REPORT FINALE ǯ Azione 2 Ȃ Annualità 2009 Ȃ Dz dz

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORT FINALE ǯ Azione 2 Ȃ Annualità 2009 Ȃ Dz dz"

Transcript

1 REPORT FINALE Azione 2 Annualità 2009

2

3

4 PREMESSA... 1 IL PROGETTO LINGUA E INTERCULTURA PER LA VALORIZZAZIONE E L INTEGRAZIONE DELLE NUOVE GENERAZIONI (L.I.V.I.N.G.) I bisogni Gli obiettivi e le azioni Azioni ed attività I risultati attesi Il territorio pratese Il partenariato Le procedure di gestione e controllo LE ATTIVITÀ EROGATE LE ATTIVITÀ Le attività trasversali La mediazione culturale Le attività di integrazione e socializzazione LE METODOLOGIE DIDATTICHE ED EDUCATIVE PER L INTEGRAZIONE E LA CITTADINANZA ATTIVA DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA DELLE ATTIVITÀ MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL PROGETTO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL PROGETTO Procedure di monitoraggio ed indicatori di progetto Strumenti di rilevazione e computo dei dati Valutazione di progetto: indicatori di realizzazione ed indicatori di risultato CONCLUSIONI GLI ESITI... 63

5

6

7

8 Il progetto LIVING, promosso dal Comune di Prato e sviluppato in partenariato con one e la coesione sociale, in rete e in sinergia con altre realtà del territorio che lavorano condividendo gli stessi obiettivi. i dati per fa capire la situazione specifica della città di Prato, la quale al 31 dicembre 2010 registrava una popolazione straniera residente pari al 15,1 %, ossia cittadini stranieri su un totale di cittadini, senza contare i soggiornanti clandestini. Il progetto ha visto mettere in campo numerose azioni, come ad esempio la realizzazione di corsi di lingua e cittadinanza attiva (educazione civica, diritti e doveri del cittadino, ecc.) sia per adulti che per bambini stranieri, laboratori di recupero e sostegno scolastico, campi estivi, sostegno alla genitorialità, laboratori musicali, ecc. c generazioni, in quanto cittadini del futuro, ed è per questo che ritiene fondamentale oggi sia possibile ignorare, si tratta di un fenomeno che va governato con lungimiranza che il Comune di Prato porta avanti da tempo numerosi interventi mirati alla sia attraverso azioni di sistema che attraverso progetti specifici rivolti ai migranti. Il successo del progetto LIVING, che ha visto coinvolti circa cittadini stranieri (più del 6% del totale dei cittadini stranieri presenti nella città), con una forte maggioranza di giovani e bambini, evidenzia il ruolo di Prato come laboratorio nazionale di integrazione. Assessore ai rapporti con l'unione Europea, alle relazioni con il pubblico e alle politiche d'integrazione Giorgio Silli

9

10

11

12 1 Lingua e Intercultura per la Valorizzazione e l Integrazione delle Nuove Generazioni (L.I.V.I.N.G.) 1.1 I bisogni I processi globali hanno imposto negli ultimi anni al territorio pratese di confrontarsi con un fenomeno complesso e imprevedibile per i suoi sviluppi futuri, nte di persone extracomunitarie e mettendo in evidenza due grandi specificità: 1. Quantitativa: con la presenza massiccia di stranieri residenti (12,7%.), prevalentemente concentrati nel capoluogo (85%), che ha una percentuale di oltre il 14% di residenti ed un numero considerevole di soggiornanti ed irregolari non censiti. 2. Qualitativa: laddove oltre il 40,6% del totale dei residenti è di origine cinese ed il restante 60% caratterizzato dalla compresenza - unica in Italia - di più di cento gruppi etnici differenti. 7 1 I riferimenti sulla popolazione provinciale hanno come fonte di rilevazione la Provincia di Prato. I riferimenti sula popolazione scolastica provengono dalla pubblicazione a cura La scuola pratese: rapporto

13 8-17 anni), 71,8% (18-64 anni), 1,7% (65 e oltre) e mettendo in evidenza una popolazione in età A Prato, in proporzione, si contano più bambini e giovani che nelle altre province toscane: la classe di età 0-17 anni costituisce infatti il 16.71% della popolazione totale. I giovani stranieri insistenti nella stessa fascia di età corrispondono a poco oltre il 4% sul totale dei residenti. stati complessivamente Di questi, risultavano iscritti alla scuola grado e alla scuola secondaria di secondo grado. del 12,3% nella scuola primar registra un effetto-rialzo sulla fecondità complessiva, con il determinante contributo delle donne migranti), del 10,8% nella scuola secondaria di primo grado e del 6,7% nella scuola secondaria di secondo grado (la riduzione dei contingenti di Per quanto riguarda la presenza di alunni stranieri,, n appena concluso si contavano alunni di cittadinanza non italiana, pari al 18,5 popolazione scolastica. I dati del Ministero della Pubblica Istruzione collocano Prato al secondo posto dopo Mantova tra le province italiane come proporzione di studenti stranieri sul totale della popolazione scolastica. I cinesi rappresentano da soli il 44,1% degli alunni stranieri; seguono albanesi (21,2%), rumeni (7,6%), marocchini (6,6%) e pakistani (4,7%), quindi nigeriani, bengalesi, peruviani, tunisini, filippini, ivoriani ed ucraini. Gli stranieri si sono concentrati soprattutto nella scuola primaria (38,2% del totale degli alunni stranieri) e secondaria di I grado (24,7%); in misura relativamente (17,7%). di ripetenza, ritardo, abbandono e insuccesso scolastico, evidenzia le difficoltà degli alunni stranieri ad di ingressi di giovani stranieri ad anno scolastico già avviato in seguito ai ricongiungimenti familiari, ha come conseguenza immediata una vera e propria emergenza lingua intervento strutturato.

14 1.1.2 La questione migratoria a Prato rimane costantemente aperta, non solo per la rapidità con cui il fenomeno sta evolvendo nelle sue variegate componenti, ma anche per le articolazioni che lo stesso esprime su una vasta scala. Cominciata all'inizio degli anni '90, la presenza extracomunitaria a Prato è rapidamente cresciuta, non solo per l'incremento dell'immigrazione (proveniente sia dai paesi d'origine che da altre aree italiane o europee di precedente insediamento), ma anche per le tante nascite avvenute nel comune con il rapido avanzare dei processi di stabilizzazione degli immigrati. divenuta una delle più numerose in Italia, si è affiancata, nella seconda metà del decennio, l'emergere, prima, di consistenti gruppi di cittadini albanesi e Contemporaneamente sono aumentati gli arrivi di immigrati originari di altre aree del mondo che non hanno dato luogo, però, al formarsi finora di altri raggruppamenti di pari consistenza. diversità ben più profonde, di tipo culturale, sociale, economico, che rendono la possibilità di dialogo tra queste due comunità difficili. Per superare queste problematicità occorrerebbero obiettivi di ampio respiro che,, portasse condivisi discriminazione, la solidarietà, i principi democratici e il ruolo della legge. In Italia tendenzialmente le politiche sociali nei confronti dell sono declinate nel passaggio da un modello assimilativo (o negazione delle differenze attraverso cui la società ospitante mira ad assorbire la diversità al fine di conformarla alla cultura dominante) ad un modello di scambio interculturale entro cui assume rilievo il mutuo riconoscimento delle diverse culture in un continuo scambio e arricchimento reciproco. Naturalmente lo scambio può comportamenti e pratiche sociali coerenti della comunità ospitante e di quella ospitata evitando la chiusura o lo scontro diretto. In parallelo e in tendenza con le politiche comunitarie, dagli anni Settanta ad oggi ioni: dalla scolarizzazione dei figli di immigrati inseriti nel mercato del lavoro 9

15 10 La presenza di bambini, di giovani, in qualunque processo migratorio, è un forte elemento di stabilità. I figli solitamente arrivano quando i grandi hanno deciso di vivere stabilmente nel nuovo paese. Si può quindi dire che i minori rendono più fluide le relazioni con i nativi, ma interrogano in profondità i servizi e i loro grato solo e normalmente giovane e sano può le famiglie usufruiscono dei servizi educativi, sanitari, sociali, di tempo libero e sovente li mettono in discussione o comunque rendono visibile la loro presenza con tutte le caratteristiche di diversità ed evidenziano il limite dei servizi verso i nuovi cittadini. Dal punto di vista prettamente sociale, mentre i genitori di questi ragazzi mantengono un forte legame identitario anche se cambiano esternamente il modo di vivere, di vestirsi, di parlare, di mangiare, restano comunque in loro gli ancoraggi più profondi: il senso della vita, della morte, della famiglia, i rapporti tra le generazioni, tra i sessi, il valore del denaro. Dal punto di vista prettamente sociale, mentre i genitori di questi ragazzi modo di vivere, di vestirsi, di parlare, di mangiare, restano comunque in loro gli ancoraggi più profondi: il senso della vita, della morte, della famiglia, i rapporti tra le generazioni, tra i sessi, il valore del denaro. I figli, invece, devono coniugare dentro di sé messaggi e richieste differenti. Il compito assegnato alla seconda generazione è quindi arduo e il successo è nelle mani della prima generazione e di chi nella società ospitante ha compiti educativi che non devono forzare a scelte obbligate di fedeltà. molti casi si è rivelato problematico, in particolare si evidenziano atteggiamenti a rischio che possono condurre i ragazzi a scelte: - di totale assimilazione di insicurezza e sensazioni di fallimento; - di fondamentalismo, di autoemarginazione per cui formano ghetto con il proprio gruppo; - di militantismo politico per riabilitare i propri genitori, la propria gente immigrata; - di atteggiamento marginale sia verso il proprio gruppo sia verso la vviamente sintomo di forte disagio e spesso è il risultato di profonde sconfitte e frustrazioni e porta a reazioni aggressive, intolleranti e a volte violente.

16 La prospettiva verso la quale tendere e su cui lavorare nei vari ambiti educativi (famiglia, scuola, privato sociale, ecc.) è la costruzione di identità forti ed elastiche, disposte, a partire da situazioni di vita e storie diverse, a progettare un futuro comune. Scegliere la prospettiva di integrazione multiculturale significa, dunque, perseguire una strategia di integrazione degli immigrati così da superare la folklorizzazione, i pregiudizi e gli stereotipi e promuovere il confronto e il dialogo. 1.2 Gli obiettivi e le azioni egico dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con non resti sulla carta, la società tutta deve essere, o cominciare ad essere, una comunità educante competenze che li rendano in grado di partecipare in un modo efficace e costruttivo nella vita lavorativa e sociale del contesto in cui risiedono. Tuttavia, affinché i neo-cittadini riescano ad acquisire efficacemente saperi è indispensabile perseguire un preventivo o parallelo miglioramento della loro dimestichezza con il sistema linguistico italiano a cominciare dal loro inserimento nel sistema istruzione. A Prato, ad esempio, si osserva che una percentuale minima degli studenti stranieri iscritti al primo anno della scuola secondaria di secondo grado riesce a conseguire il diploma. Se il dato è influenzato dalle caratteristiche del mercato locale del lavoro e dalla particolare strutturazione della comunità cinese che pone la formazione su un piano strettamente funzionale di adempimento ad un obbligo di legge, assolto il contingente con la presenza di una continua alternanza tra scuola e lavoro che non un curriculo formativo debole pone le nuove generazioni ai margini degli sviluppi sociali ed economici a cui è sottoposto il distretto pratese. 11

17 partendo dal coinvolgimento della scuola materna accompagni i giovani fino al Il progetto, dunque, perseguendo le finalità del programma FEI 2009, priorità specifiche 2e 5 si è concentrato nella realizzazione di interventi rivolti a minori e giovani stranieri inseriti nel circuito scolastico e formativo, per sostenerli nel loro processo di crescita personale ed integrazione sociale, fronteggiando gli ostacoli che potrebbero portare a fenomeni di disagio, di esclusione e di svantaggio sociale. In base a tale finalità gli obiettivi operativi previsti sono stati i seguenti: 1- miglie; 2- di favorire 3-4- Creare momenti ludici di scambio tra ragazzi nativi e migranti Azioni ed attività Gli obiettivi operativi sono stati tradotti in macro-azioni e queste in attività di dettaglio come riportato di seguito: AZIONE A TITOLO AZIONE Start up e attività trasversali AZIONE B Orientamento e inserimento scolastico AZIONE C Recupero e sviluppo di competenze linguistiche e meta linguistiche AZIONE D Sostegno alla genitorialità ATTIVITÀ 1- Costituzione della Direzione di Progetto. 2- Realizzazione e traduzione strumenti; Progettazione e pianificazione materiali e obiettivi didattico-formativi. 3- Monitoraggio e valutazione del progetto. 1- Due laboratori intensivi di orientamento rivolti a bambini e ragazzi neo arrivati. 2- Due corsi intensivi di lingua italiana e cittadinanza attiva rivolti ai genitori dei bambini iscritti ai corsi. 1- Diciotto corsi estivi di lingua italiana e cittadinanza attiva rivolti a minori, dai 6 ai 16 anni 2- Laboratorio accoglienza, alfabetizzazione linguistica e cittadinanza attiva rivolto ai genitori dei bambini che frequentano il primo ciclo della scuola primaria e iscritti ai corsi. 1- Creazione di un archivio di modulistica in lingua.

18 AZIONE E TITOLO AZIONE comunicazioni - scuola famiglia e gestione arrivi in corso danno Attività estiva ludico ricreativa AZIONE F Recupero scolastico, alfabetizzazione, socializzazione AZIONE G Integrazione e socializzazione nella scuola primaria attraverso musicale AZIONE H Integrazione e socializzazione attraverso la pratica sportiva AZIONE I Formazione alla mediazione culturale AZIONE J Disseminazione 1- Report finale. 2- Convegno finale. ATTIVITÀ 2- Accoglienza e orientamento per minori e famiglie con presenza di mediatori. 3- Ricevimenti generali e consegna schede di valutazione con la partecipazione di mediatori linguistici. 4- Mediazione culturale su richiesta. 1- Campo estivo residenziale rivolto a ragazzi/e nativi e migranti. 2- Attività sportive informali nei giardini pubblici della città. 1- Sostegno extrascolastico per i bambini e ragazzi con difficoltà di apprendimento e di gestione e organizzazione dello studio. 1- Attività musicale a carattere interculturale rivolta alle classi 3, 4 e 5 della Scuola Primaria. 1- Torneo di calcio a 5 a carattere multietnico rivolto a ragazzi delle scuole secondarie. 1- Corso di formazione per operatori e mediatori linguistici I risultati attesi In fase ex ante le seguenti criticità Punti di debolezza interni formativo dei giovani immigrati Limitata aggregazione tra culture diverse / integrazione degli extracomunitari e valorizzazione degli individui Minacce esterne Difficoltà strutturali e complessità sociale Condizionamento socioculturale

19 14 Il progetto si è dunque mosso attuando tre linee di intervento aderendo alle co immigrati e cittadini e invita le società ospitanti a creare occasioni di stimolo affinché cittadini stranieri e italiani possano sviluppare la conoscenza reciproca e un terreno di co 1- attività di inserimento, accoglienza, alfabetizzazione e miglioramento delle competenze linguistiche dei minori stranieri e delle loro famiglie (Azioni A, B, C, D, F); 2- Attività extrascolastiche inerenti ai linguaggi non verbali e finalizzate attraverso la musica, lo sport e la partecipazione congiunta nelle attività ludico-ricreative estive (Azioni E, G, H); 3- attività di promozione alla partecipazione attiva alla vita culturale della comunità cittadina (Azione E). porre le basi per una positiva immissione dei minori nella scuola e rafforzare le competenze chiave necessarie per Per realizzare gli obiettivi di un modello di impostazione olistico che ha tessuto tutti gli aspetti della e doveri. funzione di promotori nella quale normalmente agiscono ed attivare nuovi percorsi di cittadinanza e di partecipazione. Per valutare gli esiti di una tale impostazione sono stati individuati 3 indicatori dei sub-indicatori come mostrato nello schema seguente:

20 N di interventi attivati N di immigrati che beneficiano dei corsi Realizzazione Risultato % di immigrati che hanno con esito positivo % di immigrati che hanno raggiunto una frequenza Incremento delle occasioni di scambio culturale Impatto Sinteticamente, i risultati attesi, considerata la particolarità del flusso migratorio pratese, sono stati basati nello sradicare o, quanto meno, disposizione dalle Amministrazioni locali (provinciali e comunali). Gli stranieri - ed i cinesi in particolar modo - vizi che risultano essenziali alla loro permanenza, ma difficilmente sviluppano attraverso di essi comunità, senso di appartenenza. provinciale sono frequentati pressoché esclu inziale per infrangere il senso di estraneità o, funzionalmente, per utilizzarlo come chiave di apertura alla cittadinanza autoctona, se non come asta per superare il muro di diffidenza che circonda. Incremento delle significato ben preciso: interazione, convivenza civile, integrazione Il stranieri e per lo sviluppo interculturale del territorio pratese Il progetto LIVING, promosso dal Comune di Prato - Servizio Immigrazione e Cittadinanza si inserisce in una rete territoriale già strutturata che raggruppa tutti i soggetti coinvolti

21 16 partecipa attivamente e organizzativamente al Protocollo di Intesa per sviluppo interculturale del territorio pratese stipulato a Prato in data 23 aprile 2007 e rinnovato nel Tale protocollo riunisce tutti i soggetti istituzionali coinvolti nel processo di accoglienza degli alunni migranti a scuola (Comune, Provincia, tutte le scuole primarie e di raccordo fra questi e di fornire al tempo stesso delle risposte integrate e calibrate sulle esigenze specifiche delle singole realtà scolastiche. L obiettivo è di garantire l accesso all istruzione agli alunni migranti e la Tra le priorità del protocollo vi è quello di garantire il pieno rispetto del diritto all istruzione attraverso la collaborazione tra tutti i soggetti che operano sul territorio in ambito scolastico-educativo, la progettazione integrata degli interventi nelle scuole (in modo da assicurare azioni omogenee e condivise), la ricerca di nuove strategie di inserimento e percorsi di educazione alle differenze, una migliore gestione delle risorse umane, tecnologiche e finanziarie. Il Comune di Prato ha la presidenza della Commissione Tecnico-Scientifica ed è responsabile della segreteria organizzativa della Commissione Tecnico- Scientifica nonché del coordinamento delle attività ad esso relative e svolte negli Istituti scolastici presenti sul territorio comunale. Il progetto cerca di rispondere ai bisogni individuati sotto diversi profili: la valenza del partenariato, come modellizzazione e scambio di esperienze; 1.5 Il partenariato Il Comune di Prato, attraverso il Servizio Immigrazione e Pari Opportunità, in base alle azioni strumentali agli obiettivi, ha coinvolto e coordinato le organizzazioni che sono confluite nel progetto sviluppando i processi di partenariato locale, le risorse impegnate e il ruolo di ogni partecipante. Gerarchicamente il partenariato è stato strutturato con il Comune di Prato a capofila di una cordata composta come nello schema sottostante:

22 Comune di Prato Associazione Cieli Aperti ONLUS Ass.Sportiva Polisportiva Il Sogno Consorzio Metropoli Società Filarmonica P. Mascagni I quattro partner hanno natura giuridica, dimensioni e settori di attività molto differenziate tra loro CONSORZIO METROPOLI SCS ONLUS Gestisce i servizi di mediazione linguistica, culturale e sanitaria ed è titolare dei corsi di alfabetizzazione estivi di italiano L2 ASSOCIAZIONE CIELI APERTI ONLUS occupa di educazione, legalità, intercultura, formazione e lavoro realizzando i propri obiettivi attraverso progetti di recupero scolastico, percorsi di sostegno educativo e di socializzazione per minori con vari tipi di disagio collaborando con A.S.L. e servizi sociali ASOCIAZIONE POLISPORTIVA IL SOGNO sportive-associative presenti sul territorio e valorizzando il ruolo dello sport come strumento di aggregazione e inclusione sociale 17 FILARMONICA PIETRO MASCAGNI Ha come finalità sociale di utilizzare il carattere universale del linguaggio musicale e il potere aggregativo del repertorio e metodo bandistico per attuare tra i giovanissimi didattica attiva A collegare le attività erogate dal team di progetto è stata attivata la collaborazione con la Biblioteca Comunale Lazzerini 2 che da anni coordina e realizza spazi di formazione rivolti ai migranti e che dal 2003 è stata costituita Polo regionale di documentazione interculturale, sulla base di una convenzione tra Regione e Comune di Prato. 2 La Lazzerini, come amichevolmente i pratesi chiamano la Biblioteca, ha progettato ed erogato il piano di formazione rivolto ad operatori e mediatori linguistico-culturali che sono ogetto stesso.

23 1.5.1 rganizzazione del team di progetto Da un punto di vista strettamente organizzativo, LIVING si è dotato di una struttura snella basata su una Direzione di Progetto nominata dai Parternariato Direzione di Progetto Direttore Progetto Coordinatore Esperto monitoraggio e valutazione Addetto amministrazione e rendicontazione Addetto servizi segreteria presidenti di tutti gli enti inclusi nel partenariato in accordo con il Responsabile del Servizio Immigrazione e Cittadinanza del Comune di Prato e composta da un Direttore di progetto e da un Referente del Comune di Prato. 18 Direttore e Referente, per il disbrigo degli aspetti economico-organizzativi, sono stati affiancati da un rendicontazione e da un Addetto ai servizi di segreteria. Per gli aspetti tecnico-didattico-organizzativi la Direzione ha avuto il supporto di un Coordinatore il quale ha curato la programmazione delle attività nonché i rapporti con le risorse professionali messe a disposizione del progetto dai partner e da un esperto in monitoraggio e valutazione. Pe quanto riguarda le funzioni, alla Direzione di Progetto nel suo insieme è stata attribuita la mansione di: - Curare i rapporti con la stazione appaltante e con il partenariato; - Affidare gli incarichi alle risorse umane; - Supervisionare - Autorizzare le spese e supervisionare il monitoraggio amministrativo del progetto; Se per motivi organizzativi interni alla municipalità, la Direzione ha visto al suo interno quasi esclusivamente personale proveniente dal partenariato, il Comune di Prato, in quanto capofila, si è assicurata la presenza di un Referente che ha concorso andamento delle azioni e delle attività progettuali sia dal punto di vista delle attività didattico-formative che dal punto di vista gestionale e amministrativo concorrendo con il Coordinatore organizzativo a: gestire i rapporti con le scuole del territorio; approvare la programmazione didattica e delle attività progettuali;

24 Il team della Direzione ha svolto mansioni manageriali e valutative Esperto monitoraggio e valutazione Programmazione ed erogazione monitoraggio Redazione report intermedi e finale Coordinatore Coordinamento scuole/attività progetto Coordinamento mediatori culturali Selezione allievi e coordinamento corpo docente Programmazione didattica delle attività Raccolta e organizzazione materiale e documentazione prodotti E mansioni organizzativo-amministrative Controllo e verifica fasi di erogazione e attuazione del progetto Selezione risorse umane Valutazione e autorizzazione acquisto materiali e strumentazioni Controllo e verifica amministrativi Direzione di Progetto 19 Addetto segreteria Supporto redazione materiale informativo, organizzazione attività, raccolta e archiviazione materiale didattico e valutativo dei corsi, raccolta e archiviazione documentazione amministrativa Supporto amministrazione budget e rendicontazione spese Esperto rendicont azione Valutazione e Amministrazione Direttore e Coordinatore

25 1.6 Le procedure di gestione e controllo Da un punto di vista procedurale LIVING si è dotato di un complesso di processi e verifiche mutuato dal Sistema di Gestione della Qualità della Cooperativa Pane&Rose che ha erogato parte delle attività come associata del Consorzio Metropoli partner del progetto e sintetizzati nello schema seguente: 20 Per quanto riguarda la documentazione di progetto, la Direzione ha avuto la responsabilità di definire un cruscotto di sistema comprensivo di strumenti di pianificazione e monitoraggio tesi a definire procedure operative che hanno costituito un vero e proprio codice regolamentativo interno. ha monitorato tutte le attività svolte redigendo i report sulla conformità delle azioni rispetto a quanto progettato ed assegnato a ciascuna organizzazione e risorsa del partenariato. Docenti, Mediatori ed Operatori hanno svolto test di verifica redigendo schede di valutazione dei partecipanti, il registro di classe o il registro delle presenze in caso di attività non meramente formative. Il coordinatore ha operato un esame quali-quantitativo dei dati di cui è venuto in possesso redigendo un report in base alle schede di customer satisfaction e predisponendo In caso di iter regolare la base di dati aggregata e analizzata è confluita alla Direzione di

26 In caso di irregolarità e/o non conformità il Coordinatore ha rinviato alla risorsa Invece, per quanto concerne la gestione della rendicontazione delle spese, la Direzione di Progetto ha svolto un esame dei costi e dei preventivi in fase iniziale ed un controllo finale sulla documentazione a supporto delle spese sostenute. Il Coordinatore è stato responsabile della comunicazione di avvio delle attività, del preventivo di dettaglio delle spese, della redazione delle lettere di incarico e della consegna ai formatori e agli operatori dei registri per la verifica delle presenze, della comunicazione di fine corso e della rendicontazione definitiva. ha predisposto ed eseguito documentazione., ha comunicato autorizzazione dei pagamenti. In caso di riscontro di irregolarità alla rendicontazione ha rinviato la documentazione al Coordinatore al fine di rimuovere le irregolarità. 21

27

28

29

30 2 Le attività del progetto, le attività sono state schematizzate in 4 aree che verranno esplose nei paragrafi a seguire. Attività trasversali Mediazione culturale Italiano L2 e Integrazione scolastica Integrazione e socializzazione 25 Start-up Monitoraggio e verifica Formazione per operatori Orientamento e inserimento scolastico Recupero e sviluppo competenze linguistiche Gestione arrivi in corso anno Integrazione e socializzazione attraverso musicale Integrazione e socializzazione attraverso la pratica sportiva Pubblicizzazione e Disseminazione Recupero scolastico Campo estivo residenzaile

31 2.1 Le attività trasversali 26 Con questo termine si indicano comunemente tutte quelle attività necessarie al corretto svolgimento del progetto sia in termini organizzativi che amministrativi e di verifica delle azioni. Si tratta di attività che non si esauriscono in un lasso di tempo determinato, ma seguono previste. Nel caso di LIVING ne sono state previste tre: 1. Start-up: finalizzata alla costruzione del partenariato in termini di obiettivi, risorse e strumenti; 2. Monitoraggio e verifica delle azioni 3 ; 3. Pubblicizzazione degli interventi e disseminazione degli esiti. Il Piano di Comunicazione ha compreso un elenco di singole attività concepite per informare sugli obiettivi del Progetto; divulgare i risultati del progetto e aggiornare sulle diverse attività; raggiungere i destinatari diretti e indiretti delle azioni contenute nel progetto stesso (formatori, esperti dei processi formativi, imprese sociali, decisori politici); incidere culturalmente sui beneficiari (enti di formazione, formatori, allievi). stato necessario distinguere due livelli, come avviene di norma. A livello della comunicazione interna tra i partner sono state definite alcune regole di di una sorta di pratica per codificare e condividere una strategia comune nei rapporti con il territorio e nelle singole azioni di comunicazione. Per quanto riguarda la comunicazione esterna è stata garantita attraverso le azioni e i prodotti elencati nella tabella seguente: ATTIVITÀ TARGET OBIETTIVO Opuscoli, volantini ed Partner Promozione e altro materiale Reti stakeholder comunicazione sociale a pubblicitario Destinatari diretti e sostegno del progetto. indiretti Informazione destinatari potenziali. Report finale Partenariato Diffusione dei risultati Enti locali Agenzie formative Incontro di Opinione pubblica Resoconto e valore aggiunto disseminazione finale del progetto 3

32 2.2 La mediazione culturale 4 integrazione efficaci per raggiungere e coinvolgere i giovani immigrati e favorire la un corso di formazione rivolto ad operatori e mediatori sulle tematiche della multiculturalità. Network della Cooperazione Sociale Toscana, ha coinvolto 19 allievi di cui 9 extracomunitari. 2.3 ntegrazione scolastica dei beneficiari TITOLO AZIONE Orientamento e inserimento scolastico Recupero e sviluppo di competenze linguistiche e meta linguistiche ATTIVITÀ 2 laboratori intensivi di orientamento (40 ore ciascuno) finalizzati a fornire elementi di lingua italiana (con particolare riferimento al contesto scuola) di orientamento e socializzazione, rivolti a bambini e ragazzi neo arrivati. 2 Corsi intensivi di lingua italiana e cittadinanza attiva (80 ore ciascuno) rivolti ai genitori dei bambini iscritti ai corsi (livello A1). Due corsi estivi di lingua italiana e cittadinanza attiva (80 ore ciascuno) rivolti a minori, dai 6 ai 16 anni. Ogni percorso ha previsto obiettivi linguistico lessicali e comunicativi, elementi di cittadinanza attiva (la Costituzione, il sistema Paese, il sistema scolastico, ambiente, Europea..) e orientamento sul ORGANIZZAZIONE EROGANTE Consorzio Metropoli attraverso la cooperativa associata Pane&Rose Consorzio Metropoli attraverso la cooperativa associata Pane&Rose Consorzio Pegaso 27 4 La Biblioteca Lazzerini dispone di una vasta filmografia in italiano e in lingua

33 28 Sostegno alla genitorialità comunicazioni - scuola famiglia e gestione arrivi in corso danno Recupero scolastico, alfabetizzazione, socializzazione territorio attraverso visite guidate. Un laboratorio accoglienza, alfabetizzazione linguistica e cittadinanza attiva per adulti. Corsi lingua italiana di 80 h Microcorsi di lingua italiana per bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado. Classi di accoglienza: sostegno linguistico per arrivi in corso della scuola primaria e secondaria di primo grado del Comune di Prato. Le classi di accoglienza, dietro accordo del Ministero, di fatto hanno sostituito parte dei corsi estivi che per motivi di tempistica non erano più adeguati allo scopo prefisso in fase di progettazione Accoglienza e orientamento per minori e famiglie attraverso incontri con i genitori ad inizio anno con presenza di mediatori. Mediazione culturale su richiesta dei docenti in caso di situazioni problematiche. 1. Attività per i bambini della Scuola Primaria e ai ragazzi della Scuola Secondaria di I e II grado con difficoltà di apprendimento e di gestione e organizzazione dello studio. Consorzio attraverso cooperativa Pane&Rose Associazione Aperti Metropoli la associata Cieli 2.4 Le attività di integrazione e socializzazione TITOLO AZIONE Attività estiva ludico ricreativa ATTIVITÀ 1. Campo estivo residenziale rivolto a ragazzi/e nativi e migranti finalizzato alla socializzazione e allo scambio interculturale. ORGANIZZAZIONE EROGANTE Consorzio Metropoli attraverso la cooperativa associata Pane&Rose

34 Integrazione e socializzazione nella scuola primaria attraverso musicale Integrazione e socializzazione attraverso la pratica sportiva 2. Attività sportive informali guidate da operatori specializzati svolte nei giardini pubblici della città con particolare attenzione ai luoghi di ritrovo dei migranti. 1. Attività musicale a carattere interculturale rivolta alle classi 3, 4 e 5 della Scuola Primaria. 1. Torneo di calcio a 5 a carattere multietnico rivolto a ragazzi delle scuole secondarie. Consorzio Metropoli attraverso le cooperative associate Pane&Rose e Alice Filarmonica P. Mascagni Associazione Il Sogno 29

35 3 Le metodologie didattiche ed cittadinanza attiva 30 Sviluppare le competenze della cittadinanza, cioè sviluppare responsabilità, partecipazione e cittadinanza attiva per accrescere il benessere nella comunità, non è un compito facile risulta difficile decidere dove e come intervenire. Per prima cosa, la società tutta deve essere, o cominciare ad essere, una comunità educante piano umano e culturale. Il compito di ogni istituzione educativa è di perseguire formare cittadini e cittadine futuri, che possano identificare e sviluppare le competenze che li renderanno in grado di partecipare in un modo efficace e costruttivo nella vita lavorativa e sociale delle società sempre più diversificate. Il cammino compiuto dalla nostra società, in ambito nazionale e internazionale, ha posto negli ultimi decenni il problema di pensare ai valori civici e sociali in orizzonti più vasti di quelli con cui sono state educate le generazioni precedenti dei problemi, delle interdipendenze, delle culture, delle conoscenze e dei diritti umani, ma anche particolarismo, della delinquenza organizzata, delle possibili catastrofi non solo ambientali, richiede un notevole sforzo di conoscenza, di comprensione, di impegno critico, e anche di sopportazione del peso di una convivenza che appare per più aspetti problematica, dal livello locale al livello mondiale.

36 E la presenza nelle nostre classi di ragazzi che provengono da diversi paesi, con diverse lingue, culture, religioni e tradizioni, pone il problema di costruire itinerari formativi che valorizzino il dialogo e il confronto fra i modi diversi con cui in diversi paesi vengono adottati costumi ed elaborate costituzioni e norme non sempre compatibili con le nostre. Le scelte compiute dalla Costituzione italiana, in armonia con la Carta europea e con la dottrina internazionale dei diritti umani, costituiscono non solo un fattore identitario per il nostro popolo, ma anche un fattore di apertura per chiunque sui diritti di tutti e un impegno di lotta nei riguardi delle discriminazioni e delle prevaricazioni. 5 Chiaramente nessuna istituzione può agire da sola, ma deve, necessariamente rivolgersi ed aprirsi al territorio; cooperare e lavorare con altre organizzazioni e creare collegamenti con altri settori della società in modo da creare le condizioni nelle quali gli immigrati possano diventare realmente cittadini attivi. Ma, affinché i neo-cittadini riescano ad acquisire efficacemente saperi è indispensabile perseguire un preventivo o parallelo miglioramento della loro dimestichezza con il sistema linguistico italiano. Non si devono solo superare le difficoltà intrinseche di ogni processo formativo, derivanti dal dover affrontare testi anche di elevata difficoltà in diversi ambiti settoriali. Ma si devono trovare le chiavi di immigrati residenti sono già immersi da tempo e con la quale quelli futuri devono presto co quotidiana, apparentemente semplice, ma caratterizzata dai maggiori scarti culturali, ai testi ufficiali della pubblica amministrazione che ancora oggi rappresentano anche per gli italiani stessi dei veri dedali verbali. Un universo di significati che dà senso alla nuova cittadinanza e che può essere percepito, e di conseguenza apprezzato, in primo luogo attraverso 31 5,,del 4 marzo 2009.

37 4 Documentazione fotografica delle attività 32 classi di accoglienza

38 classi di accoglienza 33 Corso di Italiano

39 Corso di formazione per operatori e mediatori 34 Sport ai giardini

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Gli immigrati. nella città di Napoli

Gli immigrati. nella città di Napoli CENTRO DI CITTADINANZA SOCIALE PER IMMIGRATI Comune di Napoli 92 Servizio Gruppi di Lavoro Pluritematici sull Immigrazione Coop. Sociale Dedalus G.C. di Napoli n. 4066 del 7/12/2000 e n. 131 del 16/01/2002

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli