Docente di Laboratorio della Figurazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Docente di Laboratorio della Figurazione"

Transcript

1 ISTITUTO: Liceo Artistico E. Galvani CLASSE: 5 - sez.c - indirizzo: Arti Figurative Parte Prima: informazioni di carattere generale. 1.1 Composizione Consiglio di Classe. 1.2 Elenco Allievi. 1.3 Profilo di Indirizzo. 1.4 Quadro orario triennio. 1.5 Presentazione Classe. Parte Seconda: le attività del Consiglio di Classe. 2.1 Programmazione. 2.2 Attività extracurricolari. 2.3 Esempi di prove simulate in preparazione dell Esame di Stato. 2.4 Criteri e griglie di valutazione. 2.5 Percorsi multi/interdisciplinari. Parte Terza: le attività dei Docenti 3.1 Relazioni finali a cura dei singoli docenti. Parte Prima: informazioni di carattere generale. 1.1 Composizione Consiglio di Classe Nome e Cognome Prof.ssa Laura Borin Prof. De Anna Gio Batta Prof.ssa Praino Emilia Prof.ssa Bergamo Maria Grazia Prof. Borriello Antonio Prof.ssa Vidoni Danila Prof. Calderan Pier Luigi Prof. Battistutta Walter Prof.ssa Peruch Mara Prof.ssa Zanet Edi Dirigente Scolastico Docente di Italiano, Storia Docente di Matematica, Fisica Docente di Filosofia Docente di Scienze Motorie Docente di Inglese Docente di Storia dell Arte Docente di Religione Docente di Discipline Grafiche- Pittoriche Docente di Laboratorio della Figurazione 1

2 1.2 Elenco Allievi 1 Anzolin Naomi 9 Mullaj Greta 2 Bruni Giada 10 Paolon Veronica 3 Brusadin Francesca 11 Pedron Evita 4 Buttazzoni Beatrice 12 Rizzo Alessio 5 Cervesato Agata 13 Segatto Valentina 6 Favro Lara 14 Solari Lora 7 Gerolin Greta 15 Toneguzzo Dalida 8 Mio Debora 16 Tucci Flavia 1.3 Profilo di indirizzo L indirizzo ARTI FIGURATIVE opera nel campo delle tecniche grafiche, pittoriche e scultoree. Lo studente affronta i fondamenti visivi, concettuali e operativi di queste forme artistiche per giungere ad un utilizzo consapevole e innovativo dei principi della figurazione bidimensionale e tridimensionale. Approfondisce la conoscenza storica delle tecniche artistiche nell ottica della conservazione e restauro del patrimonio artistico. 1.5 Quadro orario del SECONDO BIENNIO ore 35 Area di base ore 20 Lingua e Letteratura italiana, Lingua e cultura straniera, Storia, Filosofia, Matematica, Fisica, Chimica, Scienze Motorie e Sportive, Religione cattolica o Attività alternative. Area caratterizzante e di indirizzo ore 15 Storia dell Arte, Discipline Grafiche-Pittoriche, Laboratorio della Figurazione. Quadro orario del QUINTO ANNO ore 35 Area di base ore 18 Lingua e Letteratura italiana, Lingua e cultura straniera, Storia, Filosofia, Matematica, Fisica, Chimica, Scienze Motorie e Sportive, Religione cattolica o Attività alternative. Area caratterizzante e di indirizzo ore 17 Storia dell Arte, Discipline Grafiche-Pittoriche, Laboratorio della Figurazione. 2

3 1.5 Presentazione Classe La classe è risultata essere piuttosto eterogenea: al suo interno si sono potuti notare studenti che hanno manifestato impegno costante e partecipazione attiva con risultati soddisfacenti, altri, invece, hanno dimostrato poca costanza nella partecipazione al dialogo educativo e nel lavoro domestico. Si osserva che per un buon numero di studenti è risultato carente lo sviluppo delle competenze legate alle materie di base : spesso l apprendimento mnemonico ha preso il sopravvento su quello ragionato. Questo aspetto ha fatto sì che rimanga per loro difficile affrontare tematiche che si discostino anche solo di poco dallo standard svolto in classe e alcuni studenti non utilizzano in modo adeguato il linguaggio tecnico e settoriale. Nelle materie caratterizzanti, la classe ha espresso discreto profitto, e apprezzabile capacità nella realizzazione di elaborati artistici. Parte Seconda: le attività del Consiglio di Classe. 2.1 Programmazione PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA annuale del Consiglio di Classe: Obiettivi educativi Obiettivi cognitivi minimi Sistema di valutazione (1-criteri e strumenti di valutazione; 2-modalità per il recupero/eccellenza) Individuazione percorsi inter-pluridisciplinari Piani di lavoro delle discipline PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA annuale del Consiglio di Classe. A conclusione di un interessante confronto, si concordano e condividono le seguenti linee programmatiche, che saranno completate dai Piani di Lavoro Curricolari, che ne costituiscono parte integrante OBIETTIVI EDUCATIVI Rispettare le regole della convivenza civile e dell Istituto; Rispettare l ambiente circostante in ogni sua forma; Sviluppare il senso della solidarietà e della partecipazione; Sviluppare una coscienza civica alla luce dei diritti e dei doveri di un soggetto inserito in una collettività; Consolidare la capacità di esporre il proprio pensiero, ascoltare e accettare punti di vista diversi; Collaborare al dialogo educativo; Sviluppare la capacità di motivare le proprie azioni e scelte; Collaborare nei lavori di gruppo ed essere propositivi nelle attività di classe; Essere puntuali nelle consegne. STRATEGIE ATTIVATE DAI DOCENTI PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI EDUCATIVI Insegnare con l esempio atteggiamenti di cortesia, rispetto, puntualità, precisione, correttezza; Sostenere la motivazione; Gratificare i successi e incoraggiare negli insuccessi; Controllare il lavoro domestico; Attivare un clima collaborativo. OBIETTIVI COGNITIVI MINIMI Potenziare il metodo di studio; Applicare in contesti diversi abilità logico-deduttive e di astrazione; Utilizzare una terminologia specifica; Consolidare le abilità specifiche nell ambito di indirizzo; Analizzare, esporre ed argomentare le scelte progettuali e operative; Sviluppare capacità critiche ed estetiche motivate; Sviluppare la capacità di rielaborazione personale dei contenuti. STRATEGIE ATTIVATE DAI DOCENTI PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI DIDATTICO-COGNITIVI Verificare le conoscenze pregresse; Sostenere l attenzione durante le lezioni e verificare gli apprendimenti; Essere puntuali nella correzione degli elaborati; Esplicitare i criteri usati nella valutazione; Diversificare gli strumenti didattici in base ai settori di contenuto; Usare l errore come punto di partenza per l autocorrezione; Proporre esercizi e situazioni problematiche per stimolare la ricerca di soluzioni. Si rinvia inoltre alle Strategie didattiche esplicitate nei Piani di lavoro dei singoli docenti. 3

4 SUSSIDI, STRUMENTI, SPAZI Gli insegnanti hanno utilizzato: libri di testo adottati, libri e riviste della Biblioteca d istituto, dispense, appunti, relazioni, audiovisivi, attrezzature di laboratorio e informatiche, visite guidate a musei e mostre, partecipazione a spettacoli teatrali, cinematografici, a conferenze e a progetti di alternanza scuola lavoro; si rinvia inoltre a quanto specificato nei Piani di lavoro dei singoli docenti. SISTEMA DI VALUTAZIONE (criteri e strumenti) Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale: Frequenza; Partecipazione alle attività didattiche; Impegno e sviluppo del senso di responsabilità; Organizzazione ed efficacia del metodo di studio; Progresso rispetto ai livelli di partenza individuali e della classe; Partecipazione ad attività integrative e complementari; Conseguimento di abilità: logico-deduttive, logico-linguistiche, operative, organizzative, critiche, di argomentazione e rielaborazione, espressive, di valutazione, tecniche, progettuali, auto-orientative. Tipologia delle verifiche: Prove orali (individuali, discussioni in classe); Esercizi (svolti in classe, assegnati per casa); Prove scritte (aperte, semistrutturate, strutturate); Prove grafiche; Prove pratiche; Trattazione sintetica e/o relazioni su argomenti; Monitoraggio delle fasi di elaborazione dei progetti a lungo termine. Valutazione della condotta (verificata attraverso osservazioni e annotazioni) Il Consiglio di Classe adotta i criteri stabiliti dal POF che prevedono 6 fasce di voto (1 a = dieci; 2 a = nove; 3 a = otto; 4 a = sette; 5 a = sei; 6 a = cinque) legate ad altrettanti repertori che descrivono i comportamenti assunti dagli allievi. Si riportano in dettaglio, con funzione orientativa e di condivisione, le situazioni che concorrono a stabilire la 6 a fascia e che determinano la non ammissione all Esame di Stato: Ai sensi del D.M. N. 5 del , viene assegnato il voto negativo 5 in presenza di comportamenti di particolare gravità e riconducibili alla fattispecie per la quale lo Statuto delle Studentesse e degli Studenti e il Regolamento d Istituto prevedano l irrogazione di sanzioni disciplinari che comportano l allontanamento temporaneo dello/a studente/ssa dalla comunità scolastica per periodi superiori a quindici giorni, a condizione che lo/a stesso/a non abbia poi, nel corso dell anno, dimostrato apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento, tali da evidenziare un sufficiente livello di miglioramento nel suo percorso di crescita e maturazione. Valutazione degli apprendimenti (verificati attraverso un congruo numero di verifiche) Il Consiglio di Classe adotta i criteri stabiliti dal POF che prevedono 7 fasce di voto (dieci e nove = ottimo; otto = buono; sette = discreto; sei = sufficiente; cinque = insufficiente; quattro = gravemente insufficiente; tre, due uno = del tutto insufficiente) che traducono altrettanti livelli di conoscenza-capacità-competenza. Si riportano nel dettaglio, con funzione orientativa, i descrittori che concorrono a stabilire la fascia del sei: conoscenze = minime, essenziali, mnemoniche; capacità = comprende i concetti e le relazioni essenziali ed è in grado di riproporli; comprende e riorganizza le richieste in fasi semplici; competenze = applica le conoscenze in situazioni semplici con strategie essenziali. 4

5 Si precisano di seguito i criteri sottesi alla valutazione minima di sufficienza: Criteri di misurazione riferiti alla SUFFICIENZA Acquisizione conoscenze Rielaborazione conoscenze Abilità lessicali eabilità grafico-pratiche e linguistiche visuali Possesso dei concettielementare rielaborazionestrutturazione corretta edprogettazione coerente ed fondamentali delladei contenuti essenziale; uso appropriatoessenziale; lettura disciplina del linguaggio specifico dell immagine ed esecuzione corretta; utilizzo appropriato della strumentazione tecnica SISTEMA DI VALUTAZIONE (modalità per il recupero) Nelle situazioni di difficoltà il Consiglio di Classe ha orientato gli allievi interessati a utilizzare le iniziative volte al recupero organizzate dalla scuola. 2.2 Attività extracurricolari - curricolari alternanza scuola lavoro TEMA DISCIPLINE PERIODO La guerra che verrà non è la prima. Italiano, Storia, Filosofia Laboratorio 12 Novembre 2014 La grande guerra MART di Rovereto, attività in orario extracurricolare. della Figurazione Partecipazione al progetto Adotta Italiano, Storia, Filosofia 28 Novembre 2014 uno spettacolo : spettacolo teatrale Al Muro Decorare il natale di Cordenons. Laboratorio della Figurazione 5 Dicembre 2014 Alternanza scuola lavoro Piccolo Festival dell Animazione Discipline Pittoriche 16 Dicembre 2014 rassegna internazionale del cortometraggio d autore Fusione in bronzo laboratorio Laboratorio della Figurazione e 31 Marzo 2015 presso lo studio dell artista Dante Turchetto (AzzanoX) attività in orario curricolare Discipline Grafiche-Pittoriche Concorso Piccolo Festival Laboratorio della Figurazione 14 Aprile 2015 Animazione. Viva i fumetti viva l'animazione. Concorso organizzato dall'associazione Viva Comix Visita all Orto Botanico e al museo Inglese 24 Aprile 2015 del Pre-cinema di Padova Progetto Selina.Alternanza scuola Laboratorio della Figurazione 6 Maggio 2015 lavoro Sente-mente ri-progettare gli spazi e i colori della casa di riposo San Quirino. Alternanza scuola lavoro. Laboratorio della Figurazione 23 Maggio 2015 Attività di orientamento Gli allievi hanno partecipato ad attività di orientamento universitario nei vari indirizzi e nei settori specifici della formazione professionale; hanno partecipato alla presentazione di corsi post-diploma e a percorsi di formazione universitaria. Le università intervenute presso la scuola durante l anno sono state: Università degli Studi di Udine; Università degli Studi di Padova; Università degli Studi di Trieste; Lab -Centro Solidarietà Giovani- Udine (Corsi professionali post diploma gratuiti); Consorzio Universitario di Pordenone e ISIA Roma; Università IUAV di Venezia. Gli studenti hanno inoltre partecipato alla manifestazione Workshop 2014, iniziativa di orientamento universitario tenutasi alla fiera di Pordenone. 5

6 Elenco titoli delle tesine 1 Anzolin Naomi Watchmen quis custodiet ipsos custodem 2 Bruni Giada La crisi esistenziale dell uomo Arancia Meccanica 3.Brusadin Francesca The human body 4 Buttazzoni Beatrice Schermi di luce 5 Cervesato Agata James M. Barrie e Peter Pan 6 Favro Lara World War 7 Gerolin Greta Essere e Apparire 8 Mio Debora L arte dei Manga 9 Mullaj Greta A clockwork orange paradigma della società moderna 10 Paolon Veronica La condizione della donna 11 Pedron Evita Il riciclo come arte 12 Rizzo Alessio Il fu King Kong 13 Segatto Valentina Arnold Böcklin 14 Solari Lora Klimt e la fatale Donna Ondina 15 Toneguzzo Dalida Walt Disney 16 Tucci Flavia L Estetismo 6

7 2-3 Calendario prove simulate Prove Date simulazioni Tipologia prova Materie 28 Gennaio Prove Ministeriali durataitaliano PRIMA prova 5 ore 15 Aprile Prove Ministeriali durataitaliano PRIMA prova 5 ore TERZA TERZA SECONDA SECONDA 23 Febbraio Tipologia B, tre Inglese, Storia dell Arte, domande aperte con 10 Matematica e Storia righe per ciascuna risposta, per quattro materie, durata prova 3 ore 13 aprile Tipologia B, trefisica, Filosofia, Inglese domande aperte con 10e Storia dell Arte righe per ciascuna risposta, per quattro materie, durata prova 3 ore 3 marzo Progettazione. 3 giorni non conseguenti 6 ore per ciascun giorno 12 maggio Progettazione. 3 giorni non conseguenti 6 ore per ciascun giorno 2.3 Esempi di prove simulate in preparazione dell Esame di Stato. V. Allegato Criteri e griglie di valutazione. V. Allegato 2 Discipline Grafiche e Pittoriche Discipline Grafiche e Pittoriche e Scultore 7

8 2.5 Percorsi multi/interdisciplinari. Unità didattica interdisciplinare finalizzata alla realizzazione di decorazioni pittoriche a carattere scenografico da collocare, in concomitanza degli allestimenti natalizi dell 8 dicembre 2014, in due piazze del Comune di Cordenons. Collaborazione interdipartimentale con la sezione di Design prof.ssa Casagrande e con la sezione Arti Figurative prof.ssa Zanet. Sono stati realizzati dei pannelli decorativi in multistrato dipinti ad acrilico, e degli elementi tridimensionali in polistirolo espanso con taglio a laser. Lavoro di gruppo in collaborazione con il Comune di Cordenons e Ufficio Progetto Giovani. 3-1 Parte Terza: le attività dei Docenti Relazioni finali a cura dei singoli docenti 1-Prof.ssa Vidoni Danila 2-Prof. Battistutta Walter Docente di Inglese Docente di Religione 3- Prof.ssa Peruch Mara Docente di Discipline Grafiche- Pittoriche 4- Prof.ssa Zanet Edi Docente di Laboratorio della Figurazione 5- Prof. Calderan Pier Luigi Docente di Storia dell Arte 6- Prof. Borriello Antonio Docente di Scienze Motorie 7- Prof.ssa Praino Emilia Docente di Matematica, Fisica 8- Prof.ssa Bergamo Maria Grazia Docente di Filosofia 9- Prof. De Anna Gio Batta Docente di Italiano, Storia 8

9 RELAZIONE FINALE: Inglese cl 5C a.s /15 1.PRESENTAZIONE CLASSE. La classe, disomogenea per i diversi stili di apprendimento ed anche per il comportamento tenuto in classe durante le lezioni,grazie ad un adeguato studio domestico, è riuscita comunque ad ottenere risultati mediamente positivi. E da evidenziare che alcune studentesse hanno dimostrato caratteristiche di studio tali da permettere loro di raggiungere risultati più che buoni. Durante il corso dell anno scolastico quasi tutti gli alunni, in diversa misura, hanno migliorato le loro capacità di comprensione e di produzione sia orale che scritta e la loro conoscenza del lessico specifico delle arti figurative. Hanno, inoltre, consolidato le loro conoscenze su argomenti e tematiche già affrontati in storia e in storia dell arte. 2.OBIETTIVI DIDATTICI Conoscere la storia della nazione inglese attraverso anche la sua arte dal periodo del Romanticismo alle avanguardie storiche e oltre, in modo semplice,sia in forma scritta che orale. Collocare nello spazio e nel tempo avvenimenti e fatti storico-artistici. Parlarein modo semplice di preferenze e opinioni personali relative ad opere d arte, periodi e movimenti culturali, artistici delle varie epoche trattate. Usare il linguaggio tecnico-settoriale che riguarda l ambito storico ed artistico, utilizzando le pregresse conoscenze linguistiche.. 3.METODI, MEZZI E SPAZI. Le lezioni, svolte il più possibile in lingua inglese, si sono avvalse anche del sussidio di video, di film e\o filmati in lingua originale tratti dalla rete e dai video di supporto al corso. Le lezioni sono state sia frontali, che partecipate, cercando di coinvolgere gli studenti nel dialogo educativo. 4.CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE. Ci sono state verifiche scritte in congruo numero, secondo i criteri definiti nel POF, e due simulazioni della terza prova a quadrimestre con utilizzo di tipologia B, valutabili sempre per lo scritto. Le verifiche orali sono state effettuate simulando una interrogazione tipo esame di stato. Oggetto di valutazione finale sono state anche la partecipazione attiva alle lezioni, la capacità di lavorare in coppia o in gruppo e singolarmente, oltre al rispetto delle consegne e delle scadenze. 5.ATTIVITA DI RECUPERO E/O SOSTEGNO. Durante tutto l'anno ci sono stati momenti di rallentamento del programma per dare a tutti la possibilità di recuperare gli argomenti studiati: il cosiddetto recupero in itinere. Per favorire il recupero degli studenti in difficoltà sono stati,di volta in volta, concordati e negoziati parti di programma, sistematicamente verificati con interrogazioni programmate. 6. CONTENUTI. dal testo Performer vol.i dal 19 secolo al 20 : Neoclassicism vs Romanticism The Sublime : a new sensibility The Romantic Spirit: emotion vs reason Turner (life and two paintings : The Great fall of Reichenbach and Speed,Rain and Steam ) Constable (life and three paintings: The Hay Wain, The Hadleigh Castle, The White Horse ) American landscape painting 9

10 The Hudson River School (two paintings: Kindred Spirits by Durand, Twiglight by Church) The Victorian Age(Victorian Compromise,the role of the woman, etc) The Great exhibition and the Crystal palace New Aesthetic theories D.G.Rossetti and PRB (two paintings: Ecce Ancilla Domini by D. G. Rossetti, The Ghirlandata by D.G. Rossetti) W.Morris and the Arts and Crafts Movement America en plein air (Whistler : Simphony in White II ) Modernism and the Avant-gardes Cubism ( Three phases )and Picasso (one painting: Les demoiselles d'avignon ) E. Hopper ( life and two paintings Ground Swell, The Nighthawks ) J.Pollock (life) and The Action painting Warhol (life and one painting Marylin Monroe Diptych ) Cordenons, 15/05/2015 prof.ssa Danila Vidoni 10

11 RELAZIONE FINALE: IRC cl 5C a.s /15 1..PRESENTAZIONE CLASSE La classe ha approfondito i contenuti e rafforzato le competenze acquisite nel biennio, sviluppando l autonomia critica di giudizio, cogliendo l originalità della religione cristiana e il suo influsso nella società e nelle esperienze fondamentali del singolo. 2. FINALITA EDUCATIVE E OBIETTIVI DIDATTICI (articolati in Conoscenze, Abilità, Competenze). 1 Conoscenze Nella fase conclusiva del percorso di studio lo studente: Conosce l identità della religione cattolica nei suoi documenti fondanti e nella prassi di vita che essa propone; Studia il rapporto della Chiesa con il mondo contemporaneo; Conosce le linee di fondo della dottrina sociale della Chiesa; Interpreta la presenza della religione nella società contemporanea in un contesto di pluralismo culturale e religioso, nella prospettiva di un dialogo costruttivo fondato sul principio del diritto alla libertà religiosa. 2 Abilità Lo studente: Giustifica e sostiene consapevolmente le proprie scelte di vita, personali e professionali, anche in relazione con gli insegnamenti di Gesù Cristo; Riconosce nel Concilio Ecumenico Vaticano II un evento importante nella vita della Chiesa contemporanea e sa descriverne le principali scelte operate, alla luce anche del recente magistero pontificio; Discute dal punto di vista etico potenzialità e rischi delle nuove tecnologie; Sa confrontarsi con la dimensione della multiculturalità anche in chiave religiosa; Fonda le scelte religiose sulla base delle motivazioni intrinseche e della libertà responsabile. 3 Competenze Al termine dell intero percorso di studio l IRC metterà lo studente in condizione di: Sapersi interrogare sulla propria identità umana, religiosa e spirituale, in relazione con gli altri e con il mondo, al fine di sviluppare un maturo senso critico e un personale progetto di vita; Riconoscere la presenza e l incidenza del cristianesimo nel corso della storia, nella valutazione e trasformazione della realtà e nella comunicazione contemporanea, in dialogo con altre religioni e sistemi di significato; Confrontarsi con la visione cristiana del mondo, utilizzando le fonti autentiche della rivelazione ebraicocristiana e interpretandone correttamente i contenuti, in modo da elaborare una posizione personale libera e responsabile, aperta alla ricerca della verità e alla pratica della giustizia e della solidarietà. 3. CONTENUTI (indicazione moduli e/o unità didattiche e relative scansioni temporali) Contenuti Metodi Mezzi Il programma e il metodo Lez. Frontale Testo insegnante Cartesio e la religione Lez. Frontale Testo insegnante Pascal: le ragioni del cuore Lez. Frontale Testo insegnante Marx e la religione: oppio dei popoli? Lez. Frontale Testo insegnante Freud e la religione: un illusione infantile? Lez. Frontale Testo insegnante Psicanalisi e religione: guariscono una per Lez. Frontale Testo insegnante intentionem, l altra per effectum Nietzsche e la religione. Dio ostacolo al Lez. Frontale Testo insegnante superuomo? Religione e autorealizzazione Lez. Frontale Testo insegnante Lettura della Bibbia secondo le regole del metodo Lez. Frontale Testo insegnante, storico-critico Bibbia Lo spirito critico del cristiano Lez. Frontale Testo insegnante Essere cristiani oggi: le ragioni della fede Lez. Frontale Testo insegnante Il cristianesimo religione atipica e originale Lez. Frontale Testo insegnante Forme mature e immature di credere Lez. Frontale Testo insegnnate L essenza del cristianesimo Lez. Frontale Testo insegnante Amore e lavoro: il pensiero Cristiano Lez. Frontale Testo insegnante 11

12 4. STRATEGIE DIDATTICHE o Gestione gruppo-classe: lezione frontale, lavoro di gruppo, o Metodologie processo insegnamento-apprendimento: metodo induttivo e deduttivo, imparare facendo, problem solving,.). L IRC condivide il profilo culturale, educativo e professionale dei licei ed offre un contributo specifico sia nell area metodologica (arricchendo le opzioni epistemologiche per l interpretazione della realtà) sia nell area logico-argomentativa (fornendo strumenti critici per la lettura e la valutazione del dato religioso). Sul piano contenutistico, l IRC si colloca nell area linguistica e comunicativa (tenendo conto della specificità del linguaggio religioso e della portata relazionale di qualsiasi discorso religioso), interagisce con quella storicoumanistica (per gli effetti che storicamente la religione cattolica ha prodotto nella cultura italiana, europea e mondiale) e si collega (per la ricerca di significati e l attribuzione di senso) con l area scientifica, matematica e tecnologica. 5. PERCORSI INTER/PLURIDISCIPLINARI (settori di contenuto sviluppati in attività inter o pluri disciplinari e relative modalità d interazione tra insegnanti e insegnamenti). Argomenti di Storia, Storia dell arte, Italiano, Filosofia. 6. SUSSIDI E SPAZI (materiali, strumenti, aule organizzate, laboratori, ). Aula, ove, oltre al testo, si sono usati libri dell insegnante, riviste, questionari, siti internet, audiovisivi 7. VERIFICHE E VALUTAZIONI (tipologia modalità di verifiche e criteri di valutazione). Criteri di valutazione: attenzione, partecipazione, risposte ai questionari e domande, interventi nei dibattiti. Cordenons, 15 maggio 2015 Prof.Valter Battistutta 12

13 RELAZIONE FINALE: Discipline Pittoriche Plastiche e Scultoree -cl 5C a.s. 2014/15. Tempi previsti dai programmi ministeriali: ore settimanali 6, complessive annuali effettuate ore 180 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe 5C della sezione di ARTI FIGURATIVE è composta da 16 allievi. La preparazione pregressa è stata mediamente buona dal punto di vista grafico-pittorico, gli allievi hanno raggiunto dei discreti risultati operativi. Il livello di interesse all attività didattica è stata discreta partecipativa e propositiva, non risolta la lentezza esecutiva e l approfondimento allo studio svolto con regolarità. OBIETTIVI PERSEGUITI Il piano di studio della disciplina fornisce un approccio teorico e al contempo uno sviluppo creativo e sperimentale nell ambito pittorico / plastico con una specifica acquisizione delle tecniche operative. Acquisizione di abilità, competenze finalizzate alla conoscenza e alla documentazione del patrimonio artistico, ambientale del proprio territorio Suscitare interesse per la lettura e l interpretazione del sistema di relazioni entro cui si sviluppano i prodotti artistici Promuovere attenzione e sensibilità nei confronti delle testimonianze e delle memorie della cultura artistica, storica e materiale Nel triennio l allievo sa: CONOSCENZE la differenza tra disegno dal vero e il disegno per il rilievo sa contestualizzare movimenti, opere, autori, stili del patrimonio artistico sa analizzare e leggere gli elementi morfologici e strutturali di un manufatto sa analizzare e applicare in modo coerente le conoscenze acquisite teorico/pratiche ai temi proposti sa collegare in forma inter disciplinare ( Disc.Pitto, Disc. Plas, sto. Arte ) COMPETENZE comprende ed espone con sufficiente proprietà argomenti trattati ed esperienze vissute sa rappresentare a mano libera o con l uso di strumenti idonei, manufatti e opere bi/tridimensionali sa utilizzare il metodo imitativo utilizzando strumenti adeguati per la rappresentazione ha sviluppato capacità di osservazione sa usare con proprietà il disegno documentativo per rilevare opere della cultura artistica e materiale del territorio ABILITA sa rendere forme, volumi, prospettive, mediante tratteggio, puntinati, ombre, chiaroscuri, effetti pittorici e grafici sa riprodurre un soggetto diretto e indiretto in scala proporzionale in micro-macro dimensioni sa utilizzare mediante segno modulato un rilievo plastico o pittorico sa elaborare graficamente/pittoricamente la figura umana e la struttura anatomica METODI, MEZZI E SPAZI Lezioni frontali: dirette allo sviluppo dell argomento, si è richiesto il coinvolgimento diretto degli studenti. Ogni argomento trattato ha avuto uno sviluppo consequenziale e logico rispetto al precedente. Esercitazioni grafiche, pittoriche, plastiche riferite agli argomenti trattati tese ad aumentare l osservazione, l acquisizione di un metodo di analisi, rilevare il livello di comprensione e potenziare l interesse per la sperimentazione. Controllo, correzione. analisi, autocorrezione individuale e di gruppo degli esercizi in classe e assegnati settimanalmente a casa. Si è cercato di favorire un percorso individuale di ricerca guidata, sollecitando dei risultati originali e coerenti. Libri di testo, dispense, appunti, monografie di artisti, internet, fotocopie fornite dall insegnante, articoli giornalistici. Le lezioni si sono svolte in aula 20 13

14 CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Le verifiche grafiche e teoriche si sono svolte in tempi ravvicinati con il controllo settimanale degli elaborati e della comprensione delle lezioni svolte, sia periodicamente in relazione alle fasi di avanzamento del programma per valutare i progressi raggiunti, sia alla data di consegna quadrimestrale. Valutazione e soglia della sufficienza: la valutazione dei risultati raggiunti non si è basata solo sui progressi nell ambito cognitivo ed operativo dell allievo, ma ha tenuto conto dell impegno sia a casa che a scuola, dell interesse e della partecipazione dimostrata. 1-attenzione, partecipazione ed impegno costanti 2-pulizia degli elaborati e presentazione del lavoro in modo pertinente 3-precisione, correttezza esecutiva nelle varie fasi del lavoro 4-comprensione ed esposizione degli argomenti trattati usando una terminologia appropriata 5- rispetto dei tempi di consegna 6- quantità e qualità del lavoro 7-capacità espressive e creative personali 8- capacità di collegamento, di riflessione critica e di analisi I primi 5 parametri sono da considerarsi fondamentali per il raggiungimento della sufficienza, La valutazione è stata espressa in scala dall 2 al 10. ATTIVITA DI RECUPERO E INIZIATIVE PROGETTUALI Mediante percorso individuale in itinere. Sono state concordate con i singoli allievi esercitazioni mirate e ulteriori ( disegno anatomico ) volte al superamento di carenze pratiche e teoriche. Si è lavorato nel secondo quadrimestre nelle due simulazioni della prova di maturità. CONTENUTI Modulo (o Unità Didattica) (o Argomento) DI-SEGNO (teoria e prassi) Il di-segno: le funzioni, le tecniche, disegno tra idea e pratica, i generi del disegno e della pittura.i I segni del di-segno, la linea come contorno, macchia, chiaroscuro, LINEA MODULATA per il rilievo. Il disegno nelle sue diverse tipologie: Il disegno guidato per il rilievo: modalità e tecniche di rilievo di modelli decorativi, plastici, riprodotto in scala o misura reale. ESERCITAZIONI PRATICHE con immagini e modelli in Tempi Attività didattica 50 ore Lezioni frontali, lezioni individuali, esercitazioni pratiche, correzioni guidate, sperimentaz ioni pratiche Mezzi e strumenti Verifiche Obiettivi realizzati in termini di competenze Libro di testo, libri di approfondim ento, appunti personali, schemi, fotocopie, testi monografici, oggetti reali colloqui collettivi, controllo delle esercitazioni,, controllo del lavoro assegnato a casa Hanno acquisito teoricamente / praticamente le differenze tra dis.dal vero e il dis. per il rilievo Sanno adoperare alcuni strumenti e metodi del rilievo: lo schizzo, il disegno sintetico, il disegno tecnico- strumentale basato su proiezioni, sezioni, scale di rappresentazione. Hanno acquisito una capacità di osservazione e metodo imitativo partendo dalla riflessione delle differenze segniche/espressive dei maestri antichi e moderni. Sanno realizzare in modo corretto ricostruzioni grafico/pittoriche di elementi decorativi, architettonici, plastici, pittorici con tecniche antiche e recenti su tele e tavole. 14

15 gesso. FORMA (teoria e prassi) E DISEGNO DELLA FIGURA UMANA, LA COPIA PER IL RILIEVO Simmetria bilaterale, traslatoria,assimetria. Dalla struttura alla forma, elementi di anatomia artistica, studio del corpo umano, parti di esso. Lo schema strutturale in manufatti semplici e nel corpo umano. Rilievo e copia di opere pittoriche/plastiche di varie epoche. Segno di contorno modulato.disegno PER IL RILIEVO SPAZIO (teoria e prassi) L importanza del contesto, i gradienti di profondità nel disegno e nella pittura,esercitazioni coloristiche, resa dei volumi e della profondità e/o bidimensionalità. Lo spazio della rappresentazione (criteri compositivi ) frontale, obliquo,prospettico,se zioni. Il punto di vista 30 ore Lezioni frontali, lezioni individuali, esercitazioni pratiche, correzioni guidate, sperimentaz ioni pratiche 20 ore Lezioni frontali, lezioni individuali, esercitazioni pratiche, correzioni guidate, sperimentaz ioni pratiche Libro di testo, libri di approfondim ento, appunti personali, schemi, fotocopie, testi monografici, oggetti reali, uso di modelli, tavole anatomiche, utilizzo di immagini fotografiche Libro di testo, libri di approfondim ento, appunti personali, schemi, fotocopie, testi monografici, oggetti reali, uso di modelli, tavole anatomiche, utilizzo di immagini fotografiche Colloqui individuali, colloqui collettivi, controllo delle esercitazioni, controllo del lavoro assegnato a casa Colloqui individuali, colloqui collettivi, controllo delle esercitazioni, controllo del lavoro assegnato a casa Conoscenza teorica sufficiente degli argomenti trattati e capacità espositive. Sanno individuare la struttura geometrica, la simmetriaassimetra di forme naturali e complesse. Sanno riprodurre cn correttezza esecutiva varie tipologie di opere d arte e manufatti plas/pitt. Sanno correttamente riprodurre/ disegnare il corpo umano partendo da rapporti proporzionali e la struttura geometrica (permangono difficoltà solo per alcuni allevi ) Hanno acquisito capacità di esposizione degli argomenti trattati, usando una adeguata terminologia. Sanno rappresentare la profondità con gli strumenti del disegno e della pittura. Sanno individuare linee di forza e centri focali in una composizione. Sanno riconoscere il rapporto tra composizione e scheletro strutturale. Sanno realizzare un rilievo con misurazioni corrette e nei diversi punti di vista. COLORE (prassi) Il colore a velatura (nel restauro) e per impasto coprente. ESERCITAZIONI PRATICHE SIMULAZIONE (prova d esame) Prima prova : marzo (ore 18) Seconda prova : maggio (ore 18) 15

16 RILIEVO (teoria e passi) Comprensione dei metodi e strumenti usati nel disegno per la documentazione., schede tecniche e utilizzo di legende (teoria e pratica) Approccio alla metodologia e prassi del rilievo di opere bitridimensionali. Esercizi di riproduzione grafico-pittorica. PROGETTAZIONE DI DUE TIPOLOGIE DI FRANCOBOLLI : Giallo Maniago e Il volio del jazz LE TECNICHE PITTORICHE (teoria e prassi) Matite, pastelli, penne, olio, gessi, acquerelli, acrilici, tempere tecniche miste, imprimitura di tele e tavole, materiali plastici. Pittura ad olio, carboncino, telaio. 20 ore Lezioni frontali, individuali, sperimentaz ioni guidate Sett. Magg. Testi, dispense, fotocopie Controllo elaborati, autonomia di lavoro Sanno usare strumenti e supporti. Hanno acquisito un metodo di lavoro anche se persiste una lentezza esecutiva Sanno usare con proprietà gli strumenti pittorici, plastici e di disegno per descrivere ed indagare: struttura, proporzioni, materiali e dettagli di opere bi/ tridimensionali. Sanno relazionare le lezione teoriche svolte Sanno elaborare un progetto grafico/pittorico ed elaborarlo predisponendolo in file Progettazione grafica: dal bozzetto al progetto finale su file. Sanno utilizzare strumenti e supporti. Hanno acquisito un metodo di lavoro sicuro e autonomo solo alcuni allievi) Alcuni allievi hanno acquisito capacità di ricerca e sperimentazione, mediante l utilizzo dei mezzi e di materiali tradizionali e non, proponendo elaborati che esulano da una operatività didattica e curriculare. QUADRO SINTETICO DEL PROFITTO DELLA CLASSE Partecipazione al dialogo educativo : discreto livello di interazione Attitudine alla disciplina : mediamente discreto in alcuni casi buono Interesse per la disciplina : complessivamente buono Impegno nello studio:mediamente sufficiente ma con scarso approfondimento; eccessiva lentezza esecutiva Metodo di studio : complessivamente poco organizzato EVENTUALI FATTORI CHE HANNO OSTACOLATO IL PROCESSO DI INSEGNAMENTO- APPRENDIMENTO Lentezza nell organizzazione del lavoro Dispersione esecutiva nella realizzazione degli elaborati Scarso approfondimento individuale a casa Cordenons, 15 maggio 2015 prof.ssa Mara Peruch 16

17 RELAZIONE FINALE: Laboratorio della Figurazione cl5 C a.s. 2014/15 Testo adottato Il linguaggio dell arte Elena Tornaghi PRESENTAZIONE CLASSE. La classe 5C della sezione di ARTI FIGURATIVE è composta da 16 allievi. La buona preparazione pregressa ha permesso agli studenti, di raggiungere discreti e buoni risultati negli ambiti della progettazione e della realizzazione operativa, con specifica e corretta applicazione delle varie tecniche artistiche studiate. Il livello di interesse nei confronti delle tematiche affrontate è stato buono e propositivo, l approfondimento allo studio è stato svolto con regolarità, soddisfacente la frequenza alle lezioni. OBIETTIVI DIDATTICI e FINALITÀ FORMATIVE fornire competenze necessarie a comprendere e a rappresentare graficamente e pittoricamente forme complesse in uno spazio visivo attraverso l uso delle: proporzioni, correzioni ottiche, gradienti di profondità, prospettiva e assonometria intuitiva, luci-ombre-colore, regole della composizione e regole della percezione visiva. Educare alla conoscenza ed al rispetto del patrimonio artistico nelle sue diverse manifestazioni attraverso un attenta analisi tecnica di alcune opere. Sviluppare la capacità di autovalutazione critica ed estetica nei confronti del proprio lavoro. Incrementare le capacità creative, operative e gestionali. OBIETTIVI SPECIFICI Conoscenze Conoscere e padroneggiare gli strumenti espressivi del disegno e della pittura indispensabili per gestire la comunicazione visiva; conoscere le procedure dei vari linguaggi artistici; conoscere autori, movimenti artistici specifici e relative tecniche; conoscenze di anatomia artistica. conoscere i principi generali di conservazione e restauro; Competenze Possedere competenze nella lettura delle configurazioni complesse; padroneggiare le principali tecniche grafico-pittoriche e scultoree; dominare con perizia lo spazio e i volumi nella realizzazione di un opera modulare; esprimere buone competenze nell osservazione, rappresentazione e interpretazione grafico-pittorica di modelli tridimensionali; padroneggiare con perizia le procedure per interpretare attraverso il linguaggio artistico un progetto creativo; applicare le procedure base per il restauro; capacità espositive, grafiche manuali e digitali; capacità di produrre metodologie di presentazione: taccuino, carpetta,book, fotomontaggi, slideshow. CONTENUTI U.D.1 PROGETTO SELINA. Realizzazione dipinti su tavola per allestimento locali casa di accoglienza Selina, Montereale Valcellina. Lavoro di gruppo, tecnica mista su 9 tavole in multistrato dim. 30x110. Alternanza Scuola Lavoro Unità 3, modulo 6, Le tecniche pittoriche, del libro di testo volume C. Unità 7, modulo 4, Il rapporto tra arte e ambiente, del libro di testo volume B. U.D.2 AFFRESCO SU SUPPORTO MOBILE. INTERVENTI DI RESTAURO. Lavoro in coppia.copia di putti. Bozzetti preparatori, a pastello, ricerca iconografica studio delle: proporzioni, morfologia, velature, campiture. Stuccatura delle parti mancanti e reintegrazione della pellicola pittorica attraverso il rigatino ad acquerello. Studio della tecnica pittorica ad affresco: supporti, materiali, procedure. Norme di sicurezza. Unità 3, modulo 6, Le tecniche pittoriche, del libro di testo volume C. Unità 2, modulo 7, il disegno della figura umana, del libro di testo volume C. U.D.0 unità didattica speciale finalizzata alla realizzazione del materiale decorativo per allestire il Natale nelle piazze del Comune di Cordenons.Collaborazione interdipartimentale con la sezione di Design prof.ssa Casagrande. Pannelli decorativi in multistrato dipinti ad acrilico, ed elementi tridimensionali in polistirolo espanso (taglio laser). lavoro di gruppo. Collaborazione con il Comune di Cordenons e ufficio Progetto Giovani. 17

18 U.D.3 METAMORFOSI ZOOMORFA Intervento di foto ritocco con programma digitale specifico da immagini fotografiche (bassorilievo zoomorfo e autoritratto). L attività si sviluppa in 7 livelli e trasforma l immagine primaria (autoritratto) in secondaria (ritratto zoomorfo) mantenendo alcune caratteristiche somatiche basilari. Unità 5, modulo 4, i meccanismi della creatività, del libro di testo volume B. U.D.4 IL DISEGNO DELLA FIGURA UMANA. La figura ri-velata Studio del Cristo velato (Cappella di San Severo Napoli).Rapporti proporzionali e struttura della figura umana, morfologia della figura umana in scorcio prospettico, riprese fotografiche di corpi velati. La figura in movimento. Esercizi grafici. Riproduzioni delle fotografie con la tecnica matita e a matita litografica su carta grigia formato 20x20. Lavoro di gruppo. Elaborati grafici assemblati su tela di juta a grossa trama dimensioni 250x60cm. Unità 2, modulo 7, Il disegno della figura umana, del libro di testo volume C. U.D.5 PANNELLO DECORATIVO. Realizzazione di pannelli decorativi per l allestimento di locali della Casa Anziani di San Quirino. Lavoro di gruppo.(alternanza scuola lavoro) Tecnica mista Pittura ad olio e tessitura ad arazzo polimaterico. Quattro pannelli in multistrato formato 80x110 cm. Unità 3, modulo 6, Le tecniche pittoriche, del libro di testo volume C. Unità 7, modulo 4, Il rapporto tra arte e ambiente, del libro di testo volume B. U.D.6 PANNELLO DECORATIVO (bassorilievo e calcografia). Luoghi di guerra Centenario della prima guerra mondiale Visita al Mart di Rovereto, realizzazione di un pannello decorativo ispirato alle opere d arte esposte al Mart. Studio delle procedure per realizzare la puntasecca. Studio dei materiali per realizzare il bassorilievo (composizione di formelle di legno). Tecnica mista Unità 7, modulo 4, Il rapporto tra arte e ambiente, del libro di testo volume B. U.D.5 PERCEZIONE VISIVA- GRAMMATICA DEL VEDERE. Esercizi grafici e analisi di immagini fotografiche. Tecniche miste. Unità 1, 2, 3, 4, 5, 6, modulo 1, La percezione visiva, del libro di testo volume A. Unità 1,2, modulo 2, Gli elementi fondamentali della grammatica visiva, del libro di testo volume A. U.D.6 IL COLORE I CONTRASTI CROMATICI DI ITTEN- L INSTABILITA CROMATICA (ALBERS) Esercizi pittorici, tecnica ad acrilico e collage. Unità 3 e 4, modulo 2, Il colore: teoria e percezione, il colore : le relazioni cromatiche, del libro di testo volume A. U.D.7 FUSIONE IN BRONZO. Fusione in bronzo di una matrice in cera. attività da svolto presso lo studio di un artista. Unità 5 e 6,, modulo 6, La scultura, del libro di testo volume C. U.D.8 PRESENTAZIONE DEL PROPRIO LAVORO. realizzazione di un catalogo dei lavori realizzati nel triennio attraverso l uso di programmi informatici specifici. METODI, MEZZI E SPAZI. Gestione gruppo-classe: lezione frontale interattiva, lavoro di gruppo, isole di lavoro, interventi individualizzati, recupero in itinere. Metodologie processo insegnamento-apprendimento: imparare facendo, gestione dell errore come momento di apprendimento. Condivisione con la classe della scelta di alcuni aspetti del attività didattica (attività di approfondimento e di recupero). Aula Laboratorio della Figurazione, documenti Power Point, libro di testo, fotocopie e materiale inerente agli esercizi grafico-pittorici e pratici. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE. Le verifiche grafiche e pratiche si sono svolte con il controllo settimanale degli elaborati e della comprensione delle lezioni. Periodicamente in relazione alle fasi di avanzamento del programma si sono effettuate delle verifiche per valutare i progressi raggiunti ed eventuali interventi di approfondimento o di recupero. La valutazione dei risultati raggiunti non si è basata solo sui progressi nell ambito cognitivo ed operativo dell allievo, ma ha tenuto conto dell impegno, dell interesse e della partecipazione dimostrata. ATTIVITA DI RECUPERO E/O SOSTEGNO L attività di recupero e di sostegno al lavoro si è svolta mediante percorso individuale in itinere. Sono state concordate con i singoli allievi esercitazioni mirate al superamento di carenze pratiche e teoriche. Nel secondo quadrimestre sono state effettuate due simulazioni della prova di maturità in collaborazione con la materia Discipline Pittoriche. Cordenons, 15 maggio 2015 Prof.ssa Edi Zanet 18

19 RELAZIONE FINALE: Storia dell Arte - cl5 C a.s. 2014/15 TEMPI Tempi previsti dai programmi ministeriali: Ore settimanali : 3 Ore complessive (a.s ) : 99 Ore effettive di lezione : 82 (fino al 15 maggio compreso) Al numero effettivo di ore di lezione vanno aggiunte le ore rimanenti (fino all 11 giugno) da dedicare ad eventuali verifiche e alla preparazione all esame. CONTENUTI Modulo (o argomento) Ore Attività didattica Programmazione 1 Lezione frontale Realismo Impressionismo 12 Lezione frontale Postimpressionismo 14 Lezione frontale Avanguardie storiche 30 Lezione del primo Novecento frontale Avanguardie storiche tra le due guerre 15 Lezione frontale Mezzi e Verifiche Obiettivi realizzati in termini di strumenti competenze Relazione Discussione Un ampia parte della classe ha dimostrato capacità di argomentazione e rielaborazione, esprimendo un discreto livello di Libro di Prova orale competenze e capacità critiche e testo di valutazione personale. La rimanente parte ha acquisito una conoscenza completa, anche se talvolta schematica, del quadro complessivo degli Libro di Prova orale argomenti svolti. testo Tutti gli allievi hanno dimostrato di Libro di Prova orale saper utilizzare correttamente la testo e scritta terminologia specifica della disciplina. Libro di testo Prova scritta Durante l anno non si sono registrate situazioni con particolari o gravi carenze disciplinari. Tutta la classe è in grado di svolgere una trattazione sintetica degli argomenti e di rispondere a quesiti a risposta singola e multipla. Arte contemporanea 11 Lezione frontale Libro di testo Prova orale QUADRO DEL PROFITTO DELLA CLASSE Partecipazione al dialogo educativo: abbastanza positiva. Attitudine alla disciplina: mediamente discreta. Interesse per la disciplina: disomogeneo. Impegno nello studio: in genere continuo. Metodo di studio: in molti casi organizzato ed efficiente; per il resto di tipo assimilativo. METODOLOGIE E STRATEGIE DIDATTICHE PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI Le lezioni sono state impostate in maniera strutturata e funzionale, procedendo dai concetti generali a quelli particolari, da quelli più semplici a quelli più complessi, facilitando la comprensione della disciplina in tutte le sue problematiche al fine di favorire un corretto processo di apprendimento. Nel presentare gli argomenti non si è cercato di fornire solo i dati essenziali, ma anche di promuovere la capacità di procedere autonomamente verso l acquisizione di nuove conoscenze dei dati. 19

20 Nell esame degli argomenti trattati è stata indicata la chiave interpretativa delle diverse problematiche, sono state messe in evidenza le correlazioni logiche e i collegamenti disciplinari tra i vari contenuti, sono stati individuati i principi generali in grado di spiegare fenomeni diversi tra loro. Si è favorito lo sviluppo delle abilità di analisi, di rielaborazione e di sintesi, si è cercato di abituare gli allievi al ragionamento attraverso il potenziamento delle capacità critiche, logiche e di riorganizzazione personale. Gli allievi sono stati coinvolti in discussioni e dibattiti sulle varie tematiche, per suscitare il loro interesse e sollecitare il confronto di posizioni, opinioni ed interpretazioni diverse nell ottica dell acquisizione di una sempre più consapevole e responsabile autonomia di giudizio e capacità di elaborazione di una tesi personale. Nella valutazione dell apprendimento si è tenuto conto della pertinenza e completezza dei contenuti, della articolazione e coerenza nell argomentazione, della correttezza e proprietà del linguaggio. Le esercitazioni proposte sono state di vario genere e la scelta degli argomenti ha preso in considerazione la disamina dei movimenti artistici, l esame dei percorsi individuali e la lettura specifica di alcune opere considerate nei loro aspetti testuali ed extratestuali. Per gli argomenti specifici sottoposti ad esercitazione si rinvia al programma svolto. Il livello di conseguimento generale degli obiettivi è da ritenersi complessivamente più che discreto. EVENTUALI FATTORI CHE HANNO OSTACOLATO IL PROCESSO DI INSEGNAMENTO- APPRENDIMENTO Interesse disomogeneo. Modesta partecipazione. Frequenza discontinua. PROGRAMMA: ARGOMENTI LA SECONDA META DELL OTTOCENTO. Il Realismo in Francia. C.Corot. La scuola di Barbizon: T.Rousseau. G.Courbet. J.-F. Millet. H. Daumier. Il Realismo in Italia. I Macchiaioli: T. Signorini e G.Fattori. La nascita delle fotografia. Fotografia e pittura a confronto. L Impressionismo. Il nuovo linguaggio. E.Manet. E.Degas. C. Monet. P.A.Renoir. Il Postimpressionismo. G.Seurat e il Neoimpressionismo. P.Cézanne. P.Gauguin. V.Van Gogh. Il Simbolismo in Europa e le anticipazioni dell Espressionismo. Il Simbolismo francese: G. Moreau e O. Redon. Simbolismo e Divisionismo in Italia: G.Previati e G. Pellizza da Volpedo. La Mitteleuropa: E.Munch e G.Klimt. La scultura. Le arti applicate: Arts & Crafts Society. Art Nouveau. A. Gaudì. LE AVANGUARDIE STORICHE DEL PRIMO NOVECENTO. L Espressionismo. H.Matisse e i Fauves. E.L.Kirkner e il Die Brüke. Der Blaue Reiter: V. Kandinsky e F. Marc. L Espressionismo tra Vienna e Berlino: E. Schiele e O. Kokoschka. Il Cubismo. Le fasi: primitivo, analitico e sintetico. Il percorso artistico di P.Picasso. G.Braque. Il Futurismo. Pittura: U. Boccioni, C.Carrà e G.Balla. Scultura: U.Boccioni. Architettura: A. Sant Elia. Futuristi in Russia: Raggismo. L ALTRO NOVECENTO : L ARTE TRA LE DUE GUERRE La pittura oltre la forma. P.Mondrian e il Neoplasticismo. K.Malevic e il Suprematismo. Il Costruttivismo: V.Tatlin. P.Klee e V.Kandinsky. L architettura tra le due guerre. Gropius e il Bauhaus. Il Razionalismo di L. Mies van der Rohe e Le Corbusier. F.L.Wright e l architettura organica. L architettura italiana tra Razionalismo e monumentalità: G. Terragni e M.Piacentini. La pittura metafisica. G. de Chirico. L esperienza dada. Duchamp e il ready-made. Il Surrealismo. M. Ernst. S.Dalì. J.Mirò. R.Magritte. Tendenze neo-figurative in Germania e in Francia. Nuova Oggettività: O.Dix. La Scuola di Parigi: A. Modigliani e M. Chagall. L arte in Italia tra le due guerre. Novecento e anti-novecentismi. M. Sironi. La scultura italiana ed europea tra le due guerre. 20

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Atelier SottoSopra. Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s.

Atelier SottoSopra. Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s. Atelier SottoSopra Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s. 2014-2015 Obiettivi delle varie proposte: - permettere ai bambini di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli