Ma chi sono oggi i bambini poveri? E quali sono i principali fattori di rischio? BAMBINI CHE VIVONO CON UN SOLO GENITORE: QUASI 1 SU 3 È POVERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ma chi sono oggi i bambini poveri? E quali sono i principali fattori di rischio? BAMBINI CHE VIVONO CON UN SOLO GENITORE: QUASI 1 SU 3 È POVERO"

Transcript

1 Chianciano Terme TESI 2 - CGD e GENITORIALITA' a) Genitori in affanno: analisi e proposte Il CGD che ha nel suo Statuto come finalità primaria la tutela dei diritti dei minori, di tutti i minori che abitano nel nostro paese, non può non tenere conto delle ultime indagini sulla situazione dell infanzia perché esse si intrecciano strettamente con la famiglia e le politiche per la famiglia, ma da un punto di vista più universale (non possiamo cioè pensare ad una politica famiglia- centrica che rischia di lasciare per strada tanti minori che una famiglia non ce l hanno o la cui famiglia vive in condizioni problematiche). L Italia appare come un paese che abbia dimenticato i suoi figli. Basta guardare gli ultimi dati disponibili sulla condizione dell infanzia per chiedersi che fine hanno fatto i bambini nell agenda politica italiana. Prendiamo l indicatore a cui si fa quotidianamente riferimento in questi anni di crisi: quello relativo al reddito delle famiglie con minori. Se è vero che in Europa i minori di 18 anni sono mediamente più esposti alla povertà di 4,3 punti percentuali rispetto al totale della popolazione, secondo Eurostat in Italia le cose vanno decisamente peggio: il divario tra i minorenni a rischio povertà (24,7%) e il totale della popolazione (18,2%) raggiunge ben il 6,5% ed è uno dei più alti d Europa, inferiore soltanto a quello registrato in alcuni nuovi stati membri (Romania, Ungheria, Slovacchia) e in Lussemburgo. Ma chi sono oggi i bambini poveri? E quali sono i principali fattori di rischio? Indichiamo alcune categorie a mo di esempio: BAMBINI CHE VIVONO CON UN SOLO GENITORE: QUASI 1 SU 3 È POVERO BAMBINI IN FAMIGLIE NUMEROSE: LA POVERTÀ CRESCE CON IL NUMERO DEI FIGLI BAMBINI NELLE FAMIGLIE GIOVANI: 1 SU 2 È POVERO FIGLI DI GENITORI CON BASSI TITOLI DI STUDIO: SE IL CAPOFAMIGLIA HA LA SOLA LICENZA ELEMENTARE, IL 64,9% DEI MINORI È POVERO. BAMBINI IN FAMIGLIE A BASSA INTENSITÀ DI LAVORO: IL 79% DEI FIGLI DI DISOCCUPATI È A RISCHIO POVERTÀ. BAMBINI DEL SUD: QUASI 2 MINORI SU 5 VIVONO IN FAMIGLIE A BASSO REDDITO. BAMBINI NATI DA GENITORI STRANIERI: PIÙ DI 1 SU 2 VIVE IN FAMIGLIE POVERE (58,4%). Redditi e consumi non dicono tutto sulle reali condizioni di vita di un ragazzo: povertà di relazioni e di salute, cattiva alimentazione, carenze abitative, di servizi e opportunità educative, sono tutti fattori da considerare per definire i tanti volti delle povertà minorili. In secondo luogo, perché redditi e consumi si limitano a misurare le risorse disponibili delle famiglie e non quelle effettivamente dispiegate dalle famiglie per il soddisfacimento dei bisogni dei bambini. Dare per scontato che una famiglia impieghi le proprie risorse per 1 i dati che seguono sono estrapolati dal dossier di Save the children Il paese di Pollicino. IL CGD li condivide.

2 coprire le necessità di tutti i suoi componenti, in primo luogo dei figli, è un presupposto che purtroppo non trova conferma nell esperienza di tutti giorni (ad esempio, nelle famiglie in cui uno dei due genitori è dipendente dal gioco). I GIOVANI CHE PERDIAMO In Italia sono ancora tantissimi i minori che continuano a perdersi per strada lungo il percorso di scolarizzazione: il 18,9% dei giovani tra 16 e 24 anni hanno conseguito soltanto il diploma di scuola media e non prendono parte ad alcuna attività di formazione. Una quota nettamente superiore alla media europea (14,1%) e inferiore soltanto a quella di Islanda, Spagna, Portogallo e Malta. I dati provenienti dal sistema scolastico italiano indicano inoltre punteggi molto bassi nei test PISA sulle competenze cognitive dei quindicenni (che relegano gli studenti italiani al 23 posto dei paesi Ocse monitorati); alti tassi di ripetenza (7,7%, circa 30 mila nella secondaria di I grado e 180 mila nella secondaria di II grado); numeri elevatissimi di alunni promossi con l obbligo di assolvere ai debiti formativi in alcune materie (ben il 36% degli scrutinati nelle secondarie di II grado, con valori più alti nel Nord del paese). Vere e proprie isole dello scoraggiamento e del ritardo scolastico che spesso concorrono al fallimento formativo. L insieme di tutte queste variabili offre un quadro fosco: circa il 30% degli iscritti alle scuole secondarie superiori non riesce a ottenere il diploma (ma in Sardegna la percentuale si avvicina al 50%). Un dato solo in parte mitigato dal fatto che in alcune regioni del Nord (e in piccola parte in Sardegna) chi abbandona viene assorbito dal bacino della formazione professionale o entra direttamente nel mondo del lavoro. Ma non è finita: l analisi dei voti degli esami finali mostra come una percentuale altissima di neo-diplomati esca dalla scuola con votazioni appena sufficienti. In Italia si risponde a questi problemi con la politica dell assenza di interventi coordinati, di indirizzi, di pratiche comuni In un paese caratterizzato da gravi squilibri economici e sociali, alle prese con la riduzione del debito pubblico e con i vincoli di spesa imposti dall Europa, il trasferimento delle competenze dallo Stato alle Regioni e agli Enti Locali è avvenuto sic et simpliciter, senza il reperimento di risorse aggiuntive in grado di permettere l adeguamento dell offerta di servizi nelle aree più svantaggiate del paese, e quindi senza la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni sociali su tutto il territorio nazionale. Come se non bastasse, gli effetti della crisi e i tagli alla spesa sociale rischiano di peggiorare la situazione, contribuendo ad un drastico ridimensionamento dei servizi e ad un ulteriore approfondimento dei gap territoriali. In particolare, l esaurimento del fondo nazionale delle politiche sociali destinato a passare da 1 miliardo di euro nel 2007 a 45 milioni nel sembra segnare l epilogo del tentativo di costruire anche in Italia un sistema universalistico, strutturato e professionale in grado di assicurare un livello minimo di prestazioni in campo sociale. D altra parte, il piano nazionale dell infanzia, approvato con anni di ritardo, non è stato finanziato e rimane integralmente sulla carta.

3 Chianciano Terme Anche il CGD, come Save the Children, ritiene che si debba introdurre una golden rule, cioè criteri di scomputo dal calcolo dell indebitamento, in relazione ad alcune voci più direttamente connesse alle politiche di crescita: in particolare le spese dedicate all infanzia, alla scuola ed alle famiglie con minori. Gli interventi di cura e promozione della capacità relazionali e cognitive dei bambini sono, infatti, preminentemente da considerare come spese in conto capitale, perché capaci di creare un valore aggiunto nei futuri adulti. In altri termini, si tratta di considerare l impiego di queste risorse un investimento sul futuro dello sviluppo del Paese: infatti le spese non sono costi ma investimenti, vivere in condizioni di deprivazione materiale nel presente, oltre che eticamente inaccettabile, rischia di determinare una condizione di vita non adeguata anche nel tempo futuro e una minore capacità di contribuire alla crescita della società. Chiediamo pertanto: Intervento per il sostegno ai genitori in condizioni di disagio e povertà. Ridefinizione dell ISEE Riforma delle agevolazioni fiscali e introduzione di crediti d imposta. Servizi per il sostegno alla genitorialità, per l infanzia e per l adolescenza. Servizi per il sostegno alla genitorialità per il diritto allo studio, con particolare attenzione alle discriminazioni e alla disabilità L asilo nido come diritto soggettivo e un piano di investimenti straordinario per potenziare il servizio. Il C.G.D. condivide e sottoscrive la petizione del Gruppo nazionale Nidi- Infanzia. Creazione di aree ad alta densità educativa. Il C.G.D. abbraccia le tematiche di Crescere al sud. La scuola è una comunità educante. Laddove ci sono delle famiglie con molteplici problematicità, si propone un intervento di prevenzione. I Comuni facenti parte di aree ad alta densità criminale dovrebbero farsi carico di interventi strutturali potenziando la scuola ed in particolare estendendo l obbligo alla scuola dell infanzia. Piano di riconversione delle aree comunali in asilo nido. Riqualificazione di aree e strutture degradate e inutilizzate per finalità di gioco e sport. Misure a sostegno dell occupazione femminile. Favorire la conciliazione fra lavoro e genitorialità. Previsione di una valutazione di impatto economico-sociale sui minori dei nuovi provvedimenti. Ma come trovare le risorse? 3 i dati che seguono sono estrapolati dal dossier di Save the children Il paese di Pollicino. IL CGD li condivide.

4 fondi strutturali europei possono rappresentare una risorsa fondamentale per migliorare sensibilmente le infrastrutture sociali dedicate ai minori e alla promozione del lavoro femminile. vincolo di destinazione di un quarto delle minori spese derivanti dalla spending review, per un risparmio complessivo annunciato dal Governo di 4.2 miliardi di euro; vincolo di destinazione di un quarto dell evasione fiscale recuperata immediata destinazione di una parte dei diritti audiovisivi sportivi (D.lgs.9/2008) vincolo di destinazione di una quota dei proventi derivanti dalla vendita del patrimonio immobiliare italiano e di quello confiscato alla mafia. (per vendita del patrimonio immobiliare intendiamo la vendita esclusiva di quei beni che non hanno valore artistico, culturale, paesaggistico o ambientale e sociale). Recupero spese per stipendi degli insegnanti di religione Sono solo alcune proposte, ma con determinazione il CGD chiederà ai nostri decisori politici di fare finalmente ed in modo organico un Piano infanzia credibile, con risorse certe. ( della Tesi N.2 fa parte integrante la relazione introduttiva di Crescere al Sud che è un alleanza tra i diversi talenti e le diverse esperienze che nel Mezzogiorno si occupano attivamente della promozione e tutela dei diritti dell infanzia e dell adolescenza,. Di essoi il CGD fa parte con un lavoro tenace ed appassionato). b) Genitori, Media e minori Marisa Musu, oltre a fondare più di trent anni fa il Coordinamento Genitori Democratici, è stata negli ultimi anni della sua vita anche la prima presidente del Comitato tv e minori-frt e nel corso di quest ultimo impegno ha ricordato più volte l esigenza di migliorare il pubblico per migliorare la tv. Questo richiamo appare ancora più opportuno se lo poniamo a confronto con un esigenza che non può non essere avvertita da un associazione di genitori : vale a dire, dare corpo e continuità all insieme di conoscenze scientifiche e culturali acquisite negli ultimi due decenni sul tema Media e minori, consolidandole in un sistema stabile di regole, modelli educativi e formativi, pratiche di comunicazione, e così via, orientato ad assicurare i diritti dei minori nel campo della comunicazione. Alla luce delle nuove configurazioni che assume il panorama dei nuovi media, gli attuali sistemi di tutela si rivelano sempre più inadeguati. Ciò, sia quando si finalizzano alla definizione di limiti e sanzioni che, seppure auspicabilmente adeguati nei confronti di un singolo medium, rivelano in ogni caso tutte le insufficienze allorché si applicano a differenti contesti mediatici; sia, soprattutto, quando riducono la loro portata alle definizione di misure esclusivamente limitanti e sanzionatorie, trascurando l esigenza di sviluppare competenze educative diffuse in grado di condizionare anche la qualità dell offerta multimediale e delle modalità di fruizione da parte dei minori.

5 Chianciano Terme In altri termini, il CGD, si impegna per un sistema di tutela efficace che deve, al tempo stesso, dissuadere da comportamenti dannosi e promuovere comportamenti virtuosi; deve porre i vincoli e i divieti strettamente necessari, ma deve puntare anche alla valorizzazione delle opportunità positive presenti nel contesto della comunicazione di massa. Tuttavia, ciò non basta, poiché deve essere compiuto ogni sforzo per rendere effettivo e non più illusorio il potere di scelta dei genitori e degli stessi minori: consentendo loro di incidere sul panorama dell offerta e, in tal modo, (riprendendo le parole di Marisa Musu) contribuire a migliorare la Tv attraverso il miglioramento della domanda di consumo televisivo e, oggi, della multimedialità tutta. In poche parole il CGD lavorerà nell'ottica di: 1. andare oltre alla denuncia e alla richiesta di sanzioni per promuovere le opportunità educative e formative per le generazioni più giovani; 2. favorire presso il pubblico più ampio (e soprattutto tra i genitori e le agenzie educative) lo sviluppo di consapevolezza e conoscenze sul rapporto minori mass media, sulle modalità di fruizione dei media da parte di minori puntando a condizionare in questo modo anche la qualità dell offerta. Una difficile battaglia culturale che il CGD compie quotidianamente negli organismi di cui fa parte: le Commissioni di revisione cinematografica; il Comitato Media e Minori (inesplicabilmente fermo da un anno per ritardi nel Decreto Ministeriale delle nomine); il Consiglio Nazionale degli Utenti e sul versante formativo corsi per docenti e genitori sulla base della Guida collaborazione con Save the Children. per Genitori pubblicata nel 2009 in Oggi il D.L n.120 di giugno 2012 varato dal Governo ha modificato il Testo Unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici. Se all art.1 vengono severamente vietate tutte le trasmissioni che possano nuocere gravemente allo sviluppo psico-fisico dei minori, al comma 3 dello stesso art.34 si consente la deroga da tale divieto purché ci sia un sistema di controllo selettivo e specifico : il famoso parental control o il sistema dei filtri. Riteniamo che il provvedimento abbia peggiorato la preesistente tutela dei minori scaricando sui genitori tale responsabilità a tutto vantaggio delle emittenti che possono fare trasmissioni più trasgressive. Per poter mettere in atto un azione di blocco delle trasmissioni vietate ai minori si dovrebbe conoscere perfettamente l uso dei decoder per inserire e disinserire di volta in volta il blocco. Pure verificandosi tutte le condizioni positive, c è sempre il problema che i minori, una volta che non possono vedere i canali che desiderano, se ne possono andare sul computer, per vedere una web TV, oppure su un portale free download e vedersi i film che desiderano in streaming. La svolta dei mesi scorsi ha innescato dure prese di posizione da parte delle associazioni degli utenti e dei genitori, allarmate dalla prospettiva di imbattersi in ogni momento della giornata in programmi che possano compromettere la crescita dei minori. Un pericolo che, con l alibi della tecnologia, è tutt altro che remoto. 5 i dati che seguono sono estrapolati dal dossier di Save the children Il paese di Pollicino. IL CGD li condivide.

6 Il CGD interviene nel dibattito con lo slogan: non censurare ma educare. b1) Una pubblicità immorale: quella sul gioco d azzardo Il denaro facile, un modo di cambiare il proprio destino, il brivido del gioco. Sono queste le immagini lanciate dagli spot di gratta e vinci, scommesse sportive, poker on-line e lotto (in tutte le sue possibili declinazioni) favorendo l aumento esponenziale del volume generale delle giocate, in una situazione economica molto preoccupante. Il gioco d azzardo finisce per assumere le caratteristiche di una vera e propria emergenza sociale, con costi insopportabili per milioni di cittadini, ai quali è oggettivamente impossibile spiegare che lo Stato incrementa il gettito delle sue entrate, speculando sulla loro disperazione. Il gioco, ricordiamolo, rappresenta un settore dal fatturato rilevante, nel quale l intervento pubblico è giustificato dall esigenza di sottrarlo alla criminalità organizzata, garantendone legalità e trasparenza, ma il cui gettito fiscale ha raggiunto dimensioni tali da rendere difficile ogni intervento di ripianificazione della rete dei punti gioco, pena la riduzione delle entrate fiscali. Il recente divieto del Ministero della Salute di apertura di sale-gioco nei pressi delle scuole rischia di essere una limitazione evanescente e priva di efficacia, in una società in cui i giovani possono liberamente puntare on-line sul proprio smartphone o direttamente da casa, collegati in rete. Il CGD lancia la campagna di sensibilizzazione Non t azzardare! che chiede di non trasmettere la pubblicità del gioco nella fascia oraria per richiamare i decisori politici, gli educatori tutti alle loro responsabilità rispetto alle giovani generazioni. Il materiale relativo alla campagna è parte integrante della tesi n.2 Si vuole in tal modo lanciare un messaggio educativo di prevenzione in opposizione alle dipendenze, poiché le famiglie vanno sostenute come vittime di una situazione che porta alla distruzione. Da questa campagna in poi il CGD si doterà inoltre di strumenti di diffusione e informazione rivolte alle agenzie educative a livello nazionale che favoriscano la ricaduta nelle singole realtà, mantenendo come punto comune i valori, il linguaggio e le modalità di collaborazione proprie del CGD; calando invece nello specifico sulle realtà locali il materiale fornito. La campagna di dissuasione va accompagnata, oltre che da brochure, volantini, manifesti, da inviare alle scuole, anche da informazioni e richieste di testimonianze da parte dei genitori. Da un lato le campagne e gli strumenti di diffusione/ informazione del CGD vogliono sostenere l'associazione sui territori nel socializzare, dall'altro lato l'associazione chiede attraverso il sito ai genitori di contribuire alla costruzione del pensiero e della competenza del CGD su queste tematiche attraverso uno sportello riservato via mail ( raccontami a

7 Chianciano Terme L urgenza di un intervento su queste emergenze è quindi ampiamente giustificata dai numeri, ma lo è ancora di più dalla scarsissima consapevolezza collettiva dei rischi per la salute degli individui e per la stabilità sociale delle famiglie. A ciò si aggiunge anzi una spinta culturale addirittura opposta, supportata da continui e pressanti campagne che stanno consolidando un immagine positiva e vincente del gioco, tacendo invece di fatto la componente di rischio e il trend drammaticamente esponenziale di situazioni patologiche conseguenti. Queste stesse modalità devono diventare patrimonio comune anche su tematiche su cui il CGD si impegna ad operare quali: DIPENDENZE ( ALCOOL, DROGHE, ECC...) SICUREZZA STRADALE PARI OPPORTUNITA' E SEI AREE DI NON DISCRIMINAZIONE (SESSO, GENERE, PROVENIENZA GEOGRAFICA, DISABILITA', ETA', RELIGIONE) FEMMINICIDIO Nodi problematici: Conclusione 1. Difficoltà a condividere esperienze provenienti da ambiti territoriali diversi. 2. I diversi CGD locali insistono su realtà che presentano, a volte, problematiche diverse. 3. Le differenti problematicità vanno affrontate con progetti idonei e condivisi in ambito nazionale. 4. Valorizzare la presenza dell associazione in ogni struttura, attraverso la partecipazione, la formazione di genitori ed agenzie educative, la presenza istituzionali. Tornare all essenziale! qualificata negli organi Il CGD in questi 36 anni di esistenza è cresciuto e cambiato, seguendo i cambiamenti socio culturali, ma anche legislativi e territoriali. Perché ha senso che continui ad operare? quale la specificità che porta come contributo nel dibattito socio-culturale odierno? e quale la ricchezza? L'essenza del CGD è la voce dei soci fondatori, ma è anche la voce di chi opera in nome di una presenza attiva della genitorialità nella e per la scuola pubblica, nella e per la corresponsabilità educativa laica, di qualità e a tutela dei minori a partire dai valori costituzionali. Riprendere fiducia! In un momento di qualunquismo ed egocentrismo socio- culturale e soprattutto in assenza di interventi coordinati, di indirizzi e di pratiche comuni, occuparsi degli altri, nei termini propri e statutari di una associazione presente come il CGD a livello nazionale, significa anche assumersi la responsabilità di ispirare 7 i dati che seguono sono estrapolati dal dossier di Save the children Il paese di Pollicino. IL CGD li condivide.

8 la fiducia dei genitori, delle istituzioni, della società nella co-gestione delle problematiche e delle risorse nelle scuole e nel tessuto sociale che riguarda l'education. Fare sul serio! Fare sul serio, per l'associazione, significa semplicemente essere l'associazione sui territori, aperti verso gli altri genitori con cui abbiamo molto in comune, a disposizione delle esigenze che variano certo da luogo a luogo, da età ad età, ma sempre hanno al centro la tutela dei minori, e non solo dei nostri, e non solo di quelli giusti. DI TUTTI INDISCRIMINATAMENTE. Affronteremo difficoltà, ne abbiamo superate tante... affronteremo ingiurie, sappiamo di essere corretti... sbaglieremo, e chiederemo scusa... arriveremo tardi su qualche tema, siamo volontari, volontari veri, e e ci impegniamo a migliorare: come ASSOCIAZIONE, innanzitutto, come persone, sempre. Non è di eroi, di singoli, che il CGD ha bisogno ora, ma di compagni e compagne che insieme, avendolo scelto, si occupano della controversa avventura dell'educazione, dal punto di vista della genitorialità. Deve essere, ora più che in passato, un atto di volontà e di corresponsabilità, per mantenere viva e attiva la presenza di tutti i genitori, e non solo di alcuni eletti, in ogni scuola, paese, valle, isola, quartiere dove attraverso l'esercizio del bene comune non solo ci si occupa dei propri figli, ma anche di quelli degli altri, non solo ci si occupa della propria scuola ma anche delle altre, non solo ci si preoccupa del proprio territorio ma del nostro Paese. Diventa centrale formalizzare alcune regole fondamentali della comunicazione dell'associazione e promuovere l uso dell area riservata del sito. Il messaggio che si passa, dal logo alle istanze comunicate, dovrebbe essere regolato da norme comuni. La regola è anche tutela, non solo per l'associazione, ma anche per le singole realtà. Il C.G.D. è presente anche in rete, con il sito ed inoltre su pagine FB. L uso del logo CGD, anche in rete, va normato per consentire, sia pure nelle differenze delle tematiche territoriali un identificazione chiara ed univoca.

FARE COMUNITA' EDUCANTE:LA SFIDA DA VINCERE ABSTRACT

FARE COMUNITA' EDUCANTE:LA SFIDA DA VINCERE ABSTRACT FARE COMUNITA' EDUCANTE:LA SFIDA DA VINCERE ABSTRACT Dalla Conferenza di Napoli del settembre 2011 ad oggi, Crescere al Sud ha voluto rappresentare un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali,

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 Ass.N.A.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE ASSISTENTI SOCIALI MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 L Ass.N.A.S.- Associazione Nazionale Assistenti Sociali intende dare, con questo documento,

Dettagli

Negli ultimi decenni la

Negli ultimi decenni la Ilgioco nonvale lacandela Un progetto dell associazione Arciragazzi di Roma ha l obiettivo di intervenire sulle problematiche legate al gioco d azzardo soprattutto quello che coinvolge i più giovani di

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO 1. Verso un welfare della comunità messinese: le basi politiche delle nostre azioni Crisi di sistema

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 L Italia negli anni della crisi

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado.

Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado. Strategie per contrastare la dispersione scolastica nel primo biennio della secondaria di secondo grado. Walter Moro L abbandono precoce della scuola che si registra nell obbligo d istruzione, in particolare

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA Università degli studi di Roma Sapienza Corso di Laurea Triennale Servizio Sociale ClaSS Le ineguaglianze sociali ed economiche all interno di paesi e regioni Martina Caioli Lorenza Castagnacci Désirée

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia

Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia Filippo Strati (Studio Ricerche Sociali), membro dello European Network of Independent Experts on Social Inclusion Aumento dei rischi sociali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

COSTRUIAMO INSIEME L ITALIA DEL FUTURO

COSTRUIAMO INSIEME L ITALIA DEL FUTURO COSTRUIAMO INSIEME L ITALIA DEL FUTURO In occasione della ripresa dell anno scolastico, ActionAid rilancia il suo programma L Italia del Futuro, che mira a contrastare la scarsa e inadeguata offerta di

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega

POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO dal Jobs Act alla Legge Delega 7 luglio 2014 Rivolgo i miei ringraziamenti all'aidp (Associazione Italiana per la direzione del personale) e all'intoo per l'opportunità che

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

Aspetti pastorali de a tossicodipendenza

Aspetti pastorali de a tossicodipendenza Aspetti pastorali de a tossicodipendenza Si pubblica, per documentazione, la Nota preparata congiuntamente dalla Consulta Nazionale per la Pastorale della Sanità e della Consulta Ecclesiale delle Opere

Dettagli

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto Abbandonoscolasticoedilfenomenodelladispersione RicercacondottadaAdiconsumnell ambitodelprogetto Laquestioneeconomicadell abbandonodeigiovanineipercorsi formativi conilfinanziamentodi ForumANIA Consumatori

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

L OSSERVATORIO. 15 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 15 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' Tra le vittime di episodi di bullismo 42% 31% Tra chi ha compiuto atti di bullismo

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

Successo formativo: buone prassi da consolidare e nuove strade da percorrere.

Successo formativo: buone prassi da consolidare e nuove strade da percorrere. Successo formativo: buone prassi da consolidare e nuove strade da percorrere. a cura del Gruppo per la collaborazione tra scuola e famiglie 1 Tutto è cominciato nel giugno 2009 con l impennata del numero

Dettagli

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005

Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005 Sintesi del seminario Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione Roma, 7 Luglio 2005 Nell'ambito del processo di definizione

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Premesse La Cooperazione allo Sviluppo è parte integrante della politica estera italiana e strumento che può influire

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT

I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT (Domenico Lovecchio) L Indagine Eurostudent sulle condizioni di vita e di studio degli studenti

Dettagli

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE La politica di riduzione delle risorse per il welfare e per i servizi sociali locali si sta realizzando attraverso la combinazione

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA Art.1) - E' costituita una Fondazione denominata: FONDAZIONE PIANOTERRA - ONLUS.

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA Art.1) - E' costituita una Fondazione denominata: FONDAZIONE PIANOTERRA - ONLUS. STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA Art.1) - E' costituita una Fondazione denominata: FONDAZIONE PIANOTERRA - ONLUS. La Fondazione ha sede in Roma, Via Segneri n.1 ed ha durata illimitata

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo AREA D Supporto alla Scuola e alla Didattica Ufficio per le attività studentesche e la partecipazione

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO PERCHÉ UN PORTFOLIO DELLE COMPETENZE La Cooperativa Sociale E.D.I. Onlus, al secondo anno di attività e raggiunto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PRO LOCO PIEVE SANTO STEFANO Via Canto dei Fiori n.7-52036 Pieve Santo

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito

in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito in collaborazione con BANDO 2013 UN ASILO NIDO PER OGNI BAMBINO Invito Nel confermare il loro impegno di sviluppo e promozione sociale, la Fondazione aiutare i bambini Onlus ( Aiutare i Bambini ) e la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena Via Natale Dell Amore 42\a Cesena - tel. 0547\21572 - fax 0547\21907 - e.mail cspcesena@uil.it Nell introdurre i lavori di questa importante iniziativa, mi sia consentito

Dettagli

Università Ca Foscari di Venezia Corso di laurea in Scienze della società e del Servizio sociale TESTO N. 1. Legga attentamente il testo che segue:

Università Ca Foscari di Venezia Corso di laurea in Scienze della società e del Servizio sociale TESTO N. 1. Legga attentamente il testo che segue: Un abisso di diseguaglianze si è spalancato davanti alla società italiana, negli stessi giorni in cui veniva certificato un drammatico ritorno della povertà ( ). La povertà è certo la condizione che più

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE. Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia

GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE. Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia Roma, 2 dicembre 2009 cons. Giancarlo Panero Presidente Commissione

Dettagli

Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA

Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA CASA: EMERGENZA SOCIALE PER LE FASCE PIU DEBOLI La casa, il bene più amato dagli italiani, è stato messo a dura prova in questi anni di crisi:

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia Protocollo di intesa 1. Premessa terminologica Premesso: a) Che nel dibattito pubblico si è nel tempo consolidata la prassi di utilizzare la dizione

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

COSTRUIAMO LA CAPITALE DEI DIRITTI, DEL LAVORO E DELLA SOLIDARIETA

COSTRUIAMO LA CAPITALE DEI DIRITTI, DEL LAVORO E DELLA SOLIDARIETA UIL DI ROMA E DEL LAZIO COSTRUIAMO LA CAPITALE DEI DIRITTI, DEL LAVORO E DELLA SOLIDARIETA Il Bilancio di previsione 2015 continua a risentire di una mancanza di strategia e di visione del futuro della

Dettagli

Analisi dei progetti contro la dispersione cosa e come valutare dei/nei progetti

Analisi dei progetti contro la dispersione cosa e come valutare dei/nei progetti Analisi dei progetti contro la dispersione cosa e come valutare dei/nei progetti Guido Benvenuto Docente associato di Pedagogia Sociale Università la Sapienza di Roma La ricerca valutativa e i progetti

Dettagli

CONTRIBUTO DELLA FISH - FEDERAZIONE ITALIANA PER IL SUPERAMENTO DELL HANDICAP per la consultazione sulla Buona Scuola avviata dal Governo

CONTRIBUTO DELLA FISH - FEDERAZIONE ITALIANA PER IL SUPERAMENTO DELL HANDICAP per la consultazione sulla Buona Scuola avviata dal Governo CONTRIBUTO DELLA FISH - FEDERAZIONE ITALIANA PER IL SUPERAMENTO DELL HANDICAP per la consultazione sulla Buona Scuola avviata dal Governo Commenti generali elementi positivi e negativi Il piano per la

Dettagli

RAGAZZI IN GIOCO PROGETTO LUDOPATIE IN COLLABORAZIONE CON

RAGAZZI IN GIOCO PROGETTO LUDOPATIE IN COLLABORAZIONE CON IN COLLABORAZIONE CON Aprile 2014 CAMPIONE Fasce di età 25,0% 25,0% 25,0% Totale Italia 35-39 anni 20,2% 40-44 anni 26,3% 45-49 anni 34,6% Oltre 49 anni 18,9% 25,0% TOTALE 100,0% Sesso Totale Italia Maschio

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LINEE REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO E L ACCESSO APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17/02/2010.

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri»

La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri» La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri» La politica sociale per la casa: il livello locale di Veronica Nicotra Lo spazio dedicato nell ambito delle politiche di welfare alla problematica

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna

La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Università LUM Jean Monnet - Trani European Week 9-10-11 maggio 2013 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza La Cultura della Previdenza Riformare il Patto di stabilità per la crescita interna Intervento

Dettagli

REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI

REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI Allegato 2 REGIONE PUGLIA Servizio Formazione professionale Via Corigliano 1 - Zona Industriale - BARI FORMULARIO Avviso n. 5/2011 DIRITTI A SCUOLA Denominazione progetto DIRITTI A SCUOLA TIPO A finalizzato

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO.

IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO. Tel. Fax 06/6783559 IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO. L esigenza di porre il tema del diritto allo studio al centro del dibattito non è più rimandabile: la condizione catastrofica

Dettagli

È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale?

È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale? È possibile risolvere il problema delle povertà senza aumentare la spesa sociale? Il rapporto 2008 di Caritas Italiana e Fondazione Zancan su povertà ed esclusione sociale in Italia onsiderando le grandi

Dettagli

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione 16 DICEMBRE 2008 Sinergie per una corretta alimentazione Le competenze del Mipaaf Il Mipaaf ha tra le sue competenze la promozione e lo sviluppo delle politiche alimentari nazionali. In particolare il

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi

III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della scuola media numero 19 104 III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Campagna informativa nazionale Il corretto uso dei servizi di emergenza urgenza Proposta per la realizzazione di interventi di promozione ed educazione alla salute nella Scuola Il Ministero della Salute,

Dettagli

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia

SOCIOLOGIA. Il lavoro delle donne. Caratteristiche della partecipazione. Conciliazione tra lavoro e famiglia SOCIOLOGIA Il lavoro delle donne I nodi della partecipazione Il lavoro delle donne Caratteristiche della partecipazione Conciliazione tra lavoro e famiglia Caratteristiche dell occupazione femminile I

Dettagli

Poveri noi Poveri voi Insieme per costruire un nuovo domani

Poveri noi Poveri voi Insieme per costruire un nuovo domani CONCORSO LETTERARIO e MULTIMEDIALE per BAMBINI e RAGAZZI a.s. 2015-2016 Poveri noi Poveri voi Insieme per costruire un nuovo domani MOTIVAZIONI L espressione poveri ha ampia diffusione a causa di molteplici

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa

Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa Intervento Consiglio provinciale Aperto su Casa "Un lavoro e un tetto per tutti". Con questo antico slogan abbiamo nel recente passato sintetizzato i bisogni primari di tanti lavoratori dipendenti e delle

Dettagli

Data 25 ottobre 2012

Data 25 ottobre 2012 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE

CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE 20 dicembre 2011 Anno 2011 CITTADINI E NUOVE TECNOLOGIE Rispetto al 2010 cresce la quota di famiglie che nell anno in corso possiede un personal computer (dal 57,6% al 58,8%), l accesso a Internet (dal

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli