FONDAZIONE SPE SALVI - Università Cattolica del Sacro Cuore

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAZIONE SPE SALVI - Università Cattolica del Sacro Cuore"

Transcript

1 FONDAZIONE SPE SALVI - Università Cattolica del Sacro Cuore 1) PROGETTO «HOPE AND HARD WORK» Il progetto ha lo scopo di rafforzare, migliorare ed ampliare lo schema di microcredito Wekembe in Uganda. 2) DURATA La durata del progetto può essere distinta in due fasi: I) ottobre 2008-dicembre 2009 II) gennaio 2010-dicembre ) ANALISI DEI BISOGNI E DELLE PROBLEMATICHE Situazione Economica in Uganda L Uganda è uno dei paesi più poveri al mondo. Nel 2007 il reddito pro-capite era di 340US$ l anno. L aspettativa di vita alla nascita è di circa 50 anni e la crescita della popolazione è intorno al 3.2%, rimanendo uno dei tassi più alti al mondo. Secondo l Indice di Sviluppo della Banca Mondiale del 2002, il 55% della popolazione ugandese vive con meno di 2$ al giorno. La disoccupazione fa sì che un numero sempre crescente di persone sia spinta ad impegnarsi in attività economiche che possano generare un reddito quantomeno sufficiente. Con gli uomini che fanno sempre più fatica a supportare le proprie famiglie, un numero sempre maggiore di donne di città e di periferia entra nel mercato del lavoro per cimentarsi in diversi settori, variando principalmente dal piccolo commercio alla fornitura di servizi e, in alcuni casi, persino alle attività manifatturiere su scala significativa. La maggior parte di queste attività viene espletata nell informal sector che, secondo le ultime stime, comprenderebbe l 80% dell occupazione attuale di Kampala (Wright et al 1999a). Come risultato del self-employment, il settore privato ugandese è dominato da micro e piccole imprese (MPI). Secondo diversi studi, circa l 80% di tutte le piccole aziende ricadono sotto la 1

2 categoria di MPI e solo attorno al 10% possono essere classificate come grandi aziende con vendite superiori ai US$. Micro e piccole imprese forniscono il lavoro al maggior numero di persone in Uganda. Il settore delle piccole imprese copre il 90% degli impieghi nei settori non agricoli. Microcredito L idea di microcredito nasce dall ampliamento di piccolissimi prestiti (microloans) rivolti agli imprenditori poveri e a quegli active poor che non vengono considerati bankable. Questi individui mancano di una garantita e verificabile storia creditizia e perciò non possono soddisfare i requisiti minimi per ottenere accesso alle forme tradizionali di credito. Il microcredito è una parte della microfinanza che consiste nel fornire una più grande varietà di servizi di prestito agli active poor. Si tratta di un innovazione finanziaria che ha avuto origine in Bangladesh dove ha dato la possibilità a persone meno abbienti di cimentarsi in progetti di lavoro autonomo, in grado in molti casi di generare reddito e produrre ricchezza. Grazie al successo del microcredito, in molti nel settore dell industria bancaria tradizionale hanno iniziato a comprendere che i beneficiari avrebbero dovuto essere più correttamente classificati come pre-bankable; pertanto il microcredito sta acquistando credibilità in modo crescente nel mainstream dell industria finanziaria e molte organizzazioni finanziarie tradizionali stanno valutando la possibilità di iniziare progetti di microcredito come fonte di crescita futura. Il modello di microcredito offre le seguenti tutele ai finanziatori che altrimenti non avrebbero garanzie sulle quali basare i prestiti concessi. Citiamo le seguenti garanzie poiché sono presenti nel progetto che stiamo presentando: Prestiti di gruppo Prestiti iniziali ridotti Rate a breve termine Risparmi obbligati Funzionari locali che si occupano dei prestiti: Microcredito in Uganda a) aiutano concretamente i beneficiari che spesso non sono istruiti b) hanno le capacità per valutare i rischi e controllano che il prestito venga restituito Il sistema di microcredito non è un fenomeno nuovo in Uganda. Per 20 anni ha operato in tutto il paese con diversi gradi di successo. Le istituzioni si sono trasformate da semplici prestatori a Istituzioni di Microfinanza (IMF) in grado di ricevere ed amministrare versamenti e offrire dei servizi finanziari migliori ai propri clienti. Nelle aree dove queste istituzioni hanno avuto successo gli affari sono fioriti e i risparmi individuali sono aumentati. Nell ultima decade l importanza del microcredito in Uganda è aumentata e questo è ora visto come il più efficace strumento per contrastare la povertà nel paese. La forte fiducia nel microcredito 2

3 deriva dal fatto che il fondo per il prestito agli active poor può contribuire alla riduzione della loro povertà e, al tempo stesso, superare con successo il test della sostenibilità. Esso riconosce l importanza dell informal sector come fonte di occupazione e di reddito per gli active poor della società e di conseguenza diventa un potenziale strumento di riduzione della povertà. Le condizioni nelle quali l industria del microcredito ugandese si sta sviluppando negli ultimi anni possono essere generalmente descritte come favorevoli. Esse includendo: sicurezza macroeconomica, istituzioni forti e competenti, professionisti e donatori impegnati per la buona riuscita dell attività, Istituzioni di Microfinanza con alleanze internazionali ed un governo collaborativo. Il successo del microcredito ha spinto le banche commerciali a considerare questa opzione. Esiste già una banca commerciale che fornisce servizi di microfinanza (Centenary Bank), e altre si stanno adoperando per seguirne l esempio. Lo schema di Microcredito Wekembe Wekembe significa lavorare sodo per creare una certa condizione. Iniziato dal vescovo della diocesi cattolica di Luwero nel 2001, lo scopo primario del progetto di microcredito Wekembe è di fornire accesso a servizi finanziari alle donne povere per permettere loro di migliorare la qualità di vita delle loro famiglie. Wekembe focalizza i suoi sforzi sulle donne poiché, prestando ad esse, si pensa di portare beneficio a tutta la famiglia e di rafforzare il ruolo della donna nella società. In aggiunta, come in molte altre parti del mondo, le donne si sono dimostrate repayers più affidabili. Wekembe ha indiscutibilmente permesso ai suoi membri di migliorare la propria condizione socioeconomica e ha iniziato a creare una nuova cultura del risparmio. Questa nuova stabilità finanziaria ha dato ai propri beneficiari un più consistente accesso a una migliore assistenza sanitaria, a migliori strutture abitative e a migliori pratiche agricole. Wekembe sta fornendo servizi a circa utenti (C. WAVAMUNNO, Linkage Banking, Agosto 2007) nelle 3 diocesi di Kampala, Kasana, Luwero e Lugazi. La domanda di servizi finanziari in queste diocesi e nel resto del paese rimane tuttavia per la maggior parte insoddisfatta, lasciando molti active poor senza accesso ai servizi finanziari. C è quindi bisogno di rafforzare lo schema di microcredito Wekembe per creare le condizioni che permettano: - L espansione geografica e il consolidamento, così che più utenti possano avere acceso ai servizi finanziari - Miglioramento e diversificazione dei prodotti con lo scopo di poter andare incontro alle diverse esigenze di una più ampia base di utenza - Training e sviluppo delle risorse umane per rafforzare il sistema di amministrazione interna così come per migliorare le capacità e aumentare il numero degli agenti di prestito. 3

4 4) IL PROGETTO Il progetto Hope and Hard Work consiste in 2 principali approcci per affrontare i bisogni operativi del piano di microcredito Wekembe, così da aumentarne l utilità per i poveri che hanno intenzione di avviare un attività e per ampliare la sua presenza nell arcidiocesi di Kampala: Sintesi a) Capacity building: il progetto si propone di identificare quegli obiettivi strategici primari che rapresentano il miglior passo da compiere per lo sviluppo e la crescita di Wekembe. Questa analisi verrebbe condotta dall Università Cattolica insieme al personale amministrativo di Wekembe. Il profilo del nostro studio è presentato nell allegato 1 di questa proposta. I risultati di questa ricerca saranno poi seguiti da una campagna di fund raising in Italia, con lo scopo di accrescere i capitali necessari per supportare i nostri obiettivi b) Educational: in questo progetto ci proponiamo di sostenere lo sviluppo della capacità operativa del progetto Wekembe attraverso l educazione e la formazione del personale amministrativo, con particolare attenzione alla crescita professionale dei nuovi agenti di prestito. Questi, dopo il completamento della loro formazione, saranno in grado di assumere incarichi presso le parrocchie dell arcidiocesi di Kampala per promuovere il piano di microcredito Wekembe, valutare i potenziali beneficiari e monitorare il ciclo del prestito dal momento in cui esso viene richiesto, alla sua restituzione, fino alla nuova richiesta di finanziamento. Situazione Risposta I poveri con una propria attività avviata hanno poco accesso agli Servizi di microcredito strumenti finanziari in grado di consentire un ampliamento di questa, di fornire al contempo un educazione adeguata ai propri figli e migliorare le condizioni delle proprie abitazioni I progetti di microcredito in Uganda necessitano di organizzazioni Wekembe, piano di credibili e stabili che possano servire la popolazione microcredito proposto dalla diocesi di Kampala Wekembe ha contemporaneamente bisogno di capitali e competenze in Progetto Hope and Hard grado di favorire un ampliamento dei propri servizi e la capacità di Work offrire una più vasta gamma di prodotti 4

5 5) LISTA DEI PARTNERS E AMMINISTRAZIONE Arcidiocesi di Kampala e Caritas Uganda - Arcivescovo Cyprian Kizito Lwanga, Arcivescovo di Kampala, presidente della Caritas Uganda, fondatore del progetto di microcredito Wekembe e benefattore della Uganda Martyrs University. Sarà il supervisore del progetto assicurando che tutti gli aspetti siano conformi alla vision, agli obbiettivi e agli statuti delle organizzazioni che sono sotto la sua responsabilità. I suoi collaboratori sono: - Mr. Leo Kibirango (ex amministratore della Bank of Uganda) - Mrs. Gertrude Kimbowa Lutaya (esperta di finanza e amministrazione, impiegata presso la Centenary Bank) - Ms. Maria Gorette Karuhanga (consulente legale) - Ms. Sarah Kiggundu (capo di Women Mobiliser) - Ms. Vicky Lukwago (esperta di microcredito e coordinatrice del programma Wekembe) Uganda Martyrs University - Dott. Charles Olweny, rettore della Uganda Martyrs University supervisionerà la progettazione e l attuazione dei corsi per la formazione degli agenti di prestito in collaborazione con l Università del Sacro Cuore. - Prof. Fr. Edward Ssemwogerere, capo del dipartimento di microfinanza, sarà controparte scientifica del prof. Marco Oriani di ALTIS e responsabile dello sviluppo e dell attuazione del corso per la formazione degli agenti di prestito offerto dalla due università. ALTIS, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano - Prof. Mario Molteni: supervisione generale del valore e della qualità degli aspetti scientifici e operativi del progetto. - Prof. Marco Oriani: supervisione scientifica e valutazione della strategic analysis e del livello di capacità realizzativa come anche del contenuto del corso per ciò che riguarda la formazione. - Dott. Simone Rossi: lavorando sotto la supervisione del prof. Oriani, farà da collegamento scientifico tra l Università Cattolica e l Uganda Martyrs University per lo sviluppo e l attuazione del Microcredit Loan Officer Training Program. - Dott. Lazarus Mukasa: lavorando sotto la supervisione del prof. Oriani, condurrà un analisi e stenderà un piano strategico per capire le possibilità di realizzazione del progetto. - Dott. Frank Cinque, Project Manager: coordina gli aspetti operativi della progettazione e il funzionamento degli espetti realizzativi ed educativi del progetto. 5

6 6) OBIETTIVO GENERALE L obiettivo generale è quello di rafforzare il progetto di microcredito Wekembe per renderlo un più efficace e stabile strumento per il miglioramento dell economia, degli alloggi e della condizione educativa in cui versano gli abitanti della diocesi di Kampala, con particolare attenzione a: Aumento della qualità e sicurezza degli alimenti Miglioramento delle condizioni sanitarie e dell accesso alle cure mediche Riduzione dell economic gender balance creato dal conferimento di potere alle donne. Agevolazioni per la costruzione e lo sviluppo delle case Incentivazione di una cultura del risparmio Finanziamento di nuovi programmi per la lavorazione ed il commercio di generi alimentari Aumento generale delle entrate familiari L obiettivo è quello di creare le condizioni per cui il progetto si possa muovere in completa autonomia, prima di tutto sostenendo i costi delle operazioni e le sue attività di prestito con le rendite che esso genera e in secondo luogo iniziando a ricevere versamenti e amministrando libretti di risparmio. 6

7 7) OBIETTIVI SPECIFICI Gli obiettivi specifici del progetto sono i seguenti: Formazione di nuovi agenti di prestito: educare almeno 75 nuovi agenti di prestito, molti dei quali saranno direttamente messi al lavoro per l ampliamento del progetto di microcredito Wekembe Ampliamento geografico di Wekembe: espandere il raggio d azione degli attuali 12 agenti di prestito inserendone almeno 1 per ciascuna delle 51 parrochie dell arcidiocesi di Kampala. Il tasso di espansione sarà di 15 parrocchie all anno Ampliamento dell offerta: aumentare il numero dei prodotti che Wekembe offre ai suoi clienti partendo dal semplice supporto di piccole attività fino alla progettazione di abitazioni e all educazione ai prestiti come a qualsiasi altro servizio identificato dalla strategic analysis iniziale Sviluppo operativo: migliorare l efficienza operativa del progetto sostenendolo con le necessarie infrastrutture e strumenti manageriali come individuati nell iniziale studio strategico (ad esempio: sussidi ai salari, sviluppo di software e hardware, apprendimento di un attività) 7

8 8) ATTIVITÀ A. Capacity building Strategic analysis: condurre uno studio sullo stato operativo attuale del progetto Wekembe isolando i suoi bisogni e mettendo in evidenza le potenziali aree di crescita e sviluppo. Questo studio sarà condotto principalmente dal dott. Mukasa in collaborazione con lo staff di Wekembe e sotto la supervisione del prof. Marco Oriani. Piano stategico: formulare, insieme alla direzione e ai membri di Wekembe, un piano quinquennale per lo sviluppo delle operazioni e dei prodotti del progetto, focalizzandosi su quegli elementi che meglio rispondono ai bisogni dei clienti e alle capacità del progetto stesso. Campagna di fund raising: presentazione del piano strategico ai potenziali donatori in Italia. Afflusso di capitali: stanziamento di capitale per i prestiti e miglioramenti operativi in accordo con le priorità identificate mediante il piano strategico. B. Istruzione Modello del corso: ALTIS e il dipartimento di microfinanza della Uganda Martyrs University intendono dar vita ad un corso semestrale in stretta collaborazione con l arcidiocesi e il progetto Wekembe, con lo scopo di formare professionisti di microcredito con le qualifiche necessarie per diventare agenti di prestito e far ingresso nelle operazioni. Ecco un profilo della prima edizione: Titolo: The Microcredit Loan Officer: Practical Preparation Requisiti per gli studenti: Laurea di primo livello o, almeno, 3 anni di preparazione universitaria in economia Ore di lezione: 150 Numero di studenti: 15 Contenuto: il corso sarà costruito a partire dall esperienza di insegnamento a distanza del programma di Micro Finance and Community Economic Development della Uganda Martyrs University e dalla competenza dei professori di finanza di ALTIS. Segue una lista provvisoria di materie che andrebbero a costituire il corso: a) Visione storica dell amministrazione di micro-prestiti nel continente africano b) Credit Risk Management (valutazione) c) Credit Risk Management (II) (Portfolio & Delinquency Management) d) Gli agenti di prestito (competenze, etica, professionalità e sfide) e) La contabilità nella microfinanza f) Verifica del bilancio & Controllo g) Diversificazione del prodotto h) Monitoraggio del rendimento i) New technologies & Microfinanza (MIS & Reporting) j) Marketing (attenzione al cliente, relazioni e servizi) k) Analisi finanziaria (metodi di recupero del prestito) l) Gestione delle risorse umane (rapporto con il lavoratore) 8

9 m) Politiche organizzative e procedure per i prestiti nel microcredito La definizione di un programma specifico dei corsi e la successiva identificazione dei professori avverrà nel periodo ottobre-dicembre Attuazione del corso: il progetto prevede che la prima edizione del corso si terrà nel campus della Uganda Martyrs University, da marzo a luglio La classe sarà costituita da studenti selezionati per servire i bisogni di espansione e sviluppo del piano Wekembe. Quest ultimo avrà un ruolo diretto nella selezione dei candidati, sostenuti da una borsa di studio che coprirà l 85% della retta. La prima edizione potrebbe anche includere agenti di prestito attualmente impiegati da Wekembe che desiderano approfondire le proprie abilità e conoscenze. Inserimento di nuovi agenti di prestito: coloro che avranno completato con successo il corso saranno abilitati a contribuire all espansione di Wekembe, in accordo con il piano strategico sviluppato nella fase di capacity building del progetto. Dal momento che Wekembe parteciperà direttamente alla selezione degli studenti, l introduzione dei nuovi agenti di prestito nelle realtà locali (parrocchie) dove questi lavoreranno potrebbe iniziare prima del completamento del corso. Nella seconda fase del progetto (gennaio 2010-dicembre 2015) il corso e l inserimento degli agenti di prestito avverrà su base annuale. 9

10 9) BUDGET Vedi allegato 2 10

11 10) SOSTENIBILITÀ Sostenibilità finanziaria Il progetto proposto si pone come obiettivo quello di espandere il capitale del piano Wekembe, rendendolo capace di ampliare le sue operazioni sia dal punto di vista del numero di clienti serviti sia da quello della gamma dei prodotti finanziari offerti. L aumento delle operazioni permetterebbe di cogliere i benefici delle economies of scale e di raggiungere la sostenibilità finanziaria coprendo i costi operativi delle attività di prestito con il profitto che il progetto genererebbe. Grazie all ampia gamma di prodotti e all ipotetico aumento dei prestiti, uniti ad una maggior professionalità, le entrate dei beneficiari aumenteranno, permettendo a questi ultimi di accumulare risparmi. Questo permetterebbe a Wekembe di iniziare a ricevere versamenti e a gestire libretti di risparmio. Wekembe avrebbe inoltre accesso a fonti economiche di finanziamento, che darebbero la possibilità aumentare l outreach. Si pensa alla campagna di fund raising e all aggiunta di nuovi capitali dopo la fine del progetto, non sottoforma di donazioni, ma come prestiti semplici o filantropici offerti dai partner desiderosi di concedere prestiti a interessi zero (o prossimi allo zero). La possibilità di autorizzare la concessione di prestiti in maniera diretta alle persone bisognose sarà comunque valutata. I profili dei beneficiari potranno essere compilati e trasferiti sul sito di Wekembe, diffusi presso potenziali partners così che i prestatori possano diventare soggetti attivi nel processo. Sostenibilità delle risorse umane Le persone sono un elemento chiave nel rendere i progetti sostenibili. Si prevede che Wekembe possa continuare a collaborare con la Uganda Martyrs University per formare nuovi ufficiali di prestito anche dopo la fine del progetto. Questi saranno persone del luogo, motivate e appassionate all apprendimento. Ciò assicurerà la sostenibilità perché Wekembe avrà un gruppo composto da personale locale ben formato nella gestione del rischio e nell analisi finanziaria. Sostenibilità di mercato Il progetto assicurerà la disponibilità di una vasta gamma di prodotti finanziari ai clienti. Progettando offerte che si adattano ai bisogni dei clienti, si sarà certi che questi rimangano con Wekembe, senza il pericolo che si ritirino. 11

12 La creazione di una potenziale collaborazione tra Wekembe e i suoi clienti contribuirà direttamente alla sostenibilità del programma. 12

13 11) CONTROLLO DELLA QUALITÀ, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Il progetto Monitoring and Evaluation (M&E) garantirà che il progetto si impegni ad attuare un controllo continuo per creare azioni reattive, correttive e tese al miglioramento. Il monitoraggio prenderebbe la forma di un report trimestrale che includa i dettagli delle attività del progetto e offrirebbe misure di outreach, efficienza, portfolio quality e impatto sociale. I risultati saranno poi divulgati ai beneficiari, allo staff e ai donatori per facilitare il coordinamento del progetto, promuovere il coinvolgimento di maggiori clienti, garantire trasparenza e migliorare l attuazione. Il monitoraggio e la valutazione del processo saranno eseguiti sulle base del piano d azione concordato. Un esempio di possibili indicatori di impatto sociale potrebbe essere: Obiettivo Indicator of Progress Come saranno misurati gli indicatori Accrescere la sicurezza Numero di pasti al giorno; numero di prestiti Ricerche a campione alimentare agricoli emanati; quantità di cibo nei magazzini; surplus di cibo venduto Accrescere lo stato di salute Ricerche a campione Economic gender balance Numero di donne beneficiarie Dati Wekembe Accrescere le condizioni delle unità abitative Inculcare una cultura del risparmio Implementare nuovi programmi per il marketing e l industria alimentare Accrescere gli introiti familiari complessivi Formare i funzionari di prestiti - numero di prestiti concessi per il miglioramento delle abitazioni - cambiamenti delle condizioni delle unità abitative degli assistiti Numero di risparmiatori Ease of accessing markets Introiti per famiglia Numero di funzionari di prestito formati - Dati Wekembe - Ricerche a campione Dati Wekembe Ricerche a campione Ricerche a campione Dati Wekembe La valutazione dell impatto verrà effettuata attraverso delle interviste ai clienti usando la tecnica nota come Participatory Rural Appraisal (PRA - Valutazione Rurale Partecipativa). Questa tecnica prevede incontri con gli assistiti per raccogliere dati quantitativi e qualitativi sui vari aspetti connessi al progetto del microcredito, includendo le condizioni di vita prima e dopo il microcredito, gli obiettivi futuri e le aree di possibile sviluppo. 13

14 12) PRESUPPOSTI E RISCHI Presupposti del progetto I presupposti per il nostro progetto sono basati sull efficacia storica del microcredito e la provata esperienza dei partner locali. Possono essere così sintetizzati: Rischi Il microcredito ha dimostrato di essere uno strumento efficace e sostenibile per la crescita economica degli active poor L Uganda e le sue istituzioni di governo favoriscono e supportano la creazione di progetti di microcredito La storia di 7 anni di Wekembe è prova di un organizzazione stabile, ben radicata nella comunità locale e capace di estendere i suoi outreach Lo stretto legame di Wekembe con l arcidiocesi e il suo arcivescovo dà una forte credibilità sia con i nuovi potenziali clienti che con i donatori La Uganda Martyrs University ha il pieno supporto della Chiesa Cattolica ugandese, una storia di 15 anni di eccellenza accademica ed esperienza nella preparazione di professionisti di microcredito Il settore privato ugandese non è soltanto affetto da un insufficiente accesso ad appropriati servizi finanziari. Altri ostacoli alla crescita economica includono: un inadeguata fornitura dei servizi fondamentali, un sistema giuridico commerciale poco funzionante, un alto livello di corruzione, un insufficiente sistema di gestione delle tasse, scarsa regolamentazione in un quadro istituzionale generalmente debole. In questo modo gli investimenti nel settore privato rimangono bassi, attualmente stimati intorno al 13% del prodotto interno lordo, di molto sotto la media sub-sahariana del 20% (MFPED 2000; Wong 1999). Una delle sfide più importanti per il settore del microcredito in Uganda è l alto tasso di rinunce, probabilmente dovute al fatto che i clienti non sono soddisfatti dei prodotti offerti. Infatti, uno sguardo più attento alle metodologie rivela che i prodotti della maggioranza di fornitori di microfinanza sono molto simili tra loro e non sono adeguati ai bisogni specifici dei differenti gruppi di clienti. Accanto a questi rischi ci sono altre variabili che possono presentare un ostacolo alla buona riuscita del progetto: Incertezze climatiche che potrebbero influenzare la produzione agricola Imprevedibili fluttuazioni dei prezzi per quanto riguarda i prodotti agricoli che potrebbero ostacolare la capacità di rimborso da parte dei beneficiari dei prestiti agricoli La politica del governo sul microcredito potrebbe cambiare 14

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM

SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM SEDE DI HANOI Iniziativa SUPPORTO ALL OCCUPAZIONE E ALL INCLUSIONE SOCIALE NELLE SCUOLE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DEL VIETNAM - Missione di formulazione TERMINI DI RIFERIMENTO I. Informazioni generali

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Direzione e gestione delle scuole paritarie degli Istituti Religiosi

Direzione e gestione delle scuole paritarie degli Istituti Religiosi ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CORSO DI ALTA FORMAZIONE Direzione e gestione delle scuole paritarie degli Istituti Religiosi Università Cattolica del Sacro Cuore Milano, 8 novembre 2014-18 luglio 2015 In

Dettagli

Direzione e gestione delle scuole paritarie degli istituti religiosi

Direzione e gestione delle scuole paritarie degli istituti religiosi CORSO DI ALTA FORMAZIONE Direzione e gestione delle scuole paritarie degli istituti religiosi Per le scuole di istituti religiosi e altri enti II edizione Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore 12

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

A.I.N.I. Associazione Imprenditoriale della Nazionalità Italiana Udruga Poduzetnika Talijanske Narodnosti

A.I.N.I. Associazione Imprenditoriale della Nazionalità Italiana Udruga Poduzetnika Talijanske Narodnosti L AINI ( ) è un Associazione di artigiani e di piccole e medie imprese appartenenti ai diversi settori merceologici i cui proprietari sono appartenenti alla Comunità Nazionale Italiana in Croazia (CNI),

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO?

DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO? DONNE E IMPRESA: UN BINOMIO DI SUCCESSO IN ITALIA E NEL MONDO? Strumenti per lo sviluppo dell imprenditorialità femminile: dalla microfinanza al venture capital Intervento di Simona Lanzoni 20 MARZO 2013

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Professione Welfare Gestione e sviluppo del welfare in azienda Milano - II edizione Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società 6 giornate di lezione

Dettagli

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010-2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini - Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Il microcredito Ma i poveri risparmiano? Si osservi la seguente tabella (ripresa dal sito www.manitese.it) Popolazione

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: REFERENTE: RESPONSABILITÀ DI GESTIONE: RESPONSABILITÀ DI BUDGET: TIPOLOGIA DI CONTRATTO: DURATA: SALARIO DI RIFERIMENTO RAL 24.000 26.000

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Codice di Condotta per i Contratti a Prestazione Energetica Garantita (EPC) Italy

Codice di Condotta per i Contratti a Prestazione Energetica Garantita (EPC) Italy (EPC) Italy Il Progetto Transparense Questo documento è stato redatto nell ambito del progetto Transparense - Aumentare la trasparenza dei Mercati Energetici, sostenuto dal programma Europeo Intelligent

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali VII edizione 13 marzo - 3 luglio 2015 Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS, Alta Scuola Impresa

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

DIRITTO AL FUTURO. Bamboccioni a chi?

DIRITTO AL FUTURO. Bamboccioni a chi? DIRITTO AL FUTURO Bamboccioni a chi? Diritto al futuro è un insieme di azioni del Ministero della Gioventù rivolte alle nuove generazioni, sui temi del lavoro, della casa, della formazione e dell autoimpiego.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 10 GIORNATE DI AULA E 3 MESI IN AZIENDE INNOVATIVE 1

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio. Monica Rivelli

I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio. Monica Rivelli I programmi della Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Monica Rivelli La Fondazione per l educazione finanziaria e al Risparmio La costituzione della Fondazione per l Educazione Finanziaria

Dettagli

Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009

Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009 Corso di alta formazione Project manager nelle organizzazioni non profi t e nelle imprese sociali III edizione 13 novembre 2008-23 gennaio 2009 Un corso innovativo per far crescere le organizzazioni non

Dettagli

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT Facoltà di Economia Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere Corso di Master Universitario Interfacoltà di primo livello in INTERNATIONAL HR MANAGEMENT Programma Aziende Partner 1 Il Master

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Corso introduttivo a International MBA (in Inglese)

Corso introduttivo a International MBA (in Inglese) Indice: Corso introduttivo a International MBA (in Inglese) Mini MBA in Ristorazione e Catering Mini-MBA in International Business (in Inglese) Mini MBA in Business Management per Artisti e Creativi Mini

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

LINEE-GUIDA. per il. Premessa

LINEE-GUIDA. per il. Premessa LINEE-GUIDA per il Regolamento ministeriale sulla struttura e sul funzionamento dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) Premessa La legge di istituzione

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012

Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012 Microfinanza e sviluppo Presentazione nell ambito del seminario FAO del 10-10-2012 Laura Viganò University of Bergamo Italy Research Center on International Cooperation Lo sviluppo economico Livello macro:

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Convegno Microcredito in Emilia-Romagna: le esperienze a confronto 21 maggio 2010, Bologna Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Nadia Bosi Responsabile Ufficio Sviluppo BCC Castenaso I poveri sono

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

IL PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI CORSO DI ALTA FORMAZIONE

IL PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE IL PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS, Alta Scuola Impresa e Società Via San Vittore 18 20123 Milano

Dettagli

Corso di Alta Formazione. PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione

Corso di Alta Formazione. PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione Corso di Alta Formazione PROJECT MANAGER NELLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT E NELLE IMPRESE SOCIALI IV edizione Un corso innovativo per far crescere le organizzazioni non profit e le imprese sociali Università

Dettagli

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RURAL trainer REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell agricoltura e riforma agro-pastorale RURAL trainer il progetto che sostiene le giovani imprese agricole della

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI CORSO 2011-2013 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE E LOGISTICA, MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI La tecnica per crescere CON IL PATROCINIO DI PIACENZA L Istituto Tecnico Superiore

Dettagli

Report sulla sostenibilità di Foodvivia #1: un format dal ricco ripieno

Report sulla sostenibilità di Foodvivia #1: un format dal ricco ripieno Report sulla sostenibilità di Foodvivia #1: un format dal ricco ripieno Indice Introduzione pg2 Il contesto. pg2 Il format... pg2 La location... pg2 Ruoli... pg2 Politica dello sviluppo sostenibile pg2

Dettagli

Corso di Alta Formazione per addetti e responsabili amministrativi degli enti non profit

Corso di Alta Formazione per addetti e responsabili amministrativi degli enti non profit Corso di Alta Formazione per addetti e responsabili amministrativi degli enti non profit Aspetti legali, fiscali, bilancio, controllo e 231 Milano, 28 maggio 2 ottobre 2015 La partecipazione al corso attribuisce

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Certificazione per i Partner di canale di Axis

Certificazione per i Partner di canale di Axis Axis Communications Academy Certificazione per i Partner di canale di Axis Il nuovo requisito per i Partner esperti di soluzioni è anche uno dei loro maggiori benefici. Axis Certification Program lo standard

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca permettono

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Con il patrocinio del Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA 335

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con:

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con: Diritto Tributario Master Universitario di secondo livello Facoltà di Economia III edizione Anno Accademico 2013/2014 In collaborazione con: L Università Cattolica del Sacro Cuore attiva per l anno accademico

Dettagli

Perfare MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI

Perfare MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI Perfare Perfare Percorsi aziendali di formazione e assistenza operativa MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI Costruire un piano di azioni concrete per ottenere il massimo valore dall attuale

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ RASSEGNA STAMPA - 16 aprile 2010 Tratto da San Marino Notizie www.sanmarinonotizie.com A San Marino la prima Unione Mondiale delle Piccole e Medie Imprese 14/04/10 17:29 [c.s.] San Marino ospita la prima

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli