Area di rischio/opportunità. negat iva. negat iva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area di rischio/opportunità. negat iva. negat iva"

Transcript

1 Sommario Prima di iniziare l'attività Le esperienze personali Competenze tecniche Fonti di opportunità innovative Valutare gli atteggiamenti L'idea imprenditoriale La scelta della forma giuridica PRIMA DI INIZIARE L ATTIVITÀ La maggior parte di coloro che desiderano mettersi in proprio si preoccupano dei rischi collegati all'intrapresa di un'attività indipendente. I rischi sono sempre più difficili da superare quando costituiscono delle incognite rispetto al caso in cui si sia chiaramente identificato di che cosa si tratti. La tabella che segue ha la funzione di valutare con facilità i vantaggi e i rischi cui si va incontro intraprendendo una propria attività. In essa vengono suggerite quattro categorie di rischi: finanziario; di carriera; familiare; personale. Area di rischio/opportunità Finanziario Carriera Familiare Personale Eventualità Positiva negat iva Positi va negat iva Positi va negati va Positi va negati va 1. Influenza 2. Avvenimenti probabili 3. Lati positivi o no Conseguenze Minacce Opportunità In tal modo è possibile identificare delle opportunità considerevoli: 1. Influenza Che cosa potrebbe succedere, quale conseguenza della vostra nuova iniziativa imprenditoriale? In tabella si possono elencare tali fatti e la probabilità che accadano (bassa, media, alta); 2. Avvenimenti probabili Che conseguenze potrebbero prevenire da un eventuale successo della vostra attività? Avrebbero un peso modesto o sarebbero consistenti in senso positivo o negativo?

2 3. Conseguenze Quali sono i lati positivi (o negativi) rispetto alle conseguenze? Evidentemente se i lati positivi sono modesti rispetto a influenze modeste, si dovrà riflettere sull'opportunità di intraprendere l'iniziativa. Nell'individuare le principali minacce ed opportunità può essere utile considerare quanto segue: Rischi ed opportunità finanziari Considerate i costi probabili del progetto e le conseguenze che esso avrà sui vostri guadagni, nel breve termine. Quale saranno i riflessi delle garanzie che sareste chiamati a prestare ai finanziatori? Quali conseguenze potrebbero avere delle vendite maggiori o minori? Quale potrebbe essere l'effetto dell'unicità del vostro prodotto o della sua mancanza di caratteristiche esclusive? Qual è l'effetto di mercato maggiore/minore, sia nazionale, sia verso l'estero? Che conseguenze potranno esserci a livello pensionistico? Quali vantaggi - o svantaggi - fiscali potreste ottenere? Nell'individuare le principali minacce ed opportunità può essere utile considerare quanto segue: Rischi ed opportunità di carriera Se l'esperienza non dovesse dare i risultati sperati, sareste in grado di riprendere il vostro posto come dipendente? Il vostro lavoro vi soddisfa, e perché? Se lo cambiaste ne avreste dei vantaggi o degli svantaggi (ad esempio, le vostre capacità risulterebbero meglio vendibili)? Rischi/opportunità familiari In che termini il progetto influirà sulla vostra famiglia? Dovrete traslocare? L'impegno in tempo vi creerà dei problemi? Offrirà a voi e al vostro coniuge l'opportunità di lavorare insieme? Quali sarebbero le conseguenze di un risultato negativo? Nell'individuare le principali minacce ed opportunità può essere utile considerare quanto segue: Rischi - opportunità personali La prospettiva di lavorare in proprio è qualcosa che vi stimola? Siete in grado di immaginarvi come fare fronte alle esigenze del successo? Sapete resistere al pensiero di un possibile fallimento? Con questo tipo di analisi sarà possibile avere un quadro molto più preciso dei campi potenzialmente validi per la futura attività. Si possono così prendere in considerazione i "rischi" e cercare di immaginare quali interventi sono adottabili per ridurli ad un livello accettabile; allo stesso modo si possono affrontare le "opportunità" per individuare le iniziative da attuare per aumentare le probabilità che si verifichino.

3 LE ESPERIENZE PERSONALI Nella scelta dell'individuo di intraprendere la carriera di imprenditore, riveste un ruolo fondamentale l'incidenza delle esperienze lavorative precedenti. La vicinanza e il continuo contatto con attività imprenditoriali può portare il futuro imprenditore ad apprezzarne le caratteristiche e a considerare in maniera positiva le sfide e gli stimoli che un lavoro autonomo può offrire. Questo può consentire di conoscere meglio i benefici, non solo economici, legati a tale attività. La costante esposizione a modelli di riferimento imprenditoriali, può favorire un cambiamento dei valori personali, favorire la percezione di fattibilità come potenziale imprenditore, indurre ad avere maggiore fiducia nelle proprie capacità. In questo senso, le piccole imprese, così come le iniziative formative mirate sui temi della cultura imprenditoriale, costituiscono un importante stimolo per valorizzare il ruolo dell'imprenditore. Peraltro, le precedenti esperienze di lavoro rivestono una funzione fondamentale anche nella formazione delle conoscenze di settore dell'imprenditore e, in generale, nella predisposizione di un network che faciliti in futuro la realizzazione dell'idea imprenditoriale. Spesso i nuovi esercizi imprenditoriali vengono avviati nello stesso ramo di attività di imprese in cui sono state maturate precedenti esperienze. In sintesi, le precedenti esperienze di lavoro costituiscono una fonte di business idea e creano condizioni che ne facilitano la realizzazione: sensibilità, conoscenze e competenze gestionali maturate durante le precedenti esperienze lavorative possono essere utilizzate sia nella messa a punto del progetto, sia nella gestione della nuova impresa una volta che sia stata avviata. È opportuno sottolineare che, a differenza di quanto accade per le conoscenze di settore, le competenze gestionali sono trasferibili e utilizzabili anche al di fuori dei confini settoriali; parimenti, se non si posseggono tali competenze, si possono acquisire o attraverso la formazione specifica, o associando altre persone al progetto imprenditoriale, o assumendo personale in grado di apportarle. Non a caso, le nuove imprese di successo, sono solitamente caratterizzate dalla presenza di un imprenditore o di un gruppo di lavoro con un equilibrato insieme di competenze. COMPETENZE TECNICHE Qualunque possa essere lo stimolo grazie al quale si giunge alla creazione dell'impresa, il successo dell'idea imprenditoriale è rappresentato dalla presenza di fattori quali: competenze tecniche, capacità organizzative, gestione dei rapporti interpersonali, che solo la figura dell'imprenditore può essere in grado di offrire. Il primo passo da compiere è la razionalizzazione di queste caratteristiche, condotta attraverso il riconoscimento e la conseguente messa a fuoco in base alle tre dimensioni fondamentali che si trovano in ciascuno di noi: le competenze; le capacità; gli atteggiamenti.

4 In primo luogo vi è il mondo delle competenze, fatto soprattutto di informazioni: tecniche (come funziona un microchip?); gestionali (quali forme contrattuali possono essere offerte ai collaboratori?); commerciali (conviene uno spot per la pubblicità del prodotto x?). Di conseguenza, un buon imprenditore deve possedere: una solida formazione di base; sviluppare peculiari caratteristiche quali la capacità di conservare ed estendere buone relazioni sociali, (attraverso partecipazione, motivazione e massima considerazione di clienti e risorse umane); leadership; flessibilità operativa; capacità di integrazione; immaginazione e problem solving; orientamento al cambiamento; alla crescita e alla indipendenza; fiducia in sé; desiderio di responsabilità; capacità di valutazione nonché di assunzione del rischio. L'atteggiamento nei confronti del lavoro sarà, inoltre, caratterizzato da intraprendenza e spirito di iniziativa, creatività e sensibilità all'innovazione, autonomia e capacità di reazioni positive a eventi negativi. Si tratta, quindi, di un insieme di caratteristiche e di atteggiamenti personali alquanto complesso, che richiede capacità introspettiva e volontà di miglioramento. FONTI DI OPPORTUNITA' INNOVATIVE La posizione di leadership di un settore può essere conquistata grazie all'innovazione sulla quale un'impresa basa il suo successo; per quanto grande essa sia, prima o poi l'imitazione dei concorrenti, i cambiamenti nei gusti dei consumatori, e altro ancora, mineranno più o meno lentamente il vantaggio inizialmente acquisito. Tale vantaggio può quindi essere mantenuto grazie alla continua introduzione di innovazioni e cambiamenti più o meno marginali. Come è possibile essere sistematici nella propria capacità di individuare opportunità di innovazione? Un importante contributo può essere fatto monitorando in modo costante le possibili fonti di opportunità innovative: L'evoluzione scientifica e tecnologica; L'evoluzione demografica e sociale; L'evoluzione in atto nelle risorse naturali e ambientali; Gli "anelli mancanti". L evoluzione scientifica e tecnologica Di tutte le possibili fonti di opportunità innovative, questa è senza dubbio quella che può dare i maggiori frutti ma che, nel contempo, risulta la più imprevedibile e difficile da gestire. Le innovazioni basate su scoperte scientifiche sono, infatti, caratterizzate da lunghi tempi di introduzione e spesso coinvolgono tecnologie e tecniche anche molto differenti tra loro.

5 Un altro aspetto critico delle innovazioni basate sulla tecnologia è rappresentato dalla reale accettazione da parte del mercato. A differenza delle innovazioni che si ispirano a bisogni già espressi dal mercato, le innovazioni technology push conducono a prodotti che, pur essendo sofisticati dal punto di vista tecnologico, potrebbero anche non essere accettate dagli utilizzatori. Se a volte le innovazioni basate sulla tecnologia non incontrano le esigenze del mercato, altre volte le potenzialità di mercato superano anche le più ottimistiche previsioni. Contrariamente a quanto si pensa, la sottovalutazione delle potenzialità di mercato di un nuovo prodotto può essere, per l'innovatore, altrettanto pericolosa di una sopravalutazione, in quanto apre la strada a concorrenti che, invece, hanno capitola reale portata dell'innovazione. L'evoluzione demografica e sociale L'evoluzione qualitativa e quantitativa della popolazione costituisce una continua fonte di ispirazione per la messa a punto di innovazioni domand pull. Questo tipo di innovazioni, proprio perché ispirato a bisogni già espressi dal mercato, è considerevolmente meno rischioso rispetto alle innovazioni technology push già descritte. Con evoluzione demografica si intendono i cambiamenti che intervengono nella popolazione in termini di ampiezza delle diverse fasce di età, di livelli di reddito, di istruzione e di occupazione. I fenomeni demografici possono anche conoscere cambiamenti relativamente rapidi. Per quanto rapidi possano essere, tuttavia, i fenomeni demografici manifestano i loro effetti sulla domanda in periodi di tempo piuttosto lunghi, e implicano conseguenze di solito facilmente prevedibili. Il numero di nati in un determinato anno, ad esempio, determina il numero di bambini che ricorreranno all'istruzione elementare cinque anni dopo e il numero di adolescenti che vorranno comprare abbigliamento casual quindici anni dopo. L'analisi dell'evoluzione demografica costituisce quindi un'ottima fonte di ispirazione per l'imprenditore attento. L'evoluzione nelle risorse naturali e ambientali Negli ultimi anni i vincoli ambientali si sono fatti sentire in modo sempre più stringente sia nei paesi economicamente avanzati che in quelli meno sviluppati. I problemi nascono fondamentalmente da due fronti: da un lato dalle giustificate e crescenti preoccupazioni generate dal progressivo inquinamento dell'ambiente e dall'altro dall'andamento crescente, anche se alterno, dal costo delle materie prime e delle risorse energetiche. Sebbene possa sembrare difficile vedere nell'inquinamento e nella crisi energetica una fonte di opportunità, la presenza di vincoli nell'utilizzo delle risorse naturali apre la strada a tutta una serie di nuovi prodotti e servizi. Gli anelli mancanti Con "anelli mancanti" si intendono tutte le incongruenze, le discrepanze e gli inconvenienti che incontriamo nel lavoro, durante il tempo libero e nella vita di tutti i giorni.

6 Spesso "anelli mancanti" si manifestano in seguito all'affermazione di importanti innovazioni per le quali non sono ancora stati messi a punto tutti gli elementi necessari per un loro pieno sfruttamento. L'analisi dei bisogni e del comportamento di acquisto dei consumatori costituisce un'ulteriore opportunità per individuare altri anelli mancanti. VALUTARE GLI ATTEGGIAMENTI Qualunque possa essere lo stimolo grazie al quale si giunge alla creazione dell'impresa, il successo dell'idea imprenditoriale è rappresentato dalla presenza di fattori quali: competenze tecniche, capacità organizzative, gestione dei rapporti interpersonali, che solo la figura dell'imprenditore può essere in grado di offrire. Di conseguenza, un buon imprenditore deve possedere: una solida formazione di base; sviluppare peculiari caratteristiche quali la capacità di conservare ed estendere buone relazioni sociali, (attraverso partecipazione, motivazione e massima considerazione di clienti e risorse umane); leadership; flessibilità operativa; capacità di integrazione; immaginazione e problem solving; orientamento al cambiamento, alla crescita e alla indipendenza; fiducia in sé; desiderio di responsabilità; capacità di valutazione nonché di assunzione del rischio. L'atteggiamento nei confronti del lavoro sarà, inoltre, caratterizzato da: intraprendenza e spirito di iniziativa; creatività e sensibilità all'innovazione; autonomia e capacità di reazioni positive a eventi negativi. Si tratta, quindi, di un insieme di caratteristiche e di atteggiamenti personali alquanto complesso, che richiede capacità introspettiva e volontà di miglioramento. Il primo passo da compiere è la razionalizzazione di queste caratteristiche, condotta attraverso il riconoscimento e la conseguente messa a fuoco in base alle tre dimensioni fondamentali che si trovano in ciascuno di noi: le competenze; le capacità; gli atteggiamenti. In tale ottica, un ruolo particolarmente importante è rivestito dalla capacità di valutare gli atteggiamenti di fondo, come ad esempio: Come affrontiamo le difficoltà quotidiane (con larghezza di vedute e con obiettività o "con il paraocchi", cercando di mascherare gli ostacoli?); Come affrontiamo noi stessi (siamo più inclini a contare sulle nostre forze, o siamo in grado di delegare le responsabilità? Prediligiamo la responsabilità o la sicurezza?); Come prendiamo gli altri (tra potere e persuasione, partecipazione e autorità, espansività e riservatezza).

7 In proposito, è da sottolineare come sia necessario anche per l'imprenditore di "trasformarsi", per essere maggiormente in sintonia con il proprio business, per essere in grado di valutare obiettivamente i propri punti di forza e di debolezza. Poiché, se è vero che l'età statisticamente più favorevole per mettersi in proprio cada tra i 25 e i 40 anni, è altrettanto vero che l'aggiornamento coinvolge tutto lo specchio della propria vita lavorativa. L'IDEA IMPRENDITORIALE L'idea imprenditoriale nasce dall'incontro di due differenti componenti: una soggettiva, data dai desideri, aspirazioni, competenze e risorse della persona (o del gruppo di soci); l'altra oggettiva, che invece è determinata da un'opportunità presente nel mercato. Essa è il frutto dell'incontro tra domanda e offerta: domanda di prodotti/servizi presente come opportunità potenziale; offerta in quanto soluzione imprenditoriale proposta. È dalla corretta combinazione delle due componenti che può nascere una effettiva formula imprenditoriale o idea di business. Una sorta di scollamento tra i due aspetti dell'idea è un fenomeno molto frequente. La soluzione, come è intuibile, si può ritrovare in un'analisi di entrambi gli aspetti che porti ad una loro sintesi adeguata. Cercando di sintetizzare i momenti che portano alla nascita e sviluppo di un'idea imprenditoriale, è possibile identificare due distinte fasi: una prima detta della "scoperta"; una seconda, più metodica e paziente, detta di "validazione", che comporta un notevole lavoro di laboratorio, dove vengono effettuate una serie di verifiche "in vitro" prima dell'applicazione pratica. Il risultato finale del lavoro di stesura del business plan, è la formula imprenditoriale, che riassume in poche righe l'intero progetto. È il biglietto da visita con il quale presentarsi all'esterno; al pari di una vetrina, è in grado di raccontare l'essenziale di quello che è necessario sapere dell'offerta del negozio. LA SCELTA DELLA FORMA GIURIDICA Dopo aver definito l'idea imprenditoriale è necessario procedere alla definizione della forma giuridica sotto la quale dovrà essere svolta l'attività di impresa. Nella scelta occorre tener conto dei diversi gradi responsabilità e di onerosità che ciascuna forma implica. E' un momento da valutare con la massima attenzione. Bisogna fare uno sforzo mentale tenendo conto anche delle esigenze future e non solo attuali dell'idea imprenditoriale che stiamo per mettere in pratica. Siccome ogni forma giuridica ha un delimitato campo di azione è palese che sbagliare tale scelta significa limitare lo spazio d'azione anche per l'attività che andiamo ad espletare. Di seguito vengono presentate le forme giuridiche in generale divise in gruppi omogenei, dalla lettura generale delle varie caratteristiche potete farvi un'idea della forma giuridica più calzante per la vostra idea.

8 Un consiglio importante resta sempre quello che prima di prendere una decisione finale consigliatevi con un professionista del settore. Di seguito vengono presentate le forme giuridiche in dettaglio, divise in: Impresa individuale Fa a capo ad un solo titolare, l'imprenditore, che promuove l'attività e ne è l'unico responsabile. In questa forma il rischio di impresa si estende a tutto il patrimonio personale dell'imprenditore. Impresa famigliare E' la forma di impresa individuale gestita con parenti sino al terzo grado e/o affini fino al secondo grado. I famigliari non sono né soci, né dipendenti dell'imprenditore, ma "collaboratori", e hanno il diritto al mantenimento e alla partecipazione agli utili in rapporto al lavoro prestato (al titolare spetta almeno il 51% dell'utile). È l'imprenditore, con il suo patrimonio, che fa fronte alle obbligazioni verso i terzi. L'amministrazione ordinaria spetta al titolare, quella straordinaria al titolare insieme con i famigliari. Impresa coniugale Sotto l'aspetto giuridico è considerata come un'impresa individuale, mentre sotto l'aspetto fiscale può essere equiparata ad un'impresa collettiva. In linea di massima l'impresa individuale offre i seguenti vantaggi: grande flessibilità e rapidità di decisione; bassi costi e oneri amministrativi contabili. Di seguito vengono presentate le forme giuridiche in dettaglio, divise in: SOCIETÀ DI PERSONE Quando due o più persone si accordano per svolgere insieme un'attività economica allo scopo di dividerne gli utili, creano un'impresa collettiva;, cioè una società. Contrariamente a quanto succede per l'impresa individuale, la società consente di: condividere con altri il rischio e il peso delle scelte; acquisire capitali e lavoro necessari quando, all'inizio dell'attività, è difficile o rischioso reperirne in altro modo. Le società di persone non hanno personalità giuridica: non sono, dunque, dei soggetti giuridici pienamente distinti dalle persone dei soci, i quali hanno di norma, una responsabilità "illimitata e solidale" di fronte ad eventuali dissesti societari. La "ragione sociale" è lo strumento di individuazione delle società di persone ed è costituita dall'eventuale nome della società, dal nome di uno o più soci, dall'indicazione del rapporto sociale. Società semplice (s.s.) Sua caratteristica distintiva è che non può esercitare attività di impresa commerciale. Si costituisce con scrittura privata e non viene registrata in Tribunale. Viene usata per attività agricole, attività professionali in forma associata (è però vietato ai professionisti iscritti all'albo di esercitare utilizzando la forma di società commerciale) e per attività di gestione di patrimoni immobiliari. La disciplina delle società di persone stabilisce, salvo dichiarazioni diverse nel contratto, che il potere di amministrazione e il potere di rappresentanza

9 spettino a tutti i soci disgiuntamente (senza cioè bisogno dell'assenso degli altri soci). Società in nome collettivo (s.n.c.) Nozione e caratteristica fondamentale è che i soci rispondono solidalmente e illimitatamente per le obbligazioni della società. Può esercitare sia attività economiche non commerciali, sia attività di impresa commerciale. In essa è consigliabile che i soci siano competenti nell'attività economica scelta come oggetto sociale, e che vi sia confidenza e fiducia reciproca. Società in accomandita semplice (s.a.s.) I soci vengono distinti in accomandanti (responsabili limitatamente alla quota conferita e senza potere di amministratori) e accomandatari (responsabili illimitatamente e solidalmente, con potere di gestione e di rappresentanza). La società in accomandita semplice, a parte questa rilevante differenza riguardo i soci, è disciplinata in tutto come la s.n.c. SOCIETÀ DI CAPITALI Hanno personalità giuridica ed è quindi la società, non il singolo socio, ad essere titolare dei diritti e degli obblighi che nascono dallo svolgimento dell'attività d'impresa. In questo tipo di società, i beni conferiti, hanno maggiore importanza delle qualità personali dei soci. Inoltre, i creditori possono rivalersi esclusivamente sul patrimonio sociale e l'amministrazione può spettare anche ai soci. Lo strumento di identificazione di tali società è la "denominazione sociale", costituita dal nome della società e dall'indicazione del rapporto sociale. Società per azioni (s.p.a.) È una "persona giuridica" che esercita un'attività di impresa utilizzando il patrimonio conferito dai soci, rappresentato da azioni. Si costituisce per atto pubblico, al quale si accompagna uno statuto che regola il funzionamento degli organi sociali. Deve avere un capitale sociale minimo di 200 milioni di lire, che garantisce formalmente i debiti sociali. La s.p.a. è la tipologia di contratto sociale più adatti per la costituzione di grandi imprese, in quanto consente di reperire ingenti capitali. I settori più interessati sono generalmente: il credito; la finanza; la grande distribuzione commerciale, ecc. Società a responsabilità limitata (s.r.l.) È soggetta di massima alla stessa disciplina delle s.p.a., con la differenza che le quote sociali non sono rappresentate da azioni. Ha un capitale minimo di 20 milioni di lire. Come nelle s.p.a., anche nelle s.r.l. i soci non sono personalmente responsabili, e le quote sono, di solito, liberamente trasferibili. La s.r.l. è una tipologia di contratto sociale che copre le fasce di imprese con dimensioni medie, superiori alla s.n.c., ma inferiori alla s.p.a.: in essa l'elemento personale è abbastanza importante, ma al contempo si mantiene il vantaggio della responsabilità limitata al patrimonio sociale.

10 Società in accomandita per azioni (s.a.p.a.) Fonde le caratteristiche della s.a.s. (soci accomandatari amministratori e limitatamente responsabili degli obblighi sociali) e della s.p.a. (le quote sono rappresentate da azioni, la disciplina per il funzionamento è analoga a quella delle s.p.a.). SOCIETÀ COOPERATIVE Si caratterizzano per il fatto di perseguire uno scopo mutualistico, per questo si può definire come l'unione di persone che svolgono un'attività economica a favore dei soci stessi, per ottenere beni, servizi, o retribuzioni a condizioni più vantaggiose di quelle ottenibili sul mercato. Allo scopo mutualistico può aggiungersi, entro certi limiti, lo scopo di lucro, che deve però rimanere strettamente secondario. I soci devono essere almeno nove, e il capitale sociale può essere costituito da azioni o da quote. Le cooperative possono essere di vario tipo, a seconda dell'attività svolta. In proposito si suole distinguere tra: Cooperative di consumo (acquistano merci all'ingrosso per venderle ai soci a prezzi di favore); Cooperative di produzione e di lavoro (i lavoratori divengono imprenditori di sé stessi); Cooperative edilizie (provvedono alla costruzione o all'acquisto di immobili da affittare o vendere ai soci) Cooperative agricole (tra le più diffuse, operano sia nel campo della produzione, sia in quello della lavorazione e conservazione dei prodotti agricoli o d'allevamento); Cooperative di credito (concedono finanziamenti a condizioni di favore ai soci) Cooperative sociali (sono cooperative impegnate nella gestione di servizi rivolti alle persone socialmente svantaggiate); Cooperative culturali, turistiche e sportive (promuovono manifestazioni, corsi,; gestiscono strutture per il tempo libero). Cooperative a responsabilità illimitata Per le obbligazioni sociali risponde anzitutto la società con il suo patrimonio, e in via sussidiaria (in caso di fallimento) i soci con il patrimonio personale. Cooperativa a responsabilità limitata Responsabile dei debiti è solo la società. Entrambe sono dotate di personalità giuridica. Da sottolineare anche che, in particolare le cooperative sociali ed agricole, godono di agevolazioni fiscali. Dopo aver delineato le caratteristiche delle forme giuridiche, nelle tabelle che seguono vengono tratteggiate le procedure legali, fiscali e contabili per le società. Fonte:laconsulenza.it

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

guida al business planning

guida al business planning guida al business planning indice INTRODUZIONE CAPITOLO 1 - L APPROCCIO AL BUSINESS PLAN 1.1 Il contesto imprenditoriale 1.2 Fare impresa 1.3 Il business plan 1.4 Scrivere il business plan CAPITOLO 2 -

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Paolo Tonalini - Notaio Nuove imposte di registro dal primo gennaio 2014 Dal primo gennaio 2014 sono entrate in vigore alcune modifiche alle imposte di registro,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Cos'è una Cooperativa e come si costituisce

Cos'è una Cooperativa e come si costituisce Cos'è una Cooperativa e come si costituisce Manuale di creazione d impresa cooperativa Realizzato da Legacoop Reggio Emilia Edizione 2005 aggiornato con il nuovo diritto societario Legacoop Reggio Emilia

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Lezione III. Indice. 2 di 11

Lezione III. Indice. 2 di 11 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE II IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 principio generale della spendita del nome ----------------------------------------------------------

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

NASCE L IMPRESA Start-up: dal progetto al mercato ELISABETTA GUALANDRI VALERIA VENTURELLI

NASCE L IMPRESA Start-up: dal progetto al mercato ELISABETTA GUALANDRI VALERIA VENTURELLI NASCE L IMPRESA Start-up: dal progetto al mercato ELISABETTA GUALANDRI VALERIA VENTURELLI NASCE L IMPRESA Start-up: dal progetto al mercato A cura di Elisabetta Gualandri e Valeria Venturelli Approfondimento

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

L impresa e la sua organizzazione

L impresa e la sua organizzazione Attività Formative Legge 21 dicembre 1978 n. 845 ex Art. 26 Progetto INNOVAMBIENTE Materiale Didattico Dispensa L impresa e la sua organizzazione TECNICO ESPERTO IN COMMERCIO INTERNAZIONALE DI PRODOTTI

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara

CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Docenti: Dott. Carlo Sardara LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Quadro normativo La natura giuridica dell impresa farmacia Decreto Liberalizzazioni 24 Gennaio

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM40B

STUDIO DI SETTORE VM40B A L L E G AT O 15 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM40B ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM40B sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

l agenzia 5 in f orma

l agenzia 5 in f orma l agenzia 5 in f orma 2004 GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 II. DITTA INDIVIDUALE O SOCIETÀ DI PERSONE? 3 Ditta

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La figura del tutor aziendale nell apprendistato: analisi del ruolo, percorsi di formazione e guide per l azione MANUALE PER IL TUTOR AZIENDALE

La figura del tutor aziendale nell apprendistato: analisi del ruolo, percorsi di formazione e guide per l azione MANUALE PER IL TUTOR AZIENDALE La figura del tutor aziendale nell apprendistato: analisi del ruolo, percorsi di formazione e guide per l azione MANUALE PER IL TUTOR AZIENDALE INDICE Premessa. 3 Prima sezione. L'apprendistato e il ruolo

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

il libro si estende sul web

il libro si estende sul web L. BOBBIO - E. GLIOZZI - L. LENTI DIRITTO COMMERCIALE PREPARATI ALL INTERROGAZIONE il libro si estende sul web 2 Modulo A sia la forma specifica di organizzazione di mezzi materiali che caratterizzerebbe

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

1 - BENEFICIARI E ATTIVITA FINANZIABILI:

1 - BENEFICIARI E ATTIVITA FINANZIABILI: 1 - BENEFICIARI E ATTIVITA FINANZIABILI: D. Vorrei aprire un centro di servizi per l'assistenza domiciliare ed ospedaliera e pensavo di farmi coadiuvare da un grosso marchio che esiste a livello nazionale

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. CHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. 445/2000) Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente a via nella sua qualità di

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli