AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012"

Transcript

1 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

2 AGENDA Il Bando INAIL I vantaggi del sistema di gestione per la sicurezza L illustrazione delle condizioni di efficacia del Modello 231 Le possibili soluzioni sull integrazione tra Modello 231 e sistemi di gestione

3 L OCCASIONE DISPONIBILITA DEI FONDI INAIL OBIETTIVO Incentivare le imprese a realizzare interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Possono essere presentati progetti di investimento e per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. Sono ammessi a contributo del 50% al netto deli IVA i progetti per l implementazione di un Sistema di Gestione della sicurezza o l adozione di Modelli organizzativi 231 per una sola unità produttiva Le domande potranno essere compilate e salvate mediante procedura informatica attiva sul portale INAIL, sezione Punto cliente fino alle ore 18 del 7 marzo 2012 Presentazione delle richieste dal 14 marzo 2012 sul sito INAIL tramite procedura informatica e conferma tramite posta elettronica certificata Valore massimo spese consulenza calcolato secondo parametri indicati in una Nota Tecnica pubblicata sul sito INAIL sulla valutazione di congruità economica (n. dipendenti, grado complessità riferito al settore di attività, fatturato )

4 La Tabella INAIL congruità economica Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

5 PARAMETRI PER IL PUNTEGGIO Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

6 PARAMETRI VALUTAZIONE PROGETTO La stessa unità locale può avere diverse PAT (posizione assicurativa territoriale ) che corrispondono ai diversi rischi assicurati (ad esempio, operai ed impiegati). Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

7 LA DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

8 L ASSUNTO Migliorare la qualità e l efficacia della valutazione dei rischi Realizzare un sistema di Governance sul controllo integrato dei rischi aziendali sulla sicurezza

9 LA SOLUZIONE Non sempre è possibile una differenziazione operativa fra il controllo dei rischi sulla sicurezza del lavoro e sull ambiente OCCORRONO 1. SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATI 2. ADOZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA CERTIFICATI 3. SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DOCUMENTALE GOVERNATI DAL MODELLO 231

10 I Vantaggi organizzativi OHSAS potenziale riduzione del numero di infortuni individuare e tenere sotto controllo i potenziali rischi assicurare il rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza Garantire miglior efficacia dei processi interni Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

11 I Vantaggi economici OHSAS riduzione del premio INAIL riduzione al minimo o addirittura eliminazione delle sanzioni, dei premi assicurativi, delle citazioni in giudizio riduzione dei costi della non sicurezza riduzione dei tempi di inattività e dei costi associati a causa degli infortuni accesso alle agevolazioni nelle procedure di finanziamento e semplificazioni burocratiche/amministrative Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

12 I Vantaggi per le parti interessate costruire e diffondere una cultura della sicurezza e della prevenzione nei luoghi di lavoro migliorare la credibilità all esterno ed all interno, con aumento di quote di mercato dimostrare ai soggetti coinvolti il proprio impegno nei confronti di salute e sicurezza accresce il profilo e l entusiasmo del personale attraverso la soddisfazione delle aspettative di miglioramento Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

13 I Vantaggi d immagine salvaguardare la reputazione aziendale favorire la penetrazione su altri mercati dimostrare la conformità legislativa e normativa dimostrare un approccio innovativo e all'avanguardia migliorare il rapporto e la comunicazione con le Autorità Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

14 D.Lgs. 231/01: FINALITA DELLA NORMA 1. Indurre le aziende a creare un sistema di controlli finalizzati a prevenire la commissione di particolari reati 2. Impedire mediante la corretta individuazione delle responsabilità individuali che le aziende traggano profitto da comportamenti illeciti di - amministratori - dipendenti - terzi

15 CONSEGUENZE Nel caso di illecito commesso da RESPONSABILITA PENALE DELLA a) persone che rivestono PERSONA FISICA funzioni di rappresentanza amministrazione e direzione + b) Persone sottoposte alla direzione RESPONSABILITA o alla vigilanza dei soggetti di cui AGGIUNTIVA alla lettera a) DELLA SOCIETA da non confondere con la responsabilità degli amministratori

16 Delineare: -CODICE ETICO -SISTEMA DISCIPLINARE FATTORI CHE CARATTERIZZANO IL MODELLO Individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati IL MODELLO DEVE Prevedere obblighi di informazione nei confronti dell organismo deputato a vigilare sulla sua osservanza Prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l attuazione delle decisioni dell azienda in relazione ai reati da prevenire (comprendono le funzioni amministrative)

17 ANALISI DEI RISCHI Occorre definire: - le funzioni all interno delle quali vengono svolte le attività sensibili - le scale quantitative/qualitative sula base delle quali vengano soppesati i rischi di esposizione ai reati per probabilità ed impatto - un documento di valutazione dei rischi con l indicazione dei presidi adottati - l istituzione di specifiche modalità di registrazione delle attività esposte ai rischi più rilevanti La pianificazione e l applicazione di un metodo di rilevazione, analisi e valutazione dei rischi possono essere previste in una specifica procedura gestionale che: associ alle attività sensibili i rischi inerenti alla commissione di reati, richiami i controlli espletati, individui lo standard di compilazione del - DVR - del documento di valutazione degli effetti ambientali

18 IN CONCRETO Il Modello organizzativo deve comprendere: un articolazione di competenze e poteri necessari per la valutazione, gestione e controllo del rischio, un insieme di principi etici da applicare nella pratica aziendale, un sistema di procedure documentate (protocolli), idonei sistemi di registrazione dei controlli effettuati, un organo che verifichi l idoneità e l efficacia del Modello stesso, adeguati piani di formazione, un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto dei presidi di controllo.

19 LA VIGILANZA SUL MODELLO È prevista la costituzione di uno specifico organismo dotato di autonomi poteri 1) di iniziativa 2) di controllo responsabile della vigilanza sul funzionamento del modello

20 IN SINTESI Autonomia e indipendenza - autonomi poteri di spesa - nessun sindacato sull iniziativa e sulle modalità operative - libero accesso a tutte le informazioni Professionalità dotato di specifiche competenze -nelle tecniche ispettive -nella consulenza sull analisi dei sistemi di controllo -nell interpretazione giuridica Continuità di azione in grado di documentare l esercizio di verifiche su singole procedure ed il riesame periodico del Modello

21 POSSIBILITA DI INTEGRAZIONE CON ALTRI SISTEMI possibilità di utilizzare per la redazione del sistema di controllo l impianto dei manuali e delle procedure gestionali dei sistemi di gestione della sicurezza e dell ambiente definizione delle regole di comportamento e dei flussi informativi per l Organismo di Vigilanza tramite apposite Istruzioni Operative integrate nelle procedure gestionali della sicurezza e dell ambiente verifica dei comportamenti non conformi all applicazione del Modello 231, trattamento dei problemi e riesame del Modello tramite gli stessi strumenti di monitoraggio e le azioni preventive e correttive previste dal quality management (indipendentemente dalle certificazioni di cui si disponga )

22 SPECIFICITÀ PER REATI SICUREZZA I Modelli 231 applicabili alla prevenzione dei reati sulle lesioni gravi e sull omicidio dei lavoratori devono essere definiti conformemente alle linee guida UNI-INAIL o al British Standard OHSAS 18001:2007 per un SGSL per ritenersi conformi ai requisiti previsti dal D.lgs. 81/08

23 CHIARIMENTI 1. Non c è identità tra SGSL certificato e Modello 231 applicato ai reati sulla sicurezza sul lavoro 2. L applicazione di un sistema basato sulla norma contrattuale BS OH SAS 18001:2007 è conforme ai requisiti definiti dall art. 30 del t.u. ( D. Lgs. 81/2008 ) ma non può ritenersi condizione di esimente dalla responsabilità amministrativa d impresa (D. Lgs. 231/2001)

24 CONDIZIONE ESIMENTE L esimente dalla responsabilità dell impresa realizza se questa è in grado di provare: offerta dal Decreto 231 si che ha preventivamente adottato ed efficacemente attuato Modelli organizzativi e di gestione idonei a individuare e prevenire reati della specie di quello verificatosi; che ha affidato ad un proprio organismo dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo il compito di vigilare sul funzionamento e l osservanza dei Modelli e di curarne il loro aggiornamento; la violazione fraudolenta dei Modelli da parte degli autori del reato; la diligenza dei soggetti incaricati della gestione e del controllo.

25 SPECIFICITA PER REATI AMBIENTALI Nel nuovo decreto non si fa riferimento alle certificazioni volontarie ambientali ( ISO ed EMAS ) come possibili standard ai quali fare riferimento per una conforme applicazione dei MODELLI 231 Esiste tuttavia una similitudine organizzativa tra le modalità di prevenzione dei reati ambientali e quelle riferibili alla prevenzione dei reati sulla sicurezza ( i contenuti della OH SAS ricalcano quelli della ISO ) impianto Ne consegue la possibilità di utilizzare lo stesso sull organizzazione delle procedure, delle responsabilità, delle pratiche operative, dei presidi di controllo e degli audit

26 TIPOLOGIE DI REATI CONSIDERATI nel D. Lgs. 231/01 REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REATI SOCIETARI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE DELITTI IN MATERIA DI TERRORISMO E DI EVERSIONE DELL ORDINE DEMOCRATICO REATI DI FALSITÀ IN MONETA, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO E IN VALORI BOLLATI ABUSI DI MERCATO DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI RICICLAGGIO SICUREZZA SUL LAVORO REATI DI CONTRAFFAZIONE REATI AMBIENTALI

27 I servizi AQM per l implementazione della OHSAS Analisi del quadro normativo e stato di adeguamento Sviluppo della documentazione necessaria Implementazione del Sistema integrato ad altri sistemi già esistenti Assistenza agli audit da parte dell Organismo di certificazione Formazione Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

28 I SERVIZI AQM PER IL MODELLO 231 Check preventivo sullo stato del sistema organizzativo Predisposizione del progetto sul Modello 231 articolato sui processi considerati sulla base : della mappatura dei rischi inerenti, di un unico sistema di qualificazione dei fornitori, di una modalità di rilevazione unificata delle tipologie di non conformità, dell adozione di un sistema integrato di verifiche interne. Formazione sulla conoscenza del Modello 231 applicato Coerenza del sistema di controllo del Modello con i requisiti delle norme OH SAS ed ISO per le aziende certificate o che intendano certificarsi

29 SERVIZI INTEGRATIVI A) Redazione del Regolamento dell Organismo di Vigilanza B) Percorsi formativi per OdV e Sindaci, Dirigenti e personale occupato C) Primo riesame del Modello integrato congiuntamente all OdV D) Completamento del Modello per la prevenzione di altri reati E) Sviluppo di un sistema informativo ad uso dell OdV F) Contratto di manutenzione e assistenza sul Modello - assistenza a distanza - supporto per gli audit

30 SEGUE SERVIZI INTEGRATIVI Offerta della pubblicazione: Audit del Modello 231 Linee guida e check list di riferimento domande per le verifiche di idoneità ed efficacia utile per le aziende che abbiano intenzione di sviluppare in proprio il Modello o che intendano approfondire come supportare l OdV per l esercizio delle verifiche prima o a seguito della progettazione del Modello La pubblicazione viene fornita in formato elettronico, liberamente sezionabile o rielaborabile per le esigenze interne all azienda Costo della pubblicazione ( con diritto a ricevere gratuitamente gli aggiornamenti ) 100,00

31 POSSIBILI PROGETTI FINANZIABILI 1. Adozione di un sistema sicurezza conforme alle BS OH SAS senza integrarlo con il MODELLO 231 miglioramento delle conoscenze da parte del datore di lavoro e possibilità di ottenere risparmi mantenimento delle difficoltà sulla distinzione delle responsabilità tra datore di lavoro e delegati impossibilità di applicare l esimente sulla responsabilità amministrativa Adozione di un modello organizzativo e gestionale ex D.Lgs 231/01 Introduzione di un sistema integrato Miglioramento efficienza ed efficacia dei controlli distinzione delle responsabilità possibilità di estendere il sistema dei controlli possibilità di ulteriori risparmi Applicazione dell esimente sulla responsabilità amministrativa

32 ALTRI CONTRIBUTI: Fondi per la Formazione Seminari e Corsi a calendario presso sede AQM su argomenti relativi al Sistema di Gestione della Sicurezza, dell ambiente e all applicazione del Modello 231 (sviluppo del sistema, modalità di integrazione, gestione audit, sviluppo manualistica), con possibilità di finanziamento fino al 100% tramite l utilizzo dei voucher Fondimpresa, l adesione a progetti AQM o bando CCIAA. Corsi presso le sedi aziendali sulla metodologia e sull'illustrazione dei contenuti delle norme di riferimento con possibilità di presentare Piani Formativi a copertura del 100% delle spese su Fondi interprofessionali (Fondimpresa, FAPI, Fondartigianato, ecc.) Cod Sch.: : S-P7/10-12 Data Scheda: 03/2009 Rev. Scheda: 0

33 Per ulteriori informazioni Nadia Zilio Resp. consulting e formazione AQM Tel

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 ( RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA D IMPRESA) La norma

Dettagli

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas Il modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/01 e il reato connesso ad omicidio o lesioni personali gravi e gravissime in violazione di norme sulla prevenzione degli infortuni

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

Roma: 27 Ottobre 2015 Corte di Cassazione

Roma: 27 Ottobre 2015 Corte di Cassazione Idoneità dei Modelli organizzativi e di gestione secondo il d.lgs. 81/08, e rapporto con i Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro conformi allo standard BS OHSAS 18001:2007 Roma: 27 Ottobre

Dettagli

Circolare Informativa

Circolare Informativa Circolare Informativa Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 7 marzo 2010 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LE SOCIETÀ DI CAPITALI EX D.LGS. N.231/2001 CERTIFICAZIONE SICUREZZA AZIENDALE OHSAS 18001 Ricordiamo

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014

La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014 La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014 Ing. Carmine Esposito CON.T.A.R.P. - INAIL D.R. LOMBARDIA 1 Dinamiche

Dettagli

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA Sicurezza sul lavoro Il D. Lgs. 81/08 nelle strutture sanitarie alla luce delle nuove modifiche I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture

Dettagli

Decreto legislativo 231/01 e Sistemi di Gestione

Decreto legislativo 231/01 e Sistemi di Gestione Decreto legislativo 231/01 e Sistemi di Gestione Ivo Caldera Coordinatore Gruppo di Studio AFI Sicurezza e Igiene Ambientale RISK MANAGEMENT E BUSINESS CONTINUITY Milano, 26 marzo 2015 26/03/15 Ivo Caldera

Dettagli

BENEFICI DEI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E SICUREZZA CERTIFICATI

BENEFICI DEI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E SICUREZZA CERTIFICATI BENEFICI DEI SISTEMI DI GESTIONE QUALITA E SICUREZZA CERTIFICATI CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 Armando Romaniello Direttore Marketing CERTIQUALITY D.LGS. 231/01 Legge 123/07 BS

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

IL D.LGS. 231/01 ED IL RUOLO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

IL D.LGS. 231/01 ED IL RUOLO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO IL REATO DI LESIONI COLPOSE IN AMBITO DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO E RESPONSABILITÀ DELL IMPRESA AI SENSI DELL ART. 25-SEPTIES D.LGS. 231/01 IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE

NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE PER CREARE UN VANTAGGIO IN GRADO DI GESTIRE L IMPRESA CON UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

01-02 - 03-04 - VANTAGGI E BENEFICI

01-02 - 03-04 - VANTAGGI E BENEFICI Indice: 01 - Cosa è un SGSL 02 - Cosa è un MOG 03 - Differenze tra SGSL e MOG 04 - VANTAGGI E BENEFICI del SGSL e del MOG 05 - Lo SGRAVIO del Premio Assicurativo INAIL 06 - L opportunità del FINANZIAMENTO

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI Integrazione 231 e SGS M.G.Marchesiello Bologna 5 giugno 2014 L. 3.08.2007 n. 123 Misure in tema di tutela della salute

Dettagli

I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione. Mario Cugno

I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione. Mario Cugno D.Lgs. 231/2001 e Modelli Organizzativi: configurazione e buone prassi I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione Area Manager Certiquality Sicilia m.cugno@certiquality.it 3351689047

Dettagli

INTRODUZIONE. n. 012 - MARZO 2014. Dott. Ing. G. GAETANI

INTRODUZIONE. n. 012 - MARZO 2014. Dott. Ing. G. GAETANI PUBBLICATO IL DECRETO MINISTERIALE CHE RECEPISCE LE PROCEDURE SEMPLIFICATE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) DELLA SICUREZZA NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE IL MOG È ESIMENTE DELLA RESPONSABILITÀ

Dettagli

RESPONSABILITA' DI EMISSIONE, VERIFICA ED APPROVAZIONE

RESPONSABILITA' DI EMISSIONE, VERIFICA ED APPROVAZIONE Pag. 1 di 5 01 Integrazione DM 13.02.2014, revisione tabella evidenze, Giugno 2014 modalità di individuazione interesse / vantaggio, par. Compiti e responsabilità 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione

Dettagli

www.gardaland.it Codice di Comportamento

www.gardaland.it Codice di Comportamento www.gardaland.it Codice di Comportamento Castelnuovo del Garda, marzo 2009 PREMESSA La Salute e la Sicurezza sono le nostre priorità più importanti, e la Direzione di GARDALAND S.r.l. si impegna a migliorarle

Dettagli

Imprese grandi/imprese piccole

Imprese grandi/imprese piccole Imprese grandi/imprese piccole La sensazione diffusa, non corroborata da dati statistici, è che l adozione delle misure di sicurezza sia disomogenea: migliore nelle grandi opere, dove sono coinvolte imprese

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

Avv. Carlo Autru Ryolo

Avv. Carlo Autru Ryolo Gestione della responsabilità amministrativa L'apparato organizzativo della D.Lgs. 231/01 e il Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa L'APPARATO ORGANIZZATIVO DELLA D.LGS. 231/01 Disciplina

Dettagli

Integrare la SSL nella gestione complessiva delle organizzazioni

Integrare la SSL nella gestione complessiva delle organizzazioni Asseverazione dei Modelli di Organizzazione e di Gestione della Sicurezza nelle Imprese Edili Milano, 21 aprile 2015 AULA MAGNA PALAZZO DI GIUSTIZIA TRIBUNALE DI MILANO Via Freguglia, 1 F. Benedetti INAIL

Dettagli

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori Bastia Umbra, 21 maggio 2012 dr. Armando Mattioli Art. 15. (Misure

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 PARTE SPECIALE E REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Dettagli

Governance: la responsabilità amministrativa. Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY

Governance: la responsabilità amministrativa. Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY Governance: la responsabilità amministrativa INNOVATION Energy Marine Business Assurance Transport & Infrastructures ENVIRONMENT & SUSTAINABILITY Corporate Governance delle Imprese (D.Lgs.231/2001) L introduzione

Dettagli

TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI. PLENUM Consulting Group S.r.l.

TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI. PLENUM Consulting Group S.r.l. TAVOLI DI LAVORO 231 PROGRAMMA DEI LAVORI N. 1559 UNI EN ISO 9001:2008 PLENUM Consulting Group S.r.l. Via San Quintino, 26/A 10121 TORINO -ITALY Tel +39 011 812 47 05 Fax +39 011 812 70 70 E-mail: plenum@plenum.it

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

SGSL quali vantaggi? Linee guida e casi pratici

SGSL quali vantaggi? Linee guida e casi pratici 13a GIORNATA della SICUREZZA sul LAVORO SGSL quali vantaggi? Linee guida e casi pratici Andamento infortunistico del 2011 Comunicato stampa del 27 aprile 2012 Le stime INAIL sull andamento infortunistico

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 1 Le origini del decreto 1977 (USA): Foreign Corrupt Practices Act 1995 (UE): Convenzione sulla tutela finanziaria delle Comunità

Dettagli

Ing. Alberto Rencurosi

Ing. Alberto Rencurosi 28.05.2015 Ing. Alberto Rencurosi Lead auditor SQS (ISO9001, ISO14001, OHSAS18001, ISO 50001) Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) 1 Testo Unico e sistemi di gestione della

Dettagli

I Modelli Organizzativi 231

I Modelli Organizzativi 231 By Asso231 Rev 03 I Modelli Organizzativi 231 Il tassello mancante alla tua organizzazione. Guida alla realizzazione pratica ed all integrazione con i sistemi di gestione del rischio aziendale. Ing. Ciro

Dettagli

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA I modelli di organizzazione e gestione ex art. 30 D. Lgs. 81/08 in connessione con il D. Lgs. 231/01 Pesaro, Hotel Flaminio, 12 febbraio 2010 Collegio Provinciale

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 DECRETO LEGISLATIVO 231/01 Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto per la prima volta nell ordinamento giuridico italiano il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da

Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da Indice Introduzione Formazione Parte 1 Cosa prevede la legge Principali riferimenti legislativi

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Il DM 13 febbraio 2014, approvato dalla Commissione Consultiva nella seduta del 27 novembre 2013, ha lo scopo di attuare quanto previsto dal comma

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE articolo 25 septies D.Lgs 231/01

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE articolo 25 septies D.Lgs 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE articolo 25 septies D.Lgs 231/01 Idoneo a prevenire i reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime con violazione delle norme antinfortunistiche

Dettagli

D.Lgs. 81/08, Testo Unico Sicurezza e la correlazione con i Sistemi di Gestione certificabili BS OHSAS 18001

D.Lgs. 81/08, Testo Unico Sicurezza e la correlazione con i Sistemi di Gestione certificabili BS OHSAS 18001 D.Lgs. 81/08, Testo Unico Sicurezza e la correlazione con i Sistemi di Gestione certificabili BS OHSAS 18001 CERTIQUALITY VIA G. GIARDINO, 4 20123 MILANO TEL. 02-806917.1 certiquality@certiquality.it www.certiquality.it

Dettagli

Corso di qualifica per Auditor 231, componente OdV 231 ed Esperto 231

Corso di qualifica per Auditor 231, componente OdV 231 ed Esperto 231 Corso di qualifica per Auditor 231, componente OdV 231 ed Esperto 231 dedicato all Un percorso formativo che permette di certificare il possesso di requisiti e competenze necessarie a realizzare, gestire

Dettagli

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014 D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni M. Mengoli 5 giugno 2014 Il D. Lgs. 231/01 introduce una nuova fattispecie di responsabilità da reato Reato nell organizzazione è imputabile

Dettagli

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net NETWORK SICUREZZA leader thinks simplicity La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net I SISTEMI DI GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI OHSAS 18001 LINEE GUIDA UNI-INAIL UNI

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA

Dettagli

Ambiente e Lavoro 2015 IL RUOLO DEL PROFESSIONISTA TECNICO NELLA COSTRUZIONE E GESTIONE DEL MODELLO 231

Ambiente e Lavoro 2015 IL RUOLO DEL PROFESSIONISTA TECNICO NELLA COSTRUZIONE E GESTIONE DEL MODELLO 231 Ambiente e Lavoro 2015 IL RUOLO DEL PROFESSIONISTA TECNICO NELLA COSTRUZIONE E GESTIONE DEL MODELLO 231 Alessandro sand Foti Amministratore Unico co, E.S.H.Q. Consulting srl CHI SIAMO SETTALA (MI) MARSALA

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RHRG00 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI Rev. 01 2014.10.20 Pagine 10 Pagina 1 RHRG00 REVISIONE 01 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RAVENNA HOLDING S.P.A. Via Trieste, 90/A - 48122 Ravenna

Dettagli

Analisi del rischio d impresa e sicurezza sul lavoro

Analisi del rischio d impresa e sicurezza sul lavoro Analisi del rischio d impresa e sicurezza sul lavoro Dott. Massimo Viani Holiday Inn Congress Centre S.Martino Buon Albergo VR Giovedì 6 maggio 2010 Non è il piu forte, né il più intelligente che sopravvive.

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice Comportamento Aziendale.docV. 1.1 del 01/07/2013 1 Introduzione Il Codice di

Dettagli

L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro.

L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro. L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro. ing-. Laura Dizorz INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia C.T.E Udine, 21 gennaio 2010

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO CIRES BOLOGNA FERRARA Soc. Coop. Via Scipione Dal Ferro 19/a 40138 BOLOGNA Tel. 051/30.88.79 Fax 051/34.22.42 E-mail: ufficiotecnico@cires-bo.it Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi

Dettagli

La Responsabilità Amministrativa delle Imprese

La Responsabilità Amministrativa delle Imprese D.Lvo 81/08 - D.Lvo 106/09 T.U. T.U. Sicurezza e Salute sul Lavoro La Responsabilità Amministrativa delle Imprese NEW Il T.U. Tutto come prima eppure Tutto è cambiato Questo apparente paradosso descrive

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI

I SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI I SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI Cagliari 6 ottobre 2008 CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 Antonio Molle Responsabile Sardegna CERTIQUALITY CERTIQUALITY SALUTE E SICUREZZA ENERGIA

Dettagli

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001 Presentazione Il decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. n.231 DEL 2001 PRINCIPI ED ELEMENTI DI RIFERIMENTO PARTE SPECIALE C - CODICE DISCIPLINARE INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3 1.1

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

POLISTUDIO. Modulo 1

POLISTUDIO. Modulo 1 Modulo 1 TEORIA DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE Sistemi di gestione: definizione Con tale termine si intendono tutti i sistemi di gestione organizzativi implementati nelle organizzazioni nei diversi

Dettagli

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca Sommario - I fatti illeciti a vantaggio o nell interesse dell organizzazione - Le fattispecie di reato rilevanti - I modelli di organizzazione e controllo e la mappatura dei processi a rischio Il D. Lgs.

Dettagli

Salute e sicurezza del lavoro non costi, ma benefici

Salute e sicurezza del lavoro non costi, ma benefici Azienda certificata ISO 9001:2008 Settore Formazione E A 37 certificato BSI n FS 544260 Salute e sicurezza del lavoro non costi, ma benefici dott. Enrico Nocchi Presidente EPA S.r.l. 1 Premessa «La promozione

Dettagli

Opportunità di finanziamento per l adozione del «modello 231»

Opportunità di finanziamento per l adozione del «modello 231» Opportunità di finanziamento per l adozione del «modello 231» di Dario Soria (*) e Marcello Ciocia (**) Nonostante il mercato non offra incentivi ed agevolazioni direttamente mirate all adozione dei modelli

Dettagli

Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia - Con.T.A.R.P. Trieste, 21 gennaio 2010

Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia - Con.T.A.R.P. Trieste, 21 gennaio 2010 Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro: la verifica di efficacia dei modelli gestionali nella prevenzione degli infortuni e malattie professionali. Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia

Dettagli

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen Sistemi di gestione della salute e sicurezza del lavoro e l Assicurazione INAIL Trento, 8 Novembre 2011 Con il di D.Lgs 231/2001REATI SICUREZZA

Dettagli

La responsabilità amministrativa dell impresa e la sicurezza sul lavoro.

La responsabilità amministrativa dell impresa e la sicurezza sul lavoro. La responsabilità amministrativa dell impresa e la sicurezza sul lavoro. Carmine Esposito Ingegnere INAIL - Milano Si precisa che le considerazioni esposte nel presente articolo sono frutto esclusivo del

Dettagli

INTRODUZIONE CHE COSA E IL D.LGS. 231/01? n. 026 - GIUGNO 2014

INTRODUZIONE CHE COSA E IL D.LGS. 231/01? n. 026 - GIUGNO 2014 AUDIT INFORMATICO PER PREVENIRE I REATI INFORMATICI (ART. 24 BIS D.LGS. 231/01) E ANNULLARE LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELL IMPRESA NEL RISPETTO DEL CODICE DELLA PRIVACY (D.LGS. 196/03) E DELLO STATUTO

Dettagli

L impostazione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGL) dott.ing.chiara Anselmi

L impostazione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGL) dott.ing.chiara Anselmi L impostazione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGL) dott.ing.chiara Anselmi La metodologia del miglioramento continuo PLAN 1- Definizione dell area di valutazione/intervento

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

Aggiornamento professionale

Aggiornamento professionale ROBERTO DE LORENZIS E GIUSEPPE VIBRACCI Premessa Sicurezza Lavoro I modelli organizzativi La responsabilità amministrativa degli Enti, introdotta nel nostro ordinamento dal D. Lgs. n. 231/2001, costituisce

Dettagli

Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01

Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01 Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01 Consultec Srl Cos è il D.Lgs. n. 231/01 Il D.Lgs. n. 231/2001 ha introdotto nel nostro ordinamento il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework

ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework Gazoldo degli Ippoliti MN_28 nov 2014 Dr. Giancarlo Campilli_Resp. Divisione Formazione 1 Di cosa

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA Adozione con delibera Consiglio di Amministrazione del 15 Aprile 2009 INDICE INDICE... 2 1. Funzione

Dettagli

Allegato B. Mappatura delle Aree a rischio reato

Allegato B. Mappatura delle Aree a rischio reato Allegato B Mappatura delle Aree a rischio reato Reati nei rapporti con la Pubblica Amministrazione L art. 6, comma 2, lett. a) del d.lgs. 231/2001 indica, come uno degli elementi essenziali dei modelli

Dettagli

La gestione della sicurezza nella scuola. Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo

La gestione della sicurezza nella scuola. Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo La gestione della sicurezza nella scuola Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo 1 Sommario Organizzazione e gestione Criticità Percorso per la certificazione sulla sicurezza: progetto risk managament

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DEL SISTEMA QUALITA' MODELLO DI PREVENZIONE REATI EX D.LGS. 231/01. Modello organizzativo e gestionale ex D.Lgs. 231/2001 e s.m.i.

DOCUMENTAZIONE DEL SISTEMA QUALITA' MODELLO DI PREVENZIONE REATI EX D.LGS. 231/01. Modello organizzativo e gestionale ex D.Lgs. 231/2001 e s.m.i. DOCUMENTAZIONE DEL SISTEMA QUALITA' MODELLO DI PREVENZIONE REATI EX D.LGS. n/a n/a n/a n/a 1 5/05/09 Emissione MCK MCK n/a Canetta Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato RC Committente: Codice

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

La struttura dei SGSL

La struttura dei SGSL La struttura dei SGSL Le implementazioni finalizzate alla efficacia esimente dalla responsabilità amministrativa Art. 30 d.lgs. n. 81/2008 Roberto Gallanelli Genova, 16 settembre 2015 Il fenomeno infortunistico

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

profilo e professionalità

profilo e professionalità 1 profilo e professionalità Besant Srl nasce dall idea di un gruppo di professionisti qualificati nel settore del lavoro, con l intento di operare nel campo dei servizi alle imprese. Besant Srl orienta

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA NELLE IMPRESE. (Dr.ssa Silvana Toriello)

SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA NELLE IMPRESE. (Dr.ssa Silvana Toriello) SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA NELLE IMPRESE (Dr.ssa Silvana Toriello) PREMESSA Nei paragrafi che seguono si intende analizzare il complesso intreccio

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 OHSAS 18001. Revisione 00. 22 marzo 2012. Sara Zullo (Firma) Preparato da

BS OHSAS 18001:2007 OHSAS 18001. Revisione 00. 22 marzo 2012. Sara Zullo (Firma) Preparato da 22 marzo 2012 OHSAS 18001 BS OHSAS 18001:2007 Revisione 00 Preparato da Sara Zullo (Firma) Altea S.p.A. Strada Cavalli 42, 28831 Feriolo di Baveno (VB) T +39 0323 280811 F +39 0323 2808110 www.alteanet.it

Dettagli

Fornitori d Eccellenza

Fornitori d Eccellenza Fornitori d Eccellenza Dal 1994 Consulenza e Formazione Aziendale www.gestaonline.it Sistemi gestionali Sicurezza sul lavoro Ambiente Modelli 231 Direzione aziendale La nostra missione è quella di aiutare

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007 I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007 CHIARA LECIS Co.Meta 25 Giugno 2008 I Sistemi di Gestione per la Sicurezza 1 SGSL: tra adempimenti normativi e miglioramento della gestione

Dettagli

La comunicazione interna ed esterna nel Modello 231

La comunicazione interna ed esterna nel Modello 231 La comunicazione interna ed esterna nel Modello 231 di Dario Soria (*) e Marcello Soria (**) L attività di comunicazione interna ed esterna rappresenta per i modelli organizzativi la cartina al tornasole

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01 VICINI S.p.A. INDICE PRIMA PARTE... 4 1) Il decreto legislativo n. 231/ 2001... 4 2) La struttura del decreto... 4 3) Sanzioni applicabili... 7 4) Azioni

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

POF AVVOCATI 2014. Responsabilità degli enti per reati in materia di sicurezza sul lavoro. Mario Zanchetti Mercoledì 9 luglio 2014

POF AVVOCATI 2014. Responsabilità degli enti per reati in materia di sicurezza sul lavoro. Mario Zanchetti Mercoledì 9 luglio 2014 POF AVVOCATI 2014 Responsabilità degli enti per reati in materia di sicurezza sul lavoro Mario Zanchetti Mercoledì 9 luglio 2014 1 Scopi della normativa Rendere antieconomica per l imprenditore la condotta

Dettagli

SERVIZI SERNET PER ASSOCIATI FEDERLEGNO

SERVIZI SERNET PER ASSOCIATI FEDERLEGNO SERVIZI SERNET PER ASSOCIATI FEDERLEGNO Breve descrizione di Sernet SpA e del Gruppo Sernet SpA Management Advisory (www.sernetadvisory.it) parte del Gruppo Sernet (www.sernet.it) è una società di consulenza

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 PARTE GENERALE 1. Premessa Il Decreto legislativo 8 giugno 2001, n 231 (d ora in avanti D. Lgs. 231/01 o il decreto)

Dettagli

La predisposizione di Modelli organizzativi preventivi dei reati in materia di salute e sicurezza del lavoratore

La predisposizione di Modelli organizzativi preventivi dei reati in materia di salute e sicurezza del lavoratore La predisposizione di Modelli organizzativi preventivi dei reati in materia di salute e sicurezza del lavoratore Indicazioni per le piccole e medie Cooperative Indice Il futuro della salute e sicurezza........................................3

Dettagli