PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015"

Transcript

1 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: LABORATORIO di DESIGN legno e arredamento Prof. E. Galimberti Prof. R. Lucchini Prof. N. Mariani Prof. M. Mauri Prof. D. Porchi Prof. L. Valtolina Prof. F. Zilio A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014 pag. 1 di 4

2 COMPETENZE (eventualmente associare le capacità ed abilità richieste) Nel 2 biennio Il Laboratorio ha ruolo sinergico con le Discipline Progettuali. Esso contribuisce ad acquisire e ad approfondire le tecniche e le procedure specifiche della progettazione del design specifico del settore prescelto. Esso si occupa anche di operatività diretta: confronta, verifica, sperimenta ipotesi e sequenze di realizzazione del lavoro in itinere e in fase finale. Applicare metodi, tecnologie, processi di lavorazione per la progettazione e per la costruzione di prodotti di design. Utilizzare mezzi manuali mezzi digitali strumentazione artigianale strumentazione industriale. Approfondire lo studio dei materiali attraverso la sinergia con la Disciplina di Chimica dei Materiali. Operare per preparare campionature, bozzetti, modelli, prototipi, riproduzioni seriali che prevedano soluzioni polimateriche. Approccio alle tecniche antiche alle nuove tecnologie. CONOSCENZE (moduli o unità didattiche o contenuti) 2 biennio TERZO ANNO Tema dell anno scolastico: OGGETTO Rappresentazione grafica dell oggetto Metodi e tecniche -Norme grafiche di rappresentazione -Scale di rappresentazione -Formati UNI, cartigli e squadrature -Sistemi di quotatura -Rappresentazione dell oggetto in proiezioni ortogonali: piante, prospetti-viste, sezioni, dettagli -Rappresentazione dell oggetto in assonometria e prospettiva Rilievo di oggetti e restituzione grafica -Fotografie e disegni preparatori a mano libera -Rilevamento delle misure -Rappresentazione dell oggetto rilevato in proiezioni ortogonali: piante, prospetti-viste, sezioni, dettagli -Rappresentazione dell oggetto rilevato in assonometria e prospettiva -Sperimentazioni cartacee manuali, digitali 2D e 3D Analisi e studio di materiali, tecnologie produttive, processi di lavorazione dei prodotti di design dell oggetto Lo studio dei materiali sarà realizzato in sinergia con la disciplina di Chimica dei Materiali -Ricerca di materiale cartaceo (cataloghi), digitale (files pdf), campionature -Prove di rendering manuale e/o digitale per la rappresentazione dei materiali impiegati Analisi e studio dei particolari costruttivi dell oggetto -congiunzione -incastro -nodo/snodo -scorrimento - Analisi e studio di alcuni oggetti di design -Analisi storico-artistica, funzionale, materica -Ridisegno -Rendering manuale e/o digitale Esperienza di re-design -Fase analitica -Fase creativa estemporanea -Fase esecutiva di rappresentazione e comunicazione del progetto attraverso elaborati grafici tecnici -Sperimentazioni cartacee manuali, digitali 2D e 3D, campionature, modelli e prototipi 2 biennio QUARTO ANNO Tema dell anno scolastico: SPAZIO DOMESTICO Introduzione di codici, simboli, norme grafiche per la rappresentazione dell architettura d interni -Norme e simboli per la rappresentazione, spessori, tipologie di linee, tratteggi -Scale di rappresentazione -Sistemi di quotatura -Rappresentazione dell architettura d interni in proiezioni ortogonali: piante, prospetti e sezioni -Rappresentazione dell architettura d interni in assonometria e prospettiva Rilievo dello spazio domestico e restituzione grafica -Fotografie e disegni preparatori a mano libera A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014 pag. 2 di 4

3 -Rilevamento delle misure -Rappresentazione dello spazio rilevato in proiezioni ortogonali: piante, prospetti e sezioni quotati -Rappresentazione dello spazio rilevato in assonometria e prospettiva -Sperimentazioni cartacee manuali, digitali 2D e 3D Analisi e studio di materiali, tecnologie produttive, prodotti appartenenti all ambito dell architettura d interni a destinazione residenziale - Lo studio dei materiali sarà realizzato in sinergia con la disciplina di Chimica dei Materiali -Ricerca di materiale cartaceo (cataloghi), digitale (files pdf), campionature -Prove di rendering manuale e/o digitale per la rappresentazione dei materiali impiegati nell architettura d interni Analisi e studio dei particolari strutturali nell allestimento dell architettura d interni - congiunzione - incastro - nodo/snodo - scorrimento - Analisi, studio, ridisegno, rendering, presentazione di allestimenti di architettura d interni residenziale -Fase analitica -Fase creativa estemporanea esperienza di re-design -Fase esecutiva di rappresentazione e comunicazione del progetto attraverso elaborati grafici tecnici -Sperimentazioni cartacee manuali, digitali 2D e 3D, campionature, modelli CONTENUTI IMPRESCINDIBILI Nel secondo biennio di corso la prassi del laboratorio ruota attorno a tematiche che vedono la disciplina del laboratorio stesso impegnato nel costruire elementi fondanti dell informazione e della formazione necessarie e finalizzate a consolidare le acquisizioni utili ad affrontare la progettazione. Il programma del terzo anno di corso, consolida l allievo/a all interno della specificità della disciplina. L oggetto, il complemento d arredo uso-funzione-ergonomia, l uomo unità di misura, il rilievo. Attraverso il linguaggio logico e il basic-design. Il programma del quarto anno è finalizzato alla acquisizione di capacità di intervento in un contesto spaziale e nell organizzazione di uno spazio abitato in relazione alla funzione cui lo stesso è destinato. Si richiede la realizzazione di modelli di studio, modelli di progetto, rendering, prototipi. NOTE Le discipline progettuali e le discipline laboratoriali potranno trovare temi comuni da sviluppare con competenze disciplinari proprie. Si promuoveremmo contatti con professionisti del mondo del lavoro negli ambiti di indirizzo. Si richiede la presenza dell Assistente Tecnico nel percorso didattico laboratoriale (aule CS01-CS02), per assistenza alle macchine, per particolari lavorazioni sulle stesse, per preziosi consigli tecnici-pratici agli alunni nella realizzazioni di modelli e prototipi. OBIETTIVI MINIMI 2 biennio: 3 e 4 anno Conoscenza ed uso corretto degli strumenti di lavoro Uso appropriato del segno grafico e corretta utilizzazione del metodo di rappresentazione grafica Autonomia nella ricerca documentaria Acquisizione dell iter progettuale corrispondente alle tematiche affrontate Capacità di sviluppare un ipotesi progettuale VERIFICHE E CRITERI DI VALUTAZIONE (tipologia - numero minimo verifiche per quadrimestre, allegare eventuale griglia di valutazione) Nelle discipline laboratoriali è riduttivo parlare di verifica finale di un percorso progettuale, poichè i tempi di apprendimento e di rielaborazione dei contenuti appresi ridurrebbero ad un numero troppo esiguo gli elaborati. La valutazione del singolo lavoro non si baserà solo su quanto consegnato al termine prestabilito ma potrà comprendere anche una serie di punti qui di seguito elencati: Uso corretto degli strumenti e del materiale di consumo Precisione grafica Ordine dell'elaborato Uso corretto di simbologia e nomenclatura Coerenza al tema assegnato Correttezza delle soluzioni elaborate Tempi di esecuzione Ricchezza di interventi di finitura dell'elaborato Proprietà del linguaggio specifico A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014 pag. 3 di 4

4 USCITE DIDATTICHE (proposte di uscite, viaggi, mete da visitare) Tutte quelle proposte dal Consiglio di Classe. Salone del mobile ed eventi del fuori salone. Visite a ditte del settore arredo-materiali Visite a showroom del settore arredo-materiali. ATTIVITA INTERDISCIPLINARI O PROGETTO DI ISTITUTO (moduli o unità didattiche) Il laboratorio di Design in sinergia con Progettazione,è attento a valutare-cogliere ed eventualmente a partecipare alle opportunità progettuali che la scuola e/o il territorio propone. PROFILO DELLO STUDENTE ALLA FINE DEL SECONDO BIENNIO Al termine del secondo biennio lo studente saprà gestire i processi progettuali e operativi inerenti al design, relativi al settore di produzione legno e arredamento, individuando, sia nell analisi, sia nella propria produzione, gli aspetti estetici, funzionali, comunicativi, espressivi, che interagiscono e caratterizzano la produzione di design, sotto la guida del docente. Conoscerà e sperimenterà l impiego in modo appropriato le diverse tecniche e tecnologie, gli strumenti e i materiali, artigianali e informatiche più diffusi; elaborerà applicando i principi e le regole della composizione e le teorie essenziali della percezione visiva. Lo studente costruirà le competenze necessarie per individuare e gestire gli elementi che costituiscono la forma e la funzione, tenendo conto della struttura del prodotto, avendo la consapevolezza dei relativi fondamenti culturali, sociali, commerciali e storico-stilistici che interagiscono con il proprio processo creativo. Analizzerà la principale produzione delle arti applicate del passato e del design contemporaneo, e coglierà le interconnessioni tra il design e i linguaggi artistici e le interazioni tra gli stessi settori di produzione. In funzione delle esigenze progettuali e comunicative del proprio operato, lo studente coltiverà le competenze adeguate nello sviluppo del progetto, nell uso del disegno a mano libera e tecnico, dei mezzi informatici, delle nuove tecnologie, della modellazione 3D. Attraverso la progettualità e l attività laboratoriale, ricercando le necessità della società e analizzando la realtà in tutti gli aspetti in cui si manifesta, lo studente coglierà il ruolo ed il valore culturale e sociale del design. Gestirà le tecniche grafiche, geometriche e descrittive e le applicazioni informatiche di settore; come anche l iter progettuale di un prodotto di design, dalle esigenze del mercato alla realizzazione del prototipo, passando dagli schizzi preliminari, dai disegni definitivi, dal bozzetto, dall individuazione, la gestione e la campionatura dei materiali, dalla elaborazione digitale e materiale, dal modello, coordinando i periodi di produzione scanditi dal rapporto sinergico tra la progettazione ed il laboratorio. Data di compilazione: Giussano, 17/10/2014 Verifica del Docente Referente: Firmato Marcella Mauri A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014 pag. 4 di 4

5 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo QUINTO ANNO DISCIPLINA: LABORATORIO di DESIGN legno e arredamento Prof. E. Galimberti Prof. R. Lucchini Prof. N. Mariani Prof. M. Mauri Prof. D. Porchi Prof. L. Valtolina Prof. F. Zilio A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014 pag. 1 di 3

6 COMPETENZE (eventualmente associare le capacità ed abilità richieste) Nel 5 anno Approfondimento e completamento dei contenuti del 3 e 4 anno. Rafforzare l autonomia operativa. Sperimentare nuove soluzioni tecniche nuove soluzioni estetiche. Interagire con altri tipi di medium artistici. CONOSCENZE (moduli o unità didattiche o contenuti) QUINTO ANNO Tema dell anno scolastico: SPAZIO PUBBLICO Introduzione di codici, simboli, norme grafiche per la rappresentazione dell architettura dello spazio pubblico -Norme e simboli per la rappresentazione, spessori, tipologie di linee, tratteggi -Scale di rappresentazione -Sistemi di quotatura -Rappresentazione dell architettura d interni in proiezioni ortogonali: piante, prospetti e sezioni -Rappresentazione dell architettura d interni in assonometria e prospettiva Rilievo dello spazio pubblico (scelta della tipologia) e restituzione grafica -Fotografie e disegni preparatori a mano libera -Rilevamento delle misure -Rappresentazione dello spazio rilevato in proiezioni ortogonali: piante, prospetti e sezioni quotati -Rappresentazione dello spazio rilevato in assonometria e prospettiva -Sperimentazioni cartacee manuali, digitali 2D e 3D Analisi e studio di materiali, tecnologie produttive, prodotti appartenenti all ambito dell architettura d interni dello spazio pubblico - Lo studio dei materiali sarà realizzato in sinergia con la disciplina di Chimica dei Materiali -Ricerca di materiale cartaceo (cataloghi), digitale (files pdf), campionature -Prove di rendering manuale e/o digitale per la rappresentazione dei materiali impiegati nell architettura d interni pubblica Analisi e studio dei particolari strutturali nell allestimento dell architettura d interni - congiunzione - incastro - nodo/snodo - scorrimento - Analisi, studio, ridisegno, rendering, presentazione di allestimenti di architettura d interni residenziale -Fase analitica -Fase creativa estemporanea esperienza di re-design -Fase esecutiva di rappresentazione e comunicazione del progetto attraverso elaborati grafici tecnici -Sperimentazioni cartacee manuali, digitali 2D e 3D, campionature, modelli CONTENUTI IMPRESCINDIBILI Nel quinto anno di corso la prassi del laboratorio affronta problematiche che pur facendo uso delle peculiarità proprie della disciplina, allargano gli orizzonti formativi puntando su elaborazioni con valenze preprofessionali ed individuando tematiche il più possibile interdisciplinari sia per il possibile coinvolgimento di altre materie sul tema affrontato, sia per autonoma elaborazione prendendo spunto dapprima da più saperi per convogliarli poi sulle elaborazioni prodotte. Nel quinto anno, l allievo/a deve avere già acquisito padronanza di materiali e di tecniche di assemblaggio; è quindi in grado di eseguire modelli complessi. L allievo /a deve conoscere i modi e gli strumenti atti ad una definizione più accurata delle tecniche di assemblaggio, in sintonia con la diversificazione e la tecnologia dei materiali. Si eseguiranno prototipi, particolari costruttivi, modelli di rendering di architettura di interni e di esterni. L obbiettivo principale è quello di sviluppare negli allievi una metodologia di progetto, e di esecuzione del manufatto autonoma e personale, comprendente non solo un corretto svolgimento del tema ma scelte personali creative e originali. Anche con l ausilio del computer e dei programmi in possesso della scuola. NOTE Le discipline progettuali e le discipline laboratoriali potranno trovare temi comuni da sviluppare con competenze disciplinari proprie. Si promuoveremmo contatti con professionisti del mondo del lavoro negli ambiti di indirizzo. Si richiede la presenza dell Assistente Tecnico nel percorso didattico laboratoriale (aule CS01-CS02), per assistenza alle macchine, per particolari lavorazioni sulle stesse, per preziosi consigli tecnici-pratici agli alunni nella realizzazioni di modelli e prototipi. A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014 pag. 2 di 3

7 OBIETTIVI MINIMI 5 anno Conoscenze riflesse nelle varie fasi progettuali Capacità di organizzare il lavoro seguendo un preciso iter metodologico operativo Rispetto dei tempi di consegna prestabiliti Produzione di elaborati graficamente corretti nella simbologia e convenzioni grafiche. Capacità di organizzare il proprio lavoro producendo elaborati completi. VERIFICHE E CRITERI DI VALUTAZIONE (tipologia - numero minimo verifiche per quadrimestre, allegare eventuale griglia di valutazione) Nelle discipline laboratoriali è riduttivo parlare di verifica finale di un percorso progettuale, poichè i tempi di apprendimento e di rielaborazione dei contenuti appresi ridurrebbero ad un numero troppo esiguo gli elaborati. La valutazione del singolo lavoro non si baserà solo su quanto consegnato al termine prestabilito ma potrà comprendere anche una serie di punti qui di seguito elencati: Uso corretto degli strumenti e del materiale di consumo Precisione grafica Ordine dell'elaborato Uso corretto di simbologia e nomenclatura Coerenza al tema assegnato Correttezza delle soluzioni elaborate Tempi di esecuzione Ricchezza di interventi di finitura dell'elaborato Proprietà del linguaggio specifico USCITE DIDATTICHE (proposte di uscite, viaggi, mete da visitare) Tutte quelle proposte dal Consiglio di Classe. Salone del mobile ed eventi del fuori salone. Visite a ditte del settore arredo-materiali Visite a showroom del settore arredo-materiali. ATTIVITA INTERDISCIPLINARI O PROGETTO DI ISTITUTO (moduli o unità didattiche) Il laboratorio di Design in sinergia con Progettazione,è attento a valutare-cogliere ed eventualmente a partecipare alle opportunità progettuali che la scuola e/o il territorio propone. PROFILO DELLO STUDENTE ALLA FINE DEL SECONDO BIENNIO Al termine del percorso liceale lo studente saprà gestire, in maniera autonoma, i processi progettuali e operativi inerenti al design, relativi al settore di produzione legno e arredamento, individuando, sia nell analisi, sia nella propria produzione, gli aspetti estetici, funzionali, comunicativi, espressivi, che interagiscono e caratterizzano la produzione di design. Pertanto, conoscerà e sarà in grado di impiegare in modo appropriato le diverse tecniche e tecnologie, gli strumenti e i materiali, artigianali e informatiche più diffusi; comprenderà e applicherà i principi e le regole della composizione e le teorie essenziali della percezione visiva. Lo studente avrà inoltre le competenze necessarie per individuare e gestire gli elementi che costituiscono la forma e la funzione, tenendo conto della struttura del prodotto, avendo la consapevolezza dei relativi fondamenti culturali, sociali, commerciali e storico-stilistici che interagiscono con il proprio processo creativo. Sarà altresì capace di analizzare la principale produzione delle arti applicate del passato e del design contemporaneo, e di cogliere le interconnessioni tra il design e i linguaggi artistici e le interazioni tra gli stessi settori di produzione. In funzione delle esigenze progettuali e comunicative del proprio operato, lo studente possiederà altresì le competenze adeguate nello sviluppo del progetto, nell uso del disegno a mano libera e tecnico, dei mezzi informatici, delle nuove tecnologie, della modellazione 3D. La concentrazione sull esercizio continuo delle attività tecniche ed intellettuali e della loro interazione intesa come progettualità e verifica laboratoriale è fondamentale per il raggiungimento di una piena autonomia creativa; attraverso la progettualità e l attività laboratoriale, ricercando le necessità della società e analizzando la realtà in tutti gli aspetti in cui si manifesta, lo studente coglierà il ruolo ed il valore culturale e sociale del design. Sarà in grado, infine, di padroneggiare le tecniche grafiche, geometriche e descrittive e le applicazioni informatiche di settore; di gestire l iter progettuale di un prodotto di design, dalle esigenze del mercato alla realizzazione del prototipo, passando dagli schizzi preliminari, dai disegni definitivi, dal bozzetto, dall individuazione, la gestione e la campionatura dei materiali, dalla elaborazione digitale e materiale, dal modello, coordinando i periodi di produzione scanditi dal rapporto sinergico tra la progettazione ed il laboratorio. Data di compilazione: Giussano, 17/10/2014 Verifica del Docente Referente: Firmato Marcella Mauri A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014 pag. 3 di 3

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE PROGETTUALI di DESIGN legno e arredamento

Dettagli

COMPETENZE (eventualmente associare le capacità ed abilità richieste) CONOSCENZE (moduli o unità didattiche o contenuti) NOTE OBIETTIVI MINIMI

COMPETENZE (eventualmente associare le capacità ed abilità richieste) CONOSCENZE (moduli o unità didattiche o contenuti) NOTE OBIETTIVI MINIMI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: Laboratorio grafico Prof. Milena Manigrasso Prof. Cristina Cingi A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 01/10/2014

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE GRAFICHE Prof. Paolo Maria Arosio Prof. Lorenzo Cazzaniga A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA Anno Scolastico 2014/2015 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: GRAFICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA SECONDO BIENNIO/QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITÀ Conoscere

Dettagli

DESIGN PROGETTO CULTURALE E FORMATIVO ( nuovo ordinamento- Progettazione e Laboratorio)

DESIGN PROGETTO CULTURALE E FORMATIVO ( nuovo ordinamento- Progettazione e Laboratorio) Obiettivi Tematiche Argomenti Dal profilo in uscita nuovo ordinamento - Individuare i principi e le regole della composizione e le teorie essenziali della percezione visiva; - Acquisire le teoriche di

Dettagli

INDIRIZZO DESIGN SETTORE DELLA PRODUZIONE ARTISTICA DESIGN DEI METALLI E DEL GIOIELLO

INDIRIZZO DESIGN SETTORE DELLA PRODUZIONE ARTISTICA DESIGN DEI METALLI E DEL GIOIELLO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO A.S. 2012-2013 LICEO ARTISTICO ORDINAMENTO DPR N 89 DEL 15.03.2010 INDIRIZZO DESIGN SETTORE DELLA PRODUZIONE ARTISTICA DESIGN DEI METALLI E DEL GIOIELLO DIPARTIMENTO

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: DESIGN ARREDAMENTO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE E QUARTE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 MATERIE GRAFICHE TECNICO indirizzo: Grafica e comunicazione TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA - CLASSI

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali)

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) La materia propone una formazione progettuale, nell ambito del communication design,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARCHITETTURA E AMBIENTE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE Programmazione didattica-educativa Bienno-triennio a.s. 2013/2014 Premessa Sulla base di una scelta didattica

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA

PROGETTAZIONE DIDATTICA I.T.T.S. VITO VOLTERRA San Donà di Piave anno scolastico 2014-2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA Al Dirigente Scolastico INSEGNANTI prof. Massimo Mucci prof. Rino Zanchettin DISCIPLINA: TECNOLOGIE E TECNICHE

Dettagli

REFERENZIAZIONI (Istat 2001) - NUP DISEGNATORE DI MOBILI 3.1.2.6.8 DISEGNATORE DI ARREDAMENTI 3.4.4.2.13

REFERENZIAZIONI (Istat 2001) - NUP DISEGNATORE DI MOBILI 3.1.2.6.8 DISEGNATORE DI ARREDAMENTI 3.4.4.2.13 Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - PROGETTISTA MOBILI E

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Tecnologia. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Tecnologia. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Istituto Comprensivo di Montesarchio A.S. 014-015 Curricolo Verticale di Tecnologia 1 Competenze Leggere e descrivere immagini. TECNOLOGIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Riproduzione dei colori per realizzare

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni Laboratori aperti 2011-2012 Architettura e ambiente L indirizzo è finalizzato al conseguimento di una formazione di carattere teorico-pratico nel settore dell Architettura in rapporto alla specificità

Dettagli

INDIRIZZO ARTI FIGURATIVE

INDIRIZZO ARTI FIGURATIVE INDIRIZZO ARTI FIGURATIVE Grafica digitale (Graphic Design) PROGETTO DIDATTICO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: - aver approfondito la conoscenza degli elementi costitutivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DISCIPLINARE DI

PROGRAMMAZIONE D AREA DISCIPLINARE DI ISTITUTO SCOLASTICO STATALE G. MAIRONI DA PONTE PRESEZZO PROGRAMMAZIONE D AREA DISCIPLINARE DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DOCENTI: Manuela Beltrami IN STAMPATELLO

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

Donatella Bonaccorsi A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO ALLEGATI VERIFICHE GRIGLIE DI VALUTAZIONE

Donatella Bonaccorsi A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO ALLEGATI VERIFICHE GRIGLIE DI VALUTAZIONE a.s.2013/2014 indirizzo: Grafica e comunicazione TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA - CLASSI PRIME E SECONDE SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE - CLASSI SECONDE TECNOLOGIE DEI PROCESSI DI PRODUZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 4 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Corso LICEO SCIENTIFICO opzione Scienze Applicate Disciplina Disegno e Storia dell arte - SECONDO BIENNIO - Classe 3 2 h x 33 66 h Classe

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Karol Wojtyla Classe: Disciplina: TECNOLOGIA Prof.ssa Mariani Paola PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE

L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE L.A.S. A.MODIGLIANI PADOVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE PITTORICHE PROGRAMMAZIONE Il Liceo Artistico Modigliani, dopo un primo biennio comune, si articola in due indirizzi: ARCHITETTURA E AMBIENTE e ARTI

Dettagli

PROGETTO MICHELANGELO

PROGETTO MICHELANGELO PROGETTO MICHELANGELO Premessa Il progetto nasce dall esigenza di ridefinire, in termini didatticamente e culturalmente innovativi, l intera esperienza formativa degli istituti secondari di istruzione

Dettagli

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze. L alunno utilizza il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti.

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze. L alunno utilizza il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti. ARTE E IMMAGINE CLASSE I SCUOLA PRIMARIA Osservare e Esprimersi e L alunno conosce e usa il colore. L alunno riconosce nella realtà e nella rappresentazione: relazioni spaziali, rapporto verticale, orizzontale,

Dettagli

www.iissluigirusso.gov.it LUIGI RUSSO Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 70043 - Monopoli (Ba)

www.iissluigirusso.gov.it LUIGI RUSSO Istituto di Istruzione Secondaria Superiore 70043 - Monopoli (Ba) www.iissluigirusso.gov.it il bais0 00c@istru one.it L I.I.S.S. Luigi Russo è un Istituto Statale che propone un offerta formativa ampia, articolata, secondo quanto previsto dalla riforma dei Licei e degli

Dettagli

INTERIOR DESIGN I (Abitazioni)

INTERIOR DESIGN I (Abitazioni) INTERIOR DESIGN I (Abitazioni) L Interior Designer collabora con architetti e geometri per progettare ed elaborare le modifiche adatte ad ogni abitazione in modo da sfruttare al meglio spazi e funzionalità.

Dettagli

Istituto d Istruzione SUPERIORE STATALE B. Carniello ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE. Settore tecnologico

Istituto d Istruzione SUPERIORE STATALE B. Carniello ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE. Settore tecnologico Istituto d Istruzione SUPERIORE STATALE B. Carniello ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE Settore tecnologico Per chi È interessato alla comunicazione attraverso i linguaggi tradizionali e multimediali

Dettagli

LABORATORIO GRAFICA. U.D.A. n.1 Regole compositive con software digitali per la grafica

LABORATORIO GRAFICA. U.D.A. n.1 Regole compositive con software digitali per la grafica Secondo biennio LABORATORIO GRAFICA U.D.A. n.1 Regole compositive con software digitali per la grafica PECUP Conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: DISEGNO PROFESSIONALE classe Prima FINALITÀ GENERALI Nell indirizzo dell Operatore Grafico Pubblicitario, la disciplina Disegno Professionale costituisce il supporto pratico-teorico

Dettagli

INTERIOR DESIGN. Corso di. progettare gli spazi e l arredamento della casa

INTERIOR DESIGN. Corso di. progettare gli spazi e l arredamento della casa INTERIOR DESIGN Corso di progettare gli spazi e l arredamento della casa obiettivi L obiettivo principale del corso è di insegnare all allievo ad arredare un abitazione privata e a trovare le soluzioni

Dettagli

Settore :Industria e artigianato Indirizzo :Produzioni industriali e artigianali

Settore :Industria e artigianato Indirizzo :Produzioni industriali e artigianali Is tituto Profess ionale di Stato pe r l Indus tria e l Artigianato CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371 e-mail: i p s i a p g @ t i n. i t - sito

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali articolazione Industria opzione Produzioni audiovisive

Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali articolazione Industria opzione Produzioni audiovisive Bozza 16 novembre 2011 allegato B 4 Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali articolazione Industria opzione Produzioni audiovisive Profilo Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE D'ARTE A.VENTURI PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA

ISTITUTO SUPERIORE D'ARTE A.VENTURI PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA ANNOSCOLASTICO0/0 ISTITUTO SUPERIORE D'ARTE A.VENTURI PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA LICEOARTISTICO ISTITUTOPROFESSIONALEGRAFICA INDICE INTRODUZIONE Con la presente pubblicazione viene presentato agli studenti,

Dettagli

Corso di Qualifica Professionale in Arredamento d'interni

Corso di Qualifica Professionale in Arredamento d'interni Corso di Qualifica Professionale in Arredamento d'interni INSEGNAMENTI CODICE MONTE ORE 3D E Photoshop AI2015_01 26 Cad 2D AI2015_02 26 Disegno Tecnico AI2015_03 32 Progettazione 2 AI2015_04 36 Progettazione

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE NEL BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE NEL BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE NEL BIENNIO (aggiornata, in seguito alle riunioni di Dipartimento di settembre 2012, rispetto ai primi due anni del ciclo di studi in relazione alle indicazioni

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

Premessa. Certipass Comitato Tecnico-Scientifico. EIPASS CAD 2D/3D Programma rev. 4.0 del 26/05/2015 Pagina 2 di 10

Premessa. Certipass Comitato Tecnico-Scientifico. EIPASS CAD 2D/3D Programma rev. 4.0 del 26/05/2015 Pagina 2 di 10 Pagina 2 di 10 Premessa Nel quadro delle competenze digitali, annoverate dalla Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 febbraio 2006 fra le cosiddette competenze chiave in grado di

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corso, di durata triennale, permette di conseguire un alta formazione nel campo del design della comunicazione visiva. Il percorso formativo è strutturato in modo da trasmettere

Dettagli

Elementi di disegno bidimensionale CAD

Elementi di disegno bidimensionale CAD Page 1 of 8 Elementi di disegno bidimensionale CAD Formazione Continua Individuale 2009 - Normale - In Compilazione Codice identificativo: ID52508 Profilo professionale di riferimento: Operatore CAD -

Dettagli

Piano di Lavoro. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Aldo MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n. 4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE SEZIONE SCIENTIFICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro DISEGNO E STORIA

Dettagli

ASSE: PROFESSIONALIZZANTE a.s. 2014-2015

ASSE: PROFESSIONALIZZANTE a.s. 2014-2015 ASSE: PROFESSIONALIZZANTE a.s. 2014-2015 DISCIPLINE: Dipartimento Espressione della realtà professionale : Elementi di Storia dell arte ed espressioni grafiche, Tecnologia e tecniche di rappresentazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO Lo studio della matematica contribuisce alla crescita intellettuale e alla formazione critica degli studenti promuovendo: lo sviluppo di capacità sia intuitive

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura d interni Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Scegli nel presente, crea il tuo futuro!

Scegli nel presente, crea il tuo futuro! Scegli nel presente, crea il tuo futuro! Una scuola nel Mondo Il Mondo in una scuola http://bunivaweb.it/ UNA SCUOLA NEL MONDO IL MONDO IN UNA SCUOLA La chiave del tuo futuro PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI TECNOLOGIA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI TECNOLOGIA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO Libro testo: 1) Elementi di disegno tecnico Piante, sezioni, prospetti, quote, convenzioni UNI di rappresentazione dell architettura; 2) Il rilievo a vista,

Dettagli

Laboratorio di Scultura: Ascoltare lo spazio Progettazione e realizzazione di un opere d arte attraverso un intervento site specific

Laboratorio di Scultura: Ascoltare lo spazio Progettazione e realizzazione di un opere d arte attraverso un intervento site specific Laboratorio di Scultura: Ascoltare lo spazio Progettazione e realizzazione di un opere d arte attraverso un intervento site specific Docente: Simone Cametti cell 328 1546195 email simonecametti@hotmail.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE SUPERIORE FEDERIGO ENRIQUES CASTELFIORENTINO ISTITUTO PROFESSIONALE DEI SERVIZI COMMERCIALI SERVIZI DELLA COMUNICAZIONE

ISTITUTO STATALE SUPERIORE FEDERIGO ENRIQUES CASTELFIORENTINO ISTITUTO PROFESSIONALE DEI SERVIZI COMMERCIALI SERVIZI DELLA COMUNICAZIONE ISTITUTO STATALE SUPERIORE FEDERIGO ENRIQUES CASTELFIORENTINO ISTITUTO PROFESSIONALE DEI SERVIZI COMMERCIALI SERVIZI DELLA COMUNICAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Programma di LAB. TECNICO PROFESSIONALE

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Profilo e obiettivi generali da sviluppare nel secondo biennio e da raggiungere alla fine del quinto anno. Premessa

Profilo e obiettivi generali da sviluppare nel secondo biennio e da raggiungere alla fine del quinto anno. Premessa 3. DESIGN Profilo e obiettivi generali da sviluppare nel secondo biennio e da raggiungere alla fine del quinto anno. Premessa Il Corso di Disegno Industriale intende favorire l'acquisizione di una metodologia

Dettagli

UNITÁ FORMATIVA n. 1 - Area professionale DATI GENERALI. DATI DI ESITO Riferimento: standard formativi minimi regionali DDG N. 1544/10 allegato B

UNITÁ FORMATIVA n. 1 - Area professionale DATI GENERALI. DATI DI ESITO Riferimento: standard formativi minimi regionali DDG N. 1544/10 allegato B Modulo di lavoro Pagina 1 di 12 + UNITA FORMATIVA OPERATORE GRAFICO indirizzo MULTIMEDIA Denominazione figura professionale Indirizzo della figura Processo di lavoro caratterizzante la figura Descrizione

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA

CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA CORSO DI OPERATORE/TRICE GRAFICO ADDETTO/A PRESTAMPA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che organizza, in diversi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

IIS E.DE NICOLA ISTITUTO TECNICO per il SETTORE ECONOMICO ISTITUTO TECNICO per il SETTORE TECNOLOGICO LICEO ARTISTICO

IIS E.DE NICOLA ISTITUTO TECNICO per il SETTORE ECONOMICO ISTITUTO TECNICO per il SETTORE TECNOLOGICO LICEO ARTISTICO IIS E.DE NICOLA ISTITUTO TECNICO per il SETTORE ECONOMICO ISTITUTO TECNICO per il SETTORE TECNOLOGICO LICEO ARTISTICO sede mezzi di trasporto accessibilità studenti disabili presentazione scuola Via Saint

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE TECNOLOGIA

Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE TECNOLOGIA Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA a.s.2011/12 Classi I - II - III PREMESSA La tecnologia da un lato studia e progetta i dispositivi, le macchine e gli

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano RESTAURO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Storia della Scuola Convenzioni La Scuola di Restauro dell Accademia di Brera è stata istituita nel 1997 con l obiettivo di una formazione specializzata

Dettagli

CLASSE 18/A - DISCIPLINE GEOMETRICHE, ARCHITETTONICHE, ARREDAMENTO E SCENOTECNICA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 18/A - DISCIPLINE GEOMETRICHE, ARCHITETTONICHE, ARREDAMENTO E SCENOTECNICA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 18/A - DISCIPLINE GEOMETRICHE, ARCHITETTONICHE, ARREDAMENTO E SCENOTECNICA Programma d'esame CLASSE 18/A - DISCIPLINE GEOMETRICHE, ARCHITETTONICHE, ARREDAMENTO E SCENOTECNICA Temi d'esame proposti

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale Comunicare con la scuola I nuovi Istituti Tecnici del settore tecnologico Roma, 9 novembre 2009 Istituto tecnico industriale Galileo Galilei Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 011/01 L I C E O A R T I S T I C O S T A T A L E S a n L e u c i o (CE) Distr. Scol. n. 1 Cod. Istituto CESD00008 Cod. Fisc. 8000870618 C. C. P. n 144819 Tel./Fax:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

isgmd Ateneo Post-Diploma grafica moda design Istituto Superiore - Ateneo Post-diploma - Masters Accreditato dalla regione Lombardia

isgmd Ateneo Post-Diploma grafica moda design Istituto Superiore - Ateneo Post-diploma - Masters Accreditato dalla regione Lombardia isgmd Ateneo Post-Diploma Lecco, via Cavour 90 i www.isgmd.it tel. +390341282336 fax +390341264400 is grafica moda design Istituto Superiore - Ateneo Post-diploma - Masters Accreditato dalla regione Lombardia

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO DI STATO A. CALINI PROGRAMMA ANNUALE DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LICEO SCIENTIFICO DI STATO A. CALINI PROGRAMMA ANNUALE DISEGNO E STORIA DELL ARTE LICEO SCIENTIFICO DI STATO A. CALINI PROGRAMMA ANNUALE DISEGNO E STORIA DELL ARTE Anno Scolastico 2013-2014 1.Finalità educative Far acquisire la conoscenza degli strumenti tecnici e le abilità necessarie

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: GUARDA CHE BEL VIAGGIO. Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: GUARDA CHE BEL VIAGGIO. Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE UNITÀ DI APPRENDIMENTO: GUARDA CHE BEL VIAGGIO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione GUARDA CHE BEL VIAGGIO Prodotti

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani»

ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» 1 ISCRIVERSI Chi può iscriversi agli indirizzi del Max Fabiani All Istituto Statale d Arte Max Fabiani possono iscriversi alunni maschi e femmine in possesso della

Dettagli

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof.

Macroarea: Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO. Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO. Docente Collaboratore. Prof. Denominazione: GIORNALE SCOLASTICO Macroarea: A Responsabile del Progetto: Prof.ssa IMMACOLATA ANZEVINO Docente Collaboratore Prof.ssa SERENA PANTI 2. Finalità: Contribuire alla formazione di cittadini

Dettagli

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898 AD arredo & design ANDREA FANTONI L Arte di Fare Scuola dal 1898 Scuola d Arte Andrea Fantoni Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole

Dettagli

Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello

Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello Piani Di Studio. Corsi di Diploma Accademico di I Livello Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura Scuola di Scultura Scuola di Decorazione Scuola di Grafica Dipartimento di Progettazione ed Arti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Asiago Scuola Secondaria di I Grado Asiago Via M.Bortoli 1 PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA

Istituto Comprensivo di Asiago Scuola Secondaria di I Grado Asiago Via M.Bortoli 1 PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA Istituto Comprensivo di Asiago Scuola Secondaria di I Grado Asiago Via M.Bortoli PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 04/05 SITUAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA INIZIALE Si fa riferimento al Piano

Dettagli

Anno Scolastico Classe Tutor scolastico. 2008/2009 IV A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno. 2009/2010 V A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno

Anno Scolastico Classe Tutor scolastico. 2008/2009 IV A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno. 2009/2010 V A T.A.M. prof. arch. Antonino Bongiorno PROGETTTTO FFORMATTI IVO DII QUALLI IFFI ICAZZI IONE PROFFESSI IONALLE DII SECONDO LLI IVELLLLO TECNICO INFORMATII ICO E COMMERCIALE DII PRODOTTII MODA Anno Scolastico Classe Tutor scolastico 2008/2009

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore E. Fermi R. Guttuso

Istituto Istruzione Superiore E. Fermi R. Guttuso Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole medie secondarie di primo grado Ai referenti per l Orientamento Agli alunni delle classi terze delle scuole medie Oggetto: Corsi gratuiti di orientamento scolastico

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Tipologia della classe x Abbastanza Tranquilla; Collaborativa; Passiva; Problematica per l eccessiva vivacità;

Tipologia della classe x Abbastanza Tranquilla; Collaborativa; Passiva; Problematica per l eccessiva vivacità; PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Domenica Talamini Disciplina Arte e immagine Classe 2 Sezione D n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con

Dettagli

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE Accademia di Belle Arti di Brera - Milano La Scuola di Didattica dell arte dell Accademia di Brera risponde ad un vuoto formativo sulle culture del contemporaneo e dei

Dettagli