Erbe e spezie nel settore alimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Erbe e spezie nel settore alimentare"

Transcript

1 Erbe e spezie nel settore alimentare Savigliano 18 maggio 2015 Erbe e spezie tra tradizione d uso e moderna ricerca scientifica: effetti su salute e benessere Franca Marangoni Nutrition Foundation of Italy

2 Spezie Nel linguaggio com., conformemente all uso mediev. di species nel sign. di «derrata» e poi di «droga», denominazione generica, per lo più al plur. e con valore collettivo, di diverse sostanze aromatiche di origine vegetale (pepe, zenzero, chiodi di garofano, cannella, noce moscata, ecc.), generalmente di provenienza esotica, usate, oltre che per aromatizzare e insaporire cibi e bevande, anche, spec. in passato, in medicina e in farmacia Erbe aromatiche Piante erbacee odorose (salvia, prezzemolo, sedano, basilico, ecc.), adoperate come aromi in cucina

3 B. B. Simpson and M. C. Ogorzoly, Economic Botany

4 Le spezie derivano da corteccia (cannella), radici (zenzero), boccioli (chiodi di garofano, zafferano), semi (sesamo, senape), bacche (pepe nero), frutti (pimento, paprica Le erbe aromatiche sono foglie per lo più di arbusti o piante erbacee, come il prezzemolo, la maggiorana, il timo, il basilico, il cumino, l aneto, l origano, il rosmarino, la salvia, che possono essere utilizzate sia fresche che essiccate, intere o macinate. 4

5 In pratica in cucina Generalmente le erbe aromatiche fresche più delicate si aggiungono a cottura ultimata (aneto, basilico, maggiorana, menta) Quelle meno delicate (rosmarino, salvia, timo) qualche minuto prima della cottura Spezie ed erbe essiccate richiedono tempi di cottura diversi a seconda che siano intere (bacche o foglie) o macinate; a piatti che non richiedono la cottura devono essere aggiunte in anticipo 5

6 Origini di erbe e spezie Nuovo Mondo Europa Vicino Oriente India Lontano Oriente Pepe di Giamaica Alloro Semi di anice Basilico Aglio Annatto Erba Cipollina Borragine Cardamomo Ginepro Peperoncino Aneto Cumino Pepe nero in grani Citronella Paprica Origano Coriandolo Turmerico Anice stellato Echinacea Prezzemolo Trigonella Cannella Coriandolo Ginepro Rosmarino Papavero Macis Chiodi di garofano Rafano Salvia Sesamo Noce moscta Zenzero Tamarindo Dragoncello Calendula Galanga Vaniglia Timo Piretro Erba cipollina Cumino Coriandolo Finocchio Zafferano Lavanda Maggiorana Menta Santoreggia Camomilla Melissa

7 Impiego delle spezie e delle erbe aromatiche Oggi Per migliorare le pietanze Nella produzione di profumi, saponi e prodotti cosmetici Una volta: Per prolungare la freschezza dei cibi o per mascherare sapori e odori di cibi non freschi Come deodoranti Plants that Changed History, Joan Elma Rhan, 1982

8 Effetti digestivi delle spezie

9 Lampe, Am J Clin Nutr 2003

10 Quantification of individual polyphenols (mean SD) of culinary herbs Vallverdù-Queralt FOOD CHEMISTRY, 154 (2014)

11 Antioxidant capacity, estimated total phenolic content and anti-inflammatory activity of uncooked, cooked and digested cinnamon, clove and nutmeg Baker, Plant Foods Hum Nutr 2013

12 Different mechanisms of cardio protection by spices

13 Cholesterol lowering spices

14 Dietary spices as beneficial modulators of lipid Aglio: profile ipolipemizzante in pazienti coronaropatici in combinazione con olio di pesce efficace sulla colesterolemia totale ed LDL e sui trigliceridi Cipolla (come tale o olio essenziale) : riduce la colesterolemia in forti consumatori previene l aumento di colesterolo indotto da dieta iperlipidica Trigonella: riduce la colesterolemia (e trigliceridi) in soggetti sani e diabetici

15 Piper nigrum (pepe bianco e nero) Originario dell India e delle Indie orientali appartiene alla famiglia delle Piperaceae I frutti verdi scuriscono e si rinsecchiscono durante l essiccazione L aroma pungente è dovuto agli oli volatili. Si riduce con la macinazione. Le bacche di pepe bianco maturano sulla pianta e vengono private del guscio E la spezia più utilizzata

16 Sr. No. Researcher Chemical Components Percentage 1. Lee et al. (2004) Essential oil 1 2.5% Singletary (2010) Piperine 5 9% Chavicine 1% Piperidine 8% Fatty oils 6 8% Resin 0 5% Starch 22 42% 6. Orav et al. (2004) Essential oil Musenga et al. (2007) β-caryophyllene % Limonene % β-pinene % Δ-3-carene % Sabinene % α-pinene % Eugenol % Terpinen-4-ol % Hedycaryol 0 9.1% β-eudesmol 0 9.7% Caryophyllene oxide % α-phellandrene NA 7. Jirovetz et al. (2002) Elemol Germacrene-D Limonene β-pinene α-pinene β-ocimine β-pinene α-phellandrene αhumulene Δ-carene βphellandrene T-muurolol

17 Functional & Nutraceutical Effects of Bioactive Compounds of Black Pepper Bioactive compounds Functional & Nutraceuticals Role Researchers Piperine i. Bio-absorption of vitamins and trace elements. Kumoro et al., 2009/ Capasso et al., 2002 ii. Effective against acute inflammatory process Bang et al., 2009 iii. Antimicrobial properties Sangwan et al., 2008 iv. Improved functionality of gastrointestinal tract. Badmaev et al., 2000 v. Decreased body weight and visceral fat accumulation Okumura et al vi. Improved bioavailability of curcumin and catechins Singletary, 2010 vii. Enhanced bioavailability of many drugs Pattanaik et al., 2009 viii. Piperine ameliorate the chronic mild stress Li et al ix. Reduce risk of cancer Vellaichamy et al x. reducing the extent of toxicity of certain components Han et al., 2008 Essential oil 1. Contributes aroma Zachariah et al., Control worm infestations Dorman and Deans, 2000 Phenolics 1. Reduce oxidation process Renjie et al., Ameliorating oxidative stress Saxena et al., 2007 Butt et al., Critical Reviews in Food Science and Nutrition 2012

18 Modulation of bioavailability of drugs, phytochemicals, carcinogens by black pepper and piperine Srinivasan, Crit Rev Food Sci Nutr 2007

19 Black pepper Is commonly employed as traditional remedies against gastric disturbances from time immemorial. Enhances the production of hydrochloric acid from stomach thus improving digestion through stimulation of histamine H2 receptors. Has diaphoretic (promotes sweating), and diuretic (promotes urination) properties Is well absorbed from mucosal side (piperine) (44 63%) Its mechanisms of action on the gastrointestinal tract include enhanced absorption of nutrients, improved enzymes synthesis, protection of intestinal membranes from gastric secretions and ROS damage, enhancement of the activities of antioxidant enzymes i.e. SOD, catalase, GR, and GST and expression of some digestive enzymes along with increase in the secretion of saliva. Its mode of action in constipation and diarrhea involves concentration-dependent & atropine-sensitive stimulant effect, spontaneous contractions similar to loperamide and nifedipine, inhibition of naloxone-sensitive effect, Ca(2+) channel blocking (CCB) activity, relaxant effect, K+ (80 mm)-induced contractions. These mechanisms collectively leads to spasmodic (cholinergic) and antispasmodic (opioid agonist and Ca (2+) antagonist) effects Butt et al., Critical Reviews in Food Science and Nutrition 2012

20 Capsicum (peperoncino forte e dolce) Appartiene alla famiglia delle Solanaceae (pomodoro) Per la maggior parte è Capsicum annum (pepe a campana e di Cayenna), originario del Nuovo Mondo e in uso da 9000 anni Il sapore piccante è dovuto a 7 alcaloidi, compresa la capsaicina (soprattutto nei semi e nel frutto) E il pigmento che conferisce il caratteristico colore giallo al curry (che comprende anche il coriandolo e la noce moscata)

21

22 Mean (±SEM) glucose and insulin concentrations at fasting and up to 2 h after the consumption of the bland meal after the bland diet (BAB) (4wk), the chili meal (30g) after the bland diet (CAB), and the chili meal after the chili diet (CAC). Baseline values (0 min) were obtained 30 min before the meal was eaten. Conclusion: Regular consumption of chili may attenuate postprandial hyperinsulinemia. Ahuja, Am J Clin Nutr 2006;84:63 9.

23 Effects of capsaicin, green tea and CH-19 sweet pepper on appetite and energy intake in humans in negative and positive energy balance Ad libitum energy intake (Mean values ±SE) for each of the five treatments during negative (10% of their individually calculated total daily energy requirement was provided for breakfast and 15% of their total daily energy requirement was provided for lunch) and positive (20% of their individually calculated daily energy requirement for breakfast and 40% of their total daily energy requirement for lunch) energy balance. Notation of significances *(5%), **(1%) and ***(0.1%) specifies significant effects of energy balance on ad lib energy intake for each treatment. Reinbach Clinical Nutrition 28 (2009)

24 A randomized, double-blind, placebo-controlled study of 200 consenting adult patients with chronic neuropathic pain treated with topical 3.3% doxepin hydrochloride, 0.025% capsaicin and a combination of 3.3% doxepin and 0.025% capsaicin capsaicin C+D capsaicin Scores for sensitivity fell from the baseline immediately after commencement of capsaicin treatment, with an initial fall after the first study week (P < 0.001), with a further gradual further fall by week 4 (P < 0.05). In the doxepin/capsaicin group there was an immediate fall from baseline level Application of capsaicin reduced shooting pain from baseline level by 0.75 (95% CL 0 1.5) after 4 weeks (P < 0.001). Shooting pain was reduced by 0.73 (95% C.L ) with the doxepin/capsaicin combination (P < 0.001) McCleane, Br J Clin Pharmacol 2000

25 Mason et al., BMJ 2004 Estimates of efficacy and harm from meta-analysis of randomised controlled trials of capsaicin for treatment of chronic pain associated with neuropathic or musculoskeletal conditions Characteristic No of trials No of patients Treatment Placebo Relative benefit (95% CI) * Number needed to treat (95% CI) Musculoskeletal pain: At four weeks /186 46/ (1.1 to 2.0) 8.1 (4.6 to 34) Neuropathic pain: At four weeks /159 64/ (1.1 to 1.7) 6.4 (3.8 to 21) At eight weeks / / (1.2 to 1.7) 5.7 (4.0 to 10) Capsaicin was effective in reducing pain associated with diabetic neuropathy, osteoarthritis, and psoriasis. It was, however, less effective in reducing pain from postherpetic neuralgia. For every six patients with neuropathic pain using capsaicin 0.075% for eight weeks, one additional patient would benefit For every eight patients with musculoskeletal pain using capsaicin 0.025% for four weeks, one additional patient would benefit One in three patients using capsaicin had local adverse events;

26

27 Curcuma longa (turmerico) Appartiene alla stessa famiglia dello zenzero (Zingiberacee) E una pianta perenne originaria dell Asia tropicale detta anche zafferano delle Indie Dal rizoma si ottiene la polvere di curcuma, responsabile delle proprietà antiossidanti (cattura i radicali liberi attraverso le sue funzioni fenoliche) E impiegata anche come colorante

28 Molecular Nutrition & Food Research 13 AUG 2012 Multitargeting by turmeric, the golden spice: From kitchen to clinic

29 Multitargeting by turmeric, the golden spice: From kitchen to clinic Gupta, Clin Exp Pharmacol Physiol. 2012

30 Gupta et al., Molecular Nutrition & Food Research 13 AUG 2012 Multitargeting by turmeric, the golden spice: From kitchen to clinic

31 Clinical effects of curcumin: results from human trials Epstein British Journal of Nutrition 2010

32 Biological activities of turmeric as shown in human studies No. of patients Dose, duration Overall conclusion [Reference] Anti-inflammation 1.CML, chronic myelogenous leukemia; IBS, irritable bowel syndrome; IL-8, interleukin-8; NO, nitric oxide; TGF, transforming growth factor. Efficacy 30 2%, 7 days Reduced the inflammation in patients with chronic localized or generalized periodontitis Lupus nephritis Randomized, placebo-controlled mg/day, 3 months Anticancer Efficacy g/day, 6 weeks Decreased proteinuria, hematuria, and systolic blood pressure in patients with relapsing or refractory lupus nephritis Significantly reduced NO level in CML patients when given alone or in combination with imatinib Efficacy 62 Produced remarkable symptomatic relief in patients with external cancerous lesions Phase II 45 3 g/day, 4 weeks Reduced the ulcer size in patients with peptic ulcer Antidiabetic Randomized, double-blind g/day, 2 months Attenuated proteinuria, TGF-β, and IL-8 in patients with overt type 2 diabetic nephropathy Crossover 14 6 g, min Increased postprandial serum insulin levels, insignificant effect on plasma glucose levels and the glycemic index Irritable bowel syndrome Randomized, partially blinded mg/day, 8 weeks Improved the symptoms of IBS and reduced the prevalence of disease Randomized, crossover g Antimutagenic Increased the bowel motility and activated the hydrogen-producing bacterial flora in the colon Efficacy g/day, 30 day Significantly reduced the urinary excretion of mutagens in smokers Protection from fibrosis Efficacy 58 3 g/day, 3 months Offered protection against benzo[a]pyrene-induced increases in micronuclei in circulating lymphocytes of healthy subjects; decreased the number of micronucleated cells in patients with submucous fibrosis

33 Cinnamomum zeylanicum (cannella) Originaria dell India e dello Sri Lanka appartiene alla famiglia delle Lauraceae Si utilizzano l olio e la corteccia Contiene amido, terpeni policiclici, oli essenziali e composti da derivati fenilpropanici. L aroma speziato è dovuto all aldeide cinnamica (la cinnamaldeide è utilizzata nei dentifrici per mascherare il sapore del pirofosfato) Ha diverse proprietà conosciute fin dall antichità: astringente, stimolante, antibatterica, antifungina, digestiva

34 250 mg of an aqueous extract of cinnamon (Cinnulin PF) two times per day for 12 weeks in the diet of overweight or obese subjects reduce oxidative stress and impaired fasting glycemia Parameters Cinnamon Cinnamon Cinnamon Placebo Placebo Placebo Time of 0 week 6 weeks 12 weeks 0 week 6 weeks 12 weeks supplementation FRAP μmol/l 812 ± ± * ± ± ± ± 54 Plasma MDA μmol/l 2.7 ± ± *± ± ± ± 0.1 Plasma SH groups μmol/g prot 4.89 ± ± *± ± ± ± 0.20 RBC Se-GPx U/gHb 41.3 ± ± ± ± ± ± 3.40 RBC Cu ZnSOD U/mg Hb 1.17 ± ± ± ± ± ± 0.05 Fasting Glucose mg/dl Fasting Insulin pmol/ml 114 ± ± *± ± ± ± ± ± ± ± ± ± 1.88 Roussel et al, J Am Coll Nutr 2009

35 Ingestion of 6 g cinnamon with a rice pudding reduces postprandial blood glucose concentrations and gastric emptying rate (GER) in healthy subjects Hlebowicz J et al. Am J Clin Nutr 2007;85:

36 Effetti della cannella sulla glicemia a digiuno e sul profilo lipidico in pazienti con diabete di tipo 2: risultati di una metanalisi di studi clinici controllati randomizzati Differenza media n Glicemia a digiuno ( a 13.27) 4 (207) Colesterolo totale ( a 16.67) 4 (207) Trigliceridi ( a 4.94) 4 (207) Colesterolo HDL (-0.74 a 3.89) 3 (147) Colesterolo LDL ( a 8.71) 4 (207) Tutti i valori sono espressi in mg/dl come differenza media (95% CI). n = numero di studi (numero di soggetti).

37 Association between mean baseline FBG and reduction in FBG Kirsham Diabetes, Obesity and Metabolism, 11, 2009,

38 Benefici della cannella Riduzione della glicemia post prandiale e modulazione dellaresistenza all insulina Effetto ipoglicemizzante con ¼ di cucchiaino da tè Rallentamento della digestione, ritardando l aumento degli zuccheri nel sangue Effetti anche su: Ritmo cardiaco Pressione arteriosa Temperatura corporea

39 1 cucchiano da tè di cannella= 2 grammi La somministrazione di 2-6 grammi al giorno ha comportato: Miglioramento di quasi tutti i soggetti diabetici trattati Il ritorno della glicemia a valori più elevati in seguito alla sospensione dell assunzione di cannella La cannella può quindi far parte di un alimentazione equilibrata nell ambito di uno stile di vita attivo per: Una più efficiente risposta insulinica Il contenuto di polifenoli L effetto antinfiammatorio che può contribuire alla prevenzione di alcuni tipi di tumori

40 Zingiber officinale (zenzero) Appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae E una pianta perenne originaria dell Asia tropicale Il rizoma ha proprietà stimolanti della digestione (stomachico e antiemetico), della circolazione periferica, antinfiammatorie ed antiossidanti I componenti attivi sono il gingerolo e il suo prodotto di disidratazione (schogaolo), pungenti ma in misura minore di capsaicina e piperina E tradizionalmente utilizzato per conservare ed esaltare i sapori delle pietanze.

41 Ginger in pregnancy: a review of 6 double-blind RCT and a prospective study This finding corroborates the results of previous inconclusive analyses based on less extensive studies from Australia (2 studies), Thailand (2 studies), Canada (1 study), and Denmark (1 study). Whether or not demographic or social/cultural similarities and differences among these populations can be generalized to the universe of pregnant women worldwide cannot be extrapolated from the present review. In all clinical trials, ginger was taken 3 or 4 times a day, independently of the occurrence of nausea and/or vomiting. Although the single acute dose of ginger varied in each study, the daily dose was approximately 1 g in 5 of the 6 studies reviewed (with periods ranging from 8 to 20 weeks). A prospective observational cohort study and the follow-up of 4 RCTs consistently showed that there are no significant side effects or ad verse effects on pregnancy outcomes. In conclusion ginger may be a safe and effective option for the treatment of nausea and vomiting in pregnancy.

42 a high consumption of allium vegetables is likely to reduce gastric cancer risk. Up to date, evidence of such protection derived mainly from case control studies. Further data from large cohorts are therefore required to reach a firm conclusion.

43 Effetti di spezie e grassi sul gradimento di cibi a ridotto tenore lipidico Scopo: studiare l effetto dell aggiunta di spezie de erbe aromatiche sul gradimento di cibi a ridotto tenore di grassi Soggetti: 148 adulti di anni, BMI 24.4 kg/m2 Intervento: 3 pasti (standard, a ridotto contenuto di grassi, a ridotto contenuto di grassi con spezie) Pietanza Polpettone Verdure Pasta Aromi Aglio (0.27 g/porzione), basilico (0.03 g/porzione), origano (0.03 g/porzione) Aglio in polvere(4.06 g/porzione), cipolla in polvere(2 g/porzione), aneto (4.06 g/porzione) Aglio in polvere, (26.7 g/porzione), cipolla in polvere (15 g/porzione), misto di origano, prezzemolo, basilico, rosmarino, timo (3 g/porzione), cerfoglio(1.5 g/porzione), erba cipollina (1.5 g/porzione). John C. Peters, Sarit Polsky, Rebecca Stark, Pan Zhaoxing, James O. Hill The influence of herbs and spices on overall liking of reduced fat food Appetite, 2014

44 Total dietary fat, saturated fat, and calories by test meal condition. Meal item Test meal condition Reduction from full fat Full fat Reduced fat Total meal Total calories % Total fat (g) % Total saturated fat (g) % Meatloaf Total calories % Total fat (g) % Total saturated fat (g) % Vegetable side dish Total calories % Total fat (g) % Total saturated fat (g) % Pasta side dish Total calories % Total fat (g) % Total saturated fat (g) % John C. Peters, Sarit Polsky, Rebecca Stark, Pan Zhaoxing, James O. Hill The influence of herbs and spices on overall liking of reduced fat food Appetite, 2014

45 Liking Scores by Test Meal Condition Conclusion: Adding herbs and spices to reduced fat foods restored liking of the overall meal, meatloaf, and vegetables to that of full fat conditions, and significantly improved the liking of reduced fat pasta. Incorporating spices into reduced fat items could be a potential strategy for helping Americans meet the US dietary guidelines for fat and saturated fat without having to sacrifice hedonic liking. John C. Peters, Sarit Polsky, Rebecca Stark, Pan Zhaoxing, James O. Hill The influence of herbs and spices on overall liking of reduced fat food Appetite, 2014

46 Spezie ed erbe aromatiche danno sapore ai cibi e possono aiutare a ridurre l aggiunta di grassi. Un cucchiaio da tavola di olio (10 grammi)=90 kcal (4 chili in un anno). 54

47 La versatilità delle spezie in cucina

48 Spezie ed erbe aromatiche danno sapore ai cibi e possono aiutare a ridurre l aggiunta di zucchero 1 cucchiaio da tavola di zucchero = 45 calorie Pimento (pepe giamaicano) Anice Cardamomo Cannella

49 Spezie ed erbe aromatiche danno sapore ai cibi e possono aiutare a ridurre l aggiunta di sale esaltando il sapore delle pietanze 1 cucchiaino di sale (ca 6 g) = 2,4 g di sodio Pepe nero Aglio Cipolla Curry Cumino Aneto Basilico Zenzero Coriandolo 57

50 Salt and sodium intake: international guidelines Organization Date Sodium (salt) limit American Heart Assoc. American Soc. Hypertension (3.8) Notes (5.8) 1.5 (3.8) in at risk people Australia (5.8) Europ. Union ( )

51 Sale e sodio Sodio, g/die Sodio, mmol/die Sale, g/die Unità cucchiaio da tè di sale al giorno 2/3 di cucchiaio da tè di sale al giorno

52 Types of Evidence Linking Sodium Intake to Blood Pressure Epidemiology Over 50 population studies Migration Several, e.g. Kenya Genetic Animal Trials Population Interventions All defects identified so far impair the ability of the kidney to excrete salt All forms of hypertension are caused or aggravated by salt. Recent trial in Chimpanzees. Children: ~10 trials, one trial in infants Adults: > 50 trials Northern Japan Portuguese villages 61

53 Associazione tra consumo di sale e SBP: i risultati di uno studio di coorte su uomini giapponesi SBP mmhg I II III IV V <10.8 g/d 10,8-13,1 g/d g/d g/d > 18.8 g/d Miura K et al, J Epidemiol 2010

54 Dimensione del problema-pressione Malattie coronariche e ictus sono cause di mortalità in tutto il mondo Il 62% degli ictus e il 49% degli eventi coronarici vengono attribuiti a valori pressori elevati* L ipertensione riguarda il 26% degli adulti a livello mondiale (972 milioni) ** Il rischio di sviluppare ipertensione nel corso della vita è pari al 90%*** *WHO, World Health Report 2002: Reducing Risks, Promoting Healthy Life, **Kearney Lancet 2005;305:217, ***Vasan, JAMA 2002;287:1003

55 Systolic blood pressure slope with age (mm Hg/year) INTERERSALT BMJ 1988;297:319 In Populations with Low Sodium Intake, Systolic BP Does Not Rise with Age 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 Populations with No Rise in SBP with Age 0,4 0,2 0,0-0,2-0,4 0 1,150 2,300 3,450 4,600 5,750 Median sodium excretion (mg/24h)

56 Stomach cancer mortality per /year, between years. and mmol Na/24-hrs. Data refer to men. r = 0.70, P < Joossens JW et al, Int J Epidemiol 1996

57 Results: We found decreased ORs for Gastric cancer for the highest versus lowest quartile of intake of: vitamin E (OR = 0.50) alpha-carotene (OR = 0.52) beta-carotene (OR = 0.42) Gastric cancer was directly associated with sodium, with ORs of: 2.22 for the second, 2.56 for the third and 2.46 for the fourth quartile of intake. (230 cases vs 547 controls) 1st quartile sodium intake: < 1,57 g/day

58 Per ridurre l assunzione di sodio Preferire i cibi freschi Leggere le etichette nutrizionali Scegliere prodotti a ridotto tenore di sodio o senza aggiunta di sale Non mettere il salino in tavola Limitare gli snack salati Contenere il consumo di carne lavorata e insaccati Utilizzare spezie ed erbe aromatiche per la preparazione e il condimento delle pietanze

59 Conclusioni Solide evidenze scientifiche supportano l associazione tra consumo elevato di vegetali e salute L impiego di erbe e spezie rientra nella varietà dei consumi raccomandata dalle linee guida nutrizionali. Erbe e spezie possono contribuire alla riduzione del consumo di grassi nella preparazione delle pietanze Erbe e spezie possono rappresentare una valida alternativa al sale (e in parte allo zucchero) per insaporire i piatti.

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE

STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE INFORMATI E COMPETENTI: PERCORSI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 6 maggio 2010 STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE Pasquale Strazzullo Dipartimento

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

l innovazione nella categoria dei condimenti

l innovazione nella categoria dei condimenti M ontosco è un marchio leader nei condimenti 100% naturali con oltre 200 referenze tra erbe, spezie, sali, oli extravergine igp, aceti, salse e oli extravergine aromatizzati per infusione di spezie, realizzate

Dettagli

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa Medicina in cucina insaporire per prevenire Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa L'anno scorso la scuola elementare Pascoli e l' Istituto Professionale Cossa hanno sviluppato il progetto: La chimica

Dettagli

STATINE E RISCHIO DI DIABETE

STATINE E RISCHIO DI DIABETE STATINE E RISCHIO DI DIABETE Gli inibitori della 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A (HMG-CoA) reduttasi, noti come statine, hanno rivoluzionato il trattamento della ipercolesterolemia e la prevenzione

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

Che cos è l indice glicemico?

Che cos è l indice glicemico? Per valutare le caratteristiche degli alimenti contenenti carboidrati per ciò che riguarda la risposta glicemica, negli anni 90 è stato introdotto il concetto di INDICE GLICEMICO Che cos è l indice glicemico?

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Dieta mediterranea e cancro

Dieta mediterranea e cancro Dieta mediterranea e cancro Cristina Bosetti Dipartimento Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche "Mario Negri", Milano Corso di aggiornamento X-Files in Nutrizione Clinica ed Artificiale Oncologica

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Il modello della piramide alimentare: La Dieta Mediterranea

Il modello della piramide alimentare: La Dieta Mediterranea PROGRAMMA DELLE LEZIONI: 1. Introduzione al corso 2. Screening e valutazione nutrizionale 3. Linee guida per una sana alimentazione 4. Piramide alimentare 5. Prova in itinere 6. Etichettatura degli alimenti

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Appropriatezza ed innovazione: le sfide della ricerca Teresa Calamia ELENCO FARMACI

Dettagli

Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona

Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona Gestione terapeutica del paziente obeso Dieta iperproteica o iperglucidica? Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona Verona 25 Gennaio 2008 Composizione macronutrienti diverse diete Dieta

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

Mix Esc lusivo di. Carboidrati a lento rilascio. Carboidrati a lento rilascio (Sucromalt & Fibersol ) F Glu Glu Glu. Tempo (ore)

Mix Esc lusivo di. Carboidrati a lento rilascio. Carboidrati a lento rilascio (Sucromalt & Fibersol ) F Glu Glu Glu. Tempo (ore) Triple Care Sucromalt Mix Esc lusivo di Carboidrati a lento rilascio Fibersol Il Sucromalt è prodotto con un processo enzimatico brevettato a partire da saccarosio e maltosio, ed è costituito da un mix

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

CEREALI BRIANZA ELENCO PRODOTTI : CEREALI:

CEREALI BRIANZA ELENCO PRODOTTI : CEREALI: 1 ELENCO PRODOTTI : CEREALI: 1- Fibre alimentari di Grano tenero 1.1- Crusca di Grano Tenero 1.2- Crusca tostata di Grano Tenero 1.3- Cruschello di Grano Tenero 1.4- Cruschello tostato di Grano Tenero

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Gli alimenti anticancro: come riconoscerli ed usarli in cucina

Gli alimenti anticancro: come riconoscerli ed usarli in cucina Gli alimenti anticancro: come riconoscerli ed usarli in cucina Pordenone 15 Settembre 2014 Prof. Michele Rubbini Direttore Programma di Chirurgia Coloproctologica Università di Ferrara Food and Diet Dalla

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM La dieta in terapia conservativa La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza Giorgio Bedogni Unità Fegato e Nutrizione, Centro Studi Fegato, Basovizza Rallentare la progressione dell insufficienza

Dettagli

LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO. Enrica Manicardi

LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO. Enrica Manicardi LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO Enrica Manicardi S.S. Diabetologia e Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova - Reggio Emilia Una corretta alimentazione è una

Dettagli

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Measuring waist circumference: a practical guide from the NIDDK/NIH Place a tape measure around the bare abdomen, just above the hip bone Be sure

Dettagli

- - - - - MISCELA DI SPEZIE, ORIGINE: INDIA

- - - - - MISCELA DI SPEZIE, ORIGINE: INDIA Art. 18080 DROGHE Art. 18106 DROGHE Art. 18105 DROGHE CANNELLA CANULI SACCHETTO CANNELLA MACINATA BARATTOLO CANNELLA MACINATA SACCHETTO G.500 G.400 G.500 - - - Art. 18121 DROGHE Art. 18120 DROGHE Art.

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

L'INDICE GLICEMICO NELLA PASTA AD ALTO CONTENUTO DI FIBRE

L'INDICE GLICEMICO NELLA PASTA AD ALTO CONTENUTO DI FIBRE L'INDICE GLICEMICO NELLA PASTA AD ALTO CONTENUTO DI FIBRE Enrico Bertoli - Gianna Ferretti - Tiziana Bacchetti (Università Politecnica delle Marche) PREMESSA Numerosi studi hanno riportato che un'alimentazione

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Strategie per l analisi

Strategie per l analisi Strategie per l analisi dei dati nutrizionali Claudia Agnoli Unità di Epidemiologia e Prevenzione Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

Dettagli

Nutrition Facts Serving Size 1 Tbsp (15ml) Servings Per Container: (indicare numero) Amount Per Serving Calories 120 Fat Cal. 120

Nutrition Facts Serving Size 1 Tbsp (15ml) Servings Per Container: (indicare numero) Amount Per Serving Calories 120 Fat Cal. 120 Etichette per Olio di Oliva: Breve Guida Fonte: North American Olive Oil Association 5 Ravine Drive P.O. Box 545, Matawan, NJ 07747 Tel: 734.583.8188 Fax: 732.583.0798 Tradotto da: WineCountry.IT 20 Holstein

Dettagli

Introduzione Tecnico Normativa

Introduzione Tecnico Normativa Introduzione Tecnico Normativa Dott.ssa Lucia Zema Facoltà di Scienze del Farmaco Dipartimento di Scienze Farmaceutiche (DISFARM) sede di Tecnologia e Legislazione Farm «M.E. Sangalli» via G. Colombo 71,

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Le Indicazioni del Cardiologo

Le Indicazioni del Cardiologo . LA SALUTE VIEN DAL MARE Bergeggi, Savona ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE Le Indicazioni del Cardiologo Dott. Paolo Bellotti, Cardiologia, OSP. S. Paolo Savona Genova, 23 gennaio 2009 Il 90% dei pazienti

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Presentazione Obesità Meccanismo d azione Riduzione dell appetito PinnoThin Risultati Applicazioni Claims Obesità

Dettagli

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria Antonio Nicolucci Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia Consorzio Mario Negri Sud Santa Maria Imbaro (CH)

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Salvo Di Grazia. h"p://medbunker.blogspot.it/

Salvo Di Grazia. hp://medbunker.blogspot.it/ Salvo Di Grazia h"p://medbunker.blogspot.it/ Salvo Di Grazia Come si aggiorna il pubblico sui temi di salute? 42% usa la televisione 32% usa i quo=diani 20% usa internet 6% partecipa ad even= scien=fici

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

FUNGHI CARDONCELLI AL NATURALE

FUNGHI CARDONCELLI AL NATURALE FUNGHI CARDONCELLI AL NATURALE Funghi Cardoncelli in salamoia Cardoncelli Mushrooms in brine Funghi Carconcelli (Pleurotus erungii), sale, acqua. Prodotto in stabilimento che usa uova e Non Contiene Glutine.

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2A a.s. 2013-2014 ASPETTI GASTRONOMICI Le TIPICITA delle diverse cucine mondiali Creazione di alcune ricette 2 TIPICITA CUCINA

Dettagli

IL GERMOGLIO. n.31 - Ottobre 2014. la newsletter di Società Vegetariana (*) (associazione di cultura vegan)

IL GERMOGLIO. n.31 - Ottobre 2014. la newsletter di Società Vegetariana (*) (associazione di cultura vegan) n.31 - Ottobre 2014 www.societavegetariana.org info@societavegetariana.org IL GERMOGLIO la newsletter di Società Vegetariana (*) (associazione di cultura vegan) (*) reg. Ufficio Entrate Genova n.4292 (01.06.

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Carcinoma mammario e sue recidive

Carcinoma mammario e sue recidive Fattori ormonali, metabolici, nutrizionali e carcinoma mammario Sindrome metabolica Insulina Fattori di crescita Carcinoma mammario e sue recidive Grassi ed alcol nella dieta Ormoni sessuali Sedentarietà

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIABETE

ALIMENTAZIONE E DIABETE ALIMENTAZIONE E DIABETE Dott.ssa Elena Cimino Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Università dell Insubria Sede Milano Bicocca UOS Diabetologia Clinica Medica Ospedale

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

È uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco controllato, gruppi paralleli in cui Souvenaid è stato

È uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco controllato, gruppi paralleli in cui Souvenaid è stato Souvenir 1 Alzheimers Dement. 2010 Jan;6(1):1-10.e1. doi: 10.1016/j.jalz.2009.10.003. È uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco controllato, gruppi paralleli in cui Souvenaid è stato somministrato

Dettagli

Il primo punto del decalogo è: CONTROLLA IL PESO CORPOREO E MANTIENITI SEMPRE ATTIVO.

Il primo punto del decalogo è: CONTROLLA IL PESO CORPOREO E MANTIENITI SEMPRE ATTIVO. STRUTTURA COMPLESSA IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE IL DECALOGO Il primo punto del decalogo è: CONTROLLA IL PESO CORPOREO E MANTIENITI SEMPRE ATTIVO. Il mantenimento del peso corporeo in un range

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

fangocur sale marino

fangocur sale marino O r i g i n a l e fangocur sale marino i l m i g li o r sale d e l m o n d o senza iodio, filtrato naturalmente, non trattato, raccolto a mano Le condizioni ideali per la formazione di un sale pregiato

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Prevalenza passata e futura del sovrappeso nel mondo (adulti e bambini) Reproduced from the Organization for Economic Co-operation and Development. Lancet 2011;378:815-25

Dettagli

l Apertivo di Sabato 13 Aprile

l Apertivo di Sabato 13 Aprile l Apertivo di Sabato 13 Aprile Samoosa Un delizioso snack indiano ripieno di pollo e patate Spezie: cumino, cardamomo, cannella e chiodi di garofano. Pakoda Altro delizioso snack a base di acqua, farina

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO Relatore: Dott.ssa Chiara Becchetti Assegnista di ricerca Brescia 19/03/2015

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

Carlo Cannella, PhD Professor Cannella graduated in Biological Sciences cum laude from Rome University in 1967, and received a Ph. D.

Carlo Cannella, PhD Professor Cannella graduated in Biological Sciences cum laude from Rome University in 1967, and received a Ph. D. Carlo Cannella, PhD Professor Cannella graduated in Biological Sciences cum laude from Rome University in 1967, and received a Ph. D. in Biochemistry from the Institute of Biological Chemistry at Rome

Dettagli

Integrazione nell anziano PRO

Integrazione nell anziano PRO Integrazione nell anziano PRO Lorenzo M Donini Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Fisiopatologia Medica, Scienza dell Alimentazione ed Endocrinologia Lorenzomaria.donini@uniroma1.it Definizioni

Dettagli

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE

I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE SCODITTI CRISTINA Fondazione S.Maugeri, Sede di Cassano delle Murge (BA) Reparto di Pneumologia I TEST FUNZIONALI NELL IPERTENSIONE POLMONARE QUALI TEST FUNZIONALI? PFT DLCO 6 MWT CPET VALORE DIAGNOSTICO

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue

Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue Buone pratiche assistenziali: Nursing e fatigue «Etica e Ricerca per assistere e curare in oncologia» III Congresso Nazionale AIIAO Ancona, 29-31 Maggio 2014 Carla Pedrazzani Istituto Oncologico della

Dettagli

Valore predittivo dell ipertrigliceridemia sull insorgenza di diabete. Andrea Gori UO Malattie Infettive AO San Gerardo, Monza andrea.gori@unimi.

Valore predittivo dell ipertrigliceridemia sull insorgenza di diabete. Andrea Gori UO Malattie Infettive AO San Gerardo, Monza andrea.gori@unimi. Valore predittivo dell ipertrigliceridemia sull insorgenza di diabete Andrea Gori UO Malattie Infettive AO San Gerardo, Monza andrea.gori@unimi.it Triglycerides/HDL ratio and risk of developing diabetes

Dettagli

Misurazione del. "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28 Novembre 2014, Bologna

Misurazione del. Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre 28 Novembre 2014, Bologna Misurazione del cambiamento Claudia Agnoli Unità di Epidemiologia e Prevenzione Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori - Milano "Strumenti

Dettagli

Dentifricio alla Menta Rinfrescante Con gel di argilla verde e puro olio essenziale di menta

Dentifricio alla Menta Rinfrescante Con gel di argilla verde e puro olio essenziale di menta Dentifricio alla Menta Rinfrescante Con gel di argilla verde e puro olio essenziale di menta Il Dentifricio alla Menta ARGITAL: Rinfresca il cavo orale e l alito; Istruzioni per l uso: stendere sullo spazzolino

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ

PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ La CUF ha approvato per la pravastatina (Aplactin, Prasterol, Pravaselect, Sanaprav,

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA: ALIMENTAZIONE A BASSO INDICE GLICEMICO. Annalisa Maghetti

DALLA TEORIA ALLA PRATICA: ALIMENTAZIONE A BASSO INDICE GLICEMICO. Annalisa Maghetti DALLA TEORIA ALLA PRATICA: ALIMENTAZIONE A BASSO INDICE GLICEMICO Annalisa Maghetti La qualità dei carboidrati conta ed influenza la glicemia postprandiale con importanti ripercussioni sulla salute Si

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

100 gr carote. 100 gr zucchine. 100 gr finocchio. 10 gr sale. Olio evo gr 10. Succo limone n 1.

100 gr carote. 100 gr zucchine. 100 gr finocchio. 10 gr sale. Olio evo gr 10. Succo limone n 1. il progetto è stato sviluppato da 5 alunni di seconda, in un arco temporale di circa 2 mesi. I ragazzi dopo aver appreso le nozioni base sulle farine alternative e i loro valori nutrizionali (prodotti

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici

Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici AUTORE Claudio Tubili Mauro Rossini Maria Grazia Carbonelli Direttivo Regionale ADI Lazio Titolo Relazione Lo stile di vita: dai grandi trial ai team diabetologici campione durata - RR(%) Malmo, 1991 181

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Raffaella Butera Toxicon srl Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it normativa complessa articolata obiettivi comuni

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Le ricette di Simone Salvini

Le ricette di Simone Salvini Le ricette di Simone Salvini per 21 Maggio 2015 IN COLLABORAZIONE CON: 1 kg riso Nerone 6 lt acqua 60 g sale 500 g Erbe aromatiche 1) S raffreddare subito in acqua e ghiaccio. 2) 3) finemente e le erbe

Dettagli

Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD)

Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD) Francesca De Vita Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD) Drastica riduzione quota glucidica (

Dettagli

Il Grande Salone della Pasta. The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND W WW. PAS TATREND.COM

Il Grande Salone della Pasta. The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND W WW. PAS TATREND.COM The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND Il Grande Salone della Pasta. W WW. PAS TATREND.COM Workshop Internazionale L ALIMENTAZIONE E LO STILE DI VITA ITALIANI INCONTRANO

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici Gruppo di studio regionale intersocietario ADI- AMD- SID Terapia medico nutrizionale per team diabetologici 25 marzo 2014 Villa Eur Parco dei Pini Roma Daniela Bracaglia UOC di Diabetologia PTV-ASL RMB

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli