In ossequio alle teorie Darwiniane, si è soliti dire che una evoluzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In ossequio alle teorie Darwiniane, si è soliti dire che una evoluzione"

Transcript

1 Giuseppe Walter Antonucci TSRM Amministratore di Sistema presso ASL BAT membro C.D. AITASIT autore Marialuisa Doronzo TSRM presso Policlinico Paolo Giaccone di Palermo Il autore TSRM 2.0: la diagnostic Grazie ai nostri autori ci addentriamo oggi in quella che promette di essere la terza rivoluzione industriale: la stampa 3D ad uso medicale. Le potenzialità future sono immense ed intuibili già ad oggi: niente più linee di produzione in serie o magazzini di stoccaggio, nessun trasporto e logistica, ma una produzione snella direttamente sul posto In ossequio alle teorie Darwiniane, si è soliti dire che una evoluzione nasca per caso e proceda per mera necessità. Il mondo della diagnostica per immagini, data l elevata pervasività tecnologica da cui trae motivo di esistere, non fa eccezione a questa regola filosofica, visto che esso stesso è nato grazie ad una casuale, ma attenta, osservazione che ha colmato una necessità insita nei mammiferi di specie superiori: quella di guardare al proprio interno. Non c è quindi da stupirsi che l unione di tecnologie appartenenti a realtà umane diverse (robotica, informatica, ingegneria, biologia e radiodiagnostica), quando non condizionata da disturbi esterni, riesca a fornire risposte a bisogni primari degli esseri umani: cercare di preservare la vita nel migliore dei modi, a costi socialmente compatibili ed il più possibile in autonomia. Il tutto con una naturalezza ed una spontaneità degne del naturalista e geologo britannico. È quindi la materializzazione del concetto di Homo Faber e non già altre opinabili astrazioni etiche e deontologiche a spingere il mondo dela medicina verso l adattamento di soluzioni, la personalizzazione di cure e dispositivi e la riduzione dei tempi di cura, a spingerlo cioè verso la società on demand, l informazione fatta oggetto, ovvero l internet delle cose già teorizzata dall inventore del World Wide Web, Tim Berners Lee e giunta ai giorni nostri ancora in fase ampiamente embrionale

2 cacia e produttività, possiamo in particolare considerare significativi gli sviluppi nel settore medicale della Prototipazione Rapida, comunemente denominata Stampa 3D. Le stampanti 3D sono ormai una realtà già avviata in alcuni settori di mercato, ma oggi rappresentano una nuova frontiera, in continua sperimentazione e crescita, soprattutto per le sue applicazioni in ambito medicale. La storia della medicina comincia ad annoverare interventi in cui le stampanti 3D, con una minima spesa, stanno facendo la differenza e siamo ora in grado di capire l enorme importanza che tali dispositivi rappresentano per il miglioramento delle condizioni di vita dei pazienti, principale destinatario della professionalità di medici e operatori del settore. Il vantaggio fondamentale di questo tipo di stampa è l infinita possibilità di personalizzazione del prodotto finale, grazie anche alla esponenziale evoluzione delle tecnologie del settore ad oggi disponia delle cose La stampa 3D è già di fatto entrata nel vissuto quotidiano e promette di essere la terza rivoluzione industriale: niente più linee di produzione in serie o magazzini di stoccaggio, nessun trasporto e logistica ma produzione snella direttamente sul posto in cui serve un ricambio, saltando tutti i passaggi intermedi fra progettazione e realizzazione. È in questo contesto che si colloca l applicazione della stampa 3D in diagnostica per immagini: materializzare la terza dimensione come completamento di esami diagnostici ad elevata complessità quali TAC e Risonanza Magnetica. Possiamo affermare, senza tema di smentita, che il TSRM diviene protagonista di questa evoluzione, potendo mettere in campo le competenze in materia di imaging, la responsabilità relativa alla documentazione di ciascun esame e, grazie alle competenze di tipo informatico, la verifica di rispondenza delle repliche prodotte all originale e la certificazione e tracciabilità al termine della filiera di produzione dei prototipi. LE STAMPANTI 3D: COSA SONO In un panorama altamente competitivo dove è sempre più difficile incrementare o mantenere quote di mercato, le aziende sanitarie si trovano spesso di fronte al problema di fornire servizi, strumentazioni e protesi con elevati standard qualitativi a costi socialmente sostenibili. Al giorno d oggi, tra le tecnologie in grado di poter contribuire al miglioramento delle performance aziendali in termini di efficienza, effi- 35

3 bili sul mercato principalmente a causa della recente scadenza dei brevetti. LE APPLICAZIONI POSSIBILI NEL MEDICALE Numerose sono le applicazioni possibili nel settore medicale: Protesi e Riabilitazione: In ambito medico, la stampa di protesi (figura 1) e tutori sembra il filone più avanzato e quello in grado di creare un immediato e positivo rapporto tra costi e benefici. Tra le ultime novità vi sono la creazione di tutori in grado di aiutare le persone affette da artrite reumatoide ed esoscheletri traspiranti per il rimaneggiamento osseo delle fratture (Figura2). Pianificazioni pre-chirurgiche: I chirurghi possono pianificare complesse operazioni su modelli, prima di intervenire realmente sul paziente, affinando la tecnica in modo più mirato, sia per snellire i procedimenti adottati, sia per ridurre qualunque margine di errore, oltre che garantire al paziente una riduzione dei tempi di radioscopia durante le procedure interventistiche in sala operatoria (Figura 4). Figura 4 Trattamento delle ustioni: Con l aiuto di scanner a luce strutturata non dannosi per la vista e con stampanti in grado di estrudere materiali siliconici per impiego medicale, è possibile produrre speciali maschere per il trattamento ed il controllo della cicatrizzazione di traumi da grandi ustioni (Figura 5). Figura 1 Figura 5 Dispositivi di centratura o di bloccaggio: personalizzati (e non) utilizzabili in tutte le metodiche diagnostiche e in particolare nell ambito della Radioterapia. Creazione di fantocci antropomorfi: personalizzati (e non) al fine di migliorare le misurazioni fisiche e i protocolli di qualità in vista di una maggiore ottimizzazione radioprotezionistica per i pazienti Figura 2 Prototipi per la formazione e le comunità di pratica: Dato l estremo grado di realismo raggiungibile con le stampanti 3D, gli studenti di medicina possono apprendere l anatomia e la pratica della chirurgia senza l uso di cadaveri (Figura 3). Figura 3 Tanto quanto sono numerose le applicazioni disponibili, tanto è logico comprendere come non esista una tecnologia che sia in assoluto migliore delle altre e per ogni applicazione va scelta quella più opportuna. L impiego di una piuttosto che l altra è una scelta da valutare secondo una serie di parametri che sono molto variegati ed eterogenei: la velocità di realizzazione del prototipo, il costo finale, l investimento necessario per la stampante, la resistenza meccanica, le finiture dei materiali adottati e così via. Visto l avvento di tipo disruptive di questo mercato, l acquisto e la gestione di questi sistemi, specie in ambito sanitario, non è affatto semplice e quindi è bene tenere presenti i parametri da tenere in considerazione al fine di operare scelte con rigore metodologico, seguendo i principi di efficacia ed efficienza. LA NECESSITÀ DI UNA GESTIONE METODOLOGICA Il nome che oramai contraddistingue questa tecnologia è talmente fuorviante che, in certi casi, risulta un ostacolo alla comprensione stes- 36

4 sa della macchina. Di fatto, ci troviamo ad aver a che fare con una macchina a controllo numerico a tre assi, un vero e proprio robot industriale. Per poter favorire la governance del sistema, il processo gestionale riguardo tali tecnologie non può quindi non tener conto della metodologia HTA (Health Technology Assessment) nella valutazione oggettiva di tutti i parametri in gioco, che Figura 6 spaziano dalle competenze inerenti all ingegneria meccanica e dei materiali a quelli dell informatica, dalla competenza nella acquisizione ed ottimizzazione delle immagini diagnostiche a quella regolatoria di tutto il flusso di stampa. TECNICHE E MATERIALI DI STAMPA 3D Già per quanto concerne le competenze inerenti all ingegneria meccanica e dei materiali, numerose sono le variabili da considerare. Le tecnologie per la stampa 3D per addizione si differenziano, infatti, in genere per i materiali impiegati e, soprattutto, per il modo di trattarli (Figura 7). In linea molto generale le tecniche di stampa 3D si possono suddividere in tre filoni basati sulla materia prima di partenza: polvere, liquido o solido. Chiunque sia interessato all acquisto e all utilizzo di una stampante 3D deve necessariamente conoscere le principali tecnologie esistenti. Alla categoria delle stampanti a Figura 7 polvere (Figura 8) appartengono quelle a un componente, basate sulla sinterizzazione laser selettiva (SLS) e quelle che usano polveri e legante (3D Print). Sul fronte delle tecnologie a materiale liquido (Figura 9) vi sono da una parte quelle che si basano sulla fotopolimerizzazione tramite lampade UV o raggi laser e dall altra quelle che stampano a getto (Multijet modeling e Drop on demand). POLVERE (FIGURA 8) SLS (selective laser sintering). Questa tecnica può produrre oggetti a partire da una vasta gamma di materiali in polvere. Tra questi vi sono i polimeri, come polistirene o nylon (puro o in combinazione con fibre di vetro o di carbonio), metalli, tra cui acciaio, titanio e varie leghe, compositi e polveri di arenaria. DMLS (direct metal laser sintering). Gli oggetti realizzati con questo metodo sono ottenuti, layer dopo layer, tramite la fusione laser selettiva di polveri di metallo aventi granulometria molto fine. Con questa tecnica si possono realizzare oggetti in leghe metalliche, preferibilmente multicomponenti, tra cui: acciaio, acciaio inossidabile, cromocobalto, alluminio e leghe di titanio. SLM (selective laser melting). I materiali adoperati sono prevalentemente metalli in forma atomizzata, questo requisito conferisce agli oggetti maggiore densità. Tra questi vi sono l acciaio inossidabile, l acciao per utensili, il cromocobalto, il titanio e l alluminio. EBM (electron beam melting). Questo metodo utilizza prevalentemente varie leghe di titanio ed il cromocobalto. Grazie al particolare processo di produzione, sottovuoto ed a temperature molto elevate, il materiale prodotto presenta prestazioni meccaniche superiori rispetto al titanio o al cromocobalto in forma pura. 3D printing. Questa tecnologia combina due entità, un legante ed una polvere. La polvere è sostanzialmente amido o gesso. Il legante, invece, è costituito in gran parte da acqua, addittivando, se richiesto, coloranti ed altre sostanze aventi l obiettivo di lavorare sulla viscosità, tensione superficiale e sulla temperatura di evaporazione favorendo la compatibilità del liquido con le specifiche della testina di stampa. Il materiale ottenuto dalla combinazione polvere-legante necessita anche di infiltrazioni a base di resine, colle cianoacriliche ed epossidiche per garantire l adesione tra i vari layer di materiale. 37

5 Infine, i dispositivi per la stampa 3D che impiegano componenti di partenza allo stato solido (Figura 10) si suddividono nei modelli che impiegano una tecnologia basata sull incollaggio (LOM) o sull estrusione (FDM). Fra le numerose tecnologie per la stampa 3D, quella basata sulla fusione di un filamento di materiale termoplastico sta assumendo volumi di mercato significativi. Ogni macchinario ha i suoi settaggi, materiali di stampa, operatività e quelle che usano la tecnologia FDM (Fuse Deposition Modeling) sono tra le più economiche e di facile gestione. I materiali usati in questo tipo di produzione sono prevalentemente miscele di polimeri termoplastici o di polimeri termoplastici con materiali organici di altro genere. Questi materiali sono venduti in filamenti, dal diametro di 3 mm o 1.75 mm, di solito arrotolati in una bobina. Il PLA e l ABS sono sicuramente i termopolimeri più diffusi e più largamente impiegati per questa tecnologia di stampa. Tuttavia, hanno largo impiego anche numerosi altri materiali come il policarbonato, l alcool polivinilico, il nylon, il grafene, ecc. (Figura 10). Analogamente alle stampanti 3D vere e proprie, anche i materiali impiegati sono in continua evoluzione e sperimentazione e ciascuno di essi ha caratteristiche e peculiarità proprie che influenzano in modo significativo la scelta e l utilizzo della stampante stessa. A tal proposito, per la stampante a tecnologia FDM, elementi critici da conoscere per l ottimizzazione del prototipo finale sono per esempio: la dimensione dell area di stampa; estrusori e temperature; larghezza del filamento; la risoluzione di stampa; la velocità; la robustezza costruttiva; la disponibilità del software di gestione; il prezzo. Esistono ormai moltissime stampanti 3D che si differenziano in base a questi criteri principali ed altri che definiscono uno spettro di variabilità molto più ampio. Sebbene molte delle macchine che oggi si possono trovare in commercio condividano moltissime componenti (elettronica, parti meccaniche, soluzioni tecniche, estrusori ) ciascuno di questi incide in modo notevole sulla produzione dell oggetto LIQUIDO (FIGURA 9) Repliche di organi interni e di un aorta ottenute con tecnologia SLA Fotopolimerizzazione attraverso la luce. A seconda del tipo di luce adoperata, si parla di SLA (stereolithography) o di DLP (digital light processing). Il materiale impiegato in queste tecniche è un fotopolimero allo stato liquido. Un fotopolimero è un polimero che cambia le proprie caratteristiche se esposto alla luce, collocata nella regione ultravioletta o visibile dello spettro elettromagnetico. Le proprietà del polimero che variano sono di solito di tipo fisico-meccanico; si ha, infatti, l irrigidimento del materiale se esposto alla radiazione luminosa. Fotopolimeri comunemente usati per il 3D printing sono acrilati polifunzionali e metacrilati, addittivati con un componente non polimerico per ridurre il ritiro volumetrico del materiale, evitando così deformazioni indesiderate. Materiali di questo tipo fanno sì che gli oggetti creati abbiano un ampia varietà di proprietà, come per esempio resistenza all acqua, flessibilità, durevolezza, rigidità, trasparenza e resistenza termica e agli urti. 38

6 SOLIDO (FIGURA 10) Produzione di oggetti laminati per incollaggio. In questo caso si utilizzano materiali tradizionali, facilmente reperibili, come la carta, la plastica o il metallo laminato, incollati insieme e sui quali è depositato un adesivo per garantire la stampa a colori. Dopo la stampa, gli oggetti possono essere rifiniti mediante trapanature. Per estrusione. FDM (Fuse Deposition Modeling). Con la tecnologia FDM si possono realizzare modelli concettuali, prototipi funzionali, parti finite con termoplastiche standard, materiali tecnici ABS e a elevate prestazioni. Le repliche anatomiche realizzate sono caratterizzate attualmente dal miglior rapporto costo/ qualità per resistenza chimica, termica e meccanica. MATERIALI TIPO PER LA STAMPA FDM Policarbonato (PC). Polimero termoplastico dotato di buona resistenza termica e agli urti. A differenza del Plexiglass, con il quale è spesso confuso, può essere piegato e formato anche a freddo, senza manifestare screpolature o particolari deformazioni. La temperatura di transizione vetrosa è di 150 C, ma in genere i produttori di Policarbonato in filamento consigliano temperature di estrusione superiori a 260 C. A 300 C, invece, si manifesta la fusione. Il Policarbonato si deforma molto facilmente ed in maniera maggiore rispetto all ABS ed al PLA, quindi è assolutamente sconsigliata l estrusione in assenza di un piatto riscaldato. L alcol polivinilico (PVA). È un composto chimico ottenuto per idrolisi, normalmente alcalina, degli esteri polivinilici. Si dissolve totalmente e rapidamente in acqua, anche fredda e questa proprietà lo rende particolarmente adatto come di materiale di supporto. La temperatura di transizione vetrosa del PVA è attorno agli 85 C, ma dipende dal grado di idrolisi del polimero. A temperature superiori ai 200 C subisce la piroscissione, decomponendosi (vi sono produttori che indicano temperature di estrusione attorno ai C, in tal caso è meglio affidarsi alla temperatura certificata dal produttore poiché, spesso, i materiali sono tagliati con altri termoplastici per conferire proprietà meccaniche maggiori). Polietilene tereftalato (PET). È una resina termoplastica trasparente, compatibile con il PLA e simile ad esso a livello di proprietà meccaniche. La temperatura di transizione vetrosa è di circa 60 C, mentre la temperatura di estrusione è di circa 210 C. Polistirene antiurto (HIPS): è un materiale termoplastico costituito da polistirene e gomma SBR. Relativamente alla rigidezza, la resistenza termica e agli urti e le deformazioni può essere considerato quasi come l ABS. La temperatura di estrusione è di circa C e necessita di un piano riscaldato. Nylon. Con il termine nylon si indica una famiglia particolare di poliammidi alifatiche sintetiche. Molto economico e facilmente reperibile sul mercato, in vari colori, a differenza del PLA e dell ABS, è molto meno fragile e quindi più resistente. Gode di proprietà autolubrificanti, il che lo rende particolarmente performante per stampe di ingranaggi. Tra gli aspetti negativi possiamo evidenziare il fatto che si deforma molto di più rispetto all ABS, quindi necessita del piano riscaldato, inoltre un riempimento eccessivo potrebbe causare dei problemi poiché il nylon è un materiale estremamente fibroso. In aggiunta, bisogna assicurarsi che sia ben asciutto prima della stampa. La temperatura di estrusione si attesta attorno ai C, anche in questo caso il consiglio è di attenersi alle specifiche segnalate dal produttore. Laybrick. È una miscela di gesso macinato e copoliestere e gli oggetti stampati con questo materiale risultano più simili a materiali lapidei che a materiali plastici. Questa caratteristica li rende particolarmente idonei per plastici e modelli di architettura. Si tratta di un materiale che deforma poco e quindi non è necessaria la presenza del piatto riscaldato, la temperatura di estrusione varia da C e si possono ottenere superfici sia molto levigate che ruvide. Non è un materiale molto economico. Laywood. È una miscela di fibre di legno e un termoplimero di caratteristiche simili al PLA e quindi deforma pochissimo, non necessita di un piano riscaldato e può essere estruso a temperature che oscillano dai C. L oggetto sarà, esteticamente, simile ad un oggetto di legno ed in funzione della temperatura è possibile ottenere diverse gradazioni di marrone, anche all interno dello stesso oggetto, in modo da ricreare il pattern tipico del legno. Repliche di fratture di piatto tibiale e calcagno ottenute con tecnologia FDM Gentile concessione del Dott. N. Bizzotto durante il 1 Meeting Italiano di stampa 3D nel Medicale e in Ortopedia e Traumatologia Organizzato da AITASIT e AIBio 39

7 ed è, pertanto, quasi impossibile trovare due macchine identiche. ESEMPI DI UTILIZZO Come è facilmente intuibile, i potenziali campi di applicazione delle tecnologie di stampa 3D in medicina sono enormi, spaziando dalle banali repliche di strutture anatomiche a scopo formativo al Bioprint (tecnologia in grado di ricreare organi interni distrutti a partire dalle cellule staminali del paziente), passando attraverso il planning preoperatorio in ortopedia e traumatologia. È proprio in quest ultimo campo che attualmente risiede il maggior potenziale applicativo, grazie al favorevole rapporto costi di impianto/benefici. Un esempio pratico è costituito dalla replica in PLA di una clavicola fratturata: sebbene solo una piccola percentuale delle fratture di clavicola abbia un trattamento chirurgico, in alcuni pazienti, soprattutto giovani atleti che richiedono un recupero funzionale dell osso fratturato in tempi minori rispetto al trattamento non chirurgico, grazie alla stampa 3D è possibile svolgere una simulazione di riduzione e sintesi di frattura al 1/3 medio di clavicola con placca e viti. La sintesi con placca e viti è un tipo di mezzo di sintesi che i chirurghi ortopedici mettono a disposizione dopo esecuzione di studio TC e successiva stampa 3D della clavicola fratturata, effettuando a tavolino, il giorno prima dell intervento, una simulazione di riduzione e sintesi della frattura. È dunque possibile premodellare la placca e misurare la lunghezza delle viti per stabilizzare la placca stessa. Questo planning preoperatorio è utile per: capire come ottenere la riduzione dell osso fratturato; premodellare la placca come se si fosse sul campo operatorio; avere la misura delle viti, cioè la loro lunghezza da corticale a corticale; ottenere una più facile acquisizione del consenso informato. Figura 11 - Replica di clavicola realizzata in PLA con le placche presagomate durante il planning Secondo l esperienza condotta nella Clinica Ortopedica e Traumatologica dell Azienda Ospedaliera Universitaria di Verona, questo ha dato ai chirurghi una maggiore sicurezza nella riduzione e sintesi della clavicola fratturata e ridotto i tempi chirurgici (visto che la placca era stata modellata e sterilizzata il giorno prima) e quindi una riduzione indiretta dei costi di una sala operatoria. In radiologia si passa, dunque, da ricostruzioni in Volume Rendering condivise in modalità bidimensionale alla realizzazione dei modelli da consegnare al chirurgo ortopedico. SICUREZZA E PRODUTTIVITÀ Come ogni tecnologia emergente, l adozione della stampa 3D per prototipi ad uso medicale non è esente da problematiche e rischi di natura giuridica, pertanto in una prima fase è generalmente utile adottare le più elementari regole sulla gestione del rischio, mantenendo un costante rapporto con le case produttrici di hardware e del software per la modellazione e l invio in stampa. Infatti, quando una stampante 3D viene messa in funzione per creare un dispositivo medico da impiegare su un paziente, va considerata a tutti gli effetti un macchinario industriale per uso biomedico e deve, quindi, seguire la Direttiva Europea 93/42. In questo caso, deve essere dotata da parte del fabbricante di tutte le normali certificazioni di sicurezza industriale. Spetta invece all azienda che produce il dispositivo medico assicurarsi che sia installata e validata come richiesto dalla Direttiva 93/42. È utile (ma non indispensabile) che le aziende che acquistano una stampante 3D per costruire manufatti destinati all uso su pazienti si preoccupino che la 40

8 stampante sia dotata di un software validato secondo la norma internazionale IEC e che venga fornito un piano di manutenzione e calibrazione a cura del TSRM, dal momento che tutte queste attività dedicate al prodotto biomedicale sono tipicamente a carico del fabbricante del dispositivo medico (rispettivamente ASL, IRCSS o A.O.), non a carico dell azienda produttrice. Un altro aspetto da non sottovalutare è la scelta del materiale, che in caso di dispositivi che vengono a contatto con il corpo umano deve essere biocompatibile. Più in generale occorre tenere ben presenti diverse classi di problemi che potrebbero insorgere durante l uso quotidiano, quali: 1. l errata attribuzione di una replica anatomica al paziente sbagliato; 2. la calibrazione errata della macchina con conseguente volumetria incongruente della replica; 3. l indicazione ingiustificata alla stampa 3D con conseguente dispendio di tempo e materiale; 4. l impossibilità di tracciare dettagliatamente la filiera produttiva della replica preoperatoria, a partire dalla richiesta, passando per il TSRM, il Medico Radiologo e il chirurgo specialista; 5. l assente o ridotta riproducibilità delle proprietà meccaniche della replica anatomica confrontate con l originale (ad esempio il segmento osseo fratturato); 6. i tempi di stampa eccessivamente lunghi, che per i modelli FDM commerciali si attesta ancora fra le 8 e le 24 ore, a fronte di un tempo medio stimato in 30 minuti per ottenere il modello da software ed inviarlo in stampa; 7. l impossibilità, per i modelli di stampa FDM ad un solo estrusore, di replicare i rapporti articolari e la profondità dell osso a partire dalla superficie cutanea; 8. il costo esorbitante per le repliche ottenute con tecnologie di stampa più sofisticate (a fronte però di tempi di stampa notevolmente ridotti); 9. l attuale difficoltà delle aziende pubbliche nella stima del TCO (Total Cost of Ownership) delle tecnologie di stampa 3D, poiché tali tipi di prestazioni non sono normalmente incluse nei nomenclatori tariffari regionali, oltre al fatto che andrebbe preventivamente e definitivamente regolamentata l attività del TSRM che effettua post-processing in MDTC e RM, con le relative pesature dei carichi di lavoro e conseguente inserimento degli stessi nel calcolo delle piante organiche; 10. la necessità di acquisire segmenti corporei del paziente a strati estremamente sottili, che comporta lunghissimi tempi di acquisizione in RM e una elevata dose radiante assorbita nel caso della TAC Multistrato. In entrambi i casi è proprio la competenza specifica del TSRM a fare la differenza riguardo l ottimizzazione dei parametri delle sequenze nella prima e la gestione dei dispositivi di protezione unita all utilizzo responsabile dell esposimetro automatico nella seconda. Per alcune classi di problemi, la soluzione è di natura prettamente tecnologica e, grazie anche all interazione fra le comunità di pratica TSRM, mediche e di sviluppatori Hardware e Software open-source, non tarderà ad arrivare sulle nostre stazioni di lavoro. Per altre classi di problemi la soluzione risiede nella riduzione della naturale resistenza al cambiamento, nella produzione di letteratura scientifica a supporto delle varie casistiche chirurgiche, nell avvio di progetti di V.E.Q. (valutazione esterna della qualità) volti a premiare rapidità, ripetibilità e riproducibilità di repliche in totale sicurezza. Non ultima per importanza, la formazione del core competence dei professionisti coinvolti farà la differenza in un mercato che in Italia stenta ancora ad emergere, ma che in paesi vicini consente un risparmio di tempo in sala operatoria stimato di circa il 40%, con conseguente aumento del numero di pazienti chirurgici trattati per unità di tempo. IL RUOLO DEL TSRM Come avviene in generale per l introduzione dei dispositivi tecnologici in una sfera complessa e delicata come quella sanitaria, l utilizzo della Stampa 3D nel medicale necessita di un approccio multidisciplinare che prenda in considerazione diversi fattori critici per la piena resa delle potenzialità assistenziali. Vista la novità del mercato, specie in ambito sanitario, l acquisto e la necessità di una gestione ottimizzata della stampante 3D non è affatto semplice e richiede quindi figure specificatamente formate, capaci di interagire in équipe durante tutto il processo di stampa. Lo studio e la realizzazione di manufatti 3D da usare in medicina richiede infatti l interazione sinergica di una vasta gamma di competenze trasversali e contemporanee che spaziano dall ingegneria all informatica, dalla radiologia all economia. In questo scenario, la figura del Tecnico di Radiologia Medica (TSRM) rappresenta una personalità di snodo nel flusso di lavoro (Figura 12), avendo in via diretta e senza l ausilio di ulteriori intermediari: le competenze professionali di acquisizione delle immagini radiologiche TC\RM a monte del processo; 41

9 Figura 12 le competenze nella gestione grafica della modellazione del file di stampa durante il processo, analoghe a quelle usate per la riscostruzione 3D su workstation, previa acquisizione di una formazione specifica nel settore (Corsi ECM e universitari); le capacità di gestione informatica, tecnologica e di ottimizzazione del sistema a fine processo (Master in Amministratore di Sistemi Informatici e ulteriore specializzazione in post-processing delle repliche anatomiche). In un futuro prossimo in cui le stampanti 3D faranno parte della dotazione aziendale sanitaria, il TSRM rappresenterà senza dubbio, previa validazione della documentazione prodotta, la figura capace di incastrare quotidianamente tra loro le tre anime di questa tecnologia: quella tecnica di acquisizione radiologica delle informazioni, quella ingegneristica relativa alle conoscenze tecnologiche ed informatiche del flusso di stampa 3D, nonché quella economica di ottimizzazione temporale e gestionale di tutto il sistema. È solo grazie ad un équipe integrata e ad una favorevole congiuntura tecnica, medica e politica che queste soluzioni altamente all avanguardia possono realmente ottimizzare il workflow aziendale e facilitare l attività da svolgere, in modo da risultare ordinata, semplice, economica e di qualità. All investimento concreto nel potenziamento di queste nuove tecnologie applicate alla medicina corrisponde, quindi, anche un impellente necessità di incoraggiare l aggiornamento dei medici e professionisti del settore, portando alla formazione di figure professionali intellettualmente trasversali, esperte nel funzionamento ottimale di questi robot. Le stampanti 3D applicate all ambito sanitario possono esercitare, dunque, un triplice impatto su formazione, mercato e organizzazione aziendale, favorendo uno scambio intellettuale e umano in un ottica di cooperazione che valica i confini strettamente specialistici. Logicamente il miglioramento non può che non passare da una ricerca continua nel settore e camminare sulla stessa strada del perfezionamento tecnico e tecnologico, tramite la condivisione di esperienze ed expertise che assicurino così un organizzazione razionalizzata, più efficiente ed efficace delle risorse a disposizione. FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE L Associazione AITASIT (Associazione Italiana Amministratori di sistemi Informatici e Telemedicina), in virtù dell impegno che profonde a favore dell avanzamento delle competenze degli operatori sanitari nel campo delle tecnologie per il paziente, supporta e promuove la formazione del Tecnico Sanitario di Radiologia Medica nel campo della replicazione di organi sani e patologici, quale completamento della documentazione diagnostica fornita a supporto di chirurghi di varie specialità quali l ortopedia, la neurochirurgia, la chirurgia maxillofacciale e ortognatodontica e, non ultima, la chirurgia robotica. Il fulcro di tale impegno è dato dal confronto costante con tutte le realtà produttive nel settore e dalla presenza quale interlocutore privilegiato nel campo dell informatica, all interno dei network scientifici interdisciplinari attuali e futuri in nome e per conto della Federazione Nazionale Collegi TSRM. La formazione in questo settore non può lasciare spazio all improvvisazione ed è per questo motivo che AITASIT si avvale di professionisti qualificati nella gestione di eventi formativi basati sulle competenze, sull apprendimento per problemi e basato sul gioco, erogati sia in modalità FAD attraverso la piattaforma ATENA (http://www.aitasit.org/jm/atena), sia in presenza attraverso corsi di aggiornamento ECM e universitari. Attualmente sono in fase di progettazione un corso di base sulla stampa 3D per tutti gli operatori sanitari e uno schema di base unificato per la realizzazione di corsi di Alta Formazione Universitaria nel settore 3D print di tipo Biologico e non Biologico. AITASIT è, pertanto, disponibile al partenariato con tutte le realtà scientifiche che a qualsiasi titolo afferiscono al mercato 3D visuale e object-oriented. Attraverso il progetto #RADLAB, l associazione AITASIT offre a tutti gli operatori sanitari interessati, TSRM e non, la possibilità di effettuare il download di dataset di immagini TC e RM di oggetti, animali e persone affette da svariate patologie, nonchè di modelli già confezionati, al fine di promuovere il confronto fra modelli diversi di stampanti e materiali diversi. Grazie a questa piattaforma, chiunque ed a qualsiasi titolo può condividere con la comunità di makers i risultati della propria ricerca e del proprio lavoro, nonché una revisione sistematica dei lavori prodotti da altri, in un mutuo interscambio di informazioni e soluzioni. Il progetto #RADLAB consentirà a breve anche di par- 42

Seminario sulle Stampanti 3D 28-01-2016 Autori : Fabio Bisi - INFN-BO Fiorenzo Degli Esposti - Ex INFN-BO

Seminario sulle Stampanti 3D 28-01-2016 Autori : Fabio Bisi - INFN-BO Fiorenzo Degli Esposti - Ex INFN-BO Seminario sulle Stampanti 3D 28-01-2016 Autori : Fabio Bisi - INFN-BO Fiorenzo Degli Esposti - Ex INFN-BO 1 Stampanti 3D Concetti fondamentali Tipologia delle stampanti 3D Materiali Software Attivita amatoriali

Dettagli

Definizione. Tecniche di prototipazione rapida. Layer Manufacturing. Confronto. Applicabilità delle tecniche RP. Caratteristiche delle tecniche RP

Definizione. Tecniche di prototipazione rapida. Layer Manufacturing. Confronto. Applicabilità delle tecniche RP. Caratteristiche delle tecniche RP Tecniche di prototipazione rapida Definizione Prototipazione rapida (RP): classe di tecnologie che consentono di costruire modelli fisici anche complessi partendo direttamente dalle rappresentazioni CAD

Dettagli

Stampa 3D per le imprese P rototipazione e produzione. Cinetica 3d Marika Rugani - Cristian Serafini Dott. Daniele Boschi

Stampa 3D per le imprese P rototipazione e produzione. Cinetica 3d Marika Rugani - Cristian Serafini Dott. Daniele Boschi Stampa 3D per le imprese P rototipazione e produzione Cinetica 3d Marika Rugani - Cristian Serafini Dott. Daniele Boschi Cos'è la stampa 3d Trasformare un'idea progettuale in un modello fisico in tempi

Dettagli

Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti.

Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti. La Prototipazione Rapida Per Prototipazione Rapida (Rapid Prototyping) si intende la realizzazione in poco tempo di un prototipo con costi molto contenuti. Un prototipo può essere usato per: o Verifiche

Dettagli

mediante l aggiunta localizzata di materiale metallico e/o ceramico (vedi foto) strato per strato.

mediante l aggiunta localizzata di materiale metallico e/o ceramico (vedi foto) strato per strato. L ATTREZZATURA: Presso il laboratorio Te.Si. sono presenti 4 tecnologie di Additive Manufacturing (AM): una sinterizzatrice per polveri metalliche/ceramiche, due stampanti 3D per il macro-additive Manufacturing,

Dettagli

Sardegna Ricerche. Laboratorio di Prototipazione Rapida

Sardegna Ricerche. Laboratorio di Prototipazione Rapida Sardegna Ricerche Laboratorio di Prototipazione Rapida 1 Il Laboratorio di Prototipazione Rapida Laboratorio nato per diventare un punto di riferimento per le imprese che operano nel campo della ricerca,

Dettagli

Sviluppo dei sistemi 3D

Sviluppo dei sistemi 3D Sviluppo dei sistemi 3D Istituto Berenini Fidenza, 24 maggio 2016 IERI Dal disegno 2D al disegno 3D È sempre stato necessario disegnare il profilo dell oggetto da realizzare indicando dimensioni e tolleranze

Dettagli

TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING

TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING TECNOLOGIE INNOVATIVE RAPID PROTOTYPING & MANUFACTURING I.P.S.I.A. Amantea & EUROCOMIND DALL IDEA AL PRODOTTO FINITO Il Ciclo Di Sviluppo Tradizionale il secolo XX, con la rivoluzione industriale e la

Dettagli

Gruppo CRP: Via C. Della Chiesa, 21-41126 Modena - Italy - Tel. +39 059 821135 www.crp-group.com - info@crp-group.com

Gruppo CRP: Via C. Della Chiesa, 21-41126 Modena - Italy - Tel. +39 059 821135 www.crp-group.com - info@crp-group.com Gruppo CRP: Via C. Della Chiesa, 21-41126 Modena - Italy - Tel. +39 059 821135 IL GRUPPO CRP Il Gruppo CRP ha sede a Modena, nel distretto industriale della MotorValley italiana, famoso in tutto il mondo

Dettagli

Filamenti 3D. 42 Codici Prodotto (44876 44917) Katun Brand

Filamenti 3D. 42 Codici Prodotto (44876 44917) Katun Brand Filamenti 3D Filamenti 3D 42 Codici Prodotto (44876 44917) ABS 1.75 mm in 10 colori ABS 2.85 mm in 10 colori PLA 1.75 mm in 11 colori PLA 2.85 mm in 11 colori Katun Brand Bobina nera con logo Katun Scatola

Dettagli

La stampa 3D nel medicale

La stampa 3D nel medicale Emanuele Carlo Christin Ingegnere biomedico, IRCCS Fondazione Salvatore Maugeri autore La stampa 3D nel medicale STORIA DELLA STAMPA 3D La stampa 3D, in considerazione del crescente impatto sociale ed

Dettagli

Progettazione CAD/CAM II

Progettazione CAD/CAM II Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Scienze MM.FF.NN. CdL in Tecnologie Fisiche Innovative Progettazione CAD/CAM II Prof. Nicola Baldanza Prof. Michele Benedetti Prototipazione Rapida La prototipazione

Dettagli

POWERED by ESAGONÓ. Linear delta robots for FFF 3D printing technology, CNC milling, screwing, gluing. LINEAR DELTA ROBOT 3D PRINTER - 101 SERIES

POWERED by ESAGONÓ. Linear delta robots for FFF 3D printing technology, CNC milling, screwing, gluing. LINEAR DELTA ROBOT 3D PRINTER - 101 SERIES ESAGONÓ Linear delta robots for FFF 3D printing technology, CNC milling, screwing, gluing. POWERED by IMPORTATORI E RIVENDITORI PER L ITALIA LINEAR DELTA ROBOT 3D PRINTER - 101 SERIES LA PROTOTIPAZIONE

Dettagli

Manufacturing the Future 3DZ GROUP. Ing. Cristian Parmeggiani Socio Fondatore

Manufacturing the Future 3DZ GROUP. Ing. Cristian Parmeggiani Socio Fondatore Manufacturing the Future 3DZ GROUP Ing. Cristian Parmeggiani Socio Fondatore Chi Siamo DISTRIBUTORE ITALIANO 3DSYSTEMS 5 SEDI BRESCIA CASTELFRANCO VENTETO ALESSANDRIA AREZZO ROMA Cosa Offriamo COMPLETA

Dettagli

Stampanti 3D Analisi settoriale

Stampanti 3D Analisi settoriale Analisi settoriale Analisi della concorrenza Rapid Prototyping Dati macroeconomici Secondo dati Wholers Associates, nell anno 2011 il comparto delle stampanti 3D è cresciuto globalmente del 29,4%. Nel

Dettagli

Prototipazione rapida: tecniche e applicazioni

Prototipazione rapida: tecniche e applicazioni Prototipazione rapida: tecniche e applicazioni Piano della presentazione La Prototipazione Rapida Classificazione delle tecniche di P.R. in funzione dell utilizzo Classificazione delle tecniche di P.R.

Dettagli

STAMPA 3D OPPORTUNITA E TECNOLOGIE PROFESSIONALI Bari 25 Ottobre 2014. La Stampa 3D presentata da chi ne fa una professione da oltre 15 anni

STAMPA 3D OPPORTUNITA E TECNOLOGIE PROFESSIONALI Bari 25 Ottobre 2014. La Stampa 3D presentata da chi ne fa una professione da oltre 15 anni STAMPA 3D OPPORTUNITA E TECNOLOGIE PROFESSIONALI Bari 25 Ottobre 2014 La Stampa 3D presentata da chi ne fa una professione da oltre 15 anni Chi siamo Selltek Srl Prototek Srl Nati nel 2001 da quasi 15

Dettagli

Periferiche di hardcopy 2D e 3D

Periferiche di hardcopy 2D e 3D Knowledge Aided Engineering Manufacturing and Related Technologies Dipartimento di Ingegneria Industriale Università di Parma Periferiche di hardcopy 2D e 3D Motivazione sono necessari documenti permanenti,

Dettagli

PROTOTIPAZIONE RAPIDA

PROTOTIPAZIONE RAPIDA PROTOTIPAZIONE RAPIDA Prof. Luca Iuliano Presidente APRI I PROTOTIPI Durante la fase di sviluppo di un prodotto vengono realizzate le seguenti tipologie di prototipi: concettuali funzionali tecnici Preserie

Dettagli

3D Digital Days 2.0 Genova 4 5 6 Ottobre 2012

3D Digital Days 2.0 Genova 4 5 6 Ottobre 2012 3D Digital Days 2.0 Genova 4 5 6 Ottobre 2012 PROGRAMMA DEFINITIVO GIOVEDI 4 OTTOBRE 14.00 14.30 Saluto delle autorità e introduzione dell evento 14.30 16.00 Tavola rotonda - titolo: Stato dell'arte e

Dettagli

FABBRICAZIONE ADDITIVA: L ARTIGIANATO DEL FUTURO?

FABBRICAZIONE ADDITIVA: L ARTIGIANATO DEL FUTURO? FABBRICAZIONE ADDITIVA: L ARTIGIANATO DEL FUTURO? Prof. Ing. Monica Carfagni Replicatore Star Trek La Prototipazione Rapida è una tecnologia innovativa che consente la produzione di oggetti di geometria

Dettagli

Tecnologie di stampa tridimensionale per attività di prototipazione e produzione:

Tecnologie di stampa tridimensionale per attività di prototipazione e produzione: Tecnologie di stampa tridimensionale per attività di prototipazione e produzione: COME AFFIDARSI ALLA FABBRICAZIONE ADDITIVA PER REALIZZARE PRODOTTI MIGLIORI Real Parts. Really Fast. to Labs, Ltd., Via

Dettagli

La Stampa 3D e la. Rapida

La Stampa 3D e la. Rapida La Stampa 3D e la Prototipazione Rapida CENNI STORICI FOCUS TECNOLOGIE RP PER USO PROFESSIONALE Index SLA, SLS, FDM, OBJET, Prototipi in metallo, Finiture BOOM DELLA STAMPA 3D INSTALLAZIONI DI STAMPANTI

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO PROGRAMMAZIONE AUTOMATICA CAM Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Programmazione automatica CAM Il CAM (Computer Aided Manufacturing) è una tecnologia mediante la quale si realizza l'integrazione

Dettagli

Sommario. Il gruppo p.1. La tecnologia p.2. MICRORED p.5. Microglass M.I.T. Made in Italy Technology

Sommario. Il gruppo p.1. La tecnologia p.2. MICRORED p.5. Microglass M.I.T. Made in Italy Technology Sommario 1 Il gruppo p.1 La tecnologia p.2 MICRORED p.5 By Microglass M.I.T. Made in Italy Technology Microglass s.r.l. P.I. 01444310930-33080 San Quirino (PN) Italia Sede amm.va: via Masieres 25/B Z.I.

Dettagli

La Fabbricazione Additiva e Industria 4.0

La Fabbricazione Additiva e Industria 4.0 La Fabbricazione Additiva e Industria 4.0 Una rivoluzione tecnologica già alle nostre porte Piero Mattirolo AdMil srl Strada Savonesa 9, 15057 Tortona AL www.fabbricaverde.it Metalli: le principali tecnologie

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE TECNICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE TECNICHE CLASSIFICAZIONE DELLE TECNICHE Tecniche FA Polvere Liquido Solido 1 Componente 1 Componente + legante Selective Laser Sintering 3 Dimensional Printing Incollaggio Laminate Object Man. Estrusione Fused

Dettagli

3D SIMO. Stampante 3D per creazioni a mano libera

3D SIMO. Stampante 3D per creazioni a mano libera 3D SIMO Stampante 3D per creazioni a mano libera La 3D Simo è la nuova generazione di penna stampante 3D. Design ergonomico, completo controllo su display dei parametri di stampa, stesso filo di stampa

Dettagli

INNOVATION AND TECHNOLOGY FOR SURGICAL ACTIVITY

INNOVATION AND TECHNOLOGY FOR SURGICAL ACTIVITY INNOVATION AND TECHNOLOGY FOR SURGICAL ACTIVITY COSA OFFRE PRODOTTI DI QUALITA Nuova BN è specializzata nella progettazione e costruzione di tavoli operatori radio chirurgici e di una vasta gamma di accessoristica

Dettagli

3M Adesivi e Nastri. 3M Scotch-Weld Adesivi Strutturali ed UV. Incollaggi. Giusta. alla. Lunghezza d Onda

3M Adesivi e Nastri. 3M Scotch-Weld Adesivi Strutturali ed UV. Incollaggi. Giusta. alla. Lunghezza d Onda 3M Adesivi e Nastri 3M Adesivi Strutturali ed UV Incollaggi alla Giusta Lunghezza d Onda Julius Weirauch 3M Technical Service Specialist für Industrie-Klebstoffe Adesivi 3M Gli Esperti in Adesivi per l

Dettagli

00_about us. Via Console Marcello 8, 20156 Milano 02 39217037

00_about us. Via Console Marcello 8, 20156 Milano 02 39217037 00_about us La nostra visione della stampa 3d Utilizziamo le tecnologie di stampa 3d in ambiti che vanno anche al di fuori della semplice prototipazione; Sfruttiamo i processi di stampa anche per la realizzazione

Dettagli

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2%

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2% Materiale Venduto da Trasparenza Densità (21.5 ) Temperatura di fusione Velocita' consigliata Bobina (peso netto) ECO PLA Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Semi trasparente 1250

Dettagli

METODI DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA E ATTREZZAGGIO RAPIDO

METODI DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA E ATTREZZAGGIO RAPIDO METODI DI PROTOTIPAZIONE RAPIDA E ATTREZZAGGIO RAPIDO La moderna industria, sotto la spinta della globalizzazione, è costretta oggi a tempi di sviluppo ed industrializzazione dei prodotti sempre minori.

Dettagli

suite suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini

suite suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini suite 3D 2D 4D suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini Piattaforma integrata basata su tecnologia web, ideata per ottimizzare

Dettagli

CO.E.S. Compagnia Edil Sanitaria S.p.a.

CO.E.S. Compagnia Edil Sanitaria S.p.a. CO.E.S. COMPAGNIA EDIL SANITARIA S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ È stata costituita nel 1965. La filosofia che da sempre anima le strategie di CO.E.S. è la proposta al mercato idrotermosanitario di soluzioni

Dettagli

FUSIONE LASER SELETTIVA: UNA METODOLOGIA AVANZATA PER LA REALIZZAZIONE DI PROTESI METALLICHE (prima parte)

FUSIONE LASER SELETTIVA: UNA METODOLOGIA AVANZATA PER LA REALIZZAZIONE DI PROTESI METALLICHE (prima parte) FUSIONE LASER SELETTIVA: UNA METODOLOGIA AVANZATA PER LA REALIZZAZIONE DI PROTESI METALLICHE (prima parte) Francesco Simionato INTRODUZIONE Durante gli anni 80 del secolo scorso venne introdotta una tecnologia

Dettagli

La pultrusione può essere definita sinteticamente. Semilavorati in materiale composito per applicazioni industriali. I pultrusi MATERIALE DEL MESE

La pultrusione può essere definita sinteticamente. Semilavorati in materiale composito per applicazioni industriali. I pultrusi MATERIALE DEL MESE La rubrica Materiale del mese è curata da: Matech materiali innovativi g Alessio Cuccu MaTech Parco Scientifico e Tecnologico Galileo Corso Stati Uniti,14 35127 Padova Tel.+39.049.8705973 - Fax.+39.049.8061222

Dettagli

SCENARI FUTURI NUOVE OPPORTUNITA. Scenari di Progetto: Mobilità Merci, Edilizia

SCENARI FUTURI NUOVE OPPORTUNITA. Scenari di Progetto: Mobilità Merci, Edilizia SCENARI FUTURI NUOVE OPPORTUNITA Scenari di Progetto: Mobilità Merci, Edilizia 35 INDICE MATERIALI INNOVATIVI 4-8 Ricerca preliminare: MATERIALI INTELLIGENTI 9-14 MATERIALI NATURAL-PACK 15-18 PERSONAL

Dettagli

Colonnine per i collegamenti dall alto

Colonnine per i collegamenti dall alto Per un laboratorio funzionale è anzitutto importante avere una rete efficiente, flessibile e sicura per la trasmissione di dati e di corrente. Sistema, detto a catena, di tavoli cablati e collegati in

Dettagli

Rapid manufacturing process

Rapid manufacturing process Rapid Manufacturing Process all in one se lo lo immagini, noi lo lo realizziamo Rapid manufacturing process nasce la nuova visione industriale Just in Time... una filosofia di produzione adatta a tutti

Dettagli

Aeronautica Privata. Arredamento. Funiviario

Aeronautica Privata. Arredamento. Funiviario AdHoc Aeronautica Privata Arredamento Funiviario Grandi Formati Illuminazione Nautica Ristorazione Dal 1966 Trasparenze che si vedono... Limp srl, azienda specializzata in componenti termoplastici, di

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

A 3D WORLD TM. La Serie Production. Produrre. Senza la linea di produzione.

A 3D WORLD TM. La Serie Production. Produrre. Senza la linea di produzione. FOR La Serie Production Produrre. Senza la linea di produzione. Le nostre tecnologie I sistemi di Produzione 3D che utilizzano la tecnologia brevettata PolyJet, depositano strati ultrasottili di fotopolimeri

Dettagli

ABSplus Stampa 3D in 9 colori con termoplastica standard

ABSplus Stampa 3D in 9 colori con termoplastica standard ABSplus Stampa 3D in 9 colori con termoplastica standard Ottieni di più con la stampa 3D. La tecnologia di modellazione a deposizione fusa (FDM, Fused Deposition Modeling) è in grado di creare componenti

Dettagli

EPUCRET Il fornitore di sistemi per basamenti di macchine

EPUCRET Il fornitore di sistemi per basamenti di macchine EPUCRET Il fornitore di sistemi per basamenti di macchine Soluzioni complete e sistemi di posizionamento e movimentazione conformi alle specifiche dei clienti sulla base di innovativi basamenti per macchine

Dettagli

YOU HAVE A DREAM. ZERO

YOU HAVE A DREAM. ZERO SCHEDA TECNICA YOU HAVE A DREAM. ZERO ZERO è una stampante 3D che fonde tecnologia avanzata altamente performante alla semplicità d utilizzo. Nella nostra esperienza e con la voglia di venire incontro

Dettagli

Riccardo Pietro Visentin Fare didattica ed esperimenti con la stampante 3D

Riccardo Pietro Visentin Fare didattica ed esperimenti con la stampante 3D Riccardo Pietro Visentin Fare didattica ed esperimenti con la stampante 3D Workshop di Alta Formazione Docenti Varese, 20/11/2015 un esempio in 90 secondi https://www.youtube.com/watch?v=7gz2z1q2kme cosa

Dettagli

ALLEGATO A - SCHEDA TECNICA

ALLEGATO A - SCHEDA TECNICA CARATTERISTICHE MINIME (PENA L ESCLUSIONE E LA NON AMMISSIONE ALLA GARA) Destinazione d uso: Impiego di tecnologie radiologiche 3D (TC) per la realizzazione di dispositivi protesici custom made Ubicazione:

Dettagli

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei

Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei Riordino dell organizzazione dell ospedale basato sul livello di intensità delle cure, sui reparti a gestione infermieristica, sull integrazione dei percorsi riabilitativi e sull attivazione dei Presidi

Dettagli

Sistemi di produzione additiva - Stampa 3D per il settore medicale H-5489-9138-01-A. Sistemi di produzione additiva - Stampa 3D per il settore

Sistemi di produzione additiva - Stampa 3D per il settore medicale H-5489-9138-01-A. Sistemi di produzione additiva - Stampa 3D per il settore Sistemi di produzione additiva - Stampa 3D per il settore medicale H-5489-9138-01-A Sistemi di produzione additiva - Stampa 3D per il settore medicale 1 2 Strutture LaserPFM prima della rimozione dalla

Dettagli

THINKING3D. GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling

THINKING3D. GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Fused deposition modeling GUIDA AL DESIGN PER LA STAMPA IN FDM Le nostre stampanti FDM utilizzano principalmente filamenti in PLA. Il PLA (acido polilattico) è un polimero

Dettagli

ENERGY GROUP Company Profile

ENERGY GROUP Company Profile 1 MISSION WE TAKE CARE OF YOUR 3D IDEAS 3D Technology for Digital Manufacturing Energy Group è un azienda specializzata nelle tecnologie per il 3D Digital Manufacturing a supporto dell innovazione delle

Dettagli

Autocostruzione di una stampante 3D

Autocostruzione di una stampante 3D Progetto: Autocostruzione di una stampante 3D A cura di: Collignan Luca (lucadamiano.collignan@studenti.polito.it) D Agostino Niccolò (nicolo.dagostino@studenti.polito.it) D Urzo Marco (marco.durzo@studenti.polito.it)

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Cos è il nastro autoadesivo?

Cos è il nastro autoadesivo? Cos è il nastro autoadesivo? Per nastro autoadesivo si intende una striscia di materiale che può aderire con la semplice pressione su varie superfici senza la necessità di calore, umettatura od altro.

Dettagli

La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna

La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna La Gestione della Fisica Sanitaria e delle Tecnologie Biomediche nei progetti di unificazione in Area Vasta Romagna Stefano Sanniti U.O. Fisica e Tecnologie Biomediche - AUSL CESENA SAN MARINO, 28 Settembre

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

digitals performa Il tuo CAD-CAM

digitals performa Il tuo CAD-CAM digitals performa Il tuo CAD-CAM Vantaggi del CAD-CAM in odontoiatria La tecnologia CAD-CAM è sempre più diffusa e utilizzata per la realizzazione di manufatti protesici in odontoiatria. Nel tempo, il

Dettagli

La stampa 3D non è quindi possibile senza il disegno CAD 3D dell'oggetto.

La stampa 3D non è quindi possibile senza il disegno CAD 3D dell'oggetto. COS È LA STAMPA 3D https://www.youtube.com/watch?v=n1nrcb8p18y La STAMPA 3D è la denominazione di un insieme di varie tecnologie di produzione automatica additiva, a strati, grazie alle quali si rende

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Materiali Plastici. standard PVC. Cloruro di polivinile

Materiali Plastici. standard PVC. Cloruro di polivinile 8 >> Materiali Plastici standard Materiali Plastici standard >> Semilavorati in PVC PVC Cloruro di polivinile Il PVC rigido è un materiale di larga diffusione, utilizzato prevalentemente per la sua ottima

Dettagli

Scaffold e tecnologie di preparazione. Docente: Prof. Alessandro Sannino

Scaffold e tecnologie di preparazione. Docente: Prof. Alessandro Sannino Scaffold e tecnologie di preparazione Docente: Prof. Alessandro Sannino 1. Introduzione 2. Funzioni dello scaffold 3. Criteri di progettazione dello scaffold 4. Porosità e tecniche di analisi 5. Materiali

Dettagli

Materiali Avanzati I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Materiali Avanzati I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Materiali Avanzati I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti UN PO DI STORIA Lo sviluppo della civilizzazione è stato fortemente influenzato dalla capacità di modificare e produrre sostanze, materiali

Dettagli

passion for dental research IMPLANT SYSTEM

passion for dental research IMPLANT SYSTEM passion for dental research IMPLANT SYSTEM La piattaforma presenta una superficie di Platform Switch che varia da 0.4 mm per l'impianto d 3.5 fino a 1.65 per l'impianto d 6 Processo produttivo trifasico

Dettagli

Analisi sperimentale del processo SLM per la produzione di palette di turbina in Ti-6Al-4V

Analisi sperimentale del processo SLM per la produzione di palette di turbina in Ti-6Al-4V Analisi sperimentale del processo SLM per la produzione di palette di turbina in Ti-6Al-4V Fabrizia Caiazzo Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Salerno Sinterizzazione laser:

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche

Progetto Lauree Scientifiche Progetto occhiali eco-friendly Progetto Lauree Scientifiche Liceo Scientifico Statale Federico II - Altamura LE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELL OTTICA Nel settore ottico (occhiali, lenti generiche) il

Dettagli

PROTOTIPAZIONE RAPIDA (RP)

PROTOTIPAZIONE RAPIDA (RP) Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali PROTOTIPAZIONE RAPIDA (RP) Carola Esposito Corcione DEFINIZIONI La prototipazione rapida (RP) è una tecnologia

Dettagli

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 8.25 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 1 Premessa Nell ambito dell Azienda Sanitaria il Servizio di Fisica Sanitaria è una struttura che svolge attività specialistiche

Dettagli

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI MATERIALI PER UTENSILI Gli utensili 2 Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la: Qualità del prodotto finito; Costo parti lavorate; Gli utensili 3 Nelle due principali fasi devono

Dettagli

Una ripartenza «additiva»

Una ripartenza «additiva» Strettamente riservato Una ripartenza «additiva» Rilanciare la competitività ed il territorio di Terni-Narni attraverso la manifattura additiva 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni

Attività e insegnamenti dell indirizzo Produzioni industriali e artigianali. Articolazione Industria. Opzione Arredi e forniture d interni Attivitàeinsegnamentidell indirizzo Produzioniindustrialieartigianali Articolazione Industria Opzione Arrediefornitured interni Disciplina: LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI Il docente di Laboratori

Dettagli

Modelli virtuali nell ambiente reale:

Modelli virtuali nell ambiente reale: Modelli virtuali nell ambiente reale: Sinergie tra stampanti 3D e scanner 3D Luca Iuliano Enrico Vezzetti Il continuo ridursi della vita utile degli oggetti di uso comune ha spinto il contesto industriale

Dettagli

PLASTICA UTILE PER TUTTI

PLASTICA UTILE PER TUTTI mostra fotografica PLASTICA UTILE PER TUTTI Palazzo Verde, 29/11/2014 Le stampanti 3D aprono nuove prospettive nella vita quotidiana delle persone disabili. Grazie a questa tecnologia è infatti più economico

Dettagli

new Per l innesto osseo... I prodotti 3D M e d sono creati per rendere il lavoro del professionista più semplice e più veloce.

new Per l innesto osseo... I prodotti 3D M e d sono creati per rendere il lavoro del professionista più semplice e più veloce. new Per l innesto osseo... I prodotti 3D M e d sono creati per rendere il lavoro del professionista più semplice e più veloce. Combinano un elevata usabilità ad una curva di apprendimento estremamente

Dettagli

Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D. Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D

Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D. Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D Innovazione, in modo accessibile. 9000 3D Sistema di radiografia extraorale KODAK 9000 3D Il futuro è arrivato Tecnologia 3D disponibile subito La radiografia dentale si è evoluta; la tecnologia del futuro

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government Il Progetto a project of TBS Group www.tbsgroup.com Il contesto di riferimento È da tempo in atto un progressivo spostamento del baricentro

Dettagli

L ENERGIA ALTERNATIVA CHE NON LASCIA IMPRONTE

L ENERGIA ALTERNATIVA CHE NON LASCIA IMPRONTE L ENERGIA ALTERNATIVA CHE NON LASCIA IMPRONTE SVILUPPO ENERGETICO ALLA LUCE DEL SOLE rete elettrica normalmente usata per la fornitura di energia Il mercato fotovoltaico continua la sua espansione Megacells:

Dettagli

Resina Lexan* SLX. Belle sotto al sole

Resina Lexan* SLX. Belle sotto al sole Resina Lexan* SLX Belle sotto al sole 2 SABIC Innovative Plastics Lo standard del policarbonato resistente alle intemperie Resina Lexan* stabilizzata anti-uv Quando si tratta di luce solare e altre fonti

Dettagli

Il caso. Neo: il CAD/CAM che fa... tutto di Gaetano Quaranta Responsabile Education Center Daniele Venturini. La scansione

Il caso. Neo: il CAD/CAM che fa... tutto di Gaetano Quaranta Responsabile Education Center Daniele Venturini. La scansione Il caso sistematica sostituisce interamente il lavoro di un operatore permettendo di fare eseguire alla macchina quanto prodotto da un dipendente o dal titolare. Colare il modello e poi poter subito lavorare

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

1) Ricostruzione virtuale tridimensionale partendo da tac

1) Ricostruzione virtuale tridimensionale partendo da tac Oggetto: studio di processo per la realizzazione di protesi in idrossiepatite La presente relazione si propone di esporre un processo costruttivo per la realizzazione di protesi in idrossiepatite utilizzando

Dettagli

Progettazione. Produzione. Assistenza

Progettazione. Produzione. Assistenza simply automation Profilo aziendale Fondata nel 1991, Evolut ha iniziato l attività come partner tecnologico dei principali produttori di robot. Evolut oggi si posiziona sul mercato come uno dei più importanti

Dettagli

Nuovi Servizi di Prototipazione Rapida Milano Meccanica

Nuovi Servizi di Prototipazione Rapida Milano Meccanica Nuovi Servizi di Prototipazione Rapida Milano Meccanica > Consulenza: I Vantaggi Milano Meccanica Da oggi Milano Meccanica offre nuovi servizi di prototipazione rapida: analizziamo i problemi e le esigenze

Dettagli

Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena. Con il contributo dello Studio Maestrelli

Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena. Con il contributo dello Studio Maestrelli Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena DOMANDA N 1 CERTIFICARE LA PRODUZIONE: PERCHÉ? DOMANDA N 2 CERTIFICARE: COSA SIGNIFICA? DOMANDA N 3 CERTIFICARE: A PRIORI O COME CONSEGUENZA? DOMANDA N 4 CERTIFICARE:

Dettagli

Le competenze per la fabbrica digitale

Le competenze per la fabbrica digitale GRUPPO TELECOM ITALIA Camerino, 1 Ottobre 2015 52 Congresso Nazionale AICA Le competenze per la fabbrica digitale Arturo Danesi la Stampa 3D e la 3^ rivoluzione industriale Dalla produzione massiva alla

Dettagli

L a v o r a z i o n e m a t e r i e p l a s t i c h e

L a v o r a z i o n e m a t e r i e p l a s t i c h e zoomassociati - pesaro L a v o r a z i o n e m a t e r i e p l a s t i c h e COPAM PLAST S.R.L. Via pirano, 8 61100 Tavullia (PU) tel. 0721-476712 fax 0721-476715 http: www.copamgroup.it email: plast@copamgroup.it

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici Commissione 12 Igiene e Sanità 8 luglio 2014, Roma Oggetto: Esame del Disegno di legge n 1324 Deleghe al Governo in materia di sperimentazione clinica

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Schumacher Precision Tools GmbH

Schumacher Precision Tools GmbH Image-Broschure Tecnologia della Filettatura Schumacher Precision Tools GmbH Prodotti Applicazioni Servizi L impresa Utensili di precisione dal 1918 Schumacher produce utensili di alta qualità e precisione

Dettagli

ATP Via Casa Pagano,31 84012 Angri (SA) Tel +39 081 94 77 77 Fax +39 081 94 77 40 www.atp-pultrsuion.com email: a.giamundo@atp-pultrusion.

ATP Via Casa Pagano,31 84012 Angri (SA) Tel +39 081 94 77 77 Fax +39 081 94 77 40 www.atp-pultrsuion.com email: a.giamundo@atp-pultrusion. IL CONSOLIDAMENTO STATICO CON COMPOSITI PRESTAZIONALI E CONVENIENTI PREMESSA L utilizzo di materiali e tecnologie proprie dell industria dei compositi registrano, negli ultimi anni, una sempre più capillare

Dettagli

L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI

L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TOMOGRAFIA INDUSTRIALE M. Reggiani - M. Moscatti TEC Eurolab Srl - Campogalliano (MO) Nel 1979 l'ingegnere inglese Godfrey Hounsfield e il fisico sudafricano

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

IN DIGITAL DENTISTRY

IN DIGITAL DENTISTRY CORSO DI PERFEZIONAMENTO Con il patrocinio di 1 6-7 maggio 016 17-18 giugno 016 9-10 settembre 016 ROMA Sapienza, Università di Roma Direttori del Corso: Prof.ssa Antonella Polimeni Dr. Giuseppe Luongo

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo

Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo Dove Hanno Inizio Fili Eccezionali Guida ai Prodotti Trafila Di Diamante Naturale Monocristallo Le trafile di diamante naturale monocristallo di Fort Wayne Wire Die forniscono elevate prestazioni e primissima

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

l azienda CPM è nata nel 1967 come piccola officina meccanica per la produzione di cuscinetti volventi, con l obiettivo di lavorare secondo i criteri

l azienda CPM è nata nel 1967 come piccola officina meccanica per la produzione di cuscinetti volventi, con l obiettivo di lavorare secondo i criteri l azienda CPM è nata nel 1967 come piccola officina meccanica per la produzione di cuscinetti volventi, con l obiettivo di lavorare secondo i criteri dell artigianato italiano di qualità. Oggi è una solida

Dettagli

DI LUCE SEGNALI. FUTURi. di John Borell, Stephen Lee (*) (*)John Borell lavora alla Steel Art Company, costruttore Americano di insegne luminose.

DI LUCE SEGNALI. FUTURi. di John Borell, Stephen Lee (*) (*)John Borell lavora alla Steel Art Company, costruttore Americano di insegne luminose. FUTURi SEGNALI DI LUCE I SISTEMI PER TAGLIO LASER OFFRONO IMPORTANTI VANTAGGI RISPETTO ALLE TECNICHE TRADIZIONALI NELLA LAVORAZIONE DI MATERIALI ACRILICI CON CUI VENGONO REALIZZATE GRAN PARTE DELLE MODERNE

Dettagli