti correnti. Quest ultima voce è inclusa in quanto il conto corrente rappresenta lo strumento attraverso il quale vengono regolate gran parte delle transazioni bancarie. Il tasso d interesse offerto sulle giacenze può quindi essere influenzato da politiche di sussidio incrociato colte a promuovere lo sviluppo di alcune attività, finanziandole in parte con il rendimento di altre. L imputazione è ottenuta attribuendo ai conti correnti un rendimento pari al differenziale tra il rendimento del mercato monetario (in media d anno) e quello effettivamente corrisposto. L aggregato dei ricavi così definito, per quanto più ristretto del margine d intermediazione che solitamente viene utilizzato quale variabile prossima al valore delle vendite delle banche, è ancora piuttosto ampio rispetto al fenomeno d interesse. L assenza di informazioni più

16 16 dettagliate non consente infatti di isolare i ricavi generati da operazioni effettuate con le famiglie da quelli riferibili all attività con le imprese, particolarmente rilevanti nel caso dei servizi di pagamento. Ciò può introdurre un margine aggiuntivo di imprecisione nelle stime. Come outputs connessi alla gestione del risparmio sono stati considerate separatamente tre classi di titoli depositati presso la banca: le azioni depositate a custodia (AZIONI), gli altri titoli a custodia (CUST), i titoli gestiti da operatori professionali (GEST: quote di fondi e gestioni patrimoniali). L idea è che i prezzi dei servizi associati a queste tre categorie di titoli, misurati dal loro valore monetario, possano differire in misura sostanziale. Come unico indicatore di output per i servizi di pagamento e per i depositi in conto corrente abbiamo utilizzato l ammontare dei fondi in questa tipologia di depositi (DEPCC). A parità di volume di outputs i ricavi di due banche possono differire per due ragioni: i) perché i prezzi medi di ciascun output sono diversi; ii) perché gli indicatori adottati sono misure imperfette del volume dei servizi. Un esempio del secondo caso è dato dal fatto che le commissioni generate dalla gestione di un portafoglio dipendono non soltanto dalla sua dimensione, ma anche dalla movimentazione (lo stesso vale per i servizi di pagamento). L identificazione precisa di queste due componenti non ricade tra gli obiettivi del nostro esercizio statistico, nel quali controlliamo soltanto per gli effetti idiosincratici riconducibili alle diverse banche mediante l'utilizzo di variabili dummy. Il numero dei dipendenti (DIP) è incluso nella regressione come unico input, mentre tra le caratteristiche del processo produttivo sono inclusi il numero totale dei clienti che hanno un conto corrente presso la banca (NCTB), il numero degli sportelli (NSPO), il numero dei promotori finanziari (PROM), il numero dei PoS (POS, rilevante per i servizi di pagamento), il numero dei clienti utilizzatori di servizi di e-banking (NCE) e il numero di clienti di phone-banking (PHONE). La variabile NCE coglie l effetto sui ricavi della variazione del numero dei clienti e-banking a parità di altre condizioni, in particolare a parità del numero totale di clienti (NCTB). Il coefficiente di NCE misura pertanto l impatto sui ricavi unitari dell e-banking. Un analogo argomento vale anche per PHONE. La (3) è stata specificata trasformando tutte le variabili in logaritmo e assumendo una forma funzionale quadratica per il blocco degli outputs e lineare per le altre variabili (si veda l Appendice per i dettagli). La stima è stata effettuata su tre campioni di banche: l intero sistema, le banche diverse da quelle di credito cooperativo e le banche che offrono congiuntamente servizi allo sportello e attraverso il canale telematico. Sono state escluse le

17 17 banche che non hanno rete territoriale. Nelle stime sono stati utilizzati dati annuali relativi al periodo La struttura panel è stata sfruttata utilizzando variabili dummy per banca e per anno. La tavola A2 in Appendice riporta i risultati delle stime. I segni dei coefficienti non cambiano al variare dei campioni su cui sono state condotte le stime; quello relativo alla variabile NCE è sempre negativo. Anche il coefficiente di PHONE è sempre negativo, ma è significativo soltanto nella stima in cui è utilizzato il numero più ampio di banche. La dimensione del coefficiente di NCE varia tra 0,004 (intero sistema) e -0,014 (campione delle banche con NCE maggiore di zero); siccome le stime sono state effettuate utilizzando le trasformate logaritmiche delle variabili, questi valori sono interpretabili come elasticità. Per quanto possano apparire numericamente piccoli, il loro impatto è tutt altro che trascurabile. A parità di altre condizioni (compreso il numero di clienti totali), una banca che abbia il doppio del numero dei clienti remoti di un altra ha ricavi complessivi, nell accezione ristretta qui utilizzata, più bassi dello 0,8 per cento, utilizzando la stima più prudente (del 2,8 per cento all altro estremo). Questi valori sono puramente indicativi e sono condizionati dalla struttura dei dati e dei diversi campioni utilizzati. Tuttavia, essi sono qualitativamente coerenti con le opinioni espresse dagli operatori sulla pressione verso il basso esercitata dai canali telematici (Banca d Italia, 2001). Le nostre stime sembrano indicare che questo effetto non sia stato, almeno nel periodo in esame, bilanciato da altri fattori quali l espansione delle transazioni (per dato portafoglio) o da una più incisiva differenziazione dei servizi. Lo scarso sviluppo dei ricavi avrebbe pertanto costituito un fattore non trascurabile per la scarsa redditività delle attività di e-banking. Conclusioni In questo lavoro abbiamo esaminato alcuni aspetti dell attività di e-banking nel periodo compreso tra il 1998 e il In particolare abbiamo costruito alcuni test statistici per verificare l integrazione tra i canali distributivi tradizionali e quelli telematici, con particolare attenzione alle banche multicanale. I nostri risultati indicano che il legame tra offerta di servizi di e-banking e sportelli è stato piuttosto debole nella grande maggioranza dei casi; a livello di singola banca l espansione del numero dei clienti remoti è avvenuta in mercati locali dove scarsa era la presenza di dipendenze. In secondo luogo, i ricavi unitari delle banche, una volta controllato per la composizione del prodotto, risultano negativamente

18 18 correlati con la quota di clienti che utilizzano i servizi di e-banking. Una possibile interpretazione di questi risultati è che in questa prima fase, sia per strategie mirate ad acquisire quote di mercato, sia perché l offerta on-line è rimasta ristretta a prodotti relativamente standardizzati, le banche non sono riuscite ad appropriarsi di una parte significativa del surplus del consumatore generato dalle nuove tecnologie. Quanto questa corrisponde a una situazione di disequilibrio e quanto invece rappresenti un dato strutturale di questo tipo di attività è impossibile da stabilire sulla base dei nostri dati e in presenza di cambiamenti nella tecnologia estremamente rapidi.

19 19 Appendice Il modello utilizzato per la stima della relazione tra clienti bancari e sportelli è specificato come una coppia di equazioni simultanee. L'equazione (1) specifica che il numero di clienti con accesso elettronico della banca i nel mercato j al tempo t è una funzione del numero complessivo di clienti della banca i nel mercato j al tempo t, del numero di sportelli della banca i nel mercato j al tempo t e di un vettore Z 1 di variabili di controllo della domanda e dell'offerta nel mercato e per la banca. L'equazione (2) specifica il numero complessivo dei clienti della banca i nel mercato j al tempo t come funzione degli sportelli della banca i nel mercato j al tempo t e di un vettore Z 2 di controlli di domanda e offerta per la banca e per il mercato. Il modello risultante è dato da: NCE ijt = α 11 + β 11 NCT ijt + β 12 g(nsp) ijt + Γ 1 Variabili di Domanda jt + Θ 1 Z 1 + Φ 1 Effetti Fissi di Banca i + Ψ 1 Dummies Temporali t + ε 11 (1a) NCT ijt = α 21 + β 21 NCE ij + β 22 h(nsp) ijt + Γ 2 Variabili di Domanda jt + Θ 2 Z 2 + Φ 2 Effetti Fissi di Banca i + Ψ 2 Dummies Temporali t + ε 21 (2a) Il modello è identificato mediante restrizioni di esclusione poiché i due vettori Z 1 e Z 2 contengono variabili diverse. Per l'equazione (1a) si rimanda al paragrafo 3.1. Nell'equazione (2a) le variabili esogene sono il logaritmo del numero degli sportelli della banca i nel mercato j al tempo t-1, il logaritmo del volume dei depositi bancari delle famiglie per la banca i nel mercato j al tempo t-1 (VDEP), il logaritmo della popolazione al tempo t-1 (POP), il valore aggiunto pro capite (VAPC) al tempo t-1, il numero di PoS della banca i nel mercato j al tempo t-1 diviso la popolazione (POSPC), la quota di popolazione residente nel capoluogo (CAPOLUOGO). Le variabili che tengono conto della domanda sono diverse rispetto all'equazione (2a). Includiamo le determinanti generali della domanda di servizi bancari nel mercato e alcune variabili di banca-mercato. In entrambe le equazioni

20 20 controlliamo per le caratteristiche delle banche con degli effetti fissi, che catturano tutto ciò che non varia attraverso i mercati, ad esempio il prezzo e la qualità dei servizi on-line che sono uguali per tutti i clienti, oppure i costi. Il modello è identificato poiché nel vettore Z 1 sono incluse le variabili COMPUTER, ISTRUZIONE, PMONTAGNA e STRADE che misurano rispettivamente la diffusione dei computers, il livello del capitale umano e i costi di trasporto. Queste variabili per ipotesi influenzano il numero di clienti elettronici ma non quello dei clienti bancari complessivi, e sono escluse dall'equazione (2a). Il vettore Z 2, invece, include le determinanti macroeconomiche del numero di clienti bancari (il valore aggiunto della provincia, la popolazione), e il volume dei depositi della banca nel mercato, tutte escluse dall'equazione (1a) in quanto si presume che influiscono sul numero di clienti elettronici soltanto tramite il loro effetto sui clienti bancari complessivi. Il sistema è stimato con minimi quadrati a due stadi, includendo effetti fissi per banca e per anno in ciascuna delle due equazioni. I risultati della stima sono riportati nella tavola A1. I segni dei coefficienti nelle due equazioni sono nel complesso coerenti con quanto atteso. Per quanto riguarda la stima della revenue function la specificazione adottata è la seguente: RIC = α+ β 1 CUST + β 2 CUST 2 +β 3 AZIONI + β 4 AZIONI 2 + β 5 GEST + β 6 GEST 2 + β 7 DEPCC + β 8 DEPCC 2 + γ 1 NCTB + γ 2 NCE + γ 3 PHONE + δ 1 DIP + δ 2 NSPO + δ 3 PROM + δ 4 POS + Φ +Τ. (3a) dove Φ è un vettore di effetti fissi per banca e Τ è un vettore di effetti fissi per anno. Tutte le variabili sono espresse in logaritmi.

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA Il metodo CVRP per l analisi delle maggiori società tessili italiane Stefano Cordero di Montezemolo

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Gli effetti delle fusioni bancarie sulla disponibilità di credito per le imprese italiane

Gli effetti delle fusioni bancarie sulla disponibilità di credito per le imprese italiane Gli effetti delle fusioni bancarie sulla disponibilità di credito per le imprese italiane Giorgio Gobbi Banca d Italia, Servizio Studi III RAPPORTO FINMONITOR MILANO - 14 GIUGNO 2004 THE EFFECTS OF BANK

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento La crisi segna uno spartiacque epocale per le banche italiane come

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Temi di Economia e Finanza

Temi di Economia e Finanza Temi di Economia e Finanza Le determinanti sui tassi d'interesse sui mutui: un'analisi empirica per i paesi del'area Euro A cura di Carlo Milani Giugno 2010 - Numero 2 - Sintesi Centro Studi e Ricerche

Dettagli

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Secondo recenti indagini i conti correnti italiani sono tra i più cari d Europa, con costi di gestione

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore. Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore

Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore. Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore Roberto Felici, Giorgio Gobbi, Raffaella Pico Servizio Studi di Struttura

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL INCONTRO DI KICK-OFF E PRIMO TAVOLO DI RICERCA: IL CONTRIBUTO DI EQUITEAM-FINALTA Milano, CeTIF 18.06.2008 AGENDA 1

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Imprese femminili e credito Juri Marcucci Banca d Italia Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 I lavori Che Genere di impresa? Differenziali di performance

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano

Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano CReSV Centro Ricerche su Sostenibilità e Valore Milano, 23 gennaio 2013 Agenda Introduzione Descrizione del campione e metodologia di analisi

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Esercizi di riepilogo 1) Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a) ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti

Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti Elementi di estimo di base per la fattibilità dei progetti 30.X.2013 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui si formula

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli