IL DIRITTO PENALE D IMPRESA. Relatore: Avv. Luca D Auria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRITTO PENALE D IMPRESA. Relatore: Avv. Luca D Auria"

Transcript

1 IL DIRITTO PENALE D IMPRESA Relatore: Avv. Luca D Auria

2 Huges Puel: La cruna ed il cammello, Sei, 1989 I collegamend fra economia ed edca sono vari almeno per tre ragioni che seguono: l economia non può essere separata dalla cultura e dalla società; s impone il problema di un ordine mondiale economico; nell azione economica ci sono dei valori l edca si bane in favore di un ordine economico possibile, e questo banersi è giusdficato basandosi su di una filosofia udlitarista [l economia, ndr.] riduce gli sdmoli dell azione umana alla ricerca massima dell interesse individuale e ridene, non senza qualche buona ragione, di aver chiarito la modvazione più forte dell auvità economica ed il segreto dell arricchimento dei popoli. Ritenendosi [l economia, ndr] scienza amorale perché indica come la virtù pubblica possa nascere dal libero sviluppo dei vizi privad, fonda la sua sciendficità sulla franura tra l essere ed il dover essere, l essere, l esistenziale ed il normadvo (Cfr. Adamo Smith, La ricchezza delle nazioni, 1776).

3 L austerity uccide l economia, Il Sole, 24Ore, 28 aprile 2013, Guido Rossi. Quando Angela Merkel ha dichiarato che la polidca di austerità va perseguita, perché la parola "austerità" in fondo altro non significa che il dovere di pagare i debid, forse non si rendeva conto che stava sintedzzando "i primi cinquemila anni di storia dell'umanità". È questo il sonodtolo del libro "Debt" dell'antropologo David Graeber, il quale sonolinea la centralità del debito nel rapporto tra ricchi e poveri e la straordinaria confusione morale che da sempre l'ha accompagnata. Confusione morale che si riscontra non solo nel tedesco moderno, dove "schuld" significa a un tempo debito e colpa, ma che pure è centrale nelle fedi religiose se, persino nella preghiera più diffusa della crisdanità, si invoca il "Padre nostro" perché "rimena i nostri debid, come noi li rimeuamo ai nostri debitori". Austerità e debito rappresentano più che mai divergend posizioni negli organismi europei, dove i rappresentand tedeschi, compreso il membro del Consiglio esecudvo della Bce Asmussen, spingono affinché la Bce non abbassi i tassi, che favorirebbero una polidca di crescita nell'eurozona, ma al contrario adou tassi più ald, favorevoli alla polidca economica tedesca. La confusione morale si accompagna qui alla confusione storica, dacché la Germania vive come l'incubo peggiore della sua storia la grande inflazione che portò al disastro della Repubblica di Weimar, ma dimendca ora che la polidca di austerità restringe la domanda, impedisce la crescita e rende i debid impossibili da resdtuire. Da Paul Krugman a Joseph SDglitz è giunta la prova dei fau che la polidca del rigore e dei tagli deprime sempre di più i diriu fondamentali dei cinadini più poveri, quali quelli al lavoro, all'istruzione e alla sanità e rende impossibile la ripresa delle economie, condannandole a depressioni senza termini. La Germania sembra oggi dimendcare sia che l'anuale pericolo per l'europa non è l'inflazione, ma la deflazione e il default, sia che proprio la stessa Germania è stata nel 1948 la beneficiaria di uno dei più magnanimi au mondiali di remissione del debito. InfaU, negli anni 40 del secolo scorso, le potenze di occupazione cancellarono il 93% del debito dell'era nazista, posponendo inoltre il pagamento degli altri debid per circa mezzo secolo. Così la Germania, il cui rapporto debito/pil nel 1939 era del 675%, all'inizio degli anni 50 aveva un livello di indebitamento del 12%, molto inferiore a quello dei vinoriosi allead, permenendo così il miracolo tedesco del dopoguerra. Sarebbe forse il caso di ricordare allora alla Germania, oltre alla Repubblica di Weimar, il Piano Marshall, nonché lo spirito di un'unione polidca europea, teorizzato da alcuni dei suoi grandi intellenuali di spicco, come Habermas e Böckenförde. La situazione della Bce, che può cosdtuire l'unico strumento di rilancio dell'economia europea, è da tempo fortemente influenzata dalla polidca tedesca, la quale tende a limitarne l'autonomia per farne non la Banca federale d'europa ma una sorta di delegata Bundesbank, causa sicura di disintegrazione e di frammentazione polidca e monetaria. Sempre più anuale pare oggi il desdno dell'euro, come indicato nel saggio dello scorso onobre sulla New York Review of Books di George Soros. Se la Germania vuole rimanere nell'euro non può condnuare a imporre agli altri Paesi una polidca recessiva e impedire che i Paesi debitori possano partecipare a un'unione polidca e economica che realizzi il sogno di John Maynard Keynes di un sistema monetario internazionale nel quale creditori e debitori siano responsabili per mantenere la stabilità. Un'uscita della Germania dall'euro, per falsi moralismi e onusi egoismi, checché ne pensi Soros, non vorremmo mai succedesse, auspicando invece che l'anuale aneggiamento di dominio tedesco sull'europa si possa trasformare in una straordinaria cooperazione di civiltà tra i popoli.

4 Il capitalismo edco Il mero interesse personale ha contribuito alla crisi ed alla recessione, oltre all incremento degli infortuni sul lavoro, all inquinamento ed al divario di reddito tra ricchi e poveri; Questo conceno di capitalismo privo di edca è sbagliato e non condivisibile; L interesse proprio e l interesse della società sono intrinsecamente intrecciad, dunque il successo del mondo imprenditoriale dipende da una società sana e prospera; Più ricco è il sistema dei valori morali di un paese, più ricca è la sua economia; La maggior ricchezza può essere sostenuta solamente da un aumento dei valori morali

5 La categoria dei colleu bianchi Edwin Sutherland: la criminalità dei colleu bianchi E stato il primo a individuare l illecito dei colleu bianchi come una categoria del penalmente rilevante La delinquenza dei colleu bianchi, come ogni altra forma di delinquenza sistemadca, è appresa in associazione direna od indirena con coloro che sono criminali (libero arbitrio o determinismo?)

6 L avvocato dei colleu bianchi G. BenDni: confessioni (saggio di psicologia forense) in l eloquenza 1937 retorica. no! è un deli)o che parla al cervello e non al sen2mento; è l illecito civile che trabocca nell illecito penale e così si comprende come l accusa e la difesa debbano amarsi di tecnica e scontrarsi in un campo che sta tra il civilismo ed il penalismo la bancaro)a non consente do di pe)o; sui bilanci non si commuovono altro che i creditori povere9 a Milano la sovrasta la ragioneria; alludo agli avvoca2 che non parlano essi officiano nel tempio, le Banche, le grandi di)e e sono i sacerdo2 di Pluto Corriere della sera.it le parcelle d oro di Tangentopoli : accanto ad i tangen2s2 sono na2 i parcellis2 a Palazzo di Gius2zia di parla da tanto ormai degli avvoca2 accompagnatori che offrirebbero il loro cliente al P.M al Pool dei Giudici è corrisposto il Pool degli avvoca2

7 I read del dirino penale delle società Ricostruzione storica Anni 70: il penalista di impresa quasi non esiste (neppure in Nord Italia); alcuni civilisd si prestano a patrocinare nei deliu di bancarona e di esportazione di capitali Anni 70-80: i read fallimentari, truffa, penale tributario ed esportazione di capitali Anni 90: nasce l avvocato penalista specializzato in read dei colleu bianchi (avvocato penalista di impresa). Corruzione e concussione, oltre a quelli già citad Anni 2000: nasce il dirino penale finanziario, insider trading, aggiotaggio, nuove prospeuve per il reato di riciclaggio

8 LA BANCAROTTA ART. 216 lf E punito da tre a dieci anni l imprenditore che: 1. ha distrano, occultato, dissimulato, distruno o dissipato in tuno o in parte i suoi beni ovvero, allo scopo di recare pregiudizio ai creditori, ha esposto o riconosciuto passività inesistend; 2. ha sonrano, distruno o falsificato con lo scopo di procurare un ingiusto profino o di recare pregiudizio ai creditori, i libri o le altre scrinure...; 3. è punito con la reclusione da uno a cinque anni il fallito che prima o durante la procedura fallimentare, a scopo di favorire, a danno dei creditori, taluno di essi, esegue pagamend o simula Dtoli di prelazione ; Art. 217 lf (bancarona semplice): E punito con la reclusione da sei mesi a due l imprenditore che fuori dai casi prevedud nell ardcolo precedente: 1. ha fano spese per se o per la sua famiglia eccessive rispeno alla condizione economica; 2. ha consumato una notevole parte del suo patrimonio in operazioni di pura sorte; 3. ha compiuto operazioni di grave imprudenza per ritardare il fallimento; 4. ha aggravato il dissesto astenendosi dal richiedere il fallimento ; 5. non ha soddisfano le obbligazioni assunte in un concordato ; 6. la stessa pena si applica al fallito che, durante i tre anni antecedend alla dichiarazione di fallimento ovvero dall inizio dell impresa non ha tenuto i libri o li ha tenud in maniera irregolare od incompleta Art. 219 (circostanze aggravand) aumento sino alla metà se il fallito non poteva svolgere auvità imprenditoriale e se ha causato un danno di rilevante endtà; Art. 223 Estensione della responsabilità di cui all art. 216 agli amministratori, ai sindaci, ai direnori generali, ai liquidatori. Estensione alle persone suddene per i fau di cui agli ardcoli 2621 e segg. Cod. civ.

9 DIRITTO PENALE TRIBUTARIO D. l.vo NR. 74 (in abrogazione alla legge del 1982 manene agli evasori) Art. 2: dichiarazione fraudolenta mediante uso di fanure od altri documend per operazioni inesistend; Art. 3: dichiarazione fraudolenta mediante altri ardfizi; Art. 4: dichiarazione infedele; Art. 6: il tentadvo L elusione fiscale: Cosa si intende per elusione fiscale in materia tributaria esiste un generale principio andelusivo secondo cui il contribuente non può trarre indebid vantaggi fiscali dall uso distorto, pur se non contrastante con alcuna disposizione, di strumend giuridici idonei ad onenere un risparmio fiscale (Sezioni unite civile 7739/11). Questo principio non valeva per il dirino penale in virtù del principio di strena legalità nulla poena sine lege La posizione della giurisprudenza più recente (Sez. III Cass ) Le prospeuve comunitarie

10 LA TRUFFA Art. 640 c.p.: chiunque, con ardfizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profino

11 DELITTI CONTRO LA P.A. Art. 314 c.p. (peculato): il p.u. o l incaricato di pubblico servizio che avendo la disponibilità di denaro o di altra cosa mobile altrui, se ne appropria (Il caso del superprelievo nella vicenda quote lane ) Art. 317 c.p. (concussione): il p.u. che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe taluno a dare o promenere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro o altra udlità ; Art. 318 c.p. (corruzione per l esercizio della funzione): il p.u. che per l esercizio delle sue funzioni o dei suoi poteri, indebitamente riceve..denaro od altra udlità o ne accena la promessa è punito ; Art. 319 c.p. (corruzione per un ano contrario ai doveri d ufficio): il p.u. che, per omenere o aver omesso o ritardato un ano del suo ufficio ovvero per compiere od aver compiuto un ano contrario ai doveri d ufficio riceve devaro o altra udlità o ne accena la promessa è punito ; Art. 319 quater c.p. (induzione indebita a dare o promenere udlità): salvo che cosdtuisca più grave reato, il p.u. o l incaricato di pubblico servizio che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, indice taluno a dare o promenere indebitamente denaro od altra udlità è punito ; DisDnzione tra pubblico ufficiale ed incaricato di pubblico servizio; ConDnuità tra reato di concussione per induzione e 319 quater c.p. Art. 323 c.p. (abuso di ufficio): salvo che non cosdtuisca più grave reato il p.u. o l incaricato di pubblico servizio che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio in violazione di norme di legge o di regolamento ovvero omenendo di astenersi in presenza di un interesse proprio intenzionalmente procura a sé od altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto è punito ; L n. 190

12 DISPOSIZIONI PENALI DEL CODICE CIVILE Art c.c. (false comunicazioni sociali); Art (false comunicazioni sociali in danno di soci e creditori); Art (falso in prospeno); Art (indebita resdtuzione dei conferimend); Art (illegale ripardzione degli udli e delle riserve); Art (illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante); Art (operazioni in pregiudizio dei creditori);

13 Il dirino penale di banca La funzione delle banche nella vita contemporanea I rischi della concessione del credito e l udlizzo da parte della criminalità di soggeu facend parte della categoria dei colleu bianchi al fine di onenere finanziamend: la commisdone fra impresa e associazioni criminali I rischi di un sovraffollamento normadvo prevendvo in relazione alle esigenze di fiducia di un sistema capitalisdco

14 Il riciclaggio di danaro L art. 648 bis c.p. come norma onnivora per tuu i comportamend illecid che ruotano intorno alla banca La normadva amministradva andriciclaggio ed i suoi rappord con la disciplina penale volta a colpire il riciclaggio L udlizzo del dolo eventuale di cui all art. 648 bis c.p. e la violazione della disciplina amministradva come criterio di valutazione penalisdca delle condone Il caso: il processo dell Ortomercato di Milano L autoriciclaggio: una necessità per contrastare il crimine l uldmo anentato al principio di fiducia del capitalismo classico

15 Altri read di banca Leveraged buyout e la fine dei divied nel Precedentemente violava gli arn c. civ. in relazione all art. 2630, I co. Nr. 2. Il D. Lgs. 6/03 ha confermato la liceità del merger leveraged buyout già contenuto nell art. 7 len. d della L. 3.x. 01 nr. 366 L aggiotaggio bancario: già delineato dall art. 98 L.b. del 38 è stata riscrina dall art. 138 Tub e da uldmo riformata dal D.Lvo 61/2002. La condona di aggiotaggio bancario consiste nel diffondere nodzie false riguardo ad un determinato isdtuto di credito. Il bene giuridico tutelato è in generale quello del mercato finanziario Abusivismo bancario e finanziario: gli arn. 130 e 131 sanzionano la violazione del preceno contenuto nell art. 11 Tub (la raccolta del risparmio fra il pubblico è vietata a soggeu diversi dalle banche). L abusivismo punisce sia coloro che raccolgono il danaro sia coloro che lo tranano anche esercendo il credito senza averne il dirino GesDone infedele: punisce colui che nella gesdone di portafogli pone in essere operazioni che arrecano danno agli invesdtori al fine di procurare a sé od ad altri un ingiusto profino Confusione di patrimoni: cosdtuisce reato la condona di chi, nel corso della sua auvità di gesdone del risparmio, al fine di procurare a sé od ad altri un ingiusto profino, viola le disposizioni concernend le disposizioni patrimoniali, così creando danno agli invesdtori (Le ipotesi sopraindicate riguardano gli ardcoli 166 e segg. Tub)

16 Tutela penale dell auvità di vigilanza La possibilità di disporre di informazioni veridere sui soggeu vigilad è di importanza cruciale per un efficace svolgimento dell auvità di vigilanza; l autorità che riceve informazioni false non è messa in condizione di assumere con tempesdvità misure adeguate Art c.c.:gli amministratori che occultano documend o con altri ardfici impediscono o ostacolano lo svolgimento delle auvità di controllo o di revisione..ai soci sono punid con la sanzione pecuniaria amministradva Art c.c.: gli amministratori (direnori generali ecc.) che espongono fau materiali non rispondend al vero, ancorchè oggeno di valutazione, ovvero occultano con altri mezzi fraudolend fau che avrebbero dovuto comunicare... sono punid con la reclusione da 2 a 4 anni. Questa norma riguarda l ostacolo all esercizio delle funzioni di controllo delle pubbliche autorità. Tra queste vanno ricordate la Consob, la Banca d Italia e l Isvap. La giurisprudenza ha evidenziato come non vi sia un indicazione tassadva su quali siano dene autorità pubbliche. La donrina (Alessandri, su tuu) ha evidenziato che tranasi di autorità che hanno funzioni tecnico- ispeuve inerend alle società commerciali.

17 Il dirino penale di borsa Bene tutelato: la possibilità di agire in condizioni di parità e lealtà presso la Borsa Valori

18 La Consob La Consob è l autorità statuale chiamata a svolgere compid di regolamentazione, vigilanza ed applicazione delle sanzioni nei confrond dei soggeu che agiscono nel mercato mobiliare quotato; la L. 262/05 (legge sul risparmio) ha stabilito il raggio di azione della Consob che può essere così riassunto: 1) disciplina della governance delle società quotate, 2) regole sulla circolazione degli strumend finanziari, 3) regole di trasparenza nei rappord con società estere, 4) regolamentazione dei confliu di interesse nelle auvità finanziarie, 5) regolamentazione di mercad e nell informazione societaria, 6) revisione dei cond, 7) regolamentazione dei rappord fra autorità di vigilanza, 8) disciplina delle sanzioni penali ed amministradve. Le funzioni di vigilanza: è necessario che dena auvità possa svolgere un auvità di vigilanza sia prevendva che di raccolta del materiale probatorio necessario per la ricostruzione di condone di market abuse

19 I poteri di invesdgazione penale 1) L art. 115 len. a: richiesta di informazione; 2) L art. 115 len. c: poteri ispeuvo; 3) L art. 157 : poteri di impugnadva di bilancio

20 I read di borsa Aggiotaggio Insider trading

21 Aggiotaggio Il reato di aggiotaggio è oggi punito dall art c.c. e dall art. 185 Tuf. Il primo riguarda le società non quotate ed è stato desdnato a raccogliere le altre ipotesi aggiotaggio presend in diversi corpi legisladvi; il secondo è invece il vero e proprio reato di borsa ed è definibile come aggiotaggio finanziario. Ecco punisce chiunque diffonda nodzie false o ponga in essere operazioni simulate od ardficiali, qualora esse siano completamente idonee a provocare una sensibile alterazione del prezzo degli strumend finanziari, La pena è della reclusione da 2 a 12 anni. Vi sono due generi di aggiotaggio e cioè quello informadvo (diffusione di nodzie e quello manipoladvo (creazione di operazioni simulate). L elemento soggeuvo è il dolo generico. Il bene giuridico tutelato è il metodo di formazione e determinazione del prezzo secondo un regolare meccanismo delle leggi di mercato. Il ruolo della Consob è fondamentale in quanto la L. 62/05 ha ampliato i suoi poteri di vigilanza e di controllo Il principio del doppio binario: la L. 62/05 ha introdono, accanto alla fauspecie penale, una nuova fauspecie di aggiotaggio finanziario regolata dall art. 187 ter Tuf che prevede un illecito amministradvo

22 L insider trading Il mercato finanziario si alimenta di informazioni che guidano la domanda e l offerta, determinando così i prezzi dei Dtoli. Ciò che è tutelato dalla norma è la regolare formazione del prezzo. InfaU è l informazione privilegiata a creare deno prezzo. Gli strumend finanziari il cui prezzo deve formarsi in modo correno sono quelli di cui all art. 1 TUF; l art. 180 TUF condene poi una clausola di chiusura che estende la tutela ad ogni altro strumento non rientrante nell art. 1 a condizione che sia stato ammesso o abbia fano richiesta di essere ammesso alle contranazioni E dunque necessario che il legislatore ponga una pardcolare anenzione alla regolarità con la quale deu prezzi si formano Quella sull insider trading è una norma volta a punire coloro che acquistano o comprano nel mercato borsisdco sfrunando a proprio favore una informazione riservata e price sen22ve, cioè dire capace di modificare, se conosciuta, il prezzo del Dtolo. L insider è il Dtolare della nodzia; a costui è fano divieto sia di diffonderla, sia di acquistare. Un eccezione al divieto di diffondere la nodzia risiede nella giusta causa cosdtuita dall esercizio di una professione o di un ufficio Il fano di ricevere una nodzia in virtù di un rapporto professionale pone il ricenore nella stessa condizione del detentore della medesima nodzia Al di là della ricezione della nodzia per ragioni professionali, il detentore di seconda mano (teppee) non è oggi penalmente punibile (lo era secondo la disciplina previgente ma subisce la sanzione amministradva irrogata dalla Consob per l illecito amministradvo (v. sistema del doppio binario vigente per l aggiotaggio) La nodzia price senddve (in ragione del parametro del c.d. invesdtore ragionevole ) e riservata deve avere un caranere di determinatezza e veridicità per fungere da presupposto di responsabilità (i sondaggi e le provocazioni?) La nodzia per essere riservata non deve aver subito alcuna precedente diffusione (Considerando nr. 31 della Dir. 2003/06) L insider criminale e la lona andterrorismo Il caso della Banca Profilo

23 LA RESPONSABILITA PENALE DELLE IMPRESE D.lgs. 231/01 RoNura del principio societas delinquere non potest? Illecito amministradvo dipendente da reato; Quali end rispondono? TuU quelli dotad di personalità giuridica; quali esclusi? Lo Stato, gli end pubblici territoriali, quelli economici e quelli di rilievo cosdtuzionale; L ente è responsabile se i deliu previsd sono posd in essere nel suo interesse; Quali sono i read che portano alla responsabilità dell ente? Quelli contro la p.a., contro la fede pubblica, read societari, contro la personalità dello Stato, abusi di mercato, read transnazionali, read contro la sicurezza sul lavoro, read ambientali, riciclaggio, ricenazione Chi sono i soggeu che portano, con la loro condona, alla responsabilità dell ente? Persone che rivestono ruoli apicali (amministradvi, di rappresentanza o direzione) Esiste un esimente per l ente? L aver adonato un modello di organizzazione, gesdone e controllo prima del fano ed un odv In cosa consiste il modello? Un documento dei rischi d impresa Sono consendte le misure cautelari? Le sanzioni sono di caranere amministradvo

24 esercitazione Tizio, dipendente dell isdtuto di credito xx viene aunto da provvedimento di custodia cautelare nell ambito di un più ampio procedimento giudiziario penale che riguarda l infiltrazione mafiosa di appartenend ad una locale di Ndrangheta all interno di una serie di società all apparenza prive di ogni contano con la malavita e la cui principale auvità è quella di venori di merci e prodou agricoli. Tali società, floride e mai prive di liquidità, onengono dei finanziamend, delle aperture di credito e degli extrafidi. Il dipendente dell isdtuto di credito è accusato di aver concesso tali possibilità udlizzando procedure semplificate che hanno consendto di non evidenziare come quella lecita fosse solamente un auvità di copertura per onenere i finanziamend e così favorire la criminalità Nello specifico: 1. una violazione amministradva quale quella sulle modalità di recensire i soggeu richiedend il credito (in presenza di evidenze non preoccupand, quali il giro d affari lecito) possono cosdtuire elemento su cui fondare la responsabilità penale 2. di quale fauspecie di reato può essere incolpato il dipendente di banca?

25

IL DIRITTO PENALE DI BANCA E BORSA. Relatore: Avv. Luca D Auria

IL DIRITTO PENALE DI BANCA E BORSA. Relatore: Avv. Luca D Auria IL DIRITTO PENALE DI BANCA E BORSA Relatore: Avv. Luca D Auria IL diri

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3 ALLEGATO 3 REATI SOCIETARI 1. False comunicazioni sociali Art. 2621 c.c. Salvo quanto previsto dall articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti

Dettagli

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato Codice documento: MOG 231 - PSE COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO AVV. FABIO CAGNOLA VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTO-RICICLAGGIO a) Voluntary disclosure per

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio Di Maurizio Arena La gestione di fondi comuni di investimento, oggetto dell attività delle società di gestione

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 27.04.2012 Legge federale sulle borse

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 27 maggio 2015, n. 69 (in Gazz. Uff., 30 maggio 2015, n. 124). - Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio. La

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale Inquadramento generale sui reati presupposto I reati per i quali è esclusa la punibilità I reati per i quali non è esclusa la

Dettagli

Indice XIII. Introduzione

Indice XIII. Introduzione Indice Introduzione XIII 1 L evasionefiscaleel usodellostrumentopenalepercontrastarla 1 1.1 Il fenomeno dell evasione 2 1.1.1 Le frodi fiscali 6 1.1.2 Alcuni dati sull evasione 11 1.2 Il ricorso allo strumento

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

Caratteristiche della prestazione intellettuale:

Caratteristiche della prestazione intellettuale: LEGALITA E PROFESSIONE VETERINARIA 1 PROFESSIONE A CARATTERE INTELLETTUALE Caratteristiche della prestazione intellettuale: 1. Prevalenza del dato intellettuale sull attività materiale o manuale. 2. Autonomia

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Commissione di redazione del... Relatore / Relatrice:... Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (, LBVM) Disegno Modifica del L

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

EUROPEAN SCHOOL OF ECONOMICS DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA E DELL IMPRESA

EUROPEAN SCHOOL OF ECONOMICS DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA E DELL IMPRESA EUROPEAN SCHOOL OF ECONOMICS DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA E DELL IMPRESA MARZO MAGGIO 2010 n. 8 GIORNATE (DA 3 ORE CADAUNA) + 1 GIORNATA CONCLUSIVA (DA 6 ORE) Direzione: Avv. Maurizio Arena, Avvocato penalista

Dettagli

In Diritto24 www.diritto24.com. SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari

In Diritto24 www.diritto24.com. SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari In Diritto24 www.diritto24.com SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari codice penale Reati in generale Principio di legalità e principio

Dettagli

Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. PARTE SPECIALE (definizione degli illeciti e mappatura delle attività sensibili) (Adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda"

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda" Il quadro di riferimento L evoluzione normativa e l introduzione di nuove fattispecie

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001 28 aprile 2009 Relatore: Co-relatore: Avv. Riccardo Nalin Ing. Andrea Semino D. LGS. 231/2001 Responsabilità Amministrativa Persone Giuridiche

Dettagli

MICROSOFT S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. D. Lgs. 231/2001. P a r t e S p e c i a l e 2 -

MICROSOFT S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. D. Lgs. 231/2001. P a r t e S p e c i a l e 2 - MICROSOFT S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 P a r t e S p e c i a l e 2 - Edizione settembre 2008 Reati Societari Pagina 2 di 18 INDICE PARTE SPECIALE 2 1. Le fattispecie

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA 1.1 Le frodi fiscali. Evoluzione storica della fattispecie... pag. 13 1.2 Il concetto di frode.

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Divergenza Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 23.08.2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 14.06.2012 Legge federale

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La riforma delle sanzioni tributarie La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 di Sanvito Corrado Milano, Corso Europa,

Dettagli

AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA. Torino 12 maggio 2015

AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA. Torino 12 maggio 2015 2. MAGGIO AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA INCONTRO A CURA DEL GRUPPO DI LAVORO EX D.LGS 23/200 Torino 2 maggio AVV. STEFANO COMELLINI 2 2. MAGGIO GIURISPRUDENZA 3 PROFITTO (art. 9) Cass. n.

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

Introduzione al D.lgs 231/2001

Introduzione al D.lgs 231/2001 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 1.1. LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, che reca la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 D.lgs 231/01 e responsabilità amministrativa (penale) delle società. Sostanziale obbligo di adozione di specifici modelli organizzativi

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

INDICE CAPITOLO I NOZIONE DI DIRITTO PENALE DELL IMPRESA

INDICE CAPITOLO I NOZIONE DI DIRITTO PENALE DELL IMPRESA INDICE Prefazione alla VI edizione................ VII Prefazione alla I edizione................ IX CAPITOLO I NOZIONE DI DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1.1. Il concetto di mercato............... 2 1.2.

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

La diffamazione/ le aggravanti

La diffamazione/ le aggravanti La diffamazione Cosa distingue la diffamazione (595 cp) dall ingiuria (594 cp)? Cos è la calunnia (368 cp)? La differenza rispetto a codici Zanardelli e Rocco. 595 cp: chiunque, fuori dei casi indicati

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII Parte I Aspetti generali Capitolo 1 Linee di tendenza del mercato del risparmio di Marco Prosperetti 1. Caratteristiche del mercato del risparmio... 3

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO CIRES BOLOGNA FERRARA Soc. Coop. Via Scipione Dal Ferro 19/a 40138 BOLOGNA Tel. 051/30.88.79 Fax 051/34.22.42 E-mail: ufficiotecnico@cires-bo.it Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi

Dettagli

Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio

Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio info@sav.bs.it Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio Convegno di formazione specialistica S. PIERO A GRADO (PI) 23 e 24 settembre 2010 La nozione di PUBBLICO UFFICIALE si ricava dall

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

Responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/01 nei gruppi (internazionali) e nell attività transfrontaliera

Responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/01 nei gruppi (internazionali) e nell attività transfrontaliera Responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/01 nei gruppi (internazionali) e nell attività transfrontaliera Avv. Davide Nervegna Responsabile Area Legale e Normativa Assosim Milano, 10 novembre

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

IL REGIME SANZIONATORIO

IL REGIME SANZIONATORIO Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 Intervento di dott.ssa LAURA ZACCARIA Vigilanza e Tributario ABI 1 Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio

Dettagli

ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001

ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001 ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001 Il presente documento costituisce parte integrante del Modello Organizzativo 231 adottato dalle Società del Gruppo Banco Desio ai sensi del D.Lgs

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Legge sulle borse, LBVM) Modifica del 28 settembre 2012 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Presentazione MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D.Lgs. 231/01 Pag 1 di 6 PREMESSA Con l introduzione nell ordinamento giuridico italiano del D.Lgs. 8 giugno 2001, n.231 qualsiasi soggetto giuridico

Dettagli

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico Parte Speciale C : I reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l. IL 30/06/2009 PARTE SPECIALE C 1.1

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1 L AUTORICICLAGGIO 1 INDICE Legge15 dicembre 2014, n. 186 3 Schema comparativo norme c.p. 5 Reato di autoriciclaggio: evoluzione storica 6 Freno all interpretazione generalizzata 7 Introduzione in Italia

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA. di Caterina Coco CAPITOLO I LE SANZIONI TRIBUTARIE PENALI DALLA LEGGE N. 516 AL D.LGS. N. 74

INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA. di Caterina Coco CAPITOLO I LE SANZIONI TRIBUTARIE PENALI DALLA LEGGE N. 516 AL D.LGS. N. 74 INDICE - SOMMARIO PARTE PRIMA di Caterina Coco CAPITOLO I LE SANZIONI TRIBUTARIE PENALI DALLA LEGGE N. 516 AL D.LGS. N. 74 1. Le violazioni delle norme tributarie fra illeciti patrimoniali e inosservanza

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO. conforme alle previsioni di cui al D. Lgs. n. 231 del 2001

MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO. conforme alle previsioni di cui al D. Lgs. n. 231 del 2001 MODELLO di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme alle previsioni di cui al D. Lgs. n. 231 del 2001 Edizione Gennaio 2013 2 SOMMARIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO... 1 CONFORME ALLE

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

Chart 1. ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale

Chart 1. ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale Chart 1 ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale Chi è Chart 2 ROLAND è una Compagnia specializzata nella Tutela Legale OLTRE 1000 DIPENDENTI Sede a Colonia OLTRE 1.100.000 CLIENTI RACCOLTA PREMI DI 250.000.000,00

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

L Innovazione nella Tutela Giudiziaria

L Innovazione nella Tutela Giudiziaria L Innovazione nella Tutela Giudiziaria 1 Quale soluzione fornisce ROLAND? L Assicurato trasferisce il rischio delle Spese Legali a ROLAND Cosa si intende per Spese Legali? Chart 2 Spese Proprio Avvocato

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI

FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI FAMIGLIA DI REATI REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Gli artt. 24 e 25 del Decreto introducono quali reati presupposto della responsabilità amministrativa dell Ente

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

A. PRINCIPI GENERALI B. ADESIONE ALLA CARTA DEI VALORI DELLA LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE CODICE ETICO

A. PRINCIPI GENERALI B. ADESIONE ALLA CARTA DEI VALORI DELLA LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE CODICE ETICO Pagina 1 di 6 CODICE ETICO 1. INTRODUZIONE La Cooperativa CFP Soc. Coop. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli affari compromettono la reputazione della stessa Società ed ostacolano

Dettagli

Audizione presso la Commissione Industria del Senato della Repubblica. Ddl Concorrenza. Roma, 18 novembre 2015

Audizione presso la Commissione Industria del Senato della Repubblica. Ddl Concorrenza. Roma, 18 novembre 2015 Audizione presso la Commissione Industria del Senato della Repubblica Ddl Concorrenza Roma, 18 novembre 2015 Premessa: Andi è il Sindacato di categoria più rappresentativo del mondo odontoiatrico italiano,

Dettagli

I REATI EX D.LGS. 231/2001

I REATI EX D.LGS. 231/2001 I REATI EX D.LGS. 231/2001 Il Decreto Legislativo 231/2001, nella sua stesura originaria, elencava, tra i reati dalla cui commissione è fatta derivare la responsabilità amministrativa degli Enti, esclusivamente

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001 Presentazione Il decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa

Dettagli

Massimiliano Carnevali Head of Listed Companies Compliance & Disclosure Department Borsa Italiana. 5 Maggio 2006 8 Maggio 2006

Massimiliano Carnevali Head of Listed Companies Compliance & Disclosure Department Borsa Italiana. 5 Maggio 2006 8 Maggio 2006 Gli obblighi di informativa privilegiata (price sensitive), il registro degli Insiders e le segnalazioni di Internal Dealing a seguito del recepimento della Direttiva Market Abuse Massimiliano Carnevali

Dettagli

CODICE ETICO (ANCPL)

CODICE ETICO (ANCPL) Aggiornamento al 02.07.2012 CODICE ETICO (ANCPL) APPROVATE LE MODIFICHE CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 04/09/2012 Firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

Codice Etico SORMA S.p.A. CODICE ETICO. SORMA S.p.A.

Codice Etico SORMA S.p.A. CODICE ETICO. SORMA S.p.A. CODICE ETICO SORMA S.p.A. APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 01/09/2013 1 INTRODUZIONE... 3 2 I PRINCIPI DEL CODICE ETICO... 3 2.1 PRINCIPI GENERALI... 3 2.2 PRINCIPIO DI LEGALITÀ...

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I LINEAMENTI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA di Adelmo Manna INTRODUZIONE AL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA. ... Pag.

INDICE SOMMARIO. Parte I LINEAMENTI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA di Adelmo Manna INTRODUZIONE AL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA. ... Pag. Parte I LINEAMENTI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA di Adelmo Manna INTRODUZIONE AL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA... Pag. 3 Capitolo I I BENI GIURIDICI TUTELATI 1. I beni giuridici di rilievo costituzionale...

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore legale

La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore legale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L ATTIVITÀ DI REVISIONE LEGALE E VIGILANZA DEL COLLEGIO SINDACALE IN SITUAZIONE DI CRISI D IMPRESA La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli