Uniti nella diversità. (motto dell Unione Europea)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uniti nella diversità. (motto dell Unione Europea)"

Transcript

1

2

3

4 Uniti nella diversità (motto dell Unione Europea)

5

6

7 Ideazione, progetto e coordinamento Unione Artigiani e Piccola Industria di Belluno Impaginazione Silvia Cassol Realizzazione grafica e stampa Dolomiti Stampa srl, Santa Giustina (Belluno) Copyright 2005 Unione Artigiani e Piccola Industria di Belluno Si ringrazia per il contributo Camera di Commercio I.A.A. di Belluno FINIMPRESA S O C I E T À C O O P E R A T I V A P a t r o c i n i o Regione del Veneto Sono consentiti la riproduzione, la memorizzazione, l adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, citando la fonte

8 Sommario Presentazione 9 Avvertenze 11 Introduzione 13 L identità conquistata 13 La questione politica 18 La riconciliazione sociale e i valori pubblici 21 L anticonformismo giovanile 26 Il ceto medio invisibile 30 CAPITOLO I L entusiasmo dello sviluppo 33 Il decennio in frammenti 35 I giovani: generazione autonoma : l entusiasmo dello sviluppo 40 Dallo spontaneismo all organizzazione 58 Le curiosità del decennio 59 CAPITOLO II L impresa del ceto medio produttivo 61 Il decennio in frammenti 63 I giovani: generazione collettiva : l impresa del ceto medio produttivo 68 Dall organizzazione alla struttura 81 Le curiosità del decennio 82

9 CAPITOLO III Gli embrioni dell economia diffusa 83 Il decennio in frammenti 85 I giovani: generazione del disimpegno : gli embrioni dell economia diffusa 89 Dalla struttura alle strutture 111 Le curiosità del decennio 112 CAPITOLO IV Il modello artigiano nella società post-industriale 113 Il decennio in frammenti 115 I giovani: generazione hi-tech : il modello artigiano nella società post-industriale 119 Dalle strutture al sistema 143 Le curiosità del decennio 144 CAPITOLO V La complessità delle trasformazioni 145 Il decennio in frammenti 147 I giovani: generazione dei media : la complessità delle trasformazioni 153 Dal sistema al sistema a rete 199 Le curiosità del decennio 202 Riferimenti bibliografici 205

10 9 Presentazione Quando si è deciso di celebrare i cinquant anni di fondazione dell Associazione con una pubblicazione che raccogliesse la memoria di un percorso ricco di fatti, di eventi e di uomini, la scelta iniziale era caduta su una cronistoria di composizione elementare e facile lettura. In corso d opera, il disegno originale è cambiato e si è fatta strada l idea di un volume più complesso e articolato, che rendesse in modo adeguato le trasformazioni e i mutamenti dell artigianato bellunese. Ma, poi, neppure questa versione è sembrata sufficiente, perché la storia delle piccole imprese bellunesi non è stata una vicenda a sé stante, ma piuttosto una vita parallela a quella vissuta dalla comunità locale. Alla fine di questo travaglio, è maturata la volontà di dare alle stampe un lavoro più complesso e ragionato, in cui sono affrontate e approfondite molte delle linee di pensiero e di azione che hanno caratterizzato il percorso compiuto dalle aziende, dalla società civile e dall Associazione dal 1955 ad oggi. Ci sono voluti molti mesi di ricerca e di analisi per raggiungere un risultato che - mi auguro - possa suscitare l interesse non solo di quanti hanno attraversato questi cinquant anni di storia, ma anche di coloro che, pur vivendo più intensamente il presente per ragioni anagrafiche, sono consapevoli che l attualità è frutto di una memoria personale e collettiva cui talvolta è bene riferirsi per evitare il disorientamento prodotto dall assenza di radici. Un disorientamento che l epoca che stiamo vivendo - certo non delle più semplici - può sicuramente favorire, tanto che inquietudini e insicurezze rischiano di minare la nostra prospettiva di futuro. Ci può essere d ausilio proprio la consapevolezza che la ricchezza prodotta dagli uomini e dalle donne - che hanno attraversato gli ultimi cinquant anni della storia del nostro Paese - è stata lo strumento che ha liberato milioni di persone dal vincolo della necessità, dalla fame, dall emigrazione e dalla malattia, determinando un salto nella qualità della vita individuale e collettiva che ha migliorato i destini di molte generazioni. E certo, comunque, che per la società contemporanea si impone una riflessione, che sappia metabolizzare il percorso sin qui seguito - decifrando anche le non poche contraddizioni legate alla ricchezza acquisita - per costruire il futuro. Quanto ai luoghi della rappresentanza, l impegno non potrà che risultare responsabilmente conseguente a questa prospettiva: il soggetto associativo dovrà, quindi, saper integrare la propria tradizionale funzione di rappresentanza di interessi collettivi con la consapevolezza piena della necessaria parametrazione agli interessi generali e di contesto, sviluppando una capacità nuova di ascolto,

11 10 dando senso al cambiamento e dimostrando di saper governare la complessità. La dimensione europea potrà, forse, fornire alle comunità e alle imprese una prospettiva utile, soprattutto se si saprà interpretare il presente come una transizione verso quello che Jeremy Rifkin, descrive come un sogno che promette di portare l uomo verso una consapevolezza globale, all altezza di una società sempre più interconnessa e globalizzata. Il Sogno Europeo pone l accento sulle relazioni comunitarie più che sull autonomia individuale, sulla diversità culturale più che sull assimilazione, sulla qualità della vita più che sull accumulazione di ricchezza, sullo sviluppo sostenibile più che sull illimitata crescita materiale, sul gioco profondo più che sull incessante fatica, sui diritti umani universali e su quelli della natura più che sui diritti di proprietà, sulla cooperazione globale più che sull esercizio unilaterale del potere. Luigi Curto Presidente Unione Artigiani e Piccola Industria Confartigianato di Belluno

12 11 Avvertenze Nel raccogliere e selezionare le notizie di cinquant anni di attività dell Unione Artigiani e Piccola Industria, la preoccupazione maggiore è stata quella di non dimenticare gli uomini e le donne che questa storia hanno costruito. E comunque possibile che alcuni protagonisti siano sfuggiti alla ricerca e ad essi è doveroso porgere le nostre scuse. Una lacuna da segnalare doverosamente è rappresentata dall inserimento soltanto parziale degli accadimenti degli anni 1970 e 1975, per i quali non è risultato reperibile negli archivi dell Associazione alcun documento storicamente significativo e affidabile. Per meglio far emergere i legami e le connessioni sociologiche dell evoluzione dell artigianato con i differenti contesti politici ed economici susseguitisi in cinquant anni di storia, ci è sembrato opportuno anteporre ad ogni decennio di vita associativa una breve sintesi della principale cronologia che ha caratterizzato la vita politica, sociale ed economica italiana. Nella selezione degli eventi di carattere locale - realizzata anche grazie al contributo del dott. Giovanni Larese, fine cultore di storia bellunese - si è, invece, cercato di privilegiare le informazioni che potessero meglio esprimere le transizioni e i fattori condizionanti con cui la società bellunese si è confrontata. Poiché il Novecento pare sia stato il secolo dei giovani, ad essi ci è sembrato significativo riservare un piccolo spazio dedicato, nel quale sono raccolti soprattutto curiosità e avvenimenti che, una volta collocati nell evoluzione della società italiana, potessero dimostrare quanto realmente determinante sia stato il contributo delle nuove generazioni nel modellare le fasi evolutive della società italiana degli ultimi cinquant anni. Nella scelta delle immagini è necessariamente prevalsa l esigenza di privilegiare la pubblicazione delle fotografie che sintetizzano avvenimenti e iniziative altrimenti non agevolmente collocabili nel testo. Ne consegue che la pur ampia rassegna fotografica non esaurisce la testimonianza visiva dell insieme degli uomini e delle donne che hanno concorso alla costruzione del sistema associativo della Confartigianato di Belluno. Un ringraziamento particolare per il materiale fotografico dell Introduzione va a Dario De Nardin, che ha gentilmente concesso l uso di immagini del proprio archivio personale, alcune delle quali scattate dalla sorella Luigina, fotografa agordina.

13

14 13 Introduzione Il ricordo del passato non deve impedirci di guardare il presente negli occhi Tzvetan Todorov L identità conquistata Anni 50: è l inizio di un decennio che porterà - con grandi risultati e con grandi contraddizioni - tra cui l espatrio di 2 milioni di emigranti e la migrazione di 15 milioni di italiani dal Sud al Nord dell Italia - al boom economico. La grande impresa e l impresa pubblica sono le protagoniste dell industrializzazione del Paese. La politica riprende vigore dopo gli anni dell omologazione fascista e l Italia, al pari di altre nazioni europee, risente profondamente del clima internazionale che contrappone due ideologie: il collettivismo comunista e l individualismo capitalistico. Da un compromesso favorito dall originale tradizione storica - quella delle botteghe, dei mercanti, dei mestieri ambulanti, della cultura contadina - e dagli spazi lasciati liberi dalla grande industria, nell economia italiana riprende vigore anche il germe dell iniziativa privata e della piccola azienda, concretamente stimolato dalla legislazione sulle aree economicamente depresse del 1957, ripresa poi dalla classe politica locale - tra cui quella veneta - a metà degli anni 60. L artigianato - che da poco ha trovato accoglienza piena e solenne nella Carta Costituzionale - si merita la prima legge-quadro: un provvedimento di assoluta rilevanza nella storia delle categorie artigiane, perchè suggella la loro dignità di comparto distinto e autonomo dall industria. La rappresentanza artigiana non è, però, all altezza della situazione: come acutamente osserva Dino Pesole, il suo punto debole è la mancata unità delle Organizzazioni a livello nazionale. Condizionate dal particolare clima politico, queste, infatti, scelgono come modello il collateralismo politico, che finisce col legare insieme l identità politica dell imprenditore, il settore produttivo di appartenenza e la dimensione strutturale dell impresa. Le divisioni tra la Confederazione Generale e la Cna sono aspre: a dividerle è anche una questione di fondo, quella relativa alla patente di mestiere, fortemente voluta dalla Generale per combattere l abusivismo e osteggiata, invece, dalla Cna, convinta che la sua reintroduzione potesse riproporre il controllo politico dei lavoratori autonomi sperimentato durante il regime fascista. In conseguenza delle contrapposizioni, finisce col prevalere - almeno a livello

15 14 I N T R O D U Z I O N E nazionale - anche un certo immobilismo contrattuale: è esattamente l opposto di quanto sarebbe servito per proseguire rapidamente sulla strada dell autonomia sancita dalla nuova legge-quadro. In molte provincie, al contrario, vengono concluse contrattazioni collettive, intercategoriali o settoriali: l effetto, tuttavia, non è quello voluto, poiché - come sottolinea ancora Pesole -, mancando una regolamentazione di base a livello nazionale, si crea uno stato di precarietà e di irrazionalità contrattuale che durerà parecchi anni. In questo contesto, è quasi naturale che il partito diventi la sede fondamentale della mediazione degli interessi: sia la DC che il PCI finiscono, così, col creare una galassia che ruota intorno ai meccanismi della rappresentanza politica. Il vantaggio per le imprese e le loro Associazioni si basa - e sarà così per qualche decennio - proprio sulla rendita di posizione a tutti concessa dal regime consociativo, che, soprattutto negli anni Settanta e Ottanta, si fonderà principalmente sulla dilatazione della spesa pubblica. La segheria Dell Andrea di Agordo in un immagine degli anni 30 del secolo scorso. Fino alla fine degli anni 50 l attività dei segantini è fiorente in tutta la Provincia: solo ad Agordo sono attive nove segherie. Negli anni 50, la capacità delle Associazioni di fornire servizi o di essere tecnicamente affidabili non ha, quindi, molta rilevanza: del resto, si tratta spesso di servizi elementari, perché elementari sono ancora i bisogni delle aziende. Ciò che importa a tutti è, invece, poter scambiare benefici (leciti e legittimi) col consenso politico. A questo regime relazionale conduce sia il sistema dei partiti, sia la contrapposizione delle ideologie e ad esso si adeguano rapidamente imprese e Associazioni: la frammentazione della rappresentanza artigiana - come di altri settori economici, tra cui soprattutto il comparto agricolo - diventa un elemento stabile dello scenario. Fa eccezione solo Confindustria, che continua a rimanere l unica organizzazione di rappresentanza del mondo industriale, capace di compattare intorno ai grandi interessi economici e finanziari i pochi esponenti del capitalismo familiare e i tanti aspiranti ai salotti buoni della politica e dell economia. La conseguenza diretta ed immediata è l esclusione dell artigianato dal dibattito sulla programmazione economica che si sviluppa a partire dagli anni 60.

16 15 Il numero delle imprese artigiane continua, comunque, a crescere ed inizia ad affermarsi la convinzione che l apporto che il settore reca allo sviluppo del Paese stia diventando essenziale soprattutto in alcuni comparti, tra cui l edilizia, la meccanica, le riparazioni elettriche e radiotelevisive. Anche l export risente positivamente del contributo delle aziende artigiane, peraltro in gran parte riconducibile agli acquisti dei turisti che si riversano in Italia. E però nei primi anni 70 che l artigianato conosce l espansione più rilevante, favorita da fattori esterni, come la crisi della grande industria, ma anche da caratteristiche proprie, come la scarsissima conflittualità sindacale e un costo del lavoro significativamente minore. E in questo decennio che si afferma la consapevolezza del ruolo economico e sociale della piccola impresa: una tendenza che andrà consolidandosi fino a diventare una caratteristica specifica ed esaltata dell economia italiana. L ascesa dell artigianato negli anni Settanta non è, tuttavia, casuale: come osserva Dino Pesole, essa si colloca in un contesto più generale di grande affermazione del ceto medio produttivo ed è alimentata dalla tendenza a dirottare l attitudine d impresa verso attività di lavoro non dipendente: una necessità in qualche modo imposta dai processi di decentramento produttivo in ambito industriale. Non trascurabile è anche la circostanza che la nascita delle Regioni - cui viene assegnata una specifica potestà in materia di artigianato - porta gradualmente a una moltiplicazione creativa degli interventi a favore del settore, che si affiancano a quelli burocratici - tra i quali l istituzione delle Commissioni Regionali per l Artigianato - e di gestione del credito artigiano. Conseguenza diretta del nuovo assetto istituzionale del Paese è il progressivo avvicinamento delle Organizzazioni artigiane territoriali alle strutture decisionali delle Regioni e il collateralismo partitico degli anni 50 e 60 si trasforma in un collateralismo organico, che coinvolge sia le forze politiche regionali, sia le stesse organizzazioni burocratiche: imprese e Associazioni si posizionano rapidamente nel nuovo quadro istituzionale e si prestano volentieri a supportare le ambizioni di potere che i governi regionali non tardano a manifestare. Operano, quindi, per diventare punti di riferimento per scelte politiche ed economiche di sempre più ampio respiro, tanto che le Regioni diventano, progressivamente, i canali principali attraverso i quali si realizzano alcune tra le più importanti azioni di sostegno e L ombrellaio a Longano di Sedico (1958, foto Giuseppe Zanfron).

17 16 I N T R O D U Z I O N E di sviluppo del settore. E la direzione degli interventi è dettata dalla politica: è così che, come annota Fiorenza Belussi, nelle amministrazioni governate da giunte comuniste le politiche pubbliche sono motivate dalla determinazione di assicurarsi l appoggio delle piccole aziende contro il grande capitale, mentre nelle regioni bianche, dove governa la DC, a giocare un ruolo decisivo è il desiderio di promuovere l industrializzazione diffusa per evitare l emigrazione della forza lavoro verso le città e la conseguente decomposizione delle parrocchie rurali su cui il partito poggia la propria base elettorale. Le prime fabbriche dell area produttiva di Villanova all inizio della ricostruzione di Longarone dopo il disastro del Vajont (foto in Memoria per il Vajont, Longarone 1981). Appare, quindi, del tutto ovvio che anche i contrasti tra le Organizzazioni artigiane rimangano inalterati. I rinnovi contrattuali della fine degli anni 70 sono, così, caratterizzati da una profonda divisione su un tema scottante per le piccole imprese: il riconoscimento dei diritti sindacali all interno delle aziende con meno di quindici addetti. Confartigianato - in contrapposizione con Cna, Casa e Claai - mantiene una posizione di netta chiusura, rivendicando alla contrattazione negoziale la competenza a disciplinare i rapporti sindacali e rifiutando l applicazione sic et simpliciter dello Statuto dei Lavoratori alle aziende minori. E mentre le altre Organizzazioni firmano i contratti nazionali di lavoro - preceduti dall accordo interconfederale sulla contingenza - Confartigianato oppone un netto rifiuto e copre la vacanza contrattuale con uno strumento che resterà unico nel panorama delle relazioni industriali: le Norme unilaterali di comportamento. La risposta definitiva alla delicata questione della presenza del sindacato dei lavoratori nelle aziende artigiane arriva solo con l accordo interconfederale del 1983, che sancisce la costituzione - a livello territoriale - degli enti bilaterali, i quali, esattamente dieci anni dopo, diventeranno - come osserva Pesole - il fulcro delle relazioni sindacali dell artigianato. Si tratta di un salto di qualità di notevole importanza per le imprese artigiane, che, negli anni 80, si vedono premiare non solo dall Assemblea di Strasburgo con la proclamazione dell anno europeo dell artigianato (1983), ma anche dal

18 Parlamento italiano, che emana la nuova legge - quadro per il settore (1985). Del resto, è proprio in questi anni che si assiste ad un secondo miracolo economico, questa volta, però, legato non alla grande industria e alle partecipazioni statali, ma all artigianato e alla piccola impresa. Non a caso in Italia già si parla apertamente di società post-industriale e l artigianato è il candidato ideale per assumere il ruolo di protagonista del nuovo modello. Lo stile piccolo è bello finisce, però, presto. All inizio degli anni 90, il Paese è costretto a confrontarsi con i parametri dell integrazione economica europea, un confronto che impone anche all artigianato di individuare un riposizionamento strategico nel delicato e confuso passaggio dall industriale al post-industriale, una transizione complicata, tra l altro, da un fenomeno del tutto nuovo: l immigrazione - consistente e spesso drammatica - di cittadini extracomunitari. Alla Confartigianato bellunese va riconosciuto il merito intellettuale di aver legato immediatamente tale fenomeno con la questione centrale della demografia locale, che già da molti anni registrava un invecchiamento inesorabile della popolazione, tale da ingenerare un rovesciamento della piramide demografica in grado di pregiudicare le prospettive stesse dello sviluppo economico. Operazione questa né semplice, né facile, poiché, a metà degli anni 90, solo una sparuta avanguardia della popolazione e della classe politica è disponibile ad accettare l avvento di una società multietnica come garanzia di continuità del livello di benessere diffuso: una larga parte della comunità locale percepisce, infatti, l immigrazione di lavoratori extracomunitari con diffidenza e qualche disagio. Solo pochi anni più tardi, l analisi dell Unione si dimostrerà non solo coerente con gli eventi, ma addirittura lungimirante: un indagine SWG del giugno 2005 confermerà, infatti, che, rispetto a pochi anni prima (1998), la maggioranza degli italiani (52%) percepisce l immigrato come una risorsa (sette anni prima a pensarla in questo modo era solo il 38%), che non sottrae opportunità di lavoro ai lavoratori italiani (50%) e non porta solo criminalità (59%). E la solidarietà inizialmente espressa dall Associazione in termini generali si trasformerà, coerentemente, in sostegno diretto all imprenditoria e alle maestranze di matrice extracomunitaria, che, nei fatti, hanno già dimostrato di contribuire non poco a mantenere positivo il saldo rispettivamente delle imprese artigiane e dei livelli occupazionali. Nello stesso periodo, la Confederazione Nazionale - per mantenere e qualificare l identità sociale e culturale dell artigianato - sceglie di puntare sulla creatività nella conduzione del lavoro e sull etica professionale nell organizzazione dell impresa. Attraverso questi due concetti, la confederazione riesce a trasporre sul piano politico i valori della partecipazione, della personalizzazione e della capacità professionale dell imprenditore. Nasce, così, l artigianato come modello di democrazia economica, che, come tale, va sostenuto e sviluppato secondo le linee d azione racchiuse nell acronimo L.i.s.c.a., dove: L sta per liberalizzazione, ossia allentamento dei vincoli burocratici, i per internazionalizzazione, s per securitizzazione, ossia un azione comune delle piccole imprese in direzione degli istituti di credito, c per computerizzazione, ossia innalzamento del livello di informatizzazione e a per apoliticizzazione, cioè archiviazione definitiva del rapporto preferenziale con un singolo partito politico. 17

19 18 I N T R O D U Z I O N E Di queste cinque linee d azione l apoliticizzazione è, senza dubbio, quella che è destinata a incidere più profondamente nel rapporto delle Organizzazioni con le istituzioni e il mondo politico. La questione politica Apparentemente, l apoliticizzazione sembra essere la diretta conseguenza della crisi delle ideologie che avevano fortemente caratterizzato sia le relazioni internazionali, sia la politica interna durante l intero dopoguerra. Ma una parte degli analisti politici e degli storici italiani ha fornito una chiave di lettura meno superficiale alla crisi del collaterialismo, che è cominciata negli anni 80 e che è proseguita, con contraccolpi anche istituzionali, nei successivi anni 90: il modello politico consociativo e quello economico del collateralismo crollano quando si manifesta la crisi fiscale dello Stato. La consapevolezza di aver partecipato - non in regime di alternanza, ma piuttosto in forma consociativa - alla enorme dilatazione del debito pubblico, provoca nel mondo cattolico - che la DC, fino a quel momento, aveva saputo tenere unito - grandi spaccature, mentre il PCI inizia il suo lungo e tormentato travaglio alla ricerca di una nuova identità. Le Associazioni si trovano davanti uno scenario totalmente nuovo e disorientante: niente più referenti politici stabili; niente più controllo del comportamento elettorale dei propri iscritti; niente più governi consociativi ma, al contrario, affermazione del principio dell alternanza. Cambia la società politica come quella civile e - dall inizio degli anni 90 - anche le Associazioni territoriali affrontano una sofferta metamorfosi: da luoghi di scambio di benefici si trasformano in organizzazioni di rappresentanza di interessi. La prima attività concreta e formale è l adeguamento degli Statuti al nuovo corso: anche la Confartigianato bellunese si affretta a dichiarare il proprio nuovo status di organizzazione non più solo apartitica ma anche agovernativa: proclama, cioè, il distacco formale e sostanziale dai partiti, dai movimenti e dai governi di turno e afferma la propria autonomia decisionale, che, d ora in avanti, si fonderà sulla salvaguardia degli interessi della categoria così come esplicitati nel mandato di rappresentanza. E un percorso né semplice, né indolore, che crea ampi spazi - colmati anche da nuove aggregazioni, spesso radicali nei comportamenti ed estremi nelle azioni - e che richiederà quasi l intero decennio per completarsi. In effetti, come osserva Giuseppe De Rita, una spinta tutta centrata sulla responsabilità individuale, in assenza di meccanismi regolatori e di attenzione politica e un elevata carenza di supporti pubblici avrebbe potuto facilmente generare nel localismo italiano il germe del rancore, una sorta di fare da sé per goderne da soli : e questo, in alcuni casi, si verificò effettivamente. Ma ad impedire che ciò si verificasse in forma generalizzata e diffusa è proprio l impegno

20 19 costante della rappresentanza associativa, che accompagna e dà ruolo politico e collettivo agli artigiani, agendo come una demoltiplicazione delle punte più individualiste e delle tendenze regressive. Alla metà degli anni 90, la traghettazione delle organizzazioni verso la rappresentanza d interessi appare ormai irreversibile. Si dimostra, tra l altro, una scelta oculata e vincente, tanto che le organizzazioni artigiane compaiono in vetta a molte graduatorie di gradimento e di fiducia: nel 1995, un indagine sul campo rivela che, in un generalizzato clima di sfiducia istituzionale, sono solo le Associazioni artigiane a mantenere un ruolo di riferimento, con un 67% degli intervistati che le giudica ancora affidabili e credibili. Ed è una fiducia motivata fortemente dal fatto che tali organizzazioni sono valutate come il soggetto meno politicamente caratterizzato: tant è che tenendo conto dell appartenenza degli intervistati ai partiti e alle forze politiche, quelle artigiane sono le uniche istituzioni ad avere la fiducia pressochè di tutti (dal 77% di AN al 60% del PDS, dal 90% del Polo al 65% dell Ulivo), proprio come la scelta di autonomia dai partiti ambiva ad ottenere. Diretta conseguenza di questa metamorfosi è anche il maggior coinvolgimento degli imprenditori nella vita dell Associazione: si creano organi e competenze molto più definiti che in passato, si moltiplicano le occasioni di dibattito e di confronto, si aggregano interessi trasversali alle categorie in organismi ad alta specificità, mentre la struttura organizzativa evolve sul piano delle prestazioni, sviluppando una naturale e crescente attenzione per i servizi e le opportunità, nell ottica di un assistenza diretta alle aziende nei grandi processi di cambiamento che attraversano il mercato. E anche grazie a questo nuovo posizionamento strutturale dell Associazione che l impresa - e, in particolare, la piccola impresa - diventa punto di riferimento degli orientamenti della società e la rete di piccoli imprenditori diviene espressione del cosiddetto capitalismo dell uomo qualunque : ciò si manifesta in modo eclatante soprattutto nel Nord - Est, che, in quanto locomotiva d Italia - con tassi di crescita vicini a quelli della Baviera e reddito pro-capite superiore del 20% a quello medio dell Europa -, diventa un caso da studiare e replicare. Non è dunque un caso che, sul finire degli anni Novanta, Confartigianato proponga una lettura articolata di questo nuovo localismo e suddivida l Italia in quattro macroaeree: l Italia adriatica - che comprende il Veneto, alcune provincie della Lombardia, l Emilia Romagna e le regioni costiere del centro-sud, dove l integrazione produttiva determina la specializzazione distrettuale -; l Italia del Nord- Il Maestro d arte fabbrile A. Corriani (1962, foto Giuseppe Zanfron).

21 20 I N T R O D U Z I O N E Il Maestro Gigi Scremin al lavoro nella sua bottega di Belluno (1974, foto Antonio Arena). Ovest - sostanzialmente composta dal Piemonte e dalle province lombarde occidentali, fortemente legata all industria dal rapporto di subfornitura -; l Italia del Tirreno - comprendente la Liguria, le regioni centrali e la Sardegna, in cui l artigianato è privo di connotazioni specifiche -; e, infine, l Italia del Sud - con un artigianato debole e fortemente indirizzato verso i servizi. I pochi elementi comuni tra questi sistemi d area condizionano l individuazione della fiscalità quale materia unificante, mentre, sul piano organizzativo, le Associazioni territoriali puntano su due obiettivi: da un lato, la creazione di un sistema a rete - che consenta di condividere le esperienze e accrescere l intelligenza associativa - e, dall altro, la rapida conversione di risorse dai servizi maturi a nuovi servizi, innovativi e di sviluppo. L elemento di maggiore debolezza che caratterizza questo riposizionamento strategico delle organizzazioni artigiane è, forse, l accentuata frammentazione endemica che si è venuta a creare dopo che le ideologie non sono state più in grado di unire. C è sempre frammentazione nella rappresentanza nazionale dell Artigianato, che - dopo il tentativo dell inizio degli anni 90 di dar vita ad un unità d intenti del variegato mondo del lavoro autonomo - non percorre la via dell unificazione. C è frammentazione tra gli stessi mestieri, che alla logica della tutela dell interesse della singola impresa - tipica degli anni del collateralismo - riescono a sostituire, per ora, solo la logica della tutela della propria categoria e non dell insieme. E c è frammentazione, infine, nella base rappresentata, che sembra non aver ancora compreso di appartenere a un unico ceto medio, con interessi diversi e, a volte, non convergenti, ma con valori e aspettative comuni. La riconciliazione sociale e i valori pubblici Proprio questa poliedrica frammentazione finisce con l incidere profondamente e negativamente nell approccio dell artigianato ai fenomeni della globalizzazione e della delocalizzazione, che caratterizzano soprattutto la seconda parte degli anni 90 e l inizio del nuovo secolo. Diversamente da quanto la teoria economica aveva escluso già a partire dal secondo dopoguerra, le delocalizzazioni iniziano a mostrare un lato oscuro,

22 21 che offusca la loro funzione di semplice elemento della dinamica del progresso, tesa a migliorare la specializzazione dei singoli paesi nelle produzioni per le quali si trovano in condizioni relativamente più vantaggiose. Nel momento in cui vengono attuate con sempre maggiore intensità, osserva acutamente Jean Paul Fitoussi, le delocalizzazioni hanno, infatti, conseguenze drammatiche sui territori e sulla sorte delle persone. Sostenere - come era prassi diffusa - che questi trasferimenti internazionali non danneggiano l occupazione globale equivale a legittimare uno stato di sofferenza sociale e l aggravamento di squilibri, in nome di prospettive di miglioramento per altre categorie di popolazione. L estensione della sfera di mercato su scala planetaria e la sua penetrazione in seno a ogni società rende, inoltre, più incerta la ripartizione del surplus risultante dagli scambi internazionali: proprio la nuova ripartizione del surplus tende a diventare tanto sperequata da provocare perdite nette nei paesi che hanno perduto, per qualcuna delle produzioni in cui erano specializzati, il loro vantaggio competitivo. Alle ripercussioni pesanti sugli assetti produttivi e occupazionali - soprattutto dei distretti industriali - prodotti dai fenomeni di delocalizzazione si associa presto una lunga fase di stagnazione, che si trasforma rapidamente in recessione, con una significativa contrazione della domanda interna e una flessione netta delle esportazioni: la risposta delle imprese artigiane non è di tipo solidaristico e consortile e la sostanziale incapacità a dar vita ad aggregazioni produttive e di servizio certamente influisce sull espulsione dal mercato di moltissime piccole aziende, soprattutto subfornitrici. Si tratta di una mancanza che - oltre a rappresentare un oggettivo limite culturale del settore - si alimenta pesantemente del clima di forte disorientamento che si respira in tutta la società italiana e, in particolare, in quella del Nord Est. E uno stato d animo che parte da lontano e che si è avviato da tempo. Un indagine del 1995, ad esempio, già rivela un progressivo incrinarsi della fiducia nelle istituzioni e tutti i tradizionali punti di riferimento perdono quote rilevanti: la Magistratura ottiene fiducia solo dal 43% dei veneti, l Industria dal 39%, la Cooperazione dal 32%, i Sindacati dal 22% e lo Stato dal 18%. Nei primi anni del 2000 tutto si amplifica e si accelera: la società - come annota Ilvo Diamanti - ha ormai definitivamente perduto i tradizionali sistemi di riferimento e si muove sostanzialmente su due assi: la sfiducia nelle istituzioni e la perdita del rapporto forte col lavoro. Ancora una volta, tutto ciò è molto più evidente a Nord-Est, che vive la fine Ino, calzolaio di Cavarzano a Belluno (1977, foto Roberto Dalla Cort).

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli