L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO"

Transcript

1 1 L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO Punto di convergenza tra le discipline biologiche, psicologiche e sociali, l ecologia dello sviluppo umano è un indirizzo di studio e ricerca che si propone di indagare in modo nuovo l interazione individuo-ambiente. URIE BRONFENBRENNER, psicologo americano docente alla Cornell University di New York, è attualmente il principale rappresentante di tale orientamento. La sua opera principale, pubblicata nel 1979 e tradotta recentemente anche in Italia con il titolo di Ecologia dello sviluppo umano, costituisce la trattazione più coerente e sistematica della disciplina di cui delinea i fondamenti teorici e metodologici. La psicologia dello sviluppo e il problema dell ambiente Bronfenbrenner parte innanzitutto da una critica al modo con il quale, generalmente, la psicologia, ed in particolare quella evolutiva, considera l ambiente ed effettua le proprie ricerche: L affermare che lo sviluppo umano è il prodotto dell interazione tra l organismo umano che cresce e il suo ambiente costituisce, per le scienze del comportamento, quasi un luogo comune.. Ci si aspetterebbe pertanto che la psicologia... abbia come oggetto di ricerca l individuo e l ambiente, con una speciale attenzione per l interazione tra essi. Ciò che invece riscontriamo nella pratica è un asimmetria marcata... tanto a livello di teoria che di ricerca, entrambe centrate sulle caratteristiche dell individuo e con una concezione e caratterizzazione dell ambiente in cui l individuo si trova, alquanto rudimentali... il panorama è scoraggiante... I concetti che vengono utilizzati (per descrivere l ambiente) sono limitati a poche categorie grezze e indifferenziate che si limitano a discriminare i vari individui in termini di indirizzo sociale -il contesto da cui provengono - o poco di più... Inoltre i risultati di queste ricerche consistono in una quantità schiacciante di informazioni relative non ai contesti dai quali i vari individui provengono, ma alle caratteristiche degli individui stessi, relative cioè, al come i soggetti provenienti da contesti diversi differiscono tra loro.. Infine, e forse ironicamente, i dati di questi studi, di solito sono ottenuti togliendo i soggetti della ricerca dal contesto particolare che è oggetto di indagine e piazzandoli in un laboratorio o in una stanza adibita alla somministrazione di test... Si potrebbe dire, da questo punto di vista, che molta dell attuale psicologia dell età evolutiva è scienza del comportamento inusuale di bambini posti in situazioni insolite con adulti sconosciuti per il più breve tempo possibile. (U.BRONFENBRENNER, Ecologia dello sviluppo umano, pp ) L ecologia dello sviluppo umano Questa ed altre osservazioni, frutto di studi e di analisi molto ampie, consentono allo psicologo americano di delineare i compiti del nuovo orientamento di studi: L ecologia dello sviluppo umano implica lo studio scientifico del progressivo

2 2 adattamento reciproco tra un essere umano attivo che sta crescendo e le proprietà, mutevoli, delle situazioni ambientali immediate in cui l individuo in via di sviluppo vive, anche nel senso di definire come questo processo è determinato dalle relazioni esistenti tra le varie situazioni ambientali e dai contesti più ampi di cui le prime fanno parte. (ivi, p , Definizione 1). Questa definizione sottolinea in modo particolare tre aspetti centrali nello studio dello sviluppo umano e dell interazione individuo-ambiente: 1. l individuo in via di sviluppo non è considerato semplicemente come una tabula rasa che l ambiente plasma, ma è visto come entità dinamica che cresce e che si muove progressivamente all interno del milieu (ambiente) in cui risiede e lo ristruttura 2. l interazione tra individuo e ambiente è considerata bidimensionale, è cioè caratterizzata dalla reciprocità; 3. l ambiente che si considera rilevante per i processi evolutivi non è limitato ad un unica situazione ambientale immediata, ma viene esteso nel senso di includere le interconnessioni tra più situazioni ambientali, nonché le influenze esterne che derivano da condizioni ambientali di carattere più generale. L ambiente ecologico Siamo, con l ultima osservazione, nel cuore della teoria di Bronfenbrenner vale a dire nella nuova concezione e considerazione che egli ha relativamente all ambiente che incide sullo sviluppo umano. Questa nuova concezione che egli propone, immagina l ambiente come una serie ordinata di strutture concentriche incluse l una nell altra. Tali strutture sono dette rispettivamente: MICROSISTEMA MESOSISTEMA, ESOSISTEMA, MACROSISTEMA.. Il microsistema: Un microsistema è uno schema di attività, ruoli e relazioni interpersonali di cui l individuo in via di sviluppo ha esperienza in un determinato contesto, e che hanno particolari caratteristiche fisiche e concrete Il microsistema, in altri termini, è l ambiente più immediato e vicino, un luogo in cui le persone possono facilmente interagire faccia-a-faccia. La casa, l asilo nido o la scuola, il campo-giochi, il gruppo di amici, l associazione sportiva o ricreativa frequentata quotidianamente, il quartiere e così via sono alcuni esempi di microsistema. L attività svolta in tale contesto, il ruolo, la relazione interpersonale costituiscono - secondo Bronfenbrenner gli elementi, o i blocchi costitutivi di questa prima realtà ambientale. Il mesosistema: Un mesosistema comprende le interrelazioni tra due o più situazioni ambientali alle quali l individuo in via di sviluppo partecipi attivamente (per un bambino, ad esempio, le relazioni tra casa, scuola e gruppo di coetanei che abitano nelle vicinanze di casa sua; per

3 3 un adulto, quelle tra famiglia, lavoro e vita sociale) Un mesosistema quindi è un insieme di microsistemi, un sistema di microsistemi. Si forma o si estende ogniqualvolta l individuo che cresce entra a far parte di una nuova situazione ambientale (si pensi, ad es., all ingresso del bambino nella scuola materna). L esosistema: Un esosistema è costituito da una o più situazioni ambientali di cui l individuo in via di sviluppo non è un partecipante attivo, ma in cui si verificano degli eventi che determinano, o sono determinati da ciò che accade nella situazione ambientale che comprende l individuo stesso. Nel caso del bambino piccolo esempi di esosistema potrebbero essere il posto di lavoro dei genitori, le loro amicizie, la classe frequentata dal fratello più grande, le attività del consiglio scolastico locale e così via. Il macrosistema: Il macrosistema consiste delle congruenze di forma e di contenuto dei sistemi di livello più basso (micro- meso- ed esosistema) che si danno, o si potrebbero dare, a livello di subcultura o di cultura considerate come un tutto, nonché di ogni sistema di credenze o di ideologie che sottostanno a tali congruenze. In una data società, ad esempio - diciamo la Francia - un asilo nido, una classe scolastica, un giardino pubblico, un caffè o un ufficio postale appaiono e funzionano in maniera molto simile, ma differiscono tutti dai loro corrispettivi statunitensi. E come se in ogni paese le varie situazioni ambientali fossero state costruite con lo stesso tipo di schema.tali differenze non si ravvisano solo tra diverse società e culture ma anche all interno di una stessa società. Se è vero infatti che le relazioni scuola-famiglia in Francia possono essere differenti da quelle riscontrabili negli Stati Uniti; è vero anche che, sia in Francia che negli U.S.A., tali relazioni variano a seconda delle classi sociali considerate (per es. famiglie benestanti e famiglie povere istituiscono tanto in Francia che negli Stati Uniti relazioni differenti con il mondo della scuola). Anche tali contrasti presenti all interno di una società, sono fenomeni del macrosistema. Gli schemi dei diversi sistemi differiscono per i vari gruppi socioeconomici, etnici, religiosi, ecc., e riflettono sistemi di credenze e stili di vita contrastanti, che contribuiscono a loro volta a perpetuare gli ambienti ecologici specifici di ciascun gruppo. Le variabili dell interazione individuo/ambiente La concezione dell ambiente, si presenta quindi, nell ottica dell ecologia dello sviluppo, alquanto complessa e richiede un attenzione molto ampia ed articolata da parte del ricercatore. A tale visione dilatata dell ambiente Bronfenbrenner aggiunge tutta un altra serie di osservazioni che ci aiutano a comprendere in che modo possa svolgersi il processo di adattamento reciproco tra individuo ed ambiente. Alcune domande possono aiutarci a capire il senso delle osservazioni di Bronfenbrenner:

4 4 In che modo l individuo esperisce l ambiente nel quale opera o di cui sente l influsso? Che cosa vuoi dire, in altri termini, avere esperienza di un ambiente? Come descrivere/definire il processo di adattamento reciproco tra individuo ed ambiente? Quando tale processo si verifica? Quando il rapporto individuo/ambiente si configura come un processo di sviluppo? Quando, infine, una ricerca condotta sul rapporto tra individuo e ambiente può essere considerata, nei suoi risultati, attendibile? L esperienza dell ambiente Perché è necessario mettere l accento sulla esperienza che ogni individuo ha dell ambiente con cui interagisce? Si usa questo termine per sottolineare che le caratteristiche scientificamente rilevanti di ogni ambiente includono non solo le proprietà oggettive di quest ultimo, ma anche il modo con cui tali proprietà sono percepite dagli individui che fanno parte di un determinato ambiente. (ivi, p ). In altri termini, nell affrontare il problema del feed-back tra l individuo e il suo ambiente, noi non dobbiamo accontentarci di descrivere, in modo obiettivo, ciò che quel contesto è (per es. a quale classe economica appartiene la famiglia del bambino preso in considerazione). E necessario cercare di capire, anche, che cosa di quell ambiente maggiormente influenza l insieme delle azioni e delle condotte esibite da quel particolare individuo; che cosa - in altri termini - quel determinato ambiente significa per lui. Sono soprattutto gli aspetti dell ambiente che hanno significato per l individuo in una data situazione che si dimostrano più potenti nel modellare il corso della crescita psicologica. L ambiente insomma che ha il massimo grado di rilevanza per la comprensione scientifica del comportamento e dello sviluppo è quello la cui realtà non è definita nei termini del cosiddetto mondo oggettivo, ma da come esso appare alla mente dell individuo. Per avvalorare questa sua posizione Bronfenbrenner richiama, da un lato, l importante legge psicologica di W.l.Thomas per cui : se gli uomini considerano determinate situazioni reali, esse sono reali nelle loro conseguenze ; dall altro gli studi ed i contributi teorici di Kurt Lewin ( ) su quello che lo psicologo tedesco-americano definiva come il campo psicologico o lo spazio vitale dell esperienza psichica. E proprio Lewin, scrive Bronfenbrenner, a dirci, già nel 1917, come ad esempio, la percezione di un paesaggio possa modificarsi man mano che il significato dell ambiente muta nello spazio vitale del soggetto. Riferendosi alla sua esperienza di soldato, Lewin racconta infatti, come quella che all inizio poteva apparire una piacevole scena bucolica, costituita da fattorie, campi o zone boscose, gradualmente cominci a trasformarsi quando ci si avvicina al fronte, ai campi di battaglia. La sommità di una collina - scrive Bronfenbrenner citando Lewin - ricca di alberi, diventa un posto di osservazione, il suo lato più riparato la posizione più adatta per pezzi d artiglieria.., aspetti del paesaggio naturale che solo pochi chilometri più indietro erano piacevoli sono ora percepiti come minacciosi: una gola che fa paura, la mimetizzazione

5 5 degli alberi, la collina che nasconde un nemico inosservato.... Distingueremo pertanto, nell analisi dell ambiente, il contesto reale obiettivo, da quello fenomenologico e soggettivo e parleremo di una preminenza dell ambiente fenomenologico su quello reale. Proprio tale esplorazione (ovvero l esplorazione dell ambiente fenomenologico) costituisce il compito principale della scienza psicologica: è necessario scoprire empiricamente come le varie situazioni ambientali vengono percepite dalle persone che sono coinvolte in esse. Lewin, senza specificare i contenuti, distingue in ogni situazione ambientale due aspetti che attraggono probabilmente l attenzione di ogni persona. Il primo è la Tatigkeit, termine che forse si può tradurre nel modo migliore con attività in atto; esso si riferisce ai compiti o alle operazioni nei quali un individuo si vede impegnato, o vede impegnati gli altri, Il secondo aspetto consiste nella percezione di interconnessioni tra le persone comprese nella situazione ambientale, e fa riferimento non tanto ai sentimenti interpersonali quanto alle relazioni che le varie parti hanno tra loro in quanto membri di un gruppo impegnato in attività comuni, complementari o relativamente indipendenti. (ivi, p. 59). Oltre a questi due aspetti, messi in rilievo da Lewin, secondo Bronfenbrenner è necessario tener conto di una terza caratteristica e cioè la nozione di ruolo definita come un insieme di comportamenti e di aspettative associati ad una determinata posizione all interno della società, come madre, bambino, insegnante, amico e così via. La transizione ecologica Dopo aver definito la struttura dell ambiente ecologico ed indicato la rilevanza della prospettiva fenomenologica nella analisi dello stesso, Bronfenbrenner rivolge la sua attenzione al processo di adattamento reciproco tra l organismo e ciò che lo circonda. Nel tentativo di comprendere tale processo egli elabora il modello della transizione ecologica inteso come esempio eccellente della interazione tra individuo ed ambiente. Si verifica una transizione ecologica ogniqualvolta la posizione di un individuo nell ambiente ecologico si modifica in seguito ad un cambiamento di ruolo, situazione ambientale o di entrambi (ivi., p. 61). Esempi di transizione ecologica si danno nell arco di tutta la vita: una madre viene a contatto per la prima volta con il figlio neonato; madre e bambino tornano a casa dall ospedale; vi è un succedersi di baby sitters; il bambino entra all asilo nido; arriva un fratello più piccolo; Giovanni o Maria vanno a scuola, sono promossi, si diplomano o forse rinunciano. Vi è poi il trovar lavoro, cambiar lavoro, perdere un lavoro; lo sposarsi, il decidere di avere un figlio; l avere dei parenti o amici (e il perderli); il comprare la prima auto, il primo televisore, la prima casa; andare in vacanza, viaggiare, muoversi, divorziare, risposarsi; cambiar professione, emigrare, oppure, per prendere in considerazione aspetti ancora più universali: ammalarsi, andare all ospedale, risanarsi; tornare al lavoro, andare in pensione; e la transizione finale, che non ammette deroghe - morire. (ivi, p. 62) Le alterazioni prodotte dalle transizioni ecologiche, attraversano tutti i livelli dell ambiente:... l arrivo di un fratello più piccolo è un fenomeno proprio del microsistema, il frequentare la scuola modifica l eso e il mesosistema e l emigrare in un altro paese (o forse

6 6 recarsi a casa di un amico che appartiene ad un ambiente socioeconomico o culturale diverso) implica l attraversare i confini del macrosistema. (ivi, p. 62) Proprio per la sua estensione a tutti i diversi sistemi dell ambiente ecologico, la transizione offre alla indagine scientifica un ricchissimo materiale di studio. Dal punto di vista della ricerca, infatti, ogni transizione ecologica costituisce di fatto un esperimento già pronto in natura, con un disegno sperimentale strutturato del tipo prima-dopo in cui ciascun soggetto serve da controllo a se stesso. (ivi, p. 62) Validità evolutiva e validità ecologica Quale rilevanza assumono le transizioni ecologiche per lo sviluppo umano? L importanza per lo sviluppo delle transizioni ecologiche deriva dal fatto che implicano pressoché invariabilmente una modificazione di ruolo, cioè delle aspettative concernenti il comportamento associato ad una posizione particolare all interno della società. Il ruolo ha il magico potere di alterare il modo in cui un individuo viene trattato, il modo in cui agisce, ciò che fa e perciò anche ciò che pensa e sente. (ivi, p. 35) Non ogni transizione ecologica deve tuttavia essere considerata rilevante ai fini dello sviluppo umano. Se, infatti, la transizione indica una interazione tra individuo ed ambiente, il cambiamento che essa produce nelle attività o nelle conoscenze dell individuo, assume importanza ai fini dello sviluppo solo quando esso è dotato di validità evolutiva. Con tale termine si vuole indicare una modificazione significativa caratterizzata da una certa continuità i cui effetti sono trasferibili a situazioni ambientali ed a momenti diversi. Detto in altri termini, un autentico processo evolutivo si registra soltanto quando il cambiamento prodotto nell interazione fra l individuo in via di sviluppo e il suo ambiente, assume i caratteri della durata e permea tutti i livelli del sistema (dal micro- all eso al meso- e al macrosistem a). Un esame anche molto sommario delle ricerche sullo sviluppo umano rivela che questo principio si segnala piuttosto per le violazioni ad esso che per il fatto di essere osservato: soprattutto negli studi di laboratorio, indagini che pretendono di dimostrare un effetto di tipo evolutivo si basano frequentemente solo su dati rilevati in una singola situazione ambientale, e relativi a un breve periodo di tempo. (ivi, p. 74). Se il principio della validità evolutiva permette, al ricercatore, di individuare eventi e modificazioni che configurano uno sviluppo vero e proprio, il criterio, complementare, della validità ecologica si applica alla ricerca stessa. Secondo la definizione classica una ricerca scientifica è valida quando misura effettivamente ciò che presume di misurare. Bronfenbrenner non si discosta molto da questa definizione. La validità ecologica di qualunque lavoro scientifico è messa in discussione ogni qualvolta vi sia una discrepanza tra la percezione della situazione sperimentale da parte del soggetto e le condizioni ambientali che il ricercatore si prefiggeva di ottenere o assumeva. Ciò significa che è non solo auspicabile, ma essenziale, in ogni indagine scientifica relativa al comportamento e allo sviluppo umani, il tener conto di come la situazione sperimentale viene percepita e interpretata

7 dai soggetti della ricerca. (ivi, p ) 7 Lo sviluppo Validità evolutiva come criterio per la individuazione dei mutamenti e validità ecologica come regola della ricerca scientifica, confluiscono nella idea di sviluppo elaborata da Bronfenbrenner. Lo sviluppo umano è il processo attraverso il quale l individuo che cresce acquisisce una concezione dell ambiente ecologico più estesa, differenziata e valida e diventa motivato e capace di impegnarsi in attività che lo portano a scoprire le caratteristiche di quell ambiente e ad accettarlo o ristrutturarlo, a livelli di complessità che sono analoghi o maggiori, sia nella forma che nel contenuto. (ivi, p. 63). Si tratta - come si può capire - di una visione molto ampia che concepisce lo sviluppo umano come un fenomeno altamente complesso e ricco. Di questa definizione tre aspetti vanno particolarmente sottolineati: 1. lo sviluppo implica una modificazione delle caratteristiche della persona non effimera, non legata ad un unica situazione ambientale (validità evolutiva); 2. le modificazioni evolutive si presentano, simultaneamente, sia nel campo della percezione/conoscenza dell ambiente, sia in quello dell azione; 3. tanto la percezione/conoscenza quanto l azione posseggono, nello sviluppo, una struttura analoga a quella dei quattro livelli dell ambiente. Pertanto, nell ambito della percezione, lo sviluppo sarà rappresentato dal grado di approfondimento della visione dell individuo che si estende al di là della situazione immediata per abbracciare tanto il meso quanto l eso ed il macrosistema. Allo stesso modo, nell ambito dell azione, il grado di sviluppo sarà misurato dall insieme di strategie efficaci con cui la persona accetta o riorganizza i vari livelli ambientali. Il bambino molto piccolo, in un primo momento, diventa consapevole solo degli eventi che avvengono nel suo ambito immediato, in ciò che ho chiamato microsistema. in seguito tuttavia egli diviene consapevole di relazioni tra eventi e persone in situazioni ambientali che apparentemente non implicano una sua partecipazione attiva (ivi, p.40). E proprio tale dilatarsi della conoscenza che supera i confini del microsistema, a costituire il carattere determinante dello sviluppo. Il processo evolutivo del bambino, in questo modo, è costituito dal suo graduale e progressivo rendersi conto che sono possibili relazioni tra varie situazioni ambientali dal comprendere il verificarsi di eventi, e la loro natura, in contesti in cui egli di per sé non è stato ancora coinvolto, come la scuola, o dei quali non entrerà mai a far parte, come l ambiente di lavoro dei genitori, una località situata in un paese straniero, il mondo creato dalla fantasia di qualcuno, ed espresso in una storia, un gioco, un film (ivi, p.40). Si tratta, come si può capire; di una visione molto ampia che si caratterizza, innanzitutto, per il tentativo di assumere il processo evolutivo in un ottica attenta alla complessità del reale, alla molteplicità delle relazioni intercorrenti fra il soggetto e i diversi sistemi ambientali, alla scoperta graduale e progressiva di un contesto che, via via, si approfondisce e si dilata entro lo spazio

8 8 vitale della persona. La caratteristica forse meno ortodossa della teoria che proponiamo è data dal concetto di sviluppo che le è proprio. L enfasi qui non è posta sui processi psicologici tradizionali di percezione, motivazione, pensiero e apprendimento, ma sul loro contenuto - su ciò che è percepito, desiderato, temuto, pensato o acquisito come conoscenza, e su come la natura di questo materiale psicologico muti in funzione dell esposizione di un individuo ad un determinato ambiente, e della sua interazione con esso. Lo sviluppo è definito come la concezione, in grado di evolversi, che un individuo si forma dell ambiente ecologico e della sua relazione con quest ultimo, nonché la capacità evolutiva di scoprire, mantenere o alterarne le proprietà (ivi, p.39). Bisognerà allora saper osservare la crescita del bambino nell intrico delle interazioni che si svolgono tra il bambino e l ambiente, bisognerà nello stesso tempo attendersi e saper descrivere le traiettorie imprevedibili di una evoluzione che sfugge a teorizzazioni troppo rigide. Possiamo ipotizzare che un bambino ha maggiori possibilità di imparare a parlare in una situazione ambientale che prevede dei ruoli tali da obbligare gli adulti a parlare ai bambini... Tuttavia, bisogna anche tener conto che le valutazioni dei genitori relative alle loro capacità in tale compito nonché il loro modo di considerare i figli, sono correlati a fattori esterni, come la flessibilità dell orario di lavoro,... la presenza di amici e vicini disposti a fornire aiuto...,lo stato di salute e la qualità dei servizi sociali, la sicurezza dei luoghi intorno alla casa. Infine, non può esser dimenticato che tutto ciò è, a sua volta, legato ad una determinata cultura o sub-cultura e ad una politica sociale e a norme tali da creare situazioni ambientali di sostegno addizionali e ruoli sociali che tendano alla vita familiare (ivi, p.36). Per una ecologia positiva La complessa visione dello sviluppo, i criteri guida per la ricerca, l idea dell ambiente come insieme di sistemi e di relazioni tra sistemi, la prospettiva fenomenologica, il modello della transizione, costituiscono alcuni fra gli elementi teorici più rilevanti dell orientamento ecologico. L ecologia dello sviluppo umano, tuttavia, non è soltanto un indirizzo di studio e di ricerca. Come disciplina, infatti, essa vuole anche proporsi di indicare gli elementi utili per uno sviluppo integrato della persona, denunciando, nel contempo, i disturbi esistenti nei diversi livelli sistemici. Se il Bronfenbrenner psicologo evolutivo si dimostra attento alla sfida della complessità, l educatore Bronfenbrenner vuole anche interrogarsi sulla possibilità di una ecologia positiva, capace di promuovere la persona in via di sviluppo. Come si edifica una buona ecologia dello sviluppo umano? Secondo lo studioso americano, perché un bambino si sviluppi in modo ottimale, da tutti i punti di vista è necessario che vi sia fin dalla nascita, un attività condivisa, progressivamente sempre più complessa, tra il bambino e un essere umano adulto, coinvolto con lui in una relazione emotivamente significativa dove. l equilibrio di potere si sposta gradualmente in favore della persona in via di sviluppo, quando... quest ultima acquisisce opportunità sempre maggiori di esercitare un controllo sulla situazione (ivi, p. 103).

9 9 E pure necessario che accanto a questa prima figura adulta (la quale formerà con il bambino quella che Bronfenbrenner definisce una diade primaria basata sull attenzione, l attività comune e la reciprocità) ve ne sia un altra, non necessariamente di sesso diverso, che offra supporto e appoggio alla relazione. Ne consegue che la famiglia è, per lo psicologo americano, di gran lunga il sistema più perfetto, potente e più economico che esista per mantenere umano l essere umano. L altra condizione di base è rappresentata dall esistenza di politiche sociali adeguate, che cioè conferiscano riconoscimento sociale, stabilità e disponibilità di tempo alla famiglia in modo da consentirle di svolgere il proprio compito educativo. La politica sociale è una parte del macrosistema che determina le proprietà specifiche degli eso, meso e microsistemi che si danno a livello di vita quotidiana e indirizzano il comportamento e lo sviluppo (ivi, p. 38). A tale proposito veramente innovativa appare l interpretazione che lo studioso americano conferisce alla questione del rapporto tra scienza e politica, il punto di vista tradizionale, infatti, ha sempre sostenuto che la politica sociale dovrebbe basarsi, almeno ogniqualvolta ciò sia possibile, sulla conoscenza scientifica. Bronfenbrenner, invece, sostiene che la scienza di base ha bisogno della politica sociale più di quanto questa necessiti della scienza di base. Soltanto la conoscenza e l analisi accurata della politica sociale, e quindi delle tendenze e dei cambiamenti in atto nell ambiente in cui ha luogo lo sviluppo, permette al ricercatore di indirizzare la propria attenzione su quegli aspetti dell ambiente potenzialmente più significativi e critici per lo sviluppo cognitivo e socioemotivo dell individuo. La politica sociale ha il potere di influenzare il benessere e lo sviluppo degli esseri umani in quanto determina le loro condizioni di vita. L aver realizzato questo mi ha indotto ad un notevole coinvolgimento, negli ultimi quindici anni, teso a far sì che la politica sociale del mio paese si modificasse, si sviluppasse e fosse dotata dei mezzi adatti in modo da influire sulla vita dei bambini e delle loro famiglie... l aver testimoniato per e collaborato con politici e funzionari governativi per quanto riguardava la legislazione, mi ha portato ad una conclusione inaspettata...: l interesse dei ricercatori per la politica sociale è essenziale per il progresso dello studio scientifico dello sviluppo umano. (ivi, p. 24).

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE URIE BRONFENBRENNER E L APPROCCIO ECOLOGICO - PRIMA PARTE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

IC Brescia Centro 3 Via dei Mille, 4b - Brescia Novembre 2012

IC Brescia Centro 3 Via dei Mille, 4b - Brescia Novembre 2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Brescia GLIP di Brescia CTRH DI Brescia Incontri di formazione sul Piano Educativo Individualizzato IC Brescia

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva ANNO ACCADEMICO 2007-2008 ROBERTO BAIOCCO Università degli Studi di Roma Sapienza Il corso offre una panoramica delle principali

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella In una scuola che ormai è concepita come luogo non solo deputato alla trasmissione del sapere, ma anche connesso

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento.

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Mario Solerio Partner D.O.C. marketing Di cosa parleremo Cosa intendiamo con cambiamento e le relative dinamiche Come comportarsi nei percorsi di cambiamento

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Partecipazione delle Famiglie ed Educazione familiare

Partecipazione delle Famiglie ed Educazione familiare Partecipazione delle Famiglie ed Educazione familiare di Enzo Catarsi La partecipazione dei genitori La consapevolezza dell importanza della presenza dei genitori nel nido nasce sulla base di importanti

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Il centro diurno per disabili secondo me

Il centro diurno per disabili secondo me Gruppo Solidarietà Il centro diurno per disabili secondo me Il Gruppo Solidarietà ha promosso lo scorso 5 novembre presso la propria sede un seminario di ricerca, dal titolo Il centro diurno per disabili

Dettagli

La famiglia davanti all autismo

La famiglia davanti all autismo La famiglia davanti all autismo Progetto Ministeriale di Ricerca Finalizzata - 2004 (ex art. 12 bis d. lgs. 229/99) Ente Proponente Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Responsabile

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

LA RELAZIONE l area della relazionalità

LA RELAZIONE l area della relazionalità PROGETTO MENTOR LA RELAZIONE Una serie di funzioni e di figure professionali occupano l area della relazionalità tra persone diretta a diversi scopi: facilitativi, orientativi, formativi, di soluzione

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Verbania 1 2 aprile 2008 1 QUADRO DI RIFERIMENTO INTERNAZIONALE Il 13

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE

SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE ANALISI DELLO SVILUPPO PSICOMOTORIO ED EMOTIVO/AFFETTIVO PROF. JOSE ALBERTO FREDA ATTO

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE w w w. o s m v a l u e. c o m COMPRENSIONE (RELAZIONI) Qualità generale delle relazioni. Capacità della persona di costruirsi relazioni

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Anna Frank. C.T.P. Adulti

Anna Frank. C.T.P. Adulti Anna Frank Tito Maccio Plauto San Giorgio C.T.P. Adulti Scuola Secondaria di primo grado Via Anna Frank di Cesena Progetto Macramè MEDIATORI CULTURALI aa.ss. 2008/2009-2009/2010 2009/2011 Scuola Secondaria

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da avvocati, una psicologa, una educatrice,

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Figli e denaro: verso il futuro

Figli e denaro: verso il futuro Educare al futuro: il ruolo dell educazione finanziaria Francesco Saita CAREFIN, Università Bocconi Figli e denaro: verso il futuro FAES PattiChiari, Milano, 12 ottobre 2013 1 Introduzione Parlare di educazione

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli