L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO"

Transcript

1 1 L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO Punto di convergenza tra le discipline biologiche, psicologiche e sociali, l ecologia dello sviluppo umano è un indirizzo di studio e ricerca che si propone di indagare in modo nuovo l interazione individuo-ambiente. URIE BRONFENBRENNER, psicologo americano docente alla Cornell University di New York, è attualmente il principale rappresentante di tale orientamento. La sua opera principale, pubblicata nel 1979 e tradotta recentemente anche in Italia con il titolo di Ecologia dello sviluppo umano, costituisce la trattazione più coerente e sistematica della disciplina di cui delinea i fondamenti teorici e metodologici. La psicologia dello sviluppo e il problema dell ambiente Bronfenbrenner parte innanzitutto da una critica al modo con il quale, generalmente, la psicologia, ed in particolare quella evolutiva, considera l ambiente ed effettua le proprie ricerche: L affermare che lo sviluppo umano è il prodotto dell interazione tra l organismo umano che cresce e il suo ambiente costituisce, per le scienze del comportamento, quasi un luogo comune.. Ci si aspetterebbe pertanto che la psicologia... abbia come oggetto di ricerca l individuo e l ambiente, con una speciale attenzione per l interazione tra essi. Ciò che invece riscontriamo nella pratica è un asimmetria marcata... tanto a livello di teoria che di ricerca, entrambe centrate sulle caratteristiche dell individuo e con una concezione e caratterizzazione dell ambiente in cui l individuo si trova, alquanto rudimentali... il panorama è scoraggiante... I concetti che vengono utilizzati (per descrivere l ambiente) sono limitati a poche categorie grezze e indifferenziate che si limitano a discriminare i vari individui in termini di indirizzo sociale -il contesto da cui provengono - o poco di più... Inoltre i risultati di queste ricerche consistono in una quantità schiacciante di informazioni relative non ai contesti dai quali i vari individui provengono, ma alle caratteristiche degli individui stessi, relative cioè, al come i soggetti provenienti da contesti diversi differiscono tra loro.. Infine, e forse ironicamente, i dati di questi studi, di solito sono ottenuti togliendo i soggetti della ricerca dal contesto particolare che è oggetto di indagine e piazzandoli in un laboratorio o in una stanza adibita alla somministrazione di test... Si potrebbe dire, da questo punto di vista, che molta dell attuale psicologia dell età evolutiva è scienza del comportamento inusuale di bambini posti in situazioni insolite con adulti sconosciuti per il più breve tempo possibile. (U.BRONFENBRENNER, Ecologia dello sviluppo umano, pp ) L ecologia dello sviluppo umano Questa ed altre osservazioni, frutto di studi e di analisi molto ampie, consentono allo psicologo americano di delineare i compiti del nuovo orientamento di studi: L ecologia dello sviluppo umano implica lo studio scientifico del progressivo

2 2 adattamento reciproco tra un essere umano attivo che sta crescendo e le proprietà, mutevoli, delle situazioni ambientali immediate in cui l individuo in via di sviluppo vive, anche nel senso di definire come questo processo è determinato dalle relazioni esistenti tra le varie situazioni ambientali e dai contesti più ampi di cui le prime fanno parte. (ivi, p , Definizione 1). Questa definizione sottolinea in modo particolare tre aspetti centrali nello studio dello sviluppo umano e dell interazione individuo-ambiente: 1. l individuo in via di sviluppo non è considerato semplicemente come una tabula rasa che l ambiente plasma, ma è visto come entità dinamica che cresce e che si muove progressivamente all interno del milieu (ambiente) in cui risiede e lo ristruttura 2. l interazione tra individuo e ambiente è considerata bidimensionale, è cioè caratterizzata dalla reciprocità; 3. l ambiente che si considera rilevante per i processi evolutivi non è limitato ad un unica situazione ambientale immediata, ma viene esteso nel senso di includere le interconnessioni tra più situazioni ambientali, nonché le influenze esterne che derivano da condizioni ambientali di carattere più generale. L ambiente ecologico Siamo, con l ultima osservazione, nel cuore della teoria di Bronfenbrenner vale a dire nella nuova concezione e considerazione che egli ha relativamente all ambiente che incide sullo sviluppo umano. Questa nuova concezione che egli propone, immagina l ambiente come una serie ordinata di strutture concentriche incluse l una nell altra. Tali strutture sono dette rispettivamente: MICROSISTEMA MESOSISTEMA, ESOSISTEMA, MACROSISTEMA.. Il microsistema: Un microsistema è uno schema di attività, ruoli e relazioni interpersonali di cui l individuo in via di sviluppo ha esperienza in un determinato contesto, e che hanno particolari caratteristiche fisiche e concrete Il microsistema, in altri termini, è l ambiente più immediato e vicino, un luogo in cui le persone possono facilmente interagire faccia-a-faccia. La casa, l asilo nido o la scuola, il campo-giochi, il gruppo di amici, l associazione sportiva o ricreativa frequentata quotidianamente, il quartiere e così via sono alcuni esempi di microsistema. L attività svolta in tale contesto, il ruolo, la relazione interpersonale costituiscono - secondo Bronfenbrenner gli elementi, o i blocchi costitutivi di questa prima realtà ambientale. Il mesosistema: Un mesosistema comprende le interrelazioni tra due o più situazioni ambientali alle quali l individuo in via di sviluppo partecipi attivamente (per un bambino, ad esempio, le relazioni tra casa, scuola e gruppo di coetanei che abitano nelle vicinanze di casa sua; per

