A.S. 2012/2013 L assistenza agli allievi disabili negli Istituti scolastici del Distretto di Levante Dati di attività. Scenario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.S. 2012/2013 L assistenza agli allievi disabili negli Istituti scolastici del Distretto di Levante Dati di attività. Scenario"

Transcript

1 COMUNE di FIORENZUOLA d ARDA d Settore Socio Educativo A.S. 212/213 L assistenza agli allievi disabili negli Istituti scolastici del Distretto di Levante Dati di attività. Scenario Dr. FRANCESCO NEGROTTI Responsabile Ufficio di Piano Distretto di Levante PROVINCIA di PIACENZA Settore Sistema scolastico ed educativo Istruzione e Università. Servizi alla persona e alla comunità Seminario sull'integrazione scolastica degli alunni disabili. Piacenza,29 gennaio 213

2 Piano della Presentazione Dati di sfondo Tendenze di scenario regionale A.S. 212/213. Ambito Distrettuale Levante: Dati attività AS 212/213 e raffronto a livello provinciale e infradistrettuale (Elaborazioni su dati messi a disposizioni da UST a gennaio 212) H sostegno (distrettuale e infradistrettuale) per Aree Disciplinari (e Deroghe) Tipologie di allievi disabili per categorie diagnostiche ICD-1 e livelli di gravità certificata Livelli assistenziali di base e qualificati (distrettuale e infradistrettuale) La spesa del Comune Capo distretto Levante Previsione della Spesa assistenziale in Distretto Levante (distrettuale e infradistrettuale) Riflessioni conclusive Aree di criticità piste di miglioramento

3 Dati di sfondo RER (Fonte SIDI) Alla luce del recente studio realizzato dall USR (dicembre 212 Dieci anni di dati Allegato alla nota prot del 28 dicembre 212) riferito al periodo emerge: la Scuola Secondaria di 1 grado presenta la percentuale maggiore di alunni con handicap sul totale degli alunni, rispetto agli altri ordini di scuola differenze provinciali nel rapporto handicap/alunni totali, che ripropongono il tema generale dell equa ripartizione delle risorse (la ripartizione del contingente di sostegno è equa rispetto al numero degli alunni certificati ma non lo è tra le diverse province, alcune delle quali assorbono più risorse rispetto alle altre) Piacenza si colloca in posizione intermedia tra le Province (quanto a % Allievi disabili su Allievi totali e n posti sostegno)

4 Dati di sfondo RER (22-212) 212) Alla luce del recente studio realizzato dall USR (dicembre 212 Dieci anni di dati Allegato alla nota prot del 28 dicembre 212) riferito al periodo emerge: Un incremento percentuale degli alunni certificati sul totale degli alunni, soprattutto a partire dal 29-21; una possibile ragione può forse ritrovarsi nel superamento di una precedente prudenza a certificare bambini sotto i 6 anni, a favore di interventi abilitativi tempestivi e precoci. l incremento delle percentuali di alunni certificati sul totale degli alunni si è registrato anche nella scuola primaria, in modo più marcato negli ultimi tre - quattro anni In controtendenza rispetto ai precedenti ordini di scuola, la scuola secondaria di 1 grado ha registrato dal 28/29 una flessione nella percentuale degli alunni certificati rispetto agli alunni totali, forse per il fatto che questo ordine di scuola ha maggiormente risentito della de-certificazione degli alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA) l andamento della percentuale degli alunni certificati sugli alunni totali nella scuola secondaria di II grado registra nel decennio un andamento di crescita costante.

5 Dati di sfondo RER (22-212) 212) Si nota una variabilità nel decennio non solo interprovinciale ma anche infra provinciale Anche la Provincia di Piacenza mostra un andamento diversificato tra posti e alunni da una parte e posti di sostegno e alunni certificati dall altra: Le linee dei posti di sostegno e degli alunni certificati sembrano inseguirsi superandosi a vicenda nel corso del tempo fino al ricongiungimento in questo anno. Vanno notate, negli alunni certificati, due impennate tra e e tra e I posti di sostegno crescono a notevole velocità fino al 26-27, poi decrescono.

6 AS 212/213 N allievi disabili complessivi nel Distretto Levante CICLI SCOLASTICI Infanzia Primaria Secondaria 1 Secondaria 2 TOT SCUOLE PROVINCIA PC SCUOLE DISTRETTO LEVANTE % LEVANTE/ PROVINCIA 32,% 38,38% 31,72% 13,64% 28,89% 243 allievi certificati (il 28,89% del totale provinciale) Prevalenza di frequenza nel Ciclo primario (38,38% del totale provinciale) coerentemente con la tendenza provinciale e in controtendenza con il livello regionale

7 AS 212/213 N allievi disabili Distretto Levante per ciclo scolastico Cicli Scolastici INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA 1 GRADO SECONDARIA 2 GRADO Tot. N ALLIEVI % ciclo su totale 11,69% 45,97% 29,3% 13,31% 1,% 114 allievi certificati nel Ciclo primario (il 49,97% della quota complessiva distrettuale) Segue,molto distanziata,la frequenza nel ciclo secondario di 1 grado (72 Allievi,29,3 % della quota complessiva distrettuale)

8 AS 212/213 DISTRIBUZIONE ALLIEVI DISABILI PER CICLO e ISTITUTO TO SCOLASTICO DISTRETTO LEVANTE (1) SCUOLE DISTRETTO LEVANTE CICLI INFANZIA % PRIMARIA % SEC. 1 % SEC.2 % IC BETTOLA 5 17,24% 2 1,75% 3 4,17%,% IC CADEO 3 1,34% 2 17,54% 6 8,33%,% IC CARPANETO 3 1,34% 8 7,2% 5 6,94%,% IC CASTELL'ARQUATO 2 6,9% 3 2,63% 8 11,11%,% IC CORTEMAGGIORE 2 6,9% 17 14,91% 14 19,44%,% IC FIORENZUOLA 4 13,79% 16 14,4% 6 8,33%,% IC LUGAGNANO 1 3,45% 7 6,14% 3 4,17%,% IC MONTICELLI 4 13,79% 17 14,91% 1 13,89%,% IC PODENZANO 5 17,24% 14 12,28% 11 15,28%,% IC PONTE DELL'OLIO,% 1 8,77% 6 8,33%,% ISI MATTEI,%,%,% 16 48,48% ISTITUTO MARCORA,%,%,% 17 51,52% Totali 29 1,% 114 1,% 72 1,% 33 1,%

9 AS 212/213 DISTRIBUZIONE ALLIEVI DISABILI PER ISTITUTO SCOLASTICO DISTRETTO LEVANTE (2) Nel Ciclo Infanzia IC PODENZANO detiene il 17,24 % della quota distrettuale complessiva Nel Ciclo Primario IC CADEO detiene il 17,54 % della quota distrettuale complessiva Nel Ciclo Secondario di 1 grado IC CORTEMAGGIORE detiene il 19,44 % della quota distrettuale complessiva Nel Ciclo Secondario di 2 grado ISTITUTO MARCORA di Cortemaggiore detiene il 51,52 % della quota distrettuale complessiva (ISI MATTEI di Fiorenzuola 48,48%)

10 F7-F79 RETARD MENTAL MALFORMATIONS CONGÉNITALES ET ANOMALIES CHROMOSOMIQUES (Q-Q99) FACTEURS INFLUANT SUR L'ÉTAT DE SANTÉ ET MOTIFS DE RECOURS AUX SERVICES DE SANTÉ (Z-Z99) Tot DIAGNOSI ICD -1 TUMEURS MALIGNES DE L'ŒIL, DE L'ENCÉPHALE ET D'AUTRES PARTIES DU SYSTÈME NERVEUX CENTRAL (C69-C72) ANOMALIES DU MÉTABOLISME (E7-E9) TROUBLES NÉVROTIQUES, TROUBLES LIÉS À DES FACTEURS DE STRESS ET TROUBLES SOMATOFORMES (F4-F48) TROUBLES DE LA PERSONNALITÉ ET DU COMPORTEMENT CHEZ L'ADULTE (F6-F69) F8-F89 TROUBLES DU DÉVELOPPEMENT PSYCHOLOGIQUE MALADIES DU SYSTÈME NERVEUX (G-G99) MALADIES DE L'OREILLE ET DE L'APOPHYSE MASTOÏDE (H6-H95) EXPOSITION À LA FUMÉE, AU FEU ET AUX FLAMMES (X-X9) N Allievi per CAT. DIAGNOSI % classificazione diagnostica,39%,39%,39%,39% 35,27% 46,51% 8,53% 2,33%,78% 3,88% 1,16% 1,%

11 AS 212/213 DISTRIBUZIONE ALLIEVI DISABILI DISTRETTO LEVANTE CERTIFICATI PER CATEGORIE DIAGNOSTICHE (Classificazione Internazionale OMS ICD 1) Prevalenza della categoria diagnostica F-F99 F99 (Patologie mentali e del comportamento : 213 su 258 Allievi ) Segue categoria diagnostica G-G99 G99 (Patologie neurologiche e Neuropatie) Segue categoria diagnostica Q-Q99 Q99 (Malformazioni e anormalità cromosomiche )

12 AS 212/213 ALLIEVI DISABILI DISTRETTO LEVANTE CERTIFICATI Livello gravità ALLIEVI DISABILI GRAVI PROVINCIA ALLIEVI DISABILI GRAVI SCUOLE DISTRETTO LEVANTE % ALLIEVI DISABILI GRAVI LEVANTE/ PROVINCIA Infanzia ,41% Primaria ,82% CICLI Secondaria ,65% Secondaria ,18% TOT ,68% Scuola Infanzia: IC Podenzano (5 Allievi Gravi) Scuola Primaria: IC Cortemaggiore (15 Allievi Gravi) seguito da IC Fiorenzuola (11 Allievi Gravi) Scuola Secondaria 1 Grado: IC Cortemaggiore (7 Allievi Gravi) seguito da IC Podenzano (6 Allievi Gravi) e IC CASTELL ARQUATO e IC MONTICELLI (entrambi 5) Scuola Secondaria 2 Grado: ISI MATTEI di Fiorenzuola d Arda (14 Allievi Gravi) seguito da ISTITUTO MARCORA (1 Allievi Gravi)

13 A.S. 212/213. H Sostegno scolastico per Area Disciplinare (Ordinanza Ministeriale n 75 del marzo 1993) in Distretto Levante SCUOLE H SOSTEGNO (AD 1 Area Scientifica) Richieste H SOSTEGNO AD 1 Area Scientifica Assegnate DIFF % H SOSTEGNO AD 1 Area Scientifica Assegnate Ore Deroga AD 1 Area Scientifica Assegnate IC BETTOLA ,95% IC CADEO ,87% IC CARPANETO ,8% 17 IC CASTELL'ARQUATO ,5-72,5 67,63% 6,5 IC CORTEMAGGIORE ,3-213,7 62,9% IC FIORENZUOLA ,73% 9 IC LUGAGNANO ,26% 13 IC MONTICELLI ,23% 52,5 IC PODENZANO ,22% 27 IC PONTE DELL'OLIO ,19% 34 ISI MATTEI ,87% 153 ISTITUTO MARCORA 36-36,% Totali ,8-1439,2 6,73% 312

14 AS 212/213 ASSISTENZA di BASE (COLLABORATORE SCOLASTICO) per ALLIEVI DISABILI in DISTRETTO LEVANTE SCUOLE DISTRETTO LEVANTE Allievi disabili certificati Collaboratore scolastico (N /Alunni certificati) IC BETTOLA IC CADEO IC CARPANETO IC CASTELL'ARQUATO IC CORTEMAGGIORE IC FIORENZUOLA IC LUGAGNANO IC MONTICELLI IC PODENZANO IC PONTE DELL'OLIO ISI MATTEI ISTITUTO MARCORA Totali ,3,37,11,34,36,16,3,37,25 2,2

15 A.S. 212/213. Fornitura da parte dei Comuni del Distretto Levante delle figure di educatori/assistenti (PEA) SCUOLE DISTRETTO LEVANTE IC BETTOLA IC CADEO IC CARPANETO IC CASTELL'ARQUATO IC CORTEMAGGIORE IC FIORENZUOLA IC LUGAGNANO IC MONTICELLI IC PODENZANO IC PONTE DELL'OLIO ISI MATTEI ISTITUTO MARCORA Totali Richieste Assegnate ORE PEA DIFF % PEA assegnate 55,56% 56,55% 76,97% 73,8% 116,22% 113,38% 11,64% 64,84% 27,9% 86,98% 57,33% 78,79% 71,21% Allievi disabili certificati Ore PEA pro capite 2, 3,3 7,9 2,9 1,3 6,2 4,7 2,7 1,8 1,4 2,7 1,5 3,7

16 A.S. 212/213 Fornitura da parte dei Comuni del Distretto delle figure di educatori/assistenti (PEA) Complessivamente sono state richieste 1278 h di assistenza qualificata e ne sono state accordate 91 (71,21%) Solo Fiorenzuola,Cortemaggiore e Cadeo hanno accordato complessivamente più h di assistenza qualificata rispetto a quella richiesta Il più alto livello di h assistenza pro capite è stato assegnato dal Comune di Fiorenzuola (6,2 h) anche se l IC di Fiorenzuola è solo il 5 su 12 Istituti quanto a n di Allievi disabili certificati frequentanti Il più basso livello di h assistenza pro capite è stato assegnato dal Comune di Cortemaggiore (1,3 h) anche se l IC di Cortemaggiore è il 1 su 1 Istituti Comprensivi quanto a n di Allievi disabili certificati frequentanti Occorre però considerare che il dato aggregato per Cortemaggiore (Ore PEA IC + Ore PEA Istituto Marcora) è 2,8 h procapite

17 Spesa del Comune di Fiorenzuola Capo Distretto Levante AS 212/213 RISORSE IMPEGNATE PER ASSISTENZA SCOLASTICA ALUNNI DISABILI ANNO 212/213 : ,13 ALUNNI DISABILI TOTALI (Residenti) in carico per l ANNO SCOLASTICO 212/213 : n 24 INFANZIA : n 4 PRIMARIA : n 11 SECONDARIA di 1 GRADO : n 4 SECONDARIA di 2 GRADO: n 5 RISORSE IMPEGNATE PER TRASPORTO SCOLASTICO ALUNNI DISABILI ANNO 212/213 : ,91 N. UTENTI : n 6 ALUNNI SCUOLA PRIMARIA : n 2 ALUNNI SCUOLA SECONDARIA di 1 GRADO: n 1 ALUNNI SCUOLA SECONDARIA di 2 GRADO: n 3 RISORSE IMPEGNATE PER CENTRO ESTIVO ALUNNI DISABILI : ,59 N. UTENTI :n 1 ALUNNI SCUOLA PRIMARIA: n 7 ALUNNI SCUOLA SECONDARIA di 1 GRADO (PROGETTO SPECIALE ): n 1 ALUNNI SCUOLA SECONDARIA di 2 GRADO (PROGETTO SPECIALE): n 2

18 Proiezione Spesa Comuni Distretto Levante per PEA AS 212/213 Possiamo presuntivamente calcolare la spesa complessiva di ambito distrettuale per PEA (A.S. 212/213) nonché la spesa PEA pro capite per Allievo Disabile frequentante considerando il seguente COSTO ORARIO per attività assistenziale/ educativa della figura di EDUCATORE per DISABILI A SEGUITO di GARA ESPLETATA PER L A.S. 212/213 risulta un costo h. 21,34 senza IVA 4% e. 22,19 con IVA 4% che possiamo presuntivamente considerare come standard di costo

19 AS Previsione Spesa Distrettuale Assistenza Qualificata (PEA) SCUOLE DISTRETTO LEVANTE H PEA ASSEGANTE ALLIEVI DISABILI CERTIFICATI COSTO H PEA SPESA COMPLESSIVA PEA SPESA PRO- CAPITE PEA IC BETTOLA ,19 443,8 44,38 IC CADEO , ,5 72,69 IC CARPANETO , ,13 176,13 IC CASTELL'ARQUATO ,19 843,22 64,86 IC CORTEMAGGIORE ,19 954,17 28,91 IC FIORENZUOLA , ,59 137,41 IC LUGAGNANO , ,88 14,9 IC MONTICELLI , ,77 59,41 IC PODENZANO , ,45 4,68 IC PONTE DELL'OLIO , ,73 231,61 ISI MATTEI ,19 954,17 59,64 ISTITUTO MARCORA ,19 576,94 33,94 Totali ,9 81,42

20 Riflessioni conclusive Dall analisi dei dati si possono identificare alcune aree di criticità: Disomogeneità criteri assegnazione h PEA tra i Comuni del Distretto conseguente e alla mancanza di criteri condivisi, esplicitati, formalizzati, presidiati di richiesta H PEA da parte dei Soggetti coinvolti in fase di Istruttoria. Precisamente Mancanza standardizzazione procedura che definisca relazione tra categoria diagnostica e carico assistenziale educativo (ivi compresa modalità formalizzata di richiesta ) Necessità di chiarire sinergie e ambiti di attività tra Assistenza Base (Collaboratore Scolastico) e Assistenza Qualificata (Comunale). La prima non pare debitamente inquadrata e valorizzata Necessità di condividere e adottare indicatori di efficacia assistenza in relazione: Al progetto formativo Allo sviluppo di abilità per il ciclo di vita Mancanza di pianificazione ( procedura programmata con scadenze e obiettivi) degli incontri del Gruppo Operativo di Istituto (operatori Comuni,Scuola,Ausl della presa in carico effettiva DELL allievo) finalizzati alla verifica dell efficacia dell assistenza e al monitoraggio del fabbisogno di assistenza in itinere (variazioni,personalizzazione) Occorre definire più compiutamente in caso di indisponibilità del sostegno scolastico assegnato modalità di supplenza del PEA

21 Riflessioni conclusive I crescenti vincoli di finanza pubblica (Sia per la Scuola che per l Ente Locale ma anche per l Azienda) rischiano di radicalizzare il palleggio di responsabilità tra gli Enti interessati a scapito di una presa in carico tempestiva dell Allievo. Occorre tenere presente a nostro avviso che: i vincoli soprarichiamati comportano la necessità di definire congiuntamente criteri di priorità di intervento occorre sempre più ottimizzare le sinergie e le economie di scala occorre adottare criteri più cogenti e misurabili di erogazione dell assistenza anche alla luce dei crescenti obblighi di efficienza, efficacia, trasparenza ed economicità in capo all Ente Locale Da questo punto di vista il recente rinnovo dell Accordo di Programma provinciale per l integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap - che prevede all ART. 18 comma 3 la definizione da parte del GLIP di Linee Guida riferite a una proposta di declinazione operativa dell articolato ci sembra un accorgimento in grado di ovviare alle attuali lacune interpretative e attuative (sovente lasciate a poco più che della buona volontà tra le parti)

22 Linee Guida dell Accordo : un opportunit opportunità Le Linee Guida possono rappresentare una straordinaria opportunità per introdurre accorgimenti atti a migliorare il ciclo di vita del PEI (pianificare, programmare, progettare, realizzare e monitorare gli interventi ) Introdurre indicatori per la gestione razionale delle risorse,i profili di efficacia degli interventi,la misurazione della ricaduta dei medesimi Definire in modo stringente le ricadute operative delle rispettive responsabilità degli Attori coinvolti Definire e introdurre quella flessibilità e quella personalizzazione atti a trasformare mere prestazioni in servizi e beni relazionali per il destinatario finale Impostare programmi di follow-up sul ciclo di vita dell utente al fine di verificare l efficacia e riprogrammare gli interventi A tal fine sarebbero utili (da allegare alle Linee Guida) un Glossario (per uniformare le rappresentazioni delle categorie e dei costrutti strumentali e di intervento come precisati nel tempo dall evoluzione normativa) Una più analitica descrizione delle responsabilità (anche riferite all arco temporale di fruizione del servizio da parte dell Allievo) un elenco aggiornato delle norme e delle direttive sovra ordinate (livello ministeriale e livello regionale) attualmente in vigore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO PIAZZA SAN COLOMBANO,5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA Non tutto ciò che può essere contato conta, non tutto ciò che conta può

Dettagli

Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza

Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio sul Sistema Scolastico Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza 1 Report statistico Dicembre 2011 Facoltà di Scienze della Formazione 1 Autori del Report: -

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA per gli alunni diversamente abili norme, procedure, buone prassi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo Tel 035243373 Fax: 035270323- c.f. 95118530161 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA Circolare n. 8 Prot. 1739 Foggia, 28 marzo 2013 Ai Dirigenti Scolastici Scuole Ogni Ordine e Grado della Provincia LORO SEDI Ai docenti referenti per la disabilità Ai docenti referenti per i DSA delle

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI 1 ACCORDO DI PROGRAMMA DISTRETTUALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI Distretto di Correggio (Comuni di Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico, Rio Saliceto, Rolo, San Martino in Rio)

Dettagli

PIANO DI INTEGRAZIONE E D INCLUSIONE D ISTITUTO

PIANO DI INTEGRAZIONE E D INCLUSIONE D ISTITUTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI OME Scuola Primaria e Secondaria 1 gr. Statale di OME e MONTICELLI BRUSATI Via Valle, 7-25050 OME (BS) BSIC81100Q@istruzione.it

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I. per la provincia a supporto alle scuole.

Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I. per la provincia a supporto alle scuole. Conferenza-SEMINARIO di servizio Normativa Bisogni Educativi Speciali: identificare linee comuni operative. Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I.

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s.

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s. ' ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 1 DI PORTO SANT ELPIDIO Via Fontanella, 2 PORTO SANT ELPIDIO (FM) Tel. 0734/992287 - C.F. 90055060447 e-mail:apic83600e@istruzione.it Fax : 0734/801181 URL:www. primocircolopse.it/isc1pse

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015

MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015 MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015 Ai Ai All Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali per le province di Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Vicenza, Verona e Venezia Loro Sedi Dirigenti

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Verdellino Scuole dell Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 grado Largo Cartesio, 1-24040 Verdellino (BG) Tel. 035 884516

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Scuola dell infanzia primaria secondaria di I grado Via del

Dettagli

Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza

Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio sul Sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico nella provincia di Piacenza 2 Report statistico a cura di Paola Schiavi e Pierpaolo Triani presentato in data

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016 Piano Territoriale dei Servizi di Assistenza Educativa Scolastica a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di istruzione e formazione professionale

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Fondamenti legislativi L art. 3 della legge quadro (L. 104/92) stabilisce che disabile è: "colui che presenta una minorazione

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

Progetti qualificazione scolastica scuola obbligo. A.S. 2003/2004

Progetti qualificazione scolastica scuola obbligo. A.S. 2003/2004 Comune/Istituto ambito % titolo progetto Pontedell'Olio - Comune Pontedell'Olio Comune di Vernasca - Ist C. Lugagnano Comune Morfasso - Ist. Compr. Lugagnano Ist Compr. Castell'Arquato- Comune Castell'Arquato

Dettagli

PRIA - Programma Regionale Integrato per i Disturbi dello Spettro Autistico

PRIA - Programma Regionale Integrato per i Disturbi dello Spettro Autistico PRIA - Programma Regionale Integrato per i Disturbi dello Spettro Autistico Autismo : risorse e strumenti per una integrazione di qualità Forlì, 8-9 maggio 2008 Elisabetta Fréjaville, Assessorato Politiche

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato p.l. 82/9^- 153/9^ disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO Il Dirigente F.TO ANTONIO CORTELLARO Il Presidente F.TO Nazzareno

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Non c è peggiore ingiustizia del dare cose uguali a persone che uguali non sono. Don Lorenzo Milani PREMESSA Definizione dei D.S.A. In ambito italiano si usa il termine

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. Dott.ssa Alessandra Martini

ACCORDO DI PROGRAMMA. Dott.ssa Alessandra Martini ACCORDO DI PROGRAMMA Dott.ssa Alessandra Martini Alunni in quale situazione? Disturbo evolutivo funzione motoria Funzionamento cognitivo limite Handicap Svantaggio socio-culturale Svantaggio linguistico

Dettagli

MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA, RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Ufficio VII

MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA, RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Ufficio VII MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA, RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA SICILIA Ufficio VII Piano di Formazione/Ricerca rivolto al personale della scuola impegnato nell integrazione scolastica degli

Dettagli

Piazza Palio, 63 Lecce Tel.0832/ 393473 fax 0832/317863 e-mail:leps07000a@istruzione.it sit o www.liceobanzi.gov.it

Piazza Palio, 63 Lecce Tel.0832/ 393473 fax 0832/317863 e-mail:leps07000a@istruzione.it sit o www.liceobanzi.gov.it LICEO SCIENTIFICO STATALE G. BANZI BAZOLI Piazza Palio, 63 Lecce Tel.0832/ 393473 fax 0832/317863 e-mail:leps07000a@istruzione.it sito www.liceobanzi.gov.it Prot. N. 3125 del 30/06/2015 Piano Annuale Inclusione

Dettagli

Scuola come comunità integrante

Scuola come comunità integrante PROGETTO DI INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA Scuola come comunità integrante PREMESSA La scuola italiana sviluppa la propria azione educativa in coerenza con i principi dell inclusione

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA: FIGURE DI RIFERIMENTO 1 DICEMBRE 2012 1 La Scuola Italiana accoglie nelle sue classi da più di trent anni tutti i bambini e le bambine, le ragazze e i ragazzi con problemi di

Dettagli

D.M. 5669 12.07.2011 e LINEE GUIDA per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA. Conferenza di servizio

D.M. 5669 12.07.2011 e LINEE GUIDA per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA. Conferenza di servizio D.M. 5669 12.07.2011 e LINEE GUIDA per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA Conferenza di servizio USR PUGLIA DIREZIONE GENERALE Ufficio VI Annalisa Rossi Ottobre 20111 1 D.M. 5669

Dettagli

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7

Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 Protocollo per l orientamento scolastico alunni disabili Pagina 1 di 7 I Dirigenti scolastici de: Istituto Statale d Arte F. Mengaroni Pesaro Liceo Classico T. Mamiani Pesaro Liceo Scientifico G. Marconi

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Il Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni diversamente abili e lo sviluppo di una cultura

Dettagli

a.s. 2015/ 2016 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3:

a.s. 2015/ 2016 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3: a.s. 2015/ 2016 AREA 3: RESPONSABILE E COORDINATORE DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI E CON DIFFICOLTA SPECIFICA DI APPRENDIMENTO (DSA) NOMINATIVO DEL RESPONSABILE

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

Progetto di Valutazione Dell Istituto

Progetto di Valutazione Dell Istituto Progetto di Valutazione Dell Istituto ANNO SCOLASTICO 2013/14 SCUOLA INFANZIA PRIMARIA FINALITA Il presente progetto di valutazione, da attuarsi nell anno scolastico 2013/2014, è volto al potenziamento

Dettagli

DISPONIBILITA' CATTEDRE E SPEZZONI ORARIO O.F. 2010-11

DISPONIBILITA' CATTEDRE E SPEZZONI ORARIO O.F. 2010-11 DISPONIBILITA' CATTEDRE E O.F. 2010-11 AO43 - LETTERE CATTEDRE INTERE: DANTE 30-6 FAUSTINI (dist.sind. Parenti) 30-6 CALVINO 31-8 CALVINO 30-6 BORGONOVO 31-8 BORGONOVO 31-8 PODENZANO 31-8 CASTEL SAN GIOVANNI

Dettagli

AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna

AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO HUB E SPOKE DIRETTORE Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Tel. 0522/339038-339048 AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Allegato A PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Indice: 1 - Normativa di riferimento pag. 2,3 2 -

Dettagli

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)*

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* E' atto successivo alla Diagnosi Funzionale (a cura della NPI) e indica in via prioritaria, dopo un primo periodo di inserimento scolastico, il prevedibile livello

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IV - Ambito Territoriale di Brescia Via S.Antonio, 14-25133 Brescia - Codice Ipa: m_pi PIANO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento. A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbria

Disturbi Specifici di Apprendimento. A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbria Disturbi Specifici di Apprendimento A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbria Legge 8 ottobre 2010 n. 170 D.M. 5669 Linee Guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi

Dettagli

Disturbi dello Spettro Autistico: Sperimentazione di un progetto integrato nella Provincia di Piacenza 16-10-2012

Disturbi dello Spettro Autistico: Sperimentazione di un progetto integrato nella Provincia di Piacenza 16-10-2012 Disturbi dello Spettro Autistico: Sperimentazione di un progetto integrato nella Provincia di Piacenza 16-10-2012 CENTRO SERVIZI AUTISMO C.T.S. Centro Territoriale di Servizi per le disabilità U.S.T. XIV

Dettagli

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità

Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle. di qualità Dal profilo dell'alunno alla progettazione del contesto e delle azioni per un'inclusione scolastica di qualità Chiara Carabelli I.C. S. Fedele Intelvi Carabelli Chiara 1 indice Dalla diagnosi al profilo

Dettagli

Prot. MIUR AOO DRLO R.U. n. 18319 Milano, 1.10.2009. Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole ed Istituti di ogni ordine e grado della REGIONE Lombardia

Prot. MIUR AOO DRLO R.U. n. 18319 Milano, 1.10.2009. Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole ed Istituti di ogni ordine e grado della REGIONE Lombardia Prot. MIUR AOO DRLO R.U. n. 18319 Milano, 1.10.2009 Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole ed Istituti di ogni ordine e grado della REGIONE Lombardia p.c. Al Dirigente Scolastico I.C. di Dresano scuola polo

Dettagli

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 DSA - disturbi specifici dell apprendimento L apprendimento Ciascun allievo impara in maniera diversa, ognuno con un proprio stile di apprendimento. L insegnamento deve tener

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA Direttiva M. 27/12/2012, CM n 8 del 6/3/2013 e note MIUR del 27/6/2013 e 22/11/2013

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA Direttiva M. 27/12/2012, CM n 8 del 6/3/2013 e note MIUR del 27/6/2013 e 22/11/2013 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA Direttiva M. 27/12/2012, CM n 8 del 6/3/2013 e note MIUR del 27/6/2013 e 22/11/2013 AS 2014-2015 Proposto dal G.L.I. d istituto in data 30 maggio 2014 Deliberato dal collegio

Dettagli

Istituto Tecnico F. Viganò - Merate

Istituto Tecnico F. Viganò - Merate Istituto Tecnico F. Viganò - Merate PROTOCOLLO DI ACCOGLIEZA ALUNNI AFFETTI DA DSA E IN SITUAZIONE DI HANDICAP Premessa «L integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

DSA CARATTERISTICHE E

DSA CARATTERISTICHE E DSA CARATTERISTICHE E NORME Prof. Antonio Congedo 08-09-11 maggio 2012 1 ICD 10 F 81 - F 82 Classif. Internaz. delle malattie e problemi correlati O.M.S. (documento clinico) 2 Il dsa si manifesta in presenza

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

I DSA. Parma, 30 settembre 2014 Rossella Fabbri

I DSA. Parma, 30 settembre 2014 Rossella Fabbri I DSA Indice 1. Che cosa sono i DSA? 2. Legislazione nazionale di riferimento. 3. Chi fa la diagnosi e quando? 4. Caratteristiche della diagnosi. 5. Il Consiglio di Classe redige il PdP (modello) 6. Strumenti

Dettagli

Piano Educativo Personalizzato per studenti non italofoni

Piano Educativo Personalizzato per studenti non italofoni Via Provinciale - 22010 Ossuccio (CO) Tel. / Fax 034454051 e-mail coic84900c@istruzione.it - c.f. 84002090136 Introduzione alla compilazione Il P.E.P. o è indispensabile per delineare il percorso di insegnamento

Dettagli

Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015

Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015 Prot. n. 6908 Sassari, lì 28.10.2015 Al Collegio dei Docenti E p.c. al Consiglio di Circolo, ai Genitori e al Personale ATA Atti Albo Oggetto: Atto di indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROGETTAZIONE INCLUSIVA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 FINALITA Questo documento denominato PROGETTAZIONE INCLUSIVA è una guida d informazione riguardante l accoglienza, l integrazione e l inclusione

Dettagli

Piano Annuale Inclusività

Piano Annuale Inclusività Istituto Comprensivo C. Stradi Maranello Via Boito 27,Maranello 41043 Scuola dell Infanzia- Scuola Primaria- Scuola Secondaria di primo grado Piano Annuale Inclusività (Direttiva 27 dicembre 2012 C.M.n

Dettagli

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO GUALDO TADINO Via G. Lucantoni 06023 - Gualdo Tadino C.F. 92017090546 COD. MECC. PGIC847004 Scuola Infanzia e Primaria tel. e fax 075/912249 Scuola Secondaria I grado: tel. 075/912253

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Ufficio Scolastico Provinciale di Modena Ufficio Area Sostegno alla Persona IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Non c è peggiore ingiustizia del dare cose uguali a persone che uguali non sono. Don Lorenzo

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Istituto Comprensivo di Bagolino novembre 2014 Maria Rosa Raimondi Il percorso 1. Presupposti teorici e normativa di riferimento per l inclusione 2. Strategie e strumenti di

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento. A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbrial

Disturbi Specifici di Apprendimento. A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbrial Disturbi Specifici di Apprendimento A cura del D.T. SABRINA BOARELLI U.S.R. per l Umbrial Legge 8 ottobre 2010 n. 170 D.M. 5669 Linee Guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con

Dettagli

1) AREA DISABILITA : alunni certificati disabili (L.104/92) -> PEI (Piano Educativo Individualizzato)

1) AREA DISABILITA : alunni certificati disabili (L.104/92) -> PEI (Piano Educativo Individualizzato) Nerina Milletti /10 Considerando tre aree dello svantaggio scolastico, due sottocategorie di alunni con Bisogni Educativi Speciali erano già previste e normate. Ora è possibile estendere a tutti gli alunni

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE dell OFFERTA FORMATIVA

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE dell OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO "L. LUZZATTI" SAN POLO DI PIAVE Via Roma, 38-31020 San Polo di Piave (TV) Tel. 0422/855062 C. F.: 80012450260 - C. M.: TVIC86000B - E-mail: tvic86000b@istruzione.it Prot. 5521/C16

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIUSEPPE SCELSA" CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE SCELSA CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIUSEPPE SCELSA" CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it E-mail paic8ar00v@istruzione.it E-mail certificata paic8ar00v@pec.istruzione.it Via Villani, 40

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense PROTOCOLLO DI INTESA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DI ALUNNE E ALUNNI DISABILI TRA I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE Sportello di segretariato sociale. 1.a MACRO LIVELLO 1 SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO OBIETTIVI DI SERVIZIO A CUI VA RICONDOTTA LA TIPOLOGIA

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA Municipio XII ACCORDO DI PROGRAMMA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI IN SITUAZIONE DI HANDICAP TRA IL MUNICIPIO ROMA XII L AZIENDA USL RMC - DISTRETTO SANITARIO 12 LA RETE INTERSCOLASTICA SCUOLEINSIEME

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI CON DISABILITA. AMBITO TERRITORIALE: Vimercatese

INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI CON DISABILITA. AMBITO TERRITORIALE: Vimercatese INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI CON DISABILITA ANNO SCOLASTICO 2012/13 CENTRO TERRITORIALE RISORSE PER LA DISABILITA CTRH Monza Est ISTITUTO COMPRENSIVO di CORNATE D ADDA AMBITO TERRITORIALE: Vimercatese

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIVITA

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIVITA PIANO ANNUALE DELL INCLUSIVITA INTREGRAZIONE ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI La scuola come comunità educante accoglie ogni alunno per costruire condizioni relazionali e situazioni pedagogiche

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa autovalutazione valutazione Si sollecita lo studente, affinchè si dica competente, ovvero assuma la padronanza metodologica e operativa, la consapevolezza di quanto ha appreso Didattica, affidata al docente

Dettagli

Traccia Programmatica Funzione D

Traccia Programmatica Funzione D Istituto di Istruzione Secondaria Superiore U. Mursia Carini Traccia Programmatica Funzione D INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI PAI BES ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROF. RANDAZZO SALVATORE PREFAZIONE Ogni azione

Dettagli

Introduzione alla problematica dei DSA, 3. 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni storici e nodi salienti, 5

Introduzione alla problematica dei DSA, 3. 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni storici e nodi salienti, 5 INDICE Parte Prima La questione dei DSA tra clinica e didattica. Quale posto per il soggetto? Introduzione alla problematica dei DSA, 3 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni

Dettagli

MIUR/AOODRVE/UFF.III/5490 /C21 Venezia, 17 aprile 2014

MIUR/AOODRVE/UFF.III/5490 /C21 Venezia, 17 aprile 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO Istituto Comprensivo Bonaccorso da Montemagno - Quarrata (PT) Istituto Comprensivo - Montale (PT) Istituto Comprensivo Frank-Carradori - Pistoia Istituto Comprensivo Enrico Fermi - Casalguidi (PT)...NEL

Dettagli