prof. Corrado Petrucco, Università di Padova Scienze della Formazione mail to:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "prof. Corrado Petrucco, Università di Padova Scienze della Formazione mail to: corrado.petrucco@unipd.it"

Transcript

1 Progetto duezero del 16 settembre 2012 duezero Un progetto formativo integrato per la scuola, le istituzioni e le comunità del territorio, basato sul paradigma di condivisione sociale del Web 2.0 prof. Corrado Petrucco, mail to:

2 1. Basi teoriche, finalità e vision del progetto Web 2.0 e scuola integrata nel territorio e nella comunità In questo senso, una scelta coraggiosa di stampo costruttivista-sociale supportata adeguatamente dai software sociali, può aiutare a creare un ambiente di apprendimento attivo, in cui gli studenti, i docenti e le comunità del territorio cercano di risolvere collaborativamente dei problemi contestualizzandoli nel mondo reale e le cui soluzioni siano utili a tutta la comunità. L elaborazione di questi processi non termina al di fuori delle aule scolastiche ma prosegue, si sviluppa e cresce su supporti cognitivi estesi della Rete come i Blog, i Wiki, ed innumerevoli altri software di condivisione sociale. Il Web 2.0 è un insieme di tecnologie che offrono veramente una nuova prospettiva, ma che richiedono politiche educative e sociali attente a cogliere le sue potenzialità e le sue ricadute nel territorio. Il progetto duezero è quindi qualcosa di più che una semplice formazione alle nuove risorse tecnologiche della Rete per docenti e studenti: riguarda la ridefinizione del concetto stesso di apprendimento ed il modo di vedere il mondo al di fuori della classe, riguarda la comunità stessa, le istituzioni, il mondo del lavoro, ed il territorio di cui fanno parte. Da queste constatazioni emerge attuale il pensiero di teorici pragmatisti come Dewey e Lewin che interpretano la funzione educativa e formativa della scuola come premessa indispensabile alla vita democratica della società: lo studente deve divenire attore primo del proprio processo di costruzione della conoscenza a partire però da un autentica e partecipata esperienza di vita nella realtà sociale. Il concetto di comunità di pratica così come esplicitato da Wenger, diventa allora un elemento essenziale per gestire il passaggio tra una concezione di scuola formale ad una nuova scuola connettiva che si fonde con la società attraverso gli strumenti di social software messi a disposizione dal Web 2.0. Il progetto didaduezero è quindi un progetto di scuola integrata dove la scuola non è più un corpo a sé ma incarna i processi dinamici della comunità stessa (lavoro, istituzioni, eventi sociali) secondo il vecchio adagio: ci vuole tutto un villaggio per educare un bambino. 22

3 2. Obbiettivi dell intervento formativo Nuclei di competenze che connotano il progetto L intento è far conoscere ed utilizzare gli strumenti del Web 2.0 in un ottica di multi- trans- disciplinarità e di integrazione con il territorio. Ciò nella convinzione che siano spesso presenti molte risorse nascoste che i servizi forniti dal Web 2.0 possono aiutare a far emergere ed esplicitare, per realizzare progetti concreti e/o per risolvere problemi reali. È doveroso precisare che duezero non è pensato come un progetto di formazione alle tecnologie, ma è realizzato con le tecnologie, secondo un modello di formazione bottom-up: non si forniscono soluzioni preconfezionate ma si presentano strumenti che possono essere utilizzati in vari modi e a seconda dei contesti degli obiettivi e dei partecipanti. Le competenze sono coerenti con la vision del progetto e toccano trasversalmente nuclei tipici dell ambito sociale e tecnologico che sono strettamente intrecciati. Tab 1 Le competenze da stimolare in un ottica di utilizzo dei social software a supporto di attività partecipative nella comunità. Competenze Tipo di competenza Etica e Legalità Intercultura Participation Literacy Information Literacy Digital Literacy Competenze Digitali Integrazione con la società e gli ambiti informali Descrizione Base Avanzato Comprendere, utilizzare e stimolare l apprendimento: delle implicazioni etiche e legali di un uso corretto dei social software Comprendere e gestire le diverse culture con le quali si viene in contatto attraverso la Rete Comprendere l importanza ed entrare a far parte delle Comunità di Pratiche sia a livello professionale che sociale Comprendere e saper utilizzare efficacemente i social software nelle loro funzionalità di recupero efficace ed efficiente dell informazione Comprendere l importanza di politiche di integrazione con il sociale ed essere in grado di decodificarne le esigenze primarie. Dimostrare la comprensione e insegnare buone pratiche legali ed etiche nell uso dei social software Identificare e suggerire risorse ed esperienze di diversità presenti nella Rete Partecipare e segnalare l esistenza di una o più comunità di pratiche online Utilizzare i social software per cercare informazioni in contesti specifici Utilizzare i social software per aprirsi agli ambienti informali Promuovere attivamente la diffusione e la consapevolezza nella scuola sui temi dell etica e della legalità Promuovere progetti sull intercultura attraverso i social software Promuovere attivamente ed animare una o più comunità di pratiche on-line su temi specifici Utilizzare i social software per generare informazione in contesti specifici Proporre progetti di integrazione con istituzioni ed il sociale che mirano a creare luoghi di discussione per la soluzione di problemi La proposta formativa perciò, partendo da una introduzione teorico-metodologica a questi temi si sviluppa poi nella pratica di laboratorio per formare nei partecipanti 33

4 conoscenze, abilità spendibili immediatamente nella pratica didattica quotidiana ed in un secondo tempo anche nella integrazione con il sociale. Costruzione di una rete educativa integrata on-line Il progetto vuole realizzare una rete dinamica di collaborazione integrata per promuovere la continuità educativa tra le diverse esperienze formative e le molteplici entità che concorrono allo sviluppo culturale e sociale degli studenti. Si deve a questo proposito prevedere un patto di impegno formativo che riunisca gli attori nel territorio e li vincoli all apertura e all accoglienza degli studenti sia nel mondo della Rete che nei contesti reali. Poiché si tratta di pensare con modalità sistemiche ed integrate, la leadership territoriale politica, economica ed educativo-formativa deve esplorare e condividere le nuove modalità di apprendimento e comunicazione che per loro natura non distinguono più contesti formali ed informali, di lavoro e studio, ma li integrano in una dimensione unitaria. Empowerment sociale e cognitivo È estremamente importante che sia percepito da tutti gli attori il significato ultimo del progetto, che è certamente basato sul valore aggiunto di una nuova tecnologia, ma il cui reale obbiettivo è quello di sviluppare il senso di appartenenza ad una comunità ed al diritto/dovere di contribuire alla soluzione dei suoi problemi dando voce anche ai suoi membri più giovani sulla base del paradigma della Legitimate Peripheral Participation (Lave & Wenger, 1991). 3. Soggetti coinvolti nel territorio Policymakers Prevalentemente politici del territorio che verranno coinvolti soprattutto nelle attività di sensibilizzazione, pubblicizzazione, sostegno e crescita del progetto. Istituzioni Responsabili Uffici Relazioni con il Pubblico e istituzioni del territorio (ad es. Musei, Enti locali) che verranno coinvolti soprattutto nelle attività di sensibilizzazione, pubblicizzazione, sostegno e crescita del progetto. 44

5 Associazioni Responsabili di Ricerca e Sviluppo, Marketing e Uffici Stampa di aziende nel territorio disposti a stringere un patto formativo aperto con le scuole e la comunità Aziende Responsabili di Ricerca e Sviluppo, Marketing e Uffici Stampa di aziende nel territorio disposti a stringere un patto formativo aperto con le scuole e la comunità. La struttura modulare del progetto Moduli formativi del progetto sui quali successivamente costruire proposte per le comunità ed il territorio 1. L information literacy e la ricerca su Web: Google ed altri 2. Costruire conoscenza collaborativa: Blog, Wiki e Wikipedia, Google 3. Condividere e scoprire libri: Anobii 4. Creare e condividere audio e video: Digital Storytelling 5. Condividere risorse geo-localizzate nel territorio: Google Earth In ogni modulo, si spiegano le funzioni di un servizio, i suoi usi, si elencano esempi e testimonianze di docenti/studenti, con l obiettivo finale di governare il processo culturale che sta alla base di quel servizio. La formazione in aula, rinforzata dalla presenza di tutor preparati, sarà supportata online dalla piattaforma open source Moodle, su cui saranno disponibili i materiali relativi al corso (anche oltre la fine del corso stesso), altri documenti rilevanti, link utili, news, fonti. La piattaforma inizialmente sarà un vero e proprio supporto didattico, poi fungerà da accompagnamento nella creazione di comunità di pratica specifiche per ogni modulo. L obiettivo finale è quello di favorire la creazione di veri e propri personal learning environment (PLE), cioè ambienti di apprendimento integrati, centrati sulla esigenze della persona e costruiti attorno ai social software, in modo tale da riconoscere e connettersi ai flussi comunicativi delle comunità. Integrazione dei moduli con attività nel territorio e nelle istituzioni Nella seconda fase del progetto, le istituzioni, le associazioni e gli enti culturali e le aziende dovranno garantire la loro presenza attiva on-line sotto forma di Blog, Wiki o siti 55

6 Web integrati da uno o più social software, creati all interno di un percorso aperto di sperimentazione e di collaborazione con le scuole su temi specifici inerenti le proprie attività. Di seguito sono elencati alcuni esempi di possibile sperimentazione integrata (si rinvia agli allegati per la descrizione estesa). 4. Tempi Formazione da Ottobre a Dicembre Progetti in atto da Gennaio a Aprile Chiusura e diffusione a fine Maggio I moduli formativi 1. L information literacy e la ricerca su Web Internet ha reso disponibile una quantità enorme di informazioni, troppa informazione disponibile e l incapacità di selezionarla creano ansia e disagio, è necessario pertanto saper padroneggiare il processo di ricerca e valutazione delle risorse reperibili che non può più essere pensato come quello tipico di in un enciclopedia o di una biblioteca, proprio perché gli strumenti ed i metodi sono differenti. Gli strumenti che normalmente si utilizzano per cercare in Internet sono i motori di ricerca che si consultano inserendo una o più parole le cui occorrenze vengono cercate all interno dei documenti 1. Bisogna tenere conto che la ricerca in rete è influenzata da diversi fattori: il tipo di strumento utilizzato e la sua conoscenza più o meno approfondita; il dominio di conoscenza a cui appartiene l argomento cercato; la conoscenza precedente dell argomento trattato; l appartenenza ad una certa cultura. Le strategie di ricerca in rete risentono molto del tipo di esigenza informativa che si ha (che può variare da estremamente specifica a molto generica). Se la ricerca avviene all interno di un dominio conosciuto, le preconoscenze portano a buon fine la ricerca stessa; in caso contrario, la ricerca ottiene spesso scarsi risultati. Progetto didattico suggerito: Per comprendere gli stili cognitivi degli studenti a seconda della strategia di ricerca adottata, il docente può far svolgere un attività in due fasi: una ricerca su Web in cui ogni studente lavora da solo, 1 Altri servizi disponibili sono: Google Scholar (http://scholar.google.it), che ha come base documentale solo letteratura accademica, e Google Books (http://books.google.it), che permette di eseguire una ricerca full-text sui libri di alcune case editrici e biblioteche. 66

7 una ricerca su Web in cui viene coinvolta tutta la classe contemporaneamente, aiutandosi con una scheda di lavoro da compilare per ogni studente e per la classe nel suo insieme. Il docente potrà poi cercare di migliorare l efficacia delle strategie adottate facendo rilevare agli studenti l importanza di sceglierne e seguirne una specifica, suggerendo, se necessario, strategie alternative e più efficienti, selezionando insieme dei sotto-argomenti, utilizzando ausili metacognitivi come le mappe concettuali ed il metodo SEWCOM (Petrucco, 2002) 2. Gli studenti si approprieranno, così, in modo intuitivo e contestuale di un vero e proprio lessico specifico dell argomento trattato. La scelta poi dei documenti ottenuti dalla ricerca si può attuare sulla base di due criteri principali: il livello di comprensione degli studenti (che è funzione della loro competenza nel decodificare il documento) e l affidabilità e l oggettività della fonte. Il docente si trova a ricoprire molteplici ruoli: esperto della disciplina, figura di supporto alla decodifica documentale, garante delle fonti, facilitatore, favorendo la discussione e aiutando a ricapitolare i risultati ottenuti nella ricerca online, evidenziando e giustificando le scelte effettuate, incoraggiando gli studenti a riflettere sulle strategie adottate. Competenze acquisibili: Competenza nel riconoscimento dei propri bisogni informativi. Sviluppo di un metodo efficiente ed efficace nella ricerca (metacognizione) Sviluppo del senso critico nella individuazione e valutazione delle risorse Competenza nel sintetizzare, presentare ed organizzare le informazioni. 2. Condividere pensieri ed emozioni: il blog Il termine blog (da Web log) indica un software concepito per facilitare la scrittura in rete, che non richiede particolari conoscenze tecniche. Il sistema impagina automaticamente ogni nuovo articolo inserito (post) in ordine cronologico decrescente e permette ad altri utenti di inserire commenti. Ogni post è descritto attraverso alcune parole chiave (tag), che permettono di ritrovarlo anche quando è archiviato. Esistono servizi gratuiti per la pubblicazione di un blog, es. Blogger. In ambito didattico il blog può essere utilizzato per scrivere diari di classe ed incoraggiare gli studenti alla lettura reciproca, per la scrittura 2 Corrado Petrucco, (2002) Laboratorio di ricerca delle informazioni in Internet, "Studium Educationis - Rivista per la formazione nelle professioni educative", n.3/2002, pp

8 di un diario personale, per scoprire ed incontrare esperienze esterne alla classe (vita reale, testimonianze). Progetto didattico suggerito: Il docente può creare un blog di classe (per il resoconto delle lezioni, i compiti a casa), gestito dal docente stesso, che può, a sua volta, nominare un responsabile giornaliero/settimanale,; oppure un blog specifico, legato ad un progetto con tempi e finalità ben delineate o, infine stimolare alla scrittura di un blog personale. Competenze acquisibili: Abilità nella scrittura collaborazione, aiuto reciproco, Zona Sviluppo Prossimale trasferimento di conoscenza comunicazione in rete consapevolezza e autonomia (responsabilizzazione e autovalutazione del processo di apprendimento) 3. Costruire conoscenza collaborativa: il wiki Il wiki è un particolare sito Web che consente a più utenti di creare e modificare le sue pagine, in modalità collaborativa. Il sistema conserva traccia delle modifiche effettuate e delle versioni precedenti, permettendo anche una sorta di controllo sui contributi forniti, attraverso l accettazione o meno delle variazioni effettuate dai collaboratori, e un confronto tra le revisioni effettuate. Solitamente la creazione delle pagine e il meccanismo di gestione editoriale dipendono dai ruoli e dai compiti ad essi assegnati. Esistono servizi gratuiti per la pubblicazione di wiki: es. Wikispace, Wetpaint e PBWiki.. Il wiki può essere utilizzato per: condividere e costruire collettivamente testi; sviluppare progetti ed attività di ricerca collaborativa; monitorare i progressi della classe come gruppo di lavoro; verbalizzare ed esplicitare dei significati condivisi Il progetto Wikipedia (http://it.wikipedia.org/), nato nel 2001, riguarda un enciclopedia elettronica libera creata in maniera collaborativa dagli utenti, che discutono sui contenuti inseriti dalla comunità, aggiornandoli e, se necessario, 88

9 modificandoli. È un progetto sempre aperto e che ha raccolto più di sei milioni di articoli in 250 lingue diverse, contenenti più di un milione di immagini. Progetto didattico suggerito A: Il docente può creare: un wiki di classe o un wiki a tema, dedicato alla sua disciplina o ad una specifica lezione/argomento. Utilizzando i wiki (e anche altri social software come Flickr, Google Earth), il docente e la propria classe possono creare in maniera collaborativa dei testi veri e propri da inserire per esempio in WikiBooks, un progetto dedicato allo sviluppo e distribuzione di libri di testo e manuali a contenuto aperto, creati da volontari. Progetto didattico suggerito B: Il docente con la sua classe può creare un articolo sulla città, sul paese o sul territorio di provenienza degli studenti, corredandolo con ricerche storiche, immagini, podcasting/vodcasting. Partecipare come autori alla creazione di un testo comunitario, costringe gli studenti a porsi il problema dell attendibilità dei contenuti. Con l aiuto del docente, gli studenti dovrebbero riuscire ad individuare dei criteri di qualità da seguire, una sorta di codice etico condiviso e rispettato dalla comunità. Competenze acquisibili: scrittura collaborativa sviluppo e monitoraggio di un progetto condiviso capacità di perseguire un obiettivo comune, di negoziare significati e procedure operative, di assumere ruoli affidati e le responsabilità connesse, di gestire i conflitti 4. Condividere artefatti culturali: libri LibraryThing e Anobii sono applicazioni Web per catalogare e condividere cataloghi e liste di libri personali. Gli utenti le usano per condividere sul Web la propria biblioteca personale e scoprire affinità con altri utenti e mettersi quindi in contatto con loro per suggerimenti e consigli di lettura. Altri strumenti simili sono Shelfari e Lib.rario.us. Progetto didattico suggerito B: Il docente e gli studenti possono utilizzare LibraryThing o Anobii per: inserire la propria biblioteca personale scrivere e discutere le recensioni sui libri letti, favorire lo scambio di opinioni, 99

10 scoprire i libri più letti, fare scoperte reciproche per affinità partecipare attivamente ai gruppi tematici Competenze acquisibili: lettura e scrittura capacità di interpretazione e comprensione dei testi letterari sviluppo del senso critico nella lettura dei diversi contributi capacità di confronto e condivisione delle risorse bibliografiche (socializzazione delle nuove conoscenze). 5. Creare e condividere audio e video in modalità narrative: Digital Storytelling Il Digital Storytelling offre la possibilità di integrare i media audio e video al tradizionale testo, ascoltando e/o vedendo narrazioni su particolari argomenti, interviste, contenuti informativi di vario genere. Altre possibilità riguardano: presentare in chiave narrativa i contenuti disciplinari narrare esperienze personali creare autobiografie narrare eventi, fatti situazioni problematiche del territorio Progetto didattico suggerito: Gli studenti possono essi stessi produrre con modalità narrative fortemente emozionali, video e file audio su temi specifici inerenti contenuti disciplinari o di ricerca. Competenze acquisibili: progettualità (capacità di progettare materiali multimediali) comunicazione (capacità di usare segni e linguaggi in modo efficace rispetto alle finalità comunicative e agli strumenti tecnologici di supporto) 6. Condividere risorse geo-localizzate nel territorio Google Earth è un software free che permette la visione del globo terrestre ricostruendo il mondo reale sullo schermo del computer dell utente. Il modello tridimensionale (ottenuto da immagini satellitari) comprende dettagli altimetrici della superficie e indicazioni di strade o altri luoghi di interesse (culturale, commerciale). Il software 10

11 contiene un motore che consente la ricerca e la possibilità di salvare i punti preferiti ed infine di creare file multimediali. Progetto didattico suggerito: Il docente può utilizzare Google Earth per favorire l apprendimento attivando le preconoscenze geografiche degli studenti attraverso la percezione e l azione motoria sulla realtà geo-referenziata, per esempio: trovare la posizione della propria abitazione, della scuola o di qualsiasi altro luogo al mondo, collocare geograficamente eventi storici o culturali calcolare aree e individuare percorsi (storici, economici, culturali) indicare quante volte un fenomeno si ripete in un area determinata quali attività sono presenti in quell area Competenze acquisibili: analisi ed interazione della realtà geo-fisica, antropologica e ambientale integrazione di artefatti culturali nel contesto territoriale 11

12 6. Costi Modulo Ore (3h=1 incont ro pom.) gg. Docente Costo Incontro iniziale 2 1 Petrucco-De Rossi 300 Information Literacy 3 1 Petrucco 300 Blog 3 1 Petrucco 300 Wiki e wikipedia 3 1 Docente esperto 200 Anobii e libri on-line 6 2 De Rossi-docente esperto Digital storytelling + Audio e Video Installazione e messa a punto piattaforma MOODLE Formazione amministratore MOODLE + assistenza online 450 Google Earth 6 2 Docente esperto 600 Formazione MOODLE docenti 9 3 Petrucco-De Rossi- Docente esperto Tot. corsi Tecnico esperto Tecnico esperto Docente esperto Tot. corsi 1800 Tot Tot. Gen

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE 1 Per non perdersi. Il percorso di oggi Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE Terza parte VALUTARE LE COMPETENZE 2 COMPETENZA Definizione del costrutto

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Postscritto all edizione tascabile dell estate 2011 di The World Is Open: How Web Technology Is Revolutionizing Education C U R T I S J. B O N K, P R O F

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli