4.1-MIGLIORAMENTO SERVIZI DEFINIZIONE DI UN PIANO SCUOLA 4.3-MIGLIORAMENTO ORGANIZZAZIONE RETE SCOLASTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4.1-MIGLIORAMENTO SERVIZI 0-6 4.2- DEFINIZIONE DI UN PIANO SCUOLA 4.3-MIGLIORAMENTO ORGANIZZAZIONE RETE SCOLASTICA"

Transcript

1 OBIETTIVI: 4.1-MIGLIORAMENTO SERVIZI DEFINIZIONE DI UN PIANO SCUOLA 4.3-MIGLIORAMENTO ORGANIZZAZIONE RETE SCOLASTICA TARIFFE SERVIZI SOCIO EDUCATIVI: nessun aumento dal 2011 ASILO NIDO NESSUNA VARIAZIONE stesse tariffe A.S 2011/12 CENTRO GIOCO ED. NESSUNA VARIAZIONE stesse tariffe A.S 2011/12 MENSA NESSUNA VARIAZIONE stesse tariffe A.S 2011/12 SCUOLABUS NESSUNA VARIAZIONE stesse tariffe A.S 2011/12 INCONTRI FORMATIVI E DIDATTICI: «GIORNATA DEI SERVIZI EDUCATIVI»: incontri tra insegnanti, famiglie e bambini per condividere un esperienza pedagogica e formativa (maggio 2013) «COSA CI UNISCE»: laboratori di teatro e filosofia (3 giornate formative- 500 alunni coinvolti; maggio 2013) INTERVENTI SUGLI EDIFICI SCOLASTICI : SCUOLA INFANZIA NIBBIAIA: interventi di bonifica del giardino + lavori di consolidamento conservativo della struttura ( impegno economico complessivo) SCUOLA RODARI R.SOLVAY: interventi strutturali di miglioramento ( impegno economico complessivo) Interventi manutentivi vari (da concludersi entro l estate) sui seguenti edifici: Scuola Fattori; Scuola Alighieri; Scuole Novaro; Scuole Fucini; Scuole Europa; asilo Nghè; scuola Stacciaburatta; Asilo Coriandolo; Asilo Mammolo;

2 Dati Fonte: Osservatorio Scolastico della Provincia di Livorno Tra l a.s 2009/10 e l a.s 2012/13 la popolazione scolastica delle scuole pubbliche con sede nel Comune è passata da alunni a alunni con una variazione % del -1,8% (in Provincia di Livorno è variata del +1,7% include anche le sez. serali e carcerarie) SCUOLE MATERNE PUBBLICHE / / / /13 N. Alunni ,2% di alunni tra 2009 e 2012 (in Provincia +3,9%) +2,9% di alunni tra 2009 e 2012 (in Provincia +2,7%) /10 SCUOLE ELEMENTARI 2010/ / /13 N. Alunni N. Classi N. Classi /10 SCUOLE MEDIE 2010/ / /13 N. Alunni N. Classi ,4% di alunni tra 2009 e 2012 (in Provincia +0,9%) -4,9% di alunni tra 2009 e 2012 (in Provincia +0,5%) 1500 SCUOLE SUPERIORI / / / /13 N. Alunni N. Classi

3 OBIETTIVI: 4.5- POTENZIAMENTO RETE CULTURALE 4.6-VALORIZZAZIONE CENTRI PER LA FRUIZIONE DELLA CULTURA 4.8- RILANCIO ATTIVITA TEATRALI E MUSICALI SUL TERRITORIO NUOVO CENTRO CULTURALE- BIBLIOTECA R.SOLVAY: conclusione dei lavori di realizzazione; gara per completamento logistico e tecnologico della struttura (marzo 2013); Quadro economico originale: ca 6,2 milioni di gara per la gestione: autorizzazione ad impegnare la somma complessiva di ca oltre il bilancio pluriennale (periodo: 01/12/13 30/06/22) per la gestione del nuovo centro culturale (GC 104/13) ambiti di attività coinvolti: Biblioteca / Centro Polivalente Informagiovani e Ludoteca / Caffetteria-emeroteca; tempistica di riferimento: scadenza termine offerte bando gara per gestione (settembre 2013); inizio gestione (dicembre 2013);

4 OBIETTIVI: 4.5- POTENZIAMENTO RETE CULTURALE 4.6-VALORIZZAZIONE CENTRI PER LA FRUIZIONE DELLA CULTURA 4.8- RILANCIO ATTIVITA TEATRALI E MUSICALI SUL TERRITORIO ARMUNIA: riconoscimento della personalità giuridica da parte del comitato tecnico della Regione Toscana (giugno 2013) ed avvio delle procedure di passaggio di consegne tra Associazione e Fondazione. Previsto ampliamento delle aree gestite dalla Fondazione (Limonaia + Cinema Pineta Marradi + parcheggio Castello Pasquini) nonché di tematiche nuove da affrontare (formazione, ricerca e collaborazione con scuole) EVENTI CULTURALI 1 SEMESTRE 2013 «Parlare di Cinema a Castiglioncello» IX ed. «Premio Suso Cecchi d Amico» II ed. Ciclo «Storia del Cinema. I miti» Mostra «Di altre storie e di altri eroi» Mostra «Cinque incisori del gruppo labronico» Mostra «Non c è due senza te» Ciclo di incontri «Storie e voci dal territorio» Progetto di arte pubblica «Foresta Bianca» Convegno Int.le di Biosemiotica INIZIATIVE BIBLIOTECA E MUSEO 1 SEMESTRE 2013 Museo Archeologico: adesione alle XXI giornate FAI di primavera (marzo 2013) Biblioteca-Giornata Mondiale del Libro: «Lettura e laboratorio creativo per bambini e genitori; Bilioteca-Progetto Biblioteche e Coop: apertura nuovo punto di prestito (aprile 2013)

5 OBIETTIVI: 4.8- POTENZIAMENTO INTERVENTI A FAVORE DEI GIOVANI PROGETTO IO PARTECIPO: conferma dell impegno per l iniziativa volta ad avvicinare i giovani al volontariato (decisione GC 76/13) nel 2013: 35 ammessi (almeno 72 ore di servizio volontario con rimborso spese forfettario pari a 300 ); N. PARTECIPANTI (ammessi) CIAF «DEMIRO MARCHI» -INFORMAGIOVANI: attività del centro infanzia adolescenza famiglia Seminari informativi sul lavoro -> 3 seminari aprile 2013 (in collaborazione con centro impiego) Sportello Mobile Giovanisi: incontri nelle frazioni (maggio 2013) Orientamento Università e Scuole Superiori + supporto per iscrizioni online scuole superiori Laboratorio Social Business (maggio 2013) organizzato da Provincia Livorno in collaborazione con Informagiovani Progetto save the game (recupero giochi/beni non più utilizzabili dalle aziende) Proiezioni film gratuite- progetto PAI (punti ascolto informazione) INFORMAGIOVANI 5.0 A CASTELNUOVO: inaugurazione struttura gestita da Cop. Idealcoop presso il centro civico

6 OBIETTIVO: 4.9-PROMOZIONE CULTURA DI PACE INIZIATIVE DELLA MEMORIA 2013: Treno della Memoria: visita ad Aushwitz di una delegazione di studenti (gennaio 2013) Giorno della Memoria: due rappresentazioni teatrali, di cui una per bambini (27 gennaio 2013) Pellegrinaggio sui luoghi della memoria locale (gennaio 2013) Celebrazione del 25 aprile Mostra bibliografica sulla Shoah presso la Biblioteca Comunale Ricordo delle vittime delle foibe (febbraio 2013) Eccidio Vada: commemorazione con bambini - «Girotondo intorno al mondo» (giugno 2013) INIZIATIVE COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA : Progetto con le scuole «Diversugualità percorsi per conoscersi e crescere» Conferenza «giovani e dipendenze» Conferenze sulla medicina tibetana Iniziative 8 marzo Incontro «Le donne e la chimica» e «Donne e Musica» Iniziative su pubblicità al femminile, infanzia e scivias Letture a cura del laboratorio teatrale

7 OBIETTIVO: 4.10-QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA SPORTIVA PISCINA COMUNALE: lavori di adeguamento + pubblicazione gara per affidamento in concessione della gestione STRUTTURA GEODETICA: adeguamento alla normativa coni ed alla prevenzione incendi - approvazione progetto preliminare (GC 101/13) PALESTRE COMUNALI: approvazione schema di contratto di concessione della gestione delle palestre comunali (GC 28/13) Definiti nuovi canoni di gestione (applicazione a partire dal 01/09/13) IMPIANTO CANONE UTENZE PULIZIE Balestri 500,00 + IVA 500,00 a carico gestore Picchi 260,00 + IVA 240,00 a carico gestore Geodetica 260,00 + IVA 240,00 a carico gestore Mattei 260,00 + IVA 240,00 a carico gestore Volpi 260,00 + IVA 240,00 a carico gestore Novaro 100,00 + IVA 160,00 a carico gestore Fucini 100,00 + IVA 160,00 a carico gestore Testoni 100,00 + IVA 160,00 a carico gestore Carducci 100,00 + IVA 160,00 a carico gestore Solvay 100,00 + IVA 160,00 a carico gestore TURISMO SPORTIVO: v. obiettivo 1.5

8 OBIETTIVO: 4.11-MIGLIORAMENTO QUALITA DELLA VITA FRONTE SANITA POLITICHE SANITARIE: ordine del giorno inerente determinazioni e indirizzi qualificativi delle politiche sanitarie - documento dei sindaci della bassa val di cecina (CC 34/13); ANALISI EPIMEDIOLOGICA: incontri nel 1 semestre 2013 con ASL, Ars, Ispo ed Arpat al fine di ottenere una bozza di progetto di studio epidemiologico, da portare all esame della competente commissione consiliare; CASA DELLA SALUTE: firmato Protocollo d Intesa per la realizzazione del nuovo distretto socio-sanitario della Bassa Val di Cecina da realizzare entro il 2016 nel comparto urbanistico 3t-2 «H5» Uffici da ospitare nella struttura: direzionali e amm.vi; Dipartimento della Prevenzione; studi di sanità di iniziativa territoriale; sale per riabilitazione ecc Aree in cui articolare la struttura: 1. Area dell accesso e dell accoglienza; 2. Area dei servizi sanitari; 3. Area della sanità pubblica (Dip. Prevenzione); 4. Area dei servizi socio-sanitari; 5. Area dei servizi sociali; «UNA SCELTA IN COMUNE»: adesione in qualità di sperimentatore al progetto regionale volto a favorire l adesione all elenco nazionale donatori di organi (contestualmente al rinnovo della carta di identità). partenza operativa: 2014 (da integrare preliminarmente i database utilizzati);

9 OBIETTIVO: 4.11-MIGLIORAMENTO QUALITA DELLA VITA FRONTE POLITICHE SOCIALI BILANCIO DI GENERE: adozione del bilancio di genere 2011 (GC 92/13) CASA ACCOGLIENZA: approvazione protocollo d intesa tra comune, comune di cecina, usl 6 e società della salute bvc per la realizzazione del progetto accoglienza donne sole con figli minori vittime di violenza e di disagio economico sociale (GC 21/13); struttura da realizzare nel Comune di Cecina e finanziata con i fondi UNRRA 2007 che il Ministero dell Interno ha destinato al Comune di Rosignano M.mo; CONTRIBUTI E PRESTAZIONI SOCIALI: pubblicati i seguenti bandi (v. dopo scheda dati) contributo AFFITTI 2013 contributo UTENZE 2013 esenzioni TICKET SANITARI contributi per DIRITTO ALLO STUDIO iscrizioni ai CENTRI ESTIVI E MONTANI PUNTO «ECCO FATTO»: approvazione protocollo di intesa con uncem toscana per la sperimentazione di servizi di prossimita attraverso l apertura di un punto ecco fatto! presso il centro civico di Nibbiaia (GC 49/13) presentazione alla cittadinanza dell iniziativa (marzo 2013) CERTIFICAZIONI IDONEITA ALLOGGI: rinnovo schema di convenzione con l'azienda usl 6 per le attività di supporto, sopralluogo, verifica e accertamento delle condizioni igienico - sanitarie ai fini del rilascio delle certificazioni di idoneità alloggio per cittadini extracomunitari (GC 16/13)

10 Dati Nel 2013 è stato pubblicato il 1 bilancio di genere del Comune. Al suo interno è stata operata una riclassificazione delle voci di spesa del bilancio 2011 in un ottica di genere, riaggregandole rispetto ai servizi utili alla promozione delle pari opportunità. Le Aree in cui è stato riclassificato sono le seguenti: AREE DIRETTE: iniziative e attività destinate alla promozione delle pari opportunità e ad interventi specifici diretti alle donne AREE INDIRETTE ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA:non sono direttamente indirizzate a cittadini in quanto donne o uomini, ma ad alcune categorie di portatori di interesse che vedono le donne quali principali beneficiari diretti o indiretti AREE INDIRETTE ALLA QUALITA DELLA VITA E ALL AMBIENTE: sono rappresentate da servizi comunali che contribuiscono a definire l ambiente nel quale vivono i cittadini AREE NEUTRE: riguardano i servizi generali di funzionamento dell ente, o servizi per i quali non si rileva una ricaduta differenziata donne/uomini SINTESI 2011 Per approfondimenti: -> «bilancio di genere «0% AREE DIRETTE; 24% AREE INDIRETTE PERSONA; 24% AREE INDIRETTE QUALITA VITA; 52% AREE NEUTRE

11 FRONTE POLITICHE SOCIALI OBIETTIVO: 4.11-MIGLIORAMENTO QUALITA DELLA VITA DISABILITA : conferma contributo per iniziative «Progetto Estate» organizzate dalle associazioni Efesto, Haccompagnami e Non Siamo Soli ; progetto ricreativo volto a favorire l integrazione ed il sostegno alla disabilità, con particolare attenzione alle fasce giovanili e dell infanzia; PROGETTO ESTATE TRA MARE E COLLINA: conferma delle seguenti attività estive, a sostegno delle famiglie: campi solari (Castelnuovo + Castiglioncello); sos vacanze in collina (Castelnuovo; Gabbro, Nibbiaia, Rosignano M.mo e Vada) favole in collina (Gabbro e Nibbiaia) giochi al castello (Rosignano M.mo) PROGETTO AUTO SOCIALI: patrocinio e collaborazione in favore di AUSER per la prosecuzione del progetto auto sociali (utilizzo da parte dell Associazione di auto grazie al sistema delle sponsorizzazioni); AUSER: apertura a cura Auser di una sede presso Centro Nautico di Vada;

12 Dati ca Fondi 2013 stanziati Stanziamenti di bilancio 2013 per servizio «assistenza, beneficienza e servizi diversi alla persona», esluse le spese di personale e di funzionamento. Alcune delle somme indicate sono coperte da finanziamenti regionali e/o statali Sanità Per attività sociosanitarie e socioassistenziali (Società della Salute BVC) Per interventi per minori nei centri diurni (Società della Salute BVC) Per sportello sociale c/0 Comune (Società della Salute BVC) Ufficio Sociale Per assistenza specialistica alunni div.e abili Per problematiche emergenza abitativa Per trasporto disabili Per pasti centro diurno Per «progetto estate tra mare e collina» Scuole (Piani Educativi Zonali) Progetto «famiglia numerosa» Progetto rifugiati SPRAR Contributo utenze Progetti sulla disabilità Progetto Colline Ufficio Casa Contributi canoni di locazione Altre iniziative Informagiovani Progetto «Io Partecipo» STANZIAMENTI DI BILANCIO

13 Dati N. ESENZIONI TICKET SANITARI CONTRIBUTI AFFITTI N. contributi Contributo medio in N. contributi Contributo medio N. CONTRIBUTI UTENZE N. BUONI LIBRO / / /12

14 OBIETTIVO: POLITICHE CIMITERIALI FUNERALI GRATUITI: modifiche alle modalità di erogazione dei contributi per incentivare inumazioni e cremazioni (dir. GC 16/13) funerali gratuiti per cremazione ed inumazione con Isee ; rimborso per le cremazioni pari a 600 ; FUNERALI AD IMPATTO AMBIENTALE RIDOTTO N. cremazioni gratuite N. inumazioni gratuite (cittadini indigenti)

GIOVANI E POLITICHE SOCIALI

GIOVANI E POLITICHE SOCIALI GIOVANI E POLITICHE SOCIALI Le Politiche per i Giovani L Amministrazione Comunale si è posta l obiettivo di potenziare gli interventi a favore dei giovani attraverso lo sviluppo della loro creatività ed

Dettagli

NON LASCIARE INDIETRO NESSUNO

NON LASCIARE INDIETRO NESSUNO NON LASCIARE INDIETRO NESSUNO Non lasciare indietro nessuno è una scelta che consente alle persone, con le loro molteplici dimensioni, bisogni e diritti, di essere il fulcro dell'azione di governo del

Dettagli

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona Comune di Empoli Provincia di Firenze Settore VII Serviizii alllla Persona Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona Servizio Biblioteca - Organizzazione e funzionamento del servizio

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010

ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010 ISTITUZIONE PER L ESERCIZIO DI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI, CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CRESPELLANO PIANO PROGRAMMA ANNO 2010 L Istituzione è la struttura di principale e dedicato riferimento

Dettagli

Articolo 4 Oggetto Sociale

Articolo 4 Oggetto Sociale Articolo 4 Oggetto Sociale La Cooperativa, con riferimento ai requisiti e agli interessi dei soci, ha per oggetto: 1. Istituire o gestire comunità alloggio, a carattere residenziale o semiresidenziale,

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp Programma del SERVIZIO COMUNICAZIONE DEL SERVIZIO: Promuovere l immagine e le iniziative del Comune, promozione e

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

4. setto re MUS EI E SER VI ZI

4. setto re MUS EI E SER VI ZI 4. SETTO RE MUS EI E SER VI ZI 4. SETTORE MUSEI E SERVIZI La cooperativa Itinera opera da tempo sul territorio nel settore della gestione di strutture museali ed in generale dei servizi con personale

Dettagli

SETTORE SUPPORTO ISTITUZIONALE E COMUNICAZIONE PROGRAMMAZIONE ACQUISIZIONI 2013

SETTORE SUPPORTO ISTITUZIONALE E COMUNICAZIONE PROGRAMMAZIONE ACQUISIZIONI 2013 SETTORE SUPPORTO ISTITUZIONALE E COMUNICAZIONE PROGRAMMAZIONE ACQUISIZIONI 2013 eventuale eventuale luogo di normativa di strumento di risorse finanziarie di OGGETTO tipologia esecuzione importo presunto

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di consiglio comunale n 33 del 08.08.2007 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art.

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Allegato A C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax 0558451414 - e-mail: sds.mugello@asf.toscana.it Indirizzi per la ripartizione dei finanziamenti,

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

SETTORE RISORSE E CONTROLLO PROGRAMMAZIONE ACQUISIZIONI 2012

SETTORE RISORSE E CONTROLLO PROGRAMMAZIONE ACQUISIZIONI 2012 SETTORE RISORSE E CONTROLLO OGGETTO tipologia luogo di esecuzione importo presunto eventuale normativa di eventuale strumento di Fornitura di cancelleria Fornitura Rosignano 30.000 Fornitura di materiale

Dettagli

Comune di Bagnacavallo Unione dei Comuni della Bassa Romagna BILANCIO DI PREVISIONE

Comune di Bagnacavallo Unione dei Comuni della Bassa Romagna BILANCIO DI PREVISIONE Comune di Bagnacavallo Unione dei Comuni della Bassa Romagna BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Comune di Bagnacavallo Unione dei Comuni della Bassa Romagna I DATI SOCIO-ECONOMICI DELLA MANOVRA 2015 Popolazione

Dettagli

Città di Racconigi. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali

Città di Racconigi. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali Città di Racconigi Al Dottor Paolo FLESIA CAPORGNO Segretario Comunale In Sede Prot. n. Oggetto: relazione gestionale 2014 per l Area Servizi socio assistenziali e culturali In riferimento al Piano integrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI Pagina 1 di 6 COMUNE DI SAN GIOVANNI A PIRO 84070 SAN GIOVANNI A PIRO REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI Allegato alla deliberazione C.C. n. 9 del 21 marzo 2006 ARTICOLO 1 Oggetto

Dettagli

SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE

SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE Allegato C BILANCIO DI PREVISIONE 2012 SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE PROSPETTI RIEPILOGO COSTI E RICAVI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE ESERCIZIO 2012 S E R V I Z I Preventivo 2011 Preventivo 2012 COSTI

Dettagli

COMUNE DI OMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.M. N... DEL SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE TARIFFE

COMUNE DI OMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.M. N... DEL SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE TARIFFE OMUNE DI ACQUALAGNA COMUNE DI PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.M. N... DEL SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE TARIFFE 1 MENSE SCOLASTICHE - IVA COMPRESA a-scuola materna di Pole

Dettagli

OBIETTIVI ANNO 2014 AREA 1 SERVIZI COINVOLTI E DI SUPPORTO. Emissione avvisi di accertamento. Ufficio Tributi e Area 5

OBIETTIVI ANNO 2014 AREA 1 SERVIZI COINVOLTI E DI SUPPORTO. Emissione avvisi di accertamento. Ufficio Tributi e Area 5 OBIETTIVI ANNO 2014 AREA 1 N. 1 Area 1 RECUPERO EVASIONE ICI- attività di recupero evasione sulle aree fabbricabili. Predisposizione atti di approvazione dei criteri e delle stime del valore delle aree

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER SERVIZI SOCIALI A DOMANDA INDIVIDUALE, DIRITTI DI SEGRETERIA, ACCESSO AGLI ATTI, CANONI E TASSE

Dettagli

COMUNE DI MAGNANO IN RIVIERA (Provincia di Udine)

COMUNE DI MAGNANO IN RIVIERA (Provincia di Udine) COMUNE DI MAGNANO IN RIVIERA (Provincia di Udine) AREA ECONOMICO FINANZIARIA Ufficio Economato TARIFFE, CONTRIBUZIONI E COSTI DEI SERVIZI ANNO 2014 Approvate con deliberazione di Giunta Comunale n 60 del

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni

COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali. Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni COMUNE DI PISA Direzione Servizi Educativi - Affari Sociali Attività estive 2014 bambini/e 3-6 anni PREMESSA: LE ATTIVITA ESTIVE.. 3 ORGANIZZAZIONE.. 4 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO GENITORI...7 SINTESI SUL

Dettagli

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità)

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in conformità alle disposizioni sancite dagli articoli 2, 3, 29, 30, 31, 36, 37, 38, 47 e 53 della

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

COMUNE DI CURINGA. ( Provincia di Catanzaro) IN ESECUZIONE DELLA Delibera G. M. N. 129 DEL 01/10/2015 E DELLA DETERMINA N. 185 DEL 13/10/2015

COMUNE DI CURINGA. ( Provincia di Catanzaro) IN ESECUZIONE DELLA Delibera G. M. N. 129 DEL 01/10/2015 E DELLA DETERMINA N. 185 DEL 13/10/2015 COMUNE DI CURINGA ( Provincia di Catanzaro) IN ESECUZIONE DELLA Delibera G. M. N. 129 DEL 01/10/2015 E DELLA DETERMINA N. 185 DEL 13/10/2015 IL RESPONSABILE DELL AREA AFFARI GENERALI SETTORE SERVIZI SOCIALI

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa

PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Istruzione e programmazione socio educativa SCHEDA PROGETTO DI QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA EDUCATIVA SCUOLA DELL INFANZIA (0-6 ANNI) ANNO FINANZIARIO 2014 1. NOTIZIE DI CARATTERE

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 La facciata ristrutturata Comune di Castiglione d Adda Via Roma 130, 26823 - Castiglione d Adda Tel. 0377/900403 Fax.

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

C O M U N E D I R I E T I Delib. N. 13 del 30/03/2004

C O M U N E D I R I E T I Delib. N. 13 del 30/03/2004 C O M U N E D I R I E T I Delib. N. 13 del 30/03/2004 SCHEMA DI DELIBERAZIONE Che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Servizi Pubblici a domanda individuale definizione del livello

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI ODG: 248 PG: 250388/2005 Data Seduta: 19/12/2005 Data inizio vigore: 1/01/2006 Il provvedimento è stato modificato dalle seguenti delibere: ODG 106 PG: 97119/2006 Data Seduta: 30/06/2006 Data inizio vigore:

Dettagli

Cartella stampa. Indice. Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2. C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3

Cartella stampa. Indice. Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2. C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3 Cartella stampa Indice Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2 C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3 C.S.A. Cooperativa Servizi Ambiente...Pag. 6 C.S.A. Cooperativa Sant Anselmo...Pag. 7 Le

Dettagli

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R.

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004 A1 E tempo di una giornata per te Introduzione giornata

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO di PIACENZA via Emmanueli, 30-29121 Piacenza (PC) Tel. 0523/453812 - Fax 0523/753047 Email: segreteria@settimopc.it casella pec: pcee00700x@pec.istruzione.it sito web: http://www.settimopc.it

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE

DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DIRITTO ALLO STUDIO E PROMOZIONE DELLE ATTIVITA SPORTIVE RIQUALIFICAZIONE ED AMPLIAMENTO DELLE PALESTRE ALL INTERNO DELLE RESIDENZE

Dettagli

PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO. Anno scolastico 2011-2012

PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO. Anno scolastico 2011-2012 COMUNE DI MARCIGNAGO PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO SERVIZI E INTERVENTI Anno scolastico 2011-2012 Marcignago Settembre 2011 Nota introduttiva al Piano Diritto allo Studio 2011-2012 L Amministrazione

Dettagli

CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE

CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE COMUNE DI LIVORNO CENTRO INFANZIA ADOLESCENZA E FAMIGLIE EDDA FAGNI Programma 2010-2011 Il C.I.A.F. (Centro Infanzia Adolescenza e Famiglie) Edda Fagni Il C.I.A.F. (Centro Infanzia, Adolescenza e Famiglie)

Dettagli

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE

C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL C O M U N E D I U D I N E D I P A R T I M E N T O P R O G R A M M A Z I O N E POLITICHE FINANZIARIE, ACQUISTI E ATTIVITA PRODUTTIVE ALLEGATO A

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

3.2.5 Il sistema di offerta

3.2.5 Il sistema di offerta 3.2.5 Il sistema di offerta Ambito di Sesto San Giov Cologno onzese Piano di Zona 2006 2008 Servizio per mano avorire l incontro domanda offerta di persone che collaborano con le famiglie per la cura e

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Rubino Maria Rosaria Data di nascita 14/12/1954. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0831229800

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Rubino Maria Rosaria Data di nascita 14/12/1954. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0831229800 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Rubino Maria Rosaria Data di nascita 14/12/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia COMUNE DI BRINDISI Dirigente - Servizi sociali

Dettagli

RELAZIONE SERVIZIO INFORMAGIOVANI ANNO 2010

RELAZIONE SERVIZIO INFORMAGIOVANI ANNO 2010 RELAZIONE SERVIZIO INFORMAGIOVANI ANNO 2010 Le attività del Servizio InformaGiovani che hanno caratterizzato il 2010, oltre al regolare front office, sono state: NewsLetter: invio periodico di offerte

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO Allegato C Presentazione del progetto di realizzazione: I servizi Informagiovani PAAS hanno sede temporanea presso il Palazzo Municipale, sono servizi integrati, con finalità

Dettagli

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze Dati di riferimento Denominazione: Associazione rimettere le ali onlus Tipologia: Associazione non Profit Onlus Riconoscimenti: Iscritta all anagrafe delle Onlus regionale del Lazio al protocollo 0036191

Dettagli

SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI COMUNALI. (Socio-assistenziali, culturali e scolastici)

SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI COMUNALI. (Socio-assistenziali, culturali e scolastici) SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI COMUNALI (Socio-assistenziali, culturali e scolastici) 1 INDICE FAMIGLIA E SOCIETA Introduzione pag. 3 Ufficio unico Servizi Sociali pag. 4 Servizio Territoriale Handicap

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 SCHEDE DI VALUTAZIONE AREA STRUTTURALE INDICATORE DELLA PLURALIZZAZIONE DELLE OFFERTE TARIFFARIE Descrizione delle microazioni Agevolazione

Dettagli

Presentazione. Il Presidente Rosario Zozzaro

Presentazione. Il Presidente Rosario Zozzaro Curriculum generale delle attività e dei servizi erogati dalla Cooperativa Sociale Arca di Noè Onlus dall agosto 1980 al 2014 Presentazione La Cooperativa Sociale Arca di Noè Onlus rappresenta una delle

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

COMUNE DI CASTELTERMINI File n. 104-15 Provincia di Agrigento AREA POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.2 DETERMINAZIONE LA RESPONSABILE DELL AREA P.O. N.

COMUNE DI CASTELTERMINI File n. 104-15 Provincia di Agrigento AREA POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.2 DETERMINAZIONE LA RESPONSABILE DELL AREA P.O. N. \ COMUNE DI CASTELTERMINI File n. 104-15 Provincia di Agrigento AREA POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.2 Servizi Socio-Assistenziali Asilo Nido - Pubblica Istruzione Alloggi Popolari Sport,turismo e spettacolo

Dettagli

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI 2 MICRO 2007 1. Ente Comune: Denominazione RIMINI Ente Associato: Denominazione PREVENTIVO PER MICROAREE 2007 Dati identificativi

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

ISTRUZIONE, CULTURA E SPORT

ISTRUZIONE, CULTURA E SPORT ISTRUZIONE, CULTURA E SPORT L Amministrazione Comunale si è posta l obiettivo di migliorare i servizi 0-6 anni attraverso il loro ampliamento, la loro qualificazione continua, nonché il miglioramento della

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CARLO CARRIERO Indirizzo Asl S Telefono ASL 0586-614641 Fax 0586-614623 E-mail c.carriero@usl6.toscana.it Nazionalità italiana Data

Dettagli

REGOLAMENTO. per il TRATTAMENTO. dei DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO. per il TRATTAMENTO. dei DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI COMUNE di RUDIANO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO per il TRATTAMENTO dei DATI SENSIBILI E GIUDIZIARI 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento in attuazione del D.Lgs. 30 giugno 2003,

Dettagli

AREA SERVIZI ALLE PERSONE E ALLE FAMIGLIE TARIFFE SERVIZI ANNO 2014

AREA SERVIZI ALLE PERSONE E ALLE FAMIGLIE TARIFFE SERVIZI ANNO 2014 COMUNE DI BERNAREGGIO Provincia di Monza e della Brianza AREA SERVIZI ALLE PERSONE E ALLE FAMIGLIE TARIFFE SERVIZI ANNO 2014 Servizio Demografico Rimborsi Diritti Segreteria semplice in bollo Certificati

Dettagli

bilancio di previsione 2015/2017 {2015}

bilancio di previsione 2015/2017 {2015} bilancio di previsione / {} 2 Nessun aumento dei tributi Investimenti in nuove opere per 1 milione di euro Contenimento della spesa corrente di funzionamento mantenendo il turnover dei dipendenti Rafforzamento

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

Comune di Crevoladossola

Comune di Crevoladossola AREA DI GESTIONE: 2 Area Demografica TITOLO 1 Spese Correnti 1.01.07.02 680 / 4 Acquisto di beni diversi Acquisto di beni diversi 1.500,00 1.000,00 1.000,00 Cr: 8 - servizi demografici, elettorale e statistici

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

3 Settore. Monitoraggio del rispetto dei termini dei procedimenti a istanza di parte CONCLUSI

3 Settore. Monitoraggio del rispetto dei termini dei procedimenti a istanza di parte CONCLUSI 3 Settore Monitoraggio del rispetto dei termini dei procedimenti a istanza di parte CONCLUSI Semestre: 1 dicembre 31 maggio x 1 giugno 30 novembre Tipologia dei procedimenti Numero procedimenti *conclusi

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dati anagrafici:

CURRICULUM VITAE. Dati anagrafici: CURRICULUM VITAE Dati anagrafici: Carrieri Carmela, nata a Grottaglie (TA) il 05/01/63, residente a Grottaglie (TA) in Via Aldo Moro n 1;cellulare 349 5820101. Titoli culturali: Diploma di Laurea in Pedagogia,

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A. Bilancio sociale dei servizi culturali del Comune di Nonantola

C O M U N E D I N O N A N T O L A. Bilancio sociale dei servizi culturali del Comune di Nonantola C O M U N E D I N O N A N T O L A Bilancio sociale dei servizi culturali del Comune di Nonantola Anno 2014 Niente cultura, niente sviluppo. Introduzione Valutare la bontà di un servizio culturale significa

Dettagli

Piano diritto allo studio Anno scolastico 2013/2014

Piano diritto allo studio Anno scolastico 2013/2014 COMUNE DI ALBAIRATE PROVINCIA DI MILANO Piano diritto allo studio Anno scolastico 2013/2014 La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.

Dettagli

In particolare da quest anno Corso finalizzato alla CERTIFICAZIONE DELE (Lingua Spagnola) Musica a Scuola: Corso di canto, pianoforte e violino

In particolare da quest anno Corso finalizzato alla CERTIFICAZIONE DELE (Lingua Spagnola) Musica a Scuola: Corso di canto, pianoforte e violino PROGETTI COMUNI AI TRE ORDINI DI SCUOLA Progetto ACCOGLIENZA Progetto IO E IL MONDO Sportello di ascolto per alunni e famiglie Progetto BANCA DELLE RISORSE Progetto PERCORSO SOAVE Progetto CONTINUITÀ E

Dettagli

GUIDA - CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA CITTADELLA DEI GIOVANI DI AOSTA PER IL PERIODO 01.11.2009/31.10.2014

GUIDA - CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA CITTADELLA DEI GIOVANI DI AOSTA PER IL PERIODO 01.11.2009/31.10.2014 PROGETTO-GUIDA GUIDA - CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA CITTADELLA DEI GIOVANI DI AOSTA PER IL PERIODO 01.11.2009/31.10.2014 Il progetto descrive i termini generali con i quali si concede il

Dettagli

Avviso n. 7 del 1 luglio 2011

Avviso n. 7 del 1 luglio 2011 Avviso n. 7 del 1 luglio 2011 Relazione sulle attività socio-culturali proposte e partecipate dal gruppo consiliare di maggioranza L attenzione e gli interventi messi in atto dall amministrazione nell

Dettagli

INFORMARE PER COINVOLGERE:

INFORMARE PER COINVOLGERE: INFORMARE PER COINVOLGERE: I Servizi e i Progetti per i Giovani del Comune di Cinisello Balsamo Essere informati sui Servizi e sui Progetti che il Comune mette in campo per i giovani èessenziale: èla prima

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE Comune di Palo del Colle Comune di Bitonto RELAZIONE ILLUSTRATIVA In occasione della programmazione delle attività e dei servizi del Piano Sociale di Zona

Dettagli

Area 1 - Gestione risorse. Allegato - Funzionigramma

Area 1 - Gestione risorse. Allegato - Funzionigramma Allegato - Funzionigramma Segretario Comunale - Attività di cui all art. 97 TUEL - Attività di coordinamento dei Responsabili delle Aree tra Responsabili di Area ed Assessorati di riferimento; - Attività

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano CARTA DEI SERVIZI SOCIALI Assessore ai Servizi Sociali Dott.ssa Pusceddu Elena L ASSISTENTE SOCIALE Graziella Piras Sommario Cos è la Principi fondamentali nell

Dettagli

Accertato che questo Comune, tra i servizi previsti dal D.M. 31.12.1983 gestisce direttamente:

Accertato che questo Comune, tra i servizi previsti dal D.M. 31.12.1983 gestisce direttamente: Deliberazione della Giunta Comunale n. 11 del 21/01/2005 OGGETTO: Art. 172, comma 1, lettera e) Dlgs. 267/2000 Servizi pubblici a domanda individuale Determinazione tariffe e tassi di copertura del costo

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE

LINEE PROGRAMMATICHE LINEE PROGRAMMATICHE SVILUPPO E LAVORO VALORIZZAZIONE AMBIENTE E TURISMO LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA SERVIZI SOCIALI E SANITARI ISTRUZIONE CULTURA E TEMPO LIBERO SERVIZI VARI SVILUPPO E LAVORO Agricoltura,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI -SILVI. Sezione POF 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI -SILVI. Sezione POF 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI -SILVI Sezione POF 2014-2015 CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE SCOLASTICHE Come ricordato nell ambito della presentazione della nostra scuola, l Istituto comprensivo G.Pascoli

Dettagli

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino INDICE DELLE DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE - ANNO 2013

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino INDICE DELLE DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE - ANNO 2013 Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino INDICE DELLE DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE - ANNO 2013 Numero Data Oggetto 1 08.01.2013 APPROVAZIONE RENDICONTO ECONOMALE

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE. Provincia di Milano ASSESSORATO alla PUBBLICA ISTRUZIONE. Piano Annuale Scolastico 2014-2015

COMUNE DI CARUGATE. Provincia di Milano ASSESSORATO alla PUBBLICA ISTRUZIONE. Piano Annuale Scolastico 2014-2015 COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano ASSESSORATO alla PUBBLICA ISTRUZIONE Piano Annuale Scolastico 2014-2015 1 D A T I S T A T I S T I C I Popolazione residente a Carugate al 30 Giugno 2014 14.649 Popolazione

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli