Ambasciata d Italia. Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambasciata d Italia. Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia"

Transcript

1 Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia Settembre 2001 Ufficio dell Addetto Scientifico

2 I

3 Presentazione Cari lettori, è con vero piacere che porgo il mio cordiale e caloroso saluto a tutti voi. Questa terza edizione del Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia rappresenta la continuità di quell attività di cooperazione scientifica e tecnologica fra due Paesi che, come a tutti noto, condividono obiettivi e strategie di sviluppo. La rivista, diventata definitivamente periodica, con cadenza trimestrale, mira ad aggiornare ricercatori e scienziati italiani sulle evoluzioni della scienza e della tecnologia in Australia, stimolandoli alla cooperazione con questo Paese scientificamente all avanguardia nella ricerca scientifica e tecnologica. È nostra convinzione sostenere questa iniziativa perchè riteniamo che la scienza sia essenzialmente un sistema aperto, sovranazionale e che progredisce attraverso l interazione, la collaborazione e la competizione su scala mondiale. Il sistema della cooperazione scientifica e tecnologica che questa Ambasciata intende realizzare si basa su una serie di iniziative sinergiche tra loro e considerate assi portanti dell attività di cooperazione: oltre alla redazione di questo Bollettino e la promozione dell Associazione degli scienziati e ricercatori italiani e di origine italiana presenti in Oceania, è in corso di preparazione la Mostra Convegno Italo Australiana sull innovazione tecnologica che si svolgerà nel marzo 2002 a Melbourne. In particolare, quest ultimo evento rappresenta il punto focale della cooperazione, ove i risultati di ricerca diventano essenziali nella creazione II

4 di quelle innovazioni tecnologiche necessarie ad assicurare alle industrie dei nostri due Paesi una maggiore competitività nello scenario internazionale. Nel concludere vorrei rivolgere un particolare ringraziamento a tutti i ricercatori e scienziati italiani e di origine italiana che, operando in questa terra meravigliosa, con il loro significativo impegno stanno rendendo più incisiva l attività di cooperazione tra l Australia e l Italia. Dino Volpicelli Ambasciatore D Italia III

5 Introduzione Elemento determinante dell innovazione di un Paese è la presenza sul territorio nazionale di università, centri di ricerca ed imprese high-tech, scientificamente all avanguardia ed inseriti in una rete internazionale. L innovazione di processo e di prodotto ha modo di svilupparsi attraverso una presenza significativa di Nuove Imprese Tecnologiche (New Technology-based firm) ovvero di nuove imprese autonome che basano la loro attività sullo sfruttamento di un invenzione o di un innovazione tecnologica (ref. Arthur D. Little Group). La definizione di imprese hightech è ancorata a quella di Butchart (1987), che si riferisce ad aziende che hanno un rapporto tra investimenti in R&S e fatturato più alto della media, o che impiegano un numero proporzionale più elevato di ricercatori e ingegneri qualificati. Negli Stati Uniti, in questo settore considerato spesso un Paese da imitare, vi sono numerosi esempi di Nuove Imprese Tecnologiche (NIT) che hanno conseguito tassi di crescita straordinari nell occupazione, nelle vendite, nell esportazioni e nella capitalizzazione. Negli USA, inoltre, le aree geografiche in cui le NIT hanno una certa rilevanza (fra i quali la zona Route 128 vicino a Boston e la Silicon Valley in California) hanno mostrato un gran proliferare di nuove imprese, spesso nate grazie ai risultati di ricerca di giovani studenti (spin-off), e alti tassi di nuova occupazione nel settore terziario. Determinante è quindi il ruolo delle NIT nel Sistema dell Innovazione costituito da università, centri di ricerca ed industrie, poiché, esse rappresentano il mercato dei risultati di ricerca definendo le specifiche del prodotto innovativo ed indicando lo skill professionale al momento necessario. Le NIT implementano le tecnologie del futuro ed è dimostrato che la qualità dei posti di lavoro offerti è notevolmente migliore di quella delle attività tradizionali. IV

6 L Italia e l Australia hanno posto nelle loro strategie di Governo una particolare attenzione all innovazione scientifica e tecnologica. I due Programmi nazionali, il Piano Nazionale Ricerca e l Innovation Action Plan, hanno definito per i prossimi anni una spesa pubblica aggiuntiva per la ricerca che tenderà a sviluppare la propensione alla commercializzazione dei risultati di ricerca. In Italia, i principali strumenti utilizzati per sviluppare l innovazione sono le leggi nazionali e regionali incentivanti le imprese alla spesa in R&S e che trovano nei distretti industriali, costituiti da un numero rilevante di NIT, l ambiente più favorevole. In Australia la situazione è pressocchè simile, strumenti incentivanti l innovazione sono: il programma Cooperative Research Centre del Governo Federale, l esenzione contributiva pari al 175% della spesa sostenuta in R&S, il venture capital (recentemente ad un boom storico) e le numerose leggi predisposte dai singoli Stati che trovano nelle aree industriali allocate in prossimità dei grandi centri urbani l ambiente più idoneo. È in questo contesto di comune interesse che nasce la Mostra Convegno Italo-Australiana sull Innovazione Tecnologica promossa da questa Ambasciata e sostenuta da numerosi Enti Australiani e Italiani. L iniziativa, programmata a Melbourne per il prossimo marzo, mira a favorire la cooperazione scientifica e tecnologica fra i principali protagonisti dell innovazione stimolando il trasferimento tecnologico dal mondo della ricerca alle NIT. Tale evento rappresenta una pietra miliare nella cooperazione scientifica e tecnologica fra i due Paesi in quanto presenterà lo stato della ricerca in Italia ed Australia in campo scientifico e tecnologico, fornirà un analisi delle V

7 collaborazioni esistenti fra università ed istituti di ricerca e promuoverà nuove attività di collaborazione sulla base dell interesse dei gruppi di ricerca e dei singoli ricercatori ed imprenditori. Nicola Sasanelli Addetto Scientifico VI

8 VII

9 Bollettino della Comunita Scientifica in Australasia Settembre 2001 Direttore responsabile: ing. Nicola Sasanelli Responsabile e coordinamento editoriale: dott.ssa Alessandra Iero Comitato di Redazione: dott.ssa Annamaria Arabia dott.ssa Paola Bernard dott.ssa Daniela Rubatto dott. Massimiliano Tani VIII

10 Ambasciata d Italia in Canberra Ufficio dell Addetto Scientifico Comitato di Redazione 12 Grey Street DEAKIN ACT 2600 Tel. (0061) (2) Fax (0061) (2) Il si basa sul libero apporto dei ricercatori. Per tale motivo gli autori se ne assumono interamente la responsabilità. The is based on the free contribution of researchers. For this reason, the authors take on full responsibilities. IX

11 Sommario Complessi dei metalli di transizione per applicazione nella chimica verde, nelle biotecnologie e nella nanotecnologia pag.1 dott. Leone Spiccia Telemedicina in Australia pag.9 prof. Marcello Costa Produzione, recupero ed uso di arterie costruite in vivo da cellule staminali adulte pag.13 dott. Piero Giorgi Gli inquinanti organici persistenti in Australia: il Trattato di Stoccolma e alcuni siti contaminati dott.ssa Alessandra Iero pag.21 Ricerche sul cuore artificiale dott.ssa Paola Bernard pag.31 Processi geologici a velocità straordinaria pag.37 dott.ssa Daniela Rubatto dott. Jörg Hermann Attivita di calibrazione e validazione del satellite EO-1 in Australia pag.39 Dott. Vittorio E. Brando X

12 L influenza dei navigatori di lingua italiana sulla storiografia australiana pag.43 Amedeo Sala Il Protocollo di Kyoto: la commercializzazione delle quote di emissione pag.49 dott. Massimiliano Tani Lintek e la Vacuum Metalliser Technology : Un innovazione nella produzione di circuiti stampati per l industria elettronica pag.55 Aurelio E. Frammartino An Agenda for the Knowledge Nation : Il programma pre-elettorale dei Laburisti per incentivare l istruzione e la ricerca pag.63 ing. Nicola Sasanelli Viaggio nel mondo accademico e della ricerca del territorio dell Australasia: CSIRO e CSIRO Land and Water pag.71 Ente di Ricerca Scientifica e Industriale del Commonwealth Australiano CSIRO and CSIRO Land and Water pag.76 Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization dott.ssa Alessandra Iero XI

13 Notizie flash dal mondo delle riviste tecnico-scientifiche Australiane Attualità Nuovo sito web Alleanza contro il cancro Nuovo anestetico locale Il Gene Technology Act entra in vigore Boom nel venture capital Nuovo Centro per lo studio del fenotipo Un nuovo centro di ingegneria marittima Un generatore a vento per la stazione antartica di Mawson pag.89 Ricerca, Sviluppo e Innovazione Spedizione NASA in Western Australia BioProspect si espande nel settore della tecnologia medica Novità sul fronte della clonazione di animali Nuovo centro per lo studio dei fotoni Nuovo centro per la nanotecnologie Nipah virus pag.93 Nuove Tecnologie e nuovi Materiali Spinta verso l'utilizzo dell'energia solare Un sensore australiano ha individuato l eruzione dell Etna da satellite Primo nano-prodotto australiano entra in commercio Nuova tecnica di immunizzazione genetica Nuove tecnologie per l analisi del DNA Una nuova tecnica per prevedere la durata della gomma pag.97 XII

14 Information Technology Nuovo brevetto nel campo delle telecomunicazioni a banda larga Scelti i progetti relativi alla reti a banda larga Nuovo centro per l Information and Communication Technologies pag.101 Sanità Nuovo farmaco anticancerogeno Nuovo centro per la lotta contro il cancro Nuovo farmaco anti cancro alla prostata Olio di pesce Sudi sul virus fever dengue Novità sulle cellule staminali Progressi in angiogenesi Scoperto come agisce il virus del Ross river pag.103 Ambiente Biologi marini studiano lo sbiancamento dei coralli Nuovi sviluppi nella tecnologia per ridurre il livello di salinità Atlante delle risorse naturali Diminuzione di pioggia in Western Australia Creazione di un erbario virtuale Studi Ambientali nei mari del Timor ed Arafura pag.107 Spazio Nuovo centro di difesa aerospaziale Luce verde per la base spaziale delle Christmas Island pag.111 XIII

15 Conferma della teori della relatività Stazione di osservazione dello spazio Nuovo spettrografo per il progetto Gemini Programma delle Conferenze scientifiche in Australasia per il pag.115 Principali siti Web pag.123 XIV

16 XV

17 Con le terre unite alla massa centrale sotto il nome comune di Australasia, dalla Nuova Guinea alla Nuova Zelanda, la superficie emersa in questa parte dell Oceano Pacifico e di pochissimo inferiore a quella dell Europa Il geografo Elisee Reclus, Parigi 1889 XVI

18 Complessi dei metalli di transizione per applicazione nella chimica verde, nelle biotecnologie e nella nanotecnologia Leone Spiccia Un campo di ricerca di grande interesse internazionale riguarda lo sviluppo dei complessi metallici di transizione per le applicazioni mediche, scientifiche e ingegneristiche. Questi composti consistono di uno o più metalli a cui sono coordinati uno o più leganti. I leganti possono essere delle molecole semplici (come il cloruro o l ammoniaca) o complesse costituite da impalcature organiche che sostengono gli atomi che si legano a centri metallici di varia natura. Con il sussidio dei programmi di modelli molecolari e l'uso della chimica organica si possono progettare nuovi leganti in grado di formare complessi con proprietà tali da realizzare l'applicazione voluta. Il nostro gruppo, che ha sede nella Scuola di Chimica della Monash University, è in grado di effettuare studi dettagliati sui complessi dei metalli di transizione per l applicazione degli stessi nei più svariati campi, quali: complessi per uso nella separazione delle proteine e complessi mimetici che riproducono l attivitá di diverse famiglie di metallo-enzimi (in collaborazione con il Professor Milton Hearn biochimica); processi verdi per l estrazione dei minerali e il trasporto e deposito dei minerali nelle condizioni geochimiche e nei sistemi acquatici (in collaborazione con Dr Bear McPhail geologia); complessi metallici come catalizzatori nella chimica organica. Lo scopo delle nostre ricerche è lo sviluppo di processi e tecnologie chimiche che abbraccino i principi della chimica verde (processi sostenibili), che permettano di preparare e analizzare piccole quantitá di molecole (nanogrammi) e di controllare i cambiamenti strutturali e la funzione delle stesse a livello nanometrico. La chimica verde e la nanochimica (o nanotecnologia) sono due campi che attualmente attraggono l'investimento scientifico e monetario di molti governi ed industrie. In 1

19 questo articolo presento un breve riassunto delle nostre ricerche in queste aree tematiche. Agenti mimetici biolotici - metalloenzime Gli enzimi metallici sono composti macro-molecolari contenenti uno o piú metalli che inducono trasformazioni chimiche naturalmente troppo lente per mantenere una funzione biologica. Ad esempio, il sito catalitico della citocromo ossidasi ha due metalli (Fe-Cu) legati alla proteina, che aiutano la conversione dell ossigeno nell acqua utilizzando l energia prodotta dalle cellule ed ancora, la fosfolipasi C utilizza tre atomi di zinco per catalizzare la dissociazione idrolitica del legame estere dei fosfolipidi. Studi cristallografici recenti delle strutture metalloenzimatiche hanno determinato un notevole interesse per le piccole molecole (complessi metallici sintetici) che riproducono la struttura, le proprietà fisico-chimiche e la reattivitá del sito catalitico di tanti metalloenzimi. Queste attività di ricerca forniscono informazioni sul meccanismo di azione degli enzimi e offrono l opportunitá per sviluppare prodotti, preparati con processi chimici di laboratorio, che potrebbero essere usati come farmaci, agenti catalitici e sensori chimici. Un metodo utilizzato da noi e dai gruppi che conducono ricerche in questo campo, sfrutta la grande varietà di molecole organiche che coordinano i metalli di transizione sostituendosi ai gruppi che legano i metalli alla proteina. L idea principale é che, nel grippaggio di queste molecole ai metalli, sul metallo stesso restino uno o più siti mediante i quali può essere fissato il substrato, che può reagire con un nucleofilo, se fissato al metallo come nella proteina in esame. In particolare, il nostro gruppo utilizza derivati di un piccolo legante macrociclico, 1,4,7-triazacyclononano (tacn, fig. 1) 1,2 per lo sviluppo degli agenti mimetici degli enzimi del rame e del manganese che catalizzano l ossidazione dei substrati organici o che coinvolgono l interconversione fra acqua, perossido e ossigeno (laccasi e ossidasi dell ascorbato con tre centri di Cu in prossimitá, fotosistema II con 2

20 quattro centri di Mn in prossimitá) ed enzimi dello zinco che inducono l idrolisi degli esteri di fosfato (fosfolipasi C e P1 nucleasi che hanno tre centri di zinco in prossimitá). Queste ricerche forniscono esempi di nanomolecole che assomigliano ai siti di attività enzimatica (Fig. 2). Abbiamo trovato dei complessi del rame che hanno ottime attivitá di clivaggio degli esteri fosfati e per uno di essi la velocità di reazione è ai limiti superiori della massima attività catalitica riportata nella letteratura scientifica. Questi studi offrono l opportunitá di sviluppare catalizzatori eterogenei che inducono il clivaggio degli esteri di fosfato presenti in tante molecole biologiche. 3 Recentemente è stato sviluppato un metodo che utilizza l informazione strutturale del sito attivo dei metalloenzimi per identificare i gruppi che partecipano alla funzione di controllo del processo enzimatico agendo come leganti del metallo o utilizzando interazioni sopramolecolari. Queste informazioni sono utilizzate nella progettazione dei peptido-mimetici contenenti i gruppi essenziali per svolgere le funzioni enzimatiche. 4 Nelle nostre ricerche utilizziamo quindi, questa idea mimica per disegnare dei mimetici nanomolecolari di metalloenzimi del rame che catalizzino l'ossidazione dei vari substrati organici. Egualmente ci interessiamo delle metallonucleasi artificiali che, come le proteine naturali, si legano a siti specifici sul DNA trasportando così i centri metallici necessari per effettuare la fenditura idrolitica selettiva del DNA. Applicazioni biologiche e farmaceutiche di tali agenti di fenditura possono essere facilmente immaginate. N N N NH N N H O H N HN N H NH N N H N HN N H HN N H N N NH N H HOO C N N H N N N H N C OOH N NH Tacn de riva tives [Zn 2 (Me 3 tacn) 2 (OH 2 ) 4 (PO 3 OPh)] 2 N H + 3

21 Complessi per la Purificazione delle Proteine L Human Genome Project ci darà informazioni tali da permettere il disegno di diversi tipi di molecole con attivitá biologica (per uso medico, analitico o diagnostico). Ci sarà la necessità di mettere a punto le strategie ed i metodi sintetici di purificazione per la separazione veloce ed efficiente di molti tipi di molecole biologiche. Un metodo di purificazione che potrebbe soddisfare molti dei bisogni biotecnologici è l Immobilised Metal Affinity Chromatography (IMAC). 5 Con questo metodo, le molecole biologiche sono separate mediante un complesso metallico immobilizzato su un supporto cromatografico, un Immobilised Metal ion Chelate Complex (IMCC). La reazione del supporto con un sale del metallo produce un complesso metallico con molecole che possono essere facilmente sostituite dai radicali liberi presenti sulla molecola biologica. H 2 O LM OH 2 + :X LM X H 2 O La forza dell'interazione, fra le molecole biologiche ed il complesso, varia e dipende principalmente dai tipi di atomi leganti che sono situati sull'esterno della molecola ma è anche influenzata dagli effetti sopramolecolari. La separazione delle molecole, effettuata mediante cromatografia su colonna, in alcuni casi usa un legante con una maggiore affinità specifica per il complesso immobilizzato piuttosto che per la molecola biologica. Differenti tipi di leganti sono stati usati in questa area di ricerca, l iminodiacetate è un tipo di legante attualmente usato a livello industriale. Il nostro interesse si concentra essenzialmente nello sviluppo di famiglie di leganti che permetteranno l uso dell IMAC con un ampia gamma di metalli. In collaborazione con il Professor Milton Hearn (Biochimica Monash University), queste richerche si occupano dei leganti macrociclici, leganti 4

22 che a tutt oggi sono stati poco studiati. Parte di questo lavoro utilizza il macrociclo, 1,4,7-triazacyclonone (tacn, usato nello sviluppo di agenti mimetici biologici), che, legato a supporti cromatografici, permette di separare molecole biologiche naturali da quelle ricombinanti. Questo legante ha caratteristiche superiori ad altri studiati fino ad oggi : Tacn forma generalmente i complessi metallici molto stabili e questo minimizza la lisciviazione del metallo dalle colonne durante l absorbimento o l'eluizione; Poiché il tacn occupa soltanto tre siti di coordinazione sul metallo, due o più siti saranno disponibili per legare la molecola biologica. L'interpretazione dei nostri risultati è aiutata dal fatto che la disposizione geometrica del tacn intorno al metallo è fissa, data la geometria rigida di questo legante. In uno dei nostri studi recenti abbiamo esaminato l affinitá di colonne cromatografiche costituite da complessi metallici del tacn (Cr 3+, Mn 2+, Co 2+, Ni 2+, Cu 2+ and Zn 2+ ) verso tre proteine ben note: lisozima (estratto da uova di pollo), il citocromo C (estratto dal miocardio di cavallo) e la mioglobina (estratto dal muscolo scheletrico del cavallo). 6 Grazie a questi studi, abbiamo stabilito che la mioglobina si lega alla fase cromatografica con piú forza del lisozima e del citocromo C perché l'esterno è più ricco di gruppi istidinici che sono buoni leganti degli ioni metallici. Questi studi hanno indicato che le interazioni coordinative legano le molecole biologiche al complesso più dei legami idrogeno e degli effetti elettrostatici. Le variazioni del ph e della forza ionica nell'affinità di queste proteine per la fase solida, indicano che questi piccoli effetti servono a sintonizzare le forze delle interazioni solido-adsorbenti. Stiamo inoltre usando, con risultati interessanti, il sistema IMAC per separare le varie componenti proteiche del siero umano. Un gruppo di proteine (albumina, transferrina, α2- microglobulina e IgG) sono ben adsorbite dalle colonne e si possono separare dal resto delle proteine presenti nel siero. Per esempio, l'albumina può essere separata, dalle altre proteine adsorbite, usando una miscela di sali 5

23 di acetato e di cloruro. Attualmente stiamo adattando i nostri metodi sperimentali per realizzare la separazione di particolari proteine preparate mediante tecniche ricombinanti. Processi verdi per l estrazione del oro Il settore minerario dà un contributo vitale all'economia australiana contribuendo per oltre 45 miliardi di dollari australiani agli introiti derivanti dalle esportazioni. In questo, e in molti altri settori, vi è la necessità di mettere a punto metodi di lavorazione che siano economicamente sostenibili e che minimizzino l'impatto ambientale. Ultimamente il processo di lavorazione industriale che richiede l'uso di cianuro per l estrazione dell'oro dai minerali è stato fortemente combattuto. In Europa ed in Nuova Guinea si sono verificati degli inquinamenti da cianuro che hanno provocato la morte di molti animali, mentre in alcune Nazioni l'uso del cianuro, per l estrazione dell'oro, é già proibito da tempo. In Australia le lavorazioni di alcuni prodotti industriali hanno già determinato concentrazioni di cianuro nelle acque reflue molto prossime alla soglia massima permessa per legge (~50ppm). L anno scorso nel NSW il partito dei verdi ha proposto l introduzione di una legge che impedisca l uso del cianuro. Questi avvenimenti hanno aumentato l'interesse per lo sviluppo dei processi di lisciviazione dell'oro che non utilizzino il cianuro. Un processo molto interessante per effettuare la lisciviazione dell'oro utilizza una miscela di tiosolfato di rame e di ammoniaca. In questo processo, un complesso ammoniacale del rame(ii) effettua l'ossidazione dell oro che forma un complesso solubile di tiosolfato d oro. Questo complesso solubile puó essere separato dagli altri composti, presenti in soluzione, mediante cromatografia su colonna. La riduzione elettrochimica è il processo terminale per il recupero di oro metallico. 7 Al momento, questo processo è considerato economicamente valido solo per l estrazione dei minerali d oro con un elevato contenuto di carbonio poiché, la perdita del 6

24 tiosolfato, causata dall ossidazione del composto, aumenta significativamente il costo del processo. Un progetto promosso dal Centro di Chimica Verde (Monash University) sta mirando a sviluppare il nuovo processo di lisciviazione dell'oro al fine di renderlo economicamente valido su una maggiore varietà di minerali. Nella prima fase del nostro progetto, l obiettivo è di ottenere le informazioni fondamentali sulle reazioni chimiche che avvengono durante il processo dell'estrazione, sui complessi di oro e di rame che sono presenti in soluzione prima e dopo l estrazione e sulle proprietà dei minerali (prima e dopo l estrazione dell oro). Queste informazioni fondamentali ci permetteranno di ottimizzare i termini dell'estrazione per tanti tipi di minerali dell'oro. Il progetto è pluridisciplinare poichè unisce tecniche geologiche e tecniche chimiche, quali metodi spettroscopici, microscopici e cristallografici. Attualmente stiamo identificando le specie di rame presenti nelle soluzioni che contengono cloruro, 8,9 tiosolfato o ammoniaca, o una combinazione di queste molecole. Stiamo prendendo in considerazione il cloruro poiché l'acqua sotterranea, usata negli impianti di lavorazione locali, può contenere alte concentrazioni di cloruro (in certi casi superiore a 4M). Questi studi forniranno i dati termodinamici necessari per intraprendere gli studi con modelli numerici che consentiranno di identificare le condizioni ottimali per ogni tipo di minerale. È in progettazione uno studio sistematico che mira ad identificare nuovi complessi metallici (che consistono di diversi tipi di leganti e metalli) in grado di lisciviare l'oro efficacemente senza provocare l ossidazione del tiosolfato. Rappresentazione dell estrazione di oro dal processo del tiosolfato. 7 7

25 Bibliografia 1. Towards synthetic models for trinuclear copper active sites of ascorbate oxidase and laccase: Self-assembly, crystal structure and magnetic properties of the copper(ii) complexes of tris(1,4,7-triazacyclonon-1-ylmethyl)benzene. L. Spiccia, B. Graham, M. T. W. Hearn, G. Lazarev, B. Moubaraki, K. S. Murray and E. R. T. Tiekink, J. Chem. Soc., Dalton Trans., 1997, Structural, spectroscopic and electrochemical studies of binuclear manganese(ii) complexes of bis(pentadentate) ligands derived from bis(1,4,7-triazacyclononane) macrocycles. S. J. Brudenell, L. Spiccia, A. M. Bond, G. D Fallon, P. J. Mahon, D. C. R. Hockless and E. R. T. Tiekink, Inorg. Chem., 2000, 39, Silica bound copper(ii) triazacyclononane: a robust material for the heterogenous hydrolysis of a phosphodiester. B. R. Bodsgard and J. N. Burstyn, Chem. Commun., 2001, Characterization of the Fundamental Protein Ligand Requirements of [4Fe-4S]2+/+ Clusters with Sixteen Amino Acid Maquettes. S. E. Mulholland, B. R. Gibney, F. Rabanal, and P. L. Dutton, J. Am. Chem. Soc. 1998, 120, Per esempio veda: Purification of proteins using polyhistidine tags. J. A. Bornhorst, J. J. Falke, Methods Enzymol. 2000, 326, Immobilised metal affinity chromatography. J. Porath, Protein Expression Purif., 1992, 3, Affinity chromatography and metal chelate affinity chromatography. A. J. Fatiadi, CRC Critical Reviews in Analytical Chemistry, 1987, 18, Protein selectivity with immobilised metal ion-tacn sorbents: Chromatographic studies with model proteins and several other globular proteins. W. Jiang, B. Graham, L. Spiccia and M. T. W. Hearn, Journal of Analytical Biochemistry, 1998, 255, Thiosulfate leaching of gold A review. M. G. Aylmore and D. M. Muir, Mineral Engineering, 2001, 14, Complexation of metal ions in brines: application of electronic spectroscopy in the study of Cu(II)-LiCl-H 2 O system between 25 and 90 C. J. Brügger, D. C. McPhail, J. Black and L. Spiccia, Geochimica Cosmochimica Acta, 2001, 65, A spectrophotometric study of aqueous copper(i) chloride complexes in LiCl solutions between 100 C and 250 C. W. Liu, J. Brúgger, D. C. McPhail and L. Spiccia, submitted to Cosmochimica et Geochimica Acta. Dr Leone Spiccia School of Chemistry PO Box 23 Monash University, Victoria, 3800, Australia 8

26 Telemedicina in Australia Marcello Costa Telemedicina è un termine che indica l'esercizio di attività di natura sanitaria a distanza. Naturalmente il concetto non è nuovo, ma negli ultimi anni ha acquistato un significato più futuristico, coinvolgendo tecnologie avanzate di comunicazione e d'informazione. L'Australia ha avuto sempre forti motivi per sviluppare questa forma di medicina a distanza. La distanza infatti è l'ostacolo tradizionale in questo continente così poco popolato nel centro. Il servizio del "Flying Doctor" è stato un primo approccio che ha permesso a popolazioni sparse nel vasto territorio, di ricevere un servizio medico tempestivo. L'Australia è fra i primi 4-5 paesi nello sviluppo della telemedicina. Più di recente le tecnologie avanzate di comunicazione hanno permesso lo sviluppo di un concetto più ampio di telemedicina. Innanzi tutto la possibilità di consultazione visiva a distanza, cioè mediante teleconferenze. Questo aspetto della telemedicina, sebbene non visto come particolarmente futuristico, non va sottovalutato. Viene infatti usato da parecchi anni dalla Facoltà di Medicina della Flinders University di Adelaide, per mantenere contatti diretti con la sua Scuola di Medicina dipendente situata a Darwin nel Territorio del Nord, a più di mille chilometri di distanza. Le riunioni dei vari Comitati di Facoltà avvengono da anni in circuito telematico. Inoltre gli studenti di medicina a Darwin possono partecipare all'insegnamento di gruppo assieme agli studenti in Adelaide. Uno dei ruoli più efficaci di questo metodo di comunicazione è quello di permettere ai pazienti il contatto visivo con specialisti. Il fiume Murray, fra i fiumi più lunghi del mondo, scorre per centinaia di chilometri nello stato del Sud Australia prima di aprirsi in un complesso delta di lagune e infine nel gelido e grandioso Oceano del Sud, a pochi chilometri da Adelaide. Lungo le sue rive vi sono diversi piccoli centri abitati dove prosperano piccole industrie di ortofrutticulture, molte delle quali di emigranti italiani. 9

27 Un servizio del dipartimento di Psichiatria si occupa della salute mentale degli abitanti di questa zona. La telemedicina permette ai pazienti di essere seguiti di persona ogni settimana con incontri diretti con i loro specialisti. I medici condotti del luogo sono coinvolti nella terapia di questi pazienti ed è stato dimostrato che questo processo diminuisce notevolmente l'acutizzarsi di difficili condizioni psicologiche. Questo ha ridotto sia il costo che la scomodità di dover mandare pazienti a Adelaide o di far venire con urgenza specialisti al "Riverland". Di fatto la Psichiatria è la disciplina medica che fa maggior uso in Australia di tecniche di medicina a distanza. Proprio perchè la Facoltà di Medicinà dell'università di Flinders ha un territorio di insegnamento e di cura così esteso, nel Luglio del 1996 è stata fondata la prima cattedra di telemedicina. Il Professor Malcolm MacKinnon ha iniziato subito un processo di sviluppo di questa attività a livello commerciale. L Università di Flinders non è l'unica organizzazione a sviluppare aspetti di telemedicina. Degna di nota è l'attività pionieristica dell unità di nefrologia del Queen Elizabeth Hospital di Adelaide. Questa unità non solo ha sviluppato corsi di perfezionamento a distanza con altri servizi nel centro Australia, ma offre anche un servizio specialistico per pazienti sottoposti a dialisi renale nelle loro case, spesso a centinaia di chilometri da altri centri ospedalieri. L'idea è anche quella di estendere questi servizi a paesi del sudest asiatico con l'aiuto di industrie rilevanti. Un altro campo di indubbia importanza, per cui la telemedicina ha un ruolo importante, è quello della trasmissione di immagini diagnostiche. Gran parte della medicina moderna dipende dalla visualizzazione di segnali emessi dal corpo umano che indicano uno stato normale o patologico. Basti pensare alle lastre di raggi X o di tomografia computerizzata, alle registrazioni dell'attività elettrica del cuore (elettrocardiogramma), del cervello (elettroencefalogramma) e dei muscoli (elettromiogramma), così come le immagini dinamiche di strumenti ottici di studio di diverse cavità del corpo, dall'apparato digerente a quello riproduttivo. Queste immagini sono 10

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

C). Quindi, con la spettroscopia NMR, le informazioni sulla struttura molecolare vengono dedotte osservando il comportamento dei nuclei atomici.

C). Quindi, con la spettroscopia NMR, le informazioni sulla struttura molecolare vengono dedotte osservando il comportamento dei nuclei atomici. La spettroscopia di Risonanza Magnetica Nucleare (NMR) è una tecnica analitica strumentale che permette di ottenere dettagliate informazioni sulla struttura molecolare dei composti in esame. La spettroscopia

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Alcune riflessioni per uno sviluppo sostenibile locale

Alcune riflessioni per uno sviluppo sostenibile locale Alcune riflessioni per uno sviluppo sostenibile locale Ettore Ca pri Direttore Centro di Ricerca per l'agricoltura sostenibile Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza 1 Marzo 2012 WORKSHOP della

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra)

TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra) TUMORI:FRONTIERA NANOFARMACI,RISULTATI PER SENO E PANCREAS FERRARI, NANOPARTICELLE COME 'TIR' PER VINCERE DIFESE CANCRO (di Manuela Correra) (ANSA) - ROMA, 19 MAR - Come dei Tir o dei droni, 'trasportano'

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

La Fotonica Integrata: una risorsa strategica per i settori industriali ad alto tasso di innovazione tecnologica

La Fotonica Integrata: una risorsa strategica per i settori industriali ad alto tasso di innovazione tecnologica La Fotonica Integrata: una risorsa strategica per i settori industriali ad alto tasso di innovazione tecnologica Fotonica integrata è il termine con il quale ci si riferisce genericamente a circuiti integrati

Dettagli

Il Progetto internazionale HapMap

Il Progetto internazionale HapMap Notizie HapMap Una pubblicazione del Coriell Institute for Medical Research, Volume 1, 2004 Il Progetto internazionale HapMap Aumenta l entusiasmo mentre gli scienziati avviano la realizzazione di una

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento.

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento. Differenziamento: Generare cellule specializzate Un blocco di metallo, che può dare origine a tanti tipi di chiodi Cos è una cellula specializzata? Una cellula specializzata ha un compito particolare nel

Dettagli

Integrazione di silice - Benefici riportati

Integrazione di silice - Benefici riportati Integrazione di silice - Benefici riportati Riduzione del dolore e dell infiammazione dei legamenti Migliorata elasticità della pelle Migliorata idratazione della pelle Stimolazione della formazione e

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s.

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2O13-2014 Materia : Chimica e Biologia Classe : II sez. B Rimini,05/06/2014

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

Embrioni come donatori di cellule staminali di Carlo Cirotto

Embrioni come donatori di cellule staminali di Carlo Cirotto Embrioni come donatori di cellule staminali di Carlo Cirotto E possibile che un embrione umano sia morto e tuttavia le sue cellule, le famose staminali embrionali, siano ancora utili per la ricerca? Molti

Dettagli

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare

Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione cellulare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Anatomia e Fisiologia Umana Department of Human Anatomy and Physiology Effetti di correnti ad alta frequenza e bassa intensità: biostimolazione e rigenerazione

Dettagli

Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori

Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori I Biosensori Sono strumenti analitici in grado di fornire informazioni quantitative o semiquantitative utilizzando un elemento di

Dettagli

Metalli in medicina. L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il

Metalli in medicina. L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il Metalli in medicina L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il rame, per esempio, erano utilizzati nella Grecia antica. Già da secoli il Hg 2+ era utilizzato nel trattamento

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA

SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA EUGENIO TONDELLO Dipartimento di Scienze Chimiche - Università di Padova Consorzio INSTM e CNR DPM-ISTM Bressanone, 21

Dettagli

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE CELLULE STAMINALI: Cellula che ha una elevata capacità di differenziarsi in qualsiasi altro tipo di cellula. Durante la formazione dell'embrione, dalle divisioni dello zigote si formano cellule totipotenti

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Tecnologie di trattamento del percolato

Tecnologie di trattamento del percolato Tecnologie di trattamento del percolato Corso di Gestione dei Rifiuti Solidi Dipartimento IMAGE dott. ing. Luca Alibardi a.a.2004-2005 INTRODUZIONE Il percolato proveniente dalle discariche controllate

Dettagli

Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto

Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto Fiera di Cremona, venerdì 17 aprile 2009 Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto Valerio Giaccone Facoltà di Medicina veterinaria Università di Padova Dal 1 gennaio 2006 è entrata in

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA Intervento del professor Carlo Umberto Casciani, commissario straordinario dell Agenzia Regionale del Lazio per i Trapianti

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012 Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI andidato: Marcello Dolano 5 I Relatore: prof. Mauro Tonellato NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI

Dettagli

UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani

UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani Giuristi&diritto.it dirittoi fattori che influenzano il risultato derivante da test preliminari su matrice

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili. Trasferimento genico. Terapia genica DNA per l ambiente

Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili. Trasferimento genico. Terapia genica DNA per l ambiente Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili Distrofia muscolare Fibrosi cistica Corea di Huntington Trasferimento genico Insulina Ormone della crescita Eritropoietina Terapia genica DNA

Dettagli

La Velocità. Terzo incontro P.O.M.S. Relatore Averoldi Michele. Venerdi 24 Ottobre 2014

La Velocità. Terzo incontro P.O.M.S. Relatore Averoldi Michele. Venerdi 24 Ottobre 2014 La Velocità Terzo incontro P.O.M.S. Relatore Averoldi Michele La velocità Definizione e funzionamento Velocità (1) La velocità è la capacità di compiere movimenti di una certa ampiezza in un tempo limitato.

Dettagli

Medicina rigenerativa e Nanomateriali

Medicina rigenerativa e Nanomateriali Medicina rigenerativa e Nanomateriali Paolo Milani Dipartimento di Fisica dell'università di Milano Focus Medicina Rigenerativa e Nanomateriali Definizione di Medicina Rigenerativa La Medicina Rigenerativa

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

BERGAGNA SIMONE INDICE Generalità L acqua nel pianeta L acqua nell organismo Stati fisici dell acqua Il ciclo dell acqua Acqua potabile La carta europea dell acqua Come leggere l etichetta dell acqua Classificazione

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

Imparare dagli errori: metodi scientifici senza l'utilizzo di animali nella ricerca medica e nelle prove di tossicità. Dott.

Imparare dagli errori: metodi scientifici senza l'utilizzo di animali nella ricerca medica e nelle prove di tossicità. Dott. Imparare dagli errori: metodi scientifici senza l'utilizzo di animali nella ricerca medica e nelle prove di tossicità Dott.ssa Lidia Armati Imparare dai disastri: Talidomide (10000 focomelici), TGN1412,

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof.

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Direttore Prof. Paolo Curatolo ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Nanotecnologia: artefatti con proprietà emergenti

Nanotecnologia: artefatti con proprietà emergenti Gli SiRNA e loro uso terapeutico contro il cancro. Nanotecnologia: artefatti con proprietà emergenti Prima generazione Liposomi e particelle di albumina Seconda generazione Particelle: attive da sé attivate

Dettagli

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI Bologna 14 Settembre 2006 Simonetta Menotta Reparto di Merceologia degli Alimenti di Origine Animale- Istituto Zooprofilattico della Lombardia e Emilia Romagna

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Rapporto sulle biotecnologie in Italia. BioInItaly Report 2014. Assobiotec-EY. Torino, 11 marzo 2014

Rapporto sulle biotecnologie in Italia. BioInItaly Report 2014. Assobiotec-EY. Torino, 11 marzo 2014 Rapporto sulle biotecnologie in Italia BioInItaly Report 2014 Assobiotec-EY Torino, 11 marzo 2014 1. Il sistema delle imprese biotecnologiche in Italia Numero di imprese Anche nel 2013, quello delle biotecnologie

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI

CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Lega Friulana per il Cuore CHE COS E E COME SI SVILUPPA L ATEROSCLEROSI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario,

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Colella Sara, Amicone Alessia Cellule staminali CELLULE

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

01. Ricerca. 08 01 2010 - Research Chapter - HeartLift - Laura Bordin - 1

01. Ricerca. 08 01 2010 - Research Chapter - HeartLift - Laura Bordin - 1 01. Ricerca 08 01 2010 - Research Chapter - HeartLift - Laura Bordin - 1 1. Definizione Che cos è la telemedicina? Il recente sviluppo delle comunicazioni a banda larga ha creato nuove possibilità di collegare

Dettagli

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI L obiettivo di questo studio è sperimentare una tecnica per la bonifica

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 7: Generalità à sul RIA D. Cecchin, F. Bui Diverse tipologie di RIA? 1) DOSAGGIO

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007

BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007 Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007 Facoltà di Psicologia Tecniche di Psicologia Generale e Sperimentale Alessandro Massolo Dip.

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia

Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia FARMACOLOGIA Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia FARMACOLOGIA Studia le proprietà dei FARMACI, l interazione con l ORGANISMO e le REAZIONI CHE NE CONSEGUONO SOSTANZA INERTE NON INTERFERISCE IN ALCUN

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

Ecolezione: La fotosintesi artificiale. A cura di : Roberto Meneghetti e Alex Mazzon classe 2 A IPAA Corazzin-ISISS Cerletti

Ecolezione: La fotosintesi artificiale. A cura di : Roberto Meneghetti e Alex Mazzon classe 2 A IPAA Corazzin-ISISS Cerletti Ecolezione: La fotosintesi artificiale A cura di : Roberto Meneghetti e Alex Mazzon classe 2 A IPAA Corazzin-ISISS Cerletti Definizione La fotosintesi artificiale è un processo chimico che riproduce il

Dettagli

Programma e docenze MASTER IN NANOBIOTECNOLOGIE

Programma e docenze MASTER IN NANOBIOTECNOLOGIE Programma e docenze MASTER IN NANOBIOTECNOLOGIE I. MODULO DI ALLINEAMENTO 17 20, 23, 24, 26, 27 Aprile 2007 Docenti: 1. Plinio Innocenzi (Università di Sassari, Nanoworld Institute) 2. Maura Monduzzi (Università

Dettagli

Note introduttive sullo Scenar

Note introduttive sullo Scenar Note introduttive sullo Scenar Informazioni estratte da letture di Dott. A.N.Revenko, dott.ssa G.V.Subbotina, Dott. I.V.Semikatov Una delle più frequenti domande che ci sentiamo porre dai pazienti è: quale

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

Advanced Laboratory for Analysis Research and Nanotechnology. amianto. da pericolo a riconversione da rifiuto a risorsa economica

Advanced Laboratory for Analysis Research and Nanotechnology. amianto. da pericolo a riconversione da rifiuto a risorsa economica Advanced Laboratory for Analysis Research and Nanotechnology amianto da pericolo a riconversione da rifiuto a risorsa economica Chemical Center S.r.l. Via E. Mattei, 4 40050 Castello D Argile (BO) Italia

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA TOSSICITA RIPRODUTTIVA disfunzione indotta da sostanze xenobiotiche che colpiscono i processi di gametogenesi dal loro stadio più precoce all impianto del prodotto del concepimento nell endometrio. La

Dettagli

Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici

Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici LEZIONE 7 EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici Effetti

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI

DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI DIFFERENZIAMENTO DELLE CELLULE MUSCOLARI Testi di riferimento: Alberts B. et al. Biologia molecolare della cellula - Ed. Zanichelli Gilbert S.F. Biologia dello sviluppo - Ed. Zanichelli COS E UNA CELLULA

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 L'immunoistochimica e' una tecnica ampiamente utilizzata per l'identificazione e la localizzazione di costituenti cellulari

Dettagli

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dipartimento Installazioni di Produzione e Insediamenti Antropici Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dott.ssa Barbara Ficociello 27 novembre

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. 27.11.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 309/7 REGOLAMENTO (CE) N. 1379/2007 DELLA COMMISSIONE del 26 novembre 2007 recante modifica degli allegati I A, I B, VII e VIII del regolamento (CE)

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio

Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio Paolo Izzo Paola Di Prospero Fanghella Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio Palombi Editori Presentazione Questo libro presenta la serie completa dei metodi di saggio nella

Dettagli