3 3 un adulto, quelle tra famiglia, lavoro e vita sociale) Un mesosistema quindi è un insieme di microsistemi, un sistema di microsistemi. Si forma o si estende ogniqualvolta l individuo che cresce entra a far parte di una nuova situazione ambientale (si pensi, ad es., all ingresso del bambino nella scuola materna). L esosistema: Un esosistema è costituito da una o più situazioni ambientali di cui l individuo in via di sviluppo non è un partecipante attivo, ma in cui si verificano degli eventi che determinano, o sono determinati da ciò che accade nella situazione ambientale che comprende l individuo stesso. Nel caso del bambino piccolo esempi di esosistema potrebbero essere il posto di lavoro dei genitori, le loro amicizie, la classe frequentata dal fratello più grande, le attività del consiglio scolastico locale e così via. Il macrosistema: Il macrosistema consiste delle congruenze di forma e di contenuto dei sistemi di livello più basso (micro- meso- ed esosistema) che si danno, o si potrebbero dare, a livello di subcultura o di cultura considerate come un tutto, nonché di ogni sistema di credenze o di ideologie che sottostanno a tali congruenze. In una data società, ad esempio - diciamo la Francia - un asilo nido, una classe scolastica, un giardino pubblico, un caffè o un ufficio postale appaiono e funzionano in maniera molto simile, ma differiscono tutti dai loro corrispettivi statunitensi. E come se in ogni paese le varie situazioni ambientali fossero state costruite con lo stesso tipo di schema.tali differenze non si ravvisano solo tra diverse società e culture ma anche all interno di una stessa società. Se è vero infatti che le relazioni scuola-famiglia in Francia possono essere differenti da quelle riscontrabili negli Stati Uniti; è vero anche che, sia in Francia che negli U.S.A., tali relazioni variano a seconda delle classi sociali considerate (per es. famiglie benestanti e famiglie povere istituiscono tanto in Francia che negli Stati Uniti relazioni differenti con il mondo della scuola). Anche tali contrasti presenti all interno di una società, sono fenomeni del macrosistema. Gli schemi dei diversi sistemi differiscono per i vari gruppi socioeconomici, etnici, religiosi, ecc., e riflettono sistemi di credenze e stili di vita contrastanti, che contribuiscono a loro volta a perpetuare gli ambienti ecologici specifici di ciascun gruppo. Le variabili dell interazione individuo/ambiente La concezione dell ambiente, si presenta quindi, nell ottica dell ecologia dello sviluppo, alquanto complessa e richiede un attenzione molto ampia ed articolata da parte del ricercatore. A tale visione dilatata dell ambiente Bronfenbrenner aggiunge tutta un altra serie di osservazioni che ci aiutano a comprendere in che modo possa svolgersi il processo di adattamento reciproco tra individuo ed ambiente. Alcune domande possono aiutarci a capire il senso delle osservazioni di Bronfenbrenner:

4 4 In che modo l individuo esperisce l ambiente nel quale opera o di cui sente l influsso? Che cosa vuoi dire, in altri termini, avere esperienza di un ambiente? Come descrivere/definire il processo di adattamento reciproco tra individuo ed ambiente? Quando tale processo si verifica? Quando il rapporto individuo/ambiente si configura come un processo di sviluppo? Quando, infine, una ricerca condotta sul rapporto tra individuo e ambiente può essere considerata, nei suoi risultati, attendibile? L esperienza dell ambiente Perché è necessario mettere l accento sulla esperienza che ogni individuo ha dell ambiente con cui interagisce? Si usa questo termine per sottolineare che le caratteristiche scientificamente rilevanti di ogni ambiente includono non solo le proprietà oggettive di quest ultimo, ma anche il modo con cui tali proprietà sono percepite dagli individui che fanno parte di un determinato ambiente. (ivi, p ). In altri termini, nell affrontare il problema del feed-back tra l individuo e il suo ambiente, noi non dobbiamo accontentarci di descrivere, in modo obiettivo, ciò che quel contesto è (per es. a quale classe economica appartiene la famiglia del bambino preso in considerazione). E necessario cercare di capire, anche, che cosa di quell ambiente maggiormente influenza l insieme delle azioni e delle condotte esibite da quel particolare individuo; che cosa - in altri termini - quel determinato ambiente significa per lui. Sono soprattutto gli aspetti dell ambiente che hanno significato per l individuo in una data situazione che si dimostrano più potenti nel modellare il corso della crescita psicologica. L ambiente insomma che ha il massimo grado di rilevanza per la comprensione scientifica del comportamento e dello sviluppo è quello la cui realtà non è definita nei termini del cosiddetto mondo oggettivo, ma da come esso appare alla mente dell individuo. Per avvalorare questa sua posizione Bronfenbrenner richiama, da un lato, l importante legge psicologica di W.l.Thomas per cui : se gli uomini considerano determinate situazioni reali, esse sono reali nelle loro conseguenze ; dall altro gli studi ed i contributi teorici di Kurt Lewin ( ) su quello che lo psicologo tedesco-americano definiva come il campo psicologico o lo spazio vitale dell esperienza psichica. E proprio Lewin, scrive Bronfenbrenner, a dirci, già nel 1917, come ad esempio, la percezione di un paesaggio possa modificarsi man mano che il significato dell ambiente muta nello spazio vitale del soggetto. Riferendosi alla sua esperienza di soldato, Lewin racconta infatti, come quella che all inizio poteva apparire una piacevole scena bucolica, costituita da fattorie, campi o zone boscose, gradualmente cominci a trasformarsi quando ci si avvicina al fronte, ai campi di battaglia. La sommità di una collina - scrive Bronfenbrenner citando Lewin - ricca di alberi, diventa un posto di osservazione, il suo lato più riparato la posizione più adatta per pezzi d artiglieria.., aspetti del paesaggio naturale che solo pochi chilometri più indietro erano piacevoli sono ora percepiti come minacciosi: una gola che fa paura, la mimetizzazione

5 5 degli alberi, la collina che nasconde un nemico inosservato.... Distingueremo pertanto, nell analisi dell ambiente, il contesto reale obiettivo, da quello fenomenologico e soggettivo e parleremo di una preminenza dell ambiente fenomenologico su quello reale. Proprio tale esplorazione (ovvero l esplorazione dell ambiente fenomenologico) costituisce il compito principale della scienza psicologica: è necessario scoprire empiricamente come le varie situazioni ambientali vengono percepite dalle persone che sono coinvolte in esse. Lewin, senza specificare i contenuti, distingue in ogni situazione ambientale due aspetti che attraggono probabilmente l attenzione di ogni persona. Il primo è la Tatigkeit, termine che forse si può tradurre nel modo migliore con attività in atto; esso si riferisce ai compiti o alle operazioni nei quali un individuo si vede impegnato, o vede impegnati gli altri, Il secondo aspetto consiste nella percezione di interconnessioni tra le persone comprese nella situazione ambientale, e fa riferimento non tanto ai sentimenti interpersonali quanto alle relazioni che le varie parti hanno tra loro in quanto membri di un gruppo impegnato in attività comuni, complementari o relativamente indipendenti. (ivi, p. 59). Oltre a questi due aspetti, messi in rilievo da Lewin, secondo Bronfenbrenner è necessario tener conto di una terza caratteristica e cioè la nozione di ruolo definita come un insieme di comportamenti e di aspettative associati ad una determinata posizione all interno della società, come madre, bambino, insegnante, amico e così via. La transizione ecologica Dopo aver definito la struttura dell ambiente ecologico ed indicato la rilevanza della prospettiva fenomenologica nella analisi dello stesso, Bronfenbrenner rivolge la sua attenzione al processo di adattamento reciproco tra l organismo e ciò che lo circonda. Nel tentativo di comprendere tale processo egli elabora il modello della transizione ecologica inteso come esempio eccellente della interazione tra individuo ed ambiente. Si verifica una transizione ecologica ogniqualvolta la posizione di un individuo nell ambiente ecologico si modifica in seguito ad un cambiamento di ruolo, situazione ambientale o di entrambi (ivi., p. 61). Esempi di transizione ecologica si danno nell arco di tutta la vita: una madre viene a contatto per la prima volta con il figlio neonato; madre e bambino tornano a casa dall ospedale; vi è un succedersi di baby sitters; il bambino entra all asilo nido; arriva un fratello più piccolo; Giovanni o Maria vanno a scuola, sono promossi, si diplomano o forse rinunciano. Vi è poi il trovar lavoro, cambiar lavoro, perdere un lavoro; lo sposarsi, il decidere di avere un figlio; l avere dei parenti o amici (e il perderli); il comprare la prima auto, il primo televisore, la prima casa; andare in vacanza, viaggiare, muoversi, divorziare, risposarsi; cambiar professione, emigrare, oppure, per prendere in considerazione aspetti ancora più universali: ammalarsi, andare all ospedale, risanarsi; tornare al lavoro, andare in pensione; e la transizione finale, che non ammette deroghe - morire. (ivi, p. 62) Le alterazioni prodotte dalle transizioni ecologiche, attraversano tutti i livelli dell ambiente:... l arrivo di un fratello più piccolo è un fenomeno proprio del microsistema, il frequentare la scuola modifica l eso e il mesosistema e l emigrare in un altro paese (o forse

6 6 recarsi a casa di un amico che appartiene ad un ambiente socioeconomico o culturale diverso) implica l attraversare i confini del macrosistema. (ivi, p. 62) Proprio per la sua estensione a tutti i diversi sistemi dell ambiente ecologico, la transizione offre alla indagine scientifica un ricchissimo materiale di studio. Dal punto di vista della ricerca, infatti, ogni transizione ecologica costituisce di fatto un esperimento già pronto in natura, con un disegno sperimentale strutturato del tipo prima-dopo in cui ciascun soggetto serve da controllo a se stesso. (ivi, p. 62) Validità evolutiva e validità ecologica Quale rilevanza assumono le transizioni ecologiche per lo sviluppo umano? L importanza per lo sviluppo delle transizioni ecologiche deriva dal fatto che implicano pressoché invariabilmente una modificazione di ruolo, cioè delle aspettative concernenti il comportamento associato ad una posizione particolare all interno della società. Il ruolo ha il magico potere di alterare il modo in cui un individuo viene trattato, il modo in cui agisce, ciò che fa e perciò anche ciò che pensa e sente. (ivi, p. 35) Non ogni transizione ecologica deve tuttavia essere considerata rilevante ai fini dello sviluppo umano. Se, infatti, la transizione indica una interazione tra individuo ed ambiente, il cambiamento che essa produce nelle attività o nelle conoscenze dell individuo, assume importanza ai fini dello sviluppo solo quando esso è dotato di validità evolutiva. Con tale termine si vuole indicare una modificazione significativa caratterizzata da una certa continuità i cui effetti sono trasferibili a situazioni ambientali ed a momenti diversi. Detto in altri termini, un autentico processo evolutivo si registra soltanto quando il cambiamento prodotto nell interazione fra l individuo in via di sviluppo e il suo ambiente, assume i caratteri della durata e permea tutti i livelli del sistema (dal micro- all eso al meso- e al macrosistem a). Un esame anche molto sommario delle ricerche sullo sviluppo umano rivela che questo principio si segnala piuttosto per le violazioni ad esso che per il fatto di essere osservato: soprattutto negli studi di laboratorio, indagini che pretendono di dimostrare un effetto di tipo evolutivo si basano frequentemente solo su dati rilevati in una singola situazione ambientale, e relativi a un breve periodo di tempo. (ivi, p. 74). Se il principio della validità evolutiva permette, al ricercatore, di individuare eventi e modificazioni che configurano uno sviluppo vero e proprio, il criterio, complementare, della validità ecologica si applica alla ricerca stessa. Secondo la definizione classica una ricerca scientifica è valida quando misura effettivamente ciò che presume di misurare. Bronfenbrenner non si discosta molto da questa definizione. La validità ecologica di qualunque lavoro scientifico è messa in discussione ogni qualvolta vi sia una discrepanza tra la percezione della situazione sperimentale da parte del soggetto e le condizioni ambientali che il ricercatore si prefiggeva di ottenere o assumeva. Ciò significa che è non solo auspicabile, ma essenziale, in ogni indagine scientifica relativa al comportamento e allo sviluppo umani, il tener conto di come la situazione sperimentale viene percepita e interpretata

7 dai soggetti della ricerca. (ivi, p ) 7 Lo sviluppo Validità evolutiva come criterio per la individuazione dei mutamenti e validità ecologica come regola della ricerca scientifica, confluiscono nella idea di sviluppo elaborata da Bronfenbrenner. Lo sviluppo umano è il processo attraverso il quale l individuo che cresce acquisisce una concezione dell ambiente ecologico più estesa, differenziata e valida e diventa motivato e capace di impegnarsi in attività che lo portano a scoprire le caratteristiche di quell ambiente e ad accettarlo o ristrutturarlo, a livelli di complessità che sono analoghi o maggiori, sia nella forma che nel contenuto. (ivi, p. 63). Si tratta - come si può capire - di una visione molto ampia che concepisce lo sviluppo umano come un fenomeno altamente complesso e ricco. Di questa definizione tre aspetti vanno particolarmente sottolineati: 1. lo sviluppo implica una modificazione delle caratteristiche della persona non effimera, non legata ad un unica situazione ambientale (validità evolutiva); 2. le modificazioni evolutive si presentano, simultaneamente, sia nel campo della percezione/conoscenza dell ambiente, sia in quello dell azione; 3. tanto la percezione/conoscenza quanto l azione posseggono, nello sviluppo, una struttura analoga a quella dei quattro livelli dell ambiente. Pertanto, nell ambito della percezione, lo sviluppo sarà rappresentato dal grado di approfondimento della visione dell individuo che si estende al di là della situazione immediata per abbracciare tanto il meso quanto l eso ed il macrosistema. Allo stesso modo, nell ambito dell azione, il grado di sviluppo sarà misurato dall insieme di strategie efficaci con cui la persona accetta o riorganizza i vari livelli ambientali. Il bambino molto piccolo, in un primo momento, diventa consapevole solo degli eventi che avvengono nel suo ambito immediato, in ciò che ho chiamato microsistema. in seguito tuttavia egli diviene consapevole di relazioni tra eventi e persone in situazioni ambientali che apparentemente non implicano una sua partecipazione attiva (ivi, p.40). E proprio tale dilatarsi della conoscenza che supera i confini del microsistema, a costituire il carattere determinante dello sviluppo. Il processo evolutivo del bambino, in questo modo, è costituito dal suo graduale e progressivo rendersi conto che sono possibili relazioni tra varie situazioni ambientali dal comprendere il verificarsi di eventi, e la loro natura, in contesti in cui egli di per sé non è stato ancora coinvolto, come la scuola, o dei quali non entrerà mai a far parte, come l ambiente di lavoro dei genitori, una località situata in un paese straniero, il mondo creato dalla fantasia di qualcuno, ed espresso in una storia, un gioco, un film (ivi, p.40). Si tratta, come si può capire; di una visione molto ampia che si caratterizza, innanzitutto, per il tentativo di assumere il processo evolutivo in un ottica attenta alla complessità del reale, alla molteplicità delle relazioni intercorrenti fra il soggetto e i diversi sistemi ambientali, alla scoperta graduale e progressiva di un contesto che, via via, si approfondisce e si dilata entro lo spazio

8 8 vitale della persona. La caratteristica forse meno ortodossa della teoria che proponiamo è data dal concetto di sviluppo che le è proprio. L enfasi qui non è posta sui processi psicologici tradizionali di percezione, motivazione, pensiero e apprendimento, ma sul loro contenuto - su ciò che è percepito, desiderato, temuto, pensato o acquisito come conoscenza, e su come la natura di questo materiale psicologico muti in funzione dell esposizione di un individuo ad un determinato ambiente, e della sua interazione con esso. Lo sviluppo è definito come la concezione, in grado di evolversi, che un individuo si forma dell ambiente ecologico e della sua relazione con quest ultimo, nonché la capacità evolutiva di scoprire, mantenere o alterarne le proprietà (ivi, p.39). Bisognerà allora saper osservare la crescita del bambino nell intrico delle interazioni che si svolgono tra il bambino e l ambiente, bisognerà nello stesso tempo attendersi e saper descrivere le traiettorie imprevedibili di una evoluzione che sfugge a teorizzazioni troppo rigide. Possiamo ipotizzare che un bambino ha maggiori possibilità di imparare a parlare in una situazione ambientale che prevede dei ruoli tali da obbligare gli adulti a parlare ai bambini... Tuttavia, bisogna anche tener conto che le valutazioni dei genitori relative alle loro capacità in tale compito nonché il loro modo di considerare i figli, sono correlati a fattori esterni, come la flessibilità dell orario di lavoro,... la presenza di amici e vicini disposti a fornire aiuto...,lo stato di salute e la qualità dei servizi sociali, la sicurezza dei luoghi intorno alla casa. Infine, non può esser dimenticato che tutto ciò è, a sua volta, legato ad una determinata cultura o sub-cultura e ad una politica sociale e a norme tali da creare situazioni ambientali di sostegno addizionali e ruoli sociali che tendano alla vita familiare (ivi, p.36). Per una ecologia positiva La complessa visione dello sviluppo, i criteri guida per la ricerca, l idea dell ambiente come insieme di sistemi e di relazioni tra sistemi, la prospettiva fenomenologica, il modello della transizione, costituiscono alcuni fra gli elementi teorici più rilevanti dell orientamento ecologico. L ecologia dello sviluppo umano, tuttavia, non è soltanto un indirizzo di studio e di ricerca. Come disciplina, infatti, essa vuole anche proporsi di indicare gli elementi utili per uno sviluppo integrato della persona, denunciando, nel contempo, i disturbi esistenti nei diversi livelli sistemici. Se il Bronfenbrenner psicologo evolutivo si dimostra attento alla sfida della complessità, l educatore Bronfenbrenner vuole anche interrogarsi sulla possibilità di una ecologia positiva, capace di promuovere la persona in via di sviluppo. Come si edifica una buona ecologia dello sviluppo umano? Secondo lo studioso americano, perché un bambino si sviluppi in modo ottimale, da tutti i punti di vista è necessario che vi sia fin dalla nascita, un attività condivisa, progressivamente sempre più complessa, tra il bambino e un essere umano adulto, coinvolto con lui in una relazione emotivamente significativa dove. l equilibrio di potere si sposta gradualmente in favore della persona in via di sviluppo, quando... quest ultima acquisisce opportunità sempre maggiori di esercitare un controllo sulla situazione (ivi, p. 103).

9 9 E pure necessario che accanto a questa prima figura adulta (la quale formerà con il bambino quella che Bronfenbrenner definisce una diade primaria basata sull attenzione, l attività comune e la reciprocità) ve ne sia un altra, non necessariamente di sesso diverso, che offra supporto e appoggio alla relazione. Ne consegue che la famiglia è, per lo psicologo americano, di gran lunga il sistema più perfetto, potente e più economico che esista per mantenere umano l essere umano. L altra condizione di base è rappresentata dall esistenza di politiche sociali adeguate, che cioè conferiscano riconoscimento sociale, stabilità e disponibilità di tempo alla famiglia in modo da consentirle di svolgere il proprio compito educativo. La politica sociale è una parte del macrosistema che determina le proprietà specifiche degli eso, meso e microsistemi che si danno a livello di vita quotidiana e indirizzano il comportamento e lo sviluppo (ivi, p. 38). A tale proposito veramente innovativa appare l interpretazione che lo studioso americano conferisce alla questione del rapporto tra scienza e politica, il punto di vista tradizionale, infatti, ha sempre sostenuto che la politica sociale dovrebbe basarsi, almeno ogniqualvolta ciò sia possibile, sulla conoscenza scientifica. Bronfenbrenner, invece, sostiene che la scienza di base ha bisogno della politica sociale più di quanto questa necessiti della scienza di base. Soltanto la conoscenza e l analisi accurata della politica sociale, e quindi delle tendenze e dei cambiamenti in atto nell ambiente in cui ha luogo lo sviluppo, permette al ricercatore di indirizzare la propria attenzione su quegli aspetti dell ambiente potenzialmente più significativi e critici per lo sviluppo cognitivo e socioemotivo dell individuo. La politica sociale ha il potere di influenzare il benessere e lo sviluppo degli esseri umani in quanto determina le loro condizioni di vita. L aver realizzato questo mi ha indotto ad un notevole coinvolgimento, negli ultimi quindici anni, teso a far sì che la politica sociale del mio paese si modificasse, si sviluppasse e fosse dotata dei mezzi adatti in modo da influire sulla vita dei bambini e delle loro famiglie... l aver testimoniato per e collaborato con politici e funzionari governativi per quanto riguardava la legislazione, mi ha portato ad una conclusione inaspettata...: l interesse dei ricercatori per la politica sociale è essenziale per il progresso dello studio scientifico dello sviluppo umano. (ivi, p. 24).

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE URIE BRONFENBRENNER E L APPROCCIO ECOLOGICO - PRIMA PARTE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo SVILUPPO E CICLO DI VITA 1 Cosa determina lo sviluppo? Il processo di sviluppo è innato (deriva dalla

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

IC Brescia Centro 3 Via dei Mille, 4b - Brescia Novembre 2012

IC Brescia Centro 3 Via dei Mille, 4b - Brescia Novembre 2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Brescia GLIP di Brescia CTRH DI Brescia Incontri di formazione sul Piano Educativo Individualizzato IC Brescia

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Progetto Co.r.re.l.a.re I servizi per l infanzia come luogo di integrazione L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Lodi 8 aprile 2013 Gabriella Lessana Cosa fare all inizio? Per

Dettagli

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella In una scuola che ormai è concepita come luogo non solo deputato alla trasmissione del sapere, ma anche connesso

Dettagli

Capitolo 7 3.1 Linguaggio egocentrico ed interiore 3.2 sviluppo dei concetti

Capitolo 7 3.1 Linguaggio egocentrico ed interiore 3.2 sviluppo dei concetti Capitolo 7 3.1 Linguaggio egocentrico ed interiore Vygotskij sostiene che all inizio il pensiero e il linguaggio sono indipendenti. All età di due anni si legano e iniziano a fondersi, i bambini imparano

Dettagli

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA CORSO CISL SCUOLA SALERNO ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA Terza parte prof.ssa Carla Romano dirigente scolastico Gli studi sull'adolescenza si sono sviluppati in Europa

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare??

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? A.D.V.P. Activation du Développement Vocationnel et Personnel G. Cappuccio Università di Palermo L A.D.V.P è stato creato nel 1970 da Denis

Dettagli

Join In a Job! Fasi chiave del processo

Join In a Job! Fasi chiave del processo Join In a Job! Fasi chiave del processo Colloquio valutativo iniziale Silvia Exenberger Il colloquio iniziale è uno strumento utilizzato al primo incontro tra un consulente e un giovane. In questa parte

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com

Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com 1 Programma Finalità Il corso si propone di introdurre lo studente alla conoscenza dei principali temi affrontati dalla psicologia

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante RESOCONTTI Il presente elaborato è un resoconto dell attività di ricerca del progetto formativo svolto presso

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

Progetto Sportello Psicologico

Progetto Sportello Psicologico Progetto Sportello Psicologico Il compito della scuola oggi non è solo quello di istruire ed educare ma anche di formare e di garantire una relazione ed un clima di serenità in cui crescere. La scuola

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Comune di Brescia Settore Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO Profilo territorio La scuola comunale dell

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

VALORE. AI tuoi PERCORSI. integritá, obiettivi, passi, limiti, sale, qui&ora, autenticitá

VALORE. AI tuoi PERCORSI. integritá, obiettivi, passi, limiti, sale, qui&ora, autenticitá ascolto, consapevolezza, noi, esperienze, conoscersi, espressione, esserci, apertura, case, condivisione, vedere, sostegno, desideri, ricerca, anima, futuro, sbocciare, bisogni, progetti, io&te, viaggio,

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Il comportamento del consumatore turista

Il comportamento del consumatore turista Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di marketing agroalimentare e turismo rurale a.a. 2010/2011 Prof. Gervasio Antonelli Il comportamento del consumatore turista Lavoro

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto poi conosce il mondo ed interagisce con esso. La psicologia

Dettagli

Modulo: Scarsità e scelta

Modulo: Scarsità e scelta In queste pagine è presentato un primo modello di conversione di concetti, schemi e argomentazioni di natura teorica relativi all argomento le scelte di consumo (presentato preliminarmente in aula e inserito

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento.

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. Monica Buemi 1 La psicoanalisi non esiste se non tenendo conto dei significanti che circolano nell Altro, si rende quindi necessario

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

Arte e Immagine. Ed. Civica/Ed. alla Cittadinanza

Arte e Immagine. Ed. Civica/Ed. alla Cittadinanza Arte e Immagine Elaborare creativamente produzioni personali e autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni; rappresentare e comunicare la realtà percepita. Trasformare immagini e materiali ricercando

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo Esempio 1 Docente che ha bisogno di acquisire nuove competenze Area delle competenze relative all INSEGNAMENTO (DIDATTICA): Organizzazione delle situazioni di apprendimento: 1. (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni

Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Istituto Comprensivo Statale Senigallia nord Mercantini Primaria Classe IV C Docente Isabella Bruni Mappa Concettuale CREOLIZZAZIONE = RELAZIONE di ELEMENTI ETEROGENEI provenienti da DIVERSITÀ CULTURALE

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

IL SOCIALE CHE LAVORA IN "RETE" Un cambiamento culturale significativo all'interno dei sistemi di Welfare. A cura di Roberto Taverna

IL SOCIALE CHE LAVORA IN RETE Un cambiamento culturale significativo all'interno dei sistemi di Welfare. A cura di Roberto Taverna IL SOCIALE CHE LAVORA IN "RETE" Un cambiamento culturale significativo all'interno dei sistemi di Welfare. A cura di Roberto Taverna Premessa Il lavoro si pone l obiettivo di analizzare, comprendere e

Dettagli

BAMBINI SUL PONTE: TRA ORALITA E SCRITTURA Antonella Reffieuna MATERIALI DI STUDIO

BAMBINI SUL PONTE: TRA ORALITA E SCRITTURA Antonella Reffieuna MATERIALI DI STUDIO BAMBINI SUL PONTE: TRA ORALITA E SCRITTURA Antonella Reffieuna MATERIALI DI STUDIO INTRODUZIONE L ingresso di un bambino in un nuovo ambiente comporta inevitabilmente alcune difficoltà, che in genere si

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA I.C. MAHATMAGANDHI,VIA CORINALDO 41 ROMA 5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA - Continuità- Integrazione Orientamento Nido-Infanzia Infanzia- Primaria Primaria- Secondaria - Diversità, integrazione e inclusione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli

IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli IL RUOLO DEL SOCIOLOGO NELLA SCUOLA ITALIANA 1 di Giuditta Castelli La figura del sociologo non è contemplata dall ordinamento scolastico nazionale, a parte qualche isolata sperimentazione o progetto nell

Dettagli

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Il presente indice dispone gli argomenti contenuti nel volume Corso di scienze umane e sociali in base alle indicazioni fornite dal Ministero dell Istruzione

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Organismo Nazionale di Coordinamento per le politiche di integrazione sociale degli stranieri Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. La vecchiaia vista dal Nord Est.

OSSERVATORIO NORD EST. La vecchiaia vista dal Nord Est. OSSERVATORIO NORD EST La vecchiaia vista dal Nord Est. Il Gazzettino, 12.04.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei

Dettagli

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012 PER LO SVILUPPO DI UN WELFARE EDUCATIVO P r e m e s s a Da tempo si avverte l esigenza di riprendere una riflessione condivisa intorno al concetto fondamentale di impegno della comunità e delle istituzioni

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

PSICOLOGIA E APNEA. di Lorenzo Manfredini

PSICOLOGIA E APNEA. di Lorenzo Manfredini PSICOLOGIA E APNEA di Lorenzo Manfredini Psicologia e Apnea 1 La paura dell acqua 3/4 Domande, luoghi comuni e responsabilità 4/5/6 Discipline come l apnea e Scuole come Apnea Academy riconoscono alla

Dettagli

La psicomotricità. Ben oltre il movimento. psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità svizzera

La psicomotricità. Ben oltre il movimento. psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità svizzera Verband der Psychomotoriktherapeutinnen und -therapeuten Association des thérapeutes en psychomotricité Associazione dei terapeuti della psicomotricità psychomotorik schweiz psychomotricité suisse psicomotricità

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

OBIETTIVI- CHIAVE DEL PER-CORSO DI INTEGRAL LIFE COACHING RIPROGRAMMARE LA PROPRIA IMMAGINE INTERIORE

OBIETTIVI- CHIAVE DEL PER-CORSO DI INTEGRAL LIFE COACHING RIPROGRAMMARE LA PROPRIA IMMAGINE INTERIORE OBIETTIVI- CHIAVE DEL PER-CORSO DI INTEGRAL LIFE COACHING Gli obiettivi che si prefigge l Integral Life Coaching sono i seguenti: Riprogrammare la propria immagine interiore Attivare l intelligenza emotiva

Dettagli

PERCEZIONE E APPRENDIMENTO da F.AFFOLTER, E. STRICKER a cura di, Alle radici delle parole Emme Edizioni, Milano, 1983; ed.

PERCEZIONE E APPRENDIMENTO da F.AFFOLTER, E. STRICKER a cura di, Alle radici delle parole Emme Edizioni, Milano, 1983; ed. PERCEZIONE E APPRENDIMENTO da F.AFFOLTER, E. STRICKER a cura di, Alle radici delle parole Emme Edizioni, Milano, 1983; ed. originale 1980 Parte I IL MODELLO L esame del riconoscimento di patterns successivi

Dettagli