Tedeschi contro rl naztsmo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tedeschi contro rl naztsmo"

Transcript

1 Peter Hoffmann Tedeschi contro rl naztsmo La Resistenza in Germania il Mulino

2 Indice Introduzione all'edizioneitalian a, d ipaolopontbent Introduzione p. VII 7 PARTE PzuMA: L'ASCESA DI HITLER L IL IIL Verso la díttatura Consolidamento del potere Alla conquista delmondo PARTE SECONDA: LA RESISTENZA IV. Forzed'opposizione 11 V. Varietà di opinioni 85 VL VlL Coinvolgimento dei militari Cospirazioní fallite ISBN Edizione originale: Gernnn Resistance to Hitler, Cambridge (Mass.), Harvard University Press, by Peter ljoffmann. Copyright O 1994 by Società editrice il Mulino, Bologna. Traduzione di Gino Scatasta. È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico, non autorizzata. VIII. Contatti all'estero IX. Attentati alla vita di Hitler Conclusione Indice dei nomi

3 Capitolo quarto Non abbiamo a disposizione metodi affidabili per misurare il livello popolare di consenso riscosso dal governo nel periodo che va dal 1933 al Esistono tuttavia delle prove che indicano una certa fluttuazione nell'opinione pubblicat. Le prime elezioni per il Reichstag del marzo del 1933 diedero al Partito nazista meno della meta del voto popolare. Sembrerebbe che il consenso sia cresciuto fino al momento della crisi dei Sudeti e che sia rapidamente diminuito durante la crisi. La disapprovazione una politica che portava alla guerra rimase forte nel periodo fra la crisi dei Sudeti e lo scoppio della guerra. Durante gli anni di guerra, i motivi che inducevano a sostenere il governo si intrecciavano con guelli che portavano a disapprovare la sua azione. Nel complesso, dal 1933 al1945ia maggioranza degli elettori tedeschi, anzi dell'intera popolazione, sostenne ininterrottamente il governo, pur manifestando una certa variabiliù nel proprio consenso. Si tratta di un fenomeno diffuso, anche nel caso di un regime criminale, ma la situazione storica tedesca vi contribuì. Il sistema democratico della Repubblica di Weintar non ebbe il tempo di farsi accettar e accrescere la propria popolarita. Alla fine della Grande Guerra I'imperatore e le alte sfere dell'esercito erano fuggiti per evitare I'estradizione come <criminali di guerra>, lasciando alla Repubblica I'infamia di concludere il trattato di pace. Essa si trovò quindi gravata di disastrosi obblighi per le riparazioni di guerra e di t A.-L Berndt, Der Marsch ins Grosscleutsche Reich, cit., p.222;p. Schmidt, Hitler's Interpreter, cit., p. 105; W.L. Shirer, Berlin Diary, cít., pp ; S. Gordon, IIitler, Gennans, and the <Jewish Qttestiort,, Princeton, Princeton University Press, 1984; W. Treue, Rede Hitlers vor deutschen Presse, cit., pp '7r :,* - F i,è

4 La Resisîenza un'occupazione straniera per la quale I'imposizione di pagamenti era solo un prelesto. Si trovò gravata di disordini sociali provocati da una valuta inflazionata in ntodo ridicolo. Il processo di stabilizzazione del governo democratico stava comunque procedendo quando la depressione economica mondiale lo interruppe bruscamente. Dal 1930 in poi, il sistema parlamentare crollò per essere gradualmente sostituito da governi provvisori semidittatoriali di emergenza sotto I'autorita presidenziale. La nomina di Hitler costituì un salto di qualita, ma questo divenne evidente solo in seguito. Il vasto consenso riscosso dal regime hitleriano fu reso possibile anche dal fatto che moltissimi t.edeschi confusero nazionalismo e nazionalsocialismo, il che non sorprende se si pensa alle umiliazioni che il loro paese aveva subito fin dal Hitler sapeva come incrementare il risentimento e sfruttare il rifiuto già assai diffuso di concedere legittimita alla Repubblica. Al tempo stesso egli riuscì a nascondere le proprie devastanti ossessioni sotto la maschera di un interesse per I'onore della nazione. Dopo il 1933, gli altri governi mondiali accettarono quello di Hitler e chi lo disapprovava non lo manifestò. Non potevano essere certo i tedeschi a disapprovare il rinnovamento della loro nazione quando il resto del mondo lo approvava. La Resistenza tedesca al regime nazista fu una reazione diretta all'ingiustizia e alle potenzialita distruttive che erano alla base del suo pensiero. L'arbitrarieta, la criminalita, I'oppressione dittatoriale, gli eccessi polizieschi, la persecuzione di capi religiosi e di oppositori politici, la persecuzione dei cosiddetti non-ariani (ebrei e zingari) e I'aver scatenato un'altra guerra senza curarsi delle conseguenze: furono queste le motivazioni principali della Resistenza. Per molti, la persecuzione degli ebrei fu fra i singoli fattori quello di maggiore importanza. I termini <resistenza>> e <<movimento di resistenza>> venivano usati in volantini distribuiti da un gruppo formato da studenti e un professore universitario che si chiamava <Rosa Bianca> e il cui scopo era quello di suscitare nel popolo I'opposizione al regime. I membri del gruppo vennero deca- pitati a Monaco fra il febbraio e il marzo del 1943'?. Dopo la seconda guerra mondiale, i due termini divennero di uso comune in Germania, in particolare per analogia con la Résistance francese. La Resistenza in Germania ebbe fasi alterne, a seconda dei periodi. Nei primi mesi dopo il 30 gennaio 1933, le vecchie forme e i metodi del dibattito politico rimasero in qualche misura immutati. Diversi giornali e periodici letterari continuarono a uscire prima di essere soppressi; i partiti politici scomparvero solo gradualmente; solo a poco a poco si comprese che il prezzo pagato da chi esprimeva liberamente le proprie opinioni era il campo di concentramento la prigione. In breve, buona parte della precedente opposizione continuò, sullo slancio del passato, a fare quello che aveva sempre fatto. Ma tutta questa opposizione verbale rimase priva di efficacia e nel giro di qualche nlese venne tacitata. La fase successiva dell'opposizione fu clandestina. Inizialmente questa fase si sovrappose a quella che vide la graduale soppressione dell'opposizione alla luce del sole nei primi due anni del regime. Le Îorze naturali di opposizione al nazionalsocialismo (i sindacati, i socialdemocratici e i comunisti) non erano unite. Socialdemocratici e comunisti si trovavano in una contrapposizione ancor più netta di quella che divideva ciascuno di loro dai nazisti, Fu solo dopo la riunione dell'internazionale comunista a Bruxelles nel 1935 che i popolari> di socialdemocratici e comunisti vennero dichiarati ortodossi. Ormai però ii momento più favore- "fronti vole per I'opposizion era passato. Quando ancora si poteva impedire ai nazisti di prendere il potere, solo un gruppetto della sinistra era pronto alla lotta clandestina,l'organizzazione marxista-leninista di Walter Lówenheim. LÓwenheint aveva fondato il suo gruppo prima del 1933 per influenzare, rinnovare e se possibile guidare I'intero movimento socialista secondo una linea d'azione marxista-leninista. Dopo che 2 I. Scholl, Die Weisse Rose, Frankfurt a.m., Press, 1952; pp ; trad. it.. La rosa bianca. Firenze, Nuova ltalia, IJ

5 La Resistenza tutti i gruppi di opposizione vennero dichiarati illegali nel 1933, questa organizzazione riuscì a sopravvivere clandestinamente più a lungo di ogni altra organizzazione di sinistra. Gnzie all'opuscolo Neu beginnen! (Ricominciare!) pubblicato in Cecoslovacchia con lo pseudonimo <<Miles>>, gruppo acquisì grande notorieta3. Esisteva un numero imprecisato di gruppi di oppositori che comprendevano conservatori, socialisti e comunisti. Se un <<gruppo> per definizione è formato da due o più membri, si può calcolare che un migliaio di gruppi socialisti e comunisti era attivo nel 1935 e nel 1936, a giudicare dai dari della polizia sugli anesti e sulla distribuzione illegale di volantinia. La stima relativa ai gruppi conservatori è più bassa ma certamente supera il numero di 200. Gran parte delle organizzazioni clandestine venne distrutta dalla polizia politica 3 Miles [W. LÒwenheinr], Nel beginnen! Faschismus oder Sozialistnus: Als Diskussiottsgrundlage de r Sozialisten Deutschlands, Karlsbad, Graphia, 1933; K, Kliem, Der sozialistische Widerstand gegen das dritte Reich dargestellt an der Gruppe "Neu Beginnenr, Tesi di dottorato, Università di Marburg, 1957; H.J. Reichhardt, Neu Beginnen: Ein Betrag zur Geschichte des Widersîandes der Arbeiterbewegung gegen den Natiònalsozialisrnzs, in <Jahrbuch fúr die Geschichte Mittel-und Ostdeutschlands>>, XII (1963), pp ; cfr. H. Weber, Hauptfeind Sozialdemokratie, cit. a G. Weisenborn, Der lautlose Aufstand: Bericht iiber die Widersîandsbewegung des deutschen Volkes , Hamburg, Rowohlt, 1962, pp.30-32; D. Peukert, Die KPD im Widerstand: Verfulgung und (Jntergrundarbeit an Rhein und Ruhr, 1933 bis 1945, NupperîàI, Hammer, 1980; D. Peukert, Volks ge nosse n und Geme inschaftsfremde : An passung, Ausmerze und Aufbegehren unter dem Nalionalsozialismus, Kóln, Bund- Verlag, 1982; D.J.K. Peukert, Volksfront und Volksbewegungkonzept im kommunistischen Widerstand: Thesen, in J. Schmàdeke e P. Steinbach, Der Widerstand gegen den Natiottalsozialismus: Die deutsche Gesellschaft und der Widerstand gegen Hitler, Múnchen - Zúrich, Piper, 1985, pp ; I. Kershaw, Popular Opinion and Political Dissent in the Third Reich: Bavaria, i,933-i,945, Oxford, Clarendon, 1983; L Kershaw, <Widerstand ohne Volk?" Dissens und Widerstand im Dritten Reich,in l. Schmàdeke e P. Steinbach, Der Widerstand gegen Nationalsozialismus, cit., pp : I. Kershaw, Der Hitler-Mythos: Volksmeinung und Propaganda in Dritten Reich, Stuttgart, Deutsche Verlags-Anstalt, 1980; O.D. Kulka, "Public Opinion> in Nazi Germany and the <Jewish Questionr, in <The Jerusalem Quarterly>, XXV (1982), pp ; O.D. Kulka, <,Public Opinion> in Nazi Gennany: The Final Soltttion, in <The Jerusalem Quarterly>, XXVI (1983), pp ForTe d'opposizione all'inizio della dittatura hitleriana. Il gruppo di Miles, ad esempio, fu oggetto di diverse azioni della polizia e nel 1938 era ormai inattivo. Negli anni precedenti la guerra, i dirigenti dei gruppi smantellati erano in esilio o stavano scontando lunghe pene di detenzione in penitenziari o campi di concentramento. Quelli che erano stati liberati restavano sotto la sorveglianza della polizia e non potevano mantenere molti contatti. Dopo I'annessione dell'austria e della Cecoslovacchia nel 1938 e ncl 1939, la sinistra perse i suoi rifugi più consueti di lingua tedesca. Quando nel 1939 l'unione Sovietica strinse il patto con Hitler per la spartizione della Polonia, i membri della sinistra persero le loro illusioni sulla grande potenza socialista. I comunisti, in particolare, rimasero sostanzialmente inattivi fino a che Hitler non altaccò I'Unione Sovietica nel Decine e decine di gruppi di sinistra riuscirono a riorganizzarsi clandestinamente. Alcuni portarono a termine coraggiose operazioni di sabotaggio. A causa dei metodi cospiratori usati da questi gruppi, la Gestapo riuscì con facilita a infiltrare in essi i suoi uomini. Tale fu il destino, ad esempio, a cui andò incontro nel maggio 1935 il circolo Markwitz, un gruppo socialdemocratico, dopo che un delatore si era infiltrato nella loro rete di spie5. Josef (Beppo) Rómer, veterano della printa guerra mondiale e gia comandante del Freikorps <Oberland>>, organizzava nuovi gruppi antinazisti ogni volta che veniva rimesso in liberta. Dopo essere stato internato nel campo di concentramento di Dachau dal 1934 al 1939, egli organizzò nuovamente delle cellule della Resistenza durante la guerra. La maggior parte di esse era foffnata da gruppi di comunisti o di lavoratori. La cellula più importante fu quella di Robert Uhrig, il Gruppo Robby, il cui quartier generale si trovava negli stabilimenti Osram di Berlino che producevano lampadine. Questo gruppo si era costituito clandestinamente per fare opera di spionaggio a favore dell'unione Sovietica; s R. Pechel, Deutscher Widerstand, Erlenbach-Zúrich, Rentsch, 1947, pp

6 La Resistenza all'inizio delle ostilita, nel giugno del 1941, entrò in attivita come parte dell'organizzazione del servizio segreto militare sovietico nel periodo bellico. Rómer funse anche da legame con i veterani dei Freikorps nazionalcomunisti che erano favorevoli alla cooperazione con I'Unione Sovietica durante la guerra. Parecchi altri gruppi vennero coinvolti in questa <<alleanza>>, come ad esempio quello guidato da Walter Budeus, un operaio specializzato. I-'ultimo arresto di Rómer si ebbe nel febbraio del Nel processo che ne seguì furono coinvolte all'incirca altre 150 persone e oltre 100 vennero giustiziale6. Uno dei gruppi più noti della Resistenzall'interno del- I'organizzazione dell'orchestra Rossa (così definita dalla Gestapo dal termine in gergo <musicista> indicantc gli operatori che usavano il codice Morse) e collegato anche con RÒmer era quello guidato dal tenente Harro Schulze-Boysen del ministero dell'aviazione. Il gruppo costituiva la principale organizzazione dello spionaggio sovietico nel periodo bellico. Quasi tutti i suoi membri vennero arrestati, processati e giustiziat.i fra il 1942 e il Praticamente tutti i suoi membri che furono arrestati e processati vennero anche giustiziati. La Resistenza, nel suo insieme, era un fenomeno imponente ma troppo isolato per esser efficace. Tale ResisLenza, determinata ma sostanzialmente inefficace. era costituita da 6 Ibidem, pp ; R. Pechel, Tatsachen. in <<Deutsche Rundschau>>, LXIX (1946), pp ; H. Poelchau, Die letzen Stunden: Erinnerungen eines Gefiingnispfarrers aufgezeichnet von Graf Alexandcr Stenbock- Fennor, Berlin, Verlag Volk und Welt, 1949, pp ; Atto d'accusa del pubblico ministero del Reich, Tribunale popolare, l5 febbraio 1944, contro Robert Uhrig, Walter Budeus, Kurt Lehmann, Willy Sachse, Fritz Riedel, Karl Frank, Leopold Tomschik, Franz Mett, Rudolf Grieb, Erich Kurz, Paul Gesche e Otto Klippenstein, Centro Documenti Berlino (da ora in poi Boc). 7 Processo del Tribunale popolare contro R. Mewes, 1943, Boc; D.J. Dallin, Soviet Espionage, New Haven-London, Yale University Press, 1955, pp : P. Hoffmann,The History of the Gennan Resisîance, , London, Macdonald and Jane's, Cambridge (Mass.), MtrPress, 1971, pp ; W.F. Flicke. Spionagegruppe RoIe Kapelle, Wels, Welsermúhl, 1957; H. Hóhne, Codeword Director, London, Secker and rùy'arburg, forme di comportamento che variavano da atti semipubblici ad attivita antigovernative dirette ad altissimo livello. Si ebbe anche qualcosa che può essere definito <Resistenza popolare>, che però non era <popolare> in termini quantitativi. Un atteggiamento di opposizione al regime poteva manifestarsi nel rifiuto di eseguire il <saluto tedesco> ("Heil Hitler>). Molti pagarono con la vita il loro rifiuto, come accadde anche a chi osservava che la guerra non andava bene8. Il rifiuto di contribuire, sia pure con una piccola somma, a una campagna nazista per la raccolta di fondi era un altro modo di manifestare la propria opposizione, usato da persone che non erano inclini al compromesso. Ewald von Kleist-Schmenzin, un agricoltore benestante, disse al capo del distretto del Partito nazista nel 1933 di essere un nemico del partito: non avrebbe detto <Heil Hitler>', né esposto la bandiera con la svastica o dato dei soldi al partito, neppure un'offerta simbolica. Questo avveniva all'inizio del rcgime hitleriano e Kleist ricopriva una posizione sociale che gli permetteva di rischiare molto sapendo che ne sarebbe uscito indenne. Rifiutò comunque di scendere a compromessi anche in seguito fino a che non venne impiccato per la sua opposizione al regime nel 1945e. La resistenza da parte dei gruppi operai si manifestava spesso in campagne di volantinaggio antigovernative. Si trattava di un crimine che veniva considerato un alto tradimento e punito con il carcere o con la morte. Nel l936 la Gestapo calcolò che erano stati distribuiti illegalmente volantini. I-a Resistenz assunse anche la forma della solidarieta con gli ebrei o con altri perseguitati che venivano aiutati a fuggire dal paese. Uno dei centri più attivi della Resistenza in Germania venne formato da Hans von Dohnanyi, gia consigliere della Corte suprema del Reich e collaboratore durante la guerra dello spionaggio militare (Abwehr); dal suo 6 W. Wagner, Der Volksgerichtshof im nalionalsozialistischen Staat, Stuttgart, Deutsche Verlags-Anstalt, 197 4, pp e F. von Schlabrendorîf,The Secret War against Hitler, New York - Toronto - London, Pitman, 1965, pp

7 La Resistenza superiore, il colonnello Hans Oster; dal reverendo Dietrich Bonhoeffer, uno dei capi della Chiesa confessante che prestava servizio nell'abwehr nel settore dell'<emigrazione interna>> (che si occupava di evitare arresti o entrare in conflitto con le organizzazioni naziste); e da Josef Mi.iller, un avvocato cattolico oppositore del nazismo che faceva anche lui parte dell'abwehr. Tutti costoro operavano nella Resistenza sotto la protezione dell'ammiraglio Wilhelm Canaris, direttore dell'abwehr. Essi organizzarono nel 1941 e nel 1942 una rete clandestina per I'espatrio degli ebrei e quindi per evitare loro Ia deportazione in campi di concentramento. La Gestapo e I'So (Servizio di sicurezza) delle Ss ebbero sentore della rete e riuscirono quasi per caso a distruggere il gruppo di cospiratori all'interno dell'abwehr. Dohnanyi, Oster e Bonhoeffer vennero impiccati nell'aprile del La resistenza si espresse anche attraverso il sabotaggio nelle fabbriche. all'interno delle Forze armate e contro le linee ferroviariett. Molti oppositori del regime cercarono di sabotare, prevenire o abbreviare la guerra informando i governi stranieri delle date previste per gli att.acchi contro i loro paesi. Oster fu il più noto fra chi, per senso del dovere verso la propria patria e I'umanita, si sentiva spinto a comportarsi in questo modor2. Le Chiese erano organizzazioni che godevano di una certa indipendenza e secondo Hitler erano orientate e programmate in senso ideologico (teologico). C'erano diverse centinaia di ecclesiastici nazionalisti e sostenitori del nazismo nel clero luterano. riformato e cattolico. I socialisti fra to E. Bethge, Dietrich Bonhoeffer, London, Collins, 1970, pp ; trad. it. Dietrich Bonhoeffer, teologo cristiano contenporaneo,brescia, Queriniana, It P. Hoffmann,The History of the German Resistance, cit., pp.30-31; W. Wagner, Der Volksgerichtshof in nationalsozialistischen Staat, cit, pp Cfr. J.G. de Beus,Tomorrow aî Dawn!, New York - London, W.W. Norton, 1980; H. Graml, Der Fall Oster,inYfZ, XIV (1966), pp.26-39; R. Galeazzo von Thun-llohenstein. Der VerschwÒrer: General Oster und die Militaropposition, Berlin, Severin und Siedler,1982; P. Iloffmann, The History of the German Resistance, cit., pp. 140, il clero erano relativamente rari. Le Chiese si preoccupavano di predicare il Vangelo e di eseguire i servizi pastorali. Il clero non era incline a contrapporsi politicamente al governo, a meno che le interferenze alle sue attivita in quello che era il suo campo principale di interesse non diventassero intollerabili. C'erano tuttavia diversi ecclesiastici nella Germania nazista che ritenevano che stesse succedendo esattamente questo. La Chiesa confessante del credo luterano e riformato nacque per opporsi ai tentativi di trasformare in senso nazista le chiese protestanti, allo scopo di proteggere le attivita puramente religiose. Si ebbero casi di resistenza individuale ed eroica nelle chiese, da parte di sacerdoti, di suore, di ministri e di qualche prelato o di qualche vescovo. Il pastore Martin Niemóller costituisce a questo proposito un esempio lampante. Egli sfidò i nazisti e disse agli agenti della Gestapo mandati a controllare la comunita della sua parrocchia di Berlino-Dahlem di prendere nota con attenzione di ogni parola da lui pronunciata. Venne internato in un campo di concentramento nel 1937 e liberato solo nel Come istituzioni, tuttavia, le Chiese non costituivano una minaccia per il regime. Dietrich Bonhoeffer, uno dei capi della Chiesa confessante, trovò scarso appoggio anche al- I'interno della sua organizzazione alla sua idea che si doveva <aprire la bocca per i muti". Bonhoeffer fu spinto all'opposizione politica, distinta da quella religiosa, in primo luogo dal suo interesse per la sorte degli ebreir3. La resistenza si manifestava infine nel crimine di alto tradimento. Ci fu una cospirazione per reahzzare un colpo di stato e rovesciare il regime nazista che culminò nel tentativo di uccidere Hitler il 20 luglio Ci fu sempre resistenza, sia aperta che nascosta, in ogni strato sociale e lavorativo. Migliaia di persone diedero la vita per la Resistenza sulle ghigliottine, sulle forche e nelle fosse dei campi di concentramento. La resistenza della gente t3 E. Bethge, Dietrich Bonhoeffe r und die Juden, in E. Feil e I. Tódt (a cura di), Konse quenze n : Diet rich B onhoeffe rs K i rc henve rst tlndnis heule, Múnchen, Kaiser, 1980, pp. 17l

8 La Resislenza comune priva di ogni reale influenza sui poteri dello stato fu fonte di maggiore inquietudine e preoccupazione per il regime, come indicano chiaramente i rapporti del Sp (Sicherheitsdienst, o Servizio di sicurezza) del Dipartimento centrale di Sicurezza del Reich (Reichssicherheitshauptamt, RsHa), guidato da Heinrich Himmler, comandante nazionale delle Ss, e dai generali delle Ss Heydrich, Heinrich Miiller e Ernst Kaltenbrunner. Lo stesso Hitler accennò diverse volte durante la guerra a identiche preoccupazioni relative all'opposizione popolare. Prevedendo la perdita della guerra e facentjo riferimento ai disordini del 1918 e del 1919, Hitler disse a un pranzo il 7 aprile 1942: se il minimo tentativo di rivolta dovesse verificarsi in qualunque momento in una parte qualsiasi del Reich, prenderei immerliatamente delle misure contro di esso. Ecco quèl che farei: primo, nello stesso giorno tutti i capi dell'opposizione, compresi quelli del Partito cattolico, sarebbero arrestaii e giustiziati; seconclo, tutti gli occupanti dei campi di concentramento verrebbero fucilati nel giro di tre giorni; terzo, tutti i criminali che si trovano sulle nosrre liste,.e avrebbe poca impoíta,nz^ se si trovano in prigio'e o in libertà, verrebbero fucilati nello stesso arco di tempòr4. Il cosiddetto programma <<eutanasia> suscitò opposizioni di tipo non politico perché coinvolgeva legami fanriliari con i deboli di mente, i mongoloidi o comunque i bambini handicappati. Hitler incontrò considerevoli difficoltà a varare un programma mirante all'eliminazione di queste <inutili boc_ che da sfamare>>rs. Fosse o no una forma di eutanasia, si trattava comunque di omicidio e il regime non riuscì arealiz- Ia H. Boberach, Meldungen aus dem Reich, Neuwied, Luchterhand, 1965; J. Noakes e G. Pridham, a cura di, Documents on Nazistn, I , New York, The Viking Press, 1975, pp , ; flirler's Secreî Conversaîions, I94I-1944, New York, Farrar, Straus and young, 1953, pp. ll7, 316, 332, , 44' f5 A. Mitscherlich e F. Mielke (a cura di), Medizin ohne Menschlichkeit: Dokumenîe des Ntirnberger Arzteprozesses, Frankfurt a.m., Fischer Taschenbuch, 1979, pp ; I. Arndr e W. Scheffl er, Orgttttisierter Masserunord an Juden, cit.; E. Kogon et al. (a cura di), Naz.io-nalsozialistische M asse ntòt ungen durch G ift gas : Eine Dokume nt dt i o,t, Frankfurt a.m., Fischer, 1983, pp zare il suo programma in modo sistematico e organizzato, tanto che esso entrò in vigore su ampia scala solo dopo I'inizio della guerra. Forti proteste contro il programma <eutanasia>> levarono dai capi della Chiesa cattolica e luterana, in particolare dal vescovo conte Clemens von Galen di MÍinster e dal vescovo Theophil Wurm di Wúrttemberg. Alla luce delle difficolta che si incontravano quando si voleva prendere pubblicamente posizione, la loro proteste furono certamente molto clamoroseró. Hitler ordinò la sospensione del progranìma ufficiale il 24 agosto 1941, quando il personale che si occupava delle eliminazioni passò a occuparsi dello sterminio di massa degli ebrei. Le vittime del progetto <<eutanasia> furono almeno mila. Il progetto continuò in forma <<non ufficiale> nei campi di concentramento, dove vennero uccise altre decine di migliaia di persone. La sospensione ufficiale del progetto costituì una sorta di vittoria per i capi ecclesiastici. In seguito alle loro proteste, il programma era stato apparentemente interrotto e chi aveva protestato non era stato rimosso dalla propria carica né aveva subito alcuna limitazione alle proprie attivita. Anche i nazisti, tuttavia, avevano raggiunto il successo che cercavano: Hitler intendeva usare una certa cautela con le Chiese durante la guerra, dal momento che il loro sostegno alla guerra era pcr lui di grande importanza; dopo la guerra, poi, era sua intenzione distruggerlert. I nazisti avevano quindi tacitato I'opposizione della Chiesa a questo progetto, continuando ad attuarlo ugualmente. Si può affermare con sicurezza che la maggioranza dei tedeschi era contraria alla persecuzione violenta e all'eccitó G. Schàfer (a cura di), Landesbischof D. Wurm und der naîionalsozialistische Staat, , Stuttgart, Calwer, 1968, pp ; H. Portmann, Cardinal von Galen, London, Jarrolds, 1957, pp. 99-l l3; J.S. Conway, The Nazi Persecution of the Churches, , Toronto, The Ryerson Press, 1968, pp , , t1 Hitler's Secret ConversationJ, cit., pp. 117, 332, ; II. Picker, Hitlers Tischgesprtiche im Fiihrerhauptquartier, I91I -I912, Stuttgart, Seewald, 19652, pp. 176-l'78, ; A. Spccr, Le memorie del Terzo Reich. Milano, Mondadori

9 La Resistenza dio di massa degli ebreir8. Il senso fondamentale di giustizia del popolo tedesco non accettava un oltraggio violento come il pogrom del Le indagini svolte dagli organi della giustizia e dal Partito nazista e i processi seguiti al pogrom ne danno ampia testimonianza. Nei suoi progetti contro gli ebrei, Hitler affrontò un problema simile a quello che aveva incontrato il 27 settembre 1938 quando aveva visto che la popolazione non era disposta ad accettare una guerra. Hitler aveva bisogno di una nazione pronta ad appoggiare i suoi impulsi criminali, mentre invece essi suscitavano forti opposizioni. Dal momento che il pogrom del novembre 193g dovette essere interrotto, in futuro le persecuzioni violente, e in particolar modo gli eccidi, si sarebbero dovuti eseguire nel segreto più totale. Le reazioni dei paesi stranieri non avevano molto peso durante la guerra, ma quelle del popolo tedesco potevano avere importanti conseguenze. La mag_ gioranzadel popolo tedesco aveva forse approvato, nei primi anni del regime hitleriano, una certa discriminazione verso gli ebreite, ma una vasta minoranza (fino al 40 per cento) aveva respinto la violenza fisica e la brutalita del pogrom del novembre del una stima simile si può ipotizzare a proposito delle fucilazioni degli ebrei in tempo di guerra in Polonia e Russia di cui giungeva voce in Germania. I tentativi da parte del regime di tenere del tutto segreti questi stermini di massa sono significativi, ma stanno anche a indicare che la reazione al progetto non poteva essere che limitata. La Gestapo riuscì a raccogliere scarse informazioni o reazioni a proposito dei campi della morte e degli stermini di massa col gas perché di essi non si aveva praticamente notizia. Ciò nonostante, un considerevole <<numero di persone comuni in Germania fece realmente qualcosa per gli ebrei in r8 Cfr. L.D. Stokes,The German People and the Destruction of theeurlpean Je,ws,in <Central European History>>, VI (1973), pp. 167-l9t;S. Gordon, Hitler, cit.!e S. Gordon, Hitler, cit.; L.D. Stokes, The German people, cit., pp S. Gordon, Hitler, cit., pp contrasto con lo stato di polizia di Hitler>; uno studio attento cita circa 3 mila casizr. L'opposizione alla persecuzione degli ebrei era maggiore nei gruppi di eta superiore ai 40 anni e nelle categorie socioeconomiche degli impiegati di alto livello o dei lavoratori autonomi. Chi si oppose meno attivamente alle misure contro gli ebrei furono probabilmente le lavoratrici e i lavoratori salariati. La Gestapo concluse inoltre che Ie critiche e le opposizioni alle misure antiebraiche crescevanogni volta che aumentava la violenza contro gli ebrei. L'opposizione agli aspetti più devastanti della sua politica contribuì a rendere timoroso Hitler per possibili attentati alla sua vita. Nel giugno del 1941, nel periodo in cui stava lanciando I'attacco all'unione Sovietica e la campagna finale contro gli ebrei, Hitler emanò un'ingiunzione che vietava ogni rappresentazione del Guglielmo Tell di Schiller, nella quale un oppressore viene assassinato22. Ma Hitler si preoccupava della possibilita di essere assassinato ancora prima di iniziare la guerra. Nel 1939 aveva discusso con Albert Speer i suoi progetti per una nuova Cancelleria del Reich della Grande Germania da costruire dopo la guerra. L'edificio doveva essere una fortezza con grosse porte d'acciaio, serrande scorrevoli a prova di proiettile e nessuna finestra sulla facciata, tranne un piccolo balcone al quinto piano. Hitler spiegò a Speer che avrebbe potuto prendere un giorno delle <<misure impopolari>> e che forse ci sarebbe stata una rivolta:.<il cuore del Reich si deve poter difendere come una fortezza>>21. L'opposizione popolare che era sporadica, isolata e facilmente controllabile dalle forze di sicurezza non poteva destabilizzare la dittatura. Le azioni coraggiose degli oppositori disturbavano appena la gigantesca macchina bellica. Questo tipo di resistenza fu quindi inefficace, dal monrento 2t lbidem, pp Hitler's Secret Conversatiorts, cit., pp.316, ,519; G. Ruppelt, Die <Ausschallung" des <Wilheln Tellr, in <Jahrbuch der Deutschen Schillergesellschaft>, XX (19'76), pp A. Speer, Le memorie del Terzo Reich, cit. 83

10 La Resistenza che non riuscì a cambiare il regime. Definire inefficaci questi atti di eroismo collettivi o individuali nella lotta contro il nazismo non costituisce tuttavia un giudizio sul loro valore morale. Gruppi o individui isolati, senza speranza di riuscita, non avevano come criterio per il loro impegno il successo di quanto avevano intrapreso, non più di altri che avevano maggiore accesso ai centri del potere. Tutte le categorie degli oppositori al regime comprendevano rappresentanti di ogni livello politico e sociale, di tutte le professioni e i rami del commercio, di ogni grado di istruzione e di reddito, di tutte le provenienze culturali ed economiche. Fra gli oppositori c'erano ingegneri, operai specializzati, agricoltori, impiegati tlello stato, diplomatici, ministri governativi, avvocati, sacerdoti cattolici, ministri protestanti, casalinghe, artisti, studenti, ricercatori, studiosi, scienziati, accademici, soldati e ufficiali, funzionari dei sindacati, industriali e uomini d'affari. Nella Resistenza era rappresentato I'intero quadro politico, dalla sinistra alla destra, dagli internazionalisti e dai comunisti che speravano in una rivoluzione mondiale ai politici conservatori e ai sostenitori dell'unione fra trono e altare, compresi perfino alcuni nazionalsocialisti disillusi. Capitolo quinto Varietà di opinioni Tutti i gruppi della Resistenzavevano come scopo quello di rovesciare la dittatura nazista di Hitler. Tutte le persone impegnate nella Resistenza volevano inoltre evitare una restaurazione delle condizioni precedenti al 1933 che avevano prodotto il regime nazista. Ma a parte questo, le loro opinioni sulla ricostruzione politica e sociale della Germania dopo Hitler erano profondamente diverse. Si andava dalla restaurazione della Costituzione e del governo delle leggi, a un estremo della scala, all'espropriazione delle proprieta private, la statalizzazione dei mezzi di produzione e la <dittatura del proletariato> all' altro estremo. Il programma comunista era quello consueto che prevedeva I'istituzione di una proprieta comune dei mezzi di produzione, una lotta spietata contro i <nemici di classe>, il dominio del Partito comunista (non erano ammessi altri partiti) e I'allineamento politico con I'Unione Sovietica'. Nel programma era generalmente compresanche la pace, pur se suonava falsa dopo gli attacchi sovietici alla Polonia, la Finlandia, I'Estonia, la Lettonia, la Lituania e la Bessarabia. I socialdemocratici ritenevano che il suffragio universale della popolazione adulta senza alcuna discriminazione dovesse condurre a una giusta rappresenlanza degli interessi delle <classi lavoratrici>>2. Essi si schieravano a favore del- I C.D. Kernig (a cura di), Marxistn, Communisrn, cit., pp.? Cfr. F.J. Furtwiingler, Mtlnner, die ich sah und kannîe, Hamburg, Auerdruck, 1951, pp ; O. John, Mdnner im Kampf gegen Hitler (lv): Wilhelm Leuschner, in <Blick in die Welt>, 29 (1947), p. 20; J. Leber, Ein Mann geht seinenweg: Schriften, Reden uncl Briefe von Julius Leber, Berlin-SchÒneberg e Frankfurt a.m., Mosaik-Verlag, 1952, pp ; W. Treue, Deuîsche Parteiprogramme seit 18ól, Góttingen, Musterschmidt-Verlag, 19684, pp. ll6-ll9:. Spiegelbild einer Versch- 84 8s

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Come è bella Milano, imbandierata a festa, che si unisce

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Adolf Hitler: l ascesa al potere 1924-1933 di Alessandro Persico Articolo pubblicato in: www.viaggio-in-germania.de

Adolf Hitler: l ascesa al potere 1924-1933 di Alessandro Persico Articolo pubblicato in: www.viaggio-in-germania.de Adolf Hitler: l ascesa al potere 1924-1933 di Alessandro Persico Articolo pubblicato in: www.viaggio-in-germania.de Prima parte: 1924-1929 Landsberg, Germania. Sette dicembre 1924. Adolf Hitler esce dal

Dettagli

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia

Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia Una panoramica su oltre 70 anni di Pro Helvetia La Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia vanta più di 70 anni di esperienza in materia di sostegno alla cultura. Fu fondata nel 1939, poco prima

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

L età dei totalitarismi: gli anni Trenta

L età dei totalitarismi: gli anni Trenta L età dei totalitarismi - Pagina 1 di 5 L età dei totalitarismi 1. Economia e società negli anni '30 (la crisi del 1929) 2. L'età dei totalitarismi (gli anni 30) 3. L'Italia fascista 4. Il tramonto del

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Che cos è la società di massa

Che cos è la società di massa Che cos è la società di massa La definizione La società di massa è la nostra società. Una società caratterizzata dal :

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

L esperienza vissuta dal cameratismo combattente, l esperienza dell unità è per noi non soltanto un evento politico, ma anche religioso.

L esperienza vissuta dal cameratismo combattente, l esperienza dell unità è per noi non soltanto un evento politico, ma anche religioso. I ragazzi del Reich: formare il corpo per piegare lo spirito ovvero, come si diventa nazisti: l'educazione dei giovani a cura di Laura Fontana, Responsabile Progetto Educazione alla Memoria Uno dei primi

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

EUROPEA UNIONE DELL NAZISTE

EUROPEA UNIONE DELL NAZISTE 2013 Dr. Rath Health Foundation Coloro che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo George Santayana ISBN 978-90-821385-0-4 Prima edizione 2013 Dr. Rath Health Foundation Pubblicato da Dr.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it INDICE PAGINA 9 PREFAZIONE di Rossella Grenci 13 PRESENTAZIONE Rossella Grenci, Daniele Zanoni 20 LISTA DI ALCUNI DISLESSICI

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

ITALIA. La Costituzione italiana sancisce la libertà di culto. Altre leggi e politiche

ITALIA. La Costituzione italiana sancisce la libertà di culto. Altre leggi e politiche La Costituzione italiana sancisce la libertà di culto. Altre leggi e politiche contribuiscono ad una pratica della religione in genere libera. Il Governo rispetta sostanzialmente la libertà di pratica

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

I problemi dell Inghilterra negli anni Venti

I problemi dell Inghilterra negli anni Venti I problemi dell Inghilterra negli anni Venti IPerteSto La nascita del Partito laburista In Gran Bretagna, dalla metà del xix secolo, si alternavano alla guida del governo il Partito liberale, che rappresentava

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli