La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico. Agricoltura. Alimentazione. Ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico. Agricoltura. Alimentazione. Ambiente"

Transcript

1 La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico Agricoltura Alimentazione Ambiente

2 LA FACOLTA DI AGRARIA INCONTRA LE IMPRESE: RICERCHE, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO A cura di Claudia Sorlini e Marcello Duranti con la collaborazione di Chiara Magni, Roberto Rovelli e Carmela Carone

3 Prefazione In coerenza con la missione del Consiglio Europeo di Lisbona di trasformare il territorio europeo in un avanzata economia basata sulla conoscenza, Regione Lombardia, nel corso dell VIII legislatura che volge ormai al termine, ha puntato ad operare come motore di progettualità e fattore di connessione tra le diverse componenti del sistema (cittadini, imprese e istituzioni pubbliche e private), attivando una strategia complessiva di sostegno alla ricerca e allo sviluppo. E in tale contesto che l Assessorato all Agricoltura, a scadenza triennale, predispone i Programmi regionali di ricerca in campo agricolo, con i quali individua linee strategiche, strumenti, obiettivi e risorse al fine di sostenere la competitività del settore, di tutelare le risorse, di salvaguardare e valorizzare il territorio, con un attenzione particolare alla qualità delle produzioni e alla sicurezza alimentare. Fra le linee strategiche delineate dall ultimo Programma, spicca l impegno a finanziare progetti di ricerca di forte impatto sul sistema rurale regionale, a rafforzare la rete di relazioni, il confronto e la collaborazione fra enti di ricerca e fra questi e le filiere produttive lombarde e a favorire l accesso all innovazione tecnologica da parte delle imprese tramite un complesso di iniziative di comunicazione e trasferimento dei risultati scaturiti dalle ricerche. E con vero piacere quindi che ho accolto la proposta della Preside della Facoltà di Agraria dell Università degli Studi di Milano di mettere a disposizione, tramite la pubblicazione di questo volume, una sintesi di quanto i ricercatori hanno recentemente elaborato, spesso anche con il contributo di Regione Lombardia, in termini di informazioni, prodotti e strumenti di immediato interesse applicativo. Un iniziativa perfettamente in linea con le strategie del mio Assessorato, che sono certo sarà ben utilizzata dalle imprese, ma anche dai tecnici e da tutti quei soggetti associativi e istituzionali che giocano un ruolo di fondamentale importanza nel trasferimento delle innovazioni. Luca Daniel Ferrazzi Assessore all Agricoltura Regione Lombardia II

4 Introduzione Questa brochure, curata dalla Facoltà di Agraria dell Università degli Studi di Milano, è rivolta agli imprenditori che forniscono prodotti e servizi nei settori dell agro-alimentare e ambientale. Raccoglie più di 200 schede che illustrano i risultati di ricerche già raggiunti o che si intende raggiungere in prospettiva. E un invito alle imprese a prenderne visione e, nella misura del possibile, a trasferire i risultati di interesse all interno delle proprie aziende, per migliorare la qualità della produzione e la produttività, offrendo prodotti più qualificati al consumatore e all utente e preservando l ambiente. Acquisire le innovazioni offerte dalla ricerca da parte sia della grande impresa sia di quella piccola e media è un passo indispensabile per aumentare la competitività e per contribuire ad affrontare in modo più attrezzato l attuale crisi economica. Inoltre le tematiche in oggetto si relazionano perfettamente con il tema dell EXPO 2015, Nutrire il pianeta Energia per la vita, che vedrà Milano impegnata nel grande evento dell esposizione universale. L EXPO del 2015 può essere un occasione per il sistema delle imprese lombarde per presentare al mondo intero le proprie eccellenze, migliorate attraverso una continua innovazione tecnologica ed un alta qualità della produzione. La Lombardia è la Regione che da sola produce il 13,7% della produzione agricola e forestale italiana. Dispone di industrie, tecnologie avanzate, capitale umano, risorse ed iniziativa. La vocazione agricola della pianura più fertile d Italia è fuori discussione; al sud di Milano si estende il parco agricolo più grande di Europa. I prodotti dell industria alimentare italiana sono conosciuti e apprezzati dappertutto. Anche la piccola e media azienda, favorita dalle numerose relazioni create dall EXPO, può beneficiarne attraverso l esportazione nei paesi in via di sviluppo di tecnologie semplici ma solide, il cui funzionamento sia basato sul risparmio energetico e sulla efficienza produttiva e nei paesi ricchi di prodotti alimentari di nicchia. In questo contesto la Facoltà di Agraria dell Università di Milano, contribuisce per la sua parte. Infatti, per sua stessa vocazione, sviluppa ricerche di base con ampie possibilità di arrivare a risultati applicabili in tempi ragionevoli, risultati che possono comportare prospettive promettenti per le aziende dei settori coinvolti. D altra parte l interesse delle imprese per le ricerche della Facoltà è manifestato dai numerosi contratti e convenzioni che vengono ogni anno stipulati. Il fatto che al loro scadere tali contratti vengano spesso rinnovati sta a testimoniare il consolidamento del rapporto di fiducia che si è creato tra aziende e gruppi di ricercatori. Tuttavia molto di più si potrebbe fare. Infatti sono ancora troppi i risultati di interesse applica- III

5 tivo, ottenuti con ricerche finanziate da enti pubblici, che finiscono nei cassetti senza un futuro, mentre potrebbero essere utilizzati per creare innovazione ed incrementare la competitività del sistema Italia. Per questo motivo ho invitato tutti i ricercatori della Facoltà a compilare le schede contenute in questo volume, con l obiettivo di far conoscere i temi sui quali vengono svolte le ricerche. Come si potrà leggere nel testo, le indicazioni che emergono dalle ricerche possono essere di rilevante utilità per il mondo delle imprese in quanto affrontano problemi di grande attualità, per i quali si suggeriscono possibili soluzioni nei campi dell agricoltura, dell industria alimentare e dell ambiente: si lavora sulla selezione di piante resistenti a stress abiotici e biotici; su metodi innovativi per debellare vecchi e nuovi agenti patogeni e parassiti delle piante; sulla innovazione nella produzione e utilizzazione di energie alternative e sulla riduzione dei consumi energetici nel settore delle produzioni agro-alimentari; sull innovazione di processo industriale per migliorare la qualità dei prodotti finiti, sull innovazione di prodotto alimentare; sulla produzione di alimenti per settori particolari di consumatori (es. affetti da intolleranze alimentari); sulle tecniche più avanzate per il monitoraggio di filiera ed il controllo della qualità igienico-sanitaria degli alimenti; sul valore nutrizionale degli alimenti ed i loro effetti sulla salute; sulle modalità avanzate di fertilizzazione dei suoli, di gestione delle risorse idriche e dei reflui, sulla progettazione delle aree verdi e la conservazione del patrimonio rurale. Questo è solo per citare qualche esempio. D altronde l impegno a trasferire i risultati delle ricerche da anni investe tutta l Università di Milano attraverso la costituzione di spin off, il sostegno alla registrazione di brevetti, l istituzione di incubatori di grandi dimensioni, come il Filarete ed una serie di altre importanti iniziative. Il nostro paese ha bisogno di creare innovazione tecnologica che a sua volta crei valore aggiunto al prodotto e di incrementare la competitività per rispondere alle esigenze di una società che richiede posti di lavoro, sicurezza, benessere con uno sguardo di attenzione particolare anche alle esigenze dei Paesi in via di Sviluppo e questo passa inesorabilmente attraverso un rapporto più stretto e qualificato tra imprese private, enti pubblici, università e istituti di ricerca. Milano, La Preside Claudia Sorlini IV

6 Indice 1. AGRICOLTURA 1.1 PRODUZIONE E DIFESA Attività di sostanze naturali e di sintesi per il controllo dei fitoplasmi Gemma Assante 4 Valutazione dello stato sanitario della mammella di bovina attraverso lo studio della produzione di latte Luciana Bava 5 Caratterizzazione di reflui zootecnici e digestati ai fini dell impiego agronomico Luca Bechini 6 Diagnosi precoce di patogeni delle piante Piero Attilio Bianco 7 Reti di sensori per il monitoraggio automatico degli insetti fitofagi Luigi Bodria 8 Batteri promotori della crescita vegetale Sara Borin 9 Valorizzazione della qualità del frutto: individuazione di indicatori fisiologici, biochimici e molecolari per il miglioramento genetico del pesco Maurizio Cocucci 10 Sviluppo delle produzioni di erbe officinali di elevato valore qualitativo e salutistico nell area alpina Maurizio Cocucci 11 Nuovi strumenti di lotta biologica al cancro del castagno Paolo Cortesi 12 Ricerca di SNPs in geni candidati per la fertilità maschile nella specie bovina Paola Crepaldi 13 Ricerca di polimorfismi in geni candidati per le variazioni quanti-qualitative della frazione lipidica del latte caprino Paola Crepaldi 14 Prestazioni produttive ed emissioni ammoniacali in suini alimentati conformemente a vari disciplinari Matteo Crovetto 15 Tecniche alimentari per una riduzione dell'escrezione di azoto (N) e fosforo (P) nella bovina da latte Matteo Crovetto 16 Sintesi di nuovi fungicidi Sabrina Dallavalle 17 Recupero e valorizzazione di vecchie varietà di mele con elevate proprietà nutraceutiche Tommaso Eccher 18 Controlli biochimici e fisiologici di assorbimento ed assimilazione dell'azoto in Zea mays Luca Espen 19 Qualità enologica dell'uva in relazione alle condizioni ambientali e vocazionalità alla viticoltura Osvaldo Failla 20 Impiego di chitosani nell'induzione di resistenza agli stress biotici e abiotici delle piante Franco Faoro 21 Tecniche di identificazione e prevenzione dei danni da ozono su frumento Franco Faoro 22 L'impianto di colture arboree a rapido accrescimento Marco Fiala 23 Valorizzazione dei cereali minori di montagna Anna Giorgi 24 Interazioni pianta-insetto e stress abiotici: induzione in specie di piante officinali della sintesi di metaboliti secondari Anna Giorgi 25 Sintesi di metaboliti secondari della vite in seguito ad elicitazione: applicazioni in agricoltura Marcello Iriti 26 V

7 VI Impiego del chitosano come antivirale e antitraspirante nelle piante Marcello Iriti 27 Modalità di conservazione del mirtillo gigante americano (Vaccinium corymbosum L.) Ilaria Mignani 28 Utilizzo di linee gene trapping di Arabidopsis thaliana per la costituzione di piante biondicatrici dello stato nutrizionale dello zolfo Fabio Francesco Nocito 29 Selezione di attinomiceti con attività di promozione della produttività vegetale Sergio Quaroni 30 Identificazione di geni per il controllo dello sviluppo in orzo (Hordeum vulgare) Laura Rossini 31 Genomica per il miglioramento delle Triticeae (frumenti e orzo) Laura Rossini 32 Impiego di markers fisiologici per l'identificazione di genotipi di riso a basso contenuto di cadmio in granella Gian Attilio Sacchi 33 Strumenti per la diagnosi di nuove malattie batteriche e fungine delle piante Marco Saracchi 34 Difesa dalle malattie dei vegetali in campo e in post raccolta mediante uso di oli essenziali Paola Sardi 35 Caratterizzazione e valorizzazione dei vitigni minori italiani e conservazione delle risorse genetiche Attilio Scienza 36 Valorizzazione della qualità nutrizionale di mirtillo gigante americano (Vaccinium corymbosum L.) Anna Spinardi 37 Effetto dell'addizione alla dieta di acidi organici sulle performance di crescita del coniglio Ivan Toschi 38 Rilevazione di funghi tossinogeni associati ai cereali Annamaria Vercesi 39 Comportamento epidemico di Plasmopara viticola su vite Annamaria Vercesi 40 Resistenza ai fungicidi in Plasmopara viticola Annamaria Vercesi 41 Analisi integrata dei diversi aspetti della nutrizione ferrica nelle piante arboree da frutto per l'individuazione di genotipi resistenti alla clorosi Graziano Zocchi 42 Analisi del proteoma di radici di piante allevate in condizioni di Fe carenza Graziano Zocchi 43 Ottenimento di piante di interesse alimentare biofortificate per il ferro Graziano Zocchi GESTIONE ED ECONOMIA Multifunzionalità dell'impresa agricola ed integrazione nel paesaggio Stella Agostini 47 Costruzioni rurali in area urbana Stella Agostini 48 Nuovi scenari di pianificazione del territorio agroforestale Stella Agostini 49 Valutazione della sostenibilità agro-ambientale dei sistemi agricoli Luca Bechini 50 Ottimizzazione della filiera del postraccolta vitifrutticolo mediante sistemi innovativi Luigi Bodria 51 Metodologie per la valutazione multifunzionale degli alpeggi Michele Corti 52 Modelli di gestione silvo-pastorali orientati al miglioramento e conservazione dell ambiente Michele Corti 53 Valutazione dei consumi energetici delle aziende agricole e tecniche di risparmio Marco Fiala 54

8 Generazione di energia da fonti energetiche rinnovabili in aziende agricole nazionali Marco Fiala 55 Modello di calcolo per la valutazione della sostenibilità globale di filiere agro-energetiche in Italia Marco Fiala 56 Applicazione di un indice spazializzato di siccità agricola a comprensori agrari situati in differenti ambiti climatici Bianca Ortuani 57 Criteri di progettazione delle strutture di stabulazione negli allevamenti di bovini da latte lombardi Giorgio Provolo 58 Sviluppo e standardizzazione di metodiche di fermentazione per la valutazione energetica dei foraggi Luca Rapetti 59 Analisi del settore agricolo e strategie di sviluppo rurale in Libano Guido Sali 60 La automazione della alimentazione negli allevamenti bovini Franco Sangiorgi 61 Sicurezza in agricoltura e zootecnia Franco Sangiorgi ALIMENTAZIONE 2.1 TECNOLOGIA Formulazione e caratterizzazione nutrizionale di prodotti da forno a basso indice glicemico M. Cristina Casiraghi 66 Strategie di contenimento del danno termico nel latte UHT Stefano Cattaneo 67 Sviluppo di bioprocessi per la preparazione di idrolizzati di proteine del latte ad attività immunomodulante Ivano De Noni 68 Analisi di processo nella produzione di alimenti con metodi innovativi Marcello Duranti 69 Ottimizzazione dell impiego dei batteri lattici nelle produzione lattiero-casearie caprine Roberto Foschino 70 Selezione della microflora degli impasti acidi per prodotti da forno a lievitazione naturale Roberto Foschino 71 Selezione di lieviti autoctoni per impiego enologico Roberto Foschino 72 Messa a punto di trattamenti di trasformazione per la valorizzazione delle caratteristiche nutrizionali del mirtillo Gabriella Giovanelli 73 Messa a punto di derivati innovativi della mela fortificati con tè verde Vera Lavelli 74 Ottimizzazione della fase di raffinazione-concaggio del cioccolato mediante mulino a sfere Mara Lucisano 75 Ottimizzazione delle formulazioni e delle tecnologie di produzione di pane e pasta gluten-free Mara Lucisano 76 Nuove membrane di nanofibre ottenute mediante elettrospinning Saverio Mannino 77 Ottimizzazione delle formulazioni e delle tecnologie di produzione di pane con madre acida o arricchito con cereali minori e pseudocereali Manuela Mariotti 78 Ottimizzazione della produzione di prodotti dolciari non convenzionali Manuela Mariotti 79 VII

9 VIII Fermentazioni di interesse in campo alimentare ed energetico Francesco Molinari 80 Miglioramento delle caratteristiche tecnologiche in microrganismi di interesse alimentare Diego Mora 81 Produzione di pasta alimentare su impianti pilota (in grado di simulare condizioni di processo industriali) M. Ambrogina Pagani 83 Progettazione di alimenti / ingredienti alimentari con strutture ingegnerizzate Laura Piazza 84 Imballaggi per la protezione degli alimenti sensibili alla luce Luciano Piergiovanni 85 Previsione ed estensione della shelf-life di prodotti alimentari sensibili allo scambio di umidità Luciano Piergiovanni 86 Sviluppo di un coating ibrido barriera ai gas per applicazioni nell'imballaggio alimentare Luciano Piergiovanni 87 Sviluppo di un saldante ottenuto da biomacromolecole per applicazioni nell'imballaggio alimentare Luciano Piergiovanni 88 Ottimizzazione del processo di tostatura delle nocciole in relazione alla stabilità ossidativa del prodotto finito Margherita Rossi 89 Aspetti tecnologici e nutrizionali nella produzione di gelati e sorbetti artigianali Margherita Rossi 90 Tecnologie avanzate innovative per la produzione ed il controllo di qualità di preparazioni alimentari a base di sfarinati di farro Fernando Tateo QUALITÀ E SICUREZZA Controllo dei fattori che influenzano la struttura e il comportamento in cottura della pasta fresca all uovo Cristina Alamprese 93 Evoluzione delle caratteristiche qualitative e nutrizionali di frutta conservata con metodi tradizionali e innovativi non distruttivi Ernestina Casiraghi 94 Tecniche avanzate per la rilevazione dell'autenticità e della qualità dei prodotti alimentari e dei processi di trasformazione Ernestina Casiraghi 95 Applicazione di metodi innovativi non distruttivi allo studio della shelf-life di prodotti alimentari Ernestina Casiraghi 96 Riconoscimento di ingredienti lattieri essiccati in formaggi tradizionali dell'area mediterranea Stefano Cattaneo 97 Sensori elettrochimici specifici e aspecifici nell'analisi degli alimenti Maria Stella Cosio 98 Tracciabilità molecolare dei prodotti alimentari tipici di origine animale Paola Crepaldi 99 Fenomeni di migrazione nelle pellicole estensibili per la conservazione dei formaggi tradizionali Ivano De Noni 100 Analisi di processo nella produzione di alimenti con metodi innovativi Marcello Duranti 101 Approcci innovativi per lo studio della maturazione dei frutti Luca Espen 102 Analisi non distruttive per la valutazione della qualità di ortaggi di IV gamma durante la shelf life Antonio Ferrante 103 La carta di identità microbiologica di formaggi artigianali italiani Maria Grazia Fortina 104

10 Metodologie innovative per il controllo dello sviluppo microbico in sistemi complessi Maria Grazia Fortina 105 La sicurezza nella tipicità di prodotti alimentari di origine animale: individuazione e tipizzazione di ecotipi batterici contaminanti Maria Grazia Fortina 106 Metodi avanzati per la determinazione di Escherichia coli verotossici nelle filiere alimentari Roberto Foschino 107 Metodologie molecolari e tradizionali per lo studio e la caratterizzazione di prodotti artigianali di origine animale Laura Franzetti 108 Microbiologia dei prodotti ortofrutticoli, individuazione dei punti critici all'interno del processo produttivo per la sua ottimizzazione Laura Franzetti 109 Valutazione dell'attività antimicrobica di materiali di imballaggio alimentare Laura Franzetti 110 Influenza dell'ambiente (luce, umidità, temperatura, igiene) e delle operazioni sulla qualità del prodotto finito e sulla salute degli operatori Laura Franzetti 111 Valutazione della qualità nutrizionale e tecnologica del frumento monococco Alyssa Hidalgo 112 Identificazione e valutazione di markers d igiene nel settore delle uova, del pomodoro e prodotti derivati Alyssa Hidalgo 113 Tecniche avanzate nel monitoraggio di Tribolium castaneum e T. confusum nelle industrie alimentari Lidia Limonta 114 Tecniche avanzate di utilizzo dell'ozono per la disinfestazione dei cereali Daria Patrizia Locatelli 115 Valutazione delle caratteristiche qualitative di varietà italiane di riso tradizionale e aromatico Mara Lucisano 116 Ottimazione della concimazione degli ortaggi da foglia raccolti per sfalcio Pietro Marino Gallina 117 Cereali e derivati: valutazione della qualità e monitoraggio dei processi di trasformazione mediante l'applicazione di tecniche innovative Manuela Mariotti 118 Nuovi approcci strumentali per la valutazione della qualità della semola e del comportamento in cottura della pasta M. Ambrogina Pagani 119 Miglioramento della qualità dei prodotti derivati dal frumento (duro e tenero) mediante il processo di decorticazione M. Ambrogina Pagani 120 Impiego della granella immatura di frumento come ingrediente funzionale M. Ambrogina Pagani 121 Studio dei parametri sensoriali e strumentali durante e a fine stagionatura di prosciutto crudo a diversa DOP e loro influenza sul gradimento Ella Pagliarini 122 Modelli multi-parametro per la difesa di formaggi DOP Luisa Pellegrino 123 Valutazione di aspetti tecnologici e nutrizionali in relazione al danno termico di latti liquidi per la prima infanzia Luisa Pellegrino 124 Criteri innovativi per la valutazione strumentale della texture e di altri attributi della qualità sensoriale Laura Piazza 125 Messa a punto di derivati di frutta ed ortaggi a basso contenuto in allergeni Carlo Pompei 126 IX

11 X Produzione biotecnologica di sakacina A, molecola impiegabile nel settore dell'active packaging Manuela Rollini 127 Stabilità e ruolo dei fattori che determinano l adsorbimento di olio da parte dell alimento nella frittura ad immersione Margherita Rossi 128 Fattori che influenzano le caratteristiche compositive e le proprietà funzionali delle uova e degli ovoprodotti Margherita Rossi 129 Sistema di diagnosi delle fonti di contaminazione microbiologica del latte alla stalla Anna Sandrucci 130 Alternative al bromuro di metile nella disinfestazione di industrie alimentari Luciano Suss 131 Tecniche avanzate per l identificazione di coadiuvanti tecnologici e contaminanti in contenitori ad uso alimentare Fernando Tateo 132 Criteri integrati di verifica di qualità, di valore nutrizionale e di sicurezza di prodotti alimentari di larga distribuzione Fernando Tateo 133 Definizione di indici di qualità e di sicurezza alimentare in formulati aromatizzanti Fernando Tateo 134 Innovazione in formulazione, applicazione, controllo qualità e sicurezza alimentare di semilavorati aromatizzati per settori food e non food Fernando Tateo 135 Valutazione di sicurezza alimentare e controllo qualità in aceto balsamico di Modena Fernando Tateo 136 Determinazione di micotossine in alimenti Angela Vecchio 137 Rilevazione di funghi tossinogeni associati ai cereali Annamaria Vercesi GESTIONE Valorizzazione di prodotti alimentari tradizionali dell'unione Europea Alessandro Banterle 141 Modelli econometrici per studiare la relazione tra obesità e alcune variabili economiche e socio-demografiche Alessandro Banterle 142 Nuove forme di riorganizzazione delle filiere agro-alimentari e costi di transazione Alessandro Banterle 143 Studio di modelli gestionali per la ristorazione Riccardo Guidetti 144 Analisi energetica delle industrie alimentari Riccardo Guidetti 145 Influenza della memoria e delle emozioni nelle scelte alimentari Ella Pagliarini 146 Il consumatore celiaco e le valutazioni sensoriali dei prodotti senza glutine Ella Pagliarini 147 Caratteristiche sensoriali e valutazione dell'accettabilità di nuovi composti attivi sulla chemorecezione gustativa e sulla chemestesi Ella Pagliarini 148 Biosensori per la valutazione del ruolo della dieta nella prevenzione di patologie degenerative Marisa Porrini 149 Criteri di analisi e progettazione integrata per l industria agro-alimentare Franco Sangiorgi 150 La valorizzazione dei prodotti caseari tipici della montagna Franco Sangiorgi NUTRIZIONE E NUTRACEUTICA Prodotti bioattivi da piante eduli e cibi tradizionali Angela Bassoli 154

12 Peptidi bioattivi di derivazione casearia Franco Bonomi 155 Valutazione degli effetti funzionali di prodotti arricchiti in fibra alimentare sul tratto gastrointestinale M. Cristina Casiraghi 156 Produzione biotecnologica di un polipeptide di soia ad azione ipolipidemizzante Marcello Duranti 157 Attività ipoglicemizzante di una proteina del seme di lupino Marcello Duranti 158 Effetti metabolici dell'assunzione di isoflavoni Daniela Erba 159 Caratterizzazione molecolare di batteri probiotici e studio della loro interazione con l'ospite Simone Guglielmetti 160 Studio delle caratteristiche funzionali di alimenti tipici e di nuova formulazione Marisa Porrini 161 Studio delle caratteristiche sazianti di alimenti tipici e di nuova formulazione Marisa Porrini 162 Diete ad alto contenuto di antiossidanti naturali per la modulazione dello stress ossidativo in soggetti anziani Paolo Simonetti 163 Identificazione di colture microbiche intestinali in grado di trasformare la daidzeina nel composto bioattivo equolo Paolo Simonetti 164 Valorizzazione della qualità nutrizionale di mirtillo gigante americano (Vaccinium corymbosum L.) Anna Spinardi AMBIENTE 3.1 TERRITORIO, TECNOLOGIA, ENERGIA Supporti decisionali per la gestione delle risorse idriche in aree vulnerabili del Sud d Italia Marco Acutis 169 Produzione di bio-idrogeno ed energia rinnovabile da residui agro-zootecnici Fabrizio Adani 170 Bilancio dell azoto nella filiera di produzione del biogas da reflui zootecnici e qualità del digestato Fabrizio Adani 171 Biomasse per biogas Fabrizio Adani 172 Metodi enzimatici per abbassare il puor point del biodiesel a base di olio di palma Fabrizio Adani 173 Modificazione della nanostruttura delle biomasse per la produzione di bioenergie Fabrizio Adani 174 Utilizzo delle proprietà surfattanti degli acidi umici nella decontaminazione di suoli da pesticidi Fabrizio Adani 175 Utilizzo degli acidi umici da biomasse nei processi di decontaminazione fotocalitica di acque inquinate da CrVI Fabrizio Adani 176 Evoluzione della sostanza organica di rifiuti in discariche simulate Fabrizio Adani 177 Influenza della modificazione genetica sull'ultrastruttura del mais e possibili applicazioni nella produzione di bioenergie e biocarburanti Fabrizio Adani 178 Monitoraggio degli odori durante la stabilizzazione dei rifiuti solidi urbani Fabrizio Adani 179 XI

13 XII Fanghi in agricoltura, inquinanti organici e analisi del rischio Fabrizio Adani 180 Criteri di caratterizzazione del sistema agricolo Stella Agostini 181 Riconoscere e valutare il patrimonio rurale Stella Agostini 182 Popolazioni batteriche rizosferiche coinvolte in processi di ossidoriduzione dell'arsenico Vincenza Andreoni 183 Dinamica spazio-temporale del sistema multitrofico Achillea collina/afidi/predatori Johann Baumgartner 184 Caratterizzazione dei reflui zootecnici e digestati ai fini dell impiego agronomico Luca Bechini 185 Ottimizzazione della produzione di energia con biomasse e gestione degli impatti correlati Stefano Bocchi 186 Produzione di bioidrogeno da biomassa e reflui agrozootecnici Luigi Bodria 187 Digestione anaerobica di biomasse di scarto Daniele Daffonchio 188 Pioppo da biomassa: ottimizzazione dei cantieri di raccolta e trasporto del cippato Marco Fiala 189 Valutazione della stabilità biologica di rifiuti bioessiccati per la valorizzazione energetica Pierluigi Genevini 190 Fermentazioni di interesse in campo alimentare ed energetico Francesco Molinari 191 Utilizzo dell'analisi multicriteria per la caratterizzazione del territorio rurale nella pianificazione territoriale e nelle procedure di VAS Giorgio Provolo 192 Soluzioni tecnologiche e impiantistiche per la gestione sostenibile degli effluenti di allevamento nelle zone a elevata vocazione zootecnica Giorgio Provolo 193 Sistema per la tutela e valorizzazione dei fontanili del territorio lombardo Alessandro Toccolini 194 Analisi territoriale e ambientale attraverso l'utilizzo di indicatori Alessandro Toccolini 195 Pianificazione e progettazione di sistemi di percorsi verdi (greenways) Alessandro Toccolini 196 Analisi e progettazione delle aree verdi Alessandro Toccolini 197 Monitoraggio della trasformazione del territorio rurale: evoluzione dell'uso del suolo agricolo nel sud Milano Alessandro Toccolini GESTIONE AMBIENTALE ED IDRAULICA Monitoraggio dell azoto rilasciato dai suoli agricoli nelle acque superficiali, sotterranee e in atmosfera Marco Acutis 201 Governo dell acqua in Lombardia verso standard europei: definizione e validazione delle azioni prioritarie previste dal piano di bacino idrografico-2 Dario Casati 202 Valutazione del deflusso subsuperficiale in un versante montano a forte pendenza Maria Laura Deangelis 203 Metodologie per lo studio di colate detritiche e correnti iper-concentrate conseguenti al crollo di dighe Daniele De Wrachien 204 Sviluppo di un modello preliminare del flusso idrico nel sistema acquifero della provincia di Cremona Claudio Gandolfi 205

14 Un modello preliminare del bilancio idrologico dei suoli agrari e del flusso idrico nel sistema acquifero della pianura bergamasca Claudio Gandolfi 206 Modelli di flusso nei mezzi porosi insaturi: uno studio comparativo a differenti scale territoriali Claudio Gandolfi 207 Valutazione del deficit traspirativo in forma distribuita nel territorio dei comprensori di irrigazione e bonifica lombardi Claudio Gandolfi 208 Messa a punto di metodologie a supporto dell'implementazione della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/EC) nel territorio lombardo Claudio Gandolfi 209 Messa a punto di metodologie a supporto dell'implementazione della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/EC) nel territorio lombardo - Fase 2 Claudio Gandolfi 210 Messa a punto di un sistema per la Pianificazione delle Risorse Idriche, applicazione pilota ad un bacino lombardo Claudio Gandolfi 211 L irrigazione delle risaie e la conseguente ricarica della falda Mauro Greppi 212 Valutazione del deflusso di piena di un bacino idrologico ed applicazione di un modello 2D per acque poco profonde Mauro Greppi 213 Applicazione di un indice spazializzato di siccità agricola a comprensori agrari situati in differenti ambiti climatici Bianca Ortuani 214 Sviluppo di software e di sistemi di supporto alla decisione per la gestione degli effluenti di allevamento e la sostenibilità ambientale Giorgio Provolo 215 Utilizzo dell'analisi multicriteria per la caratterizzazione del territorio rurale nella pianificazione territoriale e nelle procedure di VAS Giorgio Provolo 216 Messa a punto di un sistema di monitoraggio ambientale negli allevamenti zootecnici intensivi Giorgio Provolo 217 Soluzioni tecnologiche e impiantistiche per la gestione sostenibile degli effluenti di allevamento nelle zone a elevata vocazione zootecnica Giorgio Provolo 218 Programmi di assistenza tecnica alle aziende agricole in vista degli obblighi previsti dalla condizionalità e delle normative ambientali Giorgio Provolo 219 Analisi del settore agricolo e strategie di sviluppo rurale in Libano Guido Sali 220 Lotta contro le mosche sul territorio urbano Luciano Süss 221 Valutazione dell'impatto ambientale della zootecnia da latte in aree montane mediante Lyfe Cycle Assessment Alberto Tamburini APPLICAZIONI IN ALTRI SETTORI Biorimozione del tiodiglicole, prodotto dell'idrolisi dell'iprite (gas nervino) Vincenza Andreoni 225 Proteina immunomodulante da mollusco Oreste Vittore Brenna 226 Biopulitura di croste nere su materiali lapidei Francesca Cappitelli 227 Strategie anti-fouling innovative e non-tossiche Francesca Cappitelli 228 XIII

15 XIV Valutazione della possibile trasmissione delle proteine prioniche a differenti specie di pesci Salvatore Ciappellano 229 Sviluppo di un approccio di "Controllo Simbiotico" Daniele Daffonchio 230 Valorizzazione di composti naturali biologicamente attivi Sabrina Dallavalle 231 Sintesi di nuovi composti ad attività antitumorale Sabrina Dallavalle 232 Elettrodi modificati con film scambio-ionici per analisi di matrici reali d interesse farmacologico, ambientale ed alimentare Elio Desimoni 233 Sviluppo di metodi statistici per il miglioramento della qualità dei risultati analitici Elio Desimoni 234 Proteine come dispositivi molecolari per il controllo dell'omeostasi redox Fabio Forlani 235 Sviluppo di procedure di trasformazione per l'espressione di allergeni in microrganismi Food-Grade Maria Grazia Fortina 236 Sviluppo di microfiliere di prodotti da piante officinali di montagna Anna Giorgi 237 Produzione di intermedi per la sintesi di principi attivi da lieviti non-convenzionali Francesco Molinari 238 Biotrasformazioni con nuove idrolasi microbiche Francesco Molinari 239 Riproduzione e sopravvivenza animale in microgravità Claudia Ricci 240

16 1. AGRICOLTURA

17

18 AGRICOLTURA 1.1 PRODUZIONE E DIFESA 3

19 AGRICOLTURA PRODUZIONE E DIFESA Titolo del progetto Italiano: Attività di sostanze naturali e di sintesi per il controllo dei fitoplasmi Inglese: Activity of natural and synthetic compounds for the control of phytopalsma diseases Gemma Assante Pierattilio Bianco, Stefania Prati, Dario Maffi Dipartimento di Produzione vegetale-sezione Patologia Vegetale Università degli Studi di Milano - Via Celoria 2 - Milano Phytoplasma, Catharanthus, antibiotic activity Una serie di metaboliti naturali o da essi derivatizzati possiedono attività antibiotica, ma non hanno storia in in programmi R&D. L'indagine è costituita da saggi di attività nei confronti dei fitoplasmi, gruppo di patogeni per i quali non si conoscono agrofarmaci efficaci. La ricerca è effettuata su vinca, scelta come pianta modello ed ha un duplice obbiettivo: trovare una molecola attiva e studiare l'interazione tra pianta e patogeno, inserendo come terza variabile il trattamento con la molecola eventualmente attiva. Se Sì, indicare partnership/s: E' stato messo a punto un sistema di saggio e sono stati raccolti dati utili alla eventuale validazione di test di efficacia. Miglioramento delle strategie di controllo delle fitoplasmosi e approfondimento sul rapporto ospite-patogeno Chiesa S.et al.(2007) Bulletin of Insectology 60 (2): Chiesa S. et al. (2008). A tentative discrimination between healthy and phytoplasma-infected periwinkles by infrared thermography. II International Phytoplasma Workshop. Havana, Cuba 4

20 Italiano: Valutazione dello stato sanitario della mammella di bovina attraverso lo studio della produzione di latte Inglese: Assessment of udder health status throughout milk flow emission in dairy farm Luciana Bava Alberto Tamburini, Anna Sandrucci, Maddalena Zucali Dipartimento di Scienze Animali, sezione di Zootecnica Agraria Università degli Studi di Milano - via Celoria, 2 - Milano AGRICOLTURA PRODUZIONE E DIFESA Emissione del latte; Sanità mammella; Qualità latte Milk flow; Udder health; Milk quality Nella produzione del latte una corretta procedura di mungitura è fondamentale per poter mungere in modo rapido ed efficiente, garantendo il benessere dell animale, riducendo i rischi di infezione mammaria e consentendo l ottenimento di un latte di buona qualità. Lo scopo della ricerca è stato quello di individuare i principali punti critici del processo di mungitura mediante l'analisi dei dati ottenuti da flussometri elettronici in grado di misurare in continuo le caratteristiche individuali delle curve di emissione del latte da parte delle bovine. Se Sì, indicare partnership/s: Dipartimento di Patologia Animale, Igiene e Sanità Pubblica Veterinaria, UNIMI; ARAL I risultati dello studio hanno confermato che le caratteristiche della curva di emissione sono dei buoni indicatori predittivi per l'identificazione rapida di situazioni prblematiche sia in terrmini di efficienza della mungitura che in termini di stato sanitario della mammella. L'utilizzo dei flussometri in sala di mungitura consente sia all'allevatore che al tecnico di individuare gli errori gestionali nell'esecuzione della mungitura e apportare rapidamente dei correttvi che consentono il miglioramento sia della sanità della mammella che della qualità del latte. A. Sandrucci et al., Italian J. Anim. Sci. (2005) 4:(2) A. Sandrucci et al., J. Dairy Sci. (2007) 90: L. Bava et al., Italian J. Anim. Sci. (2007) 6:(1) L. Bava et al., Quaderni Ricerca Regione Lombardia (2008) 82 M. Zucali et al., Italian J. Anim. Sci. (2009) in press 5

La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico. Agricoltura. Alimentazione. Ambiente

La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico. Agricoltura. Alimentazione. Ambiente La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico Agricoltura Alimentazione Ambiente LA FACOLTA DI AGRARIA INCONTRA LE IMPRESE: RICERCHE, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO

Dettagli

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali Giovanni Piredda Santa Cristina Paulilatino (OR) 20 maggio 2009 www.sardegnaagricoltura.it/innovazionericerca

Dettagli

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL SETTORE INTERVENTO: ZOOTECNIA (SUINO) TITOLO PROGETTO: Ricerca avanzata in genomica e innovazioni tecnologiche per la filiera produttiva del suino pesante italiano (HEPIGET) Advanced research in genomics

Dettagli

La scienza in campo. Marisa Porrini Facoltà di Agraria

La scienza in campo. Marisa Porrini Facoltà di Agraria La scienza in campo Marisa Porrini Facoltà di Agraria Il sistema agricolo non opera più secondo un modello prettamente produttivo, ma si sta orientando verso la salvaguardia delle risorse naturali, della

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare, Agroindustria L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico

Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Caratterizzazione dei digestati da fermentazione anaerobica ai fini del corretto uso agronomico Andrea Manfredini**, Marco Negri**, Giovanni Cabassi* **Dipartimento di Produzione Vegetale Sez. Agronomia

Dettagli

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Piacenza, 11 febbraio 2014 Sostenibilità, opportunità e criticità nella filiera latte post 2015 Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte G.

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Area di specializzazione (settore) (Identificazione dell Area di specializzazione)

Dettagli

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 facoltà di AGRARIA AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 Sistema Gestione Qualità Certificato RINA 10039/03/S Registrazione IQNet IT-33732 Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE

Dettagli

CREARE VALORE. axía. progetto. Università e Impresa per la Ricerca ALIMENTAZIONE. Titoli Progetti

CREARE VALORE. axía. progetto. Università e Impresa per la Ricerca ALIMENTAZIONE. Titoli Progetti progetto axía Università e Impresa per la Ricerca CREARE VALORE ALIMENTAZIONE Titoli Progetti Acido linoleico coniugato (CLA) e osteoporosi: effetto sugli osteoblasti in rapporto alla sintesi di osso e

Dettagli

Viaggio nel mondo accademico e della ricerca del territorio italiano

Viaggio nel mondo accademico e della ricerca del territorio italiano Viaggio nel mondo accademico e della ricerca del territorio italiano A cura di Anna Maria Fioretti Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari L Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari (ISPA)

Dettagli

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione

Base di partenza e obiettivi di questa presentazione La fertilizzazione con effluenti organici da fermentazione anaerobica: proposta metodologica a scala comprensoriale Luca Bechini, Pietro Marino, Fabrizio Mazzetto * e Tommaso Maggiore luca.bechini@unimi.it

Dettagli

Classe Corso di Laurea Disciplina CFU L26 Tecnologie alimentari

Classe Corso di Laurea Disciplina CFU L26 Tecnologie alimentari Situazione AGR/16 in applicazione L.270 - Facoltà di Agraria e interfacoltà Firenze Docenti: 3 Ord. + 3 Ass. + 2 Ric. Tecnologie alimentari Microbiologia generale 6 Microbiologia dei prodotti alimentari

Dettagli

Ruolo della Ricerca Scientifica nella Produzione Casearia di Eccellenza

Ruolo della Ricerca Scientifica nella Produzione Casearia di Eccellenza Ruolo della Ricerca Scientifica nella Produzione Casearia di Eccellenza Giovanna Battelli Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari Consiglio Nazionale delle Ricerche Un prodotto di filiera ognuno

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE FREDDI MARCELLA MONOENNIO CLASSE 5 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

energia per la vita, una sfida che il SATA accoglie da sempre

energia per la vita, una sfida che il SATA accoglie da sempre 15 Seminario S.A.T.A. Bovini Expo 2015 Nutrire il pianeta, energia per la vita, una sfida che il SATA accoglie da sempre 27, 28, 29 NOVEMBRE 2012 PADENGHE SUL GARDA (BS) VIA PRAIS, 32 - WEST GARDA HOTEL

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Fondo Sociale Europeo MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE PUGLIA Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER 1_CORSI_MASTER JB: 10-12-2012 8:35 Pagina 220 CORSI UNIVERSITARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - Dipartimento di Agraria Corso di Laurea in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche L-25 Obiettivi:

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per la trasformazione casearia su piccola scala Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Il documento è stato redatto come frutto della ricerca sviluppata dalla UO CRA-FLC

Dettagli

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro Istituto di Virologia Vegetale del CNR, Bari e Dipartimento Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Rete regionale di laboratori per

Dettagli

mediante proteasi industriali

mediante proteasi industriali Valorizzazione delle farine disoleate mediante proteasi industriali Alessandra Stefan Unità operativa: CSGI (Consorzio per lo Sviluppo dei Sistemi a Grande Interfase, Firenze) Dipartimento di Farmacia

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica Luca Battaglini Dipartimento Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Università degli Studi di Torino Accademia di Agricoltura

Dettagli

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale Progetto Responsabile: Dr.sa M.G.D Egidio (CRA-ISC Roma) Unità di ricerca Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Strutturazione di impasti per

Dettagli

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu AirClare AirClare AirClare è un nuovo metodo per la purificazione dell aria in ambienti industriali e agricoli. Il sistema è stato ideato e brevettato per poter recuperare e riciclare le sostanze chimiche

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Offerta Formativa a.a. 2013/2014

Offerta Formativa a.a. 2013/2014 Offerta Formativa a.a. 2013/2014 Dipartimento di Scienze della Vita Area delle Scienze Agroalimentari Via Amendola 2 - Padiglione Besta Reggio Emilia Area delle Scienze Agroalimentari a.a. 2013/2014 -Corso

Dettagli

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale I foraggi tornano al centro della gestione aziendale L Associazione regionale allevatori del Piemonte punta su un cambio nella gestione agronomica delle aziende da latte. In nome del greening e della sostenibilità

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL DIGESTATO: Quadro Normativo e Aspetti Tecnico-Economici 11 INFOBIOGAS BTS - PalaExpo di Verona - 11 Marzo 2015 Il Consorzio Il CIB - Consorzio Italiano

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

LA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO. Reggio Emilia, 25 febbraio 2015

LA BORSA MERCI TELEMATICA ITALIANA AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO. Reggio Emilia, 25 febbraio 2015 AL SERVIZIO DEL COMPARTO SUINICOLO Reggio Emilia, 25 febbraio 2015 Cos è la Borsa Merci Telematica Italiana È il mercato telematico regolamentato dei prodotti agricoli, agroenergetici, agroalimentari,

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009

AREA AMBIENTE E TERRITORIO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A NEI PSR: STATO DELL ARTE E. Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 AREA AMBIENTE E TERRITORIO LO SVILUPPO DELL AGRICOLTURA ITALIANA A BASSO IMPATTO AMBIENTALE NEI PSR: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Intervento di Annalisa Saccardo Cagliari 3 luglio 2009 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

La contaminazione da nitrati delle acque

La contaminazione da nitrati delle acque Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l analisi dell Economia Agraria La contaminazione da nitrati delle acque Anna Benedetti Attività svolta presso il centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni

Dettagli

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento

Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento Piano di Gestione del fiume Po: riesame e aggiornamento 2 ciclo di pianificazione 2015-2021 Piano Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: possibili integrazioni con il Piano di Gestione

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

STEFANIA CRUCITTI C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

STEFANIA CRUCITTI C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI STEFANIA CRUCITTI C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CRUCITTI,Stefania Indirizzo A.Zampaglione 3, 89063 Melito di Porto Salvo (RC) Cellulare (+ 39)3406856762 Telefono (+ 39) 0965771377

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

Cereali e cereali integrali nella sana alimentazione

Cereali e cereali integrali nella sana alimentazione Società Italiana di Nutrizione Umana Facoltà di Agraria Facoltà di Medicina e Chirurgia Associazione Italiana di Scienza e Tecnologia dei Cereali Incontro di Studio Cereali e cereali integrali nella sana

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Indirizzo Telefono Fax E-mail Cittadinanza Cristina Zanfi Italiana Data di nascita 25/10/1976 Sesso Femmina Esperienza professionale Dal 1 luglio 2013 ad

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

AUTORI. GIUSEPPE LIMA Professore Associato di Fitoiatria Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell Ambiente Università del Molise, Campobasso

AUTORI. GIUSEPPE LIMA Professore Associato di Fitoiatria Dipartimento di Scienze Animali, Vegetali e dell Ambiente Università del Molise, Campobasso AUTORI ELENA BARALDI PAOLO BERTOLINI Professore Ordinario di Patologia dei Prodotti e delle Derrate Agrarie STEFANO BRIGATI Professore Associato di Patologia Vegetale RAFFAELLO CASTORIA Professore Associato

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013

Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna. Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna Filiere di Qualità Esperienze a confronto Fermo, 18 marzo 2013 Il marchio QC della Regione Emilia-Romagna La L.R. 28/99 persegue la valorizzazione dei prodotti

Dettagli

Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto

Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto Fiera di Cremona, venerdì 17 aprile 2009 Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto Valerio Giaccone Facoltà di Medicina veterinaria Università di Padova Dal 1 gennaio 2006 è entrata in

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo. Il Distretto come capofila di una svolta energetica

Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo. Il Distretto come capofila di una svolta energetica Consorzio Distretto Agroenergetico Lombardo Il Distretto come capofila di una svolta energetica Scopo del Consorzio di Distretto Agroenergetico Lombardo Coordinare, promuovere e perseguire la politica

Dettagli

Struttura e scelte del nuovo PSR

Struttura e scelte del nuovo PSR Incontro tecnico Sostenibilità ambientale dell'azienda agricola di domani Le misure del nuovo PSR Venerdì 12 settembre 2014 Ore 9,45 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 - Reggio Emilia Struttura

Dettagli

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13

Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro. Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 Gestione dei reflui zootecnici tramite digestione anaerobica: opportunità per Ledro Collotta Massimo Pieve di Ledro 29.04.13 INDICE La Digestione Anaerobica (DA) Il Sistema incentivante L opportunità per

Dettagli

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE Università degli Studi di FIRENZE Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE attivato ai sensi del D.M. 22/10/2004, n. 270 valido a partire dall anno accademico 2012/2013 1 Premessa Denominazione

Dettagli

I MERCATI TELEMATICI DELLE BIOMASSE

I MERCATI TELEMATICI DELLE BIOMASSE I MERCATI TELEMATICI DELLE BIOMASSE Camera di Commercio Firenze Borsa Merci Telematica Italiana CONSORZIO DELLE CAMERE DI COMMERCIO SOMMARIO 1. La Borsa Merci Telematica Italiana.. 2 2. I mercati telematici....

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Coltivazione delle piante officinali: come fornire materie prime di qualità

Coltivazione delle piante officinali: come fornire materie prime di qualità COME MONITORARE LA QUALITA' DELLE PIANTE IN USO PER GLI INTEGRATORI ALIMENTARI corso di formazione Coltivazione delle piante officinali: come fornire materie prime di qualità Andrea Primavera, Agronomo

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Progetto ALAPAS Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Obiettivi del progetto Supportare e attuare la normativa europea sull agricoltura biologica Identificare e caratterizzare

Dettagli

BonusBiogas: azoto e CAR

BonusBiogas: azoto e CAR BonusBiogas: azoto e CAR C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Tecnologie per la concentrazione e la riduzione dell'azoto (Parte I) Verona, 21 marzo 2013 Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Innovazione del processo di estrazione dell'oleuropeina Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato E' stato avviato un esteso screening dell'attività biologica di tutti i prodotti

Dettagli

L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Elena Anselmetti L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. Elena Anselmetti L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE L USO SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE Elena Anselmetti Regione Piemonte Assessorato all'ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo

Dettagli

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI

OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI OPERATORE BREVE PROFILO OPERATORE TITOLO PROGETTO DESTINATARI Prodest Progetto di Espressione e Sviluppo Territoriale soc. coop. a r.l. Via Milano, 14 Busto Arsizio (VA) Tel. 0331-324948 Fax 0331-625798

Dettagli

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Seminario tecnico Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Allevamento suinicolo sostenibile Monticelli Terme (PR), 9 settembre 2015 Lorella Rossi, Centro

Dettagli

3 Problemi riscontrati nel corso della ricerca

3 Problemi riscontrati nel corso della ricerca PRIN 2009 UR UNIMI per esteso 1 Obiettivo della ricerca eseguita A) Acquisizione degli spettri UV-VIS, FT-NIR e FT-IR dei campioni di oli extravergini di oliva (OEVO) con caratteristiche di tipicità e

Dettagli

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO pag 1 di 7 A.1 - INGREDIENTI - A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: grani di piselli surgelati singolarmente, di calibro e colore uniforme (I.Q.F.) pezzatura : calibro < a 8,75 mm; calibro

Dettagli

Tracce dei temi degli esami di Stato di abilitazione all esercizio della professione di dottore agronomo e dottore forestale

Tracce dei temi degli esami di Stato di abilitazione all esercizio della professione di dottore agronomo e dottore forestale Tracce dei temi degli esami di Stato di abilitazione all esercizio della professione di dottore agronomo e dottore forestale SEZIONE A 1ª Sessione anno 2000 1ª prova scritta 1. Il candidato in un azienda

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

ARGOMENTI COMUNI A TUTTI GLI AMBITI PROFESSIONALI:

ARGOMENTI COMUNI A TUTTI GLI AMBITI PROFESSIONALI: prima prova scritta; ARGOMENTI COMUNI A TUTTI GLI AMBITI PROFESSIONALI: Ordinamento della professione: legge 152/92, Dpr 328 e successive modifiche e integrazioni (per la parte riguardante la professione

Dettagli

Biodiesel da Alghe una tecnologia di Green House

Biodiesel da Alghe una tecnologia di Green House Carburante dalle alghe Qualche tempo fa sui quotidiani e nelle riviste scientifiche si accennava alla produzione di biodiesel da alghe; oggi torniamo in argomento per conoscere una tecnologia produttiva

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Il Corso di laurea in Biotecnologia e il curriculum biologicoindustriale

Il Corso di laurea in Biotecnologia e il curriculum biologicoindustriale Perche studiare biotecnologia? Che cosa sono le biotecnologie? I colori delle biotecnologie Gli strumenti del biotecnologo Le biotecnologie industriali Il Corso di laurea in Biotecnologia e il curriculum

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis

BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis BIOLOGIA DEL SUOLO Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde BIOLOGIA del SUOLO Reazioni nel suolo Riguardano: Chimiche, poche Biologiche, la maggior parte

Dettagli

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde

Meno proteine agli animali meno nitrati nelle falde Concluso il progetto triennale Aqua, coordinato dal Crpa e finanziato dalla Ue. Modifiche nell alimentazione disuiniebovini sono utili contro l inquinamento delle acque ProgettoAqua Meno proteine agli

Dettagli

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali. UNIVPM - Ancona. www.agraria.univpm.it. Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - D3A

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali. UNIVPM - Ancona. www.agraria.univpm.it. Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - D3A Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali UNIVPM - Ancona www.agraria.univpm.it 1 Agricoltura Ambiente Alimenti IL DIPARTIMENTO DELLE TRE A (D3A) LE 3 A IN EUROPA A A A INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI PIANO DEGLI STUDI Il corso di laurea ha frequenza obbligatoria (minimo 70%) al 2 e al 3 anno di corso per gli insegnamenti obbligatori, ma non per quelli a scelta programmata e autonoma. La percentuale

Dettagli

Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta. Proposta gestionale. Il sottoscritto Nome..cognome...nato/a

Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta. Proposta gestionale. Il sottoscritto Nome..cognome...nato/a 1 Concessione dell Alpe di Orimento e dell Alpe di Gotta (allegato 2) Proposta gestionale Il sottoscritto Nome..cognome.......nato/a a.il....codice Fiscale. residente nel Comune di...provincia... Via/Piazza...n

Dettagli

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

Il sistema qualità. Sono obiettivi primari:

Il sistema qualità. Sono obiettivi primari: Il sistema qualità Mangiare a scuola in maniera sana e corretta significa adottare un sistema qualità che offra a bambini e genitori tutte le garanzie di un alimentazione controllata ad ogni livello: dalla

Dettagli