Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN Theory, Technology and History of Education CICLO XXV TITOLO DELLA TESI Teatro come esperienza pedagogica TUTOR Chiar.mo Prof. Michele Corsi co-tutor Chiar.mo Prof. Giuseppe Spadafora DOTTORANDO Dott.ssa Vincenza Costantino COORDINATORE Chiar.mo Prof. Roberto Sani ANNO

2 Cinque piccoli passi fra teatro e educazione. Nell'accostare i termini pedagogia e teatro non si può mettere da parte il compito epistemologico sotteso nell'affrontare in particolare il primo dei due termini in questione e, in maniera tangenziale e conseguente, pure il secondo; coscienti, innanzitutto di stare avvicinando non due parole e le rispettive letterature, ma due domini differenti e, per certi versi, indifferenti l'uno all'altro, per origini, storia, percorsi, progettualità, crisi, risultati. Semplificando al massimo, e le semplificazioni possono essere chiarificatrici se non assunte dogmaticamente: si sta, nel primo caso, nell'ambito di una scienza, nel secondo nell'ambito di un'arte. Entrambi gli ambiti, per motivi differenti, sono problematici, critici, dai confini indefiniti. In effetti la pedagogia è scienza del tutto particolare, ostile alla scientificità, per fondamenti, metodologie e aspettative, eppure refrattaria al morbido assorbimento nell'alveo dei saperi filosofici e umanistici. Teatro è arte in una sua maniera unica e pericolosa che da sempre la rende fluttuante e la costringe a migrare ora nella letteratura, ora nelle arti sceniche, ora nelle pratiche attoriali, eppure questo suo essere apolide ne fortifica per paradosso la specificità artistica, quella dimensione dal vivo, dell'hic et nunc, che la caratterizza e la rende inafferrabile quanto irripetibile. Il quesito che in questa tesi si vuole proporre e che si tenterà di sciogliere è il seguente: se e in che maniera una scienza problematica come la pedagogia può incontrare in una prospettiva interessante e proficua per il suo stesso sviluppo e la sua attualizzazione nella contemporaneità un'arte, anch'essa di natura problematica come quella del teatro? L accostamento parte da lontano e possiede una storia significativa. Esistono e sono documentate, sebbene non in maniera sistematica, convergenze fra la pedagogia e il teatro nel loro articolarsi che vede l'alternanza inesausta del prevalere ora della teoria ora della prassi, portando ricadute e aprendo prospettive ora nell'ambito della speculazione filosofica ora in quelli più pratici e applicativi ma, soprattutto, nei settori che vedono l'avverarsi di legami, esperienze, attività di raccordo possibili fra le cosiddette scienze dell'educazione e le scienze dello spettacolo. L'incontro fra i termini in questione non è quindi né insolito né particolarmente originale. Negli studi pedagogici càpita, a differenti livelli, di imbattersi nel teatro, sia inteso in senso lato come arte, sia inteso come un'attività pratica e materiale che può avere effetti positivi se applicata in taluni ambienti educativi, se utilizzata in percorsi 2

3 didattici o se attivata in ambiti specifici dell'educazione, della ri-educazione e della formazione umana. Attingendo ad esempio ad un livello pratico ed ordinario di attività teatrale svolta in ambienti educativi, come può accadere nella scuola primaria, da una prima osservazione emerge che la rappresentazione di tipo teatrale sia al livello superficiale della recita sia a quello più profondo dell' esito di un percorso o di un laboratorio teatrale è spesso utilizzata in ambito scolastico o anche extrascolastico, come momento creativo, produttivo, d'apprendimento, di formazione, di crescita o semplicemente di condivisione, aggregazione, festa. È solo un esempio di quella che può essere definita una banale appropriazione di una caratteristica propria e costitutiva del teatro che viene utilizzata per fini didattici, educativi e formativi in ambito scolastico o comunque educativo. L'obiettivo dichiarato non è artistico quasi mai esplicitamente talora può esserlo implicitamente ma sempre, almeno nelle intenzioni, è annunciato come pedagogico e contestualizzato all interno di progetti e programmi che ne sottolineano gli aspetti formativi, relazionali, socializzanti. È solo un esempio, nemmeno il più preciso, forse il più controverso, ma serve ad inoltrarsi in un territorio problematico ed affascinante. Infatti sulla utilità, la necessità e la opportunità pedagogica delle rappresentazioni teatrali svolte da alunni o utenti di diverse agenzie formative esistono pareri diversi e opposti, teorie approfondite e studi documentati, spesso conditi da una buona dose di scetticismo dovuta all'uso approssimativo e spesso superficiale che ne è stato fatto nel corso del tempo 1. Sebbene oggi si sia giunti, da un punto di vista degli studi di settore, a conclusioni all unanimità orientate nel considerare il processo più importante del risultato in un ambito di convergenza fra arte teatrale e scienza pedagogica sviluppata in ambienti educativi, principalmente scolastici, è ancora il caso di considerare il fatto che sovente, nelle scuole soprattutto elementari e medie inferiori, a ben guardare, è facile trovare un'insegnante che voglia scatenare le proprie velleità artistiche (si tratti di recitazione, danza, canto o musica poco importa) trasferendole su un palcoscenico improvvisato, con attori bambini e costumi di carta crespa. Il pubblico di parenti emozionati non lesinerà certo applausi e qualche lacrima di commozione, questa è prassi comune, qualcosa che ormai quasi ci si attende che accada così come i nonni dall'approccio più lucido si attendono da questa esperienza una buona dose di noia su una seggiola scomoda. 1Cfr. R. Di Rago, Il teatro della scuola. Riflessioni, indagini ed esperienze, Ed. Franco Angeli, Milano 2001; R. Di Rago, Emozionalità e teatro. Di pancia, di cuore, di testa, Ed. Franco Angeli, Milano

4 C'è poco di pedagogicamente efficace nella maggior parte di queste esperienze, ma è giusto ricordare che non si nasconde neanche grave danno pedagogico nella recita di fine anno o nei canti di natale, c'è piuttosto l'approssimazione e la sciatteria che può derivare da un agire talora nato da buone intenzioni, ma realizzato senza adeguata competenza e formazione degli insegnanti, senza organizzazione e attenzione da parte dell istituzione scolastica, senza reale e fattiva partecipazione da parte di alunni e genitori e dimenticando, certo a causa dell ansia prestazionale, quelle stesse finalità pedagogiche ben espresse e scritte nel piano dell offerta formativa scolastica. Basterebbe anche solo il tenere a mente le intenzionalità formative già dichiarate nei complessi passaggi burocratici della programmazione didattica per dare un valore più complesso e appropriato alla cosiddetta recita di Natale, con ricadute significative tanto in ambito pedagogico quanto in quello artistico. In linea generale, le attività teatrali nella scuola e in altri ambienti educativi, svolte prevalentemente, ma non organicamente, con approccio pedagogico si snodano lungo un asse molto articolato di progettualità, modalità e finalità, che include, con diversi livelli di consapevolezza: le applicazioni terapeutiche del teatro rivolte alle disabilità, il teatro inteso come opportunità di semplificazione didattica e di approccio disciplinare motivante, il teatro come modalità di avvicinamento e coinvolgimento in progetti specifici solitamente articolati come educazione a... e inseriti nel Piano dell'offerta Formativa della scuola, come ad esempio i progetti di educazione alla legalità, educazione alla pace, educazione all'intercultura ecc, giusto per citare i più comuni. L incontro fra pedagogia e teatro avviene quindi, più che in un ottica teorico-pedagogica, in una di tipo pratico-educativa, poiché sono molte le possibili applicazioni delle attività teatrali nell educazione e nella didattica, attività già previste e suggerite nei sussidi didattici, nelle programmazioni, nelle progettualità condivise. Il panorama complessivo che scaturisce da quest'incontro appare ricco, ma anche frammentario, disorganico, caotico. Scorrendo velocemente testi, siti, riviste e pubblicazioni più o meno accreditate, si possono riconoscere, sempre grazie ad un lavoro di semplificazione di certo grossolano, cinque macrocategorie in cui si articola, con presupposti, modalità e obiettivi diversi, la relazione fra educazione e teatro, e sono: la pedagogia teatrale con cui in linea di massima si intende la disciplina che organizza la trasmissione dei saperi teatrali, in particolare e sopratutto il mestiere 4

5 dell'attore, ma anche del regista e delle principali maestranze che operano nel teatro (scenografi, illuminotecnici, tecnici del suono etc.). Alla pedagogia teatrale appartiene tutta la manualistica dedicata alle figure professionali del teatro considerate nel loro complesso, ma vi si possono riferire anche quegli studi che affrontano questioni specifiche e particolari riguardanti le singole competenze delle professionalità coinvolte: dizione, recitazione e canto, come anche danza, cinesica e prossemica, oppure scherma per l'attore; arte, architettura, arredamento per lo scenografo; storia, storia dell'arte, della moda e del costume per costumista e trovarobe, ecc. In quest'ottica appartengono alla pedagogia teatrale i volumi di Stanislavskij 2 dedicati al lavoro dell'attore su se stesso e sul personaggio, considerati nella prospettiva della conservazione e trasmissione di un'arte che fa dell'attore il proprio strumento di creazione artistica; come anche, nel contesto italiano la documentazione dell'attività di insegnamento di Orazio Costa 3, considerato uno dei massimi esponenti della pedagogia teatrale europea del Novecento. A questi due nomi molti se ne possono aggiungere, nomi di registi, di attori, di artisti o studiosi non esplicitamente incasellabili nella pedagogia teatrale ma che, di fatto, nel corso di decenni si sono attestati come punti di riferimento imprescindibili nell'insegnamento del teatro nelle sue diverse forme e nelle sedi più diverse: nelle accademie di recitazione come anche in scuole e università, nei laboratori teatrali e soprattutto all'interno di compagnie tanto di teatro di tradizione quanto di ricerca. Un resoconto complessivo - in tanta diversità di contributi - si può ricostruire attraverso una rilettura del volume di Carlson dedicato alle teorie del teatro 4, qui lo studioso propone una scansione di tipo storico-geografica da cui è possibile trarre i principali riferimenti bibliografici per abbozzare un panorama degli studi di pedagogia teatrale. Infine, un volume preziosissimo e non convenzionale che resta come manifesto universale del rapporto pedagogico fra maestro-allievo in ambito attoriale, è senz altro il basilare Per un teatro povero di Jerzy Grotowski 5. Il teatro didattico partecipa della convergenza fra pedagogia e teatro mettendo in relazione, più che la pedagogia, quella parte della scienza dell'educazione chiamata appunto didattica. Il teatro diventa uno strumento, ovvero una metodologia 2K.S. Stanislavskij, Il lavoro dell'attore su se stesso, Laterza, Bari 1968; K.S. Stanislavskij, L attore creativo, La Casa Usher, Firenze, 1980; K.S. Stanislavskij, Le mie regie I, Ubulibri, Milano 1986; K.S. Stanislavskij, Il lavoro dell'attore sul personaggio, Laterza, Roma-Bari 1988; K.S. Stanislavskij, Le mie regie II, Ubulibri, Milano, 1996; K.S. Stanislavskij, La mia vita nell'arte, La Casa Usher, Lucca Cfr. M. Boggio, Mistero e Teatro. Orazio Costa, regìa e pedagogia, Bulzoni, Roma 2004; M. Boggio, Orazio Costa maestro di teatro, Bulzoni, Roma 2007; G.G. Colli, Una Pedagogia Dell' Attore. L' insegnamento di Orazio Costa, Bulzoni, Roma M. Carlson, Teorie del teatro. Panorama storico e critico, Il Mulino, Bologna J. Grotowski, Per un teatro povero, Bulzoni, Roma

6 didattica fra le altre, ritenuta più adatta ed efficace rispetto ad altre, per favorire l insegnamento e l istruzione di bambini ed adulti. Ci si trova nell'ottica di un teatro semplificato, che vede ridotte e pressoché azzerate l'ispirazione e gli slanci estetici a favore dell'istanza educativa, ma di un istanza educativa non problematizzata e a corta gittata. È un teatro che viene usato, nelle sue pratiche e tecniche più note e comuni, come un'ulteriore possibilità di avvicinamento all istruzione di massa, come forma più accessibile all apprendimento dei saperi, sia umanistici sia scientifici, tanto di quelli previsti dai programmi ministeriali quanto di quelli considerati utili per il benessere sociale, politico, della comunità. È infine un teatro che strizza l occhio alla propaganda politica, volto a far conoscere avvenimenti di cronaca e attualità, oltre a vicende storiche, letterarie o di divulgazione scientifica, con l obiettivo spesso dichiarato e palese di sensibilizzare un target preciso di pubblico. Oggi, con eccessiva semplificazione, con teatro didattico si tende a identificare le attività teatrali svolte a scuola. Tale accezione, oltre ad essere limitante, è anche fuorviante dato che non necessariamente le attività teatrali che si producono all'interno degli edifici scolastici, grazie a progetti curriculari o extra-curricolari, hanno intenzionalità, caratteristiche e finalità che possano dirsi didattiche. Questo teatro piuttosto si colloca nella scia di una lunga tradizione che ha sempre riconosciuto al teatro una doppia anima: quella tragica in opposizione alla comica, quella educativa e morale in opposizione a quella dell'evasione e del divertimento. Tale divisione è stata cristallizzata in epoca medioevale in cui, l'unico teatro non condannabile era quello che si proponeva, apertamente, finalità morali ed edificanti, ad esempio attraverso le rappresentazioni sacre 6. Il teatro-ragazzi, spesso accomunato o inglobato, in maniera non sempre calzante né opportuna, al teatro didattico rappresenta anch esso un settore molto articolato e dai confini fluidi. Una differenza sostanziale rispetto alla categoria precedente è da identificare almeno negli intenti. Il teatro-ragazzi si motiva in questa dicitura perché è sostanzialmente un teatro rivolto ad un pubblico di ragazzi (bambini, ragazzi e adolescenti comunemente divisi in fasce d'età). La rigidità dell indirizzarsi a spettatori ben definiti per età (talora anche per nazionalità e cultura) si smorza nelle diverse finalità a cui può ambire e ispirarsi. Finalità che possono essere di natura prevalentemente estetica come anche dettate dal desiderio più ludico di coinvolgere gli 6 «La lotta della chiesa contro il teatro pagano e contro il teatro in generale non si svolgeva soltanto sul piano della negazione: sia pure in modo soltanto implicito, la chiesa contrapponeva allo spettacolo mondano quello spirituale e purificatore del rito» (C. Molinari, Storia del teatro, Laterza, Roma-Bari, 1997, p. 61). 6

7 spettatori in attività di evasione e di intrattenimento. L educatore coinvolto nell esperienza del teatro didattico è invece, nel teatro-ragazzi, un regista a tutti gli effetti che non mira in prima battuta alla coesione del gruppo classe e all istruzione degli alunni, ma innanzitutto alla realizzazione di una rappresentazione teatrale che piaccia ai ragazzi e che, solo in seconda battuta, possa anche costituire un esperienza formativa ed istruttiva. Per contro il teatro didattico dal punto di vista del pubblico mira ad una composizione spettatoriale abbastanza ampia per quanto connotata come scolastica - che sappia includere una miscellanea composta da alunni, genitori ma anche colleghi insegnanti, giornalisti ed addetti ai lavori, a cui ci si rivolge con l intento di educare seppure in un'accezione molto ampia del termine (dal fornire una chiave di lettura degli avvenimenti storici o di attualità, all'informare tout court, al formare). Nonostante queste due differenze, appare evidente che i confini fra teatro didattico, teatro-ragazzi e la quarta categoria che si sta per prendere in considerazione, ovvero quella dell'animazione teatrale, spesso sono, più o meno onestamente, impercettibili e confusi 7 proprio a causa del fatto che si tratta di attività teatrali che coinvolgono si è detto in maniera diversa e con ruoli diversi i bambini e i ragazzi principalmente in ambiente scolastico o percepito come di contiguità scolastica. L animazione teatrale è definizione con cui si identifica un movimento culturale sviluppatosi in Italia fra gli anni Sessanta e Settanta, indirizzato a bambini e ragazzi ed articolato in una serie di pratiche e metodologie specifiche. Obiettivo delle tecniche di animazione teatrale non è tanto l'allestimento di uno spettacolo quanto la coesione e l'affiatamento del gruppo di bambini o adulti al fine di far emergere le risorse personali di ognuno per appropriarsene e poi condividerle con gli altri. L'attività teatrale è quindi usata allo scopo di creare una comunità più consapevole e creativa, in poche parole tesa al benessere del singolo attraverso il lavoro e il divertimento condiviso con gli altri, tale attività è di solito guidata da un animatore o educatore. Recitare, allestire uno spettacolo, affrontare giochi di ruolo e attività teatrali di vario tipo è solo un mezzo per conoscere meglio se stessi e imparare a valorizzarsi nell'amicizia e nella condivisione. Nella prospettiva dell'animazione teatrale gli aspetti pedagogici sono predominanti rispetto a quelli teatrali che, per certi versi, passano in secondo piano. L'animazione teatrale ammette che si lavori anche per mesi ad uno spettacolo teatrale che potrebbe non vedere mai le luci della ribalta ma che potrebbe 7La prova di tale confusione è data anche dalla bibliografia di riferimento, costituita perlopiù da volumi collettanei che includono, documentano e commentano esperienze teatrali molto eterogenee e comunque sconfinanti da una categoria all'altra: P. Beneventi, Introduzione alla storia del teatro-ragazzi, La Casa Usher (Ponte alle Grazie), Firenze 1994; B. Fabbris, Il teatro didattico, Caosfera,

8 arricchire il bagaglio esperenziale ed emotivo dei partecipanti in maniera significativa; semplificando al massimo, appare evidente che in quest ambito ciò che più conta non è l'aspetto rappresentativo finale, lo spettacolo ovvero il risultato, ma quello fisico, psicologico ed emotivo del gruppo, il lavorare assieme ovvero il processo. Sull'animazione teatrale esiste un importante bibliografia di riferimento, sia prodotta negli anni della nascita e dello sviluppo massimo del movimento 8, sia di più recente pubblicazione 9. Infine c'è il settore ampio, ad oggi in notevole espansione, delle artiterapie fra cui occupano un posto di rilievo la teatro-terapia 10, la dramma-terapia e tutta una serie di attività che sfruttano giochi, modelli e tecniche del teatro per fini terapeutici, per contrastare o comunque alleviare patologie le più diverse in soggetti con disabilità come anche nei normodotati che ne dovessero riconoscere la necessità per vivere meglio con se stessi e con gli altri. Le artiterapie infatti vanno nella direzione della ricerca e diffusione di un benessere che riguarda non solo il gruppo con cui si lavora, ma che interessa in senso lato la comunità intera in cui il gruppo è inserito, che accoglie e fruisce dei benefici diffusi in termini di salute complessiva, vitalità, energia positiva, coesione sociale e partecipazione. Nella definizione che fornisce M. Cavallo «si definisce dramma/teatro terapia una specifica metodologia, comprensiva di impianti teorici, tecnici e valutativi, che assume come intento scientifico, clinico e sperimentale, l'intervento con finalità terapeutiche attraverso l'applicazione di teorie, tecniche, strumenti, paradigmi di tipo teatrale in stretta coniugazione con le conoscenze derivanti da discipline quali la psicologia, la psicopatologia descrittiva e analitica, la psicofisiologia, la psichiatria» 11. Trattandosi di percorsi non ancora ben codificati e riconosciuti in ambito medicale, le arti terapie occupano ad oggi un territorio mediano fra la cura del benessere e della salute e la sperimentazione teatrale. Queste cinque categorie or ora elencate rappresentano solo le esperienze più note e documentate delle molte e possibili declinazioni del rapporto fra pedagogia e teatro. Sono state qui riportate, seppur sommariamente, lungo un asse che va dalla prevalenza 8Per una bibliografia completa si veda P. Puppa, L'animazione, ovvero il teatro per gli altri, in A.A. V.V., Storia del teatro moderno e contemporaneo, vol. III. Avanguardie e utopie del teatro. Il Novecento, Einaudi, Torino, 2001, pp Cfr. G. Amodeo, La vita è gioco, Ibiskos Editrice, Empoli 2008; P. Beneventi, D. Conati, Nuova guida di animazione teatrale, Sonda, Casale Monferrato 2006; V. Garavaglia, Teatro, educazione, società, UTET, Torino 2007; L. Perissinotto, Animazione teatrale, Carocci, Roma Cfr. P.E.R. Bitti, Regolazione delle emozioni e arti-terapie, Carocci, 1988; W. Orioli, Far teatro per capirsi, Macro ed., 1995; W. Orioli, Teatro come terapia, Macro ed., M. Cavallo, definizione di dramma/teatro terapia in 8

9 del teatrale (la pedagogia teatrale) alla prevalenza del pedagogico (la teatro-terapia), nell ottica di una possibile reversibilità dei poli, quindi potendo invertire il percorso per andare dalla prevalenza del pedagogico a quella del teatrale senza nessuna pretesa di indicare direzioni obbligate e senza la presunzione di esprimere giudizi di merito. Tra l altro, le categorie su elencate, pur rifacendosi alla letteratura scientifica di riferimento, non possono intendersi come categorie chiuse e definite una volta per tutte. Esse sono invece da intendersi come aperte e imperfette : aperte poiché tra loro collegate, interdipendenti oltre che, al di là di alcuni punti fermi, ancora in via di definizione; imperfette poiché per loro stessa natura attengono all uomo, alle scienze e alle arti, quindi si rifanno e si rinnovano continuamente nelle esperienze, nelle ricerche e nell attività dell essere umano nella società. La presente ricerca non vuole azzerare le cinque categorie individuate, ma vuole piuttosto rivitalizzarle in un quadro generale che le includa senza ridursi ad esse. Rappresentano momenti fondamentali nella costruzione del rapporto fra pedagogia e teatro, tappe imprescindibili di un rapporto ancora in evoluzione, e che non può e non deve essere pienamente identificato o esaurirsi in esse. La dimostrazione immediata di questo ragionamento introduttivo è da riscontrare nel panorama delle arti e delle scienze del XXI secolo (e del finire del XX), in cui emergono esperienze fra teatro e pedagogia talmente interessanti e originali da non trovare precisa collocazione in esse. La liminalità, l intertestualità, la trasdisciplinarità emergono come caratteristiche specifiche di un arte della postmodernità che fa della mancata appartenenza alle categorie date uno dei suoi maggiori punti di forza. Inoltre, da un punto di vista epistemologico si deve riconoscere che non appena si afferma, nella produzione critica e scientifica di settore, una dicitura precisa, che stabilisca oggetti d'afferenza, definizioni e ambiti d interesse, subito questa necessita di nuove precisazioni, nuove fondazioni, nuove limitazioni e riconoscimenti, rischiando di trasformarsi in un qualcosa percepito come lontano o addirittura estraneo ora dalla pedagogia (poiché ad esempio ritenuto troppo prossimo al teatro) ora dal teatro (poiché ad esempio ritenuto troppo prossimo alla pedagogia). È solo un atteggiamento, ma è un atteggiamento che ha condizionato e condiziona la ricerca inter- e trans- disciplinare. I pedagogisti non hanno voluto frequentare i teatri, evitando così di impolverarsi con le assi dei palcoscenici, i registi non hanno voluto frequentare le scuole, evitando così di impolverarsi con i gessetti delle lavagne. Nessuno si è sporcato davvero, nonostante le molte attività di ospitalità, condivisione, incontro. Nonostante i molti 9

10 frutti, ora raccolti ora lasciati a terra a marcire, scaturiti da esperienze eccezionali di interrelazione fra i due ambiti disciplinari, molto lavoro va fatto ora per organizzare le testimonianze documentali in progetti di ricerca più articolati e contestualizzati, provando a ricostruire la teoria, la storia e le pratiche di un rapporto estremamente ricco per quanto confuso. Da un punto di vista degli studi di settore, sembra sia arrivato il momento di compiere un tentativo di organizzazione complessiva e proporre delle linee guida teoriche che possano aggregare esperienze diverse fra di loro piuttosto che disgregarle incasellandole in altrettante micro- e macro-categorie specialistiche. Il tentativo di fare chiarezza, che qui si vuole proporre, è orientato all inclusione critica, individuando convergenze fra i diversi ambiti disciplinari, senza proporre tassonomie, senza troppo insistere sulle divergenze che pure interessano gli oggetti dell indagine. In conclusione la domanda che ci si è posti può sembrare anche troppo generica, visto che qui si vuole verificare se e come il teatro, quest'arte che non produce nulla al di fuori dell'atto stesso della produzione del suo farsi e darsi come azione d'arte possa contribuire allo sviluppo della pedagogia oggi, in questa età che è stata definita della postmodernità, della fine dell'educazione, del disincanto 12. Ogni volta che nell'ambito della ricerca scientifica si crea una nuova connessione, un nuovo rapporto fra diversi saperi, occorre ripensare, per prima cosa, agli oggetti stessi di quei saperi, definirne i confini, i concetti fondativi, i margini di criticità, rimetterne in campo problematicità e caratteri distintivi, non attraverso un processo limitante ed esclusivo, ma il più possibile reticolare, aperto ed inclusivo. Per non rischiare di precipitare nel caos indistinto per cui tutte le scienze umane, avendo matrici comuni, si somigliano e possono diventare sovrapponibili, occorre fissare dei punti cardinali che consentano l'orientamento anche e soprattutto nell'allargamento e nel nuovo dimensionamento delle mappe dei saperi specifici. È per non perdersi nel fitto reticolo delle interconnessioni fra saperi umanistici che occorre fare riferimento e infine scegliere delle definizioni da fare proprie, da non abbandonare nel corso del ragionamento e dei ragionamenti, da usare come stella polare, sia per la pedagogia, sia per il teatro. Con queste costellazioni fisse si può anche decidere di abbandonare per un tratto la strada maestra e di imboccare sentieri laterali, poco battuti, ma in questo procedere dobbiamo comunque tener presente che la strada principale è quella che detta la destinazione finale e ad essa dobbiamo infine guardare anche nel discostarcene. 12Cfr. F. Cambi, Abitare il disincanto. Una pedagogia per il postmoderno, Utet, Novara

11 Riprendendo le battute iniziali, non possiamo mettere in relazione pedagogia e teatro senza eleggere fra tutti, le definizioni e i paradigmi di riferimento rispetto all'una scienza e all'altra arte o, per meglio dire, senza riferirci, almeno in una fase iniziale alle questioni ontologiche ed epistemologiche. È, questo, un procedere che può rivelarsi adeguato al tipo di ricerca intrapresa: l'ontologia si fa nume tutelare dell incedere teorico nel suo complesso così come, in un meccanismo stratificato come di scatole cinesi, l'ontologia abita sempre la scatola centrale, più profonda e nascosta. Che la questione ontologica sia basilare nello studio della pedagogia sarà compito della corrente di studi e ricerche denominata pedagogia critica rinnovarlo con gli strumenti e i dibattiti che le sono propri nonché attraverso l individuazione di alcuni paradigmi che la costituiscono e vengono ripresi nel corso del primo capitolo. Mentre per quel che concerne il teatro, oltre alla ricostruzione teorica delle sue origini e del suo percorso in quanto arte, dalla nascita ad oggi e privilegiando l asse di studi semiotici, si adotterà la suggestione di Jean-Luc Nancy suggerita nel breve e fulminante testo intitolato Corpo teatro (Cronopio, Napoli 2010): una riflessione che offre infiniti spunti sulla natura fondativa e originaria del teatro, non solo una metafora, che ispira e informa il secondo capitolo. Infine, nel terzo capitolo, si proporrà una sintesi ed un analisi della convergenza che interessa pedagogia e teatro a partire dall affermazione di una condizione generale imprescindibile, già annunciata nei due capitoli precedenti, che pone la centralità nell arte e nella scienza dell uomo e della sua esperienza. La centralità rimarcata dell uomo nella riflessione pedagogica, rimette in mano all uomo la gestione dell attività pedagogica stessa, la domanda incessante su se stesso, ma anche il riconoscimento della volontà di incontro e confronto con l esterno, con l altro. Ne fa l oggetto di studio privilegiato ma anche il soggetto agente della ricerca, soggetto formante e in-formazione al tempo stesso. Questa stessa centralità riconosciuta all uomo, estesa nell arte teatrale, significa rimettere in mano all uomo l attività teatrale stessa, riconoscerlo regista-attore-spettatore attraverso l affermazione di una volontà d arte che può avverarsi solo uscendo fuori da sé. L uomo, anche in questo caso è l oggetto della ricerca, oggetto di studio privilegiato in quanto tramite dell arte che rappresenta e che lo rappresenta, soggetto agente come attore/regista, soggetto/oggetto esistente solo grazie allo sguardo dell altro, dello spettatore. La prospettiva umana, oltre a tenere vicine l arte teatrale e il sapere pedagogico, ci indica quale teatro e quale pedagogia siano in questa sede i punti di partenza ufficiali. 11

12 Si vuole qui dare rilevanza alla pedagogia come scienza che sappia porre al centro l'uomo, l'uomo umano. Con le parole di Mario Gennari: «L'umano e l'umanità, in quanto tratti distintivi dell'uomo, rispondono ad ogni filosofia e pedagogia antiumanistica che pensa al di là del soggetto. L'uomo, appunto in quanto soggetto, dichiara la duplice struttura antropologica e ontologica di cui la sua essenza è composta. Il valore della soggettività viene compreso nel fondamento di se stessa: fondamento umano e umanante, il cui nucleo materiale e spirituale insieme dà forma all'uomo e giunge ad essere la sua stessa formazione. Così, come ha scritto Rosenzweig (2000:186), l'uomo è la sua formazione. E ciò in senso antropologico e ontologico, materiale e spirituale» 13. Il livello dell umanità esplicitato da una pedagogia dell uomo e da un teatro dell uomo favorisce il consolidamento di un percorso teoretico ed evita l eccessiva astrazione, attenuando la dicotomia teoria/prassi, da sempre problematica tanto in pedagogia quanto nel teatro. Ovviamente non si vuole qui risolvere una questione così complessa, quanto piuttosto indicare un punto di partenza che è comune ad una scienza e ad un arte problematiche. Si tratta di un approccio essenziale per rendere possibile tutto il dipanarsi della presente ricerca, ricordare come la pedagogia da cui partire e che si vuole relazionare con il teatro debba essere «Una pedagogia dell'uomo che pone il soggetto come agente di formazione e educazione sceglie l'uomo quale interlocutore di se stesso e dell'altro, della sua soggettività umana e dell'oggettività propria dell'umanità che gli sta di fronte» 14. Allargando l'orizzonte d'attesa, il presente studio si inscrive nella prospettiva di interrogarsi su se, quanto e come il teatro, inteso come arte e considerato nelle sue incursioni nel e nelle sue connessioni con il pedagogico, possa contribuire alla formazione dell'uomo nella contemporaneità. Tutto ciò senza mai perdere di vista le caratteristiche specifiche dell'epoca odierna e quali siano le esigenze formative dell'uomo che ad esse deve rapportarsi nel corso della sua vita. Il livello di complessità, rischio e ambiguità è alto. È utile, nell'ottica di una prospettiva generale di avvio, riprendere due frasi di Martha Nussbaum dall'introduzione al suo Coltivare l'umanità, in cui la studiosa, all'interno di un contesto specifico, ovvero chiedendosi che tipo di formazione offrano i campus americani ai giovani del XXI secolo, scrive: «Il mondo d'oggi è inevitabilmente multiculturale e plurinazionale. Molti dei problemi più pressanti richiedono, per essere 13M. Gennari, Trattato di pedagogia generale, Bompiani, Milano, 2006, p Id., p

13 risolti in modo intelligente e cooperativo, un dialogo tra persone con differenti esperienze culturali, religiose e nazionali. Persino quegli argomenti che ci sembrano più vicini come la struttura della famiglia, il controllo della sessualità, il futuro dei bambini devono essere affrontati con una più ampia comprensione torica e interculturale» 15. Il ricordare queste parole aiuta a non perdere di vista un carattere essenziale che deve rivestire non solo la presente ricerca, ma ogni ricerca di stampo teorico concernente la pedagogia ai nostri giorni, ovvero il fatto che non si possa prescindere né dalla propria tradizione culturale né dalla stessa critica a quella tradizione per cui bisogna serbare sempre memoria degli studi passati senza però accettarli acriticamente -, né soprattutto mettere in secondo piano la situazione storica, sociale, culturale in cui ci si trova immersi, caratterizzata come nessun'altra epoca dal multiculturalismo, dall'intercultura, dal plurilinguismo, dalla multimedialità e dall'ipertecnologia. Una delle questioni cruciali per la studiosa è rammentare il compito, che devono avere le scuole superiori e le università statunitensi, compito niente affatto semplice né scontato, di formare i cittadini del futuro. Si tratta di un compito che, per quanto dichiarato dall'istituzione e dal sistema scolastico e d'istruzione americano e condiviso dal mondo occidentale più o meno industrializzato, è dato in linea di massima come pacifico e implicito a fronte di una prassi di insegnamento invece strutturata, organizzata e agita in maniera tale nella pratica quotidiana anche di insegnanti capaci da mancare clamorosamente l'obiettivo. Si dovrebbe ambire ad una educazione liberale che è di per sé nonostante il richiamo ai classici della Nussbaum difficile da definire e ancor più difficile da perseguire. In questa sede si ipotizza che un valido aiuto alla coltivazione dell umanità possa provenire all uomo dal teatro. Teatro inteso come arte dell incontro e della relazione fra l io e l altro, arte della rappresentazione del/i mondo/i, dal teatro inteso come metafora e al tempo stesso prova generale di vita, esperienza del come se che coniuga realtà e immaginazione in maniera attiva. Si prevede di organizzare un percorso di ricerca basato su criteri di scientificità, individuando i contesti teorici di riferimento, motivando il perché della scelta di un approccio e di un paradigma pedagogico fra gli altri, di una definizione e di una teoria teatrale fra le altre, prendendo in considerazione i modelli, le pratiche e le tecniche teatrali che nel corso degli anni si sono rivelate più opportune a fini pedagogici, e viceversa riconoscendo le influenze 15M. C. Nussbaum, Coltivare l'umanità. I classici, il multiculturalismo, l'educazione contemporanea, Carocci, Roma 2011, p

14 pedagogiche che hanno determinato precise modalità di lavoro, produzione e fruizione del teatro nell'epoca contemporanea. Rinunciando, per riconosciuti limiti spaziali e temporali attribuibili ad una tesi di dottorato, ad ogni pretesa esaustività ma cercando di arrivare, in maniera coerente, alla delineazione di un quadro generale di rapporti possibili fra pedagogia e teatro attraverso una ricostruzione di documenti, interviste, esperienze e soprattutto attraverso una bibliografia attinente agli studi di settore. 14

15 I CAPITOLO La pedagogia e l'esperienza dell'arte La pedagogia che mette in crisi se stessa, pronta a mettersi in discussione ed a pensarsi come sapere aperto può rappresentare un punto di partenza ideale. Nel tracciare un quadro di riferimento teorico di questo complesso sapere, definito nei secoli in maniera articolata e considerato talvolta da angolazioni contrastanti e opposte, si ambisce a individuare e verificare l'efficacia di un suo possibile raccordo con le discipline dello spettacolo, in particolare con quelle del teatro. Tale raccordo deve sempre tenere presente che la pedagogia e il teatro sono due domini, del sapere l'uno e dell'arte il secondo, che implicano, necessariamente, il mantenere vivo e irrisolto il confronto interno fra teoria e prassi, un confronto che è dissidio inesausto ma anche coesistenza virtuosa e rinvigorente, che contraddistingue e accomuna il pensare/fare formazione e il pensare/fare teatro. L irresolubilità di tale confronto non deve essere percepito come un limite, ma come una possibilità di aggiornamento continuo e di adeguamento alle nuove conquiste dei linguaggi del sapere e dell arte, linguaggi sempre meno fossilizzati nella distinzione fra teorie e pratiche. In uno studio d'impronta specialistica e parziale, come questo, diventa di primaria importanza tracciare un quadro teorico, il più possibile preciso, concernente definizioni, argomentazioni e ambiti di interesse, in cui inquadrare ed esplicitare l'ipotesi di ricerca. Di fatto l'operazione intrapresa non è lineare: si sta prendendo una scienza che, in quanto tale, come molte altre ma molto più di altre, presenta forti criticità identitarie, ovvero la pedagogia, e la si sta mettendo in relazione con un'arte, il teatro, di tutte le arti la più effimera e problematica, per comprendere in che misura trattandone prospettive, obiettivi, punti di forza e limiti possano contribuire reciprocamente, dal punto di vista sia metodologico sia progettuale, e nel rispetto delle proprie caratteristiche specifiche, alla formazione dell'uomo nell'epoca della contemporaneità. L obiettivo complessivo, che non deve mai essere perso di vista, è parziale nel senso che interroga la pedagogia e il teatro, attraverso una selezione bibliografica anch essa parziale, per individuarne e misurarne le convergenze, per cui esclude di fatto 15

16 molti aspetti pure importanti delle discipline in questione che però non partecipano di tali convergenze. Né è detto che le convergenze individuate siano le sole o le principali, piuttosto in questa sede si rende conto di quelle emerse dalla ricerca condotta. È apparso interessante, ad un certo punto, comprendere in che misura e con quali modalità la pedagogia e il teatro possano relazionarsi l'una all'altro, partecipando entrambi della formazione dell'uomo; ed è sembrato valido individuare nell esperienza il motore principale che avvia e mantiene viva la formazione dell uomo. L esperienza ha una centralità significativa considerata in diverse accezioni: da strumento di conoscenza di sé a chiave di lettura e interpretazione del mondo e degli altri; da verifica materiale di processi mentali immaginari a meccanismo regolativo del dispositivo dicotomico di teoria/prassi. Grazie all esperienza umana che rende l uomo partecipe e attivo nei saperi (e nella condivisione dei saperi) e creativo nella produzione e fruizione dell arte (e in particolare in quella teatrale), emerge come questi due territori di natura diversa presentino qua e là coltivazioni comuni, piccoli spazi di sovrapposizione, condivisione e addirittura, attraverso l'attivazione di specifici progetti interdisciplinari dalla tradizione ormai abbastanza consolidata, dimostrino di sapere e potere attivare in contesti diversi spazi di mutuo soccorso, di prossimità proficua, di reciprocità produttiva. Pedagogia e teatro, nello stare separati soprattutto nel nome delle finalità, hanno comunque sviluppato, nel nome dell esperienza, metodologie, pratiche e percorsi comuni. Nel corso di questo primo capitolo si è scelto di privilegiare alcune definizioni tratte dalla letteratura di riferimento, di tracciare un quadro, seppure a grandi linee, relativo al dibattito in corso, poiché si ritiene di non poter procedere all'individuazione e alla descrizione di un rapporto se non si individuano e si descrivono prima i due soggetti del preteso rapporto, se non si parte dai s-oggetti pre-esistenti verso le relazioni che li interessano e che verranno in seguito. Dal rapporto che a mano a mano prende forma, scaturiscono diverse problematiche, ed è per questo che la scelta di alcune definizioni, paradigmi e concetti riferibili al pedagogico è stata messa in evidenza con una certa forza e con rigore, in modo che la centralità dell esperienza, il paradigma della cura e la relazione pedagogica io-altro, agiscano come fari per diradare le ombre che si prevede sorgano numerose lungo la strada intrapresa. 16

17 Un sapere problematico. Condizione teorica ineludibile è partire dalla definizione di pedagogia nella consapevolezza di essere nell'ambito di un sapere problematico. La condizione di problematicità si articola su due ordini di motivi: il primo, più generale ed esterno, attiene lo statuto ontologico dei cosiddetti saperi umanistici, i quali devono costantemente rapportarsi con il fatto che hanno al centro della loro riflessione e come oggetto privilegiato d'osservazione l'uomo con quel che ne consegue; il secondo, specifico ed interno, rende conto dello stato dell'arte concernente la più recente discussione su cosa sia la pedagogia e su come si debba intenderla oggi. Per ragioni di pertinenza si prenderà in considerazione soltanto lo statuto specifico della pedagogia, con gli opportuni riferimenti alle questioni ontologiche ed epistemologiche che la riguardano. Quella della pedagogia si caratterizza come un'ontologia complessa/dinamica, per riprendere una esaustiva definizione di Franco Cambi. Lo studioso sintetizza in quattro punti principali un ragionamento abbastanza articolato che tiene conto di un'importante tradizione di studi: «L'ontologia pedagogica si declina quindi: 1) come un'ontologia il cui ente è un processo e un processo plurale e aperto; 2) ha in sé un fascio di enti da correlare; 3) che vanno correlati nella libertà e per l'autenticità e per l'organicità o totalità del sé; 4) necessita di una interpretazione e regolamentazione intenzionale/critico/regolativa di cui la pedagogia è la custode, come sapere riflessivo, ma funzionale alla comprensione di quell'ente e alla sua tutela, come fine-sempre-invita e come struttura-processo complesso, (anzi ipercomplesso), in cui ogni semplificazione e/o diminutio può esser fatale, se non esercitata con un'ottica di rilancio e di comprensione costante della sua complessità. Se così è (e lo è) all'ontologia spetta un ruolo-chiave nella pedagogia: sì epistemico, ma anche critico e perfino regolativo, a cui va assegnato il compito di pensare la complessità dell'educare e di coordinarne l'integrazione, dinamica sempre pensata nell'apertura, poiché soggetta alla sua realizzazione solo e sempre nella libertà, per l'autenticità e per la totalità del soggetto medesimo di cui l'educazione è atto vitale; sì anche gestito con altri, ma sempre e alla fine proprio» 16. F. Cambi, Sull'ontologia pedagogica: riflessioni minime in L'inquietudine della ricerca. Bilanci e frontiere di un itinerario pedagogico, Edizioni della fondazione nazionale Vito Fazio-Allmayer, 2011, p

18 La definizione proposta da Cambi ricorda come la questione ontologica sia, a tutti gli effetti, una questione aperta in seno alla pedagogia, ma non perché essa non sia stata abbastanza indagata o perché presenti aporie insolubili, ma perché è strutturalmente incentrata sulla libertà del soggetto, realizzata su questa stessa libertà e quindi anche, in nome di essa, può essere messa e rimessa in discussione. È un approccio che caratterizza la questione ontologica in pedagogia in maniera diversa rispetto agli altri saperi umanistici, poiché la introietta e la rende parte della stessa definizione. Ciò che sembra prevalere, nella concezione di Cambi è il definire la pedagogia come sapere riflessivo. È questo un tassello fondamentale, l'individuazione di uno stemma, di una cifra costitutiva che si rivelerà particolarmente utile. L'autoriflessività è caratteristica che accomuna e identifica tanto la ricerca scientifica quanto quella artistica nell epoca della postmodernità. Se l autoriflessività nell ambito della speculazione scientifica da una parte ha determinato il chiudersi verso l autoanalisi e l isolamento difensivo dei saperi in special modo umanistici concentrati sulla difesa dei propri oggetti di studio e dei propri territori di appartenenza dall espropriazione e dalla contaminazione da parte di nuove e più accattivanti settori disciplinari è anche vero che l autoriflessività ha permesso alla pedagogia di intraprendere dei percorsi di sana autocritica, diventando così più cosciente dei propri limiti ma anche consapevole e forte nel poter accedere a nuove prospettive di superamento di quegli stessi limiti. Sin dalle sue origini greche, nel suo differenziarsi, articolarsi, problematizzarsi teorico rispetto la più consolidata e lineare pratica dell'agire educativo, la pedagogia mostra la sua polisemia, la sua non pacificata né pacificabile pluridimensionalità di significati incarnata dal concetto di formazione, sufficientemente ampio da includere ogni forma di esperienza umana in special modo di tipo relazionale e sufficientemente ristretto da escludere ogni forma di limitazione della libertà umana, auspicando una libertà nutrita dalla ragione e dal ragionamento. «Con la cultura greca la pedagogia si sviluppa come la teorizzazione di quel processo rivolto a educare, istruire e formare i soggetti, individualmente e socialmente intesi. In particolare, Socrate e Platone inaugurano una stagione radicalmente rinnovata e assai fertile che concepisce la paideia: la formazione dell'uomo che giunge fino a noi, eredi diretti di quella cultura» 17. La paideia, allora come ora, nomina e in-forma una scienza che 17A. Mariani, Struttura e funzione della pedagogia, in F. Cambi, M. Giosi, A. Mariani, D. Sarsini (a cura di), Pedagogia generale. Identità, percorsi, funzione, Carocci, Roma 2009, p

19 include in sé l'educazione ma non coincide con essa, che è teoria ma non può fare a meno della prassi, che possiede un'identità filosofica senza però risolversi nella filosofia, che accoglie il metodo scientifico pur continuando a metterlo in discussione e pur continuando ad aprirsi a ragionamenti, influenze, ispirazioni che di scientifico nulla pretendono. Per tutte queste cause originarie, la pedagogia si caratterizza da subito come problematica: la più umana fra le scienze, la più scientifica fra le filosofie. L'accezione di problematicità che contraddistingue la pedagogia oggi è caratterizzata da una doppia natura: prevede sia una presa d'atto dei suoi limiti interni, sia una sorta di rivendicazione esterna delle sue specificità in un quadro complessivo occupato dalla disciplina fra le altre discipline. La riflessione si articola quindi su una dimensione che ne interroga e ne ridefinisce lo statuto epistemologico (in direzione quindi di una nuova riappropriazione identitaria) 18, ma anche una dimensione di maturità acquisita e consolidata che ne rivendica il carattere di criticità, e quindi la capacità autoriflessiva di pensarsi come sapere che introietta la critica nel suo sistema teorico 19. Non a caso è sempre l'ontologia la questione chiave della pedagogia critica, essa ne rinnova costantemente le problematiche basilari inducendo gli studiosi da una parte ad abitare un luogo dai confini incerti e inafferrabili, dall'altro li costringe ad individuare principi, strumenti e modalità che contribuiscono a mettere in sicurezza il terreno, a creare nuovi e più saldi punti fermi a cui affidarsi. Infatti: «L'ontologia sta alla base anche della pedagogia critica, poiché ne è un po' il centro motore e filtro determinante. È da quel filtro e motore che nasce una pedagogia-scientifico-riflessiva, come già mostrava Dewey nel suo testo (breve ma decisivo) su Le fonti di una scienza dell'educazione, ancora oggi attualissimo e da rileggere e interpretare meglio. L'ontologia empirico-critica si dispone precisamente proprio in questo orizzonte, così centrale (ancora oggi) nel fare-pedagogia e ad ogni livello (dalla riflessività cognitiva all'operatività sociale e posta in situazione : specifica e determinata)» 20. La questione epistemologica, quella ontologica e quella più meramente applicativa della pedagogia, sono questioni che possono apparire irresolubili, soprattutto mettendole in relazione alla vasta bibliografia di riferimento, e soprattutto 18Cfr. G. Spadafora, Verso l'emancipazione. Una pedagogia critica per la democrazia, Carocci, Roma Cfr. R. Fadda e E. Colicchi in Per una pedagogia critica. Dimensioni teoriche e prospettive pratiche, Carocci, Roma F. Cambi, L'inquietudine della ricerca. Bilanci e frontiere di un itinerario pedagogico, Edizioni della fondazione nazionale Vito Fazio-Allmayer, 2011, p

20 mantenendole in un'ottica storicistica. Si tratta di questioni ineludibili che caratterizzano questo sapere sin dalla sua nascita e che ne hanno definito, nel corso dei secoli, la sua stessa identità. Bisogna accettare queste problematiche nelle loro linee principali e tenerle sempre presenti, bisogna provare ad orizzontarsi al loro interno per non rischiare di restarne strettamente invischiati. Le questioni succitate non possono essere omesse né ignorate, si devono piuttosto considerare seminali e devono essere usate come riferimento costante, sforzandosi di mantenere nei loro riguardi una certa e lucida distanza. Un simile atteggiamento scientifico si può attuare accettando la responsabilità che proviene dall'avere a che fare con un sapere reticolare e complesso; occorre non lasciarsi scoraggiare dalle mancanza di regole date una volta per tutte, né dalla mancanza di rigidità di metodi, definizioni, applicazioni; occorre piuttosto sfruttare la flessibilità che lo contraddistingue per adattarlo ai sempre diversi contesti e situazioni in cui l'uomo è calato, in una società in evoluzione, in un mondo in evoluzione. Occorre leggerne tutta la problematicità e complessità in una luce positiva e proficua, una luce in cui la pedagogia appare come «[...] una scienza dotata di un sapere organico, meglio, di un sistema di saperi organizzati intorno alla formazione e all'educazione dell'uomo» 21. L'estensione, la frantumazione 22, la parzialità dei saperi che la compongono e contraddistinguono non deve essere considerata limite che conduce all'inafferrabilità, all'ampiezza incontrollabile, ma deve stimolare a guardare l'assieme del sistema e a non perdere di vista quel cuore pulsante che irrora tutto il sistema, ovvero la formazione e l'educazione dell'uomo. Riconoscendo la centralità della formazione, e prendendo coscienza della problematicità che permea tale sistema complesso ma organico, per riprendere ancora Gennari, si può scoprirne la struttura reticolare ma omogenea, frammentaria ma coerente. Gli approcci delineati, giustamente complementari, anticipano e rendono conto, dal punto di vista ontologico, anche della difficile questione del rapporto fra teoria e prassi all'interno dei tratti fondamentali e caratterizzanti della pedagogia. Lo stato dell'arte ci consegna infatti un corposo dibattito, serio e puntuale, relativo al nesso teoria/prassi nelle scienze umane e in pedagogia, nesso che attiene primariamente al suo statuto ontologico. A emblema di una discussione vasta, complessa e ancora in corso, si 21M. Gennari, Trattato di pedagogia generale, Bompiani, Milano, 2006, p «Il rischio della frantumazione dei saperi pedagogici e della correlativa dissoluzione della pedagogia nelle varie e differenti scienze dell'educazione richiede una sempre più puntuale riflessione epistemologica, affinché l'identità della pedagogia generale non ne esca turbata o intaccata con grave danno per la sua specifica identità di scienza e di scienza umana» (Id., op. cit., p. 123). 20

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli