L EUROPA COME MOTORE DEI DIRITTI? Introduzione alla sessione di lavoro (venerdì 27 marzo 2015 ore 11, )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EUROPA COME MOTORE DEI DIRITTI? Introduzione alla sessione di lavoro (venerdì 27 marzo 2015 ore 11,30-13.30)"

Transcript

1 L EUROPA COME MOTORE DEI DIRITTI? a cura di : Giuseppe Bronzini, Maria Rosaria Guglielmi, Gualtiero Michelini, Valeria Piccone Introduzione alla sessione di lavoro (venerdì 27 marzo 2015 ore 11, ) Nel documento del Gruppo Europa per il XIX Congresso di Md del 2013, avevamo sottolineato la complessità del percorso di costruzione istituzionale in Europa, in tensione tra progettualità ambiziosa in continuità con gli elementi evolutivi del processo di integrazione europea e spinte improvvise dettate dall emergenza. Ricordavamo le potenzialità garantistiche della Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea, il suo carattere di parametro di legittimità costituzionale della legislazione europea ed, a catena, di quelle interne connesse al diritto dell UE; l archiviazione del sistema a pilastri nel settore della cooperazione giudiziaria anche penale, la prospettiva dell adesione in proprio dell UE alla CEDU. La crisi economico-finanziaria particolarmente acuta nell ultimo biennio ha però messo in profonda difficoltà il percorso verso la coesione e solidarietà, verso politiche economiche, fiscali, sociali, convergenti ed unitarie, ed ha fatto emergere un diritto dell emergenza economica non accompagnato da un incremento del potere di partecipazione e controllo dei cittadini europei (v. Habermas). Nel corso della lunga crisi dell euro si sono approfondite le linee di divisione tra le varie Europe : tra paesi del Nord e del Sud del continente - solidi e bene organizzati i primi ed in gravi difficoltà a livello competitivo e sociale i secondi: tra Paesi aderenti alla moneta comuni e paesi che non condividono questo orizzonte neppure in prospettiva (Gran Bretagna e Danimarca): tra l Europa dei Trattati comunitari e quella dei Trattati internazionali come il Fiscal compact approvati nel 2012 per sorreggere l euro. Sono gravi linee di divisione che si aggiungono ad una architettura a geometria variabile che connota il diritto dell Unione negli ultimi decenni con i vari opting out anche da politiche e scelte fondamentali come quelle di

2 Schengen o della Carta dei diritti. Si tratta in generale di una situazione che crea una grande instabilità ed incertezza di direzione politico - istituzionale che finisce con l indebolire gli organi- come la Commissione europea - che dovrebbero rappresentare l interesse comune europea ed avvantaggia i meccanismi di decisione intergovernativi nei quali prevalgono gli Stati più forti come la Germania che possono imporre un pluspotere non previsto nei Trattati. La crisi economica ha spesso mostrato un Europa disposta ad intervenire con una certa decisione (oltre 550 miliardi di euro) in favore della banche e che impone con gli accordi per il risanamento dei bilanci dei paesi che hanno chiesto aiuto finanziario o con le raccomandazioni a quelli in deficit eccessivo misure socialmente inique, prescritte da teorie neo-monetariste molto discusse, che gli stessi USA non hanno applicato alle gestione della loro crisi economica. Sebbene nel 2012 siano stati create nuove istituzioni per gestire l emergenza economica come l ESM, le relative regole non sono trasparenti e non sono sottoposte ad alcun controllo di tipo parlamentare, restano così ostaggio di logiche intergovernative e, quindi, di uno scontro tra interessi nazionali che rischia di frenare il processo di integrazione come motore dei diritti per il quale ci siano impegnati e del quale restiamo convinti assertori. Purché davvero l integrazione politica accompagni la moneta ed il mercato comuni ed offra ai cittadini europei la prospettiva di una casa comune, non solo di una disciplina rigida di bilancio che recepisce ortodossie oggi contestate anche da premi nobel come Amartya Sen, Joseph Stiglitz, Paul Krugman. Insomma le istituzioni sovranazionali non sono riuscite ancora a definire meccanismi per realizzare una qualche forma di solidarietà pan-europea senza i quali una costellazione istituzionale - anche di tipo sovranazionale - non può, nel lungo periodo, sopravvivere. È ben vero che in questi ultimissimi anni la Banca centrale europea ha giocato sino in fondo (sul filo di rasoio del suo mandato statutario) i suoi poteri per salvaguardare nel suo insieme la costruzione monetaria, ma è mancato un disegno più generale per dare una prospettiva di progresso e di uguaglianza alle politiche dell Unione. Correttamente Mario Draghi (che qualcuno ha paragonato a Madison) ha sempre sottolineato che non sono le sole politiche monetarie che possono costituire la leva per il passaggio ad una vera e democratica Europa politica, così come in passato la Corte di giustizia ha potuto edificare solo un contesto metodologico idoneo per scelte politiche federali, che poi gli Stati non hanno saputo adottare. Sarebbe errato però non vedere anche l emergere di tendenze antitetiche al dominio di una tecnocrazia favorita dal progressivo indebolimento del metodo comunitario. Il 2014 è stato, infatti, un anno importante, pur nella dilemmaticità ed ambivalenza dei processi ancora in corso. Sulla base di un generico richiamo ad una norma del trattato di Lisbona le elezioni per il Parlamento europeo si sono tenute all insegna della scelta della figura del Presidente della nuova Commissione; le grandi famiglie politiche europee hanno selezionato i loro candidati che si sono scontrati sulla base di piattaforme politiche ed ideali. Si è così rotto l unanimismo che ha sempre connotato la retorica sugli affari dell Unione in favore di una politicizzazione aperta della sfera pubblica europea. Sebbene le elezioni abbiano premiato anche forze euroscettiche, nazionaliste e talvolta anche xenofobe e razziste oggi la grande maggioranza del PE è ancora democratica e favorevole all intensificazione del processo di integrazione. Sono emerse forze politiche nuove (soprattutto in Grecia ed in Spagna) che, pur partendo da una critica radicale delle politiche dell Unione sull austerity, non rinnegano il progetto europeo. Certamente il confronto in Europa è divenuta più ruvido ed antagonistico ma questa è anche la premessa per riprendere il cammino per completare il processo federale, 2

3 eventualmente con chi è davvero disposto a compiere questo salto istituzionale. L agone politico europeo si è così rivelato decisivo e cruciale, nel male come nel bene, ridimensionando obiettivamente le troppe nostalgie nazionalistiche. Nella campagna per le elezioni del PE finalmente è emersa nuovamente (dopo gli anni della Lisbon agenda) la questione della costruzione di un Europa sociale che dia concretezza alle innovative formulazioni della Carta dei diritti. Coloro che oggi occupano il ruolo di Presidente della nuova commissione o di Ministro UE per gli affari economici (Juncker e Moscovici) hanno parlato di sistema unico di tutela della disoccupazione, di un salario minimo europeo, di un reddito minimo continentale etc. Nell ultimo anno qualche passo in avanti (pur con grandi compromessi) è stato compiuto sul tema della sorveglianza delle banche; ha guadagnato terreno il tema dell intervento diretto dell UE sul fronte della crescita e dello sviluppo con il varo di un piano di investimenti (la cui credibilità comunque è ancora molto discussa). Si parla apertamente della creazione, finalmente, di risorse economiche dell Unione non provenienti dagli Stati senza le quali appare arduo anche solo concepire un suo ruolo attivo e significativo di sostegno ai processi economici e di tutela dei cittadini svantaggiati. Qualche concessione è stata fatta anche dai paesi del Nord alleati della Germania sulla flessibilità delle regole del Fiscal compact. Nella drammatica contrapposizione con il nuovo Governo greco proprio il Presidente della Commissione ha decretato la fine della Troika e la sua futura sostituzione con Comitati sottoposti a controlli parlamentari. Torna insomma in agenda il tema della riscrittura dei Trattati (e del Piano a suo tempo elaborato dai 4 Presidenti) sulla base di una maggiore accountability delle procedure di governance economica, che così verrebbero ad essere sottoposte anche alla scrutinio da parte della Corte di giustizia del rispetto della Carta dei diritti. Si tratta ovviamente di dinamiche ancora aperte che però dimostrano che l impegno costruttivo per un Europa che sia davvero coerente con il messianico messaggio di Ventotene è ancora possibile. Tra i segnali di persistente vitalità di quel messaggio vogliamo ricordare proprio il corteo di Parigi dopo la strage a Charlie Hedbo. Come ha sottolineato Alain Touraine in quel corteo viveva, contro ogni vile aggressione, l orgoglio dello spirito repubblicano europeo che, della tolleranza, del rispetto dei diritti fondamentali e della laicità delle istituzioni, ha fatto il substrato valoriale della convivenza tra cittadini nel vecchio continente. Con Touraine osiamo sperare che gli europei non siano disposti a rinunciare a tale patrimonio che integralisti e fanatici oggi minacciano così da vicino. La funzione di magistrato europeo, che applica il diritto italiano integrato con il diritto dell Unione, nel quadro del dialogo tra le Corti e della tutela multi-livello dei diritti fondamentali, continua ad essere l obiettivo della nostra visione e del nostro impegno professionale. Il Giudice come organo di base dello spazio giudiziario europeo mantiene in questo quadro un ruolo di grande responsabilità. Nell ultimo biennio il rispetto dei diritti della Carta è diventato il momento qualificante la giurisprudenza della Corte di giustizia (sono oltre 300 le decisioni della Corte che fanno applicazione o richiamano i diritti della Carta). Sentenze di importanza storica a livello globale come quella sui data retention o sul diritto all oblio su internet sono state emesse nel 2014 in base al Bill or rights europeo che costituisce ormai un condiviso parametro di legittimità delle norme dell Unione e di quelle interne ad esso connesse. Di recente anche il tema dei diritti minimi previsti dalla direttiva sul distacco è stato rilanciato, in una logica ugualitaria e solidaristica, in base alle norme della Carta, dopo le tanto discusse sentenze Viking e Laval. Nel settore penale, dei diritti civili, ed anche nella materia dell immigrazione le disposizioni della Carta vengono in genere saturate di contenuti alla luce della 3

4 giurisprudenza di Strasburgo con effetti spesso incisivi sul piano garantistico. Rimane però la sensazione che la Carta, pensata come uno strumento effettivamente di tipo federale in quanto applicabile al solo diritto UE, stenti ad imporsi nei settori nei quali la competenza dell Unione è più vaga o non è stata ancora adottata come nell ambito sociale, nel quale si deve registrare una particolare cautela della Corte (cui si aggiunge la dichiarata incompetenza della stessa nel valutare- alla luce della Carta- la politiche di austerity decise dalla Troika in quanto adottate nel quadro di un Trattato internazionale come il Fiscal compact). La decisione Association de mediation social, che porta a negare diretta applicabilità dell art. 27 della Carta sul diritto di informazione e consultazione dei lavoratori nei luoghi di lavoro nei rapporti interprivati perché la norma non sarebbe self-executing, nonostante ben 4 direttive adottate sul tema, è un esempio di questa eccezionale prudenza. Il rilancio di politiche sociali dell Unione potrebbe, però, cambiare l attuale scenario offrendo nuovo materiale legislativo sovranazionale al lavoro della Corte, costretta, nel settore sociale, ad operare troppo spesso con il solo diritto antidiscriminatorio. D altro canto, non può non richiamarsi il dialogo tra le Corti come centrale in tale processo e come l evocazione del dialogo fa scaturire nuove domande: questa metafora, è ancora valida? E, soprattutto, è ancora attuale? Si può ancora parlare di dialogo quando l integrazione ha raggiunto un livello, così elevato, di intreccio e di forte compenetrazione di diritti e di pronunce, tanto da far pensare non più tanto al rapporto fra ordinamenti quanto, piuttosto, a un sistema giuridico integrato che consta della cooperazione in vista di un risultato comune? La questione, come è evidente, non è solo terminologica, ma concettuale e di sostanza. Il dialogo appare ormai categoria inadeguata a cogliere e rappresentare la rilevanza di quanto si sta realizzando. Si tratta non tanto di un capitolo chiuso, bensì superato, giacché la dimensione delle Corti dialoganti più sufficiente a descrivere quella complessa rete giurisprudenziale che, partendo da tanti piccoli giudici, si è estesa fino alla massima espressione giurisdizionale nazionale, quella espressa dalle Corti nazionali di legittimità, cui spetta il delicato compito di conciliare l inconciliabile (per usare l icastica espressione dell avvocato generale Poiares Maduro nelle conclusioni della causa Arcelor Atlantique et Lorraine). Non v è dubbio che senza i tanti piccoli giudici non avremmo avuto la grande giurisprudenza della Corte di giustizia, ma non si può negare che i casi di maggior rilievo di intervento dei giudici di Lussemburgo sono quelli che ruotano intorno al rinvio pregiudiziale e che provengono dalle Corti Supreme nazionali. Non più, dunque, soltanto perdurante sopravvivenza del dialogo, ma intrinseca e strutturale trasformazione. Il riferimento al dialogo, in combinato disposto con il corrispondente e altrettanto noto canone della tutela multilivello, pareva porre il giudice al riparo da operazioni rischiose o azzardate. Ma cerchiamo di penetrare l essenza del processo europeo, in corso di svolgimento, a livello giudiziario. Il dialogo (prima a distanza, poi ravvicinato) voleva sottolineare, soprattutto, la meritoria opera delle Corti che, per mezzo del rinvio pregiudiziale, hanno contribuito in maniera rilevante a costruire e fortificare l ordinamento dell Unione. Va tuttavia sottolineato che, già a partire dalla lontanissima Van Gend En Loos del 1963 (una vicenda apparentemente insignificante di dazi in tema di ureoformaldeide), con la inedita e rivoluzionaria prospettazione di un ordinamento sui generis, a favore del quale gli Stati membri rinunziavano, sia pure in settori limitati, alla propria sovranità, emerse la tendenziale centralità della persona e della necessità di sua tutela giurisdizionale, tendenza che diverrà compiuta in Costa c. Enel e Stauder: due piccole vicende, su rinvio pregiudiziale di piccoli giudici (tra cui 4

5 il giudice conciliatore di Milano), hanno fatto la storia della primazia del diritto dell Unione. È stato notato che, in materia di diritti fondamentali, ad un certo punto ci si è trovati con troppi sistemi (nazionale, convenzionale e dell Unione) e con troppe Carte (Carte fondamentali, CEDU, Carta di Nizza) e con troppe Corti (nazionali costituzionali e di legittimità, sovranazionali e convenzionali). Ma proprio per questo rischio di affollamento è utile il riferimento ad un minimo comun denominatore. Assunta la persona come centro dell ordinamento non solo degli Stati nazionali, ma della stessa Unione; chiarito (con Stauder e poi Internationale) che i diritti fondamentali sono in grado di traghettare l Europa dalla propria originaria finalità mercantile alla tutela di individui concreti, diventa quasi inevitabile il superamento del dialogo e l individuazione delle conseguenze che derivano dalla ricerca della massima espansione delle tutele. È questo il decisivo e alto contributo che storicamente contro lo scetticismo iconoclasta e populista che oggi rischia di minare le istituzioni dell Unione - va riconosciuto nella tutela dei diritti fondamentali della persona alla Corte di Giustizia, pur sempre in strettissimo contatto con i piccoli e grandi giudici nazionali. È su questo terreno che il dialogo si trasforma in integrazione, segnando il passaggio decisivo dalla tutela multilivello alla tutela integrata dei diritti. Si pensi per fare un solo esempio - alla sentenza Dhabi, dell 8 aprile scorso, con cui la Corte di Strasburgo ha condannato l Italia per mancato esercizio del rinvio pregiudiziale, sentenza divenuta definitiva per il decorso dei tre mesi senza che Governo abbia chiesto la sottoposizione della questione alla Grande chambre. Il rinvio pregiudiziale non crea più soltanto un rapporto unidirezionale fra giudice nazionale e Corte di giustizia. L affermazione della responsabilità dello Stato per violazione del diritto dell Unione non più solo da parte della Corte di giustizia (Francovich e Kobler), ma anche per statuizione della Corte europea dei diritti umani, sembra segnare in modo esplicito il passaggio dal dialogo tra le Corti all integrazione fra i sistemi nella ricerca della massima espansione possibile della tutela dei diritti e, segnatamente, della dignità della persona. L integrazione attraverso i diritti, per richiamare la nota espressione di Cappelletti, passa attraverso la centralità della persona, che muove da Stauder e Costa Enel per arrivare ai nostri giorni, trovando una delle sue più compiute espressioni nella recentissima sentenza n. 238/2014 della Corte costituzionale sui crimini di guerra. Il fulcro, il centro di tutte le tutele, è la dignità della persona: ponendo al centro dell ordinamento la persona e la sua tutela, ogni contrasto esistente o potenziale viene potenzialmente ricondotto a unità. Né, in questo processo, può preoccupare il paventato rischio di smarrimento dell identità costituzionale degli Stati membri. Deve tranquillizzarci proprio il canone della tutela più intensa : nella convergenza di Carte e Corti il punto più alto è quello rappresentato dalla tendenza (ormai ricorrente nella giurisprudenza della Corte di cassazione) di ognuna di esse ad avanzare o a recedere in applicazione del criterio della massima espansione delle tutele. In questo contesto, i progressi della cooperazione giudiziaria continuano a seguire un andamento altalenante, tra nuovi importanti strumenti a disposizione di giudici e pubblici ministeri europei sempre più abituati a relazionarsi direttamente come autorità di uno spazio di giustizia comune e costruzioni normative non sempre fluide nel loro funzionamento. Il maggior successo della legislazione europea nel settore della cooperazione giudiziaria penale - il mandato d'arresto europeo - è stato sottoposto ad un opportuno scrutinio in relazione alle sue conseguenze sul rispetto dei diritti fondamentali. E gli 5

6 operatori del diritto attendono le indicazioni della giurisprudenza della Corte di giustizia ormai competente anche in materia di cooperazione giudiziaria penale, e di verificare l efficacia della nuova direttiva sull'ordine di indagine penale europeo approvata nella primavera scorsa. La cultura giudiziaria comune dei magistrati europei e la necessità anche di standards ordinamentali comuni non è però sviluppata con la dovuta attenzione a livello europeo. Magistratura democratica, tramite Medel, di cui fa parte anche il Movimento per la giustizia, ha proseguito nelle sedi europee (come le Assises della giustizia organizzate dalla Commissione o i Consigli consultativi dei giudici e dei pubblici ministeri nel Consiglio d'europa) la sua azione di sensibilizzazione per una giustizia indipendente a garanzia dei diritti democratici e sociali dello Stato di diritto europeo, e per un modello di autogoverno effettivo e responsabile. Una prima attenzione della Commissione europea a questi temi si è realizzata con la pubblicazione dei Justice scoreboards 2013 e Nonostante il forzato e per certi versi bizzarro collegamento della misurazione dell'efficienza dei sistemi di giustizia in funzione della crescita economica, i temi della qualità, dell'indipendenza e dell efficienza dei sistemi di giustizia europea in permanente dialogo ed interazione tra loro sono ora oggetto di misurazione, comparazione, monitoraggio da parte delle istituzioni UE, in aggiunta alla costante raccolta di dati svolta dal CEPEJ, e la disseminazione dei dati consente confronti costruttivi e propositivi. Le situazioni di grave minaccia ai diritti fondamentali e allo Stato di diritto all interno dell Unione, che come nel caso dell Ungheria - hanno suscitato allarme per le gravi ricadute sull indipendenza dei sistemi giudiziari, hanno dato impulso al dibattito nelle istituzioni europee sull efficacia dei meccanismi di tutela dello Stato di diritto all interno dell Unione e sulla necessità di affrontare il cd dilemma di Copenaghen, mettendo in opera strumenti più efficaci di valutazione degli Stati membri in merito alla conformità ai valori fondamentali dell Unione e ai requisiti della democrazia e dello Stato di diritto, evitando di applicare due pesi e due misure nonché tenendo presente che tale valutazione deve essere fondata su una visione europea dei principi costituzionali e giuridici comunemente accettati ( risoluzione approvata dal Parlamento europeo il 3 luglio 2013). Con il nuovo meccanismo di tutela dello Stato di diritto, adottato dalla Commissione nel marzo 2014, sono stati compiuti alcuni significativi passi in questa direzione: si è definita una procedura complementare di preallarme, finalizzata a rilevare nella fase iniziale le situazioni di rischio, e a favorirne il superamento attraverso il dialogo con lo Stato membro interessato, rafforzando il ruolo della Commissione nel prevenire casi di minacce sistemiche ai valori fondamentali dell Unione; è stata elaborata una nozione condivisa,a livello europeo, di Stato di diritto, con esplicito richiamo ai principi della separazione dei poteri, della indipendenza dell ordine giudiziario, del controllo giurisdizionale effettivo, e dell eguaglianza dinanzi alla legge. L indipendenza dei sistemi giudiziari e l effettività della giurisdizione sono dunque componenti essenziali della visione europea dello Stato di diritto, che l Unione deve assumere a parametro di valutazione della continuità dell azione degli Stati membri con i criteri di Copenaghen. Riforme ed interventi con ricadute sui requisiti di indipendenza e di imparzialità di un sistema giudiziario non appartengono al dominio riservato del singolo Stato membro, ma riguardano l Unione nel suo complesso e ciascuno degli Stati che ne fa parte. 6

7 Come rappresentato da MEDEL durante le Assises de la Justice, senza la definizione di standards comuni e verificabili in ordine ai requisiti di indipendenza della giustizia, non può esistere reciproca fiducia tra i differenti sistemi giudiziari. L'associazionismo giudiziario ha quindi una dimensione europea credibile ed incisiva nella misura in cui riesce a riflettere le istanze di miglioramento del servizio giustizia che provengono dai cittadini. Si tratta di temi che non possono essere elusi, ad esempio, nel dibattito sull istituzione del Pm europeo, finalizzato allo stato alle investigazioni su basi unitarie dei delitti contro gli interessi finanziari dell'unione, e potenzialmente in grado, secondo i Trattati, di estendere il suo ambito di competenza alle aree del terrorismo e della criminalità organizzata. Le difficoltà di e le resistenze contro la realizzazione di un simile organismo europeo, che si sta orientando verso una anomala struttura collegiale ed una doppia rappresentanza (degli interessi europei e degli interessi nazionali) dei suoi componenti non devono comunque porre in secondo piano la delicatezza dei profili di autonomia dei magistrati che vi opereranno. Si tratta, tra l'altro, di individuare regole comuni in parte valide per tutti i sistemi giudiziari europei. L'associazionismo giudiziario deve rivendicare e mantenere il proprio ruolo anche nel processo di allargamento dell'unione europea. Un processo che, dopo la formidabile inclusione di 13 nuovi Stati membri nell'ultimo decennio, che ha radicalmente mutato la geografia e la configurazione istituzionale dell'unione, rimane per certi versi spurio ed incompiuto, per molti motivi, tra cui le difficoltà di completare il processo nell'area balcanica e l'atteggiamento di chiusura e rinvio sine die dell'apertura alla Turchia. Le difficoltà del processo di allargamento sono senza dubbio molto complesse, ma la costruzione della fortezza europea o di una grande muraglia ai confini attuali contrasta con lo spirito di integrazione ed inclusione che ha consentito il mantenimento della pace tra i paesi europei nel dopoguerra e lo sviluppo di un sistema di relazioni e di interconnessioni che ha davvero abbattuto le frontiere da Lisbona a Varsavia, dalla Sicilia alla Scandinavia. Le terribili sfide di politica estera che provengono dai confini orientale e mediterraneo dell'unione ed il dramma dell'immigrazione politica ed economica che si consuma quotidianamente nel Mar Mediterraneo rendono improcrastinabili politiche di ampio respiro, che solo un'europa federata e politicamente integrata è in grado di affrontare. La clamorosa bocciatura della Corte di giustizia di Lussemburgo al progetto di adesione dell'ue alla CEDU in esito a complessi negoziati potrà incidere nell'attuazione della chiara disposizione in proposito dei Trattati e dovremo vedere in che modo si reagirà a tale battuta d arresto. Tuttavia, la ricerca dell'equilibrio tra le relazioni tra le Corti di Lussemburgo e di Strasburgo ed una certa difficile intelligibilità di alcune decisioni adottate dalle Corti internazionali e sovranazionali non devono tradire lo spirito della piena attuazione dei principi dello Stato di diritto/rule of Law in Europa e della piena protezione dei diritti fondamentali garantita da tutti gli organi di giustizia, centrali e territoriali. 7

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209

Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209 Documentazione per le Commissioni ATTIVITÀ DELL'UNIONE EUROPEA Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209 7 marzo 2012

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione

Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione Costituzione e federalismo: le ragioni di una trasformazione (Giuseppe Duso) Dal momento che l incontro di oggi vuol essere innanzitutto un omaggio alla costituzione e al ruolo che essa ha avuto nell uscire

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

"Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi"

Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi Convegno "Populismi e democrazia in Europa" Vicenza, 31 gennaio 2014 "Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi" PERCHÉ L'EUROPA IN ORIGINE? E' pensiero comune credere che i padri fondatori dell'unione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Corte. dei Diritti DOMANDE ITA?

Corte. dei Diritti DOMANDE ITA? Corte Europea LA CEDU dei Diritti dell Uomo IN 50 DOMANDE ITA? AN COURT OF HUM La CEDU in 50 Domande A cura del Servizio Pubbliche Relazioni della Corte, questo documento, non vincolante per la Corte,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI

UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRTI FONDAMENTALI MARZO 2010 30.3.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 83/1 T U E VERSIONE CONSOLIDATA T F U E DEL TRATTATO SULL'UNIONE EUROPEA E

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

Gazzetta ufficiale. Comunicazioni e informazioni

Gazzetta ufficiale. Comunicazioni e informazioni Gazzetta ufficiale dell Unione europea ISSN 1725-2466 C 83 Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 53 o anno 30 marzo 2010 Numero d'informazione Sommario Pagina 2010/C 83/01 Versione consolidata

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA

INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA E CRESCITA DEL PAESE Rapporto con raccomandazioni L IMPATTO DELL UNIONE EUROPEA E DEGLI ORGANISMI INTERNAZIONALI: CASI ED ESPERIENZE Marina Caporale Testo in corso di revisione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014)

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) 1. Il sindacato di legittimità costituzionale di una legge dello Stato che dà esecuzione a norme internazionali pone sempre

Dettagli

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza Italiana iglio dell unione Europea 2014 Presidenza Italiana iglio ne Europea 1 Luglio - 31 Dicembre 2014 EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli