UNIVERSITÀ PONTIFICIA SALESIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ PONTIFICIA SALESIANA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ PONTIFICIA SALESIANA Corso per Operatori di Pastorale Giovanile promosso dall UPS in collaborazione con il Servizio Nazionale di Pastorale Giovanile L EDUCAZIONE: UNA SCOMMESSA SUI GIOVANI STUDENTE: ANACLETO ANTONINI (MATR T) DOCENTE: PROF. JOSÉ LUIS MORAL

2 FOLIGNO 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 I. CONOSCERE LA REALTÀ GIOVANILE...6 II. I GIOVANI E LA FEDE...12 III. PROPOSTE EDUCATIVE...19 CONCLUSIONE...25 BIBLIOGRAFIA

3 INTRODUZIONE La meta di questo elaborato è di comprendere come l educazione integrale del giovane fondata sulla fede in Gesù Cristo dovrebbe orientare e caratterizzare l uomo in ogni sua dimensione. È terminato il tempo di parlare solo e sempre dei giovani come realtà sconosciuta e teorica. Occorre ripensare, seriamente, la missione ricevuta dal Signore di andare incontro a coloro che hanno bisogno di essere amati, educati ed evangelizzati, in particolare ai giovani che si avviano nel mondo del lavoro e a quelli che non sanno trovare un senso alla propria vita. Noi abbiamo l impegno di: essere una Chiesa che scommette sui giovani nel senso che non si defila dalle loro problematiche, ma anzi le assume con generosità. Non si tratta di fare cose per loro, ma di avere il coraggio di confrontarsi con loro. C è bisogno di comunità che sappiano, senza paura, aprirsi alle nuove generazioni, dando voce ai giovani nei 3

4 consigli pastorali e ovunque. Far crescere il protagonismo dei giovani nelle comunità è un efficace via di rinnovamento delle comunità stesse 1. Ho sviluppato tale argomento in tre tappe. Nel primo capitolo per argomentare sul mondo giovanile è importante conoscere la realtà. Da ciò si comprende il senso del secondo capitolo che si sofferma, infatti, sulle problematiche caratterizzanti i giovani: solo conoscendoli a fondo in tutte le dimensioni è possibile creare dei progetti attraenti, coinvolgenti, utili e realizzabili per essi. Nel terso capitolo metto in evidenza alcune proposte educative per la crescita spirituale e valoriale dei giovani ma anche di confronto nel territorio con quei loro coetanei che fanno un po fatica a varcare le soglie delle nostre realtà ecclesiali. Per il mio elaborato ho utilizzato il materiale proposto durante il corso di operatore di pastorale giovanile come pure la nutrita bibliografia di studi esposta dai docenti. Ringrazio tutti i docenti, in particolar modo don Josè Luis Moral, per la possibilità offertami per definire, attraverso una metodologia, gli elementi essenziali per un educazione alla fede dei giovani che mira a mete alte per la vita, cercando di scoprire sempre di più che gli stessi giovani sono una grande risorsa e non un disagio, un problema per una comunità sia ecclesiale che civile. 1 CONFERENZA EPISCOPALE UMBRA, Le Chiese in Umbria e i Giovani, EDB, Bologna 2002, p

5 Ancora Ancora oggi Dio cerca cuori giovani, cerca giovani dal cuore grande, capaci di fare spazio a Lui nella loro vita per essere protagonisti della Nuova Alleanza. Per accogliere una proposta affascinante come quella che ci fa Gesù, per stringere Alleanza con Lui, occorre essere giovani interiormente, capaci di lasciarsi interpellare dalla sua novità, per intraprendere con Lui strade nuove. Gesù ha una predilezione per i giovani, come ben evidenzia il dialogo con il giovane ricco (cfr Mt 19,16-22; Mc 10,17-22); ne rispetta la libertà, ma non si stanca mai di proporre loro mete più alte per la vita: la novità del Vangelo e la bellezza di una condotta santa. Seguendo l esempio del suo Signore la Chiesa continua ad avere la stessa attenzione. Ecco perché, cari giovani, vi guarda con immenso affetto, vi è vicina nei momenti della gioia e della festa, della prova e dello smarrimento; vi sostiene con i doni della grazia sacramentale e vi accompagna nel discernimento della vostra vocazione. Cari giovani, lasciatevi coinvolgere nella vita nuova che sgorga dall incontro con Cristo e sarete in grado di essere apostoli della sua pace nelle vostre famiglie, tra i vostri amici, all interno delle vostre comunità ecclesiali e nei vari ambienti nei quali vivete ed operate 2. 2 BENEDETTO XVI, Niente è impossibile per chi si fida di Dio e si affida a Dio. Guardate alla giovane Maria!, Incontro con i giovani italiani a Loreto (1 2 settembre 2007), Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2007, p

6 I. CONOSCERE LA REALTÀ GIOVANILE Oggi parlare dei giovani è diventato un fatto comune: tutti hanno qualcosa da dire su di loro, sul loro mondo e le varie dimensioni che esso presenta. Sociologi, psicologi, giornali, trasmissioni televisive e indagini si rivolgono sovente a questa realtà che, secondo la maggior parte degli esperti, sembra ancora non pienamente conosciuta e studiata. Ma chi sono realmente i giovani? Sovente si parla di giovani in termini o di indiscriminata condanna o di eccitante esaltazione. Non condividiamo questa tendenza e riteniamo piuttosto che essi debbano essere compresi per quello che realmente sono, per quello che fanno, per quello che dicono, per le loro genuine aspirazioni. Se essi sono in causa, allora tutta la comunità è in questione, a livello civile e a livello ecclesiale. Su di essi, infatti, si riversano con più forte esasperazione le angosce che tutti viviamo, come le esigenze e le attese comuni. Riteniamo nostro dovere seguire più da vicino la questione giovanile, che non consente disattenzioni o superficialità, perché si tratta delle radici profonde di un inquietudine non certo passeggera 3. 3 CONSIGLIO PERMANENTE DELLA CEI, Messaggio ai confratelli nell episcopato e alle loro comunità diocesane ( ), in ECEI II: [n. 10]. 6

7 Prima di ogni azione educativa e pastorale occorre ricercare il punto di partenza, cioè si deve osservare attentamente la situazione in cui si è chiamati ad agire; processo non facile, poiché anche noi siamo dentro il contesto che vogliamo analizzare 4. Troppo spesso, infatti, gli educatori tendono a saltare il momento di analisi della situazione giovanile, privilegiando ciò che i giovani pensano rispetto a ciò che essi sono. Per conoscere autenticamente i giovani è necessario comprendere il contesto e i luoghi che abitano e percorrono, soffermandosi in particolare nella valutazione delle loro difficoltà e problematiche. Nella società moderna sono venuti meno i legami spaziotemporali, che sono fondamentali per la costruzione dell identità delle persone. Si assiste, infatti, alla perdita del contatto interpersonale che, secondo Mario Pollo, docente presso l Università Pontificia Salesiana, caratterizza la nostra società attraverso questi tre fenomeni: la mancanza di un centro fisico: il policentrismo della realtà complessa ha prodotto la frammentazione della cultura 4 Cf. G. RUTA, Progettare la pastorale giovanile oggi, Elledici, Leumann (To) 2002, p

8 sociale e ( ) non lascia posto né alla verità, né all oggettività 5 ; la mancanza di un ideologia forte: la crisi delle grandi narrazioni, dei sistemi ideologici e di pensiero, dei punti di riferimento esterni a sé attraverso i quali era possibile interpretare oggettivamente la realtà 6 ; l incapacità di leggere la storia come successione di eventi: la perdita della capacità di interpretare il tempo 7 e della capacità progettuale in grado di dare coerenza alla vita e senso al frammento di tempo, cioè la vita individuale e la stessa storia dell umanità 8 L intreccio di questi tre fenomeni culturali nella vita dei giovani ha prodotto in gran parte la deriva del soggettivismo e la conseguente chiusura dei giovani stessi in quell orizzonte di senso costituito principalmente dai bisogni personali, dalle argomentazioni del desiderio, dai sentimenti espressi e non, e dai sistemi simbolici interiorizzati [...]. Questa chiusura si attenua solitamente nelle microaperture disegnate dalla relazionalità primaria con le persone con cui si condivide, in un clima di solidarietà affettiva, il piccolo mondo vitale quotidiano. Anche se spesso in questi casi, più che di vere aperture si tratta di una reciproca accettazione della propria soggettività 9. 5 Cf. M. POLLO, Le sfide educative dei giovani d oggi, Elledici, Leumann (To) 2000, p Ibidem. 7 La categoria del tempo si sta qualificando oggi come fondamentale per la comprensione di una vasta area degli stili di vita dei giovani, soprattutto in collegamento con il passato e con il futuro, oltre che con la sua relazione al tempo di lavoro. 8 Cf. POLLO, Le sfide educative dei giovani 9. 9 Ibidem. 8

9 In un mondo ormai pluralistico e globale, cresce poi la domanda di regolazione sociale in molti campi, per operare un controllo in settori che possono avere gravi ripercussioni sia sulla vita degli individui che sul futuro della collettività: si pensi alla questione ambientale, ai campi della bioetica e delle biotecnologie, agli equilibri finanziari internazionali, ecc. In questo scenario non chiaro, ricco di sollecitazioni e di imprevisti, è evidente negli individui la difficoltà di orientarsi su questioni sia grandi che piccole. La modernità porta dunque con sé molte inquietudini, immette in una situazione di incertezza, alimenta l insicurezza, produce rischi dissociativi: tutti aspetti che espongono i soggetti a tensioni e contraddizioni difficilmente risolvibili con le risorse a disposizione. C è il rischio di un effetto spaesamento 10. In uno scenario di questo tipo, contraddistinto dall incertezza e dalla precarietà, dal desiderio dell infinitezza e dall esperienza del limite, si sperimenta un senso di inadeguatezza 11. Tutto questo ha indubbie ripercussioni nella vita dei giovani. 10 Cf. POLLO, Le sfide educative dei giovani Cf. T. DONI, Tra eccesso e apatia, in Note di Pastorale Giovanile 2 (2005) 14. 9

10 Per loro, ad esempio, porsi grandi mete in questa società non è facile, in quanto incontrano sulla loro strada la concorrenza di molti adulti e vivono in un clima sociale segnato da incertezza e complessità. Vari problemi strutturali condizionano il loro inserimento sociale, in un sistema caratterizzato da difficoltà di raccordo tra domanda e offerta di lavoro, tra sistema formativo e sistema occupazionale, tra aspettative maturate e alimentate e possibilità effettive. Non mancano spazi di realizzazione per i giovani, ma questa ricerca pare fortemente segnata dalla precarietà e dalla flessibilità. In questo contesto, molti giovani ricercano nelle varie esperienze una continua conferma di sé, in un tempo avaro di certezze e di sicurezze. Si tratta di una tendenza ricorrente, che coinvolge sia il campo occupazionale che quello formativo, sia le dinamiche tra pari che il rapporto di coppia, sia la presenza nelle istituzioni che il cammino associativo, sia il momento del divertimento che l espressione del corpo, ecc. I vari ambiti di vita rappresentano dei luoghi in cui misurare se stessi e le proprie capacità, per maturare conferme in termini di identità 12, per comprendere sia chi si è, sia che cosa si è in grado di 12 Cf. MILANESI, I giovani nella società complessa

11 fare; e ciò, in particolare, per una condizione giovanile che proprio perché vive un processo di socializzazione molto aperto ha continuamente bisogno di ridefinire se stessa e di ottenere rassicurazioni e certezze. II. I GIOVANI E LA FEDE 11

12 L uomo è un ricercatore di amore e di verità. Amore e verità contengono e riassumono tutte le aspirazioni fondamentali della vita umana 13. Questa sete di amore e verità ogni giovane la porta nel cuore e cerca ogni mezzo che la soddisfa. In lui, come in ogni uomo, c è un anelito di assoluto che dà pace e sicurezza alla propria esistenza. Nonostante il diffuso disagio giovanile, a volte manifesto, altre volte soffocato, i giovani esprimono anche oggi le attese dell umanità e portano in sé ideali che si fanno strada nella storia: rispetto della libertà e unicità della persona, la sete di autenticità, un nuovo concetto e stile di reciprocità nei rapporti tra uomo e donna, il riconoscimento dei valori della pace e della solidarietà, la passione per un mondo più unico e più giusto, l apertura al dialogo con tutti, l amore per la natura La domanda sul senso della vita fa parte di quei bisogni esistenziali che mettono in moto una serie di dinamiche psico-sociali che danno tono e qualità a tutto il resto della vita 15. I giovani stanno diventando ricercatori appassionati di quei significati che non riescono più a possedere spontaneamente. La maturazione di questa domanda si sviluppa e si traduce in una vera a propria domanda religiosa 16. In ogni individuo soggiace un desiderio di trovare delle risposte al vuoto esistenziale diffuso: si assiste, nelle giovani generazioni, ad 13 Cf. J. L. MORAL, Desideri, sentimenti e... una pastorale giovanile con cuore, in Note di Pastorale Giovanile 2 (2005) CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, Evangelizzazione e testimonianza della carità. Orientamenti pastorali per gli anni 90, in ECEI IV: (n. 44). 15 Cf. MION, I nuovi adolescenti nella società complessa Ivi

13 un proliferare di esperienze che, in qualche modo, si definiscono religiose 17. Un elemento comune a queste esperienze religiose è costituito dalla predominanza della dimensione esperienziale. Nel quadro della società italiana più cattolica che religiosa, più religiosa che credente 18, la tendenza di fede dei giovani è più etica che religiosa, più interiore che esteriore. La religiosità giovanile è più relazionale che contenutistica 19. Il rilevamento statistico dello IARD 20 ha messo in luce che oltre l 80% dei giovani italiani si dichiara credente in Dio. Secondo l elaborazione di questi dati per 17 Cf. R. TONELLI, L esperienza religiosa dei giovani, in Orientamenti pastorali 3 (1996) Cf. F. GARELLI, Religione e Chiesa in Italia, Il Mulino, Bologna 1991, p Ibidem. 20 L Istituto IARD, fondato nel 1961 da Franco Brambilla e intitolato a suo nome dal 2002, è ente senza scopo di lucro, attivo nel campo della ricerca sociologica, finalizzata all individuazione e allo studio dei processi culturali, educativi e formativi, con un approccio a tutto campo, che integra le diverse scienze sociali. Presente sul territorio nazionale con un attenzione costante all evoluzione di atteggiamenti e comportamenti, l Istituto IARD pone al centro delle proprie attività di ricerca l osservazione dei fenomeni legati alla condizione giovanile, analizzata sia nei suoi aspetti strutturali, sia all interno delle proiezioni sociali e dei vissuti individuali. Lavorare con i giovani richiede innanzi tutto di conoscerli ed ascoltarli. Questo è il principio su cui si basa l attività di ricerca dell Istituto IARD: le numerose indagini, svolte sia a livello locale che nazionale, rappresentano, infatti, uno strumento dinamico in grado di cogliere - grazie alla collaborazione e al dialogo continui con gli operatori - le specificità, il potenziale e gli elementi critici o di rischio che caratterizzano la popolazione giovanile. La ricerca rappresenta insomma il punto di partenza per definire interventi efficaci che diano vita a proposte operative, finalizzate al potenziamento dei servizi rivolti al pubblico giovanile. Frutto tra i più importanti dell esperienza maturata è il Rapporto IARD sulla condizione giovanile in Italia, realizzato ogni 4 anni, dal Caso pressoché unico in Italia, il Rapporto Iard costituisce una preziosa osservazione della dinamica degli atteggiamenti, delle opinioni e dei comportamenti, in un arco di tempo ormai ventennale. La ricerca genera soluzioni: non solo giovani. A queste ricerche si possono comparare quelle eseguite dal professor Mario Pollo, docente di Metodologia della ricerca positiva in ambito educativo e pastorale presso l Università Pontificia Salesiana, pubblicate da Elledici nel 1996 in due volumi (in bibliografia) che seguono il metodo delle storie di vita ed hanno un approccio qualitativo. In realtà, i dati relativi alla religiosità che emergono nei due differenti sondaggi possono essere considerati complementari. Cf. 5IARD,

14 opera dell Istituto di Teologia Pastorale dell Università Salesiana 21, è emerso che l esperienza religiosa dei giovani rimane circoscritta alla sfera personale e privata, non conducendo a forme di pratica religiosa condivise con altri. Questo atteggiamento denota una religiosità tutta centrata sulla percezione del proprio vissuto come unico fondamento veritativo della propria esperienza religiosa 22. I giovani che vivono questo rapporto personale normalmente non partecipano ad alcuna esperienza di Chiesa 23. Tutto questo è frutto della complessità sociale attuale che ha influito, e influisce, sul modo di vivere l esperienza religiosa cristiana sotto la spinta delle derive della soggettivizzazione e della privatizzazione, della apparente desacralizzazione, della spazializzazione del tempo, con le sue minacce di sincretismo e di disincarnazione dell esperienza cristiana, e del relativismo etico 24. Il giovane oggi vive una non maturità dell atteggiamento religioso venendo a mancare l integrazione dell esperienza personale con la fede, che rimane legata ad episodi, all emozionalità scollegata dalla vita 25. Assistiamo al fenomeno 21 Cf. M. POLLO (a cura di), L esperienza religiosa dei giovani. 2/1. I dati: Giovani, Elledici, Leumann (To) Cf. POLLO, Le sfide educative dei giovani Cf. M. POLLO, Essere giovani oggi. Una lettura e interpretazione della condizione giovanile, in Credere Oggi 6 (1996) Cf. POLLO, Le sfide educative dei giovani Cf. O. VITO, La portata della variabile territoriale, in M. MIDALI R. TONELLI (a cura di), L esperienza religiosa dei giovani. 2/3. Approfondimenti, Leumann (To), Elledici, 1996, pp

15 della religiosità light 26, religiosità di emozioni passeggere e di convinzioni frammentarie, poco interessata alla conoscenza organica del mistero cristiano e delle verità della fede, senza preoccupazione per la coerenza di vita. I giovani che vivono questa religiosità non sono contrari né disinteressati ai problemi religiosi, ma si ritengono indipendenti ad ogni impegno istituzionale ed etico in nome della loro laicità 27. Essi vivono momenti di forte emozione e impatto religioso grazie a grandi figure (il Papa Giovanni Paolo II, Madre Teresa,...), a causa di un evento (raduni giovanili come le Giornate Mondiali della Gioventù, esperienze di volontariato, di missione,...), da un problema personale o dell ambiente (droga, situazione di abbandono delle persone, disastri naturali,...), momenti che risvegliano in loro tanti ricordi legati alla formazione cristiana ricevuta. In questo contesto essi sono più propensi ad accogliere una proposta concreta e avvincente di maggior conoscenza della figura di Cristo. In questo quadro emerge, oggi, contrariamente a qualche decennio fa, un fenomeno in cui i giovani sono tornati a porsi domande religiose e se le pongono in un contesto di grande pluralismo, a contatto quotidiano con esperienze religiose 26 Cf. J. E. VECCHI, L opzione giovanile nella parrocchia salesiana, in L oratorio via per educare i giovani al Vangelo della carità, Atti convegno Roma-Pisana, Roma 1993, p Ibidem. 15

16 differenti. Il grande profeta del nostro secolo, Giovanni Paolo II, scrivendo nel 1991 parlò del fenomeno del ritorno religioso 28. Di questa realtà di riscoperta della religione in cui tutti hanno ragioni e convinzioni da proporre, sono coinvolti pienamente anche i giovani. Essi hanno una domanda di trascendente, che si sviluppa su sentieri nuovi, un po' disorientata; è una domanda che non sempre incontra le proposte della comunità cristiana e rischia di perdersi in un nuovo paganesimo, in movimenti come la new age, l esoterismo, la magia e le sette di vario genere. In una società così complessa, i giovani vivono esperienze plurime, con ruoli diversificati. Vivono così anche l appartenenza ecclesiale in una forma debole per una crisi di attendibilità della struttura. La contestazione alla Chiesa come istituzione è basata sul mancato rapporto affettivo che si avverte; il giovane si attende una Chiesa che si faccia vicina e presente in ogni momento della vita e sappia dare risposte ai tanti perché che ognuno porta nel cuore. Esiste, poi, un difficile rapporto tra giovani e istituzione ecclesiastica; assistiamo, delle volte con grande sconforto, a un fenomeno di allontanamento giovanile dalla pratica religiosa di massa, addirittura talvolta già dopo la prima comunione, e quasi sempre dopo la confermazione, si avverte questa separazione. Tutto 28 GIOVANNI PAOLO II, Lettera enciclica, Redemptoris missio 7.XII.1990: AAS 83 (1991) 286 (n. 38). 16

17 questo fenomeno rende materialmente difficile la comunicazione della comunità ecclesiale con la massa giovanile e anche con gruppi ristretti di giovani. A mano a mano che si avanza verso la giovinezza, le opportunità e i luoghi di incontro, dialogo e socializzazione religiosa diminuiscono 29. Tale difficoltà, però, va riletta nella problematica relazione con ogni tipo di istituzione, in cui svetta una crisi di credibilità e di normatività 30. Agli occhi di molti giovani la Chiesa-istituzione non è credibile, perché non schierata a sufficienza dalla parte dell uomo e degli ultimi. Sembrano essere credibili le persone, ma non le istituzioni ecclesiali 31. Ma tale crisi non è solo di credibilità. I giovani sono a disagio di fronte a un istituzione che ha pretese di normatività rispetto alla vita personale e sociale. La Chiesa chiede di osservare leggi e regole: in un tempo che esalta il soggettivismo etico e l appartenenza debole a ogni istituzione e organizzazione, far parte della Chiesa è ritenuto e interpretato come una richiesta di adesione eccessiva 32. Agli occhi dei giovani, in un mondo di forte soggettivismo morale e di rapporto faticoso con tutto ciò che è istituzione, la Chiesa appare sempre più come fonte di tradizione e conservazione. 29 Cf. VECCHI, L opzione giovanile nella parrocchia salesiana F. FLORIS - M. DELPIANO, L oratorio dei giovani. Una proposta di animazione, Elledici, Leumann (To) 1992, p Ibidem. 32 Ibidem. 17

18 III. PROPOSTE EDUCATIVE 18

19 Le istanze culturali di cui sopra pervadono spesso anche i giovani che sono più vicini alla Chiesa, che cercano di vivere con coerenza la fede religiosa, che appartengono alla galassia dell associazionismo religioso 33. L uomo è un ricercatore di senso. Cresce in umanità quando vive la sua vita quotidiana come appello, continuo e progressivo, verso quel mistero in cui è collocata la sua esistenza. [...] Qui si collocano i compiti educativi e pastorali. Da una parte si tratta di educare i giovani a diventare uomini capaci di invocare. Dall altra si tratta di suggerire e sostenere un modello di vita religiosa cristiana dove continui ad avere spazio l esperienza (e l esigenza) dell invocazione 34. Sulla base della descrizione effettuata, quali adulti e quali ambienti sono più adeguati per interagire con questa generazione e con i suoi tratti culturali distintivi? Come è possibile inserire i giovani in una proposta formativa rispettosa sia del protagonismo che essi intendono vivere sia della frammentarietà e del primato dei sentimenti che attraversa la loro cultura e condizione? Occorre rilevare che le radici del disagio giovanile vanno identificate nell inadeguatezza degli atteggiamenti con cui gli adulti si relazionano alle domande problematiche dei giovani. Le situazioni di disagio giovanile sono quelle in cui i giovani risultano incapaci di 33 Cf. Ibidem. 34 R. TONELLI, L esperienza religiosa dei giovani, in Orientamenti pastorali 3 (1996)

20 assolvere ai compiti evolutivi che vengono loro richiesti dal contesto sociale per il conseguimento dell identità personale e per l acquisizione delle abilità necessarie alla soddisfacente gestione delle relazioni quotidiane 35 Il disagio si nutre, in sostanza, della diffusa crisi delle principali agenzie di socializzazione, quali la famiglia, la scuola, la chiesa, l associazionismo giovanile 36. Siamo di fronte, oggi, ad una crisi dell educazione 37. Come rispondere a questa crisi educativa? Una delle caratteristiche fondanti la relazione educativa è quella dell amore per il giovane e il suo mondo, espresso attraverso l accoglienza e la fiducia incondizionata finalizzata alla trasformazione creativa del presente, in nome del sogno del futuro condiviso dall educatore e dal giovane 38. L educazione ha come compito principale la maturazione integrale della persona per e nella società, attraverso la proposta di valori, il confronto con modelli e scelte di vita, come l esempio e la vita di don Bosco ci hanno testimoniato. Essa raggiunge il suo scopo quando contribuisce all edificazione di una personalità capace di attuare, nel vivo della storia personale e 35 E. NERESINI C. RANCI, Disagio giovanile e politiche sociali, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1992, p PASTORALE GIOVANILE UFFICIO NAZIONALE PARROCCHIE ORATORI CENTRI GIOVANILI, Linee ed elementi per un progetto di oratorio L educazione è una realtà vasta che non riguarda solo l ambito pastorale, ma si rivolge all ambito totale della persona, la quale riceve sempre dall intervento educativo un carattere di aiuto, di cooperazione e di proposta per il pieno e maturo sviluppo della propria personalità in vista di mete ben precise. Per approfondire il tema dell educazione. Cf. DIZIONARIO DI PASTORALE GIOVANILE, voce: Educazione di Carlo Nanni Vecchi, p. 319, Elledici, Leumann (To), M. POLLO, Comunicazione educativa, Elledici, Leumann (To) 2004, p

21 collettiva, un esistenza cosciente, libera e responsabile 39. L educazione alla fede invece ha come oggetto la proposta del Vangelo del Signore, da accogliere attraverso una testimonianza di fede vissuta e confessata 40. Il fenomeno a cui si assiste oggi è quello della dissociazione, che richiama la Chiesa ad essere presente e ad educare nei luoghi ordinari della vita quotidiana 41. Occorre ripensare l educazione, come ci ha insegnato la figura e l opera di don Bosco, non come un elenco di teorie o di regole ma come un appassionarsi ai ragazzi, accompagnandoli lungo le strade della vita in un esperienza concreta di incontro con il Dio vivente. Per questo non si può rilegare il Vangelo a recinti sacri, a luoghi sicuri, né farlo diventare un premio per i più buoni. La buona notizia è e deve rimanere una speranza per tutti: non un offerta per chi lo merita, perché è un dono gratuito 42. Il Vangelo esprime in tutta la sua forza un Dio che ama concretamente tutti gli uomini, un Dio che interpella, sconvolge ed entra nella vita 43. La passione educativa non deve diventare disincarnata: se è vero che l educazione si 39 Cf. R. TONELLI, Itinerari per l educazione dei giovani alla fede, Elledici, Leumann (To) 1989, p Ibidem. 41 Cf. G. FACCIN, Luoghi di maturazione dell esperienza religiosa giovanile: comunità, gruppi, associazioni e movimenti, in Credere Oggi 6 (1996) Cf. D. SIGALINI, Giovani, in Per una nuova comunicazione della fede: le Chiese dell Umbria si interrogano e interpellano i giovani. Atti del IV Convegno Ecclesiale Regionale, Assisi novembre 2001, s.l., s.e. [Città di Castello, GESP], 2002, pp Ivi

22 realizza quando le esperienze teoriche diventano esperienze di vita 44, l esperienza deve essere accompagnata dal supporto di una fede pensata e adulta, capace di unificare in Cristo le esperienze frammentate nel quotidiano. Il problema, la cui soluzione appare prioritaria dal punto di vista educativo, è senza dubbio quello che riguarda la creazione di luoghi in cui i giovani possano sperimentare l avventura della ricerca della propria unicità e della progettazione della propria vita in modo coerente con essa 45. La domanda di cambiamento in atto nel mondo giovanile, infatti, porta a riconsiderare non tanto i luoghi di maturazione della fede, quanto piuttosto il modo di pensarli e di progettarli, perché siano luoghi nei quali è possibile avviare e vivere esperienze che si possono riconoscere come tali, superando la mentalità delle iniziative fuoco di artificio. C è oggi bisogno di rilanciare i luoghi di maturazione della fede in termini di laboratori nei quali è possibile costruire esperienze paradigmatiche verificabili e quindi rilanciabili a livelli più ampi. È pertanto urgente il passaggio dall accoglienza all apertura e dall invitare al farsi prossimo 46. Occorre assumere appropriate categorie interpretative, che aiutino a conoscere e a comprendere le loro domande di sempre dei giovani, ma anche le loro nuove culture, i linguaggi sempre più variegati e gli strumenti con cui si esprimono, con forme e modalità spesso di non facile interpretazione per il mondo degli adulti. Evitando 44 CONFERENZA EPISCOPALE UMBRA, Le Chiese in Umbria Cf. POLLO, Le sfide educative dei giovani Ivi

23 atteggiamenti di rifiuto, dobbiamo giungere a discernere il vero che queste culture presentano sotto le vesti del nuovo. L ascolto e la compagnia impegnano in una duplice direzione: da una parte chiedono di superare i confini abituali dell azione pastorale, per esplorare i luoghi, anche i più impensati, dove i giovani vivono, si ritrovano, danno espressione alla propria originalità, dicono le loro attese e formulano i loro sogni; dall altra esigono uno sforzo di personalizzazione, che faccia uscire ogni giovane dall anonimato delle masse e lo faccia sentire persona ascoltata e accolta per se stessa, come un valore irripetibile 47. La pastorale giovanile salesiana sottolinea il profondo rapporto dell azione educativa con l azione evangelizzatrice 48, assicurando una speciale attenzione ai valori umani e sociali dell ambiente, ai dinamismi di crescita personale e di gruppo, al dialogo con i diversi universi culturali che vivono i giovani, e allo stesso tempo sviluppa con cura le grandi energie di umanizzazione che ha la fede cristiana. Questa sintesi tra educazione ed evangelizzazione è una delle sfide principali e uno dei compiti più difficili e urgenti per le nostre comunità: occorre superare con decisione un educazione troppo centrata nella trasmissione di idee, tecniche o abitudini, con una scarsa mentalità di processo e cammino, poco decisa nell offrire una chiara proposta di valori e di senso. Ci si deve impegnare, invece, nella realizzazione di un evangelizzazione capace di proporre il Vangelo con realismo educativo e con 47 PRESIDENZA DELLA CEI, Educare i giovani alla fede. Orientamenti della XLV Assemblea generale 27. II. 1999, in ECEI VI: Cf. R. TONELLI, Evangelizzare educando, educare evangelizzando, in Credere Oggi 6 (1996)

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it

DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO. nanni.unisal.it DON BOSCO I GIOVANI E IL LAVORO nanni.unisal.it I giovani = sostanza della vita di don Bosco= =«da mihi animas» La relazione educativa = il modo di Bosco di vivere insieme con i Giovani don Bosco: UN idea

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria "Chi affronta il Volontariato cristiano internazionale deve essere munito di una specifica competenza professionale e tecnica, e deve soprattutto

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno SETTORE ADULTI PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI anno PRESENTAZIONE #Viaggiando sull esempio di Maria, per essere uomini e donne che camminano «lungo la vita», luogo teologico in cui Dio si fa presente

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani.

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani. 1. 1. Oratorio: definizione. L Oratorio è una comunità che educa all integrazione vita-fede. È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci CURIA VESCOVILE di Civitavecchia-Tarquinia Il Vicario Episcopale per la Pastorale Civitavecchia, 18 settembre 2014 Ai Rev.mi Parroci Ai Rev.mi Assistenti di Movimenti, Gruppi, Associazioni Ecclesiali Ai

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Ecco il tuo campo. Una Chiesa tutta oratoriana. a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani

Ecco il tuo campo. Una Chiesa tutta oratoriana. a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani Ecco il tuo campo Una Chiesa tutta oratoriana a cura di Emanuele Fonzo FOI Forum Oratori Italiani L Oratorio oggi Oggi sono circa 6000 gli Oratori in Italia, promossi da parrocchie, associazioni, movimenti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

Introduzione all animazione in oratorio

Introduzione all animazione in oratorio Corso animatori oratorio Canegrate Introduzione all animazione in oratorio Canegrate 9 ottobre 2005 Animatore: Premessa Cos è l oratorio? Per oratorio s intende quel luogo educativo ecclesiale che accoglie

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA PROGETTAZIONE FORMATIVA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA CON GESU A SCUOLA DI FELICITA Insegnanti: Sonia Colarullo scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ PRIMO BINNIO LICO SCINTIFICO OPZION SCINZ APPLICAT ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BINNIO disciplina: INSGNAMNTO RLIGION CATTOLICA docenti: PACHRA RICCARDO C O M

Dettagli

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001 E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori Anno 2001 Il Forum degli oratori italiani è un organo di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all

Dettagli