MOVIMENTO 5 STELLE MASCALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOVIMENTO 5 STELLE MASCALI"

Transcript

1 ***l}\} Qr.u.,utD PROGRAM MA AM M IN ISTRATIVO MOVIMENTO 5 STELLE MASCALI ELEZIONI MANNINO LAURA SINDACO LA POLITICA AI CITTADINI PER UNA MASCALI A 5 STELLE

2 IL NOSTRO METODO DI IAVORO. ll Movimento 5 Stelle è una realtà ormai consolidata nel panorama politico italiano. Le tornate elettorali regionali, nazìonali ed europee hanno assegnato al Movimento un ruolo di primo piano, candidandolo ad attuare le profonde trasformazioni di cui ha bisogno la società italiana per risorgere da una crisi etica ed economica senza precedenti. La scelta di presentarsi uniformente sul territorio alle prossime elezioni amministrative nasce dalla consapevolezza di intraprendere i processi di cambiamento iniziando fin dalle piccole realtà locali, in un progetto complessivamente omogeneo. La nostra awentura nasce già ricca delle precedenti esperienze accumulate in questi anni dalle liste del Movimento che hanno avuto già modo di cimentarsi alle elezioniamministrative. Con le liste "sorelle" condividiamo una generale analisi della politica nazionale, il programma nazionale del Movimento, diversificando la nostra analisi in sede di proposte concrete da rivolgere alla collettività che intendiamo rappresentare. ll Movimento 5 Stelle non è un partito strutturato secondo i canoni tradizionali della politica, è un movimento che nasce dal basso e che trova la propria legittimazione dal confi-anto diretto e costante con i cittadini ll nostro lavoro comincia con I'ascolto delle tante diverse realtà, tutte degne di nota, che formano la nostra società. Ciascuna di queste realtà ha isuoi problemi e isuc,r desideri per il migliore funzionamento della comunità. Noi vogliamo raccogliere la voce di iutti, confrontarci con loro, siano essi singoli individui oppure riuniti in associazioni, gruppi, comitati. Nessun dogma calato dall'alto, ma una puntuale raccolta ed analisi di quello che ci suggerisce chi ci sostiene e chi ci critica. Abbiamo iniziato questo percorso da tempo. Abbiamo incontrato la gente per strada, organizzato banchetti informativi e di raccolta firme, fatto opera di divulgazione delle nostre idee. Nel frattempo, abbiamo continuato a riunirci per analizzare le varìe istanze che ci venivano presentate. Abbiamo costituito gruppo di studio e lavoro per approfondire ogni situazrone, vagliando pregi e difetti delle varie soluzioni e cercando di formulare le nostre proposte il piùl possibile aderenti alle necessità della popolazione.

3 ll Movimento 5 Stelle punta a una rivoluzione culturale della società italiana, all'affermazione di una Democrazia evoluta, dove ciascun cittadino abbia una piena consapevolezza dei propri diritti e doveri. Nella fase pre-elettorale abbiamo organizzato assemblee pubbliche per ascoltare icittadini, abbiamo sottoposto nei mesi passati un questionario per dare la possibilità a tutti di dare il proprio contributo. ll programma del Movimento 5 Stelle Mascali tiene scnto di tutti icontributi forniti e teriì ;onro di tutte le richieste che saranno sottoposte all,attenzione del gruppo. oggi non possiamo più guardare al domani, ma dobbiamo già pensare alla settimana prossrmar all'anno prossimo perché l'evoluzione è molto veloce e occorre muoversi, per cui abbiamo pensato ad un programma in "Movimento" scritto dai cittadini Der icittadini.

4 SOMMARIO 1. Rapporto tra cittadini ed amministrazione - Democrazia Diretta e Trasparenza. 2. Connettività per tutti: un diritto fondamentale. 3. Ambiente e Rifiuti: differenziata, incentivi e lavoro. 4. Acqua pu bblica. 5. Agricoltura sostenibile. 6. Energierinnovabili. 7. Riqualificazione urbanistica: sostenibilità e bioedilizia. 8. Mobilità a portata diogni cittadino. 9. Lavoro: azioniamministrative ed educazione alla legalità. 10. lmprese, Artigianato e Commercio 11. Turismo e cu ltura 12. Bilancio:gestione virtuosa delle risorse pubbliche, lotta agli sprechie ai privilegi. 13. Educazione civica e reti sociali. 14. Solidarietà sociale secondo nuove concezioni Scuola: edilizia sicura ed efficiente, attività educative Salute e Sport. Nomina degli assessori e sottoscrizione.

5 RAPPORTO TRA CITTADINI ED AMMINISTRAZIONE Democrazia Diretta e Trasparenza ANALISI La democrazia rappresentativa attraversa un processo degenerativo che ha man mano estromesso icittadini dal processo decisionale che riguarda la soluzione dei problemi della società. ll Movimento 5 Stelle ritiene necessario awiare processi deliberativi popolari per l'affermazione di una democrazia sempre pifr diretta e meno rappresentativa, per contribuire a prendere decisioni più equilibrate e meglio rispondenti ai principi di equita e giustizia sociale, per una pofitica il più possibile condivisa, che consenta la massima partecipazione sulle scelte di allocazione delle risorse della comunità. Una comunità, insieme, "governata" e "governante,,. Una partecipazione diretta, non filtrata e limitata dal potere rappresentativo consente, infatti di concorrere, concretamente alla gestione della "res publico", aumentando il senso di consapevolezza e di responsabilità dei cittadini, attraverso percorsi forr:.ativi di educazione civrca.

6 RAPPORTO TRA CITTADINI ED AMMIf{ISTRAZIONE Democrazia Diretta e Trasparenza - Introduzione nelo statuto comunare di strumenti di iniziativa poporare: referendtrm propositivo e abrogativo sulle questioni locali. - Durante un periodo de['anno i cittadini proporranno e discuteranno mentre in un artro sceglieranno con ir voto re proposte emerse. I mezzo prescerto sarà un brog e ra postazione informatica con coadiutore all,interno del comune. ' una volta raccorte re idee piir votate una deregazione poporare insieme ad un Ufficio det Gabinetto der sindaco varuterà r'introduzione defle proposte emerse dar basso e re introdurrà nel piano dei lavori pubblici e dei servizi. Introduzione di un ufficio de[a Trasparenza ove ir cittadino possa accedere a quarsiasi oocumento e ne possa avere copia previo appuntamento. Introduzione di un ufficio Segnarazioni e Recrami, cui verrà data risposta in breve termine. verrà, in base ai dati raccorti, creato un registro onrine in cui saranno raccorte tutte re rstanze inviate alla p.a. e dove si potranno consultare le risposte ricevute. si effettuerà ra trasmissione in streaming de a diretta der consigrio comunare e di tutti gri incontri delle Commissioni. La presenza oraria dei consigrieri efle.;edute sarà registrata e resa pubbrica, possibilmente le sedute verranno effettuati ad orari consoni alla vita der paese, non ci saranno sedute notturne. Pubblicazione dei contratti di consurenza, con indicazione dela prestazione, der consurente e dell'importo della prestazione. Pubblicazione dei contratti per lavori e forniture, con indicazione delle ditte interessate della tipologia di prestazione e degli importi. Pubblicazione per eventuari atti concessori, rocazioni o affidi di beni comunari, con indicazione dei destinatari e degli eventuali canoni. Progetti di a lfa betizzazio ne informatica per anziani, disabiri e artri cittadini che ne avessero bisogno, in modo da faciritare accesso a[e informazioni, ra richiesta di documenti e ra velocizzazione delle loro praticne. Invito diretto al cittadino a partecipare al consiglio.

7 2. CONNETTIVITCPER TUTTI: UN DIRITTO FONDAMENTALE ANALISI La Rete è uno strumento fondamentale ed insostituibile, sempre piir necessario per lavorare, per comunicare, per formare comunità, per informarsi. La Rete è strumento di partecipazione e trasparenza. La connettività rappresenta l'infrastruttura base su cui fare viaggiare idee opinioni, servizi e numerose altre attività. La Rete differisce dalla televisione e dai tradizionali metodi di informazione perchè non propina verità destinate ad un ascolto acritico, ma forma ipropri processi informativi attraverso un'ampia partecipazione e confronto di base. Mentre la televisione uniforma le menti le rende servili nei riguardi chi possiede le leve dell'informazione, il web dà voce a tutti ed è, quindi, libera dalla manipolazioni dei pochi a oanno dei molti Portare Internet in ogni casa è un processo gratificante, progressista,cultura le. Internet permette la comunicazione tra persone, la trasmissione di documenti, di offrire moltissirni servizi in tempo reale, evitando lunghe code agli sportelli. con risparmio di carta, tempo e costi. Le pubbliche amministrazioni devono inceni.',,a::. ;so di questo canale di dialogo con icittadini, investendo in servizi di mobilità per ottenere molteplici vantaggi: maggiore accessibilità ai servizi e comunicazione più immediata ai cittadini, risparmio. Le abitazioni private e gli esercizi commerciali necessitano sempre più spesso di telecamere di videosorveglianza e la connessione internet è un ottimo strumento per tenere sotto controllo la rispettiva proprietà. Numerosi servizi di assistenza domiciliare e sanitaria, inoltre, ultimamente si sono evoluti ed è possibile effettuare monitoraggio tramite dati informatici ed apparecchiature specifiche.

8 2. CONNETTIVITffPER TUTTI: UN DIRITTO FONDAMENTALE AZtONI - completamento del piano di ca pilla rizzazione della linea ADSL per tutto il territono comunale: parte del territorio comunale centrale e quasi tutte le frazioni risultano scoperte dal collegamento ADSL. Abbiamo già iniziato il processo per l'ampliamento della linea rn periodo pre-elettorale. - Progressiva diffusione di punti wi-fi gratuiti a partire dal centro storico e nell,area commerciale per l'accesso ad internet. - Introdurre in 5 anni la possibilità di avere via internet ogni tipo di documento e modulistica di competenza comunale. - Servizi comunali disponibili, ognivolta che questo sia possibile, via lnternet. - Meno carta, meno costi, meno spostamenti, meno inquinamenro. - Fornire itinerari, percorsi multimediali ed informazioni turistiche per ituristi, attraverso apposite applicazioni per smartphone; totem informativi in comune e interattivi oer l'ottenimento didocumenti di uso corrente. - Classificazione e d isita lizzazio ne dei testi e dei documenti inerenti la storia e la cultura di Mascali presenti nella biblioteca comunale Der consenti!.qe l'accesso via Internet. - capilla rizzazione della rete fisica affinché ogni cittadino possa disporre del proprio punto ADSL.

9 3. AMBIENTE E RIFIUTI: DIFFERENZIATA, INCENTIVI E LAVORO ANALISI L'inquinamento è una emergenza planetaria e solo da una adeguata risposta al problema dipenderà la qualità divita delfuturo. Molta parte dell'inquinamento ambientale è causata dallo smaltimento dei rifiuti. L'ltalia ancora oggi adotta principalmente due modalità di smaltimento dei rifiuti altamente inouinanti: discariche ed inceneritori. Occorre puntare su una strategia di riduzione della produzione dei rifiuti all'origine. I rifiuti devono essere al centro di una visione complessiva che individui il percorso migliore per la loro riduzione, per il loro riuso, riciclo e recupero. ll nostro obiettivo è arrivare ad una società che sia in grado di riusare o riciclare tutto quello che oroo uce. No alla costruzione di inceneritori /cancrovalorizzatori: sono strategie 5asate sul business degli incentivi, fuori dal mercato, causa di spreco di risorse e perdita di posti di lavoro. Una particolare attenzione va dedicata ai rifiuti domestici ed alla educazione dei cittadini, con programmi di sensibilizzazione nelle scuole. Stimolazione delle aziende locali all'utilizzo delle migliori tecniche disponibili per ridurre la produzione di rifiuti speciali e nocivi. Dall'applicazione di oueste innovazioni si potra ottenere un abbassamento della tariffa comunale per lo smaltímento dei rifiuti,

10 3. AMBIENTE E RlFlUTl: DIFFERENZIATA, tncenttvt E TAVORO AZtONI Attivazione della raccolta differenziata porta a porta in tutti iquartieri della città; Appalto per raccolta e smaltimento dei rifiuti con separazione dei due gestori: chi raccoglie non smaltisce e viceversa; Integrazione del sistema di raccolta con tariffazioni a peso, così da stimolare la riduzione dell'acquisto di prodotti imballati, il riuso ed il riciclo domestico; Introdurre la novità dell'uso di "riciclatori incentivanti" per agevolare lo smaltimento rifiuti differenzíati e premiare il cittadino con sgravi sulle imposte comunali; Raccolta differenziata per le attività commerciali (negozi, palestre) e gli uffici; Creazione di un' isola ecologica funzionante e funzionale; Obbligo di acquisti VERDI per le amministrazioni comunali e le scuole (cioé acquisto di prodotti riciclabili o provenienti da materiale riciclato); Creazicne dicentri per il riuso e il recupero dei materiali usati; Pulitura almeno biennale dei valloni di scolo e mantenimento minimo annuale: Stimolazione all'utilizzo di:. compostaggio domestico e/o di comunità della frazione di rifiuti umida; o commercio di prodotti distribuiti alla "spina"; Stiîolazione di " corner last n':inute" in collaborazione con i supermercati locali: qui i prodotti in scadenza ancora commestibili verranno venduti a prezzi fortemente scontati. ln questo modo si abbattono gli sprechi di risorse alimentari, andando incontro alle esigenze delle famiglie; Creazione di un punto comunale di raccolta di PC e materiali informatici guasti o obsoleti ai quali verrà data una nuova vita al fine di poterli utilizzare nelle scuole, nelle biblioteche e negli altri luoghipubblici dove siano necessari; creazione di strumenti organizzativi di pronto intervento per lo smaltimento della cenere vulcanica, anche in attività consortile con altri comuni; lmplementazione del Progetto Amianto Zero per la rimozione dei residui nelle abitazioni di amianto ed eternit. 10

11 4. ACQUA PUBBLICA ANATISI ll programma sull'acqua pubblica è stato scritto per il Movimento 5 Stelle da 27 milioni di italiani che il 12 e 13 giugno 2011 hanno sancito il primato del concetto di bene comune sulle logiche di mercato. AZtONI ll servizio di approwigionamento idrico deve rimanere a gestione pubblica; questo principio dovrà essere introdotto nello Statuto Comunale; seria politica di riduzione degli sprechi d'acqua nella rete di distribuzione e presso l'utente finale, con verifica dello stato della rete idrica su tutto il territorio; Monitoraggio costante della qualità dell'acqua e pubblicazione dei risultati sul web; Informazione ai cittadini sulle migliori qualità dell'acqua pubblica rispetto alle olígominerali; Stimolazione alla distribuzione, in via preferenziale, di acqua in bottiglie di vetro, rigorosamente con vuoto a rendere; Definire un sistema tariffario per il consumo idrico che sia premiante per icomportamenti virtuosi e, viceversa, che penalizzi gli sprechi; Obbligo di rendicontazione pubblica dei lavori eseguiti e dei risparmi ottenuti e di.einvestimento di tali risparmi nella manrrtenzione della rete idrica; Monitoraggio di ogni contatore per l'acqua presente su tutto il territorio di Mascali. Allo stato attuale ancora tanti contratti non sono regolari, mentre deve essere chiaro il concetto che ogni famiglia dovrà pagare il giusto affinché ognuno possa pagare di meno. l1

12 5. AGRICOLTURA SOSTENIBILE ANALISI ll nostro programma in ambito agricolo punta alla promozione di un'economia etica e solidale per la oreservazione del territorio. Lo scopo è la salvaguardia dei produttori e dei consumatori virtuosi con la promozione dell'agricoltu ra biologica-naturale e tramite l'utilizzo di strumenti in grado di preservare l'economia agreste locale. Uno degli obiettivi è di rendere il nostro sistema agricolo più solido, favorendo l'aggregazione sociale intorno al mercato rurale. ll nostro territorio è ricco di agrumeti, di campi coltivativi sulle colline e in pianura e siamo dell'idea cire, senza far lievitare iprezzi e senza arrecare perdite ai coltivatori (rispetto ai prezzi di conferimento al mercato) e facendo incontrare questi produttori con icittadini, sia possibile far arrivare sulle nostre tavole ottimi prodotti a prezzi davvero piùr competitivi di quelli usciti dal mercato. Occorre stimolare la promozione di mercati di soli produttori in aree strategiche della città che siano una garanzía di trasparenza e di equo compenso per cittadinanza e produttori e che possano rappresentare un punto fisso di incontro tra domanda ed offerta rimanendo in ambito locale, creando un naturale rigetto alle rigide e spesso paradossali scelte del libero mercato che permette alle merci di percorrere migliaia di chilometri al solo scopo di allungare le filiere e creare reddito per soggetti che non apportano nessun vantaggio al prodotto finale La riloca lizza zione della produzìone agricola può contribuire a creare un nuovo tipo di società meno soggetta agli sbalzi del mercato e molto piir autosufficiente di quella cuisiamo abituati, dove basta uno sbalzo climatico di qualche giorno a compromettere pericolosamente l'approwigionamento dei beni primari. Promozione dei GRUPPI Dl ACOUISTO SOLIDALE. t2

13 5. AGRICOLTURA SOSTENIBILE AzIONI - Sostegno e valorizzazione dell'attività agricola locale. - ll comune dovrà appoggiare iniziative volte a favorire la vendita diretta, apprezzata dai consumatori e fonte di reddito per gli agricoltori, con particolare attenzione alle realtà cne perseguono la filiera corta. - Favorire la nascita di un consorzio di preservazione e divulgazione dispecie autoctone. - lf consorzio avrà l'obbligo di mantenere la purezza della specie e fungere da rete di scambio. - L'agricoltura dovrà essere dedicata alla produzione di cibo di qualità certificata. - ll tutto verrà verificato da apposite ispezioni con personale esterno e rotazione. - L'utilizzo dei terreni agricoli per fìni energetici dovrà essere adeguatamente monitoraro, programmato e limitato. - Campagna di comunicazione a sostegno di prodotti agricoli offerti da produttori locali, prodotti tipici del territorio. - Incentivazione alla realizzazione degli orti scolastici e delle "attività all'aria aperta,,. - opposizione alla realizzazione di centri commc;ciale e in genere di attività miranti alla centralizzazione della ricchezza. - lltutto verrà verificato da apposite ispezioni con personale esterno a rotazione. - Promozione dei GRUPPT Dt ACeU STO SOLTDALE (c.a.s.). I G.A.s. nascono dalla esigenza di costruire dal basso un'economia sana, in cui l,eticità valga più del profitto e la qualità sia più importante della quantita. un Gruppo di Acquisto solidale è un gruppo di persone che acquistano all,ingrosso prodotti alimentari, o di uso comune, da ridistribuire tra di loro. ll G.A.s. osserva un fondamentale principio guida nella scelta dei prodotti: pane dall'interno del gruppo e si estende ai piccoli produttori locali, al rispetto dell,ambiente, permettendo quello che viene definito consurho critico.

14 6. ENERGIE RINNOVABITI ANALISI L'attuale sistema di produzione di energia è prodotta per lo piir da fonti fossili; la sempre piùr scarsa quantità disponibile delle suddette fonti comporta costi crescenti La quasi totalità degli edifici disperde quasi il 70% dell'energia utilizzata a causa delle cattrve tecniche costruttive. In breve, paghiamo le nostre bollette per scaldare all'esterno delle nosrre case e dei nostri Uffici pubblici Un politica di maggiore efficientamento energetico è necessaria per i nostri risparmi e per la tuteta dell'ambiente. L'Europa ci impone diriqualificare energeticamente il 3% all,anno di edifici pubblici. La stessa Unione promuove l'accesso a fondi e consulenze per awiare un cammino che consentirà di ridurre o cancellare la dipendenza dagli idrocarburi, con un piano di decrescita energetica - cancellazione degli sprechi, integrato con l'aumento di tecnologie che usano le fonti energetiche alternative. ll comune di Mascali dovrà porsi obiettivi a breve, medio e lungo termine, per giungere a una totale autosuff icienza energetica. Gli obiettivi di medio termine possono essere quelli stabiliti dal Protocollo di Kyoto, ossia al 2020 raggiungere 't 2o-2o-2o.20% di riduzione dei gas serra, 2o%o di riduzione dei consumi, 20% in più di produzione da fonti rinnovabili 14

15 6. ENERGIE RINNOVABILI AZTONI - Creazione dello sportello energia in una struttura di supporto per il cittadino e per gli amministratori di condominio, volto a fare informazioni, formazione e supporto in merito. Autoproduzioneenergetica;. Cultura del risparmio energetico; ' Piani per il risparmio energetico, volti a limitare i piccoli sprechi in immobili pubblici e privati;. Collaborazione con università e istituti tecnici per studiare e validare le nuove tecnologie presenti sul mercato per il risparmio e la produzione di energia rinnovabile;. Analisi dello stato di fatto e mappatura energetica degli edifici esistenti, operando in sinergia con le associazioni di categoria; r Redazione di un catasto energetico comunale;. Pubblicazione on line delle certificazioni energetiche degli e,,ifici;. Adozione di un piano di riduzione programmata dei consumi energetici degli edifici del Comune e dei risultati ottenuti;. Adozione di un piano per l'utilizzo di energie rinnovabili negli edifici del Comune e pubblicazione della tipologia di impianti installati e dei risultati ottenuti; interventi strutturali per la diffusione delle fonti rinnovabili dienergia;. Dotazione di tutti gli edifici di proprietà comunale di tecnologie per il risparmlo energetico e per la produzione di energie rinnovabili; I Studio con istituti bancari di agevolazioni ai cittadini che vogliano installare impianti per energie rinnovabili nelle rispettive abitazioni; I ll parco lampade dell'illuminazione pubblica è già stato fornita di lampade a Led a basso consumo. La fase successiva sarà quella di implementare un sistema intelligente di alimentazione della lampada stessa con pannelli fotovoltaici, e nel contempo installare ripetitori Wi-Fi con accesso gratuito e sistemi di video_ sorveglianza;. Sostituzione delle lampadine cimiterialicon quelle a LED. 15

16 7. RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA: SOSTENIBILITA' E BtOEDtLtZtA ANATISI L'abuso della cementif icazione è una delle principali cause di degrado del territorio. La corsa alla cementificazione diminuisce il territorio dedicato alle produzioni locali, provoca disastrose impermeabilizzazioni dei terreni, compromettendo le funzionibiologiche del suolo. L'effetto diretto è un errato deflusso delle acque con i rischi conieguenti. Occorre procedere ad un insediamento urbanistico sostenibile, mantenendo l'integrità dell'ambiente naturale, il corretto funzionamento delle reti tecnologiche e la qualità delle soluzioni soazia li. E'necessario proporre nuove forme di organizzazione dello spazio urbano fondato sull'esigenza di contenere il consumo del suolo, promuovendo forme di riuso del patrimonio edilizio esistente e garantendo la massima permeabilità del terreno. All'interno del perimetro urbano bisogna garantire il raggiungimento degli obiettivi globali sul ricambio di co2 ( è stato calcolato, ad esempio, che per garantire il rispetto degli obiettivi del Protocollo di Kyoto dovrebbero essere piantumati a verde almeno cinquanta metri quadri per abitante insediato) Occorre allargare la visuale su vasta scala, interessando i Comuni limitrofi per affrontare anche altre problematiche ambientali: le aree agricole, gli ambienti naturali protetti, ecc. Occorre avviare una politica in cui prevalga il principio di " cercare di sfruttare al massimo ciò che esiste fermando il consumo del territorio", privilegiando la ristrutt u razio ne ed il recupero del oatrimonio edilizio esistente. 16

17 7. RIQUAUFICAZIONE URBANISTICA: SOSTENTBTUTA' E BIOED LtZtA AZIONI Parte dell'indirizzo politico è stato tracciato dalla bozza di piano regolatore proposto dai commissari uscenti, che richiedevano lo stop all'urbanizzazione costiera e l'implementazione di quella collinare nei limiti della regolarità ambientalistica, con una riqualificazione di tutto il territorio, in particolare quello costiero da Sant'Anna fino all'estremità di Fondachello confinanre con Fiumefreddo di Sicilia. In particolare: ' Eventuali opere pubbliche dovranno essere realizzate nel rispetto delle aree verdi fruibili da cittadini; la costruzione e/o ristruttu razione di edifici pubblici esistenti dovrà rispettare i criteri di bioedilizia; ' Efficientamento energetico ed edilizio dei locali delle scuole attraverso oossibili stanziamenti, attraverso i bandi che si presenteranno e attraverso l'attivazione della devoluzione dell'8%o conìa già proposto alla commissione straordinaria uscente; ' E' fondamentale la mappatura degli alloggi sfitti ( o non) esistenti per elaborare un Diano urbanistico-edilizio coerente con le esigenze della città; ' Per la rn:rutenzione generale delle strade, per ripristino di fasce di carreggiata, uso di asfalto con polverino di gomma: si potranno così ottenere benefici dal punto di vista ecologico per lo smaltimento dei copertoni delle ruote e soprattutto si avrà un asfalto oiir resistente all'usura, alle intemperie e con un inquinamento acustico molto basso;. ll capoluogo e le frazioni hanno uguale valore e rilevanza, ma non possedendo le stesse caratteristiche, necessitano di inter.-.nti mirati e consapevoli; ' Nelle frazioni sono necessari per l'accesso ai servizi e per favorire uno sviluppo socro - culturale diffuso: a) collegamento da e per il centro mediante l'istituzione di un servizio comunale e sostegno, soprattutto, di anziani e diversamente abili; b) Manutenzione periodica delle strade e delle infrastrutture: llcentro urbano necessita di diversi interventi: a) Efficienza energetica degri edifici per ir contenimento della soesa e dell'in q u ina mento; b) Valorizzazione e individuazione (ove possibile) di nuove aree verdi urbane; T7

18 c) d) Rovesciamento delle priorità urbanistiche: priorità ai servizi ai cittadini e alla qualità della vita, e non alle esigenze dei costruttori e degli investitori immobiliari; Mappatura e riqua lificazione di aree e strutture inutilizzate da destinare a progetti di utilità sociale: e) Incentivazione di "orti urbani" organizzati e riconosciuti dal Comune e gestiti dai cittadini, estendendo il diritto a famiglie e singoli cittadini, con priorità ai disoccupati e fasce deboli, per incentivare l'autoproduzione. La zona costiera necessita di vari interventi, oltre a quelli previsti dal piano triennal di creazione di una pista ciclabile e pedonale a norma, in più e cosa di interesse generale, il lungomare attrezzato non solo in termini commerciali, ma di fruizione per i cittadini mascalesi: creazìone di aree con bagni e docce a pagamento simbolico per le spese correnti, soprattutto per non gravare ilidi privati di richieste eccessive da bagnanti non clienti. Tutte le vie di accesso al mare, presso cui si troveranno anche contenitori per i rifiuti, saranno video-sorvegliate. E'già allo studio un piano affinché non si verifichino nuovamente le condizioni di balneazione selvaggia e inquinante degli anni passati, anche qui verranno accettate proposte ed impressioni dei cittadini; Apertura di un tavolo di lavoro col Demanio per la riq ua lificazione del boschetto costiero e della costa di sua competenza; Compatibilmente alle risorse di bilancio, si tenterà di portare a termine gli espropri, programmati da decenni e sempre bloccati (cercheremo di capire anche i motivi, se esistenti oltre a quelli economici), dei terreni necessari alla prosecuzione del tratto di marciapiede di via lmmacolata compreso tra via Carrata e via Spiaggia per agevolare l'accesso dei pedoni alle spiagge; Verifica della rete fognaria e stato dell'utilizzo dei fondi destinati alla realizzazione del depuratore consortile e del motivi del mancato awiamento all'uso. ll blocco di tale depuratore ha provocato inquinamento del tratto costiero, non solo quello indicato dai rilevamenti nelle zone di Sant'Anna per 575 metri e del torrente Anguillara per 50 mt a Nord e 50mt a sud, ma tenendo conto delle forti correnti giornaliere, si rischia di vedere aumentare in maniera esponenziale l'aumento della carica batterica, specie a origine fecale, lungo tutto il tratto di costa, inficiando la balneazione anche nei tratti ritenuti sicuri, non solo di Mascali, ma anche dei Comuni confinanti;. Dopo la mappatura di edifici sfitti, possibilità di realizzazione dell'albergo diffuso, previa ristrutturazione dell'immobile, con modalità da definirsi;. ll territorio mascalese è stato più volte colpito da svuotamenti geologici sottostanti il manto stradale, pertanto riteniamo indispensabile effettuare sondaggi su tutto il territorio per accertare la sicurezza di tutti gli edifici e soprattutto la s::urezza dei cittadini. t8

19 8. MOBILITA'A PORTATA DI OGNI CITTADINO ANALISI La mobilità, ovvero la libertà di muoversi liberamente sul territorio, non è solo una necessità del cittadino al fine di permettere il libero svolgimento delle proprie attività di studio lavoro e tempo libero, ma anche un diritto ineludibile previsto dalla Costituzione (art. 16) e, quindi, necessario per porre in essere tutte le iniziative necessarie affinché sia garantita a tutti. La libertà di movimento è la condizione necessaria al cittadino per godere degli spazi urbani come beni comuni, e come tali appartenenti a tutti senza privilegi. AZtONI Mappatura ed eliminazione delle barriere architettoniche; Realizzazione di percorsi sicuri per non vedenti, mediante utilizzo di segnalazioni a terra e segnali acustici in corrispondenza degli attraversamenti semaforici; Individuazione di una formula idonea a garantire iltrasporto di anziani e disabili, rendendo anche queste categorie il piùr autonome possibile; La rinuncia ai mezzi motorizzati sul percorso casa scuola dovrà essere incentivata: Convenzioni per l'aumento dei collegamenti (soprattutto negli orari serali) con iluoghi di divertimento situati in città (locali, pub, ecc.), così da permettere ai giovani di spostarsi agevolmente ed in sicurezza nelle occasionidi svago; Nei periodi estivi, creazio;le di una navetta di collegamento tra tutto il territorio mascalese, collinare e costiero, con partenza oraria. Verificando i mezzi a disposizione e le risorse necessarie, potrebbe essere possibile il trasporto gratuito per icittadini e a pagamento per chi non presenta residenza nel comune di Mascali. stesso trattamento per l,uso di eventuali strisce blu. ll cittadino di Mascali, dopo essersi messo in regola col pagamento delle imposte comunali, deve ritenersi privilegiato ad essere residente nel comune; o Promozione delle bici a pedalata assistita.

20 9. LAVORO: AZIONI AMMINISTRAT VE ED EDUCAZIONE ALLA IEGAUTA, ANALISI ll periodo di crisi nel quale viviamo travolge le famiglie e la vita delle persone. La finanza che domina ed il consumismo estremo che ímpera sulle nostre vite tralascia da remoo di considerare iveri bisogni delle persone. E' in crisi il sistema intero della nostra collettività. I rapporti sociali sono frammentati. Se da un lato abbiamo gli anziani in difficoltà per pensioni misere, dall'altro igiovani sono immersi in prospettive lavorative precarie e senza futuro. Le attività chiudono e le famiglie stentano, mentre l'attenzione alla ricerca e alla formazione, cosr come il Srande patrimonio culturale du cui è dotata la nostra nazione non viene valorizzato e considerato come dovrebbe in termini produttivi. Per contro iprivilegi e gli sprechi della politica sono offese continue agli sforzi quotidiani che la popolazione deve fare per soprawivere, mentre le imprese sono schiacciate da un carico fiscale e propaggini burocratiche insopportabili. Le politiche economiche e legate al mondo del lavoro le fa lo Stato, ma il Comune deve intervenire ponendo in essere una moltitudine di iniziative che incidano direttamente sul lavoro. sulla tutela delle risorse e delle persone. Lo può e lo deve fare attraverso politiche che tutelino l'ambiente e diano nuove opportunità di lavoro nel settore. Lo può fare attivando percorsi virtuosi in amhito commerciale e rafforzando le piccole imprese che sono e restano la principale forza p,.,duttiva. Lo deve fare intervenendo nel comparto culturale con uno sguardo diverso che tuteli ed incentivi i lavoratori del settore dia alla città quella forza propulsiva che è mancata in questi anni. Lo deve fare ponendo la giusta attenzione alla formazione ed a ll'insed iamento di attività produttive che abbiano nella loro qualità e specificità il fulcro e la forza necessaria oe un ruolo forte sul mercato. Lo deve fare impedendo che attraverso le esternalizzazioni si riducano le retribuzioni dei lavoratori e i loro diritti primari. Lo deve fare ponendo attenzione alle fasce deboli per rinsaldare il collante sociale che è determinante per affrontare con la forza di una città unita questo periodo di forte difficoltà. Lo deve fare soprattutto ridando vigore e speranza alle persone attraverso una politica pulita e 20

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli