Rapporto Strategico Nazionale per la protezione e l inclusione sociale Osservazioni del Coordinamento tecnico interregionale politiche sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto Strategico Nazionale per la protezione e l inclusione sociale Osservazioni del Coordinamento tecnico interregionale politiche sociali"

Transcript

1 PREMESSA Rapporto Strategico Nazionale per la protezione e l inclusione sociale Osservazioni del Coordinamento tecnico interregionale politiche sociali Il 15 novembre 2007 il Parlamento Europeo ha approvato a larghissima maggioranza una complessa risoluzione in 97 punti sul «bilancio della realtà sociale» nell Unione. Si tratta di un documento importante che, pur affrontando il tema della povertà e delle misure di inclusione sociale in maniera fortemente omnicomprensiva, ha preceduto esattamente di due settimane la risoluzione dello stesso PE sui «principi comuni di flessicurezza» in cui è stata ribadita la centralità del modello sociale europeo e la sua compatibilità con i necessari processi di cambiamento in corso nel mercato del lavoro. Nella risoluzione I il PE sottolinea come siano 78 milioni i cittadini europei che vivono sotto la soglia di povertà e che nell Unione Europea si annovera circa l 8% di lavoratori poveri con una tendenza, in molti Stati membri, ad una crescita delle disuguaglianze e del numero di cittadini (lavoratori e non) che vivono al di sotto della soglia di povertà relativa. Nella risoluzione si ricorda inoltre che, a livello europeo, il salario medio delle donne raggiunge appena il 55% di quello degli uomini, il tasso di disoccupazione dei disabili è oltre il doppio di quello generale, vi è un forte collegamento tra esclusione sociale, basso tasso di istruzione e crescente difficoltà di accesso ai servizi, è in crescita il tasso di rischio per gli immigrati spesso privi di reti di protezione sociale e familiare di riferimento. Anche la percezione dei cittadini europei è chiara: dai dati emersi da una recente indagine Eurobarometro risulta che essi vedono nella povertà un fenomeno diffuso. In tutta l'ue i cittadini ritengono che, nella zona in cui vivono, circa una persona su 3 (29%) versi in condizioni di povertà e una su 10 in condizioni di povertà estrema. In tutti gli Stati membri parte della popolazione è esposta all'esclusione e alla privazione, oltre ad avere spesso un accesso limitato a servizi di base. Il Quadro Strategico Nazionale per la politica regionale di sviluppo La priorità Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita Le politiche relative all inclusione sociale contribuiscono in modo significativo all obiettivo del Quadro di migliorare le condizioni di vita e l accessibilità ai servizi e alle opportunità per tutti nei territori, accrescendone così l attrattività e la competitività: il cardine delle strategie in questo ambito è rappresentato dalla figura del cittadino come beneficiario/utente dei servizi. Nel QSN 2007/2013 l obiettivo suddetto viene perseguito attraverso due livelli di intervento: le politiche rivolte alle persone e alle imprese, la cui centralità nei programmi e nei progetti deve essere assicurata con il loro pieno coinvolgimento nella ricostruzione condivisa dei reali fabbisogni e nella definizione di obiettivi e di progetti; le azioni di sistema, ovvero le politiche strumentali rivolte al consolidamento del sistema dei servizi (infrastrutture materiali e immateriali e reti di attori presenti sul territorio, definizione e sperimentazione di standard di servizio, di professioni sociali, di profilo di cittadinanza sociale, di azioni informative e di orientamento, sensibilizzazione, rafforzamento della legalità, supporto ai processi di sviluppo di reti). Verso il 2010 Anno europeo di lotta alla povertà e all esclusione sociale La Commissione europea ha designato il 2010 quale Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale. La campagna, che avrà una dotazione di 17 milioni, intende ribadire I 15 novembre (n. 2007/2104)

2 l'impegno dell'ue a svolgere un ruolo decisivo, all'orizzonte del 2010, per l'eliminazione della povertà. L'Anno europeo 2010 prevede quattro obiettivi specifici: Riconoscimento del diritto delle persone che versano in situazione di povertà e di esclusione sociale a condurre una vita dignitosa e a svolgere appieno la loro parte nella società; Accrescere la dimensione di responsabilità pubblica delle politiche di inclusione sociale ribadendo che ognuno è tenuto a fare la sua parte per affrontare il problema della povertà e dell'emarginazione; Una società più coesa, in cui nessuno dubiti del fatto che la società nel suo insieme ha tutto da guadagnare dalla eliminazione della povertà; L'impegno di tutti gli attori poiché se si vogliono registrare progressi reali occorre uno sforzo di lungo periodo che coinvolga tutti i livelli di governance. L'Anno europeo 2010 coinciderà con la conclusione della strategia decennale dell'ue per la crescita e l'occupazione. Le azioni condotte durante l'anno europeo ribadiranno l'impegno politico iniziale dell'ue formulato nel 2000, all'avvio della strategia di Lisbona, di avere un impatto decisivo sull'eliminazione della povertà entro il L'Anno europeo avvia inoltre un processo che era stato annunciato nell'agenda sociale Agenda Sociale Rinnovata II: Opportunità, accesso e solidiarietà nell Europa del XXI secolo La Commissione europea, nel recente mese di luglio ha presentato un ampio e articolato pacchetto di iniziative, che rinnova l'impegno dell'ue per una "Europa sociale" e al passo con i tempi. Il pacchetto adottato, nel quadro dell'agenda sociale rinnovata, comprende nel complesso 19 iniziative in tema di occupazione e affari sociali, istruzione e giovani, salute, società dell'informazione e affari economici. Le iniziative sono incentrate sulle seguenti priorità: i bambini e i giovani Investire in risorse umane: gestire il cambiamento Consentire vite più lunghe e più sane Combattere la discriminazione Rafforzare gli strumenti Orientare le priorità a livello internazionale Combattere povertà ed esclusione sociale Tra le iniziative promosse dalla Commissione, una delle più significative sarà la predisposizione di un testo legislativo che colmi le lacune del quadro giuridico esistente in tema di pari opportunità, tutelando da discriminazioni fondate su religione o convinzioni personali, handicap, età o tendenze sessuali in settori diversi dall'occupazione. Un'altra proposta legislativa compresa nel pacchetto mira ad agevolare l'accesso dei pazienti all'assistenza sanitaria transfrontaliera. II Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni del COM(2008) 412 definitivo 2

3 PRIME VALUTAZIONI SULLA STRUTTURA DEL RAPPORTO STRATEGICO NAZIONALE PER LA PROTEZIONE E L INCLUSIONE SOCIALE Strategie La struttura complessiva del Rapporto Stragegico Nazionale per la protezione e l inclusione sociale (così come evidenziata nelle slides consegnate alle Regioni) può essere condivisibile, ma occorrerebbe conoscere nel dettaglio le declinazioni delle strategie per esprimere una valutazione di merito. In attesa di approfondire il dettaglio delle strategie operative che sarà declinato nella proposta di Rapporto Strategico elaborata, per la parte di sua competenza, dal Ministero per il Welfare, si ritiene, tuttavia, opportuno evidenziare la necessità di orientare la strategia complessiva su un numero limitato di priorità, da selezionare per l intensità di contributo che le stesse possono dare alla attuazione dell approccio inclusivo e attivo dei percorsi di protezione sociale e alla sostenibilità dei percorsi di cura che attivano le risorse personali, familiari e comunitarie. Scenari In merito alla Common Overview prospettata occorre, in coerenza con quanto previsto dall Agenda Sociale Rinnovata, ampliare il quadro conoscitivo prendendo in considerazione in particolare, nel contesto della complessiva situazione economico sociale, i fenomeni legati all avanzamento dei processi tecnologici, all impatto della globalizzazione, all evoluzione demografica (in particolare il quadro prospettico della popolazione anziana), ad una attenta valutazione degli effetti della congiuntura economica internazionale sui singoli e sulle famiglie in particolare per quando riguarda i fenomeni dell indebitamento e del sovraindebitamento; occorre inoltre prendere in considerazione gli esiti di alcune indagini sulla percezione della qualità della vita dei cittadini europei. Governance Una efficace strategia per l inclusione sociale necessita di un sistema di governance in cui sia pienamente realizzato il principio della pari dignità sociale e dell eguaglianza di tutti di fronte alla legge, ma che allo stesso tempo realizzi quella uguaglianza sostanziale stabilita dalla Costituzione, anche attraverso l adozione di azioni positive miranti a superare le disparità di fatto esistenti e a eliminare situazioni oggettivamente discriminatorie. Questa strategia individua un modello di politica sociale di welfare di comunità tesa a recuperare la prospettiva di una comunità che sappia sia prendersi cura delle persone in difficoltà ma anche mantenere e sviluppare processi di autonomia e inclusione per il raggiungimento degli obiettivi prefissati di innalzamento della condizione di benessere di ogni cittadino, per assicurare l accesso ai beni, ai servizi, alle opportunità di sviluppo sociale e professionale in coerenza con quanto previsto nel QSN 2007/2013. In proposito, occorre richiamare per la sua rilevanza il dato dei finanziamenti avviati in tutte le Regioni dalla nuova programmazione del Fondo Sociale Europeo, che individua uno specifico Asse, inclusione sociale nei documenti programmatori, e lo colloca in linea di continuità con l esperienza dell iniziativa comunitaria Equal, specificamente rivolta all inserimento lavorativo delle persone svantaggiate. In questa direzione, occorre lavorare per la massima integrazione fra i diversi attori coinvolti, evitando dispersione e duplicazione di iniziative e di risorse Il modello di governance dovrà essere impostato attraverso il massimo coinvolgimento delle istituzioni a tutti i livelli - a partire dal ruolo programmatorio delle regioni delle componenti sociali e del terzo settore e degli altri soggetti interessati così come previsto dalla l. 328/00, con il riconoscimento di un ruolo attivo e propositivo di ciascuna delle parti in causa,, perseguendo i seguenti obiettivi: Definizione di strategia di inclusione sociale attraverso l individuazione di percorsi condivisi tra le Amministrazioni centrali e le regioni ed autonomie locali, per la 3

4 definizione delle priorità nazionali, in coerenza con le priorità definite a livello regionale e comunitario. Tali priorità nazionali dovranno essere formulate in modo tale da garantire a ciascuna Regione/PA piena autonomia in fase di realizzazione del piano. Perseguimento di una programmazione coordinata delle azioni da realizzare prevedendo chiaramente il quadro delle risorse finanziarie destinate al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Definizione congiunta di un adeguato sistema di accompagnamento e monitoraggio, che tenga conto delle modalità di monitoraggio e di informazione eventualmente già definite o in via di definizione nell ambito di azioni/programmazioni affine (Politiche sociali, politiche comunitarie). Perseguimento di un'efficace correlazione tra piano nazionale di inclusione sociale e programmazione sociale regionale e locale.. Definizione di modalità di integrazione fra livelli di competenza nel perseguire l inclusione sociale, con esplicitazione del ruolo delle politiche sociali quali interventi che ricomprendono anche strumenti per l inserimento lavorativo delle persone svantaggiate. Definizione di livelli essenziali di assistenza quale obiettivo prioritario delle politiche di inclusione sociale al fine di garantire ai cittadini servizi e interventi adeguati dal punto di vista qualitativo e quantitativo determinando adeguate risorse per la loro realizzazione. Dovrà realizzarsi la ricomposizione in ambito locale delle prestazioni assicurate tramite diverse forme di finanziamento, il raccordo da assicurare con i livelli essenziali individuati in ambito sanitario e in altri settori della programmazione. Recepimento la proposta di direttiva adottata dalla Commissione volta ad agevolare l'applicazione dei diritti dei pazienti relativi all'assistenza sanitaria transfrontaliera III IL RUOLO DELLE REGIONI La programmazione delle politiche sociali di inclusione è affidata dalla Costituzione italiana alla competenza regionale e la loro concreta definizione ed attuazione all ambito locale (Comuni). E a tale livello che si determinano le modalità e gli strumenti per la gestione unitaria del sistema locale dei servizi sociali a rete. Si evidenzia come il processo di decentramento delle responsabilità nel sociale sia stato avviato positivamente con la Legge 328/2000 e le Regioni, con atti normativi e di pianificazione, hanno promosso la costruzione di welfare locali che hanno visto nella pianificazione lo strumento strategico dei Comuni associati per il governo locale dei servizi. Estremamente importante, a tal proposito, è il disegno di legge sul federalismo fiscale che sarà discusso prossimamente fra Governo e Regioni. Sarà occasione per ribadire in modo particolare l esigenza di determinare i livelli essenziali delle prestazioni per la garanzia dei diritti civili e sociali nell ottica di fornire risposte concrete in termini di esigibilità dei diritti e di accessibilità delle prestazioni anche per il contrasto a povertà ed esclusione sociale, in una logica attiva di rimozione degli ostacoli e delle cause del disagio e di esclusione sociale, piuttosto che di mera assistenza nelle condizioni di maggiori criticità e urgenza. Il processo che porterà al federalismo fiscale dovrà affrontare anche il tema del riequilibrio tra erogazioni monetarie e servizi, attualmente ancora molto orientato alle erogazioni economiche, nella consapevolezza che nessun vero processo di riforma del welfare potrà produrre risultati se non inciderà profondamente sui criteri di accesso e sulla titolarità dei trasferimenti monetari, così come nel processo di riforma non potrà essere ignorata la III Nonostante diverse chiare pronunce della Corte di giustizia europea a conferma del fatto che il trattato UE conferisce ai singoli cittadini il diritto di farsi curare in un altro Stato membro e di essere rimborsati nello Stato d'origine, rimangono delle incertezze sull'applicazione più generale dei principi che emergono da tale giurisprudenza. Con la sua proposta la Commissione intende garantire la sicurezza del diritto in questo ambito. 4

5 necessità di assicurare un sistema integrato degli interventi e ei servizi omogeneo, per quanto riguarda la tutela dei diritti di cittadinanza, in tutte le regioni italiane. I livelli essenziali delle prestazioni sono la garanzia di eguaglianza di tutti i cittadini nel sistema sociale e la loro definizione appare urgente anche in relazione alle note disomogeneità territoriali che sono causa di discriminazione nell accesso e nell esercizio dei diritti, assicurando di conseguenza le risorse finanziarie necessarie. Nell ambito di una complessiva determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni, tra i livelli da definire e finanziare con urgenza, per la dimensione dei fenomeni e per l attualità e gravità dei temi, si richiamano quelli riferiti agli interventi in favore delle persone non autosufficienti, alla tutela dei diritti dell infanzia e dell adolescenza, al contrasto delle povertà ed inclusione sociale. Essi devono essere comunque stabiliti nel quadro di un processo di cooperazione interistituzionale, affinché siano garantiti i criteri di universalità del diritto e valorizzazione delle specificità territoriali e di progressività nella attuazione. In questo processo le Regioni hanno svolto e possono ancora svolgere un ruolo importante nel governo e nel finanziamento del sistema favorendo processi aggregativi e di governance che consentano una programmazione locale aderente alle necessità e alle potenzialità dei territori. Per svolgere questo ruolo le Regioni hanno necessità di un quadro di certezza e tempestività delle risorse trasferite. LE PRIORITA DEL PIANO NAZIONALE INCLUSIONE SOCIALE Tra le priorità da evidenziare nelle strategie di inclusione sociale per gli anni si intende focalizzare l attenzione sull area della famiglia, e della non autosufficienza, che attualmente assumono un ruolo centrale nel sistema di protezione sociale. La centralità della famiglia nella società italiana trova conferma nel suo ruolo insostituibile per la persona e per la collettività. L impegno politico di tutti i livelli istituzionali di Governo deve essere, dunque, rivolto ad aumentare la qualità di vita delle famiglie, tenendo conto delle molteplicità di fenomeni quali il calo delle nascite, l invecchiamento della popolazione e l aumento della povertà. In tale prospettiva, le azioni di sostegno e di promozione della famiglia sono tese ad evitare che al suo interno possano manifestarsi gravi forme di marginalità ed esclusione. Il disagio sociale ed economico, nel quale versano oggi singoli e famiglie italiane e l obiettivo di assicurare il recupero di una loro forte stabilità, deve essere perseguito, da un lato, attraverso l adozione di misure idonee a sostenere economicamente e finanziariamente il reddito familiare, dall altro, attraverso il miglioramento del sistema di interventi e servizi sociali, per mezzo dei quali la famiglia può sopperire a carenze interne e strutturali della società. Una particolare attenzione deve essere rivolta al problema dell invecchiamento e della non autosufficienza ove si rende necessaria un attività programmatoria che affermi un modello di welfare in grado di valorizzare e di garantire il sistema sociosanitario della rete integrata dei servizi, garantendo maggiore uniformità nel territorio nazionale nell accesso agli interventi e alle prestazioni. Tale traguardo può essere raggiunto potenziando i servizi di sostegno alla domiciliarità, in particolare l assistenza domiciliare e l assistenza domiciliare integrata, che sono considerati strategici all interno del complessivo sistema dei servizi e, qualora non vi siano soluzioni alternative, migliorando l organizzazione dell assistenza residenziale e semiresidenziale. Va inoltre tenuto in considerazione che la promozione della qualità dei servizi per la non autosufficienza è strettamente collegata alla istituzione e al progressivo aumento delle risorse destinate al fondo per la non autosufficienza. Si ritiene, infine, che la qualità dei sistemi di solidarietà nei confronti delle fasce deboli possa essere perseguita, da un lato tramite, un monitoraggio costante delle tipologie e delle quantità di prestazioni erogate dagli enti locali- si pensi, a riguardo, all indagine Istat-Regioni- 5

6 Ministero del Lavoro sulla spesa sociale dei Comuni italiani- dall altro, tramite l utilizzo dello strumento di valutazione del reddito, l Isee, che, a sua volta, costituisce un utile base informativa a sostegno delle decisioni di spesa. L attuale scenario sociale, infatti, delinea una pluralità di fenomeni che, per semplicità di definizione, collochiamo sotto il titolo povertà. Un processo di impoverimento sta attraversando il nostro paese e riguarda un ampio spettro di condizioni, dall estrema marginalità alla difficoltà economica, che diventa fatica quotidiana per le persone che appartengono alla classe media. Questo fenomeno è ascrivibile al concetto di vulnerabilità sociale, intesa come condizione di fragilità, causata da fattori di rischio in ambito sociale, che attraversano le dimensioni fondanti del nostro vivere: l ambito delle relazioni familiari, quello del lavoro e dei legami comunitari. Si mette così in luce, nel nostro paese, la presenza di soggetti deboli, vulnerabili appunto, che possono entrare in percorsi di esclusione a seconda dei contesti in cui sono inseriti. Se ne deduce, pertanto, che il rischio di esclusione sociale non è più e solo strettamente connesso all appartenenza ad una categoria specifica di disagio, ma è spesso correlata alla presenza o assenza di contesti familiari e reti sociali, che possono rappresentare un importante e determinante fattore di protezione all esclusione. In questo senso va letto e compreso anche l aumento del complesso fenomeno delle persone senza dimora, situazione limite della condizione di povertà: esso non è ascrivibile ad una specifica condizione di disagio, ma intercetta una pluralità di forme di emarginazione che, insieme ad una marcata incapacità relazionale, portano all esclusione sociale. Rispetto a quanto evidenziato nelle slides occorre procedere nella individuazione di un numero più ridotto di priorità su cui incentrare la strategia nazionale di intervento e, allo stesso tempo, evidenziare le strette connessioni con le aree di policy direttamente rivolte agli specifici target a rischio di esclusione o in condizione di disagio sociale. Con riferimento alle priorità di rilievo nazionale, che impattano in misura maggiore sulle opportunità di inclusione e sulle condizioni di benessere dei singoli e dei nuclei familiari si ritiene di individuare le seguenti: Reddito minimo d inserimento (o reddito di ultima istanza, di cittadinanza o altri strumenti definiti dalle Regioni ) IV Contrasto delle Povertà (promozione della cittadinanza versus l area della precarietà e della sussistenza, con strumenti di rilievo nazionale quale il reddito di inserimento o di cittadinanza capace di supportare direttamente i soggetti che si assumano la responsabilità di compiere un percorso di riqualificazione, di inserimento sociale e lavorativo, ovvero di assumere un obiettivo di cura per persone fragili all interno dello stesso nucleo familiare); Rafforzamento degli strumenti di facilitazione dell accesso e della permanenza delle persone svantaggiate nel mondo del lavoro Sostegno alla non autosufficienza e alla disabilità, con il potenziamento dei servizi a rete a supporto del carico di cura che le famiglie sostengono nei percorsi di domiciliarità e con la razionalizzazione nella allocazione delle risorse, riducendo il ricorso ai ricoveri in strutture residenziali sanitarie e sociosanitarie. Potenziamento della rete degli interventi e dei servizi per la prima infanzia a supporto della educazione e della cura dei minori e della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro nelle famiglie, con interventi integrati volti a qualificare e potenziare l offerta, ma anche a qualificare e sostenere la domanda. IV in quanto misura in grado di affrontare in senso universalistico il contrasto alla povertà e all esclusione e di riassumere tutti i provvedimenti esistenti in materia di contributi economici relativi a varie aree d intervento. Hanno legiferato in materia Campania, Basilicata, Sardegna e Friuli Venezia Giulia. Si rileva che, in Europa, solo Italia e Grecia, come rilevato dalla Commissione Europea, non hanno ancora istituito tale misura. 6

7 L IMPEGNO DI REGIONI ED ENTI LOCALI E LE RECENTI MISURE SOCIALI ADOTTATE DAL GOVERNO: LA COSIDDETTA SOCIAL CARD La legge 6 agosto 2008, n.133 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n.112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. all art.81, commi 29 e seguenti, istituisce un Fondo speciale per la concessione a cittadini residenti italiani in condizione di maggior disagio economico di una carta acquisti per generi alimentari, bollette energetiche e fornitura di gas da privati. Rispetto agli elementi distintivi della carta acquisti e al percorso indicato dalla legge per la sua distribuzione, si apre un interrogativo innanzitutto per la caratteristica centralistica dell intervento e per la selettività dei destinatari. Lo sviluppo dell intervento, qualora fosse per competenza affidato alle Regioni, consentirebbe di avviare un percorso verso la realizzazione del reddito minimo d inserimento, a garanzia universalistica. L affidamento della gestione ad altri organismi (ipotesi Poste Italiane ) non tiene conto fra l altro delle competenze regionali. In relazione al Fondo istituito (ipoteticamente di circa 280 milioni di euro) per analogia di finalità, dovrebbe integrare i circa 420 milioni V di euro che i Comuni già spendono annualmente a contrasto di povertà ed esclusione sociale. Poiché la competenza è già ampiamente svolta da Regioni e Comuni, l intervento in questione, se gestito da altri organismi, rischierebbe di causare duplicazioni e dispersioni. Inoltre, il decreto attuativo (entro settembre) della legge n.133/08 potrebbe fornire ulteriori elementi di necessario approfondimento. STRATEGIA NAZIONALE SUL SISTEMA PENSIONISTICO In riferimento a tale pilastro si ritiene di non sviluppare una proposta da parte delle Regioni in quanto non direttamente destinatarie di competenze in merito anche se, a tal proposito, è fondamentale ricordare che il potenziamento del sistema di protezione sociale contribuisce alla realizzazione di azioni di prevenzione e di trattamento di quei fenomeni strutturali che tendono a far diminuire il reddito minimo realmente disponibile della popolazione La sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico rappresenta attualmente un tema centrale nella riflessione sulla tenuta complessiva del welfare nazionale. La tendenza all aumento della vita media, l allungamento della carriera lavorativa, possono promuovere la crescita di politiche per l invecchiamento attivo che mirino a creare ambienti più adatti al lavoro delle persone in età matura, con schemi basati sulla integrazione di diverse soluzioni: part time parziale, incentivi per riduzioni d orario finalizzate all aggiornamento, in particolare per le qualifiche più basse. Si deve inoltre iniziare a prevedere che in futuro, a causa degli effetti del fenomeno della precarietà e comunque della flessibilità del lavoro delle generazioni più recenti, anche il livello di copertura pensionistica sarà minore, introducendo nuove problematiche in ambito sociale. STRATEGIA NAZIONALE ASSISTENZA SANITARIA E ASSISTENZA A LUNGO TERMINE L assistenza sanitaria e particolarmente quella a lungo termine, hanno valore se sono ricomprese in una RETE integrata, che offra anche prestazioni per affrancare la persona dal V dati Istat sulla spesa per interventi e servizi sociali dei Comuni - anno

8 disagio e dalla povertà. Nelle reti per l assistenza a lungo termine infatti, entrano in gioco almeno tre aree che si contestualizzano e si integrano vicendevolmente: area delle prestazioni di aiuto alla persona, che parte dalle cure familiari ai supporti informali, ai servizi di prossimità o di vicinanza, alle azioni di sussidiarietà orizzontale, che significano in sintesi: costruzione e valorizzazione del capitale sociale; area delle prestazioni sanitarie e sociali che devono essere integrate come condizione indispensabile per l efficacia di entrambe: la cura non ha gli effetti previsti se disgiunta da una tutela della persona; area delle prestazioni economiche e reddituali che consente alle persone una vita dignitosa quando non sono più in grado di produrre redditi diretti. Il servizio sanitario in relazione alla lettera m) dell articolo 117 della Costituzione è responsabile dei livelli essenziali di assistenza sanitaria e sociosanitaria (LEA) di carattere ambulatoriale, domiciliare, semiresidenziale e residenziale, la cui disciplina è stata affidata al DPCM 29 novembre 2001; attualmente è in corso una revisione ed un aggiornamento del Livelli stessi. Ai nostri fini è utile richiamare le prestazioni inserite nel sistema di cure primarie che le Regioni erogano a livello di Distretti sanitari e sociosanitari: assistenza sanitaria di base, attraverso il medico di medicina generale e assistenza specialistica; cure domiciliari (comprendenti l Assistenza Domiciliare Integrata e le cure Palliative a malati oncologici e terminali) assistenza farmaceutica; assistenza protesica; assistenza integrativa, con la erogazione di materiale sanitario e per l incontinenza; diagnostica clinica e strumentale; presa in carico, con valutazione multidimensionale e predisposizione di un piano di assistenza personalizzato per i bisogni sociosanitari complessi; assistenza semiresidenziale e residenziale per persone non autosufficienti (anziani e disabili) non curabili a domicilio. In particolare le cure domiciliari e i trattamenti residenziali, richiedono oltre all intervento sanitario, di cura e di riabilitazione, un integrazione con prestazioni di aiuto alla persona, aiuto domestico familiare, sostegni di carattere economico e abitativo per supportare la mancanza di autonomia, che devono essere offerte dalla rete dei servizi sociali gestita dai Comuni. Nella prospettiva del futuro triennio, la non autosufficienza e l assistenza sanitaria prolungata richiedono strategie coordinate tra i vari Settori della vita quotidiana (abitazione, mobilità, trasporti, pensioni, etc.) e politiche mirate al sostegno domiciliare, a partire da una sinergia tra emolumenti erogati dallo Stato, (come quelli connessi all invalidità civile) e misure attivate dalle Regioni e dai Comuni, per ottenere il massimo risultato a favore della persona con disabilità e non autosufficienza. 8

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 205 206 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Documento di seduta 3.9.2010 B7-0491/2010 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B7-0457/2010 a norma dell'articolo

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 ------- Accordo 16 dicembre 2014 sottoscritto tra Cgil, Cisl, Uil congiuntamente alle Federazioni regionali pensionati Spi, Fnp e Uilp della Lombardia e l

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO FILIPPIDE ASD Benemerita riconosciuta dal CIP

ASSOCIAZIONE PROGETTO FILIPPIDE ASD Benemerita riconosciuta dal CIP RILEVAZIONI ALLA PREMESSA DELLA PROPOSTA DI LEGGE CONCERNENTE SISTEMA INTEGRATO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE LAZIO Dopo la legge regionale del 9 settembre 1996 n. 38, che anticipava

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 Ass.N.A.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE ASSISTENTI SOCIALI MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 L Ass.N.A.S.- Associazione Nazionale Assistenti Sociali intende dare, con questo documento,

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 211 212 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Palermo 31 maggio 2013 Rita Costanzo LIVEAS Il concetto di livelli essenziali di assistenza è stato introdotto dalla legge n. 328/2000,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 3702 del 28/11/2006 pag. 1/21

giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 3702 del 28/11/2006 pag. 1/21 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 3702 del 28/11/2006 pag. 1/21 LINEE GUIDA PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI ZONA ALLEGATO A Dgr n. del pag.. 2/21 INDICE Parte 1 - Gli obiettivi... 3

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili.

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili. Comune di Sondrio LINEE GUIDA PER LA SPERIMENTAZIONE del coordinamento territoriale per l integrazione dei servizi a favore dell inclusione scolastica degli alunni con disabilità PREMESSA Il Comune di

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R Allegato A alla Deliberazione di G.P. n 271 del 11-11-2008 PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R. 12/03 INTERVENTI PER IL RAFFORZAMENTO DELL AUTONOMIA DELLE SCUOLE E PER L ARRICCHIMENTO

Dettagli

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera

Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA COMITATO UNICO DI GARANZIA Piano di Azioni Positive della Provincia di Matera Triennio 2011-2014 1 PIANO DI AZIONI POSITIVE DELLA PROVINCIA DI MATERA (ART. 48 D.LGS. 198/06) PREMESSA

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: la legislazione di riferimento, alcune priorità di lavoro e di prospettiva Ferrara 15 gennaio 2013

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE DELEGA RECANTE NORME RELATIVE AL CONTRASTO ALLA POVERTÀ, AL RIORDINO DELLE PRESTAZIONI E AL SISTEMA DEGLI

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

Piano d Azione Regionale per le politiche in favore delle persone con disabilità

Piano d Azione Regionale per le politiche in favore delle persone con disabilità Convegno "La disabilità in Lombardia: cosa è cambiato e cosa cambierà Milano, 31 marzo 2011 Piano d Azione Regionale per le politiche in favore delle persone con disabilità Mario Melazzini Regione Lombardia

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro «Certo caro Socrate ci hai plasmato, come uno scultore, dei bei Governanti». «Ma caro Glaucone, se è per questo anche delle

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 7.1 AZIONE DI SISTEMA SCHEDA PAA N. 1 GOVERNANCE SOCIALE

7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 7.1 AZIONE DI SISTEMA SCHEDA PAA N. 1 GOVERNANCE SOCIALE 7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 Il Programma Attuativo Annuale declina per l anno 2013 le azioni di sistema e le azioni previste per le aree di intervento. In ogni scheda sono stati delineati il

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

Politiche di sostegno alla non autosufficienza

Politiche di sostegno alla non autosufficienza Politiche di sostegno alla non autosufficienza Sergio Pasquinelli Istituto per la Ricerca Sociale Milano 26 Settembre 2013 I problemi di partenza La proposta in sintesi Domande e risposte Più in dettaglio

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013

SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 238 SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 (art. 147-quater del D.Lgs. n. 267/2000 e artt. 19-20-21 del regolamento

Dettagli

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA :

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : il ruolo di un soggetto del terzo settore a sostegno del caregiving familiare 31/03/2014 ANZIANI E NON SOLO soc. coop Loredana Ligabue 1.Premessa Quasi l'80%

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi Annalisa Faggionato Palmanova, 29 giugno 2011 Evoluzione del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE

PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE PROGRAMMA N. 9: CITTÀ SOLIDALE 133 134 PROGETTO 9.0 GESTIONE ORDINARIA SERVIZI SOCIALI ATTIVITA ISTITUZIONALE In linea con le iniziative già realizzate negli ultimi anni, si intende continuare a gestire

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA'

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA' REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 898 16/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 21370 DEL 10/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli