RELAZIONE RIGUARDANTE L INDICAZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO DI RICERCA. Allegato 1. Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Trieste

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE RIGUARDANTE L INDICAZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO DI RICERCA. Allegato 1. Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Trieste"

Transcript

1 RELAZIONE RIGUARDANTE L INDICAZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO DI RICERCA Allegato 1 ICGEB AREA di Ricerca Loc. Padriciano 99, TS Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Trieste Via Valerio 2, Trieste CRAB-10 (Cellll Response to o Actiivated Boron-10) Rissposstta cceel llularree all atttti ivazzi ionee dii borro--10 ccon neeuttrroni i tteerrmal lizzzzatti i:: eeffffeetttti i geeneetti icco--mol leeccol olarri i,, impli liccazzi ionii dii rradi iotteerrapi ia onccol logicca osspeedal d lieerra,, prroduzzi ionee ee dossi imeettrri ia dii neeutrroni t i 1

2 Sommario L uso di acceleratori ospedalieri per produrre cospicui flussi di neutroni utilizzabili nella promettente radioterapia con cattura di neutroni su Boro (BNCT, Boron Neutron Capture Therapy) può rendere tale metodologia di più rapida ed efficiente applicazione, aprendo la strada alla possibilità di cura per alcune patologie tumorali altrimenti intrattabili. E proposto un piano di ricerca ad ampio respiro che estende le relative attività già in corso a Trieste nel campo della fisica subnucleare e le integra con le indagini genetico-molecolari della risposta cellulare all irradiazione neutronica ed in particolare dell effetto delle radiazioni emesse dal boro-10 attivato sul DNA di cellule eucariotiche. L approccio, unico ed altamente multidisciplinare, proposto da un vasto team con competenze specifiche nei diversi campi, crea un occasione unica per ottenere con metodi integrati di genetica, biologia molecolare, e fisica nucleare, una serie di realizzazioni nel campo dell elettronica, dosimetria per radioprotezione e medicina nucleare che fornir risultati di ricerca fondamentale ed anche ricadute d elevato interesse applicativo e produttivo per alcune realtà industriali e imprenditoriali nella Regione Friuli Venezia Giulia. Il simbolismo del progetto, CRAB(il Granchio)/Cancer(il Cancro) che prende il Boro 10 per esserne distrutto, rappresenta la finalità e la strategia adottata nella terapia oncologica proposta. INDICE INTRODUZIONE 3 1. PIANO STRATEGICO DEL PROGETTO 4 2. PIANO DETTAGLIATO DELLA PRIMA FASE DEL PROGETTO RISPOSTA CELLULARE ALL ATTIVAZIONE DEL 10 B PRODUZIONE E DOSIMETRIA DI NEUTRONI DOSIMETRIA E MISURE PRESSO IL SINCROTRONE MISURE PRESSO L OSPEDALE MAGGIORE DI TRIESTE 15 3 RISULTATI PREVISTI E RICADUTE RISULTATI SCIENTIFICI RICADUTE TECNOLOGICHE INIZIATIVE DI TRASFERIMENTO E DIFFUSIONE DELLA RICERCA E FINALITA BIBIOGRAFIA 18 2

3 INTRODUZIONE Nonostante gli indubbi progressi della radioterapia, ci sono dei tumori gravati da pessima prognosi in cui oltretutto non è possibile pensare ad una dose escalation di radioterapia perché si comprometterebbe la funzionalità degli organi critici circostanti. I primi studi sull impiego della BNCT (Boron Neutron Capture Therapy) risalgono agli anni 60 ma i risultati non furono incoraggianti, sopratutto perché non si disponeva di composti contenenti boro che si accumulassero preferenzialmente nelle cellule dei tessuti neoplastici. Da qualche anno si è sviluppata, in questo settore, una linea di ricerca sull utilizzo di una molecola (la fenilalanina o 10 BPA, vedi figura sopra a sinistra) che si accumula in maggior quantità nei tessuti neoplastici, permettendo ad un fascio di neutroni lenti (termici) di liberare una notevole quantità di energia interagendo con il boro, sotto forma di particelle α e di nuclei di litio-7 (figura sopra, al centro). Il piccolo raggio d azione dell energia liberata (circa il diametro di una cellula) permette così di rispettare i tessuti sani (figura sopra, a destra; figura a fianco). Il primo tipo di tumore trattato con questa metodologia è stato il glioblastoma multiforme, mentre vi sono segnalazioni riguardanti il trattamento di tumori dei seni paranasali, di melanomi cutanei delle estremità e di metastasi epatiche da adenocarcinoma del retto. Negli ultimi dieci anni sono stati trattati circa 40 pazienti affetti da glioblastoma che erano già stati operati (debulking): la sopravvivenza media è comparabile a quella che si trova in letteratura (14 mesi ) ma è stata ottenuta con una singola seduta di trattamento invece che una serie di sedute. Va segnalato che non si sono osservati effetti collaterali dopo il trattamento stesso. A Pavia nel 2001 un caso di metastasi epatiche diffuse è stato curato e completamente guarito col metodo dell espianto d organo e irradiazione con neutroni termici e BNCT presso il reattore nucleare di ricerca nell ambito del progetto INFN-TAORMINA (Trattamento Avanzato d Organi Mediante Irraggiamento Neutronico e Autotrapianto). I risultati finora ottenuti nel mondo sono incoraggianti ma mostrano anche la necessità di miglioramenti e l esistenza di ampi margini di progresso che sono alla base della nostra proposta. 10 B- 3

4 L uso di acceleratori ospedalieri per produrre cospicui flussi di neutroni, infatti, rende superata la necessità di disporre di un reattore nucleare, sostituendolo con apparecchiature normalmente disponibili in ambiente ospedaliero; mentre lo studio approfondito dell effetto e dei meccanismi di assunzione della boro-fenilalanina a livello cellulare permetterà di ottimizzare le dosi e i protocolli di somministrazione dei carrier del 10 B. Dopo la fase preliminare sarà possibile, grazie alle tecnologie ed ai risultati ottenuti, l eventuale sviluppo di carrier specifici mirati mediante tecniche avanzate di biologia molecolare e ingegneria genetica. Il progetto si basa su studi precedenti, portati avanti da alcuni dei proponenti, che mostrano la possibilità di produrre neutroni termici utilizzando gli stessi acceleratori normalmente utilizzati nei dipartimenti ospedalieri di radioterapia oncologica. Il prototipo realizzato a Trieste è un convertitore fotoneutronico per il quale è stato depositato un brevetto dall Università di Trieste (vedi le due foto sotto). Il fotoconvertitore è in grado di moderare i neutroni (ottenuti dalla conversione dei fotoni), fino ad un energia (termica/epitermica) ottimale per la cattura da parte dei nuclei del 10 B. Ciò avviene facendo passare i neutroni attraverso diversi strati di materiale di varie composizioni e densità (acqua pesante, grafite, teflon) in modo da filtrare i neutroni veloci permettendo il passaggio a quelli via via più lenti. La disponibilità di neutroni termalizzati consente una maggiore probabilità della loro cattura da parte dell isotopo stabile 10 B e della sua conseguente scissione nelle due particelle ad alta energia. Disporre di tale attrezzatura aumenterà di molto la facilità di gestione della tecnica e riteniamo che ne faciliterà la diffusione presso altri ospedali, all interno ed al di fuori della Regione FVG, La collaborazione tra fisici, medici, biologi molecolari e genetisti permetterà uno studio approfondito di tutti gli aspetti multidisciplinari della metodologia. 1. PIANO STRATEGICO DEL PROGETTO Il conseguimento di obiettivi così ambiziosi impone necessariamente di formulare un piano di lavoro a lunga scadenza la cui definizione dettagliata non può prescindere da un accurata pianificazione delle fasi iniziali i cui risultati, siamo certi, apriranno nuovi campi di sviluppo e investigazione particolarmente interessanti. A questo scopo, tracciamo qui un piano di ricerca di cui dettagliamo il primo anno ed indichiamo le fonti di finanziamento già assicurate. Presentiamo poi, in prospettiva, gli obiettivi che intendiamo perseguire in futuro tramite la richiesta di finanziamenti all Unione Europea, in collaborazione con il Sincrotrone Elettra e l Azienda Ospedaliera di Trieste, al fine di raggiungere lo scopo finale d applicabilità terapeutica della tecnologia in oggetto. 4

5 1.1. Attività già finanziata L ottimizzazione della produzione dei neutroni mediante acceleratore LINAC ospedaliero è oggetto di un progetto (PHONES PHOto Neutron Source) finanziato dall INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) per Euro di cui Euro specificamente destinati alla realizzazione di un prototipo di fotoconvertitore. Considerato che i proponenti del progetto PHONES che afferiscono alla Sezione di Trieste dell INFN sono gli stessi della presente proposta e che s intende utilizzare, nell ambito del progetto proposto, il prototipo finanziato attraverso PHONES, i Euro costituiscono, a tutti gli effetti, un co-finanziamento di CRAB Attività per cui sono richiesti i finanziamenti Sulla base dei risultati preliminari ottenuti in campo fisico, questo progetto prevede la caratterizzazione dei danni genetico-molecolari apportati dai frammenti nucleari del 10 B conseguenti alla cattura neutronica, in un sistema cellulare eucariotico modello, altamente caratterizzato e sperimentalmente manipolabile, come il lievito Saccharomyces cerevisiae. Su esso saranno verificati la frequenza di mortalità cellulare ed il tipo di danno genetico prodotto dalla radiazione, sia a livello cromosomico che di sequenza del DNA. Saranno inoltre studiati i geni, simili a quelli umani, la cui mutazione rende le cellule, e quindi l organismo, particolarmente sensibili al trattamento radioterapico, nonché l efficienza d induzione del meccanismo di apoptosi che si cerca di provocare specificamente all interno delle cellule tumorali. Si effettuerà anche uno studio preliminare della possibile produzione di nuovi sistemi di portatori specifici di 10 B sulle celle tumorali bersaglio che si vogliono eliminare. Questi sistemi comprendono anticorpi monoclonali contro antigeni tumorali specifici e peptidi sintetici fusi al segnale di localizzazione nucleare di proteine eucariotiche (SP-NLS). Tali sistemi permetterebbero una migliore specificità della BNCT rispetto all uso della BPA libera e la loro realizzazione sarà oggetto delle attività future di ricerca descritte di seguito Attività per cui saranno richiesti finanziamenti europei Di conseguenza al presente progetto regionale e grazie ai suoi risultati, riteniamo che possa delinearsi un attività futura di respiro internazionale che porterà alla formazione di una network europea, della quale conosciamo già i partners potenziali in Croazia, Slovenia, Austria, Svezia e Francia, per lo studio e l implementazione di nuovi e più sofisticati sistemi di carriers del 10 B direttamente sulla superficie o addirittura dentro il nucleo delle cellule tumorali bersaglio, di cui segue una breve sintesi Sviluppo di anticorpi monoclonali come vettori tessuto-specifici di boro-10 attivato. In seguito al clonaggio ed all espressione degli antigeni tumorali corrispondenti ai recettori dei fattori di crescita umani ErbB-3 o EGFR, i quali sono stati scelti come oggetto della presente proposta, queste proteine umane purificate saranno impiegate per l immunizzazione dei topi, seguita da isolamento di linfoblasti B dalla milza del topo 5

6 immunizzato e loro fusione con cellule non-secretorie di mieloma al fine di generare una libreria di cellule di ibridoma secernenti anticorpi (Little et al. 2000). Cloni di questi ibridomi saranno selezionati in seguito a uno screening e ad una conferma in vitro della specificità anticorpale. Inoltre, il cdna codificante per anticorpi monoclonali anti-erbb-3 oppure anti- EGFR, sarà subclonato nel vettore d espressione di mammiferi pcdna3.1/zeo, e verrà espresso nelle note linee cellulari CHO. Gli anticorpi monoclonali prodotti da suddette linee verranno marcati con boro per semplice aggiunta al terreno di crescita della boro-fenilalanina come aminoacido addizionale necessario per la sintesi proteica, entro i valori di concentrazione che consentono la normale proliferazione cellulare e che hanno una scarsa influenza sulla specificità anticorpale. Gli anticorpi monoclonali così ottenuti verranno dapprima impiegati unitamente al trattamento neutronico termico in esperimenti in vitro su appropriate linee di cellule tumorali e poi testati in vivo su topi esprimenti lo stesso tipo di tumore. 2.PIANO DETTAGLIATO DELLA PRIMA FASE DEL PROGETTO Di seguito dettagliamo il piano della prima fase del progetto per cui si richiede il finanziamento nei suoi aspetti di biologia molecolare, fisica e dosimetria. 2.1 RISPOSTA CELLULARE ALL ATTIVAZIONE DEL 10 B Genetica e biologia molecolare degli effetti del boro-10 attivato Come sistema cellulare eucariotico modello verranno impiegati gli stessi ceppi del lievito Saccharomyces cerevisiae ufficialmente utilizzati per il progetto di radiobiologia della NASA e validati durante due missioni del programma Space Shuttle dal Laboratorio di Microbiologia dell ICGEB, capofila della presente proposta (Bruschi e Esposito, 1995; Fig. 1). Di tale specie di microrganismo esiste un vasto database delle sue sequenze genomiche, (Tettelin et al., 1997) nonché una libreria di ceppi knock-out in ciascuno di tutti i suoi 6,400 geni, per cui risulta estremamente facilitata la manipolazione del suo background genetico e la ricerca di prodotti genici responsabili della riparazione dei danni al DNA prodotti dalle radiazioni (Gjuracic et al., 2004). A B 4µ 6µ Figura 1. A, ceppi del lievito Saccharomyces cerevisiae; B dimensioni di una cellula di lievito (4X6 µm). 6

7 Tali ceppi verranno ingegnerizzati geneticamente e selezionati per portare geni allelici del pathway metabolico dell adenina (ade1, ade2) che consentano l espressione fenotipica, sotto forma di colore, dell effetto degli eventi di ricombinazione genetica provocati dalle radiazioni ionizzanti sprigionatesi dal nucleo degli atomi di boro-10, cioè particelle α ed atomi di litio-7. Inoltre, i ceppi di lievito da impiegare per lo studio degli effetti genetici della BNCT, saranno trasformati geneticamente con il sistema plasmidico denominato HNS (Homologous, Nonhomologous, Single-strand annealing), utilizzabile come un cromosoma artificiale (Bruschi e Gjuracic 2001) che consente di verificare, su sequenze di DNA ben definito e facilmente recuperabile dopo il test, gli effetti delle radiazioni sia a livello molecolare che di sequenza del DNA. Il sistema HNS, rappresentato nella Figura 2, servirà in questo modo da bersaglio genetico cellulare vulnerabile alle radiazioni senza compromettere la vitalità della cellula ospite, in modo da poter recuperare il materiale genetico per analizzarne i danni molecolari dopo il trattamento. In una cellula del ceppo FAY1, dal background genetico indicato in alto, il plasmide HNS complementa la mutazione ade8, dando origine a cellule mutate ade1, ade2 di colore rosso, a causa dell accumulo di precursori metabolici colorati (regola di Roman). In seguito ad irraggiamento, la risoluzione per ricombinazione del plasmide HNS in due molecole plasmidiche distinte, di cui una priva di origine di replicazione, porta alla perdita del gene selvatico ADE8 che permette la pigmentazione rossa e quindi alla comparsa di colonie bianche o a settori (rosa), come illustrato nell immagine della piastra sulla destra. Questi fenotipi saranno poi verificati tramite un profilo di PCR ottenibile con i primers a e b, caratteristico della molecola ricombinante. Figura 2. Sistema diagnostico-molecolare HNS 7

8 2.1.2 Applicazione del sistema HNS Figura 3. CHEF gel elettroforesi dei cromosomi di una cellula di lievito, colorati con bromuro d etidio. Tali cellule di lievito, facilmente riproducibili in grande numero in un normale laboratorio di microbiologia, dopo essere cresciute in presenza ed in assenza di 10 B- phenilalanina, verranno opportunamente piastrate su terreno di crescita in capsule Petri da 10 cm di diametro, da includere in un contenitore di teflon unitamente ai dosimetri di neutroni a bolle, costituendo così dei bio-sensori con cui testare l effetto biologico dei neutroni, in modo simile a quello dei comuni dosimetri TLD. Le cellule, al termine del periodo di esposizione, saranno lasciate crescere in terreno ricco per consentirne l espressione del colore e delle dimensioni derivanti da eventuali danni genetici del DNA provocati dalle radiazioni, secondo il comportamento del sistema plasmidico HNS descritto in precedenza. Successivamente, le cellule trattate saranno soggette ad un'indagine di tipo genomicostrutturale riguardante sia l analisi generale del cariotipo per mezzo della tecnica CHEF (Contour-clamped Hexagonal Electrophoretic Field) che visualizza per cromatografia su gel i cromosomi del lievito (Fig. 3) (Tosato et al., in press), che la mappatura fine di eventuali mutazioni e polimorfismi per mezzo di tecniche di RFLP (Restriction Fragment Length Polymorphism), RAPD (Random Amplified Polymorphic DNA), AFLP (Amplified Fragment Length Polymorphism) e SNIP (Single Nucleotide Polymorphism) (Waghmare e Bruschi, in press) Lettura e rilevamento Al termine del periodo di crescita verranno stimati i seguenti parametri, ciascuno dei quali, singolarmente e complessivamente, indica un evento genetico caratteristico di dose di radiazione ionizzante: - numero delle colonie - numero delle colonie colorate - numero delle colonie di piccole dimensioni. Sulla base del colore delle colonie e del profilo di PCR, sarà possibile discriminare fra i seguenti eventi di riparazione ricombinazionale del DNA: - Crossing-over - conversione genica - single-strand annealing - non-homologous end joining 8

9 Sulla base di questi parametri sarà possibile risalire direttamente al valore globale di RBE (Relative Biological Effectiveness) corrispondente mettendolo in relazione con la misura diretta del flusso di neutroni somministrato effettuata dal sistema di monitoraggio illustrato più avanti Sviluppo di anticorpi monoclonali come vettori tessuto-specifici di boro-10 attivato Gli anticorpi monoclonali (mabs) sono proteine uniche nel riconoscere un particolare bersaglio molecolare e sono generalmente prodotte clonando il gene codificante un determinato anticorpo e creando una linea cellulare che esprime specificamente quel gene. Per le loro caratteristiche, mabs di topo non modificati, prodotti da linee cellulari di ibridomi murini, hanno costituito la prima ondata di reagenti immunoterapeutici approvati dalla FDA statunitense, sebbene le loro applicazioni siano rimaste limitate poiché somministrazioni ripetute provocavano una risposta immunitaria anti-immunoglobuline di topo (Carter 2001). L applicazione di tecnologie innovative basate sul DNA ricombinante, comprendenti la riduzione delle dimensioni dei mabs, la loro chimerizzazione ed umanizzazione ne ha ridotto l immunogenicità ed innalzato l efficacia terapeutica, portando così alla recente seconda ondata di approvazioni di nuove molecole con proprietà immunoterapeutiche da parte dell ente americano (Hudson and Soutiau 2003). Un ulteriore riduzione dell immunogenicità dei mabs è stata ottenuta per mezzo dello sviluppo di biotecnologie alternative che hanno permesso la selezione di anticorpi monoclonali totalmente umani da repertori naturali o artificiali. Queste tecnologie comprendono l uso di topi SCID-HU e transgenici (Brüggemann and Taussig 1997, Carballido et al. 2000). Quest ultimo approccio è molto attraente perchè il locus genico di un immunoglobulina umana, una volta introdotto nel genoma del topo, può essere riarrangiato, mutato e sostituito nel tessuto linfoide dell animale, in modo tale che, dopo l immunizzazione, questo produce lo specifico mab desiderato. Inoltre, i linfoblasti B di topi transgenici immunizzati che esprimono un anticorpo monoclonale specifico possono essere fusi con cellule di mieloma al fine di creare una linea cellulare di ibridomi che secerne quell anticorpo. Le applicazioni terapeutiche dei mabs sono virtualmente senza limiti: dalla terapia di malattie infettive ed autoimmuni al trattamento del rigetto dei trapianti, al cancro (Farah et al. 1998, Akdis and Blaser 2000, Hudson and Souriau 2001, Gura 2002). Nel campo del trattamento dei tumori i mabs rappresentano l approccio specifico più promettente, annoverando più di 250 sistemi terapeutici presenti oggi nella fase di ricerca, sviluppo e test clinici. Esistono otto terapie monoclonali del cancro approvate fino ad oggi (Tabella 1) e, in accordo al loro modo d azione, esse possono essere suddivise in due gruppi maggiori: mabs del sistema di segnalazione e mirati al bersaglio. I primi interferiscono con differenti meccanismi di segnalazione per raggiungere l effetto citotossico degli effettori del sistema immunitario. Rituximab (anti-cd20), Trastuzumab (anti-her2), Alemutzumab (anti- CD25), Etuximab (anti-egfr) e Bevacizumab (anti-vgf) appartengono a questo gruppo di mabs, causando apoptosi delle cellule tumorali per mezzo del blocco dell interazione 9

10 recettore-ligando per fattori normalmente responsabili della crescita del tumore. Gli anticorpi monoclonali mirati al bersaglio opsonizzano le cellule maligne e permettono ad effettori del sistema immunitario o a quelli attaccati artificialmente agli anticorpi stessi, di distruggere le cellule del tessuto tumorale. Esempi di questi sono il gentuzumab (anti- CD33) che porta la tossina cellulare calicheamicina, e l ibritumomab e lo tositumomab (anti CD-20), entrambi portanti dei radio-nuclidi per uccidere la cellula tumorale bersaglio. Nel presente progetto proponiamo l uso di mabs mirati come trasportatori di 10 B per la Boron Neutron Capure Theraphy (BNCT) di diversi carcinomi umani. Ciò rappresenta un approccio innovativo per l applicazione della BNCT, permettendo il trasporto al sito d azione, ovvero il tessuto tumorale. I due recettori dei fattori di crescita umani ErbB-3 ed EGFR verranno scelti come bersagli specifici per la creazione e produzione di mabs portanti boro-10 (BCmAbs), a causa della loro frequente superespressione in diversi carcinomi (84% nel fegato, 57-63% nel pancreas, 22-96% nella prostata, 22-90% nel seno, 81% nel collo e nella testa, Normanno et al. 2003, Natha et al. 2003). Cellule della linea CHO (chinese hamster ovary)verranno impiegate per la produzione di entrambe le proteine umane ErbB 3 e EGFR dopo il corretto clonaggio del cdna in un vettore di espressione per cellule di mammifero (pcdna3.1/zeo; Invitrogen; Geise et al. 1996).Procedure biochimiche standard verranno utilizzate per l isolamento e la purificazione delle proteine. No Antibody Type Specificity Indication Company FDA approval 1 2 Rituxan (rituximab) Herceptin (trastuzumab) Chimaeric IgG1 Humanized IgG1 CD20 Her-2/neu Non-Hodgkin's lymphoma Metastatic breast cancer Genentech November 1997 Genentech September Mylotarg (gemtuzumab) Humanized IgG4 with calicheamicin CD33 Acute Myeloid Leukemia AHP May Campath (alemtuzumab) Zevalin (Ibritumomab tiuxetan) Bexxar (tositumomab) Erbitux (cetuximab) Avastin (bevacizumab) Humanized IgG1 Chimaeric IgG1 with Y 90 Murine IgG2a (with or w.o. I 131 ) CD52 CD20 CD20 Chronic lymphocytic Leukemia Non-Hodgkin's lymphoma Non-Hodgkin's lymphoma Chimaeric IgG1 EGFR Colorectal caner Millennium Pharm. July 2001 IDEC Pharmaceuticals & Schering AG March 2002 GlaxoSmithKline June 2003 ImClone & Bristol Myers Squibb February 2004 Humanized IgG1 VEGF Colorectal caner Genentech February 2004 Tabella 1. Terapie monoclonali per il trattamento del cancro approvate dall agenzia USA FDA (2003) Sviluppo di peptidi sintetici contenenti il fattore di localizzazione nucleare (SP-NLS) Peptidi sintetici contenenti BPA nella loro sequenza amino acidica fusa con il fattore di localizzazione nucleare delle proteine per cellule eucariotiche NLS (Nuclear 10

11 Localisation Factor) verranno utilizzati per portare il 10 B direttamente dentro il nucleo cellulare. Queste molecole di varie dimensioni verranno prodotte come librerie peptidiche per mezzo di chimica combinatoriale e soggette a selezione in cellule di lievito trattate con neutroni termici. Tale selezione avverrà su di una popolazione di cellule trasformate con DNA codificante per SP-NLS diversi, cresciuta in condizioni chemostatiche ed il cui contenuto di DNA verrà titolato su microarrays (DNA microchips) per determinare quale clone è stato maggiormente colpito dalle radiazioni. Da esso si risalirà al peptide più efficiente nell introdurre il 10 B all interno del nucleo cellulare. Questa sofisticata metodologia seguirà l attualissimo concetto chimico-farmacologico della CBDD (Cell Based Drug Discovery) con il quale oggi le industrie farmaceutiche vanno alla ricerca su larga scala di nuove molecole terapeutiche. 2.2 PRODUZIONE E DOSIMETRIA DI NEUTRONI Produzione e dosimetria di neutroni da LINAC per Radioterapia Fotoneutronica Ospedaliera La generazione dei neutroni presso il LINAC-Varian-2100C del reparto di Radioterapia dell ospedale Maggiore di Trieste, avverrà secondo modalità già sperimentate nell ambito del programma PHONES di cui alleghiamo la proposta approvata dall INFN per consultazione. Sfruttando la produzione di neutroni da fotoni (γ,n) mediante risonanza gigante, si potrà disporre di flussi di neutroni termici di quasi 10 8 ncm -2 s -1. Con esposizioni di poche decine di minuti si possono ottenere fluenze di neutroni utili di circa ncm -2. La misura della fluenza di neutroni, il flusso integrato nel tempo di esposizione, è stata finora effettuata con dei dosimetri commerciali a bolle di gas suprariscaldato in gel trasparente, che per effetto del passaggio dei neutroni forma bolle visibili. I dosimetri sono posizionati in un fantoccio laplaciano che permette di ottenere valori di fluenza e le asimmetrie lungo le tre direzioni spaziali. 11

12 La lettura dei dosimetri è però un procedimento lento, tedioso e che peraltro impedisce di ripetere le misure più volte di seguito, dovendo attendere alcune ore la completa ripressurizzazione delle bolle. In vista di molteplici esposizioni dei lieviti intendiamo realizzare un dosimetro per neutroni che fornisca la visualizzazione dei flussi e delle fluenze neutroniche in tempo reale direttamente sul monitor del LINAC Il rivelatore di neutroni Lo strumento che s intende realizzare è un estrapolazione di un dispositivo recentemente presentato, alla conferenza di Boston dell Ottobre 2004, World Congress on BNCT, durante la quale sono emersi gli sviluppi più avanzati nel settore della ricerca sulla radioterapia neutronica. Si tratta di un rivelatore (SOF) basato su scintillatori plastici (S), fibre ottiche (OF) e fomoltiplicatori in grado, a coppie, di misurare anche i fotoni e che mostra di poter determinare in modo lineare i flussi di neutroni termici in un intervallo molto esteso di oltre tre decadi di flusso, come mostrato in figura. Di queste componenti e tipo di rivelatori il nostro gruppo ha grande esperienza avendo sviluppato dispositivi per le misure di particelle, radiazione cosmica e per esperimenti nello spazio completi di elettronica di acquisizione [2]. Pertanto contiamo di estendere il numero di canali contemporaneamente acquisibili di un fattore 32 utilizzando i fotomoltiplicatori Hamamatsu a 64 canali collegati alla scheda elettronica che abbiamo già realizzato e che permette il collegamento diretto ad un computer. 12

13 Nella scheda le funzioni di amplificazione, formazione, selezione e digitalizzazione dei segnali sono svolte da componenti elettroniche ad alta integrazione di scala, visibili molto ingrandite nella figura seguente realizzate dalla ditta norvegese IDEAS su nostra richiesta. Il rivelatore di neutroni real-time che intendiamo realizzare, consiste in una serie di 16x4 scintillatori plastici, fibre ottiche di circa 10 m di lunghezza in guaine da 8, elettronica di amplificazione, formazione e acquisizione remota con computer di analisi presentazione. In ogni gruppo i quattro canali sono ottimizzati per la rivelazione di neutroni veloci, per i neutroni termici, i fotoni e il fondo, il gruppo per i neutroni termici è ottenuto con uno scintillatore speciale caricato di Boro (nel Boro naturale l isotopo 10 è presente al 20%) mediante sostanze caricate in boro. Rispetto alla versione pubblicata si estende la potenzialità di un fattore 32 nel numero di canali, ovvero 16x2 considerando la misura contemporanea di neutroni veloci e fondo Misure in laboratorio I test funzionali del sistema verranno eseguiti presso il laboratorio elettronica e rivelatori dell INFN di Trieste, mentre le calibrazioni con sorgenti campione di neutroni verranno 13

14 effettuate presso la facility di calibrazione della Sincrotrone Trieste. Il dettaglio di queste misure viene illustrato in modo più approfondito nei paragrafi successivi. 2.3 DOSIMETRIA E MISURE PRESSO IL SINCROTRONE Sorgenti di radiazioni ionizzanti impulsate sono prodotte da macchine acceleratrici quali gli acceleratori lineari, i betatroni, i ciclotroni, ecc. Generalmente, durante le condizioni normali di funzionamento di queste macchine, le particelle non sono erogate in modo continuo ma in pacchetti (o bunch ) le cui durate variano dai 10-6 s ai 10-9s; con le macchine di nuova generazione quali i laser ad elettroni liberi (Free Electron Laser o FEL) si raggiungono i s o meno. I dosimetri attivi per la misura della componente neutronica utilizzati nei campi di radiazione continua non sempre possono essere utilizzati per la radiazione impulsata, in particolar modo se, all interno di ciascun pacchetto, la carica concentrata è elevata e/o si vuole misurare l intensità dei campi di irradiazione intorno ai punti di interazione del fascio primario. Pertanto in questi casi ci si deve affidare a dosimetri passivi, la cui lettura, come si è detto, viene effettuata off-line. La costruzione del nuovo dosimetro a neutroni, come proposto nel presente progetto, grazie alle caratteristiche fisiche del rivelatore e all elettronica con la quale sarà equipaggiato, permetterà di valutare la componente neutronica anche in campi impulsati di neutroni di alta intensità costituendo un utile strumento sia per la dosimetria medica dei pazienti trattati in acceleratori medicali che per la misura dei campi di irradiazione in macchine acceleratrici come il LINAC di elettroni del laboratorio Elettra Misure presso la Sincrotrone Trieste Le misure sperimentali condotte presso la Sincrotrone Trieste riguarderanno, in primo luogo, la calibrazione dei dosimetri e successivamente la misura della produzione di fotoneutroni con il fascio di elettroni prodotto dal LINAC di Elettra. Le operazioni di calibrazione permetteranno di correlare la risposta dei dosimetri ad una determinata dose di neutroni. Ciò potrà essere realizzato con sorgenti di neutroni di attività nota e certificata. Il laboratorio Elettra dispone a questo scopo, di una facility per la calibrazione e la verifica del buon funzionamento della strumentazione di dosimetria, costituita da un certo numero di sorgenti radioattive sigillate di neutroni e gamma di attività nota, da un sistema automatico di e allineamento e movimentazione. Ogni sorgente è custodita in un deposito posto sotto il livello del pavimento e, una volta posizionato il dosimetro da calibrare, viene 14

15 estratta utilizzando un sistema di controllo remoto e riposta nel deposito alla fine della misura. Le misure prevedono l irradiazione dei dosimetri in un determinato intervallo temporale durante il quale viene determinato il valore del rateo di dose integrata. La variazione del flusso di neutroni viene ottenuta variando la distanza tra la sorgente ed il rivelatore. Le esposizioni dei dosimetri alle sorgenti radioattive permetteranno anche di: 1) confrontare la risposta dei dosimetri prodotti con quella di altri rivelatori passivi (dosimetri a termoluminescenza, rivelatori a bolle, film, ecc.) a diverse intensità di esposizione, 2) calibrare i nuovi dosimetri rispetto ad altri strumenti portatili commerciali già provvisti di un certificato di calibrazione ottenuto presso altri Centri, 3) valutare la sensibilità dei nuovi dosimetri ai raggi gamma, 4) costruire un benchmark per il programma di simulazione con il metodo di Montecarlo. Una volta calibrati con le sorgenti radioattive, i dosimetri possono essere esposti ai campi di irradiazione prodotti dalle macchine acceleratrici. Il LINAC di Elettra produce un fascio di elettroni di energia pari a circa 1 GeV, ben più elevata di quella tipica dei linac medicali (18-20 MeV) ma, utilizzando solamente un numero limitato di sezioni acceleranti, può lavorare anche ad energia inferiore. Le misure all interno del tunnel del linac permetteranno di: a) ottimizzare le geometrie e le composizioni dei bersagli per la conversione elettroni/neutroni, b) costruire un benchmark per i programmi di simulazione con il metodo di Montecarlo. c) effettuare la dosimetria della componente neutronica prodotta. 2.4 MISURE PRESSO L OSPEDALE MAGGIORE DI TRIESTE I gruppi di radioterapia oncologica, fisica sanitaria e dosimetria dell Ospedale Maggiore di Trieste costituiscono parte integrante ed essenziale della collaborazione multi-disciplinare che propone il presente progetto con l assenso della direzione sanitaria. L acceleratore LINAC VARIAN 2100C del reparto di radioterapia oncologica, al termine delle normali terapie fotoniche giornaliere, verrà utilizzato per esporre, con l ausilio apparecchiature di fotoconversione e moderazione neutronica sviluppate dal gruppo, i dosimetri sia di tipo passivo che attivo e le cellule di lievito nelle diverse condizioni previste per valutare gli effetti genetici. Si prevede di poter confrontare gli effetti dovuti separatamente ai neutroni termici, a frazioni di residui neutroni veloci e ai fotoni, in presenza e assenza di borofenilalanina, con e senza l arricchimento in 10 B, con dosi integrate o frazionate. Tutto ciò contribuirà a creare una vasta base di dati originali che di per se stessa costituirà un contributo importante agli ulteriori sviluppi della metodologia. 15

16 3. RISULTATI PREVISTI E RICADUTE I risultati previsti saranno riconducibili ad aspetti di tipo scientifico e tecnologico. Questi ultimi potranno avere effetti sinergici con realtà industriali e tecnologiche sia in regione che fuori contribuendo così a valorizzare investimenti e risorse. 3.1 RISULTATI SCIENTIFICI I risultati scientifici conseguibili dai vari gruppi sono molteplici e così sintetizzabili: a) conoscenza degli effetti genetici delle irradiazioni con neutroni termici e cattura in 10 B-phenilalanina b) studio di altri possibili carrier di 10 B come anticorpi monoclonali e peptidi sintetici, c) ottimizzazione delle dosi terapeutiche su base biologica oltre che fisica, d) definizione delle procedure di successivi test e protocolli terapeutici, e) calibrazioni presso il sincrotrone di dosimetri e rivelatori 3.2 RICADUTE TECNOLOGICHE Considerevoli saranno le possibili ricadute tecnologiche, tra cui sottolineiamo: a) realizzazione di nuovi rivelatori compatti per neutroni real-time, con possibilità di brevetto, dato l elevato interesse commerciale per una tale applicazione, b) produzione di neutroni presso il sincrotrone Elettra, per applicazioni di attivazione neutronica con ricadute su misure di parametri d inquinamento ambientale e/o ricerca di materiali in tracce, neutronografia etc., c) sviluppi di metodi di produzione di neutroni presso gli acceleratori ospedalieri, molto più diffusi sul territorio che non reattori nucleari o acceleratori di grandi dimensioni, d) sviluppo di monitor di neutroni in tempo reale per l uso in reparti di radioterapia, anche come progetto commerciale indipendente che potrebbe partire rapidamente sfruttando i nostri risultati, e) sviluppo di tecniche di ingegneria genetica ottimizzate per radio-biodosimetria, di grande attualità e d interesse internazionale, f) studio di fattibilità di produzione di anticorpi monoclonali mirati alla BNCT. g) produzione di nuovi peptidi sintetici sostituiti con BPA, aventi attività farmacologica. 16

17 3.3 INIZIATIVE DI TRASFERIMENTO E DIFFUSIONE DELLA RICERCA E FINALITA Una delle principali caratteristiche del progetto CRAB-10 è la costituzione di una rete di effettiva e sinergica collaborazione tra enti pubblici di ricerca, istituzioni di ricerca dotate di strutture applicative e realtà mediche, produttive e imprenditoriali della regione ben identificabili nei gruppi di: Carlo Vito Bruschi, direttore del Gruppo di Microbiologia Molecolare, Valentina Tosato, ricercatrice dell ICGEB (Centro d Ingegneria Genetica e Biotecnologia), Gianrossano Giannini, responsabile nazionale progetto PHONES, Fernando Liello, presidente commissione calcolo INFN, Franco Calligaris, responsabile sicurezze e radiazioni, Renata Longo, coordinatrice attività tecnologiche, et al.,del Dipartimento di Fisica dell Università di Trieste e dell INFN-Sezione di Trieste, Aulo Beorchia, primario di Radioterapia Oncologica, Cristiana Vidali, aiuto primario e cons. amm. Società Italiana di Radiologia, Fabio De Guarrini, direttore di Fisica Sanitaria, Rossella Vidimari et al. dell Ospedale Maggiore di Trieste, Giuliana Tromba responsabile sicurezze e Alessandro Vascotto, responsabile radioprotezione, et al. di ELETTRA della Sincotrone Trieste, Mauro Trovò, primario di radioterapia oncologica et al. del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano (PN), con cui siamo in contatto e si sta definendo la collaborazione, Rado Starec, direttore generale della MIPOT s.p.a. di Cormons(GO) per la ingegnerizzazione, produzione e commercializzazione circuiti elettronici e dosimetri, hanno già prodotto schede prototipo con circuiti integrati VLSI e componenti ad altissima densità di canali Fulvio e Mauro Merlach della GENERAL SERVICE di Trieste per realizzazione di stampi d acciaio per pressofusione (ne hanno costruiti per noi già tre) di scintillatori plastici, e realizzazione di scintillatori a base polistirenica con additivi chimici variabili e in vario formato. Desideriamo sottolineare che ai nostri gruppi afferiscono oltre quattro esperti qualificati di primo grado (anche in presenza di neutroni) di radiazioni e radiodosimetria per la sorveglianza fisica oltre che medica della radioprotezione. Una delle finalità chiaramente identificabili di tutto il progetto è la costituzione di un gruppo di riferimento, scientifico e realizzativo, nella Regione FVG prima ed in Europa poi, che diventi la base su cui ancorare sviluppi rapidi e sicuri per l ottenimento dei prevedibili benefici terapeutici per casi altrimenti disperati di patologie tumorali diffuse. 17

18 3.4 BIBLIOGRAFIA Akdis, C. A. and Blaser, K Mechanisms of allergen-specific immunotherapy. Allergy 55: Brüggemann, M. and Taussig, M. J Production of human antibody repertoires in transgenic mice. Curr opin Biotechnol 8: Bruschi, C.V. and Gjuracic, K Yeast Artificial Chromosomes. Encyclopedia of Life Sciences, Nature Publishing Group, London, 12:1-6 Bruschi, C.V. and Esposito, M.S Cell division, mitotic recombination and onset of meiosis by diploid yeast cells during space flight. In: Biorack on Spacelab IML-1. C. Mattox (Ed.) ESA-SP, 1162:83-93 Carballido J. M., Namikawa R., Carballido-Perrig N., Antonenko S., Roncarolo M. G. and de Vries J. E Generation of primary antigen-specific human T- and B-cell responses in immunocompetent SCID-hu mice. Nature Medicine 6: Carter, P Improving the efficacy of antibody-based cancer therapies. Nat Rev Cancer 1: Carteron, N. L Cytokines in reumatoid arthritis: trials and tribulations. Mol Med Today 6: Farah, R. A., Clinchy, B., Herrera, L. and Vitetta, E. S The development of monoclonal antibodies for the therapy of cancer. Crit Rev Eukaryot Gene Expr 8: Gjuracic, K., Pivetta, E. and Bruschi, C.V. (2004). Targeted DNA integration within different functional gene domains of yeast reveals ORF sequences as recombinational cold-spots. Mol. Gen. Genomics, 271: Gura T Magic bullets hit the target. Nature 417: Hudson, P.J. and Souriau, C Recombinant antibodies for cancer diagnosis and therapy. Expert Opin Biol Ther 1: Hudson, P. J. and Souriau C Engineered antibodies. Nature Medicine 9: Little, M., Kipriyanov, S. M., Le Gall, F. and Moldenhauer, G Of mice and men: hybridoma and recombinant antibodies. Immun Today 21: Tettelin, H. Bruschi, C.V. et al The nucleotide sequence of Saccharomyces cerevisiae chromosome VII. Nature, 387:

19 Mendez, M. J., Green, L. L., Corvalan, J. R. F., Jia, X. C., Maynard-Currie, C. E., Yang, X. D., Gallo, M. L. Louie, D. M., Lee, D. V., Erickson, K. L., Luna J., Roy, C. M.-N., Abderrahim, H., Kirschenbaum, F., Noguchi, M., Smith, D. H., Fukushima, A., Hales, J. F., Finer, M. H., Davis, C. G., Zsebo, K. M. and Jakobovits A Functional transplant of megabase human immunoglobulin loci recapitulates human antibody response in mice. Nature Genetics 15: Nahta R., Hortobagyi G. N. and Esteva F.J Growth factors in breast cancer: potential for therapeutic intervention. The Oncologist 8: Normanno, N., Bianco C., De Luca A., Maiello M.R. and Salomon D.S Targetbased agents against ErbB receptors and their ligands: a novel approach to cancer treatment. Endocrine-Related Cancer 10: 1-21 Waghmare, S.K., Caputo, V., Radovic, S. and Bruschi, C.V. (2003). Specific targeted integration of kanamycin resistance-associated non-selectable DNA in the genome of the yeast Saccharomyces cerevisiae. BioTechniques, 34: Vlahovicek, K., Kaján, L., Szabó, G. Jr., Tosato, V., Bruschi, C.V. and Pongor, S. (2004) Web servers for the prediction of curvature as well as other characteristics from DNA sequence. In: Arseni Markoff, editor. Analytical Tools for Genes, Genomes and Sequence: The DNA Level. Eagleville, PA, DNA Press, in press. Waghmare, S.K. and Bruschi, C.V. (2005) Differential chromosome control of ploidy in the yeast Saccharomyces cerevisiae. Yeast, in press. Tosato, V., Waghmare, S.K. and bruschi, C.V. (2005) Non-reciprocal chromosomal translocation induced by targeted DNA-bridge integration in yeast. Chromosoma, in press. Development of real-time thermal neutron monitor using boron-loaded plastic scintillator with optical fiber for boron neutron capture therapy. M. Ishikawa et. al. Applied Radiation and Isotopes 61 (2004) Development of a flexible MAPMT photon counting read-out system. M.Vidali, M. Bari, D. Fontanarosa, G. Giannini, A. Gregorio and A. Monfardini. Subm. to Nuclear Instruments and Methods NIMA(2004) Trieste, 20 Gennaio 2005 Timbro e firma del legale rappresentante 19

LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA

LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA S. Altieri*, T. Pinelli*, P. Bruschi*, F. Fossati*, A. Zonta, C. Ferrari, U. Prati, L. Roveda, S. Barni, P. Chiari, R. Nano *INFN SEZIONE DI PAVIA E

Dettagli

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro:

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI LEGNARO INFN - LNL Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: previsione dei costi e dei tempi A.

Dettagli

Struttura Complessa Fisica Sanitaria

Struttura Complessa Fisica Sanitaria Struttura Complessa Fisica Sanitaria DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore: prof.ssa Maria Assunta Cova STRUTTURA COMPLESSA DI FISICA SANITARIA Direttore: dott. Mario

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni).

ANTICORPI. Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). ANTICORPI Il termine anticorpo si riferisce alla proprietà di riconoscere in maniera specifica i corpi estranei (antigeni). H L Fab Fab H L Fc Vari frammenti proteici degli anticorpi possono essere utilizzabili

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011 Biofarmaci Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche Eugenio Benvenuto Laboratorio Biotecnologie UT BIORAD Conferenza Stampa Roma, 22 settembre 2011 UT BIORAD

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano

Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori. Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Riparazione del DNA ed insorgenza di tumori Marco Muzi Falconi Dip. Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università degli Studi di Milano Danni al DNA e cancro Le cellule tumorali L importanza della stabilità

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Analisi della Malattia Minima Residua

Analisi della Malattia Minima Residua XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Analisi della Malattia Minima Residua Dr.ssa Anna Gazzola Laboratorio di Patologia Molecolare, Sezione di Emolinfopatologia,

Dettagli

Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008. Fisica Medica. 7 Terapia con Adroni

Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008. Fisica Medica. 7 Terapia con Adroni Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008 Fisica Medica 7 Terapia con Adroni Adroterapia (terapia con adroni) 1. Protoni 2. Ioni carbonio 3. BNCT (Boron Neutron Capture Therapy) Adroterapia (terapia con

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

DNA RICOMBINANTE E BIOTECNOLOGIE

DNA RICOMBINANTE E BIOTECNOLOGIE DNA RICOMBINANTE E BIOTECNOLOGIE INDICE DNA ricombinante e sue applicazioni Tecniche del DNA ricombinante Inserzione di un gene in un plasmide Progetto Genoma Umano Biotecnologie e loro applicazioni Organismi

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 e loro applicazione in studi pre-clinici. Il trasferimento genico è una tecnologia

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

SEMINARIO di DISCUSSIONE Sorgenti di neutroni e loro applicazioni in ambito INFN

SEMINARIO di DISCUSSIONE Sorgenti di neutroni e loro applicazioni in ambito INFN SEMINARIO di DISCUSSIONE Sorgenti di neutroni e loro applicazioni in ambito INFN Laboratori Nazionali di Legnaro dell INFN 17-18-19 Novembre 2009 Sala riunioni C. Villi Programma M ARTEDÌ 17 NOVEMBRE 8.45

Dettagli

Lezioni di biotecnologie

Lezioni di biotecnologie Lezioni di biotecnologie 2 Lezione 3 Biotecnologie avanzate 3 L evoluzione delle biotecnologie Le biotecnologie hanno conosciuto un evoluzione continua, grazie anche agli avanzamenti tecnologici. Infatti

Dettagli

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco

20 febbraio 2012. Muore Renato Dulbecco 20 febbraio 2012 Muore Renato Dulbecco la possibilità di avere una visione completa e globale del nostro DNA ci aiuterà a comprendere le influenze genetiche e non genetiche sul nostro sviluppo, la nostra

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? OVERESPRESSIONE DELLA PROTEINA ESPRESSIONE ECTOPICA CON UN VETTORE DI ESPRESSIONE ABOLIZIONE DELLA ESPRESSIONE DELLA PROTEINA INTERFERENZA

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Una storia di interazione fra Medicina e Ricerca a cura di Debora Angeloni, Ph.D., Settore di Medicina Scuola Estiva di Orientamento

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA CORSO DI GENETICA INGEGNERIA GENETICA Tecniche di DNA ricombinante: gli enzimi di restrizione Le tecniche di base del DNA ricombinante fanno prevalentemente uso degli enzimi di restrizione. Gli enzimi

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 7: Generalità à sul RIA D. Cecchin, F. Bui Diverse tipologie di RIA? 1) DOSAGGIO

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo Per animali transgenici

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO

NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO Tre punti chiave: 1. POTENZIALE DELLE NANOTECNOLOGIE IN AMBITO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO 2. COSA INTENDIAMO PER NANOMEDICINA 3. COME SVILUPPARE NANOFARMACI

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Corso di formazione obbligatoria sulla sicurezza e salute sui luoghi di lavoro La sicurezza ed il lavoro con le Radiazioni Ionizzanti (Art. 22, D.Lgs.

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare

Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare Dalla Diagnostica per Immagini all Imaging Molecolare L imaging Molecolare è l insieme di metodiche che consentono di ottenere contemporaneamente informazioni morfologiche e funzionali per la caratterizzazione

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 8.25 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 1 Premessa Nell ambito dell Azienda Sanitaria il Servizio di Fisica Sanitaria è una struttura che svolge attività specialistiche

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali

APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali USO DEL FANTOCCIO ANTROPOMORFO PER DOSIMETRIA INTERNA IN ATMOSFERA APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali Obiettivo della tesi Estensione

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo A COSA SERVE il

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Associazione Culturale Micene 1 Congresso Nazionale Evoluzione della Scienza e della Tecnica LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Dr. Federico Selvaggi Università degli Studi G. d Annunzio Chieti/Pescara

Dettagli

Francesca Ceroni. Biotecnologie tradizionali. Biologia Sintetica. F. Ceroni 16/09/2010. Bressanone GNB 2010 1. 1) DNA ricombinante 2) PCR

Francesca Ceroni. Biotecnologie tradizionali. Biologia Sintetica. F. Ceroni 16/09/2010. Bressanone GNB 2010 1. 1) DNA ricombinante 2) PCR XXIX Scuola Annuale di Bioingegneria. Bressanone, 13-17 settembre 2010 Francesca Ceroni Biotecnologie tradizionali 1) DNA ricombinante 2) PCR 3) Sequenziamento automatizzato Biologia Sintetica 4) Approccio

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 1: INTRODUZIONE ED APPARECCHIATURE D. Cecchin, F. Bui INTRODUZIONE Circa il

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Il materiale presente in questo documento viene distribuito solamente per uso interno ed esclusivamente a scopo didattico. Anticorpo o immunoglobulina! IL legame

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

- Polimeri biodegradabili

- Polimeri biodegradabili POSSIBILI PRODOTTI - Anticorpi - Proteine di interesse farmaceutico - Vaccini edibili - Metaboliti secondari - Polimeri biodegradabili Produzione di Anticorpi SISTEMI DI ESPRESSIONE - Cellule di mammifero

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

Radiodiagnostica Radioterapia. Medicina Nucleare RADIAZIONI IONIZZANTI RADIOPROTEZIONE. Radiobiologia. Radiopatologia

Radiodiagnostica Radioterapia. Medicina Nucleare RADIAZIONI IONIZZANTI RADIOPROTEZIONE. Radiobiologia. Radiopatologia Radiodiagnostica Radioterapia RADIAZIONI IONIZZANTI Medicina Nucleare RADIOPROTEZIONE Radiobiologia Radiopatologia Radiazioni ionizzanti (RI) Possiedono energia sufficiente (>33 ev) per provocare la ionizzazione

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

LE PIANTE COME BIOREATTORI

LE PIANTE COME BIOREATTORI LE PIANTE COME BIOREATTORI POSSIBILI PRODOTTI - Anticorpi - Proteine di interesse farmaceutico - Vaccini edibili - Metaboliti secondari - Polimeri biodegradabili Produzione di Anticorpi SISTEMI DI ESPRESSIONE

Dettagli

MASTER DI 1 LIVELLO IN RADIOFARMACI: GESTIONE, PREPARAZIONE E ASSICURAZIONE DI QUALITA

MASTER DI 1 LIVELLO IN RADIOFARMACI: GESTIONE, PREPARAZIONE E ASSICURAZIONE DI QUALITA MASTER DI 1 LIVELLO IN RAD ASSIC Facoltà Univer Diretto F.U. Ed. XII (D.M. 30/03/2005) in vigore dal 1 luglio 2011 Sistema di Assicurazione della Qualità un RADIOFARMACO sicuro e conforme alle specifiche

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN FISICA. percorso: FISICA MEDICA e SANITARIA

LAUREA MAGISTRALE IN FISICA. percorso: FISICA MEDICA e SANITARIA LAUREA MAGISTRALE IN FISICA percorso: FISICA MEDICA e SANITARIA AA 2011-2012 Nota: Il docente di riferimento (Prof. Daniela Bettega) è a disposizione degli studenti per eventuali chiarimenti al 5 piano

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING Il test OncoScreening OncoScreening è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi multipla per valutare

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Monoclonal antibodies (mabs)

Monoclonal antibodies (mabs) Monoclonal antibodies (mabs) mabs = insieme di anticorpi identici fra loro in quanto prodotti da un solo tipo di cellule B (cloni cellulari) Use of monoclonal antibodies (mabs) Diagnostics: quantitation

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE INFORMAZIONE PER LA POPOLAZIONE IN CASO DI SOSTA DI NAVI MILITARI A PROPULSIONE NUCLEARE Trieste, Luglio 2007 INFORMAZIONE PER LA

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

RADIOPROTEZIONE. Materiale di Diagnostica per Immagini elaborato da Luigi Aronne

RADIOPROTEZIONE. Materiale di Diagnostica per Immagini elaborato da Luigi Aronne RADIOPROTEZIONE Scienza interdisciplinare avente l obiettivo di preservare lo stato di salute e di benessere dei lavoratori, degli individui, della loro progenie e della popolazione nel suo insieme, riducendo

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cellulare 3209709494 E-mail alessia_caracci@libero.it Nazionalità Italiana Data di nascita 11.12.1982 Velletri

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare La Biobanca delle cellule staminali tumorali Scienza e Tecnologia al servizio della Ricerca Progetto editoriale Labozeta S.p.A via Tiburtina,

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B Downloaded from www.immunologyhomepage.com Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B I geni che codificano i recettori per gli antigeni (BCR e TCR) sono presenti in uno

Dettagli

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Marco Santagostino Tutor: Elena Giulotto Dipartimento di Genetica e Microbiologia, Università degli Studi di Pavia Argomenti trattati 1. I telomeri e la telomerasi

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

DI TORINO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Tesi di Laurea

DI TORINO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Tesi di Laurea UNIVERSITÀ DI TORINO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Laurea in fisica delle tecnologie avanzate Tesi di Laurea Studio di una cavità chiusa per la facility PhoNeS per BNCT; primi trials

Dettagli

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA.

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA. PU_O6 TITOLO: PROCEDURA di AVVIAMENTO DI LAVORATORE ESPOSTO: CLASSIFICAZIONE, SORVEGLIANZA DOSIMETRICA, VISITA MEDICA PREVENTIVA, FORMAZIONE FINALIZZATA ALLA RADIOPROTEZIONE, MEZZI DI PROTEZIONE. Codice

Dettagli

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357.

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357. Analizziamo i figli: per 3 volte A è stato trasferito insieme a B e per 2 volte a insieme a b (5 parentali); per 2 volte A con b e B con a (2 ricombinanti). Secondo l ipotesi dell indipendenza, ci aspettiamo

Dettagli