Il progetto è un processo in cui risorse umane, materiali e finanziarie sono organizzate in modo nuovo per realizzare un output unico all'interno di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto è un processo in cui risorse umane, materiali e finanziarie sono organizzate in modo nuovo per realizzare un output unico all'interno di"

Transcript

1 Il progetto è un processo in cui risorse umane, materiali e finanziarie sono organizzate in modo nuovo per realizzare un output unico all'interno di vincoli definiti di tempo e di costo. Elementi che caratterizzano un progetto rispetto a un processo: 1) L'Unicità Dell'Output l'oggetto che deve essere realizzato è significativamente differente da ciò che è stato fatto in precedenza. Tale unicità comporta quindi un grado più o meno elevato di novità nell'output realizzato: può essere un prodotto completamente nuovo; oppure mostrare alcuni elementi di unicità, può essere nuovo per l'impresa. Ne consegue che non è possibile definire modelli standard ma è necessario comprendere i fattori contingenti che rendono critici diversi aspetti del progetto. 2) Unicità Della Realizzazione anche la modalità di realizzazione del progetto presenta elementi di novità rispetto a quanto l'impresa svolge normalmente e quindi ogni progetto richiede di fatto un flusso di attività che va identificato e messo a punto ad hoc. E necessario definire un'opportuna struttura organizzativa per la sua gestione, in quanto è necessario che le risorse vengano impiegate in modo differente da come sono utilizzate per la gestione dell'attività correnti (può essere richiesto il coinvolgimento di risorse che sono effettivamente nuove per l'impresa). 3) Temporaneità i progetti hanno una vita la cui durata è definita da quando l'output deve essere reso disponibile; questo aspetto richiede anche di progettare un sistema organizzativo in grado di esistere per un periodo limitato; può essere richiesta la costruzione di un'organizzazione non esistente con nuovi addetti oppure nel caso opposto (organizzazione già esistente) si rende necessario specificare modalità di coordinamento e interazione delle unità esistenti. 4) Riduzione Dell'Incertezza raramente all'inizio di un progetto è completamente chiaro cosa il progetto va a realizzare e come. La definizione degli obiettivi e la loro traduzione in attività è una operazione raramente lineare, ma si basa su un'elaborazione progressiva, in cui, attraverso approssimazioni successive e grazie alle informazioni generate nel corso della elaborazione stessa, si va a chiarire e dettagliare cosa il progetto realizza e come. 5) Competenze spesso nei progetti è necessario utilizzare competenze nuove, mai adottate in precedenza. Può anche capitare che sia necessario sviluppare nuova conoscenza direttamente durante il progetto stesso. 6) Finalizzazione è necessario dedicare tempo e risorse alla definizione di cosa il progetto debba realizzare prima di poterlo avviare, anche al fine di poter valutare la qualità dell'output generato. Tipologie Di Progetti 1) Progetti Su Commessa sono compresi tutti i progetti per i quali un cliente richiede esplicitamente un determinato output con ben definite caratteristiche; caratteristica comune di questa tipologia di progetti è la presenza di un cliente ben definito con cui viene solitamente redatto un contratto. 2) Progetti A Catalogo sono i progetti in cui non vi è un determinato cliente che esplicitamente richiede la realizzazione di un progetto, ma un cliente potenziale (o target) che il progetto mira a soddisfare. Fasi Di Un Progetto 1) Initiating la fase della nascita, in cui, identificato un problema da risolvere o una opportunità da cogliere, si valuta la fattibilità tecnica, economica, strategica di svolgere un progetto. Questa fase mia quindi a decidere se eseguire un progetto e, in caso, definire cosa esso debba realizzare. L'input può essere molto diverso da progetto a progetto (acquisizione contratto da parte di un cliente, acquisizione particolare tecnologia, ecc). Questa fase termine tipicamente con la definizione degli obiettivi specifici (scope, tempi e costi di realizzazione) e con l'autorizzazione formale a procedere. 2) Planning fase in cui si definisce e si pianifica il progetto, definendone lo scope. Questa fase culmina nella stesura del piano di progetto cioè il documento che fa da riferimento per tutte le attività di realizzazione.

2 3) Executing & Controlling è la fase in cui effettivamente viene realizzato l'output, dove si effettuano gli investimenti si controlla le attività svolte per verificarne l'aderenza al piano. Inoltre durante questa fase viene anche la revisione dà pianificazione stessa laddove il progetto subisca nel tempo delle modifiche. 4) Chiusura era fasi in cui l'output del progetto viene rilasciato per il funzionamento regime si verifica il grado di raggiungimento degli obiettivi. Project Management è l'insieme dei principi, logiche e metodi generali per la gestione di progetto. La gestione di progetto è costituito innanzitutto dalla filosofia di gestione; e inoltre un'impostazione organizzativa riguardante la gestione delle risorse dell'attività e da ultimo è un insieme di strumenti che permettono di pianificare, controllare e organizzare le attività che costituiscono un progetto.

3 Le principali fasi in cui si compone un progetto sono: inizializzazione, pianificazione, esecuzione e controllo, la chiusura. Ogni fase riceve alcun input da altre fasi in genere output necessari per le altre fasi. Queste fasi non sono sempre perfettamente sequenziali, ma possono essere logicamente e temporalmente sovrapposte. La sequenza e la sovrapposizione è legata alla diversa natura dei progetti descritti ma anche diverse modalità con cui le imprese decidono di gestirli. Ciò che spesso rende necessario sovrapporre differenti fasi e che esse generano informazioni necessarie per far sì che logicamente vengono prima. Le fasi fondamentali in questo articolo un progetto sono spesso complesse, multidisciplinari, sovrapposte interconnesse tramite generazione di output intermedi. 1) Inizializzazione ha un output fondamentale la decisione se procedere o meno con lo svolgimento del progetto. I progetti che prevedono gare di aggiudicazione si parla di decisioni di Bid/No Bid per sottolineare come, in ambienti molto strutturati come il più delle volte le offerte costituiscono impegni vincolanti, le imprese lavorino per decidere se partecipare alla gara (bid). È opportuno sottolineare come la decisione di partecipare non costituisca di per sé la partenza del progetto. La gara potrebbe infatti anche essere persa, o potrebbe aprirsi una fase di negoziazione che potrebbe modificare il progetto stesso al punto da rimettere in discussione la decisione di Bid. In questi casi l'output finale di questa fase è, nel caso di assegnazione del lavoro, la firma del contratto mentre, nel caso di non assegnazione, l'archiviazione dell'offerta. Le attività fondamentali di questo processo riguardano le analisi relative alla fattibilità tecnica ed economica del progetto e alle valutazioni dell'opportunità strategiche, tecnologiche e di mercato. Il processo di pianificazione strategica (che, definendo le priorità strategiche, individui rapporti di precedenza tre progetti) è seguito dal processo di pianificazione economica e finanziaria (l'individuazione vincoli al portafoglio dei progetti) infine dal processo di definizione della strategia tecnologica (identificazione tecnologie future). È possibile distinguere tra parti fondamentali di questa fase: A) Generazione Statement of Work è la richiesta di progetto e contiene le informazioni relative alla necessità che devono essere soddisfatte, il tipo di output, le richieste del mercato, le innovazioni di processo, le necessità di rispettare i nuovi standard imposti da nuove leggi,ecc. tale descrizione è però solitamente non molto dettagliata poiché contiene per esempio i requisiti funzionali del prodotto, i requisiti prestazionali ma non le specifiche di dettaglio dell'output. Praticamente tale documento descrive cosa dovrà fare l'output del progetto ma non come. Nel caso di progetti su commessa è costituito da un documento formale di richiesta da parte del cliente; solitamente tale documento è creato da un membro interno o esterno dell'azienda. Nel caso di membro esterno in esso farà pervenire all'impresa una richiesta specifica che potrà essere, a seconda dei casi una RFI (Request for Information cioè una richiesta su come potrebbe essere soddisfatto un bisogno partire dalle conoscenza dell'impresa) oppure una RFP (Request for Proposal cioè la richiesta di un'offerta formale per la progettazione e realizzazione di un output) oppure una RFQ (Request for Quotation cioè la richiesta di una quotazione per un prodotto di cui è stato già definito un progetto di alto livello). B) Generazione Project Charter le informazioni contenute nel SOW non sono sufficienti per alimentare il processo decisionale e quindi tale documento deve essere tradotto in un Project Charter cioè un

4 documento più completo poiché contiene informazioni dettagliate aggiuntive. Lo scopo del PC piccolo di fornire un insieme di informazioni sufficienti per decidere se procedere o meno con lo svolgimento del progetto. Informazioni contenute: a) Motivazioni Alla Base Del Progetto questa sezione è corredata da un documento che mostra sia gli impatti attesi dal l'output del progetto sia gli impatti della sua non realizzazione. b) Obiettivi Specifici Di Progetto e necessario identificare gli obiettivi di dettaglio cioè specifiche del prodotto stesso (tutte le sue funzioni prestazioni), del processo di produzione, il tempo entro cui il prodotto deve essere lanciato sul mercato e dal costo di produzione. La definizione degli obiettivi specifici sarà influenzata dalla strategia aziendale cioè dai suoi obiettivi strategici. Esistono stretti legami tra ogni singolo progetto gli obiettivi strategici aziendali, nel senso che al progetto è richiesto un determinato contributo per la realizzazione di tali obiettivi. Il singolo progetto nascerà quindi per soddisfare obiettivi strategici ma, per poterlo svolgere, e si dovranno essere tradotti in obiettivi specifici. Il responsabile del raggiungimento degli obiettivi specifici di progetto e l'project manager ma sarà la committenza (cioè chi ha la responsabilità del budget su cui graverà il progetto) a definire gli obiettivi strategici; inoltre la committenza il compito di definire quali progetti entreranno nel portafoglio aziendale e cosa dovranno produrre come output specifico. La committenza presidia dunque anche la relazione tra obiettivi strategici aziendali e obiettivi specifici di progetto. È possibile che più progetti agiscono contemporaneamente per realizzare uno stesso obiettivo strategico; per questo motivo non è sensato misurare come performance dei progetti raggiungimento degli obiettivi strategici ma bensì va misurata la loro capacità di raggiungere gli obiettivi specifici. In questa sede vengono anche definiti i principali deliverable di progetto, ossia ogni forma di output, si intermedio che definitivo, che fluisce dal progetto verso il cliente, esterno all'interno (documentazione di progetto, prototipi, documenti progettuali,ecc). c) Macro Attività E Organizzazione è opportuno definire quali saranno le macro attività da svolgere e quali risorse organizzative saranno coinvolte. Vengono effettuate anche le stime di fattibilità tecnica e si analizza la reale capacità dell'impresa di svolgere le attività di progetto; si esegue inoltre una pre-analisi per decidere se e quali attività saranno svolte interamente all'interno dell'azienda o delegate esternamente (decisioni di make or buy ). d) Tempi E Costi e) Rischi Il PC comprende quindi indicazioni strategiche, tecniche, di tempo, di costo, di rischio ecc; a qui mi una natura fortemente multidisciplinare. Dal punto di vista organizzativo, la sua elaborazione richiedente reazioni diverse competenze aziendali (funzioni tecniche, funzioni amministrative, funzioni finanziarie, legali, esperti in materia,ecc). Ne consegue che è necessario curare il coordinamento di tale fase e ciò viene portato a termine da uno specifico ruolo denominato Proposal Manager. C) Approvazione Del Progetto è necessario realizzare una valutazione di carattere economico-finanziario che fa riferimento allo schema tipico di analisi degli investimenti. Il costo complessivo legato all'utilizzo delle risorse può essere calcolato in modo simile per tutte le tipologie di progetto presentate. I progetti invece si differenzia per quanto riguarda il calcolo dei ricavi; nel caso di progetti su commessa all'analisi semplice in quanto viene stabilito a priori tra le parti il controvalore monetario che il cliente riconosce così come il piano di pagamenti in relazione al avanzamento del progetto. Per le altre tipologie di progetti invece la definizione dei ricavi comporta maggiori difficoltà; nel caso di progetti a catalogo vi è la necessità per l'azienda di stimare alcuni parametri fondamentali quali le unità vendute, il prezzo di vendita e la durata del ciclo di vita del prodotto. La necessità di effettuare tale stime rende più complessa ed aleatoria l'analisi economiche finanziarie del progetto, aumentando il livello di rischio. Anche la valutazione economica finanziaria di un progetto va integrata con valutazioni strategiche più ampia (esempio incominciare a lavorare con un cliente di riferimento del settore, possibili effetti sull'immagine dell'impresa, progetti tecnologici).

5 D) Lancio Del Progetto il decisore ultimo del processo di inizializzazione è la committenza. Al fine di ottenere la massima integrazione tra i processi è considerata buona pratica coinvolgere il project manager fin dal processo di inizializzazione, come garante delle stime di tempo di costo che saranno fatte, essendo poi lui la persona che dovrà risponderne. Il PM sarà solo una delle risorse coinvolte presterà al processo le proprie competenze ove necessario. Colui che coordinerà l'intero processo sarà il Proposal Manager. 2) Pianificazione, Esecuzione E Controllo il processo di pianificazione ha come output finale la creazione del piano di progetto (project management plan), che copre tutti gli aspetti del progetto: scope, tempi, costi, risorse umane, organizzazione, rischi, qualità, comunicazione e acquisti. Il piano di progetto è l'evoluzione del project charter, sia per quantità di aspetti trattati che per la profondità il dettaglio della loro analisi. Per le successive pianificazioni, durante l'esecuzione progetto, l'imput sarà la versione precedente il piano di progetto, unitamente ai risultati dei controlli sull'avanzamento il piano stesso. Tali risultati sono dunque l'output fondamentale del processo di controllo che alimentato non solo dalla versione aggiornata del piano di progetto ma anche, e soprattutto, dei risultati dei controlli di avanzamento svolti sulle attività. Decentramento Il project manager, essendo responsabile del raggiungimento degli obiettivi specifici di progetto, dovrebbe pianificare controllare tutti gli aspetti nei minimi dettagli; nei casi di progetti di grosse dimensioni ciò è impossibile ed è necessario ricorrere al decentramento decisionale. Il team di progetto sarà in grado di definire nel dettaglio il lavoro da svolgere e di pianificare i tempi e le risorse necessarie. Il compito del PM sarà quello della messa a fattor comune delle pianificazione di dettaglio, controllandone la coerenza in termini di tempi, di costi e di contenuto. Anche per quanto riguarda il controllo dell'avanzamento di progetto il discorso analogo; solo che svolge realmente l'attività in grado di definirne con cognizione di causa quale sia il suo avanzamento. Ancora una volta, il project manager avrà il compito di mettere sotto il cumulo tutte le informazioni di controllo distribuito e di ricavarne una visione unitaria. Nel caso il controllo avrà necessario un secondo livello di attenzione. Soprattutto sui progetti di grosse dimensioni, la quantità di dati di controllo potrebbe essere ingente e il loro processamento in modo centralizzato da parte del project manager potrebbe richiedere molto tempo, trasformandosi rapidamente in un collo di bottiglia. Per tale motivo opportuno che il controllo a livello centrale sia filtrato attraverso il concetto di "allarme". Nel momento in cui avverrà un disallineamento tra pianificazione attività correnti, pare d'avere impatti su altre sotto parti del progetto, bisognerà allarmare il PM che valuterà gli impatti sistemici del disallineamento vaglierà le possibili contromisure. Livello di dettaglio non tutti progetti vengono pianificati controllati con lo stesso livello di dettagli e addirittura anche all'interno di un singolo progetto alcuna attività potrebbero essere pianificate e controllate con livelli di dettaglio distinti. Fattori che incidono: A) L'Esperienza Dei Componenti Del Team Di Progetto per team di progetto particolarmente esperti può risultare non indispensabile scomporre al massimo dettaglio le attività di progetto, in quanto attività anche aggregate saranno comunque facilmente identificabile controllabili grazie all'esperienza. B) Politiche di Outsourcing nel caso di attività affidate in outsourcing a fornitori, potrebbero essere necessaria dettagliare le attività richieste per realizzare un certo compito. Può essere comunque importante definire delle scadenze intermedie per evitare perdite di controllo delle attività esternalizzate. C) Rolling Wave descrive con il massimo dettaglio attività di un progetto che saranno svolte a grande distanza di tempo è difficile e inutile. Utilizzando la logica di RW è possibile eseguire un'elaborazione progressiva della pianificazione, nella quale il lavoro da svolgere nel prossimo futuro programmati in dettaglio, mentre il lavoro da svolgere in futuro più remote pianificato in maniera più aggregata. Controllo in Feed-Forward e Feed-Back il modificarsi di variabili interne ed esterne impatti era sul progetto discostando dalla pianificazione eseguita. Il controllo diventa quindi cruciale, al fine di implementare tempestivamente le azioni correttive necessarie per raggiungere gli obiettivi. Esistono due approcci distinti:

6 A) FB si basa sull'osservazione di quanto accaduto realmente durante il progetto, sul confronto tra quanto osservato e ciò che la pianificato e sull'analisi delle cause e gli eventuali spostamenti al fine di definire gli interventi correttivi. B) FF si cercano di anticipare gli effetti che le variabili interne ed esterne potrebbero avere sui risultati finali, quando il progetto è ancora in corso. L'osservazione continua delle variabili interne ed esterne del progetto, permette la previsione del loro andamento nel tempo e la stima del loro impatto futuro sul progetto. Per è un efficace controllo è necessario combinare i due cicli; infatti, per ripianificare opportunamente progetto, è necessario integrare le informazioni derivanti dal FB con quelle del FF, in modo da identificare interventi correttivi che, da una parte, siano basati sui risultati finora ottenuti e sullo stato di avanzamento del progetto e, dall'altra, tengano conto di quanto anticipato in termini di evoluzione delle variabili esterne e interne. Anche le attività di controllo devono essere pianificate (cosa viene controllato, con che frequenza e da chi)

7 EVM Earned Value Management; è un metodo di controllo molto efficace per il controllo integrato di tempi e costi; fornisce indicazioni puntuali sullo stato di avanzamento del progetto, indicazioni previsionali sul futuro andamento del tempo dei costi di progetto e permette di simulare i piani di recupero è di esprimere un giudizio sulla loro reale fattibilità. Non viene in nessun modo analizzata la qualità del lavoro già eseguito. BCWS Budgeted Cost Work Scheduled; rappresenta l'andamento dei costi cumulati di progetto per ogni intervallo di tempo. La BCWS di progetto sarà determinata dalle aggregazioni delle BCWS dei differenti control account. Normalmente assume una forma ad S dovuto al fatto che solitamente nelle prime fasi di progetto di una spesa ridotta; successivamente tale curva cresce più velocemente in corrispondenza della fase di esecuzione, nella quale si sostengono i maggiori costi. La curva infine rallenta la propria crescita quando ci si avvicina alla fase di chiusura. Non esisterà mai una BCWS discendente poiché essa è la sommatoria dei costi dei mesi precedenti; al massimo, se non vengono effettuate spese, sarà costante cioè con derivata nulla. La costruzione prevede l'incrocio dei dati della pianificazione temporale con quella dei costi. ACWP Actual Cost Work Performed; grazie alla contabilità aziendale è possibile ricavare questo parametro che indica quanto si sia in realtà speso per il control account fino a un certo istante. Fino al termine del control account non è possibile confrontare il preventivo con il consuntivo e non è possibile capire quale sia la causa dello scostamento. La differenza tra preventivo e consuntivo dipende da due incognite distinte: A) efficienza/inefficienza (esborso maggiore/minore rispetto al preventivo) B) anticipo/ritardo. BCWP Budget Cost Work Performed; esprime l'avanzamento fisico dell'attività del control account valorizzato a costi di budget. Confrontando questa curva con ognuna delle altre due è possibile comprendere il reale andamento del control account. BCWP < BCWS il control account è in ritardo BCWP > BCWS il Control Account è in anticipo BCWP < ACWP il control account è inefficiente BCWP > ACWP del Control Account è efficiente Indicatori Relativi [calcolati in %] CPI Cost Performance Index CPI = BCWP / ACWP se maggiore di uno indica efficienza SPI Schedule Performance Index SPI = BCWP / BCWS se maggiore di uno indica anticipo L'analisi dell andamento del progetto non può basarsi solo sugli indicatori relativi in quanto essi descrivono l'andamento delle performance solo in termini percentuali rispetto alla pianificazione e quindi non

8 permettono di valutare la reale portata economica di tali performance; per questo sono basilari gli indicatori assoluti. Indicatori Assoluti [calcolati in unità monetarie] CV Cost Variance CV = BCWP ACWP se maggiore di zero indica efficienza SV Schedule Variance SV = BCWP BCWS se maggiore di zero indica anticipo Earned Schedule rappresenta l'istante a budget in cui si sarebbe dovuto raggiungere il lavoro attuale in termini di costi. Indicatori particolarmente positivi o negativi, non permetteranno di definire se l'errore sia effettivamente nell'esecuzione del progetto o nella sua pianificazione che potrebbe essere stata eccessivamente conservativa o ottimistica; l'errore di pianificazione ha impatti negativi sulle performance aziendali in quanto non permette a quest'ultima di utilizzare le risorse in eccedenza per altri progetti. Time Report è uno strumento che rileva in modo puntuale frequenza fissa (settimanale o mensile) come stato speso il tempo di ogni risorsa (cioè su quali control account e su quali progetti). Per calcolare la curva BCWP è necessario rilevare un parametro critico da misurare cioè la percentuale di completamento (o POC) dell'attività. BCWP = POC * BAC (Budget at Completion cioè la stima complessiva del Control Account). La misurazione del POC può risultare in alcuni casi semplice (esempio di un'attività che comporta un output fisico e misurabile) mentre in altri casi può essere molto complessa e poco oggettiva (esempio avanzamento attività di pianificazione). Esistono 7 differenti metodi per il calcolo del POC: Metodi Discreti (cioè Oggettivi) A) Milestone: all'interno del progetto vengono determinate un numero variabile di Milestone e ad ognuna di essa viene attribuito un peso percentuale; al raggiungimento della milestone la percentuale di completamento verrà incrementato del peso della milestone stessa. Il peso della milestone dovrebbe combaciare con la quantità di risorse utilizzate sul totale. È uno dei metodi oggettivi e l'errore avviene solo per difetto poiché i risultati intermedi non vengono contemplati. B) 50/50: vengono posizionate solamente due milestone ognuna di peso specifico del 50%; di solito una posta a metà del lavoro e l'altra al suo completamento. L'errore avviene sia per difetto che per eccesso. C) 0/100 : viene posizionata un'unica milestone al termine dell'attività con peso specifico pare il 100% D) Unità Completate: questo metodo si applica ad attività che prevedono un certo numero di output uguali; l'avanzamento sarà qualcosa tramite rapporto fra l'unità prodotte e quelle totali. Il calcolo non tiene conto delle curve di apprendimento della produzione. Metodi Soggettivi A) Percentuale Di Completamento: la percentuale di avanzamento è in questo caso stimata dal responsabile del Control Account che si basa sulla propria esperienza e sulla conoscenza del lavoro da svolgere. È semplice e a basso costo. B) Sforzo Proporzionale: viene stimata la percentuale di completamento dell'attività associandola alla percentuale di avanzamento di un'altra attività a cui la prima è logicamente collegata (esempio controllo della produzione legata all'avanzamento della produzione stessa) C) Level of Effort: si prevede che l'avanzamento sia proporzionale al tempo trascorso (BCWP= BCWS); viene imposto un SPI sempre uguale a 1. È pertanto altamente sconsigliata poiché vengono comparate l'acwp e il BCWS praticamente il consultivo e il preventivo.

9 Dato che i metodi soggettivi dovrebbero essere utilizzate il meno possibile, molte imprese definiscono vincoli formali al loro utilizzo fissando un tetto al valore massimo delle attività controllate con tali metodi. Tuttavia l'applicabilità di un dato metodo dipende dalla natura dell'attività stessa. Ad esempio un metodo ad unità completate si adatta ad attività di produzione, ma non ad attività di gestione che non prevedono un output fisico. Inoltre nel caso dei metodi a milestone la scelta si basa sulla relazione fra durata dell'attività frequenza del controllo; e in generale falso che un numero maggiore di milestone corrisponda a un maggior controllo. È evidente che aumentando il numero di milestone si ridurrebbe la discrepanza tra il completamento reale il completamento misurato; è però altrettanto vero che aumentare la granularità del controllo comporta maggiori costi e maggior tempo dedicato. La scelta del metodo di misurazione degli avanzamenti da utilizzare per ogni WP prevede la gestione di un trade-off tra precisione del controllo e costo ad esso correlato. Il controllo dell'avanzamento delle attività appaltate a fornitori esterni viene svolto dal PM. Nel caso di contratti Fixed Price (in cui il prezzo delle forniture è definito a priori del fisso a meno di cambiamenti di scope) il fornitore non è tenuto all'evidenza della propria struttura dei costi; per tale motivo, anche se si è in grado di identificare eventuali ritardi, non è possibile identificare eventuali inefficienze. Ciò significa che il CPI di tali attività sarà sempre pari a 1; Calcolo della Stima al completamento (EAC Estimate at Completion) dopo avere calcolato gli indicatori sintetici delle performance si procede a elaborare le nuove stime di tempo di costo per il WBE stesso. Prima di valutare eventuali azioni correttive deve essere chiaro quale sarebbe l'andamento nel caso in cui progetto continuasse senza alcun intervento correttivo; solo in questo modo sarà possibile effettuare un'analisi differenziale per capire se e quali interventi andranno implementati. Per il calcolo del EAC è necessario determinare la natura delle cause che hanno portato agli scostamenti rispetto alla pianificazione; 1) Cause Contingenti: cause che hanno influito sul WBE ma che si suppone abbiano esaurito il proprio impatto (esempio vertenza sindacale conclusa). 2) Cause Strutturali: cause che hanno influito sul WBE e continueranno impacchettarlo anche in futuro (esempio tensione sul mercato delle materie prime dovuta una guerra). La scelta delle cause strutturali non risulta essere più conservativa ma bensì tende a propagare l'errore (sia positivo che negativo). I due casi i meccanismi per il calcolo del EAC saranno differenti: 1) Cause Contingenti EAC ( ) = BAC CV = BAC (BCWP ACWP) EAC (t) = durata SV (t) = durata (BCWP (t) BCWS (t)) 2) Cause Strutturali EAC( ) = ACWP + ETC Per calcolare l ETC (cioè Estimate to Complete) si suppone che le performance mantenute fino al time now (CPI e SPI) si mantengano identiche fino alla fine del WBE. L ETC, dato dalla differenza tra BAC e BCWP, indica il lavoro rimanente valorizzato a costi preventivi, ma siccome abbiamo supposto che l'efficienza futura sarà uguale a quella passata dobbiamo scontare tale effetto ETC ( ) = (BAC BCWP) / CPI ETC (t) = time now + (durata tempo mancante) / SPI Le stime differiscono molto tra il caso di errore contingente quello di errore strutturale. A parità di indici di prestazione, la supposizione di errore strutturale amplifica (sia in positivo che negativo) gli effetti sulle stime e tale effetto si riduce con l'avanzamento delle attività. Questo effetto deve essere prese attenta considerazione soprattutto durante le fasi iniziali dell'attività da svolgere; in tali periodi, piccoli scostamenti di CPI ed SPI possono comportare elevate variazioni di stime, anche di ordini di grandezza, sul tempo e sul costo del WBE che spesso sono irrealistiche. Per evitare tale distorsione è buona norma quindi porre dei limiti alla variazioni di stima (solitamente + o 10%) fintanto che l'attività non sia stabilizzata cioè si è

10 raggiunto il 20% del POC (cioè BCWP = 20% BAC). È opportuno sottolineare inoltre che la stima delle EAC è stata effettuata supponendo che le performance di costo (CPI) e di tempo (SPI) si mantenessero uguali a quelle misurate nell'istante di controllo (time now); si tratta in realtà di un'ipotesi semplificatrice in quanto tali parametri possono subire modifiche dal time now in poi. Valutazione piani di recupero Si tratta di tecniche di valutazione dell'effettiva fattibilità di un piano di recupero proposto. Stante la situazione attuale è possibile calcolare quali dovrebbero essere le performance, da qui in avanti, per rispettare le nuove stime di costo e tempo espresse dal responsabile del WBE e dal suo team. Si considerano le nuove stime di durate di costo come valori noti e si calcola quali performance di tempo (SPI) e di costo (CPI) dovrebbero essere mantenute d'ora in avanti per rispettarle. TCPI (to Complete CPI) = (BAC BCWP) / (New Cost ACWP) TSPI (to Complete SPI) = (Durata Tempo mancante) / (New Time Time Now) New Cost e New Time nuove stime effettuate dal responsabile del WBE Una ricerca del DOD americano mostra che una volta che il progetto è oltre il 20% del suo completamento, gli indicatori CPI ed SPI non possano essere incrementati più del 10% alla fine del progetto. Stime inverosimili potrebbero essere causate dalle approssimazioni usate per calcolare la percentuale di completamento delle attività e quindi la BCWP (ad esempio potremmo essere in prossimità di una milestone non ancora raggiunta). Ciò rende ancora più evidente come la scelta del metodo di controllo di avanzamento di un WP che viene presa in fase di planning sia essenziale per la corretta gestione dei progetti. Il metodo di controllo viene deciso da chi gestisce il progetto e non dal PM poiché è il primo a conoscere al avanzamento del lavoro ai costi da caricare.

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli