Feticismo della merce e del denaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Feticismo della merce e del denaro"

Transcript

1 Capitolo III Feticismo della merce e del denaro 15. Il carattere di feticcio della merce e il suo segreto. Il feticismo della merce, nell accezione di Marx, consiste nel fenomeno per cui le merci sono considerate come entità dotate di una propria vita che si confrontano nello scambio, facendo sembrare il rapporto sociale tra produttori nello scambio come un rapporto sociale tra oggetti che esiste al di fuori degli stessi produttori. Tale carattere di feticcio deriva dalla stessa forma di merce che assume la cosa oggetto dello scambio: la forma di merce riproduce, all occhio dell uomo, le caratteristiche sociali del suo lavoro come proprietà naturali della cosa che assume la forma di merce. Come abbiamo visto, nello scambio di merci gli uomini equiparano lavori diversi, attribuendo loro una grandezza di valore comune in termini di dispendio di lavoro umano, in quanto lavoro umano inteso in senso astratto. Tale determinazione tramite il tempo di lavoro si nasconde dietro l apparente valore relativo delle merci. I lavori privati eseguiti indipendentemente gli uni dagli altri, fanno sì che gli oggetti d uso divengano merci. Essi formano nell insieme il lavoro sociale complessivo. I produttori entrano in un rapporto sociale tramite lo scambio dei loro prodotti e i lavori privati si mostrano come articolazioni del lavoro complessivo sociale. Quando il produttore Tizio mette il suo prodotto in relazione con l equivalente generale (denaro), non gli appare il processo da cui deriva tale equivalenza (tempo di lavoro astratto equiparato) e crede che l equivalenza risieda in una qualche proprietà naturale - feticisticamente determinata- della merce. Il valore di scambio è il modo specifico con cui nella realtà si indica il lavoro applicato alle cose, non, come appare, un espressione di proprietà naturali delle cose incommensurabili tra loro, feticisticamente determinata. E illuminante l esempio usato ironicamente da Marx, che chiede quali sarebbero le proprietà naturali del corso dei cambi. 16

2 In realtà: - il valore d uso si determina nel rapporto diretto tra l uomo e la cosa - quindi senza lo scambio -, dove contano le proprietà naturali al fine del soddisfacimento dei bisogni; - il valore al contrario si determina solo nello scambio, cioè in un processo sociale che rende la cosa una merce equivalente ad una data quantità di denaro, attraverso il dispendio di lavoro astrattamente inteso -e per questo celato come metro di misura Processo di scambio: il raddoppiamento della merce in merce e denaro. Nel rapporto di scambio sono di fronte i possessori di merci che si riconoscono reciprocamente quali proprietari privati delle stesse. Il rapporto giuridico tra tali possessori di merci prende la forma del contratto, cioè dell incontro delle volontà. Il contenuto del rapporto di scambio è di natura economica (nella terminologia comune dei giuristi patrimoniale ). Marx rileva come Aristotele avesse già scoperto che ogni bene ha due usi: uno proprio della cosa, l altro di scambio. Uno stereo può essere utilizzato per ascoltare musica, ma anche per farne oggetto di scambio pur di ottenere un altro bene. Il proprietario porta la sua merce sul mercato solo se si verificano due condizioni: - che essa non rappresenti per lui un valore d uso immediato (non gli serva); - che essa abbia invece un valore d uso per altri e quindi possa essere scambiata, onde ricavarne altri valori d uso di cui lui ha bisogno. In questo momento la merce è per il suo possessore depositaria di valore di scambio; quando è effettuato lo scambio essa si realizza prima come valore e solo successivamente l acquirente la riconosce come valore d uso. Occorre però che la merce, prima di realizzarsi come valore, sia riconosciuta come valore d uso. Per il possessore della merce lo scambio come processo individuale è il disfarsi della merce propria solo per ottenere altra merce che possa appagare i suoi bisogni. Tale scambio è un processo generalmente sociale, quando il possessore vuole realizzare il valore della sua merce in ogni altro tipo di merce, da lui scelta. 17

3 Il possessore della merce effettua lo scambio con questa o quella merce, e prescinde dal fatto se la sua merce sia o no un valore d uso solo per quel determinato contraente. Nel processo generalmente sociale è importante realizzare il valore. Nel processo generalmente sociale così inteso, ogni possessore assume la sua merce come equivalente generale di quelle possedute dagli altri. Si rende necessario ricorrere perciò ad una merce che assuma la funzione di equivalente generale, proprio per consentire ai possessori di rapportare le proprie merci come valori. E l azione sociale che determina poi quale merce debba assumere tale funzione. La merce che assume tale specifica funzione sociale è esclusa dalla sfera di tutte le altre merci di cui essa rappresenta l equivalente generale per divenire così denaro. E doveroso ribadire che le cose divengono merci solo per mezzo dello scambio e che, quindi, prima dello scambio sono valori d uso per l acquirente e non valori d uso per il venditore. La trasformazione del prodotto in merce genera nella stessa misura la trasformazione della merce in denaro. denaro» 1. Marx definisce questo fenomeno come un «raddoppiamento della merce in merce e 17. Il feticcio del denaro. Nella fase del baratto (cioè del diretto scambio dei prodotti) la singola merce oggetto del rapporto è essa stessa mezzo di scambio e quindi non diviene indipendente dal valore d uso che essa rappresenta per l acquirente. Scambio un televisore con una stampante laser, solo se ho la netta percezione che quella stampante rappresenti per me un bisogno, mentre quel televisore non lo è più. Dunque, il televisore per me è anche un mezzo di scambio. Si verificano le stesse condizioni per l altro contraente che acquista il televisore e cede la stampante. Lo sviluppo della produzione e del commercio parte dalla fase in cui il rapporto quantitativo dello scambio è occasionale, e giunge alla fase in cui l abitudine fissa le merci come grandezze di valore. 1 Karl Marx, Il capitale, Libro primo, Sez. I, Cap. II. 18

4 Nella fase di sviluppo dei rapporti commerciali e quindi con la determinazione sociale della merce equivalente generale, ossia del denaro, accade che la merce come grandezza di valore diviene sempre più indipendente dal suo valore d uso. Se, invece di barattare (cioè stipulare un contratto che nell attuale diritto comune è denominato permuta ) un televisore con una stampante laser, acquisto la stampante pagando il corrispettivo in denaro (l equivalente generale nella fase dello sviluppo commerciale), si verifica che la grandezza di valore che cedo in cambio è espressa dal denaro. Essa è fissata nella società per abitudine, e di conseguenza in generale per il bene che acquisto. Così acquisto un valore d uso senza cedere una cosa che per l altro è valore d uso, bensì cedo denaro. Il televisore non è più mezzo di scambio, ma lo diventa il denaro. Non c è così quella evidenza del valore d uso che c è nello scambio diretto tra beni, in cui ciascun contraente acquista dall altro una cosa che è valore d uso e mezzo di scambio nello stesso tempo. Da questo processo si disvela più compiutamente la distinzione valore d uso-valore, cioè l utilità del bene come mezzo per soddisfare direttamente il bisogno e l utilità del bene ai fini dello scambio. Il denaro, afferma Marx, funge da «materiale in cui sono indicate socialmente le grandezze di valore delle merci» 2. La merce per essere eletta dalla società ad equivalente generale, cioè a denaro, deve contenere due proprietà fondamentali: l uniformità della qualità dei suoi esemplari in modo che in qualunque punto dello spazio rappresentino lo stesso valore, cioè identica «materializzazione di lavoro umano astratto» 3 ; la possibilità di scomporre e ricomporre le sue parti, dato che le grandezze di valore che si confrontano sono differenti solo nella quantità. Le merci come i metalli preziosi (oro e argento) hanno assunto a suo tempo tale funzione, proprio perché hanno le suddette proprietà. 2 Karl Marx, Il capitale, Libro primo, Sez. I, Cap. II. 3 Karl Marx, Il capitale, Libro primo, Sez. I, Cap. II. 19

5 L oro, in qualunque parte del mondo venga estratto ha sempre la stessa qualità, si può scomporre a scelta (1 grammo, 1 Kg. ecc.) tanto da renderlo uguale ad ogni quantità di merce che con esso si scambia. La merce-denaro raddoppia il suo valore d uso: oltre ad averne uno come merce (cura dentaria, articoli di lusso ecc.), acquista un valore d uso formale come denaro. Tutte le merci sono il suo equivalente particolare, perciò il denaro appare come merce universale. Il processo di scambio non dà alla merce-denaro il suo valore «ma la sua forma specifica di valore» 4. Con lo sviluppo del commercio nella società, viene in un primo tempo individuata la merce che funge da denaro: così è stato per l oro. L oro è entrato in circolazione come denaro ma con il suo valore già determinato (dal tempo di lavoro necessario a produrlo). Non si è verificato che l oro come denaro abbia acquisito un valore immaginario, nonostante taluni lo abbiano sostenuto (ad es.: Locke, Galiani per l epoca in cui Marx produsse le sue analisi) o lo sostengono erroneamente. E un errore credere che la merce-denaro abbia valore in quanto denaro; se così fosse tutte le merci avrebbero precostituita un unità di misura quale il denaro, espresso in merce per mera invenzione dell uomo. Non si comprende invece come la merce-oro sia potuta diventare l equivalente generale solo in base ad un processo sociale determinato, quale quello sopra descritto. Poiché la merce-denaro è l equivalente generale la sua grandezza di valore non può essere determinata quantitativamente: se l oro era la merce-denaro non si sapeva quanto valessero 10 libbre d oro; mentre per ciascuna quantità di tutte le altre merci era sempre dato sapere quanto oro valessero. L enigma del feticcio merce si sublima nell enigma del feticcio denaro. 4 Karl Marx, Il capitale, Libro primo, Sez. I, Cap. II. 20

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore.

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. Capitolo II La forma del valore 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. I beni nascono come valori d uso: nel loro divenire merci acquisiscono anche un valore (di scambio).

Dettagli

Valore d uso e valore

Valore d uso e valore Capitolo I Valore d uso e valore 1. Il bene come valore d uso. Iniziamo il nostro lavoro con la ricerca di una definizione del concetto di bene. Si ritiene che questo debba essere il punto di partenza

Dettagli

10. Le cose e i beni lezione definitiva 1 LE COSE ED I BENI

10. Le cose e i beni lezione definitiva 1 LE COSE ED I BENI 10. Le cose e i beni lezione definitiva 1 LE COSE ED I BENI Mentre il libro primo del Codice Civile si occupa dei soggetti, il libro terzo è dedicato all oggetto del diritto, così definendosi ciò che cade

Dettagli

Il quadro di riferimento

Il quadro di riferimento Il quadro di riferimento A.A. 2013-2014 Dott.ssa Alessandra Stefanoni 1 L oggetto di studio L azienda La ricerca, l individuazione e la condivisione dei caratteri universali dell azienda Caratteri riscontrabili

Dettagli

Ogge1o*d uso,*opera*d arte,*merce*(ii)*

Ogge1o*d uso,*opera*d arte,*merce*(ii)* Prof.Filippo*Fimiani*!! Ogge1o*d uso,*opera*d arte,*merce*(ii)* * Este=ca*e*teorie*delle*immagini*2014B15* Laurea*Triennale*in*Scienze*della*comunicazione* «A prima vista, una merce sembra una cosa triviale,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE

CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE L ATTIVITA ECONOMICA, IN ESTREMA SINTESI, CONSISTE IN OPERAZIONI DI PRODUZIONE E DI CONSUMO DI BENI ECONOMICI IL CONCETTO DI PRODUZIONE E IL PIU DELLE VOLTE CORRELATO A QUELLO

Dettagli

L Adempimento delle Obbligazioni

L Adempimento delle Obbligazioni L Adempimento delle Obbligazioni Autore: Concas Alessandra In: Diritto civile e commerciale Il debitore è obbligato a eseguire la prestazione dovuta, al fine di soddisfare l interesse del creditore e adempiere

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA Gilda Ricciardi IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA Le aziende commerciali Aspetti giuridici della compravendita Obblighi per il venditore e il compratore Il contratto di compravendita Le trattative La stipulazione

Dettagli

A review of the history of modern Political Economy

A review of the history of modern Political Economy A review of the history of modern Political Economy An insight into marxist and liberal theories Olivier Sirello SOMMARIO INTRODUZIONE... 11 FONDAMENTI FILOSOFICI E IL METODO... 11 TEORIA SULL ALIENAZIONE...

Dettagli

Il Consulente. Helios Life

Il Consulente. Helios Life Il Consulente Helios Life Il contratto con il cliente, nozioni Il rapporto con l azienda Il credito La domanda è: il credito, può essere utilizzato? La risposta è: Assolutamente SI. Il valore finanziario

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO frontespizio IL CAPITALE: ISTRUZIONI PER L USO Primo Ciclo: Capitalismo e Sfruttamento TUTTO E MERCE Capitolo 1: Merce e Denaro Premessa 1 Lettura Collettiva de Il Capitale Studio della critica dell economia

Dettagli

Il contratto di compravendita: disciplina giuridica e caratteri

Il contratto di compravendita: disciplina giuridica e caratteri ISSN 1127 8579 Pubblicato dal 01/06/2012 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/33551 il contratto di compravenditadisciplina giuridica e caratteri Autore: Concas Alessandra Il contratto di compravendita:

Dettagli

FILOSOFIA E GIUSTIZIA

FILOSOFIA E GIUSTIZIA FILOSOFIA E GIUSTIZIA Aristotele (Etica Nicomachea) amplia le precedenti definizioni, contrapponendo giustizia e ingiustizia. Il mezzo della giustizia equivale all'eguale e non è una quantità fissa, ma

Dettagli

GLI ELEMENTI ACCIDENTALI DEL CONTRATTO

GLI ELEMENTI ACCIDENTALI DEL CONTRATTO SEMINARIO CORSO DI DIRITTO PRIVATO - PROF.SSA SARA LANDINI - GLI ELEMENTI ACCIDENTALI DEL CONTRATTO LEZIONE DEL 22.11.2016 CHE COSA E IL CONTRATTO? (ART. 1321 C.C.) Il contratto è l accordo di due o più

Dettagli

Karl Marx. L alienazione del lavoro. Il materialismo storico

Karl Marx. L alienazione del lavoro. Il materialismo storico Karl Marx L alienazione del lavoro. Il materialismo storico L alienazione del lavoro All origine dell alienazione religiosa ci sono le contraddizioni della vita materiale, a cominciare dal lavoro. Funzione

Dettagli

Modulo D-LA COMPRAVENDITA

Modulo D-LA COMPRAVENDITA Unità didattica D1-IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA UdA D1.1 I CONTRATTI Obiettivi di apprendimento: Saper definire il contratto. Saper citare alcuni esempi di contratti. Comprendere e saper contestualizzare

Dettagli

Corso di lezioni di Diritto tributario IMPOSTA DI REGISTRO. Università Mediterranea Corso di laurea in Economics a.a

Corso di lezioni di Diritto tributario IMPOSTA DI REGISTRO. Università Mediterranea Corso di laurea in Economics a.a Corso di lezioni di Diritto tributario IMPOSTA DI REGISTRO Università Mediterranea Corso di laurea in Economics a.a. 2016-2017 Classificazione L imposta di Registro è una imposta indiretta disciplinata

Dettagli

Le funzioni del denaro

Le funzioni del denaro Capitolo V Le funzioni del denaro 22. Breve premessa. Riassumendo, le funzioni fondamentali del denaro risultano essere le seguenti: mezzo di circolazione; misura del valore (o moneta di conto). Attraverso

Dettagli

Il regime giuridico dei beni culturali

Il regime giuridico dei beni culturali Il regime giuridico dei beni culturali Le premesse I beni culturali (o le cose d'interesse storico-artistico) presentano un interesse degno di essere protetto In quanto tali sono soggetti, quale che sia

Dettagli

I. Il contratto in generale; II. La nozione di parte; III. Il contratto. con se stesso; IV. Il concetto di bilateralità nel contratto con se

I. Il contratto in generale; II. La nozione di parte; III. Il contratto. con se stesso; IV. Il concetto di bilateralità nel contratto con se INTRODUZIONE SOMMARIO I. Il contratto in generale; II. La nozione di parte; III. Il contratto con se stesso; IV. Il concetto di bilateralità nel contratto con se stesso; VI. Il ruolo del consenso. I. Il

Dettagli

AN INSIGHT INTO THE HISTORY OF MONEY

AN INSIGHT INTO THE HISTORY OF MONEY AN INSIGHT INTO THE HISTORY OF MONEY A brief review of the Marxist approach Olivier Sirello SOMMARIO IL DENARO... 4 ORIGINE DEL DENARO: RAPPORTO TRA FORMA VALORE RELATIVA ED EQUIVALENTE... 4 PASSAGGIO

Dettagli

PRINCIPI GENERALI TITOLI DI CREDITO

PRINCIPI GENERALI TITOLI DI CREDITO PRINCIPI GENERALI TITOLI DI CREDITO Mancanza nozione di titolo di credito In base alla disciplina e alla funzione sono stati individuati alcuni elementi caratteristici: 1) naturale destinazione alla circolazione

Dettagli

Insieme alle due proposte di delibera dell Autorità concernenti rispettivamente:

Insieme alle due proposte di delibera dell Autorità concernenti rispettivamente: Relazione tecnica (riferimento delibera 205/99) PRESUPPOSTI E FONDAMENTI DI PROVVEDIMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLE TARIFFE DI CESSIONE DELL ENERGIA ELETTRICA ALLE IMPRESE DISTRIBUTRICI, PER L INTEGRAZIONE

Dettagli

Cenni sull applicazione dei Principi Contabili Internazionali nella disciplina nazionale italiana

Cenni sull applicazione dei Principi Contabili Internazionali nella disciplina nazionale italiana Cenni sull applicazione dei Principi Contabili Internazionali nella disciplina nazionale italiana Definizione di fair value Per i Principi Contabili Internazionali NON esiste una definizione univoca di

Dettagli

LEZIONI DI MARKETING

LEZIONI DI MARKETING LEZIONI DI MARKETING 7 dicembre 2010 Hotel Chiostro delle Cererie 1 COSE E IL MARKETING? Il Marketing è la disciplina attraverso la quale l azienda innesca una serie di processi volti ad individuare le

Dettagli

Agevolazioni fiscali per l acquisto della prima casa

Agevolazioni fiscali per l acquisto della prima casa Agevolazioni fiscali per l acquisto della prima casa Vincenzo D'Andò in Nel periodo di fine, o inizio anno nuovo, maggiormente può capitare di dovere acquistare un immobile. In particolare, acquistando

Dettagli

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale Capitolo VII Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale 33. Il processo lavorativo. Abbiamo visto che il lavoro produce così valori d uso. Quindi può essere rappresentato in merci

Dettagli

I TRIBUTI. L art. 53 della Costituzione. Tutti sono tenuti a concorrere alla spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

I TRIBUTI. L art. 53 della Costituzione. Tutti sono tenuti a concorrere alla spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. I TRIBUTI: IMPOSTE, TASSE E CONTRIBUTI I TRIBUTI Il sistema tributario italiano è regolamentato dalla costituzione e da molte leggi ordinarie. Le fonti costituzionali principali le troviamo nell art. 2

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Lezione-online Contabilità e bilancio 5 La contabilità Dott. Riccardo Russo LA CONTABILITA Contabilizzare significa prendere nota, registrare, all interno di un registro (i libri contabili) le operazioni

Dettagli

Economia dell Ambiente

Economia dell Ambiente Economia dell Ambiente (8 crediti) Prof. Gianni Cicia http://cds.unina.it/~cicia/ http://www.docenti.unina.it/giovanni.cicia Il corso è articolato in due parti Economia Politica Cozzi T. e Zamagni S.:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Oggetto : Istanza d interpello, legge 27 luglio 2000, n.212.

RISOLUZIONE N. 88/E. Oggetto : Istanza d interpello, legge 27 luglio 2000, n.212. RISOLUZIONE N. 88/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 luglio 2005 Oggetto : Istanza d interpello, legge 27 luglio 2000, n.212. Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione

Dettagli

CAPITOLO 13- PRODOTTI DELLE INDUSTRIE METALLURGICHE A) PRODOTTI SIDERURGICI B) ALTRI METALLI NON PREZIOSI

CAPITOLO 13- PRODOTTI DELLE INDUSTRIE METALLURGICHE A) PRODOTTI SIDERURGICI B) ALTRI METALLI NON PREZIOSI CAPITOLO 13- PRODOTTI DELLE INDUSTRIE METALLURGICHE ITER DELL ACCERTAMENTO Primo accertamento: a) Raccolta provinciale degli usi e consuetudini 1970 b) Approvazione della Giunta: deliberazione n. 1115

Dettagli

IL CONTRATTO DI MANDATO E QUELLO DI COMMISSIONE: DIFFERENZE CIVILISTICHE E DISCIPLINA AI FINI DELL IVA

IL CONTRATTO DI MANDATO E QUELLO DI COMMISSIONE: DIFFERENZE CIVILISTICHE E DISCIPLINA AI FINI DELL IVA IL CONTRATTO DI MANDATO E QUELLO DI COMMISSIONE: DIFFERENZE CIVILISTICHE E DISCIPLINA AI FINI DELL IVA - a cura Paolo Giovanetti - Il contratto di Mandato è disciplinato dall art. 1703 del codice civile.

Dettagli

Percezione del patrimonio del de cuius come quote astratte e non come assets strategici Nella divisione ereditaria poi è riconosciuto un «Diritto ai

Percezione del patrimonio del de cuius come quote astratte e non come assets strategici Nella divisione ereditaria poi è riconosciuto un «Diritto ai Percezione del patrimonio del de cuius come quote astratte e non come assets strategici Nella divisione ereditaria poi è riconosciuto un «Diritto ai beni in natura» (art. 718; cfr. anche artt. 720, 727c.c.)

Dettagli

I bisogni hanno le seguenti caratteristiche:

I bisogni hanno le seguenti caratteristiche: Prof. Sartirana I bisogni umani Sono stati soggettivi di necessità o di insoddisfazione che le persone cercano di far cessare in quanto provocano sensazioni sgradevoli di disagio I bisogni hanno le seguenti

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE Lezione 2: L attività economica ed il sistema azienda Dott. Fabio Monteduro L attività economica ed il sistema

Dettagli

Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa

Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa Capitolo 7 Organizzazione e comportamento dell impresa Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.7 McGraw-Hill, 2001 La teoria

Dettagli

Le tre forme di reddito

Le tre forme di reddito Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del territorio Il mestiere dell urbanista / Legislazione urbanistica comparata prof. Edoardo Salzano La rendita Le tre forme di reddito L economia classica

Dettagli

HEGEL Fenomenologia dello spirito. Stoccarda Berlino 1831

HEGEL Fenomenologia dello spirito. Stoccarda Berlino 1831 HEGEL Fenomenologia dello spirito Stoccarda 1770- Berlino 1831 L assoluto e le parti Le singole cose sono parti o manifestazioni dell assoluto che è inteso come un organismo unitario. Queste parti non

Dettagli

MARX: COSE MAI LETTE

MARX: COSE MAI LETTE frontespizio IL CAPITALE: MARX: COSE MAI LETTE Moneta, Circolazione e Accumulazione LA MONETA Libro I, Capitolo 1-2-3 Il Il Capitale nei in precedenti questo ciclo cicli 1 Lettura collettiva: non una guida

Dettagli

11 VARI TIPI DI SOCIETA

11 VARI TIPI DI SOCIETA SOC. DI MUTUA ASSICURAZIONE SOCIETA SEMPLICE SS SOC. IN NOME COLLETTIVO SNC SOC. COOPERATIVA SOC. IN ACCOMANDITA SEMPLICE SAS SOC. A RESPONSABILITA LIMITATA SRL SOC. IN ACCOMANDITA PER AZIONI SAPA SOC.

Dettagli

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 25 11.07.2016 Il documento di trasporto e la fattura: corretto comportamento A cura di Pasquale Pirone Categoria:

Dettagli

Novità del DL 133/2014 convertito L. 164/2014 (c.d. Sblocca Italia ) Autotrasporto

Novità del DL 133/2014 convertito L. 164/2014 (c.d. Sblocca Italia ) Autotrasporto 24.2014 Dicembre Novità del DL 133/2014 convertito L. 164/2014 (c.d. Sblocca Italia ) Autotrasporto Sommario 1. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AUTOTRASPORTO... 2 1.1 Contributi alle imprese di autotrasporto...

Dettagli

BREVETTO DI SOFTWARE

BREVETTO DI SOFTWARE BREVETTO DI SOFTWARE CIRSFID, Università di Bologna Bologna, 24 novembre 2003 Carlo Gattei Fonti della Tutela Brevettuale in Europa Convenzione sul rilascio del Brevetto Europeo (CBE) firmata a Monaco

Dettagli

1.1 Il principio consensualistico nel diritto civile. Prima di analizzare compiutamente uno dei principi del nostro

1.1 Il principio consensualistico nel diritto civile. Prima di analizzare compiutamente uno dei principi del nostro 1.1 Il principio consensualistico nel diritto civile. Prima di analizzare compiutamente uno dei principi del nostro ordinamento giuridico - quello consensualistico - è necessario premettere che la scelta

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Lezione-online Contabilità e bilancio 6 L IVA Dott. Riccardo Russo L IVA L Imposta sul Valore Aggiunto è un imposta indiretta che viene applicata sull incremento di valore che un bene o servizio acquista

Dettagli

Una moneta complementare non è altro che una semplice unità di conto con. la quale è possibile scambiare beni e servizi assieme al denaro ufficiale.

Una moneta complementare non è altro che una semplice unità di conto con. la quale è possibile scambiare beni e servizi assieme al denaro ufficiale. CHE COSA È UNA MONETA COMPLEMENTARE? Una moneta complementare non è altro che una semplice unità di conto con la quale è possibile scambiare beni e servizi assieme al denaro ufficiale. Solitamente le valute

Dettagli

I diritti doganali e la fiscalità IVA: regime generale e accertamento doganale

I diritti doganali e la fiscalità IVA: regime generale e accertamento doganale PARMA, 14/21 APRILE 2015 I diritti doganali e la fiscalità IVA: regime generale e accertamento doganale Dott. Ufficio delle Dogane di Parma Diritto Doganale:norme di base. Reg. CEE n. 2913/92 (Codice Doganale

Dettagli

R.Bianchi 1. R.Bianchi 2. Fonte: Claudio Bezzi, Il disegno della ricerca valutativa, Nuova edizione, Franco Angeli, Milano, 2004

R.Bianchi 1. R.Bianchi 2. Fonte: Claudio Bezzi, Il disegno della ricerca valutativa, Nuova edizione, Franco Angeli, Milano, 2004 La valutazione è principalmente un attività di di ricerca applicata, realizzata, nell ambito di di un processo decisionale, in in maniera integrata con le le fasi di di programmazione, progettazione e

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 44 04.12.2013 Assegnazione beni ai soci Disciplina contabile e fiscale Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie L assegnazione dei beni

Dettagli

10 Lezione LE SITUAZIONI POSSESSORIE POSSESSO:

10 Lezione LE SITUAZIONI POSSESSORIE POSSESSO: POSSESSO: NEL LINGUAGGIO DI TUTTI I GIORNI I TERMINI «POSSESSO», «POSSEDERE» POSSONO ESSERE UTILIZZATI CON PIU SIGNIFICATI: «POSSEDERE» E SPESSO UTILIZZATO COME SINONIMO DI ESSERE PROPRIETARI. ES. UNA

Dettagli

Roma, 09 novembre 2007

Roma, 09 novembre 2007 RISOLZIONE 320/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 novembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello 2007. Notaio ALFA applicazione del sistema del cd. prezzo-valore ad una permuta immobiliare.

Dettagli

LEZIONI DI DIRITTO ED ECONOMIA IL CONCETTO DI BENE. Prof. Piergiorgio Masala, lezion di diritto ed economia.

LEZIONI DI DIRITTO ED ECONOMIA IL CONCETTO DI BENE. Prof. Piergiorgio Masala, lezion di diritto ed economia. LEZIONI DI DIRITTO ED ECONOMIA IL CONCETTO DI BENE 1 BISOGNI Il bisogno, inteso in senso economico, è una condizione di insoddisfazione (necessità o desiderio) dalla quale l uomo cerca di uscire tramite

Dettagli

1. Internazionale n /A CINA REGIME PATRIMONIALE: REGIME LEGALE. Si chiede quale sia il regime patrimoniale legale in Cina.

1. Internazionale n /A CINA REGIME PATRIMONIALE: REGIME LEGALE. Si chiede quale sia il regime patrimoniale legale in Cina. 1. Internazionale n. 193-2014/A CINA REGIME PATRIMONIALE: REGIME LEGALE Si chiede quale sia il regime patrimoniale legale in Cina. *** I rapporti patrimoniali dei coniugi sono regolati dagli artt. 17 e

Dettagli

1. DEMANIO E PATRIMONIO DELLO STATO.

1. DEMANIO E PATRIMONIO DELLO STATO. 1. DEMANIO E PATRIMONIO DELLO STATO. L art. 42 della Carta Costituzionale afferma che i beni economici, intendendosi per essi quelli suscettibili di appropriazione e dunque di commercio, appartengono allo

Dettagli

REGOLA D ARTE NORMA TECNICA QUALITA Sono coniugabili e sufficienti per un risultato che soddisfi sia il committente, sia l installatore?

REGOLA D ARTE NORMA TECNICA QUALITA Sono coniugabili e sufficienti per un risultato che soddisfi sia il committente, sia l installatore? REGOLA D ARTE NORMA TECNICA QUALITA Sono coniugabili e sufficienti per un risultato che soddisfi sia il committente, sia l installatore? Relatore: Oscar Trevisan (membro CEI Confartigianato Imprese) REGOLA

Dettagli

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA PRIMA SETTIMANA

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA PRIMA SETTIMANA Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA PRIMA SETTIMANA ALCUNE PREMESSE Cosa e la microeconomia? E la disciplina che studia

Dettagli

Movimenti finanziari e competenza economica

Movimenti finanziari e competenza economica Movimenti finanziari e competenza economica Movimenti finanziari: Variazione debiti, crediti o liquidità Competenza economica: Realizzazione ricavi processo produttivo è stato completato lo scambio è già

Dettagli

Unità Didattica realizzata dalla prof.ssa De Simone Marilena A.S. 2015/16

Unità Didattica realizzata dalla prof.ssa De Simone Marilena A.S. 2015/16 Unità Didattica realizzata dalla prof.ssa De Simone Marilena A.S. 2015/16 La matematica finanziaria si occupa di tutti i problemi relativi al denaro e al suo impiego. Il denaro è lo strumento con cui possiamo

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

CIRCOLARE N. 35/2016. Approfondimento. Oggetto: Inventariazione del magazzino e registrazione debiti a fine esercizio

CIRCOLARE N. 35/2016. Approfondimento. Oggetto: Inventariazione del magazzino e registrazione debiti a fine esercizio Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Clementina Mercati Dott.ssa Sara Redeghieri Dott. Paolo Caprari

Dettagli

Schopenhauer Tra razionale e irrazionale

Schopenhauer Tra razionale e irrazionale Schopenhauer Tra razionale e irrazionale Le domande fondamentali poste da Arthur Schopenhauer : Che cosa coglie la ragione discorsiva? La ragione discorsiva può essere superata per cogliere la realtà?

Dettagli

Il contratto di compravendita internazionale. De Beni Ylenia & Pietropoli Sara Classe 5BB RIM

Il contratto di compravendita internazionale. De Beni Ylenia & Pietropoli Sara Classe 5BB RIM Il contratto di compravendita internazionale De Beni Ylenia & Pietropoli Sara Classe 5BB RIM Cos è? Il contratto di compravendita internazionale è un accordo tra 2 parti (appartenenti a due Paesi diversi

Dettagli

IL VICEDIRETTORE DELL AGENZIA AREA MONOPOLI

IL VICEDIRETTORE DELL AGENZIA AREA MONOPOLI Prot. 45260/RU IL VICEDIRETTORE DELL AGENZIA AREA MONOPOLI Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive

Dettagli

Estratto delle lezioni di Economia e Diritto. svolte dal prof. Mela Antonio nell A.S. 2012/2013 presso il. Liceo Scientifico Statale "E.

Estratto delle lezioni di Economia e Diritto. svolte dal prof. Mela Antonio nell A.S. 2012/2013 presso il. Liceo Scientifico Statale E. Estratto delle lezioni di Economia e Diritto svolte dal prof. Mela Antonio nell A.S. 2012/2013 presso il Liceo Scientifico Statale "E. Fermi" Brindisi Nello svolgimento delle sue lezioni, il prof. Mela

Dettagli

Il ciclo del capitale monetario

Il ciclo del capitale monetario Il ciclo del capitale monetario Bibliografia: K. Marx, Il capitale. Critica dell'economia politica. Libro secondo, Editori Riuniti, Roma, 1965 Prima sezione: Le metamorfosi del capitale e il loro ciclo

Dettagli

Presupposto/obiettivi

Presupposto/obiettivi IMPOSTA DI REGISTRO Caratteristiche Tributo indiretto; Tributo istantaneo; La sua applicazione è legata alla registrazione di un atto; Duplice natura di imposta e tassa; Vi è una rigida elencazione di

Dettagli

Guardia di Finanza SCUOLA ISPETTORI E SOVRINTENDENTI. 80 Corso S.Brig. M.O.V.M. Amedeo De Ianni. Legislazione e servizi in materia di Accise e Dogane

Guardia di Finanza SCUOLA ISPETTORI E SOVRINTENDENTI. 80 Corso S.Brig. M.O.V.M. Amedeo De Ianni. Legislazione e servizi in materia di Accise e Dogane Guardia di Finanza SCUOLA ISPETTORI E SOVRINTENDENTI 80 Corso S.Brig. M.O.V.M. Amedeo De Ianni Legislazione e servizi in materia di Accise e Dogane Docente: Prof. Santacroce Compagnie riunite Lezione nr.

Dettagli

GIOCO DELLE 12 PALLINE

GIOCO DELLE 12 PALLINE GIOCO DELLE 12 PALLINE Si ha a disposizione una bilancia a due piatti, senza pesi, e 12 palline una delle quali potrebbe essere diversa. Bisogna trovare la pallina diversa con tre confronti (Si vuole portare

Dettagli

POSSESSO (art c.c.)

POSSESSO (art c.c.) POSSESSO (art. 1140 c.c.) E una situazione giuridica sogge:va a:va che consiste nel potere sulla cosa che si manifesta in un a:vità corrispondente all esercizio della proprietà (c.d. possesso pieno) o

Dettagli

Le cause legittime di prelazione, definizione, caratteri e disciplina giuridica

Le cause legittime di prelazione, definizione, caratteri e disciplina giuridica Le cause legittime di prelazione, definizione, caratteri e disciplina giuridica Autore: Concas Alessandra In: Diritto civile e commerciale Le cause legittime di prelazione sono quelle che, derogando al

Dettagli

Circolare N. 179 del 23 Dicembre 2016

Circolare N. 179 del 23 Dicembre 2016 Circolare N. 179 del 23 Dicembre 2016 Assegnazione, cessione dei beni di impresa ed estromissione dell imprenditore individuale: è proroga Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017

Dettagli

Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con D.P.R. 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con D.P.R. 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni; Prot. 2012/ 21698 /Giochi/LTT IL DIRETTORE GENERALE Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con D.P.R. 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni; Visto l art. 6 della

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE

CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE Rispetto alla produzione (output) Aziende manufatturiere: prodotti tangibili derivanti da processi di trasformazione Aziende non manufatturiere: prodotti tangibili e intangibili

Dettagli

LE NOVITA FISCALI PER LA CASA Pontedera 29 giugno Avv. Barbara Gambini Confedilizia Pisa

LE NOVITA FISCALI PER LA CASA Pontedera 29 giugno Avv. Barbara Gambini Confedilizia Pisa LE NOVITA FISCALI PER LA CASA Pontedera 29 giugno 2016 Avv. Barbara Gambini Confedilizia Pisa Art. 1 comma 76-84 legge di stabilità 2016 (L. 28.12.2015 n. 208) La nuova disciplina giuridica del leasing

Dettagli

IL VICEDIRETTORE DELL AGENZIA AREA MONOPOLI

IL VICEDIRETTORE DELL AGENZIA AREA MONOPOLI Prot. 91169/RU IL VICEDIRETTORE DELL AGENZIA AREA MONOPOLI Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive

Dettagli

Bitcoin - criptovalute

Bitcoin - criptovalute Bitcoin - criptovalute Che cos e la moneta? Definizione MONETA: Dall originario significato di dischetto di metallo coniato per le necessità degli scambi, avente lega, titolo, peso e valore stabiliti,

Dettagli

La fattibilità dei progetti

La fattibilità dei progetti La fattibilità dei progetti 12.XII.2005 La fattibilità dei progetti La fattibilità di un progetto dipende dalla capacità che quest ultimo ha di determinare condizioni per un effettiva cooperazione fra

Dettagli

2. INVESTIMENTI AGEVOLABILI

2. INVESTIMENTI AGEVOLABILI 5 incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose, come modificato dal decreto legislativo 21 settembre 2005, n. 238, per l attuazione della direttiva 2003/105/CE 1. 2. INVESTIMENTI AGEVOLABILI

Dettagli

Disposizioni a tutela del credito, semplificazione e accelerazione del processo di esecuzione forzata

Disposizioni a tutela del credito, semplificazione e accelerazione del processo di esecuzione forzata Alumni Litubium Claviere (TO) - 12 e 13 Dicembre 2104 Disposizioni a tutela del credito, semplificazione e accelerazione del processo di esecuzione forzata Nuovi favorevoli scenari o ulteriori complicazioni

Dettagli

Generale dell AAMS sul sito istituzionale dell Amministrazione abbia uguale valore della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale;

Generale dell AAMS sul sito istituzionale dell Amministrazione abbia uguale valore della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale; Prot. 2012/ 32565 /Giochi/LTT IL DIRETTORE GENERALE Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con D.P.R. 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni; Visto l art. 6 della

Dettagli

Lezione 3 Le preferenze del consumatore

Lezione 3 Le preferenze del consumatore Lezione 3 Le preferenze del consumatore Argomenti Introduzione all analisi del comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore Le curve di indifferenza Il Saggio Marginale di Sostituzione Curve

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE Corso di laurea in Scienza della Pubblica Amministrazione IL CONTRATTO DI SWAP Cattedra Istituzioni di diritto privato RELATORE CANDIDATO

Dettagli

L ECONOMIA E LE FUNZIONI DI UNA VARIABILE (RICAVO E PROFITTO) Prof.ssa Angela Donatiello 1

L ECONOMIA E LE FUNZIONI DI UNA VARIABILE (RICAVO E PROFITTO) Prof.ssa Angela Donatiello 1 L ECONOMIA E LE FUNZIONI DI UNA VARIABILE (RICAVO E PROFITTO) Prof.ssa Angela Donatiello 1 LA FUNZIONE DEL RICAVO Chiamiamo RICAVO TOTALE il prodotto della quantità venduta per il prezzo unitario di vendita.

Dettagli

Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili

Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili Articolo 36, comma 7, del D.L. n.223/2006 Ai fini del calcolo delle quote di ammortamento deducibili il costo complessivo dei

Dettagli

ARGOMENTI DELL INCONTRO:

ARGOMENTI DELL INCONTRO: ARGOMENTI DELL INCONTRO: Cenni storici: l origine dell economia classica L economia della formazione moderna L oggetto dell economia della formazione Trasformazioni nell organizzazione economica della

Dettagli

Diritto Commerciale. G. Campobasso, Manuale di diritto commerciale, Roma, Utet, 2012;

Diritto Commerciale. G. Campobasso, Manuale di diritto commerciale, Roma, Utet, 2012; Diritto Commerciale Circolazione dell azienda - introduzione BIBLIOGRAFIA: G. Campobasso, Manuale di diritto commerciale, Roma, Utet, 2012; A. Gambino, Daniele U. Santosuosso, Fondamenti di diritto commerciale

Dettagli

I BREVETTI Il brevetto è uno strumento che permette al titolare dello stesso di tutelarsi dallo sfruttamento altrui delle idee che oltre ad aver

I BREVETTI Il brevetto è uno strumento che permette al titolare dello stesso di tutelarsi dallo sfruttamento altrui delle idee che oltre ad aver I BREVETTI Il brevetto è uno strumento che permette al titolare dello stesso di tutelarsi dallo sfruttamento altrui delle idee che oltre ad aver pensato ha anche realizzato. Brevettando infatti una propria

Dettagli

Stock markets (mercati azionari) : le borse nella nozione comune del termine, ad esempio, New York, Londra,Tokyo, Milano etc

Stock markets (mercati azionari) : le borse nella nozione comune del termine, ad esempio, New York, Londra,Tokyo, Milano etc MERCATI FINANZIARI e Opzioni Introduzione Stock markets (mercati azionari) : le borse nella nozione comune del termine, ad esempio, New York, Londra,Tokyo, Milano etc Bond markets (mercati obbligazionari)

Dettagli

Le caratteristiche del contratto di appalto

Le caratteristiche del contratto di appalto Le caratteristiche del contratto di appalto Autore: Concas Alessandra In: Diritto amministrativo La disciplina giuridica dell'appalto è contenuta al capo VII "dell'appalto", del titolo III "dei singoli

Dettagli

IL DEPOSITO. Codice civile articoli

IL DEPOSITO. Codice civile articoli IL DEPOSITO Codice civile articoli 1766 1797 Il deposito è il contratto con il quale una parte (depositario) riceve dall altra (depositante) una cosa mobile con l obbligo di custodirla e restituirla in

Dettagli

Articolo 62: ambito di applicazione, caratteristiche di forma dei contratti, entrata in vigore Avv. Luciano Di Via Bonelli Erede Pappalardo

Articolo 62: ambito di applicazione, caratteristiche di forma dei contratti, entrata in vigore Avv. Luciano Di Via Bonelli Erede Pappalardo Articolo 62: ambito di applicazione, caratteristiche di forma dei contratti, entrata in vigore Avv. Luciano Di Via Bonelli Erede Pappalardo www.beplex.com 1 L articolo 62 disciplina tre materie: I requisiti

Dettagli

Come l economia si integra nella società

Come l economia si integra nella società Come l economia si integra nella società Esistono tre modi fondamentali di integrazione: 1. Reciprocità: prestazione di servizi o cessione di beni materiali con la previsione di avere successivamente una

Dettagli

1 LEZIONE EVOLUZIONE DEI MEZZI DI PAGAMENTO

1 LEZIONE EVOLUZIONE DEI MEZZI DI PAGAMENTO DAL BARATTO ALLA MONETA MERCE LA PRIMA FORMA DI SCAMBIO TRA SOGGETTI ECONOMICI è STATA IL BARATTO, OGGI DETTO PERMUTA, CHE CONSISTE NELLA CESSIONE DI UN BENE IN CAMBIO DI UN ALTRO DI TIPO DIVERSO. QUESTA

Dettagli

Economia degli Intermediari Finanziari. I pronti contro termine

Economia degli Intermediari Finanziari. I pronti contro termine Economia degli Intermediari Finanziari I pronti contro termine 1. Definizione L operazione di pronti contro termine (P/T) consiste in una doppia compravendita di titoli che avviene attraverso due distinti

Dettagli

Parleremo di organizzazione, e in particolare di organizzazione d impresa

Parleremo di organizzazione, e in particolare di organizzazione d impresa Giovanni Masino Parleremo di organizzazione, e in particolare di organizzazione d impresa Attraverso concetti e strumenti teorici Attraverso alcuni esempi e casi aziendali Tratti da imprese tra le più

Dettagli

Due definizioni di economia

Due definizioni di economia ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II Reciprocità e redistribuzione Due definizioni di economia in senso sostanziale: l insieme delle attività orientate alla produzione, alla distribuzione e al consumo di beni e servizi

Dettagli

IL PROCESSO DI AMMORTAMENTO

IL PROCESSO DI AMMORTAMENTO L AMMORTAMENTO, LA SVALUTAZIONE E LA DISMISSIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI PROF. GIANLUCA GINESTI Indice 1 IL PROCESSO DI AMMORTAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La successione necessaria

La successione necessaria La successione necessaria Prof.ssa Cinzia Criaco Argomenti La disciplina dei legittimari è contemplata nel capo X titolo I Libro II delle successioni. Le questioni in argomento sono: La fattispecie della

Dettagli

I lavori in corso su ordinazione

I lavori in corso su ordinazione I lavori in corso su ordinazione 1 I lavori in corso su ordinazione Sono lavori svolti per conto di terzi richiedenti tempi lunghi di esecuzione, ovvero commesse a lungo termine che possono riguardare,

Dettagli