Ambasciata d Italia. Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambasciata d Italia. Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia"

Transcript

1 Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia Settembre 2001 Ufficio dell Addetto Scientifico

2 I

3 Presentazione Cari lettori, è con vero piacere che porgo il mio cordiale e caloroso saluto a tutti voi. Questa terza edizione del Bollettino della Comunità Scientifica in Australasia rappresenta la continuità di quell attività di cooperazione scientifica e tecnologica fra due Paesi che, come a tutti noto, condividono obiettivi e strategie di sviluppo. La rivista, diventata definitivamente periodica, con cadenza trimestrale, mira ad aggiornare ricercatori e scienziati italiani sulle evoluzioni della scienza e della tecnologia in Australia, stimolandoli alla cooperazione con questo Paese scientificamente all avanguardia nella ricerca scientifica e tecnologica. È nostra convinzione sostenere questa iniziativa perchè riteniamo che la scienza sia essenzialmente un sistema aperto, sovranazionale e che progredisce attraverso l interazione, la collaborazione e la competizione su scala mondiale. Il sistema della cooperazione scientifica e tecnologica che questa Ambasciata intende realizzare si basa su una serie di iniziative sinergiche tra loro e considerate assi portanti dell attività di cooperazione: oltre alla redazione di questo Bollettino e la promozione dell Associazione degli scienziati e ricercatori italiani e di origine italiana presenti in Oceania, è in corso di preparazione la Mostra Convegno Italo Australiana sull innovazione tecnologica che si svolgerà nel marzo 2002 a Melbourne. In particolare, quest ultimo evento rappresenta il punto focale della cooperazione, ove i risultati di ricerca diventano essenziali nella creazione II

4 di quelle innovazioni tecnologiche necessarie ad assicurare alle industrie dei nostri due Paesi una maggiore competitività nello scenario internazionale. Nel concludere vorrei rivolgere un particolare ringraziamento a tutti i ricercatori e scienziati italiani e di origine italiana che, operando in questa terra meravigliosa, con il loro significativo impegno stanno rendendo più incisiva l attività di cooperazione tra l Australia e l Italia. Dino Volpicelli Ambasciatore D Italia III

5 Introduzione Elemento determinante dell innovazione di un Paese è la presenza sul territorio nazionale di università, centri di ricerca ed imprese high-tech, scientificamente all avanguardia ed inseriti in una rete internazionale. L innovazione di processo e di prodotto ha modo di svilupparsi attraverso una presenza significativa di Nuove Imprese Tecnologiche (New Technology-based firm) ovvero di nuove imprese autonome che basano la loro attività sullo sfruttamento di un invenzione o di un innovazione tecnologica (ref. Arthur D. Little Group). La definizione di imprese hightech è ancorata a quella di Butchart (1987), che si riferisce ad aziende che hanno un rapporto tra investimenti in R&S e fatturato più alto della media, o che impiegano un numero proporzionale più elevato di ricercatori e ingegneri qualificati. Negli Stati Uniti, in questo settore considerato spesso un Paese da imitare, vi sono numerosi esempi di Nuove Imprese Tecnologiche (NIT) che hanno conseguito tassi di crescita straordinari nell occupazione, nelle vendite, nell esportazioni e nella capitalizzazione. Negli USA, inoltre, le aree geografiche in cui le NIT hanno una certa rilevanza (fra i quali la zona Route 128 vicino a Boston e la Silicon Valley in California) hanno mostrato un gran proliferare di nuove imprese, spesso nate grazie ai risultati di ricerca di giovani studenti (spin-off), e alti tassi di nuova occupazione nel settore terziario. Determinante è quindi il ruolo delle NIT nel Sistema dell Innovazione costituito da università, centri di ricerca ed industrie, poiché, esse rappresentano il mercato dei risultati di ricerca definendo le specifiche del prodotto innovativo ed indicando lo skill professionale al momento necessario. Le NIT implementano le tecnologie del futuro ed è dimostrato che la qualità dei posti di lavoro offerti è notevolmente migliore di quella delle attività tradizionali. IV

6 L Italia e l Australia hanno posto nelle loro strategie di Governo una particolare attenzione all innovazione scientifica e tecnologica. I due Programmi nazionali, il Piano Nazionale Ricerca e l Innovation Action Plan, hanno definito per i prossimi anni una spesa pubblica aggiuntiva per la ricerca che tenderà a sviluppare la propensione alla commercializzazione dei risultati di ricerca. In Italia, i principali strumenti utilizzati per sviluppare l innovazione sono le leggi nazionali e regionali incentivanti le imprese alla spesa in R&S e che trovano nei distretti industriali, costituiti da un numero rilevante di NIT, l ambiente più favorevole. In Australia la situazione è pressocchè simile, strumenti incentivanti l innovazione sono: il programma Cooperative Research Centre del Governo Federale, l esenzione contributiva pari al 175% della spesa sostenuta in R&S, il venture capital (recentemente ad un boom storico) e le numerose leggi predisposte dai singoli Stati che trovano nelle aree industriali allocate in prossimità dei grandi centri urbani l ambiente più idoneo. È in questo contesto di comune interesse che nasce la Mostra Convegno Italo-Australiana sull Innovazione Tecnologica promossa da questa Ambasciata e sostenuta da numerosi Enti Australiani e Italiani. L iniziativa, programmata a Melbourne per il prossimo marzo, mira a favorire la cooperazione scientifica e tecnologica fra i principali protagonisti dell innovazione stimolando il trasferimento tecnologico dal mondo della ricerca alle NIT. Tale evento rappresenta una pietra miliare nella cooperazione scientifica e tecnologica fra i due Paesi in quanto presenterà lo stato della ricerca in Italia ed Australia in campo scientifico e tecnologico, fornirà un analisi delle V

7 collaborazioni esistenti fra università ed istituti di ricerca e promuoverà nuove attività di collaborazione sulla base dell interesse dei gruppi di ricerca e dei singoli ricercatori ed imprenditori. Nicola Sasanelli Addetto Scientifico VI

8 VII

9 Bollettino della Comunita Scientifica in Australasia Settembre 2001 Direttore responsabile: ing. Nicola Sasanelli Responsabile e coordinamento editoriale: dott.ssa Alessandra Iero Comitato di Redazione: dott.ssa Annamaria Arabia dott.ssa Paola Bernard dott.ssa Daniela Rubatto dott. Massimiliano Tani VIII

10 Ambasciata d Italia in Canberra Ufficio dell Addetto Scientifico Comitato di Redazione 12 Grey Street DEAKIN ACT 2600 Tel. (0061) (2) Fax (0061) (2) Il si basa sul libero apporto dei ricercatori. Per tale motivo gli autori se ne assumono interamente la responsabilità. The is based on the free contribution of researchers. For this reason, the authors take on full responsibilities. IX

11 Sommario Complessi dei metalli di transizione per applicazione nella chimica verde, nelle biotecnologie e nella nanotecnologia pag.1 dott. Leone Spiccia Telemedicina in Australia pag.9 prof. Marcello Costa Produzione, recupero ed uso di arterie costruite in vivo da cellule staminali adulte pag.13 dott. Piero Giorgi Gli inquinanti organici persistenti in Australia: il Trattato di Stoccolma e alcuni siti contaminati dott.ssa Alessandra Iero pag.21 Ricerche sul cuore artificiale dott.ssa Paola Bernard pag.31 Processi geologici a velocità straordinaria pag.37 dott.ssa Daniela Rubatto dott. Jörg Hermann Attivita di calibrazione e validazione del satellite EO-1 in Australia pag.39 Dott. Vittorio E. Brando X

12 L influenza dei navigatori di lingua italiana sulla storiografia australiana pag.43 Amedeo Sala Il Protocollo di Kyoto: la commercializzazione delle quote di emissione pag.49 dott. Massimiliano Tani Lintek e la Vacuum Metalliser Technology : Un innovazione nella produzione di circuiti stampati per l industria elettronica pag.55 Aurelio E. Frammartino An Agenda for the Knowledge Nation : Il programma pre-elettorale dei Laburisti per incentivare l istruzione e la ricerca pag.63 ing. Nicola Sasanelli Viaggio nel mondo accademico e della ricerca del territorio dell Australasia: CSIRO e CSIRO Land and Water pag.71 Ente di Ricerca Scientifica e Industriale del Commonwealth Australiano CSIRO and CSIRO Land and Water pag.76 Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization dott.ssa Alessandra Iero XI

13 Notizie flash dal mondo delle riviste tecnico-scientifiche Australiane Attualità Nuovo sito web Alleanza contro il cancro Nuovo anestetico locale Il Gene Technology Act entra in vigore Boom nel venture capital Nuovo Centro per lo studio del fenotipo Un nuovo centro di ingegneria marittima Un generatore a vento per la stazione antartica di Mawson pag.89 Ricerca, Sviluppo e Innovazione Spedizione NASA in Western Australia BioProspect si espande nel settore della tecnologia medica Novità sul fronte della clonazione di animali Nuovo centro per lo studio dei fotoni Nuovo centro per la nanotecnologie Nipah virus pag.93 Nuove Tecnologie e nuovi Materiali Spinta verso l'utilizzo dell'energia solare Un sensore australiano ha individuato l eruzione dell Etna da satellite Primo nano-prodotto australiano entra in commercio Nuova tecnica di immunizzazione genetica Nuove tecnologie per l analisi del DNA Una nuova tecnica per prevedere la durata della gomma pag.97 XII

14 Information Technology Nuovo brevetto nel campo delle telecomunicazioni a banda larga Scelti i progetti relativi alla reti a banda larga Nuovo centro per l Information and Communication Technologies pag.101 Sanità Nuovo farmaco anticancerogeno Nuovo centro per la lotta contro il cancro Nuovo farmaco anti cancro alla prostata Olio di pesce Sudi sul virus fever dengue Novità sulle cellule staminali Progressi in angiogenesi Scoperto come agisce il virus del Ross river pag.103 Ambiente Biologi marini studiano lo sbiancamento dei coralli Nuovi sviluppi nella tecnologia per ridurre il livello di salinità Atlante delle risorse naturali Diminuzione di pioggia in Western Australia Creazione di un erbario virtuale Studi Ambientali nei mari del Timor ed Arafura pag.107 Spazio Nuovo centro di difesa aerospaziale Luce verde per la base spaziale delle Christmas Island pag.111 XIII

15 Conferma della teori della relatività Stazione di osservazione dello spazio Nuovo spettrografo per il progetto Gemini Programma delle Conferenze scientifiche in Australasia per il pag.115 Principali siti Web pag.123 XIV

16 XV

17 Con le terre unite alla massa centrale sotto il nome comune di Australasia, dalla Nuova Guinea alla Nuova Zelanda, la superficie emersa in questa parte dell Oceano Pacifico e di pochissimo inferiore a quella dell Europa Il geografo Elisee Reclus, Parigi 1889 XVI

18 Complessi dei metalli di transizione per applicazione nella chimica verde, nelle biotecnologie e nella nanotecnologia Leone Spiccia Un campo di ricerca di grande interesse internazionale riguarda lo sviluppo dei complessi metallici di transizione per le applicazioni mediche, scientifiche e ingegneristiche. Questi composti consistono di uno o più metalli a cui sono coordinati uno o più leganti. I leganti possono essere delle molecole semplici (come il cloruro o l ammoniaca) o complesse costituite da impalcature organiche che sostengono gli atomi che si legano a centri metallici di varia natura. Con il sussidio dei programmi di modelli molecolari e l'uso della chimica organica si possono progettare nuovi leganti in grado di formare complessi con proprietà tali da realizzare l'applicazione voluta. Il nostro gruppo, che ha sede nella Scuola di Chimica della Monash University, è in grado di effettuare studi dettagliati sui complessi dei metalli di transizione per l applicazione degli stessi nei più svariati campi, quali: complessi per uso nella separazione delle proteine e complessi mimetici che riproducono l attivitá di diverse famiglie di metallo-enzimi (in collaborazione con il Professor Milton Hearn biochimica); processi verdi per l estrazione dei minerali e il trasporto e deposito dei minerali nelle condizioni geochimiche e nei sistemi acquatici (in collaborazione con Dr Bear McPhail geologia); complessi metallici come catalizzatori nella chimica organica. Lo scopo delle nostre ricerche è lo sviluppo di processi e tecnologie chimiche che abbraccino i principi della chimica verde (processi sostenibili), che permettano di preparare e analizzare piccole quantitá di molecole (nanogrammi) e di controllare i cambiamenti strutturali e la funzione delle stesse a livello nanometrico. La chimica verde e la nanochimica (o nanotecnologia) sono due campi che attualmente attraggono l'investimento scientifico e monetario di molti governi ed industrie. In 1

19 questo articolo presento un breve riassunto delle nostre ricerche in queste aree tematiche. Agenti mimetici biolotici - metalloenzime Gli enzimi metallici sono composti macro-molecolari contenenti uno o piú metalli che inducono trasformazioni chimiche naturalmente troppo lente per mantenere una funzione biologica. Ad esempio, il sito catalitico della citocromo ossidasi ha due metalli (Fe-Cu) legati alla proteina, che aiutano la conversione dell ossigeno nell acqua utilizzando l energia prodotta dalle cellule ed ancora, la fosfolipasi C utilizza tre atomi di zinco per catalizzare la dissociazione idrolitica del legame estere dei fosfolipidi. Studi cristallografici recenti delle strutture metalloenzimatiche hanno determinato un notevole interesse per le piccole molecole (complessi metallici sintetici) che riproducono la struttura, le proprietà fisico-chimiche e la reattivitá del sito catalitico di tanti metalloenzimi. Queste attività di ricerca forniscono informazioni sul meccanismo di azione degli enzimi e offrono l opportunitá per sviluppare prodotti, preparati con processi chimici di laboratorio, che potrebbero essere usati come farmaci, agenti catalitici e sensori chimici. Un metodo utilizzato da noi e dai gruppi che conducono ricerche in questo campo, sfrutta la grande varietà di molecole organiche che coordinano i metalli di transizione sostituendosi ai gruppi che legano i metalli alla proteina. L idea principale é che, nel grippaggio di queste molecole ai metalli, sul metallo stesso restino uno o più siti mediante i quali può essere fissato il substrato, che può reagire con un nucleofilo, se fissato al metallo come nella proteina in esame. In particolare, il nostro gruppo utilizza derivati di un piccolo legante macrociclico, 1,4,7-triazacyclononano (tacn, fig. 1) 1,2 per lo sviluppo degli agenti mimetici degli enzimi del rame e del manganese che catalizzano l ossidazione dei substrati organici o che coinvolgono l interconversione fra acqua, perossido e ossigeno (laccasi e ossidasi dell ascorbato con tre centri di Cu in prossimitá, fotosistema II con 2

20 quattro centri di Mn in prossimitá) ed enzimi dello zinco che inducono l idrolisi degli esteri di fosfato (fosfolipasi C e P1 nucleasi che hanno tre centri di zinco in prossimitá). Queste ricerche forniscono esempi di nanomolecole che assomigliano ai siti di attività enzimatica (Fig. 2). Abbiamo trovato dei complessi del rame che hanno ottime attivitá di clivaggio degli esteri fosfati e per uno di essi la velocità di reazione è ai limiti superiori della massima attività catalitica riportata nella letteratura scientifica. Questi studi offrono l opportunitá di sviluppare catalizzatori eterogenei che inducono il clivaggio degli esteri di fosfato presenti in tante molecole biologiche. 3 Recentemente è stato sviluppato un metodo che utilizza l informazione strutturale del sito attivo dei metalloenzimi per identificare i gruppi che partecipano alla funzione di controllo del processo enzimatico agendo come leganti del metallo o utilizzando interazioni sopramolecolari. Queste informazioni sono utilizzate nella progettazione dei peptido-mimetici contenenti i gruppi essenziali per svolgere le funzioni enzimatiche. 4 Nelle nostre ricerche utilizziamo quindi, questa idea mimica per disegnare dei mimetici nanomolecolari di metalloenzimi del rame che catalizzino l'ossidazione dei vari substrati organici. Egualmente ci interessiamo delle metallonucleasi artificiali che, come le proteine naturali, si legano a siti specifici sul DNA trasportando così i centri metallici necessari per effettuare la fenditura idrolitica selettiva del DNA. Applicazioni biologiche e farmaceutiche di tali agenti di fenditura possono essere facilmente immaginate. N N N NH N N H O H N HN N H NH N N H N HN N H HN N H N N NH N H HOO C N N H N N N H N C OOH N NH Tacn de riva tives [Zn 2 (Me 3 tacn) 2 (OH 2 ) 4 (PO 3 OPh)] 2 N H + 3

21 Complessi per la Purificazione delle Proteine L Human Genome Project ci darà informazioni tali da permettere il disegno di diversi tipi di molecole con attivitá biologica (per uso medico, analitico o diagnostico). Ci sarà la necessità di mettere a punto le strategie ed i metodi sintetici di purificazione per la separazione veloce ed efficiente di molti tipi di molecole biologiche. Un metodo di purificazione che potrebbe soddisfare molti dei bisogni biotecnologici è l Immobilised Metal Affinity Chromatography (IMAC). 5 Con questo metodo, le molecole biologiche sono separate mediante un complesso metallico immobilizzato su un supporto cromatografico, un Immobilised Metal ion Chelate Complex (IMCC). La reazione del supporto con un sale del metallo produce un complesso metallico con molecole che possono essere facilmente sostituite dai radicali liberi presenti sulla molecola biologica. H 2 O LM OH 2 + :X LM X H 2 O La forza dell'interazione, fra le molecole biologiche ed il complesso, varia e dipende principalmente dai tipi di atomi leganti che sono situati sull'esterno della molecola ma è anche influenzata dagli effetti sopramolecolari. La separazione delle molecole, effettuata mediante cromatografia su colonna, in alcuni casi usa un legante con una maggiore affinità specifica per il complesso immobilizzato piuttosto che per la molecola biologica. Differenti tipi di leganti sono stati usati in questa area di ricerca, l iminodiacetate è un tipo di legante attualmente usato a livello industriale. Il nostro interesse si concentra essenzialmente nello sviluppo di famiglie di leganti che permetteranno l uso dell IMAC con un ampia gamma di metalli. In collaborazione con il Professor Milton Hearn (Biochimica Monash University), queste richerche si occupano dei leganti macrociclici, leganti 4

22 che a tutt oggi sono stati poco studiati. Parte di questo lavoro utilizza il macrociclo, 1,4,7-triazacyclonone (tacn, usato nello sviluppo di agenti mimetici biologici), che, legato a supporti cromatografici, permette di separare molecole biologiche naturali da quelle ricombinanti. Questo legante ha caratteristiche superiori ad altri studiati fino ad oggi : Tacn forma generalmente i complessi metallici molto stabili e questo minimizza la lisciviazione del metallo dalle colonne durante l absorbimento o l'eluizione; Poiché il tacn occupa soltanto tre siti di coordinazione sul metallo, due o più siti saranno disponibili per legare la molecola biologica. L'interpretazione dei nostri risultati è aiutata dal fatto che la disposizione geometrica del tacn intorno al metallo è fissa, data la geometria rigida di questo legante. In uno dei nostri studi recenti abbiamo esaminato l affinitá di colonne cromatografiche costituite da complessi metallici del tacn (Cr 3+, Mn 2+, Co 2+, Ni 2+, Cu 2+ and Zn 2+ ) verso tre proteine ben note: lisozima (estratto da uova di pollo), il citocromo C (estratto dal miocardio di cavallo) e la mioglobina (estratto dal muscolo scheletrico del cavallo). 6 Grazie a questi studi, abbiamo stabilito che la mioglobina si lega alla fase cromatografica con piú forza del lisozima e del citocromo C perché l'esterno è più ricco di gruppi istidinici che sono buoni leganti degli ioni metallici. Questi studi hanno indicato che le interazioni coordinative legano le molecole biologiche al complesso più dei legami idrogeno e degli effetti elettrostatici. Le variazioni del ph e della forza ionica nell'affinità di queste proteine per la fase solida, indicano che questi piccoli effetti servono a sintonizzare le forze delle interazioni solido-adsorbenti. Stiamo inoltre usando, con risultati interessanti, il sistema IMAC per separare le varie componenti proteiche del siero umano. Un gruppo di proteine (albumina, transferrina, α2- microglobulina e IgG) sono ben adsorbite dalle colonne e si possono separare dal resto delle proteine presenti nel siero. Per esempio, l'albumina può essere separata, dalle altre proteine adsorbite, usando una miscela di sali 5

23 di acetato e di cloruro. Attualmente stiamo adattando i nostri metodi sperimentali per realizzare la separazione di particolari proteine preparate mediante tecniche ricombinanti. Processi verdi per l estrazione del oro Il settore minerario dà un contributo vitale all'economia australiana contribuendo per oltre 45 miliardi di dollari australiani agli introiti derivanti dalle esportazioni. In questo, e in molti altri settori, vi è la necessità di mettere a punto metodi di lavorazione che siano economicamente sostenibili e che minimizzino l'impatto ambientale. Ultimamente il processo di lavorazione industriale che richiede l'uso di cianuro per l estrazione dell'oro dai minerali è stato fortemente combattuto. In Europa ed in Nuova Guinea si sono verificati degli inquinamenti da cianuro che hanno provocato la morte di molti animali, mentre in alcune Nazioni l'uso del cianuro, per l estrazione dell'oro, é già proibito da tempo. In Australia le lavorazioni di alcuni prodotti industriali hanno già determinato concentrazioni di cianuro nelle acque reflue molto prossime alla soglia massima permessa per legge (~50ppm). L anno scorso nel NSW il partito dei verdi ha proposto l introduzione di una legge che impedisca l uso del cianuro. Questi avvenimenti hanno aumentato l'interesse per lo sviluppo dei processi di lisciviazione dell'oro che non utilizzino il cianuro. Un processo molto interessante per effettuare la lisciviazione dell'oro utilizza una miscela di tiosolfato di rame e di ammoniaca. In questo processo, un complesso ammoniacale del rame(ii) effettua l'ossidazione dell oro che forma un complesso solubile di tiosolfato d oro. Questo complesso solubile puó essere separato dagli altri composti, presenti in soluzione, mediante cromatografia su colonna. La riduzione elettrochimica è il processo terminale per il recupero di oro metallico. 7 Al momento, questo processo è considerato economicamente valido solo per l estrazione dei minerali d oro con un elevato contenuto di carbonio poiché, la perdita del 6

24 tiosolfato, causata dall ossidazione del composto, aumenta significativamente il costo del processo. Un progetto promosso dal Centro di Chimica Verde (Monash University) sta mirando a sviluppare il nuovo processo di lisciviazione dell'oro al fine di renderlo economicamente valido su una maggiore varietà di minerali. Nella prima fase del nostro progetto, l obiettivo è di ottenere le informazioni fondamentali sulle reazioni chimiche che avvengono durante il processo dell'estrazione, sui complessi di oro e di rame che sono presenti in soluzione prima e dopo l estrazione e sulle proprietà dei minerali (prima e dopo l estrazione dell oro). Queste informazioni fondamentali ci permetteranno di ottimizzare i termini dell'estrazione per tanti tipi di minerali dell'oro. Il progetto è pluridisciplinare poichè unisce tecniche geologiche e tecniche chimiche, quali metodi spettroscopici, microscopici e cristallografici. Attualmente stiamo identificando le specie di rame presenti nelle soluzioni che contengono cloruro, 8,9 tiosolfato o ammoniaca, o una combinazione di queste molecole. Stiamo prendendo in considerazione il cloruro poiché l'acqua sotterranea, usata negli impianti di lavorazione locali, può contenere alte concentrazioni di cloruro (in certi casi superiore a 4M). Questi studi forniranno i dati termodinamici necessari per intraprendere gli studi con modelli numerici che consentiranno di identificare le condizioni ottimali per ogni tipo di minerale. È in progettazione uno studio sistematico che mira ad identificare nuovi complessi metallici (che consistono di diversi tipi di leganti e metalli) in grado di lisciviare l'oro efficacemente senza provocare l ossidazione del tiosolfato. Rappresentazione dell estrazione di oro dal processo del tiosolfato. 7 7

25 Bibliografia 1. Towards synthetic models for trinuclear copper active sites of ascorbate oxidase and laccase: Self-assembly, crystal structure and magnetic properties of the copper(ii) complexes of tris(1,4,7-triazacyclonon-1-ylmethyl)benzene. L. Spiccia, B. Graham, M. T. W. Hearn, G. Lazarev, B. Moubaraki, K. S. Murray and E. R. T. Tiekink, J. Chem. Soc., Dalton Trans., 1997, Structural, spectroscopic and electrochemical studies of binuclear manganese(ii) complexes of bis(pentadentate) ligands derived from bis(1,4,7-triazacyclononane) macrocycles. S. J. Brudenell, L. Spiccia, A. M. Bond, G. D Fallon, P. J. Mahon, D. C. R. Hockless and E. R. T. Tiekink, Inorg. Chem., 2000, 39, Silica bound copper(ii) triazacyclononane: a robust material for the heterogenous hydrolysis of a phosphodiester. B. R. Bodsgard and J. N. Burstyn, Chem. Commun., 2001, Characterization of the Fundamental Protein Ligand Requirements of [4Fe-4S]2+/+ Clusters with Sixteen Amino Acid Maquettes. S. E. Mulholland, B. R. Gibney, F. Rabanal, and P. L. Dutton, J. Am. Chem. Soc. 1998, 120, Per esempio veda: Purification of proteins using polyhistidine tags. J. A. Bornhorst, J. J. Falke, Methods Enzymol. 2000, 326, Immobilised metal affinity chromatography. J. Porath, Protein Expression Purif., 1992, 3, Affinity chromatography and metal chelate affinity chromatography. A. J. Fatiadi, CRC Critical Reviews in Analytical Chemistry, 1987, 18, Protein selectivity with immobilised metal ion-tacn sorbents: Chromatographic studies with model proteins and several other globular proteins. W. Jiang, B. Graham, L. Spiccia and M. T. W. Hearn, Journal of Analytical Biochemistry, 1998, 255, Thiosulfate leaching of gold A review. M. G. Aylmore and D. M. Muir, Mineral Engineering, 2001, 14, Complexation of metal ions in brines: application of electronic spectroscopy in the study of Cu(II)-LiCl-H 2 O system between 25 and 90 C. J. Brügger, D. C. McPhail, J. Black and L. Spiccia, Geochimica Cosmochimica Acta, 2001, 65, A spectrophotometric study of aqueous copper(i) chloride complexes in LiCl solutions between 100 C and 250 C. W. Liu, J. Brúgger, D. C. McPhail and L. Spiccia, submitted to Cosmochimica et Geochimica Acta. Dr Leone Spiccia School of Chemistry PO Box 23 Monash University, Victoria, 3800, Australia 8

26 Telemedicina in Australia Marcello Costa Telemedicina è un termine che indica l'esercizio di attività di natura sanitaria a distanza. Naturalmente il concetto non è nuovo, ma negli ultimi anni ha acquistato un significato più futuristico, coinvolgendo tecnologie avanzate di comunicazione e d'informazione. L'Australia ha avuto sempre forti motivi per sviluppare questa forma di medicina a distanza. La distanza infatti è l'ostacolo tradizionale in questo continente così poco popolato nel centro. Il servizio del "Flying Doctor" è stato un primo approccio che ha permesso a popolazioni sparse nel vasto territorio, di ricevere un servizio medico tempestivo. L'Australia è fra i primi 4-5 paesi nello sviluppo della telemedicina. Più di recente le tecnologie avanzate di comunicazione hanno permesso lo sviluppo di un concetto più ampio di telemedicina. Innanzi tutto la possibilità di consultazione visiva a distanza, cioè mediante teleconferenze. Questo aspetto della telemedicina, sebbene non visto come particolarmente futuristico, non va sottovalutato. Viene infatti usato da parecchi anni dalla Facoltà di Medicina della Flinders University di Adelaide, per mantenere contatti diretti con la sua Scuola di Medicina dipendente situata a Darwin nel Territorio del Nord, a più di mille chilometri di distanza. Le riunioni dei vari Comitati di Facoltà avvengono da anni in circuito telematico. Inoltre gli studenti di medicina a Darwin possono partecipare all'insegnamento di gruppo assieme agli studenti in Adelaide. Uno dei ruoli più efficaci di questo metodo di comunicazione è quello di permettere ai pazienti il contatto visivo con specialisti. Il fiume Murray, fra i fiumi più lunghi del mondo, scorre per centinaia di chilometri nello stato del Sud Australia prima di aprirsi in un complesso delta di lagune e infine nel gelido e grandioso Oceano del Sud, a pochi chilometri da Adelaide. Lungo le sue rive vi sono diversi piccoli centri abitati dove prosperano piccole industrie di ortofrutticulture, molte delle quali di emigranti italiani. 9

27 Un servizio del dipartimento di Psichiatria si occupa della salute mentale degli abitanti di questa zona. La telemedicina permette ai pazienti di essere seguiti di persona ogni settimana con incontri diretti con i loro specialisti. I medici condotti del luogo sono coinvolti nella terapia di questi pazienti ed è stato dimostrato che questo processo diminuisce notevolmente l'acutizzarsi di difficili condizioni psicologiche. Questo ha ridotto sia il costo che la scomodità di dover mandare pazienti a Adelaide o di far venire con urgenza specialisti al "Riverland". Di fatto la Psichiatria è la disciplina medica che fa maggior uso in Australia di tecniche di medicina a distanza. Proprio perchè la Facoltà di Medicinà dell'università di Flinders ha un territorio di insegnamento e di cura così esteso, nel Luglio del 1996 è stata fondata la prima cattedra di telemedicina. Il Professor Malcolm MacKinnon ha iniziato subito un processo di sviluppo di questa attività a livello commerciale. L Università di Flinders non è l'unica organizzazione a sviluppare aspetti di telemedicina. Degna di nota è l'attività pionieristica dell unità di nefrologia del Queen Elizabeth Hospital di Adelaide. Questa unità non solo ha sviluppato corsi di perfezionamento a distanza con altri servizi nel centro Australia, ma offre anche un servizio specialistico per pazienti sottoposti a dialisi renale nelle loro case, spesso a centinaia di chilometri da altri centri ospedalieri. L'idea è anche quella di estendere questi servizi a paesi del sudest asiatico con l'aiuto di industrie rilevanti. Un altro campo di indubbia importanza, per cui la telemedicina ha un ruolo importante, è quello della trasmissione di immagini diagnostiche. Gran parte della medicina moderna dipende dalla visualizzazione di segnali emessi dal corpo umano che indicano uno stato normale o patologico. Basti pensare alle lastre di raggi X o di tomografia computerizzata, alle registrazioni dell'attività elettrica del cuore (elettrocardiogramma), del cervello (elettroencefalogramma) e dei muscoli (elettromiogramma), così come le immagini dinamiche di strumenti ottici di studio di diverse cavità del corpo, dall'apparato digerente a quello riproduttivo. Queste immagini sono 10

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli