Area di rischio/opportunità. negat iva. negat iva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area di rischio/opportunità. negat iva. negat iva"

Transcript

1 Sommario Prima di iniziare l'attività Le esperienze personali Competenze tecniche Fonti di opportunità innovative Valutare gli atteggiamenti L'idea imprenditoriale La scelta della forma giuridica PRIMA DI INIZIARE L ATTIVITÀ La maggior parte di coloro che desiderano mettersi in proprio si preoccupano dei rischi collegati all'intrapresa di un'attività indipendente. I rischi sono sempre più difficili da superare quando costituiscono delle incognite rispetto al caso in cui si sia chiaramente identificato di che cosa si tratti. La tabella che segue ha la funzione di valutare con facilità i vantaggi e i rischi cui si va incontro intraprendendo una propria attività. In essa vengono suggerite quattro categorie di rischi: finanziario; di carriera; familiare; personale. Area di rischio/opportunità Finanziario Carriera Familiare Personale Eventualità Positiva negat iva Positi va negat iva Positi va negati va Positi va negati va 1. Influenza 2. Avvenimenti probabili 3. Lati positivi o no Conseguenze Minacce Opportunità In tal modo è possibile identificare delle opportunità considerevoli: 1. Influenza Che cosa potrebbe succedere, quale conseguenza della vostra nuova iniziativa imprenditoriale? In tabella si possono elencare tali fatti e la probabilità che accadano (bassa, media, alta); 2. Avvenimenti probabili Che conseguenze potrebbero prevenire da un eventuale successo della vostra attività? Avrebbero un peso modesto o sarebbero consistenti in senso positivo o negativo?

2 3. Conseguenze Quali sono i lati positivi (o negativi) rispetto alle conseguenze? Evidentemente se i lati positivi sono modesti rispetto a influenze modeste, si dovrà riflettere sull'opportunità di intraprendere l'iniziativa. Nell'individuare le principali minacce ed opportunità può essere utile considerare quanto segue: Rischi ed opportunità finanziari Considerate i costi probabili del progetto e le conseguenze che esso avrà sui vostri guadagni, nel breve termine. Quale saranno i riflessi delle garanzie che sareste chiamati a prestare ai finanziatori? Quali conseguenze potrebbero avere delle vendite maggiori o minori? Quale potrebbe essere l'effetto dell'unicità del vostro prodotto o della sua mancanza di caratteristiche esclusive? Qual è l'effetto di mercato maggiore/minore, sia nazionale, sia verso l'estero? Che conseguenze potranno esserci a livello pensionistico? Quali vantaggi - o svantaggi - fiscali potreste ottenere? Nell'individuare le principali minacce ed opportunità può essere utile considerare quanto segue: Rischi ed opportunità di carriera Se l'esperienza non dovesse dare i risultati sperati, sareste in grado di riprendere il vostro posto come dipendente? Il vostro lavoro vi soddisfa, e perché? Se lo cambiaste ne avreste dei vantaggi o degli svantaggi (ad esempio, le vostre capacità risulterebbero meglio vendibili)? Rischi/opportunità familiari In che termini il progetto influirà sulla vostra famiglia? Dovrete traslocare? L'impegno in tempo vi creerà dei problemi? Offrirà a voi e al vostro coniuge l'opportunità di lavorare insieme? Quali sarebbero le conseguenze di un risultato negativo? Nell'individuare le principali minacce ed opportunità può essere utile considerare quanto segue: Rischi - opportunità personali La prospettiva di lavorare in proprio è qualcosa che vi stimola? Siete in grado di immaginarvi come fare fronte alle esigenze del successo? Sapete resistere al pensiero di un possibile fallimento? Con questo tipo di analisi sarà possibile avere un quadro molto più preciso dei campi potenzialmente validi per la futura attività. Si possono così prendere in considerazione i "rischi" e cercare di immaginare quali interventi sono adottabili per ridurli ad un livello accettabile; allo stesso modo si possono affrontare le "opportunità" per individuare le iniziative da attuare per aumentare le probabilità che si verifichino.

3 LE ESPERIENZE PERSONALI Nella scelta dell'individuo di intraprendere la carriera di imprenditore, riveste un ruolo fondamentale l'incidenza delle esperienze lavorative precedenti. La vicinanza e il continuo contatto con attività imprenditoriali può portare il futuro imprenditore ad apprezzarne le caratteristiche e a considerare in maniera positiva le sfide e gli stimoli che un lavoro autonomo può offrire. Questo può consentire di conoscere meglio i benefici, non solo economici, legati a tale attività. La costante esposizione a modelli di riferimento imprenditoriali, può favorire un cambiamento dei valori personali, favorire la percezione di fattibilità come potenziale imprenditore, indurre ad avere maggiore fiducia nelle proprie capacità. In questo senso, le piccole imprese, così come le iniziative formative mirate sui temi della cultura imprenditoriale, costituiscono un importante stimolo per valorizzare il ruolo dell'imprenditore. Peraltro, le precedenti esperienze di lavoro rivestono una funzione fondamentale anche nella formazione delle conoscenze di settore dell'imprenditore e, in generale, nella predisposizione di un network che faciliti in futuro la realizzazione dell'idea imprenditoriale. Spesso i nuovi esercizi imprenditoriali vengono avviati nello stesso ramo di attività di imprese in cui sono state maturate precedenti esperienze. In sintesi, le precedenti esperienze di lavoro costituiscono una fonte di business idea e creano condizioni che ne facilitano la realizzazione: sensibilità, conoscenze e competenze gestionali maturate durante le precedenti esperienze lavorative possono essere utilizzate sia nella messa a punto del progetto, sia nella gestione della nuova impresa una volta che sia stata avviata. È opportuno sottolineare che, a differenza di quanto accade per le conoscenze di settore, le competenze gestionali sono trasferibili e utilizzabili anche al di fuori dei confini settoriali; parimenti, se non si posseggono tali competenze, si possono acquisire o attraverso la formazione specifica, o associando altre persone al progetto imprenditoriale, o assumendo personale in grado di apportarle. Non a caso, le nuove imprese di successo, sono solitamente caratterizzate dalla presenza di un imprenditore o di un gruppo di lavoro con un equilibrato insieme di competenze. COMPETENZE TECNICHE Qualunque possa essere lo stimolo grazie al quale si giunge alla creazione dell'impresa, il successo dell'idea imprenditoriale è rappresentato dalla presenza di fattori quali: competenze tecniche, capacità organizzative, gestione dei rapporti interpersonali, che solo la figura dell'imprenditore può essere in grado di offrire. Il primo passo da compiere è la razionalizzazione di queste caratteristiche, condotta attraverso il riconoscimento e la conseguente messa a fuoco in base alle tre dimensioni fondamentali che si trovano in ciascuno di noi: le competenze; le capacità; gli atteggiamenti.

4 In primo luogo vi è il mondo delle competenze, fatto soprattutto di informazioni: tecniche (come funziona un microchip?); gestionali (quali forme contrattuali possono essere offerte ai collaboratori?); commerciali (conviene uno spot per la pubblicità del prodotto x?). Di conseguenza, un buon imprenditore deve possedere: una solida formazione di base; sviluppare peculiari caratteristiche quali la capacità di conservare ed estendere buone relazioni sociali, (attraverso partecipazione, motivazione e massima considerazione di clienti e risorse umane); leadership; flessibilità operativa; capacità di integrazione; immaginazione e problem solving; orientamento al cambiamento; alla crescita e alla indipendenza; fiducia in sé; desiderio di responsabilità; capacità di valutazione nonché di assunzione del rischio. L'atteggiamento nei confronti del lavoro sarà, inoltre, caratterizzato da intraprendenza e spirito di iniziativa, creatività e sensibilità all'innovazione, autonomia e capacità di reazioni positive a eventi negativi. Si tratta, quindi, di un insieme di caratteristiche e di atteggiamenti personali alquanto complesso, che richiede capacità introspettiva e volontà di miglioramento. FONTI DI OPPORTUNITA' INNOVATIVE La posizione di leadership di un settore può essere conquistata grazie all'innovazione sulla quale un'impresa basa il suo successo; per quanto grande essa sia, prima o poi l'imitazione dei concorrenti, i cambiamenti nei gusti dei consumatori, e altro ancora, mineranno più o meno lentamente il vantaggio inizialmente acquisito. Tale vantaggio può quindi essere mantenuto grazie alla continua introduzione di innovazioni e cambiamenti più o meno marginali. Come è possibile essere sistematici nella propria capacità di individuare opportunità di innovazione? Un importante contributo può essere fatto monitorando in modo costante le possibili fonti di opportunità innovative: L'evoluzione scientifica e tecnologica; L'evoluzione demografica e sociale; L'evoluzione in atto nelle risorse naturali e ambientali; Gli "anelli mancanti". L evoluzione scientifica e tecnologica Di tutte le possibili fonti di opportunità innovative, questa è senza dubbio quella che può dare i maggiori frutti ma che, nel contempo, risulta la più imprevedibile e difficile da gestire. Le innovazioni basate su scoperte scientifiche sono, infatti, caratterizzate da lunghi tempi di introduzione e spesso coinvolgono tecnologie e tecniche anche molto differenti tra loro.

5 Un altro aspetto critico delle innovazioni basate sulla tecnologia è rappresentato dalla reale accettazione da parte del mercato. A differenza delle innovazioni che si ispirano a bisogni già espressi dal mercato, le innovazioni technology push conducono a prodotti che, pur essendo sofisticati dal punto di vista tecnologico, potrebbero anche non essere accettate dagli utilizzatori. Se a volte le innovazioni basate sulla tecnologia non incontrano le esigenze del mercato, altre volte le potenzialità di mercato superano anche le più ottimistiche previsioni. Contrariamente a quanto si pensa, la sottovalutazione delle potenzialità di mercato di un nuovo prodotto può essere, per l'innovatore, altrettanto pericolosa di una sopravalutazione, in quanto apre la strada a concorrenti che, invece, hanno capitola reale portata dell'innovazione. L'evoluzione demografica e sociale L'evoluzione qualitativa e quantitativa della popolazione costituisce una continua fonte di ispirazione per la messa a punto di innovazioni domand pull. Questo tipo di innovazioni, proprio perché ispirato a bisogni già espressi dal mercato, è considerevolmente meno rischioso rispetto alle innovazioni technology push già descritte. Con evoluzione demografica si intendono i cambiamenti che intervengono nella popolazione in termini di ampiezza delle diverse fasce di età, di livelli di reddito, di istruzione e di occupazione. I fenomeni demografici possono anche conoscere cambiamenti relativamente rapidi. Per quanto rapidi possano essere, tuttavia, i fenomeni demografici manifestano i loro effetti sulla domanda in periodi di tempo piuttosto lunghi, e implicano conseguenze di solito facilmente prevedibili. Il numero di nati in un determinato anno, ad esempio, determina il numero di bambini che ricorreranno all'istruzione elementare cinque anni dopo e il numero di adolescenti che vorranno comprare abbigliamento casual quindici anni dopo. L'analisi dell'evoluzione demografica costituisce quindi un'ottima fonte di ispirazione per l'imprenditore attento. L'evoluzione nelle risorse naturali e ambientali Negli ultimi anni i vincoli ambientali si sono fatti sentire in modo sempre più stringente sia nei paesi economicamente avanzati che in quelli meno sviluppati. I problemi nascono fondamentalmente da due fronti: da un lato dalle giustificate e crescenti preoccupazioni generate dal progressivo inquinamento dell'ambiente e dall'altro dall'andamento crescente, anche se alterno, dal costo delle materie prime e delle risorse energetiche. Sebbene possa sembrare difficile vedere nell'inquinamento e nella crisi energetica una fonte di opportunità, la presenza di vincoli nell'utilizzo delle risorse naturali apre la strada a tutta una serie di nuovi prodotti e servizi. Gli anelli mancanti Con "anelli mancanti" si intendono tutte le incongruenze, le discrepanze e gli inconvenienti che incontriamo nel lavoro, durante il tempo libero e nella vita di tutti i giorni.

6 Spesso "anelli mancanti" si manifestano in seguito all'affermazione di importanti innovazioni per le quali non sono ancora stati messi a punto tutti gli elementi necessari per un loro pieno sfruttamento. L'analisi dei bisogni e del comportamento di acquisto dei consumatori costituisce un'ulteriore opportunità per individuare altri anelli mancanti. VALUTARE GLI ATTEGGIAMENTI Qualunque possa essere lo stimolo grazie al quale si giunge alla creazione dell'impresa, il successo dell'idea imprenditoriale è rappresentato dalla presenza di fattori quali: competenze tecniche, capacità organizzative, gestione dei rapporti interpersonali, che solo la figura dell'imprenditore può essere in grado di offrire. Di conseguenza, un buon imprenditore deve possedere: una solida formazione di base; sviluppare peculiari caratteristiche quali la capacità di conservare ed estendere buone relazioni sociali, (attraverso partecipazione, motivazione e massima considerazione di clienti e risorse umane); leadership; flessibilità operativa; capacità di integrazione; immaginazione e problem solving; orientamento al cambiamento, alla crescita e alla indipendenza; fiducia in sé; desiderio di responsabilità; capacità di valutazione nonché di assunzione del rischio. L'atteggiamento nei confronti del lavoro sarà, inoltre, caratterizzato da: intraprendenza e spirito di iniziativa; creatività e sensibilità all'innovazione; autonomia e capacità di reazioni positive a eventi negativi. Si tratta, quindi, di un insieme di caratteristiche e di atteggiamenti personali alquanto complesso, che richiede capacità introspettiva e volontà di miglioramento. Il primo passo da compiere è la razionalizzazione di queste caratteristiche, condotta attraverso il riconoscimento e la conseguente messa a fuoco in base alle tre dimensioni fondamentali che si trovano in ciascuno di noi: le competenze; le capacità; gli atteggiamenti. In tale ottica, un ruolo particolarmente importante è rivestito dalla capacità di valutare gli atteggiamenti di fondo, come ad esempio: Come affrontiamo le difficoltà quotidiane (con larghezza di vedute e con obiettività o "con il paraocchi", cercando di mascherare gli ostacoli?); Come affrontiamo noi stessi (siamo più inclini a contare sulle nostre forze, o siamo in grado di delegare le responsabilità? Prediligiamo la responsabilità o la sicurezza?); Come prendiamo gli altri (tra potere e persuasione, partecipazione e autorità, espansività e riservatezza).

7 In proposito, è da sottolineare come sia necessario anche per l'imprenditore di "trasformarsi", per essere maggiormente in sintonia con il proprio business, per essere in grado di valutare obiettivamente i propri punti di forza e di debolezza. Poiché, se è vero che l'età statisticamente più favorevole per mettersi in proprio cada tra i 25 e i 40 anni, è altrettanto vero che l'aggiornamento coinvolge tutto lo specchio della propria vita lavorativa. L'IDEA IMPRENDITORIALE L'idea imprenditoriale nasce dall'incontro di due differenti componenti: una soggettiva, data dai desideri, aspirazioni, competenze e risorse della persona (o del gruppo di soci); l'altra oggettiva, che invece è determinata da un'opportunità presente nel mercato. Essa è il frutto dell'incontro tra domanda e offerta: domanda di prodotti/servizi presente come opportunità potenziale; offerta in quanto soluzione imprenditoriale proposta. È dalla corretta combinazione delle due componenti che può nascere una effettiva formula imprenditoriale o idea di business. Una sorta di scollamento tra i due aspetti dell'idea è un fenomeno molto frequente. La soluzione, come è intuibile, si può ritrovare in un'analisi di entrambi gli aspetti che porti ad una loro sintesi adeguata. Cercando di sintetizzare i momenti che portano alla nascita e sviluppo di un'idea imprenditoriale, è possibile identificare due distinte fasi: una prima detta della "scoperta"; una seconda, più metodica e paziente, detta di "validazione", che comporta un notevole lavoro di laboratorio, dove vengono effettuate una serie di verifiche "in vitro" prima dell'applicazione pratica. Il risultato finale del lavoro di stesura del business plan, è la formula imprenditoriale, che riassume in poche righe l'intero progetto. È il biglietto da visita con il quale presentarsi all'esterno; al pari di una vetrina, è in grado di raccontare l'essenziale di quello che è necessario sapere dell'offerta del negozio. LA SCELTA DELLA FORMA GIURIDICA Dopo aver definito l'idea imprenditoriale è necessario procedere alla definizione della forma giuridica sotto la quale dovrà essere svolta l'attività di impresa. Nella scelta occorre tener conto dei diversi gradi responsabilità e di onerosità che ciascuna forma implica. E' un momento da valutare con la massima attenzione. Bisogna fare uno sforzo mentale tenendo conto anche delle esigenze future e non solo attuali dell'idea imprenditoriale che stiamo per mettere in pratica. Siccome ogni forma giuridica ha un delimitato campo di azione è palese che sbagliare tale scelta significa limitare lo spazio d'azione anche per l'attività che andiamo ad espletare. Di seguito vengono presentate le forme giuridiche in generale divise in gruppi omogenei, dalla lettura generale delle varie caratteristiche potete farvi un'idea della forma giuridica più calzante per la vostra idea.

8 Un consiglio importante resta sempre quello che prima di prendere una decisione finale consigliatevi con un professionista del settore. Di seguito vengono presentate le forme giuridiche in dettaglio, divise in: Impresa individuale Fa a capo ad un solo titolare, l'imprenditore, che promuove l'attività e ne è l'unico responsabile. In questa forma il rischio di impresa si estende a tutto il patrimonio personale dell'imprenditore. Impresa famigliare E' la forma di impresa individuale gestita con parenti sino al terzo grado e/o affini fino al secondo grado. I famigliari non sono né soci, né dipendenti dell'imprenditore, ma "collaboratori", e hanno il diritto al mantenimento e alla partecipazione agli utili in rapporto al lavoro prestato (al titolare spetta almeno il 51% dell'utile). È l'imprenditore, con il suo patrimonio, che fa fronte alle obbligazioni verso i terzi. L'amministrazione ordinaria spetta al titolare, quella straordinaria al titolare insieme con i famigliari. Impresa coniugale Sotto l'aspetto giuridico è considerata come un'impresa individuale, mentre sotto l'aspetto fiscale può essere equiparata ad un'impresa collettiva. In linea di massima l'impresa individuale offre i seguenti vantaggi: grande flessibilità e rapidità di decisione; bassi costi e oneri amministrativi contabili. Di seguito vengono presentate le forme giuridiche in dettaglio, divise in: SOCIETÀ DI PERSONE Quando due o più persone si accordano per svolgere insieme un'attività economica allo scopo di dividerne gli utili, creano un'impresa collettiva;, cioè una società. Contrariamente a quanto succede per l'impresa individuale, la società consente di: condividere con altri il rischio e il peso delle scelte; acquisire capitali e lavoro necessari quando, all'inizio dell'attività, è difficile o rischioso reperirne in altro modo. Le società di persone non hanno personalità giuridica: non sono, dunque, dei soggetti giuridici pienamente distinti dalle persone dei soci, i quali hanno di norma, una responsabilità "illimitata e solidale" di fronte ad eventuali dissesti societari. La "ragione sociale" è lo strumento di individuazione delle società di persone ed è costituita dall'eventuale nome della società, dal nome di uno o più soci, dall'indicazione del rapporto sociale. Società semplice (s.s.) Sua caratteristica distintiva è che non può esercitare attività di impresa commerciale. Si costituisce con scrittura privata e non viene registrata in Tribunale. Viene usata per attività agricole, attività professionali in forma associata (è però vietato ai professionisti iscritti all'albo di esercitare utilizzando la forma di società commerciale) e per attività di gestione di patrimoni immobiliari. La disciplina delle società di persone stabilisce, salvo dichiarazioni diverse nel contratto, che il potere di amministrazione e il potere di rappresentanza

9 spettino a tutti i soci disgiuntamente (senza cioè bisogno dell'assenso degli altri soci). Società in nome collettivo (s.n.c.) Nozione e caratteristica fondamentale è che i soci rispondono solidalmente e illimitatamente per le obbligazioni della società. Può esercitare sia attività economiche non commerciali, sia attività di impresa commerciale. In essa è consigliabile che i soci siano competenti nell'attività economica scelta come oggetto sociale, e che vi sia confidenza e fiducia reciproca. Società in accomandita semplice (s.a.s.) I soci vengono distinti in accomandanti (responsabili limitatamente alla quota conferita e senza potere di amministratori) e accomandatari (responsabili illimitatamente e solidalmente, con potere di gestione e di rappresentanza). La società in accomandita semplice, a parte questa rilevante differenza riguardo i soci, è disciplinata in tutto come la s.n.c. SOCIETÀ DI CAPITALI Hanno personalità giuridica ed è quindi la società, non il singolo socio, ad essere titolare dei diritti e degli obblighi che nascono dallo svolgimento dell'attività d'impresa. In questo tipo di società, i beni conferiti, hanno maggiore importanza delle qualità personali dei soci. Inoltre, i creditori possono rivalersi esclusivamente sul patrimonio sociale e l'amministrazione può spettare anche ai soci. Lo strumento di identificazione di tali società è la "denominazione sociale", costituita dal nome della società e dall'indicazione del rapporto sociale. Società per azioni (s.p.a.) È una "persona giuridica" che esercita un'attività di impresa utilizzando il patrimonio conferito dai soci, rappresentato da azioni. Si costituisce per atto pubblico, al quale si accompagna uno statuto che regola il funzionamento degli organi sociali. Deve avere un capitale sociale minimo di 200 milioni di lire, che garantisce formalmente i debiti sociali. La s.p.a. è la tipologia di contratto sociale più adatti per la costituzione di grandi imprese, in quanto consente di reperire ingenti capitali. I settori più interessati sono generalmente: il credito; la finanza; la grande distribuzione commerciale, ecc. Società a responsabilità limitata (s.r.l.) È soggetta di massima alla stessa disciplina delle s.p.a., con la differenza che le quote sociali non sono rappresentate da azioni. Ha un capitale minimo di 20 milioni di lire. Come nelle s.p.a., anche nelle s.r.l. i soci non sono personalmente responsabili, e le quote sono, di solito, liberamente trasferibili. La s.r.l. è una tipologia di contratto sociale che copre le fasce di imprese con dimensioni medie, superiori alla s.n.c., ma inferiori alla s.p.a.: in essa l'elemento personale è abbastanza importante, ma al contempo si mantiene il vantaggio della responsabilità limitata al patrimonio sociale.

10 Società in accomandita per azioni (s.a.p.a.) Fonde le caratteristiche della s.a.s. (soci accomandatari amministratori e limitatamente responsabili degli obblighi sociali) e della s.p.a. (le quote sono rappresentate da azioni, la disciplina per il funzionamento è analoga a quella delle s.p.a.). SOCIETÀ COOPERATIVE Si caratterizzano per il fatto di perseguire uno scopo mutualistico, per questo si può definire come l'unione di persone che svolgono un'attività economica a favore dei soci stessi, per ottenere beni, servizi, o retribuzioni a condizioni più vantaggiose di quelle ottenibili sul mercato. Allo scopo mutualistico può aggiungersi, entro certi limiti, lo scopo di lucro, che deve però rimanere strettamente secondario. I soci devono essere almeno nove, e il capitale sociale può essere costituito da azioni o da quote. Le cooperative possono essere di vario tipo, a seconda dell'attività svolta. In proposito si suole distinguere tra: Cooperative di consumo (acquistano merci all'ingrosso per venderle ai soci a prezzi di favore); Cooperative di produzione e di lavoro (i lavoratori divengono imprenditori di sé stessi); Cooperative edilizie (provvedono alla costruzione o all'acquisto di immobili da affittare o vendere ai soci) Cooperative agricole (tra le più diffuse, operano sia nel campo della produzione, sia in quello della lavorazione e conservazione dei prodotti agricoli o d'allevamento); Cooperative di credito (concedono finanziamenti a condizioni di favore ai soci) Cooperative sociali (sono cooperative impegnate nella gestione di servizi rivolti alle persone socialmente svantaggiate); Cooperative culturali, turistiche e sportive (promuovono manifestazioni, corsi,; gestiscono strutture per il tempo libero). Cooperative a responsabilità illimitata Per le obbligazioni sociali risponde anzitutto la società con il suo patrimonio, e in via sussidiaria (in caso di fallimento) i soci con il patrimonio personale. Cooperativa a responsabilità limitata Responsabile dei debiti è solo la società. Entrambe sono dotate di personalità giuridica. Da sottolineare anche che, in particolare le cooperative sociali ed agricole, godono di agevolazioni fiscali. Dopo aver delineato le caratteristiche delle forme giuridiche, nelle tabelle che seguono vengono tratteggiate le procedure legali, fiscali e contabili per le società. Fonte:laconsulenza.it

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Impresa Individuale. Società semplice Ss

Impresa Individuale. Società semplice Ss Impresa Individuale Solo il titolare I principali adempimenti amministrativi, da eseguire certificata PEC (non obbligatoria per l impresa Sono contenuti e riguardano principalmente: e L attuale sistema

Dettagli

Forma giuridica dell impresa

Forma giuridica dell impresa Forma giuridica dell impresa Quando una impresa si costituisce deve affrontare il problema di quale forma giuridica scegliere: Impresa individuale Società di persone (S.s., S.n.c., S.a.s.) Società di capitali

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

La scelta della forma giuridica

La scelta della forma giuridica La scelta della forma giuridica Classe quarta A IGEA Prof. Luigi Trojano 1 Introduzione Quando si intraprende una attività aziendale, il primo passo da compiere è quello relativo alla scelta se avviare

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE 001 Nella società in nome collettivo per le obbligazioni sociali risponde: A solamente la società F B gli amministratori in modo limitato F C solidalmente ed illimitatamente

Dettagli

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LE TIPOLOGIE DI SOCIETA Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 IMPRESA E AZIENDA Impresa: attività economica professionalmente organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI PERSONE Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D4/sp Società di persone Una delle

Dettagli

LE FORME SOCIETARIE 1

LE FORME SOCIETARIE 1 LE FORME SOCIETARIE 1 DITTA INDIVIDUALE. LA DITTA INDIVIDUALE È UNA DELLE FORME PIÙ SEMPLICI PER AVVIARE UN'ATTIVITÀ IN PROPRIO. SI DISTINGUE DALLA LIBERA PROFESSIONE PERCHÉ L'OGGETTO DEL LAVORO NON DERIVA

Dettagli

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.)

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) LE FORME GIURIDICHE Per Forma giuridica si intende la tipologia giuridica del soggetto cui farà capo l attività e le norme ad essa conseguenti. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) Il Codice

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it COME FARE PER.. ITER BUROCRATICO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it . SCEGLIERE LA FORMA GIURIDICA DELL IMPRESA GUIDA PRATICA Una delle prime scelte che deve

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende Percorso A ndimento 2 Un it à di re p p A Le imprese e le loro caratteristiche L azienda L azienda è un sistema aperto e finalizzato: sistema, perché composto da vari elementi posti in relazione tra loro;

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto.

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto. BUSINESS PLAN Un business plan o (piano di business, o progetto d'impresa) è una rappresentazione degli obiettivi e del modello di business di un'attività d'impresa. Viene utilizzato sia per la pianificazione

Dettagli

Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ

Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ Guida pratica alla gestione dell impresa e delle società IMPRESA E SOCIETÀ DEFINIZIONE DI IMPRENDITORE E imprenditore chi esercita professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

COSTITUZIONE DI UNA NUOVA AZIENDA. Cap. II-6

COSTITUZIONE DI UNA NUOVA AZIENDA. Cap. II-6 International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 COSTITUZIONE DI UNA NUOVA AZIENDA Cap. II-6 Comitato Assise Italo Francesi Vademecum Giovani in cerca della 1 Occupazione Premessa L'economia

Dettagli

QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CBN - Elementi di diritto commerciale - Nazionale

QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CBN - Elementi di diritto commerciale - Nazionale QUESITI - Programma comune (merci e viaggiatori) Serie CBN - Elementi di diritto commerciale - Nazionale CBN001 La SNC (società in nome collettivo), come oggetto sociale A non può assumere lo scopo consortile

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA DITTA INDIVIDUALE IMPRESA FAMIGLIARE

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA DITTA INDIVIDUALE IMPRESA FAMIGLIARE SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA DITTA INDIVIDUALE IMPRESA FAMIGLIARE Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D/i Impresa individuale

Dettagli

Scegliere. la forma giuridica

Scegliere. la forma giuridica Scegliere la forma giuridica 1 La scelta della forma giuridica è molto importante per chi vuole avviare un attività in proprio: una veste giuridica sbagliata può pregiudicare il successo dell iniziativa.

Dettagli

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento.

Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. Location Service. Informazioni giuridiche sull insediamento. 2 Diritto di costituzione. La BLS fornisce alle imprese nazionali ed estere informazioni sulla costituzione di nuove imprese, filiali o succursali.

Dettagli

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato LA SOCIETA DI PERSONE A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato 1 Le società di persone possono essere di tre tipologie: Società semplice (s.s.) Società in nome

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' DI CAPITALI Società di capitali Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D4/sc Una

Dettagli

----------Risposte----------

----------Risposte---------- ----------Risposte---------- 1. (a) 2. (b) 3. (a) 4. (d) 5. (c) 6. (d) 7. (c) 8. (F) 9. (V) 10. (F) 11. (V) 12. (V) 13. (V) 14. (F) 15. (V) 16. (F) 17. (F) 18. (F) 19. (F) 20. (F) 1 COMPLETAMENTO Completare

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame

Soluzioni per il fac-simile di prova d esame Soluzioni per il fac-simile di prova d esame È da notare che le soluzioni proposte nel presente fac-simile rappresentano solo un esempio di quelle possibili. L obiettivo della presente proposta di soluzioni

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

L impresa Cooperativa. primo contatto

L impresa Cooperativa. primo contatto L impresa Cooperativa primo contatto CHE COS'E' UNA COOPERATIVA? La Cooperativa è una società costituita tra persone fisiche e/o giuridiche che condividono un obiettivo comune e che uniscono le loro forze.

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo CORSO ABC DEL BUSINESS PLAN - VENEZIA La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo a cura di Stefano Micelli Aprile 2005 Business Plan Che cos è il BP? Il BP può

Dettagli

ORIENTAMENTO ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

ORIENTAMENTO ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ ORIENTAMENTO ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ 1 LA DEMOGRAFIA IMPRENDITORIALE 2 LA DEMOGRAFIA IMPRENDITORIALE IN UN PERIODO DI CRISI (AGGIORNARE CON DATI UFFICIO STUDI) Le nuove imprese sono caratterizzate da

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale

Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale Capitolo 1 L azienda Sommario 1. Il sistema aziendale. - 2. L equilibrio d azienda e i fattori aziendali. - 3. L equilibrio nel breve e

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Genova, 13 Gennaio 2015 Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile 1 Quali

Dettagli

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 133 07.05.2013 Finanziamento e società in perdita Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nelle società di piccole dimensioni

Dettagli

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' COOPERATIVE

SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' COOPERATIVE SERVIZIO DI PROMOZIONE E SVILUPPO DELL AUTOIMRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE GUIDA ALLA FORMA GIURIDICA SOCIETA' COOPERATIVE Guida alla scelta della forma giuridica Mod. D4/coop Società cooperative Una

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

NATOURISM CAMPUS LABORATORIO DI IDEE PER L IMPRESA E IL TURISMO

NATOURISM CAMPUS LABORATORIO DI IDEE PER L IMPRESA E IL TURISMO NATOURISM CAMPUS LABORATORIO DI IDEE PER L IMPRESA E IL TURISMO TRENTO 2015/2016 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Natourism, incubatore di imprese del turismo e ambiente nato in provincia di Trento nell ambito

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci:

Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci: Nelle pagine che seguono vengono presentate le Definizioni che verranno inserite nella sezione Strumenti per le seguenti voci: Franchising Impresa coniugale Impresa familiare Impresa individuale Lavoro

Dettagli

Come preparare un business plan - Prima parte L'idea

Come preparare un business plan - Prima parte L'idea Come preparare un business plan - Prima parte L'idea Potrai costruire il tuo personale business plan cominciando a descrivere in dettaglio la tua idea imprenditoriale, per poi proseguire con l analisi

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il prossimo 30 Ottobre 2014 come

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

PROFILO DI ORIENTAMENTO GIOVANNI BASTIANELLI

PROFILO DI ORIENTAMENTO GIOVANNI BASTIANELLI PROFILO DI ORIENTAMENTO DI GIOVANNI BASTIANELLI LUISS: capacità cognitive AREA CAPACITA COGNITIVE - Problem Solving 4- Creatività - Pensiero analitico 2- Pragmatismo/ Concretezza Durante tutto il corso

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

In linea generale, l impresa collettiva è quella

In linea generale, l impresa collettiva è quella UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE -Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA COLLETTIVA E SCOPI ASSOCIATIVI In linea generale, l impresa collettiva è quella - esercitata in comune da più soggetti; - nella titolarità

Dettagli

Imprenditoria giovanile

Imprenditoria giovanile Imprenditoria giovanile Descrizione dell'agevolazione La legge 95/95 per l imprenditoria giovanile prevede finanziamenti per i giovani ragazzi che hanno un idea imprenditoriale, ma non hanno potuto attuarla

Dettagli

Corso di ECONOMIA AZIENDALE

Corso di ECONOMIA AZIENDALE Corso di ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2010-2011 Prof.Armando Urbano Università degli Studi di Bari Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea: Assistente Sanitario L economia Aziendale È la disciplina

Dettagli

MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA

MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA 00154 - Roma MODELLO 510/2013 VARIAZIONE DI COMPOSIZIONE DI SOCIETÀ DI AGENZIA O RAPPRESENTANZA ART 3, COMMA 3 E ART 4, COMMA 3 DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI DELLA FONDAZIONE ENASARCO Via

Dettagli

TRA OPPORTUNITA E NECESSITA METTERSI IN PROPRIO

TRA OPPORTUNITA E NECESSITA METTERSI IN PROPRIO TRA OPPORTUNITA E NECESSITA Il posto di lavoro: un obiettivo sempre più difficile da raggiungere sia per chi esce dal mondo degli studi sia per chi esce dalle porte girevoli delle aziende. Sia per i giovani,

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Database delle Prove scritte parte Teoria 1. La definizione di azienda, formulata da Giannessi, è complessa in termini dinamico- strutturali in quanto risponde

Dettagli

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO!

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! La Cooperativa Sociale Centro Progetti educativi, in un ottica di Responsabilità Sociale d Impresa, promuove il proprio progetto intitolato Affari

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Elementi fondamentali di diritto d impresa

Elementi fondamentali di diritto d impresa Elementi fondamentali di diritto d impresa La nozione giuridica di imprenditore. Il nostro ordinamento legislativo non definisce espressamente il concetto di impresa, mentre specifica che cosa si intende

Dettagli

Lavoro, Impresa e Forma giuridica delle imprese

Lavoro, Impresa e Forma giuridica delle imprese Lavoro, Impresa e Forma giuridica delle imprese I diversi individui ed enti impegnati nelle diverse attività economiche rivestono i seguenti differenti ruoli: Lavoratori o dipendenti o autonomi imprenditori

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia:

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia: ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GOVERNANCE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DI PARMA E DEGLI ENTI AZIENDE ED ISTITUZIONI (DELIB. G.C. 355/38 2013) Con lettera del 6 Giugno 2013 prot. 96974/2013

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO 1 Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO O A S I 2005 2 SESSIONI DEL QUESTIONARIO 1. Il processo di analisi 2. Informazioni sull'impresa ID 3.

Dettagli

Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. La Sua Assicurazione svizzera. 1/7 Helvetia PV-Prospetto

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 2009-1-FR1-LEO05-07303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo Progetto Formativo: Business Plan 2 1 2 3 Definizione di Business Plan

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA 1. Differente tassazione tra aziende individuali e aziende familiari Rispetto alla tassazione delle imprese individuali, le imprese familiari

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

La nostra politica del personale

La nostra politica del personale La nostra politica del personale Editore: Federazione delle Cooperative Migros Fotografie: Cat Tuong Nguyen Realizzazione grafica: Esther Hostettler Stampa: Appenzeller Druckerei, Herisau Le persone che

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Un progetto socialmente responsabile in collaborazione tra Assolombarda Coni Lombardia Fondazione Sodalitas Impresa & Sport è un progetto che nasce da

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA 1 IL CONTRATTO DI RETE NORMATIVA E PRASSI Articolo 3, commi 4-ter e 4-quater D.L. 10 febbraio 2009 n. 5 (convertito

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

UFFICIO NUOVE IMPRESE E MERCATO DEL LAVORO. Le forme giuridiche

UFFICIO NUOVE IMPRESE E MERCATO DEL LAVORO. Le forme giuridiche UFFICIO NUOVE IMPRESE E MERCATO DEL LAVORO Le forme giuridiche Ufficio Nuove Imprese e Mercato del Lavoro Camera di Commercio di Ancona - Piazza XXIV Maggio, 1-60124 Ancona tel. 071 5898291/218 - fax 071

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli