La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico. Agricoltura. Alimentazione. Ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico. Agricoltura. Alimentazione. Ambiente"

Transcript

1 La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico Agricoltura Alimentazione Ambiente

2 LA FACOLTA DI AGRARIA INCONTRA LE IMPRESE: RICERCHE, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO A cura di Claudia Sorlini e Marcello Duranti con la collaborazione di Chiara Magni, Roberto Rovelli e Carmela Carone

3 Prefazione In coerenza con la missione del Consiglio Europeo di Lisbona di trasformare il territorio europeo in un avanzata economia basata sulla conoscenza, Regione Lombardia, nel corso dell VIII legislatura che volge ormai al termine, ha puntato ad operare come motore di progettualità e fattore di connessione tra le diverse componenti del sistema (cittadini, imprese e istituzioni pubbliche e private), attivando una strategia complessiva di sostegno alla ricerca e allo sviluppo. E in tale contesto che l Assessorato all Agricoltura, a scadenza triennale, predispone i Programmi regionali di ricerca in campo agricolo, con i quali individua linee strategiche, strumenti, obiettivi e risorse al fine di sostenere la competitività del settore, di tutelare le risorse, di salvaguardare e valorizzare il territorio, con un attenzione particolare alla qualità delle produzioni e alla sicurezza alimentare. Fra le linee strategiche delineate dall ultimo Programma, spicca l impegno a finanziare progetti di ricerca di forte impatto sul sistema rurale regionale, a rafforzare la rete di relazioni, il confronto e la collaborazione fra enti di ricerca e fra questi e le filiere produttive lombarde e a favorire l accesso all innovazione tecnologica da parte delle imprese tramite un complesso di iniziative di comunicazione e trasferimento dei risultati scaturiti dalle ricerche. E con vero piacere quindi che ho accolto la proposta della Preside della Facoltà di Agraria dell Università degli Studi di Milano di mettere a disposizione, tramite la pubblicazione di questo volume, una sintesi di quanto i ricercatori hanno recentemente elaborato, spesso anche con il contributo di Regione Lombardia, in termini di informazioni, prodotti e strumenti di immediato interesse applicativo. Un iniziativa perfettamente in linea con le strategie del mio Assessorato, che sono certo sarà ben utilizzata dalle imprese, ma anche dai tecnici e da tutti quei soggetti associativi e istituzionali che giocano un ruolo di fondamentale importanza nel trasferimento delle innovazioni. Luca Daniel Ferrazzi Assessore all Agricoltura Regione Lombardia II

4 Introduzione Questa brochure, curata dalla Facoltà di Agraria dell Università degli Studi di Milano, è rivolta agli imprenditori che forniscono prodotti e servizi nei settori dell agro-alimentare e ambientale. Raccoglie più di 200 schede che illustrano i risultati di ricerche già raggiunti o che si intende raggiungere in prospettiva. E un invito alle imprese a prenderne visione e, nella misura del possibile, a trasferire i risultati di interesse all interno delle proprie aziende, per migliorare la qualità della produzione e la produttività, offrendo prodotti più qualificati al consumatore e all utente e preservando l ambiente. Acquisire le innovazioni offerte dalla ricerca da parte sia della grande impresa sia di quella piccola e media è un passo indispensabile per aumentare la competitività e per contribuire ad affrontare in modo più attrezzato l attuale crisi economica. Inoltre le tematiche in oggetto si relazionano perfettamente con il tema dell EXPO 2015, Nutrire il pianeta Energia per la vita, che vedrà Milano impegnata nel grande evento dell esposizione universale. L EXPO del 2015 può essere un occasione per il sistema delle imprese lombarde per presentare al mondo intero le proprie eccellenze, migliorate attraverso una continua innovazione tecnologica ed un alta qualità della produzione. La Lombardia è la Regione che da sola produce il 13,7% della produzione agricola e forestale italiana. Dispone di industrie, tecnologie avanzate, capitale umano, risorse ed iniziativa. La vocazione agricola della pianura più fertile d Italia è fuori discussione; al sud di Milano si estende il parco agricolo più grande di Europa. I prodotti dell industria alimentare italiana sono conosciuti e apprezzati dappertutto. Anche la piccola e media azienda, favorita dalle numerose relazioni create dall EXPO, può beneficiarne attraverso l esportazione nei paesi in via di sviluppo di tecnologie semplici ma solide, il cui funzionamento sia basato sul risparmio energetico e sulla efficienza produttiva e nei paesi ricchi di prodotti alimentari di nicchia. In questo contesto la Facoltà di Agraria dell Università di Milano, contribuisce per la sua parte. Infatti, per sua stessa vocazione, sviluppa ricerche di base con ampie possibilità di arrivare a risultati applicabili in tempi ragionevoli, risultati che possono comportare prospettive promettenti per le aziende dei settori coinvolti. D altra parte l interesse delle imprese per le ricerche della Facoltà è manifestato dai numerosi contratti e convenzioni che vengono ogni anno stipulati. Il fatto che al loro scadere tali contratti vengano spesso rinnovati sta a testimoniare il consolidamento del rapporto di fiducia che si è creato tra aziende e gruppi di ricercatori. Tuttavia molto di più si potrebbe fare. Infatti sono ancora troppi i risultati di interesse applica- III

5 tivo, ottenuti con ricerche finanziate da enti pubblici, che finiscono nei cassetti senza un futuro, mentre potrebbero essere utilizzati per creare innovazione ed incrementare la competitività del sistema Italia. Per questo motivo ho invitato tutti i ricercatori della Facoltà a compilare le schede contenute in questo volume, con l obiettivo di far conoscere i temi sui quali vengono svolte le ricerche. Come si potrà leggere nel testo, le indicazioni che emergono dalle ricerche possono essere di rilevante utilità per il mondo delle imprese in quanto affrontano problemi di grande attualità, per i quali si suggeriscono possibili soluzioni nei campi dell agricoltura, dell industria alimentare e dell ambiente: si lavora sulla selezione di piante resistenti a stress abiotici e biotici; su metodi innovativi per debellare vecchi e nuovi agenti patogeni e parassiti delle piante; sulla innovazione nella produzione e utilizzazione di energie alternative e sulla riduzione dei consumi energetici nel settore delle produzioni agro-alimentari; sull innovazione di processo industriale per migliorare la qualità dei prodotti finiti, sull innovazione di prodotto alimentare; sulla produzione di alimenti per settori particolari di consumatori (es. affetti da intolleranze alimentari); sulle tecniche più avanzate per il monitoraggio di filiera ed il controllo della qualità igienico-sanitaria degli alimenti; sul valore nutrizionale degli alimenti ed i loro effetti sulla salute; sulle modalità avanzate di fertilizzazione dei suoli, di gestione delle risorse idriche e dei reflui, sulla progettazione delle aree verdi e la conservazione del patrimonio rurale. Questo è solo per citare qualche esempio. D altronde l impegno a trasferire i risultati delle ricerche da anni investe tutta l Università di Milano attraverso la costituzione di spin off, il sostegno alla registrazione di brevetti, l istituzione di incubatori di grandi dimensioni, come il Filarete ed una serie di altre importanti iniziative. Il nostro paese ha bisogno di creare innovazione tecnologica che a sua volta crei valore aggiunto al prodotto e di incrementare la competitività per rispondere alle esigenze di una società che richiede posti di lavoro, sicurezza, benessere con uno sguardo di attenzione particolare anche alle esigenze dei Paesi in via di Sviluppo e questo passa inesorabilmente attraverso un rapporto più stretto e qualificato tra imprese private, enti pubblici, università e istituti di ricerca. Milano, La Preside Claudia Sorlini IV

6 Indice 1. AGRICOLTURA 1.1 PRODUZIONE E DIFESA Attività di sostanze naturali e di sintesi per il controllo dei fitoplasmi Gemma Assante 4 Valutazione dello stato sanitario della mammella di bovina attraverso lo studio della produzione di latte Luciana Bava 5 Caratterizzazione di reflui zootecnici e digestati ai fini dell impiego agronomico Luca Bechini 6 Diagnosi precoce di patogeni delle piante Piero Attilio Bianco 7 Reti di sensori per il monitoraggio automatico degli insetti fitofagi Luigi Bodria 8 Batteri promotori della crescita vegetale Sara Borin 9 Valorizzazione della qualità del frutto: individuazione di indicatori fisiologici, biochimici e molecolari per il miglioramento genetico del pesco Maurizio Cocucci 10 Sviluppo delle produzioni di erbe officinali di elevato valore qualitativo e salutistico nell area alpina Maurizio Cocucci 11 Nuovi strumenti di lotta biologica al cancro del castagno Paolo Cortesi 12 Ricerca di SNPs in geni candidati per la fertilità maschile nella specie bovina Paola Crepaldi 13 Ricerca di polimorfismi in geni candidati per le variazioni quanti-qualitative della frazione lipidica del latte caprino Paola Crepaldi 14 Prestazioni produttive ed emissioni ammoniacali in suini alimentati conformemente a vari disciplinari Matteo Crovetto 15 Tecniche alimentari per una riduzione dell'escrezione di azoto (N) e fosforo (P) nella bovina da latte Matteo Crovetto 16 Sintesi di nuovi fungicidi Sabrina Dallavalle 17 Recupero e valorizzazione di vecchie varietà di mele con elevate proprietà nutraceutiche Tommaso Eccher 18 Controlli biochimici e fisiologici di assorbimento ed assimilazione dell'azoto in Zea mays Luca Espen 19 Qualità enologica dell'uva in relazione alle condizioni ambientali e vocazionalità alla viticoltura Osvaldo Failla 20 Impiego di chitosani nell'induzione di resistenza agli stress biotici e abiotici delle piante Franco Faoro 21 Tecniche di identificazione e prevenzione dei danni da ozono su frumento Franco Faoro 22 L'impianto di colture arboree a rapido accrescimento Marco Fiala 23 Valorizzazione dei cereali minori di montagna Anna Giorgi 24 Interazioni pianta-insetto e stress abiotici: induzione in specie di piante officinali della sintesi di metaboliti secondari Anna Giorgi 25 Sintesi di metaboliti secondari della vite in seguito ad elicitazione: applicazioni in agricoltura Marcello Iriti 26 V

7 VI Impiego del chitosano come antivirale e antitraspirante nelle piante Marcello Iriti 27 Modalità di conservazione del mirtillo gigante americano (Vaccinium corymbosum L.) Ilaria Mignani 28 Utilizzo di linee gene trapping di Arabidopsis thaliana per la costituzione di piante biondicatrici dello stato nutrizionale dello zolfo Fabio Francesco Nocito 29 Selezione di attinomiceti con attività di promozione della produttività vegetale Sergio Quaroni 30 Identificazione di geni per il controllo dello sviluppo in orzo (Hordeum vulgare) Laura Rossini 31 Genomica per il miglioramento delle Triticeae (frumenti e orzo) Laura Rossini 32 Impiego di markers fisiologici per l'identificazione di genotipi di riso a basso contenuto di cadmio in granella Gian Attilio Sacchi 33 Strumenti per la diagnosi di nuove malattie batteriche e fungine delle piante Marco Saracchi 34 Difesa dalle malattie dei vegetali in campo e in post raccolta mediante uso di oli essenziali Paola Sardi 35 Caratterizzazione e valorizzazione dei vitigni minori italiani e conservazione delle risorse genetiche Attilio Scienza 36 Valorizzazione della qualità nutrizionale di mirtillo gigante americano (Vaccinium corymbosum L.) Anna Spinardi 37 Effetto dell'addizione alla dieta di acidi organici sulle performance di crescita del coniglio Ivan Toschi 38 Rilevazione di funghi tossinogeni associati ai cereali Annamaria Vercesi 39 Comportamento epidemico di Plasmopara viticola su vite Annamaria Vercesi 40 Resistenza ai fungicidi in Plasmopara viticola Annamaria Vercesi 41 Analisi integrata dei diversi aspetti della nutrizione ferrica nelle piante arboree da frutto per l'individuazione di genotipi resistenti alla clorosi Graziano Zocchi 42 Analisi del proteoma di radici di piante allevate in condizioni di Fe carenza Graziano Zocchi 43 Ottenimento di piante di interesse alimentare biofortificate per il ferro Graziano Zocchi GESTIONE ED ECONOMIA Multifunzionalità dell'impresa agricola ed integrazione nel paesaggio Stella Agostini 47 Costruzioni rurali in area urbana Stella Agostini 48 Nuovi scenari di pianificazione del territorio agroforestale Stella Agostini 49 Valutazione della sostenibilità agro-ambientale dei sistemi agricoli Luca Bechini 50 Ottimizzazione della filiera del postraccolta vitifrutticolo mediante sistemi innovativi Luigi Bodria 51 Metodologie per la valutazione multifunzionale degli alpeggi Michele Corti 52 Modelli di gestione silvo-pastorali orientati al miglioramento e conservazione dell ambiente Michele Corti 53 Valutazione dei consumi energetici delle aziende agricole e tecniche di risparmio Marco Fiala 54

8 Generazione di energia da fonti energetiche rinnovabili in aziende agricole nazionali Marco Fiala 55 Modello di calcolo per la valutazione della sostenibilità globale di filiere agro-energetiche in Italia Marco Fiala 56 Applicazione di un indice spazializzato di siccità agricola a comprensori agrari situati in differenti ambiti climatici Bianca Ortuani 57 Criteri di progettazione delle strutture di stabulazione negli allevamenti di bovini da latte lombardi Giorgio Provolo 58 Sviluppo e standardizzazione di metodiche di fermentazione per la valutazione energetica dei foraggi Luca Rapetti 59 Analisi del settore agricolo e strategie di sviluppo rurale in Libano Guido Sali 60 La automazione della alimentazione negli allevamenti bovini Franco Sangiorgi 61 Sicurezza in agricoltura e zootecnia Franco Sangiorgi ALIMENTAZIONE 2.1 TECNOLOGIA Formulazione e caratterizzazione nutrizionale di prodotti da forno a basso indice glicemico M. Cristina Casiraghi 66 Strategie di contenimento del danno termico nel latte UHT Stefano Cattaneo 67 Sviluppo di bioprocessi per la preparazione di idrolizzati di proteine del latte ad attività immunomodulante Ivano De Noni 68 Analisi di processo nella produzione di alimenti con metodi innovativi Marcello Duranti 69 Ottimizzazione dell impiego dei batteri lattici nelle produzione lattiero-casearie caprine Roberto Foschino 70 Selezione della microflora degli impasti acidi per prodotti da forno a lievitazione naturale Roberto Foschino 71 Selezione di lieviti autoctoni per impiego enologico Roberto Foschino 72 Messa a punto di trattamenti di trasformazione per la valorizzazione delle caratteristiche nutrizionali del mirtillo Gabriella Giovanelli 73 Messa a punto di derivati innovativi della mela fortificati con tè verde Vera Lavelli 74 Ottimizzazione della fase di raffinazione-concaggio del cioccolato mediante mulino a sfere Mara Lucisano 75 Ottimizzazione delle formulazioni e delle tecnologie di produzione di pane e pasta gluten-free Mara Lucisano 76 Nuove membrane di nanofibre ottenute mediante elettrospinning Saverio Mannino 77 Ottimizzazione delle formulazioni e delle tecnologie di produzione di pane con madre acida o arricchito con cereali minori e pseudocereali Manuela Mariotti 78 Ottimizzazione della produzione di prodotti dolciari non convenzionali Manuela Mariotti 79 VII

9 VIII Fermentazioni di interesse in campo alimentare ed energetico Francesco Molinari 80 Miglioramento delle caratteristiche tecnologiche in microrganismi di interesse alimentare Diego Mora 81 Produzione di pasta alimentare su impianti pilota (in grado di simulare condizioni di processo industriali) M. Ambrogina Pagani 83 Progettazione di alimenti / ingredienti alimentari con strutture ingegnerizzate Laura Piazza 84 Imballaggi per la protezione degli alimenti sensibili alla luce Luciano Piergiovanni 85 Previsione ed estensione della shelf-life di prodotti alimentari sensibili allo scambio di umidità Luciano Piergiovanni 86 Sviluppo di un coating ibrido barriera ai gas per applicazioni nell'imballaggio alimentare Luciano Piergiovanni 87 Sviluppo di un saldante ottenuto da biomacromolecole per applicazioni nell'imballaggio alimentare Luciano Piergiovanni 88 Ottimizzazione del processo di tostatura delle nocciole in relazione alla stabilità ossidativa del prodotto finito Margherita Rossi 89 Aspetti tecnologici e nutrizionali nella produzione di gelati e sorbetti artigianali Margherita Rossi 90 Tecnologie avanzate innovative per la produzione ed il controllo di qualità di preparazioni alimentari a base di sfarinati di farro Fernando Tateo QUALITÀ E SICUREZZA Controllo dei fattori che influenzano la struttura e il comportamento in cottura della pasta fresca all uovo Cristina Alamprese 93 Evoluzione delle caratteristiche qualitative e nutrizionali di frutta conservata con metodi tradizionali e innovativi non distruttivi Ernestina Casiraghi 94 Tecniche avanzate per la rilevazione dell'autenticità e della qualità dei prodotti alimentari e dei processi di trasformazione Ernestina Casiraghi 95 Applicazione di metodi innovativi non distruttivi allo studio della shelf-life di prodotti alimentari Ernestina Casiraghi 96 Riconoscimento di ingredienti lattieri essiccati in formaggi tradizionali dell'area mediterranea Stefano Cattaneo 97 Sensori elettrochimici specifici e aspecifici nell'analisi degli alimenti Maria Stella Cosio 98 Tracciabilità molecolare dei prodotti alimentari tipici di origine animale Paola Crepaldi 99 Fenomeni di migrazione nelle pellicole estensibili per la conservazione dei formaggi tradizionali Ivano De Noni 100 Analisi di processo nella produzione di alimenti con metodi innovativi Marcello Duranti 101 Approcci innovativi per lo studio della maturazione dei frutti Luca Espen 102 Analisi non distruttive per la valutazione della qualità di ortaggi di IV gamma durante la shelf life Antonio Ferrante 103 La carta di identità microbiologica di formaggi artigianali italiani Maria Grazia Fortina 104

10 Metodologie innovative per il controllo dello sviluppo microbico in sistemi complessi Maria Grazia Fortina 105 La sicurezza nella tipicità di prodotti alimentari di origine animale: individuazione e tipizzazione di ecotipi batterici contaminanti Maria Grazia Fortina 106 Metodi avanzati per la determinazione di Escherichia coli verotossici nelle filiere alimentari Roberto Foschino 107 Metodologie molecolari e tradizionali per lo studio e la caratterizzazione di prodotti artigianali di origine animale Laura Franzetti 108 Microbiologia dei prodotti ortofrutticoli, individuazione dei punti critici all'interno del processo produttivo per la sua ottimizzazione Laura Franzetti 109 Valutazione dell'attività antimicrobica di materiali di imballaggio alimentare Laura Franzetti 110 Influenza dell'ambiente (luce, umidità, temperatura, igiene) e delle operazioni sulla qualità del prodotto finito e sulla salute degli operatori Laura Franzetti 111 Valutazione della qualità nutrizionale e tecnologica del frumento monococco Alyssa Hidalgo 112 Identificazione e valutazione di markers d igiene nel settore delle uova, del pomodoro e prodotti derivati Alyssa Hidalgo 113 Tecniche avanzate nel monitoraggio di Tribolium castaneum e T. confusum nelle industrie alimentari Lidia Limonta 114 Tecniche avanzate di utilizzo dell'ozono per la disinfestazione dei cereali Daria Patrizia Locatelli 115 Valutazione delle caratteristiche qualitative di varietà italiane di riso tradizionale e aromatico Mara Lucisano 116 Ottimazione della concimazione degli ortaggi da foglia raccolti per sfalcio Pietro Marino Gallina 117 Cereali e derivati: valutazione della qualità e monitoraggio dei processi di trasformazione mediante l'applicazione di tecniche innovative Manuela Mariotti 118 Nuovi approcci strumentali per la valutazione della qualità della semola e del comportamento in cottura della pasta M. Ambrogina Pagani 119 Miglioramento della qualità dei prodotti derivati dal frumento (duro e tenero) mediante il processo di decorticazione M. Ambrogina Pagani 120 Impiego della granella immatura di frumento come ingrediente funzionale M. Ambrogina Pagani 121 Studio dei parametri sensoriali e strumentali durante e a fine stagionatura di prosciutto crudo a diversa DOP e loro influenza sul gradimento Ella Pagliarini 122 Modelli multi-parametro per la difesa di formaggi DOP Luisa Pellegrino 123 Valutazione di aspetti tecnologici e nutrizionali in relazione al danno termico di latti liquidi per la prima infanzia Luisa Pellegrino 124 Criteri innovativi per la valutazione strumentale della texture e di altri attributi della qualità sensoriale Laura Piazza 125 Messa a punto di derivati di frutta ed ortaggi a basso contenuto in allergeni Carlo Pompei 126 IX

11 X Produzione biotecnologica di sakacina A, molecola impiegabile nel settore dell'active packaging Manuela Rollini 127 Stabilità e ruolo dei fattori che determinano l adsorbimento di olio da parte dell alimento nella frittura ad immersione Margherita Rossi 128 Fattori che influenzano le caratteristiche compositive e le proprietà funzionali delle uova e degli ovoprodotti Margherita Rossi 129 Sistema di diagnosi delle fonti di contaminazione microbiologica del latte alla stalla Anna Sandrucci 130 Alternative al bromuro di metile nella disinfestazione di industrie alimentari Luciano Suss 131 Tecniche avanzate per l identificazione di coadiuvanti tecnologici e contaminanti in contenitori ad uso alimentare Fernando Tateo 132 Criteri integrati di verifica di qualità, di valore nutrizionale e di sicurezza di prodotti alimentari di larga distribuzione Fernando Tateo 133 Definizione di indici di qualità e di sicurezza alimentare in formulati aromatizzanti Fernando Tateo 134 Innovazione in formulazione, applicazione, controllo qualità e sicurezza alimentare di semilavorati aromatizzati per settori food e non food Fernando Tateo 135 Valutazione di sicurezza alimentare e controllo qualità in aceto balsamico di Modena Fernando Tateo 136 Determinazione di micotossine in alimenti Angela Vecchio 137 Rilevazione di funghi tossinogeni associati ai cereali Annamaria Vercesi GESTIONE Valorizzazione di prodotti alimentari tradizionali dell'unione Europea Alessandro Banterle 141 Modelli econometrici per studiare la relazione tra obesità e alcune variabili economiche e socio-demografiche Alessandro Banterle 142 Nuove forme di riorganizzazione delle filiere agro-alimentari e costi di transazione Alessandro Banterle 143 Studio di modelli gestionali per la ristorazione Riccardo Guidetti 144 Analisi energetica delle industrie alimentari Riccardo Guidetti 145 Influenza della memoria e delle emozioni nelle scelte alimentari Ella Pagliarini 146 Il consumatore celiaco e le valutazioni sensoriali dei prodotti senza glutine Ella Pagliarini 147 Caratteristiche sensoriali e valutazione dell'accettabilità di nuovi composti attivi sulla chemorecezione gustativa e sulla chemestesi Ella Pagliarini 148 Biosensori per la valutazione del ruolo della dieta nella prevenzione di patologie degenerative Marisa Porrini 149 Criteri di analisi e progettazione integrata per l industria agro-alimentare Franco Sangiorgi 150 La valorizzazione dei prodotti caseari tipici della montagna Franco Sangiorgi NUTRIZIONE E NUTRACEUTICA Prodotti bioattivi da piante eduli e cibi tradizionali Angela Bassoli 154

12 Peptidi bioattivi di derivazione casearia Franco Bonomi 155 Valutazione degli effetti funzionali di prodotti arricchiti in fibra alimentare sul tratto gastrointestinale M. Cristina Casiraghi 156 Produzione biotecnologica di un polipeptide di soia ad azione ipolipidemizzante Marcello Duranti 157 Attività ipoglicemizzante di una proteina del seme di lupino Marcello Duranti 158 Effetti metabolici dell'assunzione di isoflavoni Daniela Erba 159 Caratterizzazione molecolare di batteri probiotici e studio della loro interazione con l'ospite Simone Guglielmetti 160 Studio delle caratteristiche funzionali di alimenti tipici e di nuova formulazione Marisa Porrini 161 Studio delle caratteristiche sazianti di alimenti tipici e di nuova formulazione Marisa Porrini 162 Diete ad alto contenuto di antiossidanti naturali per la modulazione dello stress ossidativo in soggetti anziani Paolo Simonetti 163 Identificazione di colture microbiche intestinali in grado di trasformare la daidzeina nel composto bioattivo equolo Paolo Simonetti 164 Valorizzazione della qualità nutrizionale di mirtillo gigante americano (Vaccinium corymbosum L.) Anna Spinardi AMBIENTE 3.1 TERRITORIO, TECNOLOGIA, ENERGIA Supporti decisionali per la gestione delle risorse idriche in aree vulnerabili del Sud d Italia Marco Acutis 169 Produzione di bio-idrogeno ed energia rinnovabile da residui agro-zootecnici Fabrizio Adani 170 Bilancio dell azoto nella filiera di produzione del biogas da reflui zootecnici e qualità del digestato Fabrizio Adani 171 Biomasse per biogas Fabrizio Adani 172 Metodi enzimatici per abbassare il puor point del biodiesel a base di olio di palma Fabrizio Adani 173 Modificazione della nanostruttura delle biomasse per la produzione di bioenergie Fabrizio Adani 174 Utilizzo delle proprietà surfattanti degli acidi umici nella decontaminazione di suoli da pesticidi Fabrizio Adani 175 Utilizzo degli acidi umici da biomasse nei processi di decontaminazione fotocalitica di acque inquinate da CrVI Fabrizio Adani 176 Evoluzione della sostanza organica di rifiuti in discariche simulate Fabrizio Adani 177 Influenza della modificazione genetica sull'ultrastruttura del mais e possibili applicazioni nella produzione di bioenergie e biocarburanti Fabrizio Adani 178 Monitoraggio degli odori durante la stabilizzazione dei rifiuti solidi urbani Fabrizio Adani 179 XI

13 XII Fanghi in agricoltura, inquinanti organici e analisi del rischio Fabrizio Adani 180 Criteri di caratterizzazione del sistema agricolo Stella Agostini 181 Riconoscere e valutare il patrimonio rurale Stella Agostini 182 Popolazioni batteriche rizosferiche coinvolte in processi di ossidoriduzione dell'arsenico Vincenza Andreoni 183 Dinamica spazio-temporale del sistema multitrofico Achillea collina/afidi/predatori Johann Baumgartner 184 Caratterizzazione dei reflui zootecnici e digestati ai fini dell impiego agronomico Luca Bechini 185 Ottimizzazione della produzione di energia con biomasse e gestione degli impatti correlati Stefano Bocchi 186 Produzione di bioidrogeno da biomassa e reflui agrozootecnici Luigi Bodria 187 Digestione anaerobica di biomasse di scarto Daniele Daffonchio 188 Pioppo da biomassa: ottimizzazione dei cantieri di raccolta e trasporto del cippato Marco Fiala 189 Valutazione della stabilità biologica di rifiuti bioessiccati per la valorizzazione energetica Pierluigi Genevini 190 Fermentazioni di interesse in campo alimentare ed energetico Francesco Molinari 191 Utilizzo dell'analisi multicriteria per la caratterizzazione del territorio rurale nella pianificazione territoriale e nelle procedure di VAS Giorgio Provolo 192 Soluzioni tecnologiche e impiantistiche per la gestione sostenibile degli effluenti di allevamento nelle zone a elevata vocazione zootecnica Giorgio Provolo 193 Sistema per la tutela e valorizzazione dei fontanili del territorio lombardo Alessandro Toccolini 194 Analisi territoriale e ambientale attraverso l'utilizzo di indicatori Alessandro Toccolini 195 Pianificazione e progettazione di sistemi di percorsi verdi (greenways) Alessandro Toccolini 196 Analisi e progettazione delle aree verdi Alessandro Toccolini 197 Monitoraggio della trasformazione del territorio rurale: evoluzione dell'uso del suolo agricolo nel sud Milano Alessandro Toccolini GESTIONE AMBIENTALE ED IDRAULICA Monitoraggio dell azoto rilasciato dai suoli agricoli nelle acque superficiali, sotterranee e in atmosfera Marco Acutis 201 Governo dell acqua in Lombardia verso standard europei: definizione e validazione delle azioni prioritarie previste dal piano di bacino idrografico-2 Dario Casati 202 Valutazione del deflusso subsuperficiale in un versante montano a forte pendenza Maria Laura Deangelis 203 Metodologie per lo studio di colate detritiche e correnti iper-concentrate conseguenti al crollo di dighe Daniele De Wrachien 204 Sviluppo di un modello preliminare del flusso idrico nel sistema acquifero della provincia di Cremona Claudio Gandolfi 205

14 Un modello preliminare del bilancio idrologico dei suoli agrari e del flusso idrico nel sistema acquifero della pianura bergamasca Claudio Gandolfi 206 Modelli di flusso nei mezzi porosi insaturi: uno studio comparativo a differenti scale territoriali Claudio Gandolfi 207 Valutazione del deficit traspirativo in forma distribuita nel territorio dei comprensori di irrigazione e bonifica lombardi Claudio Gandolfi 208 Messa a punto di metodologie a supporto dell'implementazione della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/EC) nel territorio lombardo Claudio Gandolfi 209 Messa a punto di metodologie a supporto dell'implementazione della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/EC) nel territorio lombardo - Fase 2 Claudio Gandolfi 210 Messa a punto di un sistema per la Pianificazione delle Risorse Idriche, applicazione pilota ad un bacino lombardo Claudio Gandolfi 211 L irrigazione delle risaie e la conseguente ricarica della falda Mauro Greppi 212 Valutazione del deflusso di piena di un bacino idrologico ed applicazione di un modello 2D per acque poco profonde Mauro Greppi 213 Applicazione di un indice spazializzato di siccità agricola a comprensori agrari situati in differenti ambiti climatici Bianca Ortuani 214 Sviluppo di software e di sistemi di supporto alla decisione per la gestione degli effluenti di allevamento e la sostenibilità ambientale Giorgio Provolo 215 Utilizzo dell'analisi multicriteria per la caratterizzazione del territorio rurale nella pianificazione territoriale e nelle procedure di VAS Giorgio Provolo 216 Messa a punto di un sistema di monitoraggio ambientale negli allevamenti zootecnici intensivi Giorgio Provolo 217 Soluzioni tecnologiche e impiantistiche per la gestione sostenibile degli effluenti di allevamento nelle zone a elevata vocazione zootecnica Giorgio Provolo 218 Programmi di assistenza tecnica alle aziende agricole in vista degli obblighi previsti dalla condizionalità e delle normative ambientali Giorgio Provolo 219 Analisi del settore agricolo e strategie di sviluppo rurale in Libano Guido Sali 220 Lotta contro le mosche sul territorio urbano Luciano Süss 221 Valutazione dell'impatto ambientale della zootecnia da latte in aree montane mediante Lyfe Cycle Assessment Alberto Tamburini APPLICAZIONI IN ALTRI SETTORI Biorimozione del tiodiglicole, prodotto dell'idrolisi dell'iprite (gas nervino) Vincenza Andreoni 225 Proteina immunomodulante da mollusco Oreste Vittore Brenna 226 Biopulitura di croste nere su materiali lapidei Francesca Cappitelli 227 Strategie anti-fouling innovative e non-tossiche Francesca Cappitelli 228 XIII

15 XIV Valutazione della possibile trasmissione delle proteine prioniche a differenti specie di pesci Salvatore Ciappellano 229 Sviluppo di un approccio di "Controllo Simbiotico" Daniele Daffonchio 230 Valorizzazione di composti naturali biologicamente attivi Sabrina Dallavalle 231 Sintesi di nuovi composti ad attività antitumorale Sabrina Dallavalle 232 Elettrodi modificati con film scambio-ionici per analisi di matrici reali d interesse farmacologico, ambientale ed alimentare Elio Desimoni 233 Sviluppo di metodi statistici per il miglioramento della qualità dei risultati analitici Elio Desimoni 234 Proteine come dispositivi molecolari per il controllo dell'omeostasi redox Fabio Forlani 235 Sviluppo di procedure di trasformazione per l'espressione di allergeni in microrganismi Food-Grade Maria Grazia Fortina 236 Sviluppo di microfiliere di prodotti da piante officinali di montagna Anna Giorgi 237 Produzione di intermedi per la sintesi di principi attivi da lieviti non-convenzionali Francesco Molinari 238 Biotrasformazioni con nuove idrolasi microbiche Francesco Molinari 239 Riproduzione e sopravvivenza animale in microgravità Claudia Ricci 240

16 1. AGRICOLTURA

17

18 AGRICOLTURA 1.1 PRODUZIONE E DIFESA 3

19 AGRICOLTURA PRODUZIONE E DIFESA Titolo del progetto Italiano: Attività di sostanze naturali e di sintesi per il controllo dei fitoplasmi Inglese: Activity of natural and synthetic compounds for the control of phytopalsma diseases Gemma Assante Pierattilio Bianco, Stefania Prati, Dario Maffi Dipartimento di Produzione vegetale-sezione Patologia Vegetale Università degli Studi di Milano - Via Celoria 2 - Milano Phytoplasma, Catharanthus, antibiotic activity Una serie di metaboliti naturali o da essi derivatizzati possiedono attività antibiotica, ma non hanno storia in in programmi R&D. L'indagine è costituita da saggi di attività nei confronti dei fitoplasmi, gruppo di patogeni per i quali non si conoscono agrofarmaci efficaci. La ricerca è effettuata su vinca, scelta come pianta modello ed ha un duplice obbiettivo: trovare una molecola attiva e studiare l'interazione tra pianta e patogeno, inserendo come terza variabile il trattamento con la molecola eventualmente attiva. Se Sì, indicare partnership/s: E' stato messo a punto un sistema di saggio e sono stati raccolti dati utili alla eventuale validazione di test di efficacia. Miglioramento delle strategie di controllo delle fitoplasmosi e approfondimento sul rapporto ospite-patogeno Chiesa S.et al.(2007) Bulletin of Insectology 60 (2): Chiesa S. et al. (2008). A tentative discrimination between healthy and phytoplasma-infected periwinkles by infrared thermography. II International Phytoplasma Workshop. Havana, Cuba 4

20 Italiano: Valutazione dello stato sanitario della mammella di bovina attraverso lo studio della produzione di latte Inglese: Assessment of udder health status throughout milk flow emission in dairy farm Luciana Bava Alberto Tamburini, Anna Sandrucci, Maddalena Zucali Dipartimento di Scienze Animali, sezione di Zootecnica Agraria Università degli Studi di Milano - via Celoria, 2 - Milano AGRICOLTURA PRODUZIONE E DIFESA Emissione del latte; Sanità mammella; Qualità latte Milk flow; Udder health; Milk quality Nella produzione del latte una corretta procedura di mungitura è fondamentale per poter mungere in modo rapido ed efficiente, garantendo il benessere dell animale, riducendo i rischi di infezione mammaria e consentendo l ottenimento di un latte di buona qualità. Lo scopo della ricerca è stato quello di individuare i principali punti critici del processo di mungitura mediante l'analisi dei dati ottenuti da flussometri elettronici in grado di misurare in continuo le caratteristiche individuali delle curve di emissione del latte da parte delle bovine. Se Sì, indicare partnership/s: Dipartimento di Patologia Animale, Igiene e Sanità Pubblica Veterinaria, UNIMI; ARAL I risultati dello studio hanno confermato che le caratteristiche della curva di emissione sono dei buoni indicatori predittivi per l'identificazione rapida di situazioni prblematiche sia in terrmini di efficienza della mungitura che in termini di stato sanitario della mammella. L'utilizzo dei flussometri in sala di mungitura consente sia all'allevatore che al tecnico di individuare gli errori gestionali nell'esecuzione della mungitura e apportare rapidamente dei correttvi che consentono il miglioramento sia della sanità della mammella che della qualità del latte. A. Sandrucci et al., Italian J. Anim. Sci. (2005) 4:(2) A. Sandrucci et al., J. Dairy Sci. (2007) 90: L. Bava et al., Italian J. Anim. Sci. (2007) 6:(1) L. Bava et al., Quaderni Ricerca Regione Lombardia (2008) 82 M. Zucali et al., Italian J. Anim. Sci. (2009) in press 5

La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico. Agricoltura. Alimentazione. Ambiente

La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico. Agricoltura. Alimentazione. Ambiente La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento tecnologico Agricoltura Alimentazione Ambiente LA FACOLTA DI AGRARIA INCONTRA LE IMPRESE: RICERCHE, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità Le schede di valutazione di merito tecnico dell affidabilità delle tecnologie per il trattamento degli effluenti zootecnici in ambito aziendale e interaziendale Trattamenti Così il Crpa ne valuta l affidabilità

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 S Corso: AGRARIA, AGROLIMENTARE AGROINDUSTRIA - BIENNIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 S Corso: AGRARIA, AGROLIMENTARE AGROINDUSTRIA - BIENNIO Classe: 1 S RELIGIONE 9788805070725 TRENTI ZELINDO / MAURIZIO LUCILLO / ROMIO ROBERTO OSPITE INATTESO (L') / CON NULLA OSTA CEI U SEI 15,00 Si Si No ITALIANO GRAMMATICA 9788805073542 DEGANI ANNA / MANDELLI

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli